CHECKLIST stipula contratto di locazione commerciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHECKLIST stipula contratto di locazione commerciale"

Transcript

1 Prima di firmare: Prima di sottoscrivere qualunque tipo di contratto si consiglia di: leggerlo (per intero) e studiarlo attentamente. Nel fare ciò, può essere molto utile chiedersi continuamente se tutte le norme del contratto siano comprensibili e se si è sicuri di aver compreso bene il senso, e ulteriori possibili significati, delle singole clausole contrattuali. Questo vale sia per il presente Contratto di Locazione per aziende alberghiere/della ristorazione di GastroSuisse che per qualsiasi altro contratto di locazione. Modo di procedere: Le consigliamo di procurarsi prima delle trattative contrattuali il contratto di locazione e tutti i relativi documenti (per es. l ordinamento interno). Nota bene: Bisogna badare al fatto che i documenti siano completi e che siate in possesso della versione più attuale. Un esame accurato del contratto e qualche colloquio chiarificatore tra le parti servono a preservare da futuri inconvenienti e solitamente anche a risparmiare tempo e denaro. Poiché, una volta firmato un contratto di locazione contenente errori, non chiaro oppure non letto, la disputa giuridica in seguito è praticamente implicita. Le principali disposizioni di un contratto di locazione generalmente sono le seguenti: la durata del rapporto locativo, il recesso dal contratto locativo, l accordo sulle spese accessorie, l importo del canone e il modo di procedere nel caso in cui l oggetto preso in locazione presentasse un difetto. Occorre prestare particolare attenzione anche alle norme sull inventario (inventario di locazione e di acquisto). Legga attentamente (più volte) tutti i documenti e si segni le clausole contrattuali che non comprende, cioè, che per lei non sono chiare. Rimanga critico durante tutta la lettura e si chieda sempre se le clausole contrattuali sono chiare a tal punto da avere lo stesso significato per entrambe le parti oppure se lasciano spazio a diverse interpretazioni e opinioni. In caso di dubbi conviene consultare, appoggiandosi sui suoi documenti e appunti, un avvocato, il suo consulente (Gastroconsult) o amministratore fiduciario e farsi spiegare le norme contrattuali incomprensibili. Ovviamente, è anche possibile cercare il dialogo con il proprio locatore per chiarire l applicazione di una determinata clausola contrattuale tra le parti, o meglio, come si intende interpretarla. Per un colloquio di questo tipo è assolutamente consigliabile: mettere a verbale, annotare le interpretazioni date di comune accordo, firmare reciprocamente il verbale e fornire a entrambe le parti una copia di quest ultimo. In caso di dubbi, non esiti a rivolgere domande al suo locatore. Tuttavia, non prenda tutte le sue affermazioni per oro colato. Nemmeno il locatore (di solito) è laureato in legge e, inoltre, (spesso) difende i propri legittimi interessi. Il più delle volte, i contratti di locazione contengono anche nel singolo caso una serie di disposizioni individuali particolarmente importanti. Valuti, quindi, prima della sottoscrizione quali sono le caratteristiche che contraddistinguono, rendono speciale o particolare, l oggetto preso in locazione e che, di conseguenza, devono essere fissate esplicitamente nel contratto. Ogni immobile è diverso dall altro ed è per questo che a volte bisogna elaborare e stabilire delle norme contrattuali insolite o speciali. Raccomandazione: Una volta terminato lo studio di un gruppo di domande o di una singola domanda della seguente checklist, spunti ( ) semplicemente le caselle relative e Ο. 1

2 Le parti contraenti Ο L elenco delle parti contraenti è corretto e completo? Ο È chiaro per entrambe le parti chi è la persona da contattare presso l altra parte contraente (amministrazione, rappresentante del locatore, più locatari, comunione ereditaria ecc.)? Ο Più locatari garantiscono in solido? Ο Sussistono rapporti di sublocazione; ne sono previsti? Ο Cosa succede se una delle parti cambia ragione sociale (per es. da ditta individuale a S.r.l.)? Oggetto preso in locazione Ο L oggetto preso in locazione viene definito e descritto in modo preciso? Ο Sono elencati tutti i locali, su tutti i piani? Ο Di quanti metri quadri è l oggetto preso in locazione (NO alle indicazioni approssimative)? Ο Nel contratto di locazione si fa riferimento ad eventuali diritti di coutenza (oggetto preso in locazione, fondo) da parte di terzi? Ο L oggetto preso in locazione dispone di locali attigui/di servizio, ascensore, parcheggio clienti, terrazza oppure giardino? Ο L oggetto preso in locazione comprende un appartamento per il gestore? Ο Che tipo di impianti e strumenti tecnici ed elettronici fanno parte dell oggetto preso in locazione? Ο Viene concesso in locazione anche un dominio internet? Ο Sussistono restrizioni d uso di natura privata o pubblico- giuridica? Ο È in possesso di un estratto catastale attuale? Responsabilità Ο Di cosa risponde come locatario? Ο Eventuali esoneri dalla responsabilità sono formulati in modo esaustivo dal punto di vista giuridico? Uso previsto, obbligo di utilizzo, orari d apertura, divieto di concorrenza Ο L uso previsto per l oggetto preso in locazione è chiaro (bar, dancing, hotel, ristorante)? Ο Esistono particolari obblighi o condizioni riguardo agli orari d apertura, alle vacanze aziendali ecc.? Ο L oggetto preso in locazione può essere utilizzato anche per altri scopi? Ο Sono ammesse modifiche architettoniche (condizioni tutela dei monumenti)? Ο Come vengono gestiti i finanziamenti, o meglio, i pagamenti delle modifiche architettoniche? Ο Il locatore in zona affitta altri immobili con lo stesso scopo di utilizzo? Desidera il divieto di concorrenza? Trasferimento nell immobile locato Ο Prima dell entrata in vigore del contratto devono essere/saranno eseguiti dei lavori di riparazione/rinnovo all immobile locato? Se sì, entro quando saranno conclusi? Ο È possibile trasferirsi (completamente/parzialmente) nell immobile già prima della data di decorrenza del contratto? Ο Fissi un termine di consegna con il locatore e insista sull ispezione, da fare insieme, dell oggetto preso in locazione e sul verbale di consegna. Ο Prima dell ispezione chieda il verbale di riconsegna dell affittuario precedente. Si faccia mostrare i documenti degli eventuali servizi di consegna eseguiti. Durata del contratto di locazione Ο Si tratta di un contratto di locazione a tempo determinato/indeterminato? Ο È stata concordata una durata minima del contratto di locazione? Nota bene: Nel caso in cui decidesse di firmare un contratto di locazione con una durata minima, deve essere consapevole che durante tutta la durata minima di locazione rimane vincolato al contratto e salvo esplicite eccezioni non ha la possibilità di recedere prima della scadenza della durata minima prestabilita. Ο Il suo contratto di locazione a tempo determinato prevede un opzione di proroga? Ο Se sì: a quali condizioni? Ο Che tipo di procedura bisogna seguire per ottenere una proroga di un contratto a tempo determinato? 2

3 Disdetta Ο Per la disdetta vale il termine di preavviso (minimo) di 6 mesi, previsto dalla legge, oppure un periodo più lungo? Ο Sono in vigore i termini di disdetta ufficiali del cantone oppure è possibile disdire il contratto entro la fine di ogni mese (escl. / incl. dicembre)? Ο Quali termini sono previsti per la disdetta dell appartamento del gestore? Canone d affitto (art. 257 CO) Nota bene: Per un immobile commerciale della ristorazione, il canone d affitto dovrebbe corrispondere ad una quota tra l 8 e il 12% (mass.) del fatturato totale. Chieda assolutamente spiegazioni in caso di quote percentuali di canone superiori. Ο Quale modello di canone d affitto viene applicato: fisso / fatturato / misto? Ο Canone d affitto fisso: Qual è l importo del canone d affitto? L importo del canone è giustificato? (Cfr. art. 269 CO) Spese accessorie incluse? Ο Canone base e percentuale d affitto sul fatturato: Qual è l importo del canone base / canone minimo? (Canone d affitto minimo per anno: 12) Qual è la percentuale d affitto dovuta sul volume d affari? Spese accessorie incluse? Ο Percentuale d affitto sul volume d affari: fatturato del predecessore? (Documentazione concreta assolutamente indispensabile!) Definizione degli importi di fatturazione rilevanti per il canone d affitto? In quale forma, quando e da chi (contabile) viene comunicato il fatturato tra le parti? È possibile scaglionare la percentuale sul fatturato? Spese accessorie incluse? Ο Pagamento: Quando scade il termine per il pagamento del canone d affitto? Quali sono le modalità di pagamento previste fra le parti? Ο Qual è il modo giusto di procedere per un eventuale adeguamento del canone d affitto? Ο Il locatore potrebbe accettare un canone d affitto scaglionato? Ο Qual è la base di calcolo per il canone d affitto? Tasso d interesse di riferimento per ipoteche, indice nazionale dei prezzi al consumo, base indice? Ο È stata concordata una riserva riguardo al canone d affitto (possibile rivalutazione del canone)? Ο Il rapporto di locazione al momento della stipula del contratto è soggetto a IVA oppure è esente? Spese accessorie (art. 257a e b CO) Ο Le spese accessorie sono esplicitamente fissate nel contratto? Ο Le spese accessorie si limitano alle spese effettivamente risultanti? Nota bene: Tutto ciò che non è elencato separatamente viene inteso come incluso nel canone d affitto netto e non può essere addebitato dal locatore come spesa aggiuntiva. Ο Quali sono i punti che nel contratto d affitto vengono indicati sotto il termine spese accessorie? Nota bene: Pretenda un conteggio finale. Ο Quale modalità di pagamento è applicata per le spese accessorie? Pagamento forfettario o in acconto? Pagamento forfettario (importo fisso): L ammontare delle spese accessorie è stabilito anticipatamente in cifre e, in linea di principio, per tutta la durata fissa del contratto non può essere modificato. Con il pagamento della somma forfettaria si ritengono saldate tutte le spese accessorie, indipendentemente dal fatto che le spese effettive per il locatore possano essere inferiori o superiori. Pagamento in acconto: L affittuario paga periodicamente (in anticipo) di solito mensilmente un importo prestabilito, che viene detratto dal conteggio annuo finale delle spese accessorie. Alla fine del periodo di conteggio, il locatore calcola le spese accessorie effettivamente risultanti e le distribuisce tra le singole parti locatarie. La chiusura dei conti da un lato riporta le spese del locatore, dall altro i pagamenti in acconto effettuati dall affittuario. Se il saldo del conteggio risulta a favore dell affittuario, quest ultimo può chiedere la restituzione del relativo importo oppure detrarlo dal canone d affitto. 3

4 Ο Durante le trattative contrattuali si informi sulle spese accessorie effettivamente da aspettarsi. Chieda di visionare gli ultimi conteggi delle spese accessorie. Ο Come sono distribuite le spese accessorie in caso di più parti locatarie? Ο Come e quando le spese accessorie sono comunicate dal locatore? Ο Quando scade il termine per il pagamento delle spese accessorie? Ο In caso di pagamenti in acconto intende esigere una limitazione dell importo complessivo? Esempio di formulazione: Le spese accessorie effettive possono superare al massimo del 20% il totale dei pagamenti in acconto dell anno contabile. Ο Il locatore è a conoscenza di tutto quello che non può addebitare come spese accessori? Spese del locatore che riguardano la manutenzione ordinaria, acquisti di ricambi o rinnovamenti, come pure adempimenti del locatore indipendenti dall utilizzo della cosa locata. Deposito in garanzia / cauzione (257e CO) Nota bene: Per i locali commerciali non esiste un limite massimo; il locatore è libero di decidere l importo da chiedere all affittuario come prestazione di garanzia. Di solito la cauzione per i locali commerciali dipende dalle caratteristiche individuali, che sono trattabili con il locatore. Ο In quanto consiste il deposito cauzionale/la prestazione di garanzia? Ο Entro quando deve avvenire il pagamento? Ο L affittuario conosce le coordinate bancarie precise (nome della banca, intestazione del conto)? Ο Il divieto di compensazione è noto a entrambe le parti? Ο In caso di difficoltà nel pagamento, eventuali canoni d affitto in scadenza ecc. non possono essere addebitati sul deposito cauzionale. Ο Il conto deposito rimane bloccato per tutta la durata del rapporto di locazione per entrambi i contraenti. Diritti e doveri del locatore (art. 256 CO) Ο Il locatore consegna l immobile in uno stato conforme al contratto? Ο Il locatore dispone di un verbale di riconsegna del rapporto di locazione precedente? Se esiste questo tipo di documento, chieda assolutamente di visionarlo. Ο Il locatore è consapevole del suo obbligo di garanzia legge sugli esercizi pubblici (GGG), legislazione edilizia, protezione antincendio nei confronti dell affittuario? Ο Il locatore sa di dover rispondere, al posto dell affittuario, di danni causati dall adempimento incompleto oppure non tempestivo degli obblighi burocratici? Ο Come deve procedere il locatore in caso di modifiche (edilizie) all oggetto preso in locazione? Termini di avviso, riguardo, riduzioni del canone d affitto. Ο Si faccia garantire per contratto come affittuario lavori di manutenzione periodici. Ο Quali assicurazioni deve stipulare il locatore? Ο Il locatore redige un verbale chiave? Diritti e doveri del locatario Ο Il locatario ha le idee chiare sull utilizzo conforme al contratto bar, dancing, hotel, ristorante dell immobile locato? Ο Come avviene la consegna dell oggetto preso in locazione? Chi redige il verbale (dei difetti riscontrati)? Nota bene: Pretenda una consegna in presenza di entrambe le parti e si prenda tutto il tempo necessario per controllare. Ο Cosa può modificare o trasformare il locatario nella parte esterna dell immobile locato? Illuminazione esterna e cartelli (pubblicitari) ecc. Ο Come deve procedere il locatario se desidera restaurare/rimodernare oppure fare delle modifiche? Nota bene: Raccolga sempre, come affittuario, il consenso scritto del locatore per le modifiche. Ο In caso di difetti emersi durante il periodo di locazione, l affittuario come deve procedere per comunicarli? Ο Che tipo di regolamentazione è in vigore riguardo alla licenza d esercizio? Ο Il locatario cosa deve assicurare? Ο Come deve avvenire la restituzione dell immobile locato? 4

5 Contratti di assistenza I costi dei contratti di assistenza esistenti vanno a carico dell affittuario, a patto che garantiscano una verifica e/o manutenzione (piccole riparazioni) periodica tramite un impresa di assistenza riconosciuta. Ο Per quali strumenti / impianti dell immobile locato esistono contratti di manutenzione? Ο Il locatore si assume le spese di quali contratti? Ο È chiara per entrambe le parti l assunzione di spese per interventi (lavori di manutenzione/riparazioni) che vanno oltre il consueto servizio di assistenza? Ο Il locatore fornisce una prova del servizio manutentivo per tutti gli apparecchi e macchinari dell inventario di locazione che non sia più vecchio di 60 giorni prima della data di inizio della locazione? Ο L affittuario può con l approvazione del locatore stipulare propri contratti di assistenza. Contratti di fornitura tra il locatore e terzi (per es. contratto per fornitura di birra) (cfr. anche art. 254 CO) Ο Esistono tali contratti tra il locatore e terzi e, se sì, devono essere necessariamente proseguiti/osservati dall affittuario? Ο Chi ha la facoltà di disdire o modificare questo tipo di contratti? Ο Chi riceve gli eventuali rimborsi scaturiti dal contratto? Ο Il rimborso viene definito in percentuale sul prezzo d acquisto? Ο Esiste un rapporto diretto tra tutti i contratti di fornitura e l utilizzo della cosa locata? Ο L affittuario può tenere prodotti della concorrenza? Restituzione anticipata / Cessione della locazione / Subaffitto Ο Le parti sono a conoscenza dell art. 263 CO Trasferimento della locazione a un terzo" e dell art. 264 CO Restituzione anticipata della cosa? Ο Come deve avvenire un eventuale restituzione anticipata della cosa locata? Ο Che tipo di regolamentazione è in vigore riguardo ad un eventuale rapporto di subaffitto? Difetti durante la locazione (art. 259a CO) Nota bene: Nella valutazione di un difetto conta anche l utilizzo concordato della cosa locata per determinare se quest ultima presenta realmente un difetto o meno. Ο Il locatore è consapevole di dover mantenere l oggetto locato in uno stato che consenta il funzionamento dell attività? Ο In che modo procederà il locatore in caso di lavori di manutenzione o modifiche edilizie all immobile durante il periodo di locazione? Ο Il locatore dispone di una lista delle aziende artigiane da lui predilette? Chieda di averne una copia. Ο Cosa intende il locatore con "piccola manutenzione? Nota bene: L affittuario, a proprie spese, è tenuto soltanto a fare le piccole pulizie e riparazioni necessarie per l uso consueto della cosa locata. Inventario di locazione Per inventario di locazione nella ristorazione si intende l inventario d esercizio che il locatore mette a disposizione dell affittuario, indipendentemente dal fatto che si tratti di un inventario di oggetti piccoli o grandi. Ο Come, quando e da chi viene eseguita la stesura dell inventario? Ο Le parti sanno che devono assumersi la metà dei costi, qualora la redazione dell inventario sia demandata ad un azienda terza? Ο L elenco riporta realmente soltanto l inventario necessario al funzionamento dell esercizio? Ο Chi è responsabile per l aggiornamento dell elenco inventario? Ο Come si svolge la restituzione dell inventario di locazione alla fine del rapporto locativo? Ο È corretta la valutazione dell inventario? Ο Le quantità sono esatte? Ο Come sono regolamentati gli obblighi di risarcimento? 5

6 Inventario acquisti e scorte di prodotti Per inventario acquisti si intendono gli oggetti dell inventario che il locatario acquista e dei quali deve necessariamente entrare in possesso per motivi di produzione. Si tratta esclusivamente di oggetti di uso quotidiano, che da un punto di vista concettuale sono indispensabili per la produzione, la fabbricazione e la distribuzione. L inventario acquisti può essere composto da un inventario di oggetti acquistati piccoli o grandi. Il locatario è tenuto a rilevare, acquistando al valore d esercizio, l intero inventario acquisti presente nell immobile locato, purché si tratti di inventario necessario al funzionamento dell attività. Ο Il locatore è in grado di fornire delle prove di servizi manutentivi attuali (al massimo 60 giorni prima della stesura dell elenco inventario acquisti)? Ο Nell eventualità, i terminali elettronici (POS) per carte di credito e bancomat fanno parte dell inventario acquisti? Ο Per valore d esercizio entrambe le parti intendono la stessa cosa? Ο Il locatario verificherà l inventario d acquisto entro 10 giorni dal rilevamento? Ο Il locatario è consapevole che l inventario di locazione fino al completo pagamento del prezzo d acquisto rimane di proprietà del venditore (locatore/affittuario precedente)? Ο L acquirente/il locatario sa di dover versare salvo altri accordi contrattuali una caparra pari al 75% del prezzo d acquisto entro il giorno di consegna dell immobile locato? Ο In che modo viene organizzato l obbligo di riconsegna/presa in consegna alla fine del rapporto locativo? Ο Come vengono gestite eventuali scorte di prodotti allo scadere del contratto? Varie Ο Qualora fosse interessato, chieda al locatore un eventuale diritto di prelazione sull immobile. Ο In caso di possibili piani di espansione del locatore, bisogna prendere in considerazione una prelazione contrattuale di locazione. Ο Per tutelarsi da una disdetta straordinaria per urgenza di proprio fabbisogno da parte di un acquirente dell immobile, chieda il registro al catasto del suo contratto di locazione. Ο In qualità di affittuario pretenda il divieto di concorrenza all interno dell immobile locato (per es. centro commerciale). Ο In che modo entrano in vigore le modifiche al contratto d affitto? Ο Si informi presso il suo locatore se le ha consegnato tutte le copie delle chiavi o se ne possiede ancora. Ο Trovi un accordo su come deve avvenire un eventuale visita dell immobile locato tramite il locatore. Ο Decidete insieme se l art. 32 del contratto di locazione tipo di GastroSuisse deve entrare in vigore o meno. Ο Stabilisca quali documenti supplementari costituiscono parte integrante e vincolante del contratto. Ulteriori informazioni La presente checklist è stata redatta con la massima attenzione, tuttavia si tratta di un elenco generale che non sostituisce la consulenza per il singolo caso. Gli associati GastroSuisse ricevono informazioni telefoniche su domande che riguardano il diritto del lavoro e della locazione presso la nostra consulenza giuridica gratuita, dal lunedì al giovedì dalle ore alle e dalle ore alle 16.00: Telefono , fax oppure Anche le istanze di locazione cantonali forniscono informazioni utili: Servizio giuridico GastroSuisse, febbraio

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

CONTRATTO-TIPO DI LOCAZIONE

CONTRATTO-TIPO DI LOCAZIONE CONTRATTO-TIPO DI LOCAZIONE..., li... INDIVIDUAZIONE DELLA LOCATRICE...... di seguito detta "LOCATRICE", in persona..., concede in locazione al/alla Sig./Sig.ra... INDIVIDUAZIONE DEL CONDUTTORE 1)........

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE Un agenda digitale europea RISERVA COMPLEMENTARE Né la Commissione europea né alcuna persona operante a nome della Commissione è responsabile dell uso che possa

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale che estero, è disciplinata dal D.Lgs. 23/05/2011,

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

DIRETTIVE. Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte

DIRETTIVE. Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte DIRETTIVE Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte Version: 3.0, 10. Dezember 2013 INDICE INDICE 1 Carte di debito: Maestro e VPAY 3-6 1.1 Segni distintivi di sicurezza 3-4 1.1.1 Maestro

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Condizioni generali di vendita e di consegna

Condizioni generali di vendita e di consegna 1. Ambito di applicazione e basi 1.1 Ambito di applicazione delle Condizioni generali di vendita e di consegna Le presenti ( CGC ) vigono per tutti i rapporti giuridici (offerte, trattative contrattuali,

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli