PROGETTO PRELIMINARE: Dimensionamento impianto integrato gassificazione digestione anaerobica sui comuni del Parco Nazionale della Sila

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO PRELIMINARE: Dimensionamento impianto integrato gassificazione digestione anaerobica sui comuni del Parco Nazionale della Sila"

Transcript

1 Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Scienze e Metodi dell Ingegneria PROGRAMMA LIFE + Environment Policy and Governance 2008 LIFE 08 ENV/IT/ HYSYDE Reseach Group In collaborazione con: A.L.E.S.S.CO. srl - COSENZA PROGETTO PRELIMINARE: Dimensionamento impianto integrato gassificazione digestione anaerobica sui comuni del Parco Nazionale della Sila Via Amendola 2, Pad. Morselli Reggio Emilia Tel ; Fax

2 Indice 1 Introduzione Impianto di riferimento analizzato Composizione merceologica dell RSU preso a riferimento per l analisi Strumento di calcolo utilizzato nell analisi: il Biomass Management Tool Dimensionamento dell impianto di riferimento per i casi considerati Conclusioni Bibliografia Appendice

3 1 Introduzione All interno del progetto europeo LIFE RELS è stato effettuato lo studio di impianti eco compatibili per il recupero energetico da rifiuti come gassificatore e digestore anerobico in contrapposizione alla tecnologia impiantistica della combustione diretta più comunemente utilizzata. Di tali soluzioni impiantistiche sono stati creati i modelli numerici a parametri concentrati e distribuiti per poterne prevedere le prestazioni in termini di recupero energetico, con produzione di energia elettrica e termica, ed emissioni inquinanti. Un volta tarati i modelli numerici sulla base di studi presenti in letteratura e impianti esistenti è stata applicata questa metodologia per studiare e valutare il potenziale recupero energetico dei rifiuti prodotti all interno del Parco Naturale della Sila, quindi in un area verde protetta e soggetta a limiti restrittivi in termini emissioni e smaltimento dei rifiuti. I risultati delle simulazioni numeriche, sono stati utilizzati per il dimensionamento di un impianto integrato gassificatore e digestore, in grado di ottimizzare l efficienza di conversione dell energia globale dell impianto limitando in modo significativo l impatto ambientale. In particolare, oltre all utilizzo del bio-gas e syn-gas prodotti nella digestione anaerobica e nella gassificazione in un motore a combustione interna per la produzione di energia elettrica, è stato valutato sia il completo riutilizzo dell energia termica per il corretto funzionamento dell impianto stesso, sia un impianto di recupero dei fanghi e delle acque di processo in modo da limitare anche il consumo di acqua del sistema. Infine, sono stati valutate diverse taglie dell impianto, in modo da investigare la possibilità di realizzare un impianto unico al servizio dell intero Parco o di più impianti tarati sulle esigenze dei singoli comuni all interno del Parco stesso. 2 Impianto di riferimento analizzato L impianto preso a riferimento per la presente analisi è basato sull integrazione del processo di digestione anaerobica e di gassificazione e sul recupero dei fanghi e delle acque di processo dell impianto stesso. Sono state considerati diverse soluzioni impiantistiche al fine di valutare una configurazione tarate sulle esigenze di un unica isola ecologica al servizio dell intero Parco Nazionale della Sila oppure tarato su singole 3

4 isole ecologiche per ciascuno dei suoi comuni presenti all interno dei territori del Parco. Obiettivo dell analisi è ottimizzare il recupero energetico, ridurre le emissioni di gas effetto serra e la sostenibilità ambientale in aree sensibili come quelle di Parco di grosse dimensioni. L impianto può ricevere in ingresso la Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani (FORSU), fanghi di depurazione, deiezioni animali, la frazione combustibile dei Rifiuti Solidi Urbani(RSU) e biomasse vegetali. Gli output sono il syngas e il biogas utilizzati per alimentare un motore a combustione interna (MCI), con la conseguente produzione di energia elettrica, l energia termica per l auto-sostentamento dell impianto, i fertilizzanti che derivano dalle scorie umide del gassificatore e l acqua distillata ottenuta attraverso un processo di osmosi inversa disidratando i fanghi biologici. Figura 1. Flow chart dell impianto integrato di digestione anaerobica e gassificazione Come si può osservare dal flow chart di Figura 1, dallo schema operativo di Figura 2 e dal diagramma a blocchi dei flussi (Fig. 3), il sistema è composto da 4 macro-fasi: gassificazione, digestione, recupero energetico e osmosi. Dopo un primo pretrattamento, i fanghi da depurazione, la FORSU e le deiezioni animali sono miscelate e caricate all interno di un digestore, dopo circa 26 giorni di reazioni batteriche, i fanghi sono disidratati e successivamente essiccati. La parte secca è convogliata verso il gassificatore mentre la parte liquida può essere utilizzata nel processo per la produzione di acqua distillata. Gli input del gassificatore, oltre ai fanghi essiccati, sono la frazione combustibile degli RSU e, dopo un trattamento di essiccamento, biomasse vegetali. 4

5 Figura 2. Schema operativo impianto integrato digestione-gassificazione (layout courtesy of SIMAM SpA - Senigallia) Il syngas e il biogas accumulati in un gasometro alimentano un motore a combustione interna. Un alternatore connesso con il MCI produce energia elettrica mentre il calore scambiato ad alta e bassa temperatura è utilizzato in processi che permettono l autosostentamento dell impianto, come il riscaldamento del reattore del digestore oppure l essiccamento dei fanghi. Le acque madri ottenute dai fanghi biologici possono dopo trattamenti di micro, ultra e nano filtrazione e infine osmosi inversa essere convertite in una soluzione ammoniacale e in acqua distillata che è possibile rivendere e contribuire in maniera positiva al bilancio dell impianto. Lo scarto da gassificazione, ovvero le scorie umide, a seconda delle caratteristiche e della tipologia degli input possono essere o utilizzate come fertilizzante oppure smaltite in discarica. 5

6 Tale sistema può adattarsi a varie taglie impiantistiche e servire dal piccolo paese (escludendo eventualmente alcune componenti dell impianto), al grande comune [1]. Figura 3. Diagramma a blocchi dei flussi dell impianto integrato di digestione anaerobica e gassificazione 6

7 3 Composizione merceologica dell RSU preso a riferimento per l analisi Come base di partenza per una corretta stima delle dimensioni e caratteristiche dell impianto, l analisi è stata basata sui dati messi a disposizione da ALESSCO [2], relativi ai comuni del Parco Nazionale della Sila e da Lab&Lab, relativi alla composizione dell RSU nella regione Calabria (fonte PRGR2007)[3]. Tabella 1. Dati ALESSCO sull analisi comuni del Parco Nazionale della Sila Comuni Area Parco Media abitanti ISTAT 100,229 abitanti serviti 89,755 totale RSU (t/anno) 44,999 totale RD (t/anno) 7645 totale R indif. (t/anno) 37,116 produzione procapite (kg/anno) 501 raccolta differenziata (%) 17.0 ingombranti non avviati al recupero (t/anno) 238 Tabella 2. Dati Lab&Lab sulla composizione merceologica percentuale dell RSU nella regione Calabria (fonte PRGR 2007) MERCEOLOGIA Valore medio % Sostanze organiche putrescibili Materie plastiche di grosse dimensioni Materiali cellulosici di grosse dimensioni Materiali vetrosi, ceramiche, pietre 5.89 Materiali tessili e legno 4.67 Metalli 4.21 Sottovaglio

8 L obiettivo prefissato è quello di tarare questo impianto sulle dimensioni di un isola ecologica capace di trattare 10,000 t/anno. Per la taratura di un impianto di questo genere, una corretta analisi degli input è fondamentale, per tale ragione sono stati ipotizzati 4 differenti scenari di progettazione che possano soddisfare gli input caratteristici stabiliti nel progetto iniziale dell impianto (fanghi di depurazione, deiezioni animali, FORSU, frazione combustibile RSU, biomassa vegetale) come riassunto in tabella 3. Tabella 3. Riassunto scenari di progetto ipotizzati Nello scenario 1 al FORSU sono associate tutte le sostanze organico putrescibili e il 71% del sottovaglio, tale percentuale non è niente di più del contenuto organico che si trova in termini di valori medi nel sottovaglio dell RSU. I fanghi di depurazione sono calcolati facendo la proporzione su dati statistici tra il numero di persone che produce 10,000 t/a di RSU e i fanghi di depurazione prodotti da 10,000 persone/anno. Per questo scenario gli input del gassificatore sono: materiali cellulosici di grosse dimensioni, legname e tessuti, che vengono considerati già secchi ( umidità inferiore al 5%), e infine la parte 8

9 essiccata dei fanghi. Nello scenario 2 non sono considerati i fanghi di depurazione come input per il reattore di digestione anaerobica. Lo scenario 3 considera un umidità residua dei materiali cellulosici di grosse dimensioni, del legname ed infine dei tessuti superiore al 10% e perciò è necessario sottoporre questi input ad un pre-trattamento di essicazione attraverso il ricircolo dei gas di scarico. In ultimo, nello scenario 4 si presuppone che i materiali cellulosici di grosse dimensioni siano avviati al recupero e perciò non vengono considerati come input per il gassificatore. 4 Strumento di calcolo utilizzato nell analisi: il Biomass Management Tool Al fine di simulare in maniera corretta le prestazioni del digestore e del gassificatore è stato utilizzato il Biomass Management Tool, strumento di simulazione e calcolo creato all interno del laboratorio del HySyDe Research Group,. DISMI Università di Modena e Reggio Emilia. In questo software sono stati integrati i modelli numerici di simulazione creati all interno del progetto RELS in modo tale da poterli utilizzare come strumento per verificare quale sia il modo migliore per il recupero energetico ed al tempo stesso più eco-compatibile le biomasse, e l RSU prodotto nei comuni dei parchi naturali [1]. Il software si rivolge ad utenti che possono essere sia privati che abbiano a disposizione un determinato quantitativo di biomasse da gestire, sia amministrazioni locali che debbano trattare un insieme più complesso di RSU e biomasse. Per alcuni tipi di biomasse è inoltre interessante valutare la differenza di emissioni prodotte con un trattamento specifico della biomassa stessa o con la combustione a cielo aperto. A tal fine, nel codice è stato implementato uno specifico database con indicazioni delle emissioni tipiche di alcune biomasse in caso di combustione dirette a cielo aperto. Gli input di questo modello numerico possono essere di due macrospecie a seconda del livello di dettaglio della composizione della biomassa a disposizione dell utente: CDR o biomasse specifiche. L utente può inserire le singole quantità delle componenti dell RSU 9

10 ricevute da un isola ecologica in frazioni di massa o in peso effettivo (rifiuti organici da alimentari, carta, plastica, tessuto, legnami, vetro, sottovaglio, metalli, ceneri e roccia). Figura 4. Schema riassuntivo del Biomass Management Tool relativo agli input da CDR; Il tool attraverso apposite schede di valutazione calcola qual è la soluzione impiantistica più adatta (gassificazione, digestione e combustione) a seconda che i rifiuti siano ricevuti tali quali o pretrattati e tenendo conto dei target prefissati dall utente: alta quantità smaltita, elevata potenza motore, elevato rendimento elettrico, elevato rendimento termico, dimensione (kw/m 2 ), contenimento emissioni, contenimento costo stimato, contenimento impatto ambientale e contenimento sottoprodotti riciclabili. Inoltre l utente può valutare le capacità ricettive delle singole tecnologie impiantistiche ripartendo le categorie di rifiuto fra ciascun impianto o anche frazionando una stessa tipologia di rifiuto in quantità differenti tra i diversi impianti [4]. Figura 5. Schema riassuntivo del Biomass Management Tool relativo ai risultati ottenuti dalla matrice di screening Nel caso l utente disponga di un livello più dettagliato della composizione delle biomasse, provenienti da parco naturale, che si intende utilizzare per il recupero 10

11 energetico, ovvero si conoscano le quantità annue provenienti da scarti forestali, rifiuti zootecnici, sottoprodotti dell agricoltura, rifiuti organici come fanghi di depurazione e scarti da lavorazioni alimentari, tali quantità possono essere inserite direttamente ed si può accedere direttamente ai risultati [5]. Figura 6. Schema riassuntivo del Biomass Management Tool relativo agli input delle biomasse; Per ciascuna tipologia di impianto il tool mette a disposizione una schermata riassuntiva delle grandezze più importanti ai fini di determinarne le prestazioni e l impatto ambientale. Nella schermata di risultati del digestore vengono riassunte le quantità annue in ingresso al reattore. L utente può stabilire un numero di ore annue di esercizio dell impianto. Il modello numerico fornisce come risultato la quantità in Nm 3 del biogas prodotto, la potenza del motore a combustione interna connesso al digestore e la relativa energia elettrica prodotta. Nello schema riassuntivo vengono inoltre calcolati alcuni indici di risparmio energetico come il petrolio risparmiato nella produzione equivalente di energia, le emissioni di CO2 evitate e una stima del numero di abitazioni che possono essere servite dall energia elettrica o termica prodotta da questa tipologia di impianto. Infine il tool calcola le dimensioni e il numero dei reattori necessari alla realizzazione del processo. 11

12 Figura 7. Schema riassuntivo del Biomass Management Tool dei risultati del modello numerico da digestore; Per quanti riguarda il processo di gassificazione, si possono scegliere anche altri parametri operativi del sistema, quali le ore di utilizzo, il rapporto di equivalenza del gassificatore (maggiore è tale parametro e maggiore è la produzione di syngas) e infine il valore di umidità iniziale della biomassa (parametro che va a incidere sul processo iniziale di essiccamento [6]). Figura 8. Schema riassuntivo del Biomass Management Tool relativo alla scelta parametri tecnici per la simulazione del gassificatore Un volta stabilite queste specifiche tecniche il programma fornisce una tabella riassuntiva dei risultati pertinenti a ciascun livello di umidità. Nei risultati, oltre ad essere forniti gli indici di risparmio energetico e relativi alle emissioni inquinanti così come già visti anche nel digestore, vengono calcolate le 12

13 caratteristiche del syngas prodotto in termini di resa, LHV, portata, composizione (CO2, CO, H2, CH4, N2, H2O e SO2), e temperatura di equilibrio della reazione all interno del gassificatore [7]. Infine vengono riassunti i principali indici prestazionali del motore a combustione interna ad esso connesso e ovviamente la potenza effettiva del motore e la resa in termini di energia elettrica prodotta [8]. Figura 9. Schema riassuntivo del Biomass Management Tool relativo ai risultati del modello numerico del gassificatore Come menzionato precedentemente, al fine di confrontare l impatto ambientale di un sistema di gassificazione o digestione con una soluzione di combustione diretta a cielo aperto, nel biomass management tool è stato inserito uno modello per la valutazione della combustione open burning [9]. Nel tool sono riportati, infatti, i principali inquinanti che una combustione all aria aperta comporterebbe rispetto allo smaltimento controllato attraverso uno tra gli impianti simulati nel tool. I principali prodotti nocivi stimati dal modello numerico sono CO, SO2, PM, NO, TOC da metano e TOC non da metano [10]. 13

14 Figura 10. Schema riassuntivo del Biomass Management Tool relativo ai risultati dell open-burning 5 Dimensionamento dell impianto di riferimento per i casi considerati Le simulazioni dei differenti scenari sono state effettuate inizialmente su una quantità in ingresso di 10,000 t/anno e tarati su una quantità di abitanti equivalente pari a circa 19,946. Tabella 4. Riepilogo dati utilizzati per 10,000 t/anno di RSU Tabella 5. Portate di rifiuti disponibili giornalmente e frazioni utilizzabili 14

15 Attualmente la raccolta differenziata è stimata attorno al 17%, il che equivale a processare circa 1,700 t/anno di RSU ripartiti come da Tabella 5. Come spiegato in precedenza e riassunto in Tabella5, le sostanze organiche putrescibili e il 71% del sottovaglio sono gli input esterni del digestore mentre i materiali cellulosici di grosse dimensioni, il legno ed i tessili sono gli input esterni del gassificatore. Tabella 6. Risultati Biomass Management tool per 10,000 t/anno di RSU Come si può osservare dai risultati riassunti in Tabella 6, la taglia, in termini di potenza elettrica prodotta dal generatore collegato al MCI dell impianto, cala all aumentare del numero dello scenario. Dallo scenario 2 in poi, le dimensioni del digestore rimangono le medesime poiché gli input di tale impianto non variano una volta che sono stati esclusi i fanghi di depurazione; la variazione della taglia diventa perciò una diretta conseguenza della variazione degli input del gassificatore. Per ragioni legislative se gli input dell impianto, come in questo caso, rientrano nella categoria rifiuti, le scorie umide non possono essere riutilizzate, una volta stabilizzate, come fertilizzante, ma possono solo essere smaltite in discarica. Un altro panorama preso in considerazione è quello di dimensionare l impianto per un isola ecologica in grado di servire l intero Parco Nazionale considerando 10,000 t/anno di Rifiuti Differenziati (RD) e prevedendo quindi un aumento della raccolta differenziata, in linea con quanto richiesto dalla comunità europea, pari a circa il 22-23%. Le quantità di rifiuti da trattare con l impianto in esame diventano quindi quelle riassunte nella tabella 7. 15

16 Tabella 7. Portate di rifiuti disponibili giornalmente e frazioni utilizzabili per 10,000 t/anno di RD Come si può notare le tonnellate al giorno dei rifiuti in ingresso sono circa sei volte superiori rispetto al caso precedente e di conseguenza anche le dimensioni dell impianto integrato risultante aumentano in modo proporzionale. Tabella 8. Risultati del Biomass Management tool per 10,000 t/anno di RSU Un impianto di grosse dimensioni per il recupero energetico viene considerato spesso ad alto impatto ambientale e ancora di più se viene collocato all interno di un parco naturale. Per tale ragione si è pensato comunque di considerare 10,000 t/anno di rifiuti differenziati da trattare, ma si è verificata l ipotesi di suddividere l impianto unico integrato per tutto il Parco Nazionale della Sila in tanti piccoli impianti dimensionati in base alle necessità dei singoli comuni, i quali possono avere dimensioni ridotte quantificabili con le dimensioni standard di un isola ecologica e riducendone notevolmente l impatto ambientale. 16

17 Tabella 9 Rifiuti differenziati per Isola Ecologica ripartiti sugli abitanti dei Comuni del Parco Nazionale della Sila Figura 11. Grafico riassuntivo ripartizione RD attraverso sulla base del numero di abitanti dei comuni del Parco Nazionale della Sila; Come prima valutazione sono state ripartite le 10,000 t/anno in base alla popolazione dei singoli comuni. In una seconda fase tali impianti vengono dimensionali sulle effettive quantità di rifiuto prodotte in ciascun comune inviate ad un isola ecologica. I risultati sono molto simili a quelli visti in precedenza in termini di andamenti, ma come si può osservare in tutti e 4 gli scenari c è molta diversità tra comune e comune, infatti si può notare come per tre comuni con un elevata popolazione come San Giovanni in Fiore, Acri e Corigliano Calabro si possa prevedere un isola ecologica all interno del territorio di ciascun comune. Altri comuni invece come Serra Pedace e Bocchigliero hanno una popolazione ridotta e una conseguente produzione di rifiuti limitata; pertanto in questi comuni è prevedibile un accorpamento delle isole ecologiche fra comuni limitrofi. 17

18 Figura 12 Potenza elettrica prodotta dall impianto integrato per ciascun comune al variare dello scenario sinistra) scenario 1, destra) scenario 2 Figura 13. Potenza elettrica prodotta dall impianto integrato per ciascun comune al variare dello scenario sinistra) scenario 3, destra) scenario 4 I risultati in termini di produzione elettrica da generatore a MCI funzionante il syngas ed il biogas prodotti dall impianto integrato e le dimensioni dei digestori sono riassunti in Appendice. Per stimare in maniera più accurate le prestazione e l impatto ambientale degli impianti nei diversi scenari analizzati è necessario disporre di un maggior livello di dettaglio delle caratteristiche chimico fisico del sottovaglio, delle sostanze organiche putrescibili, dei tessili e dei legnami. Queste macrocategorie, infatti, variano in modo significativo a seconda dell area che si prende in considerazione e hanno anche caratteristiche 18

19 decisamente eterogenee. In funzione del territorio dove si pensa di costruire gli impianti integrati di gassificazione e digestione si possono trattare anche scarti da lavorazioni nell industria della silvicoltura o liquami e deiezioni animali provenienti dalle attività zootecniche effettuate all interno del Parco, rendendo più completo il trattamento dei rifiuto in tale zone e riducendone l impatto ambientale. 6 Conclusioni La presente relazione descrive la procedura utilizzata per dimensionare un impianto integrato di gassificazione e digestione anaerobica per il trattamento dei rifiuti relativi al Parco Nazionale della Sila. Tale procedura si basa sui modelli numerici per la simulazione della gassificazione e della digestione anaerobica sviluppati internamente da HySyDe Research Group, DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia e implementati nell applicativo Biomass Management Tool. Mediante il software di simulazione sono state considerate diverse scenari sulla base della composizione merceologica dei rifiuti del Parco e della popolazione dei comuni ad esso appartenenti. I risultati hanno dimostrato che è possibile utilizzare un unico impianto integrato di gassificazione e digestione per smaltire i rifiuti di una singola isola ecologica atta a raccogliere tutti i rifiuti differenziati dei comuni del Parco o più impianti integrati dimensionati per trattare i rifiuti di un sola ecologica per ciascuno dei singoli comuni del Parco. Nel primo caso la taglia complessiva dell impianto è di circa 1 MW in termini di potenza elettrica, mentre nel caso di impianti dimensionati sull isola ecologica dei singoli comuni le taglie variano da alcuni kw a circa 100 kw. 19

20 7 Bibliografia [1] Kayhanian, M., Tchobanoglous, G., Brown, R.C., Biomass conversion Process for energy recovery, Handbook of Energy Conservation and Renewable Energy, CRC Press Taylor & Francis Group, [2] ALESSCO, Analisi del contesto territoriale e proposta di impianto, Progetto LIFE Rels. [3] Lab&Lab, Ricerca ed analisi dello stato di gestione dei rifiuti nelle aree di parco, azione a2.1 parte 2, pp.19-21, Progetto LIFE Rels. [4] Chandler, J. A., Jewell, W.J., Gosset, J.M., Vansoest, P. J., Robertson, B.J., Predicting methane fermentation biodegradability, Biotechnology and Bioengineering Symposium, Vol. 10, pp , [5] Biswas, J., Chowdhury, R., Bhattafcharya, P., Mathematical modeling for the prediction of biogas generation characteristics of an anaerobic digester based on food vegetable residues, Biomass & Energy, Vol. 32, pp , [6] Caton, P.A., Carr, M. A., Kim, S.S., Beautyam,M.J., Energy recovery from waste food by combustion or gasification with the potential for regenerative dehydratation: A case study, Energy Conversion ad Management, Vol. 51, pp , [7] Zainal, Z.A., Ali, R., Lean, C.H., Seetharamu, K.N., Prediction of performance of a downdraft gasifier using equilibrium modeling for different biomass materials, Energy Conversion ad Management, pp , 2001 [8] Tinaut, F.V., Melgar, A., Horillo, A., Diez de la Rosa, A., Method for predicting the performance of an internal combustion engine fuelled by producer gas and other low heating value gases, Fuel Processing Technology, Vol. 87, pp , [9]Estrellan, C.R., Iino, F., Toxic emission from open burning, Chemosphere, Vol. 80, pp , [10] Lemieux,P.M., Lutesb, C.C., Santoianni, D.A., Emissions of organic air toxics from open burning: a comprehensive review, Progress in Energy and Combustion Science, Vol. 30, pp.1-32,

21 Appendice Figura 14. Potenza elettrica prodotta dal syngas per ciascun comune al variare dello scenario sinistra) scenario 1, destra) scenario 2 b) Figura 15. Potenza elettrica prodotta dal syngas per ciascun comune al variare dello scenario sinistra) scenario 3, destra) scenario 4 Figura 16 kwel prodotti dal biogas per ciascun comune al variare dello scenario: sinistra) scenario 1, destra) scenario 2, 3 e 4 Figura 17 Volume digestore anaerobico dell impianto per ciascun comune al variare dello scenario sinistra) scenario 1, destra) scenario 2, 3 e 4; 21

Tecnologie per la Combustione dei Rifiuti

Tecnologie per la Combustione dei Rifiuti ACTION 3 INTEGRATED CYCLE FOR WASTE MANAGEMENT AND ENERGY RECOVERY Tecnologie per la Combustione dei Rifiuti Processi Termo-Chimici delle Bio-Masse Ligno-Cellulosiche Prof. Ing. Sandro Sandrolini Prof.

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Caratteristiche dei rifiuti organici

Caratteristiche dei rifiuti organici Il trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani Caratteristiche dei rifiuti organici frazione umida: componente dei rifiuti urbani costituita dagli scarti di cucina originati sia dall

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA La gestione della frazione organica dei rifiuti con digestione anaerobica: energia e fertilizzanti rinnovabili GRUPPO RICICLA Università degli Studi di Milano via Celoria 2, 20133 Milano

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

IL CICLO DEI RIFIUTI DOMESTICI da scarti ad Energia Rinnovabile

IL CICLO DEI RIFIUTI DOMESTICI da scarti ad Energia Rinnovabile 1 IL CICLO DEI RIFIUTI DOMESTICI da scarti ad Energia Rinnovabile OBIETTIVO FAMIGLIA - FEDERCASALINGHE HORIZON 2020: TAVOLA ROTONDA Strumento di coesione e crescita delle donne. Innovazione tecnologia

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte C

Energia dalle Biomasse - Parte C Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte C Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (art.199 D.Lgs.152/2006) SCENARIO EVOLUTIVO

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Produzione di biogas in Europa nel 2007: 5901,2 ktep (69 TWh) nel 2008: 7542 ktep

Dettagli

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON L UTILIZZO DI BIOMASSE Tema di ricerca 5.2.5.11 - Sviluppo di tecnologie innovative per le applicazioni stazionarie cogenerative delle celle a combustibile anche

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE PERCORSO DEL PIANO FASI Elaborazione Schema di Piano e RP Scoping PROCEDURA PIANO Elaborazione Schema di Piano PROCEDURA VAS L Autorità

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano Biometano Che cos è il biometano? Il termine Biometano si riferisce a un biogas che ha subito un processo di raffinazione per arrivare ad una concentrazione di metano del 95% ed è utilizzato come biocombustibile

Dettagli

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Progetto a Tema 2011 Gli indicatori del recupero SINTESI INDICE 1. PANORAMA NORMATIVO...3 1.1 Obiettivi per il recupero...3 1.2 Norme tecniche...4

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Dati delle prove effettuate e schema di processo. Processo Hydrowaste

Dati delle prove effettuate e schema di processo. Processo Hydrowaste Dati delle prove effettuate e schema di processo 2010 Processo Hydrowaste Premessa Il problema dello smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani è molto sentito in tutta Europa. Oltre ai tradizionali metodi

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner. Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate

L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner. Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate Ecosistemi Consumi Risorsa Essenziale RIFIUTI Rifiuti in Italia 32,5 Mil. Ton. Rifiuti

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E

CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE GENGAS Un azienda giovane, dinamica, fortemente innovativa che, investendo in Ricerca & Sviluppo, ha messo a punto performanti tecnologie altamente

Dettagli

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Angelo Bonomi Consulente ambientale Verbania (VB) angelo.bonomi2@tin.it

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

PRESENTAZIONE. Utilizzo della Biomassa per produrre energia pulita. TECN.AV. Srl

PRESENTAZIONE. Utilizzo della Biomassa per produrre energia pulita. TECN.AV. Srl PRESENTAZIONE Utilizzo della Biomassa per produrre energia pulita. TECN.AV. Srl -TECN.AV Srl è una società di studi scouting tecnologico, consulenza tecnica e commercializzazione di tecnologie per la valorizzazione

Dettagli

Energia e Bioprodotti da biomassa

Energia e Bioprodotti da biomassa Tavola Rotonda BioEnergy Academy Energia e Bioprodotti da biomassa Silvana Castelli Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Biologia e Biotecnologia

Dettagli

Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano)

Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano) Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano) Dott.ssa Elena Andreoli Research and Development Manager AUSTEP SpA Prima delle attività specifiche parliamo

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

BIOGAS Impianti a confronto

BIOGAS Impianti a confronto BIOGAS Impianti a confronto Caratteristiche degli impianti Azienda Tipo reattori Volume reattori Temperatura Potenza elettrica Fontana CSTR 2 x 1.370 m 3 36-38 C 90 + 125 kw Mengoli CSTR 2 x 1.050 + 850

Dettagli

Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A.

Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A. Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A. Parma, 8 maggio 2012 Giovanni Sorlini Responsabile Qualità, Ambiente e Sviluppo Sostenibile sorlini@inalca.it GRUPPO CREMONINI : ORGANIGRAMMA FAMIGLIA CREMONINI

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1 Appendice al Cap. 3 (della Parte Seconda del Corso) Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1. Generalità Per quanto riguarda l Italia, il Decreto Legislativo n 22 del 5/02/97 (Decreto Ronchi),

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Impianto di compostaggio anaerobico

Impianto di compostaggio anaerobico Impianto di compostaggio anaerobico la valorizzazione dei rifiuti organici, ecologicamente ed economicamente affidabile, permette di produrre compost di qualità e biogas a CO 2 neutrale per la generazione

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri bisogni

Dettagli

Questo risultato viene raggiunto grazie ad una tecnologia innovativa: il pretrattamento ad umido e la digestione anaerobica del

Questo risultato viene raggiunto grazie ad una tecnologia innovativa: il pretrattamento ad umido e la digestione anaerobica del Biotec Sistemi è un azienda leader nel campo della protezione ambientale: sviluppa e costruisce apparecchiature per impianti di trattamento rifiuti, progetta e fornisce impianti chiavi in mano per il trattamento

Dettagli

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA in collaborazione con: Provincia di Parma Relatore: Chiar.mo Prof. MARCO BERGONZONI Correlatore:

Dettagli

Mario Sunseri Labelab

Mario Sunseri Labelab Progetto Life+ RELS: Gestione eco-sostenibile del ciclo integrato dei rifiuti per i parchi naturali Azione 2: Monitoraggio della raccolta dei rifiuti nei parchi naturali Mario Sunseri Labelab 1 Obiettivi

Dettagli

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane BIOSONATOR La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane Principio di funzionamento Il BIOSONATOR è un sistema di trattamento ad ultrasuoni in grado di produrre

Dettagli

AGROBIOGAS VALUTAZIONE DELLA PRODUZIONE DI BIOGAS TRAMITE UNO STRUMENTO DI SIMULAZIONE DEL PROCESSO DI DIGESTIONE ANAEROBICA

AGROBIOGAS VALUTAZIONE DELLA PRODUZIONE DI BIOGAS TRAMITE UNO STRUMENTO DI SIMULAZIONE DEL PROCESSO DI DIGESTIONE ANAEROBICA AGROBIOGAS VALUTAZIONE DELLA PRODUZIONE DI BIOGAS TRAMITE UNO STRUMENTO DI SIMULAZIONE DEL PROCESSO DI DIGESTIONE ANAEROBICA i risultati del progetto europeo AGROBIOGAS Villaprati di Bagnacavallo, Italia

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Le energie rinnovabili

Le energie rinnovabili COGENERAZIONE Le energie rinnovabili Il D.Lgs.387 del 29/12/2003 in attuazione della Direttiva Europea 2001/77/CE abrogata con la 2003/30/CE dalla 2009/28/CE del 05/06/2009 che deve essere recepita entro

Dettagli

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA IMPIANTO BIOMASSA Decreto Legislativo 28/2011 ed in particolare l art. 2 definisce in dettaglio la biomassa come: "la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti

Dettagli

Energia da biomasse. Il ruolo crescente della digestione anaerobica

Energia da biomasse. Il ruolo crescente della digestione anaerobica Workshop Risparmio & Recupero energetico nella depurazione delle acque di scarico IRSA 29/30 novembre 2012 Energia da biomasse. Il ruolo crescente della digestione anaerobica Mario Beccari & Enrico Rolle

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti Raccogliereericiclareinqualitàequantitàperrealizzareunagestioneveramente sostenibilideirifiuti UmbertoArena ProfessoreordinariodiImpiantidiTrattamentodeirifiutisolidi DipartimentodiScienzeAmbientali SecondaUniversitàdiNapoli

Dettagli

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici Costante M. Invernizzi Università degli Studi di Brescia costante.invernizzi@unibs.it 28 ottobre 2008 Outline 1 La gestione dei reflui zootecnici 2 Il

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

BIOGAS: CENNI NORMATIVI

BIOGAS: CENNI NORMATIVI BIOGAS: CENNI NORMATIVI RELATORE: avv. Federico Manzalini DEFINIZIONE DI BIOGAS E una miscela di vari tipi di gas prodotti dalla fermentazione batterica di residui organici provenienti da rifiuti vegetali

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

Criteri per la valutazione ambientale, tecnologica, economica e legislativa. gestione dei rifiuti

Criteri per la valutazione ambientale, tecnologica, economica e legislativa. gestione dei rifiuti Criteri per la valutazione ambientale, tecnologica, economica e legislativa nel processo decisionale di gestione dei rifiuti Riunione Commissione Rifiuti Velletri 19 Maggio 2015 Sandro Bologna bolognasandro@tiscali.it

Dettagli

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione Costante M. Invernizzi costante.invernizzi@unibs.it San Paolo (BS), 29 maggio 2010 Outline 1 La biomassa 2 La utilizzazione

Dettagli

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE CHI SIAMO CNREUROPE, società del gruppo internazionale One-Eko, nasce dall esperienza pluriennale internazionale dei suoi soci nel settore dell Energia Rinnovabile, dell Ingegneria e del Settore Finanziario.

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

Comitato Rifiuti Zero Fiumicino www.rifiutizerofiumicino.it. NO al megaimpianto a BIOGAS in Viale di Tre Denari

Comitato Rifiuti Zero Fiumicino www.rifiutizerofiumicino.it. NO al megaimpianto a BIOGAS in Viale di Tre Denari Comitato Rifiuti Zero Fiumicino www.rifiutizerofiumicino.it NO al megaimpianto a BIOGAS in Viale di Tre Denari Indice 1. Introduzione 2. Le ragioni del nostro NO 3. La questione dei rifiuti a Fiumicino

Dettagli

Come nasce MaranoSolar

Come nasce MaranoSolar APPROCCIO ECOSISTEMICO L approccio di MaranoSolar alle tecnologie per le fonti rinnovabili intende offrire ai nostri partner il miglior punto di equilibrio tra salvaguardia dell ambiente e sviluppo economico

Dettagli

CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA

CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA L azienda Curti SpA nasce nel 1957 ad Imola con la produzione di macchine per l industria tessile e agricola. Negli anni successivi l azienda si specializza

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE SUI RIFIUTI

SCUOLA NAZIONALE SUI RIFIUTI Taranto, 23-24-25 maggio 2011 C.I.S.A. spa -Massafra (TA) SCUOLA NAZIONALE SUI RIFIUTI LA VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI Riciclo Materiali e Recupero Energetico Ing. Carmine Carella : progettista e direttore

Dettagli

ESPERTO DELLA GESTIONE DI BIO-DIGESTORI O IMPIANTI AGRO-ENERGETICI. Recupero energetico. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti»

ESPERTO DELLA GESTIONE DI BIO-DIGESTORI O IMPIANTI AGRO-ENERGETICI. Recupero energetico. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» Recupero energetico ESPERTO DELLA GESTIONE DI BIO-DIGESTORI O IMPIANTI AGRO-ENERGETICI GREEN JOBS Formazione e Orientamento ESPERTO DI BIO-DIGESTORI

Dettagli

Polo Territoriale di Cremona Diffusione degli impianti biogas in Italia e a Cremona: numero, tipologie, taglie e alimentazione

Polo Territoriale di Cremona Diffusione degli impianti biogas in Italia e a Cremona: numero, tipologie, taglie e alimentazione Polo Territoriale di Cremona Diffusione degli impianti biogas in Italia e a Cremona: numero, tipologie, taglie e alimentazione Ruolo degli impianti bioenergetici in Italia 2 Distribuzione quantitativa

Dettagli

Impianti idroelettrici

Impianti idroelettrici Impianti idroelettrici Un impianto idroelettrico è costituito da opere civili ed idrauliche (diga o traversa di sbarramento, sistema di presa, vasca di carico, opere di convogliamento e di restituzione,

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Ing. Augusto Bianchini DIEM - Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Montichiari (BS) 24 gennaio 2013 Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton GASSIFICAZIONE E SISTEMA

Dettagli

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Piano d Ambito nuove strategie per la riduzione ed il recupero dei rifiuti Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Febbraio 2013 1 - Prevenire

Dettagli

IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE

IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE Ordine degli Ingegneri di Modena GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE IN AMBITO URBANO IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE Ing. Marco Spada Idrodepurazione srl Via Comina, 39 I 20038

Dettagli

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti "Dove portino ogni giorno il loro carico gli spazzaturai nessuno se lo chiede: fuori della città, certo; ma ogni anno la città s espande, e gli immondezzai devono

Dettagli

E L INNOVAZIONE IN AGRICOLTURA

E L INNOVAZIONE IN AGRICOLTURA L EFFICIENZAENERGETICA ENERGETICA, LE RINNOVABILI E L INNOVAZIONE IN AGRICOLTURA TECNOLOGIE DI CONVERSIONE DELLE BIOMASSE Ing. Giacobbe BRACCIO ENEA TRISAIA Roma 20 dicembre 2010 BIOMASSE PROCESSI DI CONVERSIONE

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Idea Progetto FLAHY. First Laboratory in Alps for Hydrogen. Ing. Giovanni Pino -Dr. Francesco Geri-Ing. Solaria Venga-Ing.

Idea Progetto FLAHY. First Laboratory in Alps for Hydrogen. Ing. Giovanni Pino -Dr. Francesco Geri-Ing. Solaria Venga-Ing. Idea Progetto FLAHY First Laboratory in Alps for Hydrogen Ing. Giovanni Pino -Dr. Francesco Geri-Ing. Solaria Venga-Ing. Riccardo Marceca APAT Settore Innovazione Tecnologica 1 FLAHY: First Laboratory

Dettagli

Biogas Leachate Recovery. Progetto Life+ 2009

Biogas Leachate Recovery. Progetto Life+ 2009 S.p.A. www.gaia.at.it Biogas Leachate Recovery Progetto Life+ 2009 PROGETTO BIOLEAR : costruzione, coltivazione, chiusura e recupero ambientale della discarica Progetto BioLeaR: idea, obiettivi e risultati

Dettagli

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative Rota ROTA GUIDO è un azienda leader nella progettazione e realizzazione di impianti e tecnologie per la zootecnia - Strutture

Dettagli