..,~ CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoli. ~ '"' DONNARUMMA ROSARIO,\SSESSORE x ;.?" ~

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "..,~ CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoli. ~ '"' DONNARUMMA ROSARIO,\SSESSORE x ;.?" ~"

Transcript

1 ...., \.....,~ ;.?" ~. ) CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoli DELIBERAZIONE N. Ab' DEL OGGETTO: Servizio Igiene Urbana: Presa d'atto Piano Industriale ;, -~ COPIA di ~ELIDE RAZIONE della GIUNTA COMUNALE (I.E.) L 'anno duemiladodici e questo giorno undici del mese di ottobre nella sala delle adunanze della Comunale, si è riunita la Giunta Comunale convocata nelle forme di legge. Presiede l'adunanza il Sig. On. Luigi Bobio nella sua qualità di SINDACO e sono rispettivamente prcsent i ed assenti i seguenti Sig.ri: Prcserte l) On. BOBBIO LUIGI SINDACO x 2) Avv. CANNA VALE GIUSEPPE VICE SINDACO x 3) Prof.ssa ANGlO' ROSANNA ASSESSORE x.j) Arch. COPPOLA ANTONIO ASSESSORE x 5),\vv. DI GENNARO SABRINA ASSESSORE x ò) Arch. DI SOMMA FRANCESCO ASSESSORE x 7) l'rof.ssa STRIANESE LOREDANA ASSESSORE x! 8) Dott. IL\RDI FRANCESCO ASSESSORE x ' ~ '"' DONNARUMMA ROSARIO,\SSESSORE x Assen ~ -- ~ TOTALE x l ----f.-- -,'\ssiste e verbalizza il Vict: St.:~rctario G\!nc:rale l>ntt. Vinccn70 IlA TTIN EL LI l IL I'RESIDE'JTE con~tatato il numero legali! J~gli interv~nuti.,jichiara aperta!':~junanza.:d invita i rrcsenti,dia!r:lltttiunt.:. k 11.!r~DIIlv: t)ggctto. i l j! l. l ' 1\11>,1>

2 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) SETTORE AMBIENTE OGGETTO: servizio igiene urbana: presa d'atto piano industriale RELAZIONE ISTRUTTORIA La Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., società a capitale di titolarità interamente comunale, è, tra gli altri servizi, affidataria della gestione del ciclo dei rifiuti sul territorio cittadino, giusta contratto rep. 211 del , all'oggi in vigore; il testo del citato contratto è stato formalmente approvato dal Dirigente pro tempore del Settore Ambiente con atto di determinazione n.ro Il O del l o , secondo i principi stabiliti dal Consiglio Comunale con atto deliberativo n.ro 139 del , come rettificato da successiva deliberazione n.ro 160 del Il citato contratto, all'art. 7, prevede l'obbligo della Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., entro il 30 settembre di ogni anno, di presentare all'amministrazione Comunale un Piano Tecnico Finanziario, nel quale venga illustrata la progettazione tecnico-economica del servizio, di cui va precisato il costo complessivo, attraverso l'indicazione di tutte le componenti costituite dalle risorse logistiche ed umane. Tale specifico piano, secondo il citato articolo, è strumentale alla approvazione da parte dell'amministrazione Comunale, dell'organizzazione operativa che, al servizio, intende dare la Società partecipata affidataria della gestione, provvedendo, in tal caso, e fatta salva la facoltà di prevedere modifiche, a stanziare le opportune risorse finanziarie in bilancio; infatti, l'entrata in vigore del piano è contrattualmente prevista per l'esercizio successivo a quello della relativa presentazione. Durante il corso degli anni precedenti l'insediamento dello scrivente nell'incarico di Dirigente del Settore Ambiente, deputato, in seno al Comune, alla gestione dei rifiuti, risalente al , il rapporto convenzionale tra il Comune e la Società, si trovava connotato da evidente mancanza di ottemperanza all'art. 7 del contratto, dal momento che il piano tecnico finanziario non risulta mai presentato dalla Società, né approvato dall'amministrazione Comunale. In effetti, dagli atti del procedimento emerge che, in via generale, il rapporto convenzionale versava in uno stato di chiara patologia non solo sotto il profilo formale, ma anche sotto quello sostanziale, vista l'inefficienza organizzati va e gestionale della società; tanto, come secondo quanto già oggetto di presa d'atto in precedenti provvedimenti amministrativi dello scrivente, oltre che deliberazioni della Giunta Comunale oggi in carica, resi sulla scorta delle risultanze dei provvedimenti pregressi in materia, presenti agli atti di Ufficio.

3 La Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., infatti, è stata oggetto di precisa indagine amministrativa, tecnico-conoscitiva dello stato della relativa situazione economico-finanziaria ed organizzatoria, culminata nella relazione di apposita Commissione costituita dal Direttore Generale pro tempore del Comune e da tecnici comunali, tra cui lo scrivente, in qualità di Avvocato dell'ente, ed il Dirigente di Settore ed il Responsabile del Servizio dell'epoca; la relazione era datata e recava protocollo n.ro 2612/DG. Con tale relazione venivano evidenziati i profili di criticità gestionale attinenti i vari ambiti organizzativi della Società ed alle relative conclusioni, deponenti nel senso della necessità di apportare ampia azione di riorganizzazione aziendale e di riduzione delle spese, si aggiunsero quelle più puntualmente afferenti l'ambito gestionale finanziario, contenute nella relazione tecnica di professionista componente lo staff del Sindaco pro tempore, quale il Dott. Paolo Giugliano, acclarata al protocollo comunale in data , al n.ro 10619, attestante la necessità di provvedere all'adeguamento dei costi del contratto, già in passato segnalata da altro consulente della coeva gestione commissariale (Dr. Fortunato Gallico, anno 2004). Ambo le relazioni tecniche condussero alla attestazione della assoluta necessità di provvedere alla riorganizzazione dell'assetto gestione della Società, tanto che la Giunta Comunale pro tempore, con atto deliberativo n.ro 30 del , provvide a stabilire i provvedimenti strumentali alla continuità aziendale della Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., prevedendo l'aumento del capitale sociale attraverso conferimento di beni immobili e dando mandato al Dirigente p.t. del Settore Ambiente di adeguare il contratto di servizi ai costi effettivamente sostenuti dalla Società, la cui mancanza era stata individuata quale concausa dello stato di inefficienza dell'azienda; si evidenzia, sotto il profilo cronologico, che l'amministrazione Comunale in carica nel febbraio 20 l O concluse il proprio mandato nel successivo marzo, mentre nell'aprile dell'anno 20 l O si insediò l'amministrazione oggi in carica; è stata, pertanto, quest'ultima ad avviare il necessario processo riorganizzativo, dopo atti preliminari della precedente amministrazione, adottando in merito ulteriori provvedimenti macro-organizzativi di propria iniziativa. In particolare, attraverso l'impulso della Amministrazione oggi in carica, si è dato luogo ad un riassetto organizzativo interno, attraverso professionalità collocate sia al ruolo di direzione generale, che di responsabilità tecnico-amministrativa; sotto il profilo strutturale e patrimoniale, si è proposta ed ottenuta nel dicembre 20 l O, da parte del Consiglio Comunale, la fusione per incorporazione della Società con l'ulteriore partecipata comunale A.S.M. s.p.a., un tempo competente ai servizi di mobilità e da tempo inattiva per trasferimento della competenza all'amministrazione Provinciale; furono potenziate, così, le potenzialità aziendali, anche sotto il profilo dell'affidamento finanziario e, in genere, di mercato. All'esito dell'insediamento in carica dello scrivente, 28 marzo 2011, giusta deliberazione di stanziamento dei relativi fondi, proposta ed ottenuta dal Consiglio Comunale, con atti dirigenziali si è provveduto, rispettivamente, con atto n.ro 155/2010, all'avvio del procedimento di adeguamento del contratto di servizio, nonché, con atto n.ro 6/201 O, alla disposizione dell'adeguamento sulla base dei costi prospettati dai pre-citati consulenti e configurati dalla Società, anche in esecuzione della citata deliberazione giuntale n.ro 30/2010. Non di meno, con il citato atto di determinazione n.ro 155/20 l O si è istituito un formale controllo analogo della Società, in precedenza non risultante agli atti di ufficio, con cui sono state impartite le seguenti linee procedurali nella gestione, cui la società appaltatrice è tenuta ad uniformare la propria condotta operativa, oltre alle specifiche prescrizioni, che stabiliscono, via via, l'ordinario andamento della gestione sotto il profilo di verifiche e controlli, che qui si riportano in modo semplificativo e non esaustivo: l) rendicontazione quindicinale dell'attività; 2) segnalazione immediata di anomalie, ovvero di cause determinanti potenziali interruzioni del servizio; 3) rispetto delle disposizioni dell'ufficio e dell'amministrazione, in persona del Sig. Sindaco e dell'assessore al Ramo,

4 circa modalità e termini dell'espletamento dell'attività in generale e sanzionatoria; 4) riscontro alle esigenze collettive segnalate dalla cittadinanza e da altre competenti Autorità; 5)segnalazione immediata di affidamenti di servizi ad imprese terze, con dettaglio delle procedure di evidenza pubblica espletate, nel rispetto della normativa in materia di appalti, obbligatoria per le società partecipate pubbliche, da ultimo giusta Decreto Legge 138/11, convertito con legge 148/11 e, soprattutto, della disciplina legale anti-mafia; 6) adozione o adeguamento di ordinamento interno, in conformità del d.lgs 165/200 l, preliminare inderogabilmente per l'espletamento di procedure di assunzione in relazione al servizio di igiene urbana e segnalazione immediata di procedure di assunzione, con dettaglio delle procedure espletate per la selezione del personale a tempo determinato od indeterminato, in conformità della medesima legislazione vigente per gli enti pubblici. La riferita impostazione gestionale ha imposto, in conseguenza, un vero e proprio adeguamento della gestione alle disposizioni legali vigenti, del resto in parte già efficaci dal 2008 e non osservate, come risultante nella menzionata relazione della Commissione n.ro 2612DG del ; il tutto, sotto il profilo sostanziale, con effettiva ripresa in proficuo delle attività condotte. Ad iniziativa dello stesso managment societario e dell'ufficio, la Giunta Comunale in carica ha proposto ed ottenuto dal Consiglio Comunale sia l'approvazione di un Regolamento in materia di gestione dei rifiuti, che di funzionamento dell'isola ecologica, a maggiore efficientamento della gestione del servizio. Sono seguite numerose ordinanze sindacali, disciplinanti specifici segmenti operativi di gestione, così come si è provveduto alla istituzione di un servizio di guardia ambientale volontaria, che, avviato su atto di indirizzo giuntale, è stato recentemente affidato dallo scrivente con propria determinazione n.ro 165/2012 e in avvio di organizzazione. La complessa serie di provvedimenti ed attività organizzatorie messi in campo, tra l'altro costretti a fronteggiare ben due emergenze rifiuti, nell'autunno-inverno 20 l O e nell'estate 2011, determinate da inefficienze organizzatorie extra comunali, è stata attivata per conferire nuovo impulso alla gestione e, con essa, a migliorare il livello di percentuale di praticata di raccolta differenziata, rispetto agli ancora non raggiunti livelli normativamente previsti; giova, in merito, evidenziare che le attività svolte sono state formalmente portate a conoscenza dell'ufficio Territoriale del Governo di Napoli, in sede di riscontro al controllo statale delle attività di settore ex L , art. 24, con nota n.ro del ; tale comunicazione è stata riscontrata con nota n.ro del , trasmessa a mezzo fax in data ed acclarata in pari data al n.ro del protocollo comunale, con cui il Prefetto di Napoli: -ha preso atto delle attività poste in campo dal Comune al fine di operare una corretta gestione del ciclo dei rifiuti, nel rispetto delle prescrizioni legali in materia di raccolta differenziata; -ha ravvisato, su conforme avviso del Ministero dell'interno, di non interrompere quello che ha espressamente definito il "flusso di miglioramento in atto" ; -ha assegnato termine al Comune al per inviare dettagliato crono programma, utile ad illustrare lo scadenziario dei tempi e delle attività da svolgere per raggiungere gli obiettivi legali in materia di gestione dei rifiuti e raccolta differenziata, di cui all'art. Il, L. 123/2008. La Società, cui la nota è stata decretata in data , ha, all'uopo, predisposto l'allegato piano industriale, già da tempo allo studio, pervenuto al protocollo dell'ente in data , costituente, come espressamente precisato nella relativa introduzione, strumento atto ad incrementare le attuali percentuali di raccolta differenziata ed a migliorare le attuali modalità di gestione dei rifiuti; nel medesimo è illustrato articolato programma di intervento, in uno allo scadenziario richiesto dalla Prefettura di Napoli, che prevede il raggiungimento delle percentuali legali nel 2013, cui si nnvm. Il piano costituisce, pertanto, predisposizione delle attività e delle misure tutte ad efficientamento del servizio, strumentale a rispettare gli obblighi legali in materia di raccolta differenziata, m

5 ossequio alla nota prefettizia n.ro del , citata ed al contratto di servizio in essere e, come tale, pertanto, deve essere dotato di immediata efficacia, al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati entro il2013. Non di meno, all'esito del monitoraggio operativo, potrà essere oggetto di ottimizzazione e parziale modificazione, sempre al fine di conseguire gli obiettivi legalmente previsti, nonché costituire parametro per la formulazione e successiva approvazione di un adeguato piano tecnico finanziario, conforme all'art. 7 del contratto, da approvare in vista del bilancio di previsione 2013, una volta entrata a regime l'attività di servizio. I costi previsti dal piano allegato, però, devono contenersi nella attuale dotazione economica, che presenta il contratto di servizio attualmente vigente, così come devono restare di competenza del Comune tutti gli importi di filiera, previsti in tal senso dal contratto. Il detto piano, con la presente, si sottopone all'amministrazione Comunale per la consequenziale presa d'atto e per la precisazione delle prime prescrizioni operative alla Società, ferma restando ogni eventuale ed ulteriore prescrizione, che dovesse successivamente maturare in merito, all'esito del monitoraggio de li' esecuzione del piano. L DIRIGENTE

6 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE Sentiti, in merito, il Sig. Sindaco e l'assessore all'ambiente; Sulla base dell'antescritta relazione istruttoria; Letto l'allegato piano, presentato dalla Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., allegato quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Ritenuta l'opportunità di prendere atto del medesimo, quale strumento atto ad incrementare le attuali percentuali di raccolta differenziata ed a migliorare le attuali modalità di gestione dei rifiuti; Dato atto, altresì, che il presente provvedimento non comporta, di per sé, impegno di spesa in quanto atto di indirizzo, mentre la copertura finanziaria delle attività, già prevista in sede di approvazione da parte del Consiglio Comunale del bilancio di previsione 2011 e pluriennale , nonché con quanto appostato nel bilancio di previsione 2012 e pluriennale , sottoposto al Consiglio Comunale ed in corso di discussione ai fini della approvazione, sarà garantita, a tempo debito, attraverso la formale assunzione degli occorrenti impegni di spesa da parte del competente dirigente in sede gestionale, ex art. 107, d.lgs 267/2000, comunque nei limiti del contratto di servizi oggi in vigore; PROPONE ALLA GIUNTA COMUNALE DI DELIBERARE di prendere atto dell'allegato piano, presentato dalla Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., allegato quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, attribuendo allo stesso efficacia immediata; di precisare che: -il piano, oggetto del presente provvedimento, all'esito delle procedure previste dall'applicabile C.C.N.L. aziendale, dovrà essere formalmente oggetto di approvazione con deliberazione da parte dell'amministrazione Unico della Società Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., che ne darà comunicazione formale ali' Assemblea della medesima; -l'attuazione del medesimo da parte della Società dovrà avvenire nel rispetto delle procedure legali, nazionali e regionali di settore, segnatamente in materia di scelta del contraente e, in ogni caso, dovrà essere attuato, previa precisazione e condivisione con il competente Ufficio di ogni specifico profilo operativo, teso ad attuare in concreto quanto profilato; -il sistema "porta a porta", che il piano oggetto del presente provvedimento prevede in via globale per il territorio comunale, dovrà comunque garantire l'introduzione di soluzioni "miste", per specifiche e complesse situazioni, che si andranno a prospettare all'ufficio, come prescritto dal Piano Comunale di Raccolta Differenziata, approvato con Ordinanza Sindacale n.ro 2 del l 0/3/2008, nonché dal Piano approvato dal Commissario Straordinario per l'emergenza Rifiuti nella Regione Campania, con atto del28/12/2007, ai sensi dell'art. 9, Legge 5/7/2007; -i costi previsti dal piano allegato devono restare in linea con la attuale dotazione economica, che presenta il contratto di servizio attualmente vigente, così come devono restare di competenza del Comune tutti gli importi di filiera, previs i in tal senso dal contratto. Avv onatangelo Cancelmo

7 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di N a poli) OGGETTO: servizio igiene urbana: presa d'atto piano industriale In relazione alla proposta di deliberazione, di cui in oggetto, esprimono parere di regolarità tecnica favorevole ex art. 49, D.Lgs 267/2000:

8 LA GIUNTA COMUNALE Su proposta del Sig. Sindaco e dell'assessore all'ambiente; Lette l'antescritta relazione istruttoria e la proposta di deliberazione del Dirigente del Settore Ambiente; Letto l'allegato piano industriale, presentato dalla Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., allegato quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Condivisa l'opportunità di approvare il medesimo, quale strumento atto ad incrementare le attuali percentuali di raccolta differenziata ed a migliorare le attuali modalità di gestione dei rifiuti; Preso atto, altresì, che il presente provvedimento non comporta, di per sé, impegno di spesa; Acquisiti i pareri di regolarità tecnica, ex art. 49, comma l, del Dlgs 267/2000; Con voto unanime e favorevole, reso come per legge DELIBERA di prendere atto dell'allegato piano, presentato dalla Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., allegato quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, attribuendo alla stesso efficacia immediata; di precisare che: -il piano, oggetto del presente provvedimento, all'esito delle procedure previste dall'applicabile C.C.N.L. aziendale, dovrà essere formalmente oggetto di approvazione con deliberazione da parte dell'amministrazione Unico della Società Castellammare di Stabia Multiservizi s.p.a., che ne darà comunicazione formale ali' Assemblea della medesima; -l'attuazione del medesimo da parte della Società dovrà avvenire nel rispetto delle procedure legali, nazionali e regionali di settore, segnatamente in materia di scelta del contraente e, in ogni caso, dovrà essere attuato, previa precisazione e condivisione con il competente Ufficio di ogni specifico profilo operativo, teso ad attuare in concreto quanto profilato; -il sistema "porta a porta", che il piano oggetto del presente provvedimento prevede in via globale per il territorio comunale, dovrà comunque garantire l'introduzione di soluzioni "miste", per specifiche e complesse situazioni, che si andranno a prospettare all'ufficio, come prescritto dal Piano Comunale di Raccolta Differenziata, approvato con Ordinanza Sindacale n.ro 2 del l 0/3/2008, nonché dal Piano approvato dal Commissario Straordinario per l'emergenza Rifiuti nella Regione Campania, con atto del28/12/2007, ai sensi dell'art. 9, Legge 5/7/2007; -i costi previsti dal piano allegato devono restare in linea con la attuale dotazione economica, che presenta il contratto di servizio attualmente vigente, così come devono restare di competenza del Comune tutti gli importi di filiera, previsti in tal senso dal contratto. di dichiarare il presente provvedimento, a seguito di successiva e separata votazione dall'esito favorevole, immediatamente esecutivo, ai sensi del 4 comma dell'art. 134 del D.

9 Lgs 267/2000, vista l'urgenza connessa alla necessità di garantire al più presto l'avvio della realizzazione degli interventi de quo in materia di raccolta differenziata ed igiene urbana.

10

11 SOMMARIO PREMESSA...3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE METODI DI RACCOLTA E DI SELEZIONE DEI RIFIUTI DOMESTICI LA SELEZIONE DOMESTICA CAPACITA DI SELEZIONE MOTIVAZIONE DI SELEZIONE SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL SISTEMA CONAI.. 19 IL SISTEMA RAEE.. 20 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IN MATERIA DI RIFIUTI.25 LE FONTI COMUNITARIE...25 NORMATIVA NAZIONALE. 25 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO LOCALE 26 DESCRIZIONE ATTUALE SISTEMA DI RACCOLTA RIFIUTI...28 SPAZZAMENTO AUTOMEZZI..32 PERSONALE.32 MONTE RIFIUTI.33 OBIETTIVI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA.49 SCELTA DEL MODELLO DI RACCOLTA.51 SCHEDE TECNICHE DI RACCOLTA PER SINGOLA FRAZIONE DI RIFIUTO.53 RACCOLTA RIFIUTI INDIFFERENZIATI..53 RACCOLTA DELLA FRAZIONE ORGANICA.. 55 RACCOLTA DEL VETRO RACCOLTA DEL MULTIMATERIALE (plastica, alluminio, acciaio) RACCOLTA DELLA CARTA RACCOLTA DEL CARTONE..60 RACCOLTA DEGLI INGOMBRANTI RAEE E SFALCI RACCOLTA RIFIUTI PERICOLOSI.62 SERVIZI DI SPAZZAMENTO E COMPLEMENTARI...63 Pag. 1

12 DIMENSIONAMENTO DEL SERVIZIO...70 COMPETENZE E ATTREZZATURE DEL PERSONALE ADDETTO ALLO SPAZZAMENTO SERVIZI COMPLEMENTARI 75 SERVIZI DI DISINFEZIONE, DEMUSCAZIONE E DERATTIZZAZIONE. 78 CIMITERO..84 MERCATI...86 PULIZIA ARENILI...87 COMPOSTAGGIO DOMESTICO.88 COMUNICAZIONE AMBIENTALE : METODOLOGIA...89 PIANO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE PIANO OPERATIVO RACCOLTA PORTA A PORTA UTENZE DOMESTICHE..105 CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI.106 ATTREZZATURE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI..111 CARATTERISTICHE ATTREZZATURE PER LE UTENZE DOMESTICHE..113 SISTEMI INNOVATIVI DI QUANTIFICAZIONE 114 COSTI ATTUALI E PROIEZIONI AL PIANO ECONOMICO. 118 COSTI / RISPARMI.124 PIANO DI START UP CRONOPROGRAMMA..126 Pag. 2

13 PREMESSA La Castellammare di Stabia Multiservizi S.p.A. presenta la redazione del Piano Industriale per la raccolta differenziata dei rifiuti e per i servizi di igiene urbana, ai fini dell incremento delle attuali percentuali di raccolta differenziata e del miglioramento delle attuali modalità di gestione dei servizi. Il Piano Industriale è lo strumento di cui si dota la Città di Castellammare di Stabia, e per Essa il Soggetto delegato all attività di gestione rifiuti urbani. In particolare il presente Piano Industriale rappresenta lo strumento, attraverso il quale si procede alla organizzazione ed alla pianificazione del ciclo integrato dei rifiuti nel rispetto delle indicazioni contenute nei Piani programmatici Regionali e Provinciali. Il Piano in oggetto è stato redatto sulla base dei dati in possesso della Castellammare di Stabia Multiservizi S.p.A. relativi al Comune di Castellammare di Stabia e delle specifiche caratteristiche territoriali rilevate durante i vari sopralluoghi, nel rispetto dei principi previsti dalla normativa vigente in materia ambientale. I contenuti della relazione qui presentata comprendono: Inquadramento territoriale ed analisi dello stato attuale di svolgimento dei servizi di Igiene Urbana; Il Piano della Raccolta Differenziata dei Rifiuti Urbani; Il Piano di Start Up; Stima dei costi del servizio di spazzamento stradale; Stima dei costi delle attività di start up e comunicazione afferenti le attività di raccolta; I costi totali dei servizi di cui alla presente relazione; Gli investimenti; Il confronto tra i costi attuali e quelli del nuovo servizio. Prima dell introduzione ai nuovi servizi proposti, si ritiene utile riportare una breve descrizione della Città di Castellammare di Stabia e l analisi dello stato attuale di svolgimento dei servizi di igiene urbana, in particolare per quanto riguarda il sistema di raccolta rifiuti. Dopo una breve introduzione sui metodi di raccolta e di selezione dei rifiuti urbani ed una panoramica sulla normativa in materia di rifiuti urbani, saranno descritti il modello di raccolta rifiuti e la tipologia di servizi di igiene urbana che si intendono applicare. Pag. 3

14 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Castellammare di Stabia è situata nella parte sud della provincia di Napoli, nel territorio compreso tra la fine della zona vesuviana e l'inizio della penisola Sorrentina. La città sorge in una piana di natura alluvionale - vulcanica, in una conca del golfo di Napoli, protetta a sud dalla catena dei monti Lattari, mentre verso oriente si perde nelle campagne attraversate dal fiume Sarno, il quale sfocia nel mare di Castellammare di Stabia. Proprio questi elementi naturali segnano il confine con le città limitrofe: il fiume Sarno infatti divide la città stabiese da Torre Annunziata e Pompei a nord, il monte Faito da Vico Equense e Positano (SA) a sud. Ad est la città confina con Sant'Antonio Abate e con Santa Maria la Carità, mentre la zona ovest risulta essere la fascia costiera. Castellammare di Stabia ha una superficie di 17,71 km², con un'altezza media di 5 metri sul livello del mare, anche se in realtà si parte dallo 0 lungo la costa fino ad arrivare a 1202 metri sul monte Faito. Fig. 1 - Planimetria Castellammare di Stabia Pag. 4

15 Le origini di Castellammare di Stabia si perdono nella notte dei tempi e sono ancora incerte, anche se alcuni ritrovamenti documentano che la zona era già abitata a partire dall'viii secolo A.C.. Data la sua favorevole posizione sul mare, in una zona ricca di acque e con pianure fertili di origine vulcanica, i primi insediamenti si andarono sviluppando in quella che oggi è conosciuta come la collina di Varano, all'epoca uno sperone a picco sul mare poiché la piana dove oggi sorge l'attuale città era ancora in parte sommersa dal mare e la sottile linea costiera esistente era esposta alle incursioni nemiche. Il nuovo secolo si apre con l'apertura della linea tranviaria che collegava la stazione di Castellammare di Stabia direttamente con Sorrento, attraversando tutta la penisola sorrentina. Sempre in questo periodo la vocazione turistica di Castellammare di Stabia, soprattutto per le sue acque e le loro proprietà curative, raggiunge l'apice. La fine della guerra e l'inizio del miracolo italiano portò all'intensificazione del lavoro industriale e all'avvio di importanti novità sul piano turistico, come la costruzione del complesso delle Nuove Terme, all'epoca definite le più moderne d'europa. La fine del XX secolo coincide con il periodo di rilancio, puntando sul risanamento delle poche industrie rimaste ma soprattutto sul turismo. La costruzione di nuovi complessi alberghieri e di infrastrutture all'avanguardia come il porto turistico di Marina di Stabia, uno dei più grandi d'europa, hanno fatto sì che nel 2006 Castellammare di Stabia sia stata la terza città campana per presenze turistiche negli alberghi solo dietro a Napoli e Sorrento. All'inizio del 2008 è stato completato il restauro della Reggia di Quisisana, altro edificio storico restituito alla città. Il turismo ha portato allo sviluppo di numerose strutture recettive, sia ad apertura stagionale che annuale, con quasi 20 alberghi, con l'aggiunta di una decina tra agriturismi e bed & breakfast, per un totale di quasi 1000 posti letto: attualmente è una delle città campane con il maggior numero di presenze negli alberghi. Di seguito si riportano, al fine di una più specifica conoscenza del territorio della Città di Castellammare di Stabia, la planimetria generale ed alcuni stralci del Piano Regolatore Generale, relativi a particolari zone della Città, nello specifico il Centro Pag. 5

16 Storico e la Zona degli Insediamenti Antichi Accentrati, zone in cui, in fase di progettazione dei nuovi servizi occorre prestare particolare attenzione. Pag. 6

17 Pag. 7

18 Fig. 2 - Stralcio P.R.G. Centro Storico Nella Figura 2 - Stralcio P.R.G. Centro Storico è riportata la zona territoriale di tutela degli insediamenti antichi accentrati. Essa comprende la parte del centro storico che non ha subito grosse modificazioni edilizie. Pag. 8

19 Fig. 3 - Stralcio P.R.G. Tutela degli Insediamenti Antichi Accentrati Nella Figura 3 - Stralcio P.R.G. Tutela degli Insediamenti Antichi Accentrati è riportata la zona territoriale di tutela degli insediamenti antichi accentrati di interesse storico, artistico ed ambientale. Pag. 9

20 Di seguito, a titolo esemplificativo e per meglio evidenziare la densità abitativa e le tipologie residenziali prevalenti insistenti nella Città di Castellammare di Stabia, si riportano alcuni dati (aggiornamento 2010) ed immagini. Popolazione Residente (M , F ) Densità per Kmq: 3.642,3 Superficie: 17,71 Kmq Dati Statistici sul Comune Distribuzione per Età Pag. 10

21 Foto 1 Panorama Città Castellammare di Stabia Foto 2 - Corso Vittorio Emanuele Foto 4 - Piazza Spartaco Pag. 11

22 METODI DI RACCOLTA E DI SELEZIONE DEI RIFIUTI DOMESTICI Si ritiene utile riportare alcune considerazioni sui metodi di raccolta e di selezione dei rifiuti domestici, dalla generazione fino al conferimento ad un sito di selezione o centro di trattamento, accennando alle caratteristiche e all'efficacia di vari metodi già sperimentati in diverse realtà abitative simili. La raccolta rappresenta lo stadio centrale di una gestione integrata dei rifiuti poiché il modo in cui i materiali di scarto sono raccolti e selezionati influenza fortemente le opzioni di trattamento che possono essere successivamente utilizzate. Esso contribuisce in maniera rilevante a stabilire se metodi quali il riciclo, il trattamento biologico o quello termico sono fattibili in termini di sostenibilità economica e ambientale. Influisce significativamente sulla qualità dei materiali recuperabili o del compost producibile (e di conseguenza sulla possibilità di trovare per essi mercati adeguati) così come sulla quantità di energia che può essere recuperata. Di fatto, è il metodo di raccolta che determina le opzioni di trattamento successive o sono i mercati, esistenti o potenziali, che definiscono come i materiali devono essere raccolti e selezionati per poter essere poi opportunamente recuperati e reintrodotti nel ciclo produttivo. In ogni caso, è fondamentale far incontrare le necessità del mercato e la qualità dei materiali raccolti e selezionati. La raccolta dei rifiuti è anche il punto di contatto tra i produttori di rifiuti (in questo caso famiglie ed esercizi commerciali) e i gestori degli stessi. Il collegamento tra queste due entità deve essere curato con attenzione, come un rapporto tra cliente e fornitore, per garantire l efficacia del sistema. Il cittadino produttore dei rifiuti ed il gestore che li raccoglie hanno esigenze diverse, che possono essere in competizione: il primo desidera avere il minor fastidio possibile dalla raccolta dei rifiuti, mentre il secondo ha bisogno di ricevere i rifiuti in una forma compatibile con i metodi di trattamento pianificati. L equilibrio tra queste due esigenze è una condizione indispensabile per il successo del sistema integrato di gestione. La possibilità di recuperare e riciclare una parte considerevole dei rifiuti prodotti è un obiettivo cruciale delle moderne politiche di gestione integrata dei rifiuti. Riduzione, riutilizzo, riciclaggio e recupero sono le parole chiave del D. Lgs. 22/97, meglio noto come Decreto Ronchi poi confluito nel testo unico ambientale 152/06. Secondo quest ultimo si definisce, in particolare, raccolta differenziata la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee, compresa la frazione organica umida, destinate al Pag. 12

La Normativa di riferimento

La Normativa di riferimento CENTRO di COORDINAMENTO RAEE costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 La Normativa di riferimento Direttive 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Registro, Centro di Coordinamento

Dettagli

1. PREMESSA 4 2. INTRODUZIONE 6 3. IL SISTEMA CONAI 15 4. IL SISTEMA RAEE 21 5. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IN MATERIA DI RIFIUTI 29

1. PREMESSA 4 2. INTRODUZIONE 6 3. IL SISTEMA CONAI 15 4. IL SISTEMA RAEE 21 5. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IN MATERIA DI RIFIUTI 29 Sommario 1. PREMESSA 4 2. INTRODUZIONE 6 3. IL SISTEMA CONAI 15 4. IL SISTEMA RAEE 21 5. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IN MATERIA DI RIFIUTI 29 Le fonti comunitarie 29 Normativa nazionale 35 Quadro regionale

Dettagli

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Il Centro di Coordinamento dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 Normativa di riferimento Il tema dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

La nuova Normativa sul riciclo dei RAEE.

La nuova Normativa sul riciclo dei RAEE. 2 I RAEE, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Frigoriferi e climatizzatori, piccoli e grandi elettrodomestici, televisori e computer, apparecchiature audio/foto/video e lampade a risparmio

Dettagli

GESTIONE DEL SISTEMA MULTICONSORTILE. Centro di Coordinamento Ing. Giuliano Maddalena

GESTIONE DEL SISTEMA MULTICONSORTILE. Centro di Coordinamento Ing. Giuliano Maddalena GESTIONE DEL SISTEMA MULTICONSORTILE Centro di Coordinamento Ing. Giuliano Maddalena CICLO DI VITA DELL AEE DOMESTICO PRODUTTORE CONSORZIO DISTRIBUTORE IMPIANTO TRATTAMENTO UTILIZZATORE FINALE CENTRO DI

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 1 Premessa COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 PIANO FINANZIARIO - TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

RISULTATI RAGGIUNTI E LAVORI IN CORSO. AWARD ECOHITECH Milano - 29 ottobre 2007

RISULTATI RAGGIUNTI E LAVORI IN CORSO. AWARD ECOHITECH Milano - 29 ottobre 2007 RISULTATI RAGGIUNTI E LAVORI IN CORSO AWARD ECOHITECH Milano - 29 ottobre 2007 1 Sistema multi-consortile (1) La gestione dei RAEE storici provenienti dai nuclei domestici deve obbligatoriamente essere

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti,

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, REVET S.p.A E COREPLA PER IL MIGLIORAMENTO E L INCREMENTO DEL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI MISTI IN PLASTICA Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104)

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 28129/14 Anno 2015 Ordine del giorno n. 4 14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) Indirizzi programmatici e linee guida per la predisposizione del nuovo Contratto

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI Medaglia d Argento al Merito Civile Cod. Fisc. 00827390725 ----------- Copia Deliberazione Giunta Comunale N. 31 Del 20-03-2012 OGGETTO: PUNTO ECOLOGICO

Dettagli

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Il Presidente sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa di riferimento: - Legge regionale n. 47 del 07.12.1978

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS ACCORDO DI PROGRAMMA tra REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS La Regione Autonoma della Sardegna, in persona dell Assessore della Difesa dell Ambiente, prof.ssa Donatella Emma Ignazia Spano (di seguito REGIONE

Dettagli

DELLA GIUNTA COMUNALE

DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.144 10.11.2012 OGGETTO: FUNZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI. CONVENZIONE CON APES SCPA

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 436.. Seduta del 23.09.2014 OGGETTO: DELEGA ALLA DITTA SAP S.R.L. PER LA SOTTOSCRIZIONE DELLE CONVENZIONI

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p. STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A 11 GENNAIO 2012 1 Premesse e obiettivi Il piano prevede la revisione

Dettagli

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CRITERI INFORMATORI E OBIETTIVI DEL PROGETTO GABRIELE CANE AMMINISTRATORE DELEGATO

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15 COMUNE DI CEPRANO Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 32 Del 01-04-15 COPIA Oggetto: BILANCIO PARTECIPATIVO ANNO 2015. DETERMINAZIONI L'anno duemilaquindici il giorno uno

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELLA BRIANZA EST PER IL CIRCONDARIO

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELLA BRIANZA EST PER IL CIRCONDARIO REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELLA BRIANZA EST PER IL CIRCONDARIO Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 48 del 4 maggio 2006 Titolo I ELEMENTI COSTITUTIVI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

"Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata".

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata. Protocollo RC n. 3688/06 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 15 FEBBRAIO 2006) L anno duemilasei, il giorno di mercoledì quindici del mese di febbraio, alle ore 14,15,

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE ISTITUZIONE DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE), COSTITUZIONE DI

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE SERVIZI DI IGIENE URBANA

PIANO INDUSTRIALE SERVIZI DI IGIENE URBANA PIANO INDUSTRIALE SERVIZI DI IGIENE URBANA COMUNE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE a cura di Sommario 1. PREMESSA 5 2. INTRODUZIONE 7 3. IL SISTEMA CONAI 17 4. IL SISTEMA RAEE 24 5. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 06/02/2015 e pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Introduzione: organizzazione e funzioni di

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori I PRODUTTORI IL REGISTRO NAZIONALE DEI PRODUTTORI IL VISIBLE FEE I produttori di AEE: chi sono? Il Decreto Legislativo 151 riguarda un numero

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Ferme restando le vigenti norme statutarie, regolamentari ed organizzative, il presente

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Villa Bruno PIANO INDUSTRIALE COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI a cura di Sommario 1. ABSTRACT 4 2. INTRODUZIONE 5 Sistemi di raccolta

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE INDICE 3.1.1. Normativa nazionale in materia di raccolta differenziata 21 3.1.2. Normativa nazionale in materia di Centri Comunali di Raccolta 24 3.1.3. Normativa regionale 25 3.2.1. Piano Regolatore Generale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA. Assessorato Territorio e Ambiente

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA. Assessorato Territorio e Ambiente AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA PROTOCOLLO D INTESA tra l'amministrazione Provinciale di Ragusa i Comuni di: Ragusa Vittoria Comiso Santa Croce Acate Ispica Scicli Modica le Organizzazioni Professionali

Dettagli

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005 Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni Milano, 28 giugno 2005 IL RUOLO DEI PRODUTTORI E LE PROBLEMATICHE ANCORA APERTE Dr.ssa Daniela Capaccioli Responsabile

Dettagli

Convenzione Operativa in forma di contratto per adesione

Convenzione Operativa in forma di contratto per adesione Convenzione Operativa in forma di contratto per adesione per il ritiro di pile e accumulatori portatili esausti dai Luoghi di Raccolta Tra Il Centro di Coordinamento Nazionale Pile ed Accumulatori, consorzio

Dettagli

Sguardo al futuro: I rifiuti possono diventare una risorsa? Martina Franca, 29 novembre 2013 Pagina 1

Sguardo al futuro: I rifiuti possono diventare una risorsa? Martina Franca, 29 novembre 2013 Pagina 1 Martina Franca, 29 novembre 2013 Pagina 1 1. Un po di storia Il servizio di gestione dei rifiuti urbani sul territorio di Martina Franca è affidato alla società TRADECO srl con un contratto rep. N. 830

Dettagli

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO PARTE I - NORME GENERALI Articolo n.1 - CAMPO DI APPLICAZIONE Il Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (di seguito chiamato Piano Provinciale)

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione per il ritiro di rifiuti di pile e accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta comunali Tra Il Centro di Coordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DIREZIONE SANITA SERVIZIO OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA LUCRATIVA E NON LUCRATIVA PROTOCOLLO

Dettagli

Progetto porta a porta

Progetto porta a porta Progetto porta a porta Il presente progetto intende sperimentare su differenti aree campione differenti sistemi organizzativi del servizio per sviluppare la Raccolta Differenziata La base del nuovo sistema

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA ZONA ARANCIO ZONA VERDE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA I cambiamenti di orari e modalità di conferimento per un servizio ancora più puntuale ed efficiente. Per un centro cittadino

Dettagli

N 168 DEL 21/12/2013 COPIA

N 168 DEL 21/12/2013 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 168 DEL 21/12/2013 COPIA OGGETTO: AFFIDAMENTI IN HOUSE A CEM AMBIENTE SPA PER L ANNO 2014, DEL SEGMENTO DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA RELATIVO AL TRATTAMENTO/RECUPERO/SMALTIMENTO

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI. A cura di Rossano Ercolini

II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI. A cura di Rossano Ercolini II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI A cura di Rossano Ercolini Raccolta Differenziata Raccolta Porta a Porta Compostaggio Riciclaggio Centro Riparazione e Riuso Iniziative Riduzione

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 413 del 03/12/2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 50. Data 03/04/2014 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE,

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità Andrea Quaranta Il 29 luglio 2005 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 151/2005, che ha recepito le direttive 2002/95/CE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 Piano per l incremento l della Raccolta Differenziata e per l introduzione l della raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 1 Raccolta differenziata dell organico

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e

V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e COPIA D E L I B E R A 1 2 7 D E L 2 8 / 1 1 / 2 0 1 4 V e r b a le di deliberazione della Giunta Comu n a l e Oggetto: ESTINZIONE ANTICIPATA PARZIALE MUTUO ISTITUTO CREDITO SPORTIVO. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE INDICE raccolta fisso area presidiata ed allestita, senza ulteriori oneri a carico della finanza pubblica, per l'attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno N. 22 del 27/01/2015 Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2015-2016 -2017 E DEL PIANO ANNUALE 2015. APPROVAZIONE STUDIO DI FATTIBILITA L anno

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

RAEE Professionali. Giugno 2007

RAEE Professionali. Giugno 2007 Giugno 2007 RAEE Professionali COPYRIGHT Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Consorzio Re.Media e rientrano nelle proprietà intellettuali del Consorzio stesso. E' fatto,

Dettagli

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO ECODOM UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO A. NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL TEMA DEI RAEE (RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino

Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino La nostra è una cooperativa stabile, affidabile, che ha dimostrato di saper fare e saper immaginare.

Dettagli

CONAI obbligo di iscrizione

CONAI obbligo di iscrizione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 21 25 OTTOBRE 2014 CONAI obbligo di iscrizione Copyright 2014 Acerbi & Associati ASSOCIAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

Copia per la Pubblicazione sul Sito Istituzionale

Copia per la Pubblicazione sul Sito Istituzionale ORIGINALE Deliberazione N. 104 in data 24/10/2011 COMUNE DI SANTA MARIA DI SALA - PROVINCIA DI VENEZIA - Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: SULLE MODALITA' DI GESTIONE DELL'ANAGRAFE

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli