Relazione Annuale sulla Corporate Governance

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Annuale sulla Corporate Governance"

Transcript

1 Relazione Annuale sulla Corporate Governance Sede operativa: Via Borgonuovo, 24 Sede legale: Via Valeggio, Milano Torino capitale sociale Codice fiscale e Registro Imprese di Torino

2 Relazione annuale sulla corporate governance La relazione annuale sul sistema adottato da Cdb Web Tech S.p.A. per la propria corporate governance, redatta e pubblicata secondo le indicazioni di Borsa Italiana, viene messa a disposizione in occasione dell Assemblea degli Azionisti per l approvazione del bilancio, con lo scopo di informare sul modello adottato e le concrete modalità in cui è attuato il governo societario. Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo Cdb Web Tech S.p.A. è composto da 9 componenti. Il mandato degli Amministratori in carica, tutti nominati dall Assemblea degli azionisti, scade con l approvazione del Bilancio di esercizio al 31 dicembre La composizione del Consiglio di Amministrazione è la seguente: Carlo DE BENEDETTI Franco GIRARD Vice Vittorio MOSCATELLI Delegato Giampio BRACCHI Indipendente Michel CICUREL Indipendente Pietro D AGUI Elserino PIOL Indipendente Massimo SEGRE con delega Giancarlo VACCARI Indipendente Alla luce della definizione prevista dal Codice di Autodisciplina, i quattro Amministratori indicati sono qualificabili come Indipendenti. In allegato sono indicate le cariche di amministratore o sindaco ricoperte da ciascun consigliere in altre società quotate o di rilevanti dimensioni. Al Consiglio di Amministrazione sono attribuiti tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione. Il Consiglio di Amministrazione per prassi societaria è investito delle decisioni nelle materie indicate nel Codice di Autodisciplina Nell ambito del Consiglio di Amministrazione non è stato costituito un Comitato Esecutivo. Le funzioni esecutive sono esercitate dal e dall Delegato. In caso di assenza o impedimento del le funzioni sono esercitate dal Vice. Al dott. Massimo Segre sono attribuiti poteri per i rapporti con l Amministrazione dello Stato nelle sue diverse articolazioni, Enti ed Autorità, Tribunali e Uffici Giudiziari, Commissioni. I poteri di straordinaria amministrazione sono stati attribuiti dal Consiglio di Amministrazione al che li può esercitare disgiuntamente da altri e, 1

3 congiuntamente due tra loro, al Vice, all Delegato ed al Massimo Segre. Nel corso dell esercizio 2002 nessun atto di straordinaria amministrazione è stato compiuto dai soggetti delegati. Gli Amministratori provvisti di deleghe riferiscono ad ogni riunione del Consiglio di Amministrazione in merito all attività svolta, ed in tale occasione riferiscono anche al Collegio Sindacale sulle operazioni di maggior rilievo economico, patrimoniale, finanziario effettuate dalla Capogruppo e dalle controllate, nonché laddove ve ne siano sulle operazioni in potenziale conflitto di interesse. Nel corso dell esercizio 2002 il Consiglio di Amministrazione si è riunito 4 volte, in febbraio, aprile, agosto, novembre, e nel 2003 sono previste altrettanti riunioni. Nel Consiglio di Amministrazione di tutte le Controllate è presente almeno uno degli Amministratori con funzioni esecutive della Capogruppo che assicura l attuazione delle linee strategiche definite dalla Capogruppo. Nomina e remunerazione degli Amministratori Nel corso del 2002 non c è stato alcun cambiamento nella composizione del Consiglio di amministrazione, infatti l Assemblea degli Azionisti del 24 aprile 2002 ha ridotto da 10 a 9 il numero dei Consiglieri non procedendo a reintegrare il Consiglio dopo che nel 2001 un aveva rinunciato alla carica. Per la nomina dei componenti il Consiglio di Amministrazione non è previsto il meccanismo del voto di lista; lo statuto sociale prevede che risultino eletti coloro che ottengono la maggioranza dei voti espressi. La proposta di nomina è effettuata dal nonché Socio di maggioranza di controllo, sulla base delle competenze ed esperienze professionali dei candidati, in modo da avere nell ambito del Consiglio competenze complementari attinenti all attività della società. Non è prevista alcuna remunerazione degli Amministratori ad eccezione dell Delegato al quale è riconosciuto un compenso fisso oltre a stock options - non legato ai risultati della Società Gli Amministratori beneficiano di un Piano di Stock Options nel quale il numero delle azioni sottoscrivibili è fisso e non correlato ai risultati della Società. Il Ing. Carlo De Benedetti non percepisce compenso alcuno ed ha rinunciato alle stock options. Nell ambito del Consiglio di Amministrazione è stato costituito il Comitato per la Remunerazione con le funzioni previste dal Codice di Autodisciplina, a costituire il quale sono stati nominati: l Ing. Carlo De Benedetti, il dott. Michel Cicurel e il dott. Elserino Piol. Nel corso del 2002 il Comitato non si è riunito non essendoci stata alcuna variazione o proposta per una diversa remunerazione degli Amministratori investiti di particolari cariche, o per attribuire nuove stock options agli Amministratori ed ai Dirigenti. Il Piano di stock options degli Amministratori, approvato dall Assemblea degli Azionisti il 7 maggio 2001, non è stato modificato né sono stati attribuiti nuove stock options. 2

4 Il sistema di controllo interno La definizione del sistema di controllo interno tiene conto della struttura del Gruppo e di conseguenza delle funzioni operative esistenti, adeguate alla gestione dell attività ma limitate tenuto conto del numero complessivo di soli 6 dipendenti. E strutturato in modo da verificare che la gestione avvenga coerentemente con le decisioni del Consiglio di Amministrazione e degli Amministratori con funzioni esecutive, e non siano assunti rischi estranei all attività caratteristica o compiuti atti in danno alla società. L Delegato ha il compito di assicurare la funzionalità e l adeguatezza del sistema di controllo interno. L attività sociale è esercitata con due strutture operative: quella della Capogruppo in Italia che svolge, a parte alcuni limitati investimenti, attività di indirizzo, di coordinamento, assistenza, supporto, consulenza e finanziamento delle controllate; quella delle società controllate, in Gran Bretagna, cui fanno capo la quasi totalità degli investimenti. Il Comitato per il controllo interno nominato dal Consiglio di Amministrazione già nel 2001 è stato nel corso del 2002 integrato affinché risulti composto in maggioranza da amministratori indipendenti. Costituiscono Il Comitato per il Controllo Interno gli Amministratori: Prof. Giampio Bracchi, dott. Massimo Segre e dott. Giancarlo Vaccari. Al Comitato sono attribuite le funzioni di valutare il sistema di controllo interno, il programma di lavoro e le relazioni sull attività svolta dal Preposto al controllo interno. Nel corso del 2002 il Comitato si è riunito due volte nel corso delle quali ha preso in esame i processi decisionali e gestionali nell ambito del Gruppo. All interno della Capogruppo è stata individuata una specifica funzione di Preposto al Controllo che esercita il controllo sull attività delle controllate. Il processo di controllo interno è focalizzato in particolare su: - gli investimenti ed i disinvestimenti in partecipazioni dirette, fondi di venture capital ed hedge funds; e gli impegni assunti correlati agli stessi; - la gestione degli investimenti effettuati; - la gestione delle temporanee disponibilità finanziarie nelle more del loro impiego nelle attività caratteristiche. L attività corrente, al di fuori di quella riguardante gli aspetti sopra individuati, è estremamente limitata, poco significativa in termini di valori e concentrata a livello di Capogruppo, tale per cui il controllo viene effettuato a livello di reporting interno alle funzioni gerarchiche superiori. La verifica della sussistenza, consistenza ed andamento degli investimenti del Gruppo è effettuato dalle funzioni interne della Capogruppo sulla base di una verifica della documentazione contrattuale di base, dei report periodici e dei bilanci sottoposti a revisione da parte di società indipendenti, nonché attraverso un controllo della gestione effettuato in incontri diretti con il Management dei fondi o delle partecipate. Il controllo delle modalità di impiego delle temporanee disponibilità finanziarie effettuato dalla Capogruppo, è esercitato dal e dall Delegato 3

5 Trattamento delle informazioni riservate Il Consiglio di Amministrazione ha approvato una procedura per il trattamento delle informazioni riservate cosiddette price sensitive. La procedura prevede che i comunicati stampa attinenti l informazione periodica (bilanci semestrale, trimestrale) e quelli relativi ad operazioni straordinarie quando vi sia una deliberazione del Consiglio di Amministrazione, siano preventivamente approvati dal Consiglio di Amministrazione stesso. In tutti gli altri casi in cui non è prevista una deliberazione di un organo collegiale, la gestione dell informativa al pubblico è curata dall Delegato d intesa con il ed il Vice. La diffusione dei comunicati stampa avviene nelle forme previste da Borsa Italiana ed immediatamente dopo sono integralmente pubblicati sul sito internet della Società. Sul sito internet della Società sono pubblicati solo documenti ufficiali della Società, oltre ad informazioni sul mercato già pubbliche e solo in quanto tali riprese. Operazioni con parti correlate Nel corso del 2002 non sono state effettuate operazioni con parti correlate. I rapporti tra società del Gruppo Cdb Web Tech sono illustrati nella Relazione sulla Gestione e nel bilancio di esercizio al 31 dicembre Nello spirito di trasparenza e correttezza il Consiglio di Amministrazione ha adottato i principi di comportamento per l effettuazione di operazioni con parti correlate ivi incluse le operazioni tra società del Gruppo. Il principio di base è che tali operazioni debbano essere preventivamente approvate dal Consiglio di Amministrazione, al quale deve essere data adeguata informativa in merito alla natura della correlazione, le condizioni applicate, le modalità esecutive ed il procedimento di valutazione seguito. In considerazione della natura e delle caratteristiche dell operazione, il Consiglio di amministrazione in questi casi può avvalersi dell ausilio di esperti indipendenti. Non necessitano di preventiva approvazione le operazioni usuali cioè effettuate nel normale corso dell attività della Società e che non presentano elementi di rischio o criticità oppure siano operazioni standard cioè concluse a condizioni applicate a qualunque soggetto terzo. Tuttavia anche per queste operazioni saranno conservate a cura degli Amministratori provvisti di delega adeguate informazioni circa la natura dell operazione, le condizioni economiche applicate, le modalità esecutive. Operazioni su strumenti finanziari emessi da Cdb Web Tech compiute da persone rilevanti E stato approvato il Codice di Comportamento sull Internal Dealing volto a dare attuazione alla normativa emanata da Borsa Italiana per migliorare la trasparenza delle operazioni finanziarie compiute da Amministratori o dirigenti della Società che essendo nell azienda possono lecitamente operare sulle azioni della Cdb Web Tech avendo una conoscenza approfondita della sua attività e andamento. Le Persone rilevanti individuate dal Codice di Comportamento negli Amministratori, Sindaci, Direttore generale, Direttore Amministrativo e Finanziario, Responsabile Strategie di investimento sono tenuti a comunicare le operazioni compiute aventi ad oggetto strumenti finanziari emessi da Cdb Web Tech il cui ammontare anche cumulato non sia inferiore a euro. Dette informazioni sono poi diffusi al mercato nei tempi e modi previsti dal Codice di Comportamento e dal Regolamento dei Mercati Organizzati. 4

6 Rapporti con i Soci Per favorire la conoscenza della Società e delle sua attività viene aggiornato in modo continuo e tempestivo il sito internet della società: sul quale è possibile trovare tutti i comunicati stampa, bilanci e relazioni periodiche, report degli analisti sulla società, andamento del titolo e notizie sul settore economico in cui opera la Società. E stata altresì istituita una specifica funzione aziendale di Investor Relations che tiene i rapporti con gli azionisti e gli investitori istituzionali. Non è stato adottato un regolamento che disciplini lo svolgimento delle assemblee degli Azionisti, avendo ritenuto che le regole contenute nello statuto sociale diano attuazione in misura sostanziale e tutelino gli azionisti di minoranza in modo coerente alle previsioni del Codice di Autodisciplina Sindaci Lo Statuto sociale prevede la nomina dei Sindaci sulla base del voto di lista, riservando alle minoranze un Sindaco effettivo ed uno Supplente. Il mandato del Collegio Sindacale in carica scade con l approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre Milano, 28 febbraio 2003 Il Consiglio di Amministrazione 5

7 Cariche di o Sindaco Ricoperte dai Consiglieri in società Quotate o Società Finanziarie, Bancarie, Assicurative o di rilevanti dimensioni Carica Società Carlo De Benedetti CIR SpA COFIDE SpA Sogefi Spa Gruppo Editoriale L'Espresso SpA Pirelli SpA Valeo SA Franco Girard CIR SpA CIR International SA COFIDE SpA Sogefi Spa Vice Gruppo Editoriale L'Espresso SpA Aedes SpA Vittorio Moscatelli Delegato Delegato Romed SpA Delegato Romed International S.A. Delegato Intergefi Srl Giampio Bracchi Vice Banca Intesa Massimo Segre Aedes SpA Banca Intermobiliare SpA CIR SpA COFIDE SpA Borsa Italiana SpA Pietro D'Aguì Delegato Banca Intermobiliare SpA Bim Intermobiliare Sgr SpA Intermobiliare Fiduciaria SpA Bim Alternative Investments Sgr SpA Michel Cicurel La compagnie Financière Edmond de Rothschild Banque Compagnie Financière Saint-Honoré Banque Privée Edmond de Rothschild del Consiglio di Amm. e-rothschild Services LCF Rothschild Limited La Compagnie Financière Holding Edmond Bejamin de Rothschild Bollloré Investissement Bouygues Telecom CIR International SA Rexecode Représentant Permanent Assurance Saint-Honoré Gian Carlo Vaccari CISA SpA Fondazione Aldini Valeriani Elserino Piol Tiscali SpA Datalogic SpA Datamat SpA Pino Partecipazioni SpA 6

Relazione Annuale sulla Corporate Governance

Relazione Annuale sulla Corporate Governance Relazione Annuale sulla Corporate Governance Sede operativa: Via Borgonuovo, 24 Sede legale: Via Valeggio, 41 20121 Milano 10129 Torino capitale sociale Euro 101.127.700 Codice fiscale e Registro Imprese

Dettagli

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pagina 1 GAS PLUS S.p.A. (nel seguito GAS PLUS o Società ) aderisce al nuovo Codice di Autodisciplina (di seguito il Codice ) elaborato dal Comitato per

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE La presente relazione, redatta ai sensi delle disposizioni regolamentari di cui al Titolo IA.2, Sezione IA.2.12 delle Istruzioni al Regolamento

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Relazione annuale sulla adesione alle raccomandazioni contenute nel codice di autodisciplina delle società quotate

Relazione annuale sulla adesione alle raccomandazioni contenute nel codice di autodisciplina delle società quotate Relazione annuale sulla adesione alle raccomandazioni contenute nel codice di autodisciplina delle società quotate (Sez. IA.2.12 delle Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati gestiti dalla Borsa

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

CALTAGIRONE EDITORE S.p.A. RELAZIONE ANNUALE IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2006

CALTAGIRONE EDITORE S.p.A. RELAZIONE ANNUALE IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2006 CALTAGIRONE EDITORE S.p.A. RELAZIONE ANNUALE IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2006 In aderenza alle raccomandazioni di Borsa Italiana, di seguito si forniscono alcune informazioni circa il modello

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

LIMITI AL CUMULO DI INCARICHI RICOPERTI UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.P.A. REGOLAMENTO DAGLI AMMINISTRATORI DI

LIMITI AL CUMULO DI INCARICHI RICOPERTI UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.P.A. REGOLAMENTO DAGLI AMMINISTRATORI DI LIMITI AL CUMULO DI INCARICHI RICOPERTI DAGLI AMMINISTRATORI DI UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.P.A. REGOLAMENTO (approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 febbraio 2013) Indice Premessa... 3 1.

Dettagli

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Aggiornamento approvato dal consiglio di amministrazione dell 8 marzo 2011 INDICE 1. Premessa... 3 2. Definizioni...

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A.

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. PUNTO 2. ALL ORDINE DEL GIORNO (parte ordinaria): Elezione dei Consiglieri di Amministrazione, previa determinazione del loro numero, tra cui il Presidente e il Vice Presidente, che resteranno in carica

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

DEA CAPITAL S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione sull adesione al Codice di Autodisciplina delle Società Quotate per l esercizio 2006

DEA CAPITAL S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione sull adesione al Codice di Autodisciplina delle Società Quotate per l esercizio 2006 DEA CAPITAL Relazione del Consiglio di Amministrazione sull adesione al Codice di Autodisciplina delle Società Quotate per l esercizio 2006 Signori Azionisti, quale Presidente del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1.1 La presente Procedura (la Procedura ) è adottata da Moncler S.p.A. ( Moncler o la Società

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI

CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI 1. Premessa 1.1 La completezza delle informazioni a disposizione degli amministratori rappresenta condizione essenziale per il

Dettagli

Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. Sede in Milano, Via Vittorio Locchi n. 3 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 708.940,67 i.v. Partita Iva n. 12592030154 Società soggetta

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AGLI AZIONISTI SUL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE SOCIETARIO E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA

RELAZIONE ANNUALE AGLI AZIONISTI SUL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE SOCIETARIO E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA RELAZIONE ANNUALE AGLI AZIONISTI SUL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE SOCIETARIO E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA Con la presente relazione si intende illustrare il modello di Corporate Governance

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE

CORPORATE GOVERNANCE 49 CORPORATE GOVERNANCE Un buon sistema di corporate governance pone al centro dell impresa il Consiglio di Amministrazione in quanto massimo organo deputato alla gestione della Società nell interesse

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

IPI S.p.A. RELAZIONE SULLA CORPORATE GOVERNANCE

IPI S.p.A. RELAZIONE SULLA CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE Relazione annuale 2009 IPI S.p.A. RELAZIONE SULLA CORPORATE GOVERNANCE La presente è allegata al bilancio al 31 dicembre 2009 Premessa La presente relazione, - - si articola in due

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza Una Società Finmeccanica REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI Art. 1 Costituzione - Presidenza 1. Il Comitato Controllo e Rischi (il Comitato ) è costituito con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di A.C. Holding S.r.l.

Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di A.C. Holding S.r.l. Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. Comunicato stampa L Assemblea ordinaria di Sintesi S.p.A. ha deliberato: la riduzione del numero degli amministratori da 9 a 7 membri la nomina dei

Dettagli

SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Articolo 1 Premessa La presente procedura (la Procedura ) è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione di Safe Bag S.p.A. ( la Società

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing 1. Premessa In coerenza con quanto stabilito dal Regolamento dei Mercati organizzati gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 Registro delle Imprese e Codice Fiscale 07258710586 R.E.A. di Roma 604174 Sede legale: Via Brenta 11 00198 Roma Sito Internet: www.mondotv.it Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (ai sensi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Codice di comportamento in materia di Internal Dealing. Codice di comportamento di Internal Dealing

Codice di comportamento in materia di Internal Dealing. Codice di comportamento di Internal Dealing Codice di comportamento di Internal Dealing 1 Reply S.p.A. Codice di comportamento in materia di Internal Dealing relativo alle operazioni su strumenti finanziari emessi da Reply S.p.A. compiute da Soggetti

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

RELAZIONE DI CONFRONTO DEL SISTEMA DI GOVERNANCE DI MARR S.P.A. CON QUANTO PREVISTO DAL CODICE DI AUTODISCIPLINA ELABORATO DAL COMITATO PER LA

RELAZIONE DI CONFRONTO DEL SISTEMA DI GOVERNANCE DI MARR S.P.A. CON QUANTO PREVISTO DAL CODICE DI AUTODISCIPLINA ELABORATO DAL COMITATO PER LA RELAZIONE DI CONFRONTO DEL SISTEMA DI GOVERNANCE DI MARR S.P.A. CON QUANTO PREVISTO DAL CODICE DI AUTODISCIPLINA ELABORATO DAL COMITATO PER LA CORPORATE GOVERNANCE DELLE SOCIETÀ QUOTATE RELAZIONE DI CONFRONTO

Dettagli

Assemblea Ordinaria degli Azionisti 28 aprile 2016-29 aprile 2016 Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione redatta ai sensi dell art.

Assemblea Ordinaria degli Azionisti 28 aprile 2016-29 aprile 2016 Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione redatta ai sensi dell art. Assemblea Ordinaria degli Azionisti 28 aprile 2016-29 aprile 2016 Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione redatta ai sensi dell art. 125-ter del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 1 Punto n.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Indice 1. Premessa... 3 2. Definizioni... 3 3. Individuazione delle operazioni di maggiore rilevanza... 5 4. Operazioni esenti... 5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

* * * 1.1 Organi o soggetti coinvolti nella predisposizione, approvazione e corretta attuazione della politica delle remunerazioni

* * * 1.1 Organi o soggetti coinvolti nella predisposizione, approvazione e corretta attuazione della politica delle remunerazioni Relazione sulla Remunerazione (pubblicata ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. n. 58/1998 e successive modificazioni e redatta in conformità a quanto previsto dall art. 84-quater della delibera Consob

Dettagli

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Mediolanum Gestione Fondi S.G.R.p.A Sintesi della Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Edizione del giugno 2014 PREMESSA

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

Gruppo ERG. Politica di Corporate Governance

Gruppo ERG. Politica di Corporate Governance Gruppo ERG Politica di Corporate Governance 1 Politica di Corporate Governance Il percorso L'attuale struttura di governance della Società si è formata nel tempo attraverso la progressiva introduzione

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di ERG S.p.A.

Consiglio di Amministrazione di ERG S.p.A. Consiglio di Amministrazione di ERG S.p.A. 1 BOARD PERFORMANCE REVIEW 2013 Documento di supporto predisposto dal Comitato Nomine e Compensi 2 2 Composizione del Consiglio di Amministrazione (al 31 dicembre

Dettagli

Approvazione CDA del 25 giugno 2009. Limiti al cumulo di incarichi ricoperti dagli amministratori di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A.

Approvazione CDA del 25 giugno 2009. Limiti al cumulo di incarichi ricoperti dagli amministratori di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Approvazione CDA del 25 giugno 2009 Limiti al cumulo di incarichi ricoperti dagli amministratori di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Regolamento U n i p o l G r u p p o F i n a n z i a r i o S. p. A. Sede

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

COFIDE S.p.A. Con la presente Relazione si intende illustrare il modello di governo societario che COFIDE S.p.A. (di

COFIDE S.p.A. Con la presente Relazione si intende illustrare il modello di governo societario che COFIDE S.p.A. (di COFIDE S.p.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI (ai sensi dell art. 123-bis del Testo Unico delle disposizioni in materia finanziaria.) E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA

Dettagli

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI ai sensi dell articolo 6, comma 2, dello Statuto Assogestioni ARCA SGR S.p.A. Anno 2012 1 ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Comunicato Stampa ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Approvato il bilancio dell esercizio 2013 di Atlantia S.p.A. Deliberata la distribuzione di un dividendo per l esercizio 2013 pari a complessivi euro 0,746 per

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 per l Assemblea degli Azionisti convocata per il giorno 26 aprile 2013,

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli assetti proprietari. (redatta ai sensi dell art. 123 bis del Testo Unico della Finanza) 24 marzo 2009

Relazione sul Governo Societario e gli assetti proprietari. (redatta ai sensi dell art. 123 bis del Testo Unico della Finanza) 24 marzo 2009 Relazione sul Governo Societario e gli assetti proprietari (redatta ai sensi dell art. 123 bis del Testo Unico della Finanza) 24 marzo 2009 Poligrafici Editoriale S.p.A. Sede Sociale: Bologna, Via Enrico

Dettagli

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A.

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Proposta di adozione di un nuovo testo di statuto sociale Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Via Filadeflia 220

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO

CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO Il Sistema di Corporate Governance Brembo, la cui completa realizzazione è avvenuta durante gli esercizi 2000 e 2001, è stato oggetto di un ampio

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

EUROFLY S.p.A. RELAZIONE SULLA CONFORMITA DEL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

EUROFLY S.p.A. RELAZIONE SULLA CONFORMITA DEL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE EUROFLY S.p.A. RELAZIONE SULLA CONFORMITA DEL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 1. LA SOCIETA Eurofly S.p.A. (di seguito, anche la ʺSocietàʺ

Dettagli

PRINCIPI DI AUTODISCIPLINA DI TELECOM ITALIA

PRINCIPI DI AUTODISCIPLINA DI TELECOM ITALIA PRINCIPI DI AUTODISCIPLINA DI TELECOM ITALIA Adottati in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Regole di comportamento pag. 2 Articolo 3 - Composizione del Consiglio di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT Edizione Marzo 2012 PREMESSA Il presente Regolamento del Consiglio di Amministrazione di UniCredit (il Regolamento ) - adottato in conformità alla

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE redatta ai sensi dell Art. 123-ter del Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 e dell Art. 84-quater del Regolamento Emittente Approvata

Dettagli

Rev. 11/04/2008 Manuale Organizzativo E DI. Page 1 of 22

Rev. 11/04/2008 Manuale Organizzativo E DI. Page 1 of 22 MANUALE ORGANIZZATIVO E DI CORPORATE GOVERNANCE Page 1 of 22 Indice I - INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA...3 1.2 OBIETTIVI DEL MANUALE...3 1.3 AMBITO DI APPLICAZIONE...4 II - ORGANIGRAMMA FUNZIONALE... 5

Dettagli

Meridiana fly S.p.A.

Meridiana fly S.p.A. Meridiana fly S.p.A. Sede in Olbia (OT), Centro Direzionale Aeroporto Costa Smeralda Capitale sociale Euro 20.901.419,34 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Sassari e Codice Fiscale 05763070017,

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

WORLD DUTY FREE S.P.A.

WORLD DUTY FREE S.P.A. WORLD DUTY FREE S.P.A. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE È istituito presso World Duty Free S.p.A. ( WDF ) un Comitato per il controllo interno, la gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI ART. 1 PREMESSA...2 ART. 2 - CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE...2 ART. 3 - COMITATO CONTROLLO E RISCHI...3 ART. 4 - AMMINISTRATORE INCARICATO

Dettagli

Investimenti e Sviluppo S.p.A.

Investimenti e Sviluppo S.p.A. MAZARS & GUÉRARD Investimenti e Sviluppo S.p.A. Relazione della società di revisione sulla congruità del prezzo di emissione delle azioni relative all aumento di Capitale Sociale con esclusione del diritto

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Caltagirone Editore S.p.A. Sito Web: www.caltagironeeditore.

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Caltagirone Editore S.p.A. Sito Web: www.caltagironeeditore. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98 Emittente: Editore S.p.A. Sito Web: www.caltagironeeditore.com Esercizio a cui si riferisce la Relazione: 2014 Approvata dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI OPERAZIONI EFFETTUATE SU AZIONI DADA E STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI 1 1. PREMESSE Il presente Codice di Comportamento di DADA S.p.A. è adottato anche ai

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

I MODELLI DI CORPORATE GOVERNANCE 3

I MODELLI DI CORPORATE GOVERNANCE 3 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

TREVI Finanziaria Industriale S.p.A.

TREVI Finanziaria Industriale S.p.A. TREVI Finanziaria Industriale S.p.A. Sede in Cesena (FC) Via Larga n. 201 Capitale Sociale Euro 32.000.000 int. vers. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Forlì Cesena n. 01547370401 R.E.A. n.

Dettagli

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2015)

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2015) An a l i s i d e l l os t a t od i a d o z i o n e 2 0 1 5 Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi (Anno 2015) Assogestioni ha raccolto i

Dettagli

INDICE. 2. Sintetica descrizione delle ragioni per l'adozione del Piano...3

INDICE. 2. Sintetica descrizione delle ragioni per l'adozione del Piano...3 DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI STOCK OPTION RISERVATO AD ALCUNI DIPENDENTI E AMMINISTRATORI DEL GRUPPO ASCOPIAVE AVENTE AD OGGETTO N. 2.315.000 OPZIONI ASSEGNATE DEL PIANO DENOMINATO PHANTOM

Dettagli

I curricula dei componenti del Consiglio di Amministrazione sono disponibili sul sito Internet della società http:// group.ferragamo.com.

I curricula dei componenti del Consiglio di Amministrazione sono disponibili sul sito Internet della società http:// group.ferragamo.com. COMUNICATO STAMPA LAssemblea Ordinaria degli Azionisti ha approvato: Il Bilancio d Esercizio al 31 dicembre 2014 e la proposta di destinazione dell utile. È stato inoltre presentato il Bilancio Consolidato

Dettagli

Forum. Nono S.A.F. gli amministratori indipendenti nelle banche. Rosalba Casiraghi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Forum. Nono S.A.F. gli amministratori indipendenti nelle banche. Rosalba Casiraghi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Nono Forum S.A.F. gli amministratori indipendenti nelle banche Rosalba Casiraghi 3 dicembre 2010 - Milano, Auditorium La Banca d'italia autorizza l'attività bancaria quando

Dettagli

Sunshine Capital Investments S.p.A. Regolamento del COMITATO PER GLI INVESTIMENTI

Sunshine Capital Investments S.p.A. Regolamento del COMITATO PER GLI INVESTIMENTI Sunshine Capital Investments S.p.A. Regolamento del COMITATO PER GLI INVESTIMENTI 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina il funzionamento del Comitato per gli Investimenti di Sunshine Capital Investments

Dettagli

SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 17 aprile 2014: unica convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno ai sensi dell

Dettagli

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n. 00327740379

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n. 00327740379 GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n. 00327740379 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (Articolo 54 del Regolamento Emittenti- Delibera

Dettagli

RELAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA

RELAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA RELAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA Introduzione Informazioni sull adesione alle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina delle società quotate Come richiesto dalle Istruzioni

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLA CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2014

RELAZIONE ANNUALE SULLA CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2014 RELAZIONE ANNUALE SULLA CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2014 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 61.672.548,60 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA' SOGGETTA ALL'ATTIVITA'

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione)

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Relazioni Illustrative degli Amministratori Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione)

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SUL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE E DI ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETÀ QUOTATE ANNO 2006

RELAZIONE ANNUALE SUL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE E DI ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETÀ QUOTATE ANNO 2006 RELAZIONE ANNUALE SUL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE E DI ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETÀ QUOTATE ANNO 2006 1 Sezione I Il Sistema di Corporate Governance di Autostrade Autostrade S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA 28 Agosto 2015 Retelit S.p.A. Viale Francesco Restelli 3/7-20124 Milano (MI) Tel. (39) 02 2020 45.1 - Fax (39) 02 2020

Dettagli

PARTE ORDINARIA. Punto 3) all ordine del giorno Nomina del Collegio Sindacale, del suo Presidente e determinazione della relativa remunerazione.

PARTE ORDINARIA. Punto 3) all ordine del giorno Nomina del Collegio Sindacale, del suo Presidente e determinazione della relativa remunerazione. Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell articolo 125-ter, primo comma, del TUF, sui punti all ordine del giorno dell Assemblea ordinaria degli azionisti di SAES Getters S.p.A. convocata, presso

Dettagli