Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2"

Transcript

1 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo Litosfera... 5 Rocce magmatiche... 6 Rocce sedimentarie... 7 Rocce metamorfiche... 9 Approfondimento Ciclo delle rocce Principali minerali nella litosfera Silicati Carbonati Solfati Fosfati Solfuri Ossidi Alogenuri Nitrati Verifica mappa Alterazione delle rocce Alterazione fisica Azione del calore Azione della forza di gravità Azione del vento Alterazione chimica Azione solvente Azione idratante Azione idrolizzante Azione ossidante Alterazione biologica Verifica VII

2 Indice mappa Biologia del suolo Organismi presenti nel suolo Mammiferi Artropodi Molluschi Lombrichi Approfondimento I lombrichi Nematodi Protozoi Alghe Funghi Licheni Attinomiceti Batteri Approfondimento La vita intorno alla radice Verifica mappa ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 4. Sostanza organica Fonti di sostanza organica Residui vegetali Residui animali Residui microbici Umificazione Disgregazione e lisciviazione Decomposizione biologica Melanizzazione Formazione di complessi umo-minerali Turnover della sostanza organica nel suolo Verifica mappa Evoluzione del suolo Evoluzione Roccia madre e substrato pedogenetico Clima Morfologia Biologia del suolo Tempo Profilo e orizzonti Approfondimento Simboli convenzionali Principali processi pedogenetici Eluviazione o lisciviazione VIII

3 Indice Illuviazione Podsolizzazione Laterizzazione o ferrallitizzazione Rubefazione Gleyficazione o idromorfia Alomorfia Verifica TERRENO AGRARIO mappa TERRENO AGRARIO 6. Costituenti del terreno agrario Substrati alloctoni Substrati alluvionali Substrati colluviali Substrati morenici Substrati eolici Fasi del terreno Fase solida inorganica Tessitura Scheletro Terra fine Approfondimento Le frazioni del terreno Composizione mineralogica della frazione argillosa Approfondimento Altri costituenti argilliformi Origine dell argilla Approfondimento Altri minerali argillosi Fase solida organica Composizione Apporti minerali della sostanza organica Rapporti con la fase solida inorganica Approfondimento L analisi delle ceneri Valutazione Bilancio umico Fase liquida Meccanismi di trattamento dell acqua Potenziale idrico Punti caratteristici nel rapporto acqua-terreno Approfondimento Importanza agronomica dei punti caratteristici Qualità dell acqua di irrigazione Approfondimento Classificazione delle acque irrigue Approfondimento La carta dell acqua Fase gassosa Composizione dell aria atmosferica Composizione dell aria tellurica Importanza dell aria tellurica Verifica IX RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

4 Indice mappa Caratteri del terreno agrario Potere assorbente Assorbimento biologico Assorbimento chimico Assorbimento chimico-fisico o scambio cationico Soluzione circolante Composizione Soluzione micellare Soluzione intermicellare ph Terreni acidi Approfondimento Cause di acidificazione del suolo Terreni alcalini Approfondimento Clorosi ferrica Reazione del terreno e disponibilità dei nutritivi Potere tampone Struttura Origine della struttura Fattori che influenzano la struttura Importanza agronomica Densità apparente e porosità Pedogenesi ed erosione Tipi, forme e fasi dell erosione Fattori di erosione Fattori legati al clima Fattori legati all uso del suolo Classificazione dei suoli Classificazione americana Verifica TERRENO AGRARIO mappa Cartografia pedologica Introduzione alla cartografia Proiezioni geografiche Scala geografica Classificazione delle carte geografiche Carta dei suoli Carte derivate e interpretate Carta delle capacità d uso dei suoli Carta delle attitudini dei suoli alle diverse colture Approfondimento Altre carte Verifica X

5 ELEMENTI NUTRITIVI mappa ELEMENTI NUTRITIVI 9. Biopedologia degli elementi nutritivi Azoto Azotofissazione simbiotica Azotofissazione non simbiotica Ammonizzazione Nitrificazione Dinitrificazione Fosforo Azioni microbiche sul fosforo Azioni chimiche sul fosforo Potassio Zolfo Azioni sui composti dello zolfo Magnesio Calcio Microelementi nutritivi Boro Ferro Manganese Rame Zinco Molibdeno Verifica XI

6 PEDOLOGIA Parte prima Origine ed evoluzione del suolo Parte_prima.indd 1 04/01/11 13:26

7 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO oceanica (SIMA) STRUTTURA DELLA TERRA 1 mappa CROSTA MANTELLO NUCLEO continentale (SIAL) LITOSFERA origine delle rocce PROCESSO PEDOGENETICO SEMPRE IN ATTO disgregazione decomposizione rocce eruttive Consolidamento e cristallizzazione del magma fuso PEDOSFERA Detritica SUOLO ARGILLE rocce sedimentarie Organica Chimica Rocce eruttive rocce metamorfiche Rocce sedimentarie feldspati feldspatoidi tectosilicati fillosilicati allumosilicati PRINCIPALI MINERALI SILICATI Carbonati Solfati Fosfati Solfuri Ossidi del silicio Ossidi del ferro Ossidi dell alluminio Alogenuri Nitriti 2

8 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO CAPITOLO 1 Origine delle rocce OBIETTIVI Comprendere l origine e la struttura della Terra Conoscere l origine e la costituzione delle rocce presenti nella litosfera Individuare i minerali ritenuti importanti nella pedologia APPROFONDIMENTI Rocce magmatiche Rocce sedimentarie Rocce metamorfiche Strutture cristalline 1.1 ORIGINE E STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA La pedologia è la scienza che si occupa dello studio del suolo, cioè della parte più superficiale della crosta terrestre. Il suolo si forma in seguito all alterazione delle rocce e tale alterazione può essere di natura fisica, chimica o biologica. Per comprendere le caratteristiche dei suoli e ricostruirne l origine è quindi necessario conoscere le proprietà del subustrato roccioso da cui traggono origine. Per fare ciò è bene ricordare le macrocaratteristiche del nostro pianeta. La storia evolutiva della Terra è cominciata 4,6 miliardi di anni fa, a seguito dei numerosissimi fenomeni e mutamenti che hanno dato origine al Sistema solare. Per effetto della rotazione, sul pianeta Terra, inizialmente semifluido, si determinò una stratificazione secondo la densità dei suoi compo- 3

9 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO nenti: al centro i materiali più pesanti e in superficie quelli più leggeri. Con il progressivo raffreddamento (e quindi solidificazione) degli strati esterni, si venne a formare la struttura che ha reso possibile lo sviluppo della vita sulla Terra: un globo solido avvolto da uno strato gassoso che dopo lunghe modificazioni è diventato l attuale atmosfera (risalente infatti a 1,2 miliardi di anni fa). La Terra presenta un raggio di 6378 km, distinto in tre gusci concentrici: all esterno la crosta; nella parte mediana il mantello; al centro il nucleo. Vediamoli nel dettaglio. profondità (km) km 2900 km 5170 km 6371 km crosta astenosfera nucleo interno mantello nucleo esterno discontinuità di Mohorovici ˇ discontinuità di Gutenberg discontinuità di Lehmann Fig Raffigurazione schematica della Terra. Crosta La crosta è il guscio esterno della Terra, costituito da materiale allo stato solido, cioè le rocce. Ha uno spessore variabile: sotto i continenti può raggiungere i 70 km (in corrispondenza delle catene montuose), mentre nei bacini oceanici raggiunge al massimo i 10 km (Figura 1.1). Per esempio, nei pressi delle Azzorre si è misurato uno spessore della crosta terrestre di soli 3 km; in Italia, invece, varia tra i 55 km (sotto le catene montuose delle Alpi) e i 30 km, sebbene nel mar Tirreno si siano misurati spessori di 10 km. La crosta terrestre è distinta in: crosta continentale; crosta oceanica. La crosta continentale è costituita da rocce più leggere rispetto a quelle della crosta oceanica e ha una densità di 2,7 g/cm 3 ; è chiamata anche SIAL, dal nome degli elementi maggiormente presenti: silicio e alluminio. La crosta oceanica è formata da rocce pesanti, in prevalenza basalti, che dopo essersi solidificate sono state ricoperte da sedimenti marini. È anche detta SIMA, dal nome degli elementi in essa più diffusi, cioè silicio e magnesio e ha una densità pari a 2,9 g/cm 3. Il confine tra la crosta terrestre e il sottostante mantello è costituito da una zona denominata Moho o superficie di discontinuità di Mohorovičić, dal nome del sismologo slavo che la identificò nel Questo confine è più vicino alla superficie in corrispondenza della crosta oceanica, mentre al di sotto dei continenti, si trova a profondità più elevate. Mantello Il mantello è la parte intermedia (Figura 1.1), la più ampia in termini di volume (84%) e di massa (68%). I dati geofisici disponibili indicano che il mantello possiede una struttura a strati così distinguibile: mantello superiore, dalla Moho fino a 400 km di profondità; zona di transizione, dai 400 ai 700 km; mantello inferiore, dai 700 ai 2900 km. Il mantello superiore è costituito da uno strato rigido che, assieme alla crosta terrestre, va a costituire la litosfera nel suo complesso, e da una zona, chiamata astenosfera, nella quale la roccia si presenta in parte allo stato fuso. 4

10 Origine delle rocce Il mantello superiore è quello più studiato, e i dati sismici e mineralogici a disposizione fanno supporre che sia composto da materiali rigidi a base di silicati di ferro e magnesio (olivine, pirosseni e granati). Nucleo Il nucleo è la parte più interna della Terra, importante sia in termini di volume (16%) sia di massa (31%). È separato dal mantello inferiore dalla discontinuità di Gutenberg (Tabella 1.1) e si estende fino al centro della Terra, cioè fino a 6378 km. Per analogia con le meteoriti, si ritiene che il nucleo sia costituito in prevalenza da ferro e nichel. A circa 5000 km di profondità, una discontinui tà secondaria, detta di Lehmann, separa il nucleo esterno da quello interno. Il nucleo esterno si presenta allo stato liquido, molto denso e composto da una piccola parte di nichel (2%); è la zona nella quale si origina gran parte del magnetismo terrestre. Il nucleo interno è la parte più calda della Terra ma, data l altissima pressione, i materiali si trovano allo stato solido. Tab Rapporto tra profondità, temperatura e densità nella struttura della Terra. Denominazione Profondità (km) Temperatura ( C) Densità (g/cm 3 ) Crosta terrestre crosta continentale SIAL 2, crosta oceanica SIMA 2,9 Discontinuità di Mohorovičić mantello superiore 400 Mantello zona di transizione ,5-5,5 mantello inferiore 2900 Discontinuità di Gutenberg nucleo esterno Nucleo nucleo interno litosfera La crosta continentale, quella oceanica e la zona del mantello rigido, fino all astenosfera, costituiscono la litosfera, un insieme di corpi rocciosi inalterati del pianeta, dalla quale, con un processo pedogenetico sempre in atto, si origina la pedosfera, cioè uno strato discontinuo che si spinge fino ai 6-8 m di profondità e che, come risultato dell interazione dinamica tra litosfera, atmosfera, idrosfera e biosfera, va a costituire il suolo. Dal punto di vista della com posizione chimica, la litosfera presenta gli elementi riportati nella Tabella 1.2. Tab Elementi più diffusi nella litosfera (%). O 45,6 P 0,1 Si 27,3 Mn 0,1 Al 8,3 F 0,04 Fe 6,1 Ba 0,03 Ca 4,5 Sr 0,03 Mg 2,1 S 0,03 Na 2,0 C 0,02 K 1,9 Cl 0,01 Ti 0,6 Zr 0,01 H 0,1 V 0,01 5 RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

11 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO I corpi rocciosi inalterati presenti nella litosfera derivano da tre processi specifici: 1. il processo magmatico; 2. il processo sedimentario; 3. il processo metamorfico. Da questi traggono origine le rocce, aggregati di minerali che possono essere classificate in: rocce magmatiche; rocce sedimentarie; rocce metamorfiche. Rocce magmatiche Le rocce magmatiche, dette anche ignee, derivano dalla cristallizzazione del magma fuso che risale dall astenosfera, penetrando nelle fenditure della litosfera (Figura 1.2). In base alle modalità con cui il magma solidifica, si ottengono diversi tipi di rocce che si suddividono in: intrusive, se il magma solidifica all interno della litosfera; effusive, se il magma fuoriesce dalla crosta terrestre e solidifica in superficie. Come tutte le rocce, anche quelle magmatiche vengono distinte in base alla loro composizione mineralogica e alla loro struttura (forma, dimensione e disposizione dei cristalli). Le rocce effusive, in genere, presentano una struttura granulare molto fine, in cui i singoli cristalli non si distinguono a occhio nudo, mentre per quelle intrusive si parla di rocce granitoidi per la presenza di cristalli facilmente visibili. Nei processi di cristallizzazione e nelle classificazioni, si attribuisce molta importanza al contenuto in silice presente nelle rocce magmatiche. In particolare si distinguono: rocce acide, con più del 65% di silice (graniti, porfidi, ossidiane); rocce neutre, con silice tra il 53 e il 64% (sieniti, cloriti, trachiti); rocce basiche, con quantità di silice inferiori al 52% (gabbri, basalti). Tra le rocce magmatiche intrusive ricordiamo: i graniti, costituiti da quarzo, feldspato e mica (Figura 1.3); le sieniti, simili ai graniti ma con poco quarzo (Figura 1.4); le dioriti, rocce intermedie con poco quarzo (Figura 1.5); i gabbri, rocce prive di quarzo (Figura 1.6). Fig Granito. Fig Sienite. Fig Il magma emerge dalla crosta terrestre. Fig Diorite. Fig Gabbro. 6

12 Origine delle rocce Fig Lastra di porfido in una cava. Fig Lave cordate (trachiti) dell Etna. Fig Bombe vulcaniche (trachiti e basalti) dell Etna. Tra le rocce effusive ricordiamo: i porfidi (Figura 1.7); le trachiti (Figura 1.8); i basalti (Figura 1.9); le leuciti. Rocce sedimentarie Le rocce sedimentarie sono il risultato finale di un processo che inizia con l alterazione e la disgregazione delle rocce, continua con il trasporto dei frammenti più o meno grandi e termina con la loro deposizione, compattazione e cementificazione. Poiché i processi di alterazione e disgregazione delle rocce sono sempre in atto, così come quelli di trasporto e di deposito, si può affermare che il processo di formazione delle rocce sedimentarie è continuo. I sedimenti trasportati dalle acque si depositano e si accumulano in strati (Figure 1.10 e Fig Strati piegati e fratturati. Fig Cascata tra rocce stratificate. 1.11); il materiale che si trova nella parte inferiore viene compattato dal peso degli strati sovrastanti (processo di costipazione), mentre le sostanze minerali che precipitano vanno a cementificare i singoli granuli (clasti o cristalli). Il processo che porta alla formazione della roccia sedimentaria è detto diagenesi e consiste nella successione di: disgregazione della roccia madre fino alla formazione di granuli di minerali e di lamine sottili di silicati e allumina; precipitazione delle sostanze minerali disciolte nell acqua con formazione di sostanze cementanti; diminuzione della porosità e saldatura dei frammenti; neoformazione di minerali diversi. 7

13 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO Fig Arenaria. Fig Argillite. Fig Formazione delle rocce sedimentarie. Il diagramma sopra riportato (Figura 1.12) riassume i processi di formazione delle rocce sedimentarie. Dai sedimenti di origine detritica si formano le rocce sedimentarie terrigene. Oltre alle brecce, formate da frammenti di roccia a spigolo vivo cementificati, e ai conglomerati, fram menti di roccia a spigolo arrotondato cementificati, si distinguono (Tabella 1.3): l arenaria (Figura 1.13), sabbia cementata che può essere distinta in quarzosa, feldspatica e calcarea, secondo la natura della sabbia; la siltite, formata da granuli mol to piccoli cementati tra loro, con diametro compreso tra 0,0625 e 0,004 mm; l argillite (Figura 1.14), costituita dalla cementificazione di sedimenti molto minuti. Fig Calcare selcifero. Fig Alabastro. Fig Dolomite. Fig Opale. Tab Classificazione di Wentworth delle rocce sedimentarie in base alla loro granulometria. Dimensione Nome Nome granuli sedimento roccia Diametro maggiore Ghiaia Conglomerati di 2 mm e Pietrisco e Brecce Diametro compreso Sabbia Arenaria tra 2 e 0,0625 mm Diametro compreso Silt Siltite tra 0,0625 e 0,004 mm Diametro minore Argilla Argillite di 0,004 mm Dai sedimenti di origine chimica hanno origine le rocce carbonatiche, tra le quali si distinguo no: il calcare, formato dalla precipitazione di carbonato di calcio (Figura 1.15); la dolomite, formata dalla precipitazione di carbonato di calcio e magnesio (Figura 1.16); il travertino e l alabastro, formate dalle precipitazioni che avvengono in acque sorgenti o fluviali soprassature di carbonato (Figura 1.17); le selci, l opale e la geyserite, depositi di silice in acque marine, acque sorgenti o acque minerali (Figura 1.18). 8

14 Origine delle rocce Derivano invece dalla trasformazione chimica delle rocce operata dalle acque meteoriche e dall aria, le lateriti (rosse per la presenza di ossidi di ferro) e la bauxite (ricca di ossidi e idrossidi di alluminio). Dai sedimenti di origine organica si formano: il calcare organogeno e la dolomite organogena; la diatomite, silice polverulenta proveniente dai gusci delle diatomee; la fosforite, depositi di fosfato di calcio. Rocce metamorfiche Il processo metamorfico interessa la trasformazione mineralogica di rocce preesistenti, siano esse ignee, sedimentarie o metamorfiche. Questo processo avviene a una profondità variabile da pochi chilometri fino al confine tra crosta e mantello e porta alla formazione delle rocce metamorfiche. Le rocce preesistenti, per motivi legati alla dinamica della tettonica delle placche, sprofondano nella crosta, dove subiscono sia un au mento di Approfondimento Ciclo delle rocce Rocce effusive Erosione e alterazione delle rocce I processi di erosione, trasporto e sedimentazione trascinano i materiali derivanti dalla disgregazione delle rocce che, come abbiamo visto, possono essere sedimentarie, magmatiche o metamorfiche. L accumulo di questi sedimenti porta alla formazione di rocce sedimentarie che, con il tempo, possono essere a loro volta erose. Se dopo la loro formazione e la successiva distruzione vengono sepolte nelle profondità della crosta, le rocce sedimentarie possono essere modificate (dalla temperatura e dalla pressione) in rocce metamorfiche oppure, se collocate a profondità ancora maggiore, possono essere coinvolte in processi magmatici, fondere e dare origine a rocce eruttive. Sia le rocce metamorfiche sia quelle eruttive, una volta portate in superficie, saranno coinvolte anch esse nel ciclo delle rocce schematizzato nella figura seguente. Deposito dei sedimenti Sollevamento della crosta sedimentazione Rocce intrusive effusione del magma metamorfismo Rocce sedimentarie intrusione del magma Rocce metamorfiche fusione Rocce fuse Fig Ciclo delle rocce. 9

15 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO Fig Scistosità. Fig Quarzite. Tra le rocce metamorfiche ricordiamo quelle: non foliate, come quarziti (Figura 1.21), marmi, calcefiri, ecc.; foliate, cioè appiattite in strati; poco foliate, per esempio anfiboliti (Figura 1.22), scisti argillosi, ecc.; grossolanamente foliate, come gneiss (Figura 1.23); finemente foliate, come filladi e scisti di varia composizione (Figura 1.24). 1.3 principali minerali nella litosfera Fig Filone di aplite in anfibolite. Fig Gneiss. temperatura dovuto al gradiente geotermico sia un aumento di pressione dovuto al peso dei corpi rocciosi sovrastanti. L au - men to di temperatura varia tra i 10 e i 30 C per ogni chilometro di profondità a seconda delle Fig Micascisti. regioni climatiche, mentre la pressione aumenta di bar per ogni chilometro di profondità. In queste condizioni la roccia cambia forma, i minerali divengono instabili, gli atomi dei loro reticoli cristallini cambiano disposizione e si formano minerali nuovi e più stabili; questi cambiamenti sono innescati principalmente da temperature e pressioni diverse da quelle in cui la roccia originaria si è formata. Alcune rocce metamorfiche presentano al loro interno superfici di discontinuità planare (foliazione); tali discontinuità possono essere dovute alla disposizione orientata di minerali, che rende la roccia divisibile secondo piani paralleli (scistosità) (Figura 1.20). Abbiamo finora parlato delle rocce cioè, in termini geologici, di aggregati minerali. Vediamo ora i minerali, ovvero i componenti delle rocce. I minerali sono corpi naturali, solidi e inorganici, chimicamente e fisicamente omogenei. Presentano una struttura cristallina, cioè un organizzazione interna costituita da reticoli disposti geometricamente. Le unità strutturali che costituiscono i reticoli cristallini possono essere ioni, atomi o molecole, le cui dimensioni assumono notevole importanza poiché il numero di ioni che si possono disporre intorno a un altro ione di carica opposta dipende anche da tale parametro. I minerali che più facilmente troviamo nelle rocce costituenti la litosfera sono i silicati (quasi per il 90%) e, in quantità decisamente inferiori, carbonati, fosfati, solfati, cloruri, ecc. Silicati I silicati si formano, in presenza di elevate temperature e pressioni, per reazione tra ossidi nel momento in cui il magma si raffredda. Sono presenti sia nelle rocce magmatiche sia in quelle sedimentarie e metamorfiche. Assumono notevole importanza mineralogica e industriale; infatti, dai silicati si ricavano pietre ornamentali pregiate, metalli di grande valore economico e svariati prodotti utilizzati nell industria. 10

16 Origine delle rocce Nella composizione, accanto al silicio trovano posto altri elementi come ossigeno, alluminio, ferro, manganese, magnesio, potassio, calcio e altri ancora. Nel 1912, quando si applicò per la prima volta alla ricerca mineralogica l analisi roe n t- genografica (raggi X), si ottennero nuove informazioni sui silicati. Tale mezzo d indagine rivelò che, nel reticolo cristallino dei si li cati, ciascun ione Si 4+ è si tuato al centro di un tetrae dro (una figura geometrica molto simile a una piramide) che ha sui quattro vertici quattro ioni ossigeno. L insieme dà luogo a un radica le complesso, costituito dal gruppo [SiO 4 ] 4 che co sti tuisce, a sua volta, l unità strutturale di tutti i silicati (Figura 1.25). Il modo in cui sono disposte queste u ni tà strutturali per mette di di stinguere i silicati. L unità strutturale (o tetraedro) può essere isolata oppure unita ad altri tetraedri; quando è isolata, il legame tra una di esse e quella adiacente è stabilito da un catione che, disponendosi tra gli ioni ossigeno, ne satura le valenze negative libere. Interessante è il comportamento dell alluminio che, quando è presente come catione, dà luogo alla formazione di silicati di alluminio; invece, la sua presenza all interno del tetraedro al posto del silicio dà luogo agli allumosilicati, di fondamentale importanza perché solo da essi, per alterazione, si ottiene l argilla. Secondo le moderne interpretazioni strutturali, basate sulla disposizione dei tetraedri, i silicati vengono suddivisi nelle seguenti sottoclassi. Nesosilicati La parola deriva dal greco nesos che significa isola. Si tratta di tetraedri isolati e collegati fra di loro da ioni Ca, Fe (II), Mn, Mg, ecc. (Figura 1.26). Di questo gruppo si ricorda l olivina, costituente essenziale di molte rocce povere di silice, i granati e gli zirconi (dai quali si ottengono gemme preziose) e la fayalite (trovata nelle ossidiane delle isole Eolie e dell Etna). subnesosilicati Fig Nesosilicati: tetraedri liberi. Sono nesosilicati che presentano anioni estranei come F, CO 2, 3 BO3, ecc. Minerali importanti di questo gruppo sono il topazio e la 3 sillimanite (trovata negli gneiss della Sila). sorosilicati La parola deriva dal greco soros, cioè gruppo. I tetraedri sono riuniti a coppie per ciascun vertice, con un os sige no in comune (Figura 1.27). In que sto gruppo, tra i minerali più importanti, segnaliamo l emimorfite dalla quale si estrae lo zinco (in Italia se ne trovano giacimenti in Sardegna, sfruttati in epoca preromana) e la vesuviana trovata in tetraedri a gruppi di Fig Sorosilicati: due. bellissimi cristalli in Campania, a Tiriolo (Calabria), in Val di Fassa (Trentino) e in Val d Ala (Piemonte). Fig Tetraedro di SiO 4. ciclosilicati I tetraedri sono riuniti in modo da formare, su un piano, anelli triangolari, quadrangolari o esagonali (Figura 1.28). Ricordiamo il berillo che, in base al colore, si distingue in smeraldo, acquamarina, eliodoro, morganite, e la tormalina, dalla quale si ottengono alcune discrete gemme. Fig Ciclosilicati: anello esagonale. 11

17 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO Inosilicati Il termine deriva dal greco inos, che significa fibra. I tetraedri sono uniti in lunghe catene semplici (pirosseni) o doppie (anfiboli) (Figure 1.29 e 1.30). Tra i pirosseni ricordiamo l augite (trovata su Vesuvio, Etna e Stromboli) e la giadeite (trovata anche in Italia sulle Alpi occidentali) adoperata a scopo decorativo (le giade in commercio provengono sia dalla giadeite sia dalla nefrite). Degli anfiboli, ai quali appartiene l orne blenda, ricordiamo che tra le doppie catene sono presenti cationi H e anioni OH, che conferiscono ad alcuni minerali di questo gruppo la capacità di rigonfiarsi (co me le argille). Le sottoclas si che descriviamo di seguito danno origine, per alterazione, ad argille di interesse agrario. Fillosilicati Il termine deriva dal greco fillon, cioè foglio. I tetraedri, disposti su un piano, formano strutture stratificate, a foglia (Figura 1.31). Ogni tetraedro possiede i tre ossigeni della base collegati ai tetraedri adiacenti, mentre l ossigeno del vertice ha valenza libera. Tra i fillosilicati ricordiamo il talco (in Italia presente in Piemonte, in provin cia di Sondrio e a Orani in Sardegna), con svariate applicazioni industriali, il grup po delle miche (muscovite o mica potassica o mica bianca, biotite o mica ros so-brunastra, ricca di ferro e magnesio), il gruppo delle cloriti e un gruppo di minerali prettamente argillosi che vedremo in seguito. Tectosilicati La parola deriva dal greco tectos, che significa edificio. I tetraedri sono collegati tra loro attraverso i quattro vertici; in questo modo i quattro atomi di ossigeno sono tutti impegnati (Figura 1.32). Nessun catione si potrebbe legare se non si verificasse la sostituzione di uno o più atomi di silicio con uno o più atomi di alluminio. In questa sottoclasse ricordiamo l importante famiglia dei feldspati, dalla quale derivano la maggior parte delle argille, e poi l ortoclasio, l albite e l anortite (gli ultimi due formano i plagioclasi); ne fanno parte inoltre la Fig Inosilicati a catena semplice. Fig Inosilicati a catena doppia. Fig Fillosilicati: tetraedri a strati. Fig Tectosilicati: pacchi tridimensionali Capitolo_01.indd 12 04/01/11 11:51

18 Origine delle rocce Tab Classificazione dei silicati. Denominazione Disposizione dei tetraedri Minerali più importanti Nesosilicati Sorosilicati Ciclosilicati Inosilicati Fillosilicati Tectosilicati Isolati Uniti a coppie Uniti ad anello su un piano Uniti in catene semplici (pirosseni) o in catene doppie (anfiboli) Uniti su un piano per formare strutture a strati Uniti nelle tre direzioni dello spazio per formare strutture complesse Olivina, granato, zirconio, fayalite, topazio, sillamanite Emimorfite, vesuviana Berillo (smeraldo, acquamarina, ecc.), tormalina Pirosseni = augite, giadeite, nefrite, ecc. Anfiboli = orneblenda Pirofillite, talco, mica (muscovite, biotite) gruppo dei cloriti gruppo dei minerali prettamente argillosi (caolinite, montmorillonite, illite, ecc.) feldspati (ortoclasio, albite, anortite, ecc.) feldspatoidi (leucite, nefelina, sodalite, ecc.) zeoliti famiglia dei feldspatoidi, che si formano al posto dei feldspati quando c è carenza di silice e abbondanza di alcali, comprende minerali come la leucite, la nefelina, la sodalite; la famiglia delle zeoliti, poco presenti nei terreni, ma di grande importanza per alcune proprietà che le rendono si mili ai minerali argillosi. Carbonati Questa categoria di minerali entra nella composizione chimica di molte rocce magmatiche, sedimentarie e metamorfiche. Sono i componenti essenziali dei calcari (rocce sedimentarie formate da calcite, CaCO 3 ), delle dolomie (carbonati doppi di calcio e magnesio, CaMg(CO 3 ) 2 in Figura 1.33) e dei marmi cristallini (rocce sedimentarie in origine, trasformate poi da fenomeni metamorfici con ricristallizzazione del carbonato di calcio). A elevate temperature si Fig Dolomie. (CO 3 ) (CO 2 3 ) 2 Fig Motivo strutturale dei carbonati. = ossigeno = ossigeno = carbonio = carbonio scompongono in CaO e CO 2. L ossido di calcio costituisce la calce viva che, a contatto con l acqua, forma la calce idrata o calce spenta, usata nell industria edilizia. I carbonati trattati con acidi, invece, sviluppano anidride carbonica. L unità strutturale è rappresentata dal gruppo CO 2 che ha due valenze libere, le quali possono essere saturate da ioni diversi per formare 3 carbonati (Figura 1.34). I carbonati si distinguono in anidri, acidi e idrati. Tra tutti i carbonati, il più importante è la calcite (Figura 1.35, a pagina seguente). Il carbonato di calcio può avere origine geologica (carbonatazione) oppure organica. In quest ultimo caso, alcuni organismi marini assimilano il bicarbonato sciolto nell acqua per edificare i loro rivestimenti o le loro strutture di sostegno; alla loro morte, tali strutture formano depositi di calcare organogeno (a volte enormi). 13

19 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO carbonati acidi o bicarbonati Il minerale più importante di questo gruppo è la nahcolite (il cui nome deriva direttamente dalla formula Na-HCO-lite, Figura 1.37) trovata presso i Campi Flegrei, nelle cosiddette stufe di Nerone. Fig Calcite. Il carbonato di calcio è solubile in acqua solo per lo 0,015%, ma se questa possiede disciolta anidride carbonica aumenta notevolmente il suo potere solvente. carbonati anidri Non hanno acqua molecolare nel reticolo cristallino. Tra i minerali più importanti ricordiamo la calcite (trovata a Porretta nel l Ap pennino toscoemiliano, nel Vicentino e nel Sarrabus in Sardegna), la magnesite (con giacimenti in Val di Susa, nell isola d Elba e in molti luoghi della Toscana), la siderite (ritrovata in Val Seriana e in Val Camonica, nelle miniere di Brosso e nelle rocce della Nurra in Sardegna), che contiene quasi il 48% di ferro, la dolomite, molto diffusa in natura nelle rocce dette dolomie, in cristalli magnifici rinvenuti nel Cadore e nel marmo di Carrara, e infine la malachite (Figura 1.36), presente in tutti i giacimenti di rame. Fig Malachite. Fig Nahcolite. carbonati idrati Nel loro reticolo cristallino è presente acqua molecolare. Ricordiamo la natrite, utilizzata nella metallurgia, nell industria vetraria, nella preparazione dei saponi e dei colori. Solfati Ai minerali di questo gruppo (Figura 1.38) fanno parte il gesso e l anidrite, che a volte formano banchi consistenti nella crosta terrestre. L anidrite (CaSO 4 ) ha origine dall evaporazione dell acqua marina e si può trovare nei calcari e nelle Fig Gesso. dolomie insieme a gesso e salgemma. Esposta agli agenti atmosferici, tende a idratarsi, trasformandosi in gesso e, aumentando il proprio volume anche del 60%, dà origine a modesti rilievi. Il gesso può avere origine dall azione di acque acide (per acido solforico) su calcari e da fenomeni vulcanici. 14

20 Origine delle rocce Fosfati In natura il fosforo non si trova allo stato libero perché, avendo una grande affinità con l ossigeno, forma con questo elemento dei composti, i fosfati, caratterizzati dal gruppo PO 3. 4 Tra i minerali più importanti ricordiamo le apatiti, nome generico per indicare i fosfati di Ca contenenti F (fluoroapatiti), Cl (cloroapatiti), O (ossiapatiti), OH (idrossiapatiti), ecc.; la vivianite (Figura 1.39), che si riscontra nei terreni umiferi o torbosi e la collofanite fa cente parte dei fosfati sedimentari. Importanza notevole hanno anche le fosforiti, depositi organogeni di fosfato tricalcico, che si sono formati a spese di resti di organismi marini, e che sono costituiti da CaCO 3 e da un Ca 3 (PO 4 ) 2 amorfo, la collofanite. Solfuri Fig Vivianite. Questi minerali sono composti non ossigenati che derivano dalla combinazione di vari metalli con lo zolfo. Le loro strutture sono abbastanza complicate, fatta eccezione per pochissimi casi. Tra questi minerali ricordiamo la calcopirite (CuFeS 2 ), il cinabro (HgS) e la pirite (FeS 2 ) (Figura 1.40). Ossidi I più importanti ossidi impegnati nella formazione delle rocce provengono dalla combinazione dell ossigeno con silicio, alluminio e ferro. ossidi del silicio Il quarzo e l opale sono i più rappresentativi di questo gruppo. Il quarzo è uno dei minerali più comuni (Figura Fig Quarzo. 1.41) ed entra a far parte delle rocce eruttive, delle sabbie e di alcune rocce metamorfiche come gli gneiss e le micascisti. Una delle caratteristiche di questo minerale è la piezoelettricità, cioè la proprietà di generare cariche elettriche quando viene sottoposto ad azioni meccaniche (pressioni, tensioni, ecc.) lungo certe direzioni. Inoltre, il minerale, sottoposto all azione di un campo elettrico, si deforma e vibra (risonanza): ciò sta alla base del suo utilizzo in elettronica. Cristalli di quarzo, variamente colorati, sono usati come gemme dal nome particolare: ametista, avventurina, occhio di tigre, calcedonio, diaspro, corniola, ecc. Data la trasparenza alle radiazioni ultraviolette, il quarzo si usa inoltre, per produrre lenti e prismi utilizzati in spettrometria. L opale è invece un minerale amorfo che proviene dall alterazione dei silicati e spesso costituisce il guscio e lo scheletro siliceo di or ganismi come diatomee, radiolari, ecc. Fig Pirite. ossidi del ferro L ematite è il minerale più importante di questo gruppo; è diffuso in molte rocce sotto forma sia di lamine sottili (granito di Baveno) sia di masse compatte o terrose. Può essere usato come pietra ornamentale oppure, nel caso del tipo terroso, come materia colorante (ocra rossa per i pittori). Le prime matite avevano l ematite come mina colorante, da ciò, infatti, deriva il loro nome. 15

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA. 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra

1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA. 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra 1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra La Terra (fig. 1.1) può essere suddivisa nel seguente modo: biosfera, insieme di tutti gli organismi viventi sulla Terra; atmosfera,

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 20 marzo 2013 Indice RIASSUNTO 2 INTRODUZIONE 4 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Mineralogia sistematica Ossidi, Idrossidi, Alogenuri, Carbonati, Solfati e Fosfati Ossidi e Idrossidi Gli ossidi

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Legame ionico nei solidi.

Legame ionico nei solidi. Legame ionico nei solidi. Un puro legame ionico nei solido praticamente non esiste, anche in NaCl o CaO i legami hanno un certo carattere covalente che ovviamente diventa molto più importante man mano

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli