AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N."

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DEL SERVIZIO DERATTIZZAZIONE, DELARVIZZAZIONE, DISINFESTAZIONI DIVERSE PER LE SEDI DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 13 (cod. doc. CS121004) 1

2 Art. 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO. Il presente Capitolato ha per oggetto la descrizione delle specifiche tecniche, delle modalità di esecuzione e degli oneri contrattuali del servizio di derattizzazione e disinfestazioni diverse per l Azienda U.L.S.S. n. 13. Art. 2 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio, oggetto del presente Capitolato, concerne la derattizzazione e le disinfestazioni diverse da eseguirsi nei locali e nelle aree esterne dei Presidi Ospedalieri di Dolo, Mirano, Noale e nelle sedi territoriali distaccate dell Azienda U.L.S.S. n.13 come di seguito elencate: n. Denominazione Indirizzo Prog. 1 Presidio Riviera XXIX Aprile, 2 DOLO Ospedaliero 2 Presidio Luigi Mariutto, 76 MIRANO Ospedaliero 3 Presidio Largo San Giorgio, 3 NOALE Ospedaliero Unità Locali Territoriali - area nord 4 Ser. T. Castellantico, 8 MIRANO 5 C.S.M. Miranese 14/16 MIRANO 6 Distretto Miranese, 18 MIRANO 7 Distretto Carlo Pisacane, 3 SPINEA 8 Distretto Trento, 83 MARTELLAGO 9 Distretto Largo San Giorgio, 3 NOALE 10 U.T.A.P. Largo San Giorgio, 3 NOALE Unità Locali Territoriali - area sud 11 Ser. T. Arino, 4 DOLO 12 Distretto Nazionale, 48 MIRA 13 U.T.A.P. Dante, 6/18 MIRA 14 Distretto Roma, 6 STRA 15 Distretto Repubblica, 1 CAMPAGNA LUPIA 16 Distretto E. Montale, 1 VIGONOVO 17 Distretto Riviera San Pietro, 86 ORIAGO 18 Distretto Pisa,10 CAMPONOGARA 19 Distretto Viale dello Sport, 2 FOSSO 20 Distretto Padova, 8 PIANIGA 21 Distretto Roma, 72 CAMPOLONGO MAGGIORE Le sedi territoriali descritte potranno subire variazioni in merito alla riorganizzazione territoriale dell Az. U.L.S.S. n. 13. La partecipazione alla gara è riservata alle ditte in possesso di un sistema qualità certificato. Art. 3 DURATA DEL SERVIZIO E IMPORTO 2

3 Il servizio avrà durata triennale. L inizio dell attività deve essere garantito entro quindici giorni dal ricevimento della comunicazione di aggiudicazione. La Ditta aggiudicataria avrà l obbligo di continuare il Servizio alle condizioni convenute fino a quando l Azienda U.L.S.S. n. 13 non abbia provveduto a nuovo contratto e ciò fino al limite massimo di 60 (sessanta) giorni dalla scadenza. L importo presunto dell appalto a base d asta, per tre anni, è stimato in circa euro ,00.= (oltre I.V.A.). Non saranno prese in considerazione offerte con importi triennali superiori all importo a base d asta. Al fine di predisporre correttamente l offerta la Ditta dovrà prendere visione del DUVRI redatto dal Servizio di Prevenzione e Protezione dell Azienda U.L.S.S. n. 13. Si precisa sin d ora che la base d asta sopraindicata è al netto degli oneri (non ribassabili in sede di offerta) che saranno necessari per gestire i rischi derivanti da interferenze che sono quantificati e dettagliati nel DUVRI medesimo. Art. 4 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Gli interventi nei Presidi Ospedalieri e nelle sedi territoriali sono così articolati: A) Derattizzazione Per derattizzazione si intende l eradicazione di topi, presenti nelle aree di pertinenza dell Azienda U.L.S.S. n.13. La lotta ai roditori dovrà essere effettuata con metodi che tendano a prevenire il contatto degli stessi con l uomo. Qualora la fonte di infezione sia costituita da animali morti, occorre intervenire immediatamente per la rimozione degli stessi. B) Disinfestazione Per disinfestazione si intende l eliminazione di insetti od altri animali che possono recare danni alle infrastrutture o procurare malattie e molestia all uomo. Gli insetti che maggiormente infestano gli ambienti ospedalieri sono principalmente: zanzare, vespe, calabroni, blatte, cimici, pulci, zecche, formiche, ragni, forbicine, mosche, acari, ecc. Inoltre è necessario l asportazione di carcasse di gatti, piccioni, ecc. Le operazioni verranno realizzate interamente con mezzi, materiali e prodotti messi a disposizione dalla ditta aggiudicataria. Ogni servizio dovrà essere preceduto da un sopralluogo conoscitivo per definire l intervento necessario e, ad intervento effettuato, da una verifica circa l efficacia dell intervento ed eventuale rimozione di resti. Sono richiesti inoltre piccoli interventi di muratura nel caso di apertura o chiusura di fori presso gli edifici dell Azienda U.L.S.S. n. 13. Il servizio comprende principalmente: - Disinfestazione contro formiche, blatte ed insetti striscianti: intervento di irrorazioni 3

4 delle parti esterne ed interne da eseguirsi normalmente presso tutti gli ambienti infestati; - Disinfezione/Disinfestazione contro insetti alati, interventi da eseguirsi nella stagione calda; - Rimozione di carcasse di animali e/o nidi/uova con smaltimento secondo le vigenti disposizioni; - Disinfestazione e bonifica/pulizia di superfici da guano (terrazze, scantinati, ingressi, zone di passaggio, ecc.). Formiche: La lotta alle formiche dovrà essere concentrata nelle aree ritenute a rischio. Gli interventi dovranno essere condotti con le seguenti modalità: nelle aree interne la Ditta dovrà dislocare delle esche alimentari contenente dell insetticida che assunto dalle formiche lo porteranno nel formicaio provocando l intossicazione e morte della colonia. Le esche dovranno essere posizionate a partire di massima dal mese di marzo fino a settembre di ciascun anno nei punti ritenuti maggiormente sensibili (cucinette di reparto, lavatoi, macchinette per la distribuzione di alimenti e bevande) e segnalate su planimetria. Le esche dovranno essere sostituite ogni 30 giorni per un numero di interventi complessivi pari a 8. I punti esca da attivare nelle zone infestate saranno concordati successivamente. Qualora vi fosse la necessità di intervenire nelle aree interne si dovranno privilegiare formulati in gel che garantiscono una buona efficacia ed un assenza di rischi per le persone che potrebbero usufruire delle aree trattate, potranno comunque essere utilizzati anche formulati liquidi previa valutazione dell ambiente ove operare. Nelle aree esterne verranno effettuati a seguito di segnalazioni attraverso l impiego di formulati liquidi microincapsulati. Blatte: Gli interventi nei confronti delle blatte dovranno avvenire secondo le seguenti modalità operative: Monitoraggio con trappole collanti che verranno dislocate nelle aree ritenute a rischio (ad es. cucinette di reparto, ripostigli, scantinati, sottotetti) che dovranno essere periodicamente ispezionate per stabilire il tipo e il grado di infestazione. Effettuazione degli interventi di disinfestazione con l impiego di attrezzature in cui l erogazione dell insetticida è sempre controllabile in termini di direzione e quantità. Si privilegia l utilizzo di pompe manuali a bassa pressione per le aree interne. Particolare attenzione dovrà essere posta nel trattamento con formulato in gel degli alloggiamenti dei motori elettrici presenti in frigoriferi, compressori ed altro per i quali trattamenti la Ditta dovrà coordinarsi con il Responsabile della Struttura o suo referente. Negli scantinati e all interno delle fognature è opportuno intervenire con lancia a pressione ed eventualmente con l utilizzo del termo nebbiogeno. Nell arco di ciascun anno dovranno essere previsti almeno tre interventi di disinfestazione della rete fognaria (interna/esterna) a scopo preventivo. Tali interventi dovranno essere, necessariamente, preventivamente concordati nelle modalità operative con il competente Servizio Tecnico. 4

5 Il monitoraggio delle blatte dovrà avvenire con la dislocazione di trappole. Nell ambito dell attività di monitoraggio la Ditta deve garantire l intervento di disinfestazione da blatte al superamento di 1 scarafaggio/trappola negli ambienti interni all ospedale ad esclusione degli scantinati, sotterranei, caldaie ed officine dove il livello accettabile può essere individuato in 3 scarafaggi/ trappola. Gli interventi di disinfestazione dovranno avvenire attraverso l uso e l applicazione dei prodotti più idonei a seconda della situazione dove si è chiamati ad intervenire e della tipologia di infestazione rilevata (Blatta orientalis o Blatella germanica). Nel monitoraggio la ditta dovrà indicare nelle scheda, oltre al numero di individui anche la specie rinvenuta. Complessivamente sono previsti 12 monitoraggi in ciascun anno per sede. Pulci (pulce del gatto e pulce dei piccioni): Le pulci possono rappresentare in alcuni periodi dell anno un problema soprattutto nei locali tecnici (es. depositi, aree impiantistiche, gas medicali, cavidotti, cavedi, etc.) o confinati presenti negli scantinati che spesso sono accessibili alle colonie feline e alla presenza di colombi e piccioni Al fine di prevenire l insorgenza di infestazioni, vista la difficoltà/impossibilità di poter garantire l esclusione dei gatti, è opportuno prevedere degli interventi periodici di disinfestazione. Si prevedono almeno 6 interventi annui nei confronti delle pulci solitamente nel periodo aprile settembre. Gli interventi dovranno essere concordati con i Resp.li delle Attività Tecniche o delle attività sanitarie. Gli interventi dovranno garantire una distribuzione uniforme della soluzione insetticida nelle aree interessate dalla presenza di pulci. Api In caso di presenza di api la ditta di deve attivare con mezzi idonei per la raccolta delle stesse avvalendosi eventualmente della collaborazione di un apicoltore. Art. 5 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ E MODALITÀ DI ESECUZIONE Le specifiche di carattere tecnico, previste dal presente capitolato speciale, sono finalizzate ad incentivare l utilizzo delle pratiche dell I.P.M. (Integrated Pest Management, traducibile come gestione integrata degli infestanti ) al fine di ottimizzare l esecuzione degli interventi di disinfestazione e derattizzazione, ridurre l impiego di sostanze chimiche, nel complesso, giungere ad una migliore valutazione dei risultati ottenuti. A tal fine è necessario che il servizio di controllo degli infestanti si avvalga di tutte le tecniche di monitoraggio e di intervento conosciute, compatibili sotto il profilo ambientale e di sicurezza per la salute, nonché di apposite ispezioni svolte da personale, dotato di una formazione specifica, per la individuazione dei punti ove sia possibile intervenire sulla struttura degli stabili per impedire l accesso agli infestanti. In particolare nell ambito dell area ospedaliera, è richiesto di operare per lo meno su due differenti tipologie di aree: 1) aree ove è necessario un costante mantenimento del solo monitoraggio e dove le operazioni attive di controllo degli infestanti (applicazione di specifici presidi medico 5

6 chirurgici) verranno eseguite solo se i dati forniti dal monitoraggio dovessero indicare la presenza dell infestante; 2) aree ove i dati forniti dal monitoraggio non possono essere ritenuti sufficientemente precisi e tempestivi, data la elevata probabilità che si verifichi l arrivo di infestanti da aree esterne all ospedale. In queste aree è da prevedersi l impiego di specifici presidi medico chirurgici in funzione preventiva (ad esempio impiego di formulati antilarvali nei tombini di raccolta delle acque bianche, disinfestazione contro le blatte nei raccordi fognari e nelle fosse biologiche, impiego di trappole per il controllo delle formiche). La ditta aggiudicataria dovrà garantire un numero minimo di 150 interventi di emergenza nell arco di 12 mesi, senza alcun onere aggiuntivo rispetto all offerta effettuata in sede di gara. A partire dal 151 intervento nell arco del medesimo periodo di 12 mesi considerato, alla ditta aggiudicataria verrà corrisposta una somma onnicomprensiva, come da offerta in sede di gara, per ogni singolo intervento di emergenza. Per tali interventi la ditta dovrà relazionarsi, a seconda della necessità, con la Direzione Tecnica, o la Direzione Medica, o la direzione delle strutture Territoriali. I servizi oggetto del presente appalto dovranno essere eseguiti tenendo conto delle sottostanti linee fondamentali: prevenire l insorgenza dell evento dannoso, attraverso un periodico controllo dei luoghi maggiormente a rischio ed attraverso interventi mirati atti ad impedire il nascere dell infestazione; usare prodotti che diano la massima garanzia in termine di sicurezza nei confronti dell uomo; I prodotti utilizzati per la disinfestazione dovranno comprendere rodenticidi, larvicidi, adulticidi e formulati in genere a bassa tossicità, registrati dal Ministero della Salute, indicati per gli specifici utilizzi. I prodotti insetticidi dovranno essere in formulazione priva di solventi organici. Per ciascun prodotto proposto la Ditta dovrà in modo esaustivo indicare quali sono le motivazioni tecniche che hanno condotto alla sua scelta. I prodotti rodenticidi dovranno contenere il repellente denatonium benzoato, all interno degli edifici dovranno essere impiegate esche o sistemi di monitoraggio privi di anticoagulante. L eventuale utilizzo di esche avvelenate dovrà esser effettuato solo a seguito di monitoraggi, per brevi periodi e strettamente sorvegliato. Di tutti i prodotti utilizzati la Ditta offerente dovrà allegare: 1. Fotocopie autenticate dei decreti di registrazioni presso il Ministero della Salute; 2. Schede di sicurezza. In particolare per quanto riguarda le modalità di esecuzione si specifica quanto segue: 6

7 A) Derattizzazione SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE VENETO Ricerca dei focolai primari e secondari di infestazione sulle aree ed edifici dell Azienda U.L.S.S. n. 13 con mappatura, riportata su schede o altro supporto, che dovrà essere integrata con tabelle, planimetrie e con tutte le indicazioni che possono permettere un'esatta individuazione dei focolai, per il loro controllo in più stadi successivi. Gli interventi e i trattamenti programmati, in base ai risultati del monitoraggio su indicato, dovranno essere eseguiti su tutte le aree di pertinenza dell Azienda U.L.S.S. n.13. Le operazioni di derattizzazione dovranno essere mirate con localizzazione delle esche su aree di infestazioni e punti topici. Dette esche, pertanto, dovranno venire posizionate in modo tale da essere facilmente assunte esclusivamente dai roditori nocivi facendo uso di "rat station bar" fissi e mobili, "rat dispenser" ecc., nonché di ogni altra tecnica opportuna. Dovranno essere, pertanto, adottate tutte le precauzioni e gli accorgimenti del caso per evitare possibili avvelenamenti di animali domestici. L assuntore dovrà apporre un numero sufficiente di cartelli e manifesti sulle aree trattate per avvertire della campagna di derattizzazione in corso, contenenti il periodo dell'intervento, il principio attivo utilizzato, il recapito dell Assuntore stesso ed altre indicazioni, che saranno preventivamente e necessariamente concordate con la Direzione Medica dell'azienda U.L.S.S. n. 13. Dovranno essere previsti nell arco di 12 mesi non meno di n 10 interventi di derattizzazione nell intero territorio dell Azienda U.L.S.S. n. 13. L ubicazione e il numero delle stazioni di monitoraggio dovranno essere concordate con la Direzione Medica. Potranno essere necessari ulteriori posizionamenti di sole esche ratticide. Attualmente il numero delle postazioni è così suddiviso: - P.O. di Dolo n. 50; - P.O. di Mirano n. 72; - P.O. di Noale n. 40. Il posizionamento delle rat box non è predeterminato ma può variare in base alle esigenze derivanti dai monitoraggi e dai controlli, il numero delle postazioni potrà subire variazioni locali in base ai monitoraggi effettuati (es. potrebbe rendersi necessario spostare postazioni da Dolo a Mirano o Noale e viceversa mantenendo comunque il numero totale). Aree interne Nelle aree interne potranno essere attivate delle postazioni allo scopo di creare una rete di monitoraggio e verifica di un eventuale infestazione. Le postazioni dovranno essere caricate con esca virtuale, esche tossiche potranno essere utilizzate negli scantinati, caldaie ed officine purché siano adeguatamente fissate all interno della postazione. Nel caso di segnalazioni di presenza di topi all interno delle strutture ospedaliere o distretti bisognerà valutare attentamente le modalità operative dando preferenza all impiego di sistemi a cattura multipla od altri sistemi che non prevedano l uso di esche tossiche. Complessivamente dovranno essere effettuati 3 monitoraggi nell arco di ciascun anno. Gli interventi devono essere garantiti entro la giornata successiva alla chiamata, salvo per richieste urgenti da parte del personale preposto dell Azienda U.L.S.S. che dovranno essere soddisfatte nel più breve tempo possibile (due ore dall invio della richiesta). 7

8 Potranno essere richiesti interventi urgenti anche in giornate festive. Gli orari di intervento sono da concordare con le strutture preposte dell Azienda U.L.S.S., la ditta aggiudicataria deve identificare uno o più operatori di riferimento per sede che eseguano in modo continuativo gli interventi. B) Disinfestazione Le operazioni di disinfestazione antilarvale dovranno essere eseguite con una cadenza tale da impedire il verificarsi degli sfarfallamenti. A tale proposito verranno individuati formulati insetticidi differenti per le diverse tipologie di focolaio, avuto riguardo alla differente situazione ecologica dei luoghi oggetto di intervento. Tali interventi vanno ripetuti in caso di condizioni atmosferiche avverse (piogge intense). Per gli interventi adulticidi le fasce orarie saranno concordate, si raccomanda per una corretta esecuzione del servizio di tali interventi la partecipazione di almeno n. 2 operatori. Dovranno essere previsti nell arco di 12 mesi rispettivamente: interventi larvicidi contro i culicidi = n 12/anno ; interventi adulticidi contro i culicidi = n 8/anno ; interventi di disinfestazione invernale contro la zanzara svernante = n 2/anno. Particolare attenzione dovrà essere prestata alla lotta alla Aedes albopictus (zanzara tigre) diventata particolarmente numerosa in tutti i comuni del territorio dell Azienda U.L.S.S. n. 13. altri interventi di disinfestazione per insetti pericolosi o molesti nella misura di circa trecento interventi per anno. I ratticidi e gli insetticidi da utilizzarsi dovranno essere registrati dal Ministero della Sanità come presidi medico-chirurgici e non potranno assolutamente essere variati rispetto a quelli presentati in gara d'appalto, sempre che per gli stessi non venga revocata la registrazione ministeriale; in tal caso le necessarie variazioni dovranno essere preventivamente concordate per iscritto. Nelle aree dei Presidi Ospedalieri e nelle sedi territoriali dovranno essere previsti: a) interventi di monitoraggio consistenti nella verifica della eventuale presenza di topi e nella predisposizione di tutte le misure atte a prevenire interventi di derattizzazione su larga scala. A tale proposito la ditta aggiudicataria dovrà fornire preventivamente alla Direzione Medica di presidio la mappa completa con l indicazione dei luoghi di posizionamento delle esche, nonché il calendario degli interventi; b) interventi monitorati alla lotta dei roditori a richiesta della Direzione Medica ogni qualvolta né venga accertata la presenza nelle strutture dell azienda; c) altri interventi specificatamente mirati in locali a scarsa frequentazione: scantinati, seminterrati, magazzini, deposito rifiuti ecc.; d) monitoraggio e disinfestazione formiche nei perimetri esterni e nei locali dell Azienda U.L.S.S. n. 13 nel periodo primaverile/estivo/autunnale e su chiamata nei restanti periodi dell anno; e) controllo e monitoraggio dei piccioni nelle aree dell azienda con programmi mirati alla eventuale riduzione e/o allontanamento della popolazione presente. Potranno essere richiesti interventi atti ad allontanare i piccioni mediante il 8

9 posizionamento di barriere e dissuasori. Tali richieste dovranno essere concordate e preventivate a parte. Ogni intervento dovrà essere seguito da verifica di efficacia ed eventuale rimozione resti (es. esche per ratti non consumate). In tutte le aree interessate la ditta appaltatrice dovrà apporre le indicazioni con la natura e le caratteristiche degli interventi effettuati. Art. 6 DISPOSIZIONI GENERALI RELATIVE AL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DITTA Per assicurare le prestazioni contrattuali la ditta si avvarrà di proprio personale, in possesso della necessaria qualificazione professionale e l impiegherà sotto la sua diretta responsabilità. Il Responsabile tecnico dovrà avere un esperienza minima di tre anni nel servizio oggetto del presente appalto. Tale requisito, che dovrà essere comprovato tramite apposite attestazioni che dovranno essere inserite nella documentazione tecnica, è a pena di esclusione dell offerta. Il personale impiegato dalla ditta dovrà garantire un corretto comportamento osservando diligentemente tutte le norme e disposizioni generali del presente capitolato, nonché di quelle derivanti dal Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (DUVRI) redatto ai sensi dell articolo26, c. 3 del D.Lgs.vo n. 81/2008. I dipendenti dell appaltatore che prestano servizio presso le strutture dell ente sono obbligati a tenere un comportamento improntato alla massima educazione e correttezza ed agire in ogni occasione con la diligenza professionale del caso. In particolare l appaltatore deve curare che il proprio personale durante l espletamento del servizio: - vesta decentemente e sia munito di cartellino di riconoscimento; - abbia sempre con sè un documento di identità personale; - segnali subito agli organi competenti dell Azienda U.L.S.S. ed al proprio responsabile diretto, le anomalie che rilevasse durante lo svolgimento del servizio; - non prenda ordini da estranei all espletamento del servizio. L appaltatore e comunque responsabile del comportamento dei suoi dipendenti e delle inosservanze al presente capitolato. La ditta è inoltre direttamente responsabile dei danni derivanti a terzi, sia essi utenti o dipendenti U.L.S.S. per colpa imputabile ai propri dipendenti. Tutto il personale della ditta addetto al servizio presso le strutture dell Azienda U.L.S.S. dovrà vestire una divisa. Tale divisa dovrà essere mantenuta in perfetto stato di pulizia e, se del caso, disinfettata. Inoltre il personale della ditta, durante l espletamento del servizio, dovrà tenere in evidenza la tessera di riconoscimento riportante in modo ben visibile il nome della ditta di appartenenza. L appaltatore (e per esso il personale dipendente) che opererà all interno dell Azienda U.L.S.S. dovrà uniformarsi a tutte le norme di carattere generale e speciale ufficialmente stabilite dalla stessa, ovvero a quelle appositamente emanate a carico del personale della Ditta. 9

10 Nello svolgimento del servizio la ditta dovrà evitare qualsiasi intralcio o disturbo al normale andamento dell attività e dei servizi istituzionali dell Azienda U.L.S.S., con l osservanza dei prestabiliti orari di espletamento dei servizi. La Ditta e il suo personale dovranno mantenere il massimo riserbo circa le informazioni di cui venissero a conoscenza durante l espletamento del servizio. E fatto obbligo all impresa del rispetto della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, in particolare si ricorda il D.Lgs.vo n. 81/2008 (Attuazione della Legge 3/8/2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). In particolare l impresa aggiudicataria dovrà assicurare la tutela indicata dalle norme relative all igiene e alla prevenzione degli infortuni, dotando il personale di indumenti appositi e di mezzi di protezione individuale atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti e dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atte a garantire l incolumità sia delle persone addette che dei terzi. Inoltre la ditta aggiudicataria è tenuta a dare attuazione alle misure di prevenzione e protezione, nonchè ad ogni altra ad indicazione, contenute nel Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) prodotto dall Azienda U.L.S.S. ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.vo n. 81/2008. L Azienda U.L.S.S. fornirà all impresa appaltatrice dettagliata informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione di emergenza adottate in relazione alla propria attività di cui all art. 26, D.Lgs.vo n. 81/2008. L impresa dovrà assicurare ai propri dipendenti una adeguata e scrupolosa formazione ed aggiornamento professionale periodico, avente come obiettivo generale l acquisizione di competenza nell applicare correttamente le tecniche operative per la corretta gestione del servizio e sulla sicurezza e la prevenzione infortuni sul lavoro, conformemente a quanto dichiarato nella documentazione tecnica presentata. L Assuntore dovrà impiegare personale di sicura professionalità, che osservi diligentemente tutte le norme e disposizioni generali e disciplinari in vigore in materia, impegnandosi nel contempo a sostituire, a richiesta o di propria iniziativa, quegli elementi che diano motivo di lagnanze. L Assuntore dovrà produrre documentazione dalla quale risulti il numero di operatori assunti con la qualifica di disinfestatore di cui l Assuntore dispone alla data di invio del presente servizio (copia autentica del libro unico). Il Responsabile Tecnico o il sostituto, dovrà essere presente nel territorio dei trattamenti nei periodo di lavoro espressamente indicati nel programma proposto e dovrà comunicare il proprio recapito telefonico. Tutte le contestazioni di inadempienza fatte in contraddittorio con il Responsabile Tecnico o con un suo sostituto si intendono fatte direttamente all'assuntore. L Assuntore è tenuto all'esatta osservanza delle norme legislative e regolamentari vigenti in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro (D.Lgs.vo n. 81/2008), di assicurazione degli addetti contro gli infortuni, in materia di igiene e di assicurazioni sociali. Lo stesso è 10

11 tenuto all'osservanza di tutte le disposizioni legislative e regolamentari dei contratti collettivi di lavoro delle categorie nazionali, provinciali ed aziendali del settore. Art. 7 CONTROLLI Per agevolare il controllo da parte dell Azienda U.L.S.S. n. 13 l Assuntore dovrà provvedere a fornire: per le attività di derattizzazione e disinfestazione il calendario di interventi, nonché le tipologie di formulari da utilizzare e gli orari di esecuzione dovranno essere concordati con la Direzione Medica che può avvalersi del supporto del S.I.S.P. dell'azienda U.L.S.S. n. 13, in collaborazione con il servizio di consulenza entomologica eventualmente da quest ultima attivato. Dovrà essere comunicato anche il programma settimanale delle operazioni, onde consentire adeguate possibilità di controllo e ogni variazione che il calendario possa subire; inviare i calendari di interventi di disinfestazione programmati con l individuazione del referente del servizio per le sedi Ospedaliere e territoriali; dotarsi di appositi registri per il controllo dell avvenuto intervento, con possibilità di visto da parte della Direzione Medica dei Responsabili delle sedi territoriali e dei rispettivi coordinatori delle UU.OO.. L Azienda U.L.S.S. n. 13, tramite il personale preposto potrà effettuare controlli sull esecuzione, sui metodi e sui risultati di ogni intervento che, se non rispondenti alle esigenze, comporteranno la ripetizione dell intervento stesso fino ad ottenimento del risultato voluto. I controlli si estenderanno anche sulla qualità delle esche e sugli altri prodotti disinfestanti utilizzati con eventuali analisi chimiche, il cui costo sarà addebitato all Assuntore qualora i risultati fossero difformi a quanto dichiarato nella documentazione presentata. L Assuntore dovrà proporre un sistema che consenta all Azienda U.L.S.S. n. 13 una verifica del lavoro svolto. SISTEMA DI MONITORAGGIO E CONTROLLO A) Descrizione generale del sistema di controllo e monitoraggio L Azienda U.L.S.S. n. 13 si riserva la facoltà di effettuare tutti i controlli ritenuti necessari per verificare l esatto adempimento delle prestazioni indicate nel presente Capitolato. I controlli si riferiranno agli standard qualitativi e quantitativi stabiliti dal presente Capitolato oltre a quelli dichiarati dalla Ditta in sede di presentazione dell offerta di gara. Con l espressione sistema di controllo si intende quello strumento volto ad accertare l esistenza o meno dei requisiti cardine del servizio prestato dalla Ditta, accertamento all esito del quale, in caso di riscontrata mancanza dei predetti requisiti, l Azienda U.L.S.S. 11

12 n. 13 procederà direttamente con l invio di contestazioni e l applicazione delle relative penali. Il sistema di monitoraggio, invece, è uno strumento utilizzato al fine di misurare il livello del Servizio prestato dalla Ditta, valutando, pertanto, la performance fornita da quest ultima. Tale sistema, garantendo la facoltà di monitorare la prestazione resa, permette di valutare la stessa anche allo scopo di individuare un eventuale miglioramento del Servizio. Viene definita altresì la modalità con cui procedere con le contestazioni e l applicazione di eventuali penali per servizi resi al di sotto della soglia di accettazione. Più precisamente, tale attività ha per oggetto i requisiti essenziali del Servizio reso, la performance del Servizio. In merito a ciò si individuano e descrivono gli strumenti e le modalità attraverso le quali tale operazione di controllo e monitoraggio trova concreta attuazione. B) Elementi oggetto di controllo Sono qui di seguito individuati i campi sui quali il controllo va eseguito: a) Controllo dei requisiti del Servizio (vedere anche punto D1) Per requisiti del Servizio si intendono quegli elementi costitutivi essenziali che connaturano la prestazione resa dalla Ditta e che la stessa è tenuta a garantire all Azienda U.L.S.S. n. 13 secondo quanto specificato in relazione ai singoli interventi oggetto del Servizio. Tale tipologia di controllo ha lo scopo di accertare l esistenza o meno dei requisiti minimi ed essenziali del Servizio senza i quali il Servizio stesso non può considerarsi tale. Tale attività è pertanto volta a garantire l esecuzione della prestazione dovuta secondo quanto indicato nel contratto. b) Monitoraggio dei livelli - performance del Servizio Il monitoraggio della performance del Servizio ha lo scopo di valutare l andamento ed il risultato del processo di erogazione del Servizio medesimo, valutando la bontà dello stesso attraverso l analisi di specifici indicatori, per verificare se è in linea con le aspettative e le necessità degli utilizzatori. In particolare, per ogni elemento del servizio considerato, in relazione ad ogni indicatore, vengono definite al più le seguenti soglie di accettazione secondo le seguenti modalità: conforme al servizio richiesto: tale soglia intende delineare il limite prestazionale, al di sopra del quale l Azienda U.L.S.S. n. 13 e quindi l utilizzatore ricevono un servizio in linea con le aspettative; conforme ma da migliorare: tale soglia intende delineare quella condizione nella quale il servizio reso è conforme a quanto richiesto, ma soggetto ad un miglioramento. Tale livello si presenta in quelle condizioni per le quali il livello prestazionale potrebbe essere migliorato, aumentando la capacità di soddisfazione degli utilizzatori, in tutti i suoi aspetti. Ciò si rispecchia quando il fornitore/utilizzatore evidenziano dei miglioramenti senza 12

AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N.

AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO PRESSO LE UNITA TERRITORIALI DI ASSISTENZA PRIMARIA (UTAP) DELLE SEDI DI MIRA E NOALE (cod. doc. cs131115.) 1 Art. 1 OGGETTO DELL

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO TRASLOCHI. (Cod. doc. CS121001) ART. 1 - OGGETTO DEL CAPITOLATO.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO TRASLOCHI. (Cod. doc. CS121001) ART. 1 - OGGETTO DEL CAPITOLATO. Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 MIRANO (VE) DIREZIONE ACQUISIZIONE E GESTIONE BENI E SERVIZI ----------------- CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dettagli

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento, da parte della Bari Multiservizi S.p.a. (in seguito, per semplicità, denominata società),

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE DISINFESTAZIONE E DISINFEZIONE DEL MAAS MERCATI AGRO ALIMENTARI ALL INGROSSO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE DISINFESTAZIONE E DISINFEZIONE DEL MAAS MERCATI AGRO ALIMENTARI ALL INGROSSO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE DISINFESTAZIONE E DISINFEZIONE DEL MAAS MERCATI AGRO ALIMENTARI ALL INGROSSO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il servizio di derattizzazione,

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente documento sono le clausole amministrative relative al contratto di appalto per la fornitura di prodotti alimentari surgelati per le esigenze delle mense

Dettagli

CAPITOLATO GENERALE D APPALTO

CAPITOLATO GENERALE D APPALTO CAPITOLATO GENERALE D APPALTO per servizio di derattizzazione, disinfestazione contro zanzare ed altri insetti volanti, diserbo banchine e trattamento contro la processionaria da espletare nelle aree del

Dettagli

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it www.oppaterni.com P.IVA 00526840558 cod. fisc. 80000070559 CAPITOLATO TECNICO Art.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Servizio per la fornitura di prestazioni di radioterapia su pazienti in trattamento presso l Istituto Oncologico Veneto. * * * * * * CIG N.1136442D97

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 di COMUNE DI TORTORA P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 tel. 0985-7660240-7660216 (ufficio tecnico) fax 0985-7660400

Dettagli

MODELLO DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONI E DERATTIZZAZIONI Presso l Accademia di Francia a Roma Villa Medici

MODELLO DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONI E DERATTIZZAZIONI Presso l Accademia di Francia a Roma Villa Medici MODELLO DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONI E DERATTIZZAZIONI Presso l Accademia di Francia a Roma Villa Medici TRA L Accademia di Francia a Roma Villa Medici, ente pubblico di diritto francese

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 -----------------

Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 ----------------- Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 ----------------- CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI PROTESI ODONTOIATRICHE ED ORTODONTICHE (Cod.doc. CS131046.DOC)

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il Comune di San

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FORNITURA DI: GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E L OSPEDALE DI CONSELVE

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART.

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. GARA EUROPEA PER LA FORNITURA DI SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. 3 COMMA 1 lettera a) L.R. 19/2007 CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI GRAVINA DI CATANIA PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI GRAVINA DI CATANIA PROVINCIA DI CATANIA CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO L incarico ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo di cui al D. Lgs n.209/2005. Le

Dettagli

PROGETTO DI BASE - DISCIPLINARE TECNICO

PROGETTO DI BASE - DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 2 PROGETTO DI BASE - DISCIPLINARE TECNICO SERVIZI DISINFESTAZIONE/DERATTIZZAZIONE AFFIDAMENTO MEDIANTE MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RDO N. CODICE CIG Articolo 1 Oggetto dei

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DELLA CCIAA DI LODI PER IL PERIODO - 01/01/2011-31/12/2013 CIG 06218796C7 FRA Camera di Commercio di Lodi, P.IVA 11125130150

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato U.O. Economato SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI RIMINI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile (Dott.

Dettagli

- svolgere l incarico nell esclusivo interesse della Camera di Commercio e

- svolgere l incarico nell esclusivo interesse della Camera di Commercio e OGGETTO: SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO La CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA di Forlì- Cesena con sede in Corso della Repubblica, 5 47121 Forlì (C.F.80000750408; partita IVA

Dettagli

Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO TRIENNIO 2012-2014 ARTICOLO 1 OGGETTO DELL

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL PERIODO 01.03.2012-31.12.2014 - C.I.G. [ ]. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di presso la Sede

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E CONSULENZA ASSICURATIVA PER IL PERIODO 01/01/2009-31/12/2011. Indice Art.

Dettagli

PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DEL DEMANIO

PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DEL DEMANIO Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale di consulenza

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Il presente Capitolato tecnico disciplina l esecuzione dei servizi postali per la corrispondenza del Comune di Città di Castello comprendente il ritiro e la

Dettagli

Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA www.progettoservizi.it - info@progettoservizi.

Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA www.progettoservizi.it - info@progettoservizi. Questo documento è fornito da PROGETTO SERVIZI SRL. Medicina del Lavoro, Sicurezza Aziendale e Formazione MILANO BERGAMO - BRESCIA VERONA www.progettoservizi.it - info@progettoservizi.it Richiedi un preventivo

Dettagli

Servizio di stenotipia Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale

Servizio di stenotipia Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale Capitolato speciale d appalto Versione: Definitiva Data: 28 luglio 2011 Numero

Dettagli

Art. 1 Oggetto dei servizi. Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune.

Art. 1 Oggetto dei servizi. Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune. CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi. Il presente Capitolato tecnico disciplina l esecuzione dei servizi postali per la corrispondenza del Comune di Città di Conversano, comprendente il ritiro

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO SCOLASTICO, CONSULENZA LEGALE PER CITTADINI

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007

A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007 A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007 1 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento della manutenzione ordinaria, programmata

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE ART. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA ART. 2 DURATA DELLA FORNITURA ART. 3 AMMONTARE DELL APPALTO ART. 4 VARIAZIONE

Dettagli

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari Dipartimento Amministrativo Capitolato Speciale d appalto Procedura Aperta per la fornitura di G.P.L. da riscaldamento con comodato d uso gratuito del serbatoio, per i corpi separati dell Azienda Ospedaliera

Dettagli

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco.

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco. GARA PER LA FORNITURA DI GASOLIO PER AUTOTRAZIONE C.I.G. 6489807627 CAPITOLATO SPECIALE IL Responsabile Unico del Procedimento Ing. Gianfranco Marcelli pag. 1 di 8 Cap. soc. 2.600.000,00 i.v. socio unico:

Dettagli

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PRELIEVO, CARICO, TRASPORTO IN REGIME ADR (SE PREVISTO DALLE NORME), CONFERIMENTO AD IMPIANTO AUTORIZZATO PER RECUPERO E/O SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PRODOTTI PRESSO

Dettagli

COMUNE DI FABRO PROVINCIA DI TERNI Tel. 0763-831020 - Fax 0763-831120

COMUNE DI FABRO PROVINCIA DI TERNI Tel. 0763-831020 - Fax 0763-831120 COMUNE DI FABRO PROVINCIA DI TERNI Tel. 0763-831020 - Fax 0763-831120 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO SERVIZI TURISTICI DI FABRO L anno il giorno del mese di TRA Il/la Sig./sig.ra

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO D) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ESTERNO DI SUPPORTO AL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE NEL LUOGO DI LAVORO PER IL TRIENNIO 2011/2013. ART. 1 OGGETTO

Dettagli

LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO LOTTO N. 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI. Articolo 2 Scopo della locazione

CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI. Articolo 2 Scopo della locazione C O M U N E D E L L A S P E Z I A C.d.R. PATRIMONIO CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI ARTICOLO 1 OGGETTO DELLA LOCAZIONE Oggetto della locazione è il locale

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO TRA

SCHEMA DI CONTRATTO TRA SCHEMA DI CONTRATTO Repertorio n. del REGIONE PUGLIA Contratto relativo ai Servizi di assistenza tecnica e supporto alle attività, connesse all'applicazione dei Regolamenti (CE) 1083/2006 e 1828/06, dell'autorità

Dettagli

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI INTEGRA- ZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISCRITTI ALLE SCUOLE DELL

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO Art. 1 - OGGETTO Art. 2 - COMUNICAZIONI Art. 3 - DECORRENZA E DURATA DELLA FORNITURA Art. 4 - DEPOSITI

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE MINORENNI DI LECCE

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE MINORENNI DI LECCE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE MINORENNI DI LECCE Contratto in forma pubblica amministrativa per l affidamento del Progetto VIVERE IN COMUNITÀ ANNO

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto

Capitolato Speciale di Appalto Capitolato Speciale di Appalto Affidamento del servizio di progettazione ed esecuzione di una campagna di comunicazione attraverso la messa in onda, presso le principali emittenti del Veneto, di un programma

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. n.7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

Responsabile del Procedimento: VIOLA Maria Grazia Tel: 011/442.6800 MECC. N. 2004 08226/005 N. CRON. 2.351 DEL 11.10.2004 CAPITOLATO SPECIALE

Responsabile del Procedimento: VIOLA Maria Grazia Tel: 011/442.6800 MECC. N. 2004 08226/005 N. CRON. 2.351 DEL 11.10.2004 CAPITOLATO SPECIALE CITTA DI TORINO DIREZIONE ECONOMATO E ARCHIVI SETTORE ACQUISTO DI SERVIZI Ufficio Appalti Pulizie Responsabile del Procedimento: VIOLA Maria Grazia Tel: 011/442.6800 MECC. N. 2004 08226/005 N. CRON. 2.351

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 I SETTORE AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI DIRIGENTE - Dott.ssa Lucia Antonia Buscemi e-mail: affarigenerali@provincia.enna.it

Dettagli

SERVIZIO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DI CANI CATTURATI O PER I QUALI NON E POSSIBILE LA RESTITUZIONE AI PROPRIETARI O L AFFIDAMENTO

SERVIZIO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DI CANI CATTURATI O PER I QUALI NON E POSSIBILE LA RESTITUZIONE AI PROPRIETARI O L AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RICOVERO, CUSTODIA E MANTENIMENTO DI CANI CATTURATI O PER I QUALI NON E POSSIBILE LA RESTITUZIONE AI PROPRIETARI O L AFFIDAMENTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Canile_Capitolato_rev2.doc Pagina

Dettagli

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società, sede in ( ), per l affidamento del servizio di ritiro trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi e

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Servizio Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI RECUPERO E/O SMALTIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI, RUP ED ALTRI RIFIUTI SPECIALI, DERIVANTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL COMUNE DI CARDITO PER LA DURATA DI ANNI 1. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha ad oggetto l affidamento del

Dettagli

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il Fornitore ) Si conviene e si stipula quanto segue: 1. OGGETTO

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO Provincia Regionale di Catania Ufficio Provveditorato-Economato (codice fiscale 00397470873) SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ART.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA SETTORE SICUREZZA SOCIALE SERVIZIO INTERVENTI SOCIALI Via Roma, 54 18038 SANREMO (IM) Tel. 0184/59281 Fax

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento dell incarico esterno di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) anni 2015 2016 ai sensi dell art. 81 del D.Lgs. 81/2008. CIG ZDC1420648 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art.

Dettagli

Art. 1 - Oggetto dell appalto. Art. 2 - Durata dell appalto

Art. 1 - Oggetto dell appalto. Art. 2 - Durata dell appalto ALLEGATO SUB A) COMUNE DI TRIESTE Area Risorse Economiche e Finanziarie ed Economato-Provveditorato Gestione Appalti e Servizi prot. 15-38/4-06 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l esecuzione del servizio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO VIII LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE Art.

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO INDIVIDUAZIONE DI UN OPERATORE ECONOMICO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE E DELLA RELATIVA MANUTENZIONE DI UNA FLOTTA DI BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO A l l e g a t o C C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Capitolato d oneri per l aggiudicazione del servizio di brokeraggio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO ELETTRONICI IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SALERNO ENERGIA CIG 543712162F Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE E AMBIENTE Ufficio Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 23 Tel. 080/4628300 Fax 080/4681139

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE E AMBIENTE Ufficio Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 23 Tel. 080/4628300 Fax 080/4681139 Comune di Triggiano SETTORE POLIZIA MUNICIPALE E AMBIENTE Ufficio Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 23 Tel. 080/4628300 Fax 080/4681139 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANTENIMENTO,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

(Cod. doc. CS111044) ART. 1. OGGETTO DEL CAPITOLATO

(Cod. doc. CS111044) ART. 1. OGGETTO DEL CAPITOLATO Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Direzione Acquisizione e Gestione Beni e Servizi ----------------- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL CONTRATTO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA OSPEDALIERA. SS. ANTONIO E BIAGIO - C. ARRIGO di ALESSANDRIA CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE

REGIONE PIEMONTE AZIENDA OSPEDALIERA. SS. ANTONIO E BIAGIO - C. ARRIGO di ALESSANDRIA CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE REGIONE PIEMONTE AZIENDA OSPEDALIERA SS. ANTONIO E BIAGIO - C. ARRIGO di ALESSANDRIA CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE NELL AREA BIMBI PRESSO IL PRESIDIO OSPEDALIERO SS. ANTO- NIO

Dettagli

Articolo 2 Oggetto dell appalto e sopralluogo

Articolo 2 Oggetto dell appalto e sopralluogo CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E LOTTA CONTRO LA ZANZARA ED ALTRI ANIMALI INFESTANTI PER LE SEDI DI FIRENZE, PISA E SIENA DELL AZIENDA

Dettagli

Servizio Contratti e Appalti

Servizio Contratti e Appalti 1 SETTORE AFFARI GENERALI Servizio Contratti e Appalti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DURATA TRIENNALE 2 INDICE INDICE 2 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DELLA MENSA AZIENDALE MEDIANTE FORNITURA DI BUONI PASTO PERIODO 01/07/2015 31/12/2018 CIG 6256844EFE CAPITOLATO D APPALTO Art. 1 - OGGETTO DELL'APPALTO

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI AGRIGENTO Settore III - Servizi Socio-assistenziali la nostra civiltà contro il pizzo e l usura CAPITOLATO D ONERI Relativo all affidamento del servizio di assistenza igienico-personale ai soggetti

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

Responsabile del Procedimento Dott. Alberto VANELLI

Responsabile del Procedimento Dott. Alberto VANELLI Giardini della Reggia di Venaria Reale Fornitura e installazione di pergolati e strutture in legno per esterni CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Responsabile del Procedimento Dott. Alberto VANELLI 1 INDICE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE SCRITTURA PRIVATA

CONTRATTO DI CONCESSIONE SCRITTURA PRIVATA Registro n. CONTRATTO DI CONCESSIONE SCRITTURA PRIVATA OGGETTO: Concessione degli spazi idonei alla collocazione di apparecchiature per la distribuzione di alimenti preconfezionati e bevande in edifici

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Allegato 5 DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE DI COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI EX D.LGS. 81/2008 E S.M.I. PER LE OPERE DI RIORDINO

Dettagli

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9 COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di brokeraggio e consulenza

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-7-2005 al 31-12-2006

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-7-2005 al 31-12-2006 COMUNE DI CREMONA Settore Economato CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-7-2005 al 31-12-2006 INDICE 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO

COMUNE DI MONTIGNOSO COMUNE DI MONTIGNOSO SERVIZIO BIENNALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO DI GARA CIG Art. 1 FINALITA DEL SERVIZIO Il presente servizio ha per oggetto l affidamento, mediante gara a procedura aperta

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI EMEROTECA DI VIA DEL TORO

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI EMEROTECA DI VIA DEL TORO (capitolato emeroteca via del toro) CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI EMEROTECA DI VIA DEL TORO Art. 1 - Oggetto dell appalto Il presente appalto ha per oggetto lo svolgimento

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI MONTANI DEL CASENTINO

UNIONE DEI COMUNI MONTANI DEL CASENTINO UNIONE DEI COMUNI MONTANI DEL CASENTINO Via Roma, 203 52014 Ponte a Poppi, Poppi (Ar) unione.casentino@postacert.toscana.it - CF/P.IVA: 02095920514 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO OGGETTO: PROCEDURA NEGOZIATA,

Dettagli

Art. 1 Oggetto dell appalto. L appalto ha per oggetto la fornitura di buoni pasto per il servizio sostitutivo

Art. 1 Oggetto dell appalto. L appalto ha per oggetto la fornitura di buoni pasto per il servizio sostitutivo Allegato 1 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAVENNA MEDIANTE LA FORNITURA DI BUONI PASTO Art. 1 Oggetto dell appalto L appalto

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli