Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi"

Transcript

1 Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni e atomi fissa e caratteristica per ciascun minerale) Struttura del reticolo cristallino: disposizione interna degli atomi Struttura cristallina del cloruro di sodio (salgemma) 60 PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Abito cristallino (forma geometrica) : ogni minerale ha una configurazione esterna propria e distinta, oltre che una ben definita disposizione interna degli atomi Abito cristallino di alcuni tra i più importanti minerali 61

2 PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Forme di alcuni minerali: (a) cubo (salgemma), (b) dodecaedro (granato); (c) ottaedro (diamante, fluorite); (d) prisma esagonale (quarzo) 62 PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità: rapporto tra la sua massa e l unità di volume (kn/m 3 ). In base alla densità, i vari minerali si distinguono in: - leggerissimi: <20 kn/m 3 (opale, zolfo, ambra) - leggeri: kn/m 3 (quarzo, calcite, dolomite, salgemma, gesso, grafite, ortoclasio, plagioclasi, talco, muscovite, serpentino) - pesanti: kn/m 3 (anidrite, diamante, corindone, olivina, granato, orneblenda, biotite) - molto pesanti: kn/m 3 (ematite, magnetite, pirite) - pesantissimi: >100 kn/m 3 (oro, argento, platino, mercurio) 63

3 PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Durezza: resistenza che un minerale oppone alla scalfitura. Scala di Mohs (basata sul principio che ogni termine scalfisce il precedente ed è scalfito dal seguente): 1. Talco 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10.Diamante Rigabili con l unghia Rigabili con il temperino Rigabili con difficoltà dal temperino Non rigabili con il temperino: rigano il vetro 64 SCALA DI MOHS Rigabili con l unghia 1. Talco 2. Gesso 65

4 SCALA DI MOHS Rigabili con il temperino 3. Calcite 4. Fluorite 66 SCALA DI MOHS Rigabili con difficoltà dal temperino 5. Apatite 6. Ortoclasio 67

5 SCALA DI MOHS Non rigabili con il temperino: rigano il vetro 7. Quarzo 8. Topazio 68 SCALA DI MOHS Non rigabili con il temperino: rigano il vetro 9. Corindone 10. Diamante 69

6 PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Sfaldatura e frattura: un corpo sollecitato meccanicamente si rompe secondo superfici irregolari (frattura) o secondo piani ben definiti (sfaldatura), che dipendono dalla struttura. Frattura concoide: superficie di frattura curva e liscia. 70 PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Tipi di sfaldature ed alcuni minerali in cui si verificano 71

7 PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Tenacità: definisce il modo con cui il minerale si deforma sotto un azione meccanica. I minerali possono essere: - fragili: si rompono facilmente in pezzi - malleabili: possono essere appiattiti in fogli senza rompersi - settili: si tagliano con una lama - flessibili: si piegano facilmente - elastici: ritornano allo stato originario quando non soggetti più alla sollecitazione 72 Quarzo SiO 2 MINERALI NON SILICATI Sfaldatura/frattura: frattura concoide Durezza: 7 Proprietà ottiche: da trasparente a traslucido*, color vitreo o incolore o lievi colorazioni (viola, rosa, ecc.) dovute ad impurezze * traslucido: lascia passare la luce ma non permette di distinguere nettamente i contorni delle cose poste dietro di esso 73

8 Quarzo SiO 2 MINERALI NON SILICATI 74 Quarzo SiO 2 MINERALI NON SILICATI 75

9 MINERALI NON SILICATI Quarzo all interno di un granito 76 MINERALI NON SILICATI Calcite CaCO 3 Sfaldatura/frattura: sfalda secondo facce romboedro Durezza: 3 Proprietà ottiche: trasparente, colore variabile: incolore, bianco, rosa, ecc. Dolomite Ca Mg (CO 3 ) 2 Sfaldatura/frattura: sfalda secondo facce romboedro Durezza: 4 Proprietà ottiche: trasparente o traslucida, colore variabile: incolore, bianca, rosa, giallastra 77

10 MINERALI NON SILICATI Calcite Dolomite 78 MINERALI NON SILICATI Salgemma NaCl Sfaldatura/frattura: sfalda in cubi Durezza: 2.5 Proprietà ottiche: da trasparente a traslucido, colore variabile (prevalentemente bianco) Gesso (CaSO 4 ) 2H 2 O Sfaldatura/frattura: sfaldabile in lame e scagliette Durezza: 2 Proprietà ottiche: trasparente, colore bianco, grigio, giallastro, bruno 79

11 MINERALI NON SILICATI Anidrite CaSO 4 Sfaldatura/frattura: sfalda secondo coppie di facce parallele Durezza: 3 Proprietà ottiche: da trasparente a traslucida, colore grigio, bianco o azzurro 80 MINERALI NON SILICATI Grafite C Sfaldatura/frattura: perfettamente sfaldabile in lamine Durezza: 1 Proprietà ottiche: opaca, nera Diamante C Sfaldatura/frattura: perfetta sfaldatura ottaedrica Durezza: 10 Proprietà ottiche: trasparente, colore variabile: incolore, giallastro, verde, nero, bruno, grigio 81

12 MINERALI NON SILICATI Corindone Al 2 O 3 Sfaldatura/frattura: non sfalda ma si frattura secondo superfici piane Durezza: 9 Proprietà ottiche: da trasparente a traslucido a semiopaco, colore variabile: rosso, azzurro, giallo, verde Ematite Fe 2 O 3 Sfaldatura/frattura: priva di sfaldatura Durezza: 5.5 Proprietà ottiche: opaca, colore nero o rosso 82 MINERALI NON SILICATI Magnetite Fe Fe 2 O 4 Sfaldatura/frattura: priva di sfaldatura, frattura secondo superfici piane Durezza: 6 Proprietà ottiche: opaca, nera Pirite FeS 2 Sfaldatura/frattura: difficilmente sfaldabile Durezza: 6.5 Proprietà ottiche: opaca, colore giallo 83

13 Sono i più importanti componenti delle rocce Sono costituiti da gruppi SiO 4 legati in modo da formare un tetraedro, entità fondamentale del loro reticolo cristallino, con l atomo di silicio al centro e quattro atomi di ossigeno ai vertici 84 Si dividono in: 1. Nesosilicati: tetraedri isolati uniti da un catione 2. Sorosilicati: gruppi di due tetraedri, uniti per un vertice, separati tra loro da cationi 3. Ciclosilicati: anelli di 3, 4 o 6 tetraedri 4. Inosilicati: tetraedri uniti a formare catene semplici o doppie 5. Fillosilicati: maglia piana di tetraedri 6. Tectosilicati: maglie complesse di tetraedri 85

14 86 Nesosilicati Olivine (Mg, Fe) 2 [SiO 4 ] Sfaldatura/frattura: frattura concoide Durezza: Proprietà ottiche: da trasparenti a traslucide, colore da verde oliva a giallastro 87

15 Olivina 88 Nesosilicati Granati (Mg, Fe 2+, Ca) 3 (Al, Cr, Fe 3+ ) 2 [SiO 4 ] 3 Sfaldatura/frattura: frattura concoide Durezza: 7 Proprietà ottiche: da opachi a traslucidi colore variabile: rosso, verde, bruno, ecc. 89

16 Ciclosilicati Tormaline Na (Mg, Fe) 3 Al 6 [(OH) 4 ](BO 3 ) 3 [Si 6 O 18 ] Sfaldatura/frattura: frattura concoide Durezza: 7 Proprietà ottiche: da opachi a traslucidi, colore molto variabile Struttura cristallina dei ciclosilicati, costituiti da gruppi di 3, 4 o 6 tetraedri 90 Inosilicati Pirosseni: inosilicati a catena semplice Sfaldatura/frattura: sfaldabili in forme prismatiche Durezza: 6-7 Proprietà ottiche: da opachi a traslucidi, colore nero, verde, bruno ecc. 91

17 Pirosseni (rombici) Enstatite Bronzite Iperstene Pirosseni (monoclini) Diopside Hedembergite Egirina Augite Dallagio 92 Enstatite (pirosseno rombico) Augite (pirosseno monoclino) 93

18 Inosilicati Anfiboli: inosilicati a catena doppia Sfaldatura/frattura: perfettamente sfaldabili in prismi Durezza: 5-6 Proprietà ottiche: traslucidi, colore verde scuro, nero (bianco) Principale: Orneblenda 94 Orneblenda 95

19 Orneblenda 96 Fillosilicati Talco Mg 3 (OH) 2 [Si 4 O 10 ] Sfaldatura/frattura: sfaldabile in lamine Durezza: 1 Proprietà ottiche: traslucido, colore bianco Serpentino Mg 6 (OH) 8 [Si 4 O 10 ] Sfaldatura/frattura: sfaldabile in lamine o in fibre Proprietà ottiche: opaco, colore verde o bianco giallastro Amianto: varietà di serpentino Struttura cristallina dei fillosilicati 97

20 Fillosilicati: miche Muscovite KAl 2 (OH,F) 2 [(AlSi 3 O 10 )] Sfaldatura/frattura: sfaldabile in lamine Durezza: 3 Proprietà ottiche: trasparente o traslucida, colore biancoargento o bianco-giallo (mica chiara) Biotite K (Mg, Fe, Mn) 3 (OH,F) 2 [(AlSi 3 O 10 )] Sfaldatura/frattura: perfettamente sfaldabile in lamine Durezza: Proprietà ottiche: trasparente o traslucida, colore nero, bruno o verde scuro (mica bruna) 98 Muscovite Biotite 99

21 Fillosilicati: minerali delle argille Argille: aggregati di materiale di varia natura con granulometria inferiore a mm (si veda rocce sedimentarie), i cui costituenti principali sono granuli di quarzo, polveri, aggregati di sostanze organiche e soprattutto alcuni fillosilicati denominati minerali delle argille. Seguenti gruppi: - gruppo delle caoliniti - gruppo delle smectiti (montmorilloniti) - gruppo delle illiti 100 Fillosilicati: minerali delle argille Struttura cristallina particolare che si differenzia rispetto ad altri fillosilicati: - strati piani a maglia esagonale (T) - strati costituiti da ottaedri (O), che possono essere di due tipi, con un atomo di Mg o di Al rispettivamente che lega 6 ossidrili (OH) Strato a maglia esagonale (T) Strato ottaedrico (O) 101

22 Fillosilicati: minerali delle argille Si possono avere pacchetti di due strati TO (caoliniti) oppure pacchetti di tre strati TOT (illiti e smectiti) Pacchetti a due strati (TO) o a tre strati (TOT) 102 Fillosilicati: minerali delle argille Gruppo delle Caoliniti Struttura cristallina: TO Sfaldatura/frattura: sfaldatura perfetta lungo gli strati Durezza: 2.5 Proprietà ottiche: opaca o traslucida, colore da grigio giallastro a bruno Gruppo delle Smectiti (Montmorilloniti) Struttura cristallina: TOT Sfaldatura/frattura: si disgregano Durezza: variabile Proprietà ottiche: opaca, colore grigio - bianco 103

23 Fillosilicati: minerali delle argille Gruppo delle Illiti Struttura cristallina: TOT Sfaldatura/frattura: poco disgregabili Durezza: variabile Proprietà ottiche: opaca, colore bianco, grigio, incolore in lamelle Fillosilicati Gruppo delle Cloriti Hanno struttura simile ma non fanno parte dei minerali delle argille Struttura cristallina: TOT Sfaldatura/frattura: sfaldabile in lamelle Durezza: variabile Proprietà ottiche: traslucida, colore verde - giallastro 104 Caratteristiche dei minerali argillosi I minerali delle argille sono di piccole dimensioni e presentano una elevata superficie specifica (per unità di peso). Tali particelle hanno un eccesso di carica negativa sulla superficie, a causa della loro struttura interna. Adsorbimento di acqua: le molecole d acqua si comportano come dipoli elettrici che vengono legati facilmente (legame idrogeno) alla superficie di questi minerali 105

24 Minerale argilloso % di H 2 O adsorbita Caoliniti da 80% a 140% Illiti da 70% a 150% Smectite calcica 240% Smectite sodica 800% Il forte adsorbimento di acqua dei minerali argillosi spiega il fenomeno del rigonfiamento delle argille Minerale argilloso Espansione dl/l % Caoliniti dal 5 al 60% Illiti dal 15 al 120% Smectite sodica dal 1400 al 2000% Smectite calcica dal 45 al 145% 106 Tectosilicati: Feldspati Famiglia di minerali che formano da soli più della metà della crosta terrestre. Possono essere considerati come composti da tre termini puri: Feldspato potassico Microclino Ortoclasio k[alsi 3 O 8 ] Sanidino Plagioclasi Feldspato sodico Albite Na[AlSi 3 O 8 ] Feldspato calcico Anortite Ca[Al 2 Si 2 O 8 ] 107

25 Tectosilicati: Feldspati Feldspato potassico (k-feldspato): Microclino, ortoclasio, sanidino Si differenziano per una diversa struttura cristallina. Ortoclasio e microclino: rocce intrusive; sanidino: rocce effusive. Sfaldatura/frattura: sfaldano secondo piani paralleli Durezza: 6 Proprietà ottiche: trasparenti o traslucidi, colore bianco, rosa, rosso 108 Ortoclasio 109

26 Tectosilicati: Feldspati Plagioclasi Si tratta di miscele con diverse % di Na e Ca tra i due termini estremi Albite ed Anortite. Serie dei plagioclasi: Albite, Oligoclasio, Andesina, Labradorite, Bytownite, Anortite Sfaldatura/frattura: sfaldano lungo piani perpendicolari Durezza: 6 Proprietà ottiche: trasparenti e traslucidi, colore bianco o incolore 110 Plagioclasi 111

27 Labradorite (plagioclasio) 112 MINERALI NON SILICATI Plagioclasi all interno di un granito (bianchi) 113

28 Tectosilicati: Feldspatoidi Si tratta di un altra famiglia di minerali presenti soprattutto in rocce effusive ricche di potassio e sodio. Minerali più importanti: Nefelina e Leucite 114

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009 Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO I minerali 09 ottobre 2009 Elisabetta Demattio Responsabile attività educative Museo Geologico delle Dolomiti - Predazzo 1 I MINERALI Museo Geologico

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

La geologia nella pratica edilizia

La geologia nella pratica edilizia ALBERTO CLERICI - FRANCESCO SFRATATO La geologia nella pratica edilizia MATERIALI LAPIDEI: CARATTERISTICHE, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DURABILITÀ E PROCESSI DI DEGRADO Dario Flaccovio Editore Alberto Clerici

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

Sassi, rocce e minerali

Sassi, rocce e minerali SCIENZE La Terra Osservare i sassi, studiarne la forma, il colore, la durezza, la texture significa entrare in relazione con la storia della Terra: i sassi portano con loro la memoria e i segni del tempo.

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente.

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente. ESPANSIONE I minerali Come tutti i solidi a composizione costante, ovvero formati da un unica sostanza, anche quelli che si rinvengono in natura assumono forme che esternamente rispecchia no, a volte in

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

Prof.ssa Annabella De Vito ITG "Rondani" Parma

Prof.ssa Annabella De Vito ITG Rondani Parma I minerali topazio apatite Sono sostanze naturali, in quanto si formano attraverso fenomeni chimico-fisico che avvengono in natura Sono sostanze solide, poichéposseggono forma e volume proprio Sono sostanze

Dettagli

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa 1... 2 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce... 3 1.1 Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo... 5 1.2

Dettagli

MINERALOGIA SISTEMATICA

MINERALOGIA SISTEMATICA MINERALOGIA SISTEMATICA Classificazione dei minerali Sulla base della composizione chimica i minerali vengono suddivisi in gruppi o classi: 1. Elementi nativi: appartengono a questa classe elementi non

Dettagli

Guida al Corso di. Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio

Guida al Corso di. Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio Guida al Corso di Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio (Lezioni dettate dal Prof. Antonino Lo Giudice) * Anno Accademico 2009-10 * Alcune delle figure presenti nel testo sono state tratte

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre

1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre 1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre I minerali presenti in natura sono diverse migliaia. Considerando gli elementi della tavola periodica, tutti i possibili reticoli e

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Silicati

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Silicati Corso di Laurea in SCIENZE NAURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Silicati Biopiriboli Strutture ordinate di minerali strettamente correlate a quelle dei pirosseni e anfiboli. biopiriboli

Dettagli

MECCANICA DEI TERRENI APPLICATA ALLE OPERE DI FONDAZIONE

MECCANICA DEI TERRENI APPLICATA ALLE OPERE DI FONDAZIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E MECCANICA DEI TERRENI APPLICATA ALLE OPERE DI FONDAZIONE Caratteristiche e classificazione delle terre, influenza delle falde idriche nel sottosuolo,

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà dei MATERIALI in quanto li descrive singolarmente nel capitolo del materiale trattato; ma io ritengo sia un argomento comune a tutti

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48.

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48. La nostra escursione inizia da Passo Valles, dove abbiamo intrapreso il sentiero CAI 751, noto anche come Alta Via delle Dolomiti n o 2 (che collega Bressanone a Feltre) o Sentiero Italia (SI), in Fig.

Dettagli

Scienze dei minerali Il minerale può essere inteso come una sostanza cristallina con una disposizione ordinata nelle tre direzioni dello spazio a uno

Scienze dei minerali Il minerale può essere inteso come una sostanza cristallina con una disposizione ordinata nelle tre direzioni dello spazio a uno Scienze dei minerali Il minerale può essere inteso come una sostanza cristallina con una disposizione ordinata nelle tre direzioni dello spazio a uno stato di più bassa energia rispetto a una disposizione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

MOSTRA MINERALI D ITALIA

MOSTRA MINERALI D ITALIA associazione pionieri e veterani eni MOSTRA MINERALI D ITALIA ELENCO DEI MINERALI E LORO PRINCIPALI CARATTERISTICHE San Donato milanese, 3 dicembre 2010 MINERALI Sostanze naturali inorganiche, generalmente

Dettagli

VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA

VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA 1 Napoli 6 dicembre 2004 VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA A cura di Ugo Potenza Il gruppo orografico Somma-Vesuvio 1 fa parte del sistema vulcanico compreso tra la Toscana meridionale e il

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Pozzo d'estrazione miniera di Cinabro Cerreto Piano (Gr) (Novembre 1993) (Foto Massimo Guarguagli) Anno 1 - n 0 (Aprile/Giugno 2004) II Edizione Gruppo

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Relatori: C. Carbonchi, P. Danasino, R. Riveriti Una giornata su Le materie prime di qualità per piastrelle

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile

PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile v.3.0-2002 di Adriano Nardi - Univ. di Roma La Sapienza AVVERTENZA: l autore non si assume alcuna responsabilità circa eventuali danni morali

Dettagli

Abbondanza del silicio

Abbondanza del silicio IL SILICIO Abbondanza del silicio Circa il 99% in peso della crosta terrestre è formato da soli 8 elementi chimici, che sono detti elementi maggiori tutti gli altri elementi sono complessivamente presenti

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

CAPITOLO 1 ORIGINE E STRUTTURA DEI TERRENI

CAPITOLO 1 ORIGINE E STRUTTURA DEI TERRENI 1.1 Origine dei terreni CAITOLO 1 I terreni derivano dai processi di alterazione fisica e chimica delle rocce. I processi di alterazione di natura fisica o meccanica producono una disgregazione delle rocce

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

CHIMICA, SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI

CHIMICA, SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI UNIVERSITÀ DI NAPOLI SUOR ORSOLA BENINCASA CHIMICA, SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI EZIO MARTUSCELLI UNIVERSITÀ DI NAPOLI SUOR ORSOLA BENINCASA CHIMICA, SCIENZA

Dettagli

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico.

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta Parte II Classificazione delle Rocce Metamorfiche Il nome di una roccia metamorfica in genere si basa sul quello che la roccia era prima di essere metamorfosata

Dettagli

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.d.A. DI AGEC N 117 DEL 30 AGOSTO 2005 COME PREVISTO

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Page 1 of 19 PROVA DI DUREZZA

Page 1 of 19 PROVA DI DUREZZA Page 1 of 19 PROVA DI DUREZZA La durezza H (hardness) e la resistenza che la superficie di un materiale oppone alla sua penetrazione. E' una condizione necessaria affinche' il componente metallico possegga

Dettagli

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini Minerali, i, rocce, vulcani e terremoti ti secondo biennio n Copyright 2013 Italo Bovolenta editore s.r.l., Ferrara [5960] www.bovolentaeditore.it I diritti

Dettagli

CERAMICHE CHIMICA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI

CERAMICHE CHIMICA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI 1 Le Argille CERAMICHE CHIMICA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI Le argille costituiscono il materiale di partenza con cui, attraverso varie lavorazioni, si ottengono tutti quei prodotti genericamente chiamati

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Val Lena, versante Sud del Monte Colombè e cima Barbignaga

Val Lena, versante Sud del Monte Colombè e cima Barbignaga Di Giancarlo Val Lena, versante Sud del Monte Colombè e cima Barbignaga Breve inquadramento geologico Tutta l area oggetto della presente relazione è costituita da un ripido pendio che da quote attorno

Dettagli

Le proprietà del nuovo materiale delle meraviglie: Il Grafene

Le proprietà del nuovo materiale delle meraviglie: Il Grafene Le proprietà del nuovo materiale delle meraviglie: Il Grafene Questo sorprendente nanomateriale costituito da un singolo strato di atomi di carbonio, con una struttura bidimensionale ultrasottile, è considerato

Dettagli

Materiali ceramici. Prof. Marco Boniardi

Materiali ceramici. Prof. Marco Boniardi Prof. Marco Boniardi 1 Composti chimici tra un metallo e un non metallo (a carattere prevalentemente ionico) Ossidi (SiO 2, Al 2 O 3, ZrO 2, MgO, BaTiO 3 ) Nitruri (Si 3 N 4 ) Carburi (B 4 C, WC, TiC,

Dettagli

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE In Sicilia nelle province di Caltanissetta, Agrigento, Enna (Sicilia Centrale) sono presenti grandi depositi di zolfo ( solfare ) che furono la

Dettagli

SEZIONE DI GEOLOGIA. Dott.ssa E. Gagliano Candela

SEZIONE DI GEOLOGIA. Dott.ssa E. Gagliano Candela SEZIONE DI GEOLOGIA Dott.ssa E. Gagliano Candela Giugno 2008 PREMESSA Nel mese di febbraio 2008 sono iniziati i lavori di identificazione ed archiviazione dei materiali (rocce, minerali, fossili) acquistati

Dettagli

= 0,375 cioè ω = 136

= 0,375 cioè ω = 136 Il controllo della durezza Nel settore della meccanica ci si incontra spesso con il concetto di durezza ; ed infatti la durezza è una caratteristica fondamentale per giudicare se un certo materiale è idoneo

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA Indice 1 INDICE GENERALE 1. CHIMICA GENERALE E ORGANICA CHIMICA GENERALE STRUTTURA DELL ATOMO PAG. 1 TAVOLA PERIODICA PAG. 7 PROPRIETÀ PERIODICHE PAG. 9 LEGAMI CHIMICI PAG. 11 MOLECOLE E CRISTALLI PAG.

Dettagli

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano mianto nell edilizia Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano Inquinamento indoor: l amianto nell edilizia 1 Argomenti 1. Cos è l amianto? 2. Come e dove lo possiamo trovare

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito).

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito). LE ROCCE ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura Rocce omogenee: costituite da un solo tipo di minerale (es. roccia gessosa, roccia calcarea, salgemma). Rocce eterogenee: costituite da

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale naturale

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: IBIX ART è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale

Dettagli

Scienza e Tecnologia dei Materiali

Scienza e Tecnologia dei Materiali Scienza e Tecnologia dei Materiali Ingegneria Civile Docente: Prof. Laura Montanaro laura.montanaro@polito.it Prof. L. Montanaro STM Ing. Civile 1 Generalità Orario lezioni: Lunedì 11.30-13.00 Martedì

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE V.O. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA COMPORTAMENTO DILATOMETRICO

Dettagli

Le pietre da costruzione

Le pietre da costruzione 1 Le pietre da costruzione La maggior parte delle rocce presenti sulla crosta terrestre può essere usata come materiale da costruzione. Tra quelle non adatte possiamo ricordare alcune rocce sedimentarie

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

Dietro il miglioramento c è sempre una storia.

Dietro il miglioramento c è sempre una storia. Dietro il miglioramento c è sempre una storia. La nostra è quella di chi non vuole fermarsi. Il titanio deriva il suo nome da Titanos, o Titano nella mitologia greca (i giganti, figli delle divinità del

Dettagli

LE ROCCE IN GEOLOGIA, ORIGINE E CLASSIFICAZIONE

LE ROCCE IN GEOLOGIA, ORIGINE E CLASSIFICAZIONE ASSOCIAZIONE MARMISTI DELLA REGIONE LOMBARDIA galleria gandhi 15-20017 Rho MI - tel 02 939 00 740/750 fax 02 939 00 727 - info@assomarmistilombardia.it - www.assomarmistilombardia.it per gentile concessione

Dettagli

Mineralogia e petrografia delle rocce groenlandesi del fiordo di Sermelik. Riassunto

Mineralogia e petrografia delle rocce groenlandesi del fiordo di Sermelik. Riassunto Mineralogia e petrografia delle rocce groenlandesi del fiordo di Sermelik 1 IEZZI Gianluca, 2 D AMICODATRI Giovanni, 2 DEL VECCHIO Alessandro, 2 MENICUCCI Lorenzo, 1 DI SABATINO Bruno, 3 PELUZZI Davide

Dettagli

Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Osservare e capire la Terra

Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Osservare e capire la Terra Idee per il tuo futuro Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Osservare e capire la Terra Minerali e rocce La dinamica endogena La storia della Terra Edizione azzurra con Earth Science in English SCIENZE

Dettagli

Proprietà fisiche dei minerali. Proprietà scalari

Proprietà fisiche dei minerali. Proprietà scalari Proprietà fisiche dei minerali Le proprietà fisiche si suddividono in scalari e vettoriali. 1. Le proprietà fisiche scalari sono rappresentabili solo da un numero, cioè da una grandezza valida per ogni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI II Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea in GESTIONE DELLE RISORSE DEL MARE E DELLE COSTE Modulo di GEOLOGIA Prof. Francesco Loiacono professore

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

LA FLUOROFLOGOPITE DI BIANCAVILLA: UNA NUOVA SPECIE MINERALOGICA FLUORO DOMINANTE, ANALOGA ALLA FLOGOPITE

LA FLUOROFLOGOPITE DI BIANCAVILLA: UNA NUOVA SPECIE MINERALOGICA FLUORO DOMINANTE, ANALOGA ALLA FLOGOPITE LA FLUOROFLOGOPITE DI BIANCAVILLA: UNA NUOVA SPECIE MINERALOGICA FLUORO DOMINANTE, ANALOGA ALLA FLOGOPITE Antonio Gianfagna*, Simona Mazziotti- Tagliani* e Fernando Scordari** * Dipartimento di Scienze

Dettagli

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro Fusione del vetro Produzione di vetro: per via chimica (Physical Vapour Deposition - PVD, Chemical Vapour Deposition - CVD) da soluzione (sol-gel) da polvere (sinterizzazione) da fuso ΔT>0 ΔT

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

Alluminio - Aluminium

Alluminio - Aluminium Alluminio - Aluminium Dati essenziali Nome: Alluminio Nome internazionale: aluminium Simbolo: Al Numero atomico: 13 Peso atomico: 26.981538 Gruppo: 13 Periodo: 3 Numero di assidazione: +3 Elettronegatività:

Dettagli

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ

tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ tecnologia PROPRIETÀ DEI METALLI Scuola secondaria primo grado. classi prime Autore: Giuseppe FRANZÈ LE PROPRIETÀ DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Si possono considerare come l'insieme delle caratteristiche

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Mineralogia sistematica Ossidi, Idrossidi, Alogenuri, Carbonati, Solfati e Fosfati Ossidi e Idrossidi Gli ossidi

Dettagli

3. Descrizione dei materiali

3. Descrizione dei materiali Descrizione dei materiali 3. Descrizione dei materiali L individuazione della tipologia di argilla che rispondesse meglio ai criteri di indagine è stato il primo passo nello svolgimento della ricerca.

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

vosges di Moreno Beggio

vosges di Moreno Beggio vosges di Moreno Beggio tel. 0444-387119 r.a. Divisione acceleratori ionici telefax 0444-264228 Via Roma, 133 mail : commerciale@vosges-italia.it 36040 - TORRI DI QUARTESOLO - (VI) http://www.vosges-italia.it

Dettagli

La Vita è una Reazione Chimica

La Vita è una Reazione Chimica La Vita è una Reazione Chimica Acqua Oro Zucchero Il numero atomico, il numero di massa e gli isotopi numero atomico (Z) = numero di protoni nel nucleo numero di massa (A) = numero di protoni + numero

Dettagli

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro)

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) E dipendente dalla temperatura:capacità di riposizionamento di difetti ed atomi (diffusione

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DELLE TERRE STABILIZZATE CON LEGANTI IDRAULICI: PROGETTAZIONE PRESTAZIONALE DELLE MISCELE

STUDIO SPERIMENTALE DELLE TERRE STABILIZZATE CON LEGANTI IDRAULICI: PROGETTAZIONE PRESTAZIONALE DELLE MISCELE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÁ DI BOLOGNA FACOLTÁ DI INGEGNERIA Corso di laurea specialistica in Ingegneria Civile Insegnamento: Inserimento e Compatibilità delle Infrastrutture Viarie nel Territorio

Dettagli