Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale"

Transcript

1 Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale SEZIONE A TRATTAMENTO DI DATI CON L AUSILIO DI STRUMENTI INFORMATICI Al fine di garantire la riservatezza e l integrità dei dati personali, sensibili o giudiziari trattati mediante strumenti elettronici è adottato un insieme di misure comportamentali, tecniche ed operative, applicate a vari livelli, fra cui: - norme comportamentali ed operative per i responsabili dei trattamenti - norme comportamentali ed operative per gli incaricati dei trattamenti - norme comportamentali ed operative per i gestori dell infrastruttura telematica - configurazione e gestione dei sistemi di elaborazione centrali - configurazione e gestione dei sistemi di elaborazione in uso agli incaricati - configurazione e gestione dell infrastruttura della rete di comunicazione interna all Amministrazione - configurazione e gestione dell accesso alla rete pubblica di comunicazione Tali misure sono attuate in base a criteri elaborati internamente all Amministrazione, sulla base dei compiti istituzionali propri dell Amministrazione, dei requisiti necessari per garantirne il funzionamento, e delle diverse priorità, e comunque nei termini di legge laddove previsti. Per quanto riguarda le persone fisiche, interne ed esterne all Amministrazione, a qualche titolo coinvolte nel trattamento di dati personali, sensibili o giudiziari, sono applicate misure di informazione, formazione e sensibilizzazione sul tema del trattamento dei suddetti dati. In particolare, sono esplicitamente richiamate le norme in materia, e sono altresì indicate le norme comportamentali sia di carattere generale che relative agli specifici trattamenti che coinvolgono il responsabile del trattamento e/o l incaricato. Per quanto riguarda la gestione dei sistemi elettronici coinvolti nel trattamento, sono adottate misure atte a garantire che questi operino applicando i più recenti criteri e strumenti tecnologici per garantire la riservatezza e l integrità dei dati, compatibilmente con i vincoli ed i requisiti di ciascun trattamento. In generale tali misure sono adottate considerando anche criteri di uniformità e semplicità sia tecnica che organizzativa, per garantire, oltre che adeguati meccanismi di protezione, un agevole gestione e uso dei medesimi. A tal fine, si predilige una gestione centralizzata dei sistemi di archiviazione, elaborazione ed trasmissione delle informazioni. L Ufficio cura la manutenzione degli strumenti informatici centralizzati, anche con riferimento agli aspetti della sicurezza, nei limiti delle proprie competenze tecniche, e compatibilmente con caratteristiche e vincoli dei singoli sistemi, delle singole banche dati e delle singole applicazioni. Su richiesta dei singoli Uffici i possono intervenire anche nella manutenzione degli strumenti. A tal fine la Direzione Generale Servizi Interni designa al trattamento dei dati personali comuni, sensibili e giudiziari, con riferimento alle attività di manutenzione tecnica degli strumenti elettronici, anche i dipendenti dei che, pur non essendo assegnati alle Direzioni responsabili dei singoli trattamenti, svolgono le funzioni di manutenzione in collaborazione con le Direzioni medesime, come risultante da atti dei responsabili delle singole direzioni. L Ufficio segue costantemente l evoluzione delle tecnologie telematiche per il trattamento delle informazioni, delle possibili minacce (accidentali o dolose) di cui possono essere oggetto, così come degli strumenti e delle tecniche atti a rilevarle e neutralizzarle. Concretamente, il personale dell Ufficio individua ed applica tecnologie e metodi atti a garantire la riservatezza e l integrità dei dati, nonché la loro disponibilità, sì da conformarsi agli obblighi di legge, e comunque da risultare in linea con lo stato dell arte delle tecnologie telematiche. L Ufficio provvederà anche

2 a segnalare ai competenti Uffici dell Amministrazione eventuali e significative evoluzioni in materia qualora queste possano influenzare le scelte e l operato degli Uffici. L Ufficio persegue i suddetti obiettivi anche attraverso una periodica e mirata formazione del personale tecnico atta a consolidarne e accrescerne le conoscenze in materia.

3 Tabella A - Analisi dei rischi e relative fattispecie, misure e relatiivi stato di adozione e competenza Rischio (R) Fattispecie (F) Misura (M) Stato (S) Competenza (C) 1 Accesso non autorizzato ai dati Mancata autenticazione e/o autorizzazione 2 Sottrazione/cessione di credenziali di autenticazione 3 Carenza di consapevolezza, disattenzione, incuria 4 Sottrazione di supporti removibili di adeguati strumenti per l autenticazione e l autorizzazione degli incaricati Formazione, informazione, sensibilizzazione Formazione, informazione, sensibilizzazione circa gli oneri ed i rischi connessi al trattamento dei dati Formazione, informazione, sensibilizzazione 5 Conservazione dei supporti in locali ad accesso controllato; distruzione dei supporti removibili inutilizzati centrali) 6 personali) 7 Sottrazione di supporti non removibili 8 Sottrazione e diffusione dei dati da parte di soggetti autorizzati ad eccedere ai dati Memorizzazione dei dati su sistemi centrali ubicati in locali ad accesso controllato, per consentire la regolamentazione dell accesso sia da un punto di vista fisico che logico. Verifica della sussistenza delle qualità per la concessione dell autorizzazione; definizione di profili di accesso con granularità fine Titolare Titolare Titolare Responsabile Responsabile Responsabile

4 Rischio (R) Fattispecie (F) Misura (M) Stato (S) Competenza (C) 9 Accesso da parte di soggetti che hanno perso le qualità per accedere ai dati Tempestivo adeguamento dei profili di autorizzazione; sensibilizzazione dei responsabili dei trattamenti affinché comunichino tempestivamente la perdita di qualità da parte degli incaricati; periodica verifica della sussistenza delle condizioni per la conservazione dei Responsabile 10 Interventi di manutenzione sui sistemi ad opera di soggetti esterni 11 Azione di virus informatici o comunque di programmi suscettibili di recare danni Carenza di consapevolezza, disattenzione, incuria 12 Assenza di opportuni sistemi di protezione profili. I soggetti esterni operanti la manutenzione devono impegnarsi formalmente a dare istruzioni al proprio personale affinché tutti i dati e le informazioni di cui verranno a conoscenza in conseguenza della loro attività vengono considerati riservati e come tali trattati. A questo proposito i soggetti sono inclusi fra gli incaricati del trattamento. Formazione, informazione, sensibilizzazione Installazione sistematica, sui sistemi che possono essere oggetto di simili azioni, di programmi atti ad identificare e neutralizzare virus o altri programmi pericolosi. Responsabile Titolare

5 Rischio (R) Fattispecie (F) Misura (M) Stato (S) Competenza (C) 13 Mancato aggiornamento dei sistemi di protezione Aggiornamento periodico (e comunque almeno semestrale), gestito centralmente ed eseguito in automatico dei programmi di protezione e dei 14 Indisponibilità dei servizi 15 Malfunzionamento, indisponibilità o degrado dei sistemi Spamming o altre tecniche di sabotaggio Mancata rilevazione di malfunzionamento, indisponibilità o degrado 16 Guasto dei sistemi fisici 17 Insufficienza delle risorse 18 Interruzione dei collegamenti dati tra le sedi relativi codici Installazione e gestione di sistemi atti ad identificare e neutralizzare attacchi atti a rendere indisponibili i servizi, con particolare riferimento ai servizi che si affacciano sulla rete esterna Sistema di monitoraggio atto a rilevare il corretto funzionamento dei singoli sistemi Ricorso, almeno per i sistemi che compongono l infrastruttura centrale, a soluzioni per garantire affidabilità e disponibilità tramite meccanismi di ridondanza o l individuazione di componenti alternativi Costante monitoraggio dell uso delle risorse, ed eventuali azioni integrative atte a garantire ragionevoli margini operativi Ripristino dei collegamenti da parte fornitori di connettività 19 Allestimento di collegamenti alternativi centrali) Altri uffici, Titolare

6 Rischio (R) Fattispecie (F) Misura (M) Stato (S) Competenza (C) 20 Guasto a sistemi complementari impianto elettrico Limitatamente ai sistemi centrali, installazione di gruppi di continuità per garantire il corretto spengimento dei sistemi, in attesa della 21 Guasto a sistemi complementari impianto di condizionamento 22 Accessi esterni non autorizzati Accesso dalla rete pubblica (Internet) riparazione del guasto. Limitatamente ai sistemi centrali, installazione di opportuni sensori di temperatura nei locali ospitanti, e disattivazione dei sistemi in caso superamento dei valori limite fino a riparazione del guasto. Protezione delle risorse interne tramite adeguati strumenti fisici e logici (router, firewall, proxy, ) 23 Periodico aggiornamento dei sistemi di protezione di cui sopra 24 Intercettazione di informazioni rete pubblica 25 Intercettazione di informazioni in rete privata 26 Ingressi non autorizzati a locali/aree ad accesso ristretto Assenza di vincoli fisici che impediscano l accesso Uso di protocolli a crittografia forte per garantire la riservatezza dell informazione Uso di strumenti per la separazione fisica (switch) e logica (vlan) per garantire la riservatezza dell informazione Introduzione di opportuni vincoli (chiavi, tessere magnetiche, codici, ), nei locali in cui esistono i presupposti tecnici. In corso studio di fattibilità avanzata per gli altri locali tecnici. Altri uffici Altri uffici,

7 Rischio (R) Fattispecie (F) Misura (M) Stato (S) Competenza (C) 27 Uso improprio dei vincoli Definizione di regole comportamentali ed opportuna formazione, informazione e sensibilizzazione del Titolare 28 Perdita dei dati Eventi distruttivi naturali, artificiali, dolosi, accidentali o dovuti ad incuria 28a personale autorizzato Definizione ed applicazione di procedure per il salvataggio ed il ripristino dei dati su supporti removibili. 29 Definizione ed applicazione di procedure per il salvataggio ed il ripristino dei dati tra sedi geograficamente distanti 29a centrali) personali) centrali) personali) Responsabile Responsabile Nell ambito dell Amministrazione è stato individuato un numero limitato di tipologie di strumenti informatici per il trattamento dei dati, e che sono state quindi messe in relazione con i rischi e le misure riportate in Tabella A. Le diverse tipologie di strumenti e le relazioni con la Tabella A sono riportate nella tabella che segue. Tabella B Classificazione degli strumenti informatici in relazione a rischi e misure di cui in Tabella A Tipo Righe della Tabella A che si applicano allo specifico strumento strumento 1 applicazione 1, 5, 12, 13, 15, 16, 17, 18, 20, 21, 22, 23, 25, 26, 28 centrale intranet 2 applicazione 1, 5, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 28 centrale Internet 3 file server 1, 5, 12, 13, 15, 16, 17, 20, 21, 22, 23, 26, 28 4 pc incaricato 1, 6, 7, 8, 10, 12, 13, 22, 23, 26, 28 5 pc incaricato esterno al dominio 6, 7, 8, 10, 28

8 Specifiche misure di sicurezza di autenticazione e autorizzazione L accesso ai dati tramite strumenti elettronici collocati presso le sedi centrale e periferiche dell Amministrazione è regolato da meccanismi di autenticazione ed autorizzazione articolati su più livelli: - un primo livello di regolamentazione degli accessi, ove disponibile, prevede il controllo dell accesso alla risorsa fisica tramite una parola chiave nota all utente che ha in uso la risorsa, sia al responsabile dell Ufficio da cui l utente afferisce; - ad un secondo livello, l accesso è regolato dai meccanismi di protezione forniti dai sistemi operativi: ciascun utente dispone di una coppia di credenziali per l accesso al sistema operativo ed alle funzionalità da questo gestite (es. installazione, configurazione e manutenzione del sistema operativo e delle applicazioni, esecuzione delle applicazioni, accesso alle risorse locali e remote). Autenticazione ed autorizzazione sono gestite, nella maggior parte dei casi, attraverso un apposita infrastruttura centralizzata: - ad un terzo livello, l accesso è regolato da meccanismi di autenticazione ed autorizzazione attivati dalle singole applicazioni utilizzate per i diversi trattamenti. In taluni casi le applicazioni si appoggiano a meccanismi compresi nell applicazione stessa, in altri casi si appoggiano all infrastruttura di cui al punto precedente. E in atto una misura atta a diffondere maggiormente il ricorso a quest ultima soluzione, almeno per quanto concerne l autenticazione. L accesso alle singole funzionalità, a livello sia di sistema operativo che di applicazioni, è controllato tramite un meccanismo di autorizzazione basato su profili, definiti sia individualmente che per classi di utenza omogenee. Agli utenti sono comunicati, sia esplicitamente (attraverso specifiche istruzioni) che implicitamente (richiamando la normativa), gli obblighi relativamente al trattamento di dati personali, sensibili e giudiziari. In particolare, sono impartite istruzioni affinché: - siano adottate le necessarie cautele per assicurare la segretezza della parte segreta delle credenziali ai diversi livelli; - la parola chiave sia composta di almeno 8 caratteri (ove possibile), non contenga riferimenti agevolmente riconducibili all utente, sia modificata al primo utilizzo, e successivamente almeno ogni 6 mesi (3 nel caso di dati sensibili o giudiziari); - non sia lasciato incustodito ed accessibile lo strumento per l accesso ai dati. Sono inoltre di attivazione alcune misure per consentire la verifica automatica e l eventuale applicazione forzata dei vincoli di cui sopra. Infine, ai responsabili dei trattamenti sono impartite istruzioni affinché - siano definiti, eventualmente con il supporto dei responsabili dei, i profili delle autorizzazioni per gli incaricati del trattamento dati; - siano disattivate (tramite intervento diretto sui sistemi o tramite tempestiva comunicazione ai responsabili dei sistemi informativi) le credenziali degli utenti qualora questi perdessero le qualità per l accesso ai dati.

9 Altre misure di sicurezza Oltre ai suddetti meccanismi di autenticazione ed autorizzazione, sono adottate opportune misure affinché l infrastruttura telematica dell Amministrazione risulti protetta rispetto ad accessi non autorizzati sia dall interno che dall esterno. A questo scopo la rete dell Amministrazione è suddivisa in varie zone, a ciascuna delle quali sono applicati diversi criteri di autenticazione, autorizzazione, sicurezza e protezione. Tale suddivisione è realizzata mediante l uso di più strumenti, sia fisici che logici (switch, router, firewall, proxy, ), operanti su più livelli. La rete di comunicazione dell Amministrazione ( Intranet ) e la rete pubblica di comunicazione ( Internet ) sono collegate in maniera tale da limitare allo stretto necessario lo scambio di dati. In particolare la separazione delle reti è tale per cui non sono previsti accessi diretti alla rete interna; infatti, i dati in transito sono veicolati da appositi strumenti per il monitoraggio del traffico, sì da rilevare ed impedire traffico non autorizzato. I sistemi e le applicazioni, che si trovano tanto sulla rete esterna che su quella interna, sono aggiornati periodicamente per applicare le correzioni sviluppate dai fornitori per rimuovere le vulnerabilità note. Tali aggiornamenti sono effettuati, almeno per quanto riguarda i sistemi che si affacciano sulla rete esterna, non appena questi si rendono disponibili ed è stata verificata la loro compatibilità con gli altri componenti dell intera infrastruttura, e comunque con frequenza almeno semestrale. Per quanto riguarda sistemi ed applicazioni delle postazioni degli utenti sulla rete interna, gli aggiornamenti avvengono periodicamente, e, nella maggior parte dei casi, in modo automatico. La configurazione standard dei sistemi di elaborazione che possono essere oggetti di programmi informatici del tipo virus, worm o trojan, comprende anche strumenti ( antivirus ) atti ad individuare e possibilmente eliminare tali programmi. Questi strumenti vengono aggiornati entro pochi giorni dal rilascio di una nuova versione dei codici di identificazione e rimozione da parte del fornitore, e comunque con cadenza almeno settimanale. La riservatezza dei dati personali, sensibili o giudiziari è perseguita anche attraverso la realizzazione di un infrastruttura telematica che non consenta la lettura e la manomissione di flussi di dati, da parte di soggetti diversi da quelli direttamente interessati allo scambio di dati. A questo proposito sono state adottate misure atte a realizzare una separazione dei canali di comunicazione si dal punto di vista fisico (impiego capillare di apparati di rete switched ) che da quello logico (criptazione del traffico, definizione di sottoreti protette, ).

10 Misure per il ripristino e la disponibilità dei dati Per garantire il ripristino dei dati in caso di danneggiamento degli stessi o dei sistemi che li trattano, nel caso dei sistemi centrali sono applicate procedure automatizzate per l archiviazione periodica (con frequenza giornaliera, o al più settimanale) dei dati su supporti removibili e non, ottici o magnetici. I gestori dei sistemi informativi verificano periodicamente il corretto funzionamento delle suddette procedure. Al fine di incrementare l integrità dei dati ed il loro ripristino, con particolare riferimento ad eventi naturali, accidentali o dolosi che interessino i locali presso i quali sono ospitati i sistemi e le copie di sicurezza dei dati, oltre alle procedure per salvataggio e ripristino tra sedi geograficamente distanti, è stata adottata una soluzione per l archiviazione di sicurezza dei dati anche su sistemi geograficamente distanti, ubicati in sedi diverse da quella presso la quali i dati sono solitamente trattati. Si prevede inoltre l acquisizione di una nuova soluzione di archiviazione che, previa verifica della disponibilità di idonei locali tecnici, potrà consentire anche il salvataggio automatico dei dati presso sedi diverse avvalendosi della rete di comunicazione interna all Amministrazione. Nel caso di dati archiviati sui sistemi in uso agli incaricati, sono impartite disposizioni per l archiviazione periodica (almeno settimanale) dei dati su supporti removibili, e per la corretta conservazione di questi ultimi. Le diverse tipologie di criteri e procedure per il salvataggio e ripristino dei dati in essere o d adozione all interno dell Amministrazione sono riportate nella tabella seguente, e sono utilizzate per la compilazione delle schede relative ai diversi trattamenti. Tabella C Criteri e procedure per il salvataggio e il ripristino della disponibilità dei dati Criteri e procedure per Tipo il salvataggio Frequenza dei salvataggi: almeno 1 volta al giorno Storico: almeno 3 giorni Utilizzo di procedure automatizzate per l'archiviazione dei dati su supporti non removibili (hard disk) e removibili 1(nastri). Frequenza dei salvataggi: almeno 1 volta al giorno Storico: almeno 3 giorni Utilizzo di procedure automatizzate per l'archiviazione dei dati su supporti removibili e non, 2ottici o magnetici. 3Frequenza dei salvataggi: almeno 1 volta al giorno Storico: almeno 5 giorni Utilizzo di procedure Pianificazione delle prove di ripristino, per i soli dati, con cadenza annuale. Non prevista per l intero sistema (hw, applicazioni)., per i soli dati, con cadenza annuale. Non prevista per l intero sistema (hw, applicazioni). Criteri e procedure per il ripristino dei dati Ripristino dei dati dai supporti non removibili (hard disk) e removibili (nastri). Ripristino dei dati dai supporti removibili e non, ottici o magnetici. Ripristino con procedure semiautomatiche dei dati archiviati Luogo di custodia delle copie Locali ad accesso controllato diversi dalla collocazione delle macchine interessate dai salvataggi Struttura o persona incaricata del salvataggio Locali ad accesso controllato Locali ad accesso controllato

11 automatizzate per l'archiviazione dei dati su hard disk Frequenza dei salvataggi: almeno 1 volta alla settimana Storico: almeno 1 settimane Utilizzo di procedure automatizzate per l'archiviazione dei dati su supporti removibili e non, 4ottici o magnetici. 5Occasionale Non previsto Salvataggio settimanale su PC dedicato, mediante software installato in 6locale su hard disk Ripristino con procedure semiautomatiche dei dati dai supporti removibili e non, ottici o magnetici su supporti removibili Supporti non removibili Cassaforte ad accesso controllato in locali diversi dalla collocazione delle macchine interessate dai salvataggi variabile Locali ad accesso controllato Responsabile / incaricato Misure di tutela e garanzia Particolari misure di tutela e garanzia sono adottate nel caso in cui nella realizzazione dei sistemi ed nel trattamento dei dati sono coinvolti soggetti esterni. In particolare, nel caso cui i sistemi informativi per il trattamento dei dati personali e/o sensibili siano realizzati o acquisiti da soggetti esterni all Amministrazione, è richiesta al soggetto fornitore il soddisfacimento dei requisiti di cui al D.Lgs. 196/2003 e degli altri requisiti che l Amministrazione, caso per caso, riterrà opportuno formulare al fine di garantire la riservatezza e l integrità dei dati. Nei casi in cui il trattamento (anche in forma parziale) dei dati personali e/o sensibili sia affidato a soggetti esterni all Amministrazione, si richiede che questi rispettino, durante l esecuzione del contratto di servizi, tutti gli obblighi imposti dal D.Lgs. 196/2003 sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati nonché dagli allegati al decreto suindicato sull individuazione delle misure minime di sicurezza per il trattamento dei dati. In relazione ai diversi servizi i soggetti esterni assumono gli obblighi di incaricato del trattamento dei dati personali, nei casi per i quali i compiti affidati comportino lo svolgimento di singole operazioni ed elaborazioni. I soggetti devono impegnarsi formalmente a dare istruzioni al proprio personale affinché tutti i dati e le informazioni di cui verranno a conoscenza durante lo svolgimento del servizio, vengono considerati riservati e come tali trattati. I soggetti esterni sono altresì tenuti ad identificare le persone coinvolte nell erogazione del servizio e a nominarle incaricati al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03. In particolare, al personale sono impartite istruzioni al riguardo circa la non possibilità di copiare i dati, se non vi sia una stretta necessità, ovvero imponendo l'obbligo di cancellare le copie necessarie dopo aver espletato la propria attività. Quanto detto sopra si applica anche ai soggetti esterni incaricati della manutenzione fisica e logica dei sistemi informativi, con particolare riferimento alla infrastruttura di rete, alla manutenzione dei sistemi informativi per i quali sono richieste delle credenziali, così come alla manutenzione dei dispositivi dotati di supporti (rimovibili e non) per la memorizzazione permanente dei dati, in particolar modo qualora l attività di manutenzione richieda il trasferimento dei supporti e/o dati al di fuori delle sedi dell Amministrazione. In caso di difetti ai supporti di memorizzazione che ne richiedano la sostituzione, si richiede comunque la restituzione all Amministrazione del supporto difettoso oppure,

12 alternativamente, l attestazione della cancellazione definitiva dei dati ovvero dell avvenuta distruzione del supporto medesimo.

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Università - 2 - PREMESSA Scopo della presente procedura è illustrare le norme comportamentali/tecniche cui gli Incaricati devono

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI E SERVIZI INFORMATICI PER GLI ENTI IN GESTIONE ASSOCIATA DEL NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI E SERVIZI INFORMATICI PER GLI ENTI IN GESTIONE ASSOCIATA DEL NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE SIA Sistemi Informativi Associati DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI E SERVIZI INFORMATICI PER GLI ENTI IN GESTIONE ASSOCIATA DEL NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE (approvato con delibera di Giunta n.

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 597 del 23/01/2012 Proposta: DPG/2012/462 del 13/01/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali, sono espressamente indicati dal Testo Unico sulla privacy, che ha provveduto anche a descriverne profilo e funzioni.

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

ADEMPIMENTI PREVISTI DAL CODICE DELLA PRIVACY Dott. Ernesto Russo Studio Legale Tributario Martinelli-Rogolino russo@martinellirogolino.

ADEMPIMENTI PREVISTI DAL CODICE DELLA PRIVACY Dott. Ernesto Russo Studio Legale Tributario Martinelli-Rogolino russo@martinellirogolino. ADEMPIMENTI PREVISTI DAL CODICE DELLA PRIVACY Dott. Ernesto Russo Studio Legale Tributario Martinelli-Rogolino russo@martinellirogolino.it 1. Il Codice della Privacy Come è noto la Legge n. 675/96 in materia

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Regolamento per l'accesso alla rete Indice

Regolamento per l'accesso alla rete Indice Regolamento per l'accesso alla rete Indice 1 Accesso...2 2 Applicazione...2 3 Responsabilità...2 4 Dati personali...2 5 Attività commerciali...2 6 Regole di comportamento...3 7 Sicurezza del sistema...3

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Policy per fornitori

Policy per fornitori Policy per fornitori Con riferimento alla Decisione 32/2008 del Presidente dell EUI e in particolare degli articoli 4, 5 e 6 il fornitore è tenuto alla sottoscrizione della Dichiarazione dell impegno del

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014.

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. 1. SOCIETA PROMOTRICE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via Mantova, 166-43122 Parma C.F. e iscrizione al registro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI SEGRETARIATO GENERALE Direzione III Segretariato Generale Direzione III (Regolamento per il diritto di accesso ai documenti e alle

Dettagli

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Il software descritto nel presente

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali DATAMATIC S.p.A DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI Allegato 5 - Informativa Clienti e Fornitori Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Polizza CyberEdge - questionario

Polizza CyberEdge - questionario Note per il proponente La compilazione e/o la sottoscrizione del presente questionario non vincola la Proponente, o ogni altro individuo o società che la rappresenti all'acquisto della polizza. Vi preghiamo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Perché un software gestionale?

Perché un software gestionale? Gestionale per stabilimenti balneari Perché un software gestionale? Organizzazione efficiente, aumento della produttività, risparmio di tempo. Basato sulle più avanzate tecnologie del web, può essere installato

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli