AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N."

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DEL SERVIZIO DERATTIZZAZIONE, DELARVIZZAZIONE, DISINFESTAZIONI DIVERSE PER LE SEDI DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 13 (cod. doc. CS121004) 1

2 Art. 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO. Il presente Capitolato ha per oggetto la descrizione delle specifiche tecniche, delle modalità di esecuzione e degli oneri contrattuali del servizio di derattizzazione e disinfestazioni diverse per l Azienda U.L.S.S. n. 13. Art. 2 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio, oggetto del presente Capitolato, concerne la derattizzazione e le disinfestazioni diverse da eseguirsi nei locali e nelle aree esterne dei Presidi Ospedalieri di Dolo, Mirano, Noale e nelle sedi territoriali distaccate dell Azienda U.L.S.S. n.13 come di seguito elencate: n. Denominazione Indirizzo Prog. 1 Presidio Riviera XXIX Aprile, 2 DOLO Ospedaliero 2 Presidio Luigi Mariutto, 76 MIRANO Ospedaliero 3 Presidio Largo San Giorgio, 3 NOALE Ospedaliero Unità Locali Territoriali - area nord 4 Ser. T. Castellantico, 8 MIRANO 5 C.S.M. Miranese 14/16 MIRANO 6 Distretto Miranese, 18 MIRANO 7 Distretto Carlo Pisacane, 3 SPINEA 8 Distretto Trento, 83 MARTELLAGO 9 Distretto Largo San Giorgio, 3 NOALE 10 U.T.A.P. Largo San Giorgio, 3 NOALE Unità Locali Territoriali - area sud 11 Ser. T. Arino, 4 DOLO 12 Distretto Nazionale, 48 MIRA 13 U.T.A.P. Dante, 6/18 MIRA 14 Distretto Roma, 6 STRA 15 Distretto Repubblica, 1 CAMPAGNA LUPIA 16 Distretto E. Montale, 1 VIGONOVO 17 Distretto Riviera San Pietro, 86 ORIAGO 18 Distretto Pisa,10 CAMPONOGARA 19 Distretto Viale dello Sport, 2 FOSSO 20 Distretto Padova, 8 PIANIGA 21 Distretto Roma, 72 CAMPOLONGO MAGGIORE Le sedi territoriali descritte potranno subire variazioni in merito alla riorganizzazione territoriale dell Az. U.L.S.S. n. 13. La partecipazione alla gara è riservata alle ditte in possesso di un sistema qualità certificato. Art. 3 DURATA DEL SERVIZIO E IMPORTO 2

3 Il servizio avrà durata triennale. L inizio dell attività deve essere garantito entro quindici giorni dal ricevimento della comunicazione di aggiudicazione. La Ditta aggiudicataria avrà l obbligo di continuare il Servizio alle condizioni convenute fino a quando l Azienda U.L.S.S. n. 13 non abbia provveduto a nuovo contratto e ciò fino al limite massimo di 60 (sessanta) giorni dalla scadenza. L importo presunto dell appalto a base d asta, per tre anni, è stimato in circa euro ,00.= (oltre I.V.A.). Non saranno prese in considerazione offerte con importi triennali superiori all importo a base d asta. Al fine di predisporre correttamente l offerta la Ditta dovrà prendere visione del DUVRI redatto dal Servizio di Prevenzione e Protezione dell Azienda U.L.S.S. n. 13. Si precisa sin d ora che la base d asta sopraindicata è al netto degli oneri (non ribassabili in sede di offerta) che saranno necessari per gestire i rischi derivanti da interferenze che sono quantificati e dettagliati nel DUVRI medesimo. Art. 4 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Gli interventi nei Presidi Ospedalieri e nelle sedi territoriali sono così articolati: A) Derattizzazione Per derattizzazione si intende l eradicazione di topi, presenti nelle aree di pertinenza dell Azienda U.L.S.S. n.13. La lotta ai roditori dovrà essere effettuata con metodi che tendano a prevenire il contatto degli stessi con l uomo. Qualora la fonte di infezione sia costituita da animali morti, occorre intervenire immediatamente per la rimozione degli stessi. B) Disinfestazione Per disinfestazione si intende l eliminazione di insetti od altri animali che possono recare danni alle infrastrutture o procurare malattie e molestia all uomo. Gli insetti che maggiormente infestano gli ambienti ospedalieri sono principalmente: zanzare, vespe, calabroni, blatte, cimici, pulci, zecche, formiche, ragni, forbicine, mosche, acari, ecc. Inoltre è necessario l asportazione di carcasse di gatti, piccioni, ecc. Le operazioni verranno realizzate interamente con mezzi, materiali e prodotti messi a disposizione dalla ditta aggiudicataria. Ogni servizio dovrà essere preceduto da un sopralluogo conoscitivo per definire l intervento necessario e, ad intervento effettuato, da una verifica circa l efficacia dell intervento ed eventuale rimozione di resti. Sono richiesti inoltre piccoli interventi di muratura nel caso di apertura o chiusura di fori presso gli edifici dell Azienda U.L.S.S. n. 13. Il servizio comprende principalmente: - Disinfestazione contro formiche, blatte ed insetti striscianti: intervento di irrorazioni 3

4 delle parti esterne ed interne da eseguirsi normalmente presso tutti gli ambienti infestati; - Disinfezione/Disinfestazione contro insetti alati, interventi da eseguirsi nella stagione calda; - Rimozione di carcasse di animali e/o nidi/uova con smaltimento secondo le vigenti disposizioni; - Disinfestazione e bonifica/pulizia di superfici da guano (terrazze, scantinati, ingressi, zone di passaggio, ecc.). Formiche: La lotta alle formiche dovrà essere concentrata nelle aree ritenute a rischio. Gli interventi dovranno essere condotti con le seguenti modalità: nelle aree interne la Ditta dovrà dislocare delle esche alimentari contenente dell insetticida che assunto dalle formiche lo porteranno nel formicaio provocando l intossicazione e morte della colonia. Le esche dovranno essere posizionate a partire di massima dal mese di marzo fino a settembre di ciascun anno nei punti ritenuti maggiormente sensibili (cucinette di reparto, lavatoi, macchinette per la distribuzione di alimenti e bevande) e segnalate su planimetria. Le esche dovranno essere sostituite ogni 30 giorni per un numero di interventi complessivi pari a 8. I punti esca da attivare nelle zone infestate saranno concordati successivamente. Qualora vi fosse la necessità di intervenire nelle aree interne si dovranno privilegiare formulati in gel che garantiscono una buona efficacia ed un assenza di rischi per le persone che potrebbero usufruire delle aree trattate, potranno comunque essere utilizzati anche formulati liquidi previa valutazione dell ambiente ove operare. Nelle aree esterne verranno effettuati a seguito di segnalazioni attraverso l impiego di formulati liquidi microincapsulati. Blatte: Gli interventi nei confronti delle blatte dovranno avvenire secondo le seguenti modalità operative: Monitoraggio con trappole collanti che verranno dislocate nelle aree ritenute a rischio (ad es. cucinette di reparto, ripostigli, scantinati, sottotetti) che dovranno essere periodicamente ispezionate per stabilire il tipo e il grado di infestazione. Effettuazione degli interventi di disinfestazione con l impiego di attrezzature in cui l erogazione dell insetticida è sempre controllabile in termini di direzione e quantità. Si privilegia l utilizzo di pompe manuali a bassa pressione per le aree interne. Particolare attenzione dovrà essere posta nel trattamento con formulato in gel degli alloggiamenti dei motori elettrici presenti in frigoriferi, compressori ed altro per i quali trattamenti la Ditta dovrà coordinarsi con il Responsabile della Struttura o suo referente. Negli scantinati e all interno delle fognature è opportuno intervenire con lancia a pressione ed eventualmente con l utilizzo del termo nebbiogeno. Nell arco di ciascun anno dovranno essere previsti almeno tre interventi di disinfestazione della rete fognaria (interna/esterna) a scopo preventivo. Tali interventi dovranno essere, necessariamente, preventivamente concordati nelle modalità operative con il competente Servizio Tecnico. 4

5 Il monitoraggio delle blatte dovrà avvenire con la dislocazione di trappole. Nell ambito dell attività di monitoraggio la Ditta deve garantire l intervento di disinfestazione da blatte al superamento di 1 scarafaggio/trappola negli ambienti interni all ospedale ad esclusione degli scantinati, sotterranei, caldaie ed officine dove il livello accettabile può essere individuato in 3 scarafaggi/ trappola. Gli interventi di disinfestazione dovranno avvenire attraverso l uso e l applicazione dei prodotti più idonei a seconda della situazione dove si è chiamati ad intervenire e della tipologia di infestazione rilevata (Blatta orientalis o Blatella germanica). Nel monitoraggio la ditta dovrà indicare nelle scheda, oltre al numero di individui anche la specie rinvenuta. Complessivamente sono previsti 12 monitoraggi in ciascun anno per sede. Pulci (pulce del gatto e pulce dei piccioni): Le pulci possono rappresentare in alcuni periodi dell anno un problema soprattutto nei locali tecnici (es. depositi, aree impiantistiche, gas medicali, cavidotti, cavedi, etc.) o confinati presenti negli scantinati che spesso sono accessibili alle colonie feline e alla presenza di colombi e piccioni Al fine di prevenire l insorgenza di infestazioni, vista la difficoltà/impossibilità di poter garantire l esclusione dei gatti, è opportuno prevedere degli interventi periodici di disinfestazione. Si prevedono almeno 6 interventi annui nei confronti delle pulci solitamente nel periodo aprile settembre. Gli interventi dovranno essere concordati con i Resp.li delle Attività Tecniche o delle attività sanitarie. Gli interventi dovranno garantire una distribuzione uniforme della soluzione insetticida nelle aree interessate dalla presenza di pulci. Api In caso di presenza di api la ditta di deve attivare con mezzi idonei per la raccolta delle stesse avvalendosi eventualmente della collaborazione di un apicoltore. Art. 5 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ E MODALITÀ DI ESECUZIONE Le specifiche di carattere tecnico, previste dal presente capitolato speciale, sono finalizzate ad incentivare l utilizzo delle pratiche dell I.P.M. (Integrated Pest Management, traducibile come gestione integrata degli infestanti ) al fine di ottimizzare l esecuzione degli interventi di disinfestazione e derattizzazione, ridurre l impiego di sostanze chimiche, nel complesso, giungere ad una migliore valutazione dei risultati ottenuti. A tal fine è necessario che il servizio di controllo degli infestanti si avvalga di tutte le tecniche di monitoraggio e di intervento conosciute, compatibili sotto il profilo ambientale e di sicurezza per la salute, nonché di apposite ispezioni svolte da personale, dotato di una formazione specifica, per la individuazione dei punti ove sia possibile intervenire sulla struttura degli stabili per impedire l accesso agli infestanti. In particolare nell ambito dell area ospedaliera, è richiesto di operare per lo meno su due differenti tipologie di aree: 1) aree ove è necessario un costante mantenimento del solo monitoraggio e dove le operazioni attive di controllo degli infestanti (applicazione di specifici presidi medico 5

6 chirurgici) verranno eseguite solo se i dati forniti dal monitoraggio dovessero indicare la presenza dell infestante; 2) aree ove i dati forniti dal monitoraggio non possono essere ritenuti sufficientemente precisi e tempestivi, data la elevata probabilità che si verifichi l arrivo di infestanti da aree esterne all ospedale. In queste aree è da prevedersi l impiego di specifici presidi medico chirurgici in funzione preventiva (ad esempio impiego di formulati antilarvali nei tombini di raccolta delle acque bianche, disinfestazione contro le blatte nei raccordi fognari e nelle fosse biologiche, impiego di trappole per il controllo delle formiche). La ditta aggiudicataria dovrà garantire un numero minimo di 150 interventi di emergenza nell arco di 12 mesi, senza alcun onere aggiuntivo rispetto all offerta effettuata in sede di gara. A partire dal 151 intervento nell arco del medesimo periodo di 12 mesi considerato, alla ditta aggiudicataria verrà corrisposta una somma onnicomprensiva, come da offerta in sede di gara, per ogni singolo intervento di emergenza. Per tali interventi la ditta dovrà relazionarsi, a seconda della necessità, con la Direzione Tecnica, o la Direzione Medica, o la direzione delle strutture Territoriali. I servizi oggetto del presente appalto dovranno essere eseguiti tenendo conto delle sottostanti linee fondamentali: prevenire l insorgenza dell evento dannoso, attraverso un periodico controllo dei luoghi maggiormente a rischio ed attraverso interventi mirati atti ad impedire il nascere dell infestazione; usare prodotti che diano la massima garanzia in termine di sicurezza nei confronti dell uomo; I prodotti utilizzati per la disinfestazione dovranno comprendere rodenticidi, larvicidi, adulticidi e formulati in genere a bassa tossicità, registrati dal Ministero della Salute, indicati per gli specifici utilizzi. I prodotti insetticidi dovranno essere in formulazione priva di solventi organici. Per ciascun prodotto proposto la Ditta dovrà in modo esaustivo indicare quali sono le motivazioni tecniche che hanno condotto alla sua scelta. I prodotti rodenticidi dovranno contenere il repellente denatonium benzoato, all interno degli edifici dovranno essere impiegate esche o sistemi di monitoraggio privi di anticoagulante. L eventuale utilizzo di esche avvelenate dovrà esser effettuato solo a seguito di monitoraggi, per brevi periodi e strettamente sorvegliato. Di tutti i prodotti utilizzati la Ditta offerente dovrà allegare: 1. Fotocopie autenticate dei decreti di registrazioni presso il Ministero della Salute; 2. Schede di sicurezza. In particolare per quanto riguarda le modalità di esecuzione si specifica quanto segue: 6

7 A) Derattizzazione SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE VENETO Ricerca dei focolai primari e secondari di infestazione sulle aree ed edifici dell Azienda U.L.S.S. n. 13 con mappatura, riportata su schede o altro supporto, che dovrà essere integrata con tabelle, planimetrie e con tutte le indicazioni che possono permettere un'esatta individuazione dei focolai, per il loro controllo in più stadi successivi. Gli interventi e i trattamenti programmati, in base ai risultati del monitoraggio su indicato, dovranno essere eseguiti su tutte le aree di pertinenza dell Azienda U.L.S.S. n.13. Le operazioni di derattizzazione dovranno essere mirate con localizzazione delle esche su aree di infestazioni e punti topici. Dette esche, pertanto, dovranno venire posizionate in modo tale da essere facilmente assunte esclusivamente dai roditori nocivi facendo uso di "rat station bar" fissi e mobili, "rat dispenser" ecc., nonché di ogni altra tecnica opportuna. Dovranno essere, pertanto, adottate tutte le precauzioni e gli accorgimenti del caso per evitare possibili avvelenamenti di animali domestici. L assuntore dovrà apporre un numero sufficiente di cartelli e manifesti sulle aree trattate per avvertire della campagna di derattizzazione in corso, contenenti il periodo dell'intervento, il principio attivo utilizzato, il recapito dell Assuntore stesso ed altre indicazioni, che saranno preventivamente e necessariamente concordate con la Direzione Medica dell'azienda U.L.S.S. n. 13. Dovranno essere previsti nell arco di 12 mesi non meno di n 10 interventi di derattizzazione nell intero territorio dell Azienda U.L.S.S. n. 13. L ubicazione e il numero delle stazioni di monitoraggio dovranno essere concordate con la Direzione Medica. Potranno essere necessari ulteriori posizionamenti di sole esche ratticide. Attualmente il numero delle postazioni è così suddiviso: - P.O. di Dolo n. 50; - P.O. di Mirano n. 72; - P.O. di Noale n. 40. Il posizionamento delle rat box non è predeterminato ma può variare in base alle esigenze derivanti dai monitoraggi e dai controlli, il numero delle postazioni potrà subire variazioni locali in base ai monitoraggi effettuati (es. potrebbe rendersi necessario spostare postazioni da Dolo a Mirano o Noale e viceversa mantenendo comunque il numero totale). Aree interne Nelle aree interne potranno essere attivate delle postazioni allo scopo di creare una rete di monitoraggio e verifica di un eventuale infestazione. Le postazioni dovranno essere caricate con esca virtuale, esche tossiche potranno essere utilizzate negli scantinati, caldaie ed officine purché siano adeguatamente fissate all interno della postazione. Nel caso di segnalazioni di presenza di topi all interno delle strutture ospedaliere o distretti bisognerà valutare attentamente le modalità operative dando preferenza all impiego di sistemi a cattura multipla od altri sistemi che non prevedano l uso di esche tossiche. Complessivamente dovranno essere effettuati 3 monitoraggi nell arco di ciascun anno. Gli interventi devono essere garantiti entro la giornata successiva alla chiamata, salvo per richieste urgenti da parte del personale preposto dell Azienda U.L.S.S. che dovranno essere soddisfatte nel più breve tempo possibile (due ore dall invio della richiesta). 7

8 Potranno essere richiesti interventi urgenti anche in giornate festive. Gli orari di intervento sono da concordare con le strutture preposte dell Azienda U.L.S.S., la ditta aggiudicataria deve identificare uno o più operatori di riferimento per sede che eseguano in modo continuativo gli interventi. B) Disinfestazione Le operazioni di disinfestazione antilarvale dovranno essere eseguite con una cadenza tale da impedire il verificarsi degli sfarfallamenti. A tale proposito verranno individuati formulati insetticidi differenti per le diverse tipologie di focolaio, avuto riguardo alla differente situazione ecologica dei luoghi oggetto di intervento. Tali interventi vanno ripetuti in caso di condizioni atmosferiche avverse (piogge intense). Per gli interventi adulticidi le fasce orarie saranno concordate, si raccomanda per una corretta esecuzione del servizio di tali interventi la partecipazione di almeno n. 2 operatori. Dovranno essere previsti nell arco di 12 mesi rispettivamente: interventi larvicidi contro i culicidi = n 12/anno ; interventi adulticidi contro i culicidi = n 8/anno ; interventi di disinfestazione invernale contro la zanzara svernante = n 2/anno. Particolare attenzione dovrà essere prestata alla lotta alla Aedes albopictus (zanzara tigre) diventata particolarmente numerosa in tutti i comuni del territorio dell Azienda U.L.S.S. n. 13. altri interventi di disinfestazione per insetti pericolosi o molesti nella misura di circa trecento interventi per anno. I ratticidi e gli insetticidi da utilizzarsi dovranno essere registrati dal Ministero della Sanità come presidi medico-chirurgici e non potranno assolutamente essere variati rispetto a quelli presentati in gara d'appalto, sempre che per gli stessi non venga revocata la registrazione ministeriale; in tal caso le necessarie variazioni dovranno essere preventivamente concordate per iscritto. Nelle aree dei Presidi Ospedalieri e nelle sedi territoriali dovranno essere previsti: a) interventi di monitoraggio consistenti nella verifica della eventuale presenza di topi e nella predisposizione di tutte le misure atte a prevenire interventi di derattizzazione su larga scala. A tale proposito la ditta aggiudicataria dovrà fornire preventivamente alla Direzione Medica di presidio la mappa completa con l indicazione dei luoghi di posizionamento delle esche, nonché il calendario degli interventi; b) interventi monitorati alla lotta dei roditori a richiesta della Direzione Medica ogni qualvolta né venga accertata la presenza nelle strutture dell azienda; c) altri interventi specificatamente mirati in locali a scarsa frequentazione: scantinati, seminterrati, magazzini, deposito rifiuti ecc.; d) monitoraggio e disinfestazione formiche nei perimetri esterni e nei locali dell Azienda U.L.S.S. n. 13 nel periodo primaverile/estivo/autunnale e su chiamata nei restanti periodi dell anno; e) controllo e monitoraggio dei piccioni nelle aree dell azienda con programmi mirati alla eventuale riduzione e/o allontanamento della popolazione presente. Potranno essere richiesti interventi atti ad allontanare i piccioni mediante il 8

9 posizionamento di barriere e dissuasori. Tali richieste dovranno essere concordate e preventivate a parte. Ogni intervento dovrà essere seguito da verifica di efficacia ed eventuale rimozione resti (es. esche per ratti non consumate). In tutte le aree interessate la ditta appaltatrice dovrà apporre le indicazioni con la natura e le caratteristiche degli interventi effettuati. Art. 6 DISPOSIZIONI GENERALI RELATIVE AL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DITTA Per assicurare le prestazioni contrattuali la ditta si avvarrà di proprio personale, in possesso della necessaria qualificazione professionale e l impiegherà sotto la sua diretta responsabilità. Il Responsabile tecnico dovrà avere un esperienza minima di tre anni nel servizio oggetto del presente appalto. Tale requisito, che dovrà essere comprovato tramite apposite attestazioni che dovranno essere inserite nella documentazione tecnica, è a pena di esclusione dell offerta. Il personale impiegato dalla ditta dovrà garantire un corretto comportamento osservando diligentemente tutte le norme e disposizioni generali del presente capitolato, nonché di quelle derivanti dal Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (DUVRI) redatto ai sensi dell articolo26, c. 3 del D.Lgs.vo n. 81/2008. I dipendenti dell appaltatore che prestano servizio presso le strutture dell ente sono obbligati a tenere un comportamento improntato alla massima educazione e correttezza ed agire in ogni occasione con la diligenza professionale del caso. In particolare l appaltatore deve curare che il proprio personale durante l espletamento del servizio: - vesta decentemente e sia munito di cartellino di riconoscimento; - abbia sempre con sè un documento di identità personale; - segnali subito agli organi competenti dell Azienda U.L.S.S. ed al proprio responsabile diretto, le anomalie che rilevasse durante lo svolgimento del servizio; - non prenda ordini da estranei all espletamento del servizio. L appaltatore e comunque responsabile del comportamento dei suoi dipendenti e delle inosservanze al presente capitolato. La ditta è inoltre direttamente responsabile dei danni derivanti a terzi, sia essi utenti o dipendenti U.L.S.S. per colpa imputabile ai propri dipendenti. Tutto il personale della ditta addetto al servizio presso le strutture dell Azienda U.L.S.S. dovrà vestire una divisa. Tale divisa dovrà essere mantenuta in perfetto stato di pulizia e, se del caso, disinfettata. Inoltre il personale della ditta, durante l espletamento del servizio, dovrà tenere in evidenza la tessera di riconoscimento riportante in modo ben visibile il nome della ditta di appartenenza. L appaltatore (e per esso il personale dipendente) che opererà all interno dell Azienda U.L.S.S. dovrà uniformarsi a tutte le norme di carattere generale e speciale ufficialmente stabilite dalla stessa, ovvero a quelle appositamente emanate a carico del personale della Ditta. 9

10 Nello svolgimento del servizio la ditta dovrà evitare qualsiasi intralcio o disturbo al normale andamento dell attività e dei servizi istituzionali dell Azienda U.L.S.S., con l osservanza dei prestabiliti orari di espletamento dei servizi. La Ditta e il suo personale dovranno mantenere il massimo riserbo circa le informazioni di cui venissero a conoscenza durante l espletamento del servizio. E fatto obbligo all impresa del rispetto della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, in particolare si ricorda il D.Lgs.vo n. 81/2008 (Attuazione della Legge 3/8/2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). In particolare l impresa aggiudicataria dovrà assicurare la tutela indicata dalle norme relative all igiene e alla prevenzione degli infortuni, dotando il personale di indumenti appositi e di mezzi di protezione individuale atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti e dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atte a garantire l incolumità sia delle persone addette che dei terzi. Inoltre la ditta aggiudicataria è tenuta a dare attuazione alle misure di prevenzione e protezione, nonchè ad ogni altra ad indicazione, contenute nel Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) prodotto dall Azienda U.L.S.S. ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.vo n. 81/2008. L Azienda U.L.S.S. fornirà all impresa appaltatrice dettagliata informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione di emergenza adottate in relazione alla propria attività di cui all art. 26, D.Lgs.vo n. 81/2008. L impresa dovrà assicurare ai propri dipendenti una adeguata e scrupolosa formazione ed aggiornamento professionale periodico, avente come obiettivo generale l acquisizione di competenza nell applicare correttamente le tecniche operative per la corretta gestione del servizio e sulla sicurezza e la prevenzione infortuni sul lavoro, conformemente a quanto dichiarato nella documentazione tecnica presentata. L Assuntore dovrà impiegare personale di sicura professionalità, che osservi diligentemente tutte le norme e disposizioni generali e disciplinari in vigore in materia, impegnandosi nel contempo a sostituire, a richiesta o di propria iniziativa, quegli elementi che diano motivo di lagnanze. L Assuntore dovrà produrre documentazione dalla quale risulti il numero di operatori assunti con la qualifica di disinfestatore di cui l Assuntore dispone alla data di invio del presente servizio (copia autentica del libro unico). Il Responsabile Tecnico o il sostituto, dovrà essere presente nel territorio dei trattamenti nei periodo di lavoro espressamente indicati nel programma proposto e dovrà comunicare il proprio recapito telefonico. Tutte le contestazioni di inadempienza fatte in contraddittorio con il Responsabile Tecnico o con un suo sostituto si intendono fatte direttamente all'assuntore. L Assuntore è tenuto all'esatta osservanza delle norme legislative e regolamentari vigenti in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro (D.Lgs.vo n. 81/2008), di assicurazione degli addetti contro gli infortuni, in materia di igiene e di assicurazioni sociali. Lo stesso è 10

11 tenuto all'osservanza di tutte le disposizioni legislative e regolamentari dei contratti collettivi di lavoro delle categorie nazionali, provinciali ed aziendali del settore. Art. 7 CONTROLLI Per agevolare il controllo da parte dell Azienda U.L.S.S. n. 13 l Assuntore dovrà provvedere a fornire: per le attività di derattizzazione e disinfestazione il calendario di interventi, nonché le tipologie di formulari da utilizzare e gli orari di esecuzione dovranno essere concordati con la Direzione Medica che può avvalersi del supporto del S.I.S.P. dell'azienda U.L.S.S. n. 13, in collaborazione con il servizio di consulenza entomologica eventualmente da quest ultima attivato. Dovrà essere comunicato anche il programma settimanale delle operazioni, onde consentire adeguate possibilità di controllo e ogni variazione che il calendario possa subire; inviare i calendari di interventi di disinfestazione programmati con l individuazione del referente del servizio per le sedi Ospedaliere e territoriali; dotarsi di appositi registri per il controllo dell avvenuto intervento, con possibilità di visto da parte della Direzione Medica dei Responsabili delle sedi territoriali e dei rispettivi coordinatori delle UU.OO.. L Azienda U.L.S.S. n. 13, tramite il personale preposto potrà effettuare controlli sull esecuzione, sui metodi e sui risultati di ogni intervento che, se non rispondenti alle esigenze, comporteranno la ripetizione dell intervento stesso fino ad ottenimento del risultato voluto. I controlli si estenderanno anche sulla qualità delle esche e sugli altri prodotti disinfestanti utilizzati con eventuali analisi chimiche, il cui costo sarà addebitato all Assuntore qualora i risultati fossero difformi a quanto dichiarato nella documentazione presentata. L Assuntore dovrà proporre un sistema che consenta all Azienda U.L.S.S. n. 13 una verifica del lavoro svolto. SISTEMA DI MONITORAGGIO E CONTROLLO A) Descrizione generale del sistema di controllo e monitoraggio L Azienda U.L.S.S. n. 13 si riserva la facoltà di effettuare tutti i controlli ritenuti necessari per verificare l esatto adempimento delle prestazioni indicate nel presente Capitolato. I controlli si riferiranno agli standard qualitativi e quantitativi stabiliti dal presente Capitolato oltre a quelli dichiarati dalla Ditta in sede di presentazione dell offerta di gara. Con l espressione sistema di controllo si intende quello strumento volto ad accertare l esistenza o meno dei requisiti cardine del servizio prestato dalla Ditta, accertamento all esito del quale, in caso di riscontrata mancanza dei predetti requisiti, l Azienda U.L.S.S. 11

12 n. 13 procederà direttamente con l invio di contestazioni e l applicazione delle relative penali. Il sistema di monitoraggio, invece, è uno strumento utilizzato al fine di misurare il livello del Servizio prestato dalla Ditta, valutando, pertanto, la performance fornita da quest ultima. Tale sistema, garantendo la facoltà di monitorare la prestazione resa, permette di valutare la stessa anche allo scopo di individuare un eventuale miglioramento del Servizio. Viene definita altresì la modalità con cui procedere con le contestazioni e l applicazione di eventuali penali per servizi resi al di sotto della soglia di accettazione. Più precisamente, tale attività ha per oggetto i requisiti essenziali del Servizio reso, la performance del Servizio. In merito a ciò si individuano e descrivono gli strumenti e le modalità attraverso le quali tale operazione di controllo e monitoraggio trova concreta attuazione. B) Elementi oggetto di controllo Sono qui di seguito individuati i campi sui quali il controllo va eseguito: a) Controllo dei requisiti del Servizio (vedere anche punto D1) Per requisiti del Servizio si intendono quegli elementi costitutivi essenziali che connaturano la prestazione resa dalla Ditta e che la stessa è tenuta a garantire all Azienda U.L.S.S. n. 13 secondo quanto specificato in relazione ai singoli interventi oggetto del Servizio. Tale tipologia di controllo ha lo scopo di accertare l esistenza o meno dei requisiti minimi ed essenziali del Servizio senza i quali il Servizio stesso non può considerarsi tale. Tale attività è pertanto volta a garantire l esecuzione della prestazione dovuta secondo quanto indicato nel contratto. b) Monitoraggio dei livelli - performance del Servizio Il monitoraggio della performance del Servizio ha lo scopo di valutare l andamento ed il risultato del processo di erogazione del Servizio medesimo, valutando la bontà dello stesso attraverso l analisi di specifici indicatori, per verificare se è in linea con le aspettative e le necessità degli utilizzatori. In particolare, per ogni elemento del servizio considerato, in relazione ad ogni indicatore, vengono definite al più le seguenti soglie di accettazione secondo le seguenti modalità: conforme al servizio richiesto: tale soglia intende delineare il limite prestazionale, al di sopra del quale l Azienda U.L.S.S. n. 13 e quindi l utilizzatore ricevono un servizio in linea con le aspettative; conforme ma da migliorare: tale soglia intende delineare quella condizione nella quale il servizio reso è conforme a quanto richiesto, ma soggetto ad un miglioramento. Tale livello si presenta in quelle condizioni per le quali il livello prestazionale potrebbe essere migliorato, aumentando la capacità di soddisfazione degli utilizzatori, in tutti i suoi aspetti. Ciò si rispecchia quando il fornitore/utilizzatore evidenziano dei miglioramenti senza 12

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI PROVINCIA REGIONALE DI ENNA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. 8/2014 C.F. 80000810863 TEL. +390935521111 Fax +390935500429 Piazza Garibaldi, 2 SETTORE VI Territorio Pianificazione

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana SERVIZIO PER GLI INTERVENTI LARVICIDI ED ADULTICIDI PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE CONTRO ALTRI INFESTANTI, IN AREE

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli