La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo"

Transcript

1 La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo Muhamed Nezirović Mediterránea on line # 8 / giugno 2012 Mediterránea Centro di Studi Interculturali Dipartimento di Studi Umanistici Università di Trieste

2 Convergenze peninsulari: iberica, italica, balcanica Paradigmi della letteratura judeoespañola Trieste 15 marzo 2005 La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo Muhamed Nezirović In primo luogo, vogliamo collocare il ruolo di Sarajevo e della Bosnia ed Erzegovina nel mosaico sefardita d Europa. Prima della Seconda Guerra Mondiale in questa capitale e in questo paese vivevano ebrei divisi in venti comunità, dei quali più di dieci mila erano sefarditi. Gli altri erano ebrei ashkenaziti chiamati inizialmente Švabos judíos, ovvero, ebrei tedeschi. Dopo la quasi totale distruzione della comunità ebraica della Bosnia ed Erzegovina durante l ultima guerra mondiale, solamente sopravvissero all Olocausto. La comunità sefardita della Bosnia ed Eerzegovina, soprattutto quella di Sarajevo, fu molto importante nonostante le sue esigue dimensioni. Nel periodo tra due guerre mondiali a Sarajevo vennero pubblicati due settimanali sefarditi: Jevrejski život (La vita ebraica) e Jevreiski glas (La voce ebraica). Un sefardita originario di Sarajevo, David Bajar Mose Atias, che viveva a Liorna nel secolo XVIII, fu il primo pubblicista e scrittore laico che già nel 1778 pubblicò in questa città italiana un libro miscellaneo dal titolo La Guerta de Oro. I sefarditi di Sarajevo furono i primi collezionisti di romanze sefardite, ossia: Il rabbino Ha Kohen Moise ben Mikael (1702). Il rabbino Ha Kohen Bahar Mose David (1794). La città di Sarajevo fu la culla dei rabbini. Tutti loro erano orgogliosi di essere nati a Sarajevo (chico Yerusalen): Meir tehila Saray, Yerushalaim Ketana. A Sarajevo prima dell ultima Guerra Mondiale si cantava una Canción de Roldán, l unica raccolta in un paese slavo. In realtà sotto il nome di Roldán si nasconde Bernardo del Carpio, figura leggendaria dell epopea spagnola. Delle cinquantacinque rarissime romanze di tutto l ispanismo, diciotto provengono, secondo don Ramón Menéndez Pidal, da Sarajevo e dalla Bosnia. La famosa Haggadah, scritta e portata alla luce nel secolo XIV a Barcellona, è conservata attualmente a Sarajevo, preservata dai mali e dalle guerre da musulmani e cattolici. I sefarditi di Sarajevo e della Bosnia-Herzegovina generalmente parlavano un purissimo spagnolo preclassico senza nessuna influenza gallica, in un periodo in cui il francese fu imposto ai sefarditi dall Alliance Israélite Universelle come lingua di promozione sociale. Questa istituzione non operò mai in Bosnia. Nonostante tutto, la comunità sefardita della Bosnia ed Erzegovina fu ed è tutt ora poco conosciuta.

3 In questo lavoro, il mio obiettivo o il mio escopo (termine spagnolo del Siglo de Oro ormai in disuso in Spagna ma conservato e utilizzato a Sarajevo e in Bosnia) è far conoscere questa comunità e lanciare un or hadash (una luce nuova) su questo gruppo sefardita della Bosnia-Herzegovina. Inizieremo il nostro lavoro con una frase scritta nel lontano 1931 nell edizione settimanale di Sarajevo Jevrejski glas (La voce ebraica) da un sefardita di nome Jelić, originario di Belgrado, dall indiscutibile talento letterario. Parlando dei suoi compatrioti di Sarajevo e desideroso di sottolineare le loro attività culturali, diceva: 2 Lus di saraj no aj in sjeti partis de el mundo Questa opinione di stima e di rispetto non fu un fatto isolato e casuale né un risultato dell autoinnamoramento (se possiamo chiamarlo così) nei confronti di tutto ciò che aveva a che fare con il suo popolo (elemento che non è poi così raro nelle nostre terre balcaniche), ma fu il frutto di un pensiero diffuso. Così, quasi contemporaneamente, don Manuel Ortega, presidente delle associazioni sefardite del Marocco e autore del famoso libro Hebreos de Marruecos, nel 1930 scriveva parole lusinghiere sulla comunità sefardita di Sarajevo in una lettera che inviò allo stesso settimanale della capitale: Precisamente il gruppo di Sefarditi di Sarajevo è uno di quelli che ci ha sempre preoccupato per la sua situazione privilegiata nell ambito delle correnti culturali dell Oriente europeo, dove tenevano così alta la bandiera della cultura ispanica tanto da rappresentarne la parte più consistente. 1 Quando si leggono queste righe prese a caso fra tante altre simili dovremmo certamente chiederci che cosa era questa comunità sefardita che arrivò a Sarajevo nel lontano XVI secolo, più esattamente nel 1566, una città giovane ma già ricca, potente e in piena espansione, situata nella parte più occidentale della Turchia europea, nella quale si accumulava e ristagnava una ricchezza immensa proveniente da vari campi di battaglia e campagne di guerra alle quali partecipava l Impero Turco all apice del suo potere. Successivamente, alcuni sefarditi stabilitisi a Sarajevo, guidati dal loro impulso industriale e dalle loro capacità, partiranno dalla capitale per poi diffondersi in tutti i centri di una certa importanza della Bosnia ed Erzegovina. Ma non dimenticheranno mai che Sarajevo fu un rifugio sicuro per la loro nuova vita e che la Bosnia fu per loro la nuova Sefarad. Bisognerebbe ricordare che nella storia non ci sono mai stati due paesi, fatta eccezione forse per l Albania, che si assomigliassero così tanto per il loro destino storico e spiritualità come la Spagna, l al-ándalus arabo o il Sefarad ebraico, e la Bosnia, il paese dei Balcani occidentali. La prima venne conquistata molto presto, all inizio del secolo VIII, quando i capi arabo-berberi sconfissero nell anno 711 presso il fiume Guadalete l esercito dell ultimo re goto Rodrigo. La seconda perse la sua indipendenza molto più tardi, nel 1463, quando i cavalieri turchi sconfissero e catturarono l ultimo re di Bosnia, Esteban Tomašević (sia detto che la Bosnia fu 1 Lettera inviata ad Alberto Atias, presidente della Comunità ebraica di Sarajevo, pubblicata su Jevreiski glas (Sarajevo) il 7 marzo 1930.

4 l ultimo paese indipendente a perdere la sua libertà nei Balcani). Proprio in quest epoca arrivò l implacabile declino della Spagna musulmana e del suo Regno nazarí. Ma in Bosnia, patria di eretici tartari, paese di boni cristiani, recentemente convertiti all Islam, come dice W. Miller: Preferivano essere conquistati dal sultano piuttosto che convertiti dal Papa; e appena conquistati non esitarono a cambiare religione. Il credo musulmano aveva parecchi punti di contatto con la loro propria eresia, così tanto disprezzata. Chi abbracciava la nuova religione poteva conservare le proprie terre e i propri privilegi feudali; così dunque la Bosnia ci si presenta con il curioso fenomeno di una casta aristocratica di razza slava, anche se maomettana di religione. 2 3 Questa Bosnia stava ripetendo il passato spagnolo. Ripeteva la Spagna delle tre religioni, Sarajevo ripeteva la Toledo di Alfonso X, il saggio. E non fu un caso che nel tragico 1992 la prima città a mandare la sua simpatia e il suo appoggio a Sarajevo fu questa Toledo, cuore del mondo, con la frase: Toledo saluta Sarajevo. I sefarditi non arrivarono in questa città direttamente dalla penisola iberica. Alcuni autori hanno paragonato l arrivo dei sefarditi ad una bomba, stavolta una bomba priva di pericolo, una bomba pacifica. I sefarditi sparsi nelle varie zone d Europa e dell Africa settentrionale trovarono una buona accoglienza nel suolo ospitale dell Impero Ottomano. E non è casuale che nel 1892, esattamente durante l occasione del quarto centenario dell espulsione dalla Spagna e dell arrivo dei sefarditi in Turchia, si potesse leggere in un giornale sefardita di Esmirna questi versi pieni di gratitudine nei confronti del paese di accoglienza: Et lorsque ceux qu'hier tout paraissait maudire entrèrent dans Stamboul, misérables et nus pour la première fois on put entendre dire: Vous êtes des proscrits, soyez les bienvenus! 3 Nell Impero Ottomano iniziarono ad infilarsi, come perline di una collana, le città che accolsero i sefarditi: Esmirna, Bursa, Istambul, Salonicco, Adrianopoli-Edirne, Sofia, Rustcuk, Filipopoli-Plovdiv, Samokov, Istib-Stip, Monastir-Bitola, Escopia, Niš, Belgrado, Sarajevo, dove questi avevano vissuto e lavorato contribuendo alla prosperità dell intera popolazione. Non fu così in altri paesi. La ricca città di Amburgo li accolse per misericordia ma non si dimenticò di chiedere a ogni rifugiato mille marchi come contributo alla città. Il Senato non permetteva la costruzione di sinagoghe, ma solo l acquisto di terreni per i cimiteri. Probabilmente, è per questo motivo che in alcune coplas sefardite la Germania viene chiamata mala Alemania. Ma ritorniamo ai sefarditi di Sarajevo. La comunità, come abbiamo già detto, è sempre stata importante. I primi sefarditi arrivarono da Salonicco, secondo Moisé Franco, già nel Si trattava di una trentina di famiglie ebreo-portoghesi; secondo altri la data di arrivo risale 2 W. Miller, Essais in the Latin Orient, pág. 494, Cambridge, 1921, passaggio citato da H. C. Darby et alii in Breve historia de Yugoslavia, Colección Austral 1458, Madrid, 1972, p Le Monde dell 8 settembre 1986, p. 3.

5 al 1545, per altri ancora al Generalmente i sefarditi di Sarajevo e della Bosnia ed Erzegovina, a differenza delle altre città d Europa e del Nord Africa, non hanno mai vissuto in un ghetto e questa istituzione non è mai esistita in Bosnia... ma comunque loro volevano vivere insieme. Mosé (Rafael) Atias alias Zeky-effendi Rafaelović, autore di Istoria de los žudios de Bosna, rampollo di un antica, onesta e conosciuta famiglia sarajevita, ci da una prova che conferma questo fatto: 4 Ansi los žudios kontinuaron de gozar de una vuena reputasion entre los sibdadanos de las otras konfesiones ma eljos (los žudios) moraban espartidos los unos de los otros, kada uno en una kaleža de manera ke les era muj pezgado para reunirsen en okaziones de fiestas, bodas i en kazos de muerte, i aunke eljos se adresaban kon rogatibas a kada gobernador, les era rifuziado el derečo de akožersen todos por morar en una mahale (kuartal). En este estado vibjeron asta (1645) ke bino komo gobernador Sijabuš-paša (eks gran bezir) el kual se apijadu de la nasion žudia i deso fraguar una mahale a su nombre, la kual se ljama ainda oj Sijabuš-paša mahalesi (EI Kuartal de Sijabuš-paša). Este kuartal es un sirkulo de aproksimadamente dos mil metros kuadrados; todo su rededor bjenen fraguas de pjedra vjen solidas i el kortizo es vjen grande tubiendo un pozo de agua. 4 Queste righe testimoniano che il ghetto non esisteva a Sarajevo ma che i sefarditi desideravano vivere insieme per i motivi espressi o, come dice lo storico ebreo Samuel Grayzles: Les Juifs avaient toujours aimé vivre les uns près des autres, comme tout groupe uni par des liens puissants. 5 Questo desiderio di vivere insieme è presente nei proverbi sefarditi conservati fino ai giorni nostri. I proverbi dell epoca dicevano che un ebreo che viveva solo è un kazaliko medio kristianiko o un kazaliko medio blahito. Grazie alla possibilità di vivere insieme si ha l opportunità di rispettare le regole della Legge o della religione. Senza dieci uomini non era e non è possibile formare il miñan e senza miñan non c era e non c è la possibilità di leggere la Tora o Kadis e per questo motivo avevano la necessità di vivere in vicinati prossimi a Sarajevo. Nel frattempo vogliamo evidenziare un fatto. Gli ebrei volevano vivere insieme e vivevano a Sarajevo, nel loro Kortižo, come loro stessi chiamavano il proprio quartiere, in cui vivevano anche i musulmani, concittadini di buon vicinato. La popolazione ebraica di Sarajevo cresceva ed aumentava di numero molto rapidamente e fu sempre una popolazione cittadina. Le famiglie con dieci figli non erano un eccezione. Il clima di benessere e di tolleranza esisteva sia a Sarajevo che in tutta la Bosnia. Molti sefarditi erano funzionari delle autorità turche perchè i musulmani bosniaci imparavano con difficoltà la lingua turca, o come dice un autore francese, in cinque secoli di presenza turca, solo una cinquantina ha imparato bene questa lingua - vérité des choses, vérité des hommes. La popolazione sefardita non si differenzia molto, per quanto riguarda la vita 4 La alborada, Sarajevo, 17 maggio del 1901, p S. Grayzler, Histoire des Juifs, Paris 1967, tomo II, p. 42.

6 esteriore, dall ambito balcanico orientale e slavo musulmano. Una scena del racconto Un kal viežu (Una vecchia sinagoga) di Avram Romano Buki, autore sefardita già citato, conferma questo aspetto: Los primeros son viežižikos. Ejos aparesen bjen vestidos kon sus barvas penjadas, sus djubes, sus anteris, škarpas alumbrantes, la varda no paresen akejos de entre simana. Komo entran en kal, bezan la mezuza i si aparan kon sus manus avijertus (uzu turku) dizen matovu, si pasan las manus pur la kara i si van a su lugar. Aki si kitan las škarpas, s'asentan, travan los pies para ariva, si los tapan kon el anter i ansina arimadikos asperan el empesižo di orasion. 6 5 Può essere che a causa di tutto ciò le autorità turche e soprattutto la popolazione slava musulmana desse non solo protezione ai cittadini sefarditi ma che si comportase con loro in maniera molto amichevole. È interessante un fatto storico: i musulmani di Sarajevo si sollevarono nel 1819 contro Mehmed Ruzdi, altezzoso governatore turco di Bosnia che incarcerò un gruppo di onesti sefarditi capeggiati dal rabbino Mose Danon. Il governatore aveva bisogno di denaro e voleva togliere questo denaro alle sue vittime: C'est leur richesse qui les perdsi diceva spesso degli ebrei durante il Medioevo. La comunità ebraica di Sarajevo chiese aiuto ai musulmani slavi della città. Duecento cinquanta fra i più onesti sottoscrissero una petizione chiedendo al sultano di liberare immediatamente gli ebrei innocenti. La risposta fu immediata e positiva. L altezzoso pascià venne destituito e incarcerato. Una poesia che nel judeoespañol di Bosnia porta il titolo di Una kantika komponida i eskrita por la istoria ke akapito al rav Mose Danon djunto los grandes de la komuna de Sarajevo al 4 merhesvan 5580 (1819), ma più conosciuta con il titolo di Historia de los Prisoneros o Megila de Sarajevo, descrive tale avvenimento. Di questo lungo poema, noi ne esamineremo solo alcuni versi: Haj vekajam meleh rahman Baldo pensjero de Aman Los turkos de la sivdad Se selaron de su krueldad Kontra el si levantaron i a los Djidios asoltaron... 7 Questa storia ha un suo continuo e una sua eredità. I musulmani di varie città della Bosnia ed Erzegovina, con le cosiddette Risoluzioni musulmane dirette alle autorità naziste, vollero esigere la cessazione della crudeltà contro gli ebrei e i serbi ortodossi praticata durante la seconda Guerra Mondiale. È molto importante sottolineare che i sefarditi bosniaci non dimenticarono mai la lingua spagnola preclassica, quella di Cervantes, cosa che invece accadde già da secoli agli ebrei di Francia e, un poco più tardi, a quelli d Italia. 8 Nel Nord Africa, in Turchia, in Bulgaria, in Romania, in Macedonia, la lingua spagnola si conservò, ma questa lingua è piena di francesismi a causa dell attività 6 A. Romano Buki, Un kal viežu en Jevreiski glas, 35 (1930), p S. M. Elazar, El Romancero Judeoespañol, Sarajevo, 1987, p E. Romero, La Creación literaria en lengua sefardí, Madrid, 1992, p. 284.

7 dell Alliance Israélite Universelle che consigliava ai sefarditi, come già abbiamo detto, lo studio del francese come lingua di promozine sociale e culturale o, come cantava Jakim Behar nella sua Lengua y Nación Israelita (Istambul, 1910): A la hebrea, somos atados al judaísmo A la francesa camino de luz y cultura Todos los tres obligo santo de la natura. 9 6 L Alliance Israélite Universelle non operò mai in Bosnia-Herzegovina ed è per questo motivo che qui la lingua è più pura, nella migliore tradizione di Salonicco, la Salonicco antecedente l Alliance. La parlata dei sefarditi di Bosnia si è arricchita di molte parole turche e bosniache slave. Secondo una lista non molto esaustiva, nella lingua sefardita si incontrano 265 sostantivi, 39 aggettivi, 15 verbi e 16 parole di altre categorie, per un totale di 336 turchismi. Il secondo contributo lessicale non fu meno importante. Si tratta dell influsso slavo. Dopo la Prima Guerra Mondiale molte parole slave della Bosnia entrarono a far parte della lingua sefardita. Cosicchè in una sola frase si possono trovare tutti questi strati linguistici: Yo tomi un kafe para razbiar el mamurluk. In una sola frase il verbo spagnolizzato razbiar e il sostantivo turco el mamurlk (assai conosciuto tra i balcanici) e tutto ciò con una base spagnola che significa: Io mi sono preso un caffè per togliere la sbornia. Un altro esempio tratto dal racconto dello scrittore Avrama Romano Buki, in cui l autore imita la parlata delle donne sefardite di Sarajevo: parlano una madre e una figlia e la figlia parla della creazione letteraria di Tolstoi: Uh, mama baš sos čudnovata. Tu mos keris a mozotrus sporediar stesu komu i Tolstoi. Tu di todo te rugejas. Si tu savias ki grandi filozof ki esti Tolstoi. El mundu entero lo hvaleja. Ma Sarajevo, capitale della Bosnia, continuava ad essere il centro in cui convivevano quattro religioni provenienti dalla stessa fonte divina. I sefarditi ricevevano la loro educazione in questo clima tollerante, multireligioso e multiculturale che si sarebbe potuto paragonare a quello della Toledo di Alfonso X il saggio, la Toledo Cabeza y corazón del mundo o ad Amsterdam, la Nuova Gerusalemme dei sefarditi cacciati dalla Spagna e dal Portogallo. Per quasta ragione, non senza amore per la patria e senza motivazione, sottolinea Eliezer Jichak Papo, rabbino di Silistria, ma originario di Sarajevo che fu: Meir tehila Saraj, Yershalaim ketana, La famosa città di Sarajevo, chico Jeruzalén. Tutto ciò ha reso possibile che Regina-Gina Camhy di Sarajevo, la quale viveva a Parigi e che morì recentemente nella capitale francese, dicesse, parlando della sua città natale: 9 A. Romano-Buki, Los Aparežos en Jevreiski glas, 40, Sarajevo, 1940, p. 4.

8 Tout y est maintenu: le judeo-espagnol, le folklore, les usages et les coutumes de jadis. 10 Di ciò fu cosciente il mentore dei nostri studi, don Ramón Menédez Pidal, che raccomandava ai giovani ricercatori di romanze nel 1906: Allí en Bosnia las mozas a sus fregados y las viejas acunando a sus nietos usan de cantar tales cantares Ma la caratteristica di questi ebrei bosniaci fu l amore per la propria terra natale, la Bosnia, e uno speciale sefardismo. Citeremo un frammento del racconto di Laura Papo- Bohoreta, autrice e poetessa sefardita di Sarajevo. Il racconto si intitola Morena, dal nome dell eroina principale: Morena, la giovane bosniaca che studiava in Germania prima dell ultima Guerra Mondiale, incontrò per la prima volta l imposizione dei numerus clausus per gli studenti ebrei nelle università tedesche. Il suo fidanzato, Rauben, le dice di non aver paura perché lui le starà vicino. Morena gli risponde: Ken se espanta? Ke vengan, veremos. Yo vo azer lo mio. Debaldes no nasi yo en Bosnia. Batir lo voy komo la lana. I ja trija muestra Bosnakita. Hartonear kiere. 12 E infine, alcune parole sullo speciale sefardismo degli ebrei di Sarajevo, spesso accusati da alcuni ebrei dalle differenti idee politiche. Così leggiamo nel giornale ashkenazita di Sarajevo: E questo sefardismo di Sarajevo, un sefardismo assolutamente distaccato e separatista che vuole vedere Sarajevo come un centro del pansefardismo perché Sarajevo, secondo l opinione dei promotori di questa idea, è la capitale e la città più centrale di tutto il mondo sefardita. Ma qui non parleremo dell attitudine decisamente ingiusta nei confronti degli ebrei ashkenaziti. 13 Questo amore per Sarajevo, il suo chico Jeruzalém, la città dalle otto sinagoghe, non è mai venuto a mancare nello spirito sefardita bosniaco. Durante il martirio di Sarajevo, nel 1994, il poeta Isak Papo canta a Zagabria: SARAJEVO MI SEVDAD DE ORO Estremesido miro el televizoro: destruido se esta mi Saray de oro. Nunka pensava ke pudia ser verdad, tanta inhumanidad i terrible krueldad. Lo ke se pasa azen sus sevdadinos ayer amigos i muestros vizinos. 10 G. Camhy, L'Etat actuel dans le monde sefardi in Le Judaisme Sephardi, 28, Paris 1960, p Ramón Menéndez Pidal, Los Romances de América, colección Austral, 55, Madrid, 1972, p Laura Papo Bohoreta, Morena in Jevreiski život, 38, Sarajevo, 1924, p Jevreiski život, 2 Sarajevo, 1924, p. 5.

9 La kruela politika todo derroka, enteramente a la djente troka. Andzeles divinos, onde vos topas agora, en esta, sinsero dicho, la mala ora? 8 Atras ochenta anyos en Saray me nasi de mi chikez toda la vida ayi pasi. Me rekordo del meldar i ham Daniel el primero alefebet ambezandolo de él En kaza uzavamos la lingva espanyola, kon los amigos la lingva de la eskola. De la Espanya trusimos la kultura i tradision, la lingvua i romansas kultivimos kon emosion. 14 Oggi la popolazione ebraica di Sarajevo (di circa mille membri della comunità, il 70% è sefardita) continua a vivere nella capitale della Bosnia ed Erzegovina, sviluppando la propria attività non solo nell associazione culturale La Benevolencia (fondata nel 1892) ma anche attraverso altre strutture della città. A Sarajevo viene pubblicato El Boletín de la Comunidad Judía de Bosnia- Herzegovina e sia i sefarditi che gli ashkenaziti sono una parte rappresentativa e inseparabile del paese, i quali continuano a vivere nel loro chiko Jeruzalén in quanto los arboles viežos, come dice un proverbio sefardita bosniaco, no se transplantan. METODO DI LETTURA: Si scrive: č š ž h j si pronuncia: come lo spagnolo ch (mucho) come il francese ch (chambre) come il francese j (jamais) si pronuncia come la jota spagnola si pronuncia como la y spagnola (ya) 14 Isak Papo ed altri, Cuentos sobre los Sefardíes de Sarajevo, ed. Logos, Spalato, 1994, p. 12.

10 GLOSSARIO: hay vakayam meleh rahman (ebr.) bas (turco), adv. čudnovata (slavo), agg. hvalear (slavo), vb. mamurluk (turco) sm. matovu (decir), ebr. mezuza sf. (ebr.) rugearse (slavo), vb, razbiar (slavo), vb. sporediar (slavo), vb. - Benedetto sia il nostro Re Salvatore - davvero - strana - lodare, complimentarsi - sbornia - preghiera che si recita quando si entra in una sinagoga - rotolo di pergamena che contiene alcuni passi della Bibbia - burlarsi - rompere - confrontare 9 Traduzione di Laura Gando

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 Il nostro ruolo nel Mediterraneo Loredana Cornero - Segretaria generale Comunità radiotelevisiva italofona. Desidero ringraziare tutti i relatori presenti

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate Cristiani e musulmani nell'xi secolo Fra mondo cristiano e mondo musulmano erano continuati, nel corso del Medioevo, gli scambi commerciali e

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA

Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA Interculturalità nel Mediterraneo risponde ai programmi della strategia comune europea per la regione mediterranea. Che cosa

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA PORTOGALLO NELLA PRIMA META' DEL '400 VIVE UNA CONDIZIONE ECONOMICA MOLTO DIFFICILE: - L'AGRICOLTURA E' SCARSA A CAUSA DEL TERRENO POCO FERTILE - LE ROTTE COMMERCIALI

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Le principali catene montuose sono: Sistema Iberico. Sistema Centrale. Pirenei

Le principali catene montuose sono: Sistema Iberico. Sistema Centrale. Pirenei Parte A: aspetto fisico e clima. La Spagna è una nazione dell'europa sud-occidentale, che comprende circa l'84% della penisola iberica. E localizzato a Nord-ovest rispetto all Italia. Confina a: Nord con

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Il caso della Scuola Oliver Twist

Il caso della Scuola Oliver Twist Il caso della Scuola Oliver Twist di Giorgio Vittadini C è un opinione che oggi va per la maggiore: quella secondo cui, per poter essere efficacemente impegnati nella realtà, occorre partire da una visione

Dettagli

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi nuovo Pasquale Troìa Roberta Mazzanti Cecilia Vetturini I ColoRI del strumenti per una didattica inclusiva Alta leggibilità con audio Attività facilitate Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Racconti popolari giapponesi

Racconti popolari giapponesi Adriana Lisboa Racconti popolari giapponesi traduzione di Natale P. Fioretto Graphe.it edizioni 2013 UN PAIO DI PAROLE DELL AUTRICE S e sei arrivato fino a qui, se hai aperto questo libro, probabilmente

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

«Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria»

«Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria» «Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria» (J. W. Goethe) LILIA ANDREA TERUGGI Leggere e scrivere attraverso il curriculo Trasversalità della lingua nei diversi ambiti disciplinari

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

: basta chiedere alle banche quanti

: basta chiedere alle banche quanti .d. Mettete in ordine le frasi disordinate presenti all interno del testo. L italiano si fa a scuola Negli ultimi trent anni, l Italia è divenuto un paese di immigrazione. Nell ultimo decennio, poi, essa

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 RACCONTIAMO DI LUOGHI E DI FATTI CHE NON DEVONO ESSERE DIMENTICATI RICORDIAMO COLORO CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCEGLIERE IL BENE Classe v Scuola Primaria di

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Oumaima Ben ameur 3a

Oumaima Ben ameur 3a Oumaima Ben ameur 3a STORIA La belle epoque è un periodo che va dai primi del 900 al 1914 Un età di pace,di benessere e di fiducia nel progresso negli USA henry ford costruì nel 1909 il MODELLO T. Nel

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei. Proposte didattiche per lo studio di uno stato

GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei. Proposte didattiche per lo studio di uno stato http://www.gatm.org.uk GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei Proposte didattiche per lo studio di uno stato Classi: II e III della Scuola Secondaria di Primo Grado Materia: Geografia Ore settimanali:

Dettagli

Traduzione di. Claudia Manzolelli

Traduzione di. Claudia Manzolelli Traduzione di Claudia Manzolelli Ai miei genitori, George e Elizabeth Introduzione...1 1. L inizio della fine...9 2. Ritorno all ovile...21 3. Il consulente geriatrico...37 4. Galapagos...43 5. La caduta...51

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

SEGRETI PER IL SUCCESSO

SEGRETI PER IL SUCCESSO Produzioni Aurora SEGRETI PER IL SUCCESSO Segreti per il successo è una collezione di proverbi, consigli e detti ispiranti: proprio la cosa giusta per motivarti all inizio della giornata. 24 AGOSTO Dove

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Ibrahim Faltas ofm Economo della Custodia francescana di Terra Santa

Ibrahim Faltas ofm Economo della Custodia francescana di Terra Santa Un a p re s e n z a d i s e c o l i p e r il d i a l o g o: i f r a n c e s c a n i in Me d i o Or i e n t e 1 Ibrahim Faltas ofm Economo della Custodia francescana di Terra Santa Buongiorno a tutti voi:

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli