La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo"

Transcript

1 La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo Muhamed Nezirović Mediterránea on line # 8 / giugno 2012 Mediterránea Centro di Studi Interculturali Dipartimento di Studi Umanistici Università di Trieste

2 Convergenze peninsulari: iberica, italica, balcanica Paradigmi della letteratura judeoespañola Trieste 15 marzo 2005 La comunità sefardita della Bosnia tra le comunità sefardite dell Europa e del Mediterraneo Muhamed Nezirović In primo luogo, vogliamo collocare il ruolo di Sarajevo e della Bosnia ed Erzegovina nel mosaico sefardita d Europa. Prima della Seconda Guerra Mondiale in questa capitale e in questo paese vivevano ebrei divisi in venti comunità, dei quali più di dieci mila erano sefarditi. Gli altri erano ebrei ashkenaziti chiamati inizialmente Švabos judíos, ovvero, ebrei tedeschi. Dopo la quasi totale distruzione della comunità ebraica della Bosnia ed Erzegovina durante l ultima guerra mondiale, solamente sopravvissero all Olocausto. La comunità sefardita della Bosnia ed Eerzegovina, soprattutto quella di Sarajevo, fu molto importante nonostante le sue esigue dimensioni. Nel periodo tra due guerre mondiali a Sarajevo vennero pubblicati due settimanali sefarditi: Jevrejski život (La vita ebraica) e Jevreiski glas (La voce ebraica). Un sefardita originario di Sarajevo, David Bajar Mose Atias, che viveva a Liorna nel secolo XVIII, fu il primo pubblicista e scrittore laico che già nel 1778 pubblicò in questa città italiana un libro miscellaneo dal titolo La Guerta de Oro. I sefarditi di Sarajevo furono i primi collezionisti di romanze sefardite, ossia: Il rabbino Ha Kohen Moise ben Mikael (1702). Il rabbino Ha Kohen Bahar Mose David (1794). La città di Sarajevo fu la culla dei rabbini. Tutti loro erano orgogliosi di essere nati a Sarajevo (chico Yerusalen): Meir tehila Saray, Yerushalaim Ketana. A Sarajevo prima dell ultima Guerra Mondiale si cantava una Canción de Roldán, l unica raccolta in un paese slavo. In realtà sotto il nome di Roldán si nasconde Bernardo del Carpio, figura leggendaria dell epopea spagnola. Delle cinquantacinque rarissime romanze di tutto l ispanismo, diciotto provengono, secondo don Ramón Menéndez Pidal, da Sarajevo e dalla Bosnia. La famosa Haggadah, scritta e portata alla luce nel secolo XIV a Barcellona, è conservata attualmente a Sarajevo, preservata dai mali e dalle guerre da musulmani e cattolici. I sefarditi di Sarajevo e della Bosnia-Herzegovina generalmente parlavano un purissimo spagnolo preclassico senza nessuna influenza gallica, in un periodo in cui il francese fu imposto ai sefarditi dall Alliance Israélite Universelle come lingua di promozione sociale. Questa istituzione non operò mai in Bosnia. Nonostante tutto, la comunità sefardita della Bosnia ed Erzegovina fu ed è tutt ora poco conosciuta.

3 In questo lavoro, il mio obiettivo o il mio escopo (termine spagnolo del Siglo de Oro ormai in disuso in Spagna ma conservato e utilizzato a Sarajevo e in Bosnia) è far conoscere questa comunità e lanciare un or hadash (una luce nuova) su questo gruppo sefardita della Bosnia-Herzegovina. Inizieremo il nostro lavoro con una frase scritta nel lontano 1931 nell edizione settimanale di Sarajevo Jevrejski glas (La voce ebraica) da un sefardita di nome Jelić, originario di Belgrado, dall indiscutibile talento letterario. Parlando dei suoi compatrioti di Sarajevo e desideroso di sottolineare le loro attività culturali, diceva: 2 Lus di saraj no aj in sjeti partis de el mundo Questa opinione di stima e di rispetto non fu un fatto isolato e casuale né un risultato dell autoinnamoramento (se possiamo chiamarlo così) nei confronti di tutto ciò che aveva a che fare con il suo popolo (elemento che non è poi così raro nelle nostre terre balcaniche), ma fu il frutto di un pensiero diffuso. Così, quasi contemporaneamente, don Manuel Ortega, presidente delle associazioni sefardite del Marocco e autore del famoso libro Hebreos de Marruecos, nel 1930 scriveva parole lusinghiere sulla comunità sefardita di Sarajevo in una lettera che inviò allo stesso settimanale della capitale: Precisamente il gruppo di Sefarditi di Sarajevo è uno di quelli che ci ha sempre preoccupato per la sua situazione privilegiata nell ambito delle correnti culturali dell Oriente europeo, dove tenevano così alta la bandiera della cultura ispanica tanto da rappresentarne la parte più consistente. 1 Quando si leggono queste righe prese a caso fra tante altre simili dovremmo certamente chiederci che cosa era questa comunità sefardita che arrivò a Sarajevo nel lontano XVI secolo, più esattamente nel 1566, una città giovane ma già ricca, potente e in piena espansione, situata nella parte più occidentale della Turchia europea, nella quale si accumulava e ristagnava una ricchezza immensa proveniente da vari campi di battaglia e campagne di guerra alle quali partecipava l Impero Turco all apice del suo potere. Successivamente, alcuni sefarditi stabilitisi a Sarajevo, guidati dal loro impulso industriale e dalle loro capacità, partiranno dalla capitale per poi diffondersi in tutti i centri di una certa importanza della Bosnia ed Erzegovina. Ma non dimenticheranno mai che Sarajevo fu un rifugio sicuro per la loro nuova vita e che la Bosnia fu per loro la nuova Sefarad. Bisognerebbe ricordare che nella storia non ci sono mai stati due paesi, fatta eccezione forse per l Albania, che si assomigliassero così tanto per il loro destino storico e spiritualità come la Spagna, l al-ándalus arabo o il Sefarad ebraico, e la Bosnia, il paese dei Balcani occidentali. La prima venne conquistata molto presto, all inizio del secolo VIII, quando i capi arabo-berberi sconfissero nell anno 711 presso il fiume Guadalete l esercito dell ultimo re goto Rodrigo. La seconda perse la sua indipendenza molto più tardi, nel 1463, quando i cavalieri turchi sconfissero e catturarono l ultimo re di Bosnia, Esteban Tomašević (sia detto che la Bosnia fu 1 Lettera inviata ad Alberto Atias, presidente della Comunità ebraica di Sarajevo, pubblicata su Jevreiski glas (Sarajevo) il 7 marzo 1930.

4 l ultimo paese indipendente a perdere la sua libertà nei Balcani). Proprio in quest epoca arrivò l implacabile declino della Spagna musulmana e del suo Regno nazarí. Ma in Bosnia, patria di eretici tartari, paese di boni cristiani, recentemente convertiti all Islam, come dice W. Miller: Preferivano essere conquistati dal sultano piuttosto che convertiti dal Papa; e appena conquistati non esitarono a cambiare religione. Il credo musulmano aveva parecchi punti di contatto con la loro propria eresia, così tanto disprezzata. Chi abbracciava la nuova religione poteva conservare le proprie terre e i propri privilegi feudali; così dunque la Bosnia ci si presenta con il curioso fenomeno di una casta aristocratica di razza slava, anche se maomettana di religione. 2 3 Questa Bosnia stava ripetendo il passato spagnolo. Ripeteva la Spagna delle tre religioni, Sarajevo ripeteva la Toledo di Alfonso X, il saggio. E non fu un caso che nel tragico 1992 la prima città a mandare la sua simpatia e il suo appoggio a Sarajevo fu questa Toledo, cuore del mondo, con la frase: Toledo saluta Sarajevo. I sefarditi non arrivarono in questa città direttamente dalla penisola iberica. Alcuni autori hanno paragonato l arrivo dei sefarditi ad una bomba, stavolta una bomba priva di pericolo, una bomba pacifica. I sefarditi sparsi nelle varie zone d Europa e dell Africa settentrionale trovarono una buona accoglienza nel suolo ospitale dell Impero Ottomano. E non è casuale che nel 1892, esattamente durante l occasione del quarto centenario dell espulsione dalla Spagna e dell arrivo dei sefarditi in Turchia, si potesse leggere in un giornale sefardita di Esmirna questi versi pieni di gratitudine nei confronti del paese di accoglienza: Et lorsque ceux qu'hier tout paraissait maudire entrèrent dans Stamboul, misérables et nus pour la première fois on put entendre dire: Vous êtes des proscrits, soyez les bienvenus! 3 Nell Impero Ottomano iniziarono ad infilarsi, come perline di una collana, le città che accolsero i sefarditi: Esmirna, Bursa, Istambul, Salonicco, Adrianopoli-Edirne, Sofia, Rustcuk, Filipopoli-Plovdiv, Samokov, Istib-Stip, Monastir-Bitola, Escopia, Niš, Belgrado, Sarajevo, dove questi avevano vissuto e lavorato contribuendo alla prosperità dell intera popolazione. Non fu così in altri paesi. La ricca città di Amburgo li accolse per misericordia ma non si dimenticò di chiedere a ogni rifugiato mille marchi come contributo alla città. Il Senato non permetteva la costruzione di sinagoghe, ma solo l acquisto di terreni per i cimiteri. Probabilmente, è per questo motivo che in alcune coplas sefardite la Germania viene chiamata mala Alemania. Ma ritorniamo ai sefarditi di Sarajevo. La comunità, come abbiamo già detto, è sempre stata importante. I primi sefarditi arrivarono da Salonicco, secondo Moisé Franco, già nel Si trattava di una trentina di famiglie ebreo-portoghesi; secondo altri la data di arrivo risale 2 W. Miller, Essais in the Latin Orient, pág. 494, Cambridge, 1921, passaggio citato da H. C. Darby et alii in Breve historia de Yugoslavia, Colección Austral 1458, Madrid, 1972, p Le Monde dell 8 settembre 1986, p. 3.

5 al 1545, per altri ancora al Generalmente i sefarditi di Sarajevo e della Bosnia ed Erzegovina, a differenza delle altre città d Europa e del Nord Africa, non hanno mai vissuto in un ghetto e questa istituzione non è mai esistita in Bosnia... ma comunque loro volevano vivere insieme. Mosé (Rafael) Atias alias Zeky-effendi Rafaelović, autore di Istoria de los žudios de Bosna, rampollo di un antica, onesta e conosciuta famiglia sarajevita, ci da una prova che conferma questo fatto: 4 Ansi los žudios kontinuaron de gozar de una vuena reputasion entre los sibdadanos de las otras konfesiones ma eljos (los žudios) moraban espartidos los unos de los otros, kada uno en una kaleža de manera ke les era muj pezgado para reunirsen en okaziones de fiestas, bodas i en kazos de muerte, i aunke eljos se adresaban kon rogatibas a kada gobernador, les era rifuziado el derečo de akožersen todos por morar en una mahale (kuartal). En este estado vibjeron asta (1645) ke bino komo gobernador Sijabuš-paša (eks gran bezir) el kual se apijadu de la nasion žudia i deso fraguar una mahale a su nombre, la kual se ljama ainda oj Sijabuš-paša mahalesi (EI Kuartal de Sijabuš-paša). Este kuartal es un sirkulo de aproksimadamente dos mil metros kuadrados; todo su rededor bjenen fraguas de pjedra vjen solidas i el kortizo es vjen grande tubiendo un pozo de agua. 4 Queste righe testimoniano che il ghetto non esisteva a Sarajevo ma che i sefarditi desideravano vivere insieme per i motivi espressi o, come dice lo storico ebreo Samuel Grayzles: Les Juifs avaient toujours aimé vivre les uns près des autres, comme tout groupe uni par des liens puissants. 5 Questo desiderio di vivere insieme è presente nei proverbi sefarditi conservati fino ai giorni nostri. I proverbi dell epoca dicevano che un ebreo che viveva solo è un kazaliko medio kristianiko o un kazaliko medio blahito. Grazie alla possibilità di vivere insieme si ha l opportunità di rispettare le regole della Legge o della religione. Senza dieci uomini non era e non è possibile formare il miñan e senza miñan non c era e non c è la possibilità di leggere la Tora o Kadis e per questo motivo avevano la necessità di vivere in vicinati prossimi a Sarajevo. Nel frattempo vogliamo evidenziare un fatto. Gli ebrei volevano vivere insieme e vivevano a Sarajevo, nel loro Kortižo, come loro stessi chiamavano il proprio quartiere, in cui vivevano anche i musulmani, concittadini di buon vicinato. La popolazione ebraica di Sarajevo cresceva ed aumentava di numero molto rapidamente e fu sempre una popolazione cittadina. Le famiglie con dieci figli non erano un eccezione. Il clima di benessere e di tolleranza esisteva sia a Sarajevo che in tutta la Bosnia. Molti sefarditi erano funzionari delle autorità turche perchè i musulmani bosniaci imparavano con difficoltà la lingua turca, o come dice un autore francese, in cinque secoli di presenza turca, solo una cinquantina ha imparato bene questa lingua - vérité des choses, vérité des hommes. La popolazione sefardita non si differenzia molto, per quanto riguarda la vita 4 La alborada, Sarajevo, 17 maggio del 1901, p S. Grayzler, Histoire des Juifs, Paris 1967, tomo II, p. 42.

