infosalute 11 Piano provinciale sangue Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "infosalute 11 Piano provinciale sangue 2010-2012 Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche sociali"

Transcript

1 infosalute 11 Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche sociali Piano provinciale sangue

2

3 infosalute 11

4

5 Piano provinciale sangue Edizioni Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla salute e politiche sociali Trento, 2010

6 infosalute 11 Piano provinciale sangue Paola Zanetti (a cura di) Assessorato alla Salute e politiche sociali Servizio Economia e programmazione sanitaria Ufficio Programmazione, valutazione e controllo dell attività sanitaria Via Gilli, Trento tel fax copyright Giunta della Provincia Autonoma di Trento L utilizzo del materiale pubblicato è consentito con citazione obbligatoria della fonte

7 Presentazione Il piano sangue , approvato dalla Giunta provinciale, è lo strumento programmatorio che definisce le linee evolutive del sistema trasfusionale provinciale, cioè del sistema che presiede alla raccolta, lavorazione, distribuzione e utilizzo del sangue e dei suoi componenti a scopo di cura, e che quindi riveste importanza strategica all interno del servizio sanitario provinciale. Negli ultimi anni, dall approvazione del precedente piano provinciale sangue, adottato nel 2005, sono stati fatti consistenti passi avanti in questo settore, in termini di miglioramento della qualità, sicurezza informatizzazione delle attività trasfusionali, in presenza di un notevole rinnovamento normativo che ha investito questa materia a livello europeo e nazionale. Il testo del nuovo piano sangue si pone in continuità con il precedente, disponendo la prosecuzione delle linee di intervento tracciate: il miglioramento continuo di qualità e sicurezza, la programmazione di nuove funzioni, l attenzione costante alla raccolta di sangue in un rapporto di forte collaborazione con le Associazioni di volontariato, con il loro patrimonio umano di donatori presenti sul nostro territorio, grazie ai quali sono stati raggiunti nella nostra provincia risultati estremamente lusinghieri per quanto riguarda l autosufficienza di sangue e emocomponenti e anche la capacità di intervento per carenze extraprovinciali. La trasversalità dei servizi trasfusionali nell ambito delle attività di cura e il fondamento sulla collaborazione insostituibile dei donatori motivano il rafforzamento dell organizzazione di tipo dipartimentale di questo particolare settore, le cui linee evolutive devono essere condivise tra tutte le componenti che vi operano e che collaborano, con diversi ruoli, per i medesimi obiettivi. Per questo è particolarmente importante la diffusione, mediante questa pubblicazione, sia delle linee programmatiche generali adottate con il piano, sia delle procedure tecniche adottate dall Azienda provinciale per i servizi sanitari, quale ulteriore stimolo per mantenere costante l impegno umano e l efficienza tecnica finora dimostrati nella direzione del miglioramento dello stato di salute e della qualità della vita della popolazione. Ugo Rossi Assessore provinciale alla salute e politiche sociali

8

9 Indice Approvazione del Piano provinciale sangue Piano provinciale sangue Premessa Attuazione degli obiettivi del precedente piano provinciale sangue Obiettivi generali del piano provinciale sangue a Programmazione della attività di raccolta b Sicurezza dell attività trasfusionale c Qualità organizzativa della rete dei Servizi trasfusionali: Distribuzione e utilizzo del sangue e dei suoi componenti d Raccolta di cellule staminali da sangue periferico e da cordone ombelicale e Qualità organizzativa e strutturale: percorso di autorizzazione accreditamento f Promozione della donazione e valorizzazione del volontariato...29 Appendice 1: Strutture trasfusionali operative in ambito provinciale...31 Appendice 2: Procedura D.I.M.T. selezione donatore e raccolta sangue ed emocomponenti...33 Appendice 3: Criteri per la selezione del donatore...47 Appendice 4: Note informative per aspiranti donatori...67 Appendice 5: Note informative per i donatori di sangue ed emocomponenti.68 Appendice 6: Modulo di informazione, accettazione e consenso alla donazione di sangue ed emocomponenti...83 Appendice 7: Piano indicatori di qualità D.I.M.T Appendice 8: Schema di accordo con le Associazioni dei Donatori Volontari Sangue...99 Appendice 9: Riferimenti normativi relativi alle attività trasfusionali

10

11 Approvazione Piano provinciale sangue LA GIUNTA PROVINCIALE Richiamata la precedente deliberazione n. 607 del 1 aprile 2005, con la quale è stato approvato il Piano provinciale sangue , secondo i principi fissati dalla legge 4 maggio 1990, n. 107 allora vigente, che prevedeva la definizione di un piano a livello regionale al fine di una razionale distribuzione dei servizi e per efficace tutela della salute dei donatori e dei cittadini. Rilevato che anche la successiva legge 21 ottobre 2005, n. 219, contenente la nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione di plasmaderivati, prevede che a livello regionale sono definiti gli obiettivi per l autosufficienza integrata, regionale e interregionale, e per l assistenza in materia trasfusionale. Ritenuto pertanto di adottare un nuovo piano sangue per il triennio , nel quale siano precisate le linee guida di fondo per l evoluzione del sistema emotrasfusionale provinciale e gli obiettivi in materia di autosufficienza e sicurezza delle attività trasfusionali. Vista la deliberazione n del 11 luglio 2008 di Approvazione dello schema di accordo tra l Azienda provinciale per i servizi sanitari e le Associazioni dei donatori volontari di sangue; Dato atto che la proposta elaborata del nuovo Piano provinciale sangue per il periodo è stata illustrata alle Associazioni dei donatori acquisendone osservazioni e suggerimenti. Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 207 recante Attuazione della direttiva 2005/61/CE che applica la direttiva 2002/98/CE per quanto riguarda la prescrizione in tema di rintracciabilità del sangue e degli emocomponenti destinati a trasfusioni e la notifica di effetti indesiderati ed incidenti gravi. infosalute 11 9

12 Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 208 recante Attuazione della direttiva 2005/62/CE che applica la direttiva 2002/98/CE per quanto riguarda le norme e le specifiche comunitarie relative ad un sistema di qualità per i servizi trasfusionali. Visto il decreto legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 recante Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/ CE che stabilisce norme di qualità e di sicurezza per la raccolta, il controllo, la lavorazione, la conservazione e la distribuzione del sangue umano e dei suoi componenti. A voti unanimi, espressi nelle forme di legge, d e l i b e r a 1. di approvare il Piano provinciale sangue per il periodo nel testo che, allegato alla presente deliberazione, ne forma parte integrante e sostanziale; 2. di dare atto che, per la migliore attuazione del Piano sangue, sono state predisposte, a cura del Dipartimento di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, i documenti e le procedure che costituiscono appendice al Piano sangue di cui al punto infosalute 11

13 Piano provinciale sangue

14

15 1. Premessa L organizzazione dei servizi trasfusionali comprende una serie di processi coordinati - dalla raccolta del sangue e degli emocomponenti, alla loro conservazione e lavorazione, fino alla distribuzione e trasfusione al paziente - che prendono avvio dalla persona del donatore per arrivare alla persona del paziente ricevente. Tutti i passaggi intermedi, che richiedono tecnologie, professionalità degli operatori e procedure uniformi, sono finalizzati a garantire a entrambi le migliori condizioni possibili: al donatore le migliori condizioni di salute, al ricevente il farmaco più efficace e mirato nella massima garanzia di qualità e sicurezza. In questa ottica, il precedente Piano provinciale sangue ha segnato il rafforzamento dell assetto istituzionale Dipartimentale nell organizzazione dei servizi trasfusionali nella provincia di Trento, e contemporaneamente il consolidamento di alcuni obiettivi attinenti all autosufficienza del sangue e dei suoi componenti e alla sicurezza trasfusionale. Nel periodo di vigenza del piano si è assistito in provincia di Trento all introduzione di una serie di nuovi servizi ospedalieri (Unità Operative di neurochirurgia e di ematologia), e ciò ha messo in evidenza la necessità del continuo monitoraggio della situazione di autosufficienza, in un sistema dinamico nel quale i fabbisogni variano in relazione alle strutture presenti e ai protocolli terapeutici. Con riguardo alla collaborazione tra Provincia, Azienda sanitaria e donatori volontari di sangue, è stato istituito un nuovo organismo rappresentativo, la Commissione tecnica provinciale per i servizi trasfusionali, dotata di compiti consultivi e propositivi ai fini organizzativi e di programmazione, quale momento importante di sviluppo della compartecipazione di tutti gli attori del sistema e di miglioramento del livello di coordinamento tra le varie componenti. Si è assistito inoltre ad una produzione normativa notevole, a livello nazionale e comunitario, che ha disciplinato globalmente la materia, sia riguardo all assetto istituzionale a livello nazionale, ridisegnato dalla legge 21 ottobre 2005 n. 219 con la creazione dei nuovi organismi della Consulta nazionale e del Centro Nazionale Sangue dotati di forti funzioni di coordinamento, sia riguardo alle misure infosalute 11 13

16 a garanzia della qualità e sicurezza del sangue umano e dei suoi componenti (decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, poi rivisto con il decreto legislativo 20 dicembre 2007, n. 261), nonché agli aspetti organizzativi fondamentali in materia di rintracciabilità e eventi avversi (decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 207) e di sistema di qualità per i servizi trasfusionali (decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 208). Il nuovo piano provinciale sangue , interviene pertanto in un contesto che è accuratamente regolamentato, potendo contare su una base di positivi risultati raggiunti. I nuovi obiettivi devono essere rivolti da una parte al mantenimento e miglioramento dell autosufficienza in relazione ai nuovi bisogni con l impulso alla promozione delle donazioni, e dall altra al miglioramento della qualità di tutti i processi, con il completamento dell adeguamento ai requisiti di legge e l attuazione dei percorsi di verifica e di accreditamento. Il piano sangue infine conferma il Dipartimento di Medicina Trasfusionale quale insostituibile strumento di attuazione della rete trasfusionale provinciale, rafforzandone sia i poteri gestionali ed organizzativi, sia l interazione con gli altri dipartimenti. 14 infosalute 11

17 2. Attuazione degli obiettivi del precedente piano provinciale sangue Il Piano provinciale sangue 2004/2008, poneva come obiettivi generali la programmazione dell attività di raccolta a garanzia del mantenimento dell autosufficienza, la qualità tecnica e sicurezza dell attività trasfusionale, nonché la qualità organizzativa e della rete dei servizi trasfusionali con la applicazione dei requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi. Un ulteriore obiettivo riguardava l intervento sul versante sociale delle attività trasfusionali, nella promozione della donazione e valorizzazione del volontariato. Per quanto riguarda l autosufficienza provinciale, nel periodo di vigenza del Piano la raccolta si è mantenuta sugli standard previsti: si è registrato un graduale incremento della raccolta, fino a superare, nel , le unità di sangue intero. Si è osservata peraltro una certa disomogeneità della presenza di donatori sul territorio, con un calo dei donatori nei centri maggiori (Trento e Rovereto) a fronte di un aumento nelle zone periferiche. E stato pertanto iniziato un programma di ampliamento dell attività nelle unità di raccolta, a partire dalla nuova sistemazione della unità di raccolta presso l ex ospedale psichiatrico di Pergine, allo spostamento in nuovi locali dell unità di raccolta presso l ospedale di Borgo Valsugana, alla sistemazione dei locali dell unità di raccolta presso l ospedale di Tione, al potenziamento dell unità di raccolta di Cavalese con l istituzione di sedute di raccolta anche presso l ambulatorio di Pozza di Fassa. È stata inoltre raggiunta l autosufficienza anche per quanto riguarda gli emoderivati, che nel 2005 risultava ancora incompleta. Riguardo al contributo all autosufficienza nazionale, sono state risolte le precedenti convenzioni per la cessione programmata ad Aziende extratraprovinciali. Per quanto riguarda la sicurezza delle attività trasfusionali, il piano poneva in particolare l accento sull obiettivo della riduzione dei rischi clinici non infettivi, derivanti dalla non corretta identificazione del paziente. Per questo aspetto sono state programmate misure per ridurre al minimo tali rischi (con l avvio dei processi di identificazione mediante braccialetto eliminando così le possibilità di errore al letto del paziente) ed è stata implementata la raccolta di infosalute 11 15

18 dati relativi alle non conformità, discussi in audit clinici all interno dei reparti. Relativamente alla qualità organizzativa, il sistema informatico trasfusionale EmoNet, introdotto nel novembre 2006 presso le strutture di Trento e Rovereto, ed esteso nel corso del 2007 a tutte le Unità di Raccolta provinciali, ha permesso l alimentazione completa in tempo reale dei dati da tutte le strutture trasfusionali provinciali unite in rete informatica. Lo sviluppo di tale sistema ha rappresentato un passo fondamentale nel processo di ottimizzazione e uniformazione delle procedure fra le strutture dipartimentali. È stato inoltre avviato il processo di autorizzazione/accreditamento delle strutture trasfusionali, in un contesto in cui le strutture ospedaliere e trasfusionali sono oggetto di importanti adeguamenti e ristrutturazioni. Preso atto di quanto realizzato nella direzione indicata dal precedente piano sangue, rimane comunque ancora attuale la necessità di completare il riordino strutturale-organizzativo, e di proseguire nel processo appena iniziato di autorizzazione/accreditamento delle strutture trasfusionali. 16 infosalute 11

19 3. Obiettivi generali del piano provinciale sangue Il piano sangue è finalizzato a perseguire i seguenti obiettivi generali: garantire il mantenimento del livello di autosufficienza provinciale di sangue, emocomponenti e emoderivati, mediante un ottimale programmazione e coordinamento della rete di raccolta nelle varie sedi, concorrere all autosufficienza nazionale e promuovere progetti specifici per iniziative di cooperazione internazionale; garantire un elevato livello di sicurezza delle attività trasfusionali mediante la totale informatizzazione delle strutture e la standardizzazione delle procedure; rafforzare l organizzazione dipartimentale, incrementando anche le funzioni e le responsabilità delle unità di raccolta, e, in particolare, rafforzare la funzione del Dipartimento trasfusionale non soltanto nella gestione e controllo dell applicazione di linee-guida e protocolli, ma anche dotandolo di strumenti organizzativi e di gestione delle risorse, umane e non, al fine di ottimizzare e migliorare la funzione di distribuzione di emocomponenti negli ospedali periferici; avviare la raccolta di cellule staminali da sangue periferico e incrementare la raccolta da cordone ombelicale; perseguire il miglioramento della qualità organizzativa e strutturale mediante il proseguimento dei processi di autorizzazione e accreditamento delle strutture; incrementare le forme di collaborazione con il volontariato mediante la valorizzazione delle attività delle Associazioni, il collegamento in rete e il sostegno alle attività di promozione e sviluppo della donazione. 3.a. Programmazione della attività di raccolta (autosufficienza provinciale e nazionale) L autosufficienza non può mai ritenersi un dato stabilmente acquisito, ma è un obiettivo da perseguire e monitorare costantemente, legato all equilibrio tra attività di raccolta/produzione e necessità distributive, che può cambiare per l influenza di vari fattori: variabilità del fabbisogno clinico, applicazione di linee guida standard per l utilizzo, capacità di mantenimento di una base costante di donatori stabili. infosalute 11 17

20 I dati dell attività di raccolta degli anni dimostrano una costante crescita del numero complessivo delle donazioni di sangue intero, dalle donazioni del 2005, alle circa del Si osserva che l aumento di donazioni nel periodo più recente si è realizzato grazie all attività delle unità di raccolta periferiche, a fronte di una raccolta stazionaria, se non in leggero calo, presso il SIT di Trento e il CT di Rovereto. Programmazione della raccolta Per i prossimi anni deve essere annualmente programmata la raccolta di sangue intero prevedendone un progressivo aumento graduale, dato il previsto incremento dei consumi. Dovrà inoltre essere realizzato un aumento della raccolta di plasma mediante aferesi. Infatti, mentre può considerarsi acquisita l autosufficienza di globuli rossi, va monitorata e rafforzata l autosufficienza di emoderivati recentemente conseguita, mediante un attenta programmazione del fabbisogno di plasma da inviare all industria per la lavorazione. L aumento da prevedere nella raccolta di sangue è dovuto alla necessità di far fronte al maggior fabbisogno derivante dall istituzione dell Unità Operativa di ematologia presso l Ospedale S. Chiara, per la quale è da mettere in conto la richiesta di unità aggiuntive di sangue intero ed altrettante di concentrati piastrinici. La programmazione annuale della raccolta e dell utilizzo di emocomponenti e emoderivati sarà realizzata, anche sentita la commissione provinciale per i servizi trasfusionali, attraverso l elaborazione di un piano annuale di raccolta. Ai fini del raggiungimento dell obiettivo dell aumento della raccolta si definiscono le seguenti azioni, da porre in essere dall Azienda provinciale per i servizi sanitari: corretta programmazione e ottimizzazione della rete di raccolta tramite l attività del DIMT con il coinvolgimento delle organizzazioni di volontariato. Rafforzamento e incremento della raccolta nelle unità di raccolta periferiche con l ottimizzazione e, se il caso, l adeguamento, a tal fine, delle risorse di personale, anche istituendo un organico dipartimentale da adibire a rotazione nelle varie unità di raccolta, e avvalendosi della collaborazione delle associazioni dei donatori di sangue nell integrazione del personale sanitario necessario secondo modalità da concordare tra le associazioni e il DIMT; formale costituzione della nuova unità di raccolta di Pozza di Fassa, con la possibilità di individuare altri centri di raccolta in alcune zone decentrate; sostegno e collaborazione alle Associazioni dei donatori nell organizzazione di campagne di sensibilizzazione della popolazione e promozione della donazione volontaria e gratuita del sangue, soprattutto in concomitanza con il pieno avvio dell operatività dell Unità Operativa di ematologia; applicazione di un indice di donazione omogeneo in tutta la provincia e soprattutto promozione di opportune attività promozionali finalizzate alla riduzione dell età media della base dei donatori, attualmente attestata sui anni. 18 infosalute 11

21 Concorso al fabbisogno nazionale e internazionale Nel corso della vigenza del precedente piano sangue si è registrato un netto miglioramento per quanto riguarda la raccolta e l autosufficienza di sangue nelle regioni storicamente carenti, con le quali erano stati istituiti in passato stabili rapporti di collaborazione per la cessione mediante convenzioni. Pertanto, data la riduzione della richiesta e in considerazione della crescita contestuale del fabbisogno a livello locale, è cessata l operatività delle suddette convenzioni. Rimane peraltro ferma la disponibilità ad assicurare la collaborazione con strutture extraprovinciali mediante cessione di sangue e derivati per specifiche situazioni transitorie di carenza, al di fuori di rapporti stabili di scambio, nel rispetto di criteri e modalità di gestione eventualmente definiti dal Centro Nazionale Sangue. Infatti, a norma della legge 219/2005, l autosufficienza è confermata come un obiettivo non frazionabile nel Paese, finalizzato a garantire a tutti i cittadini uguali condizioni di qualità e sicurezza delle terapie trasfusionali mediante un efficace coordinamento interregionale. La Provincia concorre al fabbisogno di altre regioni anche mediante la partecipazione al consorzio interregionale per la lavorazione del plasma (A.I.P. - Accordo Interregionale Plasma), accordo che vede la partecipazione di 10 regioni e province autonome per il conferimento di un appalto unitario per la lavorazione di tutto il plasma delle regioni aderenti e per il ritorno di emoderivati in conto lavorazione. L accordo consente la possibilità di un interscambio tra le regioni aderenti di prodotti derivanti da plasma raccolto dell ambito del consorzio, secondo specifiche modalità e tariffe. Invece può essere progettata e perseguita, nel rispetto delle norme internazionali, la partecipazione a iniziative di solidarietà e cooperazione internazionale verso nazioni carenti, per la cessione di derivati del sangue (attraverso l Accordo Interregionale per la Plasmaderivazione) e di emocomponenti (su iniziativa provinciale), specie nelle aree in cui è più critica la situazione dei servizi sanitari per sottosviluppo o situazioni di guerra, secondo quanto previsto dal CNS. Per la cessione del sangue e degli emocomponenti tra servizi sanitari pubblici si applicano i prezzi unitari indicati nell allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n del 6 novembre 2003, adottata in conformità alle previsioni dell Accordo 24 luglio 2003 tra il Ministro della Salute, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sul documento Aggiornamento del prezzo unitario di cessione del sangue e degli emocomponenti tra servizi sanitari pubblici e successive modificazioni. Per la cessione di emoderivati si applicano i prezzi determinati dalla Giunta provinciale con propria deliberazione n del 10 dicembre 2004, tenuto conto sia di quanto stabilito dall articolo 3 del decreto del ministro della Sanità 15 aprile 1994, sia delle determinazioni concordate nell ambito dell accordo interregionale per la lavorazione del plasma, di cui alla deliberazione della Giunta provinciale n. 9882/1998. infosalute 11 19

22 3.b. Sicurezza dell attività trasfusionale Riguardo al rischio infettivo si può affermare di aver conseguito la massima riduzione possibile del rischio trasfusionale in quanto è stata introdotta l effettuazione, per tutte le unità raccolte, della ricerca dei componenti virali, con tecnica NAT, oltre che per il virus dell epatite C, anche per l HIV e l epatite B. Inoltre è applicata in via generale e standardizzata la procedura di selezione e valutazione dei donatori volontari di cui al decreto ministeriale di data 3 marzo 2005 riguardante i protocolli per l accertamento e la valutazione periodica dell idoneità del donatore, così come le disposizioni riguardanti le caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. L Azienda deve programmare una più metodica attività pianificata di follow-up dei pazienti sottoposti a terapia trasfusionale, attribuendo sempre maggiore attenzione alle logiche del rischio clinico. Riguardo al rischio clinico non di origine infettiva, è noto che gran parte dei rischi trasfusionali derivano oggi dalla difficoltà del sistema organizzativo di eliminare gli errori di identificazione del paziente. Per ridurre al minimo tali rischi si dispone che siano proseguite le misure adottate sperimentalmente riguardanti il processo di identificazione del paziente mediante braccialetto, e che siano adottate procedure per il monitoraggio e la raccolta di dati sulle non conformità e per la valutazione congiunta dei casi mediante audit clinici all interno dei reparti. È necessario pertanto pervenire ad un sistema completo di monitoraggio degli incidenti (errori e quasi-errori) e delle idonee procedure per prevenirli. Va rafforzato inoltre il sistema dell emovigilanza, finalizzato a registrare, oltre agli incidenti, anche gli eventi avversi gravi e a tal fine il sistema informativo deve connettersi al sistema SISTRA nazionale (sistema informativo dei servizi trasfusionali) per interfacciarsi con il Centro Nazionale Sangue. Inoltre deve essere garantita la notifica di tutti gli eventi avversi anche alla Provincia. La verifica sistematica della sicurezza e dell efficacia terapeutica del sangue e dei suoi prodotti deve essere conseguita attraverso i seguenti strumenti: a. la standardizzazione delle procedure trasfusionali di raccolta, manipolazione, validazione e distribuzione degli emocomponenti attraverso l adozione di linee guida e protocolli e in modo tale che sia assicurata la tracciabilità di ogni unità di sangue o emoderivato, ovvero la possibilità di risalire al donatore in ogni momento del percorso; b. il monitoraggio delle attività trasfusionali e dei possibili eventi avversi connessi a tali attività attraverso un adeguato sistema informativo che preveda la rilevazione dei dati inerenti i singoli eventi trasfusionali e la rilevazione dei controlli post-trasfusionali. 20 infosalute 11

23 3.c. Qualità organizzativa della rete dei Servizi trasfusionali: Distribuzione e utilizzo del sangue e dei suoi componenti Il perseguimento della corretta distribuzione e utilizzo di emocomponenti e emoderivati è strettamente connesso con il perseguimento dell autosufficienza, che deve essere intesa come capacità di rispondere ai bisogni appropriati di cura e non come semplice corresponsione alla richiesta di utilizzo. Anche il criterio dell appropriatezza è soggetto nel tempo a variazioni: non sempre l aumento di consumi dipende da uso inappropriato (come ad es. registrato in passato per l Albumina) ma può essere dovuto a un maggior numero di indicazioni cliniche emergenti (es. Immunoglobuline aspecifiche); per la terapia trasfusionale piastrinica l opzione prevalente è la riduzione della produzione di singole unità di concentrati piastrinici a favore della produzione di piastrine da buffy coat e l adesione a tale orientamento consente di recuperare una quota di plasma da inviare alla lavorazione industriale. Per l emofilia e le sindromi correlate verrà proseguito il monitoraggio dei consumi dei farmaci - scelti sulla scorta delle raccomandazioni nazionali ed internazionali basate sull evidenza clinica e realizzato mediante la loro distribuzione diretta - e la raccolta delle informazioni di utilizzo anche per auto infusione domiciliare. Gli esempi citati testimoniano la necessità che l Azienda sanitaria assicuri costantemente il monitoraggio e il miglioramento della distribuzione e dell utilizzo degli emocomponenti negli ospedali attraverso la puntuale attività del Comitato per il Buon uso del sangue. Compiti prioritari del Comitato sono la promozione e la corretta indicazione alla terapia trasfusionale secondo il principio del rischio-beneficio; la realizzazione di linee guida basate sull evidenza per la terapia con emocomponenti ed emoderivati, comprensive di raccomandazioni per l attuazione di una terapia alternativa all uso del sangue omologo quali l autotrasfusione, intesa come predeposito e recupero peri-operatorio del sangue nei casi selezionati sulla scorta dell evidenza clinica; la realizzazione di audit retrospettivi per la verifica e la revisione della qualità del processo trasfusionale; la formazione degli operatori sanitari all uso mirato e ragionato del sangue e degli emocomponenti. A questo deve affiancarsi la puntuale e continuativa consulenza trasfusionale, sia presso l ospedale di Trento e Rovereto che negli ospedali periferici, affinché la distribuzione e il consumo di sangue, emocomponenti ed emoderivati siano gestiti in modo omogeneo, rispondente a criteri di appropriatezza. A tale scopo la Direzione del DIMT individua un responsabile dipartimentale per il buon uso del sangue. Per il conseguimento di questo obiettivo, l Azienda pone in essere le seguenti azioni: provvede a rafforzare la struttura Dipartimentale quale strumento per la standardizzazione delle attività trasfusionali, e a dare maggior impulso alle attività del Comitato per il buon uso del sangue, garantendo il continuo miglioramento dell impiego delle risorse; infosalute 11 21

24 provvede a dotare gli ospedali periferici di frigoemoteche computerizzate (cosiddette frigoemoteche intelligenti ), in grado di assicurare la completa tracciabilità di ogni operazione; programma e attua un adeguata formazione del personale; assicura la generale applicazione delle linee-guida per la terapia trasfusionale; mantiene il costante monitoraggio dei consumi nelle diverse situazioni cliniche e eventuale revisione degli standard anche attraverso attività di confronto con altre realtà, nazionali e europee. Nel periodo di vigenza del presente piano si conferma l adesione della Provincia all Accordo interregionale per la plasmaderivazione, che consente l invio del plasma alla lavorazione industriale e la contrattualizzazione e assegnazione unitaria dei servizi di plasmaderivazione al fine di condividere strategie e requisiti atti a garantire alti livelli qualitativi dei servizi stessi e ad assicurare l utilizzo di farmaci emoderivati prodotti da plasma proveniente dalle regioni del consorzio. I dati di conferimento all industria per la lavorazione dimostrano un notevole aumento negli ultimi anni delle quantità di plasma conferite in conto lavorazione, attestatosi negli ultimi due anni su un dato di circa chilogrammi conferiti all anno. Riguardo al fabbisogno in condizioni di urgenza emergenza, va assicurata la costante presenza di adeguate scorte di emazie, da utilizzarsi in caso di emergenze e calamità e per sopperire a gravi e improvvise carenze di sangue in provincia, o per contribuire a situazioni di emergenza trasfusionale fuori provincia. Si rende inoltre necessario che sia assicurata la possibilità di attivare raccolte suppletive straordinarie e di porre in essere forme di coordinamento con strutture trasfusionali extraprovinciali, da attivare in base a piani organizzativi mediante il coordinamento del Centro Nazionale Sangue. 3.d Raccolta di cellule staminali da sangue periferico e da cordone ombelicale Premessa Le cellule staminali emopoietiche, la cui identificazione è resa possibile per la presenza sulla loro superficie di specifici markers detti cluster di differenziazione (CD34+, CD38+, CD59+), possono essere prelevate: da midollo osseo da sangue periferico da cordone ombelicale. Le cellule staminali emopoietiche raccolte vengono congelate entro 24 ore dal prelievo e lo stoccaggio avviene in azoto liquido a temperature inferiori a 190 C. Il congelamento blocca i processi vitali cellulari garantendo una prolungata disponibilità delle CSE crioconservate, la cui capacità emopoietica si mantiene stabile per oltre 10 anni. 22 infosalute 11

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3.1. Il Servizio sanitario nazionale: principi ispiratori, universalità del Servizio, equità, cooperazione Principi ispiratori

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli