Servizio ISEE Invio comandi alla carta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio ISEE Invio comandi alla carta"

Transcript

1 Servizio ISEE Invio comandi alla carta Versione /12/2012 RTI Funzione Nome Redazione Approvazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture (Engineering) Capo progetto RTI Umberto Ferrara, Riccardo Casiraghi Massimo Agostiniani Fabio Bennati Umberto Ferrara Regione Toscana Funzione Nome Verifica Approvazione Nome file: CSE-ServizioISEE-InvioComandiAllaCarta-v1.1.doc Pag. 1 di 12

2 Indice AGGIORNAMENTI DELLE VERSIONI GENERALITÀ Scopo Riferimenti Definizioni e abbreviazioni Allegati Organizzazione del File System Popolamento/aggiornamento dati servizio ISEE Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE External authenticate Generazione sequenza randomica di bytes Firma sequenza randomica di bytes External authenticate Scrittura dei file elementari presenti nel servizio Scrittura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL Scrittura contenuto EF_ISEE_HASH Scrittura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE Lettura dati servizio ISEE Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE Lettura dei file elementari presenti nel servizio Lettura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL Lettura contenuto EF_ISEE_HASH Lettura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE Pag. 2 di 12

3 AGGIORNAMENTI DELLE VERSIONI Versione Data Motivo Modifiche /12/2012 Emissione /12/12 Correzione 3,1 aggornato FID Pag. 3 di 12

4 1 GENERALITÀ Il presente documento si riferisce al progetto di gestione del servizio aggiuntivo ISEE. 1.1 Scopo Obiettivo di questo documento è descrivere le modalità di interfacciamento con le TS-CNS per le operazioni di lettura e scrittura delle informazioni relative al servizio ISEE. 1.2 Riferimenti 1.3 Definizioni e abbreviazioni RT CSE TS-CNS Regione Toscana Carta Sanitaria Elettronica Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi 1.4 Allegati N.A. 2 ORGANIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Di seguito l organizzazione del file system per la gestione del servizio aggiuntivo ISEE: DF2 Dati_personali_aggiuntivi EF_Memoria_residua EF_Servizi_Istallati EF_INST_FILE DF EF BSO BSO_InstPubKey BSO_Kia BSO_Kic DF_ISEE EF_INFO _APPL EF_HASH EF_SIGNATURE BSO_AdminISEE_pubKey Pag. 4 di 12

5 Servizio ISEE File/Object Name Parent Description FID/ID (hex) Type Algorithm Net Size DF_ISEE DF2 Servizio aggiuntivo ISEE 1F21DF EF_ISEE_INFO_APPL Info applicative servizio ISEE 0001EF_T (**) 400 EF_ISEE_HASH Hash sha1 del contenuto di EF_ISEE_INFO_APPL 0002EF_T (***) 20 EF_ISEE_SIGNATURE Firma RSA raw con chiave di lunghezza 1024 del contenuto di EF_ISEE_INFO_APPL 0003EF_T (****) 128 File/Object Name Update Append Activate/D eactivate Access Conditions: DF DF_ISEE nev nev nev BSO_InstP nev Nev ubkey EF_ISEE_INFO_APPL alw EF_ISEE_HASH alw EF_ISEE_SIGNATURE alw Access Conditions: EF Delete Admin Create Read Update Append Activate/Deac tivate BSO_ISEE_A dminpubkey BSO_ISEE_A dminpubkey BSO_ISEE_A dminpubkey Delete Admin nev nev nev nev nev nev nev nev nev nev nev nev 3 POPOLAMENTO/AGGIORNAMENTO DATI SERVIZIO ISEE In questo capitolo è riportato un possibile elenco di apdu che consente la scrittura dei dati applicativi previsti per il servizio aggiuntivo ISEE. 3.1 Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE Per poter inviare comandi alla carta è necessario stabilire una connessione come mostrato nel seguente esempio: exec: card#connect#card Reader name: ACS ACR38U 0 Establish Context():... Card inserted into ACS ACR38U 0 Card ATR is 24: 3BDF FE7D006B150C E F8 Output : 3B DF FE 7D 00 6B 15 0C E F8 Status : OK La selezione del folder DF_ISEE avviene tramite l invio di una apdu SELECT avente come argomento l identificatore del folder DF_ISEE (1F 21). Command : 00 A Input Data [Le] : F 21 In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il servizio ISEE la carta restituisce lo SW 6A External authenticate Per poter aggiornare (o scrivere per la prima volta) i dati del servizio ISEE è necessario soddisfare la condizione di accesso Update associata agli Elementary Files (EFs) EF_ISEE_INFO_APPL, EF_ISEE_HASH. Pag. 5 di 12

6 EF_ISEE_SIGNATURE. Il Base Security Object BSO_ISEE_AdminPublicKey la cui verifica consente la scrittura dei summenzionati EFs è di tipo RSA Public Key. Per poterlo verificare l applicazione deve effettuare i seguenti passi: - chiedere alla carta la generazione di una sequenza randomica di bytes, - firmare/cifrare la sequenza randomica di bytes ritornata con la chiave amministrativa privata corrispondente al BSO_ISEE_AdminPublicKey (la chiave amministrativa privata è in possesso del gestore del servizio ISEE) - chiedere alla carta la validazione della sequenza di bytes firmata/cifrata tramite apdu external_authenticate. Se la validazione ha esito positivo (apdu external authenticate eseguita con successo) è possibile procedere con l aggiornamento del contenuto dei tre EFs Generazione sequenza randomica di bytes Il seguente esempio mostra l invio della richiesta di generazione di una sequenza randomica di lunghezza 8 bytes. // Get Challenge Command : Output Data : 76 BE E F4 7D Firma sequenza randomica di bytes La sequenza randomica di bytes ritornata dalla carta (76 BE E F4 7D nell esempio) deve essere frmata/cifrata, in modalità PKCS1 padding, con la chiave amministrativa privata del gestore del servizio ISEE. La modalità operativa di apposizione della firma dipende dal tipo di supporto per la conservazione della chiave amministrativa privata (file system, smart card, HSM) e/o dalla particolare libreria crittografica utilizzata. Essendo la lunghezza della chiave amministrativa del servisio ISEE pari a 1024 bit (128 bytes) la firma/cifratura della sequenza randomica avrà lunghezza 128 bytes, come mostrato nel seguente esempio: exec: mngrsaprivkey#encrypt#pkcs12#../data/adminisee.p12 # p12.2 # G # N Output Status : 1C 19 8A 1D 90 EA B2 28 BD 0F DB C7 B B8 AC F3 57 C0 57 E1 BC AA 71 A3 E2 E8 29 0D CB EB B0 E4 5D D5 1E F9 35 5A 77 C2 42 A E7 FC 1D 06 A A6 37 A3 A8 FF A0 6F 3E 6E 50 2F FA 2A CB 4F 37 B F3 C0 2E A0 3D 56 D8 6A AB B3 5A 2E 8D 78 C6 39 F3 5D 35 1E 43 AB A D0 8A B0 9B 85 C1 1A B 45 E9 76 FB A8 83 3E B8 68 AE C : OK External authenticate La sequenza firmata/cifrata di 128 bytes viene passata alla carta tramite l apdu external authenticate Command : Pag. 6 di 12

7 Input Data [Le] : 1C 19 8A 1D 90 EA B2 28 BD 0F DB C7 B B8 AC F3 57 C0 57 E1 BC AA 71 A3 E2 E8 29 0D CB EB B0 E4 5D D5 1E F9 35 5A 77 C2 42 A E7 FC 1D 06 A A6 37 A3 A8 FF A0 6F 3E 6E 50 2F FA 2A CB 4F 37 B F3 C0 2E A0 3D 56 D8 6A AB B3 5A 2E 8D 78 C6 39 F3 5D 35 1E 43 AB A D0 8A B0 9B 85 C1 1A B 45 E9 76 FB A8 83 3E B8 68 AE C In caso di corretta verifica (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di fallimento verifica (dovuta ad esempio all utilizzo di una chiave privata non corrispondente alla chiave pubblica, alla firma/cifratura di una sequenza di bytes non corrispondente alla sequenza di bytes randomica restituita) la carta restituisce i seguenti SW: SW Verifica corretta 63 C2 Verifica fallita: rimangono altri due possibili tentativi 63 C1 Verifica fallita: rimane un solo possibile tentativo prima del blocco di BSO_ISEE_AdminPublicKey 63 C0 Verifica fallita: BSO_ISEE_AdminPublicKey bloccato; non sono possibili ulteriori tentativi BSO_ISEE_AdminPublicKey è bloccato. La verifica fallisce anche in caso di passaggio dati corretti 3.3 Scrittura dei file elementari presenti nel servizio La scrittura del contenuto dei tre files elementari presenti avviene tramite l invio di apdu UPDATE_BINARY previa selezione del file elementare tramite apdu SELECT Scrittura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL L identificatore del file EF_ISEE_INFO_APPL (00 01) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il file EF_ISEE_INFO_APPL la carta restituisce lo SW 6A 82 La dimensione del file EF_ISEE_INFO_APPL è di 400 bytes. Se la dimensione della struttura dati applicativi del servizio ISEE (struttura ASN.1) è inferiore a 255 bytes può essere veicolata tramite una sola apdu come mostrato nel seguente esempio (75h = 117 bytes Pag. 7 di 12

8 veicolati) Command : 00 D Input Data [Le] : C 4C C B E C 4C C F E 58 5A 4B 43 2B A 48 4F 2F F B F 59 3D Se la dimensione della struttura dati applicativi del servizio ISEE è superiore a 255 bytes può essere veicolata tramite l inviato in sequenza due apdu UPDATE_BINARY come mostrato nl seguente esempio // scrittura dei primi 255 bytes Command : 00 D FF Input Data [Le] : A6 CC D9 89 D EE 3E ED 56 0A 9D F6 2D D3 13 BC F4 31 7F CB DD 80 1B 62 5D E EB 3A F1 5D BD 77 3C CB 0E 9C 07 EA 76 8B A E7 34 AC E CE E AB FC 39 D6 8A 9A CE FF 73 4F B C7 0B E3 5D 4E D E8 09 C5 42 4C BB E9 51 B D9 B E0 4D 7D CF E 3B CA 36 B1 33 C3 BC 37 C1 D0 9B B9 76 5B E4 E2 30 AD B4 BB B2 70 BC BE 9E 1D 6D B D 26 A2 58 BD 84 5B 38 E4 40 E1 D3 B2 64 F7 5E E C3 0A CF 54 5A FF 4B 83 C D2 D0 98 E0 75 B6 98 F7 2D 33 7F 7C B9 FC B2 F3 47 B E 58 2F B D5 25 B9 CF EA 5F 7B B0 6B 01 F3 EE 8F 8B 90 A4 04 E9 FB D7 22 8E 82 9B 31 C5 A9 46 A5 EA CA 37 5E A4 EC B6 34 // scrittura dei rimanenti 16 bytes Command : 00 D6 00 FF 10 Input Data [Le] : B2 70 BC BE 9E 1D 6D B D 26 A2 58 BD 84 In caso di corretta scrittura (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di fallimento la carta restituisce i seguenti SW: SW Esecuzione corretta Esecuzione fallita: condizioni di scrittura non verificate 6A 84 Esecuzione fallita: tentativo di scrittura oltre la dimensione del file Pag. 8 di 12

9 3.3.2 Scrittura contenuto EF_ISEE_HASH L identificatore del file EF_ISEE_HASH (00 02) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_HASH è di 20 bytes. Il file deve essere aggiornato con l impronta SHA-1 del contenuto effettivo (dimensione della struttura Asn.1) dei dati applicativi memorizzati in EF_ISEE_INFO_APPL. Per poter scrivere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu UPDATE_BINARY. Command : 00 D Input Data [Le] : A9 D3 F0 9E D2 FF E D9 A DF CD Vedi possibili SW al par Scrittura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE L identificatore del file EF_ISEE_SIGNATURE (00 03) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_SIGNATURE è di 128 bytes. Il file deve essere aggiornato con la firma dell impronta SHA-1 (memorizzata nell EF EF_ISEE_HASH) apposta tramite apposita credenziale di firma del gestore del servizio ISEE dedicata allo scopo. Essendo la lunghezza dell apposita chiave di firma RSA del gestore del servizio ISEE pari a 1024 bit (128 bytes) la firma dell hash avrà lunghezza 128 bytes. La modalità operativa di apposizione della firma dipende dal tipo di supporto per la conservazione della chiave privata ad uso firma (file system, smart card, HSM) e/o dalla particolare libreria crittografica utilizzata. Per poter scrivere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu UPDATE_BINARY. Command : 00 D Input Data [Le] : C BA DD FE 8C 3A 05 5A C0 5C EB E EF DF 00 1F 2F D A 99 2E 4C E3 96 9F B6 5D A 4E C B0 13 CB 84 DB E C D BE EC B0 90 BD 9D FC 45 7D C0 80 0B D3 5D D2 81 C2 CC DF B5 B D C B A7 59 C6 C6 3C 60 6C EE 8F C 8D 4A D3 B5 FC 06 Pag. 9 di 12

10 Vedi possibili SW al par LETTURA DATI SERVIZIO ISEE In questo capitolo è riportato un possibile elenco di apdu che consente la lettura dei dati contenuti nel servizio aggiuntivo ISEE. 4.1 Connessione alla carta e selezione DF servizio aggiuntivo ISEE Per poter inviare comandi alla carta è necessario stabilire una connessione come mostrato nel seguente esempio: exec: card#connect#card Reader name: ACS ACR38U 0 Establish Context():... Card inserted into ACS ACR38U 0 Card ATR is 24: 3BDF FE7D006B150C E F8 Output : 3B DF FE 7D 00 6B 15 0C E F8 Status : OK La selezione del folder DF_ISEE avviene tramite l invio di una apdu SELECT avente come argomento l identificatore del folder DF_ISEE (1F 27, valore temporaneo / non ancora registrato). Command : 00 A Input Data [Le] : F 27 In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il servizio ISEE la carta restituisce lo SW 6A Lettura dei file elementari presenti nel servizio La lettura del contenuto dei tre files elementari presenti avviene tramite l invio di una apdu READ_BINARY previa selezione del file elementare tramite apdu SELECT Lettura contenuto EF_ISEE_INFO_APPL L identificatore del file EF_ISEE_INFO_APPL (00 01) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In caso di invio del comando ad una carta che non contiene il file EF_ISEE_INFO_APPL la carta restituisce Pag. 10 di 12

11 lo SW 6A 82 La dimensione del file EF_ISEE_INFO_APPL è di 400 bytes. Per poter leggere l intero contenuto del file possono essere inviate in sequenza le seguenti apdu READ_BINARY. // lettura dei primi 255 bytes Command : 00 B FF Output Data : C 4C C B E C 4C C F E 58 5A 4B 43 2B A 48 4F 2F F B F 59 3D // lettura dei rimanenti 145 bytes Command : 00 B0 00 FF FF Output Data : 00 In caso di corretta selezione (vedi esempio) la carta restituisce lo SW In alternativa alla lettura dell intero EF è ipotizzabile la lettura dei primi bytes della struttura ASN.1 contenuta per recuperare la dimenzione della struttura stessa e conseguentemente leggere solo il numero di bytes Utili Lettura contenuto EF_ISEE_HASH L identificatore del file EF_ISEE_HASH (00 02) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_HASH è di 20 bytes. Per poter leggere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu READ_BINARY. Pag. 11 di 12

12 Command : 00 B Output Data : A9 D3 F0 9E D2 FF E D9 A DF CD Lettura contenuto EF_ISEE_SIGNATURE L identificatore del file EF_ISEE_SIGNATURE (00 03) è specificato nel comando select Command : 00 A Input Data [Le] : La dimensione del file EF_ISEE_SIGNATURE è di 128 bytes. Per poter leggere l intero contenuto del file deve essere inviata una sola apdu READ_BINARY. Command : 00 B Output Data : C BA DD FE 8C 3A 05 5A C0 5C EB E EF DF 00 1F 2F D A 99 2E 4C E3 96 9F B6 5D A 4E C B0 13 CB 84 DB E C D BE EC B0 90 BD 9D FC 45 7D C0 80 0B D3 5D D2 81 C2 CC DF B5 B D C B A7 59 C6 C6 3C 60 6C EE 8F C 8D 4A D3 B5 FC 06 Pag. 12 di 12

Generale: Documento PKCS#7: Status documento: Nome file p7m: Impronta SHA1 (hex): Impronta SHA256 (hex): Contenuto: Tipo documento: Dimensioni: Impronta SHA1 (hex): Impronta SHA256 (hex): Firmato digitalmente

Dettagli

Report proprietà CAdES [ProtocolloDintesaAmbientiConfinatiINAILRegionePuglia...

Report proprietà CAdES [ProtocolloDintesaAmbientiConfinatiINAILRegionePuglia... Pagina 1 di 5 Documento PKCS#7: Status Firmato digitalmente documento: Nome file C:\Users\dpp1050132.BAWKS01079 p7m: \Desktop\ProtocolloDintesaAmbientiConfinatiINAILRegionePugliaPrefetturaBari20marzo2015.pdf.p7m

Dettagli

Il formato BITMAP. Introduzione. Il formato BITMAP

Il formato BITMAP. Introduzione. Il formato BITMAP Il formato BITMAP Introduzione Il Bitmap è il formato di visualizzazione delle immagini dei sistema operativo Windows e, anche se è uno dei formati più vecchi, è ancora molto utilizzato e soprattutto è

Dettagli

Attivazione servizi aggiuntivi

Attivazione servizi aggiuntivi Specifiche servizio aggiuntivo ISEE Specifiche servizio aggiuntivo ISEE Versione 1.1 20/12/2012 RTI Funzione Nome Redazione Capo progetto RTI Esperto di dominio Actalis Capo progetto Engineering Esperto

Dettagli

Droghe, proibizionismo e prevenzione in kantonappenzell ausserrhoden

Droghe, proibizionismo e prevenzione in kantonappenzell ausserrhoden 1 3ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 25/02/2013 All'indirizzo http://xn--leggedistabilit2013-kub.diritto.it/docs/34677-droghe-proibizionismoe-prevenzione-in-kantonappenzell-ausserrhoden Autore: Baiguera Altieri

Dettagli

Os novos direitos da empregada doméstica

Os novos direitos da empregada doméstica ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/04/2013 All'indirizzo http://ww.diritto.it/docs/34918-os-novos-direitos-da-empregada-dom-stica Autore: Vólia Bomfim Cassar Os novos direitos da empregada doméstica A B

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti)

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) Prof. G. Ciaschetti Conversione di un numero da binario a decimale Esercizio 1. Convertire in decimale

Dettagli

Colloquio SGSS-SIRGESA

Colloquio SGSS-SIRGESA Colloquio SGSS-SIRGESA Specifiche Tecniche Versione 1.3.1 07/02/2013 RTI Funzione Nome Redazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture

Dettagli

INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE UTENTE

INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE UTENTE INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE UTENTE Versione 1.0 Pag. 1 di 21 I N D I C E 1. ISTRUZIONI OPERATIVE PER L'UTILIZZO DEI SERVIZI INFOSTAT... 3 2. REGISTRAZIONE, AUTENTICAZIONE

Dettagli

Histórico e criação do acordo TRIPS/OMC

Histórico e criação do acordo TRIPS/OMC ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/03/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34763-hist-rico-e-cria-o-do-acordo-trips-omc Autore: Thiago Gonçalves Paluma Rocha Histórico e criação do acordo TRIPS/OMC

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

Banca d Italia Manuale d'uso Infostat per le segnalazioni Direct Reporting versione 1.0 INFOSTAT. Piattaforma per la raccolta delle informazioni

Banca d Italia Manuale d'uso Infostat per le segnalazioni Direct Reporting versione 1.0 INFOSTAT. Piattaforma per la raccolta delle informazioni INFOSTAT Piattaforma per la raccolta delle informazioni MANUALE D USO INFOSTAT PER LE SEGNALAZIONI DEL DIRECT REPORTING Versione 1.0 Pag. 1 di 24 I N D I C E 1. ISTRUZIONI OPERATIVE PER L'UTILIZZO DEI

Dettagli

Ottimizzazione Combinatoria

Ottimizzazione Combinatoria Ottimizzazione Combinatoria Esercitazione AMPL A.A. 2009-2010 Esercitazione a cura di Silvia Canale contatto e-mail: canale@dis.uniroma1.it Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e

Dettagli

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10 DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE su CPU18LCD LCD_SERv10 035-693737 1 FUNZIONI del sistema: Il sistema è composto da: 1. una scheda con a bordo ÄÅ Un regolatore 12Vcc / 7Vcc Ä a 5Vcc ÄÇ Un microprocessore

Dettagli

Mutui e conti correnti in corso e tassi di interesse usurari. Torna in auge la vexata questio dellўїusurarietё sopravvenuta!

Mutui e conti correnti in corso e tassi di interesse usurari. Torna in auge la vexata questio dellўїusurarietё sopravvenuta! 1 3ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 27/02/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34690-mutui-e-conti-correnti-in-corso-e-tassi-diinteresse-usurari-torna-in-auge-la-vexata-questio-dell-usurariet-sopravvenuta

Dettagli

Italia e Polonia: un'analisi comparata di diritto commerciale

Italia e Polonia: un'analisi comparata di diritto commerciale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 03/01/2016 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37687-italia-e-polonia-un-analisi-comparata-di-dirittocommerciale Autore: Lombardi Francesco Italia e Polonia: un'analisi

Dettagli

ASSURANCE BROKER S.R.L.

ASSURANCE BROKER S.R.L. ASSURANCE BROKER S.R.L. Sede Legale VIA ZOE FONTANA 220 ROMA (RM) Iscritta al Registro Imprese di ROMA C.F. e n. iscrizione 09649681005 Iscritta al R.E.A. di ROMA al n. 1179490 Capitale Sociale Euro 100.000,00

Dettagli

CALCOLO COMBIN I A N T A O T RIO

CALCOLO COMBIN I A N T A O T RIO CALCOLO COMBINATORIO Disposizioni Si dicono disposizioni di N elementi di classe k tutti quei gruppi che si possono formare prendendo ogni volta k degli N elementi e cambiando ogni volta un elemento o

Dettagli

Tar Lazio, Roma, 28.01.2010 n. 1084 ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 25/02/2010

Tar Lazio, Roma, 28.01.2010 n. 1084 ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 25/02/2010 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 25/02/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/28959-pur-in-assenza-della-firma-del-rappresentantedel-garante-importante-la-certezza-in-ordine-alla-provenienza-della-fideiussione-prestatadal-soggetto-legittimato-ad-impegnare-l-istituto-stesso-ill

Dettagli

Cap. OPERE DA LATTONIERE

Cap. OPERE DA LATTONIERE Cap. V OPERE DA LATTONIERE PAG. 1 5.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, escluse assistenze murarie, compresi

Dettagli

SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA

SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA SMART CARD tecnologie ed applicazioni nella PA Ing. Giovanni Manca Dirigente CNIPA Centro Nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione AGENDA Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità

Dettagli

Raccolta dati via Internet

Raccolta dati via Internet Servizio Elaborazioni e Infrastrutture Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche Raccolta dati via Internet Manuale utente - Ruolo Partner Versione 1.5 Giugno 2009 VERSIONE DATA MODIFICHE 1.0 19-05-2004

Dettagli

Banca d Italia INFOSTAT-UIF. Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni. Versione 1.1. Pag. 1 di 26

Banca d Italia INFOSTAT-UIF. Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni. Versione 1.1. Pag. 1 di 26 INFOSTAT-UIF Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni Versione 1.1 Pag. 1 di 26 INDICE 1. Istruzioni operative per l'utilizzo dei servizi INFOSTAT-UIF...3 2. Registrazione al portale INFOSTAT-UIF...4

Dettagli

Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità tecniche Sintesi dello scenario generale delle carte La CNS

Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità tecniche Sintesi dello scenario generale delle carte La CNS SMART CARD: tecnologie ed applicazioni nella PA Giovanni Manca (manca@cnipa.it) Centro Nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione AGENDA Descrizione generale della tecnologia Le funzionalità

Dettagli

ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 27/12/2013

ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 27/12/2013 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 27/12/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/35807-profili-essenziali-delle-intercettazionitelematiche-dalla-tutela-costituzionale-della-segretezza-ed-inviolabilit-di-qualasisi-formadi-comunicazione-alla-disciplina-ex-art-266-bis-c-p-p

Dettagli

INFOSTAT-UIF. Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni. Banca d Italia. Pag. 1 di 26. Versione 1.0

INFOSTAT-UIF. Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni. Banca d Italia. Pag. 1 di 26. Versione 1.0 INFOSTAT-UIF Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni Versione 1.0 Pag. 1 di 26 INDICE 1. Istruzioni operative per l'utilizzo dei servizi INFOSTAT-UIF...4 2. Prerequisiti per l accesso a INFOSTAT-UIF...5

Dettagli

CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 2010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG

CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 2010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG CONVENZIONI STIPULATE PRIMA DEL 7 SETTEMBRE 010 E PRIMA DELLA PREDISPOSIZIONE SISTEMA SIMOG 1 CITY CAR COMPATTE 00176C8F CITY CAR 00176C8F BERLINE PICCOLE 00176C8F BERLINE MEDIE 00176C8F ACQUISTO AUTOVEICOLI

Dettagli

A B AC D EFA B C BF F D A AA D A B E C B DD A C CC A B A E A A A C BF F A BACDB EDF BA E F B D AC F B EAF A B ABFD D ED DF BA FF B D D ABFD D ED

A B AC D EFA B C BF F D A AA D A B E C B DD A C CC A B A E A A A C BF F A BACDB EDF BA E F B D AC F B EAF A B ABFD D ED DF BA FF B D D ABFD D ED A B AC D EFA B DD C BF F D A AA D A B E C B DD A B AC D B A A E B B DD A C CC A B A E A A A C BF F C B CC C D A A BACDB EDF BA E F B D AC F B EAF A B ABFD D ED DF BA FF B D D ABFD D ED F BBA E D A F B

Dettagli

Differenza in punti percentuali 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 -5,0 -10,0 -15,0 -20,0. B3_a. A5_f. B3_d. B3_b. A5_i. A5_a. A5_e. A5_h. A5_d. A5_b.

Differenza in punti percentuali 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 -5,0 -10,0 -15,0 -20,0. B3_a. A5_f. B3_d. B3_b. A5_i. A5_a. A5_e. A5_h. A5_d. A5_b. A1 A2 A3 A4 A5_a A5_b A5_c A5_d A5_e A5_f A5_g A5_h A5_i B1 B2 B3_a B3_b B3_c B3_d B4 B5 B6 B7 B8 B9 B10 B11 B12 B13 B14 C1 C2 C3 C4 C5 C6 Differenza in punti percentuali Media punteggi classe per ambito

Dettagli

La tecnologia e le applicazioni delle smart card nell e-government

La tecnologia e le applicazioni delle smart card nell e-government La tecnologia e le applicazioni delle smart card nell e-government Ing. Giovanni Manca Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Smart Card Gli elementi che compongono la Smart

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - "L.LANZA-B. DI CARINI" CARINI (PA) Titolario

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - L.LANZA-B. DI CARINI CARINI (PA) Titolario Titolo: A - AFFARI GENERALI A-01 Fascicoli del personale di ruolo e non di ruolo dell amministrazione scolastica periferica A-02 Personale dell' amministrazione scolastica periferica A-02-a Pratiche generali

Dettagli

Le Linee Guida per l emissione e l utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS)

Le Linee Guida per l emissione e l utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Le Linee Guida per l emissione e l utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Giovanni Manca Ufficio Standard architetture e metodologie AGENDA Scenario generale sulle carte d accesso Il quadro normativo

Dettagli

riferimento temporale

riferimento temporale La Firma Digitale, la marca temporale ed il riferimento temporale Umberto Zanini Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Modena Tel.059/2929777/2929483 Fax 059/2926210 umzanini@tin.it www.umbertozanini.it

Dettagli

Sommario. 1.1 Problematiche di sicurezza 6. 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6. 1.1.2 Il modello di riferimento 7

Sommario. 1.1 Problematiche di sicurezza 6. 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6. 1.1.2 Il modello di riferimento 7 Introduzione 2 Capitolo I - Sicurezza Informatica e Crittografia 6 1.1 Problematiche di sicurezza 6 1.1.1 Cos'è la Sicurezza Informatica 6 1.1.2 Il modello di riferimento 7 1.1.3 Valutazione del rischio

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - PADRE GABRIELE M. ALLEGRA VALVERDE (CT) Titolario

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - PADRE GABRIELE M. ALLEGRA VALVERDE (CT) Titolario A - AFFARI GENERALI A-1 Fascicoli del personale di ruolo e non di ruolo dell amministrazione scolastica periferica in ordine alfabetico. A-10 - A-10-a A-10-b Biblioteca dell'amministrazione scolastica

Dettagli

LICEO STATALE - "M.L. KING" FAVARA (AG) Titolario

LICEO STATALE - M.L. KING FAVARA (AG) Titolario A - AFFARI GENERALI A-1 PIANO OFFERTA FORMATIVA - P.O.F. A-1-a CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO - DELEGAZIONE TRATTANTE - PIANO DELLE ATTIVITA' A-11 SCARTO ATTI DI ARCHIVIO A-12 Ispezioni amministrative

Dettagli

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE ESERCIZI SVOLTI O CON TRACCIA DI SOLUZIONE SU STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE v 1.0 1 I PROVA DI VALUTAZIONE 15 Novembre 2006 - Esercizio 2 Data la struttura di figura, ricavare

Dettagli

K-Archive. Conservazione Sostitutiva

K-Archive. Conservazione Sostitutiva K-Archive per la Conservazione Sostitutiva Descrizione Prodotto Per informazioni: MKT Srl Corso Sempione 33-20145 Milano Tel: 02-33104666 FAX: 20-70039081 Sito: www.mkt.it Email: ufficio@mkt.it Copyright

Dettagli

Ambiguità delle parole. Ambiguità. Omografia e ambiguità. Ambiguità grammaticale. Le lingue sono, per loro natura ambigue e sfumate:

Ambiguità delle parole. Ambiguità. Omografia e ambiguità. Ambiguità grammaticale. Le lingue sono, per loro natura ambigue e sfumate: Ambiguità Ambiguità delle parole Le lingue sono, per loro natura ambigue e sfumate: Una parola può avere più di una funzione o più di un significato Una frase può avere più di un significato ella lingua

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 2 INDICE Conto economico preventivo annuale Proiezione triennale del Conto economico preventivo

Dettagli

FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE DI TORINO

FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE DI TORINO FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE DI TORINO Sede Legale Via Rossini n. 12 - Torino C.F. 08762960014 Iscritta al R.E.A. di Torino al n. 1002937 Bilancio al 31/12/2009 Stato Patrimoniale 31/12/2009 31/12/2008

Dettagli

FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE DI TORINO

FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE DI TORINO FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE DI TORINO Sede Legale Via Rossini n. 12 - Torino C.F. 08762960014 Iscritta al R.E.A. di Torino al n. 1002937 Bilancio al 31/12/2008 Stato Patrimoniale 31/12/2008 31/12/2007

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Pag. 2 a Indice degli argomenti I. PARTE I... 4 I.1. Introduzione... 4 I.2. Contesto del documento... 4 I.3. Scopo del documento... 4 I.4. Documentazione di riferimento... 5 I.5. Sigle e abbreviazioni...

Dettagli

Cos è un Calcolatore?

Cos è un Calcolatore? Cos è un Calcolatore? Definizione A computer is a machine that manipulates data according to a (well-ordered) collection of instructions. 24/105 Riassumendo... Un problema è una qualsiasi situazione per

Dettagli

Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica

Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica Laboratorio del corso Sicurezza dei sistemi informatici (03GSD) Politecnico di Torino AA 2014/15 Prof. Antonio Lioy preparata da: Cataldo Basile (cataldo.basile@polito.it)

Dettagli

Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica

Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica Crittografia con OpenSSL crittografia asimmetrica Laboratorio del corso Sicurezza dei sistemi informatici (03GSD) Politecnico di Torino AA 2015/16 Prof. Antonio Lioy preparata da: Cataldo Basile (cataldo.basile@polito.it)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MAT.ELEM.E MEDIA - "G. MARCONI" LICATA (AG) Titolario

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MAT.ELEM.E MEDIA - G. MARCONI LICATA (AG) Titolario A - DITTE VARIE -ALBO FORNITORI- A-10 MIUR. comunicazioni misure igieniche e comportamentali da adottare a scuola. A-10-a Biblioteca dell'amministrazione scolastica periferica A-10-b Bollettino ufficiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - "ISOLA D'ORO" ORTE (VT) Titolario

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - ISOLA D'ORO ORTE (VT) Titolario A - AFFARI GENERALI A-1 Fascicoli del personale di ruolo e non di ruolo dell amministrazione scolastica periferica in ordine alfabetico. A-10 area giuridico economica - info -gestione carriera - sidi -

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO Gara a procedura aperta per l affidamento del servizio di allestimento, personalizzazione e postalizzazione tessere associative ACI

CAPITOLATO TECNICO Gara a procedura aperta per l affidamento del servizio di allestimento, personalizzazione e postalizzazione tessere associative ACI CAPITOLATO TECNICO Gara a procedura aperta per l affidamento del servizio di allestimento, personalizzazione e postalizzazione tessere associative ACI Allegato n. 5 CAPITOLATO TECNICO Pagina: 1/1 SOMMARIO

Dettagli

Reti Logiche A Appello del 24 febbraio 2010

Reti Logiche A Appello del 24 febbraio 2010 Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione prof.ssa Anna Antola prof. Fabrizio Ferrandi Reti Logiche A Appello del 24 febbraio 2010 Matricola prof.ssa Cristiana Bolchini Cognome Nome

Dettagli

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Il software Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline 1 Il software Outline Il software 1 Il software Algoritmo Sequenza di istruzioni la cui esecuzione consente di risolvere uno

Dettagli

La Firma Digitale e le sue applicazioni

La Firma Digitale e le sue applicazioni La Firma Digitale e le sue applicazioni Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it Sommario Introduzione Dematerializzazione documentale Definizione e normativa sulla Firma

Dettagli

INDICATORI DI INTASAMENTO RIEPILOGO DESCRIZIONE

INDICATORI DI INTASAMENTO RIEPILOGO DESCRIZIONE RIEPILG INDICATRI DI INTASAMENT INDICATRI DI PRESSINE Differenziale visivo Differenziale elettrico Differenz. elet. con LED Differenz. elet. con termostato Differenz. elet. visivo Differenz. elet. antimanomissione

Dettagli

Smart Card. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. PC/SC MUSCLE Smart card in ambiente linux

Smart Card. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. Elementi ISO 7816-3/4. PC/SC MUSCLE Smart card in ambiente linux Smart Card Una smart card, nella sua versione di carta a microprocessore, è, a tutti gli effetti, un computer L ISO utilizza il termine ICC (Integrated Circuit Card) 53.98mm 85.6mm Elementi ISO 7816-3/4

Dettagli

Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato

Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato Specifiche tecniche del Documento Digitale Unificato v.0.0 30 ottobre 2013 Pagina 1 Sommario Introduzione...5 Contesto e scelta architetturale...6 Sezione

Dettagli

2010.10.21 Modificata impronta nei file di chiusura. 2004.12.18 Modificato la logica di conservazione

2010.10.21 Modificata impronta nei file di chiusura. 2004.12.18 Modificato la logica di conservazione ARCHIREADER Istruzioni per la consultazione dei supporti generati con i programmi ArchiMedia e Archivia Plus Versione n. 2012.02.03 Del : 03/02/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Approvato da: Caprara

Dettagli

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà :

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà : RELAZIONI INARIE Dati due insiemi non vuoti, A detto dominio e detto codominio, eventualmente coincidenti, si chiama relazione binaria (o corrispondenza) di A in, e si indica con f : A, (oppure R ) una

Dettagli

Studio e sviluppo di un applicazione DTT client / server per l autenticazione tramite Carta Nazionale dei Servizi

Studio e sviluppo di un applicazione DTT client / server per l autenticazione tramite Carta Nazionale dei Servizi Studio e sviluppo di un applicazione DTT client / server per l autenticazione tramite Carta Nazionale dei Servizi Tesi di Laurea di Relatori: Prof. Vito Cappellini Prof. Alessandro Piva Dr. Roberto Caldelli

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO FESTA REGIONALE SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO SAN GIORGIO DI NOGARO (UD) 17 MAGGIO 2015 Al fine di attuare la necessaria verifica dell attività svolta nelle Scuole di Calcio, il Settore Giovanile

Dettagli

metodi crittografici 2006-2007 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti

metodi crittografici 2006-2007 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti metodi crittografici 1 sommario richiami di crittografia e applicazioni hash crittografici crittografia simmetrica crittografia asimmetrica attacchi e contromisure attacchi tipici key rollover generatori

Dettagli

Fondamenti di informatica per la sicurezza anno accademico 2004 2005 docente: Stefano Ferrari

Fondamenti di informatica per la sicurezza anno accademico 2004 2005 docente: Stefano Ferrari Corso di Laurea in icurezza dei sistemi e delle reti informatiche Fondamenti di informatica per la sicurezza anno accademico 2004 2005 docente: tefano Ferrari 23.02.2005 della seconda parte vers. A valutazioni

Dettagli

Ela Execute. Procedura di installazione. in ambiente Windows Vista. Prodotto: Ela Execute Oggetto : Installazione Sw in Windows Vista XZAC6405

Ela Execute. Procedura di installazione. in ambiente Windows Vista. Prodotto: Ela Execute Oggetto : Installazione Sw in Windows Vista XZAC6405 Codice 14-05-2008 Prodotto: Ela Execute Oggetto : Installazione Sw in Windows Vista Ela Execute Procedura di installazione in ambiente Windows Vista Autore Nome: Zambelli Bruno Documento File name: 2/28

Dettagli

,&&-&.$$/!. 0) (./21.///"3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! #9 293!

,&&-&.$$/!. 0) (./21.///3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! #9 293! !"# $!%&'()*+,&&-&.$$/!. ))0)&.#/ 0) (./2.///"3/$.3.3 2 ))&. $!#! /22%)0) 4 $!#! /22 )) $!#! /22 5&)0)%&46 &7()8 ))&) 0))0&)3#9 293! %():00,&(&)&&)&.! ;;#/! #9 293!! "#$%&"#'$ ( )*+!, ----. )/0))0+. 2##'34"35)/))0))0+!

Dettagli

Macro-categoria Macro-Obiettivi 440/97 Priorità per la destinazione dei fondi (Direttive ministeriali)

Macro-categoria Macro-Obiettivi 440/97 Priorità per la destinazione dei fondi (Direttive ministeriali) 1 A1 05 aa Attuazione dei progetti contenuti nel POF A1 05 ab Progetti nazionali in coerenza con il processo di riforma A1 06 aa Attuazione dei progetti contenuti nel POF A1 06 ab Progetti nazionali in

Dettagli

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup CRYPTSETUP RAPIDO La presente guida non vuole essere completa, si tratta solo della somma degli appunti utilizzati per creare e gestire una zona cifrata ove salvare i documenti. La distribuzione di riferimento

Dettagli

Interoperabilità SISTRI Specifiche tecniche per l utilizzo della firma elettronica con il Soft Token PKCS#11

Interoperabilità SISTRI Specifiche tecniche per l utilizzo della firma elettronica con il Soft Token PKCS#11 Interoperabilità SISTRI Specifiche tecniche per l utilizzo della firma elettronica con il Soft Token PKCS#11 Prot. N.: SISTRI-TN_SIS-001 FE Data: 28/09/2010 STORIA DEL DOCUMENTO VER. DATA DESCRIZIONE 1.0

Dettagli

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM Allegato A L A V O R I TABELLA SINTETICA DELLE CATEGORIE CATEGORIE GENERALI OG 1 Edifici civili e industriali OG 2 Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela. OG 3 Strade, autostrade,

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- CARATTERISTICHE TECNICHE E MODALITÀ DI GESTIONE DELLA TESSERA SANITARIA TS-CNS.

Dettagli

Quasar Sistemi S.r.l.

Quasar Sistemi S.r.l. La Firma Digitale Quasar Sistemi S.r.l. Via San Leonardo, 52 84131 Salerno Telefono 089.3069802-803 Fax 089.332989 E-Mail: info@quasar.it Web http://www.quasar.it Documento Elettronico (D.E.) Un documento

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

La firma digitale Del PTB

La firma digitale Del PTB La firma digitale Del PTB :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con

Dettagli

www.cineca.it Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it

www.cineca.it Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it Ing. Francesca Merighi CINECA Tel. 051 6171916 e-mail: f.merighi@cineca.it Introduzione Dematerializzazione documentale Definizione e normativa sulla Firma Digitale Dematerializzazione e Firma Digitale

Dettagli

Guida all utilizzo del pacchetto di firma digitale

Guida all utilizzo del pacchetto di firma digitale 1 di 13 Guida all utilizzo del pacchetto di firma digitale 2 di 13 INDICE 1 Introduzione... 3 2 Installazione... 4 2.1 Passi comuni per l installazione dei token/smartcard... 4 2.2 Elenco smartcard/token

Dettagli

Robustezza crittografica della PEC

Robustezza crittografica della PEC Robustezza crittografica della PEC Prof. Massimiliano Sala Università degli Studi di Trento, Lab di Matematica Industriale e Crittografia Trento, 21 Novembre 2011 M. Sala (Università degli Studi di Trento)

Dettagli

SIELTE S.P.A. Sede Legale VIA CERZA 4 SAN GREGORIO DI CATANIA CT Capitale Sociale Euro 28.000.000,00 interamente versato P.IVA n.

SIELTE S.P.A. Sede Legale VIA CERZA 4 SAN GREGORIO DI CATANIA CT Capitale Sociale Euro 28.000.000,00 interamente versato P.IVA n. Reg. Imp. 00941910788 Rea 243862 SIELTE S.P.A. Sede Legale VIA CERZA 4 SAN GREGORIO DI CATANIA CT Capitale Sociale Euro 28.000.000,00 interamente versato P.IVA n. 03600700870 Bilancio al 31/12/2012 STATO

Dettagli

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel Esercitazione Exel: il foglio di lavoro B.1 Introduzione Exel è un applicazione che serve per la gestione dei fogli di calcolo. Questo programma fa parte del pacchetto OFFICE. Le applicazioni di Office

Dettagli

Lettura musicale e sviluppo della musicalità

Lettura musicale e sviluppo della musicalità Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Copyright

Dettagli

!"#$!%#&'(')* )!&+#+#&,#)(!-#.'(')"',#+#&-# &-'"/'( #( 0',-#&'!)1 /!"%#!,'02 -#(' )!)+!%#&'(' )# ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0!

!#$!%#&'(')* )!&+#+#&,#)(!-#.'(')',#+#&-# &-'/'( #( 0',-#&'!)1 /!%#!,'02 -#(' )!)+!%#&'(' )# ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0! !"! $%& ' !"$!%&'(')* )!&++&,)(!-.'(')"',+&- &-'"/'( ( 0',-&' /!"%!,'02 -(' )!)+!%&'(' ) ('!!) * + % ',- ). +!! / (!) ' ' *0! & ' ) ) ) ) 12 12 * 3 )+ %!)!4 5!/) 6!' 0 %! ( 3) )! / (7) 4' 6 7') ' ') /8

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Gennaio. SUAP On Line i pre-requsiti informatici: La firma digitale

Gennaio. SUAP On Line i pre-requsiti informatici: La firma digitale 2008 Gennaio SUAP On Line i pre-requsiti informatici: La firma digitale 1 La firma digitale Indice La firma digitale La firma digitale: destinatario 2 La firma digitale Cos è La Firma Digitale è il risultato

Dettagli

Tecnologie RFID Knowledge Base RFID

Tecnologie RFID Knowledge Base RFID Standard CALYPSO Data redazione: 29 Gennaio 2013 revisione 2.0 Referente: Eliseo Baruzzi baruzzi@softwork.it Revisioni: 17 Ottobre 2013 Ulteriori informazioni: Documenti di riferimento: 100324-CalypsoHandbook-11.pdf

Dettagli

Transazioni - Parte 1

Transazioni - Parte 1 Basi di dati II Lezione 3 09/10/2008 Caputo Domenico Cosimo, Francesco Pichierri Transazioni - Parte 1 Le transazioni hanno a che fare con la programmabilità delle basi di dati. Prima di trattarle è necessaria

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

PEC. La posta elettronica certificata

PEC. La posta elettronica certificata Servizi Applicativi su Internet PEC La posta elettronica certificata Parzialmente tratte da Regole tecniche del servizio di trasmissione di documentiinformatici mediante posta elettronica certificata Normativa

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

1. Uso del emulatore di floppy EMUFDD4 (ver. 2.3)

1. Uso del emulatore di floppy EMUFDD4 (ver. 2.3) 1. Uso del emulatore di floppy EMUFDD4 (ver. 2.3) Alimentazione e collegamento del flat cable del dispositivo Collegare il dispositivo come in figura, il pin 1 del flat è quello colorato blu o rosso. L

Dettagli

Tecnologicamente, la firma digitale è il risultato di una procedura complessa che si basa su tre elementi:

Tecnologicamente, la firma digitale è il risultato di una procedura complessa che si basa su tre elementi: La firma digitale Tecnologicamente, la firma digitale è il risultato di una procedura complessa che si basa su tre elementi: Coppia di chiavi crittografiche Certificato qualificato Dispositivo sicuro per

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

Aruba Sign 2 Guida rapida

Aruba Sign 2 Guida rapida Aruba Sign 2 Guida rapida 1 Indice Indice...2 1 Informazioni sul documento...3 1.1 Scopo del documento...3 2 Prerequisiti...4 2.1.1 Software...4 2.1.2 Rete...4 3 Installazione...5 Passo 2...5 4 Avvio di

Dettagli

! " # $ % &' ( %%$)*%$*+, - " # -' $,%+./+0,**0

!  # $ % &' ( %%$)*%$*+, -  # -' $,%+./+0,**0 ! " # $ % &' ( %%$)*%$*+, - " # -' $,%+./+0,**0 ' 1-" ' ' &2 %% ' *,,3! #( -( ""( ( $ 3,//%/+ 4 ' *,,3 -'- '(55 6( ' 1-" -' ( #( &2 (''(7 "- '' ( - "$ ' ' 1-" 8 '5 ' $'$$!! " # $ %! 9: ( 7 ;;;$#(''-$ ...

Dettagli

Regole aggiuntive ADR della Corte arbitrale presso la Camera Economica della Repubblica Ceca e la Camera Agraria della Repubblica Ceca

Regole aggiuntive ADR della Corte arbitrale presso la Camera Economica della Repubblica Ceca e la Camera Agraria della Repubblica Ceca Economica della e la Camera Agraria della A GENERALITÀ... 2 1 Ambito di applicazione...2 2 Definizioni...2 3 Tariffe e pagamento...2 4 Istruzioni per le comunicazioni...2 5 Firma elettronica...2 6 Scadenze...3

Dettagli

Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti. Tommaso Agasisti

Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti. Tommaso Agasisti Cosa ci dicono (e non dicono) i dati sugli apprendimenti Tommaso Agasisti Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale e. tommaso.agasisti@polimi.it Premessa In questa sezione, si riportano

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

MANUALE SISTEMISTICO

MANUALE SISTEMISTICO Documento di Identity Management sabato, aprile 26, 2014 @ 0:15:17 Redatto da Approvazione Responsabile Funzionale Data Firma Responsabile Utente Responsabile Sviluppo Redatto da: Andrea Modica Pagina

Dettagli

Or STEP STEP 1 E20 67R 01 0478. Or Tugra Makina T.M.S. E37 67R 01 0018. Or M.T.M. s.r.l. 87/C E13 67R 01 0043

Or STEP STEP 1 E20 67R 01 0478. Or Tugra Makina T.M.S. E37 67R 01 0018. Or M.T.M. s.r.l. 87/C E13 67R 01 0043 Pompa per carburante GPL Senza Multivalvola, con i seguenti accessori: M.T.M. s.r.l. EUOPA Version 2 E13 67 1 4 Camera Stagna STAKO STAKO POL E2 67 1 324 (da usarsi con serbatoio toroidale STAKO) Or STEP

Dettagli