Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno"

Transcript

1 Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Grid Security Infrastructure Grid Security Infrastructure Certificati X.509 Certificati Proxy Il servizio VOMS 1

2 Sicurezza: GSI (1/9) Grid Security Infrastucture Le entità in gioco sono utenti, programmi e computers Technical requirements multi-site authentication (verifica di identità) authorization (mappa l entità ad un set di privilegi) message integrity non-repudiation message privacy delegation (proxy) users virtualization Users requirements simplicity 2

3 Sicurezza: GSI (2/9) Generalità Controllo locale e flessibile sulle politiche di accesso. Le credenziali di una entità (utente o server) sono fornite attraverso certificati digitali. utilizzo di certificati X.509 (modello gerarchico) Rilascio da parte di CA (Certification Authority) Soluzione basata su crittografia asimmetrica 3

4 Sicurezza: GSI (3/9) Rilascio del certificato Step 1 l utente genera - un certificato vuoto di richiesta: usercert_request.pem - una chiave privata criptata: userkey.pem Step 2 l utente invia il certificato vuoto alla propria CA e viene identificato (tramite una RA locale) Step 3 l utente riceve il certificato compilato dalla CA - chiave pubblica dell'utente - vero nome dell'utente - data di scadenza del certicato - nome della Certication Autorithy - numero di serie del certicato - firma digitale della CA 4

5 CERTIFICATION AUTHORITY INFN 5

6 An X.509 Certificate contains: Structure of a X.509 certificate owner s public key; identity of the owner; info on the CA; time of validity; Serial number; digital signature of the CA Public key Subject:C=IT, O=INFN, OU=Personal Certificate, L=NAPOLI CN=Alessandra Doria Issuer: C=IT, O=INFN, CN=INFN Certification Authority Expiration date: May 10 14:15: GMT Serial number: 080E CA Digital signature 6

7 Certificato -----BEGIN CERTIFICATE----- MIIF1zCCBL+gAwIBAgICCA4wDQYJKoZIhvcNAQEEBQAwQzELMAkGA1UEBhMCSVQx DTALBgNVBAoTBElORk4xJTAjBgNVBAMTHElORk4gQ2VydGlmaWNhdGlvbiBBdXRo b3jpdhkwhhcnmdqwntewmtmxntiywhcnmduwntewmtmxntiywjcbjzelmakga1ue BhMCSVQxDTALBgNVBAoTBElORk4xHTAbBgNVBAsTFFBlcnNvbmFsIENlcnRpZmlj YXRlMQ0wCwYDVQQHEwRDTkFGMRcwFQYDVQQDEw5EYW5pZWxlIENlc2luaTEqMCgG CSqGSIb3DQEJARYbZGFuaWVsZS5jZXNpbmlAY25hZi5pbmZuLml0MIIBIjANBgkq hkig9w0baqefaaocaq8amiibcgkcaqeanevvpbptjkla4f0k+zgc8pwyepgdnwlw glktbi6+mytluempzgkz4ctyrzl7bw5ywxue717e1rmg6wdfpanrlkxxrnknaron ks19enkjpypkleknq2gsgsk0/ssyb2yug4kwlqtfc93x1ffdc1tz0xgrxh3kc0jq NqHImDrbpB7VtvAGC7/e/EJhy9MvlPA4W2vbUnwBocjMA/en3GXs2KY19tbFA3Tg jyipcmbieu3glytnbsjfoy3eehknlsf9c29raj5gwxmf7arm++nyurq9qaedminj Cqb7dHJEj8E/AwSsYeWmWHfaPXnjj5aP23UlRTc31nSwh+5y0bMnFwIDAQABo4IC hjccaoiwdaydvr0taqh/baiwadaobgnvhq8baf8ebamcbpawngydvr0fbc8wltar ocmgj4ylahr0cdovl3nly3vyaxr5lmzplmluzm4uaxqvq0evy3jslmnybdaxbgnv HSAEEDAOMAwGCisGAQQB0SMKAQQwHQYDVR0OBBYEFCM+8mfoaenmQ76tHy+7hX+5 RKJ6MGsGA1UdIwRkMGKAFMoR710dBwSYqaW1WBpmTgoWK+BJoUekRTBDMQswCQYD VQQGEwJJVDENMAsGA1UEChMESU5GTjElMCMGA1UEAxMcSU5GTiBDZXJ0aWZpY2F END CERTIFICATE----- grid-cert-info -<option> -f cert_file.pem where <option> can be: -all -subject -issuer -startdate -enddate -help 7

8 Nota: cifratura crittografia asimmetrica: A B - Cifratura e decifratura sono fatte con chiavi diverse, A pubblica e B privata. - Il mittente cifra con la chiave pubblica del ricevente, che sarà l unico a poter decifrare. - Quello che è criptato con la chiave A può essere decriptato solo con B e viceversa. - Non si può mai ricavare A da B, né viceversa. 8

9 Nota: firma digitale Da un messaggio di lunghezza variabile, una funzione produce una stringa di lunghezza fissa (HASH). L hash viene criptato con la chiave privata del mittente e decriptato con la pubblica, verificando l integrità B - controllo sull identita del mittente - verifica dell integrita del messaggio - non ripudiabilita A 9

10 Sicurezza: GSI (4/9) Fasi dell autenticazione USER SERVICE Ogni richiesta è accompagnata dal certificato dell utente La CA deve essere accreditata (trusted) presso il ricevente Se la stringa decriptata coincide, il servizio ricevente non può rifiutare la richiesta Ogni transazione Grid è soggetta a mutua autenticazione User certificate Verify CA signature Random phrase Encrypt with user private key Encrypted phrase Decrypt with user public key Compare with original phrase 10

11 Sicurezza: GSI (5/9) Grid authentication user certificate file private key grid-proxy-init user proxy certificate file Per evitare che un cerificato possa essere intercettato, viene creato un proxy (locale e temporaneo) delle credenziali utilizzato per tutte le operazioni. X.509 Proxy Certificate = estensione GSI di X.509 Ha durata molto inferiore al certificato originale (in genere 12 h) 11

12 Sicurezza: GSI (6/9) Delega delega = creazione remota di un proxy delle credenziali permette a un processo remoto di autenticarsi per conto dell utente Immettendo una password l utente firma il proxy con la propria chiave privata. I proxy hanno una propria coppia di chiavi. 12

13 Sicurezza: GSI Grid authentication N.B: Il certificato resta sulla macchina dell utente e ha la chiave privata criptata e protetta con una password. Per creare certificati proxy e per ogni altra attività l utente deve immettere la password della sua chiave privata. I certificati proxy viaggiano nella grid ed hanno coppie di chiavi pubblica e privata con chiave privata non criptata. Non serve l intervento umano. 13

14 Sicurezza: GSI Grid authentication Il certificato utente risiede generalmente nella user interface nella home del proprietario con chiave privata associata, protetta con password I certificati proxy invece portano in un unico file, chiave pubblica e chiave privata, quest ultima senza protezione. N.B. Nella GSI le chiavi private NON POSSONO VIAGGIARE IN RETE anche se protette da password. Come si creano certificati proxy remoti se non possono viaggiare le chiavi private? 14

15 Sicurezza: GSI Grid authentication Partendo da un certificato proxy sull host A, per creare un certificato proxy remoto su un host che chiameremo B si segue questa procedura: 1. Il server remoto B genera una coppia di chiavi, tiene quella privata ed invia la chiave pubblica al server A. 2. Il server A compila il certificato per B e lo firma con il certificato proxy che già possiede. 3. Il server A invia il certificato così compilato al server B il quale unendolo alla chiave privata già in suo possesso completa il processo di delegation tramite proxy. 15

16 Sicurezza: GSI (7/9) Delega Si possono interrogare e cancellare i propri proxy: grid-proxy-info grid-proxy-destroy (non distrugge i proxy delegati) Una applicazione può durare più a lungo del proxy: Un myproxy server può rinnovare automaticamente i proxy di task ancora in corso, che stanno per scadere. 16

17 Sicurezza: GSI MyProxy Il servizio Myproxy è un online-credetinal repository che conserva le credenziali per un lungo periodo di tempo (generalmente una settimana) e consente a un utente di ottenere credenziali in maniera sicura quando è necessario. Ad esempio per job di durata superiore alla scadenza del proxy, il workernode dove risiede il job può contattare il myproxyserve con il certificato proxy per ottenere nuove credenziali dal Myporxy server in maniera automatica senza l intervento umano. 17

18 Quali entità hanno bisogno di un certificato? edg-job-submit RB RLS User BDII globus-job-run To test user authentication on a farm we will use this command on the CE. CE SE WN WN WN WN WN WN WN WN A Certificate is needed for: User RB CE SE 18

19 Sicurezza: GSI (8/9) Grid authorization mapping Essere autenticato non dà diritti di esecuzione su una Grid. L utente deve appartenere ad un gruppo autorizzato all uso delle risorse -> Virtual Organization Il proxy ottenuto con grid-proxy-init non contiene informazioni sulla VO, che viene individuata attraverso il grid-mapfile presente sulle risorse. Il grid-mapfile stabilisce i diritti di un utente su una specifica risorsa, in base alla sua VO di appartenenza. le entries del grid-mapfile mappano gli utenti della Grid autorizzati in utenti del sistema locale: "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Ale 19

20 VOMS Per far sì che un utente possa utilizzare effettivamente le risorse di distribuite di calcolo e di storage, occorre che appartenga ad una Virtual Organizzation (VO). Ogni utente può appartenre a più VO presso le quali si indentifica con il suo certificato personale che è sempre lo stesso. In ogni VO un utente può avere differenti Ruoli e differenti privilegi 20

21 Sicurezza: GSI (9/9) Grid authorization VOMS Il servizio VOMS (Virtual Organization Membership Service) estende le informazioni del proxy con VO membership, gruppo, ruolo, privilegi. voms-proxy-init voms-proxy-destroy voms-proxy-info Non tutte le VO devono essere gestite con VOMS. 21

22 VOMS SERVER DELLA VO UNINA.IT 22

23 23

24 24

25 Il VOMS in glite Le Virtual Organization in glite sono VOMS oriented. Gli attributi vengono specificati secono la seguente sintassi: /VO/Role=Ruolo/Capability=Privilegi Ad esempio /unina.it/role=vo-admin Oppure /unina.it/role=softmanager/capability=swinstall 25

26 Il VOMS in glite Il Certificato si installa sulla propria User Interface e viene utilizzato per creare i certificati proxy con cui gli utenti si autenticano all interno della grid. La directory di default è /home/nomeutente/.globus pwd /home/spardi/.globus ls -la total 16 drwxrwxr-x 2 spardi spardi 4096 Jan 22 17:26. drwx spardi spardi 4096 Mar 30 12:32.. -rw spardi spardi 1799 Jan 22 17:26 usercert.pem -r spardi spardi 1922 Jan 22 17:26 userkey.pem 26

27 ~]$ voms-proxy-init --voms unina.it Cannot find file or dir: /home/spardi/.glite/vomses Enter GRID pass phrase: Your identity: /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi Creating temporary proxy... Done Contacting voms01.scope.unina.it:15003 [/C=IT/O=INFN/OU=Host/L=Federico II/CN=voms01.scope.unina.it] "unina.it" Done Creating proxy... Done Your proxy is valid until Mon Mar 30 21:31: ~]$ ~]$ voms-proxy-info --all subject : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi/CN=proxy issuer : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi identity : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi type : proxy strength : 512 bits path : /tmp/x509up_u500 timeleft : 11:59:35 === VO unina.it extension information === VO : unina.it subject : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi issuer : /C=IT/O=INFN/OU=Host/L=Federico II/CN=voms01.scope.unina.it attribute : /unina.it timeleft : 11:57:37 27

28 ~]$ voms-proxy-init --voms unina.it:/unina.it/role=vo-admin Cannot find file or dir: /home/spardi/.glite/vomses Enter GRID pass phrase: Your identity: /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi Creating temporary proxy... Done Contacting voms01.scope.unina.it:15003 [/C=IT/O=INFN/OU=Host/L=Federico II/CN=voms01.scope.unina.it] "unina.it" Done Creating proxy... Done Your proxy is valid until Mon Mar 30 21:45: ~]$ voms-proxy-info --all subject : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi/CN=proxy issuer : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi identity : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi type : proxy strength : 512 bits path : /tmp/x509up_u500 timeleft : 11:59:58 === VO unina.it extension information === VO : unina.it subject : /C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Silvio Pardi issuer : /C=IT/O=INFN/OU=Host/L=Federico II/CN=voms01.scope.unina.it attribute : /unina.it attribute : /unina.it/role=vo-admin timeleft : 11:58:00 28

29 Sicurezza: GSI schema generale 29

30 Riferimenti A National-Scale Authentication Infrastructure R. Butler, V. Welch, D. Engert, I. Foster, S. Tuecke, J. Volmer, C. Kesselman IEEE Computer n.33, Globus Security: 30

Griglie computazionali LEZIONE N. 7. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 7. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 7 Grid Security Infrastructure Certificati X.509 Certificati Proxy Il servizo

Dettagli

Autorizzazione ed autenticazione in glite

Autorizzazione ed autenticazione in glite Autorizzazione ed autenticazione in glite Elisa Ingrà INFN Catania Elisa.ingra@ct.infn.it Grid Tutorial per gli Istituti Tecnici Industriali Sommario Glossario Crittografia Algoritmi simmetrici Algoritmi

Dettagli

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione Sommario Il Problema della Sicurezza nelle Grid Sicurezza nelle Grid Grid Security Infrastructure Autorizzazione 2 Page 1 Il Problema della Sicurezza nelle Grid (1) Le risorse sono presenti domini amministrativi

Dettagli

Certificati di Attributi

Certificati di Attributi Certificati di Attributi Sicurezza dei dati in rete La rete è un mezzo non sicuro I messaggi in rete possono essere intercettati e/o modificati a cura di: R.Gaeta, F.Zottola Sicurezza dei dati in rete

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Esercitazione 02. Sommario. Un po di background (1) Un certificato digitale in breve. Andrea Nuzzolese

Esercitazione 02. Sommario. Un po di background (1) Un certificato digitale in breve. Andrea Nuzzolese Sommario Esercitazione 02 Andrea Nuzzolese Certificati Descrizione esercitazione Free Secure Email Certificates (con InstantSSL) ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA Un certificato digitale in breve

Dettagli

Sicurezza: necessità. Roberto Cecchini Ottobre 2002 1

Sicurezza: necessità. Roberto Cecchini Ottobre 2002 1 Sicurezza: necessità Riservatezza: la comunicazione è stata intercettata? Autenticazione: l utente è veramente chi dice di essere? Autorizzazione: ogni utente può accedere solo alle risorse cui ha diritto.

Dettagli

Esercitazione 2 Certificati

Esercitazione 2 Certificati Sommario Esercitazione 2 Certificati Laboratorio di 2015/2016 Andrea Nuzzolese Certificati Descrizione esercitazione Free Secure Email Certificates (con InstantSSL) ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA

Dettagli

Firma digitale Definizione

Firma digitale Definizione FIRMA DIGITALE Firma digitale Definizione La definizione di firma digitale è contenuta nel Dlgs. Del 4/04/2006 n.159 che integra il Codice dell amministrazione digitale in vigore dal 1/01/2006. Firma digitale

Dettagli

Firma digitale e PEC: facili e sicure

Firma digitale e PEC: facili e sicure Firma digitale e PEC: facili e sicure Trento, 23 Novembre 2012 Ing. Andrea Gelpi Commissione Ingegneria dell'informazione Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Firma Digitale La Firma digitale

Dettagli

Sicurezza digitale. requisiti: confidenzialità, integrità, autenticazione, autorizzazione, assicurazione, riservatezza. soddisfatti mediante

Sicurezza digitale. requisiti: confidenzialità, integrità, autenticazione, autorizzazione, assicurazione, riservatezza. soddisfatti mediante Sicurezza digitale requisiti: confidenzialità, integrità, autenticazione, autorizzazione, assicurazione, riservatezza soddisfatti mediante crittografia = codifica dei dati in forma illeggibile per assicurare

Dettagli

Sicurezza dei sistemi informatici Firma elettronica E-commerce

Sicurezza dei sistemi informatici Firma elettronica E-commerce Sicurezza dei sistemi informatici Firma elettronica E-commerce Il contesto applicativo Commercio elettronico Quanti bit ho guadagnato!! Marco Mezzalama Politecnico di Torino collegamenti e transazioni

Dettagli

Posta elettronica e crittografia

Posta elettronica e crittografia Posta elettronica e crittografia Francesco Gennai IAT/CNR Roma 7 novembre 2000 Posta elettronica e crittografia Breve introduzione ai meccanismi che regolano la crittografia a chiave pubblica La certificazione:

Dettagli

Seminario di Sicurezza A.A. 2003/2004 Autore: Gualdani Alessandro. Certificati x.509

Seminario di Sicurezza A.A. 2003/2004 Autore: Gualdani Alessandro. Certificati x.509 Certificati x.509 Lo standard x.509 è stato definito nel 1988 da ITU-T (International Telecommunication Union Telecommunication Standardization Sector, l ente regolatore per gli standard nelle telecomunicazioni)

Dettagli

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 7, sicurezza dei protocolli. Sicurezza dei protocolli (https, pop3s, imaps, esmtp )

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 7, sicurezza dei protocolli. Sicurezza dei protocolli (https, pop3s, imaps, esmtp ) Sicurezza dei protocolli (https, pop3s, imaps, esmtp ) Stack di protocolli nella trasmissione della posta elettronica 2 Sicurezza a livello applicativo Ma l utilizzo di meccanismi di cifratura e autenticazione

Dettagli

Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server

Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server Di Massimiliano Brolli, Roma 24/10/2004 SSL permette di eseguire una connessione criptata tra un Server WEB

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 13 -

Informatica per la comunicazione - lezione 13 - Informatica per la comunicazione" - lezione 13 - Funzionamento di una password" 1: l utente tramite il suo browser richiede l accesso a una pagina del server; 2: il server richiede il nome utente e la

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL Fisica dell Informazione Il servizio World Wide Web (WWW) Come funziona nel dettaglio il Web? tre insiemi di regole: Uniform Resource Locator (URL) Hyper Text

Dettagli

Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale S/MIME rilasciato

Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale S/MIME rilasciato Guida all installazione e all utilizzo di un certificato personale S/MIME (GPSE) Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale

Dettagli

Serve a garantire la nostra privacy nell era era della comunicazione digitale.

Serve a garantire la nostra privacy nell era era della comunicazione digitale. La crittografia di Antonio Cilli 1. La crittografia, perché? 2. Crittografia asimmetrica 3. Firma digitale 4. Documento elettronico 5. Autorità di certificazione 6. Certificati digitali 7. Requisiti di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. ENTRUST/PKI 6.0 MANUALE PER L UTENTE. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI

Dettagli

La sicurezza nelle reti di calcolatori

La sicurezza nelle reti di calcolatori La sicurezza nelle reti di calcolatori Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

Protezione della posta elettronica mediante crittografia

Protezione della posta elettronica mediante crittografia Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano Protezione della posta elettronica mediante crittografia Davide Cerri CEFRIEL - Area e-service e Technologies

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica

Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica Esercitazione 6 Autenticazione in Tomcat per lo sviluppo di Web Service. In questo documento si presentano i meccanismi fondamentali che consentono

Dettagli

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la Architettura del middleware INFNGRID e piano di deployment sull'infrastruttura SCoPE Gennaro Tortone INFN Napoli 21 febbraio 2007 Indice Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization

Dettagli

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 39 INDICE 1. PREMESSA 4 2. INSTALLAZIONE 5 3. ESECUZIONE 6 4. STRUTTURA DELLE CARTELLE 7 5. CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

PGP Desktop 9.0 per Win

PGP Desktop 9.0 per Win PGP Desktop 9.0 per Win Download da www.pgp.com Gestione chiavi Generazione, Distribuzione, Firma, Verifica, Cancellazione, Revoca Cifratura/Decifratura e Firma/Verifica di e-mail Applicazioni che supportano

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI GLOBUS 1.1.2

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI GLOBUS 1.1.2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI GLOBUS 1.1.2 R. Cucchi, G. Lo Biondo, F. Prelz, M. Sgaravatto, G. Vita Finzi Maggio 2000 Le istruzioni di seguito riportate fanno riferimento alla documentazione di installazione

Dettagli

Pretty Good Privacy. PGP fornisce crittografia ed autenticazione. creato da Phil Zimmermann nel 1991. in origine è un'applicazione per e-mail

Pretty Good Privacy. PGP fornisce crittografia ed autenticazione. creato da Phil Zimmermann nel 1991. in origine è un'applicazione per e-mail Pretty Good Privacy PGP fornisce crittografia ed autenticazione creato da Phil Zimmermann nel 1991 in origine è un'applicazione per e-mail RFC 2440 - OpenPGP Message Format nov.98 RFC 3156 - MIME Security

Dettagli

Crittografia. Crittografia Definizione. Sicurezza e qualità dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C.

Crittografia. Crittografia Definizione. Sicurezza e qualità dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C. Definizione La crittografia è la scienza che utilizza algoritmi matematici per cifrare e decifrare i dati. La criptoanalisi è la scienza che analizza e decifra i dati crittografati senza conoscerne a priori

Dettagli

Public-key Infrastructure

Public-key Infrastructure Public-key Infrastructure Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2014 Distribuzione chiavi pubbliche

Dettagli

La firma digitale e le sue possibili applicazioni

La firma digitale e le sue possibili applicazioni Il documento informatico e la firma digitale nelle applicazioni pratiche La firma digitale e le sue possibili applicazioni dott. Enrico Zimuel (enrico@zimuel.it) Pescara, 15 febbraio 2008 Centro Studi

Dettagli

Corso di ARCHITETTURA DEI SISTEMI INFORMATIVI - Prof. Crescenzio Gallo. 114 Sistemi informativi in rete e sicurezza 4.6

Corso di ARCHITETTURA DEI SISTEMI INFORMATIVI - Prof. Crescenzio Gallo. 114 Sistemi informativi in rete e sicurezza 4.6 Approcci al problema della sicurezza 114 Sistemi informativi in rete e sicurezza 4.6 Accessi non autorizzati Hacker: coloro che si avvalgono delle proprie conoscenze informatiche e di tecnologia delle

Dettagli

Guida per il PGP. Scritto da Spy. Indice:

Guida per il PGP. Scritto da Spy. Indice: Indice: Introduzione Le chiavi Chiave pubblica Chiave privata Verifica del messaggio e del mittente "Finger print" Installazione Gestione chiavi Come creare le chiavi Come estrarre una chiave Come esaminare

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Applicazioni per l autenticazione Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009

Applicazioni per l autenticazione Sicurezza nelle reti di TLC - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009 Applicazioni per l autenticazione Kerberos Kerberos Servizio di autenticazione sviluppato dal MIT Fornisce un server di autenticazione centralizzato Basato su crittografia simmetrica (chiave privata) Permette

Dettagli

Sicurezza su Grid. Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009

Sicurezza su Grid. Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009 Sicurezza su Grid Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009 Introduzione e Definizione di Computing Grid La griglia computazionale eʼ un tipo

Dettagli

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web Sommario Introduzione alla Sicurezza Web Considerazioni generali IPSec Secure Socket Layer (SSL) e Transport Layer Security (TLS) Secure Electronic Transaction (SET) Introduzione alla crittografia Introduzione

Dettagli

NETASQ V9: PKI & Controllo accessi. Presentation Marco Genovese Presales engineer marco.genovese@netasq.com

NETASQ V9: PKI & Controllo accessi. Presentation Marco Genovese Presales engineer marco.genovese@netasq.com NETASQ V9: PKI & Controllo accessi Presentation Marco Genovese Presales engineer marco.genovese@netasq.com Alcuni concetti Alcuni concetti prima di incominciare per chiarire cosa è una PKI e a cosa serve

Dettagli

Lombardia Informatica S.p.A. Policy Certificati di Firma Digitale su CNS/CRS

Lombardia Informatica S.p.A. Policy Certificati di Firma Digitale su CNS/CRS Lombardia Informatica S.p.A. Policy Certificati di Firma Digitale su CNS/CRS Codice documento: LISPA-CA-PRC#08 Revisione: 2.0 Stato: Data di revisione: 10/07/2013 AREA NOME Redatto da: DCO/SER/Area Servizi

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Inforatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Sicurezza nella counicazione in rete: integrità

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

La SICUREZZA nelle comunicazioni tra host remoti

La SICUREZZA nelle comunicazioni tra host remoti CdS Magistrale in INFORMATICA Anno Accademico 2014-15 Corso di Sistemi Distribuiti Cenni sulla sicurezza nei Sistemi Distribuiti Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica La SICUREZZA nelle

Dettagli

Sicurezza in Internet. Criteri di sicurezza. Firewall

Sicurezza in Internet. Criteri di sicurezza. Firewall Sicurezza in Internet cannataro@unicz.it 1 Sommario Internet, Intranet, Extranet Criteri di sicurezza Servizi di filtraggio Firewall Controlli di accesso Servizi di sicurezza Autenticazione Riservatezza,

Dettagli

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD Introduzione Il nostro obiettivo é quello di illustrare la struttura e le caratteristiche di fondo che stanno alla base delle transazioni online operate tramite

Dettagli

La firma digitale CHE COSA E'?

La firma digitale CHE COSA E'? La firma digitale La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con mezzi informatici, al pari

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

Sistemi informativi e Telemedicina Anno Accademico 2008-2009 Prof. Mauro Giacomini

Sistemi informativi e Telemedicina Anno Accademico 2008-2009 Prof. Mauro Giacomini Sistemi informativi e Telemedicina Anno Accademico 2008-2009 Prof. Mauro Giacomini Concetti di base Tre funzioni fondamentali: Autenticazione: riceve le credenziali, le verifica presso un autorità, se

Dettagli

Connessione in rete: sicurezza informatica e riservatezza

Connessione in rete: sicurezza informatica e riservatezza Quinta Conferenza Nazionale di Statistica WORKSHOP Connessione in rete: sicurezza informatica e riservatezza coordinatore Antonio Lioy docente del Politecnico di Torino 5@ S Roma 15, 16, 17 novembre 2000

Dettagli

Ulisse-SUAP sottosistema Registrazione e autenticazione Utenti

Ulisse-SUAP sottosistema Registrazione e autenticazione Utenti Pagina 1 di 13 Ulisse-SUAP sottosistema Registrazione e autenticazione Utenti Bozza Data: 17/5/2014 Numero pagine: 13 Pagina 2 di 13 INDICE GESTIONE DEL DOCUMENTO...3 GLOSSARIO...5 ACRONIMI...6 INTRODUZIONE...7

Dettagli

Capitolo 8 La sicurezza nelle reti

Capitolo 8 La sicurezza nelle reti Capitolo 8 La sicurezza nelle reti Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Paravia Bruno Mondadori Spa 2008 Capitolo 8: La sicurezza nelle reti

Dettagli

Documenti cartacei e digitali. Autenticità. Cosa si vuole garantire? Riservatezza. Integrità 11/12/2012. PA digitale: documenti e firme (I.

Documenti cartacei e digitali. Autenticità. Cosa si vuole garantire? Riservatezza. Integrità 11/12/2012. PA digitale: documenti e firme (I. Università degli studi di Catania Pubblica Amministrazione digitale Elementi tecnici sulla firma digitale Ignazio Zangara Agatino Di Bella Area della Formazione Gestione dell archivio (novembre dicembre

Dettagli

Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 7.0

Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 7.0 Registro elettronico scuola ospedaliera rel. 7.0 MANUALE DI INSTALLAZIONE 1/12 MANUALE DI INSTALLAZIONE Informazione per gli utenti Il registro elettronico è un applicazione software sviluppata con licenza

Dettagli

Sicurezza in Internet

Sicurezza in Internet Sicurezza in Internet Mario Cannataro cannataro@unicz.it 1 Sommario Internet, Intranet, Extranet Servizi di filtraggio Firewall Servizi di sicurezza Autenticazione Riservatezza ed integrità delle comunicazioni

Dettagli

Sommario. Modellazione di Kerberos mediante DASM. Kerberos (1) Descrizione Kerberos. Descrizione Kerberos Modellazione Analisi di Correttezza

Sommario. Modellazione di Kerberos mediante DASM. Kerberos (1) Descrizione Kerberos. Descrizione Kerberos Modellazione Analisi di Correttezza Sommario Modellazione di Kerberos mediante DASM Descrizione Kerberos Modellazione Analisi di Correttezza DASM per Kerberos 1 DASM per Kerberos 2 Kerberos (1) Descrizione Kerberos Kerberos è traslitterazione

Dettagli

Software di crittografia per GNOME. Nicola VITUCCI POuL Politecnico Open unix Labs

Software di crittografia per GNOME. Nicola VITUCCI POuL Politecnico Open unix Labs Software di crittografia per GNOME Nicola VITUCCI POuL Politecnico Open unix Labs Crittografia: definizione Dal greco kryptós, nascosto, e gráphein, scrivere Crittografia: l arte scrivere cifrato dello

Dettagli

Approfondimento di Marco Mulas

Approfondimento di Marco Mulas Approfondimento di Marco Mulas Affidabilità: TCP o UDP Throughput: banda a disposizione Temporizzazione: realtime o piccoli ritardi Sicurezza Riservatezza dei dati Integrità dei dati Autenticazione di

Dettagli

Università degli Studi di Siena. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Siena. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in INGEGNERIA INFORMATICA Community CryptoFile: realizzazione di un sistema on-line per la creazione di una community che supporti

Dettagli

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids James Frey, Todd Tannenbaum, Miron Livny, Ian Foster, Steven Tuecke Condor-G Sfrutta: Security, comunicazioni, resource

Dettagli

Problema: distribuzione delle chiavi pubbliche. Autenticazione delle chiavi pubbliche - PKI: Public Key Infrastructure

Problema: distribuzione delle chiavi pubbliche. Autenticazione delle chiavi pubbliche - PKI: Public Key Infrastructure Problema: distribuzione delle chiavi pubbliche Sicurezza nei Sistemi Informativi Autenticazione delle chiavi pubbliche - PKI: Public Key Infrastructure Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

Dettagli

Firma Digitale. dott. Andrea Mazzini

Firma Digitale. dott. Andrea Mazzini Firma Digitale dott. Andrea Mazzini La Crittografia La prima persona che usò la crittografia fu Giulio Cesare! Egli doveva inviare messaggi ma non si fidava dei messaggeri, così inventò un metodo per codificare

Dettagli

<Portale LAW- Lawful Activities Wind > Pag. 1/33 Manuale Utente ( WEB GUI LAW ) Tipo di distribuzione Golden Copy (Copia n. 1) Copia n. Rev. n. Oggetto della revisione Data Pag. 2/33 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Certificati digitali con CAcert Un'autorità di certificazione no-profit

Certificati digitali con CAcert Un'autorità di certificazione no-profit Certificati digitali con CAcert Un'autorità di certificazione no-profit Davide Cerri Associazione di Promozione Sociale LOLUG Gruppo Utenti Linux Lodi davide@lolug.net 11 novembre 2008 Crittografia asimmetrica:

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE CERTIFICATO DIGITALE PER LA SICUREZZA CERTIFICATION AUTHORITY DEL SISTEMA PIEMONTE

MANUALE DI INSTALLAZIONE CERTIFICATO DIGITALE PER LA SICUREZZA CERTIFICATION AUTHORITY DEL SISTEMA PIEMONTE Pag.1 di 22 PER LA SICUREZZA CERTIFICATION AUTHORITY DEL SISTEMA PIEMONTE Pag.2 di 22 INDICE 1. PREMESSE...3 2. VERIFICA DELLA VERSIONE CORRETTA DEL BROWER...3 3. INSTALLAZIONE DI CERTIFICATI CON NETSCAPE

Dettagli

Firma HSM. A cura di: Enrico Venuto. Politecnico di Torino Coordinatore sicurezza informatica di ateneo

Firma HSM. A cura di: Enrico Venuto. Politecnico di Torino Coordinatore sicurezza informatica di ateneo Firma HSM A cura di: Enrico Venuto Politecnico di Torino Coordinatore sicurezza informatica di ateneo Politecnico di Torino 23 novembre 2012 Firma digitale Firma digitale La firma digitale fa uso di un

Dettagli

SIEMENS GIGASET S450 IP GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

SIEMENS GIGASET S450 IP GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP SIEMENS GIGASET S450 IP GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP Gigaset S450 IP Guida alla configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SCOPO...3 TELEFONARE CON EUTELIAVOIP...3 CONNESSIONE DEL TELEFONO

Dettagli

La sicurezza nelle reti di calcolatori

La sicurezza nelle reti di calcolatori La sicurezza nelle reti di calcolatori Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

Sicurezza nelle Grid. Page 1

Sicurezza nelle Grid. Page 1 Sicurezza nelle Grid Page 1 Sommario Il Problema della Sicurezza nelle Grid Grid Security Infrastructure Autorizzazione 2 Page 2 Il Problema della Sicurezza nelle Grid (1) Le risorse sono presenti domini

Dettagli

Firma Digitale. Firma digitale Definizione. SeQ dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C.Parisi 1

Firma Digitale. Firma digitale Definizione. SeQ dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C.Parisi 1 Firma Digitale Definizione La definizione di firma digitale è contenuta nel Dlgs. del 4/04/2006 n.159 che integra il Codice dell amministrazione digitale in vigore dal 1/01/2006. è un particolare tipo

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Sicurezza Informatica

Sicurezza Informatica Sicurezza Informatica Fabio Martinelli Anna Vaccarelli CNR - Pisa Workshop Telemisure - 25 Febbraio 2004 Outline Scenario Proprietà di Sicurezza Vulnerabilità, Robustezza e Contromisure Grid Sensor Networks

Dettagli

La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo. Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo

La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo. Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo Perchè questa presentazione Il Comune di Cuneo, aderente alla RUPAR, ha ricevuto due

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

LICARUS LICENSE SERVER

LICARUS LICENSE SERVER UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progetto per il corso di Sicurezza dei Sistemi Informatici LICARUS LICENSE SERVER

Dettagli

Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 19/04/06

Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 19/04/06 E-business sicuro Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 19/04/06 Ecommerce: problematiche Differenze con il commercio tradizionale dati importanti viaggiano su Internet (numero di carta

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Lab 8 Visti i problemi con la macchina virtuale e la rete, l assignment è sospeso 1 Autenticazione

Dettagli

The SPARTA Pseudonym and Authorization System

The SPARTA Pseudonym and Authorization System Introduzione The SPARTA Pseudonym and Authorization System Seminario di Marco Grispino per Sicurezza 2 SPARTA (Secure Pseudonym Architecture with Real Time Accounting) è un framework sviluppato da ricercatori

Dettagli

RuparPiemonte Manuale di installazione certificato digitale per la sicurezza Certification Authority di SistemaPiemonte

RuparPiemonte Manuale di installazione certificato digitale per la sicurezza Certification Authority di SistemaPiemonte RuparPiemonte Manuale di installazione certificato digitale per la sicurezza Certification Authority di SistemaPiemonte Pag. 1 di 17 SOMMARIO 1. PREMESSE...2 2. IL...2 3. VERIFICA DELLA VERSIONE CORRETTA

Dettagli

RSA. Chiavi RSA. Firma Digitale. Firma Digitale. Firma Digitale. Desiderata per la Firma Digitale. Corso di Sicurezza su Reti 1

RSA. Chiavi RSA. Firma Digitale. Firma Digitale. Firma Digitale. Desiderata per la Firma Digitale. Corso di Sicurezza su Reti 1 firma Firma Digitale Equivalente alla firma convenzionale firma Firma Digitale Equivalente alla firma convenzionale Soluzione naive: incollare firma digitalizzata Firma Digitale 0 Firma Digitale 1 firma

Dettagli

1. La rete wireless per noi.

1. La rete wireless per noi. 1. La rete wireless per noi. Stiamo allestendo un servizio di rete wireless esteso per quanto possibile a tutto il Dipartimento. Per cominciare le antenne sono state disposte nei luoghi in cui è più difficile

Dettagli

LegalCert Remote Sign

LegalCert Remote Sign 1 2 InfoCert Profilo Aziendale InfoCert - un Partner altamente specializzato nei servizi di Certificazione Digitale e Gestione dei documenti in modalità elettronica, in grado di garantire la piena innovazione

Dettagli

TRASMISSIONE DI DATI VIA INTERNET

TRASMISSIONE DI DATI VIA INTERNET TRASMISSIONE DI DATI VIA INTERNET 2.0 1 11 Sommario SOMMARIO...2 1. STORIA DELLE MODIFICHE...3 2. TRASMISSIONE DATI VIA INTERNET...4 2.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 2.2 INTRODUZIONE...4 3. FORMATO DEI DOCUMENTI...5

Dettagli

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 16 Indice 1 Introduzione...3 2 Genera certificato...4 3 Sospendi certificato...10 4 Riattiva certificato...12 5 Revoca certificato...14

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Corso Specialista Sistemi Ambiente Web. Test finale conoscenze acquisite - 15.12.2003. Windows 2000 Server

Corso Specialista Sistemi Ambiente Web. Test finale conoscenze acquisite - 15.12.2003. Windows 2000 Server Windows 2000 Server 1 A cosa serve il task manager? A A monitorare quali utenti stanno utilizzando una applicazione B A restringere l'accesso a task determinati da parte degli utenti C Ad interrompere

Dettagli

NOTE. Asimmetrici: Utilizza due chiavi, una pubblica ed una privata

NOTE. Asimmetrici: Utilizza due chiavi, una pubblica ed una privata Simmetrici: sono quelli usati dalla crittografia classica ed essi permettono al mittente e al destinatario di usare la medesima chiave per rispettivamente crittare e decrittare un messaggio. Asimmetrici:

Dettagli

E-business sicuro. Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 05/06/06

E-business sicuro. Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 05/06/06 E-business sicuro Tecnologie per la gestione delle transazioni su Internet 05/06/06 Ecommerce: problematiche Differenze con il commercio tradizionale dati importanti viaggiano su Internet (numero di carta

Dettagli

SISTEMA INFORMATIZZATO CERTIFICAZIONE ANTIMAFIA SI.CE.ANT. Prefettura di Roma. Presentazione del 10 dicembre 2008 alle Stazioni Appaltanti

SISTEMA INFORMATIZZATO CERTIFICAZIONE ANTIMAFIA SI.CE.ANT. Prefettura di Roma. Presentazione del 10 dicembre 2008 alle Stazioni Appaltanti SISTEMA INFORMATIZZATO CERTIFICAZIONE ANTIMAFIA SI.CE.ANT. Prefettura di Roma Presentazione del 10 dicembre 2008 alle Stazioni Appaltanti 1 Indice della presentazione Obiettivi del progetto Soggetti coinvolti

Dettagli

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Premesse PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Problemi Come distribuire in modo sicuro le chiavi pubbliche? Come conservare e proteggere le chiavi private? Come garantire l utilizzo corretto dei meccanismi crittografici?

Dettagli

INFN Sezione di Perugia Servizio di Calcolo e Reti Fabrizio Gentile Enrico Becchetti

INFN Sezione di Perugia Servizio di Calcolo e Reti Fabrizio Gentile Enrico Becchetti INFN Sezione di Perugia Servizio di Calcolo e Reti Fabrizio Gentile Enrico Becchetti Configurazione del client per l uso dei nuovi sistemi di posta Introduzione; p. 2 Server SMTP; p. 2 Server IMAP/POP;

Dettagli

Sistema di accesso ad internet tramite la rete Wireless dell Università di Bologna

Sistema di accesso ad internet tramite la rete Wireless dell Università di Bologna Sistema di accesso ad internet tramite la rete Wireless dell Università di Bologna Documento stampabile riassuntivo del servizio: la versione aggiornata è sempre quella pubblicata on line all indirizzo

Dettagli

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Identificazione documento Titolo Tipo Nome file Livelli di servizio Documentazione SIS_sla_v3 Approvazioni Nome Data Firma Redatto da Pollio 25/11/2010 Revisionato

Dettagli

Crittografia e sicurezza informatica. Sistema di voto elettronico

Crittografia e sicurezza informatica. Sistema di voto elettronico Crittografia e sicurezza informatica Sistema di voto elettronico Deliano Perfetti Gabriele Paone Anno 2003 1 indice 1. Specifiche 2 2. Scelte progettuali 2 Schema Server Authority Server di Voto Client

Dettagli

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Davide Cerri Sommario L esigenza di proteggere l informazione che viene trasmessa in rete porta all utilizzo di diversi protocolli crittografici.

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli