1. Le lingue d Europa: lo spazio geolinguistico europeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Le lingue d Europa: lo spazio geolinguistico europeo"

Transcript

1 Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A / 2011 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia / Dr.ssa Francesca Strik Lievers / 1. Le lingue d Europa: lo spazio geolinguistico europeo Europa come appendice del continente asiatico: delimitata a nord dalle regioni artiche, a ovest dall oceano Atlantico, a sud dal mar Mediterraneo i confini orientali dell Europa, convenzionalmente, sono fatti coincidere con i monti Urali e del Caucaso. rilievi montuosi che non rappresentano, né furono mai, confini invalicabili e che, piuttosto, funzionarono da tramiti, anche se non sempre agevoli, tra Europa e Asia (Emanuele Banfi, 1993, La trama storica dell Europa linguistica: dalla fine del I alla fine del II millennio, in Banfi, Emanuele (a cura di), La formazione dell Europa linguistica, Firenze, La Nuova Italia, p. 7)

2 2

3 I confini geografici fra Europa e Asia, come avviene fra le nazioni, non coincidono con quelli linguistici e una volta di più si osserva come le catene montuose non siano barriere invalicabili: sui due versanti degli Urali troviamo infatti lingue appartenenti agli stessi raggruppamenti genetici o legate comunque da affinità tipologica. Il confine orientale non segno un interruzione, ma cade su una continuità garantita a nord dalle lingue uraliche e a sud dalle lingue altaiche (Nocentini, Alberto, 2002, L Europa linguistica: profilo storico e tipologico, Firenze, Le Monnier, p. 282) la delimitazione del territorio europeo rispetto a quello asiatico deve tenere conto di aspetti socio-culturali e storico-politici Alcuni propongono che anche l Armenia e la Georgia siano da considerarsi parte del territorio europeo (Hagège, Claude, 1992, La souffle de la langue. Voies et destins des parlers de l Europe, Paris, Jacob) 3

4 1.1 Quadro linguistico dell Europa contemporanea Caratteristiche essenziali dell Europa linguistica: (a) Grande frammentazione linguistica; più di sessanta lingue statutarie (riconosciute dalle Costituzioni dei singoli stati), oltre ad un numero non definibile di lingue non statutarie (b) Sostanziale omogeneità genealogica; la maggior parte delle lingue parlate nel territorio europeo appartengono alla famiglia indoeuropea, mentre la componente non indoeuropea è minoritaria (basco, lingue uraliche / ugrofinniche, maltese, turco, calmucco) tuttavia, l Europa non è sempre stata indoeuropea (cf. 2) (c) La distribuzione dei gruppi linguistici in Europa era già definita attorno alla fine del I millennio dell èra volgare fa eccezione la regione dell Europa sud-orientale (penisola balcanica) interessata dall espansione dell Impero Ottomano in tempi più recenti, l Europa è stata (ed è tuttora) interessata da notevoli flussi immigratori, che hanno arricchito il patrimonio linguistico del continente 4

5 1.1.1 Europa indoeuropea ed Europa non indoeuropea Le lingue indoeuropee sono diffuse in un territorio che si estende tra Europa ed Asia. Gruppi linguistici estinti della famiglia indoeuropea: (1) Lingue anatoliche diffuse nella Turchia asiatica (Anatolia), lingue quali l ittito, il lidio, il licio e il luvio; sostituite progressivamente dalla lingua e dalla cultura greche (gruppo estinto attorno al I sec. d.c.) (2) Lingue tocarie parlate da una popolazione indoeuropea, nel territorio dell attuale Xinjiang (Cina occidentale); due varietà, denominate convenzionalmente tocario A e tocario B lingue indoeuropee più orientali, sopraffatte da lingue turciche e cinesi (ca. VIII sec. d. C.) 5

6 Gruppi linguistici maggiori: (3) Lingue romanze (o neolatine) sistemi linguistici derivati dal latino, una lingua italica occidentale; le lingue romanze statutarie sono portoghese, gallego, spagnolo (o castigliano), catalano, francese, italiano, romeno; esempi di lingue romanze non statutarie sono l aragonese, l occitano (o provenzale), il còrso, il giudeo-spagnolo, etc. il romeno e le sue varietà sono gli unici rappresentanti della antica latinità balcanica distinzione importante tra ambiente romanzo occidentale (spagnolo, portoghese, francese) e orientale (italiano, romeno); la linea di separazione convenzionale tra i due gruppi è la Rimini La Spezia (o, meglio, Senigallia Massa) N.B.: lingue italiche = lingue indoeuropee dell Italia antica (latino, osco-umbro, messapico, etc.) 6

7 (4) Lingue germaniche articolate in tre sottogruppi principali; lingue germaniche occidentali (inglese, tedesco, nederlandese ), settentrionali (danese, svedese, norvegese ) e orientali (gotico, vandalo, burgundo) il ramo orientale è estinto, le lingue germaniche orientali non sono sopravvissute all interno del ramo occidentale vi è una importante distinzione tra dialetti altotedeschi (tra cui il tedesco standard) e basso-tedeschi (5) Lingue slave articolate nei sottogruppi occidentale (ceco, polacco ), orientale (russo, ucraino ) e meridionale (sloveno, serbo e croato, bulgaro ) la lingua di cultura che è stata comune a tutti i popoli slavi ortodossi è l antico slavo ecclesiastico (o paleoslavo), veicolo dell evangelizzazione dei popoli slavi dalla seconda metà del IX secolo d.c. la lingua slava con più locutori e diffusa sul territorio più ampio è il russo (143 milioni di parlanti, più 110 milioni di persone che parlano il russo come seconda lingua) (dati da Lewis, M. Paul, 2009, Ethnologue: Languages of the World (16 edizione), Dallas, SIL International) 7

8 Gruppi linguistici minori: (6) Lingue baltiche lingue nazionali delle repubbliche baltiche Lettonia e Lituania, attestate a partire dal XVI secolo una importante lingua baltica era il prussiano antico, parlato nei territori prussiani fino al XVIII secolo e sostituita dal tedesco (7) Lingue celtiche articolate nei sottogruppi del celtico continentale (gallico, celtiberico, galatico ) e del celtico insulare (irlandese, scozzese, gallese); il gruppo insulare è ulteriormente diviso nei rami goidelico / gaelico (irlandese, scozzese ) e brittonico / britannico (gallese, bretone) le lingue celtiche continentali erano parlate nel territorio europeo (Francia, Germania meridionale, Austria, Italia settentrionale, Spagna) e nell Anatolia centrale (attuale Turchia), all altezza del I millennio a. C.; nei primi secoli della nostra èra si sono estinte l unica varietà celtica che è prima lingua di un paese è l irlandese nella Repubblica d Irlanda (accanto all inglese); lo scozzese è parlato da circa persone, mentre il gallese ha locutori (ma solo una piccola parte di essi è monolingue); il bretone (parlato in Francia) ha circa mezzo milione di locutori, ma gode di scarso prestigio (dati da Lewis, M. Paul, 2009, Ethnologue: Languages of the World (16 edizione), Dallas, SIL International) 8

9 Lingue indoeuropee isolate: (8) Neogreco figlio unico di una tradizione linguistica indeuropea che risulta essere la più antica, per documentazione, tra quelle presenti in Europa (Banfi, Emanuele & Grandi, Nicola, 2003, Lingue d Europa, Roma, Carocci, p. 39) la forma popolare (dimotikì) del neogreco è caratterizzata da numerosi prestiti di origine turca e romanza Ess.: sokáki vicolo < turco sokak, deftéri quaderno < turco defter; suffisso veneziano áda (liakáda sole cocente, prasináda verde intenso ) dialetti neogreci sono parlati anche nell Italia meridionale, nel Salento e nell Aspromonte (9) Albanese lingua con notevoli influssi greci, latini, romanzi, slavi e turchi; l albanese è distinto in due varietà il ghego (settentrionale) e il tosco (meridionale), su cui si basa la lingua standardì; varietà di albanese sono parlate anche nell Italia meridionale (comunità arbrësh) e dagli albanesi emigrati in Europa, Stati Uniti, Australia, etc. cf. shkollë scuola < veneziano scola, dyfek fucile < turco tüfek 9

10 Gruppi linguistici non-indoeuropei d Europa: (11) Basco: lingua isolata, parlata in una regione compresa tra Spagna e Francia, isola linguistica all interno di un area interamente romanza lingua di più antico insediamento dell Europa occidentale, parlata nella regione dei Pirenei settentrionali prima dell indoeuropeizzazione d Europa (cf. 2) il basco ha un futuro incerto: ha un numero di parlanti molto ridotto, è frammentato sia dal punto di vista linguistico che geografico (confine franco-spagnolo) ed è sottoposto alla pressione del francese e dello spagnolo (12) Lingue uraliche divise in due principali gruppi, lingue ugro-finniche (ungherese, finnico, estone ) e samoiede (ostiaco, nenets ) ; diffuse su un territorio vastissimo, dalla Norvegia settentrionale (regione del Finnmark) fino al fiume Jenisej, in Siberia la continuità territoriale delle lingue uraliche è molto bassa, e spesso le popolazioni uraliche vivono in regioni abitante da una maggioranza parlante lingue diverse (mordvini in aree russofone, Sami in Norvegia, etc.) 10

11 (13) Lingue turche: famiglia composta da una trentina di lingue, diffuse dai balcani fino all Asia centrale, con una certa continuità territoriale; i rami della famiglia rappresentati in Europa (o, meglio, tra Asia ed Europa) sono quello occidentale (baschiro, tataro ) e quello meridionale (turco di Turchia o ottomano, azeri ) la distribuzione delle lingue turche è il risultato del nomadismo che caratterizzava le genti turche, originarie dell Asia centrale (regione dell Altai) in inglese (così come in altre lingue) sono disponibili termini diversi per indicare le lingue turche (Turkic) e la lingua turca di Turchia (Turkish), mentre in italiano no e, pertanto, si usa la dizione turco di Turchia per indicare la lingua standard della Repubblica di Turchia le lingue turche sono caratterizzate da una forte omogeneità (con l eccezione del ciuvascio), che ne rende difficile la classificazione; ad esempio, la parola per testa è <baş> nel turco di Turchia, ma anche in gaugaso, azeri, turkmeno, tataro (di Kazan), baschiro, nogài, kazako, kirghiso, uigurico, etc. dall Europa alla Siberia orientale!! (Manzelli, Gianguido, 1993, Le lingue turche, in Banfi, Emanuele (a cura di), La formazione dell Europa linguistica, Firenze, La Nuova Italia, p ) 11

12 (14) Lingue mongole gruppo linguistico considerato (non unanimemente!!) parte di una (macro-)famiglia altaica, che comprenderebbe anche le lingue turche; la lingua più importante del gruppo è il mongolo (della Repubblica di Mongolia), l unica lingua presente sul territorio europeo è il calmucco, parlato nella Repubblica di Calmucchia (Federazione Russa; ca locutori) i calmucchi sono l unica popolazione in Europa di religione buddhista (lamaista); il tibetano classico è la lingua religiosa e in calmucco sono presenti numerosi prestiti da tale lingua (e dal sanscrito), come degtr libro (< tib. class. deγ-thér) (15) Lingue semitiche l unica lingua semitica parlata in un paese europeo è il maltese, lingua ufficiale di Malta; il maltese è l unica lingua semitica parlata in un paese a maggioranza cristiana e che è resa grafematicamente mediante l alfabeto latino Malta è stata una terra di conquista per molti popoli (fenici, arabi, ostrogoti, normanni, inglesi, italiani); la lingua maltese conserva tracce di molte delle lingue di quei popoli; il 35-40% del lessico maltese è costituito da elementi stranieri, soprattutto siculo-italiani (gvern, palazz, relazzjoni, istrutturi, muskolu, forn, furketta, serp ) 12

13 Altri sistemi indoeuropei: (16) Lingue indo-iraniche lingue indoeuropee parlate in Asia (Hindi, Urdu, Persiano, etc.); le uniche parlate indo-arie del continente europeo sono quelle degli zingari, dette lingue romani, originarie dell India nord-occidentale probabilmente, solo il 20% dei rom padroneggia una varietà romani nelle parlate degli zigane sono presenti numerosi elementi lessicali provenienti dalle lingue dei paesi di transito delle popolazioni zingare (drom viaggio < gr. drómos, méro mare < ted. Meer ) (Manzelli, Gianguido, 1993, Un caso a sé: le parlate degli zingari (le lingue indoiraniche d Europa), in Banfi, Emanuele (a cura di), La formazione dell Europa linguistica, Firenze, La Nuova Italia, p ) (17) Armeno lingua indoeuropea isolata, è parlato al di fuori del territorio europeo (nella definizione convenzionale) 13

14 2. Processo di indoeuropeizzazione dell Europa All inizio del I millennio della nostra era, l Europa è caratterizzata dalla presenza massiccia di lingue indoeuropee non è sempre stato così Principali teorie riguardanti il processo di indoeuropeizzazione dell Europa: (1) La teoria tradizionale attorno al V-IV millennio a. C., popolazioni di guerrieripastori sono migrate dalle steppe dell Asia centrale verso i territori dove sono parlate, attualmente, le lingue indoeuropee ipotesi dei kurgan (tumuli funerari delle steppe dell Ucraina), modello in tre fasi: 14

15 (a) a.c., espansione di popoli (proto-)indoeuropei dalle regioni del Volga verso il bacino del Danubio fino ai Balcani; (b) a.c., migrazione di genti (proto-)indoeuropee dal Caucaso settentrionale e dall Ucraina, verso il l Europa settentrionale, nord-occidentale e verso la penisola italica; formazione dei gruppi celtico, germanico, baltico, slavo, italico; (c) 3000 a.c., nuovi flussi migratori dal sud-est europeo verso l Europa centrosettentrionale e centro-orientale, oltre che verso la Scandinavia (per approfondimenti: Gimbutas, Marija, 1980, The Kurgan Wave Migration (c BC) into Europe and the Following Transformation of Culture, in Journal of Near Eastern Studies, 9, pp ) 15

16 (2) Teorie della dipersione neolitica indoeuropea continuità degli insediamenti in Europa nelle età del rame e del bronzo; le culture dei kurgan e dei popoli delle asce da guerra sarebbero, quindi, intrusioni in un territorio già indoeuropeo Renfrew: un mutamento della situazione europea quale l indoeuropeizzazione può essere avvenuto solo all altezza del VII millennio a.c., quando si sono diffuse le tecniche agricole; i popoli (proto-)indoeuropei giunsero in Europa dalla penisola anatolica, dalla penisola balcanica e da alcune aree del Mediterraneo centro-occidentale e, in seguito, da zone della Germania e dell Europa orientale (Renfrew, Colin, 1987, Archaeology and Language. The Puzzle of Indoeuropean Origins, London, Jonathan Cape) (proto-)indoeuropei come popoli medio-orientali che hanno portato la loro tecnologia superiore nel continente Europeo 16

17 (3) Teoria della continuità uralica popolazioni uraliche e samoiede sarebbero stanziate in Europa già dal paleolitico e dal mesolitico; è possibile ipotizzare che anche genti (proto-)indoeuropee fossero insediate in Europa già dalla remota antichità teoria sostenuta anche dalla ricerca genetica, secondo cui l 80% del patrimonio genetico delle popolazioni europee risale al paleolitico (per approfondimenti: Alinei, Mario, 1996 / 2000, Origini delle Lingue d Europa (voll. I e II), Bologna, Il Mulino) 17

18 3. Greco e latino nella modellizzazione dell Europa linguistica La storia linguistica dell Europa medievale, moderna e contemporanea è incomprensibile se non si tiene conto del ruolo e della funzione che hanno avuto, nel processo della sua formazione, le due grandi lingue classiche dell antichità: il greco e il latino. Ad esse si deve, oltre che la trasmissione dell enorme patrimonio culturale che innerva il complesso dell Europa medievale e moderna, anche la funzione di potenti serbatoi per la modellizzazione di strutture linguistiche e per la diffusione di elementi lessicali e fraseologici comuni (Banfi, Emanuele & Grandi, Nicola, 2003, Lingue d Europa, Roma, Carocci, p. 41) Greco e latino in età imperiale romana: Espansione romana nel Mediterraneo e in Europa dalla fine del III sec. a.c. all inizio del II sec. d.c. affermazione del latino nei territori conquistati, resistenza nei confronti del latino nelle aree grecofone di Grecia, Anatolia, Medio Oriente greco come lingua di cultura nel mondo romano; gli uomini di cultura conoscevano sia il greco che il latino; formazione di una koiné greco-romana 18

19 Formazione di due poli politico-culturali nell Alto Medioevo: Scissione tra Impero romano d Occidente e d Oriente e fine dell Impero d Occidente (476) Insediamento di genti slave meridionali e turco-tatare (sklavinoí / sclavini) nel sud-est europeo (VI-VII sec.) primo elemento di separazione tra ambiente latino-romano (e romano-germanico) e ambiente greco-bizantino; creazione del paleoslavo (IX sec.), reso grafematicamente mediante l alfabeto glagolitico (a base greca), lingua religiosa ed amministrativa per le popolazioni slave (dai fratelli Ss. Cirillo e Metodio) 19

20 Scisma tra chiesa cattolica romana e chiesa ortodossa bizantina (1054): separazione netta di due aree politico-culturali, occidentale ed orientale, e di due modelli imperiali (romano-germanico vs. greco-bizantino) tre grandi lingue veicolari: latino, greco e paleoslavo dal VII secolo, il greco viene eliminato dalla liturgia cristiana occidentale; il latino diventa progressivamente lingua unitaria della cultura europea, lingua comune anche nell insegnamento universitario (dal XII secolo) il greco (bizantino-medievale) è stato collante di popoli diversi nell Europa orientale, ma non ha avuto un ruolo paragonabile a quello del latino in occidente; il greco non ha dato origine a una pluralità di lingue neogreche e non si è imposto come lingua comune presso le genti slave; la conquista ottomana (XV sec.) ha ulteriormente accentuato l isolamento della tradizione linguistica e culturale greco-bizantina 20

21 4. Processi di formazione delle moderne lingue europee 4.1 Medioevo e Rinascimento X secolo: presenza in Europa di due lingue veicolari, il latino e il greco-bizantino medievale, caratteristiche di due aree culturali inizia anche la diffusione dell antico slavo ecclesiastico Alto medioevo: prime testimonianze di lingue romanze (ibero-romanze e italo-romanze); situazione di diglossia latino vs. volgari (romanzi, germanici e slavi occidentali, slavia cattolica) le lingue germaniche e slave occidentali subirono l influenza del latino (lessico, sintassi) proprio nel periodo della loro formazione il greco-bizantino medievale non diede origine a volgari, le varietà diatopiche di greco non si imposero sul greco-bizantino; non furono creati centri di diffusione culturale (università) di lingua greco-bizantina, le élites culturali greche consideravano il greco classico quale lingua sacra e disprezzavano il greco corrente, degenerazione della lingua istituzionale 21

22 Basso medioevo, sec. XII-XIII: grande sviluppo socio-economico dell Europa occidentale, crescita dei centri urbani (in Italia, comuni, repubbliche, signorie), potenziamento degli studia (istituti di istruzione superiore, università) categorie quali i mercanti, gli artigiani, i banchieri, i chierici acquisiscono una sempre maggiore coscienza del ruolo dei volgari rispetto al latino, lingua veicolare della chiesa, dell amministrazione e della cultura ad est, crisi delle istituzioni imperiali e scisma tra chiesa di Roma e di Costantinopoli (1054) isolamento dell Europa bizantino-slava conquista turco-ottomana dell impero bizantino (1453, caduta di Costantinopoli) creazione di uno spazio linguistico-culturale turchizzato (e, parzialmente, islamizzato) 22

23 Sec. XIV-XVI: emancipazione delle lingue volgari (rispetto al latino) in Francia, Spagna, Italia, Germania, Inghilterra; crescita degli ambiti di utilizzo dei parlari volgari formazione delle monarchie assolute in Francia (Luigi XI, ), Inghilterra (Enrico VII, ), Spagna (Ferdinando il Cattolico, ), Russia (Ivan III, ); Carlo V d Asburgo diventa imperatore del Sacro Romano Impero (1519) formazione di Stati nazionali, le capitali (Parigi, Madrid, Londra) contribuiscono alla stabilizzazione delle lingue nazionali francese, spagnolo, italiano, portoghese, tedesco e inglese acquisiscono una forma stabile e diventano lingue di cultura (in Europa e nel mondo) Riforma protestante (dal 1517): legittimazione delle lingue con la traduzione dei testi sacri (danese, svedese, finnico, ungherese, ceco, polacco); accelerazione dell alfabetizzazione di massa (ma non nell Europa meridionale ritardo nell alfabetizzazione, maggioranza dialettofona) 23

24 Europa sud-orientale: nei Balcani, il turco diventa lingua ufficiale dell amministrazione (dalla metà del XIV sec.) turchizzazione in ambiente greco, albanese, slavomeridionale, romeno e ungherese presenza notevole di elementi lessicali e fraseologici turchi anche nelle lingue moderne dell area dei Balcani Ess.: alb. asqer, blg. asker, sr. asker, rom. ascheriu < trc. asker soldato alb. dollap, blg. dolap, sr. dolap, rom. dulap < trc. dolab armadio ngr. bogiá, blg. boja, sr.boja, rom. boia < trc. boya colore 24

25 4.2 L età moderna Le due Europe : Europa degli Stati nazionali (Francia, Inghilterra ) vs. Europa degli imperi orientali (turco-ottomano, russo e asburgico); gli imperi orientali, di natura sovranazionale, ostacolarono la formazione di Stati nazionali e l emancipazione delle lingue locali nei Balcani ottomani, il turco era la lingua dell amministrazione, l arabo e lo slavo ecclesiastico erano le lingue liturgiche; l assenza di vere strutture nazionali compromise l emergere del romeno, dell albanese, delle lingue slave meridionali l Impero asburgico favorì il latino (come lingua ufficiale e religiosa) e il tedesco a scapito delle lingue non germaniche presenti sul territorio 25

26 ( ) [L]a confusione tra lingue della Chiesa (slavo ecclesiastico e latino, nell Impero degli Asburgo; slavo ecclesiastico, greco-bizantino e arabo, nell Impero turco-ottomano) e lingua dello Stato rappresentò un fattore frenante per l emergere delle lingue nazionali. ( ) Le lingue liturgiche (latino, greco e slavo ecclesiastico) ritardarono l emergere delle lingue diffuse nelle aree dominate dal cristianesimo sia romano che constantinopolitano: in Italia il latino ritardò l ascesa del toscano, base dell italiano; in Polonia e Ungheria il latino per lungo tempo (fino all inizio del XIX secolo) ebbe funzione preminente rispetto al polacco e all ungherese. (Banfi, Emanuele & Grandi, Nicola, 2003, Lingue d Europa, Roma, Carocci, p. 81) lingue di cultura del mondo ortodosso: tedesco e francese 26

27 Processo di normazione delle lingue d Europa: XVI secolo Editto di Villers-Cotterêts (1539) francese come unica lingua amministrativa nel regno di Francia; fissazione della norma del francese scritto Fissazione della norma del portoghese, compilazione di grammatiche e dizionari Fioritura del castigliano come lingua letteraria Stampa del primo libro romeno (1544) Primi utilizzi del romancio come lingua letteraria Definizione del dialetto merciano (Londra) quale base dell inglese moderno Prime traduzioni della Bibbia in svedese (1541) e in danese (1550) Primi testi a stampa in prussiano, lituano e lettone 27

28 Primo catechismo (luterano) in estone (1535) Primo libro in finnico (1544) Prima traduzione in ungherese della Bibbia protestante (1590) Prima traduzione calvinista del Nuovo Testamento in Basco (1571) XVII-XVIII secolo Accelerazione del processo di normazione l italiano (su base toscana) diventa lingua di cultura internazionale ruolo determinante delle accademie di Francia, Spagna e Italia Esportazione di inglese, francese, spagnolo e portoghese nelle colonie; espansione del russo in Asia Prime grammatiche di romeno (XVIII sec.) 28

29 Stabilizzazione della norma del tedesco moderno, pubblicazione delle prime grammatiche nederlandesi (XVIII sec.) Pubblicazione della prima grammatica del maltese (XVIII sec.) XIX secolo Diffusione degli ideali romantici, valorizzazione delle lingue nazionali e inizio dei primi progetti di descrizione scientifica delle lingue, oltre alla raccolta di dati dialettologici Occidentalizzazione del romeno (con elementi francesi) Codificazione del nynorsk in Norvegia e del feringio nelle isole Faer Ør Definizione del quadro linguistico slavo moderno affrancamento dei greci e dei popoli slavi meridionali dal dominio ottomano emergono neogreco, bulgaro, serbo-croato 29

30 XX secolo Fioritura di opere grammaticali, anche in risposta alle istanze autonomistiche di comunità linguistiche minoritarie (ladino dolomitico e romancio in Svizzera, catalano e gallego in Spagna, etc.) Codifica del macedone standard (1944) Distanziazione tra serbo e croato Derussificazione delle lingue baltiche (ex-sovietiche) Affermazione della dimotikì (variante popolare) come standard neogreco (1976) Formazione di uno standard per il basco (euskara batua), riconosciuto come lingua co-ufficiale nei Paesi Baschi Maltese come lingua co-ufficiale di Malta 30

31 Affermazione dell inglese come lingua di comunicazione internazionale, ripresa del tedesco come lingua di cultura dell Europa centrale (e declino del russo) Yiddish e giudeo-spagnolo vicine alla scomparsa nel territorio europeo, in seguito alla shoah e all emigrazione di molti ebrei in Israele 31

32 5. Alfabeti in Europa La resa grafematica delle lingue d Europa è affidata a tre alfabeti: latino, cirillico e greco 32

33 Benventi a San Pietroburgo 33

34 Centro culturale di Itaca 34

35 Diffusione dell alfabeto latino: espansione dell Impero Romano, utlizzo del latino per la liturgia cattolica Diffusione dell alfabeto cirillico: politiche linguistiche dell Unione Sovietica molte lingue (indoeuropee e non indoeuropee) dell ex-unione Sovietica sono (o sono state) rese grafematicamente con una versione dell alfabeto cirillico: tagiko, osseto, kazako, kirghiso, calmucco anche il mongolo standard, nella Repubblica di Mongolia, viene reso con l alfabeto cirillico (modificato) Diffusione dell alfabeto greco: limitata alla sola lingua neogreca 35

36 3.1 Cenni storici Alfabeto greco: alfabeto europeo più antico tra quelli in uso (ca. X sec.); adattamento dell alfabeto (consonantico) fenicio alla lingua greca, i segni per le consonanti vengono reinterpretati come lettere per vocali cf. nomi delle lettere greche: alpha, beta, lambda < alpu, bētu, lamdu (cf. ebraico mod. aleph, beth, lamed ) (adattato da Coulmas, Florian, 2003, Writing Systems, Cambridge, CUP, p. 195) 36

37 450 a.c.: stabilizzazione dell ordine alfabetico greco Alfabeto cirillico: derivato dall alfabeto glagolitico, utilizzato dai Santi Cirillo e Metodio nell opera di evangelizzazione dei popoli slavi (IX sec.); l alfabeto glagolitico, a sua volta, è modellato su quello greco Alfabeto latino: evoluzione di una variante dell alfabeto greco, con la mediazione della scrittura etrusca tutti e tre gli alfabeti dell Europa moderna sono di origine greca e, quindi, fenicia (semitica) 37

1. Le lingue d Europa: lo spazio geolinguistico europeo

1. Le lingue d Europa: lo spazio geolinguistico europeo Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Le lingue d Europa: lo spazio geolinguistico europeo

Dettagli

1. Le lingue del mondo. Attualmente, nel mondo sono parlate circa 7.000 lingue

1. Le lingue del mondo. Attualmente, nel mondo sono parlate circa 7.000 lingue 1. Le lingue del mondo Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2013 / 2014 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) Attualmente, nel mondo sono

Dettagli

Classificazione delle lingue

Classificazione delle lingue Classificazione delle lingue è necessario un criterio un criterio potrebbe essere il numero dei parlanti; secondo una organizzazione che si chiama Linguasphere, le lingue più parlate del mondo sono le

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

0.2. Nascita della denominazione di indoeuropeo 0.2.1. scitoceltico (1686) Una delle prime denominazioni che si incontrano è quella di scitoceltico :

0.2. Nascita della denominazione di indoeuropeo 0.2.1. scitoceltico (1686) Una delle prime denominazioni che si incontrano è quella di scitoceltico : 0. Introduzione 0.1. Concetto di indoeuropeo: Termini e metodi L indoeuropeo designa una famiglia linguistica ben definita alla quale fanno parte lingue che dal punto di vista geografico si estendono dall

Dettagli

Istituzioni di Linguistica (M-Z) 1. Parlato e scritto fonico-acustica; innanzitutto come espressione orale

Istituzioni di Linguistica (M-Z) 1. Parlato e scritto fonico-acustica; innanzitutto come espressione orale Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Parlato e scritto Lingue verbali: sistemi caratterizzati

Dettagli

STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (http://europa.eu/about-eu/member-countries/index_it.htm)

STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (http://europa.eu/about-eu/member-countries/index_it.htm) STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (http://europa.eu/about-eu/member-countries/index_it.htm) Austria Anno di adesione all UE: 1995 federale Capitale: Vienna Superficie: 83 870 km² Popolazione: 8,3 milioni

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

Università degli Studi di Spalato Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in lingua e letteratura italiana LE LINGUE DEL MONDO LA TESINA

Università degli Studi di Spalato Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in lingua e letteratura italiana LE LINGUE DEL MONDO LA TESINA Università degli Studi di Spalato Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in lingua e letteratura italiana LE LINGUE DEL MONDO LA TESINA Relatrice: doc. dr. sc. Magdalena Nigoević Candidate: Danica

Dettagli

Letteratura della lingua A prima annualità Letteratura della lingua B prima annualità Lingua A seconda annualità. Lingua B seconda annualità

Letteratura della lingua A prima annualità Letteratura della lingua B prima annualità Lingua A seconda annualità. Lingua B seconda annualità Classe di appartenenza: L-11 Lingue e letterature moderne Lingue e letterature Moderne CURRICULUM LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Lingue attivate: Francese, Inglese, Polacco, Portoghese, Romeno, Russo,

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia

Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Lettere e Filosofia L-11 Lingue, Culture, Letterature, Traduzione Struttura di riferimento: Dip. Studi europei, americani e interculturali Classe: L-11 Durata: triennale Modalità di ammissione:

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

CFU L-LIN/04 L-LIN/07 L-LIN/12 L-LIN/14 L-LIN/21

CFU L-LIN/04 L-LIN/07 L-LIN/12 L-LIN/14 L-LIN/21 Classe di laurea in Lingue e culture moderne - Lingue e culture straniere occidentali e orientali - cl. L-11 N.B. Per l a.a. 200-10 sono attivi solo il primo ed il secondo anno. PIANO DEGLI STUDI I ANNO

Dettagli

L Europa mediterranea

L Europa mediterranea L Europa mediterranea Nel bacino del mar Mediterraneo sono nate le grandi civiltà dell uomo: gli egiziano, i fenici, i greci e i romani. Si sono diffuse le grandi religioni monoteiste. Questa zona di frontiera

Dettagli

ProMosaik Trans Il vostro ufficio di traduzioni interculturali

ProMosaik Trans Il vostro ufficio di traduzioni interculturali ProMosaik Trans Il vostro ufficio di traduzioni interculturali ProMosaik Trans è il vostro referente per traduzioni e interpretariato a livello professionale. Offriamo traduzioni e servizi di interpretariato

Dettagli

L'Asia Il continente più vasto del mondo

L'Asia Il continente più vasto del mondo L'Asia Il continente più vasto del mondo Morfologia L Asia è il continente più vasto del mondo. Si estende dal Polo Nord all Equatore e dal Mediterraneo all oceano Pacifico. È separata dall Europa dai

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Questo articolo presenta le statistiche dell'unione europea (UE) in materia di migrazioni internazionali, la popolazione di cittadini autoctoni e stranieri

Dettagli

ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA

ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA Conoscere il mondo (ed. Principato) Le civiltà dei fiumi (ed. De Agostini) L Italia, il mio paese (ed. ATLAS) Avventure e conquiste nei secoli (ed. Confalonieri)

Dettagli

ZA6585. Flash Eurobarometer 421 (Internationalisation of Small and Medium-Sized Enterprises) Country Questionnaire Italy

ZA6585. Flash Eurobarometer 421 (Internationalisation of Small and Medium-Sized Enterprises) Country Questionnaire Italy ZA Flash Eurobarometer (Internationalisation of Small and Medium-Sized Enterprises) Country Questionnaire Italy A Numero dell'indagine FL A B Codice Paese FL B C Numero del questionario FL C NACE Codice

Dettagli

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Introduzione alla geografia Introduzione agli elementi geografici e morfologici di un territorio. La posizione di un luogo. L idrografia. Introduzione

Dettagli

Natural coord. Accidental coord. coord.

Natural coord. Accidental coord. coord. Lingue SAE Lingue Sud Est asiatico Binomials Natural coord. Accidental coord. Composti Accidental coord. Natural coord. Hyponomy compounds (accidental coord.) Hyperonymy compounds (natural coord.) SAE

Dettagli

Migrazioni, viaggi, globalizzazione

Migrazioni, viaggi, globalizzazione Migrazioni, viaggi, globalizzazione e salute umana Con particolare riguardo alle malattie infettive e alla salute mentale Giovanni Rezza Significato moderno del termine migrazione Movimento di individui

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

Via Sicilia, 137-00187 I Roma Tel. + 39 06 69291155 I + 39 06 6792782 Fax. +39 06 97255627 business@testingtutoring.com www.testingtutoring.

Via Sicilia, 137-00187 I Roma Tel. + 39 06 69291155 I + 39 06 6792782 Fax. +39 06 97255627 business@testingtutoring.com www.testingtutoring. Via Sicilia, 137-00187 I Roma Tel. + 39 06 69291155 I + 39 06 6792782 Fax. +39 06 97255627 business@testingtutoring.com www.testingtutoring.com Testing & Tutoring Services, nata nel 1996 dal progetto innovativo

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

La Regione Germanica

La Regione Germanica La Regione Germanica Si tratta della regione centrale del continente europeo, che si estende dalla coste tedesche bagnate dal Mare del Nord e dal Mar Baltico fino alla catena montuosa della Alpi. Nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASAL BIANCO SCUOLA MEDIA STATALE DI CONSIGLIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO DI ITALIANO CLASSE I B

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASAL BIANCO SCUOLA MEDIA STATALE DI CONSIGLIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO DI ITALIANO CLASSE I B GRAMMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA CASAL BIANCO PROGRAMMA SVOLTO DI ITALIANO CLASSE I B Fonologia, ortografia e punteggiatura: le regole di trascrizione dei suoni, la corretta scrittura delle parole e

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 14 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: ... ... ... ... ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 14 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... VLUME 3 APITL 14 MDUL D LE VENTI REGINI ITALIANE EURPA PPLAZINE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: PIL... pro capite... lingua-madre... lingua neolatina... lingua

Dettagli

STORIA CONTENUTI E TEMPI

STORIA CONTENUTI E TEMPI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA CLASSE 1ª Z TUR DOCENTE SERRACCHIOLI IRENE STORIA COMPETENZE DISCIPLINARI Conoscenza

Dettagli

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO.

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. Il problema amianto a livello globale è particolarmente rilevante, soprattutto per l'esigenza, per noi improrogabile, di bandirlo immediatamente da

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico

Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico Strumenti della Geografia L orientamento Longitudine e Latitudine La cartografia Le proiezioni cartografiche Le rappresentazioni di dati (Areogrammi,

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016

Anno scolastico 2015 / 2016 Anno scolastico 2015 / 2016 Docente : Rosaria Borzì Materia : Storia e geografia Classe : II A Indirizzo : Liceo scientifico 1 Argomenti (indicare anche eventuali percorsi di ripasso) Capitoli e/o pagine

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 9

Risposte alle domande del Capitolo 9 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) Risposte alle domande del Capitolo 9 9.1. Su quali principi si può fondare una classificazione delle

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Interculturale L-12

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Interculturale L-12 1 Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Interculturale Ai fini del presente regolamento si intende: L- Art.1 - Norme generali per RDA il Regolamento Didattico d'ateneo di

Dettagli

25 marzo 1957 25 marzo 2007 Cinquantenario dei Trattati di Roma Nasce l Unione europea Le lingue nell Unione Europea Tante lingue, una sola famiglia

25 marzo 1957 25 marzo 2007 Cinquantenario dei Trattati di Roma Nasce l Unione europea Le lingue nell Unione Europea Tante lingue, una sola famiglia Le lingue nell Unione Europea Tante lingue, una sola famiglia di Elisa Cacaci Alexia Fontanot Stefania Oggioni Lingue che vivono La lingua che parliamo contribuisce a determinare chi siamo. Per questo

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA Università degli Studi di Spalato Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in lingua e letteratura italiana LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA LA TESINA Relatrice: doc. dr. sc. Magdalena Nigoević Candidate:

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

Don Francisc Dobos CCEE Incontro Portavoce e addetti stampa - Bucarest, 12-15 Giugno 2013

Don Francisc Dobos CCEE Incontro Portavoce e addetti stampa - Bucarest, 12-15 Giugno 2013 SOCIETÀ E RELIGIONE IN ROMANIA 1.1. ASPETTI SOCIO- DEMOGRAFICI Per quanto riguarda il contesto demografico della Romania si fa riferimento ai dati forniti dall Istituto Nazionale di Statistica (INS) nel

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

IL CONTINENTE EUROPA

IL CONTINENTE EUROPA IL CONTINENTE EUROPA L Europa è un continente. Possiamo dire anche che l Europa è una penisola. I confini dell Europa infatti sono rappresentati per la maggior parte dal mare: a Nord c è il mare Glaciale

Dettagli

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: Prima C Unità 1 GLI STRUMENTI DI BASE Forma e misura della terra Le carte geografiche L informatica applicata

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Berlino: La. Porta di Brandeburgo. Berlino: Alexsanderplatz

Berlino: La. Porta di Brandeburgo. Berlino: Alexsanderplatz GERMANIA ASPETTO FISICO POSIZIONE: La Germania si trova nel cuore del continente europeo al nord dell Italia. CONFINI: A sud con la Svizzera e l Austria; a ovest con la Francia, il Lussemburgo, il Belgio

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI DELIBERA DI MASSIMA PER PASSAGGI E TRASFERIMENTI A.A. 2012/13 PASSAGGI O TRASFERIMENTI DA

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

GUIDE TURISTICHE DISPONIBILI ALL'INFORMAGIOVANI, aggiornato novembre 2015

GUIDE TURISTICHE DISPONIBILI ALL'INFORMAGIOVANI, aggiornato novembre 2015 ESTERO - VACANZE ESTERO - VACANZE GUIDE TURISTICHE DISPONIBILI ALL'INFORMAGIOVANI, aggiornato novembre 2015 GENERALITA' GENERALITA' ATLANTE ENCICLOPEDICO ECONOMICO-FINANZIARIO-POLITICO DEAGOSTINI -VOL.

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN LETTERE (classe L-10/D.M. 270)

CORSO DI LAUREA IN LETTERE (classe L-10/D.M. 270) CORSO DI LAUREA IN LETTERE (classe L-10/D.M. 270) DESCRIZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO Il percorso formativo è organizzato in due curricula: Lettere antiche e Lettere moderne Il corso di studio, per gli

Dettagli

UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano

UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano del Dneper Alture del Dneper (basse colline) Ripiano Podolico:

Dettagli

Esami di Idoneità/Integrativi. Liceo delle Scienze Umane / Economico Sociale / Linguistico

Esami di Idoneità/Integrativi. Liceo delle Scienze Umane / Economico Sociale / Linguistico Esami di Idoneità/Integrativi Liceo delle Scienze Umane / Economico Sociale / Linguistico Materia: Storia/Geografia Alla Classe seconda Contenuti essenziali di Storia Modulo 1: Dalla Preistoria alla Storia

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

LA TESI DELLA DERIVAZIONE DEGLI INDOEUROPEI DELL OVEST DALLE POPOLAZIONI DEL NEOLITICO ANTICO FRANCO-IBERICO

LA TESI DELLA DERIVAZIONE DEGLI INDOEUROPEI DELL OVEST DALLE POPOLAZIONI DEL NEOLITICO ANTICO FRANCO-IBERICO LA TESI DELLA DERIVAZIONE DEGLI INDOEUROPEI DELL OVEST DALLE POPOLAZIONI DEL NEOLITICO ANTICO FRANCO-IBERICO IGNAZIO ABELTINO (Questo testo costituisce una sezione dell opera Il ruolo dei percorsi mediterranei

Dettagli

Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie nelle altre regioni italiane: lo sportello linguistico della Comunità Montana incontra

Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie nelle altre regioni italiane: lo sportello linguistico della Comunità Montana incontra Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie nelle altre regioni italiane: lo sportello linguistico della Comunità Montana incontra Il popolo Rom, una nazione senza stato né territorio

Dettagli

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano.

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano. IL MEDIO ORIENTE Medio Oriente è una denominazione convenzionale, di origine francese, che viene data all Asia occidentale, a quella parte compresa tra l Africa e l India. I suoi confini sono: A Nord il

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ - A.S. 2014/15

UU. D. A. Classe 3^ - A.S. 2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUISTICA TEORICA, APPLICATA E DELLE LINGUE MODERNE D.M.270/2004 Classe LM-39 CDS 05409-1415, ordinamento 2014, Regolamento 2015 Per iscritti

Dettagli

Principali esonimi italiani di elementi geografici europei

Principali esonimi italiani di elementi geografici europei Principali esonimi italiani di elementi geografici europei Sandro Toniolo Il problema degli esonimi è quanto mai complesso: infatti se ne discute da oltre tre decenni nel Gruppo di esperti delle Nazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO e Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 OBIETTIVI GENERALI Le discipline di Storia e Geografia sono finalizzate a Approfondire il legame tra la Geografia e la Storia, portando

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

PRESTITI NELLA (O DALLA) LINGUA ROMENA di Alessandro Demontis

PRESTITI NELLA (O DALLA) LINGUA ROMENA di Alessandro Demontis PRESTITI NELLA (O DALLA) LINGUA ROMENA di Alessandro Demontis La lingua romena viene classificata come 'indoeuropea neolatina', indicando la sua origine del ceppo indoeuropeo balcanico con substrato dacico

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

Classe di laurea in Lingue e culture moderne - Lingue e culture straniere occidentali e orientali - cl. L-11

Classe di laurea in Lingue e culture moderne - Lingue e culture straniere occidentali e orientali - cl. L-11 Classe di laurea in Lingue e culture moderne - Lingue e culture straniere occidentali e orientali - cl. L-11 PIANO DEGLI STUDI I ANNO n. natura dell attivitā formativa settori scientifico-disciplinari

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI ANTICHITÀ GRECHE ANTROPOLOGIA CULTURALE ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA ARCHEOLOGIA MEDIEVALE BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

CORSO di STUDI (CdS) IN LETTERATURE EUROPEE PER L EDITORIA E LA PRODUZIONE CULTURALE (CLASSE 5) Piano di studio. chiede

CORSO di STUDI (CdS) IN LETTERATURE EUROPEE PER L EDITORIA E LA PRODUZIONE CULTURALE (CLASSE 5) Piano di studio. chiede CORSO di STUDI (CdS) IN LETTERATURE EUROPEE PER L EDITORIA E LA PRODUZIONE CULTURALE (CLASSE ) Piano di studio...l... sottoscritt..., nat... a... (...) il / /, residente in..., (...) via..., n..., C.A.P...

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Venerdì 27 marzo 2015

Venerdì 27 marzo 2015 PREFETTURA MASSA CORSO DI FORMAZIONE Venerdì 27 marzo 2015 Servizio di mediazione linguistico culturale per: - le attività dei presidi ospedalieri e dei presidi territoriali dell'azienda USL 5 di Pisa

Dettagli

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI LIBERA UNIVERSITA MARIA SS. ASSUNTA Dipartimento di Giurisprudenza Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI Fenomeni migratori e politiche di inclusione.

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

Corso introduttivo allo studio della Storia dell Europa Orientale

Corso introduttivo allo studio della Storia dell Europa Orientale Manuali Storia Armando Pitassio Corso introduttivo allo studio della Storia dell Europa Orientale Morlacchi Editore Prima edizione: Ristampe 1. 2. 3. Progetto grafico e impaginazione: Pierandrea Ranicchi

Dettagli

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI E CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/20 LETTERE...3 BENI ARTISTICI E DELLO SPETTACOLO...5 CIVILTA E LINGUE STRANIERE MODERNE...5

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

ASIA POLITICA. Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 1

ASIA POLITICA. Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 1 ASIA POLITICA Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 1 ASIA FISICA Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 2 L Asia è il continente più vasto del mondo,

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Traduzioni TRANSLATE WITH SPIKE - MAKE YOUR BUSINESS EFFECTIVE. www.spike.it/traduzioni/ita/

Traduzioni TRANSLATE WITH SPIKE - MAKE YOUR BUSINESS EFFECTIVE. www.spike.it/traduzioni/ita/ Spett.le ORDINE AVVOCATI di MILANO Milano, 30.09.2015 Oggetto : presentazione servizio Traduzioni Tecnico- Professionali Traduzioni TRANSLATE WITH SPIKE - MAKE YOUR BUSINESS EFFECTIVE Con SPIKE siete garantiti

Dettagli

Lingue e Letterature Straniere

Lingue e Letterature Straniere Lingue e Letterature Straniere FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.lingue.uniba.it Presidenza Via Michele Garruba, 6/B - 70122 Bari Preside: prof. Pasquale Guaragnella Tel. 080.5717540-7515;

Dettagli

CLASSE A039 GEOGRAFIA n. 1

CLASSE A039 GEOGRAFIA n. 1 CLASSE A039 GEOGRAFIA n. 1 I) Che cosa sui intende con l espressione capitale fisso sociale?. a) Attrezzature disponibili in un determinato territorio per utilizzazioni sociali da parte dello Stato e degli

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie negli altri paesi europei:

Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie negli altri paesi europei: Da sportello a sportello! La tutela delle lingue minoritarie negli altri paesi europei: lo sportello linguistico della Comunità Montana incontra i Lemko, minoranza ucraina residente in Polonia. Dopo aver

Dettagli

Parlare le lingue europee Le lingue nell Unione europea

Parlare le lingue europee Le lingue nell Unione europea L Europa in movimento Parlare le lingue europee Le lingue nell Unione europea Unione europea Potete trovare il testo del presente opuscolo e altre spiegazioni chiare e concise sull UE all indirizzo Internet

Dettagli

Indice del volume. Capitolo 2 Lo scontro tra Impero e Papato

Indice del volume. Capitolo 2 Lo scontro tra Impero e Papato Indice del volume Modulo 1 L Europa feudale Capitolo 1 Economia e società nell Europa feudale 1.1 Lo sviluppo dei poteri locali nel sistema feudale 2 1.2 Il sistema curtense 4 Tempi e strumenti del lavoro

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore L idea di Medioevo Lezioni d'autore Immagine tratta da http://bibliotecamakart.altervista.org Il Medioevo come un lungo periodo di secoli oscuri : guerre, torture, caccia alle streghe. È importante sradicare

Dettagli

L Atlante della geostoria economia mondiale

L Atlante della geostoria economia mondiale L Atlante della geostoria economia mondiale Revisione critica delle discipline storiche e sociali per un educazione adatta alla nuova società globale Paleolitico: Ominazione Disciplina Argomento Mondo

Dettagli

Ed ecco il medagliere classico dei campionati europei di nuoto tra le corsie (prime 10 posizioni):

Ed ecco il medagliere classico dei campionati europei di nuoto tra le corsie (prime 10 posizioni): Qual è la nazione europea più forte di sempre nel nuoto in corsia? Analisi della storia del medagliere dei Campionati Europei di Nuoto in vasca lunga Di Luca Soligo La 32 esima edizione dei Campionati

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli