infosalute 11 Piano provinciale sangue Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "infosalute 11 Piano provinciale sangue 2010-2012 Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche sociali"

Transcript

1 infosalute 11 Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche sociali Piano provinciale sangue

2

3 infosalute 11

4

5 Piano provinciale sangue Edizioni Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla salute e politiche sociali Trento, 2010

6 infosalute 11 Piano provinciale sangue Paola Zanetti (a cura di) Assessorato alla Salute e politiche sociali Servizio Economia e programmazione sanitaria Ufficio Programmazione, valutazione e controllo dell attività sanitaria Via Gilli, Trento tel fax copyright Giunta della Provincia Autonoma di Trento L utilizzo del materiale pubblicato è consentito con citazione obbligatoria della fonte

7 Presentazione Il piano sangue , approvato dalla Giunta provinciale, è lo strumento programmatorio che definisce le linee evolutive del sistema trasfusionale provinciale, cioè del sistema che presiede alla raccolta, lavorazione, distribuzione e utilizzo del sangue e dei suoi componenti a scopo di cura, e che quindi riveste importanza strategica all interno del servizio sanitario provinciale. Negli ultimi anni, dall approvazione del precedente piano provinciale sangue, adottato nel 2005, sono stati fatti consistenti passi avanti in questo settore, in termini di miglioramento della qualità, sicurezza informatizzazione delle attività trasfusionali, in presenza di un notevole rinnovamento normativo che ha investito questa materia a livello europeo e nazionale. Il testo del nuovo piano sangue si pone in continuità con il precedente, disponendo la prosecuzione delle linee di intervento tracciate: il miglioramento continuo di qualità e sicurezza, la programmazione di nuove funzioni, l attenzione costante alla raccolta di sangue in un rapporto di forte collaborazione con le Associazioni di volontariato, con il loro patrimonio umano di donatori presenti sul nostro territorio, grazie ai quali sono stati raggiunti nella nostra provincia risultati estremamente lusinghieri per quanto riguarda l autosufficienza di sangue e emocomponenti e anche la capacità di intervento per carenze extraprovinciali. La trasversalità dei servizi trasfusionali nell ambito delle attività di cura e il fondamento sulla collaborazione insostituibile dei donatori motivano il rafforzamento dell organizzazione di tipo dipartimentale di questo particolare settore, le cui linee evolutive devono essere condivise tra tutte le componenti che vi operano e che collaborano, con diversi ruoli, per i medesimi obiettivi. Per questo è particolarmente importante la diffusione, mediante questa pubblicazione, sia delle linee programmatiche generali adottate con il piano, sia delle procedure tecniche adottate dall Azienda provinciale per i servizi sanitari, quale ulteriore stimolo per mantenere costante l impegno umano e l efficienza tecnica finora dimostrati nella direzione del miglioramento dello stato di salute e della qualità della vita della popolazione. Ugo Rossi Assessore provinciale alla salute e politiche sociali

8

9 Indice Approvazione del Piano provinciale sangue Piano provinciale sangue Premessa Attuazione degli obiettivi del precedente piano provinciale sangue Obiettivi generali del piano provinciale sangue a Programmazione della attività di raccolta b Sicurezza dell attività trasfusionale c Qualità organizzativa della rete dei Servizi trasfusionali: Distribuzione e utilizzo del sangue e dei suoi componenti d Raccolta di cellule staminali da sangue periferico e da cordone ombelicale e Qualità organizzativa e strutturale: percorso di autorizzazione accreditamento f Promozione della donazione e valorizzazione del volontariato...29 Appendice 1: Strutture trasfusionali operative in ambito provinciale...31 Appendice 2: Procedura D.I.M.T. selezione donatore e raccolta sangue ed emocomponenti...33 Appendice 3: Criteri per la selezione del donatore...47 Appendice 4: Note informative per aspiranti donatori...67 Appendice 5: Note informative per i donatori di sangue ed emocomponenti.68 Appendice 6: Modulo di informazione, accettazione e consenso alla donazione di sangue ed emocomponenti...83 Appendice 7: Piano indicatori di qualità D.I.M.T Appendice 8: Schema di accordo con le Associazioni dei Donatori Volontari Sangue...99 Appendice 9: Riferimenti normativi relativi alle attività trasfusionali

10

11 Approvazione Piano provinciale sangue LA GIUNTA PROVINCIALE Richiamata la precedente deliberazione n. 607 del 1 aprile 2005, con la quale è stato approvato il Piano provinciale sangue , secondo i principi fissati dalla legge 4 maggio 1990, n. 107 allora vigente, che prevedeva la definizione di un piano a livello regionale al fine di una razionale distribuzione dei servizi e per efficace tutela della salute dei donatori e dei cittadini. Rilevato che anche la successiva legge 21 ottobre 2005, n. 219, contenente la nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione di plasmaderivati, prevede che a livello regionale sono definiti gli obiettivi per l autosufficienza integrata, regionale e interregionale, e per l assistenza in materia trasfusionale. Ritenuto pertanto di adottare un nuovo piano sangue per il triennio , nel quale siano precisate le linee guida di fondo per l evoluzione del sistema emotrasfusionale provinciale e gli obiettivi in materia di autosufficienza e sicurezza delle attività trasfusionali. Vista la deliberazione n del 11 luglio 2008 di Approvazione dello schema di accordo tra l Azienda provinciale per i servizi sanitari e le Associazioni dei donatori volontari di sangue; Dato atto che la proposta elaborata del nuovo Piano provinciale sangue per il periodo è stata illustrata alle Associazioni dei donatori acquisendone osservazioni e suggerimenti. Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 207 recante Attuazione della direttiva 2005/61/CE che applica la direttiva 2002/98/CE per quanto riguarda la prescrizione in tema di rintracciabilità del sangue e degli emocomponenti destinati a trasfusioni e la notifica di effetti indesiderati ed incidenti gravi. infosalute 11 9

12 Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 208 recante Attuazione della direttiva 2005/62/CE che applica la direttiva 2002/98/CE per quanto riguarda le norme e le specifiche comunitarie relative ad un sistema di qualità per i servizi trasfusionali. Visto il decreto legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 recante Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/ CE che stabilisce norme di qualità e di sicurezza per la raccolta, il controllo, la lavorazione, la conservazione e la distribuzione del sangue umano e dei suoi componenti. A voti unanimi, espressi nelle forme di legge, d e l i b e r a 1. di approvare il Piano provinciale sangue per il periodo nel testo che, allegato alla presente deliberazione, ne forma parte integrante e sostanziale; 2. di dare atto che, per la migliore attuazione del Piano sangue, sono state predisposte, a cura del Dipartimento di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, i documenti e le procedure che costituiscono appendice al Piano sangue di cui al punto infosalute 11

13 Piano provinciale sangue

14

15 1. Premessa L organizzazione dei servizi trasfusionali comprende una serie di processi coordinati - dalla raccolta del sangue e degli emocomponenti, alla loro conservazione e lavorazione, fino alla distribuzione e trasfusione al paziente - che prendono avvio dalla persona del donatore per arrivare alla persona del paziente ricevente. Tutti i passaggi intermedi, che richiedono tecnologie, professionalità degli operatori e procedure uniformi, sono finalizzati a garantire a entrambi le migliori condizioni possibili: al donatore le migliori condizioni di salute, al ricevente il farmaco più efficace e mirato nella massima garanzia di qualità e sicurezza. In questa ottica, il precedente Piano provinciale sangue ha segnato il rafforzamento dell assetto istituzionale Dipartimentale nell organizzazione dei servizi trasfusionali nella provincia di Trento, e contemporaneamente il consolidamento di alcuni obiettivi attinenti all autosufficienza del sangue e dei suoi componenti e alla sicurezza trasfusionale. Nel periodo di vigenza del piano si è assistito in provincia di Trento all introduzione di una serie di nuovi servizi ospedalieri (Unità Operative di neurochirurgia e di ematologia), e ciò ha messo in evidenza la necessità del continuo monitoraggio della situazione di autosufficienza, in un sistema dinamico nel quale i fabbisogni variano in relazione alle strutture presenti e ai protocolli terapeutici. Con riguardo alla collaborazione tra Provincia, Azienda sanitaria e donatori volontari di sangue, è stato istituito un nuovo organismo rappresentativo, la Commissione tecnica provinciale per i servizi trasfusionali, dotata di compiti consultivi e propositivi ai fini organizzativi e di programmazione, quale momento importante di sviluppo della compartecipazione di tutti gli attori del sistema e di miglioramento del livello di coordinamento tra le varie componenti. Si è assistito inoltre ad una produzione normativa notevole, a livello nazionale e comunitario, che ha disciplinato globalmente la materia, sia riguardo all assetto istituzionale a livello nazionale, ridisegnato dalla legge 21 ottobre 2005 n. 219 con la creazione dei nuovi organismi della Consulta nazionale e del Centro Nazionale Sangue dotati di forti funzioni di coordinamento, sia riguardo alle misure infosalute 11 13

16 a garanzia della qualità e sicurezza del sangue umano e dei suoi componenti (decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, poi rivisto con il decreto legislativo 20 dicembre 2007, n. 261), nonché agli aspetti organizzativi fondamentali in materia di rintracciabilità e eventi avversi (decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 207) e di sistema di qualità per i servizi trasfusionali (decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 208). Il nuovo piano provinciale sangue , interviene pertanto in un contesto che è accuratamente regolamentato, potendo contare su una base di positivi risultati raggiunti. I nuovi obiettivi devono essere rivolti da una parte al mantenimento e miglioramento dell autosufficienza in relazione ai nuovi bisogni con l impulso alla promozione delle donazioni, e dall altra al miglioramento della qualità di tutti i processi, con il completamento dell adeguamento ai requisiti di legge e l attuazione dei percorsi di verifica e di accreditamento. Il piano sangue infine conferma il Dipartimento di Medicina Trasfusionale quale insostituibile strumento di attuazione della rete trasfusionale provinciale, rafforzandone sia i poteri gestionali ed organizzativi, sia l interazione con gli altri dipartimenti. 14 infosalute 11

17 2. Attuazione degli obiettivi del precedente piano provinciale sangue Il Piano provinciale sangue 2004/2008, poneva come obiettivi generali la programmazione dell attività di raccolta a garanzia del mantenimento dell autosufficienza, la qualità tecnica e sicurezza dell attività trasfusionale, nonché la qualità organizzativa e della rete dei servizi trasfusionali con la applicazione dei requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi. Un ulteriore obiettivo riguardava l intervento sul versante sociale delle attività trasfusionali, nella promozione della donazione e valorizzazione del volontariato. Per quanto riguarda l autosufficienza provinciale, nel periodo di vigenza del Piano la raccolta si è mantenuta sugli standard previsti: si è registrato un graduale incremento della raccolta, fino a superare, nel , le unità di sangue intero. Si è osservata peraltro una certa disomogeneità della presenza di donatori sul territorio, con un calo dei donatori nei centri maggiori (Trento e Rovereto) a fronte di un aumento nelle zone periferiche. E stato pertanto iniziato un programma di ampliamento dell attività nelle unità di raccolta, a partire dalla nuova sistemazione della unità di raccolta presso l ex ospedale psichiatrico di Pergine, allo spostamento in nuovi locali dell unità di raccolta presso l ospedale di Borgo Valsugana, alla sistemazione dei locali dell unità di raccolta presso l ospedale di Tione, al potenziamento dell unità di raccolta di Cavalese con l istituzione di sedute di raccolta anche presso l ambulatorio di Pozza di Fassa. È stata inoltre raggiunta l autosufficienza anche per quanto riguarda gli emoderivati, che nel 2005 risultava ancora incompleta. Riguardo al contributo all autosufficienza nazionale, sono state risolte le precedenti convenzioni per la cessione programmata ad Aziende extratraprovinciali. Per quanto riguarda la sicurezza delle attività trasfusionali, il piano poneva in particolare l accento sull obiettivo della riduzione dei rischi clinici non infettivi, derivanti dalla non corretta identificazione del paziente. Per questo aspetto sono state programmate misure per ridurre al minimo tali rischi (con l avvio dei processi di identificazione mediante braccialetto eliminando così le possibilità di errore al letto del paziente) ed è stata implementata la raccolta di infosalute 11 15

18 dati relativi alle non conformità, discussi in audit clinici all interno dei reparti. Relativamente alla qualità organizzativa, il sistema informatico trasfusionale EmoNet, introdotto nel novembre 2006 presso le strutture di Trento e Rovereto, ed esteso nel corso del 2007 a tutte le Unità di Raccolta provinciali, ha permesso l alimentazione completa in tempo reale dei dati da tutte le strutture trasfusionali provinciali unite in rete informatica. Lo sviluppo di tale sistema ha rappresentato un passo fondamentale nel processo di ottimizzazione e uniformazione delle procedure fra le strutture dipartimentali. È stato inoltre avviato il processo di autorizzazione/accreditamento delle strutture trasfusionali, in un contesto in cui le strutture ospedaliere e trasfusionali sono oggetto di importanti adeguamenti e ristrutturazioni. Preso atto di quanto realizzato nella direzione indicata dal precedente piano sangue, rimane comunque ancora attuale la necessità di completare il riordino strutturale-organizzativo, e di proseguire nel processo appena iniziato di autorizzazione/accreditamento delle strutture trasfusionali. 16 infosalute 11

19 3. Obiettivi generali del piano provinciale sangue Il piano sangue è finalizzato a perseguire i seguenti obiettivi generali: garantire il mantenimento del livello di autosufficienza provinciale di sangue, emocomponenti e emoderivati, mediante un ottimale programmazione e coordinamento della rete di raccolta nelle varie sedi, concorrere all autosufficienza nazionale e promuovere progetti specifici per iniziative di cooperazione internazionale; garantire un elevato livello di sicurezza delle attività trasfusionali mediante la totale informatizzazione delle strutture e la standardizzazione delle procedure; rafforzare l organizzazione dipartimentale, incrementando anche le funzioni e le responsabilità delle unità di raccolta, e, in particolare, rafforzare la funzione del Dipartimento trasfusionale non soltanto nella gestione e controllo dell applicazione di linee-guida e protocolli, ma anche dotandolo di strumenti organizzativi e di gestione delle risorse, umane e non, al fine di ottimizzare e migliorare la funzione di distribuzione di emocomponenti negli ospedali periferici; avviare la raccolta di cellule staminali da sangue periferico e incrementare la raccolta da cordone ombelicale; perseguire il miglioramento della qualità organizzativa e strutturale mediante il proseguimento dei processi di autorizzazione e accreditamento delle strutture; incrementare le forme di collaborazione con il volontariato mediante la valorizzazione delle attività delle Associazioni, il collegamento in rete e il sostegno alle attività di promozione e sviluppo della donazione. 3.a. Programmazione della attività di raccolta (autosufficienza provinciale e nazionale) L autosufficienza non può mai ritenersi un dato stabilmente acquisito, ma è un obiettivo da perseguire e monitorare costantemente, legato all equilibrio tra attività di raccolta/produzione e necessità distributive, che può cambiare per l influenza di vari fattori: variabilità del fabbisogno clinico, applicazione di linee guida standard per l utilizzo, capacità di mantenimento di una base costante di donatori stabili. infosalute 11 17

20 I dati dell attività di raccolta degli anni dimostrano una costante crescita del numero complessivo delle donazioni di sangue intero, dalle donazioni del 2005, alle circa del Si osserva che l aumento di donazioni nel periodo più recente si è realizzato grazie all attività delle unità di raccolta periferiche, a fronte di una raccolta stazionaria, se non in leggero calo, presso il SIT di Trento e il CT di Rovereto. Programmazione della raccolta Per i prossimi anni deve essere annualmente programmata la raccolta di sangue intero prevedendone un progressivo aumento graduale, dato il previsto incremento dei consumi. Dovrà inoltre essere realizzato un aumento della raccolta di plasma mediante aferesi. Infatti, mentre può considerarsi acquisita l autosufficienza di globuli rossi, va monitorata e rafforzata l autosufficienza di emoderivati recentemente conseguita, mediante un attenta programmazione del fabbisogno di plasma da inviare all industria per la lavorazione. L aumento da prevedere nella raccolta di sangue è dovuto alla necessità di far fronte al maggior fabbisogno derivante dall istituzione dell Unità Operativa di ematologia presso l Ospedale S. Chiara, per la quale è da mettere in conto la richiesta di unità aggiuntive di sangue intero ed altrettante di concentrati piastrinici. La programmazione annuale della raccolta e dell utilizzo di emocomponenti e emoderivati sarà realizzata, anche sentita la commissione provinciale per i servizi trasfusionali, attraverso l elaborazione di un piano annuale di raccolta. Ai fini del raggiungimento dell obiettivo dell aumento della raccolta si definiscono le seguenti azioni, da porre in essere dall Azienda provinciale per i servizi sanitari: corretta programmazione e ottimizzazione della rete di raccolta tramite l attività del DIMT con il coinvolgimento delle organizzazioni di volontariato. Rafforzamento e incremento della raccolta nelle unità di raccolta periferiche con l ottimizzazione e, se il caso, l adeguamento, a tal fine, delle risorse di personale, anche istituendo un organico dipartimentale da adibire a rotazione nelle varie unità di raccolta, e avvalendosi della collaborazione delle associazioni dei donatori di sangue nell integrazione del personale sanitario necessario secondo modalità da concordare tra le associazioni e il DIMT; formale costituzione della nuova unità di raccolta di Pozza di Fassa, con la possibilità di individuare altri centri di raccolta in alcune zone decentrate; sostegno e collaborazione alle Associazioni dei donatori nell organizzazione di campagne di sensibilizzazione della popolazione e promozione della donazione volontaria e gratuita del sangue, soprattutto in concomitanza con il pieno avvio dell operatività dell Unità Operativa di ematologia; applicazione di un indice di donazione omogeneo in tutta la provincia e soprattutto promozione di opportune attività promozionali finalizzate alla riduzione dell età media della base dei donatori, attualmente attestata sui anni. 18 infosalute 11

21 Concorso al fabbisogno nazionale e internazionale Nel corso della vigenza del precedente piano sangue si è registrato un netto miglioramento per quanto riguarda la raccolta e l autosufficienza di sangue nelle regioni storicamente carenti, con le quali erano stati istituiti in passato stabili rapporti di collaborazione per la cessione mediante convenzioni. Pertanto, data la riduzione della richiesta e in considerazione della crescita contestuale del fabbisogno a livello locale, è cessata l operatività delle suddette convenzioni. Rimane peraltro ferma la disponibilità ad assicurare la collaborazione con strutture extraprovinciali mediante cessione di sangue e derivati per specifiche situazioni transitorie di carenza, al di fuori di rapporti stabili di scambio, nel rispetto di criteri e modalità di gestione eventualmente definiti dal Centro Nazionale Sangue. Infatti, a norma della legge 219/2005, l autosufficienza è confermata come un obiettivo non frazionabile nel Paese, finalizzato a garantire a tutti i cittadini uguali condizioni di qualità e sicurezza delle terapie trasfusionali mediante un efficace coordinamento interregionale. La Provincia concorre al fabbisogno di altre regioni anche mediante la partecipazione al consorzio interregionale per la lavorazione del plasma (A.I.P. - Accordo Interregionale Plasma), accordo che vede la partecipazione di 10 regioni e province autonome per il conferimento di un appalto unitario per la lavorazione di tutto il plasma delle regioni aderenti e per il ritorno di emoderivati in conto lavorazione. L accordo consente la possibilità di un interscambio tra le regioni aderenti di prodotti derivanti da plasma raccolto dell ambito del consorzio, secondo specifiche modalità e tariffe. Invece può essere progettata e perseguita, nel rispetto delle norme internazionali, la partecipazione a iniziative di solidarietà e cooperazione internazionale verso nazioni carenti, per la cessione di derivati del sangue (attraverso l Accordo Interregionale per la Plasmaderivazione) e di emocomponenti (su iniziativa provinciale), specie nelle aree in cui è più critica la situazione dei servizi sanitari per sottosviluppo o situazioni di guerra, secondo quanto previsto dal CNS. Per la cessione del sangue e degli emocomponenti tra servizi sanitari pubblici si applicano i prezzi unitari indicati nell allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n del 6 novembre 2003, adottata in conformità alle previsioni dell Accordo 24 luglio 2003 tra il Ministro della Salute, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sul documento Aggiornamento del prezzo unitario di cessione del sangue e degli emocomponenti tra servizi sanitari pubblici e successive modificazioni. Per la cessione di emoderivati si applicano i prezzi determinati dalla Giunta provinciale con propria deliberazione n del 10 dicembre 2004, tenuto conto sia di quanto stabilito dall articolo 3 del decreto del ministro della Sanità 15 aprile 1994, sia delle determinazioni concordate nell ambito dell accordo interregionale per la lavorazione del plasma, di cui alla deliberazione della Giunta provinciale n. 9882/1998. infosalute 11 19

22 3.b. Sicurezza dell attività trasfusionale Riguardo al rischio infettivo si può affermare di aver conseguito la massima riduzione possibile del rischio trasfusionale in quanto è stata introdotta l effettuazione, per tutte le unità raccolte, della ricerca dei componenti virali, con tecnica NAT, oltre che per il virus dell epatite C, anche per l HIV e l epatite B. Inoltre è applicata in via generale e standardizzata la procedura di selezione e valutazione dei donatori volontari di cui al decreto ministeriale di data 3 marzo 2005 riguardante i protocolli per l accertamento e la valutazione periodica dell idoneità del donatore, così come le disposizioni riguardanti le caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. L Azienda deve programmare una più metodica attività pianificata di follow-up dei pazienti sottoposti a terapia trasfusionale, attribuendo sempre maggiore attenzione alle logiche del rischio clinico. Riguardo al rischio clinico non di origine infettiva, è noto che gran parte dei rischi trasfusionali derivano oggi dalla difficoltà del sistema organizzativo di eliminare gli errori di identificazione del paziente. Per ridurre al minimo tali rischi si dispone che siano proseguite le misure adottate sperimentalmente riguardanti il processo di identificazione del paziente mediante braccialetto, e che siano adottate procedure per il monitoraggio e la raccolta di dati sulle non conformità e per la valutazione congiunta dei casi mediante audit clinici all interno dei reparti. È necessario pertanto pervenire ad un sistema completo di monitoraggio degli incidenti (errori e quasi-errori) e delle idonee procedure per prevenirli. Va rafforzato inoltre il sistema dell emovigilanza, finalizzato a registrare, oltre agli incidenti, anche gli eventi avversi gravi e a tal fine il sistema informativo deve connettersi al sistema SISTRA nazionale (sistema informativo dei servizi trasfusionali) per interfacciarsi con il Centro Nazionale Sangue. Inoltre deve essere garantita la notifica di tutti gli eventi avversi anche alla Provincia. La verifica sistematica della sicurezza e dell efficacia terapeutica del sangue e dei suoi prodotti deve essere conseguita attraverso i seguenti strumenti: a. la standardizzazione delle procedure trasfusionali di raccolta, manipolazione, validazione e distribuzione degli emocomponenti attraverso l adozione di linee guida e protocolli e in modo tale che sia assicurata la tracciabilità di ogni unità di sangue o emoderivato, ovvero la possibilità di risalire al donatore in ogni momento del percorso; b. il monitoraggio delle attività trasfusionali e dei possibili eventi avversi connessi a tali attività attraverso un adeguato sistema informativo che preveda la rilevazione dei dati inerenti i singoli eventi trasfusionali e la rilevazione dei controlli post-trasfusionali. 20 infosalute 11

23 3.c. Qualità organizzativa della rete dei Servizi trasfusionali: Distribuzione e utilizzo del sangue e dei suoi componenti Il perseguimento della corretta distribuzione e utilizzo di emocomponenti e emoderivati è strettamente connesso con il perseguimento dell autosufficienza, che deve essere intesa come capacità di rispondere ai bisogni appropriati di cura e non come semplice corresponsione alla richiesta di utilizzo. Anche il criterio dell appropriatezza è soggetto nel tempo a variazioni: non sempre l aumento di consumi dipende da uso inappropriato (come ad es. registrato in passato per l Albumina) ma può essere dovuto a un maggior numero di indicazioni cliniche emergenti (es. Immunoglobuline aspecifiche); per la terapia trasfusionale piastrinica l opzione prevalente è la riduzione della produzione di singole unità di concentrati piastrinici a favore della produzione di piastrine da buffy coat e l adesione a tale orientamento consente di recuperare una quota di plasma da inviare alla lavorazione industriale. Per l emofilia e le sindromi correlate verrà proseguito il monitoraggio dei consumi dei farmaci - scelti sulla scorta delle raccomandazioni nazionali ed internazionali basate sull evidenza clinica e realizzato mediante la loro distribuzione diretta - e la raccolta delle informazioni di utilizzo anche per auto infusione domiciliare. Gli esempi citati testimoniano la necessità che l Azienda sanitaria assicuri costantemente il monitoraggio e il miglioramento della distribuzione e dell utilizzo degli emocomponenti negli ospedali attraverso la puntuale attività del Comitato per il Buon uso del sangue. Compiti prioritari del Comitato sono la promozione e la corretta indicazione alla terapia trasfusionale secondo il principio del rischio-beneficio; la realizzazione di linee guida basate sull evidenza per la terapia con emocomponenti ed emoderivati, comprensive di raccomandazioni per l attuazione di una terapia alternativa all uso del sangue omologo quali l autotrasfusione, intesa come predeposito e recupero peri-operatorio del sangue nei casi selezionati sulla scorta dell evidenza clinica; la realizzazione di audit retrospettivi per la verifica e la revisione della qualità del processo trasfusionale; la formazione degli operatori sanitari all uso mirato e ragionato del sangue e degli emocomponenti. A questo deve affiancarsi la puntuale e continuativa consulenza trasfusionale, sia presso l ospedale di Trento e Rovereto che negli ospedali periferici, affinché la distribuzione e il consumo di sangue, emocomponenti ed emoderivati siano gestiti in modo omogeneo, rispondente a criteri di appropriatezza. A tale scopo la Direzione del DIMT individua un responsabile dipartimentale per il buon uso del sangue. Per il conseguimento di questo obiettivo, l Azienda pone in essere le seguenti azioni: provvede a rafforzare la struttura Dipartimentale quale strumento per la standardizzazione delle attività trasfusionali, e a dare maggior impulso alle attività del Comitato per il buon uso del sangue, garantendo il continuo miglioramento dell impiego delle risorse; infosalute 11 21

24 provvede a dotare gli ospedali periferici di frigoemoteche computerizzate (cosiddette frigoemoteche intelligenti ), in grado di assicurare la completa tracciabilità di ogni operazione; programma e attua un adeguata formazione del personale; assicura la generale applicazione delle linee-guida per la terapia trasfusionale; mantiene il costante monitoraggio dei consumi nelle diverse situazioni cliniche e eventuale revisione degli standard anche attraverso attività di confronto con altre realtà, nazionali e europee. Nel periodo di vigenza del presente piano si conferma l adesione della Provincia all Accordo interregionale per la plasmaderivazione, che consente l invio del plasma alla lavorazione industriale e la contrattualizzazione e assegnazione unitaria dei servizi di plasmaderivazione al fine di condividere strategie e requisiti atti a garantire alti livelli qualitativi dei servizi stessi e ad assicurare l utilizzo di farmaci emoderivati prodotti da plasma proveniente dalle regioni del consorzio. I dati di conferimento all industria per la lavorazione dimostrano un notevole aumento negli ultimi anni delle quantità di plasma conferite in conto lavorazione, attestatosi negli ultimi due anni su un dato di circa chilogrammi conferiti all anno. Riguardo al fabbisogno in condizioni di urgenza emergenza, va assicurata la costante presenza di adeguate scorte di emazie, da utilizzarsi in caso di emergenze e calamità e per sopperire a gravi e improvvise carenze di sangue in provincia, o per contribuire a situazioni di emergenza trasfusionale fuori provincia. Si rende inoltre necessario che sia assicurata la possibilità di attivare raccolte suppletive straordinarie e di porre in essere forme di coordinamento con strutture trasfusionali extraprovinciali, da attivare in base a piani organizzativi mediante il coordinamento del Centro Nazionale Sangue. 3.d Raccolta di cellule staminali da sangue periferico e da cordone ombelicale Premessa Le cellule staminali emopoietiche, la cui identificazione è resa possibile per la presenza sulla loro superficie di specifici markers detti cluster di differenziazione (CD34+, CD38+, CD59+), possono essere prelevate: da midollo osseo da sangue periferico da cordone ombelicale. Le cellule staminali emopoietiche raccolte vengono congelate entro 24 ore dal prelievo e lo stoccaggio avviene in azoto liquido a temperature inferiori a 190 C. Il congelamento blocca i processi vitali cellulari garantendo una prolungata disponibilità delle CSE crioconservate, la cui capacità emopoietica si mantiene stabile per oltre 10 anni. 22 infosalute 11

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali Testo aggiornato al 28 maggio 2009 Decreto ministeriale 21 dicembre 2007 Gazzetta Ufficiale 16 gennaio 2008, n. 13 Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali IL MINISTRO DELLA SALUTE

Dettagli

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CONOSCERE IL SISTEMA SANGUE PER CRESCERE NELLA NUOVA REALTA AVISINA TITOLO INTERVENTO «Cenni sulla normativa europea ed italiana in ambito trasfusionale:

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 18 novembre 2009 Istituzione di una rete nazionale di banche per la conservazione di sangue da cordone ombelicale. (09A15289) IL MINISTRO

Dettagli

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato DECRETO 18 novembre 2009 Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 2 ottobre 2013 Accordo 25 luglio 2012, n. 149/Csr Gazzetta Ufficiale 9 maggio 2013, n. 107 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 26 agosto 1997, n. 281, tra il Governo,

Dettagli

Conferenza Stato Regioni

Conferenza Stato Regioni Pagina 1 di 5 Conferenza Stato Regioni Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante Linee guida per l accreditamento delle Banche di sangue da cordone

Dettagli

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ;

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ; REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 aprile 2015, n. 12-1322 Rinnovo della Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per il collegamento

Dettagli

Legge 21 ottobre 2005, n. 219. " Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati "

Legge 21 ottobre 2005, n. 219.  Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati Indici delle leggi Legge 21 ottobre 2005, n. 219 " Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati " pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 251 del 27 ottobre

Dettagli

Legge 21 ottobre 2005, n. 219

Legge 21 ottobre 2005, n. 219 Legge 21 ottobre 2005, n. 219 " Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati " pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 251 del 27 ottobre 2005 Capo I. DISPOSIZIONI

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 84/CSR del 20 aprile 2011 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli

Dettagli

Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati

Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati Testo aggiornato al 5 luglio 2006 Legge 21 ottobre 2005, n. 219 Gazzetta Ufficiale 27 ottobre 2005, n. 251 Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati CAPO

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 16 dicembre 2010 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

2) Esperienza lavorativa: - avere maturato un esperienza lavorativa in ambito sanitario di almeno 3 anni.

2) Esperienza lavorativa: - avere maturato un esperienza lavorativa in ambito sanitario di almeno 3 anni. Allegato B). Modello per le visite di verifica dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti ai sensi dell articolo 5 del decreto legislativo 20 dicembre 2007, n.

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

Bur n. 11 del 08/02/2011

Bur n. 11 del 08/02/2011 Bur n. 11 del 08/02/2011 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 12 del 11 gennaio 2011 lr 22/02 definizione dei requisiti di autorizzazione all'esercizio e di accreditamento istituzionale

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 31 dicembre 2008 - Deliberazione N. 2098 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Legge n 219 del 21/10/2005, art. 6: Schema tipo di

Dettagli

La donazione di sangue: una scelta libera e consapevole. XVII Assemblea Annuale Soci Avis Comunale Cariati. 2 Aprile 2011 Dott. Domenico Lorenzo Urso

La donazione di sangue: una scelta libera e consapevole. XVII Assemblea Annuale Soci Avis Comunale Cariati. 2 Aprile 2011 Dott. Domenico Lorenzo Urso La donazione di sangue: una scelta libera e consapevole XVII Assemblea Annuale Soci Avis Comunale Cariati 2 Aprile 2011 Dott. Domenico Lorenzo Urso Nella relazione vengono esposti gli aspetti legislativi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

Sistema Trasfusionale Toscano PROGRAMMAZIONE ATTIVITA TRASFUSIONALI Anno 2012

Sistema Trasfusionale Toscano PROGRAMMAZIONE ATTIVITA TRASFUSIONALI Anno 2012 Allegato A Sistema Trasfusionale Toscano PROGRAMMAZIONE ATTIVITA TRASFUSIONALI Anno 2012 Il Sistema Trasfusionale Toscano è un sistema complesso che costituisce un efficiente modello di rete i cui nodi

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo

Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo PROFILO CATEGORIA DESCRIZIONE Elementi oggettivi relativi alla Struttura operativa Organizzazione L'Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa (ASP-RG) è sede

Dettagli

Corso di Formazione Dirigenti associativi Avis Regionale Lazio

Corso di Formazione Dirigenti associativi Avis Regionale Lazio Legge 21 ottobre 2005, n. 219 Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati Corso di Formazione Dirigenti associativi Avis Regionale Lazio un momento di raccordo

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n.

CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n. CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n. 219 La Regione Emilia-Romagna nella persona dell'assessore alle Politiche

Dettagli

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Allegato A SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Il contesto Per emovigilanza si intende il sistema delle procedure volte alla rilevazione e monitoraggio delle reazioni indesiderate gravi o inaspettate dei

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 620 DEL 29 OTTOBRE 2015 CONVENZIONE TRA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 620 DEL 29 OTTOBRE 2015 CONVENZIONE TRA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 620 DEL 29 OTTOBRE 2015 CONVENZIONE TRA LA REGIONE CAMPANIA e per essa L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, PARTITA IVA n. 06909360635, - sede del DAI di Medicina

Dettagli

ASSEMBLEA NAZIONALE 2010 MONTESILVANO

ASSEMBLEA NAZIONALE 2010 MONTESILVANO ASSEMBLEA NAZIONALE 2010 MONTESILVANO Legge 21 ottobre 2005, n. 219 a) il raggiungimento dell'autosufficienza regionale e nazionale di sangue, emocomponenti e farmaci emoderivati; b) una più efficace tutela

Dettagli

IL CENTRO NAZIONALE SANGUE

IL CENTRO NAZIONALE SANGUE IL CENTRO NAZIONALE SANGUE Vista la legge 21 ottobre 2005, n. 219, recante: Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati ed in particolare l articolo 15

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 21 dicembre 2007 Nuova disciplina delle attivita' trasfusionali e della produzione nazionale di emoderivati.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 21 dicembre 2007 Nuova disciplina delle attivita' trasfusionali e della produzione nazionale di emoderivati. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 21 dicembre 2007 Nuova disciplina delle attivita' trasfusionali e della produzione nazionale di emoderivati. Sezione I Principi generali IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la

Dettagli

DECRETO 21 dicembre 2007 Nuova disciplina delle attivita' trasfusionali e della produzione nazionale di emoderivati.

DECRETO 21 dicembre 2007 Nuova disciplina delle attivita' trasfusionali e della produzione nazionale di emoderivati. Gazzetta Ufficiale N. 13 del 16 Gennaio 2008 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 21 dicembre 2007 Nuova disciplina delle attivita' trasfusionali e della produzione nazionale di emoderivati. Sezione I Principi

Dettagli

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Via Sallustiana, 26 00187 Roma Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Roma, 14 giugno 2011 Conservazione del SCO -Conservazione pubblica per uso allogenico (da donazione

Dettagli

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune,

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, 1 L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, globale e soprattutto condiviso, che coinvolga tutte le

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 03-08-2006 REGIONE PUGLIA. Norme di organizzazione del sistema trasfusionale regionale.

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 03-08-2006 REGIONE PUGLIA. Norme di organizzazione del sistema trasfusionale regionale. LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 03-08-2006 REGIONE PUGLIA Norme di organizzazione del sistema trasfusionale regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 101 del 8 agosto 2006 IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione 2015: una realtà. I nuovi requisiti minimi per l autorizzazione e l accreditamento

Dettagli

Art. 1 Norme generali

Art. 1 Norme generali LEGGE REGIONALE 24 dicembre 1996, n. 143 Disciplina delle attività trasfusionali. (B.U.R. 27 dicembre 1996, n.25) Art. 1 Norme generali 1. La presente legge disciplina l istituzione, il funzionamento ed

Dettagli

Piano Regionale Sangue e Plasma per il triennio 2008-2010

Piano Regionale Sangue e Plasma per il triennio 2008-2010 Allegato alla Delib.G.R. n. 46/ 1 del 3.9.2008 Piano Regionale Sangue e Plasma per il triennio 2008-2010 Indice I Premessa II La situazione attuale III Le attività trasfusionali IV Gli obiettivi di Piano

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 11685 DEL 20/10/2006 Identificativo Atto n. 992

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 11685 DEL 20/10/2006 Identificativo Atto n. 992 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 11685 DEL 20/10/2006 Identificativo Atto n. 992 Oggetto: APPROVAZIONE DI UNO SCHEMA-TIPO DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI MEDICINA TRASFUSIONALE TRA LA STRUTTURA

Dettagli

Allegato. il giorno del mese di in. Tra. l Azienda Sanitaria (di seguito indicata Azienda) nella persona. del Direttore Generale pro tempore

Allegato. il giorno del mese di in. Tra. l Azienda Sanitaria (di seguito indicata Azienda) nella persona. del Direttore Generale pro tempore Allegato A alla Delib lib.g.r. n. 47/28 del 30.12.2010 Schema tipo di Convenzione tra le Associazioni/Federazioni di donatori volontari di sangue e le Aziende Sanitarie della Regione Sardegna, per la partecipazione

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 18 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 242/Csr Gazzetta Ufficiale 17 maggio 2011, n. 113, S. O. Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 4 maggio 2007 Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. (GU n.110 del 14-5-2007) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre

Dettagli

TERZO PIANO SANGUE E PLASMA DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA PER IL TRIENNIO 2012/2014.

TERZO PIANO SANGUE E PLASMA DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA PER IL TRIENNIO 2012/2014. TERZO PIANO SANGUE E PLASMA DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA PER IL TRIENNIO 2012/2014. INDICE: premessa norme e documenti di riferimento analisi dei risultati del secondo piano sangue e plasma (2007-2009)

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI d) relazioni bilaterali con la Turchia, i Paesi del Caucaso, le Repubbliche centrasiatiche e la Russia; e) temi trattati nell ambito delle Nazioni Unite e delle Agenzie Specializzate; f) temi relativi

Dettagli

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta;

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta; Cellule staminali da cordone ombelicale: misure urgenti Ministero Salute, ordinanza 04.05.2007, G.U. 14.05.2007 (Gesuele Bellini) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2007, l ordinanza del

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1806 del 24 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano sul

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Rassegna stampa. A cura dell Ufficio Stampa FIDAS Nazionale. Venerdì 22 gennaio 2016. Rassegna associativa. Rassegna Sangue e emoderivati

Rassegna stampa. A cura dell Ufficio Stampa FIDAS Nazionale. Venerdì 22 gennaio 2016. Rassegna associativa. Rassegna Sangue e emoderivati Rassegna stampa A cura dell Ufficio Stampa FIDAS Nazionale Venerdì 22 gennaio 2016 Rassegna associativa 2 Rassegna Sangue e emoderivati 5 Rassegna sanitaria, medico-scientifica e Terzo settore 9 Prima

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4747 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BARANI Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione

Dettagli

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI A.O. S. Giovanni- Addolorata UOC Medicina Immuno- Trasfusionale CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI 1. GENERALITA La presente Carta dei Servizi descrive le attività trasfusionali che costituiscono

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

1 di 5 20/01/15 12:01

1 di 5 20/01/15 12:01 N u m e rr o A :49643 tt tt i i A g g i i o rr n a tt : o 19 a gennaio l l 2015 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA Dettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA

Dettagli

I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali

I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali Dr.ssa Lucia Cretti Azienda Spedali Civili di Brescia Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale LA NUOVA ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico

IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Analisi dei costi come strumento di governo clinico, l'esperienza del DIMT

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Il costo totale delle operazioni addebitate al conto «Fondo per l ammortamento dei titoli di Stato» il giorno 5 dicembre 2012 Þ ssato per il regolamento, ammonta a euro 189.276.475,00. L importo complessivo

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: U.P. Programmazione Risorse Finanziarie SSR Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Page 1 of 9 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 25 luglio 2012 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 26 agosto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

15.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 15 DELIBERAZIONE 6 aprile 2009, n. 255

15.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 15 DELIBERAZIONE 6 aprile 2009, n. 255 DELIBERAZIONE 6 aprile 2009, n. 255 Approvazione dello schema tipo di accordo, ai sensi della L. 219/05, tra la Regione Toscana, Assessorato Diritto alla Salute, e le Associazioni e Federazioni dei donatori

Dettagli

LEGGE REGIONALE 24 MARZO 1988, N. 32: Organizzazione dei servizi immunotrasfusionali.

LEGGE REGIONALE 24 MARZO 1988, N. 32: Organizzazione dei servizi immunotrasfusionali. LEGGE REGIONALE 24 MARZO 1988, N. 32: Organizzazione dei servizi immunotrasfusionali. Art. 1 (Disciplina delle attività trasfusionali) Nella Regione Abruzzo la raccolta, il frazionamento, la conservazione

Dettagli

Convegno Nazionale San Giovanni Rotondo (FG), 7 maggio 2011

Convegno Nazionale San Giovanni Rotondo (FG), 7 maggio 2011 Convegno Nazionale San Giovanni Rotondo (FG), 7 maggio 2011 Nazionale Regionale Lombardia Regionale Puglia La raccolta di sangue ed emocomponenti alla luce dei requisiti minimi per le Strutture trasfusionali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N" 167/9^^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE IMBALZANO RECANTE: "ISTITUZIONE DEL CENTRO REGIONALE SANGUE"

PROPOSTA DI LEGGE N 167/9^^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE IMBALZANO RECANTE: ISTITUZIONE DEL CENTRO REGIONALE SANGUE ? CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III Commissione Consiliare Permanente Attività Sociali, Sanitarie, Culturali, Formative PROPOSTA DI LEGGE N" 167/9^^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE IMBALZANO RECANTE:

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

Leggi e regolamenti regionali

Leggi e regolamenti regionali Leggi e regolamenti regionali Legge regionale 23 novembre 2009, n. 41 - Testo vigente Legge regionale 23 novembre 2009, n. 41 Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione degli emoderivati.

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

Los Hemoderivados desde la perspectiva del Donante y del Paciente

Los Hemoderivados desde la perspectiva del Donante y del Paciente Los Hemoderivados desde la perspectiva del Donante y del Paciente Roberto Rondin Cooperazione Internazionale AVIS - Italia Dr. Rocco Potenza Consulente Tecnico ed Organizzativo AVIS Regionale Veneto -

Dettagli

DELLA REPUBBLICA ITALIANA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 ottobre 2009, n. 1455. Piano Regionale Sangue. Determinazioni in merito.

DELLA REPUBBLICA ITALIANA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 ottobre 2009, n. 1455. Piano Regionale Sangue. Determinazioni in merito. Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 23 del 26 maggio 2010 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Legislazione AVIS Abruzzo

Legislazione AVIS Abruzzo Decreto Ministero Sanità 3 Marzo 2005.(G.U. n. 85 13/04/2005) Protocolli per l`accertamento della idoneita` del donatore di sangue e di emocomponenti IL MINISTERO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990,

Dettagli

Vincenzo Saturni. Varese, 28 gennaio 2012 2

Vincenzo Saturni. Varese, 28 gennaio 2012 2 1 Vincenzo Saturni Varese, 28 gennaio 2012 2 THE ITALIAN BLOOD SYSTEM According to 21 st October 2005 Law New discipline for blood transfusion activities and national production of blood derivatives SELF

Dettagli

OGGETTO : DIRETTIVA URGENTE DI CARATTERE TECNICO ALLE AZIENDE SANITARIE IN ORDINE ALLA SICUREZZA NELLE ATTIVITA' DI TRASFUSIONE DI SANGUE.

OGGETTO : DIRETTIVA URGENTE DI CARATTERE TECNICO ALLE AZIENDE SANITARIE IN ORDINE ALLA SICUREZZA NELLE ATTIVITA' DI TRASFUSIONE DI SANGUE. SCHEMA N... 54788 DEL PROT. GEN. ANNO...2000 D ipa r time nto Sa nita' e Se r vizi Soc iali OGGETTO : DIRETTIVA URGENTE DI CARATTERE TECNICO ALLE AZIENDE SANITARIE IN ORDINE ALLA SICUREZZA NELLE ATTIVITA'

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Lettera progressiva: B Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 10 D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Premessa....

Dettagli

GEL PIASTRICO AUTOLOGO

GEL PIASTRICO AUTOLOGO GEL PIASTRICO AUTOLOGO NECESSITA DI COOPERAZIONE CON IL CENTRO TRASFUSIONALE Considerazioni Medico-Legali L I.S.S. in una nota del 27/12/2001, precisa che: 1) Il prelievo e tutta la procedura di preparazione

Dettagli

Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta: il percorso normativo

Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta: il percorso normativo Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta: il percorso normativo Bologna, 22 dicembre 2012 Relatrice: Ivana Menichini D.Lgs. 502/1992 Riordino della disciplina

Dettagli

Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti.

Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2015 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016 Decreto Ministero della Salute 2.11.2015 pubblicato su GURI SG n.300 del 28.12.2015 "Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti" Coordinatore del Comitato

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

Num. Reg. Proposta: GPG/2013/183 ----------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Num. Reg. Proposta: GPG/2013/183 ----------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Testo dell'atto Num. Reg. Proposta: GPG/2013/183 ----------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: la deliberazione dell Assemblea Legislativa della Regione

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU9 28/02/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 8 febbraio 2013, n. 15-5321 Approvazione della Convenzione fra la Regione Piemonte e le Associazioni e Federazioni di donatori volontari

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti. Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI

Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti. Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI Decreto Ministero Sanità 3 Marzo 2005 - (G.U. n. 85 13/04/2005) Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI IL MINISTRO

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, Partita IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico,

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO - REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 5 DI ORISTANO

SERVIZIO SANITARIO - REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 5 DI ORISTANO SERVIZIO SANITARIO - REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 5 DI ORISTANO Reg. n del Schema di Convenzione tra le Associazioni/Federazioni di donatori volontari di sangue e le Aziende Sanitarie della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n.

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n. RISOLUZIONE N. 155/E Roma, 12 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22

Dettagli