Servizio ISEE Invio comandi alla carta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio ISEE Invio comandi alla carta"

Transcript

1 Servizio ISEE Invio comandi alla carta Versione /12/2012 RTI Funzione Nome Redazione Approvazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture (Engineering) Capo progetto RTI Umberto Ferrara, Riccardo Casiraghi Massimo Agostiniani Fabio Bennati Umberto Ferrara Regione Toscana Funzione Nome Verifica Approvazione Nome file: CSE-ServizioISEE-InvioComandiAllaCarta-v1.1.doc Pag. 1 di 12

2 Indice AGGIORNAMENTI DELLE VERSIONI GENERALITÀ Scopo Riferimenti Definizioni e abbreviazioni Allegati Organizzazione del File System Popolamento/aggiornamento dati servizio ISEE Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE External authenticate Generazione sequenza randomica di bytes Firma sequenza randomica di bytes External authenticate Scrittura dei file elementari presenti nel servizio Scrittura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL Scrittura contenuto EF_ISEE_HASH Scrittura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE Lettura dati servizio ISEE Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE Lettura dei file elementari presenti nel servizio Lettura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL Lettura contenuto EF_ISEE_HASH Lettura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE Pag. 2 di 12

3 AGGIORNAMENTI DELLE VERSIONI Versione Data Motivo Modifiche /12/2012 Emissione /12/12 Correzione 3,1 aggornato FID Pag. 3 di 12

4 1 GENERALITÀ Il presente documento si riferisce al progetto di gestione del servizio aggiuntivo ISEE. 1.1 Scopo Obiettivo di questo documento è descrivere le modalità di interfacciamento con le TS-CNS per le operazioni di lettura e scrittura delle informazioni relative al servizio ISEE. 1.2 Riferimenti 1.3 Definizioni e abbreviazioni RT CSE TS-CNS Regione Toscana Carta Sanitaria Elettronica Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi 1.4 Allegati N.A. 2 ORGANIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Di seguito l organizzazione del file system per la gestione del servizio aggiuntivo ISEE: DF2 Dati_personali_aggiuntivi EF_Memoria_residua EF_Servizi_Istallati EF_INST_FILE DF EF BSO BSO_InstPubKey BSO_Kia BSO_Kic DF_ISEE EF_INFO _APPL EF_HASH EF_SIGNATURE BSO_AdminISEE_pubKey Pag. 4 di 12

5 Servizio ISEE File/Object Name Parent Description FID/ID (hex) Type Algorithm Net Size DF_ISEE DF2 Servizio aggiuntivo ISEE 1F21DF EF_ISEE_INFO_APPL Info applicative servizio ISEE 0001EF_T (**) 400 EF_ISEE_HASH Hash sha1 del contenuto di EF_ISEE_INFO_APPL 0002EF_T (***) 20 EF_ISEE_SIGNATURE Firma RSA raw con chiave di lunghezza 1024 del contenuto di EF_ISEE_INFO_APPL 0003EF_T (****) 128 File/Object Name Update Append Activate/D eactivate Access Conditions: DF DF_ISEE nev nev nev BSO_InstP nev Nev ubkey EF_ISEE_INFO_APPL alw EF_ISEE_HASH alw EF_ISEE_SIGNATURE alw Access Conditions: EF Delete Admin Create Read Update Append Activate/Deac tivate BSO_ISEE_A dminpubkey BSO_ISEE_A dminpubkey BSO_ISEE_A dminpubkey Delete Admin nev nev nev nev nev nev nev nev nev nev nev nev 3 POPOLAMENTO/AGGIORNAMENTO DATI SERVIZIO ISEE In questo capitolo è riportato un possibile elenco di apdu che consente la scrittura dei dati applicativi previsti per il servizio aggiuntivo ISEE. 3.1 Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE Per poter inviare comandi alla carta è necessario stabilire una connessione come mostrato nel seguente esempio: exec: card#connect#card Reader name: ACS ACR38U 0 Establish Context():... Card inserted into ACS ACR38U 0 Card ATR is 24: 3BDF FE7D006B150C E F8 Output : 3B DF FE 7D 00 6B 15 0C E F8 Status : OK La selezione del folder DF_ISEE avviene tramite l invio di una apdu SELECT avente come argomento l identificatore del folder DF_ISEE (1F 21). Command : 00 A Input Data [Le] : F 21 In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il servizio ISEE la carta restituisce lo SW 6A External authenticate Per poter aggiornare (o scrivere per la prima volta) i dati del servizio ISEE è necessario soddisfare la condizione di accesso Update associata agli Elementary Files (EFs) EF_ISEE_INFO_APPL, EF_ISEE_HASH. Pag. 5 di 12

6 EF_ISEE_SIGNATURE. Il Base Security Object BSO_ISEE_AdminPublicKey la cui verifica consente la scrittura dei summenzionati EFs è di tipo RSA Public Key. Per poterlo verificare l applicazione deve effettuare i seguenti passi: - chiedere alla carta la generazione di una sequenza randomica di bytes, - firmare/cifrare la sequenza randomica di bytes ritornata con la chiave amministrativa privata corrispondente al BSO_ISEE_AdminPublicKey (la chiave amministrativa privata è in possesso del gestore del servizio ISEE) - chiedere alla carta la validazione della sequenza di bytes firmata/cifrata tramite apdu external_authenticate. Se la validazione ha esito positivo (apdu external authenticate eseguita con successo) è possibile procedere con l aggiornamento del contenuto dei tre EFs Generazione sequenza randomica di bytes Il seguente esempio mostra l invio della richiesta di generazione di una sequenza randomica di lunghezza 8 bytes. // Get Challenge Command : Output Data : 76 BE E F4 7D Firma sequenza randomica di bytes La sequenza randomica di bytes ritornata dalla carta (76 BE E F4 7D nell esempio) deve essere frmata/cifrata, in modalità PKCS1 padding, con la chiave amministrativa privata del gestore del servizio ISEE. La modalità operativa di apposizione della firma dipende dal tipo di supporto per la conservazione della chiave amministrativa privata (file system, smart card, HSM) e/o dalla particolare libreria crittografica utilizzata. Essendo la lunghezza della chiave amministrativa del servisio ISEE pari a 1024 bit (128 bytes) la firma/cifratura della sequenza randomica avrà lunghezza 128 bytes, come mostrato nel seguente esempio: exec: mngrsaprivkey#encrypt#pkcs12#../data/adminisee.p12 # p12.2 # G # N Output Status : 1C 19 8A 1D 90 EA B2 28 BD 0F DB C7 B B8 AC F3 57 C0 57 E1 BC AA 71 A3 E2 E8 29 0D CB EB B0 E4 5D D5 1E F9 35 5A 77 C2 42 A E7 FC 1D 06 A A6 37 A3 A8 FF A0 6F 3E 6E 50 2F FA 2A CB 4F 37 B F3 C0 2E A0 3D 56 D8 6A AB B3 5A 2E 8D 78 C6 39 F3 5D 35 1E 43 AB A D0 8A B0 9B 85 C1 1A B 45 E9 76 FB A8 83 3E B8 68 AE C : OK External authenticate La sequenza firmata/cifrata di 128 bytes viene passata alla carta tramite l apdu external authenticate Command : Pag. 6 di 12

7 Input Data [Le] : 1C 19 8A 1D 90 EA B2 28 BD 0F DB C7 B B8 AC F3 57 C0 57 E1 BC AA 71 A3 E2 E8 29 0D CB EB B0 E4 5D D5 1E F9 35 5A 77 C2 42 A E7 FC 1D 06 A A6 37 A3 A8 FF A0 6F 3E 6E 50 2F FA 2A CB 4F 37 B F3 C0 2E A0 3D 56 D8 6A AB B3 5A 2E 8D 78 C6 39 F3 5D 35 1E 43 AB A D0 8A B0 9B 85 C1 1A B 45 E9 76 FB A8 83 3E B8 68 AE C In caso di corretta verifica (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di fallimento verifica (dovuta ad esempio all utilizzo di una chiave privata non corrispondente alla chiave pubblica, alla firma/cifratura di una sequenza di bytes non corrispondente alla sequenza di bytes randomica restituita) la carta restituisce i seguenti SW: SW Verifica corretta 63 C2 Verifica fallita: rimangono altri due possibili tentativi 63 C1 Verifica fallita: rimane un solo possibile tentativo prima del blocco di BSO_ISEE_AdminPublicKey 63 C0 Verifica fallita: BSO_ISEE_AdminPublicKey bloccato; non sono possibili ulteriori tentativi BSO_ISEE_AdminPublicKey è bloccato. La verifica fallisce anche in caso di passaggio dati corretti 3.3 Scrittura dei file elementari presenti nel servizio La scrittura del contenuto dei tre files elementari presenti avviene tramite l invio di apdu UPDATE_BINARY previa selezione del file elementare tramite apdu SELECT Scrittura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL L identificatore del file EF_ISEE_INFO_APPL (00 01) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il file EF_ISEE_INFO_APPL la carta restituisce lo SW 6A 82 La dimensione del file EF_ISEE_INFO_APPL è di 400 bytes. Se la dimensione della struttura dati applicativi del servizio ISEE (struttura ASN.1) è inferiore a 255 bytes può essere veicolata tramite una sola apdu come mostrato nel seguente esempio (75h = 117 bytes Pag. 7 di 12

8 veicolati) Command : 00 D Input Data [Le] : C 4C C B E C 4C C F E 58 5A 4B 43 2B A 48 4F 2F F B F 59 3D Se la dimensione della struttura dati applicativi del servizio ISEE è superiore a 255 bytes può essere veicolata tramite l inviato in sequenza due apdu UPDATE_BINARY come mostrato nl seguente esempio // scrittura dei primi 255 bytes Command : 00 D FF Input Data [Le] : A6 CC D9 89 D EE 3E ED 56 0A 9D F6 2D D3 13 BC F4 31 7F CB DD 80 1B 62 5D E EB 3A F1 5D BD 77 3C CB 0E 9C 07 EA 76 8B A E7 34 AC E CE E AB FC 39 D6 8A 9A CE FF 73 4F B C7 0B E3 5D 4E D E8 09 C5 42 4C BB E9 51 B D9 B E0 4D 7D CF E 3B CA 36 B1 33 C3 BC 37 C1 D0 9B B9 76 5B E4 E2 30 AD B4 BB B2 70 BC BE 9E 1D 6D B D 26 A2 58 BD 84 5B 38 E4 40 E1 D3 B2 64 F7 5E E C3 0A CF 54 5A FF 4B 83 C D2 D0 98 E0 75 B6 98 F7 2D 33 7F 7C B9 FC B2 F3 47 B E 58 2F B D5 25 B9 CF EA 5F 7B B0 6B 01 F3 EE 8F 8B 90 A4 04 E9 FB D7 22 8E 82 9B 31 C5 A9 46 A5 EA CA 37 5E A4 EC B6 34 // scrittura dei rimanenti 16 bytes Command : 00 D6 00 FF 10 Input Data [Le] : B2 70 BC BE 9E 1D 6D B D 26 A2 58 BD 84 In caso di corretta scrittura (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di fallimento la carta restituisce i seguenti SW: SW Esecuzione corretta Esecuzione fallita: condizioni di scrittura non verificate 6A 84 Esecuzione fallita: tentativo di scrittura oltre la dimensione del file Pag. 8 di 12

9 3.3.2 Scrittura contenuto EF_ISEE_HASH L identificatore del file EF_ISEE_HASH (00 02) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_HASH è di 20 bytes. Il file deve essere aggiornato con l impronta SHA-1 del contenuto effettivo (dimensione della struttura Asn.1) dei dati applicativi memorizzati in EF_ISEE_INFO_APPL. Per poter scrivere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu UPDATE_BINARY. Command : 00 D Input Data [Le] : A9 D3 F0 9E D2 FF E D9 A DF CD Vedi possibili SW al par Scrittura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE L identificatore del file EF_ISEE_SIGNATURE (00 03) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_SIGNATURE è di 128 bytes. Il file deve essere aggiornato con la firma dell impronta SHA-1 (memorizzata nell EF EF_ISEE_HASH) apposta tramite apposita credenziale di firma del gestore del servizio ISEE dedicata allo scopo. Essendo la lunghezza dell apposita chiave di firma RSA del gestore del servizio ISEE pari a 1024 bit (128 bytes) la firma dell hash avrà lunghezza 128 bytes. La modalità operativa di apposizione della firma dipende dal tipo di supporto per la conservazione della chiave privata ad uso firma (file system, smart card, HSM) e/o dalla particolare libreria crittografica utilizzata. Per poter scrivere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu UPDATE_BINARY. Command : 00 D Input Data [Le] : C BA DD FE 8C 3A 05 5A C0 5C EB E EF DF 00 1F 2F D A 99 2E 4C E3 96 9F B6 5D A 4E C B0 13 CB 84 DB E C D BE EC B0 90 BD 9D FC 45 7D C0 80 0B D3 5D D2 81 C2 CC DF B5 B D C B A7 59 C6 C6 3C 60 6C EE 8F C 8D 4A D3 B5 FC 06 Pag. 9 di 12

10 Vedi possibili SW al par LETTURA DATI SERVIZIO ISEE In questo capitolo è riportato un possibile elenco di apdu che consente la lettura dei dati contenuti nel servizio aggiuntivo ISEE. 4.1 Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE Per poter inviare comandi alla carta è necessario stabilire una connessione come mostrato nel seguente esempio: exec: card#connect#card Reader name: ACS ACR38U 0 Establish Context():... Card inserted into ACS ACR38U 0 Card ATR is 24: 3BDF FE7D006B150C E F8 Output : 3B DF FE 7D 00 6B 15 0C E F8 Status : OK La selezione del folder DF_ISEE avviene tramite l invio di una apdu SELECT avente come argomento l identificatore del folder DF_ISEE (1F 27, valore temporaneo / non ancora registrato). Command : 00 A Input Data [Le] : F 27 In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il servizio ISEE la carta restituisce lo SW 6A Lettura dei file elementari presenti nel servizio La lettura del contenuto dei tre files elementari presenti avviene tramite l invio di una apdu READ_BINARY previa selezione del file elementare tramite apdu SELECT Lettura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL L identificatore del file EF_ISEE_INFO_APPL (00 01) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il file EF_ISEE_INFO_APPL la carta restituisce Pag. 10 di 12

11 lo SW 6A 82 La dimensione del file EF_ISEE_INFO_APPL è di 400 bytes. Per poter leggere l intero contenuto del file possono essere inviate in sequenza le seguenti apdu READ_BINARY. // lettura dei primi 255 bytes Command : 00 B FF Output Data : C 4C C B E C 4C C F E 58 5A 4B 43 2B A 48 4F 2F F B F 59 3D // lettura dei rimanenti 145 bytes Command : 00 B0 00 FF FF Output Data : 00 In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In alternativa alla lettura dell intero EF è ipotizzabile la lettura dei primi bytes della struttura ASN.1 contenuta per recuperare la dimenzione della struttura stessa e conseguentemente leggere solo il numero di bytes Utili Lettura contenuto EF_ISEE_HASH L identificatore del file EF_ISEE_HASH (00 02) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_HASH è di 20 bytes. Per poter leggere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu READ_BINARY. Pag. 11 di 12

12 Command : 00 B Output Data : A9 D3 F0 9E D2 FF E D9 A DF CD Lettura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE L identificatore del file EF_ISEE_SIGNATURE (00 03) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_SIGNATURE è di 128 bytes. Per poter leggere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu READ_BINARY. Command : 00 B Output Data : C BA DD FE 8C 3A 05 5A C0 5C EB E EF DF 00 1F 2F D A 99 2E 4C E3 96 9F B6 5D A 4E C B0 13 CB 84 DB E C D BE EC B0 90 BD 9D FC 45 7D C0 80 0B D3 5D D2 81 C2 CC DF B5 B D C B A7 59 C6 C6 3C 60 6C EE 8F C 8D 4A D3 B5 FC 06 Pag. 12 di 12

Banca d Italia Manuale d'uso Infostat per le segnalazioni Direct Reporting versione 1.0 INFOSTAT. Piattaforma per la raccolta delle informazioni

Banca d Italia Manuale d'uso Infostat per le segnalazioni Direct Reporting versione 1.0 INFOSTAT. Piattaforma per la raccolta delle informazioni INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE D USO INFOSTAT PER LE SEGNALAZIONI DEL DIRECT REPORTING Versione 1.0 Pag. 1 di 24 I N D I C E 1. ISTRUZIONI OPERATIVE PER L'UTILIZZO DEI

Dettagli

INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE UTENTE

INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE UTENTE INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE UTENTE Versione 1.0 Pag. 1 di 21 I N D I C E 1. ISTRUZIONI OPERATIVE PER L'UTILIZZO DEI SERVIZI INFOSTAT... 3 2. REGISTRAZIONE, AUTENTICAZIONE

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti)

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) Prof. G. Ciaschetti Conversione di un numero da binario a decimale Esercizio 1. Convertire in decimale

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

Colloquio SGSS-SIRGESA

Colloquio SGSS-SIRGESA Colloquio SGSS-SIRGESA Specifiche Tecniche Versione 1.3.1 07/02/2013 RTI Funzione Nome Redazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture

Dettagli

Ottimizzazione Combinatoria

Ottimizzazione Combinatoria Ottimizzazione Combinatoria Esercitazione AMPL A.A. 2009-2010 Esercitazione a cura di Silvia Canale contatto e-mail: canale@dis.uniroma1.it Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e

Dettagli

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10 DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE su CPU18LCD LCD_SERv10 035-693737 1 FUNZIONI del sistema: Il sistema è composto da: 1. una scheda con a bordo ÄÅ Un regolatore 12Vcc / 7Vcc Ä a 5Vcc ÄÇ Un microprocessore

Dettagli

Cap. OPERE DA LATTONIERE

Cap. OPERE DA LATTONIERE Cap. V OPERE DA LATTONIERE PAG. 1 5.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, escluse assistenze murarie, compresi

Dettagli

CALCOLO COMBIN I A N T A O T RIO

CALCOLO COMBIN I A N T A O T RIO CALCOLO COMBINATORIO Disposizioni Si dicono disposizioni di N elementi di classe k tutti quei gruppi che si possono formare prendendo ogni volta k degli N elementi e cambiando ogni volta un elemento o

Dettagli

ASSURANCE BROKER S.R.L.

ASSURANCE BROKER S.R.L. ASSURANCE BROKER S.R.L. Sede Legale VIA ZOE FONTANA 220 ROMA (RM) Iscritta al Registro Imprese di ROMA C.F. e n. iscrizione 09649681005 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n. 1179490 Capitale Sociale Euro 100.000,00

Dettagli

Raccolta dati via Internet

Raccolta dati via Internet Servizio Elaborazioni e Infrastrutture Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche Raccolta dati via Internet Manuale utente - Ruolo Partner Versione 1.5 Giugno 2009 VERSIONE DATA MODIFICHE 1.0 19-05-2004

Dettagli

SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA

SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA Ing. Giovanni Manca Dirigente CNIPA Centro Nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione AGENDA Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità

Dettagli

CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 2010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG

CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 2010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG 1 CITY CAR COMPATTE 00176C8F CITY CAR 00176C8F BERLINE PICCOLE 00176C8F BERLINE MEDIE 00176C8F ACQUISTO AUTOVEICOLI

Dettagli

Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità tecniche Sintesi dello scenario generale delle carte La CNS

Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità tecniche Sintesi dello scenario generale delle carte La CNS SMART CARD: tecnologie ed applicazioni nella PA Giovanni Manca (manca@cnipa.it) Centro Nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione AGENDA Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità

Dettagli

La tecnologia e le applicazioni delle smart card nell e-government

La tecnologia e le applicazioni delle smart card nell e-government La tecnologia e le applicazioni delle smart card nell e-government Ing. Giovanni Manca Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Smart Card Gli elementi che compongono la Smart

Dettagli

Le Linee Guida per l emissione e l utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS)

Le Linee Guida per l emissione e l utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Le Linee Guida per l emissione e l utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Giovanni Manca Ufficio Standard architetture e metodologie AGENDA Scenario generale sulle carte d accesso Il quadro normativo

Dettagli

Differenza in punti percentuali 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 -5,0 -10,0 -15,0 -20,0. B3_a. A5_f. B3_d. B3_b. A5_i. A5_a. A5_e. A5_h. A5_d. A5_b.

Differenza in punti percentuali 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 -5,0 -10,0 -15,0 -20,0. B3_a. A5_f. B3_d. B3_b. A5_i. A5_a. A5_e. A5_h. A5_d. A5_b. A1 A2 A3 A4 A5_a A5_b A5_c A5_d A5_e A5_f A5_g A5_h A5_i B1 B2 B3_a B3_b B3_c B3_d B4 B5 B6 B7 B8 B9 B10 B11 B12 B13 B14 C1 C2 C3 C4 C5 C6 Differenza in punti percentuali Media punteggi classe per ambito

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

Sommario. 1.1 Problematiche di sicurezza 6. 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6. 1.1.2 Il modello di riferimento 7

Sommario. 1.1 Problematiche di sicurezza 6. 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6. 1.1.2 Il modello di riferimento 7 Introduzione 2 Capitolo I - Sicurezza Informatica e Crittografia 6 1.1 Problematiche di sicurezza 6 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6 1.1.2 Il modello di riferimento 7 1.1.3 Valutazione del rischio

Dettagli

La Firma Digitale e le sue applicazioni

La Firma Digitale e le sue applicazioni La Firma Digitale e le sue applicazioni Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it Sommario Introduzione Dematerializzazione documentale Definizione e normativa sulla Firma

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Pag. 2 a Indice degli argomenti I. PARTE I... 4 I.1. Introduzione... 4 I.2. Contesto del documento... 4 I.3. Scopo del documento... 4 I.4. Documentazione di riferimento... 5 I.5. Sigle e abbreviazioni...

Dettagli

Cos è un Calcolatore?

Cos è un Calcolatore? Cos è un Calcolatore? Definizione A computer is a machine that manipulates data according to a (well-ordered) collection of instructions. 24/105 Riassumendo... Un problema è una qualsiasi situazione per

Dettagli

K-Archive. Conservazione Sostitutiva

K-Archive. Conservazione Sostitutiva K-Archive per la Conservazione Sostitutiva Descrizione Prodotto Per informazioni: MKT Srl Corso Sempione 33-20145 Milano Tel: 02-33104666 FAX: 20-70039081 Sito: www.mkt.it Email: ufficio@mkt.it Copyright

Dettagli

Smart Card. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. PC/SC MUSCLE Smart card in ambiente linux

Smart Card. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. PC/SC MUSCLE Smart card in ambiente linux Smart Card Una smart card, nella sua versione di carta a microprocessore, è, a tutti gli effetti, un computer L ISO utilizza il termine ICC (Integrated Circuit Card) 53.98mm 85.6mm Elementi ISO 7816-3/4

Dettagli

Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato

Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato v.0.0 30 ottobre 2013 Pagina 1 Sommario Introduzione...5 Contesto e scelta architetturale...6 Sezione

Dettagli

Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica

Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica Laboratorio del corso Sicurezza dei sistemi informatici (03GSD) Politecnico di Torino AA 2014/15 Prof. Antonio Lioy preparata da: Cataldo Basile (cataldo.basile@polito.it)

Dettagli

,&&-&.$$/!. 0) (./21.///"3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! #9 293!

,&&-&.$$/!. 0) (./21.///3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! #9 293! !"# $!%&'()*+,&&-&.$$/!. ))0)&.#/ 0) (./2.///"3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 5&)0)%&46 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! %():00,&(&)&&)&.! ;;#/! #9 293!! "#$%&"#'$ ( )*+!, ----. )/0))0+. 2##'34"35)/))0))0+!

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- CARATTERISTICHE TECNICHE E MODALITÀ DI GESTIONE DELLA TESSERA SANITARIA TS-CNS.

Dettagli

Tecnologie RFID Knowledge Base RFID

Tecnologie RFID Knowledge Base RFID Standard CALYPSO Data redazione: 29 Gennaio 2013 revisione 2.0 Referente: Eliseo Baruzzi baruzzi@softwork.it Revisioni: 17 Ottobre 2013 Ulteriori informazioni: Documenti di riferimento: 100324-CalypsoHandbook-11.pdf

Dettagli

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE ESERCIZI SVOLTI O CON TRACCIA DI SOLUZIONE SU STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE v 1.0 1 I PROVA DI VALUTAZIONE 15 Novembre 2006 - Esercizio 2 Data la struttura di figura, ricavare

Dettagli

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM Allegato A L A V O R I TABELLA SINTETICA DELLE CATEGORIE CATEGORIE GENERALI OG 1 Edifici civili e industriali OG 2 Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela. OG 3 Strade, autostrade,

Dettagli

www.cineca.it Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it

www.cineca.it Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it Introduzione Dematerializzazione documentale Definizione e normativa sulla Firma Digitale Dematerializzazione e Firma Digitale

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO FESTA REGIONALE SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO SAN GIORGIO DI NOGARO (UD) 17 MAGGIO 2015 Al fine di attuare la necessaria verifica dell attività svolta nelle Scuole di Calcio, il Settore Giovanile

Dettagli

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Il software Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline 1 Il software Outline Il software 1 Il software Algoritmo Sequenza di istruzioni la cui esecuzione consente di risolvere uno

Dettagli

Abilitazione della firma digitale in Acrobat Reader e Acrobat Pro

Abilitazione della firma digitale in Acrobat Reader e Acrobat Pro Abilitazione della firma digitale in Acrobat Reader e Acrobat Pro di Avv. Fabio Salomone Foro di Matera Una brutta notizia: le firme digitali apposte su Acrobat, senza una adeguata programmazione e configurazione

Dettagli

Introduzione. www.cineca.it. Dematerializzazione documentale Definizione e normativa sulla Firma Digitale

Introduzione. www.cineca.it. Dematerializzazione documentale Definizione e normativa sulla Firma Digitale Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it Introduzione Dematerializzazione documentale Definizione e normativa sulla Firma Digitale Dematerializzazione e Firma Digitale

Dettagli

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà :

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà : RELAZIONI INARIE Dati due insiemi non vuoti, A detto dominio e detto codominio, eventualmente coincidenti, si chiama relazione binaria (o corrispondenza) di A in, e si indica con f : A, (oppure R ) una

Dettagli

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONI SULL UTILIZZO E L INTEROPERABILITA DELLA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONI SULL UTILIZZO E L INTEROPERABILITA DELLA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONI SULL UTILIZZO E L INTEROPERABILITA DELLA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI Redatto: Nucleo Gestione Innovazione e fornitori IT Versione: 1.0 Data emissione: 30/6/2006

Dettagli

!"#$!%#&'(')* )!&+#+#&,#)(!-#.'(')"',#+#&-# &-'"/'( #( 0',-#&'!)1 /!"%#!,'02 -#(' )!)+!%#&'(' )# ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0!

!#$!%#&'(')* )!&+#+#&,#)(!-#.'(')',#+#&-# &-'/'( #( 0',-#&'!)1 /!%#!,'02 -#(' )!)+!%#&'(' )# ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0! !"! $%& ' !"$!%&'(')* )!&++&,)(!-.'(')"',+&- &-'"/'( ( 0',-&' /!"%!,'02 -(' )!)+!%&'(' ) ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0! & ' ) ) ) ) 12 12 * 3 )+ %!)!4 5!/) 6!' 0 %! ( 3) )! / (7) 4' 6 7') ' ') /8

Dettagli

Ela Execute. Procedura di installazione. in ambiente Windows Vista. Prodotto: Ela Execute Oggetto : Installazione Sw in Windows Vista XZAC6405

Ela Execute. Procedura di installazione. in ambiente Windows Vista. Prodotto: Ela Execute Oggetto : Installazione Sw in Windows Vista XZAC6405 Codice 14-05-2008 Prodotto: Ela Execute Oggetto : Installazione Sw in Windows Vista Ela Execute Procedura di installazione in ambiente Windows Vista Autore Nome: Zambelli Bruno Documento File name: 2/28

Dettagli

Di seguito vengono riportate le principali componenti tecnologiche utilizzate nella soluzione

Di seguito vengono riportate le principali componenti tecnologiche utilizzate nella soluzione Strumenti tecnologici utilizzati La firma elettronica avanzata in modalità grafometrica si ottiene dal rilevamento dinamico dei dati calligrafici della firma effettuata con penna elettronica. Il processo

Dettagli

! " # $ % &' ( %%$)*%$*+, - " # -' $,%+./+0,**0

!  # $ % &' ( %%$)*%$*+, -  # -' $,%+./+0,**0 ! " # $ % &' ( %%$)*%$*+, - " # -' $,%+./+0,**0 ' 1-" ' ' &2 %% ' *,,3! #( -( ""( ( $ 3,//%/+ 4 ' *,,3 -'- '(55 6( ' 1-" -' ( #( &2 (''(7 "- '' ( - "$ ' ' 1-" 8 '5 ' $'$$!! " # $ %! 9: ( 7 ;;;$#(''-$ ...

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

CARATTERISTICHE FISICHE DELLE SMART CARD

CARATTERISTICHE FISICHE DELLE SMART CARD LE SMART CARD Una Smart Card assomiglia per forma e dimensione ad una carta di credito, con l aggiunta però di un chip integrato. Fornisce non solo capacità di memorizzazione, ma anche la possibilità di

Dettagli

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup CRYPTSETUP RAPIDO La presente guida non vuole essere completa, si tratta solo della somma degli appunti utilizzati per creare e gestire una zona cifrata ove salvare i documenti. La distribuzione di riferimento

Dettagli

Interoperabilità SISTRI Specifiche tecniche per l utilizzo della firma elettronica con il Soft Token PKCS#11

Interoperabilità SISTRI Specifiche tecniche per l utilizzo della firma elettronica con il Soft Token PKCS#11 Interoperabilità SISTRI Specifiche tecniche per l utilizzo della firma elettronica con il Soft Token PKCS#11 Prot. N.: SISTRI-TN_SIS-001 FE Data: 28/09/2010 STORIA DEL DOCUMENTO VER. DATA DESCRIZIONE 1.0

Dettagli

PkBox Concetti Generali. Vers.1.0.6

PkBox Concetti Generali. Vers.1.0.6 PkBox Concetti Generali Vers.1.0.6 18 aprile 2013 Le informazioni contenute in questo documento sono da considerarsi CONFIDENZIALI e non possono essere utilizzate o riprodotte - sia in parte che interamente

Dettagli

Robustezza crittografica della PEC

Robustezza crittografica della PEC Robustezza crittografica della PEC Prof. Massimiliano Sala Università degli Studi di Trento, Lab di Matematica Industriale e Crittografia Trento, 21 Novembre 2011 M. Sala (Università degli Studi di Trento)

Dettagli

Security Enhanced Linux (SELinux)

Security Enhanced Linux (SELinux) 25/10/2002 Security Enhanced Linux 1 Cos è SELinux? Security Enhanced Linux (SELinux) a cura di: Michelangelo Magliari Loredana Luzzi Andrea Fiore Prototipo di Sistema Operativo Realizzato dalla National

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Tecnologicamente, la firma digitale è il risultato di una procedura complessa che si basa su tre elementi:

Tecnologicamente, la firma digitale è il risultato di una procedura complessa che si basa su tre elementi: La firma digitale Tecnologicamente, la firma digitale è il risultato di una procedura complessa che si basa su tre elementi: Coppia di chiavi crittografiche Certificato qualificato Dispositivo sicuro per

Dettagli

Applicazioni reali di RSA ed altri sistemi

Applicazioni reali di RSA ed altri sistemi Applicazioni reali di RSA ed altri sistemi Renato Sabbatini Seminario Crittografia a chiave pubblica: oltre RSA Università degli Studi di Torino Dipartimento di Matematica 13 maggio 2011 R. Sabbatini Applicazioni

Dettagli

Regole aggiuntive ADR della Corte arbitrale presso la Camera Economica della Repubblica Ceca e la Camera Agraria della Repubblica Ceca

Regole aggiuntive ADR della Corte arbitrale presso la Camera Economica della Repubblica Ceca e la Camera Agraria della Repubblica Ceca Economica della e la Camera Agraria della A GENERALITÀ... 2 1 Ambito di applicazione...2 2 Definizioni...2 3 Tariffe e pagamento...2 4 Istruzioni per le comunicazioni...2 5 Firma elettronica...2 6 Scadenze...3

Dettagli

AGID MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DIGITPA-CA1 CERTIFICATE PRACTICE STATEMENT. AGENZIA PER l ITALIA DIGITALE

AGID MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DIGITPA-CA1 CERTIFICATE PRACTICE STATEMENT. AGENZIA PER l ITALIA DIGITALE AGID AGENZIA PER l ITALIA DIGITALE MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DIGITPA-CA1 CERTIFICATE PRACTICE STATEMENT Redatto da: Approvato da: DISTRIBUZIONE : Disponibile in forma Non Controllata MO_DigitPA_CA1

Dettagli

LBR-1001. Manuale software BioTrax

LBR-1001. Manuale software BioTrax LBR-1001 Manuale software BioTrax Indice 1. Introduzione...4 2. Installazione BioTrax...5 2.1 Requisiti del sistema...5 2.2 Installazione BioTrax...5 3. Avvio...8 3.1 Avvio di BioTrax...8 3.2 BioTrax Finestra

Dettagli

Crittografia in Java

Crittografia in Java Crittografia in Java di Oreste Delitala Progetto di Computer Security 2013-2014 Introduzione La crittografia è un particolare processo grazie al quale, per mezzo di sofisticati algoritmi, è possibile trasformare

Dettagli

Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti. Tommaso Agasisti

Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti. Tommaso Agasisti Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti Tommaso Agasisti Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale e. tommaso.agasisti@polimi.it Premessa In questa sezione, si riportano

Dettagli

AGID MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DIGITPA-CA1 CERTIFICATE PRACTICE STATEMENT. AGENZIA PER l ITALIA DIGITALE

AGID MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DIGITPA-CA1 CERTIFICATE PRACTICE STATEMENT. AGENZIA PER l ITALIA DIGITALE AGID AGENZIA PER l ITALIA DIGITALE MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DIGITPA-CA1 CERTIFICATE PRACTICE STATEMENT Redatto da: Approvato da: Area Sistema Pubblico di connettività e cooperazione Francesco Tortorelli

Dettagli

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e

Dettagli

Firma Digitale. Firma digitale Definizione. SeQ dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C.Parisi 1

Firma Digitale. Firma digitale Definizione. SeQ dei servizi su internet. 2009 Università degli Studi di Pavia, C.Parisi 1 Firma Digitale Definizione La definizione di firma digitale è contenuta nel Dlgs. del 4/04/2006 n.159 che integra il Codice dell amministrazione digitale in vigore dal 1/01/2006. è un particolare tipo

Dettagli

La firma digitale. Come firmare i documenti informatici MANUALE

La firma digitale. Come firmare i documenti informatici MANUALE Come firmare i documenti informatici MANUALE Sommario Premessa Questo breve manuale intende diffondere al personale e a tutti gli utenti della CCIAA l utilizzo PREMESSA - Le firme elettroniche degli strumenti

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

HONDA MOTOR CODE 1980-2007

HONDA MOTOR CODE 1980-2007 HONDA MOTOR CODE 1980-2007 Il documento è stato redatto da Valvolin e Voodooo (membri del club honda granturismo italia), utilizzando informazioni reperite sia in siti internet sia nei manuali Honda. Alcuni

Dettagli

./#0 +,11,.&, ! " #$ % & ''() ' '*+"&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+

./#0 +,11,.&, !  #$ % & ''() ' '*+&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+ ! #$ % & ''() ' '*+&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+.+*(./#0 +,11,.&, ! # $ % & ''() ' '*+&,'*$() -$$!*) $'# ''() ' '*+.+*(./#0+,11,.&, ,21#3,,/1./#0+,11,.&, 3 5 21 22 2 25 26 27 28 30 30 30 31 39 1 1 57

Dettagli

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES

PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Premesse PKI PUBLIC KEY INFRASTRUCTURES Problemi Come distribuire in modo sicuro le chiavi pubbliche? Come conservare e proteggere le chiavi private? Come garantire l utilizzo corretto dei meccanismi crittografici?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. VERGA 04014 PONTINIA (LT) VIA DELLA LIBERTA' C.F. 80006850590 C.M. LTIC840007

ISTITUTO COMPRENSIVO G. VERGA 04014 PONTINIA (LT) VIA DELLA LIBERTA' C.F. 80006850590 C.M. LTIC840007 CIG 1 SCELTA CONTRAENTE 04-PROCEDURA NEGOZIATA SENZA PREVIA PUBBLICAZIONE IMPORTO DEL BANDO fattura n. 1/PA del 09/07/2014 123,93 DGRMRA59A61G865K Di Girolamo Maria DATA INIZIO 23/07/2014 DATA FINE IMPORTO

Dettagli

Soluzioni tecnologiche per la firma e la marcatura temporale

Soluzioni tecnologiche per la firma e la marcatura temporale Soluzioni tecnologiche per la firma e la marcatura temporale LA FIRMA DIGITALE una chiave che apre le porte al futuro Monza, Sporting Club 8 Marzo 2013 Il gruppo Aruba In sintesi Gruppo composto da 29

Dettagli

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009

Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Roma 15 ottobre 2009 Firma Digitale per il il Consiglio Nazionale degli Ingegneri Roma 15 ottobre 2009 :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità

Dettagli

La Firma Grafometrica

La Firma Grafometrica La Firma Grafometrica...un processo di firma elettronica avanzata Ing. Andrea Sassetti Direttore Servizi di Certificazione Gruppo Aruba Roma, 26 Maggio 2015 Contenuti della Presentazione Il Gruppo Aruba

Dettagli

PER PROFESSIONISTI. Tutto quello che serve sapere

PER PROFESSIONISTI. Tutto quello che serve sapere Promemoria Radio PER PROFESSIONISTI Tutto quello che serve sapere SOMMARIO Pagina A Modalità diretta... 44 B Modalità "Bus Radio"... 46 C Gruppi di ricevitori su "Bus Radio"... 48 D Duplicazione di pulsanti

Dettagli

Sequenza alternativa degli eventi: Variazione di prezzo superiore al 20% per almeno un articolo.

Sequenza alternativa degli eventi: Variazione di prezzo superiore al 20% per almeno un articolo. Corso di Ingegneria del software - Seconda prova di verifica in itinere, 17 dicembre 2008 C, Montangero, L. Semini Dipartimento di Informatica, Università di Pisa a.a. 2008/09 La prova si svolge a libri

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

e-impresa Per una gestione manageriale dell ICT nell impresa: da costo a opportunità

e-impresa Per una gestione manageriale dell ICT nell impresa: da costo a opportunità e-impresa Per una gestione manageriale dell ICT nell impresa: da costo a opportunità e-government: la Pubblica Amministrazione on-line al servizio delle imprese La firma digitale Ing. Marco Bozzetti (Presidente

Dettagli

Side Channel Attack contro il protocollo SSL

Side Channel Attack contro il protocollo SSL Side Channel Attack contro il protocollo SSL Giuliano Bertoletti E-Security Manager gb@intrinsic.it Webb.it Padova, 10 maggio 2003 Il protocollo SSL/TLS Comunicazione sicura client-server su protocollo

Dettagli

Servizi Applicativi su Internet SMTP/POP/IMAP. La posta elettronica. Pierluigi Gallo, Domenico Garlisi, Fabrizio Giuliano

Servizi Applicativi su Internet SMTP/POP/IMAP. La posta elettronica. Pierluigi Gallo, Domenico Garlisi, Fabrizio Giuliano Servizi Applicativi su Internet SMTP/POP/IMAP La posta elettronica Pierluigi Gallo, Domenico Garlisi, Fabrizio Giuliano E-mail - Indice 2 Introduzione Formato del messaggio Server Protocolli Comandi SMTP

Dettagli

Posta elettronica e crittografia

Posta elettronica e crittografia Posta elettronica e crittografia Francesco Gennai IAT/CNR Roma 7 novembre 2000 Posta elettronica e crittografia Breve introduzione ai meccanismi che regolano la crittografia a chiave pubblica La certificazione:

Dettagli

Manuale d uso CRS Manager

Manuale d uso CRS Manager Classificazione: pubblico - MES Manuale Esterno - Manuale d uso CRS Manager Codice Documento: CRS-FORM-MES#523 Revisione del Documento: 04 Data revisione: 17-01-2014 Pagina 1 di 68 Cronologia delle Revisioni

Dettagli

Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli

Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti

Dettagli

Trusted Computing: tecnologia ed applicazione alla protezione del web

Trusted Computing: tecnologia ed applicazione alla protezione del web Trusted Computing: tecnologia ed applicazione alla protezione del web Antonio Lioy < lioy @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Abbiamo delle certezze? nella mia rete sono presenti

Dettagli

DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005)

DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005) DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005) MODIFICAZIONI AL DECRETO MINISTERIALE 19 LUGLIO 2000, RECANTE: "REGOLE TECNICHE E DI SICUREZZA

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

ANNO FINANZIARIO 2013. Pagina 1

ANNO FINANZIARIO 2013. Pagina 1 4007317496 4007169477 4920656DC6 5046374F8C 4837945E7F 4838057AED 4920613A4B 4997764D4F 5141133529 51440658B8 5046669301 4938185F29 FORNITURA ATTREZZATURE INFORMATICHE E COMPLETAMENTO CABLAGGI LABORATORIO

Dettagli

PEC. La posta elettronica certificata

PEC. La posta elettronica certificata Servizi Applicativi su Internet PEC La posta elettronica certificata Parzialmente tratte da Regole tecniche del servizio di trasmissione di documentiinformatici mediante posta elettronica certificata Normativa

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

Prodotti e Soluzioni. Dispositivi Crittografici HSM 8000

Prodotti e Soluzioni. Dispositivi Crittografici HSM 8000 Prodotti e Soluzioni Dispositivi Crittografici HSM 8000 Contesto di riferimento Funzioni di Base e Funzioni RSA Funzioni Microcircuito La decisione di introdurre sul mercato carte a Microchip, in sostituzione

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Scenario: bisogni aziendali

Scenario: bisogni aziendali Scenario: bisogni aziendali Per gestire i propri processi le aziende, indipendentemente dal settore di riferimento, producono documentazione eterogenea, che spesso è causa di inefficienze e disorganizzazione.

Dettagli

CAD Tutor LT Claudio Gasparini ( ) # * * " + ), &-.. "... /0*&# 1 2/34/ 4056/73#" 8 2& 2 "* 9 : / );))) ; "<4 -"= " 3 -&-..,,," ".

CAD Tutor LT Claudio Gasparini ( ) # * *  + ), &-.. ... /0*&# 1 2/34/ 4056/73# 8 2& 2 * 9 : / );))) ; <4 -=  3 -&-..,,, . www.corsiinrete.it CAD Tutor LT Claudio Gasparini! ## ##$%& # '! ( ) # * * + ), &..... /0*&# 1 2/34/ 4056/73# 8 2& 2 * 9 : / );))) ; 4) )) $ & ) & 9 ) $ ) 4 )4 )) $ & ) & )

Dettagli

Autenticazione utente con Smart Card nel sistema Linux

Autenticazione utente con Smart Card nel sistema Linux Autenticazione utente con Smart Card nel sistema Linux Autenticazione con Speranza Diego Frasca Marco Autenticazione Linux Basata su login-password - ogni utente ha una sua login ed una sua password che

Dettagli

Navigazione automatica e rilevazione di errori in applicazioni web

Navigazione automatica e rilevazione di errori in applicazioni web Politecnico di Milano Navigazione automatica e rilevazione di errori in applicazioni web Relatore: Prof. Stefano Zanero Fabio Quarti F e d e r i c o V i l l a A.A. 2006/2007 Sommario Obiettivo: Illustrare

Dettagli

Aruba Sign 2 Guida rapida

Aruba Sign 2 Guida rapida Aruba Sign 2 Guida rapida 1 Indice Indice...2 1 Informazioni sul documento...3 1.1 Scopo del documento...3 2 Prerequisiti...4 2.1.1 Software...4 2.1.2 Rete...4 3 Installazione...5 Passo 2...5 4 Avvio di

Dettagli

Postedoc - Manuale della Conservazione Sostitutiva

Postedoc - Manuale della Conservazione Sostitutiva ver.: 2.0 del: 02/02/2011 MDCPOSTEDOC20 Documento pubblico Pagina 1 di 20 Copia Archiviata Elettronicamente File: MDCPOSTEDOC20 Copia cartacea Controllata in distribuzione ad enti esterni N : 0 Rilasciata

Dettagli

! " #$ "# % $ "# & '

!  #$ # % $ # & ' ! "#$ "# % $"#&' ( )$))#& *! "# $%& ' ( # $% ' )' ' * ' '' *(* + + #!,#"#""#"#!! "!-.#!!,/ (0, ' + * -., * /. 0 12 '! %/3 +! 24%/3 +! %/3!!' 1"!!+ " 1 &!+ " 5(" &!+ " 2 6 7)"8 0!! 9/5%/39/7 :!, ";5%/31.

Dettagli

DBMS ORACLE 9i I componenti del Database Server Oracle : Strutture di memoria Processi File fisici Directory principali: c:\oracle\admin\\pfile c:\oracle\ora92\database

Dettagli

Lombardia Informatica S.p.A. Policy Certificati di Firma Digitale su CNS/CRS

Lombardia Informatica S.p.A. Policy Certificati di Firma Digitale su CNS/CRS Lombardia Informatica S.p.A. Policy Certificati di Firma Digitale su CNS/CRS Codice documento: LISPA-CA-PRC#08 Revisione: 2.0 Stato: Data di revisione: 10/07/2013 AREA NOME Redatto da: DCO/SER/Area Servizi

Dettagli

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI. A seguito di richiesta, si forniscono i seguenti chiarimenti di gara :

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI. A seguito di richiesta, si forniscono i seguenti chiarimenti di gara : Via Unità Italiana, 28-81100 Caserta SERVIZIO PROVVEDITORATO/ECONOMATO Tel. 0823/44.5226 Fax 0823/279581 Prot. n. 803/PROV Del 12/02/2014 OGGETTO: Procedura Aperta per la fornitura biennale di diete per

Dettagli

LegalCert Remote Sign

LegalCert Remote Sign 1 2 InfoCert Profilo Aziendale InfoCert - un Partner altamente specializzato nei servizi di Certificazione Digitale e Gestione dei documenti in modalità elettronica, in grado di garantire la piena innovazione

Dettagli

Public-key Infrastructure

Public-key Infrastructure Public-key Infrastructure Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2014 Distribuzione chiavi pubbliche

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli