4/2012. on-line UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E DI SCIENZA POLITICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4/2012. on-line UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E DI SCIENZA POLITICA"

Transcript

1 4/2012 on-line UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E DI SCIENZA POLITICA

2 DAEDALUS Quaderni di Storia e Scienze Sociali Direzione scientifica Vittorio Cappelli, Ercole Giap Parini, Osvaldo Pieroni, Alberto Ventura Redattori e collaboratori Luca Addante, Olimpia Affuso, Luigi Ambrosi, Rosa Maria Cappelli, Renata Ciaccio, Bernardino Cozza ( ), Barbara Curli, Francesco Di Vasto, Loredana Donnici, Valentina Fedele, Aurelio Garofalo ( ), Sabrina Garofalo, Teresa Grande, Salvatore Inglese, Donatella Loprieno, Francesco Mainieri, Matteo Marini, Adele Valeria Messina, Patrizia Nardi, Saverio Napolitano, Tiziana Noce, Giuseppina Pellegrino, Maria Perri, Luigi Piccioni, Antonella Salomoni, Manuela Stranges, Pia Tucci Direzione e redazione e amministrazione Dipartimento di Sociologia e di Scienza Politica dell'università della Calabria Arcavacata di Rende (Cosenza). Tel Direttore Responsabile Pia Tucci Numero 4/2012 on-line Numero 23/2012 seguendo la numerazione della precedente edizione cartacea Pubblicato on line nel settembre 2012

3 FULVIO VASSALLO PALEOLOGO* INTERVISTATO DA DONATELLA LOPRIENO Palermo, 18 dicembre 2011 Loprieno: appartieni a quella particolare categoria di tecnici del diritto che qualcuno ama definire giuristi-costituzionalisti. Non hai dimenticato che il punto di riferimento essenziale per chi voglia esercitare degnamente e dignitosamente questo mestiere resta la Costituzione repubblicana del 1948 ed il suo sistema di tutela dei diritti di libertà. E, difatti, hai scelto di difendere i più deboli ed i più vulnerabili: i migranti e soprattutto quelli il cui soggiorno è irregolare. Avresti potuto scegliere una clientela diversa e molto più danarosa. Hai scelto una carriera diversa. Perché? Vassallo Paleologo: Ho esercitato la professione di avvocato, in campo commerciale, per sette anni prima di entrare nell università. E quando ho cominciato a lavorare all università, nel 1982, ho scelto di farlo sin da subito a tempo pieno. Il lavoro di ricerca, di formazione e di didattica mi permetteva di esprimermi nel modo più libero possibile anche se a quell epoca l immigrazione non era certo un fenomeno così rilevante come lo sarebbe diventato di lì a pochi anni. In quegli anni mi occupavo di diritti dei consumatori. Negli anni a venire, la restrizione degli spazi di libertà all interno dell università e, soprattutto, la risposta repressiva nei riguardi dell immigrazione proprio sul finire degli anni Novanta, mi hanno portare a privilegiare la questione dei diritti umani. Così, dal Dipartimento di Diritto privato mi sono trasferito al Dipartimento di Studi su politica, diritto e società e quindi ho avuto la possibilità di lavorare con non giuristi, il che è cosa molto salutare specie per chi ha a che fare quotidianamente con il diritto positivo. La partecipazione al Dottorato in Diritti umani mi ha consentito poi di lavorare direttamente sulle questioni dell immigrazione grazie anche alla presenza ed alle attività di validissimi giovani studiosi e studiose molto impegnati a collaborare con altri gruppi di ricerca in Europa e non solo. Avere avuto a che fare con questi ricercatori mi ha consentito di valorizzare molto la mia esperienza al di là dell ambito strettamente giuridico. Più di recente, l inasprimento della politica della cattiveria nei riguardi dei 1

4 migranti inaugurata dall ultimo governo Berlusconi e magnificata dal precedente Ministro Maroni mi ha, per forza di cose, costretto a lavorare sempre di più sulle questioni dei diritti dei migranti. Loprieno: In questi anni hai dedicato tempo ed energie per difendere, anche con la militanza dei tuoi articoli, principi quali il diritto alla libertà personale e più in generale il rispetto della dignità umana di tutti gli esseri umani. Credi che la tua militanza, che è militanza fondata sui principi del costituzionalismo stesso, abbia influenzato la carriera universitaria? Detto altrimenti. Avresti potuto scrivere magnifiche monografie su argomenti teorici molto cari ai giuristi dogmatici ma hai scelto una strada diversa. Vassallo Paleologo: Avrei dovuto scrivere per partecipare ai concorsi e fare carriera universitaria? È inutile negare che le commissioni di concorso apprezzano il taglio metodologico o la neutralità dell autore rispetto all argomento trattato. Ne sono testimonianza le tipiche espressioni usate nei giudizi di valutazione: la non continuità nell attività di ricerca, la non piena neutralità, il carattere non sufficientemente tecnico del lavoro. Questo è vero per tutte le discipline ma si tratta di un retorica particolarmente in uso nel mondo dei giuristi. Tutto questo io l ho sempre avuto ben presente e ne ho, in qualche modo, messo in preventivo le conseguenze: non ho inseguito la carriera universitaria a ogni costo. Ho trovato altri canali per la mia crescita umana e professionale anche se devo aggiungere una cosa importante. In questi ultimi anni, a prescindere dall impegno dei singoli docenti, le progressioni di carriera nell università sono state praticamente impedite. La riforma Gelmini ed i costanti ed insopportabili tagli alla ricerca hanno cancellato intere generazioni di studiosi; il blocco dei concorsi per professore associato o ordinario o la loro riduzione a entità puramente simboliche certamente hanno costituito un potentissimo fattore di disincentivazione. La mia scelta di lasciare l università è stata anche dettata, oltre che dalla mancanza di possibilità di carriera accademica, dalla scomparsa di un intero gruppo di ricerca con cui nell ultimo decennio ho condiviso progetti e ricerche. E si tratta di validissimi studiosi, da anni impegnati in gruppi di ricerca internazionali per i quali è stata cancellata la concreta possibilità di continuare il loro percorso scientifico ed umano nell università italiana. 2

5 Loprieno: Conosciamo la situazione della università pubblica italiana e l enorme spreco di energie cagionato dalle ultime riforme. Avremmo dovuto forse lottare di più per difenderla ed assicurarne la crescita. Avremmo difeso così anche la Costituzione. Credi anche tu che difendere i diritti dei più deboli, nel nostro caso dei migranti, significhi in ultima analisi essere militanti della Costituzione? Vassallo Paleologo: Non ho dubbi al proposito. I primi segnali di un attacco ai diritti dei migranti sono venuti già dalla Legge Turco- Napolitano del 1998 ma certamente l apparato repressivo è stato ampliato a dismisura nel 2002 con la Legge Bossi Fini. L ultimo governo Prodi ha tentato di cambiare qualcosa con il disegno di legge Amato-Ferrero, senza riuscirci. L ultimo anno poi è stato assolutamente disastroso per quanto riguarda i diritti dei migranti e non solo dei migranti. La materia si è caratterizzata sempre di più per la dilatazione della discrezionalità amministrativa e per il sostanziale svuotamento di una norma fondamentale per uno Stato democratico quale quella contenuta nell art. 13 della Costituzione circa il controllo giurisdizionale delle attività di polizia sulle forme di limitazione della libertà personale. È accaduto e accade che sia dia più importanza a una circolare amministrativa che a un principio costituzionale o a una norma comunitaria e, quindi, si ubbidisca alla prima e non ai secondi. Ma così operando si mettono in forse principi addirittura fondativi dello Stato moderno di diritto come la separazione dei poteri, il principio di eguaglianza davanti alla legge o il principio del controllo giurisdizionale sugli atti di polizia. A essere leso e svilito non è il solo diritto costituzionale ma anche quello comunitario e principi basilari del diritto internazionale. Non è un caso che siano stati avanzati ricorsi alla Corte europea dei diritti dell Uomo e alla Corte di Giustizia delle Comunità europea e a dirla tutta le risposte di queste corti internazionali hanno deluso o perché giunte con troppo ritardo o perché non soddisfacenti. Se questo è il quadro, chiaramente il diritto costituzionale ed il sistema dei limiti che esso prevede all agire delle autorità di pubblica sicurezza in primis riacquista una priorità assoluta. E bada bene che la partita è a oggi tutta aperta perché la circostanza che il governo sia cambiato e che al posto del leghista Maroni ci sia una ministra tecnica non significa che le cose cambieranno. L enorme dose di discrezionalità amministrativa che gli apparati hanno in qualche modo ormai assunto, assimilato, gestito e collaudato, quale che sia il 3

6 governo ed il ministro che verrà, quale che sia la riforma legislativa che interverrà, farà si che il problema dell arbitrio dei poteri amministrativi sui diritti fondamentali si ripresenterà puntualmente. Loprieno: Cosa ti fa più orrore nel diritto speciale degli stranieri? Il fatto che il legislatore italiano, specie dal 2002 in poi, abbia predisposto un sistema normativo contro gli stranieri o il fatto che ci siano stati tecnici del diritto che tale diritto hanno applicato senza battere ciglio? Vassallo Paleologo: Avvocati e magistrati, come categoria, hanno fatto il possibile. La Corte costituzionale è stata sollecitata moltissime volte e quando questa ha cancellato obbrobri giuridici, governo e maggioranza (che quegli obbrobri avevano approvato) hanno avuto parole durissime nei riguardi del Giudice delle leggi. Da questo punto di vista, alla categoria dei giuristi professionali non credo vadano mosse critiche. Spesso mi sono trovato accanto a giudici anche di orientamento moderato che hanno condiviso le nostre preoccupazioni sul piano della violazione delle regole costituzionali. Ciò che davvero mi ha preoccupato è stato come gli apparati di polizia hanno utilizzato quella enorme discrezionalità di cui parlavamo prima perché quel come ha a che fare con il disciplinamento del corpo dei migranti e con la sua traduzione in una diffusa discriminazione istituzionale nella quale si è frantumata l unità del soggetto di diritto e della persona. L immigrato tunisino che sbarca a Lampedusa non è un essere umano al quale riconoscere i diritti fondamentali della persona umana. La finalità di espellere sempre e comunque è stata ritenuta prevalente e superiore rispetto alle garanzie minime e senza tenere in minima considerazione le condizioni dei migranti, fossero essi persone malate o anziane, con gravi problemi psichici, con gravi problemi familiari o vittime di tortura o esposte al rischio di arresti senza il controllo del magistrato. Ma ciò non è successo solo a Lampedusa: succede ed è successo in maniera più nascosta nelle zone aeroportuali di Fiumicino o Malpensa, solo per citare due tra i moltissimi luoghi citabili. Ovviamente Lampedusa è stata usata come grande palcoscenico mediatico e come cassa di risonanza per la politica del governo ma non dobbiamo commettere l errore di giudicare tutto quello che è successo in termini di violazione dei diritti umani alla luce soltanto di quanto successo a Lampedusa. Violazioni altrettanto gravi si sono verificate anche qui nel Porto di Palermo quando, il 23 settembre di quest anno, tre navi (la Moby 4

7 Fantasy, l Audacia e la Moby Vincent) sono state utilizzare come Cie galleggianti per trattenere circa 700 tunisini trasferiti da Lampedusa. I migranti sono stati trasferiti sulle navi legati con fascette elastiche. Ciò che davvero mi inquieta è che se fino a qualche anno fa l opinione pubblica reagiva e si indignava, ora dopo un decennio di cancellazione dei diritti fondamentali delle persone quasi più nulla scuote le coscienze. Le violazioni dei diritti umani e della dignità delle persone nei CIE sono ormai quotidiane, con situazioni che ricordano le violenze della Diaz e di Bolzaneto, a Genova nel Forse (ed in parte) questo è anche un effetto delle scelte di politica internazionale che per far rispettare i diritti umani hanno prodotto e legittimato Guantanamo, Abu Ghraib e tutto il resto. La cultura per cui il fine giustifica è entrata prepotentemente nel senso comune e vi impera e questo è veramente grave perché è la radice del razzismo e della destrutturazione dello stato di diritto. Loprieno: Concordo sul fatto che Lampedusa, pur essendo unica, non sia sostanzialmente altro rispetto a un qualsiasi altro campo per stranieri presente in Italia. Forse per chi leggerà questa intervista, è motivo di interesse sapere che stiamo chiacchierando cullati dal mare nella tua barca di famiglia. Ed a cullarci è il mare di Sicilia, isola nel Mediterraneo e sua propaggine. Qui si respira un aria unica, quasi di terra di confine. La Sicilia è più vicina a Tunisi e o Trieste? Vassallo Paleologo: In realtà, la Sicilia è lontana sia da Tunisi che da Trieste. Il problema della Sicilia è il suo isolamento dall Italia e dall Europa: Lampedusa che è isola di una isola isolata non può che veder esaltato il suo isolamento. È per questa ragione che la Sicilia e le sue isole sono usate come luogo di transito e di esternalizzazione; problemi e situazioni che avrebbero dovuto essere gestiti a livello nazionale ed in territori ben più ampi sono stati invece esternalizzati in questo luogo che, per certi aspetti, è fuori dal diritto. La vicenda dei minori stranieri non accompagnati è emblematica del come il nostro territorio venga utilizzato. Il Ministero dell Interno ha impedito, con prove alla mano, la legalizzazione di minori stranieri non accompagnati che avrebbe consentito il loro trasferimento in altre strutture definitive; ha inventato strutture ponte dove i minori vengono accolti nel senso che viene fornito loro il minimo indispensabile per la sussistenza (cibo, vestiario e alloggio) ma senza che vi siano figure professionali che li 5

8 seguano, senza che vi sia comunicazione al giudice minorile o al tribunale dei minori o al giudice tutelare, senza che la questura rilasci i permessi di soggiorno. Nel frattempo molti di questi minori sono diventano maggiorenni (adulti in molti di questi minorenni lo sono già). Quindi la Sicilia è anche un luogo dove si trasformano i minori stranieri non accompagnati in adulti irregolari. Aggiungi che la gente di Sicilia non è particolarmente sensibile a queste tematiche tanto che i gruppi e le associazioni che protestano sono pochi e sempre gli stessi. Forse ciò è dovuto a una serie di convincimenti e primo tra tutti il fatto che gli immigrati non si fermano in Sicilia ed è vero visto che la percentuale di migranti sulla nostra isola è la più bassa d Italia (siamo secondi forse solo alla Sardegna). C è poi anche il convincimento che in Sicilia non ci sia il razzismo. Niente di più sbagliato perché nelle ultime settimane abbiamo assistito anche a episodi di razzismo istituzionale da parte di vigili urbani nei riguardi di venditori ambulanti. Lo scorso anno un ragazzo marocchino si è dato fuoco perché vittima di persecuzione da parte dei vigili urbani che gli impedivano di lavorare; sotto processo, proprio in questi giorni, vi è un altro ragazzo, sempre marocchino, picchiato dai vigili urbani perché esercitava una regolarissima attività ambulante ma fuori orario. Si tratta soltanto di due esempi, tra i moltissimi altri che potrei riportare, che attestano senza timore di smentita la presenza perniciosa e subdola di razzismo istituzionale. Loprieno: La Sicilia dunque continua a essere terra di primo approdo, da lasciare appena possibile. Vassallo Paleologo: Solo due giorni fa sono arrivati dalla Tunisia 69 somali provenienti dal campo di Susha, a una decina di Km dal confine libico. Non è un caso che dopo la chiusura di questo campo siano ripresi gli sbarchi a Lampedusa. Moltissimi richiedenti asilo vi hanno ricevuto un diniego di fatto inappellabile. Certo i numeri sono inferiori rispetto a prima ma a sbarcare sono cittadini somali che avrebbero il diritto ad accedere alle procedure per la richiesta dello status di rifugiato in uno qualunque dei paesi che hanno aderito alla Convenzione di Ginevra del 1951: non certo in Libia che a tale convenzione non ha mai aderito ma neanche in Tunisia che vi ha aderito ma sostanzialmente disattende tutti gli obblighi che da essa derivano. 6

9 Loprieno: Quanto dici mi ha richiamato alla mente le molte, troppe, morti nel mare di chi sulla carta avrebbe tutto il diritto a vedersi riconosciuta una qualche forma di protezione internazionale. E mi è anche venuta in mente l assurda vicenda dei pescatori accusati di aver tratto in salvo migranti alla deriva e pescherecci al centro di fuochi incrociati. Vassallo Paleologo: Lo scorso anno, un peschereccio è stato mitragliato da una mezzo libico con a bordo finanzieri italiani ma la vicenda è stata subito dimenticata. Altri pescherecci sono stati sequestrati, dopo lo scoppio della primavera araba, sia dai libici che dai tunisini perché probabilmente sono in corso di ridefinizione i rapporti economici. In Sicilia ci sono anche molte società miste, soprattutto italo tunisine, attive nel mercato della pesca internazionale. Moltissimi tunisini impegnati in queste attività di pesca non hanno i documenti in regola ma si tratta di un tipo di irregolarità ampiamente tollerato dalle autorità perché su di essa di basano i profitti degli armatori di Mazara del Vallo. Quello dei pescatori è un quadro davvero complesso. In passato, alcuni pescatori sono stati protagonisti di importanti azioni di salvataggio. Ed è davvero sconcertante che alcuni di questi pescatori stiano dovendo subire processi su processi. Abbiamo portato in appello un processo avviatosi ad Agrigento e che, in primo grado, ha visto addirittura la condanna di alcuni pescatori tunisini per favoreggiamento di immigrazione clandestina. La Corte di Appello di Palermo li ha assolti smentendo quanto la Procura di Agrigento aveva surrettiziamente sostenuto per anni nei termini di favoreggiamento dell immigrazione clandestina quando invece si era trattato di un vero e proprio salvataggio in mare. Surrettiziamente perché vi erano prove evidenti che di salvataggio si trattava e che esso era stato svolto sotto gli occhi della Guardia costiera. Nel processo è venuta fuori la contraddizione tra quanto asseriva la Guardia costiera e quanto invece il Ministero dell interno aveva imposto di dire alla guardia di finanza e agli ufficiali di pubblica sicurezza che avevano raccolto le dichiarazioni dei pescatori giunti a Lampedusa. Malgrado queste assoluzioni i pescatori non operano più interventi di salvataggio e si ripetono i casi di migranti lasciati morire in mare, seppure in zone attraversate da navi commerciali e da mezzi militari (come è confermato anche in una recente denuncia del Consiglio d Europa su un caso di omissione di soccorso a carico dell Italia lo scorso anno). 7

10 Loprieno: Quella che ci stai raccontando è davvero una vicenda sconcertante e sconvolgente. Un magistrato insiste a perseguire pescatori tunisini perché rei di aver salvato vite umane? Succede davvero di tutto nel Mediterraneo. Ed è al Mediterraneo come luogo da attraversare e come luogo in cui si muore che vorrei ritornare. Sembra quasi sia diventato un enorme cimitero questo mare. Le cifre sono impressionanti: negli ultimi 20 anni più di persone. E della gran parte di loro non conosceremo mai nulla. Non le loro storie, non i loro nomi, non i loro volti. Sappiamo solo che sono partiti per migliorare le loro condizioni di vita. Vassallo Paleologo: Vero. Continuano a morire persone che dall Algeria e dalla Tunisia cercano di arrivare in Spagna, a Cipro o in Grecia anche dalla Turchia. Le rotte sono tante e dappertutto si muore e ci sono vittime che nessuna cerca. Parlando però con quelli che ce l hanno fatta, con i salvati, si apprende di altre imbarcazioni partite e di cui non si hanno più notizie. In questa fase storica, è difficilissimo parlare di Mediterraneo ed è complicatissimo il quadro interno di tutti i paesi che vi si affacciano compresi Israele, Siria e Turchia. Loprieno: Per l Italia, ma anche per l Europa, era molto più comodo avere a che fare con i sistemi di potere di un Gheddafi o di Ben Alì. Vassallo Paleologo: Certamente lo era. In molti stanno rimpiangendo e rimpiangeranno i vecchi dittatori ed il sistema di potere che essi avevano costruito. Ma si sta anche cercando di mantenere i vecchi accordi, con espulsioni e respingimenti collettivi, anche se l Italia non pratica più, a quanto sembra, i pattugliamenti congiunti con le unità libiche. Adesso, in quei territori vi sono scontri tra gruppi economici internazionali e non a caso in Libia è presente un consistente numero di cinesi. Anche la forza lavoro viene scelta in estremo oriente, in Bangladesh piuttosto in Sri Lanka. La Libia dichiara di avere bisogno di ottocentomila lavoratori per sostituire quelli che sono stati costretti a fuggire a seguito dell intervento armato della Nato. Ognuno di noi conserva il ricordo delle agghiaccianti immagini dei sub sahariani del Mali, della Nigeria, del Gabon, della Sierra Leone, trucidati perché ritenuti, a torto o a ragione, mercenari al soldo di Gheddafi. Chi non è riuscito a fuggire è stato ucciso, o rapinato e le donne sono state violentate. Chi è arrivato in Sicilia racconta di aver lasciato in Libia un certo benessere. Alle persone costrette a fuggire dalla Libia in fiamma 8

11 ed in guerra, l Italia non ha concesso neanche il permesso di soggiorno per motivi umanitari nonostante i continui appelli dell Asgi e di Meeltingpot. Loprieno: Viviamo in un mare di contraddizioni. A tutti livelli, internazionale e comunitario e nazionale, abbondano dichiarazioni, convenzioni, accordi sui diritti universali delle persone umane. Ma per chi sono questi diritti? Chi ne può fruire? Tutti e tutte o solo chi ha la fortuna di avere la cittadinanza comunitaria? Vassallo Paleologo: Sul versante della tutela dei diritti fondamentali della persona umana i clamorosi passi indietro sono stati certamente indotti dalla crisi economica. Le opinioni pubbliche non sono tanto spaventate, come artatamente sobillato per anni, dalla criminalità quanto dalla percezione che la presenza dei migranti possa comportare la riduzione del pochissimo welfare che rimane o che l immigrato possa essere un concorrente su un esangue mercato del lavoro. Si tratta di una percezione manipolata e alimentata sapientemente da alcuni partiti che hanno contribuito fortemente a diffondere xenofobia e chiusura nei confronti dei migranti. Queste stesse forze politiche e sociali non hanno capito che invece le economie hanno una speranza di sopravvivenza alla crisi se e nella misura in cui saranno capaci di includere e di innovare; le economie che si chiudono e che non si rinnovano saranno destinate al fallimento in quanto schiacciate dalla grande finanza internazionale. Loprieno: Si tratta di input che dovrebbero provenire anzitutto dall Unione europea. Ma l Europa non ha mai avuto una particolare attenzione per il Mediterraneo. Se poi l attenzione assume le sembianze di Frontex, c è poco da stare allegri. Vassallo Paleologo: In realtà, Frontex non è solo nel Mediterraneo ma anche negli aeroporti internazionali o al confine orientale. La presenza di Frontex nel Mediterraneo centrale è sempre stata assolutamente simbolica tanto che, fortunatamente dal mio punto di vista, essa non ha condotto nessuna operazione di respingimento. I mezzi impiegati da Frontex si sono limitati all invio di funzionari comunitari, in giacca e cravatta, a Lampedusa con 42 gradi ad arrostire al sole con la loro pelle bianca di polacchi o sloveni. L istituzione dell agenzia Frontex è stata soprattutto una operazione ideologica e mediatica ma è anche molto 9

12 servita al governo italiano per dire che le porcherie le faceva in collaborazione con Frontex. Quando parlo di porcherie intendo i respingimenti collettivi verso la Libia del 2009 per i quali l Italia è sotto processo alla Corte europea nel caso Hirsi e altri c. Italia. Siamo in attesa di una decisione che stenta ad arrivare e questo non è affatto un bene perché quantomeno le due corti europee (la Corte di Giustizia e la Corte europea dei diritti umani) dovrebbero celermente rispondere alle domande di giustizia che provengono dall Italia e dagli altri paesi 1. Questo mi fa ritornare al punto di partenza della nostra conversazione ed esattamente alla rilevanza del diritto costituzionale perché ripropone l importanza degli strumenti di tutela dei diritti fondamentali delle persone. Loprieno: Cosa è cambiato nelle dinamiche dei gruppi che approdano in Sicilia? Vassallo Paleologo: Negli anni immediatamente successivi al 2000, arrivavano soprattutto sudanesi. Poi vi è stata la fase della fuga dal Corno d Africa e quindi Eritrea, Etiopia e Somalia. Nel ciclo degli arrivi e delle partenze giocano un ruolo importante l apertura e la chiusura dei flussi legali di ingresso. Ad esempio, negli anni molti nigeriani e ghanesi hanno potuto regolarizzarsi grazie all apertura di canali di ingresso legali che erano o regolarizzazioni camuffate o veri e propri flussi di ingresso. Negli ultimi due anni, la chiusura ha riguardato anche richiedenti asilo e minori non accompagnati, tenuti in quarantena fino al raggiungimento della maggiore età per poterli espellere più rapidamente. Gli ultimi arrivi sono caratterizzati da una forte presenza di persone in fuga dal Nord africa: egiziani, tunisini, algerini, marocchini. La fase attuale poi deve essere analizzata e studiata anche dal punto del diritto internazionale. Per effetto degli accordi e dei materiali forniti dall Italia alla Libia prima ed alla Tunisia dopo, vi è sostanzialmente una collaborazione di polizia in acque 1 Nelle more della pubblicazione della rivista, la Corte Europea dei Diritti Umani si è pronunciata il 23 febbraio del 2019 sul caso richiamato dal Prof. Vassallo Paleologo. In particolare, la Corte europea all'unanimità ha ritenuto l'italia colpevole di aver intercettato in acque internazionali i cittadini eritrei e somali e di averli ricondotti nella Libia del colonnello Gheddafi il 6 maggio del In un solo colpo, le autorità italiane sono riuscite a violare i principi del non- refoulement, del divieto di trattamenti inumani e degradanti, il diritto a un ricordo effettivo nonché il divieto di espulsioni collettive. 10

13 internazionali con la segnalazione delle imbarcazioni subito dopo la partenza; le nostre unità, quindi, cercano di far intervenire le unità libiche o tunisine in modo da evitare il trasbordo dei migranti sulle nostre imbarcazioni e non sporcandosi direttamente le mani. È questione nota anche ai non tecnici del diritto che quando un cittadino straniero sale su un natante battente bandiera italiana è come se entrasse sul territorio nazionale e gode del diritto di essere sbarcato in un luogo o porto sicuro oltre che del godimento di diritti proclamati dalla Convenzione europea dei diritti umani. Esiste anche un principio del diritto internazionale del mare secondo cui l imbarcazione che prende a bordo una persona ha il diritto/dovere di sbarcarla in un luogo sicuro. Fino a quando resterà sull imbarcazione è come se fosse nello Stato di cui batte bandiera il natante e dovrebbe essere obbligata a rispettare la Cedu. Loprieno: L Africa sembrerebbe un continente in fuga. Vassallo Paleologo: Si. E questo perché anche le speranze di trasformazione e di rilancio economico sono state messe a dura prova in questi ultimi mesi. Sono stato a Tunisi a fine settembre prima delle elezioni ed il clima era pesante: nessuna esultanza o manifestazione di gioia per le strade. I fatti di questi ultimi mesi al Cairo ci fanno capire che la rivoluzione democratica è fallita ed è in corso uno scontro di poteri tra le diverse componenti della società musulmana. Loprieno: Cosa intendi per rivoluzione democratica? Non trovi sia un ossimoro? Vassallo Paleologo: Intendo quella portata avanti da ragazzi e ragazze giovani e giovanissimi che, in qualche modo, si sono ispirati anche ai nostri modelli di democrazia. Non è certo questione di esportarla questa democrazia ma certamente i principi del costituzionalismo democratico esercitano un fortissimo appeal sulle giovani generazioni nordafricane. Mi ha fatto un certo effetto vedere nelle strade di Tunisi donne velate o di sera vedere le strade vuote. Nel Sud della Tunisia e nelle periferie ci sono situazioni che non avresti mai immaginato di trovare anche solo un anno fa. 11

14 Loprieno: I migranti con i quali hai parlato, che hai conosciuto e difeso, che idea hanno del Mediterraneo? Vassallo Paleologo: È impossibile generalizzare. Alcuni cercano di dimenticarlo per sempre. Chi arriva dall estremo oriente e il mare non lo ha mai visto afferma spesso che non vorrà rivederlo mai più. Chi arriva dal nord Africa conserva, sovente, del mare di mezzo l idea di un luogo di scambio e di passaggio perché magari i suoi genitori, tra gli anni Sessanta e Ottanta, vivevano e lavorano in Sicilia e potevano fare e rifare quel viaggio senza bisogno di particolari documenti. Penso agli insediamenti di Mazzara del vallo ed alle terze generazioni di tunisini e marocchini. Certo per un tunisino che abita a cento km dalle coste siciliane, l attraversata del Mediterraneo è cosa ben diversa rispetto a un nigeriano o a chi proviene dal Bangladesh per i quali spesso quel viaggio è il viaggio della vita, un viaggio che può essere pagato una sola volta. A meno di non ottenere un permesso di soggiorno che è cosa quasi impossibile per chi quel viaggio lo fa con una barca scassata o una vecchia carretta. Loprieno: Qual è il ruolo della criminalità organizzata, se c è, nella gestione dei flussi, nell utilizzo come forza lavoro irregolare ma anche nella gestione di queste ultime entità di accoglienza dalla irrisolta natura giuridica? Penso ai Cie temporanei o ai simil-cara aperti in Calabria. Vassallo Paleologo: Per quanto riguarda l accoglienza mi pare che la situazione in Sicilia sia diversa rispetto a quella calabrese. Ho visitato molti campi per stranieri, anche situati in zone tradizionalmente controllate dalla mafia, e tutto può dirsi quanto alla loro inefficacia ed inefficienza ma non ci sono elementi che attestino una qualche forma di presenza della criminalità organizzata. Ad esempio, Palma di Montechiaro ospita tre comunità per minori stranieri non accompagnati ed è ben noto che si tratta di una capitale della criminalità organizzata siciliana. Sempre a Palma di Montechiaro hanno anche arrestato alcuni scafisti stranieri che gestivano anche la sosta a terra, utilizzando dei capannoni di proprietà del sindaco, ed ubicati in riva al mare. Il sindaco era assolutamente all oscuro di tutto. Piuttosto, anche in Sicilia nel settore della intermediazione non ufficiale del lavoro agricolo c è un avvicinamento tra la sfera mafiosa e la sfera della gestione della manodopera irregolare. I quadri intermedi sono composti da immigrati ed i caporali spesso sono di nazionalità marocchina. Siamo però 12

15 distanti dalle situazioni della Piana di Rosarno anche se a dirla tutta la zona di Pachino, quella del pomodorino, è l unica che può essere comparata per certi aspetti a certe zone della Calabria. Nel resto della Sicilia, i migranti e le migranti sono impiegati nel settore dei servizi ma soprattutto svolgono lavoro di assistenza domestica. Sono moltissime le badanti anche comunitarie (prevalentemente dell Est) che certamente non hanno gli stessi problemi delle loro colleghe extracomunitarie pur vivendo nelle stesse loro condizioni di sudditanza. L altro problema che però ha un caratura nazionale concerne l incidenza della criminalità organizzata nei settori più lucrosi del mercato dell immigrazione: donne e minori non accompagnati e molto spesso donne minorenni da avviare alla prostituzione. In questo settore vi sono certamente reti di criminalità organizzata. È peraltro indicativo che, in alcuni casi, lo sfruttatore o chi ha trafficato e trattato la donna approfitti ancora una volta di lei facendosene scudo per avere una sorta di passaporto di ingresso e, quindi, potersi accreditare come componente di un nucleo familiare. Per fortuna, è accaduto che alcune donne a distanza di mesi hanno trovato il coraggio di denunciare la situazione. Loprieno: È plausibile parlare di contatti tra reti criminali mediterranee? Vassallo Paleologo: Nel caso di cui abbiamo appena parlato direi di no. Infatti, la rete criminale che gestiva il passaggio dalla Libia era composta quasi esclusivamente da nigeriani. Anche se negli ultimi tempi, Gheddafi ne aveva fatto arrestare qualcuno per dimostrare all Europa di rispettare gli accordi e contrastare e combattere l immigrazione clandestina, i gruppi di nigeriani in Libia sono stati definitivamente smantellati nel corso della guerra e della caduta del regime. Nuovi gruppi criminali di nigeriani si starebbero ricostituendo nelle zone quasi extraterritoriali al confine tra la Libia e l Egitto e tra la Libia e la Tunisia, una striscia di deserto che è quasi una terra di nessuno. Situazioni simili si riscontrano al confine tra Algeria e Marocco; ad esempio, vicino alla città di Oujda, situata all estremità orientale del paese confinante con l Algeria, le autorità marocchine si sbarazzano dei migranti in condizioni di irregolarità semplicemente buttandoli verso il confine. I richiedenti asilo non subiscono certo un trattamento diverso e migliore visto che i documenti loro rilasciati dall Achnur sono considerati carta straccia. I paesi del nord Africa 13

16 hanno logiche espulsive molto violente che si traducono nell abbandono delle persone in zone che sono terra di nessuno ove predoni, trafficanti e gruppi armati possono insediarsi. I nigeriani sono sicuramente presenti lungo i confini tra Libia, Tunisia, Algeria e Marocco. Loprieno: Credi che Cosa nostra abbia a che fare con questi gruppi? Vassallo Paleologo: Credo di no. Cosa nostra ha affari più lucrosi da curare. Potrebbero esserci contatti per quanto riguarda la prostituzione ma una volta che le vittime siano già arrivate sul territorio. Peraltro, la prostituzione che rende di più è quella bianca proveniente dai paesi dell Est (Moldavia, Romania, Ucraina) e non certo quella proveniente dal nord Africa. Loprieno: Nella rete internazionale dei traffici lo sfruttamento della manodopera sta acquisendo una rilevanza centrale. Vassallo Paleologo: Certamente sì ma non qui, in Sicilia. Sommando tutti i migranti presenti nelle nove province siciliane, il loro numero resta inferiore al numero di immigrati nella provincia di Brescia. Ed è completamente diverso il mercato del lavoro. Se nei cantieri del nord Italia lavorano prevalentemente migranti, qui muratori e carpentieri sono soprattutto siciliani. Anche nel lavoro agricolo, vi è una fortissima prevalenza di siciliani. Loprieno: Mi piacerebbe ritornare sulla questione a cui accennavi prima a proposito delle violente politiche espulsive poste in essere nei paesi del Nord africa. Anche questo modus operandi mi pare funzionale ai desideri dell Europa che ha chiesto e continua a chiedere ai paesi del nord Africa di fungere da cane di guardia del proprio territorio. Vassallo Paleologo: L Europa ha chiesto ed ottenuto tutto ciò con lo strumento degli accordi bilaterali che, messi in dubbio durante le concitate fasi della primavera araba, ora sono stati rinnovati. Anche l ultimo governo Monti ha rinnovato, in tutti i suoi termini, l accordo bilaterale con la Libia che, peraltro, è stato denunciato a livello europeo in quanto contrario ai diritti umani. Si può ignorare il fatto che la Libia non ha mai aderito alla Convenzione di Ginevra sul riconoscimento dello status di rifugiato? Il Consiglio nazionale transitorio, da parte sua, 14

17 non garantisce nessuno standard di protezione dei diritti umani né dei migranti né dei libici che non siano schierati con i vincitori. È certamente in corso, in Libia, uno scontro di potere all interno del Consiglio dall esito incerto. In questa fase così delicata e concitata, l unico interesse della politica estera italiana è stato quello di mantenere inalterati i rapporti bilaterali con i libici. Questa scelta di politica estera si muove in linea di assoluta continuità con il passato: già a fine luglio del 1998, l allora Ministro degli Interni Napolitano, firmava a Tunisi un accordo che individuava nella cooperazione bilaterale lo strumento centrale anche per la esternalizzazione della frontiera e dei controlli, ivi inclusi i sistemi di detenzione. Vorrei ricordare che in quegli accordi già si prevedeva l apertura di tre centri di accoglienza con una capienza di 500 posti per gli immigrati espulsi dall Italia e accompagnati in Tunisia. Loprieno: Dei migranti che hai difeso in questi anni, qualcuno ti ha lasciato una ferita non rimarginata? Vassallo Paleologo: Tante sono le ferite non rimarginate e talvolta anche sanguinanti. Potrei raccontare tante vicende dolorose e che quasi ti gettano nello sconforto. Qualche mese fa, a Trapani, abbiamo presentato ricorso contro il diniego alla richiesta di asilo da parte di un giovane tunisino con relativa richiesta di sospensione. La Questura di Trapani si è lanciata in una vera e proprio opera di interpretazione creativa del diritto: ha effettuato l accompagnamento coattivo alla frontiera senza aspettare la pronuncia del giudice interpretando la mancata risposta come un diniego della richiesta di sospensione del provvedimento. Se il personale addetto alla tutela dell ordine pubblico ritiene di poter inventare nuovi istituti laddove questi non possono esistere atteso, a voler tacere d altro, che è sempre un giudice a dare l assenso allora vengono meno una serie di principi all origine dello Stato moderno di diritto: il principio di legalità ed il principio della separazione dei poteri. È oltremodo irritante verificare come negli Uffici immigrazione o nei Centri di identificazione le forze di polizia e le autorità amministrative applichino le leggi ed i regolamenti con una discrezionalità totale sì che tra quanto astrattamente proclamato dalla legge e quanto si verifica nella prassi la distanza è siderale. A tutto discapito, ovviamente, del regime delle libertà personali e della dignità dei migranti. Ho provato una sensazione simile nella Grecia dei 15

18 colonnelli. Era il 1972 e sapendo che dentro certe caserme venivano trattenuti e torturati i dissidenti e gli oppositori politici, trovavo persino insopportabile passare le vacanze in quel paese. Ora per gran parte delle persone è normale vivere in un paese dove le garanzie democratiche valgono soltanto per alcuni e non per tutti. Loprieno: La questione da te sollevata circa la discrezionalità con cui le forze di polizia e le autorità amministrative applicano le leggi è davvero dirimente ed è insopportabile per chi abbia a cuore i valori delle democrazie costituzionali. Di fronte a un simile abominevole arbitrio a essere rimessa in forse ed in gioco è la qualità della democrazia costituzionale stessa. Inevitabilmente ritorna alla mente l insegnamento di Foucault quando invitava a osservare il diritto non come legittimità da stabilire, ma dal punto di vista delle tecniche di assoggettamento che esso mette in opera. Assunta questa prospettiva, lo sguardo deve appuntarsi non al meccanismo generale ma al potere nelle sue estremità e terminazioni più periferiche, più locali. L attenzione deve centrarsi laddove il potere scavalca le regole del diritto che lo organizzano e delimitano dandosi tecniche e strumenti di intervanto materiali che possono anche essere violente. L invito del filosofo era quello di guardare al potere nell estremità sempre meno giuridica del suo esercizio, dove produce effetti reali, sui corpi dove le procedure assoggettano i corpi, i corpi sono stigmatizzati, sorvegliati, controllati, nascosti, eventualmente puniti o messi a morte. E quando Foucault parla di messa a morte non intende solo o necessariamente la soppressione fisica degli individui, ma anche tutto ciò che può essere morte indiretta. Vassallo Paleologo: La violenza sui corpi di cui mi parli passa quasi sotto silenzio e ciò mi angoscia. Anche queste sono ferite che stentano a rimarginarsi. Parlo delle sistematiche punizioni fisiche alle quali sono soggetti gli immigrati quando si ribellano o quando rifiutano il cibo o quando hanno uno scatto di nervi: vengono isolati, circondati, spogliati nudi e picchiati. È cronaca di questi giorni, come le violenze verificate nei CIE di Trapani e di Gradisca di Isonzo. E questo avviene in maniera sistematica con varianti come l esposizione al freddo, d inverno, magari con abiti bagnati o l isolamento in celle che sono luoghi di tortura perché piccolissime e senza aria a sufficienza, in estate, per poter respirare liberamente. Questo e molto altro accade qui, intorno e vicino a noi, a Trapani come a Palermo o a Bari o a Gradisca di Isonzo. I 16

19 migranti che hanno subìto questo tipo di violenza quasi sempre lasciano capire cosa è loro successo ma, al contempo, ti chiedono quasi di tacere: io mi racconto, ma tu non denunciare perché potrebbe accadermi di peggio. Persino a Mineo e, dunque, in un centro di accoglienza per richiedenti asilo ci sono stati, nell estate del 2011, casi di pesanti pestaggi da parte della polizia. Le vittime, da noi subito fatte arrivare a Palermo, asserivano di avere immagini dei pestaggi sul telefonino, recavano segni fisici accertati dai medici inequivocabilmente derivanti da manganelli. Poi, però, al momento di formalizzare la denuncia, e pur soggiornando in una struttura di sicurezza a Palermo, non sono stati in grado di proseguire nell azione perché i migranti sanno che il loro futuro è sotto l arbitrio dell autorità di pubblica sicurezza. Denunciare oggi, per un migrante, potrebbe significare trovarsi di fronte agli stessi agenti denunciati o ai loro compiacenti colleghi tra qualche anno. Loprieno: Il tuo racconto ci ha fatto venire alla mente i trattamenti disumani e crudeli che Don Cesare Lodeserto ed il suo staff riservavano ai trattenuti all interno dell allora CPT di San Foca di Melendugno ed oggetto di numerosissimi procedimenti giudiziari. Le cose che tu oggi racconti e che sono facilmente reperibili sulla rete solo a volerle sapere sono troppo simili a ciò che accadeva dieci anni fa. Non solo non è cambiato nulla ma ho la sensazione sgradevolissima che le cose siano peggiorate essendo diventate così generalizzate le violenze da essere considerate normali. Vassallo Paleologo: A fine dicembre del 2011, esattamente tra lo notte del 28 e del 29, sono trascorsi dodici anni dalla strage del rogo del Serraino Vulpitta in cui morirono (arsi vivi) subito tre tunisini ed altri tre, gravemente ustionati, nei mesi successivi. Io visitai il Vulpitta qualche settimana prima dell incendio ed il clima che si respirava era tesissimo. Il sovraffollamento, così come accade nelle carceri oggi, contribuiva in maniera determinante a rendere invivibile una situazione ove spesso l unico modo che le forze di polizia hanno per fare rispettare l ordine e per farsi rispettare è picchiare, picchiare duro. L idea che deve passare e che deve regolare il tutto è che non conviene ribellarsi perché le punizioni andranno ben oltre le previsioni regolamentari. Negli istituti penitenziari accadono cose simili ma non è la stessa cosa. Nelle carceri quantomeno ci sono giudici di sorveglianza, avvocati che entrano ed escono, le famiglie che fanno i colloqui. Resta certamente 17

20 vero che gli stranieri in carcere subiscono trattamenti differenziati rispetto ai loro colleghi italiani. Ultimamente sta emergendo una nuova strategia punitiva nei riguardi dei migranti: forze dell ordine ma anche vigili urbani in qualche modo contestano ai migranti il reato di violenza e lesione anche in maniera assolutamente surrettizia: la lesione del metacarpo è da intendere come il risultato di un pungo sferrato dall agente allo straniero piuttosto che la conseguenza di una reazione violenta del migrante. Di un caso simile ci occupando proprio in questo periodo qui a Palermo. Si tratta di vicende inquietanti perché sono il sintomo evidente di una cultura diffusa tra le autorità di pubblica sicurezza che colpisce non solo gli immigrati ma tossicodipendenti, giovani donne, ubriachi. Soggetti deboli nei cui confronti la polizia usa violenza gratuitamente. E ancora una volta ritornano il diritto costituzionale ed i suoi principi. Il quarto comma dell art. 13 della nostra Costituzione, quello interamente dedicato alla libertà personale, espressamente recita che è punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizione di libertà. Credo sarebbe una buona idea stampare questo principio così cristallino su adesivi da attaccare in ogni volante, in ogni caserma, in ogni luogo ove la libertà personale è limitata. Simili atteggiamenti violenti della polizia sono considerati assolutamente nella norma in nord Africa ed è terribile l attonita sorpresa che coglie i migranti quando subiscono abusi: non potevamo immaginare che qui funziona come da noi. Molti dei tunisini giunti a Lampedusa dopo la rivoluzione dei gelsomini si guardavano attorno quasi inebetiti perché non si aspettavano che la polizia italiana li avrebbe trattati in questo modo. Loprieno: E, nonostante tutto questo, il Mediterraneo è continuamente attraversato da chi è alla ricerca di migliori condizioni di vita. Vassallo Paleologo: Il numero degli sbarchi è comunque molto diminuito. Nell ultimo anno è stato come assistere a un fenomeno eruttivo, seguito prima da una scia sismica, poi da una lavica e poi dalla calma. Se le regole resteranno le stesse, se gli accordi bilaterali resteranno quelli che sono e se l Europa continuerà a pagare per la detenzione dei migranti irregolarmente presenti, gli stati di partenza e di approdo continueranno a privilegiare il blocco delle persone rispetto alla loro valorizzazione anche come soggetti potenzialmente in grado di far arrivare nei paesi di origine risorse finanziarie importanti. Sembra, 18

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

YET S O F A R F R O M SAF E T Y

YET S O F A R F R O M SAF E T Y UNHCR / A. D Amato YET S O F A R F R O M SAF E T Y 70.000 59.000 60.000 26.300 9.700 22.500 165.000 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Totale di arrivi via mare MEDITERRANEO RIFUGIATI E MIGRANTI RISCHIANO

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota.

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 10 ottobre 2014 (OR. en) 14141/14 NOTA PUNTO "A" Origine: Destinatario: Oggetto: presidenza Consiglio JAI 765 ASIM 88 FRONT 215 RELEX 826 COMIX 544 Progetto di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA. Contributi di Istituti di ricerca specializzati

XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA. Contributi di Istituti di ricerca specializzati XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA Contributi di Istituti di ricerca specializzati Settembre 2005 XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LI12 SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO SOCIALE Tema di: DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

I MINORI NON ACCOMPAGNATI

I MINORI NON ACCOMPAGNATI I MINORI NON ACCOMPAGNATI Qualche dato Negli ultimi 7 anni i minori stranieri non accompagnati segnalati in Italia sono stati oltre 50 mila, con una media annuale di circa 7700 minori. La maggior parte

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli