Prestazioni psicologiche a distanza e pubblicità professionale in internet: aspetti etici e deontologici Dott. Renzo Mosanghini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prestazioni psicologiche a distanza e pubblicità professionale in internet: aspetti etici e deontologici Dott. Renzo Mosanghini"

Transcript

1 ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL FVG CONVEGNO POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) E STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE: Nuovi obblighi e opportunità Prestazioni psicologiche a distanza e pubblicità professionale in internet: aspetti etici e deontologici Dott. Renzo Mosanghini Villa Manin Codroipo, 1 ottobre 2010

2 Il Consiglio regionale dell Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia ha approvato in data 5 giugno 2009 il CODICE DI CONDOTTA PER LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI DEGLI PSICOLOGI VIA INTERNET E A DISTANZA che sostituisce la precedente regolamentazione regionale contenuta nelle Linee guida del 2004

3 Il CODICE DI CONDOTTA PER LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI DEGLI PSICOLOGI VIA INTERNET E A DISTANZA si compone di sei articoli e un allegato Art. 1: PRINCIPI GENERALI Art. 2: SICUREZZA Art. 3: RISERVATEZZA Art. 4: APPROPRIATEZZA - Identità degli Psicologi - Identificazione degli utilizzatori - Protezione dati Art. 5: SANZIONABILITA DELL INOSSERVANZA Art. 6: RAPPORTI CON L ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL FVG All. : CHECK LIST DI AUTOCERTIFICAZIONE DEI SITI INTERNET

4 Negli articoli del CODICE DI CONDOTTA non ci sono norme riguardanti la pubblicizzazione delle attività via Internet e a distanza che ricade nell ambito del Regolamento regionale sulla pubblicità informativa delle attività professionali dello Psicologo

5 pec La prima regolamentazione sulla materia è costituita dalla delibera del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi dd.23/03/2002 che recita: VISTA la legge comunitaria 2000/31/CE sul commercio elettronico; RITENUTO che le pratiche di attività psicodiagnostica e psicoterapeutica via internet non sono conformi ai principi espressi negli artt. 6, 7 e 11 del vigente Codice deontologico; DELIBERA di ritenere l esercizio di tali attività sanzionabili ai sensi degli artt. 26 e 27 della Legge 56/89.

6 Il. D. Lgs. N 70 del 9/04/2003 Attuazione della direttiva 2000/31/CE relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell informazione nel mercato interno, con particolare riferimento al commercio elettronico all art. 7 Informazioni generali obbligatorie prevede che: il prestatore deve rendere facilmente accessibili, in modo diretto e permanente per quanto riguarda le professioni regolamentate: il riferimento alle norme professionali e agli eventuali codici di condotta vigenti nello Stato membro e le modalità di consultazione dei medesimi.

7 In ottemperanza al D. Lgs n 70/2003 il CNOP approvava il 13/12/2003 le LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA nelle more di una codificazione deontologica nei termini di cui all art 41 del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani Il testo è stato pubblicato sul giornale del CNOP La Professione di Psicologo, n 2

8 c. 1: Art. 6 del C.D.P.I. c. 2: Lo psicologo salvaguarda la propria autonomia nella scelta dei metodi, delle tecniche e degli strumenti psicologici, nonché della loro utilizzazione; è perciò responsabile delle loro applicazioni ed uso, dei risultati, delle valutazioni ed interpretazioni che ne ricava. c. 3:

9 Art. 7 del C.D.P.I. Nelle proprie attività professionali,, lo psicologo valuta attentamente, anche in relazione al contesto, il grado di validità e di attendibilità di informazioni, dati e fonti su cui basa le conclusioni raggiunte; espone, all occorrenza, le ipotesi interpretative alternative, ed esplicita i limiti dei risultati. Lo Psicologo, su casi specifici, esprime valutazioni e giudizi professionali solo se fondati sulla conoscenza professionale diretta ovvero su una documentazione adeguata e attendibile.

10 Art. 11 del C.D.P.I. Lo psicologo è strettamente tenuto al segreto professionale. Pertanto non rivela notizie, fatti o informazioni apprese in ragione del suo rapporto professionale, né informa circa le prestazioni professionali effettuate o programmate, a meno che non ricorrano le ipotesi previste dagli articoli seguenti.

11 Le prestazioni psicologiche a distanza richiedono particolare cautela da parte dello Psicologo, anche a causa della carenza di conoscenze sulle implicazioni secondarie del loro utilizzo, sia sul piano della teoria e della tecnica professionale, che sul piano relazionale. (La Professione di Psicologo, n 2, 2004)

CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI. La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni

CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI. La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni CONVEGNO CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni Pordenone, 14 settembre 2013 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 19 OGGETTO: CONVENZIONE PER LA PROCEDURA

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani raccoglie le norme di comportamento cui qualunque psicologo deve strettamente attenersi nello svolgimento della

Dettagli

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 4 PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 1) Premessa La presente linea-guida in attuazione degli artt. 55-56-57

Dettagli

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 Comune di Venzone Provincia di Udine Piazza Municipio, n 1 Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA

Dettagli

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.)

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) CODICE DEONTOLOGICO Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) Modificato dal Direttivo A.I.Te.R.P il 15 Dicembre 2012 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERAL I Definizione... 3 TITOLO II COMPITI

Dettagli

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca PSYLAZIO.AOO1.REGISTRO UFFICIALE.0004537.28-06-2011 Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca A cura dell Ordine degli Psicologi

Dettagli

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA - GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA - GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA - GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 1. PREMESSA La presente linea-guida in attuazione degli artt. 55-56-57

Dettagli

All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI

All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI Segnalazione certificata di inizio attività, ai sensi dell art. 109.1 della Legge regionale F.V.G. n. 29/2005, per: vendita per

Dettagli

CARTA INTESTATA DEL PROFESSIONISTA

CARTA INTESTATA DEL PROFESSIONISTA Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa sul presente documento composto di X pagine. Data Spettabile Alfa S.p.A. Via Alla c.a. del Presidente del C.d.A. (nel prosieguo anche la Società

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità in struttura sanitaria privata esistente e dedicata a:

Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità in struttura sanitaria privata esistente e dedicata a: Alla ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Medico Sc Igiene e Sanità Pubblica SS U.O. Territoriale n... Via Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità

Dettagli

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Associazione Rappresentativa Italiana Formatori ed Operatori Sicurezza sul lavoro Sede legale: Via Castello, snc 81039 Villa Literno Cod. fiscale: 90036750611 info@arifos.it A.R.I.F.O.S. R EGOLAMENTO DI

Dettagli

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 1. PREMESSA La presente linea-guida in attuazione degli artt. 55-56-57 del

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Capo I - Principi generali Articolo 1_ Le regole del presente Codice deontologico sono vincolanti per tutti gli iscritti allʼalbo degli psicologi. _Lo psicologo

Dettagli

CARTA DI FIRENZE DELLA DEONTOLOGIA SULLA PRECARIETÀ NEL LAVORO GIORNALISTICO. in memoria di Pierpaolo Faggiano

CARTA DI FIRENZE DELLA DEONTOLOGIA SULLA PRECARIETÀ NEL LAVORO GIORNALISTICO. in memoria di Pierpaolo Faggiano CARTA DI FIRENZE DELLA DEONTOLOGIA SULLA PRECARIETÀ NEL LAVORO GIORNALISTICO in memoria di Pierpaolo Faggiano PREMESSA - Lo scenario della precarietà lavorativa nel giornalismo Mai come negli ultimi anni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

MODULO FAC SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA AI SENSI DEL D.P.R. 445/2000

MODULO FAC SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA AI SENSI DEL D.P.R. 445/2000 MODULO FAC SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA AI SENSI DEL D.P.R. 445/2000 Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via Pietro Stazzi n. 2 22100 COMO CO OGGETTO: PROCEDURA APERTA (ART. 3, COMMA 37, DEL D.LGS. 12/04/2006,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA CORSO ALLIEVO ISTRUTTORE ASSISTENTE BAGNANTE Il presente Comitato Regionale F.I.N. FVG organizza un corso per allievo istruttore di nuoto, qualifica propedeutica,

Dettagli

Codice deontologico degli Psicologi Italiani

Codice deontologico degli Psicologi Italiani Codice deontologico degli Psicologi Italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine ai sensi dell art. 28, comma 6 lettera c) della Legge n. 56/89, in data 15-16 dicembre 2006., modificato

Dettagli

Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico

Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico 1. PREMESSA 1. Le presenti linee-guida, in attuazione dell art. 48 del Codice Deontologico 1, sono riferite

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

LA DOMANDA DEVE ESSERE PRESENTATA ALL'ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI SU CARTA RESA LEGALE, UTILIZZANDO IL PRESENTE MODULO

LA DOMANDA DEVE ESSERE PRESENTATA ALL'ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI SU CARTA RESA LEGALE, UTILIZZANDO IL PRESENTE MODULO DOMANDA TARGA, ECC. PER STUDI MEDICI INDIVIDUALI O ASSOCIATI LA DOMANDA DEVE ESSERE PRESENTATA ALL'ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI SU CARTA RESA LEGALE, UTILIZZANDO IL PRESENTE MODULO marca

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTT DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione

Dettagli

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE . PROT 6 Pag 1/7 PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . PROT 6 Pag 2/7 PARTE

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI CUI ALL ART. 42 DEL D.LGS. 267/2000

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI CUI ALL ART. 42 DEL D.LGS. 267/2000 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI CUI ALL ART. 42 DEL D.LGS. 267/2000 SEDUTA DEL GIORNO 21/12/2007 Commissario: Segretario Generale: SPAGNUL dott.

Dettagli

PRATICA N. DENOMINAZIONE DEL DATORE DI LAVORO (Ragione Sociale):

PRATICA N. DENOMINAZIONE DEL DATORE DI LAVORO (Ragione Sociale): DIREZIONE D AREA LAVORO, WELFARE E SVILUPPO SOCIO ECONOMICO INTERVENTI CONTRIBUTIVI A FAVORE DEI DATORI DI LAVORO (LR 18/2005, ART. 39; DGR 431/2015) APPLICARE QUI LA MARCA DA BOLLO DA 16.00 DOMANDA DI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO - SERVIZIO DI PROJECT MANAGER DEL PROGETTO IDAGO

AVVISO PUBBLICO - SERVIZIO DI PROJECT MANAGER DEL PROGETTO IDAGO AVVISO PUBBLICO - SERVIZIO DI PROJECT MANAGER DEL PROGETTO IDAGO Avviso pubblico di formazione elenco dei prestatori di servizi per il conferimento di incarico di effettuazione del servizio di Project

Dettagli

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Disposizioni generali Art. 1 - Il Tecnico Sanitario di Laboratorio

Dettagli

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI Maggio 1999 I DOVERI DEGLI INFERMIERI SONO I DIRITTI DEI CITTADINI Articolo 1 PREMESSA 1.1. L infermiere è l operatore sanitario che, in possesso del diploma abilitante

Dettagli

Commissione albo e Comunicazione con gli Iscritti. Commissione Lotta all abusivismo, tutela dei confini della professione e pubblicità

Commissione albo e Comunicazione con gli Iscritti. Commissione Lotta all abusivismo, tutela dei confini della professione e pubblicità Commissione albo e Comunicazione con gli Iscritti - Tenuta dell Albo; - Revisione e aggiornamento Sito Web; - Redazione del Bollettino. Componenti: dott.ssa Colombari (coordinatrice), dott. Raimondi e

Dettagli

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 CODICE ETICO LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 INDICE INTRODUZIONE 3 1. PRINCIPI GENERALI 3 2. GESTIONE DEGLI AFFARI 4 3. AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ 5 4. RAPPORTI CON I TERZI 6 5. TUTELA DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO INDICE. Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2. Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2

REGOLAMENTO INDICE. Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2. Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2 IL REGOLAMENTO REGOLAMENTO INDICE Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2 Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2 Art.3 Requisiti formatori.pag.5 Art.4 Requisiti di accesso per gli

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Prescrizioni del Garante [art. 154, 1 c) del Codice] - 09 novembre 2005 [doc. web n. 1191411] Strutture sanitarie: rispetto della dignità - 9 novembre 2005 IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Dettagli

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI INDICE PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI PRINCIPI GENERALI ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI FINALITA PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI DEFINIZIONI

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

www.studiocason.com www.sicurezzalavorofvg.it www.assformsicurezza.com

www.studiocason.com www.sicurezzalavorofvg.it www.assformsicurezza.com CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASON Indirizzo via Mazzini 17 34121 Trieste ( professionale) Telefono 040 371167 - cell. 393 9151669 Fax 040 363999 E-mail roberto.cason@cason.com

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE

COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE Prot. N. 9293/26.06.2015 SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI UN ASSISTENTE SOCIALE DI CAT. D (C.C.R.L. DEL PERSONALE DEL COMPARTO UNICO DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA)

Dettagli

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R Direzione Provinciale di Catania ATTO DISPOSITIVO N. 66 / 2013 Assegnazione di personale: Maria Parisi IL DIRETTORE PROVINCIALE Con nota prot. n.1410 dell 08 gennaio

Dettagli

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy GP&A Srl Via Seprio, 2 20149 Milano Phone: 02/45.49.53.73 Fax: 02/45.49.53.74 Email: info@gpa.it Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

QUADRIMESTRALE - POSTE ITALIANE S.p.A. - SPEDIZIONE IN A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) ART. 1 COMMA 1, DCB TS

QUADRIMESTRALE - POSTE ITALIANE S.p.A. - SPEDIZIONE IN A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) ART. 1 COMMA 1, DCB TS N. 1 - Luglio 2004 EDITORIALE DELLA REDAZIONE QUADRIMESTRALE - POSTE ITALIANE S.p.A. - SPEDIZIONE IN A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) ART. 1 COMMA 1, DCB TS EDITORIALE DELLA PRESIDENZA

Dettagli

IL DIRIGENTE DI AREA. l'amministrazione comunale, con Deliberazione Consiliare n. 53 del 21 maggio 1999, ha

IL DIRIGENTE DI AREA. l'amministrazione comunale, con Deliberazione Consiliare n. 53 del 21 maggio 1999, ha Pag. 1 / 10 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CITTA' E TERRITORIO REG. DET. DIR. N. 5563 / 2012 Prot. corr. Prot. corr. N 2012/5/1

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE AZIENDA USL 10 FIRENZE Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA A PROGETTO PER IL PROGETTO VALUTAZIONE CATEGORIALE

Dettagli

BANDO CONCORSO DI IDEE IN DUE GRADI PER IL RESTYLING DELL INTERO SITO WEB ISTITUZIONALE (http://www.fo.archiworld.it/ofo/)

BANDO CONCORSO DI IDEE IN DUE GRADI PER IL RESTYLING DELL INTERO SITO WEB ISTITUZIONALE (http://www.fo.archiworld.it/ofo/) ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA BANDO CONCORSO DI IDEE IN DUE GRADI PER IL RESTYLING DELL INTERO SITO WEB ISTITUZIONALE (http://www.fo.archiworld.it/ofo/)

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE

SI CONVIENE QUANTO SEGUE Convenzione tra Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia e Università degli Studi di Catania per l'attuazione delle attività di tirocinio previste per laureati delle classi L24 e LM51 (ex XXXIV e 58/S)

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

Codice Privacy Codice Privacy

Codice Privacy Codice Privacy AZIENDA USL DI TERAMO ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO Il trattamento dei dati in ambito sanitario deve essere ispirato alle direttive

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 6 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 12/01/2012 OGGETTO RINNOVO DELL'AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA "TUTELA LEGALE" PER L'ATTIVITA' ISTITUZIONALE DELL'ARPA FVG PER

Dettagli

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei Il rispetto della privacy. Cosa comporta la presenza dell altro? Quale altro? Quando vale e per chi il segreto professionale? Cosa introduce nel processo comunicativo? E fuori dal segreto professionale

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

Via della Chimica, 61 POTENZA

Via della Chimica, 61 POTENZA N Ordine dei Tecnologi Alimentari di Basilicata e Calabria Data iscrizione Bollo 14,62 Spazio riservato alla segreteria dell Ordine Domanda di iscrizione nell Albo dei Tecnologi Alimentari di Basilicata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA ART. 1) Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità per la formazione, la tenuta

Dettagli

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico INDICE PREMESSA... 5 CAPO I... 6 DISPOSIZIONI GENERALI... 6 Art. 1...6 Ambito di applicazione e Destinatari...6 Art. 2...6 Principi generali...6 Art. 3...7 Comunicazione...7

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO RISOLUZIONE N. 430/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 novembre 2008 OGGETTO: Consulenza giuridica. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Irap cuneo fiscale Imprese che svolgono

Dettagli

Foglio1. Da 15 a 24 contenuto socioassistenziale. regionale a. previdenziale. previdenziale. Da 24 a sanitaria e. 35 + file organizzazione dei servizi

Foglio1. Da 15 a 24 contenuto socioassistenziale. regionale a. previdenziale. previdenziale. Da 24 a sanitaria e. 35 + file organizzazione dei servizi CALENDARIO FAD 1 CORSO OSS SEDE DI CB -TERMINUS data modulo unità didattica pag. libro ore data test 1.1. Elementi di CULTURALE legislazione ISTITUZIONALE E nazionale e Da 15 a 25-nov-15 regionale a 6

Dettagli

ORDINE DEGLI PSICOLOGI CONSIGLIO NAZIONALE. Deliberazione

ORDINE DEGLI PSICOLOGI CONSIGLIO NAZIONALE. Deliberazione ORDINE DEGLI PSICOLOGI CONSIGLIO NAZIONALE Deliberazione Il Consiglio Nazionale dell'ordine degli Psicologi riunito nella propria sede in Piazzale di Porta Pia, 121, Roma, il 23 Aprile 2005 VISTI gli artt.

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

Regolamento per la disciplina e la gestione delle sponsorizzazioni (Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 152 del 31.03.

Regolamento per la disciplina e la gestione delle sponsorizzazioni (Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 152 del 31.03. Regolamento per la disciplina e la gestione delle sponsorizzazioni (Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 152 del 31.03.2009) Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

GABINETTO DELLA PRESIDENZA U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO

GABINETTO DELLA PRESIDENZA U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO GABINETTO DELLA PRESIDENZA U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO Determinazione nr. 2069 Trieste 19/10/2015 Proposta nr. 828 Del 15/10/2015 Oggetto: Mostra "Il mondo è là. Arte moderna

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

LA FNC IPASVI, nell esercizio delle proprie prerogative istituzionali

LA FNC IPASVI, nell esercizio delle proprie prerogative istituzionali LA FNC IPASVI, nell esercizio delle proprie prerogative istituzionali Vista la normativa vigente ed in particolare il decreto legge del 4 luglio 2006, n. 223. "Disposizioni urgenti per il rilancio economico

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

ALLEGATO B MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE (allegare copia del documento di identità del sottoscrittore)

ALLEGATO B MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE (allegare copia del documento di identità del sottoscrittore) ALLEGATO B MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE (allegare copia del documento di identità del sottoscrittore) AVVISO DI SELEZIONE PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI AVVOCATI QUALIFICATI AD ASSUMERE INCARICHI PER

Dettagli

Manuale d uso del marchio

Manuale d uso del marchio Manuale d uso del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva Copyright 2013 COMITATO REGIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DELL UNIONE NAZIONALE DELLE PRO LOCO D ITALIA Villa Manin di Passariano

Dettagli

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI 1. GUIDA ALLA COMPILAZIONE QUANDO DEVE ESSERE COMPILATA?

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART.

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART. CODICE DEONTOLOGICO del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare A cura dell ANPEC Anno 2005 Sommario DISPOSIZIONI GENERALI... 2 ART. 1 RESPONSABILITÀ PERSONALE... 3 ART.

Dettagli

si rende noto Assistenza e patrocinio di fronte ai Tribunali di Venezia e Rovigo Corte di Appello Cassazione Civile

si rende noto Assistenza e patrocinio di fronte ai Tribunali di Venezia e Rovigo Corte di Appello Cassazione Civile AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELL ALBO DEGLI AVVOCATI ESTERNI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE PER IL TRIENNIO 2016 2018. - Visto l art. 7 del D.lgs. n. 165/2001; - Richiamato

Dettagli

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio Pag. 1 di 5 Sommario 2 Scopo e applicabilità... 1 3 Riferimenti... 1 4 Aree interessate... 2 5 Reati potenziali e rischi da presidiare... 2 6 Modalità operative... 2 6.1 Principi di prevenzione... 2 6.2

Dettagli

COMUNE DI SAN NICOLA BARONIA Provincia di Avellino

COMUNE DI SAN NICOLA BARONIA Provincia di Avellino COMUNE DI SAN NICOLA BARONIA Provincia di Avellino Codice Fiscale 81002530640 P. I.V.A. 00722650645 Telefax 0827 92034 IL RESPONSABILE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO Vista la programmazione triennale del fabbisogno

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. n. 2012/95598 Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Procedura selettiva, ai sensi degli artt. 9 e 11 della Legge 12 marzo 1999, n. 68, per l assunzione a tempo indeterminato

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO TURISMO 5 febbraio 2015, n. 7

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO TURISMO 5 febbraio 2015, n. 7 5306 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO TURISMO 5 febbraio 2015, n. 7 L.R. n. 29/94. Approvazione cartellini prezzi e tabelle delle strutture

Dettagli

CdF 650 dd 20.09.2012 (Allegato n. 3) aggiornamento UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI FARMACIA

CdF 650 dd 20.09.2012 (Allegato n. 3) aggiornamento UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI FARMACIA Regolamento di TIROCINIO PROFESSIONALE Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche ex DM 270/04 (e ad esaurimento, ai Corsi di Laurea Specialistica a ciclo

Dettagli

LE FUNZIONI DEGLI ORDINI PROFESSIONALI NELLA LEGGE ANTIRICICLAGGIO. Dott. Gian Gaetano BELLAVIA

LE FUNZIONI DEGLI ORDINI PROFESSIONALI NELLA LEGGE ANTIRICICLAGGIO. Dott. Gian Gaetano BELLAVIA LE FUNZIONI DEGLI ORDINI PROFESSIONALI NELLA LEGGE ANTIRICICLAGGIO Dott. Gian Gaetano BELLAVIA Diretta 1 dicembre 2008 LE PRESCRIZIONI NORMATIVE Comunicazione annuale delle attività svolte nell ambito

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A.

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A. Unione Lombarda dei Consigli dell Ordine degli Avvocati PROTOCOLLO DI INTESA TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI ed EQUITALIANORD S.p.A. L anno.. il giorno del mese di...presso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO Pagine n. 3 compresa la presente BERIA Adriano & C. s.n.c. Via S. Andrea, 175 ALBIGNASEGO FAX 049 710935 n. 136/2010. Codesta Ditta ha già fornito dichiarazione con il conto corrente dedicato e le generalità

Dettagli

Ordine Nazionale dei Biologi TEL. (06) 57.090.1 r.a. Telefax: 57.090.234 00153 ROMA - Via Icilio, 7

Ordine Nazionale dei Biologi TEL. (06) 57.090.1 r.a. Telefax: 57.090.234 00153 ROMA - Via Icilio, 7 REGOLAMENTO PER L INFORMAZIONE SANITARIA (in applicazione alla Legge 183/2011 legge di riforma degli ordini professionali) Riferimenti legislativi - Legge 4 agosto 2006, n. 248 (Regolamento di pubblicità

Dettagli

Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte

Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte Gli obblighi di protezione dei dati personali per CTU, periti e consulenti tecnici di parte Paolo Frediani Con la delib. n. 46/2008, il Garante per la protezione dei dati personali ha emesso le Linee guida

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 1 TRIESTINA TRIESTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Decreto n 440 del 28/10/2015 OGGETTO Contributi economici aziendali in favore delle Associazioni di Volontariato

Dettagli

CONVENZIONE TRA E PREMESSO CHE

CONVENZIONE TRA E PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA AIAS Associazione professionale italiana Ambiente e Sicurezza, con Sede Operativa Via del Vecchio Politecnico, 7 20121 - Milano (Mi) Partita IVA 11534520157 rappresentata da Ing. Giancarlo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 4 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 12/01/2012 OGGETTO AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI RELATIVI ALL'ATTIVITA' ISTITUZIONALE DELL'ARPA FVG PER IL PERIODO 31/12/2011 31/12/2016.

Dettagli

Allegato B (per società e ditte individuali) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE UNICA

Allegato B (per società e ditte individuali) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE UNICA In bollo 16,00 AREA 24 S.p.A. Sede legale: Corso Cavallotti, 59-18038 Sanremo Sede amministrativa: P.za della Stazione, 1 18010 Santo Stefano al Mare Tel. 0184 524066 area24spa@pec.it www.area24spa.it

Dettagli

U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO

U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO Determinazione nr. 3397 Trieste 13/11/2014 Proposta nr. 2344 Del 13/11/2014 Oggetto: Programma per la cooperazione Italia Slovenia 2007-2013

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DATI PERSONALI Nome: Adriana Battistutta Nata a: Mogadiscio (Somalia) Il 17.12.1957 Professione avvocato libero professionista Studio legale Udine, via Pola, n.27 Telefono

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE 3. PRINCIPI ETICI DELL ASSOCIAZIONE 3.1 VALORE STRATEGICO DELLE RISORSE UMANE 3.2 LEGALITA 3.3

Dettagli

REGOLAMENTO DI PUBBLICITA SANITARIA

REGOLAMENTO DI PUBBLICITA SANITARIA REGOLAMENTO DI PUBBLICITA SANITARIA Il Consiglio provinciale dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Campobasso, riunitosi in data 18 marzo 2009, VISTA la legge 4 agosto 2006, n. 248 (cosiddetta

Dettagli

SCOPERTA DI UN BENE ARCHEOLOGICO: IL PREMIO ANCHE ALL'ISPETTORE ONORARIO" T.A.R. Friuli 259/2012 commento e testo

SCOPERTA DI UN BENE ARCHEOLOGICO: IL PREMIO ANCHE ALL'ISPETTORE ONORARIO T.A.R. Friuli 259/2012 commento e testo SCOPERTA DI UN BENE ARCHEOLOGICO: IL PREMIO ANCHE ALL'ISPETTORE ONORARIO" T.A.R. Friuli 259/2012 commento e testo A.FERRETTI P&D.IT Per ottenere l erogazione del premio di rinvenimento di un bene archeologico

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E RATIO DELL ISTITUTO L art. 54 bis 1, d.lgs. 165/2001, inserito dall art. 1, comma 51 della legge 190/2012

Dettagli

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO ROMA RICORSO Per il CO.NA.ME.CO., Coordinamento Nazionale Medici Competenti, con sede in Via Loc.

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO ROMA RICORSO Per il CO.NA.ME.CO., Coordinamento Nazionale Medici Competenti, con sede in Via Loc. TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO ROMA RICORSO Per il CO.NA.ME.CO., Coordinamento Nazionale Medici Competenti, con sede in Via Loc. Gricciano s.n.c, Fabrica di Roma (VT) in persona del legale

Dettagli