Parte Seconda: Dal Regno dei Sardi al Dominio Spagnolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte Seconda: Dal Regno dei Sardi al Dominio Spagnolo"

Transcript

1 Parte Seconda: Dal Regno dei Sardi al Dominio Spagnolo Mariano IV d Arborea era riuscito, durante il suo mandato nel XIV secolo, a unire tutti i sardi sotto un'unica bandiera, e ad unificare così l isola. Liberò la Sardegna dall'occupazione dei catalano-aragonesi e continuò a lottare non per la propria casata, ma per l intero popolo sardo. In quel periodo il concetto di comunità sarda sovrana è ben chiaro a tutti i sardi, e lo Iudike era rispettato come un vero e proprio sovrano: Mariano, nonostante non avesse ottenuto il riconoscimento ufficiale da parte di Papa Urbano V, si faceva chiamare Re di Sardegna, ed era conosciuto anche in ambito internazionale come Re dei Sardi. Quello stemma che in origine identificava la casata degli Arbarèe si diffuse su tutta l isola e si ritrova ancora oggi, con diverse fogge, disseminato su tutto il territorio sardo. Da questo momento si utilizzano, conferendogli lo stesso significato, sia il termine di Iudike che quello di Re, sia quello di Giudicato che quello di Regno. L esercito sardo, guidato dall abile condottiero Mariano IV sotto la bandiera con l albero verde in campo bianco, rimase sempre imbattuto. Eleonora I D'Arborea, Regina di Sardegna Il patrimonio diplomatico messo in piedi da Mariano IV permise ai Bas-Serra di stringere l isola sotto un unica bandiera; ma la rete di relazioni europee costruita con tanto impegno, venne accantonata dal più istintivo figlio Ugone III d'arborea che nel 1374, alla morte del padre, prese le redini del regno. La politica di Ugone gli procurò non pochi nemici e fu la causa delle grandi critiche che gli venivano rivolte da parte della sua stessa casata. Per ragioni non del tutto chiarite, nel 1383 venne posto fine al suo breve governo: Ugone venne trovato morto, trucidato assieme alla figlia. Sarà sua sorella, Eleonora d'arborea, la nuova guida della Sardegna.

2 Inizialmente l'opera della nuova Regina si concentrò nella riappacificazione interna del regno: grande era il fermento popolare, perché da una parte le forze sociali tradizionali chiedevano la pace, e dall'altra i ceti urbani emergenti chiedevano la liberazione dall'invasore aragonese. A fare da intermediario per la ripresa delle trattative con la monarchia iberica fu Brancaleone Doria, marito di Eleonora. In un primo momento, il Re spagnolo Pietro IV il Cerimonioso lo accolse con tutti gli onori del caso, ritenendo tale visita un primo atto di sottomissione. Successivamente, venuto a conoscenza della grande popolarità di cui godeva la nuova Regina, decise di trattenerlo come ostaggio chiedendo, in cambio della sua liberazione, la cessione di vaste aree della Sardegna. Nel 1384 Eleonora, ritenendo che non vi fosse sardo capace di accettare una dominazione Aragonese, dichiarò guerra alla Corona spagnola. La posizione di forza dei sardi era evidente e neppure il tentativo di eliminarne fisicamente la guida con una congiura andò a buon fine (i congiurati vennero scoperti per tempo e giustiziati). Agli aragonesi non restava che trattare la pace. Nel 1387, alla morte di Pietro IV, salirà sul trono il figlio Giovanni I il Cacciatore, che porterà a termine le trattative di pace. Nella definizione del trattato ebbero particolare rilevanza gli accordi stipulati tra Genova e la Corona spagnola, nonché il rischio per la Sardegna di un isolamento internazionale. Questa particolare circostanza permise a Giovanni I di ottenere la concessione di importanti feudi nel Logudoro e nella Gallura, in cambio della scarcerazione di Brancaleone Doria (avvenuta nel 1388). Questo fu senz'altro un risultato positivo per la Corona, ma ben presto la politica seguita da Eleonora avrebbe dato un nuovo scossone agli assetti dell'isola: sarà proprio Brancaleone a guidare gli eserciti sardi in una guerra lampo che permetterà di riprendere il controllo sui territori precedentemente occupati, ribaltando nuovamente la situazione.

3 E' del 1392 una lettera (datata Sanluri, 3 febbraio 1392) in cui Brancaleone Doria scriveva alla moglie in ydioma sardisco e raccontava come, per riportare il regno all assetto precedente l iniqua pace del 1388, mancasse solo la riconquista di Longosardo, l'attuale Santa Teresa di Gallura; la città gallurese, ancora in mano catalano-aragonese, era però compensata dall'occupazione arborense di Guardiagioiosa (nei pressi dell'attuale Villamassargia). I sardi riprendevano dunque il controllo di tutta l'isola, e gli Aragona si trovavano stretti nei due castelli di Cagliari e Alghero. E' sempre nel 1392 che Eleonora, per la giustizia e la libertà del popolo sardo, emanava la Carta de Logu, un codice delle leggi dello stato, che poneva ordine a tutta la legislazione precedente. Appena 16 anni dopo la promulgazione della Carta da parte di Mariano IV d'arborea (Juyghi Mariani Padri Nostru, come scriveva Eleonora) era la Juyghissa Elionora d'arbarè, Regina di Sardegna, ad aggiornare il codice delle leggi giudicali per il bene della Repubblica Sardisca. Già nel Proemio [della Carta de Logu] sono espressi i principi fondamentali, organici ed avanzati rispetto alla legislazione coeva del Continente, secondo i quali lo sviluppo di un paese dipende dalla buona giustizia, la quale a sua volta deve basarsi sulla indispensabilità di buone leggi, le uniche capaci di tenere a freno i malvagi. [ ] le pene previste erano pecuniarie e solo nel caso di mancato pagamento subentravano la mutilazione, la fustigazione, la berlina o il marchio in rapporto alla gravità della colpa. Infine, solo per casi gravissimi era comminata la pena di morte, mentre il carcere serviva solo per la custodia preventiva mai come pena. [ ] gli Aragonesi avrebbero esteso a tutta l'isola [ ] la Carta de Logu, e vi sarebbe rimasta anche in epoca sabauda, fino al 1827, quando fu promulgato il Codice di Carlo Felice. Una lunga durata, dunque, una incontestabile prova che da sola dimostra il particolare valore della Carta de Logu, ossia quanto essa fosse avveniristica rispetto al ferreo Medioevo. Leopoldo Ortu, Storia della Sardegna, pag. 52 Giovanni I, impegnato su più fronti per venire a capo della situazione creatasi sull'isola che lo vedeva in una posizione di netta inferiorità, decise di affidarsi alla diplomazia

4 senza ottenere però grandi risultati. La situazione rimarrà pressoché costante anche sotto il regno di Martino I il Vecchio, figlio di Giovanni I e succedutogli nel Martino I, in uno dei suoi viaggi, constatava l'impossibilità, dopo aver soggiornato a Cagliari e ad Alghero, di allestire un esercito in grado di conquistare l'isola: decise allora di limitare il suo intervento al rinforzo delle difese delle due città occupate. Le ostilità si arrestarono temporaneamente per l'arrivo sull'isola di una nuova ondata di peste, che tra le tante vittime colpirà anche Eleonora nel 1404, decretando la fine della secolare casata dei Bas-Serra. Guglielmo III di Narbona e Sa Batalla Con la morte di Eleonora (accompagnata poco tempo dopo da quella del giovane figlio Mariano V) si riapre il discorso della successione del regno. Mariano IV, oltre ad Ugone III ed Eleonora aveva una terza figlia, Beatrice (sposata con il francese Aerigo VI di Narbona) da cui discendeva Guglielmo III, legittimo erede del regno. Guglielmo III, Visconte di Narbona, nonostante detenesse il controllo di gran parte del territorio e godesse in ambito internazionale dell appoggio dei potenti nobili francesi e genovesi, non era visto di buon occhio dai suoi stessi vassalli 1, che a lui (e al marito di Eleonora, Brancaleone Doria) preferivano la figura di Leonardo Cubello, pronipote di Ugone II (appartenente ad un ramo della dinastia Arborense che potremmo definire collaterale ). 1 Coloro cioè che avevano ricevuto dal Giudice l'affidamento di incarichi amministrativi e, contemporaneamente, la gestione di territori, giurando obbedienza e fedeltà.

5 Nel 1408 Martino d'aragona il Giovane (Re di Sicilia ed erede al trono d'aragona poiché primogenito di Martino I d'aragona il Vecchio ) arrivò in Sardegna a capo di un grande esercito. Fu Guglielmo III ad organizzare le difese. Il 6 ottobre 1408 Martino salpò dalla Sicilia con una flotta di 150 navi (comandate da Pietro Torrelles) tra cui 24 galeoni, 10 galee e 15 galeotti, ed altre navi di minor grandezza. L esercito invasore era costituito da fanti e cavalieri e benché fosse numericamente inferiore era però militarmente preparato e molto ben organizzato. I cavalieri provenivano dai diversi territori della Corona (erano principalmente aragonesi, siciliani, valenzani e balearini), erano ben equipaggiati e con cavalli protetti da armatura. Gli aragonesi erano dotati persino di bombarde, giunte a Cagliari dalla Spagna qualche decennio prima. In Sardegna Guglielmo III di Narbona era alla guida di un esercito composto prevalentemente da sardi, circa 20 mila, provenienti da tutta l isola e pronti a sacrificare la vita per difendere la propria terra, supportati da cavalieri francesi, e dalle sopraggiunte truppe pisani e genovesi. Il piano degli aragonesi prevedeva la partizione dell'esercito in tre blocchi: Il primo blocco avrebbe marciato verso il castello di Sanluri dove l'esercito sardo era schierato in loro attesa, il secondo blocco, guidato da Giovanni de Sena, si sarebbe diretto nella direzione di Iglesias, e l'ultimo blocco, al comando di Berengario Carroz, avrebbe marciato verso i territori dell'ogliastra e del Cixerri per la conquista del castello di Quirra. Il 30 Giugno 1409 a Sanluri avvenne una delle battaglie più importanti della storia della Sardegna, ricordata oggi come Sa Batalla de Seddori, o più semplicemente Sa Batalla: sardi combatterono e persero la vita contro l'occupante aragonese in quei luoghi che ancora oggi conservano il nome di su bruncu de sa batalla ( la battaglia campale ) e di su 'Ocidroxu ( il mattatoio ). Si stima che nel 1409 la popolazione della Sardegna si aggirasse attorno alle unità; levando donne, anziani e bambini, e considerando che al tempo l arruolamento era volontario (un banditore passava di villaggio in villaggio per reclutare le leve), potremmo affermare che a quella decisiva battaglia

6 parteciparono tutti i sardi abili, tutti uniti sotto un'unica bandiera e un obiettivo comune: un intero popolo a difesa della propria libertà. Nonostante in un primo momento la battaglia paresse pendere in favore dei sardi, gli ulteriori rinforzi catalani giunti via mare ribaltarono la situazione. Guglielmo III riuscì a mettersi in salvo e si rifugiò in Francia per raccogliere aiuti e allestire un nuovo esercito mentre Martino il Giovane moriva a Cagliari a causa, come vuole la leggenda, delle fatiche d'amore per la bella de Seddori che così volle vendicarsi dell'eccidio di sardi (molto più probabilmente Martino venne colpito dalla malaria). L'assenza di Guglielmo III dalla Sardegna permetterà agli Aragona di trattare unicamente con Leonardo Cubello. Dopo la vittoria, probabilmente inaspettata, Martino il Giovane scrisse al padre Martino il Vecchio per raccontare la storica impresa, vantandosi di aver annientato l esercito del popolo Sardo e di aver strappato dalle mani dei sardi la bandera dels sards, la bandiera con l albero verde in campo bianco/argento, simbolo dei sardi e del loro stato indipendente. nel marzo del 1410 Leonardo Cubello uscì da Oristano infliggendo pesanti sconfitte agli aragonesi. Ma le sorti della battaglia furono rovesciate dal governatore generale Pietro Torrelles che il 29 marzo costrinse alla resa Leonardo e Oristano. Con la stipula del trattato di pace, quello che un tempo fu il Giudicato d'arborea divenne un Marchesato della Corona d'aragona. La morte di Martino il Giovane (che anticipava di poco quella del padre Martino il Vecchio) lasciava la dinastia catalana senza eredi e ne decretava di fatto la fine: con il trattato di Caspe del 1412 la successione della Corona d'aragona va al castigliano Ferdinando I Trastàmara.

7 Guglielmo III d'arborea spostò la sua residenza a Sassari potendo ancora contare, dopo la resa d'oristano, sull'appoggio dei sassaresi; essendo erede sia degli Arborea che dei Doria, il nord Sardegna restava ancora sotto il suo controllo. Con le sue truppe riuscì a conquistare Longosardo e, rinfrancato dalla morte del Governatore Pietro Torrelles, tentò di occupare Alghero ma fallì e accettò di trattare la resa iniziata sotto il sovrano Ferdinando I e conclusa sotto il suo successore, il figlio Alfonso V il Magnanimo. Nella prima metà del XV secolo (ammainata la bandiera con l albero verde per far posto alla stemma della casata dei conquistatori catalani, i quattro mori) la Sardegna, ormai definitivamente occupata, era così suddivisa: Gli eredi dei Narbona controllavano il Logudoro e la Barbagia d'arborea; La nuova dinastia Arborense (i Cubello) controllava il Marchesato d'oristano. L'aristocrazia catalana, che vedeva come massimo esponente Berengario Carroz, divenuto Conte di Quirra, estendeva la sua autorità lungo l'ex Giudicato di Cagliari, parte del Logudoro, della Gallura e dell'arborea, più le città di Alghero e Bosa.

8 1420: il castigliano Alfonso V il Magnanimo È nel gennaio del 1421 che Alfonso V, dopo essere sceso in Sardegna e aver spento alcuni focolari di ribellione (anche i Narbona si erano formalmente arresi: per una cifra di circa fiorini rinunciavano al diritto di successione del Giudicato), istituiva il Parlamento Sardo (a cui potevano partecipare i rappresentanti della nobiltà, del clero e delle città regie, cioè non infeudate) ed estendeva la Carta de Logu alle terre dei feudatari: la Carta promulgata da Eleonora rimarrà in vigore sino al XIX secolo, a dimostrazione della sua validità. Il parlamento era diviso in tre bracci o stamenti: Stamento Militare, costituito dai rappresentanti della feudalità; Stamento Ecclesiastico, costituito dai rappresentanti del clero; Stamento Regio, costituito dai rappresentanti delle città regie, non infeudate. Lo Stamento Militare, espressione dell'aristocrazia feudale, era fortemente influenzato dai tre principali baroni del regno: Leonardo Cubello, Marchese di Oristano;

9 Berengario Carroz, Conte di Quirra; Gilberto Centelles, Conte di Oliva. Nel 1452, ai tre titolari dei feudi maggiori verrà affidato il compito di convocare le sedute dello stamento al di fuori delle sedute ufficiale del parlamento. Alla carica di Governatore della Sardegna verrà affiancata quella di Viceré, occupata per tutto il regno di Alfonso V da esponenti dello stamento militare, a dimostrazione della sua impostazione feudale. È in questo periodo che il ceto dei possidenti e cavalieri armati (ossatura dei vecchi giudicati) si assottiglierà progressivamente: la Corona d'aragona assegnerà la maggior parte delle terre conquistate a nobili e commercianti catalani, valenzani, aragonesi e maiorchini, lasciando a poche famiglie sarde (Ligia, Gessa, Marongiu, Manca, Tola, etc.) una parte marginale dei territori in feudo. È da sottolineare come la feudalità sarda avesse la tendenza (come del resto avveniva in altre parti d'europa, ad esempio in Catalogna) ad organizzarsi in fazioni: il fenomeno si manifesta con la crescente influenza delle famiglie dei Cubello (che potremmo definire i contestatori, eredi degli Arborea) e dei Carroz (schierati con il sovrano). Le rivalità tra le due famiglie rianimeranno presto quei focolai di opposizione a interessi e forme politiche vigenti: focolai, a quanto pare, spentisi solo apparentemente dopo la conquista spagnola.

10 1478: Leonardo Alagon e la battaglia di Macomer Nel 1459 muore Alfonso V e gli succede Giovanni II. In quegli anni il Viceré di Sardegna era Nicola Carroz d'arborea (imparentato con gli eredi degli Arborea la politica delle unioni matrimoniali non conobbe crisi): le famiglie dei Cubello e dei Carroz erano entrambe imparentate con quella dei Centelles, che fra le due garantiva una certa mediazione. L'equilibrio si ruppe quando, nel 1469, moriva il Conte di Quirra lasciando un unico erede, la figlia Violante Carroz. Il Viceré fece sposare il figlio, Dalmazio Carroz, con Violante, riunificando le due Casate, quella dei Carroz di Quirra e quella dei Carroz d'arborea. Poco dopo moriva senza figli Salvatore Cubello, Marchese di Oristano e la successione del marchesato sarebbe dovuta andare al nipote Leonardo de Alagòn. Alla sua successione si oppose sempre il Viceré, scatenando quei vecchi rancori mai sopiti. Leonardo de Alagòn poteva contare, oltre che sull'appoggio dei Doria e dell'oligarchia Sassarese, anche su gran parte dell'aristocrazia sarda e su numerosi contatti internazionali. Nonostante Nicola Carroz disponesse degli eserciti viceregi, le sue truppe furono annientate ad Uras il 14 aprile del 1470: in quella battaglia le stesse milizie di soldati sardi agli ordini del viceré disertarono, e alla vista della bandiera arborense si unirono alle truppe di Leonardo de Alagòn. Egli infatti recuperò l'antico stemma del Giudicato di Arborea (l'albero deradicato capace di rianimare la gente sarda tant fort inclinada a la casa d'arborea), facendo leva sul senso di appartenenza comune e sulla coscienza nazionale che i sardi, nonostante fossero passati anni e dominazioni, evidentemente ancora associavano a quel periodo storico. In questo modo Leonardo de Alagòn vedeva crescere considerevolmente il suo esercito. Leonardo de Alagòn invase così le terre regie, ovunque accolto favorevolmente. Nel 1478 con i suoi eserciti si diresse alla conquista di Cagliari e il 19 marzo dello stesso

11 anno a Macomer si svolse la battaglia decisiva: l'esercito sardo e quello viceregio si scontrarono, ma furono i fedeli del marchese ad avere la peggio. Leonardo Alagòn verrà catturato poco dopo la sconfitta e costretto per il resto della sua vita nel carcere di Xàtiva (Valencia). 1479: Sardegna Spagnola Se nel 1478 si concludevano le azioni del marchese di Oristano, nel 1479 moriva Giacomo II, che lasciava il regno al figlio Ferdinando di Trastàmara, detto Ferdinando II il Cattolico e sposato con Isabella di Castiglia (Fernando II d'aragón y Isabel I de Castilla): i due daranno vita al Regno d'aragona e Castiglia, preludio dell'unificazione dei regni iberici. È dunque da questi avvenimenti che si inizia a parlare di Sardegna Spagnola (dopo 200 anni di campagne militari) infeudazione di Papa Bonifacio VIII 1478 Battaglia di Macomer e Sardegna Spagnola 1708 Sardegna Austriaca e poi Sabauda

12 Nel 1479, all'inizio dell'età spagnola, la popolazione dell'isola è fortemente in calo a causa dei numerosi conflitti e delle epidemie di peste che porteranno il numero degli abitanti alle sole 160 mila unità. È interessante confrontare il numero di abitanti delle principali città sarde e spagnole: Sassari ; Cagliari 4.000; Valencia ; Barcellona Sta per avere inizio un periodo di grande splendore per la Spagna; Ferdinando e Isabella daranno il via ad una grande avventura di espansione coloniale che interesserà tutto il mondo: nel 1492 Cristoforo Colombo, in loro nome, sbarcherà nelle Americhe. Ma il potere della Corona Spagnola è forte anche in Europa: sempre Ferdinando, agli inizi del '500, entrerà in conflitto con la monarchia francese dei Valois per il controllo della penisola italica. È con Carlo I d'asburgo, successore di Ferdinando II e incoronato Imperatore nel 1519 con il nome di Carlo V, che la Spagna rafforza la sua supremazia in tutta l'europa occidentale e non solo: la Corona può annoverare tra i suoi possedimenti la Sardegna, l'austria, i Paesi Bassi, i regni della Penisola Iberica e della Penisola Italica, oltre che

13 vaste aree dell'america centrale e meridionale, dove nel 1542 costituirà i reami del Messico e del Perù. È da sottolineare come, durante tutto il periodo spagnolo ( ), la Sardegna e la Penisola Italica rimarranno entità politiche ben distinte. Mentre la Sardegna restava sotto il controllo del Consiglio Supremo d'aragona assieme alla Catalogna, ai reami d'aragona, a Valenza e le Baleari, la penisola italica costituiva un blocco a sè stante: i domini spagnoli nella penisola rientravano infatti sotto il dominio del Consiglio Supremo d'italia. Carlo V nel 1518, poco dopo la sua incoronazione, convocava a Saragoza le Cortes aragonesi per chiederne la fedeltà (tra queste sono presenti anche Cagliari, Sassari, Alghero e Oristano) mentre venivano avviate campagne militari sia in Italia (dove si cerca di affermare il primato sulla Francia) che in Germania (dove la riforma promossa da Martin Lutero aveva scosso lo scenario politico). La Sardegna, completamente estranea agli scontri appena descritti 2, prese parte invece alle due campagne condotte nel 1535, per la riconquista di Tunisi (occupata dai corsari barbareschi 3 guidati da Khair ad-din, noto Barbarossa), e nel 1541 per la conquista di Algeri. Entrambe le missioni mettono in evidenza le potenzialità della Sardegna sia come base navale che come centro per i rifornimenti. La Sardegna divenne un avamposto per gli eserciti spagnoli impegnati nel secolare scontro con l'oriente islamico. Nella seconda delle due spedizioni volute da Carlo V, la flotta spagnola fu sconfitta grazie all'abilità del comandante barbaresco Hazan Haga, di origini sarde: rapito da ragazzo durante un'incursione dei mori, venne elevato per il suo valore al comando della flotta barbaresca. Le scorrerie dei corsari mori nel Mediterraneo erano ben note ai sardi. Numerose furono le ville saccheggiate e distrutte: Terralba, Arcidano, 2 Mentre infatti l'esercito spagnolo era impegnato in Italia, nel 1527, furono i francesi a tentare l'invasione dell'isola con un esercito di 4000 unità, una enormità visto il numero degli abitanti in Sardegna: sbarcarono presso Longosardo e si diressero verso Sassari, occupandola e saccheggiandola; furono i cittadini stessi ad insorgere e scacciare i francesi. 3 Barbareschi era il nome con cui si indicavano quei corsari che, tra il 500 e l'800, abitavano la Barberia, nell'africa del nord dove avevano istituito i Regni di Algeri, Marocco, Tunisi, e Tripoli, tutti, almeno formalmente, legati all'impero ottomano.

14 Pabillonis, Gonnosfanadiga, Uras, dove ne rimane memoria in una lapide incisa in sardo: a 5 de Arbili 1546 esti istada isfatta sa villa Uras de manus de turcus e morus effudi capitanu de morus Barbarossa. Storia della Sardegna 3, M. Brigaglia, A. Mastinu, G.G. Ortu, pag : Filippo II A Madrid, nel frattempo, dopo aver riconosciuto (con la Pace di Costanza del 1555) la riforma proposta da Martin Lutero, Carlo V nel 1556 decise di abdicare, lasciando l'impero al figlio Filippo II sotto la cui guida la potenza spagnola raggiungerà il suo apice (sarà con i successori Filippo III, , e soprattutto con Filippo IV, , che il declino di questa grande potenza troverà compimento). Durante i primi anni del regno di Filippo II si conclude il Concilio di Trento ( ), con cui la chiesa di Roma cerca di riorganizzarsi alla luce dell'impatto della Riforma luterana: la Controriforma romana si fece sentire anche nell'isola, dove l'impero spagnolo (che a quel tempo poteva essere considerato il braccio armato della chiesa) rafforza i poteri della Santa Inquisizione. Anche in Sardegna non mancavano giovani letterati vicine alle idee luterane, o comunque critici nei confronti del clero isolano. Uno di questi è Sigismondo Asquer, giovane sardo formatosi all'estero, che ebbe la forza di schierarsi contro il clero sardo, più intento a procreare che a leggere libri. Per questo, contro di lui fu imbastito un processo per eresia, conclusosi con la sua condanna al rogo eseguita il 4 giugno del 1571 a Toledo.

15 Sempre sotto Filippo II, dopo la battaglia di Lepanto del 1574, le incursioni saracene furono finalmente arginate grazie all'edificazione delle torri litoranee lungo le coste sarde (realizzate interamente a spese dei sardi, con i denari ricavati da una speciale tassa sui formaggi, sui coralli e sui cuoi). Ancora a Filippo II si deve l'istituzione in Sardegna della Reale Udienza che divenne uno strumento fondamentale nella politica accentratrice e che, di fatto, se da un lato limitò le pretese sia dei feudatari che degli stessi ufficiali regi, dall'altro determinò l'arroccamento della nobiltà sarda. Le istituzioni sarde assumeranno una configurazione che prevedeva tre organi fondamentali: Il Vicerè, una sorta di capo del Regnum, manteneva una certa autonomia da Madrid, non in senso moderno, poiché consisteva nel governare nel rispetto di quelli che erano i privilegi e le consuetudini locali; Il Parlamento, diviso nei tre bracci o stamenti; La Reale Udienza, che rappresentava un potenziamento di una istituzione cinquecentesca, la Rota (che può essere considerata come una sorta di Corona de Logu), voluto fortemente da Filippo II allo scopo di accrescere il suo controllo sull'isola, in piena sintonia con la sua politica accentratrice. Questa trasformazione trasformò l'originale istituzione in un tribunale di massima istanza, capace di interferire con i massimi organi del Regnum, compreso il Vicerè. Fu proprio questa politica assolutistica ed accentratrice (ma non solo) che porterà il regno al declino: le enormi quantità di denaro spese per le guerre di egemonia, promosse fortemente da Filippo II e sostenute dai suoi successori lungo tutto il '600,

16 segneranno la condanna del regno. Simile sorte spetterà anche alla Francia a causa della politica seguita da Luigi XIV. Il 1600 e la guerra dei trent anni Una costante della dominazione spagnola è la miseria, dramma legato evidentemente ad una continua crisi economica e sociale alimentata da epidemie, guerre, alluvioni e siccità. Inoltre la politica del divide et impera usata abilmente dai regnanti acuiva ancora di più i problemi dell'isola. Si pensi ad esempio all'esistenza delle due università, quella di Sassari (ufficializzata il 9 febbraio 1617, quando Francesco III concesse lo statuto di università regia al collegio gesuitico) e quella di Cagliari (che ottenne il riconoscimento dello stesso Francesco III nel 1620), che anziché contribuire alla formazione di una classe politica sana e matura, seguiranno una rapida decadenza proprio per l'accentuato campanilismo e le sterili beghe interne, abilmente fomentate. Alla fine del 1600, nonostante la popolazione stimata sia attorno alle persone, la Sardegna vedrà le università utilizzate come depositi del grano: i pochi docenti rimasti, a causa degli scarsissimi finanziamenti preferiranno dedicarsi alle rispettive professioni private invece che all'insegnamento universitario, e gli studenti (almeno quelli appartenenti a facoltose famiglie) saranno costretti a studiare all'estero, soprattutto in Spagna e Italia. Un triste epilogo se consideriamo che alle fine del 1500, a fronte di una popolazione nettamente inferiore, Cagliari contava 800 iscritti e Sassari 500, andando a formare così la prima élite di lecterados. Sempre a proposito di lotte interne si pensi alla competizione tra gli arcivescovi di Cagliari e Sassari per il titolo di Primate di Sardegna e Corsica, che portò ad una insensata gara alla ricerca di reliquie di santi e martiri sardi che ne sancissero la supremazia: avvenimenti di questa portata nulla avevano a che vedere con la così detta modernità ma, anzi, contribuivano al declino dell'isola. La ricerca bramosa di santi e martiri (una vera e propria febbre di devozione cieca, che non è certo una prerogativa sarda, ma diffusa in tutto il regno spagnolo) portò peraltro a numerosi equivoci: le

17 iniziali B.M. che comparivano nelle epigrafi e che indicavano Bonae Memoriae, vennero interpretate come Beatus Martyr. Le lotte interne, gli ufficiali regi corrotti e le esose richieste economiche della Corona, andavano a ripercuotersi su pastori e contadini e si sommavano agli sporadici attacchi dei corsari barbareschi e alla costante pressione militare francese. Tra il 1618 e il 1648 si svilupparono inoltre una serie di conflitti armati che coinvolsero tutta l'europa occidentale (ma che videro la Spagna coinvolta in prima linea), meglio noti come Guerra dei trent'anni: l'impegno della guerra porterà la Corona ad attuare una politica di accentramento, per il rafforzamento del controllo diretto sui regni ed a discapito delle autonomie, che permettesse di gestire in maniera diretta risorse economiche ed eserciti. Nel 1624 il parlamento presieduto dal Viceré Juan Vives de Canyamás, barone di Benifayró ( ) metteva in evidenza: il malcontento per la politica accentratrice condotta dalla Corona che aveva attuato una riduzione dei privilegi dell'autonomia; la difesa delle coste (affidate alle torri e alle roccaforti di Cagliari, Alghero e Castelaragonese) aveva bisogno di essere potenziata con una squadra di galere; il bisogno di incrementare la produzione cerealicola e olivicola.

18 La richiesta della Corona, che richiedeva al parlamento sardo un forte aiuto economico per il sostentamento delle operazioni militari contro la Francia, venne respinta. Nel 1626, durante una seduta del parlamento presieduto dal Vicerè Jerónimo Pimentel, marchese di Bayona ( ) avvenne la svolta: il Vicerè chiese agli stamenti una prova di fedeltà alla Corona, i cui territori si trovavano sotto la minaccia degli eserciti nemici. Gli stamenti sardi in quell'occasione (accecati dalla possibilità di avere in cambio benefici, nuovi privilegi e titoli) accettarono una riduzione sostanziale dei diritti concessi dall'autonomia (in assoluta controtendenza rispetto alle posizioni che andavano prendendo i parlamenti dei diversi regni della Corona spagnola) e concessero volontariamente un ingente contributo economico e militare. I sardi verseranno il loro sangue in battaglia dimostrando la loro fedeltà alla Corona spagnola, nella speranza che il sovrano ne accolga le istanze. I sardi saranno i primi sostenitori della politica de la Uniòn de Armas, progetto attraverso il quale il conte-duca de Olivares, Gaspar de Guzman y Pimental, tentò di cancellare le autonomie dei diversi regni dell'impero per sostenere gli eserciti della Corona spagnola durante la guerra dei trent'anni ( ). La Corona concesse titoli di cavalierato e nobiltà (126 in totale), soprattutto ai militanti del partito olivaresiano, rafforzandone quindi la rappresentanza in parlamento e muovendo così a suo favore l'ago della bilancia per i successivi parlamenti del 1632 e del 1642 in cui veniva discusso il rinnovo del donativo 4. Nel frattempo la pressione militare francese sulle coste sarde cresceva, culminando con l'occupazione di Oristano del 1637, operazione portata a termine da Enrico di Lorena conte D'Harcourt, e dall'arcivescovo di Bordeaux. Era una delle vaste operazioni militari 4 Contributo finanziario che il parlamento si impegnava a concedere al sovrano per un determinato periodo di tempo, solitamente dieci anni.

19 che fanno parte della Guerra dei trent'anni ( ). L'occupazione però, durò ben poco: il contrattacco delle truppe sarde, guidate dal comandante Diego Masones, riuscirà ad allontanare gli invasori, non tanto per il numero dei soldati quanto per il coraggio e l'astuzia dell'azione intrapresa, escogitando una strategia offensiva e coordinando i rinforzi giunti da tutte le parti dell'isola. La politica di servilismo nei confronti della Corana ebbe però effetti devastanti per l'economia dell'isola, mentre da una parte crescevano i contrasti tra le diverse fazioni e dall altra emergevano con prepotenza le richieste di una società in rapida trasformazione. Proprio la politica de la uniòn das armas fu causa di notevoli disordini anche nella penisola iberica: la Catalogna, in particolar modo Barcellona, avevano dato il via a forti contestazioni che andavano diffondendosi per tutto il regno. La congiura di Camarassa Durante il parlamento del 1653, il vescovo di Alghero sottolineava come la situazione drammatica dell'isola andasse peggiorando per cause diverse: i numerosi cattivi raccolti; la piaga della cavallette; la siccità eccessiva; le numerose leve chiamate dalla Corona per la guerra in Lombardia; le invasioni francesi; la nuova ondata di peste che sbarcava sull'isola.

20 Fu in questa occasione, dovendosi ratificare il versamento del donativo alla Corona, che il parlamento sardo si divise: una parte chiedeva l'annullamento del contributo (il Re poteva chiedere ma non pretendere ); l'altra parte, fedelissima al Re, considerava offensiva la richiesta presentata dalla fazione opposta. Le divergenze, già manifestatesi in altre occasioni, stavano per dar vita a feroci scontri. Il parlamento del 1665 viene presieduto dal Vicerè Manuel de los Cobos, marchese di Camarassa (per il ). In quell occasione, la richiesta del donativo per il finanziamento della guerra spaccò in due il parlamento. Andarono a delinearsi due partiti contrapposti: - il partito novadore guidato da don Agostino di Castelvì, marchese di Laconi; - il partito assolutista il cui più alto esponente era il Vicerè. Il motivo del contendere ruotava attorno ai ducati richiesti dalla Corona. Il partito novadore riteneva che il versamento del donativo dovesse essere subordinato all'approvazione delle istanze dei sardi, sottoposte all'attenzione dei regnanti come rispettose e umili richieste (tra queste vi era la richiesta di attribuzione di tutte le cariche civili, militari e religiose del Regnum ai sardi). Il partito assolutista invece riteneva che richieste e donativo andassero su binari distinti: il donativo andava fatto comunque, e solo successivamente il sovrano avrebbe dovuto valutare se accogliere o meno le istanze dei sardi, dall'alto della sua magnanimità. La situazione degenerò presto, soprattutto per l'atteggiamento autoritario del Viceré, appoggiato oltre che dagli ufficiali spagnoli, anche da un gruppo di fedelissimi sardi, tra

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado Paritaria S. Luigi. A.S. 2011-2012 Prof.ssa Dora Meroni Dispensa di approfondimento al libro di testo di Storia

Scuola Secondaria di 1 grado Paritaria S. Luigi. A.S. 2011-2012 Prof.ssa Dora Meroni Dispensa di approfondimento al libro di testo di Storia LA GUERRA DEI CENT ANNI Tra il 1337 e il 1453 la Francia e l Inghilterra si affrontarono in un conflitto caratterizzato da tante tregue ma tutte molto brevi e subì due interruzioni più lunghe, sancite

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

Lezione 3. La Corona d Aragona. Fabrizio Alias

Lezione 3. La Corona d Aragona. Fabrizio Alias Lezione 3 La Corona d Aragona Fabrizio Alias La Catalogna tra X e XI secolo 813. Campagna militare di Carlo Magno e creazione della Marca Hispanica (Navarra e parte della Catalogna) 987. Emancipazione

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

Enrico VIII (28 giugno 1491 28 gennaio 1547) era il terzo figlio di Enrico VII e di Elisabetta di York. Re d'inghilterra e Signore d'irlanda (in

Enrico VIII (28 giugno 1491 28 gennaio 1547) era il terzo figlio di Enrico VII e di Elisabetta di York. Re d'inghilterra e Signore d'irlanda (in Enrico VIII Enrico VIII (28 giugno 1491 28 gennaio 1547) era il terzo figlio di Enrico VII e di Elisabetta di York. Re d'inghilterra e Signore d'irlanda (in seguito re d'irlanda) dal 22 aprile 1509 fino

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

La crisi dei poteri unversali. 1 - La crisi dell'impero

La crisi dei poteri unversali. 1 - La crisi dell'impero La crisi dei poteri unversali 1 - La crisi dell'impero Quale crisi? L'Istituzione imperiale permane sino al 1804, tuttavia sin dal '300 perde il suo carattere sacro e universale. L'impero si laicizza e

Dettagli

INDICE. Introduzione p. 15 I GIUDICATI. Cagliari: un giudicato in guerra 21. Il giudicato di Gallura. Un obiettivo di Pisa 32

INDICE. Introduzione p. 15 I GIUDICATI. Cagliari: un giudicato in guerra 21. Il giudicato di Gallura. Un obiettivo di Pisa 32 INDICE Introduzione p. 15 I GIUDICATI Cagliari: un giudicato in guerra 21 Il giudicato di Cagliari e le Repubbliche di Pisa e Genova 23 La dinastia dei giudici di Cagliari 24 La forza di Pisa sui giudici

Dettagli

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati 1000-1454 ITC Custodi, gennaio 2012 1 La nascita dei comuni Le città dell Europa centrale, che erano sottoposte a un signore, a un conte o a un vescovo,

Dettagli

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano PREMESSA: durante governo augusteo si manifestò a) un problema legato ad un fattore di instabilità permanente per lo stato: forte ambiguità riforme istituzionali 1, lo stato nei fatti era una monarchia;

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II Unità 5 L età di Calvino e Filippo II L UNITà IN BREVE Unità 5 L età di Calvino e Filippo II 1. Il Cinquecento, un secolo di crescita demografica Il xvi secolo fu un periodo di ripresa in campo demografico.

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA Note storiche 16 INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA NOTE STORICHE 17 Note storiche Antiche, molto antiche sono le origini della civiltà della Sardegna. I primi uomini la raggiunsero

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero Leggo il testo e faccio gli esercizi. Non importa se non capisco tutto subito, posso ritornare tante volte sul testo. unità Carlo Magno e il Sacro Romano Impero 5.1 II popolo dei Franchi crea uri grande

Dettagli

La Francia e l Inghilterra escono dalla Guerra

La Francia e l Inghilterra escono dalla Guerra processi sociali nella formazione degli stati nazionali in Europa 1 La Francia e l Inghilterra escono dalla Guerra dei Cent anni completamente trasformate sotto tutti i punti di vista: economico, sociale,

Dettagli

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE LE GUERRE PERSIANE Mentre le città greche si sviluppavano, i Persiani crearono un vastissimo impero sottomettendo tutti i popoli conquistati. Sparta e Atene, piuttosto di perdere la propria libertà affrontarono

Dettagli

artigianali, manifatturiere e agricole erano molto sviluppate.

artigianali, manifatturiere e agricole erano molto sviluppate. le guerre d italia Perchè proprio l Italia? PErchè proprio Perchè proprio l Italia?Perchè proprio l Italia? Tra il 1494 e il 1559 tre grandi potenze si combatterono in Italia per la supremazia europea

Dettagli

lezionidistoria.wordpress.com

lezionidistoria.wordpress.com lezionidistoria.wordpress.com Quadro generale DOVE? Furono combattute prevalentemente sul suolo italiano ma non solo QUANDO? Le otto guerre d Italia sono iniziate nel 1494 e si sono concluse nel 1559 PROTAGONISTI

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate Cristiani e musulmani nell'xi secolo Fra mondo cristiano e mondo musulmano erano continuati, nel corso del Medioevo, gli scambi commerciali e

Dettagli

La Rivoluzione francese

La Rivoluzione francese La Francia alla fine del XVIII secolo Sovrano dotato di potere assoluto. Società divisa in stati o ordini: clero (Primo stato) nobiltà (Secondo stato) Terzo stato (il 98% della popolazione) Nobili e clero

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Elisabetta. La storia inglese tra il 1485 e il 1603 si identifica con la casa regnante Tudor

Elisabetta. La storia inglese tra il 1485 e il 1603 si identifica con la casa regnante Tudor L'Inghilterra da Enrico VIII ad Elisabetta La storia inglese tra il 1485 e il 1603 si identifica con la casa regnante Tudor x L usurpatore diventa re La guerra delle due rose per trent anni contrappone

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Rivoluzione francese

Rivoluzione francese 2 3 4 1 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Orizzontali 2. Governo moderato che si instaurò al termine della Rivoluzione 5. Importante esponente della Rivoluzione 7. Catturarono Luigi XVI 8. La fortezza di Parigi 10.

Dettagli

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul.

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul. Il territorio dell'impero Romano d'oriente prima delle conquiste di Giustiniano L'impero alla morte dell'imperatore nel 565 L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

LA TRAGEDIA SICILIANA DEL 1492 -EDITTO DI ESPULSIONE DEGLI EBREI-

LA TRAGEDIA SICILIANA DEL 1492 -EDITTO DI ESPULSIONE DEGLI EBREI- LA TRAGEDIA SICILIANA DEL 1492 -EDITTO DI ESPULSIONE DEGLI EBREI- pubblicata da Rosa Casano Del Puglia il giorno Venerdì 2 novembre 2012 alle ore 12.57 La posizione geografica della Sicilia, nel cuore

Dettagli

CRISTOFORO COLOMBO BUSCAR EL LEVANTE POR EL PONIENTE

CRISTOFORO COLOMBO BUSCAR EL LEVANTE POR EL PONIENTE CRISTOFORO COLOMBO CRISTOFORO COLOMBO NACQUE A GENOVA NEL 1451. SUO PADRE ERA UN POVERO CARDATORE DI LANA. GIOVANISSIMO SCELSE LA CARRIERA DEL MARE. NEI SUOI NUMEROSI VIAGGI MATURÒ UNA GRANDE ESPERIENZA

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie nelle altre regioni italiane:

Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie nelle altre regioni italiane: Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie nelle altre regioni italiane: lo sportello linguistico della Comunità Montana incontra la minoranza catalana di Alghero (SS) La Legge 482/99

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO Testo Espositivo By Magenta La Dichiarazione dei Diritti dell Uomo e del Cittadino Déclaration des Droits de l'homme et du

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

IL PIENO MEDIOEVO. 1 3. Il pieno medioevo. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. 476 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV BASSO PIENO MEDIOEVO

IL PIENO MEDIOEVO. 1 3. Il pieno medioevo. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. 476 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV BASSO PIENO MEDIOEVO 1 3. Il pieno medioevo IL PIENO MEDIOEVO 476 D.C. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV ALTO MEDIOEVO PIENO MEDIOEVO BASSO MEDIOEVO INTRODUZIONE. IL PIENO MEDIOEVO È UN EPOCA

Dettagli

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA di Angelo Fasolo L Italia si trovò spiazzata dallo scoppio della prima guerra mondiale. La triplice alleanza, nata il 20 maggio 1882, era un patto militare di carattere esclusivamente

Dettagli

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA PORTOGALLO NELLA PRIMA META' DEL '400 VIVE UNA CONDIZIONE ECONOMICA MOLTO DIFFICILE: - L'AGRICOLTURA E' SCARSA A CAUSA DEL TERRENO POCO FERTILE - LE ROTTE COMMERCIALI

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini ARTICOLO 4 di Veronica Longhini NESSUN INDIVIDUO POTRA ESSERE TENUTO IN STATO DI SCHIAVITU O DI SERVITU ; LA SCHIAVITU E LA TRATTA DEGLI SCHIAVI SARANNO PROIBITE SOTTO QUALSIASI FORMA Il fenomeno della

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Prima guerra punica (264-241)

Prima guerra punica (264-241) Le guerre puniche Prima guerra punica (264-241) Cartagine: colonia fenicia fondata nell 814 da Tiro, dal V secolo economia fiorente Espansione coloniale in Sardegna, Corsica e isole: diventa la principale

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.)

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Lezione n. 2 La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Fabrizio Alias L invasione araba della penisola iberica (al-andalus) 711. Invasione degli arabi nella penisola iberica 713. Conquista

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Alberto Moravetti Documenti inediti sulla pesca del corallo in Sardegna nei secoli XVII e XVIII in Cagliari Economica

Alberto Moravetti Documenti inediti sulla pesca del corallo in Sardegna nei secoli XVII e XVIII in Cagliari Economica Alberto Moravetti Documenti inediti sulla pesca del corallo in Sardegna nei secoli XVII e XVIII in Cagliari Economica (Rassegna Mensile della Camera di Commercio) Cagliari, febbraio 1956 La pesca del corallo

Dettagli

PARTE SECONDA PERIODO ARAGONESE

PARTE SECONDA PERIODO ARAGONESE PARTE SECONDA PERIODO ARAGONESE 71 72 CAPITOLO I GLI ARAGONESI A NAPOLI 1. Alfonso e Ferrante d Aragona trasformano il Meridione. Alla morte di Giovanna II scoppiò una guerra di successione tra i pretendenti

Dettagli

00.48-1.23. La questione nordirlandese

00.48-1.23. La questione nordirlandese 00.48-1.23 La questione nordirlandese La questione nordirlandese: Secolo XVI Elisabetta I figlia di Enrico VIII, anglicana, decide di imporre la legge inglese agli irlandesi, quasi come una sorta di missione

Dettagli