6 esteriore, dall ambito balcanico orientale e slavo musulmano. Una scena del racconto Un kal viežu (Una vecchia sinagoga) di Avram Romano Buki, autore sefardita già citato, conferma questo aspetto: Los primeros son viežižikos. Ejos aparesen bjen vestidos kon sus barvas penjadas, sus djubes, sus anteris, škarpas alumbrantes, la varda no paresen akejos de entre simana. Komo entran en kal, bezan la mezuza i si aparan kon sus manus avijertus (uzu turku) dizen matovu, si pasan las manus pur la kara i si van a su lugar. Aki si kitan las škarpas, s'asentan, travan los pies para ariva, si los tapan kon el anter i ansina arimadikos asperan el empesižo di orasion. 6 5 Può essere che a causa di tutto ciò le autorità turche e soprattutto la popolazione slava musulmana desse non solo protezione ai cittadini sefarditi ma che si comportase con loro in maniera molto amichevole. È interessante un fatto storico: i musulmani di Sarajevo si sollevarono nel 1819 contro Mehmed Ruzdi, altezzoso governatore turco di Bosnia che incarcerò un gruppo di onesti sefarditi capeggiati dal rabbino Mose Danon. Il governatore aveva bisogno di denaro e voleva togliere questo denaro alle sue vittime: C'est leur richesse qui les perdsi diceva spesso degli ebrei durante il Medioevo. La comunità ebraica di Sarajevo chiese aiuto ai musulmani slavi della città. Duecento cinquanta fra i più onesti sottoscrissero una petizione chiedendo al sultano di liberare immediatamente gli ebrei innocenti. La risposta fu immediata e positiva. L altezzoso pascià venne destituito e incarcerato. Una poesia che nel judeoespañol di Bosnia porta il titolo di Una kantika komponida i eskrita por la istoria ke akapito al rav Mose Danon djunto los grandes de la komuna de Sarajevo al 4 merhesvan 5580 (1819), ma più conosciuta con il titolo di Historia de los Prisoneros o Megila de Sarajevo, descrive tale avvenimento. Di questo lungo poema, noi ne esamineremo solo alcuni versi: Haj vekajam meleh rahman Baldo pensjero de Aman Los turkos de la sivdad Se selaron de su krueldad Kontra el si levantaron i a los Djidios asoltaron... 7 Questa storia ha un suo continuo e una sua eredità. I musulmani di varie città della Bosnia ed Erzegovina, con le cosiddette Risoluzioni musulmane dirette alle autorità naziste, vollero esigere la cessazione della crudeltà contro gli ebrei e i serbi ortodossi praticata durante la seconda Guerra Mondiale. È molto importante sottolineare che i sefarditi bosniaci non dimenticarono mai la lingua spagnola preclassica, quella di Cervantes, cosa che invece accadde già da secoli agli ebrei di Francia e, un poco più tardi, a quelli d Italia. 8 Nel Nord Africa, in Turchia, in Bulgaria, in Romania, in Macedonia, la lingua spagnola si conservò, ma questa lingua è piena di francesismi a causa dell attività 6 A. Romano Buki, Un kal viežu en Jevreiski glas, 35 (1930), p S. M. Elazar, El Romancero Judeoespañol, Sarajevo, 1987, p E. Romero, La Creación literaria en lengua sefardí, Madrid, 1992, p. 284.

7 dell Alliance Israélite Universelle che consigliava ai sefarditi, come già abbiamo detto, lo studio del francese come lingua di promozine sociale e culturale o, come cantava Jakim Behar nella sua Lengua y Nación Israelita (Istambul, 1910): A la hebrea, somos atados al judaísmo A la francesa camino de luz y cultura Todos los tres obligo santo de la natura. 9 6 L Alliance Israélite Universelle non operò mai in Bosnia-Herzegovina ed è per questo motivo che qui la lingua è più pura, nella migliore tradizione di Salonicco, la Salonicco antecedente l Alliance. La parlata dei sefarditi di Bosnia si è arricchita di molte parole turche e bosniache slave. Secondo una lista non molto esaustiva, nella lingua sefardita si incontrano 265 sostantivi, 39 aggettivi, 15 verbi e 16 parole di altre categorie, per un totale di 336 turchismi. Il secondo contributo lessicale non fu meno importante. Si tratta dell influsso slavo. Dopo la Prima Guerra Mondiale molte parole slave della Bosnia entrarono a far parte della lingua sefardita. Cosicchè in una sola frase si possono trovare tutti questi strati linguistici: Yo tomi un kafe para razbiar el mamurluk. In una sola frase il verbo spagnolizzato razbiar e il sostantivo turco el mamurlk (assai conosciuto tra i balcanici) e tutto ciò con una base spagnola che significa: Io mi sono preso un caffè per togliere la sbornia. Un altro esempio tratto dal racconto dello scrittore Avrama Romano Buki, in cui l autore imita la parlata delle donne sefardite di Sarajevo: parlano una madre e una figlia e la figlia parla della creazione letteraria di Tolstoi: Uh, mama baš sos čudnovata. Tu mos keris a mozotrus sporediar stesu komu i Tolstoi. Tu di todo te rugejas. Si tu savias ki grandi filozof ki esti Tolstoi. El mundu entero lo hvaleja. Ma Sarajevo, capitale della Bosnia, continuava ad essere il centro in cui convivevano quattro religioni provenienti dalla stessa fonte divina. I sefarditi ricevevano la loro educazione in questo clima tollerante, multireligioso e multiculturale che si sarebbe potuto paragonare a quello della Toledo di Alfonso X il saggio, la Toledo Cabeza y corazón del mundo o ad Amsterdam, la Nuova Gerusalemme dei sefarditi cacciati dalla Spagna e dal Portogallo. Per quasta ragione, non senza amore per la patria e senza motivazione, sottolinea Eliezer Jichak Papo, rabbino di Silistria, ma originario di Sarajevo che fu: Meir tehila Saraj, Yershalaim ketana, La famosa città di Sarajevo, chico Jeruzalén. Tutto ciò ha reso possibile che Regina-Gina Camhy di Sarajevo, la quale viveva a Parigi e che morì recentemente nella capitale francese, dicesse, parlando della sua città natale: 9 A. Romano-Buki, Los Aparežos en Jevreiski glas, 40, Sarajevo, 1940, p. 4.

8 Tout y est maintenu: le judeo-espagnol, le folklore, les usages et les coutumes de jadis. 10 Di ciò fu cosciente il mentore dei nostri studi, don Ramón Menédez Pidal, che raccomandava ai giovani ricercatori di romanze nel 1906: Allí en Bosnia las mozas a sus fregados y las viejas acunando a sus nietos usan de cantar tales cantares Ma la caratteristica di questi ebrei bosniaci fu l amore per la propria terra natale, la Bosnia, e uno speciale sefardismo. Citeremo un frammento del racconto di Laura Papo- Bohoreta, autrice e poetessa sefardita di Sarajevo. Il racconto si intitola Morena, dal nome dell eroina principale: Morena, la giovane bosniaca che studiava in Germania prima dell ultima Guerra Mondiale, incontrò per la prima volta l imposizione dei numerus clausus per gli studenti ebrei nelle università tedesche. Il suo fidanzato, Rauben, le dice di non aver paura perché lui le starà vicino. Morena gli risponde: Ken se espanta? Ke vengan, veremos. Yo vo azer lo mio. Debaldes no nasi yo en Bosnia. Batir lo voy komo la lana. I ja trija muestra Bosnakita. Hartonear kiere. 12 E infine, alcune parole sullo speciale sefardismo degli ebrei di Sarajevo, spesso accusati da alcuni ebrei dalle differenti idee politiche. Così leggiamo nel giornale ashkenazita di Sarajevo: E questo sefardismo di Sarajevo, un sefardismo assolutamente distaccato e separatista che vuole vedere Sarajevo come un centro del pansefardismo perché Sarajevo, secondo l opinione dei promotori di questa idea, è la capitale e la città più centrale di tutto il mondo sefardita. Ma qui non parleremo dell attitudine decisamente ingiusta nei confronti degli ebrei ashkenaziti. 13 Questo amore per Sarajevo, il suo chico Jeruzalém, la città dalle otto sinagoghe, non è mai venuto a mancare nello spirito sefardita bosniaco. Durante il martirio di Sarajevo, nel 1994, il poeta Isak Papo canta a Zagabria: SARAJEVO MI SEVDAD DE ORO Estremesido miro el televizoro: destruido se esta mi Saray de oro. Nunka pensava ke pudia ser verdad, tanta inhumanidad i terrible krueldad. Lo ke se pasa azen sus sevdadinos ayer amigos i muestros vizinos. 10 G. Camhy, L'Etat actuel dans le monde sefardi in Le Judaisme Sephardi, 28, Paris 1960, p Ramón Menéndez Pidal, Los Romances de América, colección Austral, 55, Madrid, 1972, p Laura Papo Bohoreta, Morena in Jevreiski život, 38, Sarajevo, 1924, p Jevreiski život, 2 Sarajevo, 1924, p. 5.

9 La kruela politika todo derroka, enteramente a la djente troka. Andzeles divinos, onde vos topas agora, en esta, sinsero dicho, la mala ora? 8 Atras ochenta anyos en Saray me nasi de mi chikez toda la vida ayi pasi. Me rekordo del meldar i ham Daniel el primero alefebet ambezandolo de él En kaza uzavamos la lingva espanyola, kon los amigos la lingva de la eskola. De la Espanya trusimos la kultura i tradision, la lingvua i romansas kultivimos kon emosion. 14 Oggi la popolazione ebraica di Sarajevo (di circa mille membri della comunità, il 70% è sefardita) continua a vivere nella capitale della Bosnia ed Erzegovina, sviluppando la propria attività non solo nell associazione culturale La Benevolencia (fondata nel 1892) ma anche attraverso altre strutture della città. A Sarajevo viene pubblicato El Boletín de la Comunidad Judía de Bosnia- Herzegovina e sia i sefarditi che gli ashkenaziti sono una parte rappresentativa e inseparabile del paese, i quali continuano a vivere nel loro chiko Jeruzalén in quanto los arboles viežos, come dice un proverbio sefardita bosniaco, no se transplantan. METODO DI LETTURA: Si scrive: č š ž h j si pronuncia: come lo spagnolo ch (mucho) come il francese ch (chambre) come il francese j (jamais) si pronuncia come la jota spagnola si pronuncia como la y spagnola (ya) 14 Isak Papo ed altri, Cuentos sobre los Sefardíes de Sarajevo, ed. Logos, Spalato, 1994, p. 12.

10 GLOSSARIO: hay vakayam meleh rahman (ebr.) bas (turco), adv. čudnovata (slavo), agg. hvalear (slavo), vb. mamurluk (turco) sm. matovu (decir), ebr. mezuza sf. (ebr.) rugearse (slavo), vb, razbiar (slavo), vb. sporediar (slavo), vb. - Benedetto sia il nostro Re Salvatore - davvero - strana - lodare, complimentarsi - sbornia - preghiera che si recita quando si entra in una sinagoga - rotolo di pergamena che contiene alcuni passi della Bibbia - burlarsi - rompere - confrontare 9 Traduzione di Laura Gando

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it INDICE PAGINA 9 PREFAZIONE di Rossella Grenci 13 PRESENTAZIONE Rossella Grenci, Daniele Zanoni 20 LISTA DI ALCUNI DISLESSICI

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Mat.5:17: «Abolire» la Legge

Mat.5:17: «Abolire» la Legge Mat.5:17: «Abolire» la Legge (IL PRESENTE ARTICOLO È TRATTO E SVILUPPATO DAL LIBRO DI QUINTAVALLE ARGENTINO, ELEMENTI ESSENZIALI DELLA FEDE GIUDEO CRISTIANA, CAP. 9: CHE COS È LA TORAH) http://www.messiev.altervista.org/elementiessenziali.pdf

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli