Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2"

Transcript

1 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo Litosfera... 5 Rocce magmatiche... 6 Rocce sedimentarie... 7 Rocce metamorfiche... 9 Approfondimento Ciclo delle rocce Principali minerali nella litosfera Silicati Carbonati Solfati Fosfati Solfuri Ossidi Alogenuri Nitrati Verifica mappa Alterazione delle rocce Alterazione fisica Azione del calore Azione della forza di gravità Azione del vento Alterazione chimica Azione solvente Azione idratante Azione idrolizzante Azione ossidante Alterazione biologica Verifica VII

2 Indice mappa Biologia del suolo Organismi presenti nel suolo Mammiferi Artropodi Molluschi Lombrichi Approfondimento I lombrichi Nematodi Protozoi Alghe Funghi Licheni Attinomiceti Batteri Approfondimento La vita intorno alla radice Verifica mappa ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 4. Sostanza organica Fonti di sostanza organica Residui vegetali Residui animali Residui microbici Umificazione Disgregazione e lisciviazione Decomposizione biologica Melanizzazione Formazione di complessi umo-minerali Turnover della sostanza organica nel suolo Verifica mappa Evoluzione del suolo Evoluzione Roccia madre e substrato pedogenetico Clima Morfologia Biologia del suolo Tempo Profilo e orizzonti Approfondimento Simboli convenzionali Principali processi pedogenetici Eluviazione o lisciviazione VIII

3 Indice Illuviazione Podsolizzazione Laterizzazione o ferrallitizzazione Rubefazione Gleyficazione o idromorfia Alomorfia Verifica TERRENO AGRARIO mappa TERRENO AGRARIO 6. Costituenti del terreno agrario Substrati alloctoni Substrati alluvionali Substrati colluviali Substrati morenici Substrati eolici Fasi del terreno Fase solida inorganica Tessitura Scheletro Terra fine Approfondimento Le frazioni del terreno Composizione mineralogica della frazione argillosa Approfondimento Altri costituenti argilliformi Origine dell argilla Approfondimento Altri minerali argillosi Fase solida organica Composizione Apporti minerali della sostanza organica Rapporti con la fase solida inorganica Approfondimento L analisi delle ceneri Valutazione Bilancio umico Fase liquida Meccanismi di trattamento dell acqua Potenziale idrico Punti caratteristici nel rapporto acqua-terreno Approfondimento Importanza agronomica dei punti caratteristici Qualità dell acqua di irrigazione Approfondimento Classificazione delle acque irrigue Approfondimento La carta dell acqua Fase gassosa Composizione dell aria atmosferica Composizione dell aria tellurica Importanza dell aria tellurica Verifica IX RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

4 Indice mappa Caratteri del terreno agrario Potere assorbente Assorbimento biologico Assorbimento chimico Assorbimento chimico-fisico o scambio cationico Soluzione circolante Composizione Soluzione micellare Soluzione intermicellare ph Terreni acidi Approfondimento Cause di acidificazione del suolo Terreni alcalini Approfondimento Clorosi ferrica Reazione del terreno e disponibilità dei nutritivi Potere tampone Struttura Origine della struttura Fattori che influenzano la struttura Importanza agronomica Densità apparente e porosità Pedogenesi ed erosione Tipi, forme e fasi dell erosione Fattori di erosione Fattori legati al clima Fattori legati all uso del suolo Classificazione dei suoli Classificazione americana Verifica TERRENO AGRARIO mappa Cartografia pedologica Introduzione alla cartografia Proiezioni geografiche Scala geografica Classificazione delle carte geografiche Carta dei suoli Carte derivate e interpretate Carta delle capacità d uso dei suoli Carta delle attitudini dei suoli alle diverse colture Approfondimento Altre carte Verifica X

5 ELEMENTI NUTRITIVI mappa ELEMENTI NUTRITIVI 9. Biopedologia degli elementi nutritivi Azoto Azotofissazione simbiotica Azotofissazione non simbiotica Ammonizzazione Nitrificazione Dinitrificazione Fosforo Azioni microbiche sul fosforo Azioni chimiche sul fosforo Potassio Zolfo Azioni sui composti dello zolfo Magnesio Calcio Microelementi nutritivi Boro Ferro Manganese Rame Zinco Molibdeno Verifica XI

6 PEDOLOGIA Parte prima Origine ed evoluzione del suolo Parte_prima.indd 1 04/01/11 13:26

7 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO oceanica (SIMA) STRUTTURA DELLA TERRA 1 mappa CROSTA MANTELLO NUCLEO continentale (SIAL) LITOSFERA origine delle rocce PROCESSO PEDOGENETICO SEMPRE IN ATTO disgregazione decomposizione rocce eruttive Consolidamento e cristallizzazione del magma fuso PEDOSFERA Detritica SUOLO ARGILLE rocce sedimentarie Organica Chimica Rocce eruttive rocce metamorfiche Rocce sedimentarie feldspati feldspatoidi tectosilicati fillosilicati allumosilicati PRINCIPALI MINERALI SILICATI Carbonati Solfati Fosfati Solfuri Ossidi del silicio Ossidi del ferro Ossidi dell alluminio Alogenuri Nitriti 2

8 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO CAPITOLO 1 Origine delle rocce OBIETTIVI Comprendere l origine e la struttura della Terra Conoscere l origine e la costituzione delle rocce presenti nella litosfera Individuare i minerali ritenuti importanti nella pedologia APPROFONDIMENTI Rocce magmatiche Rocce sedimentarie Rocce metamorfiche Strutture cristalline 1.1 ORIGINE E STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA La pedologia è la scienza che si occupa dello studio del suolo, cioè della parte più superficiale della crosta terrestre. Il suolo si forma in seguito all alterazione delle rocce e tale alterazione può essere di natura fisica, chimica o biologica. Per comprendere le caratteristiche dei suoli e ricostruirne l origine è quindi necessario conoscere le proprietà del subustrato roccioso da cui traggono origine. Per fare ciò è bene ricordare le macrocaratteristiche del nostro pianeta. La storia evolutiva della Terra è cominciata 4,6 miliardi di anni fa, a seguito dei numerosissimi fenomeni e mutamenti che hanno dato origine al Sistema solare. Per effetto della rotazione, sul pianeta Terra, inizialmente semifluido, si determinò una stratificazione secondo la densità dei suoi compo- 3

9 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO nenti: al centro i materiali più pesanti e in superficie quelli più leggeri. Con il progressivo raffreddamento (e quindi solidificazione) degli strati esterni, si venne a formare la struttura che ha reso possibile lo sviluppo della vita sulla Terra: un globo solido avvolto da uno strato gassoso che dopo lunghe modificazioni è diventato l attuale atmosfera (risalente infatti a 1,2 miliardi di anni fa). La Terra presenta un raggio di 6378 km, distinto in tre gusci concentrici: all esterno la crosta; nella parte mediana il mantello; al centro il nucleo. Vediamoli nel dettaglio. profondità (km) km 2900 km 5170 km 6371 km crosta astenosfera nucleo interno mantello nucleo esterno discontinuità di Mohorovici ˇ discontinuità di Gutenberg discontinuità di Lehmann Fig Raffigurazione schematica della Terra. Crosta La crosta è il guscio esterno della Terra, costituito da materiale allo stato solido, cioè le rocce. Ha uno spessore variabile: sotto i continenti può raggiungere i 70 km (in corrispondenza delle catene montuose), mentre nei bacini oceanici raggiunge al massimo i 10 km (Figura 1.1). Per esempio, nei pressi delle Azzorre si è misurato uno spessore della crosta terrestre di soli 3 km; in Italia, invece, varia tra i 55 km (sotto le catene montuose delle Alpi) e i 30 km, sebbene nel mar Tirreno si siano misurati spessori di 10 km. La crosta terrestre è distinta in: crosta continentale; crosta oceanica. La crosta continentale è costituita da rocce più leggere rispetto a quelle della crosta oceanica e ha una densità di 2,7 g/cm 3 ; è chiamata anche SIAL, dal nome degli elementi maggiormente presenti: silicio e alluminio. La crosta oceanica è formata da rocce pesanti, in prevalenza basalti, che dopo essersi solidificate sono state ricoperte da sedimenti marini. È anche detta SIMA, dal nome degli elementi in essa più diffusi, cioè silicio e magnesio e ha una densità pari a 2,9 g/cm 3. Il confine tra la crosta terrestre e il sottostante mantello è costituito da una zona denominata Moho o superficie di discontinuità di Mohorovičić, dal nome del sismologo slavo che la identificò nel Questo confine è più vicino alla superficie in corrispondenza della crosta oceanica, mentre al di sotto dei continenti, si trova a profondità più elevate. Mantello Il mantello è la parte intermedia (Figura 1.1), la più ampia in termini di volume (84%) e di massa (68%). I dati geofisici disponibili indicano che il mantello possiede una struttura a strati così distinguibile: mantello superiore, dalla Moho fino a 400 km di profondità; zona di transizione, dai 400 ai 700 km; mantello inferiore, dai 700 ai 2900 km. Il mantello superiore è costituito da uno strato rigido che, assieme alla crosta terrestre, va a costituire la litosfera nel suo complesso, e da una zona, chiamata astenosfera, nella quale la roccia si presenta in parte allo stato fuso. 4

10 Origine delle rocce Il mantello superiore è quello più studiato, e i dati sismici e mineralogici a disposizione fanno supporre che sia composto da materiali rigidi a base di silicati di ferro e magnesio (olivine, pirosseni e granati). Nucleo Il nucleo è la parte più interna della Terra, importante sia in termini di volume (16%) sia di massa (31%). È separato dal mantello inferiore dalla discontinuità di Gutenberg (Tabella 1.1) e si estende fino al centro della Terra, cioè fino a 6378 km. Per analogia con le meteoriti, si ritiene che il nucleo sia costituito in prevalenza da ferro e nichel. A circa 5000 km di profondità, una discontinui tà secondaria, detta di Lehmann, separa il nucleo esterno da quello interno. Il nucleo esterno si presenta allo stato liquido, molto denso e composto da una piccola parte di nichel (2%); è la zona nella quale si origina gran parte del magnetismo terrestre. Il nucleo interno è la parte più calda della Terra ma, data l altissima pressione, i materiali si trovano allo stato solido. Tab Rapporto tra profondità, temperatura e densità nella struttura della Terra. Denominazione Profondità (km) Temperatura ( C) Densità (g/cm 3 ) Crosta terrestre crosta continentale SIAL 2, crosta oceanica SIMA 2,9 Discontinuità di Mohorovičić mantello superiore 400 Mantello zona di transizione ,5-5,5 mantello inferiore 2900 Discontinuità di Gutenberg nucleo esterno Nucleo nucleo interno litosfera La crosta continentale, quella oceanica e la zona del mantello rigido, fino all astenosfera, costituiscono la litosfera, un insieme di corpi rocciosi inalterati del pianeta, dalla quale, con un processo pedogenetico sempre in atto, si origina la pedosfera, cioè uno strato discontinuo che si spinge fino ai 6-8 m di profondità e che, come risultato dell interazione dinamica tra litosfera, atmosfera, idrosfera e biosfera, va a costituire il suolo. Dal punto di vista della com posizione chimica, la litosfera presenta gli elementi riportati nella Tabella 1.2. Tab Elementi più diffusi nella litosfera (%). O 45,6 P 0,1 Si 27,3 Mn 0,1 Al 8,3 F 0,04 Fe 6,1 Ba 0,03 Ca 4,5 Sr 0,03 Mg 2,1 S 0,03 Na 2,0 C 0,02 K 1,9 Cl 0,01 Ti 0,6 Zr 0,01 H 0,1 V 0,01 5 RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

11 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO I corpi rocciosi inalterati presenti nella litosfera derivano da tre processi specifici: 1. il processo magmatico; 2. il processo sedimentario; 3. il processo metamorfico. Da questi traggono origine le rocce, aggregati di minerali che possono essere classificate in: rocce magmatiche; rocce sedimentarie; rocce metamorfiche. Rocce magmatiche Le rocce magmatiche, dette anche ignee, derivano dalla cristallizzazione del magma fuso che risale dall astenosfera, penetrando nelle fenditure della litosfera (Figura 1.2). In base alle modalità con cui il magma solidifica, si ottengono diversi tipi di rocce che si suddividono in: intrusive, se il magma solidifica all interno della litosfera; effusive, se il magma fuoriesce dalla crosta terrestre e solidifica in superficie. Come tutte le rocce, anche quelle magmatiche vengono distinte in base alla loro composizione mineralogica e alla loro struttura (forma, dimensione e disposizione dei cristalli). Le rocce effusive, in genere, presentano una struttura granulare molto fine, in cui i singoli cristalli non si distinguono a occhio nudo, mentre per quelle intrusive si parla di rocce granitoidi per la presenza di cristalli facilmente visibili. Nei processi di cristallizzazione e nelle classificazioni, si attribuisce molta importanza al contenuto in silice presente nelle rocce magmatiche. In particolare si distinguono: rocce acide, con più del 65% di silice (graniti, porfidi, ossidiane); rocce neutre, con silice tra il 53 e il 64% (sieniti, cloriti, trachiti); rocce basiche, con quantità di silice inferiori al 52% (gabbri, basalti). Tra le rocce magmatiche intrusive ricordiamo: i graniti, costituiti da quarzo, feldspato e mica (Figura 1.3); le sieniti, simili ai graniti ma con poco quarzo (Figura 1.4); le dioriti, rocce intermedie con poco quarzo (Figura 1.5); i gabbri, rocce prive di quarzo (Figura 1.6). Fig Granito. Fig Sienite. Fig Il magma emerge dalla crosta terrestre. Fig Diorite. Fig Gabbro. 6

12 Origine delle rocce Fig Lastra di porfido in una cava. Fig Lave cordate (trachiti) dell Etna. Fig Bombe vulcaniche (trachiti e basalti) dell Etna. Tra le rocce effusive ricordiamo: i porfidi (Figura 1.7); le trachiti (Figura 1.8); i basalti (Figura 1.9); le leuciti. Rocce sedimentarie Le rocce sedimentarie sono il risultato finale di un processo che inizia con l alterazione e la disgregazione delle rocce, continua con il trasporto dei frammenti più o meno grandi e termina con la loro deposizione, compattazione e cementificazione. Poiché i processi di alterazione e disgregazione delle rocce sono sempre in atto, così come quelli di trasporto e di deposito, si può affermare che il processo di formazione delle rocce sedimentarie è continuo. I sedimenti trasportati dalle acque si depositano e si accumulano in strati (Figure 1.10 e Fig Strati piegati e fratturati. Fig Cascata tra rocce stratificate. 1.11); il materiale che si trova nella parte inferiore viene compattato dal peso degli strati sovrastanti (processo di costipazione), mentre le sostanze minerali che precipitano vanno a cementificare i singoli granuli (clasti o cristalli). Il processo che porta alla formazione della roccia sedimentaria è detto diagenesi e consiste nella successione di: disgregazione della roccia madre fino alla formazione di granuli di minerali e di lamine sottili di silicati e allumina; precipitazione delle sostanze minerali disciolte nell acqua con formazione di sostanze cementanti; diminuzione della porosità e saldatura dei frammenti; neoformazione di minerali diversi. 7

13 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO Fig Arenaria. Fig Argillite. Fig Formazione delle rocce sedimentarie. Il diagramma sopra riportato (Figura 1.12) riassume i processi di formazione delle rocce sedimentarie. Dai sedimenti di origine detritica si formano le rocce sedimentarie terrigene. Oltre alle brecce, formate da frammenti di roccia a spigolo vivo cementificati, e ai conglomerati, fram menti di roccia a spigolo arrotondato cementificati, si distinguono (Tabella 1.3): l arenaria (Figura 1.13), sabbia cementata che può essere distinta in quarzosa, feldspatica e calcarea, secondo la natura della sabbia; la siltite, formata da granuli mol to piccoli cementati tra loro, con diametro compreso tra 0,0625 e 0,004 mm; l argillite (Figura 1.14), costituita dalla cementificazione di sedimenti molto minuti. Fig Calcare selcifero. Fig Alabastro. Fig Dolomite. Fig Opale. Tab Classificazione di Wentworth delle rocce sedimentarie in base alla loro granulometria. Dimensione Nome Nome granuli sedimento roccia Diametro maggiore Ghiaia Conglomerati di 2 mm e Pietrisco e Brecce Diametro compreso Sabbia Arenaria tra 2 e 0,0625 mm Diametro compreso Silt Siltite tra 0,0625 e 0,004 mm Diametro minore Argilla Argillite di 0,004 mm Dai sedimenti di origine chimica hanno origine le rocce carbonatiche, tra le quali si distinguo no: il calcare, formato dalla precipitazione di carbonato di calcio (Figura 1.15); la dolomite, formata dalla precipitazione di carbonato di calcio e magnesio (Figura 1.16); il travertino e l alabastro, formate dalle precipitazioni che avvengono in acque sorgenti o fluviali soprassature di carbonato (Figura 1.17); le selci, l opale e la geyserite, depositi di silice in acque marine, acque sorgenti o acque minerali (Figura 1.18). 8

14 Origine delle rocce Derivano invece dalla trasformazione chimica delle rocce operata dalle acque meteoriche e dall aria, le lateriti (rosse per la presenza di ossidi di ferro) e la bauxite (ricca di ossidi e idrossidi di alluminio). Dai sedimenti di origine organica si formano: il calcare organogeno e la dolomite organogena; la diatomite, silice polverulenta proveniente dai gusci delle diatomee; la fosforite, depositi di fosfato di calcio. Rocce metamorfiche Il processo metamorfico interessa la trasformazione mineralogica di rocce preesistenti, siano esse ignee, sedimentarie o metamorfiche. Questo processo avviene a una profondità variabile da pochi chilometri fino al confine tra crosta e mantello e porta alla formazione delle rocce metamorfiche. Le rocce preesistenti, per motivi legati alla dinamica della tettonica delle placche, sprofondano nella crosta, dove subiscono sia un au mento di Approfondimento Ciclo delle rocce Rocce effusive Erosione e alterazione delle rocce I processi di erosione, trasporto e sedimentazione trascinano i materiali derivanti dalla disgregazione delle rocce che, come abbiamo visto, possono essere sedimentarie, magmatiche o metamorfiche. L accumulo di questi sedimenti porta alla formazione di rocce sedimentarie che, con il tempo, possono essere a loro volta erose. Se dopo la loro formazione e la successiva distruzione vengono sepolte nelle profondità della crosta, le rocce sedimentarie possono essere modificate (dalla temperatura e dalla pressione) in rocce metamorfiche oppure, se collocate a profondità ancora maggiore, possono essere coinvolte in processi magmatici, fondere e dare origine a rocce eruttive. Sia le rocce metamorfiche sia quelle eruttive, una volta portate in superficie, saranno coinvolte anch esse nel ciclo delle rocce schematizzato nella figura seguente. Deposito dei sedimenti Sollevamento della crosta sedimentazione Rocce intrusive effusione del magma metamorfismo Rocce sedimentarie intrusione del magma Rocce metamorfiche fusione Rocce fuse Fig Ciclo delle rocce. 9

15 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO Fig Scistosità. Fig Quarzite. Tra le rocce metamorfiche ricordiamo quelle: non foliate, come quarziti (Figura 1.21), marmi, calcefiri, ecc.; foliate, cioè appiattite in strati; poco foliate, per esempio anfiboliti (Figura 1.22), scisti argillosi, ecc.; grossolanamente foliate, come gneiss (Figura 1.23); finemente foliate, come filladi e scisti di varia composizione (Figura 1.24). 1.3 principali minerali nella litosfera Fig Filone di aplite in anfibolite. Fig Gneiss. temperatura dovuto al gradiente geotermico sia un aumento di pressione dovuto al peso dei corpi rocciosi sovrastanti. L au - men to di temperatura varia tra i 10 e i 30 C per ogni chilometro di profondità a seconda delle Fig Micascisti. regioni climatiche, mentre la pressione aumenta di bar per ogni chilometro di profondità. In queste condizioni la roccia cambia forma, i minerali divengono instabili, gli atomi dei loro reticoli cristallini cambiano disposizione e si formano minerali nuovi e più stabili; questi cambiamenti sono innescati principalmente da temperature e pressioni diverse da quelle in cui la roccia originaria si è formata. Alcune rocce metamorfiche presentano al loro interno superfici di discontinuità planare (foliazione); tali discontinuità possono essere dovute alla disposizione orientata di minerali, che rende la roccia divisibile secondo piani paralleli (scistosità) (Figura 1.20). Abbiamo finora parlato delle rocce cioè, in termini geologici, di aggregati minerali. Vediamo ora i minerali, ovvero i componenti delle rocce. I minerali sono corpi naturali, solidi e inorganici, chimicamente e fisicamente omogenei. Presentano una struttura cristallina, cioè un organizzazione interna costituita da reticoli disposti geometricamente. Le unità strutturali che costituiscono i reticoli cristallini possono essere ioni, atomi o molecole, le cui dimensioni assumono notevole importanza poiché il numero di ioni che si possono disporre intorno a un altro ione di carica opposta dipende anche da tale parametro. I minerali che più facilmente troviamo nelle rocce costituenti la litosfera sono i silicati (quasi per il 90%) e, in quantità decisamente inferiori, carbonati, fosfati, solfati, cloruri, ecc. Silicati I silicati si formano, in presenza di elevate temperature e pressioni, per reazione tra ossidi nel momento in cui il magma si raffredda. Sono presenti sia nelle rocce magmatiche sia in quelle sedimentarie e metamorfiche. Assumono notevole importanza mineralogica e industriale; infatti, dai silicati si ricavano pietre ornamentali pregiate, metalli di grande valore economico e svariati prodotti utilizzati nell industria. 10

16 Origine delle rocce Nella composizione, accanto al silicio trovano posto altri elementi come ossigeno, alluminio, ferro, manganese, magnesio, potassio, calcio e altri ancora. Nel 1912, quando si applicò per la prima volta alla ricerca mineralogica l analisi roe n t- genografica (raggi X), si ottennero nuove informazioni sui silicati. Tale mezzo d indagine rivelò che, nel reticolo cristallino dei si li cati, ciascun ione Si 4+ è si tuato al centro di un tetrae dro (una figura geometrica molto simile a una piramide) che ha sui quattro vertici quattro ioni ossigeno. L insieme dà luogo a un radica le complesso, costituito dal gruppo [SiO 4 ] 4 che co sti tuisce, a sua volta, l unità strutturale di tutti i silicati (Figura 1.25). Il modo in cui sono disposte queste u ni tà strutturali per mette di di stinguere i silicati. L unità strutturale (o tetraedro) può essere isolata oppure unita ad altri tetraedri; quando è isolata, il legame tra una di esse e quella adiacente è stabilito da un catione che, disponendosi tra gli ioni ossigeno, ne satura le valenze negative libere. Interessante è il comportamento dell alluminio che, quando è presente come catione, dà luogo alla formazione di silicati di alluminio; invece, la sua presenza all interno del tetraedro al posto del silicio dà luogo agli allumosilicati, di fondamentale importanza perché solo da essi, per alterazione, si ottiene l argilla. Secondo le moderne interpretazioni strutturali, basate sulla disposizione dei tetraedri, i silicati vengono suddivisi nelle seguenti sottoclassi. Nesosilicati La parola deriva dal greco nesos che significa isola. Si tratta di tetraedri isolati e collegati fra di loro da ioni Ca, Fe (II), Mn, Mg, ecc. (Figura 1.26). Di questo gruppo si ricorda l olivina, costituente essenziale di molte rocce povere di silice, i granati e gli zirconi (dai quali si ottengono gemme preziose) e la fayalite (trovata nelle ossidiane delle isole Eolie e dell Etna). subnesosilicati Fig Nesosilicati: tetraedri liberi. Sono nesosilicati che presentano anioni estranei come F, CO 2, 3 BO3, ecc. Minerali importanti di questo gruppo sono il topazio e la 3 sillimanite (trovata negli gneiss della Sila). sorosilicati La parola deriva dal greco soros, cioè gruppo. I tetraedri sono riuniti a coppie per ciascun vertice, con un os sige no in comune (Figura 1.27). In que sto gruppo, tra i minerali più importanti, segnaliamo l emimorfite dalla quale si estrae lo zinco (in Italia se ne trovano giacimenti in Sardegna, sfruttati in epoca preromana) e la vesuviana trovata in tetraedri a gruppi di Fig Sorosilicati: due. bellissimi cristalli in Campania, a Tiriolo (Calabria), in Val di Fassa (Trentino) e in Val d Ala (Piemonte). Fig Tetraedro di SiO 4. ciclosilicati I tetraedri sono riuniti in modo da formare, su un piano, anelli triangolari, quadrangolari o esagonali (Figura 1.28). Ricordiamo il berillo che, in base al colore, si distingue in smeraldo, acquamarina, eliodoro, morganite, e la tormalina, dalla quale si ottengono alcune discrete gemme. Fig Ciclosilicati: anello esagonale. 11

17 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO Inosilicati Il termine deriva dal greco inos, che significa fibra. I tetraedri sono uniti in lunghe catene semplici (pirosseni) o doppie (anfiboli) (Figure 1.29 e 1.30). Tra i pirosseni ricordiamo l augite (trovata su Vesuvio, Etna e Stromboli) e la giadeite (trovata anche in Italia sulle Alpi occidentali) adoperata a scopo decorativo (le giade in commercio provengono sia dalla giadeite sia dalla nefrite). Degli anfiboli, ai quali appartiene l orne blenda, ricordiamo che tra le doppie catene sono presenti cationi H e anioni OH, che conferiscono ad alcuni minerali di questo gruppo la capacità di rigonfiarsi (co me le argille). Le sottoclas si che descriviamo di seguito danno origine, per alterazione, ad argille di interesse agrario. Fillosilicati Il termine deriva dal greco fillon, cioè foglio. I tetraedri, disposti su un piano, formano strutture stratificate, a foglia (Figura 1.31). Ogni tetraedro possiede i tre ossigeni della base collegati ai tetraedri adiacenti, mentre l ossigeno del vertice ha valenza libera. Tra i fillosilicati ricordiamo il talco (in Italia presente in Piemonte, in provin cia di Sondrio e a Orani in Sardegna), con svariate applicazioni industriali, il grup po delle miche (muscovite o mica potassica o mica bianca, biotite o mica ros so-brunastra, ricca di ferro e magnesio), il gruppo delle cloriti e un gruppo di minerali prettamente argillosi che vedremo in seguito. Tectosilicati La parola deriva dal greco tectos, che significa edificio. I tetraedri sono collegati tra loro attraverso i quattro vertici; in questo modo i quattro atomi di ossigeno sono tutti impegnati (Figura 1.32). Nessun catione si potrebbe legare se non si verificasse la sostituzione di uno o più atomi di silicio con uno o più atomi di alluminio. In questa sottoclasse ricordiamo l importante famiglia dei feldspati, dalla quale derivano la maggior parte delle argille, e poi l ortoclasio, l albite e l anortite (gli ultimi due formano i plagioclasi); ne fanno parte inoltre la Fig Inosilicati a catena semplice. Fig Inosilicati a catena doppia. Fig Fillosilicati: tetraedri a strati. Fig Tectosilicati: pacchi tridimensionali Capitolo_01.indd 12 04/01/11 11:51

18 Origine delle rocce Tab Classificazione dei silicati. Denominazione Disposizione dei tetraedri Minerali più importanti Nesosilicati Sorosilicati Ciclosilicati Inosilicati Fillosilicati Tectosilicati Isolati Uniti a coppie Uniti ad anello su un piano Uniti in catene semplici (pirosseni) o in catene doppie (anfiboli) Uniti su un piano per formare strutture a strati Uniti nelle tre direzioni dello spazio per formare strutture complesse Olivina, granato, zirconio, fayalite, topazio, sillamanite Emimorfite, vesuviana Berillo (smeraldo, acquamarina, ecc.), tormalina Pirosseni = augite, giadeite, nefrite, ecc. Anfiboli = orneblenda Pirofillite, talco, mica (muscovite, biotite) gruppo dei cloriti gruppo dei minerali prettamente argillosi (caolinite, montmorillonite, illite, ecc.) feldspati (ortoclasio, albite, anortite, ecc.) feldspatoidi (leucite, nefelina, sodalite, ecc.) zeoliti famiglia dei feldspatoidi, che si formano al posto dei feldspati quando c è carenza di silice e abbondanza di alcali, comprende minerali come la leucite, la nefelina, la sodalite; la famiglia delle zeoliti, poco presenti nei terreni, ma di grande importanza per alcune proprietà che le rendono si mili ai minerali argillosi. Carbonati Questa categoria di minerali entra nella composizione chimica di molte rocce magmatiche, sedimentarie e metamorfiche. Sono i componenti essenziali dei calcari (rocce sedimentarie formate da calcite, CaCO 3 ), delle dolomie (carbonati doppi di calcio e magnesio, CaMg(CO 3 ) 2 in Figura 1.33) e dei marmi cristallini (rocce sedimentarie in origine, trasformate poi da fenomeni metamorfici con ricristallizzazione del carbonato di calcio). A elevate temperature si Fig Dolomie. (CO 3 ) (CO 2 3 ) 2 Fig Motivo strutturale dei carbonati. = ossigeno = ossigeno = carbonio = carbonio scompongono in CaO e CO 2. L ossido di calcio costituisce la calce viva che, a contatto con l acqua, forma la calce idrata o calce spenta, usata nell industria edilizia. I carbonati trattati con acidi, invece, sviluppano anidride carbonica. L unità strutturale è rappresentata dal gruppo CO 2 che ha due valenze libere, le quali possono essere saturate da ioni diversi per formare 3 carbonati (Figura 1.34). I carbonati si distinguono in anidri, acidi e idrati. Tra tutti i carbonati, il più importante è la calcite (Figura 1.35, a pagina seguente). Il carbonato di calcio può avere origine geologica (carbonatazione) oppure organica. In quest ultimo caso, alcuni organismi marini assimilano il bicarbonato sciolto nell acqua per edificare i loro rivestimenti o le loro strutture di sostegno; alla loro morte, tali strutture formano depositi di calcare organogeno (a volte enormi). 13

19 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO carbonati acidi o bicarbonati Il minerale più importante di questo gruppo è la nahcolite (il cui nome deriva direttamente dalla formula Na-HCO-lite, Figura 1.37) trovata presso i Campi Flegrei, nelle cosiddette stufe di Nerone. Fig Calcite. Il carbonato di calcio è solubile in acqua solo per lo 0,015%, ma se questa possiede disciolta anidride carbonica aumenta notevolmente il suo potere solvente. carbonati anidri Non hanno acqua molecolare nel reticolo cristallino. Tra i minerali più importanti ricordiamo la calcite (trovata a Porretta nel l Ap pennino toscoemiliano, nel Vicentino e nel Sarrabus in Sardegna), la magnesite (con giacimenti in Val di Susa, nell isola d Elba e in molti luoghi della Toscana), la siderite (ritrovata in Val Seriana e in Val Camonica, nelle miniere di Brosso e nelle rocce della Nurra in Sardegna), che contiene quasi il 48% di ferro, la dolomite, molto diffusa in natura nelle rocce dette dolomie, in cristalli magnifici rinvenuti nel Cadore e nel marmo di Carrara, e infine la malachite (Figura 1.36), presente in tutti i giacimenti di rame. Fig Malachite. Fig Nahcolite. carbonati idrati Nel loro reticolo cristallino è presente acqua molecolare. Ricordiamo la natrite, utilizzata nella metallurgia, nell industria vetraria, nella preparazione dei saponi e dei colori. Solfati Ai minerali di questo gruppo (Figura 1.38) fanno parte il gesso e l anidrite, che a volte formano banchi consistenti nella crosta terrestre. L anidrite (CaSO 4 ) ha origine dall evaporazione dell acqua marina e si può trovare nei calcari e nelle Fig Gesso. dolomie insieme a gesso e salgemma. Esposta agli agenti atmosferici, tende a idratarsi, trasformandosi in gesso e, aumentando il proprio volume anche del 60%, dà origine a modesti rilievi. Il gesso può avere origine dall azione di acque acide (per acido solforico) su calcari e da fenomeni vulcanici. 14

20 Origine delle rocce Fosfati In natura il fosforo non si trova allo stato libero perché, avendo una grande affinità con l ossigeno, forma con questo elemento dei composti, i fosfati, caratterizzati dal gruppo PO 3. 4 Tra i minerali più importanti ricordiamo le apatiti, nome generico per indicare i fosfati di Ca contenenti F (fluoroapatiti), Cl (cloroapatiti), O (ossiapatiti), OH (idrossiapatiti), ecc.; la vivianite (Figura 1.39), che si riscontra nei terreni umiferi o torbosi e la collofanite fa cente parte dei fosfati sedimentari. Importanza notevole hanno anche le fosforiti, depositi organogeni di fosfato tricalcico, che si sono formati a spese di resti di organismi marini, e che sono costituiti da CaCO 3 e da un Ca 3 (PO 4 ) 2 amorfo, la collofanite. Solfuri Fig Vivianite. Questi minerali sono composti non ossigenati che derivano dalla combinazione di vari metalli con lo zolfo. Le loro strutture sono abbastanza complicate, fatta eccezione per pochissimi casi. Tra questi minerali ricordiamo la calcopirite (CuFeS 2 ), il cinabro (HgS) e la pirite (FeS 2 ) (Figura 1.40). Ossidi I più importanti ossidi impegnati nella formazione delle rocce provengono dalla combinazione dell ossigeno con silicio, alluminio e ferro. ossidi del silicio Il quarzo e l opale sono i più rappresentativi di questo gruppo. Il quarzo è uno dei minerali più comuni (Figura Fig Quarzo. 1.41) ed entra a far parte delle rocce eruttive, delle sabbie e di alcune rocce metamorfiche come gli gneiss e le micascisti. Una delle caratteristiche di questo minerale è la piezoelettricità, cioè la proprietà di generare cariche elettriche quando viene sottoposto ad azioni meccaniche (pressioni, tensioni, ecc.) lungo certe direzioni. Inoltre, il minerale, sottoposto all azione di un campo elettrico, si deforma e vibra (risonanza): ciò sta alla base del suo utilizzo in elettronica. Cristalli di quarzo, variamente colorati, sono usati come gemme dal nome particolare: ametista, avventurina, occhio di tigre, calcedonio, diaspro, corniola, ecc. Data la trasparenza alle radiazioni ultraviolette, il quarzo si usa inoltre, per produrre lenti e prismi utilizzati in spettrometria. L opale è invece un minerale amorfo che proviene dall alterazione dei silicati e spesso costituisce il guscio e lo scheletro siliceo di or ganismi come diatomee, radiolari, ecc. Fig Pirite. ossidi del ferro L ematite è il minerale più importante di questo gruppo; è diffuso in molte rocce sotto forma sia di lamine sottili (granito di Baveno) sia di masse compatte o terrose. Può essere usato come pietra ornamentale oppure, nel caso del tipo terroso, come materia colorante (ocra rossa per i pittori). Le prime matite avevano l ematite come mina colorante, da ciò, infatti, deriva il loro nome. 15

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito).

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito). LE ROCCE ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura Rocce omogenee: costituite da un solo tipo di minerale (es. roccia gessosa, roccia calcarea, salgemma). Rocce eterogenee: costituite da

Dettagli

Correttivi. 1.1. Classificazione granulometrica: per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione granulometrica.

Correttivi. 1.1. Classificazione granulometrica: per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione granulometrica. ALLEGATO 3 (previsto dall articolo 1, comma 1, lettera b) Correttivi 1. PREMESSA 1.1. : per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione. 1.1.1. Prodotto polverulento: almeno

Dettagli

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI prof. ing. Vincenzo Sapienza CICLO LITOLOGICO COMPOSIZIONE CHIMICA DELLE ROCCE Gli elementi più diffusi nelle rocce,

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite.

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite. CENNI DI MINERALOGIA La parte solida della Terra e dei corpi planetari di tipo terrestre accessibili all uomo (meteoriti, rocce lunari) è formata da 88 elementi che si ritrovano in circa 2000 combinazioni

Dettagli

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 1 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

analisi del degrado I - fenomeni di degrado

analisi del degrado I - fenomeni di degrado analisi del degrado I - fenomeni di degrado alterazioni - strutturali deformazioni cinematismi controlli strumentali diagnosi dei dissesti - della materia analisi interdisciplinari fisiche chimiche biologiche

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua.

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua. Biologia Chimica Fisica Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. ElemenC naturali nel corpo umano Simbolo Elemento % in peso Il 96% é fako di O Ossigeno 65.0 C Carbonio

Dettagli

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Per volontà dell autore il presente testo non è stato sottoposto a revisione. L editore, per preservarne integralmente il pensiero, ha scelto di

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede di attività biologiche e di processi fisici e chimici

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

punto di ebollizione più alto punto di fusione più alto tensione superficiale più elevata più alto calore di vaporizzazione

punto di ebollizione più alto punto di fusione più alto tensione superficiale più elevata più alto calore di vaporizzazione Introduzione L idrosfera comprende l insieme delle masse di acqua sulla superficie terrestre, le acque presenti all interno della Crosta e le sostanze in esse disciolte. L idrosfera comprende dunque le

Dettagli

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI Prof. Mario Tribaudino Dipartimento di Scienze della Terra Università di Parma Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI I Minerali Mineralogia: disciplina delle Scienze

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

poh = -log 10 [OH - ] ph = -log 10 [H 3 O + ] Soluzione neutra Soluzione acida Soluzione basica ph < 7 ph > 7 ph = poh = 7

poh = -log 10 [OH - ] ph = -log 10 [H 3 O + ] Soluzione neutra Soluzione acida Soluzione basica ph < 7 ph > 7 ph = poh = 7 Reazione del suolo ph ph = -log 10 [H 3 O + ] poh = -log 10 [OH - ] Soluzione neutra [H 3 O + ] = [OH - ] = 10-7 ph = poh = 7 Soluzione acida [H 3 O + ] > [OH - ] > 10-7 ph < 7 Soluzione basica [H 3 O

Dettagli

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno 3 - LA CHIMICA DEL SILICIO 3.1 - Il legame silicio - ossigeno Il silicio e l ossigeno costituiscono insieme il 74 % della massa e quasi il 95 % del volume della litosfera. Il silicio ha numero atomico

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale FISIOLOGIA VEGETALE Il suolo e la nutrizione minerale Il suolo è costituito da una frazione inorganica e da una frazione organica frazione inorganica è preponderante e deriva dalla frammentazione della

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Nell idrosfera l acqua si sposta continuamente da un luogo all altro, seguendo un percorso di andata e ritorno detto ciclo dell acqua o ciclo idrologico; questo si

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare Appunti di Chimica Le reazioni chimiche Premesse... 1 Tipi di reazioni chimiche... 2 Reazioni di ossido-riduzione... 2 Reazioni di formazione... 2 Numero di ossidazione nei composti binari di tipo salino...

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Introduzione Dopo lo studio commissionato da diversi enti e già commentato a http://www.verdicrema.org/archivio/dib_anal/serio.htm

Dettagli

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Emanuela Tarabbia Le analisi agrochimiche del suolo hanno acquisito, in particolare negli ultimi anni, un valore

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Come si presenta la materia? DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Il criterio per distinguere i materiali è la presenza di una o più FASI porzioni di materia fisicamente distinte tra loro delimitate da nette

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie

Trattamenti delle acque primarie Trattamenti Impianti Meccanici 1 ELIMINAZIONE DELL ANIDRIDE CARBONICA ELIMINAZIONE DELL OSSIGENO AEREAZIONE DELL ACQUA DEFERRITIZZAZIONE DEMANGANIZZAZIONE ADDOLCIMENTO Impianti Meccanici 2 1 Trattamenti

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

Silicio. Silice - Proprietà, struttura, usi - Silice idrata ed Acidi del silicio Silicati - Classificazione - Proprietà e struttura

Silicio. Silice - Proprietà, struttura, usi - Silice idrata ed Acidi del silicio Silicati - Classificazione - Proprietà e struttura Silicio Silice - Proprietà, struttura, usi - Silice idrata ed Acidi del silicio Silicati - Classificazione - Proprietà e struttura Silice (SiO 2 ) La silice è un solido covalente. Esistono numerosi allotropi

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini Minerali, i, rocce, vulcani e terremoti ti secondo biennio n Copyright 2013 Italo Bovolenta editore s.r.l., Ferrara [5960] www.bovolentaeditore.it I diritti

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

La geologia nella pratica edilizia

La geologia nella pratica edilizia ALBERTO CLERICI - FRANCESCO SFRATATO La geologia nella pratica edilizia MATERIALI LAPIDEI: CARATTERISTICHE, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DURABILITÀ E PROCESSI DI DEGRADO Dario Flaccovio Editore Alberto Clerici

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Struttura della Terra Lo studio delle onde sismiche ha fatto ipotizzare agli scienziati che la Terra sia formata da :tre principali strati La crosta terrestre

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati

Capitolo 12. Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua. Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati Capitolo 12 Gestione delle analisi chimiche di acqua irrigua Copyright 1991-2007 A.D.M. srl Tutti i diritti riservati INSERIMENTO/MODIFICA ANALISI DELLE ACQUE Questa opzione consente di ottenere un giudizio

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli