I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente."

Transcript

1 ESPANSIONE I minerali Come tutti i solidi a composizione costante, ovvero formati da un unica sostanza, anche quelli che si rinvengono in natura assumono forme che esternamente rispecchia no, a volte in modo complesso, la disposizione spaziale delle particelle che li costituiscono. Tali solidi sono chiamati minerali: i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente. Un angolo diedro è la porzione di spazio compresa tra due semipiani (facce) aventi per origine la stessa retta (spigolo): esso costituisce in un certo senso l estensione allo spazio del concetto di angolo piano. Per comprendere appieno questa definizione, è necessario introdurre il concetto di cristallo: un cristallo è una porzione di materia solida omogenea, delimitata da facce perfettamente piane, che si intersecano in spigoli e vertici formando angoli diedri. 1. La struttura dei cristalli Proprietà dei cristalli: gli elementi di simmetria Prima di affrontare un esame, sia pure sintetico, degli aspetti cristallografici della mineralogia, è necessario premettere alcune definizioni sugli elementi di simmetria fondamentali di un cristallo: il centro di simmetria (C) è il punto che divide esattamente a metà tutte le rette che congiungono punti opposti equivalenti di un cristallo (Figura A); Figura A Il centro di simmetria di un cristallo. il piano di simmetria (P) è un piano che divide il cristallo in due parti perfettamente uguali, di cui una è l immagine speculare dell altra (Figura B); Figura B Un piano di simmetria. Espansione 2

2 l asse di simmetria (A) è una retta attorno a cui il cristallo può ruotare di un dato angolo, senza che la posizione finale (posizione di ricoprimento) sia distinguibile da quella iniziale. Un asse si dice binario, e si indica con A 2 o, quando nel descrivere un angolo giro attorno a sé stesso, il cristallo presenta solo due posizioni di ricoprimento; è invece ternario (A 3 o ), quaternario (A 4 o )o, rispettivamente, senario (A 6 o ) se, nel descrivere un angolo giro attorno a sé stesso, il cristallo presenta tre, quattro o, rispettivamente, sei posizioni di ricoprimento (Figura C). A 4 A 2 Figura C Un asse quaternario (A 4 ) e uno binario (A 2 ) in un cubo. Un cristallo può presentare un centro di simmetria (ma alcuni cristalli non lo hanno), uno o più piani di simmetria (ma non obbligatoriamente), uno o più assi di simmetria, anche di diverso ordine, oppure nessuno. Nella Figura D sono riportati gli assi di simmetria di un cubo: come si può vedere, si tratta di tre A 4, quattro A 3 e sei A Figura D In un cubo vi sono tre assi quaternari 1, quattro assi ternari 2 e sei assi binari 3. L insieme degli elementi di simmetria di un cristallo è chiamato grado di simmetria e viene indicato riassumendo i singoli elementi. Il grado di simmetria di un cubo può dunque essere sintetizzato come segue: 6 A 2 4 A 3 3 A 4 9 P C Tutte le forme cristalline caratterizzate dallo stesso grado di simmetria formano una classe cristallografica. Esistono 32 classi, compresa quella pediale, che non ha alcun elemento di simmetria, neanche il centro. Proprietà dei cristalli: assi e parametri cristallografici L elemento fondamentale a cui si ricorre per la descrizione di un cristallo sono gli assi cristallografici. Gli assi cristallografici di un cristallo sono tre rette aventi un punto comune (origene), scelte in modo da formare tra loro angoli uguali a quelli formati da tre spigoli del cristallo (in alcuni casi è opportuno scegliere un sistema a quattro assi). Espansione 3

3 Un asse cristallografico può coincidere con un asse di simmetria oppure essere parallelo o perpendicolare a uno di essi o agli spigoli delle facce del cristallo. In ogni caso, gli assi cristallografici sono scelti in modo da consentire la rappresentazione più semplice possibile del cristallo. Per un cubo, ad esempio, gli assi cristallografici sono quelli indicati nella Figura E e coincidono con gli assi di simmetria quaternari A 4. z c y a y x z b x Figura E Gli assi di simmetria, la faccia fondamentale e i parametri di un cubo. Un secondo elemento importante per la definizione di un cristallo è la sua faccia fondamentale. La faccia fondamentale di un cristallo è un piano che incontra tutti gli assi cristallografici, ossia non è parallelo a nessuno di essi. Dalla definizione segue che la faccia fondamentale di un cristallo non è quasi mai una delle sue facce fisiche. Le distanze dall origine dei punti nei quali il piano della faccia fondamentale taglia gli assi cristallografici si chiamano parametri. Nell esempio della Figura E essi sono costituiti dalle lunghezze dei segmenti a, b, c. Sistematica cristallografica: gruppi, sistemi, classi In un cristallo, oltre ai parametri della faccia fondamentale (a, b, c), sono importanti anche gli angoli (,, ) che gli assi cristallografici formano tra loro. Questi sei valori, assieme agli elementi di simmetria presenti, consentono di classificare i cristalli. In base ai valori dei parametri a, b, c è possibile distinguere i cristalli in tre gruppi: gruppo monometrico: tre parametri uguali (a b c); gruppo dimetrico: due parametri uguali, uno diverso (a b c); gruppo trimetrico: tre parametri diversi ( a b c). I gruppi si dividono in sistemi, in base al valore degli angoli,, e alla presenza di alcuni elementi di simmetria comuni. I sistemi sono in totale 7 e a loro volta si dividono nelle 32 classi cui si è già accennato, formate ciascuna da cristalli con lo stesso grado di simmetria (Tabella A). Espansione 4

4 Tabella A Classificazione dei cristalli Gruppo Sistema Costanti cristallografiche Simmetria caratteristica Poliedro fondamentale Classe Elementi di simmetria Esempio z esacisottaedrica 4 A 3 3 A 4 6 A 2 9 P C Salgemma monometrico cubico α = β = γ = 90 a = b = c x c=a b=a a 90 y 4 A 3 cubo esacistetraedrica pentagonoicositetraedrica diacisdodecaedrica 4 A 3 3 A 4 6 P Blenda 4 A 3 3 A 4 6 A 2 Cuprite 4 A 3 3 A 2 3 P C Pirite pentagonododecaedrico 4 A 3 3 A 2 Ullmannite esagonale a = b c α = γ = 90 β = 120 x a z c b=a y A 6 prisma esagonale + pinacoide basale bipiramidale diesagonale A 6 6 A 2 7 P C Berillo piramidale diesagonale A 6 6 P Wurtzite trapezoedrica esagonale A 6 6 A 2 -Quarzo bipiramidale esagonale A 6 P C Apatite piramidale esagonale A 6 Nefelina scalenoedrica ditrigonale A 3 3 A 2 3 P C Calcite dimetrico trigonale o romboedrico a = b = c α = γ = 90 β 90 x z c β a α b y γ A 3 romboedro bipiramidale ditrigonale 4 A 3 3 A 2 4 P Benitoite piramidale ditrigonale A 3 3 P Tormalina trapezoedrica trigonale A 3 3 A 2 -Quarzo bipiramidale trigonale A 3 P romboedrica trigonale A 3 C Dolomite piramidale trigonale A 3 bipiramidale ditetragonale A 4 4 A 2 5 P C Zircone tetragonale α = β = γ = 90 a = b c x z c b=a a 90 y A 4 prisma tetragonale + pinacoide basale scalenoedrica tetragonale A 4 2 A 2 2 P Calcopirite piramidale ditetragonale A 4 4 P Diaboleite trapezoedrica tetragonale A 4 4 A 2 Cristobalite bipiramidale tetragonale A 4 P C Scheelite bisfenoidale tetragonale A 4 Cahnite piramidale tetragonale A 4 Wulfenite rombico z c α = β = γ = b a b c a 90 x y 3 A 2 e/o P prismi rombici + pinacoidi bipiramidale rombica 3 A 2 3 P C Zolfo piramidale rombica A 2 2 P Emimorfite bisfenoidale rombica 3 A 2 Epsomite trimetrico monoclino triclino c α = γ 90 ; β 90 β b a b c α a γ x α β γ 90 a b c x z β a z c α γ b y y A 2 e/o P C o nessuna prismi monoclini + pinacoidi tre coppie di pinacoidi prismatica A 2 P C Ortoclasio domatica P Hilgardite sfenoidale A 2 Mesolite pinacoidale C Albite pediale Parahilgardite Espansione 5

5 Aspetti particolari: polimorfismo, isomorfismo e soluzioni solide Noti i sistemi cristallografici nei quali si classificano i vari minerali, è possibile ora esaminare una legge fondamentale, scoperta dall abate francese René Just Haüy ( ): legge della costanza della simmetria: le forme in cui può cristallizzare un dato minerale presentano tutte lo stesso grado di simmetria. Per esempio, la pirite, FeS 2, cristallizza in cubi (con facce striate in modo alternato e perciò con simmetria più bassa del cubo geometrico, diacisdodecaedrica ), ottaedri e rombododecaedri: forme dunque diverse, ma tutte con lo stesso grado di simmetria (Figura F). È possibile anche che forme diverse, ma con lo stesso grado di simmetria, si uniscano insieme per dare forme composte, come la galena che può presentare la forma ibrida proposta nella Figura G. Figura F Cristalli di pirite. Figura G Forme diverse, dotate dello stesso grado di simmetria, possono unirsi per dare forme composte. Non sempre però la legge della costanza della simmetria viene rispettata. Accade frequentemente che un minerale cristallizzi in classi appartenenti a differenti sistemi cristallografici, o addirittura a differenti gruppi, in funzione delle diverse condizioni di temperatura e pressione in cui si viene a formare. Tale fenomeno, noto con il nome di polimorfismo, potrà essere spiegato quando conosceremo maggiori particolari circa la struttura intima dei cristalli. Al contrario, alcuni minerali, pur essendo costituiti da specie chimiche differenti, assumono la stessa forma cristallina: tale caratteristica si chiama isomorfismo. Essi possono dare cristalli omogenei, nei quali variano in modo continuo le proporzioni dei componenti: si tratta di miscele omogenee e sono quindi delle soluzioni solide. Per esempio, la forsterite, Mg 2 SiO 4, e la fayalite, Fe 2 SiO 4, cristallizzano entrambe nel sistema rombico, ma in natura sono molto più frequenti le miscele dei due, sotto forma di cristalli omogenei. Queste miscele costituiscono un minerale, l olivina, la cui formula, (Fe,Mg)SiO 4, rispecchia la variabilità dei cationi metallici che contiene. La struttura intima dei cristalli: i reticoli cristallini Quanto si è visto finora descrive accuratamente la forma geometrica dei cristalli, ma niente dice circa la loro struttura interna. La ricerca della relazione tra la forma geometrica di un cristallo e la sua intima struttura interessò ben presto gli studiosi. Le prime osservazioni in merito si devono al già citato abate Haüy. Egli notò che un campione di calcite, rompendosi, produceva pezzetti che avevano tutti la forma di romboedri. Le facce, di ampiezza diversa da pezzo a pezzo, erano tutte parallele tra loro. Espansione 6

6 Analogamente, trovò che cristalli cubici di salgemma, NaCl, o galena, PbS, si rompevano in cristalli che mantenevano tutti gli stessi angoli. Nel 1780, l abate formulò un ipotesi secondo la quale tutti i cristalli erano costituiti dall impacchettamento di particelle, estremamente piccole, invisibili, che egli chiamò particelle integranti (Figura H). Figura H Haüy spiegò le forme solide della galena con l unione di piccolissimi cubi. Queste particelle, naturalmente, dovevano possedere la forma del cristallo di partenza. Così un cristallo di salgemma poteva considerarsi formato dalla sovrapposizione, nelle tre direzioni, di un numero enorme di piccolissimi cristalli cubici. L idea di una materia costituita di particelle integranti concatenate senza soluzione di continuità diventò sempre meno credibile con il progredire della teoria atomica, che considerava l atomo come costituente di base della materia. Nel 1848, il fisico e mineralogista francese Auguste Bravais ( ) avanzò l ipotesi che i cristalli fossero formati da sistemi di punti materiali, disposti nello spazio in modo da formare un reticolo a tre dimensioni a maglie parallelepipede (Figura I). Figura I Un cristallo, secondo Bravais, è dato dall insieme di tanti punti materiali. Bravais, sulla base di considerazioni geometriche, riuscì a dimostrare che tutte le strutture note si potevano ricondurre a un numero limitato di schemi. Tutte le forme cristalline si potevano ricostruire mediante 14 schemi, sette dei quali, detti reticoli semplici fondamentali, corrispondevano esattamente ai poliedri fondamentali dei sette sistemi cristallografici già noti. I punti materiali di Bravais sono atomi, ioni o molecole. La struttura omogenea e periodica dei cristalli venne dimostrata dal fisico tedesco Max Theodor Felix von Laue ( ) nel 1912 con l uso dei raggi X. Espansione 7

7 Un fascio parallelo di raggi X, inviato su una sottile lamina di blenda, ZnS, la attraversa e impressiona una lastra fotografica. Su di essa, si rileva una serie di macchie disposte in modo regolare, dovute alle diffrazioni prodotte dagli ioni del cristallo sul fascio di raggi X. Lo studio delle macchie, molto complesso, consente di determinare la classe di simmetria del cristallo, la posizione reciproca delle particelle che lo formano e le distanze che le separano. L esperienza di Von Laue offrì dunque la possibilità di vedere per la prima volta il reticolo cristallino di un solido (Figura L). Figura L La diffrazione dei raggi X consentì a Von Laue di mettere in evidenza il rigoroso ordine interno dei cristalli. 2. Caratteristiche dei minerali: proprietà vettoriali e scalari Figura M Calcite. La forma dei minerali, come si è detto, riflette quella dei cristalli che li compongono. Essa, però, non è sempre facilmente individuabile (come nel caso di un frammento o di un aggregato di cristalli molto piccoli). Per riconoscerli, quindi, oltre che su di essa ci si basa sull analisi di alcune proprietà fisiche caratteristiche. Alcune proprietà, definite proprietà vettoriali, a causa della struttura a reticolo dei cristalli, assumono valori diversi secondo la direzione lungo la quale vengono misurate. Questa caratteristica, tipica dei cristalli, è detta anisotropia. Mentre per i solidi cristallini c è sempre almeno una proprietà anisotropa, per quelli amorfi può non essercene nessuna. Le proprietà vettoriali dei minerali possono essere relative alla coesione (durezza, sfaldatura), al calore (dilatazione), all elettricità (conducibilità elettrica, piezoelettricità), alla luce (colore, lucentezza, rifrazione, polarizzazione della luce). La durezza indica la resistenza di un minerale all abrasione o alla scalfittura e dipende dalla forza dei legami chimici presenti. Per la misurazione convenzionale di tale proprietà si utilizza la scala di Mohs. Essa fa riferimento a dieci minerali, ciascuno dei quali può scalfire le facce del minerale che lo precede nella scala, ma viene scalfito dal minerale che lo segue. La Tabella B riporta l ordine dei dieci minerali. Pur essendo certamente approssimativa, essa è ancora di grande utilità pratica. Il talco, primo nella scala, che può essere facilmente scalfito con un unghia, è inciso da un pezzo di gesso; il gesso, a sua volta, è scalfito dalla calcite (Figura M), e così via. La durezza di un minerale è espressa dal Espansione 8

8 numero che si ottiene confrontando il campione in esame con i riferimenti della scala di Mohs. Per esempio, per verificare se una pietra preziosa è autentica o falsa si determina la sua durezza, che in genere supera il sei. La sfaldatura è la caratteristica che hanno Tabella B La scala di Mohs molti minerali di rompersi per urto, formando blocchi che presentano superfici piane e Minerale Formula Durezza attribuita parallele per una o per più facce dell abito talco Mg 3 (OH) 2 Si 4 O 10 1 gesso CaSO cristallino; anch essa dipende dalla forza 4? 2 H 2 O 2 calcite CaCO dei legami tra gli atomi, che possono essere 3 3 fluorite CaF 2 4 di intensità differente a seconda dei diversi piani. Per esempio, se i piani, formati da apatite Ca 5 [(OH,F,Cl)(PO 4 ) 3 ] 5 ortoclasio KAlSi 3 O 8 6 legami covalenti, sono tenuti insieme da quarzo SiO 2 7 legami deboli come le forze di Van der Waals, si ha una sfaldatura molto facile in una topazio Al 2 F 2 SiO 4 8 corindone Al 2 O 3 9 direzione, ma una notevole resistenza nella diamante C 10 direzione a essa perpendicolare. È il caso delle miche, che sembrano formate da tanti fogli sovrapposti. Nel quarzo (Figura N), invece, i legami sono molto forti in tutte le direzioni del reticolo e quindi il quarzo non si sfalda, ma si frantuma in frammenti assai irregolari, di aspetto scheggioso o curvilineo (superfici concoidi). La dilatazione termica è una conseguenza dell aumento di temperatura. Nei cristalli dimetrici, come il quarzo, la dilatazione non è uniforme in tutte le direzioni: pertanto una sfera di quarzo per riscaldamento può diventare un ellissoide. La lucentezza misura l intensità della luce riflessa dalle facce di un cristallo. Si può distinguere la lucentezza metallica, tipica delle sostanze che riflettono totalmente la luce e risultano pertanto opache, da quella non-metallica, caratteristica dei corpi trasparenti. Questi ultimi possono presentare vari tipi di lucentezza: adamantina, resinosa, vitrea, grassa, madreperlacea ecc. (Figura O). Il colore è certamente una proprietà di facile valutazione, ma questo non depone per l identificazione certa di un minerale. Infatti, se molti minerali come la malachite, verde, o il lapislazzulo, turchino, sono sempre dello stesso colore, altri modificano il loro colore e le tonalità di quest ultimo a seconda delle impurità chimiche rimaste incluse all epoca della loro formazione. Così il corindone è incolore se puro, ma può essere rosso a causa della presenza di cromo (rubino) oppure blu per la presenza di tracce di titanio o ferro (zaffiro). Con la tecnica dello striscio, cioè polverizzando il minerale su un frammento di porcellana ruvida, se ne può osservare meglio il colore; infatti, la polvere mostra il colore caratteristico del minerale, anche se il campione di partenza presentava sfumature diverse. All opposto, due minerali apparentemente uguali possono dare strisce di colore diverso. Per esempio, l ematite, la magnetite e la goethite (Figura P) possono presentarsi come cristalli neri, ma con la tecnica della polverizzazione l ematite ha un colore tendente al rosso, la magnetite risulta nera, mentre la goethite è giallo-bruna. Quando un raggio di luce attraversando un minerale viene rifratto, la determinazione dell angolo di incidenza e di quello di rifrazione Figura N Biotite (mica) e quarzo. Figura O Fluorite e sfalerite. Espansione 9

9 consente il calcolo dell indice di rifrazione, caratteristico di un dato materiale (Figura Q). i aria superficie di separazione corpo trasparente r Figura Q Riffrazione di un raggio luminoso: i > r. Figura P Ematite, goethite, magnetite. 1 ordinario straordinario La deviazione di un raggio di luce si manifesta quando questo passa dall aria in un mezzo trasparente di diversa densità, come un cristallo non opaco. Rispetto a questa proprietà i cristalli non monometrici sono anisotropi. Il fenomeno della birifrangenza, presentato dalla calcite, dimetrica, si verifica quando un raggio di luce, nell attraversare un cristallo, si sdoppia dando una doppia immagine. Per verificare questo fenomeno, molti cristalli richiedono di operare con strati di materiale molto sottili (Figure R). La luce può essere considerata come un insieme di onde che vibrano in tutti i piani perpendicolari alla sua direzione di propagazione. Esistono sostanze (la tormalina, la calcite opportunamente tagliata, il polaroid) che consentono il passaggio soltanto di onde oscillanti in un determinato piano: in tal caso la luce si dice luce polarizzata (Figura S). Molti minerali, non monometrici, ridotti in lamine sottili al punto da essere trasparenti, se osservati in luce polarizzata manifestano un colore (colore di interferenza) che dipende dal loro indice di rifrazione e dalla loro orientazione rispetto al piano di polarizzazione Figura S Mentre la luce ordinaria è costituita da onde che vibrano su infiniti piani (a), in quella polarizzata (b) vi è un unico piano di vibrazione. 2 Figura R La birifrangenza è un fenomeno in virtù del quale un raggio luminoso viene sdoppiato 1. È molto marcata nella calcite 2. Espansione 10

10 della luce. Tali osservazioni sono spesso utili per l identificazione di un minerale. La conducibilità elettrica può essere più o meno significativa per i diversi minerali: basti pensare all argento, al rame e all oro. Anche in questo caso, peraltro, si tratta di una proprietà anisotropa e la differenza di conducibilità nelle diverse direzioni dello stesso cristallo non monometrico è talvolta molto forte. Nell ematite, trigonale, la conducibilità elettrica nelle direzioni normali all asse ternario ha un valore quasi doppio di quello che presenta nella direzione dell asse stesso. Se si esercita una certa pressione, in una direzione ben precisa, su un cristallo di quarzo, si produce una separazione di cariche elettriche: questa proprietà è detta piezoelettricità. Gli accendini piezoelettrici funzionano appunto esercitando una pressione meccanica su un cristallo di quarzo, che trasmette, in conseguenza della separazione di cariche, una differenza di potenziale a due elettrodi a esso collegati. La scarica elettrica che si genera per pressione è dovuta appunto alla ddp accumulata. Ma esiste anche il caso opposto: l impulso elettrico generato da una pila fa vibrare cristalli di quarzo (circa volte al secondo) che fungono da motore regolare negli orologi (Figura T). Altre proprietà, come per esempio il punto di fusione e la densità, sono invece scalari, ossia non dipendono dalla direzione della misura, che viene espressa da un semplice numero, specificando le unità di misura usate. Il punto di fusione viene determinato secondo le procedure note, ma anche un altra proprietà a esso collegata è importante per gli utilizzi industriali di un minerale. Si tratta della fusibilità. Essa non è ben definibile, poiché dipende, oltre che dal punto di fusione, anche dalla capacità di un minerale di trasmettere o disperdere il calore nelle varie direzioni. A tale scopo è stata costruita dal mineralogista tedesco F. von Kobell una scala di valore empirico che utilizza come riferimento sette minerali con diversi comportamenti (Tabella C). In base al comportamento al cannello ferruminatorio di una scheggia di minerale incognito, confrontando i comportamenti descritti nella scala, si può determinare la fusibilità del minerale e, solo in certi casi, avere un idea molto approssimativa del punto di fusione. Tabella C La scala di von Kobell Figura T Accendino piezoelettrico e orologio. Minerale Punto di fusione ( C) Comportamento al cannello antimonite circa 525 fonde con estrema facilità anche alla fiamma di un cerino natrolite circa 800 fonde facilmente in una sferetta almandino circa 1050 fonde abbastanza facilmente actinolite circa 1200 fonde non troppo facilmente con formazione di una sferetta all estremità di aghi sottili ortoclasio circa 1300 fonde solo sugli orli delle schegge sottili bronzite circa 1400 presenta solo tracce di arrotondamento per fusione sugli orli delle schegge più fini quarzo circa 1700 infusibile Un altra caratteristica utile all identificazione di un minerale è la misura della sua densità, che dipende dagli elementi che lo costituiscono e dalla struttura stessa del reticolo. Espansione 11

11 3. Classificazione chimica dei minerali La classificazione chimica dei minerali cui si ricorre più frequentemente si deve a H. Strunz, che la propose per la prima volta nel Il suo ultimo aggiornamento, del 1970, divide le specie minerali conosciute, che sono circa duemila, in nove classi. I. Elementi nativi. Comprende i minerali costituiti da un metallo (oro, argento, rame) o da un non-metallo (zolfo, carbonio nelle varietà di diamante o di grafite). A questa classe appartengono anche leghe naturali come l elettro (lega di oro e argento) e le leghe ferro-nichel di origine meteoritica. II. Solfuri. Appartengono a questa classe la blenda (ZnS), la galena (PbS), la pirite (FeS 2 ) e il cinabro (HgS); in questo gruppo sono compresi anche gli arseniuri, come la niccolite (NiAs). III. Alogenuri. I più noti sono il salgemma (NaCl), la fluorite (CaF 2 ) e la criolite (Na 3 AlF 6 ). IV. Ossidi e idrossidi. Tra essi ricordiamo l ematite (Fe 2 O 3 ), la magnetite (Fe O 4 ), la limonite (Fe 2 O 3? H 2 O), il quarzo (SiO 2 ), il corindone (Al 2 O 3 ) e le sue varietà trasparenti e colorate, rubino e zaffiro, di grande valore economico, e la brucite (Mg(OH) 2 ). V. Nitrati, carbonati e borati. Ricordiamo la siderite (FeCO 3 ), la calcite (CaCO 3 ), la rodocrosite (MnCO 3 ), la dolomite (CaMg(CO 3 ) 2 ), il borace (Na 2 [B 4 O 5 (OH) 4 ]? 8 H 2 O) e la nitronatrite (NaNO 3 ). VI. Solfati, cromati, wolframati e molibdati. Vi appartengono la barite (BaSO4), il gesso (CaSO 4? 2 H 2 O), la wulfenite (PbMoO 4 ), la scheelite (CaWO 4 ) e la crocoite (PbCrO 4 ). VII. Fosfati, arseniati e vanadiati. Vi appartengono la vivianite (Fe 3 (PO 4 ) 2? 8 H 2 O), l apatite (Ca 5 [(OH,F,Cl)(PO 4 ) 3 ]), la vanadinite (Pb 5 [Cl(VO 4 ) 3 ]), l eritrina (Co 3 (AsO 4 ) 2? 8 H 2 O) e il turchese (CuAl 6 [(OH) 8 PO 4 ] 4? 4 H 2 O). VIII. Silicati. La classe comprende circa cinquecento specie ed è quindi la più ricca; di conseguenza è opportuno uno studio a parte nel prossimo paragrafo. IX. Minerali organici. Sono in tutto una ventina di composti, di cui il più noto da millenni è l ambra, una resina fossile originata da alberi vissuti da 30 a 100 milioni di anni fa. Per la sua composizione chimica variabile, non dovrebbe essere annoverata tra i minerali, ma vi è inclusa per l interesse gemmologico (Figura U). Figura U Quarzo, ambra, argento, oro e pirite. Espansione 12

12 Qualcosa in più I cristalli liquidi Verso la fine del XIX secolo venne individuato un gruppo di sostanze che presentava uno stato intermedio (mesofase) tra solido e liquido, delimitato da valori ben definiti di temperatura. Si scoprì che la mesofase, di consistenza liquida ma molto viscosa e non trasparente, manteneva alcune proprietà ottiche ed elettriche dei solidi. Per questi motivi per essa si coniò il termine cristallo liquido. Le prime applicazioni pratiche dei cristalli liquidi vennero attuate verso il 1960, quando si trovò il modo di sfruttarne le interazioni con un campo elettrico. Si ottennero così i visualizzatori a cristalli liquidi (Liquid Crystal Displays, LCD), che hanno velocemente rimpiazzato i display a emissione di luce (Light Emitting Diode, LED) nelle calcolatrici e negli orologi digitali. Una sostanza che dia luogo alla fase di cristallo liquido è quasi sempre formata da molecole a forma di barretta allungata che riescono a stabilire legami secondari soprattutto lateralmente al loro asse. Nella fase solida esse si dispongono parallelamente e sono distribuite in piani ma, con l aumento della temperatura, i singoli piani possono scivolare l uno rispetto all altro: è la mesofase smettica. Un ulteriore aumento della temperatura consente il passaggio alla mesofase nematica in cui, pur non esistendo più i piani, le molecole si mantengono parallele tra di loro. Gli LCD sfruttano la capacità delle molecole della mesofase nematica di polarizzare la luce secondo la propria direzione di allineamento. Inoltre, in presenza di un campo elettrico, le molecole si dispongono in accordo alle sue linee di forza. Un display a cristalli liquidi è costituito nell ordine da: 1. un filtro polarizzatore; 2. una cella con il cristallo liquido confinato entro due sottili lastre di vetro contenenti all interno due elettrodi trasparenti sagomati come le cifre che devono riprodurre; luce uscente riflessa fase solida mesofase smettica mesofase nematica mesofase colesterica 3. un filtro polarizzatore perpendicolare a quello iniziale; 4. una superficie riflettente. La luce ambiente, polarizzata da [1], passa alla cella a cristallo liquido. In essa la mesofase nematica è distorta da scanalature microscopiche presenti nelle facce interne delle lastre di vetro. I piani distorti costringono la luce polarizzata a subire una rotazione di 90. La luce esce da [3] e, dopo essere stata riflessa da [4], percorre a ritroso il cammino riemergendo dal visore: la luce ambientale viene restituita e il visore appare di un grigio chiaro. Se gli elettrodi in [2] sono sotto tensione, tutte le molecole tra essi presenti sono parallele e non possono ruotare il piano della luce polarizzata che viene così assorbita: la zona appare scura poiché non è in grado di riflettere la luce ambiente. Alcune sostanze presentano una mesofase in cui si ha una struttura a strati nei quali le molecole hanno una disposizione nematica ma, da uno strato all altro, c è una leggera rotazione delle direzioni di allineamento. Nell insieme si viene a formare una struttura elicoidale in cui il passo della spirale è molto sensibile alla temperatura e alla pressione: al cambiare della temperatura il cristallo liquido cambia colore. Poiché tale situazione è presentata da molti derivati del colesterolo, ci si riferisce ad essa come mesofase colesterica. Utilizzi semplici per i cristalli liquidi in mesofase colesterica si hanno nei termometri a contatto, dove se ne sfrutta la capacità di cambiare il passo e quindi il colore a seconda della temperatura. zona priva di collegamento elettrico: riflette la luce fase liquida luce entrante [1] polarizzatore verticale [2] cella a cristallo nematico [3] polarizzatore orizzontale [4] specchio zona sotto tensione: assorbe la luce Espansione 13

13 Figura V Il gruppo SiO 4 4 di base dei silicati. SiO I silicati I silicati formano il materiale solido più diffuso sulla Terra: costituiscono circa l 80% della litosfera. La loro classificazione fu tentata inizialmente ricorrendo a criteri esclusivamente chimici, mediante l utilizzo anche di ipotetici acidi silicici, la cui esistenza non è mai stata dimostrata. Il ricorso ai raggi X ne ha invece permesso una più corretta classificazione, individuando nel tetraedro SiO 4 4 l unità strutturale fondamentale (Figura V). Tra silicio e ossigeno esistono dei forti legami covalenti e i tetraedri che ne risultano possono presentarsi isolati, oppure legati tra loro attraverso gli atomi di ossigeno formando catene, anelli, piani o strutture tridimensionali. I silicati si suddividono nelle seguenti sottoclassi (Tabella D). Nesosilicati. Il nome significa silicati a isole per indicare che i tetraedri di base sono indipendenti l uno dall altro e tenuti legati, per mezzo dei loro cationi metallici, con interazioni a volte ioniche, a volte covalenti polari. Caratteristica di questa sottoclasse è l olivina. Il topazio, i vari tipi di granati e lo zircone (ZrSiO 4 ) appartengono anch essi ai silicati a tetraedri isolati. Sorosilicati. Sono caratterizzati dalla presenza di due tetraedri uniti mediante un ossigeno con il quale formano il gruppo Si 2 O 6 7. Un sorosilicato è la calamina (Zn 4 [(OH) 2 Si 2 O 7 ]? H 2 O) e tutto il gruppo degli epidoti. Ciclosilicati. Sono costituiti da anelli di tre tetraedri, come nella benitoite (Ba,Ti(Si 3 O 9 )), o quattro come nell axinite (Ca/Fe,Mn)Al 2 [BO 3 OHSi 4 O 12 ]) o sei come nel berillo (Al 2 Be 3 (Si 6 O 18 )), le cui varietà trasparenti e colorate (acquamarina, eliodoro, morganite e soprattutto lo smeraldo) sono molto apprezzate in gemmologia. Anche la tormalina (Na(Mg,Fe) 3 Al 6 [(OH)/BO 3 ) 3 Si 6 O 18 ]) appartiene a questa sottoclasse. Inosilicati. In essi i tetraedri sono uniti a formare catene semplici (pirosseni) oppure doppie (anfiboli). Nel primo caso due ossigeni di ciascun tetraedro servono come unione con gli altri tetraedri, mentre gli altri due portano una carica ciascuno: l unità strutturale è Si 2 O 4 6, come nel diopside (CaMg(Si 2 O 6 )). Quando due catene semplici si uniscono per formare la doppia catena anfibolica, l unità strutturale è Si 4 O4 11 come nel glaucofane e nell antofillite (Mg,Fe) 7 [OHSi 4 O 11 ] 2 Fillosilicati. I tetraedri sono raggruppati in strati paralleli formati dal ripetersi di gruppi Si 2 O 2 5, in ciascuno dei quali quattro atomi di ossigeno fungono da ponte con gli altri gruppi. Spesso però la struttura è complicata dalla presenza di atomi di alluminio che sostituiscono parzialmente quelli di silicio. Vi appartengono minerali che Tabella D Classificazione dei silicati Nesosilicati Sorosilicati Ciclosilicati Inosilicati Fillosilicati Tettosilicati SiO 4 4 Si 2 O 6 4 Si 4 O 11 6 Si 2 O 5 2 Si 2 O 7 6 Si 3 O 9 6 Si 4 O 12 8 Si 6 O12 18 Espansione 14

14 si sfaldano facilmente come il talco (Mg 3 (OH) 2 Si 4 O 10 ), la biotite, la muscovite (KAl 2 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]), tutte le miche in genere. Anche l amianto fa parte dei fillosilicati. Tettosilicati. I tetraedri sono uniti tra loro attraverso gli atomi di ossigeno, dando luogo a strutture tridimensionali, complicate dalla già citata sostituzione di silicio con alluminio e talvolta con boro. Nelle gabbie dei tetraedri che, grazie alle sostituzioni, presentano ossigeni con cariche libere, possono essere trattenuti ioni metallici diversi. Leucite (K[AlSi 2 O 6 ]), albite (Na[AlSi 3 O 8 ]), ortoclasio (K[AlSi ]) e tutti i feldspati sono i minerali più importanti. Si deve infine sottolineare che strutturalmente anche il quarzo è un tettosilicato e anzi è l unico che non presenti atomi di silicio sostituiti. 4. Le rocce: aggregati misti di minerali Confrariamente ai minerali che sono composti chimici uniformi rappresentabili con una formula, una roccia invece non ha una precisa definizione chimica. La roccia è un aggregato, solitamente compatto, di diversi minerali, in forma cristallina o amorfa, formato da masse p)ù o meno grandi e ben individuabili. In altri termini, possiamo descrivere i minerali presenti in una roccia e le loro proporzioni, ma non possiamo scrivere una formula complessiva che la rappresenti. Le rocce, in genere, sono quindi eterogenee, costituite cioè da più specie minerali, come il granito (quarzo, feldspati, ortoclasio, mica), ma possono essere anche omogenee se formate da un solo minerale, come un calcare o una massa di salgemma. Anche nelle rocce omogenee, tuttavia, sono presenti tracce di altre sostanze che le rendono, dal punto di vista chimico, non uniformi. Le rocce che costituiscono la crosta terrestre si possono suddividere in tre grandi gruppi: le rocce magmatiche (o ignee), le rocce metamorfiche e le rocce sedimentarie. Ognuno di questi gruppi si distingue in base ai processi che hanno portato alla loro formazione, per cui possiamo parlare di tre grandi processi litogenetici (Figura Z). Il processo magmatico prende inizio dalla presenza di una massa fusa o magma, che si può trovare a diverse condizioni di pressione. Il raffreddamento di questo magma porta a una progressiva cristallizzazione e, quindi, alla formazione di aggregati di minerali che costituiscono le rocce magmatiche. Sommariamente si possono distinguere le rocce magmatiche in effusive e intrusive. Le prime sono dovute a un rapido abbassamento di temperatura del magma e, di conseguenza, sono caratterizzate da pochi ammassi cristallini e dalla presenza di pasta vetrosa (porfido, basalti, ossidiana, pomice); sono tipiche delle eruzioni vulcaniche. Le seconde invece hanno subito un lento raffreddamento all interno della crosta terrestre e hanno avuto tutto il tempo di formare aggregati omogenei di dimensioni più o meno grandi, spesso ben distinguibili a occhio nudo, come nel caso dei graniti; alla formazione di queste rocce contribuiscono anche i gas contenuti nella massa fusa e la forte pressione esercitata dalle rocce sovrastanti. Il processo metamorfico è caratterizzato dalla trasformazione che avviene allo stato solido o semisolido, di rocce preesistenti, cioè senza la fusione dei materiali. Gioca un ruolo fondamentale la pressione esercitata dalle masse circostanti sulla roccia che si va trasformando la quale, pur mantenendo la stessa composizione chimica iniziale, cambia più o meno radicalmente la sua struttura, come nel caso Espansione 15

15 Figura Z Il ciclo litogenetico. dei marmi o dei serpentini o, ancora, degli gneiss. Il processo può coinvolgere grandi masse rocciose, come nella deriva dei continenti, o piccole aree, come nelle zone a stretto contatto dei camini vulcanici. Infine il processo sedimentario consiste nell erosione e nell alterazione di rocce che, affiorando in superficie, sono soggette agli agenti esogeni quali l acqua, il ghiaccio, il vento o il clima in generale. I frammenti erosi vengono trasportati e accumulati in nuove masse che, nel tempo, con l azione di pressioni moderate, o con l avvento di nuove sostanze cementanti, si trasformano in rocce sedimentarie. Possono essere di tipo clastico (frammenti di varie dimensioni: arenarie, argille), di tipo organogeno (di origine animale o vegetale: calcari fossili, carbone, atolli corallini) o di tipo chimico (dovuti a precipitazione o evaporazione dell acqua: travertino, alabastro e i noduli manganesiferi dei fondali oceanici). Non considerando l aspetto esteriore della Terra, coperta prevalentemente dagli oceani e da manto vegetale, si può dire che prevalgono nella crosta terrestre le rocce magmatiche, seguite dalle metamorfiche e, in piccola percentuale, dalle rocce sedimentarie. A prima vista le rocce sembrano immutabili, ma nel corso del tempo esse subiscono molte trasformazioni. Il movimento della crosta gioca un ruolo fondamentale facendo affiorare nuovi materiali, permettendo la rifusione di altri e comprimendo nel contempo grandi masse rocciose. In superficie poi gli agenti esogeni partecipano a questo ciclo che dura da miliardi di anni. gas rocce magmatiche effusive alterazione erosione trasporto sedimenti accumulo rocce magmatiche intrusive rocce metamorfiche riscaldamento compattazione e cementazione intrusione magma e sollevamento sollevamento fusione riscaldamento deformazione rocce sedimentarie Espansione 16

16 Verifiche Conoscenze 1. Si definisce minerale un solido cristallino di origine organica. 2. Una classe cristallografica è costituita da forme che hanno lo stesso grado di simmetria. V F V F 3. Il polimorfismo non rispetta la legge della costanza della simmetria. V F 4. Se un minerale cristallizza in diverse forme, esse appartengono sempre a classi diverse. 5. Nei ciclosilicati si riscontrano anelli costituiti dall unione di 3, 4, 5 e 6 tetraedri. V F V F 6. Le classi cristallografiche sono: a. 3 b. 7 c. 32 d. infinite 7. Tutti i cristalli del gruppo trimetrico sono caratterizzati da: a. a = b c b. a b c c. d. = = 90 = Tutte le classi del sistema trigonale hanno in comune: a. A 3 b. 3 A 3 c. C d. A 2 9. Quale tra le seguenti associazioni è corretta? a. fillosilicati catene semplici o doppie b. ciclosilicati tetraedri in strati paralleli c. nesosilicati tetraedri indipendenti d. inosilicati anelli a tre o quattro tetraedri 10. La sfaldatura di un minerale è una proprietà: a. scalare, perché dipende dalla direzione di misurazione b. scalare, perché non dipende dalla direzione di misurazione c. vettoriale, perché dipende dalla direzione di misurazione d. vettoriale, perché non dipende dalla direzione di misurazione Abilità 11. Un asse che produca una sola posizione di ricoprimento: a. è un asse di simmetria binario b. è un asse di simmetria ternario c. è un asse di simmetria quaternario d. non è un asse di simmetria 12. Quale dei seguenti oggetti NON ha il centro di simmetria? a. una sfera b. una bottiglia c. un tubo d. un viso 13. Un minerale si presenta a volte in cubi e a volte in ottaedri. Ciò significa che è: a. polimorfo b. isomorfo c. ha entrambe le caratteristiche precedenti d. non ha nessuna delle caratteristiche precedenti 14. L anglesite ha formula PbSO 4. Secondo la classificazione chimica a quale classe appartiene? a. IV b. V c. VI d. VII 15. Nella scala di Mohs, la durezza della calcite e dell apatite vale rispettivamente 3 e 5. Ciò significa che l apatite: a. è 2 volte più dura della calcite b. ha durezza 5/3 rispetto a quella della calcite c. è 100 volte più dura della calcite d. è in grado di scalfire la calcite 16. Quale delle seguenti sostanze, pur essendo considerata un minerale, NON ne rispetta la definizione? a. quarzo b. ambra c. pirite d. blenda Prova a esporre 17. Indica in base a quali criteri un cristallo può essere assegnato a una classe, a un sistema e a un gruppo. 18. Considera un prisma a base esagonale e determinane tutti gli elementi di simmetria. 19. Perché il quarzo, che chimicamente è un ossido, viene classificato fra i tettosilicati? 20. La grossularia, quando è in cristalli limpidi e di un bel colore, è utilizzata come gemma di buona qualità. La sua formula è Ca 3 Al 2 [SiO 4 ] 3 : come è classificabile chimicamente? 21. Quali tipi di rocce si formano per l azione degli agenti atmosferici? Soluzioni delle verifiche Conoscenze 1. F; 2. V; 3. V; 4. F; 5. V; 6. c.; 7. b.; 8. a.; 9. c.; 10. c. Abilità 11. d.; 12. d.; 13. a.; 14. c.; 15. d.; 16. b. Espansione 17 17

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Mineralogia sistematica Ossidi, Idrossidi, Alogenuri, Carbonati, Solfati e Fosfati Ossidi e Idrossidi Gli ossidi

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Legame ionico nei solidi.

Legame ionico nei solidi. Legame ionico nei solidi. Un puro legame ionico nei solido praticamente non esiste, anche in NaCl o CaO i legami hanno un certo carattere covalente che ovviamente diventa molto più importante man mano

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA. in RADIAZIONE POLARIZZATA

INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA. in RADIAZIONE POLARIZZATA ISTITUTO NAZIONALE di FISICA NUCLEARE Sezione di Bologna DIPARTIMENTO di FISICA Università degli Studi di Bologna Giovanni Pietro SINI INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA in RADIAZIONE POLARIZZATA Revisione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli