INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA"

Transcript

1

2 Indice 1 INDICE GENERALE 1. CHIMICA GENERALE E ORGANICA CHIMICA GENERALE STRUTTURA DELL ATOMO PAG. 1 TAVOLA PERIODICA PAG. 7 PROPRIETÀ PERIODICHE PAG. 9 LEGAMI CHIMICI PAG. 11 MOLECOLE E CRISTALLI PAG. 15 NOMENCLATURA PAG. 20 TERMODINAMICA E CINETICA PAG. 24 REAZIONI CHIMICHE PAG. 27 CHIMICA ORGANICA PAG LAPIDEI INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 59 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 59 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 64 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 68 TIPI E UTILIZZI PAG. 70 STORIA PAG. 75 DEGRADO PAG. 78 RESTAURO PAG. 85 ESERCIZI PAG. 94 BIBLIOGRAFIA PAG LEGANTI INORGANICI INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG STUCCHI COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 105 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 113 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 117 TIPI E UTILIZZI PAG. 119 STORIA PAG. 124 DEGRADO E RESTAURO PAG. 126 ESERCIZI PAG. 129 BIBLIOGRAFIA PAG. 134 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 135 COMPOSIZIONE E PROPRIETÀ PAG. 135

3 2 Indice LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 136 TIPI E UTILIZZI PAG. 138 STORIA PAG. 139 DEGRADO E RESTAURO PAG. 140 BIBLIOGRAFIA PAG VETRO 6. VETRATE 7. MOSAICO 8. METALLI INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 143 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 143 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 146 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 148 TIPI E UTILIZZI PAG. 151 STORIA PAG. 158 DEGRADO E RESTAURO PAG. 159 ESERCIZI PAG. 161 BIBLIOGRAFIA PAG. 164 LAVORAZIONE PAG. 165 STORIA PAG. 167 DEGRADO E RESTAURO PAG. 170 BIBLIOGRAFIA PAG. 172 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 173 MATERIALI PAG. 173 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 175 STORIA PAG. 178 DEGRADO PAG. 180 RESTAURO PAG. 181 ESERCIZI PAG. 184 BIBLIOGRAFIA PAG. 187 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 189 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 189 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 192 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 193 TIPI E UTILIZZI PAG. 201 STORIA PAG. 214 DEGRADO PAG. 218 RESTAURO PAG. 223

4 Indice 3 ESERCIZI PAG. 226 BIBLIOGRAFIA PAG SMALTI 10. CERAMICHE INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 235 COMPOSIZIONE E LAVORAZIONE PAG. 235 TIPI E UTILIZZI PAG. 236 STORIA PAG. 238 DEGRADO E RESTAURO PAG. 239 BIBLIOGRAFIA PAG. 242 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 243 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 243 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 245 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 247 TIPI E UTILIZZI PAG. 252 STORIA PAG. 259 DEGRADO PAG. 266 RESTAURO PAG. 268 ESERCIZI PAG. 273 BIBLIOGRAFIA PAG TERRECOTTE INVETRIATE INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG MATERIALI ORGANICI COMPOSIZIONE E LAVORAZIONE PAG. 279 STORIA PAG. 281 DEGRADO PAG. 281 RESTAURO PAG. 282 BIBLIOGRAFIA PAG. 284 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 285 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 285 PROPRIETÀ E UTILIZZI PAG. 291 TIPI PAG. 301 DEGRADO PAG. 311 RESTAURO PAG. 314 ESERCIZI PAG. 321 BIBLIOGRAFIA PAG. 331

5 4 Indice 13. MATERIALI PLASTICI 14. COLORI E PIGMENTI INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 333 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 333 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 337 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 339 TIPI E UTILIZZI PAG. 341 ESERCIZI PAG. 345 BIBLIOGRAFIA PAG CARTA 16. PERGAMENA INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 351 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 351 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 354 TIPI E UTILIZZI PAG. 362 STORIA PAG. 372 DEGRADO PAG. 384 RESTAURO PAG. 386 ESERCIZI PAG. 392 TABELLE PAG. 401 BIBLIOGRAFIA PAG. 409 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 411 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 411 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 418 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 423 TIPI E UTILIZZI PAG. 429 STORIA PAG. 433 DEGRADO PAG. 436 RESTAURO PAG. 438 ESERCIZI PAG. 442 BIBLIOGRAFIA PAG. 450 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 451 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 451 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 451 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 452 TIPI E UTILIZZI PAG. 453 STORIA PAG. 456

6 Indice 5 DEGRADO PAG. 457 RESTAURO PAG. 458 BIBLIOGRAFIA PAG INCHIOSTRI INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 461 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 461 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 464 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 466 TIPI E UTILIZZI PAG. 467 STORIA PAG. 469 DEGRADO E RESTAURO PAG. 471 ESERCIZI PAG. 472 BIBLIOGRAFIA PAG TECNICHE DI STAMPA 19. LEGNO INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 477 XILOGRAFIA PAG. 477 CALCOGRAFIA PAG. 478 LITOGRAFIA PAG. 480 ALTRE TECNICHE PAG. 481 BIBLIOGRAFIA PAG. 484 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 485 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 485 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 489 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 493 TIPI E UTILIZZI PAG. 497 DEGRADO PAG. 503 RESTAURO PAG. 505 IL LEGNO NELL ARCHITETTURA PAG. 506 IL LEGNO NELL ARREDAMENTO PAG. 510 IL LEGNO NELLA PITTURA PAG. 517 IL LEGNO NELLA SCULTURA PAG. 526 ESERCIZI PAG. 532 BIBLIOGRAFIA PAG FIBRE TESSILI INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 541

7 6 Indice 21. TECNICHE ARTISTICHE COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 541 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 544 LAVORAZIONE E FABBRICAZIONE PAG. 547 TIPI E UTILIZZI PAG. 553 STORIA PAG. 555 DEGRADO PAG. 559 RESTAURO PAG. 561 ESERCIZI PAG. 567 BIBLIOGRAFIA PAG DEGRADO INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 575 COMPOSIZIONE E ORIGINE PAG. 575 PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE PAG. 581 LAVORAZIONE E TIPI PAG. 584 STORIA PAG. 591 DEGRADO PAG. 597 RESTAURO PAG. 600 ESERCIZI PAG. 607 BIBLIOGRAFIA PAG. 611 INTRODUZIONE E GENERALITÀ PAG. 613 CAUSE DI DEGRADO PAG. 613 MECCANISMI DI AZIONE PAG. 623 EFFETTI DI DEGRADO PAG. 624 ESERCIZI PAG. 625 BIBLIOGRAFIA PAG RESTAURO STORIA PAG. 629 BASI TEORICHE DEL RESTAURO MODERNO PAG. 630 FASI DI UN INTERVENTO DI RESTAURO PAG. 633 Indagini PAG. 633 Pulitura PAG. 650 Documentazione PAG. 658 ESERCIZI PAG. 661 BIBLIOGRAFIA PAG. 669

8 Lapidei 1 Lapidei Introduzione e generalità Le pietre sono fra i primi materiali usati dall uomo, insieme al legno e all osso. Non a caso la prima forma di civiltà elaborata dall uomo fu definita della pietra. La fortuna di questo materiale è dovuta alla sua facile reperibilità (le rocce sono i costituenti della crosta terrestre), alle caratteristiche di durezza e durabilità che possiede, alla lavorabilità e quindi adattabilità alle necessità che alcune qualità offrono. La varietà di rocce è molto ampia, sia come caratteristiche tecniche che estetiche. L uomo primitivo cominciò ad usare la pietra per procurarsi un riparo, vista la resistenza di questo materiale alle intemperie: prima nelle grotte, poi nelle prime strutture senza malta, successivamente con la tecnica della muratura a secco. La pietra ha costituito il materiale d elezione per le costruzioni fino all inizio del 900 e all avvento del calcestruzzo e del cemento armato. Essa ha caratterizzato intere città nei secoli della storia sia sotto il profilo statico che formale. L uomo preistorico ha utilizzato pietre particolari lavorabili con altre pietre per ottenere utensili e armi. Le rocce più tenere, ocre e grafite, furono usate per decorare le pareti delle caverne. Altre rocce come marmi (soprattutto), graniti o arenarie hanno soddisfatto le esigenze estetiche umane per abbellire e decorare spazi e architetture. Inoltre le pietre hanno svolto la funzione di supporto scrittorio sia come tavolette incise sia come grandi steli (Rosetta), o colonne e archi di trionfo che recano scolpiti episodi storici. Infine sono rocce i materiali che vengono trasformati in ceramiche e vetri e quelli da cui si estraggono tutti i metalli. 1. Quali caratteristiche hanno fatto la fortuna dei materiali lapidei? 2. Quali sono i molteplici usi dei vari materiali lapidei? Composizione e origine I materiali lapidei naturali usati dall uomo sono le rocce che costituiscono la crosta terrestre, soprattutto quelle che si trovano vicino o sulla superficie. Le rocce sono costituite da minerali. Raramente i minerali sono costituiti da un solo tipo di elemento (come l oro e l argento); di solito sono costituiti da composti dei metalli, soprattutto ossidi e poi solfati e alogenuri. Anche i diffusissimi silicati, carbonati, solfati e fosfati possono essere descritti in termini di combinazione di ossidi. Le strutture cristalline dei minerali sono molte e danno luogo a cristalli che riproducono macroscopicamente le disposizioni ordinate che gli atomi assumono nel reticolo cristallino. Tali disposizioni devono rispettare precise leggi di simmetria per cui esistono solo 32 forme cristalline semplici che però possono combinarsi fra loro per generare molto più numerose forme complesse. I minerali si dividono in due grandi classi: silicatici e non silicatici. I minerali silicatici sono costituiti da silicio e ossigeno e costituiscono da soli l 80% dei materiali che affiorano sulla superficie della crosta terrestre. Il motivo per cui sono così diffusi e così vari deriva dal particolare chimismo dell atomo di silicio rappresentato in figura. Minerale = sostanza naturale solida caratterizzata da una composizione chimica ben definita e da una struttura cristallina cioè da una disposizione ordinata e regolare degli atomi che la costituiscono. I controioni che si legano alle cariche negative sono il sodio (Na+), il potassio (K+), il calcio (Ca2+), il magnesio (Mg2+), il ferro (Fe2+, Fe3+) e l alluminio (Al3+) che può tra l altro sostituire il silicio all interno dei tetraedri. 1

9 2 Lapidei Alcuni atomi di ossigeno possono fungere da ponte dividendo la loro carica negativa con due atomi di silicio. In pratica si ha un processo di polimerizzazione in cui i tetraedri condividono i vertici e secondo le forme indicate in figura. FIG. 1 I minerali non silicatici più importanti sono i carbonati di calcio CaCO 3 (calcari) e i carbonati doppi di calcio e magnesio CaMg(CO 3 ) 2 (dolomie). Frequenti anche il salgemma (NaCl) e il gesso (CaSO 4. 2H 2 O). I minerali si formano per cristallizzazione dei composti che li costituiscono. Tale cristallizzazione può avvenire attraverso vari meccanismi: per solidificazione di un fuso (lava o magma) per raffreddamento, e questo dipende dal punto di fusione dei vari composti; per precipitazione da soluzioni sature, e questo dipende dalla solubilità dei vari composti; per sublimazione di vapori o evaporazione di soluzioni acquose; per attività biologiche cioè elaborazione da parte di organismi viventi di composti inorganici per formare scheletri, gusci ecc; per trasformazioni allo stato solido causate da alte pressioni e temperature che modificano combinazioni e disposizioni degli atomi. Le rocce sono definite come aggregati naturali di diversi minerali. Si originano e si evolvono in modo molto vario ma si possono sintetizzare tre grandi processi litogenetici che danno origine alle tre classi di rocce: ignee (o magmatiche), sedimentarie e metamorfiche. FIG. 1 bis Le rocce ignee Costituiscono il 35-40% della superficie della crosta terrestre. Si formano da materiale fuso che si chiama magma se rimane nella profondità della crosta e lava se emerge attraverso fessure o camini vulcanici. Posto che sono costituite prevalentemente da silicati, la varietà delle rocce ignee dipende dalla loro composizione e dal modo in cui è avvenuta la cristallizzazione. In base alla composizione le rocce si suddividono come in tabella: % in silicio ricche in sodio e potassio ultrabasiche basiche neutre acide alcaline FIG. 1 FIG. 1 bis Macroscopicamente la composizione delle rocce può essere intuita dal colore che è prevalentemente chiaro (bianco, rosa) nel caso di rocce acide e che diventa più scuro mano a mano che l acidità diminuisce. Le rocce ignee acide vengono anche dette sialiche per la prevalenza di minerali contenenti silicio e alluminio, quelle basiche vengono chiamate anche femiche per l elevata percentuale di ferro e magnesio. I minerali che caratterizzano le rocce ignee sono riassunti nello schema seguente: Quarzo (SiO2) Feldspati cioè tectosilicoalluminati di potassio (KAlSi 3 O 8, detto ortoclasio), di sodio (NaAlSi 3 O 8, detto albite), di calcio (CaAl 2 Si 2 O 8 detto anortite) Acidità (% di silice) Miche cioè fillosilicati di ferro, alluminio, magnesio e potassio di colore nero (biotite) o bianco (muscovite) Pirosseni cioè inosilicati a catena semplice di ferro, magnesio, alluminio, calcio e sodio Anfiboli cioè inosilicati a catena doppia di calcio, magnesio, ferro, alluminio e gruppi OH Olivine cioè miscele di Mg 2 SiO 4 e Fe 2 SiO 4

10 Lapidei 3 La composizione mineralogica in diverse percentuali dei magmi dà luogo a rocce con caratteristiche diverse. La composizione dei magmi dipende dalle condizioni della loro formazione: la temperatura, la pressione e l ambiente in cui è avvenuta la fusione. Considerando che di base i minerali sono composti da ossidi, bisogna sottolineare che quelli degli elementi più pesanti fondono a temperature più alte rispetto a quelli più leggeri. Quindi le rocce più acide, ricche in silicio e alluminio piuttosto leggeri, provengono da magmi che si sono formati nella crosta terrestre, tramite processi di anatessi, in cui le temperature e le pressioni non sono altissime. Sono di solito magmi molto viscosi perché contengono i prodotti di polimerizzazione del silicio, che possono subire processi di rifusione e ricristallizzazione nella loro risalita verso la superficie (arricchendosi di elementi più leggeri abbondanti nelle zone superficiali). Al contrario le rocce basiche traggono origine da magmi formatisi nella zona al limite superiore del mantello, quindi con temperature e pressioni altissime che permettono la fusione di elementi pesanti come il ferro. Il risultato è un materiale molto fluido, denso e scuro. In base al modo in cui avviene la solidificazione del fuso, le rocce ignee si differenziano in intrusive ed effusive. La solidificazione porta alla formazione di cristalli la cui grandezza dipende dal gradiente di temperatura e dalla sua variazione nel tempo. Se il gradiente di temperatura fra l ambiente di formazione e quello di solidificazione è grande e il passaggio è brusco (come nel caso delle lave) la cristallizzazione è veloce e si formano cristalli piccolissimi (a volte la struttura rimane addirittura amorfa o vetrosa), caratteristica delle rocce effusive. Altra struttura tipica delle rocce effusive è quella porfirica creata dalla cristallizzazione frazionata dei componenti: quelli più altofondenti cristallizzano lentamente durante la risalita e formano fenocristalli (cioè cristalli visibili ad occhio nudo), il resto cristallizza tutto insieme creando una matrice amorfa. Al contrario, se le condizioni di cristallizzazione sono più blande, essa avviene lentamente e si formano i grandi cristalli tipici delle rocce intrusive. Le rocce effusive si formano sopra la crosta terrestre, quelle intrusive dentro e vengono portate in superficie sia dai processi di erosione sia dai movimenti tettonici. Tenendo presente i due criteri di classificazione si possono distinguere varie classi di rocce riassunte nella tabella seguente: INTRUSIVE EFFUSIVE Acide Graniti Porfidi Neutre Dioriti Andesiti Basiche Gabbri Basalti Alcaline Sieniti Trachiti Ci sono particolari classi di rocce, tipo: le ossidiane, a struttura vetrosa o ialina; la pietra pomice alla quale la brusca fuoriuscita dei componenti gassosi (dovute ai drammatici cambiamenti di pressione e temperature esterne) ha conferito una struttura porosa; le rocce ultrabasiche come le peridotiti. Le rocce sedimentarie Sono definite anche rocce secondarie perché formati da materiali preesistenti che hanno subito dei processi di trasformazione. I processi di trasformazione sono quattro: 1. Degradazione 2. Trasporto 3. Deposizione 4. Diagenesi o litificazione. È un tipo di rocce molto diffuso, soprattutto in superficie ed estremamente eterogeneo perché i materiali di partenza possono essere i più svariati e i processi di formazione differenziati. Infatti non tutti quelli elencati sopra e descritti di seguito vengono applicati per tutte le tipologie di rocce. 1. La degradazione è alterazione di rocce preesistenti che subiscono l azione fisica e 3

11 4 Lapidei chimica degli elementi esogeni: aria, acqua e esseri viventi. L azione fisica o erosione è dovuta all azione meccanica di venti, fiumi e ghiacciai e all azione dell acqua. L acqua può provocare la disgregazione delle rocce sia per le sue proprietà gelive (cioè l aumento di volume del ghiaccio rispetto all acqua liquida) sia per le sue proprietà solventi (i sali che può portare in soluzione possono poi cristallizzare in seguito a variazioni termoigrometriche): in seguito a questi fenomeni si creano tensioni interne alla roccia che portano al distacco di piccoli frammenti. Infine si possono verificare degradazioni fisiche dovute agli esseri viventi: calpestii di animali o penetrazione di radici delle piante. L azione chimica o corrosione può essere causata dall acqua che può sciogliere i minerali o può promuovere reazioni acido-base (con i gas che scioglie e che la rendono acida) e di complessazione (se contiene composti organici estratti dai suoli). Anche i gas dell atmosfera e gli acidi prodotti dai microrganismi sono in grado di corrodere le rocce. 2. Il trasporto dei prodotti di degradazione avviene ad opera dei venti, delle piogge e dei corsi d acqua. I frammenti più piccoli vengono trasportati in sospensione, quelli più grandi per rotolamento. Più è lungo il viaggio più accentuato è il cambiamento di forma (che tende a diventare tondeggiante) e di dimensione (che diminuisce). 3. La deposizione o sedimentazione avviene perché gli agenti trasportanti perdono la loro energia e velocità, pensiamo per esempio ai bacini lacustri e marini. Qualora i sali (soprattutto solfati e carbonati) siano disciolti nelle acque, la loro precipitazione è provocata da variazioni di temperatura che abbassano il prodotto di solubilità, da evaporazione del solvente per cui viene superato il punto di saturazione, da brusche diminuzioni di pressione. 4. La diagenesi o litificazione è quella serie di processi chimici e fisici che porta alla formazione della roccia compatta e coerente. Questi processi sono dovuti all alta pressione causata dall accumularsi di materiale e all alta temperatura conseguente allo sprofondamento della crosta terrestre (1 C per ogni 33 metri di profondità). In un primo momento si ha la compattazione per cui gli spazi fra i frammenti detritici si riducono con espulsione sia dell acqua interstiziale sia dei gas. Successivamente si ha la cementificazione dovuta alla circolazione di acque freatiche che depositano sali in esse contenuti andando a costituire la matrice che cementa i grani sedimentati. Tale matrice può essere di natura carbonatica o silicatica. Si possono poi verificare successive trasformazioni dei cristalli compattati: la ricristallizzazione che può portare alla formazione di macrocristalli e il metasomatismo che consiste nella sostituzione di un materiale con un altro (esempio la formazione di dolomite da un calcare che sia stato in contatto con acqua di mare ricca di magnesio). Le rocce sedimentarie si suddividono in: a) clastiche b) piroclastiche c) organogene d) chimiche e) residuali a) Rocce clastiche. Sono costituite da detriti (clasti) trasportati lontani dal luogo di degradazione che si possono trovare in forma coerente o incoerente a seconda se abbiano subito o no il processo di diagenesi. In base alla dimensione dei clasti si possono classificare secondo la tabella a fianco. DIMENSIONI (mm) INCOERENTI COERENTI 16-2 Ghiaia Brecce, Puddinghe Sabbia Arenarie Silts Siliti <0.04 Argille, Marne Argilliti b) Rocce piroclastiche. Sono formate da materiali lanciati durante l eruzione dei vulcani (lapilli, ceneri, polveri). Sono quindi di origine vulcanica e hanno subito il processo di

12 Lapidei 5 trasporto, sedimentazione e diagenesi. Fra queste rocce troviamo i tufi e le pozzolane. c) Rocce organogene. Originate da resti animali (scheletri e gusci) o vegetali che si sono depositati in enormi quantità e hanno subito la diagenesi. Possono essere di natura calcarea (calcari nummulitici, a lumachelle, corallini) o silicea (diatomee, radiolari). I resti di organismi vegetali sono all origine dei carboni fossili. d) Rocce chimiche. Sono originate da fenomeni chimici: precipitazione, evaporazione del solvente, corrosione di rocce preesistenti. Si distinguono: le rocce calcaree costituite da carbonato di calcio precipitato da acque ad elevata durezza (travertino, alabastro calcareo, calcari, dolomite, stalattiti e stalagmiti); le rocce silicee formate per flocculazione della silice colloidale (selci, opali ecc); rocce saline o evaporitiche, formate in seguito all evaporazione di acque salmastre in bacini chiusi (gesso, anidride, alabastro gessoso tutti a base di solfato di calcio CaSO 4, salgemma NaCl, silvite KCl). e) Rocce residuali. I detriti che non hanno subito trasporto danno luogo a tali rocce tra le quali ricordiamo la bauxite (minerali di alluminio), le lateriti (minerali di ferro), il caolino (argilla pura). Le rocce metamorfiche Derivano dalla trasformazione che rocce ignee o sedimentarie subiscono all interno della crosta terrestre quando sono sottoposte ad alte temperature e alte pressioni. In queste condizioni possono aversi sia cambiamenti di composizione che di struttura. Le condizioni si creano nelle vicinanze di un magma in risalita (metamorfismo di contatto) o quando sono coinvolti nei movimenti orogenetici fra le zolle tettoniche (metamorfismo regionale). Il primo caso interessa le aree che si trovano nella zona circostante il magma definita aureola di metamorfismo la cui azione dipende dalla temperatura e dalla dimensione del magma e dalla natura delle rocce che si trovano a contatto con esso (le rocce calcaree sono più facilmente metamorfosate). Tale metamorfismo, dovuto essenzialmente alle elevate temperature, porta a variazione di composizione e di struttura. Il metamorfismo regionale interessa masse molto ampie: se avviene a profondità relativamente basse l effetto è dovuto soprattutto alla pressione e si verificano cambiamenti a livello della struttura che assume una forma lamellare conferendo scistosità alla roccia (capacità di essere separata a strati); se avviene a maggiori profondità si hanno le condizioni anche per fusioni parziali (anatessi) con cambiamento anche della composizione e con strutture granulari. L entità delle trasformazioni metamorfiche dipende dalle condizioni di temperatura e pressione raggiunte e le rocce che si originano possono essere a basso, medio e alto grado di metamorfismo a seconda della differenza raggiunta rispetto alle rocce di partenza. Fra le rocce metamorfiche quelle che rivestono un interesse maggiore per l edilizia o per le belle arti sono i marmi (derivano da calcari), i serpentini (da gabbri), i diabase (da basalti), i gneiss (da graniti), le filladi (da argille) fra cui ricordiamo le ardesie e la lavagna. 3. Da quali tipi di composti chimici sono costituiti i minerali? 4. Quante sono le forme cristalline semplici? Da che cosa derivano quelle complesse? 5. Da cosa posso dedurre la struttura cristallina microscopica? 6. Quali minerali costituiscono da soli l 80% dei materiali sulla superficie della crosta terrestre? 7. In quali modi può avvenire la cristallizzazione? 8. Quali sono le tre grandi classi di rocce? In base a quale criterio vengono distinte? 9. Come possono essere classificate le rocce ignee in base al contenuto di silice? Come possono essere distinti i vari tipi facendo osservazioni macroscopiche? 10. Indicare alcuni dei materiali che costituiscono le rocce ignee. 5

13 6 Lapidei 11. In che modo le condizioni di formazione dei magmi influenzano la composizione delle rocce ignee che derivano dal loro raffreddamento? 12. In che modo le condizioni di raffreddamento dei materiali fusi influenzano la struttura delle rocce ignee? 13. Spiega la formazione della struttura porfirica e di quella vetrosa. Fare degli esempi concreti. 14. Quali sono i processi di trasformazione che portano alla formazione di rocce sedimentarie? Si verificano sempre tutti? Fare degli esempi concreti. 15. Parlare della degradazione chimica. 16. In che modo l acqua partecipa alla degradazione e al trasporto dei detriti? 17. Come si fa a capire la lunghezza del viaggio guardando i detriti? 18. Da quali fattori può essere provocata la deposizione chimica? 19. Cos è la diagenesi? Da che cosa può essere formata la matrice? 20. In quali classi si suddividono le rocce sedimentarie? Fare almeno un esempio concreto per ogni tipo. 21. Quali sono i due tipi di metamorfismo? Descrivili. 22. A quali cambiamenti può portare il metamorfismo? 23. Qual è la più usata e famosa roccia metamorfica? Proprietà e caratteristiche Analizzando i diversi aspetti delle rocce, si possono suddividere le varie proprietà e caratteristiche in: Mineralogiche Fisiche Meccaniche Termiche Chimiche e biologiche Tecnologiche Altre Proprietà mineralogiche Giacitura È il modo in cui la roccia viene trovata in natura: giacimenti, filoni, masse isolate più o meno grandi. Composizione Insieme dei minerali che la costituiscono. Essi possono essere essenziali, accessori e accidentali in base alla loro quantità e all uniformità della loro distribuzione. Struttura È la forma e la dimensione dei cristalli. Può essere macrocristallina, microcristallina e amorfa o vetrosa. Tessitura È la disposizione dei cristalli. Può essere caotica, a strati o in forme particolari (esempio la struttura lenticolare dello gneiss occhialino). Per esempio sono componenti accidentali il diamante nella Kimberlite o le lacrime di Carrara di quarzo purissimo nelle cavità del marmo. Il granito è composto essenzialmente di quarzo, feldspati e miche, accessoriamente da apatite, zircone e magnetite, accidentalmente da berillo, tormalina e ametista.

14 Lapidei 7 Proprietà fisiche Densità Essa può essere apparente o reale a seconda che consideri anche il volume dei pori o no. La prima si misura su un blocco di roccia, la seconda sulla roccia polverizzata. Il rapporto fra questi due valori dà una misura del grado di compattezza della roccia. Il valore della densità è importante per i calcoli di stabilità (se la roccia è usata per costruzioni) e per la determinazione del prezzo (se è acquistata a peso). Il valore della densità dipende dal modo in cui la roccia si è formata e dalla composizione: i materiali sono più densi quando le geometrie sono più compatte e quando la distribuzione degli atomi è più uniforme. Porosità Dipende dalla quantità di gas che restano intrappolati nella roccia nel suo processo di formazione (raffreddamento, litificazione, pressione). Ai fini delle proprietà della roccia è più importante conoscere il valore della porosità accessibile, cioè quella aperta verso l esterno e che permette l interazione con acqua e atmosfera. La porosità è un indice di compattezza e si misura con il rapporto fra densità reale e apparente. Proprietà meccaniche Descrivono le reazioni di un materiale quando viene sollecitato da forze in diverse direzioni. Elasticità. Il modulo di elasticità è definito come il rapporto tra il valore dello sforzo di compressione normale al corpo e il valore della diminuzione della dimensione longitudinale del corpo. Conoscere questo valore è essenziale per il calcolo delle strutture. Tenacità. Dipende dalla struttura, dalla tessitura, dalla natura della matrice (per rocce sedimentarie), dalla porosità. La tenacità influenza anche la difficoltà di lavorazione dei blocchi di pietra. Resistenza a compressione. È una della principali caratteristiche che si richiede alle pietre da costruzione. Dipende dalla struttura, dall uniformità, dalla pesantezza, dalla compattezza. In una classificazione grossolana partiamo dai basalti (i più resistenti) e passiamo per i graniti, i porfidi, i marmi saccaroidi, gli gneiss, i calcari, le arenarie, i travertini e i tufi. Resistenza a trazione. Le pietre hanno una resistenza a trazione molto inferiore a quella a compressione. Resistenza al taglio. Di solito bassa, dipende dalla direzione della sollecitazione rispetto alla tessitura della roccia. Resistenza a flessione. È richiesta se lastre di pietra vengono usate come gradini, mensole, sedili ecc. Dipende dalla tessitura, dal modulo di elasticità, dal grado di umidità. Durezza. Dipende dalla natura, struttura e tessitura della roccia. Permette una classificazione merceologica delle rocce in: dure (marmi e arenarie forti), semidure (calcari e arenarie tenere) e tenere (tufi). Per la durezza ci si riferisce alla scala di Mohs dove ogni componente scalfisce i precedenti ed è scalfito dai successivi. Dai valori di durezza dipende anche la resistenza all usura o logoramento, caratteristica importante quando le pietre vengono vengono usate per pavimentazioni e lastricati stradali. Proprietà termiche Coefficiente di dilatazione. Per le pietre e le rocce è generalmente molto basso ma bisogna tenerne conto quando, nelle costruzioni, questi materiali vengono associati ad altri (esempio cemento) che hanno diversi coefficienti di dilatazione. Una buona tecnica costruttiva prevede l uso di giunti di dilatazione per assecondare i vari movimenti. Conducibilità termica. È una caratteristica molto variabile nelle rocce: si va dall ottima coibenza del tufo, a quella media di calcari e basalti, a quella relativamente bassa di porfidi e graniti. La conducibilità termica delle rocce dipende anche dalla loro porosità ed è una proprietà importante quando la roccia è usata come pietra da costruzione: infatti determina l entità della dispersione di calore anche se lo spessore dei muri di pietra, di solito piuttosto rilevante, garantisce la coibenza. Resistenza al fuoco. Una grossolana classificazione in base alla resistenza al fuoco decrescente prevede di partire dai serpentini e dai talchi, passare per le arenarie e finire con i graniti (che si fondono) e con i calcari (che si calcinano). Densità = quantità di massa contenuta in un determinato volume Porosità = indica la percentuale in volume degli spazi non occupati dal solido. Tenacità = capacità di resistere agli urti. Resistenza e compressione = carico di rottura che provoca lo schiacciamento. Durezza = resistenza alle forze che incidono, scalfiscono o tagliano. Coefficiente di dilatazione = variazione dimensionale di un corpo in seguito alle variazioni di temperatura. Conducibilità termica = capacità di un materiale di farsi attraversare dal calore e quindi la sua bontà come isolante. Resistenza al fuoco = capacità di mantenere la propria struttura, composizione, caratteristiche anche ad altissima temperatura (esempio incendi, camini ecc.). 7

15 8 Lapidei Proprietà chimiche Le proprietà chimiche di una roccia si definiscono come la possibilità che hanno i suoi componenti di prendere parte a reazioni acido-base, redox, di complessazione e di scambio ionico. Dipendono dalla composizione chimica cioè dal tipo di atomi e molecole che costituiscono la roccia. A grandi linee consideriamo il chimismo dei suoi elementi più importanti: Gli ioni sodio Na + e potassio K + si possono scambiare (sono vicarianti) all interno del reticolo cristallino, così come gli ioni calcio Ca 2+ e magnesio Mg 2+. Il carbonio C si trova puro, come grafite o come diamante in base alla diversa ibridazione dell atomo o legato in tutti i carbonati CO Il silicio Si 4+, e l alluminio, Al 3+, sono gli elementi più abbondanti e sono anch essi vicarianti. Se uno ione alluminio sostituisce uno ione silicio si crea una mancanza di carica positiva che può essere colmata con la presenza di Na + (e si formano gli ortoclasi), di K + (e si forma l albite) o Ca 2+ (si forma l anortite). La combinazione di questi tre silicati forma i feldspati, uno dei componenti dei graniti. Il silicio ha un leggero carattere acido e riducente, l alluminio ha caratteristiche anfotere ed è fortemente riducente. Il fosforo P si trova principalmente nei suoli mentre lo zolfo S, sottoforma di solfato, si trova nei gessi. Gli elementi di transizione si trovano in forma ionica e hanno la funzione di impartire colore oltre a poter dar luogo a reazioni di complessazione. Fra le proprietà chimiche più importanti ci sono il colore e la durevolezza. Colore. È un fattore importante quando le pietre sono usate a scopo decorativo. Le rocce possono essere monocrome o policrome. Se prevalgono materiali chiari la roccia sarà detta leucocrata, se il colore è intermedio mesocrata, se prevalgono i minerali scuri melanocrata. Le rocce sono monocrome se hanno una tinta uniforme o se essa appare uniforme a breve distanza. Il marmo statuario bianco è un eccezione, un esempio di pietra monocroma grigia è la pietra serena. L aspetto cromatico macroscopico dipende dalla presenza di vari minerali e dalla loro distribuzione. A livello microscopico dipende soprattutto dalla presenza di ioni di metalli di transizione nei vari stati di ossidazione all interno del reticolo cristallino o da difetti del reticolo stesso. Il colore di una roccia può subire alterazioni nel tempo dovute a variazioni del numero di ossidazione dei metalli (con formazione di nuovi composti) in seguito a reazioni redox con componenti dell atmosfera, specialmente se inquinata. Esempi di variazione si riscontrano nei marmi verdi secondo la seguente reazione: FeSiO 3 + 3/2 O H 2 O Fe 2 O 3. H 2 O + 2 Fe 2 (SiO 3 ) 3 (Silicato ferroso) (limonite) Verde gialla giallo pallido In climi aridi la limonite si disidrata a Fe 2 O 3 di colore rosso, in ambiente con eccesso di CO 2 si formano carbonati di colore marrone scuro. Un altro esempio è costituito dai marmi rosa per la presenza di sali di manganese nello stato di idratazione 2+, secondo la seguente catena di reazioni: 2 MnCO 3 + ½ O 2 + H 2 O 2 MnO(OH) 2 MnO 2 Rosa - 2CO 2 bruciato + ½O 2 Durevolezza. La durevolezza di una pietra dipende dalla sua composizione chimica, dalla sua struttura e anche dal grado di lavorazione. Quindi le pietre silicatiche sono più durevoli di quelle carbonatiche. Infatti la forma termodinamicamente più stabile del silicio è il suo ossido SiO 2 ed è anche la forma più diffusa. Diverso il discorso per il carbonio per il quale la forma più stabile è il diamante, notoriamente molto rara. Lo ione carbonato, CO 3 2-, è quindi una forma in cerca di equilibrio che subisce reazioni di bicarbonatazione e si solubilizza con una certa facilità. Subisce anche reazioni di scambio anionico con formazione di solfato di calcio, gesso. Durevolezza = capacità delle pietre a resistere all azione chimica fisica e biologica degli agenti esterni.

16 Lapidei 9 Considerando l aspetto strutturale una roccia porosa o poco compatta subisce maggiormente gli attacchi chimici e fisici e per gli stessi motivi per cui è meno durevole una pietra con la superficie non lavorata (levigata e/o lucidata): espone una maggior superficie di attacco per unità di volume. Una caratteristica specifica è la gelività, cioè la sensibilità alla formazione di ghiaccio. Il ghiaccio ha un volume specifico maggiore dell acqua e se si forma all interno di pori, fratture o scistosità può esercitare pressioni tali da portare alla frantumazione. È quindi evidente la necessità di scegliere con oculatezza le pietre da costruzione o da decorazione qualora siano destinate ad una collocazione esterna. Proprietà tecnologiche Lavorabilità. In base ai metodi di lavorazione una roccia può essere spaccabile (dipende anche dalla presenza di peli che sono piccole fratture naturali), segabile (dipende dalla durezza), scolpibile (dipende dalla finezza della trama, dall omogeneità, dalla tenacità, dalla coesione) e lucidabile. Ottenere superfici lucide speculari è più difficile per pietre molto dure che però mantengono un aspetto molto lucido per molto tempo. La lucidatura aumenta la vivacità del colore e la durevolezza della pietra. Aderenza alla malta. Caratteristica importante per rocce che devono essere impiegate per murature. Dipende dalla ruvidezza della superficie, dalla porosità, dal contenuto di miche e minerali talcosi (che diminuiscono tale aderenza). Omogeneità cioè uniformità di composizione e/o di struttura. Dipende dall origine e dal modo di formazione. Le rocce organogene e alcune di deposizione chimica sono più uniformi rispetto a quelle ignee e quelle metamorfiche. L omogeneità permette certi utilizzi: per esempio il quarzo è usato per la fabbricazione di componenti ottici perché è trasparente alle radiazioni ultraviolette. Un esempio particolare sono i marmi, rocce apprezzate contemporaneamente per la loro uniformità di composizione e soprattutto di tessitura e per la presenza di inquinanti. Le prime caratteristiche giustificano la estrema lavorabilità di queste rocce, gli inquinanti sono responsabili delle varietà di tinte ed eleganza nei disegni. Lavorabilità = «attitudine di una roccia ad essere lavorata in modo da assumere una forma determinata e determinati caratteri di superficie» (Artini). Altre proprietà Sono legate alla porosità e da esse dipende a resistenza di una roccia. Imbibizione = capacità di una roccia, immersa in acqua, di impregnarsi. Assorbimento o igroscopicità = capacità di una roccia, a contatto con acqua o materiali umidi, di assorbire acqua per capillarità. Permeabilità = capacità di una roccia di impregnarsi di acqua o di lasciarsi attraversare da essa sotto un una certa pressione idrostatica. Questa è una caratteristica importante nella costruzione di dighe. 24. Qual è la differenza fra densità apparente e densità reale? Come si misurano e su quali proprietà dà indicazioni il loro rapporto? 25. Da quali fattori dipende la resistenza a compressione? 26. Per quali usi delle pietre è fondamentale un buon valore di durezza? Perché? 27. Quali sono le proprietà termiche delle rocce? 28. Quali sono gli aspetti chimici e strutturali che diminuiscono la durevolezza di una roccia? 9

17 10 Lapidei Lavorazione e fabbricazione Le fasi della lavorazione dei materiali lapidei sono: 1. estrazione 2. trasporto 3. lavorazione vera e propria. Estrazione Il luogo di produzione è detto cava : di solito è a cielo aperto ma può essere in galleria o sui letti dei fiumi e dei laghi. Dalle cave a cielo aperto in zone collinari o montagnose si cavano pietre e marmi. Per cominciare ad utilizzare una cava è necessario asportare lo strato superficiale (detto cappellaccio ) e creare un piazzale antistante per il movimento dei mezzi di trasporto e per il deposito dei materiali estratti. Poi si comincia ad ottenere massi di roccia dal fronte usando mezzi meccanici (martelli pneumatici, perforatrici) mentre per ottenere grandi blocchi si usa la dinamite. Si creano profondi fori (della lunghezza del blocco che si vuole ottenere) che si riempiono di cariche di dinamite. FIG. 2/a Il brillamento delle mine viene chiamato volata. Anticamente si praticavano fori per infilare dei pali di legno che venivano successivamente bagnati. Il loro conseguente aumento di volume creava una pressione sufficiente a provocare il distacco del blocco. Per ottenere invece i blocchi squadrati, specialmente di marmo, si usa un filo elicoidale che sega la pietra. FIG. 2/b Il cavo è teso in modo da formare un circuito chiuso. Il continuo movimento, bagnato sempre da acqua e sabbia o carburo di silicio, taglia la roccia secondo superfici lisce per cui la cava risulta come una serie di immensi gradoni. Dalle gallerie si estraggono soprattutto certi tipi di tufo, che sono rocce relativamente tenere e possono essere staccate più facilmente con mezzi meccanici e manuali. Dal letto di fiumi si estraggono le rocce incoerenti quali ghiaie e sabbie. I macchinari necessari sono una benna che per mezzo di cavi trasporta il materiale su un piazzale di deposito. Il materiale viene prima lavato e poi fatto passare attraverso una serie di vagli rotanti che lo separano per granulometria. FIG. 2b FIG. 2a Si possono usare anche macchine ad aria compressa che creano molti piccoli fori allineati che vengono riempiti con piccole cariche di esplosivo. Più è dura la roccia più piccolo è il diametro del foro. Il brillamento delle cariche così disposte non danneggia l integrità del blocco. Trasporto Data l ubicazione delle cave, di solito in zone collinari e montuose, e la dimensione e la pesantezza del materiale, il problema del trasporto non è secondario. Se si ha la possibilità di una strada si usano gru per caricare il materiale su autocarri, altrimenti si ricorre alla lizzatura, un sistema antico in cui i pesanti blocchi di marmo, trattenuti da funi di acciaio (governate da argani a motore), vengono fatti scivolare su rulli di legno fino alla strada più vicina. Lavorazione Per tutte le fasi delle lavorazioni della pietra occorre una grande quantità d acquasoprattutto per contrastare il surriscaldamento dei macchinari a causa dell attrito provocato dall interazione con materiali così compatti. Alcune lavorazioni possono avvenire anche nel piazzale antistante la cava. Per esempio la frantumazione della roccia per ottenere il pietrisco. Le rocce usate a questo scopo devono essere molto dure (basalti e calcari compatti) e per la loro frantumazione si usato frantoi costituiti da cilindri rotanti muniti di martelli che riducono in pezzi il materiale caricato. Il pietrisco ottenuto deve essere sottoposto ad una serie di lavaggi per eliminare lo strato di polvere depositato sui clasti e ad una serie di vagli per separarlo in base alla granulometria. Sempre in cava può essere eseguita la riduzione delle dimensioni dei blocchi e la loro squadratura più o meno grossolana qualora si debbano ottenere conci per costruzioni o restauri. Nei cantieri specifici di lavorazione della pietra si eseguono la finitura delle superfici, la riduzione in blocchi o lastre e l esecuzione dei lavori complessi fino ad arrivare alle opere di scultura.

18 Lapidei 11 La finitura delle superfici lapidee può essere eseguita in vari modi in funzione degli strumenti utilizzati. Gli strumenti a disposizione FIG. 3 possono servire a incidere (1-subbia, 2-scalpello, 3-sgorbia, 4-scalcagnolo, 5-gradina) o a battere (6-mazza, 7-mazzuolo, 8-bocciarda, 9-martellina). Si possono avere quindi scalpellatura, bocciardatura, gradinatura, martellinatura ecc. e tutte possono essere grosse, medie e fini in base al grado di finezza. FIG. 4 La riduzione in blocchi può essere effettuata con mezzi manuali o, come nel caso dei tufi, con seghe a filo. In questo caso si ottengono blocchi squadrati e regolari di rocce relativamente tenere e utilizzate molto per le costruzioni. La riduzione in lastre è una fase molto importante visto anche che l uso preminente dei materiali lapidei è, oggigiorno, quello di rivestimento. I blocchi provenienti dalle cave vengono regolarizzati, cioè viene loro data una forma approssimativamente squadrata per mezzo di seghe alternative a lama unica diamantata. Successivamente avviene la riduzione in lastre con l uso di dischi diamantati (per piccole dimensioni) o di seghe a telaio. Infine si passa alla alla levigatura e la lucidatura delle parti in vista. La prima operazione permette di ottenere una superficie piana e semilucida con l uso di frese. La lucidatura si effettua con moli abrasive a grana sempre più fina fino ad usare dei dischi di feltro per ottenere una superficie quasi speculare. La lucidatura può essere effettuata anche con la fiamma ossidrica ed è in ogni caso un trattamento che richiede tempo, cura ed esperienza. Per l esecuzione di lavori complessi come arte sacra, funeraria o monumentale, la lavorazione è molto diversa ed è affidata a raffinati artigiani quando non ad artisti come nel caso della scultura. Gli strumenti a disposizione dello scultore sono quelli indicati per la finitura delle superfici. La tecnica prevede l esecuzione di un modello in creta dal quale viene ricavato un calco in gesso. Da questo vengono riportati tantissimi punti sul blocco di marmo da scolpire con il metodo della crocetta (vedi STORIA). Questo è un sistema che permette di amplificare o gonfiare il modello fino alle dimensioni volute. I punti tracciati guidano la mano dell operatore sia nelle linee sia nelle profondità e nei volumi. Questo modo di procedere può anche assumere un carattere pre industriale perché apre alla possibilità di eseguire un numero infinito di copie a partire da un modello artigianale. La mano dell artista si evidenzia nella elaborazione del modello, nell eventuale esecuzione finale di parti particolarmente delicate come i volti e le espressioni e nelle ultime finiture del modellato. Il resto è opera di maestranze specializzate. La finitura delle superfici scultoree si effettua con panni umidi e una miscela di pomice polverizzata e zolfo o con l impiego di acido ossalico a seconda che si voglia ottenere una superficie levigata e mezzo lucida o levigata specchiante. FIG. 3 Sono costituite da una serie di lame di ferro senza denti che eseguono un movimento alternato sotto costante flusso di acqua contenente sabbia silicea come abrasivo. Penetrano nella pietra a velocità diverse a seconda della natura della roccia: 4-5 cm/h per le rocce tenere, 2 cm/h per i marmi, qualche mm/h per i graniti. 29. Come si possono ricavare i blocchi dalle cave? E se vogliamo blocchi squadrati? 30. Quali tipi di rocce si ricavano dalle gallerie e dai letti dei fiumi? 31. Quali lavorazioni possono essere effettuate sul piazzale antistante la cava? 32. Quali sono gli strumenti usati per finire le superfici lapidee? 33. Come si possono ottenere lastre? E se si vogliono levigare o addirittura lucidare? FIG. 4. Superfici lavorate con scalpello (1, 2 e 6), bocciarda (3 e 4), gradina (5) 11

19 12 Lapidei Tipi e utilizzi La pietra è stata usata fino agli inizi del 900 come principale materiale da costruzione soprattutto perché pesante, dura e resistente al fuoco. Adesso si preferisce costruire le strutture portanti in laterizio o cemento armato. I settori di impiego della pietra sono dunque quattro: a) murature per opere di sostegno FIG. 5/a b) rivestimenti, pavimentazioni e coperture FIG. 5/b c) opere artistiche scultoree o architettoniche o restauro delle stesse d) opere di drenaggio, massicciate, conglomerati artificiali. Per le murature si possono adoperare conci più o meno squadrati o blocchi in tufo o pietra tenera segati. Quale che sia la pietra utilizzata essa deve presentare buona resistenza a compressione, aderenza alla malta, lavorabilità, durevolezza, costo economico conveniente. In piccole realtà si usavano le pietre locali anche se le caratteristiche tecniche potevano non essere soddisfacenti. In realtà economiche più grandi e sviluppate la possibilità di sostenere i costi del trasporto (soprattutto via fiumi o canali a volte appositamente realizzati) permetteva l uso di pietre più belle e migliori. Ricordiamo l uso del calcare d Istria per le costruzioni di Venezia e delle città adriatiche (esempio straordinario è il monolito da 11 tonnellate che costituisce la copertura del Mausoleo di Teodorico a Ravenna) FIG. 6, del marmo rosa di Candoglia (Novara) per la costruzione del Duomo di Milano, del marmo di S. Giuliano (Pisa) per la realizzazione del complesso monumentale dei Piazza dei Miracoli a Pisa. Ottime pietre da costruzione sono il travertino (usato a Roma, Perugia, Ascoli Piceno) e la pietra leccese (usata a Lecce) che combinano buona lavorabilità a buona resistenza e durezza. Attualmente le murature in pietra sono limitate a piccole costruzioni in zone in cui il materiale sia conveniente e per motivazioni sentimental-tradizionali. Vengono molto usati i tufi che sono leggeri, lavorabili, facili da porre in opera, coibenti anche se la superficie non può essere rifinita né intonacata subito perché il contatto con l aria, per alcuni anni, rende la roccia più dura e resistente. Per rivestimenti e pavimentazioni si usano masselli (blocchi di spessore inferiore a 10 cm), lastre segate o naturali (spessore fra 2 e 4 cm) e cubetti. I masselli erano impiegati per opere monumentali antiche come il travertino usato per rivestire la struttura portante in laterizio di Pantheon e Colosseo a Roma. Le lastre segate son invece oggi molto usate, vengono ancorate alla muratura con degli elementi in acciaio chiamati zanche e vengono scelte soprattutto in base al colore. Le lastre naturali soprattutto di lavagna vengono utilizzate nelle zone limitrofe a quelle di produzione, per le coperture dei tetti FIG. 7. Per le pavimentazioni si possono usare: lastre regolari (spessore più di 2 cm) e naturali (spessore fra 3 e 5 cm); lastrame a contorno irregolare (spessore 2 cm), scarto di lavorazioni più pregiate usato per pavimentazioni alla palladiana, graniglie di vari colori e pezzature con le quali si confezionano mattonelle artificiali per la pavimentazione alla veneziana FIG. 8 (vedi pagina 13), cubetti e bozze di pietra squadrate di granito, arenarie dure o selci (spessore cm) usate per pavimentazioni di strade urbane e extraurbane, i cosiddetti selciati; ciottoli di fiume in varie disposizioni. Fra gli utilizzi delle pietre nel settore artistico: realizzazione di elementi architettonici come lesene, cornicioni, balconi, colonne, fontane e panchine; applicazioni nel campo dell arredamento sia per piani di lavoro di cucine e tavoli sia per oggetti di design costruiti interamente o solo in parte in marmo; nella decorazione plastica per la realizzazione di sculture, alto e bassorilievi. Si possono usare ardesie, calcari e graniti perché sono tutti materiali perfettamente lucidabili ma FIG. 5/a FIG. 5/b FIG. 6 FIG. 7

20 Lapidei 13 il materiale d elezione in questo settore d utilizzo è sicuramente il marmo che è molto lavorabile anche è poco resistente agli acidi e agli agenti atmosferici. Per le opere di drenaggio, le massicciate e la realizzazione di materiali artificiali si usano le rocce incoerenti derivanti dall alveo di fiumi e di laghi o dalla frantumazione di massi più grandi. Si realizzano opere stradali a diversi strati e si usano per confezionare i conglomerati di cemento. Dal punto di vista commerciale la classificazione delle pietre non avviene in base alla natura geologica ma si articola in cinque classi: a) marmi b) graniti c) pietre d) travertini e) rocce incoerenti Si definiscono marmi le pietre calcaree e le pietre silicatiche basiche che hanno struttura cristallina, sono compatte, hanno durezza compresa fra 3 e 4 della scala Mohs e possono essere ridotte in lastre lucidabili. I marmi sono mediamente meno densi e duri dei graniti, più imbibenti e meno durevoli sia per la composizione chimica che per la loro struttura. I marmi sono di origine metamorfica ma, se le condizioni di formazione sono state piuttosto blande, lo stato raggiunto dal sistema è di equilibrio instabile e quindi suscettibile di cambiamenti per adattarsi alle mutate condizioni ambientali. Si possono realizzare così vacuolizzazioni (per solubilizzazione), efflorescenze, cambiamenti di colore dovuti alla variazione del numero di ossidazione dei cationi metallici responsabili delle tonalità cromatiche o a assestamenti strutturali. Inoltre i marmi sono relativamente poco compatti e la porosità aumenta la superficie di interazione e di attacco degli inquinanti esterni e li rende generalmente gelivi. D altro canto sono più leggeri, più lavorabili e hanno maggiore ricchezza e vivacità di tinte. Fra i marmi troviamo, oltre a quelli veri e propri, calcare e brecce lucidabili, serpentino e alabastro calcareo. Si definiscono graniti rocce a struttura cristallina ben visibile, con tessitura compatta, durezza compresa fra 6 e 7 della scala Mohs, di composizione silicatica acida, riducibili in lastre levigabili e lucidabili. Sono pietre che garantiscono maggiori resistenze chimiche e meccaniche rispetto ai marmi a causa della loro composizione, della loro origine che ha dato luogo a strutture cristalline stabili, della loro compattezza. Sono quindi più duri, meno imbibenti e più inerti nei confronti di composti chimici aggressivi. Di contro risultano più rari, più costosi, più difficilmente lavorabili. La rarità è dovuta al fatto che, essendo rocce antiche, hanno subito trasformazioni. Fra i graniti troviamo, oltre a quelli veri e propri, anche porfidi, sieniti, dioriti, gabbri e gneiss. FIG. 8/a FIG. 8/b Infatti i carbonati risultano sensibili all azione degli acidi in seguito al processo descritto dalla seguente reazione: CaCO 3 + 2H + Ca 2+ + H 2 O + CO 2 Che porta alla disgregazione del tessuto. Si definiscono pietre rocce di varia composizione in genere non lucidabili, tenere (tufi e arenarie) o dure (quarziti, basalti, ardesie e trachiti). Si definiscono travertini rocce di origine chimica, tenere, lavorabili, porose ma non gelive e talvolta lucidabili. Si definiscono incoerenti tutte quelle rocce non cementate o derivate da frantumazione, di varia natura. Nell ultima parte di questa sezione descriveremo brevemente alcuni tipi di rocce e le loro applicazioni. FIG. 9 Fra le rocce ignee intrusive troviamo: I graniti, formati da ortoclasio, quarzo, mica, anfiboli e pirosseni. L ortoclasio è bianco se è puro, assume colorazioni rosa, rosse, verdi o grigio azzurre a seconde delle impurezze contenute e determina il colore del granito. Il quarzo è di colore grigio vetroso. FIG. 9 13

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA MURATURE IN PIETRA 11 PREMESSA Le principali qualità della pietra, come il peso elevato, la durezza, la resistenza al fuoco, hanno permesso di ottenere costruzioni solide e durevoli. Di conseguenza, questo

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI prof. ing. Vincenzo Sapienza CICLO LITOLOGICO COMPOSIZIONE CHIMICA DELLE ROCCE Gli elementi più diffusi nelle rocce,

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

analisi del degrado I - fenomeni di degrado

analisi del degrado I - fenomeni di degrado analisi del degrado I - fenomeni di degrado alterazioni - strutturali deformazioni cinematismi controlli strumentali diagnosi dei dissesti - della materia analisi interdisciplinari fisiche chimiche biologiche

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 1 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI

Dettagli

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito).

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito). LE ROCCE ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura Rocce omogenee: costituite da un solo tipo di minerale (es. roccia gessosa, roccia calcarea, salgemma). Rocce eterogenee: costituite da

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com LE PRINCIPALI CAUSE DI DEGRADO DEI MATERIALI DI COSTRUZIONE La penetrazione dell acqua all interno delle opere murarie rappresenta per l edilizia una

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Secondo la Normativa sismica (OPCM) n. 3274 del 20/03/2003 Franco Iacobelli Ecco uno strumento operativo per la progettazione e il calcolo

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO DOCUMENTO TECNICO N 1/2009 AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO PREMESSA Con la costituzione del Coordinamento del Distretto del porfido e della pietra trentina si è attivato il coordinamento del settore

Dettagli

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata BARRE IN FIBRA DI BASALTO Le barre hanno un ruolo fondamentale e consolidato in edilizia e vengono utilizzate principalmente come rinforzo del cemento, costituendo così il calcestruzzo armato. La quasi

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Baumit Sanova Linea di risanamento. Per murature umide e danneggiate dal sale

Baumit Sanova Linea di risanamento. Per murature umide e danneggiate dal sale Baumit Sanova Linea di risanamento Per murature umide e danneggiate dal sale Prodotti ad alta resa Linea traspirante Facile applicazione manuale e meccanica Baumit Sanova linea di risanamento Risanamento

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

LISTA DELLE TIPOLOGIE DELLE ANOMALIE E DEI CASI DI GUASTO

LISTA DELLE TIPOLOGIE DELLE ANOMALIE E DEI CASI DI GUASTO LISTA DELLE TIPOLOGIE DELLE ANOMALIE E DEI CASI DI GUASTO Patologia e Diagnostica Edilizia Enrico De Angelis Edificio via Folli (ang. via Rombon) Milano - Perizia diagnostica di Diego Valente (mat. 632530)

Dettagli

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente TINTEGGIATURA TRADIZIONALE VESUVIANA Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente contribuisce alla migliore percezione della forma architettonica esaltando le articolazioni

Dettagli

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente Il calcestruzzo Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente impiegato nel mondo. Costi calcestruzzo

Dettagli

Le malte: Leganti e malte. La calce:

Le malte: Leganti e malte. La calce: Leganti e malte I leganti sono materiali che, se miscelati con acqua, hanno la capacità di legarsi agli aggregati, facendo presa ed indurendo progressivamente grazie a reazioni chimiche. Essi possono essere

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Le rocce 2: proprietà e utilizzo

Le rocce 2: proprietà e utilizzo Le rocce 2: proprietà e utilizzo di Monica Onida Percorso collegato Le rocce raccontano - Nucleo Terra e Universo Autore Monica Onida Referente scientifico Michela Mayer Ordine di scuola Scuola Secondaria

Dettagli

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO

RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO RIVESTIMENTO PROTETTIVO APPLICATO A SPRUZZO I principali vantaggi tecnici: Resistenza all usura e all abrasione Eccellente resistenza alla lacerazione Elevata elasticità, elevato allungamento a rottura

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città.

PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città. PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città. PAVIMENTAZIONI E RIVESTIMENTI ESTERNI Lavorazioni in pietra per tutte le vostre esigenze. PORFIDO TRENTINO

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

[LEPATOLOGIEEDILIZIE]

[LEPATOLOGIEEDILIZIE] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LEPATOLOGIEEDILIZIE] Analisi delle patologie più comuni e causa della loro comparsa Le patologie edilizie più comuni Il degrado di un manufatto è correlato alla

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.12.00 ATTIVITÀ 08.99.09 ATTIVITÀ 09.90.01

STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.12.00 ATTIVITÀ 08.99.09 ATTIVITÀ 09.90.01 STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.11.00 ESTRAZIONE DI PIETRE ORNAMENTALI E DA COSTRUZIONE, CALCARE, PIETRA DA GESSO, CRETA E ARDESIA ATTIVITÀ 08.12.00 ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

https://bioslab.unile.it/courses.html

https://bioslab.unile.it/courses.html https://bioslab.unile.it/courses.html dal Brisi-Borlera (pg. 172-267) LEGANTI: Conglomerati Cementizi CONGLOMERATI CEMENTIZI LEGANTI: Conglomerati Cementizi CALCESTRUZZO (CLS) ARMATO L unione di questi

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale naturale

Dettagli

Materiali per le mole abrasive

Materiali per le mole abrasive Materiali per le mole abrasive Le mole abrasive possono essere costruite con diversi materiali in funzione degli impieghi a cui sono destinate. I più comuni materiali sono: L ossido di alluminio Il carburo

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

Terrazzi e Coperture. Piastre in CLS per Pavimentazioni Esterne. Design & Residenziale

Terrazzi e Coperture. Piastre in CLS per Pavimentazioni Esterne. Design & Residenziale Terrazzi e Coperture Piastre in CLS per Pavimentazioni Esterne Design & Residenziale Design & Residenziale Soluzioni di pregio per spazi esterni Terrazzi e coperture estendono e ricreano il piacere del

Dettagli

CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO

CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO La confezione del calcestruzzo, cioè l esecuzione dell impasto dei vari elementi, è una operazione molto importante, dalla quale dipende l omogeneitl omogeneità del calcestruzzo

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: IBIX ART è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale

Dettagli

Materiali da costruzione

Materiali da costruzione I materiali da costruzione Materiali da costruzione Sono quei materiali, naturali e artificiali, più usati nell edilizia e nelle grandi opere di ingegneria civile (strade, ponti, canali; dighe, gallerie).

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

1) perdita del potere isolante delle murature con relativo aumento dei costi del riscaldamento.

1) perdita del potere isolante delle murature con relativo aumento dei costi del riscaldamento. NOTA SULLE PITTURE SILOSSANICHE. dr. M.T. Rampini Premessa. Da sempre si è cercata una soluzione ottimale alla verniciatura di supporti minerali di facciate esterne, che permettesse sia di arrestare il

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

DISCHI SCOTCH-BRITE PER LUCIDATURA (BUFFING)

DISCHI SCOTCH-BRITE PER LUCIDATURA (BUFFING) DISCHI PER MONOSPAZZOLA E LAVASCIUGA 3M propone le migliori soluzioni per il trattamento delle superfici dure, attraverso la sua gamma di prodotti specifici. Decerare, lucidare, manutenere e lavare con

Dettagli

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%]

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%] Allegato A Proprietà termofisiche dei materiali da costruzione Materiale Massa Volumica ρ [kg/m 3 ] Calore specifico c [kj/kgk] Contenuto di umidita [%] Conduttività termica utile di calcolo λ [W/mK] Permeabilità

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Le fessurazioni vengono spesso considerate un problema estetico, poco ricorrente e di facile risoluzione, in realtà ne sono colpite

Dettagli

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione:

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione: Le Malte Dal punto di vista micro-strutturale una malta può considerarsi un materiale abbastanza simile ad una roccia sedimentaria clastica nella quale i clasti sono costituiti dai granuli (o dai singoli

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE i quaderni l impermeabilizzazione Pag.1/13 UMIDITA DI INFILTRAZIONE - ACQUA IN PRESSIONE (Degrado di strutture in cls, interrate e/o seminterrate a contatto con acqua) ORIGINE DEL FENOMENO : Nell edilizia

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

PESI MATERIALI DA COSTRUZIONE E IN DEPOSITO

PESI MATERIALI DA COSTRUZIONE E IN DEPOSITO TABELLE Massa volumica PESI MATERIALI DA COSTRUZIONE E IN DEPOSITO (Peso specifico) In kg/m 3 Calcestruzzo: Calcestruzzo armato 2.500 Calcestruzzo non armato 2.400 Calcestruzzo magro 2.200 Calcestruzzo

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di PERUGIA PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Restauro e riqualificazione dell'arco Etrusco Prospetti da 2 a 8 COMMITTENTE: Comune di Perugia - U.O.

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE MONOCOMPONENTE A BASE DI POLIURETANO Guida all applicazione Regole dei metodi di progettazione e applicazione. a) Trasporto e immagazzinaggio:

Dettagli

LAVORAZIONE PIETRE NATURALI. pavimentazioni e rivestimenti commerciali

LAVORAZIONE PIETRE NATURALI. pavimentazioni e rivestimenti commerciali LAVORAZIONE PIETRE NATURALI pavimentazioni e rivestimenti commerciali L Azienda Italbeola operativa dagli anni 90, si è specializzata nella lavorazione delle pietre naturali. In particola si occupa della

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 45 I CALCESTRUZZI LEGGERI I calcestruzzi leggeri hanno massa volumica inferiore a 2000 kg/m 3, minore di quella dei calcestruzzi normali ( 2250-2400 Kg/m 3 ), per la presenza all interno del conglomerato

Dettagli