4 / 10. Il Consigliere federale Burkhalter incoraggia i giovani soccorritori. 04 I Casi concreti di rianimazione cardiaca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 / 10. Il Consigliere federale Burkhalter incoraggia i giovani soccorritori. 04 I Casi concreti di rianimazione cardiaca"

Transcript

1 4 / 10 Il Consigliere federale Burkhalter incoraggia i giovani soccorritori 04 I Casi concreti di rianimazione cardiaca 10 I Samaritani in veste di First-Responder 12 I L apparato respiratorio, lezione di anatomia 17 I A Coldrerio la 55esima assemblea ASSTM

2 Sylvia: J avais tellement perdu de poids en 1 semaine que j ai annulé mon rendez-vous pour une chirurgie gastrique! Sylvia nous raconte comment grâce à un procédé révolutionnaire elle a perdu 22 kg en 7 semaines alors qu elle était désespérée et décidée à se faire poser un ballon gastrique. Mon histoire est somme toute assez banale... Pour résumer, entre 23 ans, quand j ai eu mon fils unique, et hier si je puis dire, 10 ans s étaient passés et j avais 25 kilos en trop. J'avais tellement essayé de procédés miracles que je ne croyais plus à rien. Je ne trouvais plus rien à m habiller, je n'osais pas sortir et la plage était devenue un supplice. Mais le pire, c étaient les réflexions de mon mari et de mon fils que je ne veux pas rapporter ici. Enfin, au niveau affectif avec mon mari cela devenait catastrophique. Et puis un jour, à la télé, j ai vu une émission sur les chirurgies gastriques pour les personnes qui souffrent et qui n arrivent pas à maigrir. En réalité, il s agit de placer un ballon dans l estomac. Par conséquent, on ne peut pas manger beaucoup et donc on maigrit. Au bout du rouleau et prête à tout pour redevenir une vraie femme, je suis allée voir mon médecin. Je lui ai dit que je voulais faire cette opération. Finalement, nous avons fixé une date pour l intervention. J avais pris une décision radicale et j étais convaincue du résultat. Le jour après, j'ai confié cette décision à ma meilleure amie Monica. Le lendemain, elle m a appelé pour me dire que son mari qui est ingénieur biologiste, avait entendu parler d un nouveau procédé qui assure le même effet, mais qui évite les inconvénients d une intervention chirurgicale. Il s agissait d une sorte de poudre qui gonfle pour atteindre un volume multiple dans l estomac et permet d agir comme le ferait un ballon gastrique. Deux jours après, elle était devant ma porte avec le paquet contenant la poudre miracle qu il fallait prendre sous forme de capsules. Quand j'ai lu la composition, j ai constaté qu il s agit d un dispositif médical certifié et à 100% naturel qui n'entraîne aucun effet secondaire nocif. Je pensais surtout à mon opération qui approchait (c était dans 10 jours). Je me suis dit que ce serait une bonne occasion de m'y habituer. Alors j'ai pris 3 capsules une demiheure avant chaque repas principal et l effet a été immédiat. Je mangeais ce que je j aimais, mais je ne n'avais plus ces pulsions qui vous font grignoter toute la journée. Après 3 jours, j'avais perdu 1,5 kilos et en fin de semaine, la balance a affiché 3,5 kilos de moins. Il me restait 3 jours avant l'opération. J ai appelé mon médecin pour lui raconter ce qui m'arrivait. Quand je lui ai parlé de la composition de PLANTO-SLIM (c'est le nom de ces capsules qui contiennent cette poudre miracle), il n'a pas été étonné.il m'a dit que j avais réalisé naturellement ce que je m étais préparé à faire avec une opération chirurgicale. Nous avons décidé ensemble d annuler mon opération et de suivre les résultats ensemble chaque semaine. Evidemment, j ai continué à perdre du poids régulièrement. Le premier mois j avais perdu exactement 13 kilos et cela sans faire aucun effort particulier. Je mangeais ce que j aimais, à ma faim avec un sentiment de satiété que j'avais oublié depuis longtemps. Je me sentais en pleine forme. J ai perdu 22 kilos après 7 semaines. Là, mon médecin m a dit stop c est assez. J avais peur de reprendre du poids en arrêtant de prendre PLANTO-SLIM. Pour éviter donc l effet yoyo bien connu, je prends tout simplement 2 capsules de PLANTO-SLIM avant des repas particulièrement riches en calories, mais c'est tout. J ai enfin la silhouette dont j ai si longtemps rêvé et avec mon mari j ai des relations affectives plus belles que jamais auparavant. POURQUOI PLANTO-SLIM AGIT COMME UN BALLON GASTRIQUE NATUREL PLANTO-SLIM agit selon le même principe que le ballon gastrique qui est introduit dans le cadre d'une opération (ce ballon doit remplir l estomac). La différence c est que PLANTO-SLIM est à 100% naturel. Chaque jour vous perdez du poids sans sensation de faim. Découvrez-en les raisons ci-dessous 1) Sensation de satiété pour longtemps Les capsules PLANTO-SLIM sont remplies de poudre de glucomannane de konjac, un extrait végétal de la racine de konjac spécialement traité. En prenant cette poudre avec de l'eau, celle-ci gonfle dans l'estomac jusqu'à atteindre 200 fois son volume normal et forme une masse gélatineuse qui enferme les composants alimentaire broyés. Ainsi, vous mangez nettement moins que d habitude car votre estomac est rempli plus rapidement. Grâce à cette sensation de satiété durable et agréable vous ne ressentez plus de sensation de faim omniprésente. La poudre elle-même est éliminée de manière naturelle sans être digérée. PLANTO-SLIM peut être pris à volonté. 2) Réduit l absorptionde calories En outre, PLANTO-SLIM retarde l'absorption de graisses et réduit la quantité de glucides qui sont absorbés par la nourriture. Le résultat? Non seulement, vous mangez moins, mais aussi vous absorbez moins de calories de ce que vous mangez. De cette manière, vous perdez automatiquement de poids et ce, sans avoir faim un seul instant. 3) Remboursement garanti N'hésitez pas et commandez PLANTO-SLIM encore aujourd hui. Si vous ne perdez pas de poids avec PLAN- TO-SLIM, nous vous remboursons votre argent sans discuter. C est honnête, n estce pas? OUI, je commande contre facture (10 jours) + participation aux frais d'envoi (Fr. 5.90) comme suit: Veuillez cocher ci-dessous le régime souhaité: o PLANTO-SLIM régime 10 jours (64 capsules) No d'art Fr. 48. o PLANTO-SLIM régime 1 mois (192 capsules) Recommandé pour des résultats optimaux! No d'art au lieu de Fr seulement Fr. 98.! o PLANTO-SLIM régime 2 mois (384 capsules) No d'art au lieu de Fr seulement Fr. 178.! o Monsieur Nom: Prénom : Rue/N : NPA/lieu: + = Trendmail SA, Service-Center Bahnhofstr. 23, 8575 Bürglen TG Tel , Fax B O N D E C O M M A N D E o Madame ENFIN! Un traitement naturel contre l obésité a été développé. Avalées avec de l eau, ces capsules agissent comme un ballon gastrique naturel. A envoyer à: Trendmail SA, Service-Center, Bahnhofstr. 23, 8575 Bürglen TG + = Si vous souhaitez perdre du poids normalement, prenez 2 capsules avant chaque repas principal. Si vous souhaitez perdre du poids rapidement, prenez 3 capsules avant chaque repas principal !

3 Editoriale Editoriale Sommario Sommario Reportage 04 Impiego BLS-AED Esempi reali di interventi e rianimazioni a seguito di episodi di arresti cardiaci. Accogliere la sfida Essere immediati, i minuti contano, First-Responder, BLS, AED, corretta rianimazione cardio-polmonare Sono tutte espressioni che ritroviamo in diverse pagine di questo numero di «oggi Samaritani». Bastano queste parole per rendersi conto del fatto che essere Samaritano può essere anche molto impegnativo. Negli ultimi 20 anni, infatti, nel campo dei primi soccorsi con la rianimazione cardio-polmonare, sono state introdotte parecchie tecniche nuove a cominciare dalla defibrillazione automatica esterna (AED). Grazie a queste tecnologie e alla corretta applicazione delle prime misure di soccorso, molte vite possono e potranno essere salvate. E l evoluzione, in questo settore, non si ferma. Anzi va veloce! E quindi innegabile che, anche per i Samaritani che svolgono la loro attività a titolo volontario, un aggiornamento tecnico continuo è indispensabile per restare al passo con i tempi. Soprattutto per rimanere un organizzazione affidabile e veramente utile, a livello nazionale. La concorrenza in questo settore è forte; la sfida è grande. Se i Samaritani vogliono restare in gioco sulla scena dei primi soccorsi, devono cogliere questa sfida. Pena: essere messi velocemente da parte. Tutto questo non significa che la tecnica deve prevalere sul cuore o che lo strumento deve avere priorità sulla buona parola, sul conforto dato a chi soffre. Anzi: le due cose devono e possono convivere e in questo credo risieda proprio la grande forza e l umanità del movimento Samaritano e della sua antica filosofia. A pagina 4 abbiamo degli esempi concreti di interventi di rianimazione, mentre a pagina 10 Regina Gorza ci parla del concetto di First-Responder. A pagina 18 si legge del positivo esempio del Ticino in questo settore, con l iniziativa della Fondazione Cuore Ticino. Buona lettura! Mara Zanetti Maestrani Ricette di successo Dimissioni Come pianificare ed organizzare al meglio dimissioni da cariche importanti della Sezione. Attualità dalla Federazione Primo intervento Regina Gorza spiega possibilità e limiti per i Samaritani quali First-Responder. Apparecchio Mini-Anne Il progetto della Fondazione svizzera di cardiologia sostenuto anche dalla FSS. Buono a Sapersi Anatomia umana L apparato respiratorio, le sue parti, le sue funzioni specifiche e particolarità. Sezioni e Associazione Sezioni ticinesi si raccontano Riuscita assemblea ASSTM a Coldrerio; Echi dalle Sezioni di Tenero, Cavergno, Blenio e Ambrì-Piotta. Sommario 03

4 Per essere pronti all'uso del defibrillatore in casi reali, bisogna esercitarsi e fare attenzione a tutti i dettagli. Reportage 04 Racconti di Samaritani che hanno impiegato BLS AED in casi reali Esperienze vissute nella lotta contro l arresto cardiaco Grazie alle misure BLS e agli apparecchi AED (*) oggi sempre più spesso le persone colpite da arresto cardiaco sopravvivono all evento. Più spesso sì, ma purtroppo però non sempre. Ecco alcuni racconti di eventi reali vissuti da Samaritani come voi.

5 Richard Niederberger e Elke Ledermann hanno salvato la vita di una donna. Di Kurt Venner Nelle prime ore di quella mattina di sabato, 15 novembre 2008, improvvisamente le fiamme divampano nel Nightclub Moolight di Augst, comune del Canton Basilea Campagna. Il furioso incendio occupa i vigili del fuoco, la polizia e gli enti di soccorso, tutti prontamente intervenuti sul posto, per ben 24 ore di filato. Tra i soccorritori, anche il veicolo sanitario dei Pompieri, sul quale possono lavorare solo membri attivi di una Sezione Samaritana. Dopo 14 ore di lavoro, una rianimazione Sul posto dell incendio, si trovano anche i Samaritani Richard Niederberger e Elke Ledermann, lui presidente della Sezione Samaritani di Kaiseraugst, istruttore cantonale e monitore di corso nonché monitore di Sezione; lei pure Samaritana esperta, membro dei quadri del veicolo sanitario dei Pompieri di Kaiseraugst. I due stanno lavorando sul posto da ben 14 ore Proprio quando, verso sera, pensano finalmente di poter lasciare il luogo dell incendio e di rientrare a casa, sentono improvvisamente delle grida d aiuto. «Il tutto non aveva nulla a che fare con l incendio», precisa Richard Niederberger. Una donna arriva infatti di corsa, agitando le mani e dicendo che sua suocera stava male e stava morendo. Agire assieme per vincere sulla morte Richard Niederberger accompagna la donna nel suo appartamento, dove in effetti una signora anziana giace sul divano apparentemente priva di vita. Il Samaritano inizia subito con lo schema ABCD, quindi allarma i soccorritori professionisti ed inizia poi immediatamente con le misure BLS. Elke, da parte sua, ha recuperato un defibrillatore e così iniziano subito la rianimazione cardiopolmonare, aiutandosi in coppia: lei effettua la respirazione artificiale con l AMBU, lui il massaggio cardiaco. Il «Defi» dà tre scariche in totale. Dopo 10 minuti dalla chiamata, arrivano sul posto i soccorritori professionisti. Quest ultimi si mettono al lavoro, fianco a fianco dei due Samaritani. Tutti lottano per salvare dalla morte l anziana signora. I soccorritori sostituiscono velocemente il Defi dei Samaritani con un loro apparecchio AED. Un soccorritore prepara un infusione, i medicamenti sono pronti all uso. Elke e Richard continuano la rianimazione. Ogni singola persona, in questi delicati frangenti, assume una sua precisa funzione, con determinazione ma anche con calma e precisione, il tutto in funzione della riuscita della rianimazione. Seguono altre scosse prodotte dal defibrillatore, vengono iniettati i medicamenti, e i soccorritori proseguono infaticabili con la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco. Dopo una buona mezzora, le condizioni della donna sono ritenute stabili e può quindi essere trasportata all ospedale con l ambulanza. Sopravviverà! Le misure BLS, il DEFI, il pronto intervento e l ottimale collaborazione dei Samaritani con i soccorritori professionisti le hanno salvato la vita! E già di primo mattino del giorno dopo, Elke Ledermann e Richard Niederberger sono di nuovo al posto sanitario sul luogo dell incendio, e questo dopo la giornata molto intensa, le 15 ore di lavoro ininterrotto, il Peter Fuchs, custode della pista di ghiaccio, ha salvato un uomo di 74 anni. Reportage 05

6 Reportage 06 salvataggio della signora e il servizio di chiusura dell area del sinistro ai troppi curiosi accorsi, cosa quest ultima che non ha loro risparmiato anche qualche parolaccia. Un intervento di soccorso purtroppo finito male Anche Paul Haltiner ha dovuto usare sul serio, due anni fa, un apparecchio defibrillatore. E presidente della Sezione Samaritani di Gränichen, dove è pure monitore di corso e monitore di Sezione, ed è pure istruttore nell Associazione cantonale di Argovia. Il suo aneddoto: dopo un posto samaritano, alla sera, lui e i suoi colleghi Samaritani hanno ricevuto una chiamata d allarme. Dietro una casa, un uomo anziano giaceva a terra, accanto alla sua motocicletta. Dal primo veloce accertamento secondo lo schema ABCD, i Samaritani hanno purtroppo potuto constatare che l anziano non dava più segni di vita. Haltiner allarma comunque i soccorsi, e prepara il defibrillatore, e poi con i colleghi inizia la rianimazione BLS AED, come hanno appreso a fare. L ambulanza arriva alcuni minuti più tardi, ma purtroppo questa volta la corsa contro il tempo è stata persa: l uomo muore infatti sul posto, poco dopo. Vani i tentativi di salvarlo. Paul Haltiner racconta che, in effetti, «nessuno poteva dire con precisione da quanto tempo l uomo giaceva a terra da solo, incosciente e senza aiuto». L insegnamento che ha tratto da questo triste episodio, è che comunque e sempre «è importante allenarsi e ripetere con precisione ed efficacia gli esercizi di BLS e AED, ricordandosi dei dettagli importanti. BLS e AED vanno stretti a braccetto: Paul Haltiner ha dovuto usare il defibrillatore in un caso reale, un paio di anni fa. E presidente della Sezione Samaritani di Gränichen e istruttore dell Associazione cantonale di Argovia. il defibrillatore da solo non salva la vita». Custode della pista di ghiaccio salva una vita Da ben 37 anni Peter Fuchs è custode della pista di ghiaccio di Frauenfeld. Grazie alla sua formazione in primi soccorsi e al corretto impiego del defibrillatore, ha salvato una vita. Ecco l episodio: un mattino, verso le 9, un uomo di 74 anni sta giocando a tennis nella palestra accanto alla pista di ghiaccio. Improvvisamente l uomo si accascia al suolo, verosimilmente colpito da arresto cardiocircolatorio. Il custode così come i soccorritori del 144 vengono subito allarmati per telefono. Trovandosi nelle immediate Una spinta politica per avere più defibrillatori Il medico sportivo dr.med. Jean-Jacques Fasnacht, Marthalen. vicinanze, Fuchs e un suo collega di lavoro si precipitano sul posto con il defibrillatore. Immediatamente iniziano con le misure di primo soccorso (BLS) e installano il defibrillatore. Quest ultimo richiede scosse elettriche per ben 7 volte. Tra una e l altra, i due soccorritori si alternano nel BLS, con la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco. Non sono ancora passati 10 minuti e l ambulanza già arriva sul posto. I soccorritori professionali trasportano quindi il paziente all ospedale. Oggi il 74enne è di nuovo in buona forma. n * BLS = Basic Life Support, ossia le prime misure immediate di soccorso * AED = Automated External Defibrillation, ossia defibrillazione automatica esterna Da 25 anni, il medico sportivo Jean-Jacques Fasnacht di Marthalen (Zurigo) è anche medico della Sezione Samaritana di Trüllikon-Benken e Truttikon. Egli si ricorda, nella sua carriera, di aver visto diversi casi tristi di morti per infarto, sia di giovani uomini, padri di famiglia, sia di persone colpite mentre praticavano sport in palestra o sui campi di calcio. «In tutti questi posti ricorda il medico non c erano defibrillatori a disposizione.» Tutt altra cosa, racconta il medico e politico, l ha vissuta alla Maratona di New York, nel 2008: «Mi sono trovato in presenza di un caso di arresto cardiaco ed ho iniziato subito con le misure BLS. Neanche 3 minuti dopo i Pompieri mi hanno messo a disposizione un apparecchio defibrillatore.» Il paziente è così sopravvissuto. «Un utilizzo immediato del defibrillatore accompagnato in ogni caso dalle misure di primo soccorso BLS potrebbe alzare la quota dei salvataggi dagli attuali 5% fino al 30%.» Queste esperienze lo hanno portato alla ferma convinzione che anche a livello politico bisogna battersi per ottenere ancora un maggior numero di apparecchi defibrillatori. Così, assieme al collega medico Robert Greuter di Nänikon, ha inviato un iniziativa la Consiglio di Stato zurighese nella quale si chiede «una maggiore installazione di apparecchi defibrillatori nei luoghi pubblici del territorio cantonale». Purtroppo, lo scorso mese di marzo il Consiglio di Stato, a maggioranza, si è espresso negativamente, ritenendo l utilizzo degli apparecchi troppo sporadico e i relativi costi troppo elevati. Cosa che ha molto deluso i due medici promotori dell iniziativa: «è davvero peccato sostengono che l intento di due medici nel richiedere delle norme legali per poter disporre di sufficienti defibrillatori ad uso pubblico sia bocciata per ragioni di costi e di utilizzo effettivo, addirittura con l interrogativo a sapere se la persona colpita vuole essere rianimata.» Ma i due medici non mollano: «assieme alle associazioni e ai club sportivi interessati e alle Sezioni Samaritane osserva il dottor Fasnacht promoviamo l installazione di defibrillatori in luoghi pubblici quali stadi, palestre, stazioni ferroviarie, sale per concerti, chiese e altri luoghi pubblici.»

7 Ricetta di successo 27 Ci sono molti buoni motivi per assumere ruoli di responsabilità nella conduzione di una Sezione Samaritani. Ma, prima o poi, arriva comunque il momento in cui si vuole cedere ad altri questa carica e quindi ritirarsi dall attività. Le conseguenze di una dimissione (per esempio di un presidente sezionale o di un monitore) non sono mai da sottovalutare per lo sviluppo futuro della Sezione. La primavera e la sua rinnovata energia Lista di controllo ed altri esempi per realizzare quanto esposto qua sopra si trovano al link: / Downloads / Conduzione della Sezione / Strumenti di conduzione / Rendere attrattive le funzioni in comitato o nei quadri, come pure pianificare la successione di nuovi membri di Comitato. La primavera ci rallegra tutti con i suoi bellissimi colori e profumi. Prima fiorisce il nocciolo e dopo, grazie ai caldi raggi del sole, tutto succede molto velocemente: «esplodono» le meraviglie della natura, sbocciano le forsizie e altri mille fiori. La vita rinasce, un altro anno inizia con rinnovata energia e anche noi al Segretariato centrale, percepiamo questi stimoli, questi impulsi positivi a continuare la nostra attività: la richiesta di corsi per le ditte ed aziende è aumentata e ci sono pure richieste regolari per i corsi di formazione continua rivolti agli autisti professionisti. Le Sezioni ci comunicano che la clientela desidera di nuovo un Corso combinato e il mercato, dal canto suo, richiede un offerta presente e regolare di corsi di Primi soccorsi. I risultati del secondo Simposio First-Responder svoltosi a Nottwil mi stimolano ad incoraggiare le Sezioni Samaritane ad impegnarsi, ognuna secondo le proprie possibilità, nei gruppi regionali di FirstResponder. A tutti noi, insomma, non mancherà il lavoro, sia nell Organizzazione centrale, che nelle Associazioni cantonali come pure, e soprattutto, nelle Sezioni. E questo è un buon segno. I servizi, le prestazioni e la competenza dei Samaritani sono sempre richiesti, ieri come oggi. Soluzioni flessibili e buona collaborazione ci permetteranno di far fronte sempre in modo ottimale ai bisogni della popolazione. Gery Meier, Capo settore Marketing Regina Gorza Sostituta segretaria centrale FSS Tempo e impegno I soci di una Sezione che decidono di assumere ruoli di responsabilità sono anche pronti a dedicarvi tempo e passione. Non solo colmano un «vuoto» nell organigramma della Sezione, bensì rappresentano una «ruota» importante del suo ingranaggio; un ingranaggio il cui funzionamento in caso di una dimissione può accusare significativi «disturbi». Ogni dimissione da cariche importanti necessita quindi sempre la massima attenzione e valutazione. L ideale sarebbe che le dimissioni vengano comunicate al Comitato, per iscritto, almeno con un anno di anticipo. In questo modo c è il tempo necessario per organizzare al meglio la successione. Ci sono casi normali di dimissioni, ossia quelle pianificate dagli statuti e che quindi giungono al termine del mandato. Ma ci sono anche casi di dimissione a corto termine o immediate, durante il periodo di carica. In caso di dimissioni per disaccordi in seno al Comitato, è molto importante che eventuali critiche o malumori siano evitati e non diventino di pubblico dominio (discussioni al bar). Questo darebbe infatti una cattiva immagine della Sezione e ne influenzerebbe l ambiente generale. Un passaggio di cariche corretto E importante procedere ad un corretto passaggio di cariche. Informate il vostro successore in dettaglio sui vari compiti richiesti dalla carica. Rendetelo attento sui problemi ricorrenti, sui progetti in corso e sui compiti da eseguire. Motivate il successo- re e mostrategli anche i lati positivi e belli della nuova carica. E soprattutto, seguite e consigliate il vostro successore per un certo periodo di tempo dopo che ha assunto la carica che era vostra. E infine mettetevi ancora a disposizione per la vostra Sezione, in caso di piccoli progetti limitati nel tempo, oppure per consigli e cercate di trasmettere ancora il vostro sapere e soprattutto la vostra esperienza! Il tutto per il bene della vostra Sezione e la stessa ve ne sarà grata! La «Cassetta degli attrezzi», vi aiuta nella conduzione della Sezione Ricette di successo Pianificare bene le dimissioni da cariche importanti 07

8 FLAWA Quickhelp FLAWA Quickhelp è un bendaggio universale per il pronto soccorso in caso di lesioni e di ferite. Quickhelp è il prodotto 2 in 1 ideale nei casi d emergenza: compressa e bendaggio elastico in un solo prodotto. Applicazione: I partner della FFS imbrattare il meno possibile la compressa e la ferita. 08 In caso di lesioni di piccole dimensioni o di compressione, applicare la compressa piegata oppure, in caso di lesioni più estese, applicare la compressa aperta. Avvolgere la benda intorno alla ferita e fissarla con gli apposti ganci. FLAWA tutto naturalmente di ottima qualità. NOUVO Pratico! Zaino da corriere 33 x 48/62 x 15 cm Art CHF 39. Prezzi con IVA, spese di spedizione CHF 9. per ordinazioni infersiori a CHF 200. Ordinazione Zaino da corriere 5745 Inviare a: Federazione svizzera dei samaritani Servizio di vendita Casella postale, 4601 Olten Telefono Fax Quantità No. cliente Sezione/Associazione Cognome Nome Via NPA/Luogo Telefono

9 Se il vostro angelo custode è in pausa: con il Libretto ETI viaggerete comunque tranquilli Non vedete l ora di partire per le ferie? Bene. E se dovessero verificarsi problemi, il Libretto ETI è lì per assistervi. L umore è alle stelle: 400 chilometri percorsi in 4 ore, i ragazzi che cantano sui sedili posteriori e un sole sempre più splendente. Tre settimane di sole, spiaggia e palme viva España! In una simile atmosfera chi pensa più a malattie, incidenti o ad altre brutte sorprese? Si sta così bene! E se dovesse succedere qualcosa? Beh, grazie al Libretto ETI per un anno si è al riparo da ogni eventualità. Ci sono infatti 7 buoni motivi per viaggiare tranquilli con il Libretto ETI: 1. Annullamento del viaggio: ci faremo carico delle spese di viaggio sostenute. 2. Assistenza alle persone: provvederemo a organizzare e a pagare un eventuale rimpatrio sanitario. 3. Assistenza ai veicoli: vi assistiamo in caso di guasto, incidente o furto. 4. Assistenza legale all estero: metteremo a disposizione un avvocato e ci faremo carico delle spese legali fino a un importo di franchi. Godetevi le più belle settimane dell anno senza pensieri. 5. Medi-Service: vi forniremo una consulenza medica, vi invieremo i farmaci necessari e tradurremo le prescrizioni. 6. Assistenza per il blocco delle tessere: vi assisteremo in caso di furto della carta di credito o della scheda SIM. 7. Centrale d intervento ETI: siamo a vostra disposizione 24 ore su 24. Registratevi subito online! Avrete la possibilità di vincere voli verso grandi metropoli, nonché un volo in Business Class per due persone a Sydney con l Airbus 380 della Singapore Airlines, comprensivo di due settimane di vacanze in camper per un valore complessivo di CHF ! I partner della FFS 09 Corsi di perfezionamento moto TCS la vostra sicurezza non ha prezzo Voglia di primavera? Qualcuno spera nel grande amore, altri assaporano piacevoli serate barbecue. Ma sempre più svizzere e svizzeri aspettano con ansia l arrivo della primavera per dare gas alla loro moto. Per riacquistare la necessaria sicurezza dopo la pausa invernale, Test & Training TCS offre corsi di guida su misura per i motociclisti. Gli appassionati delle due ruote impareranno a riconoscere i pericoli e a reagire in modo corretto in caso di emergenza. Tra le altre cose si eserciteranno nelle frenate d emergenza, nelle tecniche di decelerazione e di sterzata. Eccezionale! Per promuovere la sicurezza dei motociclisti, il Fondo di sicurezza stradale (FSS) rimborserà a tutti i partecipanti, sino a fine giugno, 200 franchi per i corsi intensivi e di perfezionamento da esso riconosciuti; il rimborso Con la formazione giusta si viaggia sempre in sicurezza. avverrà in contanti il giorno del corso.

10 Relazione in occasione del 2. Simposio First-Responder a Nottwil Samaritani e First-Responder: possibilità e limiti Da diversi anni, autorità varie e organizzazioni di soccorso discutono attorno all importante questione: chi assume il ruolo di First-Responder in caso di emergenza? Si discute inoltre su come questo impiego e la relativa formazione dovrebbero essere organizzati. Anche la Federazione svizzera dei Samaritani (FSS) si è chinata su questo problema. Attualità dalla Federazione 10 Alcune Sezioni sono già attive nel concetto First-Responder; nella foto la speciale «cassaforte» contenente il defibrillatore. di Regina Gorza, futura Segretaria centrale della FSS Un evento di arresto cardiaco porta, purtroppo ancora nella maggior parte dei casi, a gravi danni cerebrali o alla morte della persona colpita, e questo perché spesso tra l evento e l intervento dei soccorritori professionisti passa troppo tempo. Decisivi appaiono quindi i primi minuti dopo l incidente o la crisi cardiocircolatoria, minuti che servono al dispositivo di soccorso per attivarsi. In questo senso, si tratta di organizzare i primissimi minuti di assistenza al paziente, dai 5 ai 7 minuti entro i quali bisogna prestare la rianimazione cardio-circolatoria e la defibrillazione AED. Il solo e semplice utilizzo dell apparecchio defibrillatore, così come viene pubblicizzato da alcuni mesi, non serve. Le corrette conoscenze della rianimazione cardio-circolatoria (CPR), rispettivamente BLS rappresentano infatti una fondamentale premessa quando si tratta di salvare una vita umana. In diversi Cantoni, in particolare nel Ticino, attraverso iniziative private e/o locali sono stati approntati dei dispositivi d allarme con apparecchi AED, in stretta collaborazione con il numero d urgenza 144 e la sua centrale. Anche alcuni Corpi Pompieri prestano servizi del genere, come avviene ad esempio nel Canton Soletta; in altri Cantoni questo ruolo è invece assunto dalle pattuglie della Polizia. Nel limite entro cui le capacità di queste unità di intervento lo permettono, esse rispondono comunque alle esigenze di un immediata disponibilità e mobilità, qualità decisive per i First-Responder, e rappresentano quindi una buona soluzione. Già nel 2007, la Federazione svizzera dei Samaritani si è chinata su questa importante problematica, cercando il modo di assicurare i primi soccorsi immediati al paziente. E questo soprattutto laddove, in comuni o luoghi pubblici, non esiste una presenza continua di enti di soccorso come i Pompieri, la Polizia o servizi medici di soccorso. Avevamo quindi pensato alla creazione di piccole unità di allarme e di intervento che potessero assolvere a questo compito. In concreto, questo significa istituire dei Gruppi locali di First-Responder in luoghi, Foto: sh comuni e/o quartieri con una popolazione minima di circa 2500 abitanti. Il «personale» di questo gruppo può provenire da impiegati locali, commessi dei negozi, impiegati in bar e ristoranti o case di cura. Ad esempio, il custode di un quartiere di palazzine potrebbe essere formato a questo scopo, come pure anche gli inquilini interessati e motivati. Ovviamente queste persone interessate a diventare First-Responder devono essere debitamente formate e seguire continui aggiornamenti. La creazione di queste unità di intervento ha lo scopo preciso di fornire al paziente entro i primissimi momenti dall incidente, i primi soccorsi necessari e volti a dargli le maggiori chances possibili di s opravvivenza. Il tutto prima dell intervento dei servizi medici di soccorso. A causa della frammentazione del nostro territorio nazionale e delle diverse premesse già esistenti nei singoli comuni o nelle città, devono essere valutate e messe a punto soluzioni organizzative diverse, che si adattino ad ogni situazione. La Federazione svizzera dei Samaritani, con le sue sole forze, non è in grado di organizzare ed allestire un sistema del genere su tutto il territorio nazionale. Da un lato la FSS non dispone dei mezzi finanziari necessari per concretizzare un concetto del genere, dall altro la disponibilità di tempo richiesta ai Samaritani sarebbe difficile da soddisfare. Non dobbiamo infatti dimenticare che l impiego dei Samaritani avviene sempre a titolo di volontariato. Per questo motivo, ci siamo dedicati prioritariamente all insegnamento e alla divulgazione delle misure immediate di primo soccorso, attraverso i corsi BLS- AED, cercando di raggiungere sempre più vaste fette di popolazione. Istruzione e garanzia di qualità Grazie al suo potenziale di oltre 1100 Sezioni Samaritane sparse in

11 tutta la Svizzera, la Federazione svizzera dei Samaritani può tuttavia fornire un utile ed importante contributo a sostegno del sistema di First-Responder: i suoi monitori di corso e monitori di Sezione possono venir impiegati nel reclutamento, nella formazione e nell aggiornamento regolare dei membri dei Gruppi di First-Responder i Samaritani possono impegnarsi come membri delle unità di intervento le Sezioni Samaritane possono contribuire alla garanzia di qualità del materiale impiegato. Già oggi diverse Sezioni hanno dei loro Gruppi di First-Responder. Inoltre ci sono segnali di interesse, da altre Sezioni e/o dai quadri delle Associazioni cantonali, a rivestire dei ruoli nell ambito del concetto First-Responder. La FSS ritiene che per le unità di intervento First-Responder sia necessario un concetto nazionale che regoli l istruzione e la formazione dei membri, istruzione di livello 2 e 3, e relativi aggiornamenti ed esercitazioni regolari. Il concetto deve anche spiegare quale materiale deve essere impiegato, come garantire la raggiungibilità del personale e come assicurarne la mobilità. A cosa servono i sistemi First-Responder? Il secondo Simposio First-Responder ha avuto luogo il 20 settembre scorso a Nottwil. Lo stesso è stato frequentato da oltre 150 persone attive nelle varie organizzazioni di soccorso. Così come Regina Gorza ha portato il punto di vista dei Samaritani, altri enti come i Pompieri o i Corpi di Polizia hanno illustrato le loro modalità d azione a riguardo degli interventi First-Responder. E stata esposta anche l esperienza olandese. Si è pure discusso di direttive nonché degli aspetti legali e psichici legati agli interventi First-Responder. Proprio nel campo delle esercitazioni regolari e degli aggiornamenti, le Sezioni possono però già ora giocare un ruolo molto importante. Nelle oltre 1100 Sezioni attive in Svizzera, i singoli membri si ritrovano regolarmente per le loro esercitazioni. Poliziotti e Pompieri che rivestono un compito di First-Responder devono pure esercitarsi regolarmente e rinfrescare le loro conoscenze nel settore dei primi soccorsi. Quest ultimi potrebbero aggiornarsi assieme ai Samaritani e partecipare quindi alle esercitazioni mensili. Sono convinta che questo agire comune sarebbe di arricchimento per le due parti. Spesso ci si chiede come possano sorgere Gruppi First-Responder in località dove non ci sono Corpi Pompieri o dove i servizi di soccorso sono stazionati più lontano. La risposta si trova, in ogni caso, in una buona collaborazione tra tutti gli attori coinvolti nella catena di soccorso. La FSS, proprio per questo, fa parte dal 2009 dell apposito gruppo di lavoro «First-Responder» creato dall Interassociazione di Salvataggio di Berna. n Attualità dalla Federazione 11 Echi dalla Conferenza dei presidenti delle Associazioni cantonali di metà marzo Presenza sul mercato, finanze, giubileo e dimissioni Come deve festeggiare, la Federazione svizzera dei Samaritani, il suo 125esimo anniversario nel 2013? Questo era uno dei temi che ha occupato i presidenti delle Associazioni cantonali durante la loro Conferenza di due giorni a metà marzo, a Nottwil. Il sondaggio effettuato proprio su questo tema sul sito ha evidenziato che sarebbe auspicato un buon coinvolgimento delle Sezioni Samaritane in questo grande evento. A loro, l Organizzazione centrale dovrà trasmettere idee per attività ed eventi commemorativi, come pure fornire i necessari supporti pubblicitari. Un altro tema portato in discussione era il miglioramento dell «immagine di mercato» delle Sezioni relativa all offerta e alla proposta di corsi. In questo senso, i presidenti cantonali hanno riconosciuto che una centralizzazione della gestione degli annunci dei corsi e delle iscrizioni costituirebbe una premessa importante. Questo comporterebbe I presidenti uscenti: da sinistra: Christian Iten, Svitto; la presidente centrale Monika Dusong, Carole Hutin, Ginevra e Jean-Claude Roulin, Neuchâtel. un minor carico di lavoro per le singole Sezioni, più iscrizioni ai corsi stessi e, non da ultimo, una migliore immagine complessiva del movimento samaritano. In seguito, i presidenti hanno esaminato e discusso le trattande previste all ordine del giorno dell assemblea dei delegati del 19 giugno prossimo. In particolare si è parlato delle forme di collaborazione esistenti e di quelle possibili nel futuro tra le Associazioni cantonali, e si è discusso pure del finanziamento della FSS. Al termine della conferenza, come vuole la tradizione sono stati festeggiati quei presidenti che hanno lasciato la loro carica nel Così la presidente centrale Monika Dusong ha rivolto parole di ringraziamento in particolare a Carole Hutin che ha diretto l Associazione del Canton Ginevra per quattro anni. Altri apprezzamenti sono stati rivolti a Christian Iten che, dal 2007 e assieme a Bernadette Bachmann, ha co-presieduto l Associazione cantonale di Svitto. Infine sentimenti di gratitudine sono stati rivolti anche a Jean-Claude Roulin che ha presieduto l Associazione di Neuchâtel dal Eugen Kiener Altre informazioni e rapporti si trovano sul sito Cercare: Conferenza 2010

12 Anatomia umana, parte 6 L apparato respiratorio Testo: Brigitte Strahm Illustrazioni: Huch/Jürgens: Mensch Körper Krankheit, 5. Auflage, Elsevier GmbH, Urban & Fischer Verlag Monaco Buono a sapersi 12 Il fuoco, per alimentarsi, necessita di ossigeno, proprio come il nostro organismo. I processi metabolici vitali delle cellule che compongono il nostro corpo sono assicurati da una costante «combustione» di energia. L ossigeno è dunque indispensabile anche agli esseri umani. Il suo assorbimento avviene attraverso un sistema le cui componenti funzionano in perfetta sintonia: l apparato respiratorio. L apparato respiratorio è formato da: naso, faringe, laringe, trachea, bronchi e polmoni. Naso e faringe costituiscono le vie respiratorie superiori; laringe, trachea, bronchi e polmoni le vie respiratorie inferiori. Naso e seni paranasali Il naso è la parte anatomica che caratterizza il viso di ogni persona. Può essere lungo e stretto, largo, grande, adunco o all insù, ma qualunque sia il suo aspetto esteriore, internamente la sua struttura è sempre la stessa. La parte sporgente o esterna del naso è costituita dalle narici e dalle ali nasali. La sua forma è determinata soprattutto dalle diverse cartilagini che la compongono. L aria che vi penetra viene scaldata e umidificata. I peli nasali e le ciglia vibratili la puliscono e intercettano le particelle estranee. La cavità nasale è suddivisa a metà dal setto nasale e la mucosa olfattiva ne costituisce il tetto. I recettori presenti nella mucosa nasale percepiscono gli odori e inviano i corrispondenti segnali al cervello. Un apertura situata nella parte posteriore della cavità nasale permette all aria di giungere nella faringe. Su ciascuno dei due lati del naso si trovano i seni paranasali: i seni frontali, le cellette etmoidali, i seni sfenoidali e i seni mascellari. Si tratta di cavità ossee rivestite internamente di mucosa, collegate tramite stretti orifizi alla cavità nasale principale. I seni paranasali contribuiscono a riscaldare l aria inalata e fanno quindi parte a pieno titolo dell apparato respiratorio. Faringe Nella faringe si incontrano la trachea e l esofago. L epiglottide funziona da «scambio» tra le vie respiratorie e il tubo digerente. Durante i movimenti di inspirazione ed espirazione si trova in posizione rialzata, mentre all atto della deglutizione chiude la trachea e impedisce al bolo e alla saliva di dirigersi verso i polmoni. Laringe e corde vocali La laringe è formata da tre diverse cartilagini: la tiroidea, la cricoidea e l aritenoidea, che insieme costituiscono una struttura tubolare. Le parti cartilaginose sono unite da legamenti e muscoli che garantiscono solidità alla laringe. La cartilagine più grande è quella tiroidea, la cui parte superiore è rappresentata dal pomo d Adamo, ben visibile dall esterno. Sul bordo superiore del pomo d Adamo poggia l epiglottide. Più sotto si trova la cartilagine cricoidea, che costituisce il margine superiore della trachea. Sopra la cricoide, a sinistra e a destra, si trovano le aritenoidi, due cartilagini girevoli. Le corde vocali vanno dalla superficie interna della cartilagine tiroidea alle aritenoidi, lasciando un apertura centrale conosciuta come glottide. Nel processo di fonazione, le corde vocali sono fatte vibrare da un flusso d aria. La frequenza del suono prodotto è regolata dalla tensione delle corde vocali, mentre il suo volume dipende dalla colonna d aria. La pienezza della voce è, infine, determinata dalla cavità risonante. Trachea La trachea inizia subito sotto la faringe e appare come un tubo semirigido lungo circa 11 cm e formato da una serie di anelli cartilaginei (da 16 a 20). Tale struttura permette alla trachea di restare aperta mentre inspiriamo. In fase di inspirazione si crea infatti una pressione negativa Serie «Anatomia» Nr./Edizione Argomento 1/9 Le cellule/la pelle 2/10 L apparato locomotore passivo 3/1 L apparato locomotore attivo 4/2 L apparato digerente/parte 1 5/3 L apparato digerente/parte 2 6/4 L apparato respiratorio 7/5 La circolazione sanguigna e linfatica 8/6 7 Il sistema cardiocircolatorio

13 (vuoto) e in assenza degli anelli cartilaginei le pareti della trachea sarebbero attratte l una verso l altra impedendo il passaggio dell aria. Longitudinalmente e trasversalmente la trachea è elastica. Questa caratteristica è tra l altro indispensabile per far staccare, tossendo, i corpi estranei e il muco. La trachea è rivestita da un epitelio ciliato nel quale sono presenti ghiandole mucose. Le ciglia vibratili si muovono in continuazione in direzione della faringe, in modo da spingere verso l alto e l esterno anche le più piccole impurità. Bronchi All altezza della quarta o della quinta vertebra toracica la trachea si divide nei due bronchi polmonari principali destro e sinistro. Questi, a loro volta, si ramificano prima nei bronchi, poi nei bronchioli, per terminare in piccolissime vescicole chiamate alveoli polmonari. La struttura dei bronchi è ben raffigurata dall immagine di un albero capovolto: le foglie rappresentano gli alveoli, il tronco e i rami rappresentano i bronchi. Gli alveoli si trovano a grappoli intorno ai condotti alveolari e ai bronchioli. In un essere umano sono presenti circa 300 milioni di alveoli. Ognuno di essi è circondato da una sottilissima rete di capillari che assicurano l ematosi, ossia il processo di ossigenazione del sangue. Polmoni Nell essere umano i polmoni occupano la maggior parte della cavità toracica. Il polmone destro è composto da tre lobi polmonari, il sinistro da due. In alto e sui lati i polmoni sono delimitati dalla cassa toracica, in basso dal diaframma. Ciascun polmone è avvolto in una sacca a doppia parete, costituita dalla pleura viscerale (interna) e dalla pleura parietale (esterna). La cavità tra le due pleure contiene una piccola quantità di liquido che permette alle due pareti di scorrere l una sull altra. La pressione negativa nello spazio fa sì che il polmone si adatti ai movimenti della cassa toracica e del diaframma e possa in questo modo dilatarsi. Respirazione esterna e interna Solitamente, quando parliamo di respirazione, intendiamo i movimenti di inspirazione ed espirazione che il sollevarsi e l abbassarsi della cassa toracica rendono visibili dall esterno. Il processo respiratorio non consiste però solo nella cosiddetta respirazione esterna, ma anche nella respirazione interna. Respirazione esterna La respirazione esterna serve a incamerare l ossigeno presente nell aria tramite l inspirazione e a trasferirlo nel sangue, ricevendone in cambio anidride carbonica da disperdere nell ambiente tramite l espirazione. All atto dell espirazione, oltre all anidride carbonica viene espulso anche vapore acqueo. L alternarsi di inspirazioni e espirazioni permette di aerare in permanenza i polmoni, in modo che negli alveoli lo scambio gassoso tra l aria e il sangue veicolato dai capillari avvenga in modo permanente. Tale processo è noto anche come respirazione polmonare. Respirazione interna La respirazione interna consiste negli scambi di ossigeno e di anidride carbonica tra il sangue e le cellule dei tessuti. Questo processo è conosciuto anche come respirazione cellulare. L ossigeno si lega all emoglobina presente nel sangue e viene trasportato dai polmoni alle cellule. Queste ultime cedono l anidride carbonica da smaltire che, sempre tramite il sangue, raggiunge i polmoni per essere evacuata. Se lo scambio viene interrotto nei polmoni o nei tessuti, sopraggiunge in breve tempo la morte per asfissia. Meccanica respiratoria L inspirazione avviene grazie a una serie di movimenti muscolari. Il diaframma si tende, i muscoli intercostali più esterni si contraggono e la cassa toracica si solleva. L aumento di volume del torace permette ai polmoni di espandersi e di ricevere nuova aria ricca di ossigeno. All atto dell espirazione sono invece i muscoli intercostali più interni a contrarsi. La cassa toracica torna ad abbassarsi e l aria povera di ossigeno viene espulsa. Buono a sapersi 13 Volume respiratorio Ogni movimento respiratorio permette di inspirare o espirare approssimativamente 500 ml di aria. Circa due terzi raggiungono gli alveoli, il resto rimane nelle vie respiratorie. Un adulto respira dalle 14 alle 16 volte al minuto, per un volume complessivo di 7,5 litri di aria inspirata ed espirata ogni 60 secondi. Controllo della respirazione Il tenore di ossigeno e di anidride carbonica e il ph del sangue sono rilevati in diversi punti dell organismo da neuroni recettori. I valori sono poi trasmessi al centro della respirazione situato nel midollo allungato. Se ad esempio il livello di anidride carbonica nel sangue cresce, la frequenza respiratoria aumenta così da espellere dall organismo l anidride carbonica in eccesso. n

14 Consiglio federale e Samaritani sostengono il programma della Fondazione svizzera di Cardiologia In 30 minuti pronti per un emergenza cardiaca La Fondazione Svizzera di Cardiologia ha lanciato, a fine marzo scorso e alla presenza del Consigliere federale Didier Burkhalter, un modello innovativo di autoapprendimento delle conoscenze per salvare la vita; modello rivolto principalmente agli allievi e alle loro famiglie. Attualità dalla Federazione 14 La presidente centrale della FSS Monika Dusong e il presidente della Fondazione di Cardiologia Ludwig von Segesser ricevono il Consigliere federale Didier Burkhalter. di Eugen Kiener Con il kit d esercitazione Mini Anne i laici possono imparare velocemente le nozioni base ed importanti di comportamento in caso di arresto cardio-circolatorio. Ed in effetti, durante la presentazione alla stampa del 30 marzo scorso allo «Stade de Suisse» di Berna, ben 100 scolari Allo «Stade de Suisse», oltre 100 bambini dalla Svizzera tedesca e romanda della Svizzera tedesca e romanda hanno acquisito in soli 30 minuti le nozioni fondamentali per salvare la vita. Il ministro della salute Didier Burkhalter ha quindi ringraziato i giovani di cuore per la loro disponibilità a diventare soccorritori. Secondo la Fondazione Svizzera di cardiologia, l istruzione nelle scuole è il miglior modo per diffondere su vasta scala e in modo duraturo le cognizioni di pronto soccorso in caso di emergenza cardiaca, nozioni che oggi sono ritenute insufficienti nella popolazione. Il modello di autoapprendimento è stato introdotto con successo in circa 20 Paesi del Mondo, tra cui gli Stati Uniti, l Australia e parecchie nazioni europee come la Danimarca, i Paesi Bassi e la Germania. Secondo un sondaggio realizzato dalla Federazione svizzera dei Samaritani (FSS), 3 persone su 4 hanno seguito un corso di Primi soccorsi, tuttavia la frequenza risale spesso a parecchi anni addietro. Ed in effetti, solo poche persone effettuerebbero in caso reale una respirazione artificiale e ancora meno (una persona su tre intervistate) farebbero un massaggio cardiaco. In Svizzera in un anno si verificano 8000 arresti cardio-circolatori: meno del 5% delle persone colpite sopravvive ad un tale evento. Potrebbero essere quindi molte di più, se solo si riuscisse ad aumentare la percentuale di popolazione istruita in materia di rianimazione cardio-polmonare. Mini Anne non sostituisce i corsi dei Samaritani La presidente centrale della FSS Monika Dusong ha affermato a Berna che la FSS sostiene il progetto lanciato dalla Fondazione Svizzera di Cardiologia. In effetti, lo stesso collima con lo scopo della FSS, ossia quello di divulgare ad un maggior numero possibile di persone le conoscenze dei primi soccorsi. Il Kit di autoapprendimento Mini Anne, ha detto dal canto suo il capo della Sezione Formazione e Consulenza della FSS Roland Marti, non rappresenta una concorrenza per i corsi proposti dalle Sezioni Samaritane: «questi apparecchi ha infatti precisato permettono ai profani di imparare rapidamente e facilmente cosa si deve fare, ma non possono assolutamente rimpiazzare la frequenza di un corso. Nei nostri corsi ha continuato Marti si lavora e ci si esercita sulla base di esempi, dove i partecipanti imparano non solo la rianimazione cardio-circolatoria, ma anche come procedere e comportarsi nella gestione dell intera situazione di emergenza.» Da sempre, non esiste in Svizzera un obbligo di seguire una formazione nell ambito dei primi soccorsi. Pure nelle scuole l esercitazione alla rianimazione cardio-circolatoria non è ancora inserita tra le materie obbligatorie. Proprio per questo, la Fondazione Svizzera di Cardiologia e la FSS intendono pianificare e proporre in diverse scuole e Cantoni dei progetti pilota che possono servire da stimolo. Prossimamente le scuole riceveranno informazioni sul concetto di autoapprendimento e le relative informazioni sui vari progetti. n

15 3 domande «Voglio continuare ad essere vicina alla base» Da quasi un anno, Anita Tenhagen, di Effretikon, è stata eletta in seno al Comitato centrale della Federazione svizzera dei Samaritani (FSS). La redazione centrale di Olten di «oggi Samaritani» ha voluto intervistarla per sapere da lei come giudica questa esperienza. ek. 11. E riuscita ad entrare nello spirito giusto del Comitato centrale? Sin dall inizio sono stata accettata molto bene da tutto il Team ed è quindi stato molto facile integrarmi. Per contenere la durata delle sedute, riceviamo già prima per posta tutta la documentazione da discutere, così ci possiamo preparare in anticipo. Nonostante questo, le sedute sono intense. Le eventuali differenze di opinione vengono affrontate in modo concreto ed orientato alla ricerca di soluzioni. Attualmente mi sto occupando di temi tecnici, dato che con la mia attività di istruttrice sono più vicina a queste tematiche. Comunque mi interessano pure tutte le altre tematiche Quali sono gli argomenti che la occupano maggiormente? Personalmente mi sta a cuore la collaborazione a livello nazionale: solo assieme, tutti uniti, potremo guardare al futuro in modo positivo. Per fare ciò, deve instaurarsi una fitta rete di comunicazione, a tutti i livelli. In questo senso, la nuova rivista «oggi Samaritani» e le Newsletters mensili fanno già tanto. Purtroppo, però, succede ancora che le informazioni non passino. E molti Samaritani, da una parte, non si rendono Anita Tenhagen conto di quanto lavoro tutto questo comporta per il Segretariato centrale. D altra parte, succede ancora spesso che tematiche urgenti o importanti per le Sezioni non giungano al Segretariato. Nel 2013 la FSS commemorerà il suo 125 anniversario, una bellissima occasione per festeggiare ma anche per mostrare a tutta la popolazione la nostra forza in quanto organizzazione nazionale. Un occhio di riguardo lo meritano i nostri corsi per la popolazione: offriamo infatti corsi di livello molto buono con monitori qualificati ed aggiornati. Il continuo aggiornamento e la formazione dei quadri sono molto importanti se vogliamo continuare ad essere migliori della concorrenza. 33. Oggi come ieri, è sempre attiva nella sua Sezione Samaritana come pure nella sua Associazione cantonale. Data sua alta funzione odierna, sono cambiati i suoi rapporti con la base? La collaborazione non è per niente cambiata, dal momento che sono sempre rimasta la stessa persona di prima. Sono sempre una Samaritana come tutti gli altri e questo è per me molto importante. Voglio sentire come funziona la base, e ciò è possibile solo se con la base ci si vive e si lavora. Per motivi di tempo, però, non posso più essere così presente e ogni tanto devo declinare qualche impegno con la Sezione. Tuttavia ritengo che la mia collaborazione in tutti i livelli mi offre la possibilità di gettare uno sguardo concreto sui problemi e sui desideri di ogni settore della vita samaritana. In breve Giornale per la Colletta Samaritana 2010 La Colletta Samaritana 2010 è prevista dal 23 agosto al 4 settembre. Le Sezioni hanno ricevuto i relativi formulari di comanda già in marzo. Il termine per l inoltro dei formulari scade a metà maggio. Tra i mezzi pubblicitari a disposizione delle Sezioni, figura anche il giornale della Colletta che è allegato alla rivista attuale. La Colletta 2010 avrà quale tema: «Primi soccorsi anche nello Fai da te». Il materiale contiene pure l appello della Presidente della Confederazione Doris Leuthard. Come noto, una buona metà della raccolta della Colletta torna alle singole Sezioni e alle Associazioni, a copertura delle loro attività. E scomparso Ermanno Genasci Lo scorso marzo è purtroppo deceduto, a Gudo, Ermanno Genasci, classe Genasci era stato nominato nel 1993 quale rappresentante della Croce Rossa svizzera (CRS) in seno al Comitato centrale della Federazione svizzera dei Samaritani, carica che ricoprì per un paio di anni. Per molti anni è stato molto impegnato nell Associazione svizzera dei cani da catastrofe, ora Redog, organizzazione che ha presieduto per ben otto anni. E stato pure nel consiglio di direzione della CRS, dove ha anche rivestito la carica di vicepresidente. Ermanno Genasci è ricordato come una persona gentile, discreta e generosa, sempre molto impegnata in opere sociali e umanitarie. Sapeva inoltre intrattenere ottimi rapporti con i Samaritani ticinesi. Con la sua morte, è scomparsa in Ticino una figura importante nel campo degli enti di primo soccorso. Istruzione BLS-AED nei Centri Fitness Le Sezioni Samaritane possono continuare ad offrire l istruzione ai corsi BLS-AED in tutti i Centri Fitness. Questo quanto comunicato da «Qualitop» lo scorso 1 marzo a tutti i Centri Fitness attraverso una lettera circolare. Questa circolare è visibile presso il Segretariato centrale della FSS. In concreto, questo significa che il corso BLS-AED può venir proposto ed offerto a partire da subito; negli anni 2010 e 2011 assieme al corso di introduzione-formazione BLS-AED; a partire dal 2012 gli aggiornamenti BLS-AED. Attualità dalla Federazione 15

16 Gaby Hartert, Rebstein Attualità dalla Federazione Organizzatrice con testa, cuore e mani 16 Un organizzazione funziona ed ha successo, solo se ci sono testa, cuore e mani. Di questo Gaby Hartert, Samaritana e municipale a Rebstein, ha più volte ricevuto conferma, ad esempio nelle vesti di presidente del Comitato d organizzazione delle ultime Gare Samaritane svizzere. di Dominik Senn Q uando faccio o organizzo qual cosa, lo faccio sempre con te sta, cuore e mani. Il cuore deve esse re sempre presente, intendo nel sentire e percepire le persone con le quali si lavora; devono sempre es serci motivazione ed entusiasmo. E le persone devono sentire che dietro di loro c è qualcuno che le sostiene. Gaby Hartert sa di cosa parla. Nelle vesti di presidente del Comitato d organizzazione ha portato a ter mine con successo le Gare Samarita ne 2009 grazie ad una Sezione Sa maritana molto motivata e ad altri ben 300 aiutanti e collaboratori pro venienti da quasi tutte le società del paese. Gaby è Samaritana dal 1995 e anno dopo anno partecipa in seno al Gruppo di gara alle Gare svizzere. E così che una volta ha pensato di «trasferire» questo importante even to anche nella «sua» suggestiva e verde Valle del Reno, a Rebstein ap punto, sede dell attiva Sezione Sa maritana che è già stata tre volte campione svizzera e che nel 1999 ha avuto l onore di rappresentare la Svizzera alle Gare europee di primi soccorsi FACE, concludendo ad un onorevolissimo settimo rango. E Gaby, ovviamente, era in squadra! E così lo scorso anno, proprio in occasione del Centenario di fonda zione della Sezione, ha «messo» in piedi il grande evento svizzero. Du rante l assemblea sezionale, ad ini zio 2010, i soci hanno potuto ammi rare non solo un bellissimo libro ricordo con delle foto, bensì anche una piccola pubblicazione sui 100 anni di storia della Sezione, ovvia mente redatta da Gaby. Gaby Hartert è nata il 10 aprile del 1963, lo stesso giorno della Consi gliera federale Doris Leuthard: «un semplice caso», osserva sorridendo. Ma ci sono state altre attività in co mune: le due donne erano infatti ambedue ginnaste, sono socie del Partito popolare democratico e sono politicamente attive negli Esecutivi: Doris Leuthard a livello federale, Gaby a quello comunale. Infatti dal 2005 è Municipale a Rebstein quale unica donna in questo gremio e ter za nella storia ad esservi eletta. Nata e cresciuta nel villaggio vici no di Marbach, è figlia dell alberga tore Karl Baumgartner, membro del locale Consiglio scolastico e della Commissione della gestione comu nale. La mamma Rosmarie, già gin nasta, è stata fondatrice del movi mento «Ginnastica per tutti». In questo senso, la vita sociale è «di casa» ed è un aspetto importante nella famiglia Baumgartner. «Per un villaggio dice Gaby la presenza e la vita delle società sono culturalmente molto importanti.» La sua formazione l ha portata a concludere la licenza liceale, tipo E, tinua il lavoro nell impresa tessile. Diventa così capo del settore vendita in Francia con ufficio a Parigi. Più tardi torna a Rebstein. Sposata e madre di tre bambini, ha da subito un buon motivo per se guire il corso di Primi soccorsi per i bambini. Altre sette mamme sono così entusiaste del lavoro samarita no che, nel 1995, decidono di entra re in Sezione. Due anni dopo, Gaby viene eletta nel Comitato e nel 2000 viene pure nominata nel Comitato dell Associazione cantonale di S. Gallo e del Liechtenstein. «I Samaritani fanno qualcosa!, si dice di noi in paese osserva Gaby e questo non solo dopo le vittorie svizzere e la partecipazione a FACE.» «Il fatto che partecipiamo attivamente alla vita del paese porta i suoi frutti.» Infatti il Gruppo HELP fondato nel 1996 conta oggi ben 50 giovani ragazze e ragazzi. Il ricambio generazionale è garantito! All esercizio d inizio anno si sono iscritti in 20 ragazzi. Certo è un segreto, come faccia questa donna a combinare tutte le sue attività: famiglia, municipale, Samaritana, istrut trice cantonale, co «La vita di una Sezione è molto impor- ordinatrice seziona le, sostituta delegata tante per la comunità di un paese» all assemblea della Croce Rossa e da ul alla Scuola cantonale di Heerbrugg. timo monitrice capo degli HELP. In seguito si è iscritta alla rinomata Ma proprio a quest ultima attività Università economica di S.Gallo, tiene molto: «I giovani dice sono dove tuttavia non si è sentita a suo il nostro futuro, e dobbiamo avvici agio. La soluzione però non era lon narli subito, prima che altre attività tana ed è scaturita proprio durante o il lavoro li portino su altre strade. uno stage di studio presso la Jacob In questo modo prepariamo il terre Rohner AG di Rebstein, oggi diven no a successive entrate in Sezione, tata Forster Rohner AG. A questo magari più tardi, quando hanno le n punto lascia la via degli studi e con loro famiglie.»

17 A Coldrerio la 55esima assemblea dell Associazione Sezioni Samaritane Ticino e Moesano (ASSTM) Si è svolta domenica 28 marzo scorso al Centro Polivalente di Coldrerio la 55esima assemblea generale ordinaria dell Associazione Sezioni Samaritane del Ticino e Moesano (ASSTM). Il presidente cantonale Andrea Rusconi ha invitato le Sezioni ad una maggiore collaborazione. I soci riuniti, il tavolo presidenziale e Renato Lampert durante la sua relazione. Sezioni, Associazione 17 E stato un grande onore, per la Sezione di Coldrerio che festeggia i suoi 70 anni di attività, ospitare un evento importante come la 55esima assemblea dell ASSTM, ente che raggruppa le 65 Sezioni attive sul territorio, compresa quella di Campione d Italia. E all accogliente e spazioso Centro Polivalente, dove è intervenuto anche il Consigliere di Stato Gabriele Gendotti, i numerosi delegati sono stati accolti dalla presidente della locale Sezione Piermatilde Pelosi, che ha rivolto a tutti i saluti di rito. Nel suo rapporto, il presidente Rusconi ha rivolto un pensiero ed una riflessione a quelle Sezioni che si trovano in difficoltà e in particolare alla Sezione di Taverne-Torricella che proprio lo scorso anno si è purtroppo sciolta. Il suo invito è stato quindi quello di reagire e di non accontentarsi dello status quo. Bisogna impegnarsi, ha detto, nel rinnovamento e ciò anche cercando la collaborazione con altre Sezioni, per il bene e per la continuazione delle stesse e del loro importante compito per la popolazione. Anche Gendotti, nel suo intervento, ha elogiato l attività dei Samaritani e in particolare proprio il loro aspetto formativo a riguardo della popolazione: «l opera dei Samaritani è molto importante ha detto so- prattutto per mantenere elevati i servizi prioritari per la popolazione. Tutti voi ha affermato meritate una medaglia per quel che fate». Gendotti ha anche ricordato che il Cantone sostiene la diffusione dei defibrillatori. Attualmente, ha precisato dal canto suo la rappresentante della «Fondazione Ticino Cuore» (vedi articolo in queste pagine) Silvia Parianotti, presente all assemblea, ve ne sono circa 600 su tutto il territorio e in Ticino la quota di interventi di successo ha raggiunto il 38%, la media più alta in Svizzera. I soci, nel corso dei lavori assembleari, hanno poi appreso che nel 2009 la Colletta Samaritana ha permesso di raccogliere oltre 17mila franchi, di cui circa 13mila franchi tornano a favore dell ASSTM e delle Sezioni. Il ricavato della colletta serve a finanziare l istruzione e i necessari aggiornamenti. Ha poi preso la parola il neo-vicepresidente della Federazione svizzera dei Samaritani (FSS) Renato Lampert, che ha riferito con piacere della sua buona esperienza in seno al Comitato centrale e dei buoni rapporti del Ticino con lo stesso. Il Consigliere di Stato Gabriele Gendotti è intervenuto all'assemblea.

18 Sezioni, Associazione 18 Il vicepresidente della FSS Renato Lampert. Il direttore operativo del Servizio Trasfusionale della Croce Rossa svizzera Mauro Borri ha in seguito illustrato brevemente le novità del Servizio, ribadendo l importanza delle donazioni di sangue e delle azioni promosse dai Samaritani. I soci hanno poi approvato all unanimità i conti del 2009 e i preventivi del 2010, come pure il programma per l anno in corso, pubblicato su «oggi Samaritani» di novembre/dicembre Come vuole la tradizione, l assemblea è pure stata l occasione per consegnare le medaglie Henry Dunant; 8 i Samaritani meritevoli: si tratta di Daniela Priori-Paglia (ASSTM), Renato Lampert (Cavergno), Josephine Defanti (Lavorgo) e di Luciana Liliana Del Bello, Rosario De Marco, Paolo Corti, Agnese Maffioletti e Fernanda Peduzzi tutti di Bellinzona. Infine i soci hanno pure approvato due avvicendamenti nel Comitato cantonale (vedi «oggi Samaritani» di marzo): a Giovanni Maddalena (che resta nella commissione tecnica) e a Loredana Ghidossi sono subentrati Luciano Savazzi di Melide e Nicodemo Cannavò di Tenero. L assemblea cantonale del 2011 sarà organizzata dalla Sezione di Blenio. m.z Mendrisio Cavalieri del Cuore, Samaritani che si distinguono Chi aiuta un altra persona e le salva la vita merita un riconoscimento. Lo pensa, da alcuni anni, la Fondazione Cuore Ticino che, lo scorso 24 febbraio all Hotel Coronado di Mendrisio, ha premiato più di 180 persone, tra cui cinque Samaritani, che in un modo o nell altro si sono attivate per un allarme oppure per un intervento a seguito di un arresto cardiaco. Il premio-riconoscimento attribuito è denominato «Cavaliere del Cuore». Alla cerimonia era presente pure la direttrice del Dipartimento cantonale Sanità e Socialità (DSS) Patrizia Pesenti. Il fatto che ha suscitato molte emozioni, durante questo evento, è che chi è stato salvato ha potuto vedere e stringere la mano a chi lo ha soccorso e salvato. Una cosa di per sé talmente bella e forte, che le sole parole non arriveranno mai a descrivere Come noto, la Fondazione Ticino Cuore, fondata nel 2005 e presieduta attualmente dal dottor Romano Mauri, si propone in particolare di creare una rete capillare di apparecchi defibrillatori (AED) installati su tutto il territorio cantonale, rete coordinata e gestita da Ticino Soccorso che risponde al numero 144. Attualmente, grazie anche al sostegno del Cantone Ticino, sono circa 600 gli apparecchi defibrillatori installa- Il folto gruppo di premiati, riuniti a Mendrisio per la cerimonia. ti sul nostro territorio, mentre i «first responder» (i primi soccorritori formati) sono già ben Questo aiuta a far sì che chiunque si dovesse trovare in una situazione di emergenza possa essere prontamente soccorso, e soprattutto con mezzi adeguati, entro 5 minuti. In caso di arresto cardiaco, è noto che secondi e minuti sono determinanti per la sopravvivenza di una persona colpita. Tra i premiati, come detto, c erano anche alcuni Samaritani, ossia: Oscar Dadò (Sezione Cevio), Nadia Forgia (Sezione comune di Blenio), Sandro Pellanda (Sezione Osogna), Laura Basileo (Sezione Stabio) e Luciano Bolis (Sezione Airolo). A loro e a tutti gli altri premiati, i compli- menti e gli apprezzamenti per la loro attività. Intanto la Fondazione Ticino Cuore ha lanciato quest anno un progetto di sensibilizzazione e di formazione rivolto a ben 3200 ragazze e ragazzi delle quarte classi (quindi quattordicenni) di Scuola media del Ticino, e ciò nell ambito del «Piano di intervento cantonale primario in caso di arresto cardiaco». I giovani verranno in particolare informati sui fattori di rischio e determinanti per la salute. Si tratta questa di una «prima» a livello nazionale. Altre utili informazioni si trovano sul sito: ch/it/52/progetto_bls-dae_scuole_ medie.aspx m.z

19 Tenero Contra Il Gruppo HELP visita la Polizia cantonale e lacuale Come ben sappiamo vi sono vari enti che a volte supportano gli interventi dell ambulanza, e sicuramente tra questi non possiamo non citare la Polizia che interviene in primo luogo a garantire la sicurezza del cittadino. Quali sono i compiti della Polizia e come è organizzata a livello cantonale? Quale modo migliore per rispondere a queste domande se non quello di chiederlo ai diretti interessati? Così sabato 13 marzo scorso una ventina di ragazzi del gruppo Help Tenero-Contra e del Circolo della Navegna, si sono recati con i loro accompagnatori al posto della Polizia cantonale di Magadino. Dopo una prima introduzione sulla funzione e sui compiti dei vari reparti, i poliziotti hanno guidato ragazzi e monitori in un interessante visita. Divisi in due gruppi, i ragazzi hanno quindi avuto la possibilità di visitare la centrale operativa e salire sulla barca della Polizia lacuale. All interno della centrale operativa, si è avuta la possibilità di vedere come i poliziotti ricevano le richieste d intervento e il materiale in dotazione. E'stato addirittura possibile sbirciare in un auto della Polizia e sedercisi dentro. Trovarsi sulla barca della lacuale, ha invece dato la possibilità di scoprire molti segreti del lago. Tor- Il Gruppo di ragazzi sulla barca della Polizia lacuale. Tutti i partecipanti posano per la foto di rito. nati a terra, dopo la foto di rito, i partecipanti hanno «brindato» e ringraziato le guide gentilissime che hanno risposto a tutte le domande poste. Una mattinata molto interessante che ha permesso la nostro Gruppo di conoscere chi lavora per la nostra sicurezza. Clod, responsabile gruppo Help Sezioni, Associazione 19 Cavergno Una nuova sfida, un padrinato a distanza per aiutare Daniel in Etiopia Dall inizio del 2010, e dopo essere passata l idea in assemblea, la Sezione di Cavergno si è presa a carico Daniel Arega Kiros, un ragazzo dell Etiopia con la madre malata di AIDS e una sorellina di 5 anni. Il padre è deceduto. Con un supporto di Fr. 50. al mese la Sezione garantisce un educazione e il mantenimento della famiglia fino al termine degli studi. Una volta all anno la Sezione riceve notizie del ragazzo e della famiglia sull andamento a scuola e sulla loro salute. Il progetto, partito nel 2003 da Pro Etiopia-Infanzia, sta diventando una grande realtà. Il gruppo è riconosciuto dall ufficio Federale a Berna ed è totalmente affidabile. In quanto Samaritani, la Sezione di Cavergno ha quindi pensato di allargare il suo aiuto non solo nel suo territorio, bensì anche estendendo lo sguardo e la solidarietà oltre confine. Come i Samaritani, anche gli esploratori della Sassifraga Vallemaggia hanno aderito al progetto, già da un paio d anni. Per aderire al progetto è molto semplice, basta andare sul sito e richiedere i formulari. Per i Samaritani si tratta di una grande esperienza di vita. Sperando che anche altre sezione ne facciano parte, la Sezione di Cavergno resta volentieri a disposizione per ulteriori informazioni. In particolare, è stata di grande aiuto la signora Orietta Lucchini, presidente e fondatrice della fondazione di Pro Etiopia-Infanzia, che si è dimostrata una persona di grande cuore, come pure Lucia Pedrazzetti, che la Sezione pure ringrazia, che si occupa di curare i padronati. Ora l idea dei Samaritani è quella di creare attività extra, per esempio, un banco del dolce, per poter raccogliere il necessario da poter dare a Daniel e alla sua famiglia. Cosi da non utilizzare i fondi della Sezione. «Si è ricchi soltanto di ciò che si dona.» Per la Sezione Samaritani di Cavergno, Dadò Oscar

20 PUBLIREPORTAGE Sulla Strada, una protezione integrale. un impegno del tcs. Due contratti per ogni evenienza : Il TCS offre una duplice protezione Sulla strada si corrono sempre dei rischi. E anche un semplice incidente può rapidamente trasformarsi in una controversia onerosa ed estenuante. Ecco perché il TCS riunisce due protezioni in un unica soluzione ottimale. Partire sicuri grazie alle molteplici competenze del TCS ABS, controllo di stabilità ESP, visore notturno, radar anticollisione e sistema di mantenimento della corsia. Guidare l auto diventa sempre più agevole grazie ai numerosi sistemi di assistenza innovativi dei produttori. Ma cosa succede se, nonostante tutto, si verifica un incidente? Chi vi aiuta e si preoccupa non solo di farvi ripartire rapidamente, ma anche di gestire il sinis- tro in modo rapido ed efficace, evitandovi preoccupazioni e grattacapi? La soluzione più semplice è affidarsi a un team di specialisti di grande esperienza, che vi garantisce una protezione integrale: l assicurazione veicoli Auto TCS e la protezione giuridica circolazione Assista TCS. Auto TCS, l assicurazione veicoli conveniente e trasparente del più grande Club svizzero della mobilità, offre una protezione su misura e garantisce una gestione rapida e competente dei sinistri. Assista TCS si fa carico della vostra difesa in caso di controversie, aiutandovi a far valere i vostri diritti. Inoltre, siete protetti non solo come conducente di un veicolo a motore, ma anche come ciclista, utente dei trasporti pubblici, pedone e addirittura fantino. Su vi mostriamo come i nostri specialisti vi garantiscono una protezione completa quando ne avete bisogno e come chi guida in modo responsabile senza provocare incidenti viene premiato con sconti allettanti. Assista TCS: protezione giuridica su misura Un assicurazione di protezione giuridica non si limita a proteggervi solo durante i vostri spostamenti, ma risulta molto utile anche in caso di incidenti stradali, infrazioni al codice della strada, acquisto, vendita, noleggio o leasing di veicoli o in caso di problemi con il vostro garagista. Inoltre Assista TCS offre i seguenti vantaggi Una copertura completa delle spese legali fino a CHF per evento. Un assistenza giuridica direttamente nella vostra regione, grazie a 7 servizi giuridi ci regionali. Convenienti contratti annuali con termine di disdetta di 1 giorno. Oltre 300 avvocati specializzati. Maggiori informazioni su: Buono di CHF 100. per maggiore sicurezza Chi stipula un assicurazione veicoli Auto TCS, viene premiato due volte: riceve infatti un buono di CHF 100. per un corso di guida sicura TCS e guadagna due classi di merito (fino al bonus massimo) dopo aver frequentato un corso di 1 giorno. Maggiore sicurezza, meno costi: un esclusiva TCS. Adelboden o Unawatuna Sia che abbiate in programma un weekend con la famiglia o una vacanza avventurosa in terre lontane, con il Libretto ETI in valigia avrete una copertura a prova di rischio per un anno intero, prima e durante i vostri viaggi. In Svizzera, Liechtenstein ed Europa a partire da CHF 75. e in tutto il mondo da CHF Sarà davvero difficile resistere alla voglia di partire! Quando si acquista un usato bisogna avere fiducia: affidatevi ai nostri esperti! Volete acquistare o vendere un auto usata? Non sapete se valga la pena ripararla? O se sarebbe meglio acquistarne una nuova? Tanti hanno una risposta a queste e ad altre domande. Ma solo il TCS ha anche gli esperti giusti. Grazie ai test tecnici del TCS, all analisi dei risultati e alla relativa consulenza da parte dei nostri esperti indipendenti, avrete sempre una base solida su cui fondare le vostre decisioni, evitando così noie e spese inutili. Nei nostri 18 centri tecnici gli esperti del TCS effettuano i controlli seguenti: test auto usate, precollaudo e collaudo ufficiale, test prima di partire per le vacanze, misurazione della potenza del motore, controllo dei gas di scarico e tanti altri esami in funzione delle vostre specifiche esigenze. Inoltre i soci TCS recuperano in breve tempo il costo dell adesione. Ricevono infatti fino al 50% di sconto su questi test, il che corrisponde a ben CHF 120. nel caso di un test auto usata completo di 90 minuti. Maggiori informazioni a riguardo su: Grazie ai nostri esperti indipendenti avrete una base solida su cui fondare le vostre decisioni Sapevate che......il 30 settembre 2009 il numero delle autovetture in Svizzera ha superato per la prima volta la soglia dei 4 milioni? Nel 1990 ve ne erano solo viaggiatori si affidano al Libretto ETI? L assicurazione viaggi del TCS è quindi il numero 1 in Svizzera....il trasporto di un infortunato dalla Tailandia in Svizzera può costare fino a franchi? Per i titolari del Libretto ETI è gratis....il TCS l anno scorso ha organizzato in media 16 corsi al giorno nei suoi centri di sicurezza stradale e di guida? Complessivamente oltre partecipanti hanno ricevuto una formazione.

L APPARATO RESPIRATORIO

L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO Per comprendere la funzione dell'apparato respiratorio dobbiamo sapere che gli alimenti introdotti nell'organismo, una volta digeriti e assorbiti dal sangue, raggiungono tutte le

Dettagli

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini IN QUESTA GUIDA Indice GUIDA PER I GENITORI 5 Introduzione Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini Fisiopatologia 8 Cos è l occlusione

Dettagli

CROCE D ORO Sannazzaro. Via Mazzini, 82 Sannazzaro de Burgondi PV Tel: 0382 997 244 Fax: 0382 901 14

CROCE D ORO Sannazzaro. Via Mazzini, 82 Sannazzaro de Burgondi PV Tel: 0382 997 244 Fax: 0382 901 14 Apparato respiratorio 1. Concetti generali Per vivere tutte le cellule del nostro corpo hanno bisogno di assumere ossigeno (O 2 ) ed eliminare anidride carbonica (CO 2 ). Senza ossigeno la cellula soffre

Dettagli

IL CORPO UMANO : L APPARATO RESPIRATORIO

IL CORPO UMANO : L APPARATO RESPIRATORIO IL CORPO UMANO : L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO L organismo umano necessita di una grande quantità di energia per ogni tipo di attività e per la sopravvivenza stessa. Gli elementi che

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO FUNZIONI - fornisce una superficie deputata a scambi gassosi tra apparato e ambiente esterno, - condurre l'aria da e verso le superfici di scambio (umidificandola e riscaldandola),

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

L APPARATO RESPIRATORIO

L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO Indice - Mappa concettuale - Funzioni - Struttura - Collocazione organi e parti dell'apparato - Organi e apparati connessi - Malattie Funzioni L apparato respiratorio permette al

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

L apparato respiratorio e la respirazione. La respirazione

L apparato respiratorio e la respirazione. La respirazione il testo: 01 La respirazione Tutti gli esseri viventi hanno bisogno di energia per vivere. L uomo e gli altri animali ricavano (prendono) l energia dal cibo che mangiano. Per trasformare il cibo in energia

Dettagli

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN PRIMO SOCCORSO PATOLOGIE RESPIRATORIE ANATOMIA E FISIOLOGIA LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL APPARATO RESPIRATORIO È DI FORNIRE AI TESSUTI UN SUFFICIENTE APPORTO DI OSSIGENO PER SODDISFARNE LE RICHIESTE ENERGETICHE

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

FONETICA: LA PRODUZIONE DEI SUONI

FONETICA: LA PRODUZIONE DEI SUONI FONETICA: LA PRODUZIONE DEI SUONI FONETICA E FONOLOGIA La fonetica e la fonologia sono due discipline linguistiche che in qualche modo toccano lo stesso campo ma con strumenti e principi molto diversi.

Dettagli

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone IL BLSD BLSD E' LA SIGLA (BASIC LIFE SUPPORT - DEFIBRILLATION) DELLE MANOVRE DA COMPIERE PER INTERVENIRE IN CASO DI ARRESTO CARDIACO. L'arresto cardiaco

Dettagli

Anatomo fisiologia della voce

Anatomo fisiologia della voce Anatomo fisiologia della voce Durante la fonazione l e nergia aerodinamica generata dall apparato respiratorio (mantice polmonare) viene trasformata a livello laringeo in energia acustica e successivamente

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

Lezione 02. Apparato Respiratorio

Lezione 02. Apparato Respiratorio Lezione 02 Apparato Respiratorio 1 La Respirazione Perché respiriamo? Perché le nostre cellule hanno bisogno di ossigeno per poter funzionare e produrre l energia che serve per compiere il loro lavoro

Dettagli

10000 Everest (m 8850) 8000. Monte Bianco (m 4810) 4000. 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 pressione parziale dell O 2 (in mmhg)

10000 Everest (m 8850) 8000. Monte Bianco (m 4810) 4000. 0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 pressione parziale dell O 2 (in mmhg) Il ruolo dell ossigeno nel metabolismo Le sostanze nutritive forniscono la loro energia alle cellule attraverso una reazione chimica di ossidazione, analoga alla combustione. Questa reazione, come tutte

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo:

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo: 01 Il sistema nervoso Il sistema nervoso è formato da tante parti (organi) che lavorano per far funzionare perfettamente il nostro corpo (organismo). Il sistema nervoso controlla ogni nostro movimento,

Dettagli

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli.

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO Questo nuotatore ha la bocca aperta. Perché? Perché deve coordinare i movimenti del corpo con una

Dettagli

Il Molo. 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido. 2 luogo di questo. Dove mai più solo. 3 mi sento e in buona compagnia che al molo

Il Molo. 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido. 2 luogo di questo. Dove mai più solo. 3 mi sento e in buona compagnia che al molo Il Molo 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido 2 luogo di questo. Dove mai più solo 3 mi sento e in buona compagnia che al molo 4 San Carlo, e più mi piace l onda a il lido? 5 Vedo navi il cui nome

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA

RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA MANUALE CPR AED FIRST RESPONDER CENNI DI ANATOMIA RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA 1 FEMA Group ente di alta formazione professionale, dal 1998 opera nel settore della formazione del personale deputato ad intervenire

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Le persone possono essere molto stressate per un sommarsi di fattori di stress lavorativo ed extralavorativo Rilevare

Dettagli

Prospetto informativo sulle assicurazioni

Prospetto informativo sulle assicurazioni 17.06.2011 OC 273 Prospetto informativo sulle assicurazioni 1. Assicurazione di responsabilità civile La Federazione svizzera dei samaritani (FSS) ha stipulato un'assicurazione di responsabilità civile.

Dettagli

Tutti hanno ragione: esprimete la vostra volontà.

Tutti hanno ragione: esprimete la vostra volontà. Informazioni per la donazione di organi, tessuti e cellule in caso di decesso. Tutti hanno ragione: esprimete la vostra volontà. «Fondamentalmente sono favorevole alla donazione di organi e tessuti. Ma

Dettagli

Cenni di anatomia e fisiologia

Cenni di anatomia e fisiologia SISTEMA RESPIRATORIO Cenni di anatomia e fisiologia Per trasformare l'energia delle sostanze nutritive, come lo zucchero, in energia utilizzabile dall organismo, la maggior parte delle cellule si serve

Dettagli

La vostra ultima volontà ci permette di andare avanti.

La vostra ultima volontà ci permette di andare avanti. La vostra ultima volontà ci permette di andare avanti. Opuscolo sui legati Organizzazione di soccorso della CRS Premessa 2 3 Fare del bene alle generazioni future e alla Svizzera! Care lettrici, cari lettori,

Dettagli

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Normativa ART. 15, 36, 37, 45, 165 D. Lgs.. 81/2008 ART. 6.1.7 NORMA

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

U.A.L. (Unione Amici di Lourdes) U.A.L. PIA UNIONE AMICI DI LOURDES - FOGGIA - DOSSIER

U.A.L. (Unione Amici di Lourdes) U.A.L. PIA UNIONE AMICI DI LOURDES - FOGGIA - DOSSIER U.A.L. PIA UNIONE AMICI DI LOURDES - FOGGIA - DOSSIER PROPOSTE PROGETTUALI INTEGRATIVE CON RELAZIONI SUPPLEMENTARI ALLA SCHEDA PROGETTO SCELTA D AMORE RELATIVA AL BANDO VOLONTARI 2013 PER IL SERVIZIO CIVILE

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

Mammiferi Anatomia dell'apparato respiratorio. cornetti conche turbinate ossa turbinate turbinati) L'epiglottide, laringe, bronchioli,

Mammiferi Anatomia dell'apparato respiratorio. cornetti conche turbinate ossa turbinate turbinati) L'epiglottide, laringe, bronchioli, Mammiferi Come endotermi, i mammiferi, rispetto agli anfibi, hanno una più alta velocità metabolica e richiedono una maggiore quantità di ossigeno, riferita all'unità di massa corporea, per mantenere l'omeostasi

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Comune di Stabio Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali Il Comune di Stabio, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

Primo Soccorso parola d ordine per il soccorritore: P.A.S.

Primo Soccorso parola d ordine per il soccorritore: P.A.S. Primo Soccorso parola d ordine per il soccorritore: P.A.S. P.A.S. Proteggere prima se stessi e poi l infortunato Allertare il sistema di soccorso Soccorrere nei limiti delle proprie capacità BLS BASIC

Dettagli

..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO..

..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO.. ..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO.. IL PRIMO SOCCORSO CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Provinciale VV.d.S. TERNI PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l insieme di azioniche un soccorritore occasionalecompie per

Dettagli

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente.

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. LA RESPIRAZIONE La respirazione Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. Apparato respiratorio Le vie respiratorie Tessuto epiteliale delle vie respiratorie

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

AIR POWER ENGINE CAR

AIR POWER ENGINE CAR AIR POWER ENGINE CAR Introduction Aujourd hui, le carburant le plus répandu est l essence, mais le pétrole nécessaire pour la produire devient de plus en plus rare et contr bue à polluer l environnement

Dettagli

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano Le ossa e i muscoli Le ossa Le ossa sono formate da tessuto osseo compatto e spugnoso. All interno delle ossa c è il midollo irrorato dai vasi sanguigni. I muscoli I muscoli dello scheletro sono collegati

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

Corso Passo dopo passo RESPIRO

Corso Passo dopo passo RESPIRO I Corsi di 1 Corso Passo dopo passo RESPIRO Per mantenere una salute radiosa, una mente bilanciata e una buona energia per ritrovare pace, serenità e allegria 2 QUANDO IL RESPIRO E IRREGOLARE ANCHE LA

Dettagli

CHE COS'È LA RESPIRAZIONE?

CHE COS'È LA RESPIRAZIONE? CHE COS'È LA RESPIRAZIONE? RESPIRARE VUOL DIRE ACQUISIRE OSSIGENO DALL'AM- BIENTE PER I PROCESSI METABOLICI CELLULARI, IN PRIMO LUOGO LA GLICOLISI, ED ELIMINARE ANIDRIDE CARBONICA DALL'ORGANISMO ESISTE

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Anatomia (struttura) Fisiologia (funzioni) Cause di arresto respiratorio. Comitato Provinciale Trento - Formazione

Anatomia (struttura) Fisiologia (funzioni) Cause di arresto respiratorio. Comitato Provinciale Trento - Formazione Croce Rossa Italiana APPARATO Anatomia (struttura) Fisiologia (funzioni) Cause di arresto respiratorio La cellula Unità elementare fondamentale di tutti gli organismi viventi - produzione energia - calore

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO «Un certo tipo di rischio dà sapore alle cose ed è certamente una componente dell avventura; è però un cavallo di cui bisogna saper tenere ben salde le briglie».. CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Tema 01 Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Articolo n. 1402 Csocc Tema 01 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Proteggere le vertebre cervicali Non muovere inutilmente

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Una storia di successo con un futuro

Una storia di successo con un futuro Una storia di successo con un futuro scool è stato lanciato nell estate 2002. Il primo momento culminante è stato per scool l iscrizione nel libro Guinness dei record come la più grande manifestazione

Dettagli

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO Approccio all infortunato 1) Protezione del soccorritore 2) Valutazione rischio ambientale si Il paziente va rimosso no 3) Valutazione delle condizioni dell infortunato Approccio

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento.

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Gruppo 2 M. f. g. CERVELLO Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Nervo ottico Diminuzione della vista e della sensibilità ai colori GOLA Cancro della laringe e della faringe

Dettagli

Gestione aziendale della salute

Gestione aziendale della salute business Gestione aziendale della salute Il nostro sostegno per la salute dei collaboratori Soluzioni assicurative adattate in base alle vostre specifiche esigenze www.visana-business.ch Con metodo verso

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Angelo Sacco Matteo Ciavarella Collana A B C INFORMAZIONE ESSENZIALE PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Manuale ad uso dei lavoratori Ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e del Decreto n. 388 del

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Corso di Vocalità Prof Sac. Marco Colonna profcolonna@musicasacratl.it

Corso di Vocalità Prof Sac. Marco Colonna profcolonna@musicasacratl.it Corso di Vocalità Prof Sac. Marco Colonna profcolonna@musicasacratl.it La respirazione La respirazione permette di soddisfare il bisogno primario di ossigeno. Essa è permessa grazie alla interazione dei

Dettagli

Ostruzione delle vie aeree nei lattanti e nei bambini

Ostruzione delle vie aeree nei lattanti e nei bambini Ostruzione delle vie aeree nei lattanti e nei bambini Scuola Primaria Materiale didattico dedicato alla 5ª classe della scuola primaria Per ulteriori informazionisulla campagna Kids savelives: http://www.ircouncil.it/news/news_242

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI La rianimazione Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo unico sulla

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

Rianimazione Cardio Polmonare

Rianimazione Cardio Polmonare Rianimazione Cardio Polmonare Arresto cardiaco Arresto respiratorio Arresto respiratorio DARE INIZIO ALLA R.C.P.! TECNICA DELLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Metodo: - Bocca-Bocca - Bocca-Naso - Bocca-Bocca

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

La medicina tattica. Introduzione

La medicina tattica. Introduzione La medicina tattica di Eros Gelfi Istruttore di Tiro Operativo Introduzione Per noi poliziotti e militari che lavoriamo con un arma al fianco, per tutti gli appassionati di armi che frequentano poligoni

Dettagli

Informazioni sulla legge di protezione contro la violenza (LPV)

Informazioni sulla legge di protezione contro la violenza (LPV) Informazioni sulla legge di protezione contro la violenza (LPV) Protezione 1. Chi protegge la legge dalla violenza domestica? La legge protegge la persona che subisce violenza o che è minacciata di violenza

Dettagli

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation)

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation) PERCHE IL BLS? Lo scopo del BLS (Basic Life Support - Supporto Vitale di Base) è quello di garantire il pronto riconoscimento della compromissione delle funzioni vitali (valutazione) e di supportare ventilazione

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA Rianimazione cardiorespiratoria (RCP) Arresto cardiaco Arresto respiratorio Anossia cerebrale Lesioni cerebrali irreversibili In 5 minu6 sopravviene la morte

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

Il primo soccorso è l aiuto dato al soggetto infortunato o malato, da personale non sanitario, in attesa

Il primo soccorso è l aiuto dato al soggetto infortunato o malato, da personale non sanitario, in attesa Il primo soccorso è l aiuto dato al soggetto infortunato o malato, da personale non sanitario, in attesa dell intervento specializzato L organizzazione del primo soccorso Obiettivi: attivazione in modo

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici OBIETTIVI DELLA LEZIONE Importanza del conoscere le

Dettagli

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del sangue Ciascuna di queste due parti è divisa in senso

Dettagli

SOCIETÀ SVIZZERA DI SALVATAGGIO SEZIONE DEL MENDRISIOTTO. Regolamento interno. Approvato il 16 dicembre 2011. Disposizioni di salvataggio

SOCIETÀ SVIZZERA DI SALVATAGGIO SEZIONE DEL MENDRISIOTTO. Regolamento interno. Approvato il 16 dicembre 2011. Disposizioni di salvataggio SOCIETÀ SVIZZERA DI SALVATAGGIO SEZIONE DEL MENDRISIOTTO Regolamento interno Approvato il 16 dicembre 2011 TITOLI: I II III IV V VI VII VIII Disposizioni sede Disposizioni soci Disposizioni di salvataggio

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli