CAP. 5 Gli altri impianti termoelettrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAP. 5 Gli altri impianti termoelettrici"

Transcript

1 CAP. 5 Gli altri impianti termoelettrici. Cogenerazione La cogenerazione è definita come produzione combinata di elettricità e di calore, entrambi intesi come effetti utili, con un processo in cascata. La precisazione concernente l utilità del calore è necessaria in quanto qualsiasi motore termodinamico produce calore, come risultato dell incompleta conersione in potenza meccanica della potenza termica entrante nel ciclo. Il processo in cascata comprende essenzialmente due casistiche: quella topping, in cui la produzione elettrica è effettuata con un ciclo termodinamico ad alta temperatura (che in genere utilizza combustibile come fonte energetica) e la produzione termica è conseguente al rilascio di calore dal ciclo; quella bottoming, in cui il calore entrante nel ciclo termodinamico di produzione di energia elettrica è il cascame di un utilizzatore di calore ad alta temperatura. Il Decreto Legislatio n. 79/99 ha indicato la priorità di utilizzazione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnoabili e di quella prodotta mediante impianti di cogenerazione. L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, responsabile insieme al Gestore del Sistema Elettrico dell applicazione di tale indicazione, ha emanato il 9 marzo 00 una delibera che stabilisce che un impianto può essere chiamato di cogenerazione se il suo indice di risparmio energetico IRE è superiore al 5%. ale indice esprime il risparmio percentuale di combustibile primario realizzato in un anno solare da un impianto cogeneratio rispetto a due ipotetici impianti, uno dei quali produce esclusiamente energia elettrica e l altro soltanto energia termica. Il consumo di combustibile di questi due impianti è confrontato, a parità di energia elettrica ed energia termica prodotte, con il consumo effettio dell impianto di cogenerazione. La delibera stabilisce anche un alore minimo (5%) dell incidenza percentuale della produzione termica rispetto all energia totale prodotta dall impianto, rispetto cioè alla somma dell energia elettrica e di quella termica. La legislazione attuale riconosce alla cogenerazione alcuni benefici, i principali dei quali sono: esenzione dall obbligo di acquisto di Certificati Verdi relatii alla quota di energia elettrica prodotta da fonti non rinnoabili; diritto all utilizzazione prioritaria dell energia elettrica prodotta da impianti di cogenerazione, dopo quella prodotta da fonti rinnoabili; qualifica di Cliente Idoneo per il mercato libero del gas naturale; possibile ottenimento di titoli di efficienza energetica commerciabili.

2 Pertanto, in tale sistema cogeneratio esistono quattro flussi energetici rileanti che attraersano la frontiera tra il sistema e l ambiente: la potenza termica Q in siluppata dalla combustione completa del combustibile immesso nell impianto (di norma con riferimento al suo potere calorifico inferiore); la potenza elettrica netta W, primo effetto utile; la potenza termica utile netta Q u, secondo effetto utile; la potenza termica dispersa ΣQ diss, che chiude il bilancio di primo principio del sistema ed è la somma delle arie dispersioni che possono essere allocate nei diersi processi presenti nel sistema. Vale la relazione: Q W + Q + ΣQ in La definizione di rendimento di un sistema cogeneratio non è operazione unioca, poiché, a fronte di una spesa energetica rappresentata da Q in, i sono due effetti utili W e Q u che hanno dierso alore termodinamico ed economico e possono essere pesati in modo dierso. (Il problema non si pone inece in una centrale elettrica, essendo presente un unico e ben determinato effetto utile, oero W). Anzitutto, bisogna dire che indici che tengono conto di solo due dei tre flussi energetici W, Q u e Q in non possono essere considerati rendimenti in senso proprio: sono solo indici utili per stabilire certe caratteristiche dell impianto, ma non sono certo in grado di attribuirgli un merito. ali indici sono: W il rendimento elettrico η el Q il rendimento termico η l indice elettrico I e u th W Q u diss Q Q Per tener conto di entrambi gli effetti utili è naturale definire un rendimento di primo principio: W + Q η I Q Questo rendimento, sicuramente utile in termini quantitatii, ha però il difetto di attribuire lo stesso alore ad elettricità e calore, approccio lacunoso sia dal punto di ista energetico che da quello economico. E allora possibile riferirsi ad un rendimento di secondo principio, definito come: in u u in in η II W + Qu Q in 0 x in cui il calore è pesato con il suo equialente meccanico, intendendo come x la temperatura media a cui è reso disponibile il calore e 0 la temperatura dell ambiente di riferimento. uttaia anche questo rendimento η II, seppure ineccepibile dal punto di ista termodinamico, ha in genere il difetto opposto a η I, cioè quello di attribuire un alore in genere troppo basso al calore utile (soprattutto per alori di x medio-bassi) e di dare conseguentemente una alutazione riduttia all opportunità di effettuare la cogenerazione.

3 Conseguentemente, per esprimere con un unico indice la qualità termodinamica di un operazione di cogenerazione, coniene operare un confronto tra i consumi energetici del nostro impianto e quelli che si arebbero producendo gli stessi effetti utili in assenza di cogenerazione. I flussi di combustibile chiamati in causa sono quelli indicati in figura: F è il combustibile necessario nell impianto cogeneratio, F WC è il combustibile necessario a produrre W in una normale centrale elettrica con rendimento η elc, F QC è il combustibile necessario a produrre Q u in una caldaia conenzionale con rendimento η thc. Chiamando F C la somma F WC +F QC, è allora possibile definire un indice di risparmio energetico: IRE F C F F C F WC F + F QC W η elc F Q + η u thc Questo indice esprime chiaramente quanto combustibile abbiamo risparmiato utilizzando la cogenerazione rispetto alla produzione separata degli stessi beni: è quindi il riferimento più opportuno per alutare la conenienza energetica in termini globali di un processo cogeneratio. A questo concetto si ispirano altri indici utilizzati nelle applicazioni; tra questi è molto diffuso il rendimento di produzione elettrica η pe : η pe W F F QC W Q F η u thc che attribuisce alla produzione elettrica solo la quota di combustibile in più rispetto alla produzione termica con una caldaia. ale rendimento η pe è facilmente confrontabile con η elc, stabilendo come la cogenerazione consenta di produrre elettricità con un rendimento superiore alle centrali puramente elettriche. 3

4 . Centrali a recupero Nelle industrie chimiche, cartarie, tessili, alimentari si ha soente la necessità di aere disponibile, oltre all energia elettrica, una noteole quantità di apore, a pressione relatiamente bassa, per le laorazioni. Viene allora prodotto apore con temperatura e pressione superiori a quelle di utilizzazione e si sfrutta in un turbogruppo, per la produzione dell energia elettrica necessaria per lo stabilimento, il maggior salto entalpico disponibile. Dette: G portata del apore iniato alla turbina, p pressione del apore allo scarico della turbina (che è pari alla pressione del apore alle utilizzazioni, maggiorata delle perdite di carico nelle tubazioni), t temperatura del apore allo scarico della turbina (che sarà di 0 30 C superiore alla temperatura di saturazione, onde eitare che il apore arrii umido alle utilizzazioni), h entalpia del apore allo scarico della turbina, P u potenza elettrica netta utile, P a potenza assorbita dagli ausiliari, η mt rendimento meccanico della turbina, η a rendimento dell alternatore, Pu + Pa il salto entalpico, che dorà essere utilizzato dalla turbina, sarà Δh η η G mt a L entalpia del apore all ingresso in turbina dorà essere h h + Δh Per ricaare la temperatura e la pressione del apore si determinerà dapprima sul diagramma di Mollier il punto corrispondente all espansione teorica isoentropica che aerrebbe fra e, utilizzando in turbina il salto adiabatico Δh ad che è maggiore di Δh. Δh Il punto si troa sulla isobara p in corrispondenza dell entalpia h + Δh Δhad h + Δh ηi Δh essendo η i il rendimento termodinamico della turbina. Δhad Il punto corrispondente alle caratteristiche del apore all ingresso in turbina sarà l intersezione della isoentropica passante per e della isoentalpica h.. 4

5 Se le caratteristiche del apore sono ammissibili per un impianto razionale, si costruirà un impianto a recupero totale. Se pressione e temperatura sono un po troppo basse, si potrà ancora costruire un impianto a recupero totale partendo da apore a temperatura e pressione più eleate ed immettendo nella rete di distribuzione esterna la maggior potenza elettrica prodotta. Se al contrario temperatura e pressione sono troppo eleate, per la conenienza economica si dorà aumentare la portata apore praticando il recupero parziale, che consiste nel far espandere una parte di apore fino alla pressione p ed una parte fino alla pressione di un condensatore tradizionale. Un interessante applicazione delle centrali a recupero è quella del riscaldamento centralizzato di aste aree urbane, con funzione di integrazione inernale per quanto riguarda la produzione di energia elettrica. Negli ultimi anni, in concomitanza con un progressio aumento della richiesta di climatizzazione estia degli ambienti, si sono cominciati a diffondere impianti di raffreddamento ad assorbimento, oero dispositii che producono freddo utilizzando come energia primaria una fonte di calore a media o ad alta temperatura. La possibilità di utilizzare tali dispositii nei settori in cui il numero di ore equialenti di impiego del calore è limitato (tipicamente i settori non industriali) consente di recuperare l energia termica anche nei mesi estii, aumentando così la conenienza energetica e, di conseguenza, anche quella economica e ambientale. Si passa così dagli impianti di cogenerazione (CHP, Combined Heat and Power) a quelli di trigenerazione (CHCP, Combined Heat Cool and Power). In un impianto frigorifero conenzionale a compressione, l effetto di refrigerazione iene prodotto nell eaporatore, doe il fluido refrigerante eapora assorbendo calore; tale calore iene successiamente ceduto nel condensatore, doe il refrigerante condensa. L energia necessaria a fare aumentare la temperatura del fluido refrigerante e consentirgli quindi di cedere all esterno il calore preleato dall ambiente interno iene fornita da un compressore meccanico. Anche in un impianto ad assorbimento l effetto di refrigerazione iene ottenuto dall eaporazione del fluido refrigerante, che è presente nell impianto in soluzione con un fluido assorbente; l effetto di compressione del fluido refrigerante iene ottenuto, anziché tramite una compressione meccanica come negli impianti conenzionali, per mezzo della ariazione di concentrazione di un opportuna soluzione di fluido refrigerante con fluido assorbente ottenuta a temperature dierse. In tal modo, nel generatore iene separato per distillazione il fluido refrigerante dal fluido assorbente e, mentre il primo iene raffreddato nel condensatore e successiamente fatto espandere per ottenere l effetto frigorifero, il secondo iene iniato all assorbitore nel quale aiene la ricostituzione della soluzione originaria, che iene poi nuoamente iniata al generatore di apore. Il refrigerante e la soluzione assorbente formano quella che iene chiamata coppia di laoro. Le coppie di laoro più diffuse sono la coppia ammoniaca/acqua e la coppia bromuro di litio/acqua. 5

6 Per un impianto a recupero totale può essere impiegato il sistema con turbina a contropressione, nel quale il apore allo scarico dalla turbina a direttamente alle utilizzazioni. o quello con turbina a condensatore caldo, nel quale il apore condensa in uno scambiatore per generare acqua calda. Nel primo caso, se il apore iene consumato nelle laorazioni, si ha un ciclo aperto e l acqua dee essere sempre integrata. Nel secondo caso, il ciclo è chiuso e si può usare acqua con alto grado di demineralizzazione. In entrambi i casi la produzione di energia elettrica è rigidamente asserita alla produzione di apore per usi interni all azienda. Per rendere indipendenti le due produzioni (energia elettrica e apore per le laorazioni) e nei cicli a recupero parziale iene impiegato il sistema con turbina a spillamento regolato che consiste in una turbina a due corpi (AP e BP); all uscita del corpo AP si spilla il apore per le utilizzazioni, mentre la restante quantità di apore a nel corpo di BP e quindi al condensatore. 6

7 I casi finora esaminati preedono l utilizzazione del apore ad una sola pressione. alolta è inece necessaria una certa quantità di apore ad una pressione intermedia fra quella di ammissione turbina e quella di scarico: ciò si ottiene praticando uno spillamento in posizione opportuna. Rispetto agli schemi di principio riportati nelle figure precedenti, quelli adottati negli impianti industriali preedono l installazione del degasatore con funzione anche di preriscaldamento dell acqua di alimento, nonché, per gli impianti a ciclo aperto, di un impianto di trattamento dell acqua di integrazione. Nella figura seguente è riportato lo schema di un impianto per la produzione di energia elettrica e di apore per le utenze a due dierse pressioni; il ciclo preede, oltre al degasatore, anche un riscaldatore di alta pressione. E eidente che nel ciclo a contropressione i riscaldatori a spillamento, che possono essere richiesti dalle caratteristiche della caldaia, non hanno alcun effetto nel migliorare il rendimento, mentre lo hanno nel ciclo a condensazione. Nei moderni impianti a contropressione, la pressione e la temperatura all ammissione in turbina sono rispettiamente dell ordine di bar e di C. La turbina, del tipo ad azione o con il primo stadio ad azione, sfrutta un salto entalpico di kcal/kg ed ha perciò un numero di stadi non molto eleato (0 0) anche perché la elocità di rotazione si tiene assai più eleata della macchina sincrona ( giri/min). L accoppiamento al turboalternatore è perciò realizzato per mezzo di un riduttore ad ingranaggi. La regolazione delle turbine a contropressione può essere effettuata da un regolatore di elocità, se il gruppo è destinato ad alimentare una rete elettrica indipendente; in tal caso la produzione di apore è ariabile con il carico elettrico. Se il gruppo funziona in parallelo con una rete di distribuzione o con altri gruppi generatori di maggior potenza, si adotta, a regime raggiunto, un regolatore di contropressione che mantiene costanti le caratteristiche del apore allo scarico della turbina. In tal caso la produzione di energia elettrica è determinata dalla utilizzazione del apore. Le turbine a spillamento regolato sincolano le due produzioni e necessitano di entrambe le regolazioni; se la richiesta di apore dallo stabilimento aumenta, diminuisce la quantità di apore che a nel corpo BP della turbina e quindi la potenza elettrica resa; il regolatore di elocità della turbina interiene ed apre l ammissione del apore di quanto è necessario per ristabilire l equilibrio fra potenza richiesta e potenza generata. 7

8 3. Impianti di generazione distribuita La Generazione Distribuita (GD) è un nuoo modello di produzione e distribuzione di energia, che si basa sull integrazione nelle reti elettriche di piccoli-medi impianti a fonte rinnoabile e di cogenerazione (quasi sempre a gas naturale) generalmente connessi alla rete di distribuzione. Spesso questi impianti sono localizzati in prossimità dell utente finale, contribuendo così a ridurre la necessità d inestimenti e d infrastrutture per aumentare la capacità di trasporto delle reti di trasmissione e distribuzione e consentendo nello stesso tempo la riduzione delle perdite di rete e dei costi di distribuzione. La Generazione Distribuita può fornire un alimentazione di maggiore affidabilità e di miglior qualità elettrica: la capacità di ridare potenza in tempi brei ad una rete utente ed in futuro ad isole di distribuzione potrà dare una maggiore sicurezza al sistema, riducendo i rischi e gli effetti di possibili blackout. La liberalizzazione del mercato elettrico, l adozione di obiettii ambientali internazionali, il continuo siluppo delle tecnologie di generazione, automazione e comunicazione sono gli elementi che sostengono l interesse e lo siluppo sempre maggiore del concetto di generazione distribuita. Una penetrazione molto significatia della GD è in grado di modificare sensibilmente l assetto del sistema elettrico italiano, che dalla sua attuale struttura fortemente centralizzata: centrali rete di trasmissione rete di distribuzione utenza potrebbe eolersi erso un modello a struttura mista: centrali rete di trasmissione generazione distribuita rete di distribuzione utenza L ingresso massiccio della generazione distribuita nel mondo elettrico comporta quindi la necessità di una maggiore flessibilità nel controllo e nella protezione della rete elettrica e pone chi esercisce la rete di fronte a problematiche nuoe. La rete di distribuzione, originariamente concepita come passia (adatta ad assorbire potenza dalle reti di liello di tensione superiore), ora dienta essa stessa attia in quanto può andare ad inertire il normale flusso di potenza, il che comporta un cambiamento nelle logiche di protezione e di controllo della rete. La Generazione Distribuita è costituita da dierse tecnologie a fonte rinnoabile. Queste tecnologie, specie quelle innoatie, potranno fornire un contributo rileante anche nei settori del terziario e domestico quando ne sarà proata l affidabilità e i miglioramenti tecnologici consentiranno una riduzione dei costi d impianto. Per l integrazione in rete di queste tecnologie dienta essenziale la disponibilità di sistemi di accumulo che siano caratterizzati da un basso costo e da una lunga durata; serirà anche la disponibilità di nuoe funzioni di controllo supportate da innoatie tecnologie informatiche e di comunicazione. Le tecnologie della GD possono essere così suddiise: ecnologie tradizionali ecnologie innoatie - Piccole turbine a gas e a apore - Motori alternatii - Microturbine - Motori Stirling - Celle a combustibile 8

9 Microturbine Le microturbine realizzano un ciclo Brayton semplice, con compressore centrifugo monostadio, turbina radiale centripeta ad uno o due stadi e palette non raffreddate, rigenerazione molto spinta. Altre caratteristiche sono il rapporto di compressione alto per il singolo stadio ma relatiamente basso in assoluto, elocità di rotazione eleate e ariabili, presenza di un inerter che trasforma la corrente alternata ad eleata frequenza in corrente continua e successiamente in alternata alla frequenza nominale di 50 Hz. La elocità di rotazione è intorno al centinaio di migliaia di giri al minuto; le potenze sono tra le decine e poche centinaia di kw; il rendimento elettrico si aggira intorno al 30%. Le microturbine si prestano egregiamente a cedere il proprio calore di scarico a un utenza termica in loco. La taglia delle microturbine è particolarmente adatta per impieghi nel settore terziario (alberghi, ospedali, ristoranti, centri commerciali, serre, essiccatoi, ecc.) o in piccole industrie. Le maggiori barriere alla loro affermazione risiedono nei costi d impianto ancora eleati ( /kw). 9

10 Motori Stirling I motori Stirling prendono il nome dal ciclo termodinamico cui fanno teoricamente riferimento (due isoterme e due isocore). La realizzazione pratica è un motore a doppio pistone e circuito chiuso, con un rigeneratore e una fonte di calore esterna (camera di combustione esterna o collettore solare). Un pistone libero (displacer) e un pistone di potenza (power piston) si muoono alternatiamente in un cilindro riempito con gas, in genere elio o idrogeno. Il displacer sposta il gas di laoro senza alterarne il olume e lo muoe alternatiamente attraerso il rigeneratore tra la zona calda e la zona fredda. La pressione che si crea con la ariazione di temperatura del gas è applicata al pistone di potenza che produce laoro meccanico. Il rigeneratore assorbe calore dal gas che passa attraerso di esso andando dalla zona calda alla zona fredda e restituisce il calore immagazzinato al gas che ritorna dalla zona fredda alla zona calda. Nei moderni motori Stirling ad alta efficienza le temperature superano i 700 C e le pressioni raggiungono i 0 MPa. Normalmente la potenza utile è trasmessa a un albero a gomiti. La figura seguente mostra le quattro fasi di un motore Stirling con due pistoni: 0

11 Celle a combustibile Le celle a combustibile sono dispositii elettrochimici che conertono direttamente l energia chimica di una reazione in energia elettrica. Schematicamente sono costituite da uno strato di elettrolita che separa un catodo e un anodo porosi. Le reazioni elettrochimiche che generano energia elettrica aengono agli elettrodi e continuano fino a che anodo e catodo sono alimentati dall esterno, rispettiamente da un combustibile (idrogeno o gas arricchito di idrogeno tramite processi di reforming) e da un ossidante (ossigeno contenuto nell aria). La scelta dell elettrolita definisce la temperatura di esercizio ottimale di una cella a combustibile, da cui discendono modalità operatie, caratteristiche costruttie e problematiche ben distinte per ciascun tipo di cella. Il calore prodotto nella reazione elettrochimica può essere poi recuperato sotto forma di acqua calda o apore per riscaldamento e/o usi industriali, portando il rendimento complessio termico ed elettrico a alori superiori all 80%. I prezzi sono ancora molto eleati e non competitii; tuttaia i costruttori ritengono di raggiungere nell arco di alcuni anni l obiettio posto tra 000 e 500 /kw. Per aumentare l efficienza delle unità destinate alla generazione distribuita sono realizzati anche sistemi ibridi che accoppiano celle a combustibile, operanti a temperature superiori a 600 C, con microturbine. ali sistemi offrono modularità, rendimenti eleati, basse emissioni. Un unità combinata Fuel Cell/Micro-urbine (CFCM) è composta da una cella a combustibile ad alta temperatura con reformer, un compressore d aria, una piccola turbina a gas ad alta elocità e un generatore sincrono a magnete permanente. Nel modo topping lo scarico della cella a combustibile è utilizzato per alimentare la turbina a gas.

12 Nel modo bottoming lo scarico della cella a combustibile cede calore all aria compressa della turbina a gas. Le celle a combustibile SOFC sono adatte per essere impiegate nel modo topping per le alte temperature raggiunte (intorno ai 000 C), mentre le celle MCFC, che operano a 650 C, sono più adatte per il modo bottoming.

13 Nella figura seguente è rappresentato un impianto ibrido da 700 kw circa. emperatura ( C) Pressione (kpa) Portata (kg/s) 5 0,3 0, , ,9 0, ,5 0, ,9 0, ,4 0, ,7 0, , , , , , ,8 0, ,7 0, ,7 0, ,6 0, ,8 0, ,6 0,74 ale impianto utilizza gas naturale e presenta un rendimento elettrico lordo del 7,%. All aiamento la turbina a gas dee portare in temperatura le celle a combustibile e il reformer prima della loro messa in serizio. Le 5.66 celle a combustibile impiegate sono del tipo SOFC e hanno una tensione di laoro pari a 0,76 V/cella. Lo stesso tipo d impianto è studiato per una taglia di 80 kw. 3

14 4. Centrali geotermoelettriche Gli impianti geotermoelettrici sono quelli che utilizzano il apore naturale del sottosuolo (ad esempio il apore dei soffioni boraciferi) per generare energia elettrica. Il soffione è un getto, naturale o ottenuto artificialmente per triellazione, di apore mescolato ad altre sostanze (acido borico, anidride carbonica, ecc.); esso si sprigiona da grandi profondità del sottosuolo (oltre 000 metri). La produzione di energia elettrica utilizzando apore endogeno fu sperimentata, per la prima olta al mondo, nel 904 a Larderello in oscana; nel 93 fu installato, sempre a Larderello, il primo gruppo di generazione geotermoelettrico da 50 kw, segnando l inizio di questa nuoa attiità industriale. La produzione elettrica si mantenne a lielli modesti fino al 938, ma successiamente ebbe un rapido e costante incremento. L esperienza italiana ha rappresentato l unico esempio nel mondo fino al 958, quando fu installato un gruppo di generazione in Nuoa Zelanda; in quello stesso anno la produzione a Larderello aea raggiunto i miliardi di kwh, con una potenza installata di circa 300 MW. A partire dagli anni 50 furono siluppati i campi geotermici di Bagnore e Piancastagnaio, localizzati sul Monte Amiata, e quindi il campo di raale-radicondoli, che si troa a circa 0 km a est di Larderello. Successiamente l esplorazione geotermica fu estesa anche nel Lazio, in Campania e nelle Isole Eolie. utte queste aree sono caratterizzate da eleate temperature nel sottosuolo, ma i modesti alori di permeabilità riscontrati, le caratteristiche dei fluidi reperiti e le problematiche ambientali ed autorizzatie hanno reso possibile lo siluppo per la produzione elettrica del solo campo di Latera, ubicato nel Lazio settentrionale in prossimità del lago di Bolsena. Per mantenere e addirittura incrementare la produzione di fluido endogeno sono state da tempo aiate due differenti strategie: l esplorazione profonda ( metri) per erificare la presenza di nuoi orizzonti produttii all interno del basamento metamorfico sottostante il serbatoio carbonatico, la reiniezione di apore condensato ed acqua all interno del serbatoio, per incrementare la produzione di apore dai pozzi già in esercizio. Ambedue le strategie hanno auto successo e hanno permesso di incrementare significatiamente la produzione di fluido e quindi di energia elettrica. La perforazione di pozzi profondi ha permesso di reperire fluido a maggiori temperature e pressioni e di estendere le aree produttie. La reiniezione nel campo di Larderello, aiata erso la fine degli anni 70, ha permesso di erificare che le acque immesse in alcuni pozzi engono aporizzate all interno del serbatoio a spese dell enorme quantità di energia termica immagazzinata nelle rocce e il apore così generato incrementa la produzione dei pozzi circostanti. Il fluido erogato dai pozzi è costituito da una miscela di apor d acqua e di gas, la cui percentuale in peso è mediamente del 5%. Fra i gas è prealente l anidride carbonica (CO ) che ne rappresenta il 95% circa in peso; altri componenti sono l idrogeno solforato (H S), l idrogeno, il metano (CH 4 ) e l azoto. Sono inoltre presenti l acido borico (H 3 BO 3 ) e l ammoniaca (NH 3 ). La temperatura del fluido erogato è ariabile da un minimo di 50 C ad un massimo di 60 C; in ogni caso il apore risulta surriscaldato. La pressione alla bocca del pozzo aria con la portata utilizzata, diminuendo dalla portata minima alla massima. La portata massima di un singolo pozzo può superare le 300 t/h, ma è normalmente compresa tra 50 e 00 t/h. Prefissata una certa pressione di esercizio alla bocca del pozzo, la portata diminuisce sensibilmente nel primo periodo di erogazione, tendendo a raggiungere un alore asintotico sul quale si stabilizza. 4

15 La tecnica di perforazione dei pozzi è analoga a quella petrolifera; alla bocca dei pozzi engono raccordati i apordotti che trasportano il apore alla centrale termica. Si tratta di tubazioni di diametro noteole, riestite di uno strato di materiale isolante, alle quali si assegna un andamento a zig-zag per assorbire le dilatazioni termiche. Le prime centrali costruite nella zona di Larderello hanno utilizzato direttamente il apore endogeno in turbine a contropressione, con apore in entrata a circa 00 C e 5 bar e in uscita a 05 C e poco più di bar. Questo sistema può richiedere la preentia depurazione chimica del apore per eitare un troppo rapido logorio delle palette delle turbine (oppure le palette deono essere costruite con materiali resistenti all azione dei sali disciolti). Ha il antaggio di un basso costo d impianto, ma presenta un consumo di apore (a 4,8 bar e 85 C) piuttosto eleato (0 kg/kwh). E particolarmente indicato per l utilizzazione di un fluido endogeno ad alto contenuto di gas incondensabili. Si sono anche costruiti impianti nei quali il apore endogeno cede il suo calore all acqua, in appositi scambiatori detti trasformatori di apore, per ottenere apor d acqua puro da iniare in turbina. Il apore entra in turbina alla pressione di circa un atmosfera e alla temperatura di 0 C; la turbina è a condensazione, con condensatore a superficie raffreddato con acqua di circolazione fornita da una torre di raffreddamento. Questo sistema ha il antaggio di una minore usura delle turbine e di un consumo di apore abbastanza contenuto (4 kg/kwh), ma è più complesso e costoso sia come installazione che come esercizio. 5

16 Impianto geotermoelettrico a condensazione S soffione, turbina, A alternatore, B trasformatore di apore, C condensatore, A pompa del uoto, r torre di raffreddamento, P pompa, D separatore di condensa Un terzo sistema consiste nell iniare direttamente il apore endogeno in turbine a condensazione, con condensatori a miscela raffreddati con acqua di circolazione fornita da grandi torri di raffreddamento a tiraggio naturale. Impianto geotermoelettrico a condensazione senza scambiatore di calore intermedio S soffione, turbina, A alternatore, C condensatore, A turboaspiratore, r torre di raffreddamento, P pompa Con questo impianto si ha il problema dell estrazione dei gas incondensabili dal condensatore: dati i olumi presenti, l estrazione dee essere effettuata con compressori a più stadi che assorbono il 0 0% dell energia prodotta; nonostante ciò si può ridurre il consumo di apore a meno di 0 kg/kwh. I compressori estrattori del gas possono essere azionati da un motore elettrico o essere coassiali al gruppo turbina-alternatore. Questo tipo di impianto è quello attualmente più adottato in Italia. 6

17 5. Centrali con motori Diesel Il ciclo teorico dei motori Diesel comprende quattro fasi:. compressione dell aria lungo l adiabatica -,. combustione lungo la isobara -3, 3. espansione lungo l adiabatica 3-4, 4. scarico lungo la isobara 4-. Rispetto al ciclo Diesel teorico, quello effettio presenta una minor potenza resa per effetto della perdita triangolare, douta al fatto che per limitare la corsa del pistone lo scarico aiene secondo la isocora 4 -. Il rapporto di compressione del motore è di :5 :0; si raggiungono pressioni di 0 30 bar e la pressione media della fase di espansione è di 5 6 bar. La temperatura dopo la combustione raggiunge i 500 C. Il rendimento effettio è inferiore a quello del ciclo teorico di Carnot-Ericsson (composto da due isoterme e due isobare) eolente fra le stesse temperature. Se L è il laoro per ciclo riferito all unità di peso dei gas prodotti dalla combustione, m è il peso del combustibile, Q -3 il calore della trasformazione -3, sarà: p 3 R'3 p ( m) R ( 3 ) R' 3 ( m R Q 3 p ) (essendo p p 3 ) L R' 3 ( m) R + c ' d ( m) 3 4' Il terzo e quarto termine di quest ultima espressione rappresentano rispettiamente il laoro compiuto nell espansione 3-4 e il laoro speso nella compressione -. Comunemente si trascura m e si pone: Sarà allora: L R R R c c cost ( ) + c ( ) c ( ) 3 3 4' c d 7

18 8 ( ) ( ) 4' 3 c c L p (essendo c p c +R) Si può interpretare il secondo membro dell uguaglianza come differenza tra la quantità di calore trasmessa lungo la -3 e una quantità di calore supposta tolta nella trasformazione a olume costante 4 -. Il rendimento del ciclo risulta: ) ( ) ( 3 4 c c Q L p η Si può porre questo risultato in forma diersa: 3 4 k η (essendo p c c k ) La - è una adiabatica e quindi: k k ρ (essendo ρ ) La -3 è a pressione costante e quindi: τ 3 3 La 3-4 è una adiabatica e quindi: k k p p Sostituendo, si ottiene la relazione: ) ( τ ρ τ η k k k

19 Come noto, i motori Diesel possono essere a o a 4 tempi, a seconda che il ciclo enga completato con o 4 corse di stantuffo, oero uno o due giri dell albero. Il tipo a due tempi a pari potenza ha minor peso e ingombro e maggiore uniformità della coppia motrice. Nel primo tempo si ha l espansione ed il laaggio con aria; nel secondo tempo compressione, iniezione del combustibile ed accensione. Per grandi potenze (>800 CV per cilindro) i motori Diesel engono costruiti a doppio effetto, cioè con camere di combustione da entrambe le parti del pistone. La elocità di rotazione aria fra i 50 e i 750 giri/min; il numero dei cilindri è compreso fra 6 e 8 e la potenza massima di una unità può raggiungere 0 MW. I serizi ausiliari del motore possono essere azionati direttamente dall albero oppure da motori elettrici. I compressori e le pompe dell acqua, dell olio lubrificante e della nafta assorbono complessiamente circa il % della potenza del motore. Il raffreddamento dei cilindri è effettuato in circuito chiuso con acqua serizi refrigerata da acqua di mare o di fiume; le necessità di acqua di raffreddamento sono noteolmente inferiori a quelle delle centrali a apore. L acqua può anche essere raffreddata in ciclo chiuso con apposite torri di raffreddamento. Il deposito combustibile consta di appositi serbatoi sistemati all esterno dell edificio della centrale. Per l aiamento è necessario un impianto ad aria compressa, che dee aere una risera d aria in serbatoio sufficiente per garantire l aiamento anche dopo un lungo periodo di fermata. L accoppiamento col generatore è sempre rigido. Per ridurre le irregolarità di tensione doute alla coppia ariabile del Diesel, se in serizio separato, e per ridurre le oscillazioni della potenza erogata in parallelo con la rete, si dee richiedere per il gruppo elettrodiesel un piccolo grado di irregolarità (rapporto fra la differenza della elocità massima e minima in un giro e la elocità minima). 9

20 Se il momento d inerzia delle masse rotanti (compresa quella del generatore elettrico) non è sufficiente a ridurre il grado di irregolarità al alore desiderato, occorre aumentarlo artificialmente dotando il gruppo di olano. I generatori diesel sono in genere utilizzati per alimentare serizi elettrici priilegiati, interenendo in presenza di black-out. Sono altresì molto impiegati per l elettrificazione di aree rurali lontane dalla rete principale, soprattutto nei paesi del terzo mondo e in quelli in ia di siluppo. In impianti di cogenerazione possono raggiungere rendimenti significatii, ottenendo apore con il recupero del calore posseduto dai gas di scarico e acqua calda tramite il raffreddamento dei cilindri del motore. Negli ultimi anni il progressio calo dei costi degli impianti a fonti rinnoabili ha portato ad un ricorso sempre più frequente a queste tecnologie per alimentare gruppi d utenze o piccole reti locali situate in aree remote. Data l aleatorietà delle fonti rinnoabili, è poi opportuno associare ad esse impianti in grado di garantire la continuità del serizio, quali i generatori diesel, realizzando in tal modo sistemi ibridi. La più generale configurazione di un sistema ibrido comprende una o più unità di generazione a fonte rinnoabile (generatore fotooltaico, eolico, idroelettrico), una o più unità di generazione conenzionale (diesel), un sistema di accumulo (meccanico, elettrochimico, idraulico), sistemi di condizionamento della potenza (inerter, raddrizzatori, regolatori di carica), un sistema di regolazione e controllo. Rispetto ai sistemi isolati che impiegano solo fonti rinnoabili, i sistemi ibridi consentono di realizzare impianti di taglia maggiore, riducendo le dimensioni del sistema di accumulo e il rischio di fuori serizio. Fino ad ora il modo più comune per esercire gli impianti ibridi è stato quello di considerarli come un accrescimento della potenzialità dell impianto diesel. Recentemente si sta diffondendo anche la tendenza a progettare sistemi ibridi nei quali le fonti rinnoabili e l accumulo forniscono fino all 80-90% dei fabbisogni energetici, lasciando al diesel la funzione di soccorso. Naturalmente un impianto con queste caratteristiche richiede maggiori costi di inestimento e può essere coneniente laddoe l approigionamento dei combustibili è oneroso o inaffidabile. 0

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L elettrodinamica dei corpi in movimento 1 A. Einstein

L elettrodinamica dei corpi in movimento 1 A. Einstein L elettrodinamica dei corpi in moimento A Einstein È noto che l elettrodinamica di Maxwell - come la si interpreta attualmente - nella sua applicazione ai corpi in moimento porta a delle asimmetrie che

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

I.12. Elementi di teoria dell urto

I.12. Elementi di teoria dell urto Corso di fisica generale a cura di Claudio Cereda rel. 5. 7 marzo 04 I.. Elementi di teoria dell urto Cos è un urto? L urto totalmente anelastico L urto elastico Il rallentamento dei neutroni Quesiti di

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

motore e macchina. 2 Lo specifico dispositivo di distribuzione applicabile deve essere valutato caso per caso. Le cinghie dentate, ad

motore e macchina. 2 Lo specifico dispositivo di distribuzione applicabile deve essere valutato caso per caso. Le cinghie dentate, ad 0RWRULDGDOWDHIILLHQ]DHLQYHUWHU 'HVUL]LRQHGHOODWHQRORJLD I PRWRUL HOHWWULL DG DOWD HIILLHQ]D sono motori elettrici che, grazie a specifici accorgimenti costruttivi, a parità di potenza offrono rendimenti

Dettagli

Pompe di calore per la climatizzazione

Pompe di calore per la climatizzazione SPECIALE TECNICO Pompe di calore per la climatizzazione CO.AER CO.AER - Associazione Costruttori di Apparecchiature ed Impianti per la climatizzazione e le pompe di calore SPONSOR www.carel.com www.robur.it

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA

IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA IL TELERISCALDAMENTO IN ITALIA Stato attuale e potenzialità di sviluppo Scenario dei benefici energetici ed ambientali INDICE PARTE I Lo stato attuale del riscaldamento urbano in Italia (anno 201 2) 1

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli