I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente."

Transcript

1 ESPANSIONE I minerali Come tutti i solidi a composizione costante, ovvero formati da un unica sostanza, anche quelli che si rinvengono in natura assumono forme che esternamente rispecchia no, a volte in modo complesso, la disposizione spaziale delle particelle che li costituiscono. Tali solidi sono chiamati minerali: i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente. Un angolo diedro è la porzione di spazio compresa tra due semipiani (facce) aventi per origine la stessa retta (spigolo): esso costituisce in un certo senso l estensione allo spazio del concetto di angolo piano. Per comprendere appieno questa definizione, è necessario introdurre il concetto di cristallo: un cristallo è una porzione di materia solida omogenea, delimitata da facce perfettamente piane, che si intersecano in spigoli e vertici formando angoli diedri. 1. La struttura dei cristalli Proprietà dei cristalli: gli elementi di simmetria Prima di affrontare un esame, sia pure sintetico, degli aspetti cristallografici della mineralogia, è necessario premettere alcune definizioni sugli elementi di simmetria fondamentali di un cristallo: il centro di simmetria (C) è il punto che divide esattamente a metà tutte le rette che congiungono punti opposti equivalenti di un cristallo (Figura A); Figura A Il centro di simmetria di un cristallo. il piano di simmetria (P) è un piano che divide il cristallo in due parti perfettamente uguali, di cui una è l immagine speculare dell altra (Figura B); Figura B Un piano di simmetria. Espansione 2

2 l asse di simmetria (A) è una retta attorno a cui il cristallo può ruotare di un dato angolo, senza che la posizione finale (posizione di ricoprimento) sia distinguibile da quella iniziale. Un asse si dice binario, e si indica con A 2 o, quando nel descrivere un angolo giro attorno a sé stesso, il cristallo presenta solo due posizioni di ricoprimento; è invece ternario (A 3 o ), quaternario (A 4 o )o, rispettivamente, senario (A 6 o ) se, nel descrivere un angolo giro attorno a sé stesso, il cristallo presenta tre, quattro o, rispettivamente, sei posizioni di ricoprimento (Figura C). A 4 A 2 Figura C Un asse quaternario (A 4 ) e uno binario (A 2 ) in un cubo. Un cristallo può presentare un centro di simmetria (ma alcuni cristalli non lo hanno), uno o più piani di simmetria (ma non obbligatoriamente), uno o più assi di simmetria, anche di diverso ordine, oppure nessuno. Nella Figura D sono riportati gli assi di simmetria di un cubo: come si può vedere, si tratta di tre A 4, quattro A 3 e sei A Figura D In un cubo vi sono tre assi quaternari 1, quattro assi ternari 2 e sei assi binari 3. L insieme degli elementi di simmetria di un cristallo è chiamato grado di simmetria e viene indicato riassumendo i singoli elementi. Il grado di simmetria di un cubo può dunque essere sintetizzato come segue: 6 A 2 4 A 3 3 A 4 9 P C Tutte le forme cristalline caratterizzate dallo stesso grado di simmetria formano una classe cristallografica. Esistono 32 classi, compresa quella pediale, che non ha alcun elemento di simmetria, neanche il centro. Proprietà dei cristalli: assi e parametri cristallografici L elemento fondamentale a cui si ricorre per la descrizione di un cristallo sono gli assi cristallografici. Gli assi cristallografici di un cristallo sono tre rette aventi un punto comune (origene), scelte in modo da formare tra loro angoli uguali a quelli formati da tre spigoli del cristallo (in alcuni casi è opportuno scegliere un sistema a quattro assi). Espansione 3

3 Un asse cristallografico può coincidere con un asse di simmetria oppure essere parallelo o perpendicolare a uno di essi o agli spigoli delle facce del cristallo. In ogni caso, gli assi cristallografici sono scelti in modo da consentire la rappresentazione più semplice possibile del cristallo. Per un cubo, ad esempio, gli assi cristallografici sono quelli indicati nella Figura E e coincidono con gli assi di simmetria quaternari A 4. z c y a y x z b x Figura E Gli assi di simmetria, la faccia fondamentale e i parametri di un cubo. Un secondo elemento importante per la definizione di un cristallo è la sua faccia fondamentale. La faccia fondamentale di un cristallo è un piano che incontra tutti gli assi cristallografici, ossia non è parallelo a nessuno di essi. Dalla definizione segue che la faccia fondamentale di un cristallo non è quasi mai una delle sue facce fisiche. Le distanze dall origine dei punti nei quali il piano della faccia fondamentale taglia gli assi cristallografici si chiamano parametri. Nell esempio della Figura E essi sono costituiti dalle lunghezze dei segmenti a, b, c. Sistematica cristallografica: gruppi, sistemi, classi In un cristallo, oltre ai parametri della faccia fondamentale (a, b, c), sono importanti anche gli angoli (,, ) che gli assi cristallografici formano tra loro. Questi sei valori, assieme agli elementi di simmetria presenti, consentono di classificare i cristalli. In base ai valori dei parametri a, b, c è possibile distinguere i cristalli in tre gruppi: gruppo monometrico: tre parametri uguali (a b c); gruppo dimetrico: due parametri uguali, uno diverso (a b c); gruppo trimetrico: tre parametri diversi ( a b c). I gruppi si dividono in sistemi, in base al valore degli angoli,, e alla presenza di alcuni elementi di simmetria comuni. I sistemi sono in totale 7 e a loro volta si dividono nelle 32 classi cui si è già accennato, formate ciascuna da cristalli con lo stesso grado di simmetria (Tabella A). Espansione 4

4 Tabella A Classificazione dei cristalli Gruppo Sistema Costanti cristallografiche Simmetria caratteristica Poliedro fondamentale Classe Elementi di simmetria Esempio z esacisottaedrica 4 A 3 3 A 4 6 A 2 9 P C Salgemma monometrico cubico α = β = γ = 90 a = b = c x c=a b=a a 90 y 4 A 3 cubo esacistetraedrica pentagonoicositetraedrica diacisdodecaedrica 4 A 3 3 A 4 6 P Blenda 4 A 3 3 A 4 6 A 2 Cuprite 4 A 3 3 A 2 3 P C Pirite pentagonododecaedrico 4 A 3 3 A 2 Ullmannite esagonale a = b c α = γ = 90 β = 120 x a z c b=a y A 6 prisma esagonale + pinacoide basale bipiramidale diesagonale A 6 6 A 2 7 P C Berillo piramidale diesagonale A 6 6 P Wurtzite trapezoedrica esagonale A 6 6 A 2 -Quarzo bipiramidale esagonale A 6 P C Apatite piramidale esagonale A 6 Nefelina scalenoedrica ditrigonale A 3 3 A 2 3 P C Calcite dimetrico trigonale o romboedrico a = b = c α = γ = 90 β 90 x z c β a α b y γ A 3 romboedro bipiramidale ditrigonale 4 A 3 3 A 2 4 P Benitoite piramidale ditrigonale A 3 3 P Tormalina trapezoedrica trigonale A 3 3 A 2 -Quarzo bipiramidale trigonale A 3 P romboedrica trigonale A 3 C Dolomite piramidale trigonale A 3 bipiramidale ditetragonale A 4 4 A 2 5 P C Zircone tetragonale α = β = γ = 90 a = b c x z c b=a a 90 y A 4 prisma tetragonale + pinacoide basale scalenoedrica tetragonale A 4 2 A 2 2 P Calcopirite piramidale ditetragonale A 4 4 P Diaboleite trapezoedrica tetragonale A 4 4 A 2 Cristobalite bipiramidale tetragonale A 4 P C Scheelite bisfenoidale tetragonale A 4 Cahnite piramidale tetragonale A 4 Wulfenite rombico z c α = β = γ = b a b c a 90 x y 3 A 2 e/o P prismi rombici + pinacoidi bipiramidale rombica 3 A 2 3 P C Zolfo piramidale rombica A 2 2 P Emimorfite bisfenoidale rombica 3 A 2 Epsomite trimetrico monoclino triclino c α = γ 90 ; β 90 β b a b c α a γ x α β γ 90 a b c x z β a z c α γ b y y A 2 e/o P C o nessuna prismi monoclini + pinacoidi tre coppie di pinacoidi prismatica A 2 P C Ortoclasio domatica P Hilgardite sfenoidale A 2 Mesolite pinacoidale C Albite pediale Parahilgardite Espansione 5

5 Aspetti particolari: polimorfismo, isomorfismo e soluzioni solide Noti i sistemi cristallografici nei quali si classificano i vari minerali, è possibile ora esaminare una legge fondamentale, scoperta dall abate francese René Just Haüy ( ): legge della costanza della simmetria: le forme in cui può cristallizzare un dato minerale presentano tutte lo stesso grado di simmetria. Per esempio, la pirite, FeS 2, cristallizza in cubi (con facce striate in modo alternato e perciò con simmetria più bassa del cubo geometrico, diacisdodecaedrica ), ottaedri e rombododecaedri: forme dunque diverse, ma tutte con lo stesso grado di simmetria (Figura F). È possibile anche che forme diverse, ma con lo stesso grado di simmetria, si uniscano insieme per dare forme composte, come la galena che può presentare la forma ibrida proposta nella Figura G. Figura F Cristalli di pirite. Figura G Forme diverse, dotate dello stesso grado di simmetria, possono unirsi per dare forme composte. Non sempre però la legge della costanza della simmetria viene rispettata. Accade frequentemente che un minerale cristallizzi in classi appartenenti a differenti sistemi cristallografici, o addirittura a differenti gruppi, in funzione delle diverse condizioni di temperatura e pressione in cui si viene a formare. Tale fenomeno, noto con il nome di polimorfismo, potrà essere spiegato quando conosceremo maggiori particolari circa la struttura intima dei cristalli. Al contrario, alcuni minerali, pur essendo costituiti da specie chimiche differenti, assumono la stessa forma cristallina: tale caratteristica si chiama isomorfismo. Essi possono dare cristalli omogenei, nei quali variano in modo continuo le proporzioni dei componenti: si tratta di miscele omogenee e sono quindi delle soluzioni solide. Per esempio, la forsterite, Mg 2 SiO 4, e la fayalite, Fe 2 SiO 4, cristallizzano entrambe nel sistema rombico, ma in natura sono molto più frequenti le miscele dei due, sotto forma di cristalli omogenei. Queste miscele costituiscono un minerale, l olivina, la cui formula, (Fe,Mg)SiO 4, rispecchia la variabilità dei cationi metallici che contiene. La struttura intima dei cristalli: i reticoli cristallini Quanto si è visto finora descrive accuratamente la forma geometrica dei cristalli, ma niente dice circa la loro struttura interna. La ricerca della relazione tra la forma geometrica di un cristallo e la sua intima struttura interessò ben presto gli studiosi. Le prime osservazioni in merito si devono al già citato abate Haüy. Egli notò che un campione di calcite, rompendosi, produceva pezzetti che avevano tutti la forma di romboedri. Le facce, di ampiezza diversa da pezzo a pezzo, erano tutte parallele tra loro. Espansione 6

6 Analogamente, trovò che cristalli cubici di salgemma, NaCl, o galena, PbS, si rompevano in cristalli che mantenevano tutti gli stessi angoli. Nel 1780, l abate formulò un ipotesi secondo la quale tutti i cristalli erano costituiti dall impacchettamento di particelle, estremamente piccole, invisibili, che egli chiamò particelle integranti (Figura H). Figura H Haüy spiegò le forme solide della galena con l unione di piccolissimi cubi. Queste particelle, naturalmente, dovevano possedere la forma del cristallo di partenza. Così un cristallo di salgemma poteva considerarsi formato dalla sovrapposizione, nelle tre direzioni, di un numero enorme di piccolissimi cristalli cubici. L idea di una materia costituita di particelle integranti concatenate senza soluzione di continuità diventò sempre meno credibile con il progredire della teoria atomica, che considerava l atomo come costituente di base della materia. Nel 1848, il fisico e mineralogista francese Auguste Bravais ( ) avanzò l ipotesi che i cristalli fossero formati da sistemi di punti materiali, disposti nello spazio in modo da formare un reticolo a tre dimensioni a maglie parallelepipede (Figura I). Figura I Un cristallo, secondo Bravais, è dato dall insieme di tanti punti materiali. Bravais, sulla base di considerazioni geometriche, riuscì a dimostrare che tutte le strutture note si potevano ricondurre a un numero limitato di schemi. Tutte le forme cristalline si potevano ricostruire mediante 14 schemi, sette dei quali, detti reticoli semplici fondamentali, corrispondevano esattamente ai poliedri fondamentali dei sette sistemi cristallografici già noti. I punti materiali di Bravais sono atomi, ioni o molecole. La struttura omogenea e periodica dei cristalli venne dimostrata dal fisico tedesco Max Theodor Felix von Laue ( ) nel 1912 con l uso dei raggi X. Espansione 7

7 Un fascio parallelo di raggi X, inviato su una sottile lamina di blenda, ZnS, la attraversa e impressiona una lastra fotografica. Su di essa, si rileva una serie di macchie disposte in modo regolare, dovute alle diffrazioni prodotte dagli ioni del cristallo sul fascio di raggi X. Lo studio delle macchie, molto complesso, consente di determinare la classe di simmetria del cristallo, la posizione reciproca delle particelle che lo formano e le distanze che le separano. L esperienza di Von Laue offrì dunque la possibilità di vedere per la prima volta il reticolo cristallino di un solido (Figura L). Figura L La diffrazione dei raggi X consentì a Von Laue di mettere in evidenza il rigoroso ordine interno dei cristalli. 2. Caratteristiche dei minerali: proprietà vettoriali e scalari Figura M Calcite. La forma dei minerali, come si è detto, riflette quella dei cristalli che li compongono. Essa, però, non è sempre facilmente individuabile (come nel caso di un frammento o di un aggregato di cristalli molto piccoli). Per riconoscerli, quindi, oltre che su di essa ci si basa sull analisi di alcune proprietà fisiche caratteristiche. Alcune proprietà, definite proprietà vettoriali, a causa della struttura a reticolo dei cristalli, assumono valori diversi secondo la direzione lungo la quale vengono misurate. Questa caratteristica, tipica dei cristalli, è detta anisotropia. Mentre per i solidi cristallini c è sempre almeno una proprietà anisotropa, per quelli amorfi può non essercene nessuna. Le proprietà vettoriali dei minerali possono essere relative alla coesione (durezza, sfaldatura), al calore (dilatazione), all elettricità (conducibilità elettrica, piezoelettricità), alla luce (colore, lucentezza, rifrazione, polarizzazione della luce). La durezza indica la resistenza di un minerale all abrasione o alla scalfittura e dipende dalla forza dei legami chimici presenti. Per la misurazione convenzionale di tale proprietà si utilizza la scala di Mohs. Essa fa riferimento a dieci minerali, ciascuno dei quali può scalfire le facce del minerale che lo precede nella scala, ma viene scalfito dal minerale che lo segue. La Tabella B riporta l ordine dei dieci minerali. Pur essendo certamente approssimativa, essa è ancora di grande utilità pratica. Il talco, primo nella scala, che può essere facilmente scalfito con un unghia, è inciso da un pezzo di gesso; il gesso, a sua volta, è scalfito dalla calcite (Figura M), e così via. La durezza di un minerale è espressa dal Espansione 8

8 numero che si ottiene confrontando il campione in esame con i riferimenti della scala di Mohs. Per esempio, per verificare se una pietra preziosa è autentica o falsa si determina la sua durezza, che in genere supera il sei. La sfaldatura è la caratteristica che hanno Tabella B La scala di Mohs molti minerali di rompersi per urto, formando blocchi che presentano superfici piane e Minerale Formula Durezza attribuita parallele per una o per più facce dell abito talco Mg 3 (OH) 2 Si 4 O 10 1 gesso CaSO cristallino; anch essa dipende dalla forza 4? 2 H 2 O 2 calcite CaCO dei legami tra gli atomi, che possono essere 3 3 fluorite CaF 2 4 di intensità differente a seconda dei diversi piani. Per esempio, se i piani, formati da apatite Ca 5 [(OH,F,Cl)(PO 4 ) 3 ] 5 ortoclasio KAlSi 3 O 8 6 legami covalenti, sono tenuti insieme da quarzo SiO 2 7 legami deboli come le forze di Van der Waals, si ha una sfaldatura molto facile in una topazio Al 2 F 2 SiO 4 8 corindone Al 2 O 3 9 direzione, ma una notevole resistenza nella diamante C 10 direzione a essa perpendicolare. È il caso delle miche, che sembrano formate da tanti fogli sovrapposti. Nel quarzo (Figura N), invece, i legami sono molto forti in tutte le direzioni del reticolo e quindi il quarzo non si sfalda, ma si frantuma in frammenti assai irregolari, di aspetto scheggioso o curvilineo (superfici concoidi). La dilatazione termica è una conseguenza dell aumento di temperatura. Nei cristalli dimetrici, come il quarzo, la dilatazione non è uniforme in tutte le direzioni: pertanto una sfera di quarzo per riscaldamento può diventare un ellissoide. La lucentezza misura l intensità della luce riflessa dalle facce di un cristallo. Si può distinguere la lucentezza metallica, tipica delle sostanze che riflettono totalmente la luce e risultano pertanto opache, da quella non-metallica, caratteristica dei corpi trasparenti. Questi ultimi possono presentare vari tipi di lucentezza: adamantina, resinosa, vitrea, grassa, madreperlacea ecc. (Figura O). Il colore è certamente una proprietà di facile valutazione, ma questo non depone per l identificazione certa di un minerale. Infatti, se molti minerali come la malachite, verde, o il lapislazzulo, turchino, sono sempre dello stesso colore, altri modificano il loro colore e le tonalità di quest ultimo a seconda delle impurità chimiche rimaste incluse all epoca della loro formazione. Così il corindone è incolore se puro, ma può essere rosso a causa della presenza di cromo (rubino) oppure blu per la presenza di tracce di titanio o ferro (zaffiro). Con la tecnica dello striscio, cioè polverizzando il minerale su un frammento di porcellana ruvida, se ne può osservare meglio il colore; infatti, la polvere mostra il colore caratteristico del minerale, anche se il campione di partenza presentava sfumature diverse. All opposto, due minerali apparentemente uguali possono dare strisce di colore diverso. Per esempio, l ematite, la magnetite e la goethite (Figura P) possono presentarsi come cristalli neri, ma con la tecnica della polverizzazione l ematite ha un colore tendente al rosso, la magnetite risulta nera, mentre la goethite è giallo-bruna. Quando un raggio di luce attraversando un minerale viene rifratto, la determinazione dell angolo di incidenza e di quello di rifrazione Figura N Biotite (mica) e quarzo. Figura O Fluorite e sfalerite. Espansione 9

9 consente il calcolo dell indice di rifrazione, caratteristico di un dato materiale (Figura Q). i aria superficie di separazione corpo trasparente r Figura Q Riffrazione di un raggio luminoso: i > r. Figura P Ematite, goethite, magnetite. 1 ordinario straordinario La deviazione di un raggio di luce si manifesta quando questo passa dall aria in un mezzo trasparente di diversa densità, come un cristallo non opaco. Rispetto a questa proprietà i cristalli non monometrici sono anisotropi. Il fenomeno della birifrangenza, presentato dalla calcite, dimetrica, si verifica quando un raggio di luce, nell attraversare un cristallo, si sdoppia dando una doppia immagine. Per verificare questo fenomeno, molti cristalli richiedono di operare con strati di materiale molto sottili (Figure R). La luce può essere considerata come un insieme di onde che vibrano in tutti i piani perpendicolari alla sua direzione di propagazione. Esistono sostanze (la tormalina, la calcite opportunamente tagliata, il polaroid) che consentono il passaggio soltanto di onde oscillanti in un determinato piano: in tal caso la luce si dice luce polarizzata (Figura S). Molti minerali, non monometrici, ridotti in lamine sottili al punto da essere trasparenti, se osservati in luce polarizzata manifestano un colore (colore di interferenza) che dipende dal loro indice di rifrazione e dalla loro orientazione rispetto al piano di polarizzazione Figura S Mentre la luce ordinaria è costituita da onde che vibrano su infiniti piani (a), in quella polarizzata (b) vi è un unico piano di vibrazione. 2 Figura R La birifrangenza è un fenomeno in virtù del quale un raggio luminoso viene sdoppiato 1. È molto marcata nella calcite 2. Espansione 10

10 della luce. Tali osservazioni sono spesso utili per l identificazione di un minerale. La conducibilità elettrica può essere più o meno significativa per i diversi minerali: basti pensare all argento, al rame e all oro. Anche in questo caso, peraltro, si tratta di una proprietà anisotropa e la differenza di conducibilità nelle diverse direzioni dello stesso cristallo non monometrico è talvolta molto forte. Nell ematite, trigonale, la conducibilità elettrica nelle direzioni normali all asse ternario ha un valore quasi doppio di quello che presenta nella direzione dell asse stesso. Se si esercita una certa pressione, in una direzione ben precisa, su un cristallo di quarzo, si produce una separazione di cariche elettriche: questa proprietà è detta piezoelettricità. Gli accendini piezoelettrici funzionano appunto esercitando una pressione meccanica su un cristallo di quarzo, che trasmette, in conseguenza della separazione di cariche, una differenza di potenziale a due elettrodi a esso collegati. La scarica elettrica che si genera per pressione è dovuta appunto alla ddp accumulata. Ma esiste anche il caso opposto: l impulso elettrico generato da una pila fa vibrare cristalli di quarzo (circa volte al secondo) che fungono da motore regolare negli orologi (Figura T). Altre proprietà, come per esempio il punto di fusione e la densità, sono invece scalari, ossia non dipendono dalla direzione della misura, che viene espressa da un semplice numero, specificando le unità di misura usate. Il punto di fusione viene determinato secondo le procedure note, ma anche un altra proprietà a esso collegata è importante per gli utilizzi industriali di un minerale. Si tratta della fusibilità. Essa non è ben definibile, poiché dipende, oltre che dal punto di fusione, anche dalla capacità di un minerale di trasmettere o disperdere il calore nelle varie direzioni. A tale scopo è stata costruita dal mineralogista tedesco F. von Kobell una scala di valore empirico che utilizza come riferimento sette minerali con diversi comportamenti (Tabella C). In base al comportamento al cannello ferruminatorio di una scheggia di minerale incognito, confrontando i comportamenti descritti nella scala, si può determinare la fusibilità del minerale e, solo in certi casi, avere un idea molto approssimativa del punto di fusione. Tabella C La scala di von Kobell Figura T Accendino piezoelettrico e orologio. Minerale Punto di fusione ( C) Comportamento al cannello antimonite circa 525 fonde con estrema facilità anche alla fiamma di un cerino natrolite circa 800 fonde facilmente in una sferetta almandino circa 1050 fonde abbastanza facilmente actinolite circa 1200 fonde non troppo facilmente con formazione di una sferetta all estremità di aghi sottili ortoclasio circa 1300 fonde solo sugli orli delle schegge sottili bronzite circa 1400 presenta solo tracce di arrotondamento per fusione sugli orli delle schegge più fini quarzo circa 1700 infusibile Un altra caratteristica utile all identificazione di un minerale è la misura della sua densità, che dipende dagli elementi che lo costituiscono e dalla struttura stessa del reticolo. Espansione 11

11 3. Classificazione chimica dei minerali La classificazione chimica dei minerali cui si ricorre più frequentemente si deve a H. Strunz, che la propose per la prima volta nel Il suo ultimo aggiornamento, del 1970, divide le specie minerali conosciute, che sono circa duemila, in nove classi. I. Elementi nativi. Comprende i minerali costituiti da un metallo (oro, argento, rame) o da un non-metallo (zolfo, carbonio nelle varietà di diamante o di grafite). A questa classe appartengono anche leghe naturali come l elettro (lega di oro e argento) e le leghe ferro-nichel di origine meteoritica. II. Solfuri. Appartengono a questa classe la blenda (ZnS), la galena (PbS), la pirite (FeS 2 ) e il cinabro (HgS); in questo gruppo sono compresi anche gli arseniuri, come la niccolite (NiAs). III. Alogenuri. I più noti sono il salgemma (NaCl), la fluorite (CaF 2 ) e la criolite (Na 3 AlF 6 ). IV. Ossidi e idrossidi. Tra essi ricordiamo l ematite (Fe 2 O 3 ), la magnetite (Fe O 4 ), la limonite (Fe 2 O 3? H 2 O), il quarzo (SiO 2 ), il corindone (Al 2 O 3 ) e le sue varietà trasparenti e colorate, rubino e zaffiro, di grande valore economico, e la brucite (Mg(OH) 2 ). V. Nitrati, carbonati e borati. Ricordiamo la siderite (FeCO 3 ), la calcite (CaCO 3 ), la rodocrosite (MnCO 3 ), la dolomite (CaMg(CO 3 ) 2 ), il borace (Na 2 [B 4 O 5 (OH) 4 ]? 8 H 2 O) e la nitronatrite (NaNO 3 ). VI. Solfati, cromati, wolframati e molibdati. Vi appartengono la barite (BaSO4), il gesso (CaSO 4? 2 H 2 O), la wulfenite (PbMoO 4 ), la scheelite (CaWO 4 ) e la crocoite (PbCrO 4 ). VII. Fosfati, arseniati e vanadiati. Vi appartengono la vivianite (Fe 3 (PO 4 ) 2? 8 H 2 O), l apatite (Ca 5 [(OH,F,Cl)(PO 4 ) 3 ]), la vanadinite (Pb 5 [Cl(VO 4 ) 3 ]), l eritrina (Co 3 (AsO 4 ) 2? 8 H 2 O) e il turchese (CuAl 6 [(OH) 8 PO 4 ] 4? 4 H 2 O). VIII. Silicati. La classe comprende circa cinquecento specie ed è quindi la più ricca; di conseguenza è opportuno uno studio a parte nel prossimo paragrafo. IX. Minerali organici. Sono in tutto una ventina di composti, di cui il più noto da millenni è l ambra, una resina fossile originata da alberi vissuti da 30 a 100 milioni di anni fa. Per la sua composizione chimica variabile, non dovrebbe essere annoverata tra i minerali, ma vi è inclusa per l interesse gemmologico (Figura U). Figura U Quarzo, ambra, argento, oro e pirite. Espansione 12

12 Qualcosa in più I cristalli liquidi Verso la fine del XIX secolo venne individuato un gruppo di sostanze che presentava uno stato intermedio (mesofase) tra solido e liquido, delimitato da valori ben definiti di temperatura. Si scoprì che la mesofase, di consistenza liquida ma molto viscosa e non trasparente, manteneva alcune proprietà ottiche ed elettriche dei solidi. Per questi motivi per essa si coniò il termine cristallo liquido. Le prime applicazioni pratiche dei cristalli liquidi vennero attuate verso il 1960, quando si trovò il modo di sfruttarne le interazioni con un campo elettrico. Si ottennero così i visualizzatori a cristalli liquidi (Liquid Crystal Displays, LCD), che hanno velocemente rimpiazzato i display a emissione di luce (Light Emitting Diode, LED) nelle calcolatrici e negli orologi digitali. Una sostanza che dia luogo alla fase di cristallo liquido è quasi sempre formata da molecole a forma di barretta allungata che riescono a stabilire legami secondari soprattutto lateralmente al loro asse. Nella fase solida esse si dispongono parallelamente e sono distribuite in piani ma, con l aumento della temperatura, i singoli piani possono scivolare l uno rispetto all altro: è la mesofase smettica. Un ulteriore aumento della temperatura consente il passaggio alla mesofase nematica in cui, pur non esistendo più i piani, le molecole si mantengono parallele tra di loro. Gli LCD sfruttano la capacità delle molecole della mesofase nematica di polarizzare la luce secondo la propria direzione di allineamento. Inoltre, in presenza di un campo elettrico, le molecole si dispongono in accordo alle sue linee di forza. Un display a cristalli liquidi è costituito nell ordine da: 1. un filtro polarizzatore; 2. una cella con il cristallo liquido confinato entro due sottili lastre di vetro contenenti all interno due elettrodi trasparenti sagomati come le cifre che devono riprodurre; luce uscente riflessa fase solida mesofase smettica mesofase nematica mesofase colesterica 3. un filtro polarizzatore perpendicolare a quello iniziale; 4. una superficie riflettente. La luce ambiente, polarizzata da [1], passa alla cella a cristallo liquido. In essa la mesofase nematica è distorta da scanalature microscopiche presenti nelle facce interne delle lastre di vetro. I piani distorti costringono la luce polarizzata a subire una rotazione di 90. La luce esce da [3] e, dopo essere stata riflessa da [4], percorre a ritroso il cammino riemergendo dal visore: la luce ambientale viene restituita e il visore appare di un grigio chiaro. Se gli elettrodi in [2] sono sotto tensione, tutte le molecole tra essi presenti sono parallele e non possono ruotare il piano della luce polarizzata che viene così assorbita: la zona appare scura poiché non è in grado di riflettere la luce ambiente. Alcune sostanze presentano una mesofase in cui si ha una struttura a strati nei quali le molecole hanno una disposizione nematica ma, da uno strato all altro, c è una leggera rotazione delle direzioni di allineamento. Nell insieme si viene a formare una struttura elicoidale in cui il passo della spirale è molto sensibile alla temperatura e alla pressione: al cambiare della temperatura il cristallo liquido cambia colore. Poiché tale situazione è presentata da molti derivati del colesterolo, ci si riferisce ad essa come mesofase colesterica. Utilizzi semplici per i cristalli liquidi in mesofase colesterica si hanno nei termometri a contatto, dove se ne sfrutta la capacità di cambiare il passo e quindi il colore a seconda della temperatura. zona priva di collegamento elettrico: riflette la luce fase liquida luce entrante [1] polarizzatore verticale [2] cella a cristallo nematico [3] polarizzatore orizzontale [4] specchio zona sotto tensione: assorbe la luce Espansione 13

13 Figura V Il gruppo SiO 4 4 di base dei silicati. SiO I silicati I silicati formano il materiale solido più diffuso sulla Terra: costituiscono circa l 80% della litosfera. La loro classificazione fu tentata inizialmente ricorrendo a criteri esclusivamente chimici, mediante l utilizzo anche di ipotetici acidi silicici, la cui esistenza non è mai stata dimostrata. Il ricorso ai raggi X ne ha invece permesso una più corretta classificazione, individuando nel tetraedro SiO 4 4 l unità strutturale fondamentale (Figura V). Tra silicio e ossigeno esistono dei forti legami covalenti e i tetraedri che ne risultano possono presentarsi isolati, oppure legati tra loro attraverso gli atomi di ossigeno formando catene, anelli, piani o strutture tridimensionali. I silicati si suddividono nelle seguenti sottoclassi (Tabella D). Nesosilicati. Il nome significa silicati a isole per indicare che i tetraedri di base sono indipendenti l uno dall altro e tenuti legati, per mezzo dei loro cationi metallici, con interazioni a volte ioniche, a volte covalenti polari. Caratteristica di questa sottoclasse è l olivina. Il topazio, i vari tipi di granati e lo zircone (ZrSiO 4 ) appartengono anch essi ai silicati a tetraedri isolati. Sorosilicati. Sono caratterizzati dalla presenza di due tetraedri uniti mediante un ossigeno con il quale formano il gruppo Si 2 O 6 7. Un sorosilicato è la calamina (Zn 4 [(OH) 2 Si 2 O 7 ]? H 2 O) e tutto il gruppo degli epidoti. Ciclosilicati. Sono costituiti da anelli di tre tetraedri, come nella benitoite (Ba,Ti(Si 3 O 9 )), o quattro come nell axinite (Ca/Fe,Mn)Al 2 [BO 3 OHSi 4 O 12 ]) o sei come nel berillo (Al 2 Be 3 (Si 6 O 18 )), le cui varietà trasparenti e colorate (acquamarina, eliodoro, morganite e soprattutto lo smeraldo) sono molto apprezzate in gemmologia. Anche la tormalina (Na(Mg,Fe) 3 Al 6 [(OH)/BO 3 ) 3 Si 6 O 18 ]) appartiene a questa sottoclasse. Inosilicati. In essi i tetraedri sono uniti a formare catene semplici (pirosseni) oppure doppie (anfiboli). Nel primo caso due ossigeni di ciascun tetraedro servono come unione con gli altri tetraedri, mentre gli altri due portano una carica ciascuno: l unità strutturale è Si 2 O 4 6, come nel diopside (CaMg(Si 2 O 6 )). Quando due catene semplici si uniscono per formare la doppia catena anfibolica, l unità strutturale è Si 4 O4 11 come nel glaucofane e nell antofillite (Mg,Fe) 7 [OHSi 4 O 11 ] 2 Fillosilicati. I tetraedri sono raggruppati in strati paralleli formati dal ripetersi di gruppi Si 2 O 2 5, in ciascuno dei quali quattro atomi di ossigeno fungono da ponte con gli altri gruppi. Spesso però la struttura è complicata dalla presenza di atomi di alluminio che sostituiscono parzialmente quelli di silicio. Vi appartengono minerali che Tabella D Classificazione dei silicati Nesosilicati Sorosilicati Ciclosilicati Inosilicati Fillosilicati Tettosilicati SiO 4 4 Si 2 O 6 4 Si 4 O 11 6 Si 2 O 5 2 Si 2 O 7 6 Si 3 O 9 6 Si 4 O 12 8 Si 6 O12 18 Espansione 14

14 si sfaldano facilmente come il talco (Mg 3 (OH) 2 Si 4 O 10 ), la biotite, la muscovite (KAl 2 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]), tutte le miche in genere. Anche l amianto fa parte dei fillosilicati. Tettosilicati. I tetraedri sono uniti tra loro attraverso gli atomi di ossigeno, dando luogo a strutture tridimensionali, complicate dalla già citata sostituzione di silicio con alluminio e talvolta con boro. Nelle gabbie dei tetraedri che, grazie alle sostituzioni, presentano ossigeni con cariche libere, possono essere trattenuti ioni metallici diversi. Leucite (K[AlSi 2 O 6 ]), albite (Na[AlSi 3 O 8 ]), ortoclasio (K[AlSi ]) e tutti i feldspati sono i minerali più importanti. Si deve infine sottolineare che strutturalmente anche il quarzo è un tettosilicato e anzi è l unico che non presenti atomi di silicio sostituiti. 4. Le rocce: aggregati misti di minerali Confrariamente ai minerali che sono composti chimici uniformi rappresentabili con una formula, una roccia invece non ha una precisa definizione chimica. La roccia è un aggregato, solitamente compatto, di diversi minerali, in forma cristallina o amorfa, formato da masse p)ù o meno grandi e ben individuabili. In altri termini, possiamo descrivere i minerali presenti in una roccia e le loro proporzioni, ma non possiamo scrivere una formula complessiva che la rappresenti. Le rocce, in genere, sono quindi eterogenee, costituite cioè da più specie minerali, come il granito (quarzo, feldspati, ortoclasio, mica), ma possono essere anche omogenee se formate da un solo minerale, come un calcare o una massa di salgemma. Anche nelle rocce omogenee, tuttavia, sono presenti tracce di altre sostanze che le rendono, dal punto di vista chimico, non uniformi. Le rocce che costituiscono la crosta terrestre si possono suddividere in tre grandi gruppi: le rocce magmatiche (o ignee), le rocce metamorfiche e le rocce sedimentarie. Ognuno di questi gruppi si distingue in base ai processi che hanno portato alla loro formazione, per cui possiamo parlare di tre grandi processi litogenetici (Figura Z). Il processo magmatico prende inizio dalla presenza di una massa fusa o magma, che si può trovare a diverse condizioni di pressione. Il raffreddamento di questo magma porta a una progressiva cristallizzazione e, quindi, alla formazione di aggregati di minerali che costituiscono le rocce magmatiche. Sommariamente si possono distinguere le rocce magmatiche in effusive e intrusive. Le prime sono dovute a un rapido abbassamento di temperatura del magma e, di conseguenza, sono caratterizzate da pochi ammassi cristallini e dalla presenza di pasta vetrosa (porfido, basalti, ossidiana, pomice); sono tipiche delle eruzioni vulcaniche. Le seconde invece hanno subito un lento raffreddamento all interno della crosta terrestre e hanno avuto tutto il tempo di formare aggregati omogenei di dimensioni più o meno grandi, spesso ben distinguibili a occhio nudo, come nel caso dei graniti; alla formazione di queste rocce contribuiscono anche i gas contenuti nella massa fusa e la forte pressione esercitata dalle rocce sovrastanti. Il processo metamorfico è caratterizzato dalla trasformazione che avviene allo stato solido o semisolido, di rocce preesistenti, cioè senza la fusione dei materiali. Gioca un ruolo fondamentale la pressione esercitata dalle masse circostanti sulla roccia che si va trasformando la quale, pur mantenendo la stessa composizione chimica iniziale, cambia più o meno radicalmente la sua struttura, come nel caso Espansione 15

15 Figura Z Il ciclo litogenetico. dei marmi o dei serpentini o, ancora, degli gneiss. Il processo può coinvolgere grandi masse rocciose, come nella deriva dei continenti, o piccole aree, come nelle zone a stretto contatto dei camini vulcanici. Infine il processo sedimentario consiste nell erosione e nell alterazione di rocce che, affiorando in superficie, sono soggette agli agenti esogeni quali l acqua, il ghiaccio, il vento o il clima in generale. I frammenti erosi vengono trasportati e accumulati in nuove masse che, nel tempo, con l azione di pressioni moderate, o con l avvento di nuove sostanze cementanti, si trasformano in rocce sedimentarie. Possono essere di tipo clastico (frammenti di varie dimensioni: arenarie, argille), di tipo organogeno (di origine animale o vegetale: calcari fossili, carbone, atolli corallini) o di tipo chimico (dovuti a precipitazione o evaporazione dell acqua: travertino, alabastro e i noduli manganesiferi dei fondali oceanici). Non considerando l aspetto esteriore della Terra, coperta prevalentemente dagli oceani e da manto vegetale, si può dire che prevalgono nella crosta terrestre le rocce magmatiche, seguite dalle metamorfiche e, in piccola percentuale, dalle rocce sedimentarie. A prima vista le rocce sembrano immutabili, ma nel corso del tempo esse subiscono molte trasformazioni. Il movimento della crosta gioca un ruolo fondamentale facendo affiorare nuovi materiali, permettendo la rifusione di altri e comprimendo nel contempo grandi masse rocciose. In superficie poi gli agenti esogeni partecipano a questo ciclo che dura da miliardi di anni. gas rocce magmatiche effusive alterazione erosione trasporto sedimenti accumulo rocce magmatiche intrusive rocce metamorfiche riscaldamento compattazione e cementazione intrusione magma e sollevamento sollevamento fusione riscaldamento deformazione rocce sedimentarie Espansione 16

16 Verifiche Conoscenze 1. Si definisce minerale un solido cristallino di origine organica. 2. Una classe cristallografica è costituita da forme che hanno lo stesso grado di simmetria. V F V F 3. Il polimorfismo non rispetta la legge della costanza della simmetria. V F 4. Se un minerale cristallizza in diverse forme, esse appartengono sempre a classi diverse. 5. Nei ciclosilicati si riscontrano anelli costituiti dall unione di 3, 4, 5 e 6 tetraedri. V F V F 6. Le classi cristallografiche sono: a. 3 b. 7 c. 32 d. infinite 7. Tutti i cristalli del gruppo trimetrico sono caratterizzati da: a. a = b c b. a b c c. d. = = 90 = Tutte le classi del sistema trigonale hanno in comune: a. A 3 b. 3 A 3 c. C d. A 2 9. Quale tra le seguenti associazioni è corretta? a. fillosilicati catene semplici o doppie b. ciclosilicati tetraedri in strati paralleli c. nesosilicati tetraedri indipendenti d. inosilicati anelli a tre o quattro tetraedri 10. La sfaldatura di un minerale è una proprietà: a. scalare, perché dipende dalla direzione di misurazione b. scalare, perché non dipende dalla direzione di misurazione c. vettoriale, perché dipende dalla direzione di misurazione d. vettoriale, perché non dipende dalla direzione di misurazione Abilità 11. Un asse che produca una sola posizione di ricoprimento: a. è un asse di simmetria binario b. è un asse di simmetria ternario c. è un asse di simmetria quaternario d. non è un asse di simmetria 12. Quale dei seguenti oggetti NON ha il centro di simmetria? a. una sfera b. una bottiglia c. un tubo d. un viso 13. Un minerale si presenta a volte in cubi e a volte in ottaedri. Ciò significa che è: a. polimorfo b. isomorfo c. ha entrambe le caratteristiche precedenti d. non ha nessuna delle caratteristiche precedenti 14. L anglesite ha formula PbSO 4. Secondo la classificazione chimica a quale classe appartiene? a. IV b. V c. VI d. VII 15. Nella scala di Mohs, la durezza della calcite e dell apatite vale rispettivamente 3 e 5. Ciò significa che l apatite: a. è 2 volte più dura della calcite b. ha durezza 5/3 rispetto a quella della calcite c. è 100 volte più dura della calcite d. è in grado di scalfire la calcite 16. Quale delle seguenti sostanze, pur essendo considerata un minerale, NON ne rispetta la definizione? a. quarzo b. ambra c. pirite d. blenda Prova a esporre 17. Indica in base a quali criteri un cristallo può essere assegnato a una classe, a un sistema e a un gruppo. 18. Considera un prisma a base esagonale e determinane tutti gli elementi di simmetria. 19. Perché il quarzo, che chimicamente è un ossido, viene classificato fra i tettosilicati? 20. La grossularia, quando è in cristalli limpidi e di un bel colore, è utilizzata come gemma di buona qualità. La sua formula è Ca 3 Al 2 [SiO 4 ] 3 : come è classificabile chimicamente? 21. Quali tipi di rocce si formano per l azione degli agenti atmosferici? Soluzioni delle verifiche Conoscenze 1. F; 2. V; 3. V; 4. F; 5. V; 6. c.; 7. b.; 8. a.; 9. c.; 10. c. Abilità 11. d.; 12. d.; 13. a.; 14. c.; 15. d.; 16. b. Espansione 17 17

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite.

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite. CENNI DI MINERALOGIA La parte solida della Terra e dei corpi planetari di tipo terrestre accessibili all uomo (meteoriti, rocce lunari) è formata da 88 elementi che si ritrovano in circa 2000 combinazioni

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009 Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO I minerali 09 ottobre 2009 Elisabetta Demattio Responsabile attività educative Museo Geologico delle Dolomiti - Predazzo 1 I MINERALI Museo Geologico

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI Prof. Mario Tribaudino Dipartimento di Scienze della Terra Università di Parma Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI I Minerali Mineralogia: disciplina delle Scienze

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio.

Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio. Solidi cristallini. I solidi cristallini sono caratterizzati da una distribuzione regolare delle particelle nello spazio. Il modo in cui le particelle costituenti il cristallo sono disposti nello spazio

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05 I tipi di fibre [1] riscontrabili in atmosfera si dividono in due grandi categorie quelle Naturali e quelle Sintetiche (artificiali). Entrambe queste categorie sono a loro volte distinguibili in organiche

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno 3 - LA CHIMICA DEL SILICIO 3.1 - Il legame silicio - ossigeno Il silicio e l ossigeno costituiscono insieme il 74 % della massa e quasi il 95 % del volume della litosfera. Il silicio ha numero atomico

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

Prof.ssa Annabella De Vito ITG "Rondani" Parma

Prof.ssa Annabella De Vito ITG Rondani Parma I minerali topazio apatite Sono sostanze naturali, in quanto si formano attraverso fenomeni chimico-fisico che avvengono in natura Sono sostanze solide, poichéposseggono forma e volume proprio Sono sostanze

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

XI!EDIZIONE!SCIENZAFIRENZE! Firenze,!10!!11!aprile!2014,!Polo!delle!Scienze!Sociali!dell Università!di!Firenze!

XI!EDIZIONE!SCIENZAFIRENZE! Firenze,!10!!11!aprile!2014,!Polo!delle!Scienze!Sociali!dell Università!di!Firenze! !!! XI!EDIZIONE!SCIENZAFIRENZE! Firenze,!10!!11!aprile!2014,!Polo!delle!Scienze!Sociali!dell Università!di!Firenze!! MICRO!&!MACRO! DUE!APPROCCI!ALLA!VARIETÀ!DEI!FENOMENI!NATURALI! La!dimensione!sperimentale!nello!studio!delle!scienze!!

Dettagli

OSSERVIAMO I CRISTALLI

OSSERVIAMO I CRISTALLI OSSERVIAMO I CRISTALLI PREREQUISITI 1.conoscere la struttura della materia: elementi, molecole, 2.conoscere la struttura molecolare di un corpo solido, 3.conoscere i miscugli omogenei. 6.1. ATTIVITÀ Osservazione

Dettagli

CORSO GEMME DI COLORE

CORSO GEMME DI COLORE CORSO GEMME DI COLORE WWW.ACCADEMIAORAFAITALIANA.IT CORSO GEMME DI COLORE Il corso tratta tutti gli aspetti gemmologici relativi alle gemme di colore, loro imitazioni, trattamenti e sintesi. E previsto

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Gli stati fisici condensati: stato liquido e stato solido

Gli stati fisici condensati: stato liquido e stato solido 1 Espansione 1.3 Gli stati fisici condensati: stato liquido e stato solido Secondo la teoria particellare della materia ogni corpo è costituito da particelle (atomi, molecole o ioni) unite tra loro, in

Dettagli

Corso con Certificazione I.G.I.

Corso con Certificazione I.G.I. Corso con Certificazione I.G.I. CORSO GLOBALE DI ANALISI GEMMOLOGICA SULLE GEMME DI COLORE Il corso tratta tutti gli aspetti gemmologici relativi alle gemme di colore, loro imitazioni, trattamenti e sintesi.

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

Cap. 2 - Strutture cristalline.

Cap. 2 - Strutture cristalline. Cap. 2 - Strutture cristalline. Lo studio delle proprietà fisiche dei solidi è iniziato nei primi anni del '900 grazie alla scoperta della diffrazione X da parte dei cristalli. Lo studio delle proprietà

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 1 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Sassi, rocce e minerali

Sassi, rocce e minerali SCIENZE La Terra Osservare i sassi, studiarne la forma, il colore, la durezza, la texture significa entrare in relazione con la storia della Terra: i sassi portano con loro la memoria e i segni del tempo.

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Guida al Corso di. Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio

Guida al Corso di. Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio Guida al Corso di Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio (Lezioni dettate dal Prof. Antonino Lo Giudice) * Anno Accademico 2009-10 * Alcune delle figure presenti nel testo sono state tratte

Dettagli

PIGMENTI E COLORANTI

PIGMENTI E COLORANTI I materiali colorati utilizzati per realizzare un film pittorico vengono definiti pigmenti e sono ben differenziati dai coloranti. I pigmenti sono costituti da polveri più o meno fini, colorate, insolubili

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

Materiali per le mole abrasive

Materiali per le mole abrasive Materiali per le mole abrasive Le mole abrasive possono essere costruite con diversi materiali in funzione degli impieghi a cui sono destinate. I più comuni materiali sono: L ossido di alluminio Il carburo

Dettagli

2.1 CAPITOLO 2 I RAGGI E LE LORO PROPRIETÀ

2.1 CAPITOLO 2 I RAGGI E LE LORO PROPRIETÀ 2.1 CAPITOLO 2 I RAGGI E LE LORO PROPRIETÀ 2.2 Riflettendo sulla sensazione di calore che proviamo quando siamo esposti ad un intensa sorgente luminosa, ad esempio il Sole, è naturale pensare alla luce

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Miniera di Pirite a Gavorrano (Gr) vuoto di coltivazione anni 60 Anno 3 - n 9 (Luglio/Settembre 2006) II Edizione Gruppo Mineralogico "AUSER" SOMMARIO

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà dei MATERIALI in quanto li descrive singolarmente nel capitolo del materiale trattato; ma io ritengo sia un argomento comune a tutti

Dettagli

L'ATTIVITA' OTTICA DEI COMPOSTI CHIRALI

L'ATTIVITA' OTTICA DEI COMPOSTI CHIRALI L'ATTIVITA' OTTICA DEI COMPOSTI CHIRALI Nei composti inorganici a ogni formula grezza, che esprime la composizione della molecola, corrisponde una sola formula di struttura. Nei composti organici, invece,

Dettagli

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Come si presenta la materia? DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Il criterio per distinguere i materiali è la presenza di una o più FASI porzioni di materia fisicamente distinte tra loro delimitate da nette

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE!

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! MANUALE TECNICO IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! Indice : - Introduzione - Come si forma il calcare? - Processo di nucleazione - Azione dell inibitore sulla formazione del calcare

Dettagli

LA LUCE. Lezioni d'autore

LA LUCE. Lezioni d'autore LA LUCE Lezioni d'autore VIDEO L ottica geometrica e il principio di Fermat (I) La radiazione riflessa da specchi ha importanti applicazioni. Si pensi al settore energetico dove specchi piani in movimento

Dettagli

La geologia nella pratica edilizia

La geologia nella pratica edilizia ALBERTO CLERICI - FRANCESCO SFRATATO La geologia nella pratica edilizia MATERIALI LAPIDEI: CARATTERISTICHE, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DURABILITÀ E PROCESSI DI DEGRADO Dario Flaccovio Editore Alberto Clerici

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

Corso di Gemmologia Generale. Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria

Corso di Gemmologia Generale. Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria Corso di Gemmologia Generale Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria Elemen; Introdu

Dettagli

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE In Sicilia nelle province di Caltanissetta, Agrigento, Enna (Sicilia Centrale) sono presenti grandi depositi di zolfo ( solfare ) che furono la

Dettagli

Silicati. Predominanza dei Silicati nella Crosta terrestre

Silicati. Predominanza dei Silicati nella Crosta terrestre Silicati Predominanza dei Silicati nella Crosta terrestre 27% dei minerali conosciuti sono silicati 40% dei minerali più comuni sono silicati >90% dei minerali della crosta terrestre sono silicati Classificazione

Dettagli

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa 1... 2 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce... 3 1.1 Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo... 5 1.2

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Dipartimento di scienze umane per la Formazione Corso di Laurea in Scienze dell educazione LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Aspetti scientifici e attività laboratoriali Per il corso di Osservazioni Scientifiche

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Corso competenze di base Ambito chimico

Corso competenze di base Ambito chimico Laboratorio di Chimica dell ITIS E.Majorana di Grugliasco (www.itismajo.it/chimica) Corso competenze di base Ambito chimico (Prima parte) La dispensa è stata realizzata dalla prof. A. Martini con la collaborazione,

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini Minerali, i, rocce, vulcani e terremoti ti secondo biennio n Copyright 2013 Italo Bovolenta editore s.r.l., Ferrara [5960] www.bovolentaeditore.it I diritti

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe

Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe TCNGA e DSGN Modulo C Unità 2 Materiali: proprietà e prove Ferro e sue leghe 1 Modulo C Unità 2 RRTÀ CARATTRSTC D MATRA 2 a tecnologia è la scienza che studia i materiali, la composizione, le caratteristiche,

Dettagli

il gesso naturale Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli Il gesso naturale Scienza dei materiali dentali

il gesso naturale Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli Il gesso naturale Scienza dei materiali dentali Scienza dei materiali dentali Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli durezza e resistenza (meccanica) tempo di presa relativamente breve massima precisione nella riproduzione

Dettagli

Transizioni di fase. O (g) evaporazione O (s) H 2. O (l) H 2. O (g) sublimazione...

Transizioni di fase. O (g) evaporazione O (s) H 2. O (l) H 2. O (g) sublimazione... Transizioni di fase Una sostanza può esistere in tre stati fisici: solido liquido gassoso Il processo in cui una sostanza passa da uno stato fisico ad un altro è noto come transizione di fase o cambiamento

Dettagli

1 - LA MOLECOLA D ACQUA. 1.1 - L atomo di idrogeno

1 - LA MOLECOLA D ACQUA. 1.1 - L atomo di idrogeno 1 - LA MOLECOLA D ACQUA I greci antichi, con ARISTOTELE (384-322 a.c.), consideravano l acqua uno dei quattro elementi fondamentali della materia, insieme all aria, alla terra ed al fuoco, caratterizzati

Dettagli

Bellezza. Lucentezza. Colore Fenomeni Ottici Trasparenza. Lucentezza. Brillantezza

Bellezza. Lucentezza. Colore Fenomeni Ottici Trasparenza. Lucentezza. Brillantezza Bellezza Colore Fenomeni Ottici Trasparenza Lucentezza Brillantezza Lucentezza Quantità di luce riflessa dalla superficie della gemma; concorre a determinare l aspetto delle gemme rappresentandone la capacità

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

STRUTTURA DEI MATERIALI

STRUTTURA DEI MATERIALI STRUTTURADEIMATERIALI CRISTALLINA AMORFA ORDINATAmetalli,ceramici Sonocaratterizzatidaunadisposizioneordinata degliatomi(ioni,molecole)secondounben definitoreticolocristallino.leproprietà ottiche,meccanicheedelettrichesonodiversea

Dettagli

Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio

Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio questo interesserà più cellule e quindi apparirà più

Dettagli

CAPITOLO 3. Come nascono i minerali

CAPITOLO 3. Come nascono i minerali CAPITOLO 3 Come nascono i minerali LE FORME NEI MINERALI Andiamo a vedere ora l aspetto che più ci lascia stupiti quando ci veniamo a trovare di fronte ad un campione di minerale cristallizzato: LE FORME

Dettagli