Linguaggio SQL Descriviamo la notazione usata nel seguito:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linguaggio SQL Descriviamo la notazione usata nel seguito:"

Transcript

1 Descriviamo la notazione usata nel seguito: i termini del linguaggio sono sottolineati; i termini variabili sono scritti in corsivo; le parentesi angolari (< >)permettono di isolare un termine della sintassi; le parentesi graffe ({ }) indicano che il termine racchiuso può non comparire o essere ripetuto un numero arbitrario di volte; le parentesi quadre ([ ]) indicano che il termine all interno è opzionale, ovvero può non comparire o non comparire una sola volta; le barre verticali ( ) indicano che il termine deve essere scelto tra uno dei termini separati dalle barre; un elenco di termini alternativi può essere racchiuso tra parentesi angolari. le parentesi tonde () dovranno essere intese come simboli del linguaggio SQL. 06/10/ Domini elementari di SQL: Carattere: il dominio character permette di rappresentare stringhe di caratteri. character [varying ] [ (Lunghezza ) ] [character set Nome famiglia di caratteri ] 06/10/

2 Lunghezza indica la dimensione di una stringa se la lunghezza non è specificata il dominio rappresenta un singolo carattere; Per le stringhe a lunghezza variabile (varying) il numero indica la lunghezza massima della stringa; character = char; varying character = varchar; Nome famiglia di caratteri indica il tipo di alfabeto da utilizzare. 06/10/ character varying (1000) character set Greek Stringa di caratteri dell alfabeto greco a lunghezza variabile di dimensione massima /10/

3 1. Domini elementari di SQL: Bit: il dominio bit viene utilizzato per attributi che possono assumere solo il val ore 0 od 1. bit [varying ] [ (Lunghezza ) ] 06/10/ Lunghezza indica la dimensione di una stringa di bit se la lunghezza non è specificata il dominio rappresenta un bit; per le stringhe a lunghezza variabile il numero indica la lunghezza massima della stringa varying bit = varbit 06/10/

4 bit varying (1000) Stringa di bit a lunghezza variabile di dimensione massima /10/ Domini elementari di SQL: Tipi numerici esatti: domini che permettono di rappresentare valori esatti interi o decimali. numeric [ (Precisione [, Scala ] ) ] decimal [ (Precisione [, Scala ] ) ] integer smallint 06/10/

5 I domini numeric e decimal rappresentano numeri in base decimale. Precisione specifica il numero di cifre significative, segno e punto esclusi; Scala indica quante cifre devono comparire dopo la virgola, se non indicato è pari a zero; Per numeric la precisione rappresenta un valore esatto; Per decimal la precisione rappresenta un requisito minimo; 06/10/ numeric (6,3) Rappresenta valori compresi tra e decimal (4) Rappresenta valori compresi tra e /10/

6 I domini integer e smallint rappresentano numeri interi. La dimensione e la rappresentazione sono lasciate all implementazione. 06/10/ Domini elementari di SQL: Tipi numerici approssimati: domini che permettono di rappresentare valori approssimati mediante rappresentazioni in virgola mobile, in cui a ciascun numero corrisponde una coppia di valori: la mantissa e l esponente. La mantissa è un numero frazionario, l esponente è un numero intero. Il valore approssimato del numero reale si ottiene moltiplicando la mantissa per la potenza di 10 con grado pari all esponente. float [ ( Precisione ) ] double precision real 06/10/

7 La Precisione nel dominio float indica il numero di cifre della mantissa; Nel dominio real la Precisione è fissa; Nel double precision si ha una precisione doppia rispetto al real. 06/10/ float (3) con il numero Si rappresenta come 0.17E7 con 0.17 mantissa 7 esponente 06/10/

8 1. Domini elementari di SQL: Data e ora: descrivono informazioni temporali. data time [ ( Precisione ) ] [ with time zone ] timestamp [ ( Precisione ) ] [ with time zone ] Il dominio date ammette i campi year, month e day Il dominio time ammette i campi hour, minute e second Il dominio timestamp ammette tutti i campi, da year a second 06/10/ Precisione rappresenta il numero di posti decimali che deve essere utilizzato nella rappresentazione delle frazioni di secondo. Se non specificato, è pari a zero per time e a sei per timestamp. Se with time zone è specificato si ha accesso ad altri due campi, timezone_hour e timezone_minute che rappresentano la differenza tra il tempo locale (LC) e il Tempo Universale Coordinato (UCT), o Greenwich Mean Time (GMT). 06/10/

9 time (0 ) with time zone 21:03:04+1:00 Corrispondente al Tempo dell Europa Centrale 06/10/ Domini elementari di SQL: Intervalli temporali: consentono la rappresentazione di intervalli di tempo, come, ad esempio, la durata di un azione. Interval PrimaUnitàDiTempo [ ( Precisione ) ] [ to UltimaUnitàDiTempo [ ( Precisione ) ] ] 06/10/

10 PrimaUnitàDiTempo e UltimaUnitàDiTempo definiscono le unità di misura che devono essere usate, dalla più grande alla più piccola. La definizione è valida nei 2 sottointervalli [year,month] e [day,second]. 06/10/ Interval day(4) to second (6) Rappresenta l intervallo [0,9999] giorni e secondi con precisione al milionesimo di s. 06/10/

11 2. La sintassi per la definizione di una tabella è la seguente: create table TableName (AttributeNameDomain [DefaultValue] [Constraints] {, AttributeNameDomain [DefaultValue] [Constraints] } [OtherConstraints] ) 06/10/ Ogni tabella è definita assegnando il nome e la definizione dei suoi attributi. Ogni attributo ha un nome ed un dominio e un set di vincoli Sono poi definiti i vincoli che coinvolgono più attributi contemporaneamente. Il creatore della tabella ha tutti i privilegi che la riguardano, ossia il diritto di accesso e modifica dei dati. 06/10/

12 La relazione STUDENTI (Matricola, Cognome, Nome, Data di nascita) si può definire come: create table Studenti ( Matricola char (10) primary key, Cognome varchar (100), Nome varchar (100), Data di nascita date ) 06/10/ E possibile definire dei Domini Utente, a partire dai domini elementari. La sintassi è la seguente: create domain DomainName as ElementaryDomain [DefaultValue] [Constraints] 06/10/

13 Ogni dominio è definito assegnando: nome; un dominio elementare che a sua volta può essere user-defined; un valore di default; dei vincoli. Ogni attributo associato a tale dominio ne condivide anche i vincoli. Non esistono costruttori in grado di definire tipi record o array. 06/10/ La sintassi per la definizione di un valore di default [DefaultValue] è la seguente: default < ValoreGenerico user null > Valore generico è un valore compatibile con il dominio scelto; L opzione user definisce come valore di default lo username dell utente che crea la tabella od il dominio; Null è l opzione predefinita. Il valore di default attribuito ad un attributo ha la preminenza sul valore di default attribuito al dominio 06/10/

14 La sintassi per la definizione di un constraint [Constraints] predefinito intrarelazionale la seguente: Primary Key Unique Not null Primary Key definisce la caratteristica di chiave primaria. Se impiegato per più attributi la sintassi diviene, a piè dell elenco degli attributi: Primary Key (NomiAttributiCostituentiLaChiavePrimaria). Nessuno degli attributi della chiave primaria può assumere il valore Null Unique impone, applicato ad un attributo o ad un set di attributi, che esso sia superchiave per la relazione, ossia vi siano valori differenti per righe differenti, che possono però contenere il valore Null. Se impiegato per più attributi la sintassi diviene, a piè dell elenco degli attributi: Unique (NomiAttributiCostituentiLaChiavePrimaria). Not null indica che il valore nullo non è ammissibile come valore per l attributo, che, in assenza di un valore d ingresso, assumerà il valore di default. 06/10/ Vediamo ora come si realizzano i [ Constraints ] interrelazionali di integrità referenziale: references NomeTabellaEsterna (NomeAttributoTabellaEsterna) foreign key (NomeDegliAttributiCoinvolti ) references per ogni riga della tabella corrente (o interna) impone che il valore dell attributo specificato, se diverso dal valore nullo, sia presente nelle righe di un altra tabella (detta esterna) tra i valori del corrispondente attributo. L unico requisito che il vincolo impone è che l attributo cui si fa riferimento nella tabella esterna sia soggetto a vincolo unique, tipicamente è la chiave primaria della tabella esterna. E possibile anche confrontare ennuple di attributi se coinvolte nel vincolo. La sintassi in tal caso diviene foreign key (NomeDegliAttributiCoinvolti ) 06/10/

15 Vincolo di integrità referenziale mediante il costrutto references create table Impiegati ( Numero character (6) primary key Nome character (20) references Supervisori (Impiegato) Età integer Salario numeric (10) ) 06/10/ Vincolo di integrità referenziale mediante il costrutto foreign key e references create table IMPIEGATI ( Numero character (6) primary key Nome character (20) Età integer Salario numeric (10) foreign key (Nome, Numero ) references ANAGRAFICA (Nome, Matricola) ) Il vincolo impone che l attributo Nome e Numero della tabella IMPIEGATI possano assumere solo uno dei valori che le righe della tabella ANAGRAFICA possiedono per l attributo Nome e Matricola. 06/10/

16 Si possono introdurre violazioni modificando il contenuto della tabella interna in due modi: inserendo una nuova riga modificando il valore dell attributo referente. Per ognuna di tali violazioni si assume che l operazione venga semplicemente impedita. 06/10/ Per le tabelle esterne valgono delle regole differenti: Per le operazioni di modifiche, è possibile reagire in uno dei seguenti modi cascade: il nuovo valore dell attributo della tabella esterna viene riportato su tutte le corrispondenti righe della tabella interna; set null: all attributo referente viene assegnato il valore nullo al posto del valore modificato nella tabella esterna; set default: all attributo referente viene assegnato il valore di default posto del valore modificato nella tabella esterna; no action: l azione di modifica non viene consentita, senza che il sistema provi a riparare la violazione. 06/10/

17 Per le operazioni di cancellazione è possibile reagire in uno dei seguenti modi: cascade: tutte le righe della tabella interna corrispondenti alla riga cancellata vengono cancellate; set null: all attributo referente viene assegnato il valore nullo al posto de valore cancellato nella tabella esterna; set default: all attributo referente viene assegnato il valore di default a del valore cancellato nella tabella esterna; no action: la cancellazione non viene consentita. 06/10/ La politica di reazione viene specificata immediatamente dopo il vincolo di integrità, secondo la seguente sintassi: on < delete update > < cascade set null set default no action > 06/10/

18 Stabilire una politica di set null sulle cancellazioni e di cascade per gli update, relativamente alla tabella dell esempio precedente: create table Impiegato ( Numero character (6) primary key Nome character (20) Età integer Salario numeric (10) primary key ( Matricola ), foreign key (Nome, Numero ) references ANAGRAFICA (Nome, Matricola) on delete set null on update cascade, ) 06/10/ SQL fornisce primitive che consentono la modificazione degli schemi delle tabelle precedentemente introdotte: tali primitive sono rappresentate dai comandi: alter drop 06/10/

19 Il comando alter ha la seguente sintassi: alter domain NomeDominio < set default ValoreDefault drop default add constraint DefVincolo drop constraint Nome Vincolo > alter table NomeTabella < alter column NomeAttributo < set default NuovoDefault drop default > add constraint DefVincolo drop constraint NomeVincolo add column DefAttributo drop column NomeAttributo > 06/10/ Tramite alter domain e alter table è possibile: aggiungere e rimuovere vincoli e modificare i valori di default associati ai domini e agli attributi; aggiungere ed eliminare attributi e vincoli sullo schema di una tabella; quando si definisce un nuovo vincolo, questo deve essere soddisfatto dai dati già presenti, altrimenti l inserimento viene rifiutato. 06/10/

20 Estendere lo schema dalla tabella DIPARTIMENTO con un attributo NroUffici che permetta di rappresentare il numero di uffici di cui il dipartimento è dotato: alter table DIPARTIMENTO add column NroUffici numeric (4) 06/10/ Il comando drop ha la seguente sintassi:: drop < schema domain table view assertion > NomeElemento [ restrict I cascade ] 06/10/

21 Il comando drop permette di rimuovere dei componenti, siano essi schemi, domini, tabelle, viste o asserzioni. 06/10/ L opzione restrict specifica che il comando non deve essere eseguito in presenza di oggetti non vuoti: uno schema non è rimosso se contiene tabelle o altri oggetti; un dominio non è rimosso se appare in qualche definizione di tabella; una tabella non è rimossa se possiede delle righe o se è presente in qualche definizione di tabella/vista; una vista non è rimossa se è utilizzata nella definizione di altre tabelle o viste. L opzione restrict è l opzione di default. 06/10/

22 Con l opzione cascade tutti gli oggetti specificati devono essere rimossi. Eliminando uno schema non vuoto tutti gli oggetti che fanno parte dello schema vengono eliminati; Eliminando un dominio che compare nella definizione di qualche attributo, l opzione cascade rimuove il nome di dominio, ma gli attributi definiti utilizzando quel dominio rimangono associati al medesimo dominio elementare. Eliminando una tabella con l opzione cascade, tutte le righe vengono perse e se la tabella compariva in qualche definizione di tabella o vista, anche queste vengono rimosse; Eliminando una vista che compare nella definizione di altre tabelle o viste, anche queste tabelle e viste vengono rimosse. L opzione cascade attiva una reazione a catena: tutti gli elementi che dipendono da un elemento rimosso vengono rimossi, fino a che non si giunge in una situazione in cui non vi sono elementi nella cui definizione compaiono elementi che sono stati rimossi. ( dipendenze non risolte ) 06/10/ dizionario dei dati: descrizione delle tabelle presenti nella base di dati (mediante una struttura relazionale, cioè tramite tabelle) La base di dati contiene quindi due tipi di tabella: quelle che contengono i dati e quelle che contengono i cosiddetti metadati (dati che descrivono i dati). catalogo della base di dati: insieme di tabelle contenenti i metadati Tale caratteristica delle implementazioni dei sistemi relazionali viene detta riflessività. 06/10/

23 Lo standard SQL-2 prevede per il dizionario dei dati una descrizione in due livelli. Definition_schema: insieme di tabelle che contengono la descrizione di tutte le strutture della base di dati. Information_ schema: insieme di viste definite sul definition_schema che costituiscono un interfaccia verso il dizionario dei dati. Contiene un totale di ventitré viste che descrivono la struttura della base di dati. 06/10/ Forniamo un esempio del contenuto di una di queste viste del cat alogo, la vista Columns, per le tabelle Impiegato e Dipartimento. Table Name rappresenta il nome della tabella; Column Name è il nome dell attributo; Ordinal Position descrive la posizione dell attributo nello schema; Column Default specifica il valore di default per l attributo; Is Nullable è un valore booleano che specifica se l attributo può assumere o no un valore nullo. Table_Name Column_Name Ord_Position Column_Default Is_Nullable Impiegato Nome 1 NULL N Impiegato Cognome 2 NULL N Impiegato Dipart 3 NULL N Impiegato Ufficio 4 NULL Y Impiegato Stipendio 5 0 Y Impiegato Città 6 NULL Y Dipartimento Nome 1 NULL N Dipartimento Indirizzo 2 NULL Y Dipartimento Città 3 NULL Y 06/10/

24 La parte di SQL dedicata alla formulazione di interrogazioni fa parte del DML. La separazione tra DML e DDL non è rigida e parte dei servizi di definizione di interrogazioni vengono riutilizzati nella specifica di alcuni aspetti avanzati dello schema. 06/10/ SQL esprime le interrogazioni in modo dichiarativo: si specifica l obiettivo dell interrogazione e non il modo in cui ottenerlo. SQL si contrappone a linguaggi di interrogazione procedurali, (es. l algebra relazionale), in cui l interrogazione specifica i passi da compiere per estrarre le informazioni dalla base di dati. L interrogazione SQL per essere eseguita viene passata all ottimizzatore di interrogazioni, un componente del DBMS il quale analizza l interrogazione e formula a partire da questa un interrogazione equivalente nel linguaggio procedurale interno del sistema di gestione di basi di dati, nascosto all utente. 06/10/

25 Le operazioni di interrogazione in SQL sono specificate mediante l istruzione select: select AttrEspr [ [as] Alias ] {, AttrEspr [ [as] Alias ] } target list from [ Tabella [as] Alias ] { [, Tabella [as] Alias ] } clausola from [ where Condizione ] clausola where 06/10/ L interrogazione SQL seleziona, tra le righe che appartengono al prodotto cartesiano delle tabelle elencate nella clausola from, quelle che soddisfano le condizioni espresse nell argomento della clausola where. La clausola where ammette come argomento un espressione boolena costruita combinando predicati semplici con gli operatori and, or, not. Ciascun predicato semplice usa gli operatori =, <>, >, <, <= e => per confrontare da un lato un espressione costruita a partire dai valori degli attributi per l a riga e dall altro un valore costante o un altra espressione. Il risultato dell esecuzione di una interrogazione SQL è una tabella: si ha una riga per ogni riga selezionata dalla clausola where ed una colonna per ogni colonna che si ottiene dalla valutazione delle espressioni AttrEspr che appaiono nella target list. Ogni colonna viene eventualmente ridenominata con un Alias. Anche le tabelle possono essere ridenominate con un Alias. 06/10/

26 Si consideri una base di dati contenente le tabelle: IMPIEGATO (Nome, Cognome, Dipart, Ufficio, Stipendio,Città) Nome Cognome Dipart Ufficio Stipendio Città Mario Rossi Amministr Carlo Bianchi Produzione Torino Giuseppe Verdi Amministr Roma Franco Neri Distribuzione Napoli Carlo Rossi Direzione Lorenzo Lanzi Direzione 7 73 Genova Paola Bianchi Amministr Venezia Marco Franco Produzione Roma DIPARTIMENTO (Nome, Indirizzo,Città). Nome Indirizzo Città Amministr. Via Tito Livio, 34 Produzione P.Le Lavater Torino Distribuzione Via Segre, 9 Roma Direzione Via Tito Livio, 34 06/10/2010 Ricerca Via Morone 51 Individuare lo stipendio degli impiegati di cognome Rossi select Stipendio as Salario from IMPIEGATO where Cognome = Rossi Salario /10/

27 Estrarre tutte le informazioni relative agli impiegati di cognome Rossi select * from IMPIEGATO where Cognome = Rossi Il carattere * rappresenta la selezione di tutti gli attributi delle tabelle elencate nella clausola from Salario /10/ Estrarre i nomi degli impiegati e le città in cui lavorano select IMPIEGATO.Nome, IMPIEGATO.Cognome, DIPARTIMENTO.Città from IMPIEGATO, DIPARTIMENTO where IMPIEGATO.Dipart = DIPARTIMENTO.Nome La clausola where è applicata sul prodotto cartesiano delle tabelle indicate nella clausola from. Nome Cognome Città Mario Carlo Giuseppe Franco Carlo Lorenzo Paola Marco Rossi Bianchi Verdi Rossi Lanzi Borroni Franco Roma Torino 06/10/ Neri Torino 27

28 Estrarre i nomi degli impiegati e le città in cui lavorano, utilizzando gli alias select I.Nome, I.Cognome, D.Città from IMPIEGATO as I, DIPARTIMENTO as D where Dipart = D.Nome Mediante gli alias si possono abbreviare le interrogazioni. Se non c è ambiguità si possono omettere per gli attributi le indicazioni sulle tabelle di appartenenza. Gli alias sono in realtà delle vere e proprie variabili. Nome Mario Carlo Giuseppe Franco Carlo Lorenzo Paola Marco Cognome Rossi Bianchi Verdi Rossi Lanzi Borroni Franco Roma Torino 06/10/ Neri Città Torino Estrarre i nomi ed i cognomi degli impiegati che lavorano nell ufficio 20 del dipartimento Amministrazione select Nome, Cognome from IMPIEGATO where ufficio = 20 and Dipart = Amministr. Nome Giuseppe Cognome Verdi 06/10/

29 Estrarre i nomi ed i cognomi degli impiegati che lavorano nel dipartimento Amministrazione o Produzione select Nome, Cognome from IMPIEGATO Where Dipart = Amministr. or Dipart = Produzione Nome Mario Carlo Giuseppe Paola Marco Cognome Rossi Bianchi Verdi Borroni Franco 06/10/ Estrarre i nomi propri degli impiegati di cognome Rossi che lavorano nei dipartimenti Amministrazione o Produzione select Nome from IMPIEGATO Where Cognome = Rossi and ( Dipart = Amministr. or Dipart = Produzione ) Nome Mario 06/10/

30 L operatore like consente il confronto di stringhe. Esso è utilizzato in congiunzione con i caratteri speciali _ ed %. _ indica la presenza di un carattere qualsiasi; % indica la presenza di una stringa di caratteri di lunghezza arbitraria. 06/10/ Estrarre i nomi degli impiegati che hanno nel cognome una o in seconda posizione e che terminano per i select * from IMPIEGATO Where Cognome like _o%i Nome Cognome Dipart Ufficio Stipendio Città Mario Rossi Amministr Carlo Rossi Direzione Paola Borroni Amministr Venezia 06/10/

31 In SQL è possibile avere tabelle con righe eguali, ad esempio, come risultato di una interrogazione. Per eliminare i duplicati nella vista si usa la parola chiave distinct immediatamente dopo select. L opzione alternativa è all (default) che al contrario conserva i duplicati. 06/10/ Estrarre le città delle persone con Cognome Rossi select Città from IMPIEGATO Where Cognome = Rossi Città 06/10/

32 Estrarre le città delle persone con Cognome Rossi, facendo comparire ogni città al più una volta select distinct Città from IMPIEGATO Where Cognome = Rossi Città 06/10/ E possibile specificare in maniera differente il join, facendo uso di una sintassi diversa per il comando select: select AttrEspr [ [as] Alias ] {, AttrEspr [ [as] Alias ] } target list from [ Tabella [as] Alias ] { [join type] join [ Tabella [as] Alias ] on Condizione di join} clausola from [ where Condizione ] clausola where 06/10/

33 Il parametro [join type] specifica il tipo di join, che può essere: Inner Right outer Left outer Full L inner join è il tradizionale theta join dell algebra relazionale. 06/10/ Estrarre i nomi degli impiegati e le città in cui lavorano select Nome, Cognome, D.Città from IMPIEGATO inner join DIPARTIMENTO as D on Dipart = Nome Nome Mario Carlo Giuseppe Franco Carlo Lorenzo Paola Marco Cognome Rossi Bianchi Verdi Neri Rossi Lanzi Borroni Franco Città Torino Roma Torino 06/10/

34 Glia alias sono utili quando si deve ad esempio fare il join di una tabella con se stessa, in tal caso essi lavorano come delle vere e proprie variabili, i cui valori sono i nomi delle tabelle corrispondenti. Estrarre i nomi ed i cognomi degli impiegati che hanno lo stesso cognome, ma differente nome, di un impiegato che lavora nel dipartimento Produzione select E1.Nome, E2.Cognome from IMPIEGATO E1, IMPIEGATO E2 Iwhere E1.Cognome = E2.Cognome and E1.Nome <> E2.Nome and E2.Dipart = Produzione Nome Paola Cognome Bianchi 06/10/ Tabelle di verità per AND, OR, NOT AND V F OR V F V V F V V V F F F F V F NOT F V V F 06/10/

35 Sono rappresentate le relazioni STUDENTI, ESAMI, CORSI, con la tabella ESAMI che lega dati presenti nelle prime due. Matricola Cognome Nome Data di nascita STUDENTI 1000 Rossi Mario 7/6/ Verdi Carlo 5/5/ Neri Marco 8/5/ Bianchi Luca 8/8/ Spirito Gianfranco 12/11/70 ESAMI Codice Titolo Docente CORSI Studente Voto Corso 01 Database Alto Reti Basso Linguaggi Magro /10/ Quindi la base dati dell esempio precedente avrà il seguente schema: R = { STUDENTI (Matricola, Cognome, Nome, Data di nascita), ESAMI (Studente, Voto, Corso) CORSI (Codice, Titolo, Docente) } 06/10/

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 1 Il linguaggio SQL Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 2 Introduzione SQL (Structured Query Language)

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste AEROPORTO (Città, Nazione, NumPiste) VOLO (IdVolo, GiornoSett, CittàPart, OraPart, CittàArr, OraArr, TipoAereo) AEREO (TipoAereo, NumPasseggeri, QtaMerci) Datalog - Aeroporti da cui non partono aerei per

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1. Floating Point Notazione in virgola mobile N = M BE mantissa base esponente esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.6273 102 forma normalizzata: la mantissa ha una sola cifra

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Progettazione Logica

Progettazione Logica PROGETTAZIONE Ricordiamo le fasi della progettazione di una Base di Dati Progett. CONCETTUALE Progett. LOGICA Progett. FISICA Ci occuperemo adesso della progettazione logica R.Gori - G.Leoni BD Relazionali

Dettagli

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI c 88-08-07003-4 1 Approfondimenti Capitolo 2 SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI I sistemi relazionali ad oggetti sono sistemi basati sul modello dei dati relazionale esteso con le caratteristiche tipiche

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

I class diagram. Class - names

I class diagram. Class - names I class diagram Forniscono una vista strutturale (statica) del sistema in termini di classi attributi operazioni relazioni tra classi (associazioni, generalizzazioni,...) Un class diagram rappresenta uno

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

Rappresentazione numeri in virgola mobile

Rappresentazione numeri in virgola mobile Rappresentazione numeri in virgola mobile Un numero non intero può essere rappresentato in infiniti modi quando utilizziamo la notazione esponenziale: Es. 34.5 = 0.345 10 2 = 0.0345 10 3 = 345 10-1 Questo

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà:

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: naturale, se la frazione è apparente. Esempi: 4 2 2 60 12 5 24 8 decimale limitato o illimitato, se

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Manuale di Okteta. Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith

Manuale di Okteta. Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith 2 Indice 1 Introduzione 6 2 Fondamentali 7 2.1 Avviare Okteta........................................ 7 2.2 Uso..............................................

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli