COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N. 15 DEL 03/04/2012 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: COMUNICAZIONE REVOCA ASSESSORE. L anno 2012 addì tre del mese di Aprile alle ore 19:00 nella sala delle adunanze consiliari in seduta pubblica, sessione ordinaria di prima convocazione; Previa l osservanza delle formalità prescritte dal D.Lgs. n. 267 del vennero oggi convocati a seduta i Consiglieri Comunali. All appello risultano: TOSONI ANGELO Sindaco Presente VESENTINI ANDREA Consigliere Comunale Presente MARCONI MARTINA Consigliere Comunale Presente OLIOSI LEONARDO Consigliere Comunale Presente MENINI CESARE Consigliere Comunale - Presidente Presente BONFAINI FRANCESCO Consigliere Comunale Assente VALBUSA VANIA Consigliere Comunale Presente MAZZAFELLI SIMONE Consigliere Comunale Presente DAL FORNO MARCO Consigliere Comunale Presente MOLINARI ANDREA Consigliere Comunale Presente TURRINA GIAMPAOLO Consigliere Comunale Presente BENINI SILVANO Consigliere Comunale Presente MAZZI CORRADO Consigliere Comunale Presente FORNARI VALENTINA Consigliere Comunale Assente LUGO MARIA GRAZIA Consigliere Comunale Presente CORDIOLI NICOLA Consigliere Comunale Presente PASINI FRANCESCO Consigliere Comunale Presente PEZZINI ALBINO Consigliere Comunale Assente SACHETTO FAUSTO Consigliere Comunale Presente VICENTINI GIORGIO Consigliere Comunale Presente MORANDINI GIAN LUCA Consigliere Comunale Presente Presenti n. 18 Assenti n. 3 Assiste all adunanza il Segretario Comunale Sig. PERUZZI DR. GIOVANNI. Constatato legale il numero degli intervenuti il Sig. MENINI CESARE, assunta la Presidenza, dichiara aperta la seduta ed invita il Consiglio Comunale a discutere e deliberare sopra l oggetto sopraindicato, il cui testo è riportato nel foglio allegato. Copia della presente deliberazione viene trasmessa, a cura dell Ufficio Segreteria, ai Responsabili degli Uffici appresso indicati che ne accusano ricevuta per l attuazione come da firma che segue: Uff. Ragioneria: Uff. proponente: Uff. : Pag.1

2 Il Sindaco legge la seguente comunicazione: Richiamati i provvedimenti prot. n del 18/06/2009 di nomina degli Assessori del Comune di Valeggio sul Mincio per il quinquiennio e prot. n del 19/06/2009 di nomina ad Assessore comunale, con delega delle funzioni relative ai seguenti servizi: Urbanistica Lavori Pubblici Edilizia Privata della Sig.ra Marconi Martina nata a Valeggio sul Mincio (VR) il 7/02/1968; Riconosciuto che l Assessore Marconi Martina da tempo ormai abbia assunto, in modo del tutto autonomo, posizioni ed anche iniziative che hanno determinato una serie di problematiche nell ambito del rapporto di piena e reciproca collaborazione tra il Sindaco ed i singoli Assessori; Valutate tali posizioni ed iniziative, alcune assunte senza adeguata informazione o comunicazione preventiva nei confronti del Sindaco e della Giunta comunale, del tutto inopportune dal punto di vista politicoamministrativo ed in contrasto con lo svolgimento funzionale, unitario ed organico della programmazione dell attività amministrativa; Riconosciuto conseguentemente che sia venuto a cessare il corretto e doveroso rapporto collaborativo e di fiducia nei confronti del predetto Assessore; Visti gli artt. 24 e 25 dello Statuto Comunale; Visto l art. 46 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; C O M U N I C O che con provvedimento prot. n del 21/03/2012 è stata revocata la nomina ad Assessore della Sig.ra Marconi Martina e conseguentemente la delega di funzioni relativa ai Servizi Urbanistica Edilizia - Lavori pubblici disposte con provvedimenti Prot. n del 18/06/2009 e Prot. n del 19/06/2009. Il consigliere Martina Marconi interviene: Mi vedete oggi privata delle deleghe all'urbanistica, all'edilizia privata e ai lavori pubblici. Il Sindaco Angelo Tosoni così ha voluto, così ha deciso, così ha firmato. Sono qui come consigliere eletta dalla cittadinanza non più assessore, ma questo non comporterà un mio minor impegno nella politica cittadina. Anzi, mi permetterà maggior libertà di movimento, pensiero ed azione. Ciò perché sono una persona che ha lavorato in questi anni con profondo impegno politico, con serietà e competenza con la finalità ultima di ciò che ritenevo il bene della comunità tutta, senza esercitare alcun particolarismo. Il prezzo della libertà, scevra da condizionamento alcuno, è stato questo. Tutti Voi siete consapevoli e testimoni della mia manifesta disponibilità al dialogo, all'incontro costruttivo e, principalmente, al rispetto della persona. Prerogative queste che si volevano allontanare dalla mia persona, senza successo, e che ritengo essenziali per chi si mette al servizio politico nell'interesse della comunità di cui fai parte e ti senti parte attiva. Se non fossi stata così come sono stata, oggi la cittadinanza mi avrebbe ancora come assessore ma mi avrebbe accusata di tradimento. Ricordo a tutti che l'attuale amministrazione è il frutto di una coalizione civica denominata "Valeggio Futura", composta da esponenti del partito della Lega Nord e esponenti del mondo sociale di varia provenienza riuniti nel gruppo "Presenza Civica". Ed è da rimarcare che questa coalizione ha vinto le elezioni su un programma stabilito e concordato. L'accordo politico pre-elettorale della coalizione prevedeva, una distribuzione di rappresentanza democratica e di equilibrio politico. Tutto ciò è stato dimenticato. Anzi, tale accordo non è mai stato rispettato. Il Signor Sindaco, già prima dell'esito delle votazioni, decise che la carica di vicesindaco sarebbe stata assegnata a persona da lui già individuata. È questo il gioco di squadra di cui si parla? Ritengo che il criterio imposto sia molto lontano dall'etica che dovrebbe contraddistinguere il rapporto di una Pag 2

3 coalizione politica. In tal modo, in spregio al tanto decantato gioco di squadra, sono stati disattesi, di fatto, non solo gli accordi presi con i candidati civici ma anche e soprattutto le aspettative della cittadinanza. Si dimentica, in questa circostanza, che il vero protagonista non è il politico di turno ma la Nostra cittadinanza che, nel programma proposto, aveva riposto le speranze di un rinnovamento culturale rispetto alle passate amministrazioni. Non rispettare quella parte di elettori che vedevano nella componente di Presenza Civica la parte più moderata, più equilibrata, di forte garanzia democratica, componente che peraltro ha permesso la vittoria e l'ascesa di questa amministrazione, significa usare violenza politica proprio nei confronti di quella parte di elettori che oggi viene rinnegata. Va ricordato al Signor Sindaco che il programma sottoscritto prevedeva, rispetto alle stucchevoli e nauseanti logiche del passato, un modello di far politica nuovo e una diversa modalità nell'affrontare i problemi specifici del paese e dei singoli cittadini, per il bene di tutti, e questo attraverso una costante concertazione con la comunità valeggiana. lo questo l'ho fatto. E questo è il prezzo che devo pagare e che mi state facendo pagare. Tu Sindaco mi ha definita "una battitrice libera", espressione oggi resa con una diversa formula di stile ma avente lo stesso contenuto limitativo della mia libertà di essere, di fare politica e soprattutto di relazionarmi e rendere conto ai miei elettori ed alla cittadinanza tutta. Può essere considerato questo comportamento come posizione da irresponsabile? Non credo proprio. Sarebbe cosa gradita che Tu manifestassi apertamente quelle che consideri "le posizioni ed anche iniziative che hanno determinato una serie di problematiche nell'ambito del rapporto di piena e reciproca collaborazione tra il sindaco ed i singoli assessori", ''posizioni ed iniziative, alcune assunte senza adeguata informazione o comunicazione preventiva nei confronti del sindaco e della giunta, del tutto inopportune dal punto di vista politico-amministrativo ed in contrasto con lo svolgimento funzionale, unitario ed organico della programmazione dell'attività amministrativa". Non lasciarci in sospeso, rendi palesi le reali motivazioni perché così sarò fiera di dare le opportune risposte. Seguire un gioco di squadra significa, prima di tutto, essere trasparenti. Tu dovresti ben comprendere che non è più il tempo di fare politica nel vecchio modo. Si deve pensare a soluzioni innovative e valevoli per il bene comune e non proporsi, contrariamente al vero, come fautori di un qualche rinnovamento e poi continuare, in realtà, a fare le stesse cose, con le stesse modalità di sempre, evitando di fatto di impegnarsi con responsabilità e di esporsi fino in fondo. lo non ho voglia di partecipare a simili condotte. Voglio sempre essere in grado di dare risposte senza timori ai miei concittadini. Questo è il prezzo della libertà. Per quanto riguarda il gioco di squadra tanto paventato, va precisato che lo stesso è certamente valevole e fondamentale quando si configura come la sintesi di apporti diversi, dove ognuno dei suoi componenti lo rende forte con le sue peculiarità, i suoi talenti e il leader sintetizza le diverse capacità nel rispetto e valorizzazione del singolo componente per il raggiungendo degli obiettivi del programma posto a base della coalizione. Questo è stato dimenticato. lo, purtroppo, credo e continuerò a credere, solo in una politica partecipata, in una politica fatta dalla gente e non imposta, fatta di critiche costruttive, seppur talvolta scomode. A differenza degli altri che conoscono ed accettano solo la loro verità, io non ho.paura di essere criticata. Questa è la democrazia. E' probabile che non essere del tutto d'accordo su alcuni progetti o temi, significhi essere automaticamente fuori dalla squadra. Si professa la democrazia senza però conoscerla ed esercitarla. Tu, ritirandomi le deleghe è questo che hai fatto! E mi chiedo, dove sono i miei amici di presenza civica con cui ho condiviso la campagna elettorale? Perché su temi importanti quali la viabilità, discarica, gestione del territorio, organizzazione del personale non hanno fatto sentire la loro voce forte e chiara? Pag 3

4 Vi ricordo che la politica è prima di tutto coraggio. lo l'ho avuto. L'impegno personale costa fatica, qualche rischio e anche punizione! Questo è il prezzo della libertà. lo l'ho pagato. Senz'altro ho peccato di presunzione per aver creduto nella verità, nell'onestà, nel rispetto per il prossimo, nella buona etica e nella morale. È stato dimenticato che la politica deve essere esercitata non per fini egoistici ma per il bene comune. Il mio intento era ed è quello di scuotere le coscienze, di sollecitare il confronto. E questo non si vuole. In tutto ciò ho sottovalutato il potere e soprattutto l'attaccamento allo stesso. A differenza di altri, io ho avuto il coraggio di dire la verità. Altri non lo hanno fatto ed ho la certezza che non lo faranno (anche se la speranza è l'ultima a morire). Sono comunque fiera e coerente con me stessa e con i miei elettori. Forse ho sbagliato nel credere nella coalizione Lega-Civica, perché questi sono i risultati. Mi sono battuta più che lealmente, sempre e comunque, ho dato fiducia indistintamente alle persone della coalizione e non ne sono stata contraccambiata, se non da pochi. La vita è fatta di scelte. Quelle di cui si può andare orgogliosi e quelle di cui vergognarsi per sempre. Questo è l'ennesimo attacco a quella che è la massima distinzione dell'uomo: la libertà. Libertà di scegliere, di parlare, di ragionare, di agire ma senza mai dimenticare il mio vero interlocutore: I concittadini di Valeggio. Se vogliamo rinascere dobbiamo avere il coraggio di rompere con il vecchio modo di concepire la politica, consapevoli di quella responsabilità di cui ci facciamo portatori. Soprattutto noi che non siamo politici di professione ma siamo cittadini prestati alla politica. Si vuole gettare su di me la croce dei mali di questa amministrazione? Vedremo. Il tempo è galantuomo. La mia cultura, la mia istruzione, il continuo dialogo con i cittadini per il bene comune: questo è il mio unico credo e la mia battaglia. Questi tre anni di amministrazione rimangono, nonostante tutto, un'importante esperienza che mi ha permesso di misurarmi con un ruolo di responsabilità. Questa responsabilità, per quanto ho potuto, l'ho esercitata con passione, voglia di capire prima di decidere supinamente come si voleva, impegno, entusiasmo ed un pizzico di follia femminile. Ciò mi ha permesso di acquisire nuove competenze, abilità, conoscere molte persone e realtà socio economiche del mio paese di particolare importanza e stimolo, tutte peculiarità queste che resteranno sempre a disposizione esclusiva di questa collettività., Signor Sindaco, in piena libertà, da oggi, su sponde diverse, continuerò la mia missione e il mio Impegno. Sono consapevole della responsabilità che mi attende in questa già conosciuta veste di consigliere comunale, e l'assoluta convinzione che continuerò a svolgere il mio dovere con la massima onestà e trasparenza, nel rispetto del patto con gli elettori. Sono anche sicura che quanto accaduto possa porre la base per una fiduciosa collaborazione con i miei concittadini, tutti indistintamente uniti solo dalla necessità, oggi più di ieri, di far valere quei valori di cui oggi si è parlato e che rendono grande l'uomo e la società futura. Questa si chiama libertà. Voglio ricordare a tutti, nessuno escluso, che il mio impegno, che si vuole far passare per inesistente individualismo, ha prodotto molti risultati concreti quali: presso l'assessorato ai Lavori Pubblici: ho sempre cercato di raggiungere con conoscenza, correttezza e competenza, nel rispetto dei ruoli e delle normative vigenti gli obiettivi concordati e approvati nei programmi, nonostante l'evidente carenza organizzativa degli uffici e del personale, riscontrata e segnalata fin dal primo giorno. In questa ottica ho proposto diverse soluzioni per poter avere uffici adeguati al notevole carico di lavoro pregresso e a quello contingente alle nuove opere previste nel nostro programma elettorale. Numerosi sono stati i contatti istituzionali con gli Enti Locali per presentare le proposte amministrative utili al nostro territorio e sollecitarne, per quanto possibile, una celere definizione. Tra i più importanti: Pag 4

5 modifica del tracciato della variante alla strada provinciale n. 55 Viscontea e nuovo ponte sul fiume Mincio, progetto redatto dall'amministrazione della, per renderlo meno impattante, invasivo, costoso, nel rispetto del suo sito e del suo pregio ambientale, paesaggistico e monumentale; studio di fattibilità relativo alla nuova rotonda in loc. Bivio per mettere in sicurezza un incrocio ad elevata pericolosità; studio di fattibilità relativo all'accesso a via dell'artigianato dalla rotonda sud della circonvallazione indispensabile per garantire la normale fruizione di una importante zona produttiva valeggiana; studio di fattibilità per poter potenziare la strada provinciale n. 27 Mongabia e conseguentemente riqualificare le frazioni di Salionze e di Fontanello; e tante altre situazioni di minore valenza pubblica ma non per questo di minor impegno con gli enti sopra citati. Lascio, inoltre, con l'auspicio che siano portati a termine, molti progetti in avanzato stato di realizzazione, frutto di notevole impegno e concertazione tra cui i più importanti: Progetto pilota del Ponte Visconteo: è in fase di allestimento il cantiere per l'avvio dei lavori di conservazione e manutenzione di un tratto delle mura del ponte Visconteo per un costo complessivo di ,00 di cui ,00 con contributo regionale. Rotatoria Bivio: deve essere approvato il progetto definitivo-esecutivo per la realizzazione di una nuova rotatoria per complessivi ,00 e l'accordo di programma per concordare il co-finanziamento con Veneto Strade. La realizzazione di quest'opera permetterà la messa in sicurezza di un incrocio pericoloso e una maggior fruibilità del traffico. Rotatoria impianti sportivi: importo preventivato ,00 l'intervento permette un accesso diretto agli impianti sportivi e una miglior fruizione e messa in sicurezza della rotatoria stessa. Rotatoria di collegamento tra via dell'artigianato con la zona artigianale: è stato redatto il progetto definitivoesecutivo per un importo complessivo di ,00 che permetterà l'accesso diretto dalla rotatoria delle SR 249 Gardesana orientale Sud alla zona artigianale. Pista ciclabile strada dei Foroni 2 stralcio: nel 2010 è stato approvato il progetto definitivo per complessivi ,00. Si attende da tempo l'avvio delle procedure di esproprio e dei lavori. Scuola elementare del capoluogo: è in corso di redazione finale il progetto esecutivo che permetterà importanti sistemazioni esterne ed interne da tempo necessarie per un costo complessivo di ,00. Vasca di prima pioggia: sono già iniziati i lavori presso il parco Ichenhausen. La realizzazione di queste opere permetterà una lenta decantazione delle acque piovane nella rete fognaria evitando situazioni di criticità alla rete, l'opera costa complessivamente ,00 e ha ottenuto un contributo Regionale pari ad ,00. Fabbricato ex macello - nuova sede per la polizia locale, per la protezione civile ed archivio comunale: è stato realizzato tra innumerevoli difficoltà il l stralcio riguardante l'intera struttura al grezzo dell'immobile per complessivi ,00 di cui ,00 con contributo regionale; partiranno a breve gli interventi relativi al 2 stralcio per le opere di completamento e finitura dei locali adibiti a sede della polizia municipale e della protezione civile, per complessivi ,00. Palazzo Guarienti - 3 stralcio: è stato approvato il progetto relativo ai lavori di manutenzione straordinaria dell'atrio d'ingresso, del cortile esterno con opere di raccolta e smaltimento acque meteoriche, impianto di illuminazione e aree pavimentate per complessivi ,00 beneficerà di un contributo europeo per l'incentivazione rurale turistica pari ad ,00. Manutenzione straordinaria Casa di Riposo "G.Toffoli": è stato redatto il progetto esecutivo approvato anche dalla Sovraintendenza per il rifacimento dello spazio esterno pedonale e carrabile di accesso al cortile della casa di riposo, costo complessivo ,00. Interventi di sistemazione di Via San Giovanni Bosco: con tale progetto verranno recuperate le aree degli ex distributori di carburante, riorganizzando e mettendo in sicurezza la viabilità a partire dalla nuova rotatoria in piazzale Vittorio Veneto fino all'incrocio con Via Salvo D'Acquisto. La sistemazione si integrerà con le recenti opere eseguite per la rotatoria, adottando (costi permettendo) uguali finiture. L'intervento ha un preventivo di spesa di circa ,00. Realizzazione nuova rotonda di piazza Garibaldi: al fine di migliorare la viabilità dell'incrocio di piazzale Pag 5

6 Vittorio Veneto, piazza Garibaldi e via Mazzini verrà redatto il relativo progetto definitivo attualmente in fase di sperimentazione. Realizzazione di un nuovo collegamento tra via Mazzini e via C.Fincato: è in fase di predisposizione il progetto di una nuova rotonda che permetterà un accesso diretto dalla strada comunale di via Mazzini alla nuova zona di lottizzazione in via C. Fincato, l'opera verrà interamente finanziata e realizzata da privati. Riqualificazione strada comunale in Loc. Brughiero e rifacimento incrocio con la strada provinciale n. 24 del Serraglio: è in approvazione il relativo progetto esecutivo da realizzare interamente a cura e spese di privati. "Premio Città di Valeggio sul Mincio: valorizzazione di un'antica terra di confine e di paesaggio. Concorso di idee studio e recupero di Villa Zamboni": nel settembre 2010 è stata patrocinata l'iniziativa promossa dall'associazione culturale La Quarta Luna che in collaborazione con l'ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Verona, ha bandito un un concorso nazionale finalizzato ad acquisire proposte ideative volte al recupero e riqualificazione di Villa Zamboni ed annesso giardino, in funzione di una sua possibile fruizione che tenga in particolare considerazione i giovani. In totale sono state presentate 21 proposte, 15 per la sezione 1 dedicata ai professionisti, 6 per la sezione 2 dedicata ai neo laureati e laureandi. Nel mese di maggio 2011 presso la sede dell'ex mercato è avvenuta la mostra di tutte le proposte dei professionisti partecipanti al concorso e la premiazione degli elaborati più meritevoli. Sempre su proposta dell'associazione culturale "La Quarta Luna" l'iniziativa di valorizzazione di Villa Zamboni sta proseguendo con l'attivazione di un corso semestrale di restauro del Politecnico di Milano, sede staccata di Mantova. Progetto Unicef - Al fine di promuovere un crescita formativa per le giovani generazioni per diventare adulti più consapevoli e responsabili ho voluto fortemente sperimentare forme di cittadinanza attiva, di efficace civile convivenza e di partecipazione responsabile alla vita scolastica e amministrativa del nostro comune, coinvolgendo, con l'ausilio delle insegnanti, della dirigente scolastica e di un architetto valeggiano, direttamente le classi V nella riprogettazione dell'aree esterne della Scuola Primaria "Carlo Collodi" attraverso momenti di confronto, di discussione indispensabili per convergere successivamente ad una "progettazione partecipata" da consegnare all'amministrazione comunale per la relativa realizzazione. Tale programma si pone perciò l'obiettivo di costruire insieme, adulti, bambini e ragazzi, una Scuola che favorisca la partecipazione attiva dei bambini e prenda in considerazione le loro opinioni. Visto il tanto impegno e la mia personale sensibilità a queste tematiche, mi dispiace moltissimo non poterlo seguire e concludere. All'edilizia privata dopo un accurato monitoraggio istruttorio del servizio, ho cercato di dare un'impostazione alle attività dell'ufficio in modo che fossero funzionali a garantire la semplificazione dei procedimenti, lo snellimento dei tempi burocratici necessari in un'ottica di buona amministrazione. Ho provveduto, al fine di portare un risparmio economico alla cittadinanza ed al fine di valorizzare il personale comunale, a sostituire una commissione edilizia composta da liberi professionisti esterni con una commissione interna, organizzata in modo da fornire tempi certi e metodi ispirati ad un controllo responsabile e collaborativo - espressione a mio avviso di un Comune amico, vicino al cittadino e alle realtà socioeconomiche presenti sul nostro territorio. Ho collaborato, personalmente, alla risoluzione di molteplici problemi, dando supporto e ausilio ai cittadini anche in ambiti istituzionali diversi dall'ente comunale, vista anche la mia ventennale esperienza professionale maturata nell'amministrazione provinciale di Verona. Tra le molteplici situazioni urbanistiche importanti affrontate e risolte di seguito evidenzio le più significative: Approvazione di variante con procedura semplificata di sportello unico per le attività produttive (S.U.A.P.) per il trasferimento della sede e degli uffici dell'attività produttiva della ditta Scavi Rabbi sas dal centro storico di Borghetto in un'area agricola già oggetto di escavazione, presso loc. Buse di Valeggio sul Mincio; Approvazione variante e modifica convenzione al piano di riqualificazione urbanistica edilizia e ambientale denominato "Corte Custoza" con conseguente cessione al comune di ulteriori aree da adibire a parcheggio pubblico di fatto raddoppiando l'iniziale dotazione di parcheggi a valenza pubblica. Approvazione variante parziale con procedura semplificata di sportello unico per le attività produttive (S.U.A.P.) per ampliamento dell'impianto produttivo industriale della ditta Scatolini spa - conseguentemente a questa variante si è garantita la salvaguardia dei posti di lavoro nonché la concreta possibilità di crearne di Pag 6

7 nuovi e non da ultimo l'amministrazione ha potuto introitare ,00; Approvazione variante parziale con procedura semplificata di sportello unico per le attività produttive (S.U.A.P.) per ampliamento dell'impianto dell'attività artigianale del laboratorio di pasticceria e di migliorare lo spazio di accoglienza dei clienti della ditta Pasticceria Martini, con il beneficio per Comune di un'opera pubblica compensativa pari ad ,00; Approvazione di una variante per la trasformazione di zone a servizi in zone produttive presso via Pacinotti e via degli Imprenditori (zona industriale) da vendere a privati, il ricavato della vendita dell'area ha permesso al Comune di poter pagare i propri creditori in tempi ragionevolmente brevi, di rispettare il patto di stabilità e di soddisfare la domanda di nuovi insediamenti produttivi nel nostro territorio con creazione di nuovi posti di lavoro sono stati introitati ,00 Approvazione variante parziale con procedura semplificata di sportello unico per le attività produttive (S.U.A.P.) relativa all'ampliamento dell'attività turistica e campeggio "Camping Altomincio" presso loc. Salionze, il comune ha introitato ,00; Variante urbanistica per rendere idonea una area poco più a valle in loc. Coste nella frazione di Santa Lucia ai Monti, per poter realizzare un piccolo impianto di depurazione inserito nel progetto di realizzazione della fognatura in zona Santa Lucia ai Monti a cura della società Azienda Gardesana Servizi (AGS), l'importo stimato per la realizzazione dell'intervento è di ,00 Permesso di costruire in deroga mediante l'utilizzo del cosiddetto "decreto sviluppo" per la razionalizzazione e rivitalizzazione dell'immobile in loc. Bragher, con un cambio d'uso da residenziale ad attività alberghiera della ditta Atrium; tale operazione ha permesso di riconvertire un edificio residenziale da tempo dismesso e improduttivo in un edificio funzionale a nuove opportunità produttive pur mantenendo la stessa struttura; l'amministrazione ha posto in essere l'allargamento della strada comunale delle Brughiere e dell'incrocio con la strada provinciale n. 24 del Serraglio a carico della ditta richiedente. Spostamento delle stazioni di rifornimento carburante al di fuori del centro abitato, in quanto le stesse sono ubicate in aree non più compatibili con le distanze degli incroci a ridosso o sovrapposte ai beni storici e archeologici del paese, al fine di decongestionare e porre in sicurezza il traffico urbano, sia pedonale che veicolare, come da programma elettorale approvato. In fase di avvio la riqualificazione della zona denominata "Ex Icomec": riprendendo il dialogo col privato in ottica di recupero dell'area in modo compatibile e conforme alla legge, evitando il più possibile speculazioni edilizie si sta avviando un progetto di cambio d'uso con riduzione di volume edificabile; All' urbanistica numerosi sono stati gli incontri con i cittadini. É stato affrontato il problema del piano di assetto del territorio e di questo, per quanto mi riguarda, ne rimane memoria scritta la notevole mole di comunicazioni pervenute e protocollate. Il Piano di assetto del territorio (PAT) è lo strumento attraverso cui si definiscono le scelte di organizzazione e trasformazione del territorio, nel medio e nel lungo periodo nelle specificità ambientali, storiche, sociali, antropologiche ed economiche esistenti. Il mio impegno è stato notevole e importante affinché si predisponesse un piano in coerenza con quanto previsto nel programma elettorale che alla voce Territorio ed Urbanistica - Ambiente e qualità di vita, recitava quanto segue: "il territorio è una risorsa da conservare, per quanto possibile intatta e quindi è per noi prioritario il recupero del patrimonio edilizio esistente privato e di proprietà comunale. Per questo proponiamo di migliorare l'ambiente di vita del nostro comune conservando, per quanto possibile, tutti gli elementi architettonici ed ambientali tradizionali e di interesse storico che caratterizzano l'unicità del nostro territorio. Consideriamo la previsione della crescita demografica un calcolo molto importante perché è ad esso che ancoriamo da un lato la quota di espansione edilizia, e dall'altro i servizi che il Comune dovrà potenziare per renderli adeguati all'incremento della popolazione. Riteniamo pertanto che prima di procedere con nuove espansioni edilizie sia indispensabile e responsabile offrire ai valeggiani servizi adeguati per tutti. Stessa politica deve essere fatta per le zone produttive: è importantissimo dare la possibilità a chi lavora e a chi produce sul nostro territorio di ampliare le proprie strutture o di potere edificare su nuove aree più adeguate. Occorre tuttavia dimostrare la reale necessità di espansione e garantire allo stesso tempo nuove offerte di lavoro. In questo modo la crescita edilizia diventerà controllata, legata alle reali necessità Pag 7

8 socioeconomiche, di maggiore qualità e con minore spreco di suolo. Al fine di salvaguardare l'ambiente naturale e le bellezze paesaggistiche del monte Mamaor, in sede di predisposizione del RA. T., verranno posti vincoli di tutela e protezione in modo da tutelare adeguatamente le aree boschive e i prati aridi, scoraggiando così eventuali interessi finalizzati ad altre prospettive di carattere speculativo". Da qui la necessità di prevedere uno sviluppo armonico ed equilibrato con una previsione di sviluppo produttivo esclusivamente in unico ambito (ATO I) a completamento dell'attuale zona produttiva localizzata a sud del capoluogo. In tale ambito troveranno collocazione anche le attività produttive sparse nel territorio e per tali casi il PAT prevede la rilocalizzazione nell'ambito produttivo. Tale operazione di fatto permette una tutela e valorizzazione delle nostre frazioni e dei centri storici, identità storiche-culturali degne di particolare salvaguardia. Il Piano mira a incrementare l'attività turistica legata alla fruizione del territorio, con la realizzazione e lo sviluppo di una rete ciclopedonale, connessa con il sistema dei percorsi naturalistici degli ambiti naturalistico-ambientali presenti, anche in attuazione di progetti a valenza extraterritoriale. Il Piano promuove, inoltre, la possibilità di legare l'attività ricettiva alle strutture già presenti in territorio agricolo, favorendone il cambio di destinazione d'uso e il rinnovo del tessuto edilizio. In tal modo, oltre al recupero dell'esistente, si limita il consumo di territorio che comporterebbe l'edificazione di nuove strutture. Importanti strumenti innovativi sono stati inseriti per promuovere e realizzare uno sviluppo sostenibile e durevole e garantire un utilizzo di nuove risorse territoriali solo quando non esistano alternative alla riorganizzazione e riqualificazione del tessuto insediativo esistente ed in particolare gioca un ruolo fondamentale, a mio avviso, il cosiddetto "credito edilizio" che prevede la possibilità di acquisire un diritto edificatorio come conseguenza della demolizione di opere in stato di degrado o non più funzionali alle necessità produttive. Conseguentemente sono state individuate linee preferenziali di sviluppo insediativo, da attuarsi esclusivamente con credito edilizio nelle zone di particolare pregio ambientale- paesaggistico di Borghetto, Fontanello, Fornello e Olio si, anche Santa Lucia ai Monti avrebbe meritato un sviluppo da attuarsi esclusivamente con credito edilizio vista la sua collocazione di pregio. Altri strumenti strategici introdotti sono anche la "perequazione urbanistica", che assicura un'equa ripartizione dei diritti edificatori e degli oneri connessi tra i proprietari e l'utilizzo di queste risorse per la realizzazione di servizi ed infrastrutture pubbliche; la "compensazione urbanistica" che permette di riconoscere ai proprietari gravati di particolari vincoli diritti edificatori appunto compensati vi. Per ridare slancio al rinnovamento edificatorio dei centri storici ho introdotto la possibilità di modificare i gradi di protezione degli immobili supportando adeguatamente la richiesta di intervento e consentendo anche la demolizione. Non ho potuto, per gioco di squadra, imporre per alcuni ambiti privati collocati in prossimità e all'interno dell'urbanizzazione particolari condizioni ed esplicite salvaguardie a tutela degli attuali posti di lavoro e del territorio stesso, per questi ambiti esiste la possibilità di intervenire direttamente alla riqualificazione e riconversione degli edifici esistenti, così pure per altri ambiti a vocazione naturalistica limitrofi alla zona del fiume Mincio, per queste zone viene prevista la possibilità di una riqualificazione e valorizzazione anche attraverso l'edificazione di tipo residenziale e turistico-ricettiva. Non è stata accolta, nonostante le mie proposte, l'introduzione nelle norme tecniche attuati ve del PAT il principio di procedere con nuove trasformazioni legate al consumo di territorio, previa analisi economica, del mercato immobiliare comunale e sociale, che giustifichi le scelte e le proposte presentate all'amministrazione. Tutto ciò disattendendo sostanzialmente il programma elettorale. Relativamente ad alcuni importanti temi che riguardano il territorio voglio esprimere alcune considerazioni che hanno ulteriormente creato divergenza: MONTE MAMAOR In relazione alla mia astensione sull'emendamento, va ricordato che entrambi i siti di monte Vento e monte Mamaor sono aree di proprietà del Ministero della Difesa, entrambi inseriti in un provvedimento di dismissione funzionale a ripianare il debito pubblico. A seguito di alcuni incontri a Roma e sul territorio valeggiano con i rappresentanti del ministero è stata concordata una valorizzazione importante che Pag 8

9 permettesse su entrambi i siti di edificare attività residenziali e o turistico ricettive, mediante un cambio d'uso, recuperando i volumi esistenti con diverse modalità. Per garantire un ruolo determinante all'amministrazione nel piano di assetto del territorio (PAT) ho individuato e fatto inserire per gli ambiti sopra menzionati una particolare procedura che prevedesse la realizzazione degli interventi attraverso l'approvazione di programmi complessi da concordare tra l'amministrazione e i futuri acquirenti. A seguito degli incontri con la cittadinanza in occasione della presentazione del PAT è però emersa la notevole preoccupazione per la possibile speculazione edilizia in grado di compromette la salvaguardia di quella parte di territorio. L'imponente sviluppo edilizio che negli ultimi anni ha profondamente trasformato e cementificato il nostro paese e la necessità di essere il più possibile aderente a quanto sottoscritto nel programma elettorale mi ha indotta a riconsiderare la necessità per monte Mamaor di inserire maggiori tutele oltre a quanto già previsto. Va da sé il mio personale impegno a partecipare al tavolo di concertazione concordato collegialmente in occasione dell'adozione del PAT con l'approvazione della deliberazione di consiglio n. 13 del 07 marzo DISCARICA A seguito dell'esaurimento delle risorse del fondo costituito per far fronte a tutte le spese derivanti dalla chiusura della discarica Ca' Baldassare (gestione post-mortem) dovute principalmente ai costi per lo smaltimento del percolato e alle altre spese relative alla ordinaria gestione e manutenzione, si è manifestata a fine estate 2010 una situazione di emergenza e di rischio ambientai e da fronteggiare. E' stata più volte sottoposta all'amministrazione l'ipotesi di aprire una nuova discarica in grado di fornire al comune, grazie agli introiti, le risorse economiche per poter fronteggiare i costi della gestione di post-mortem della discarica di Ca' Baldassare, queste ipotesi sono state manifestate dopo concertazioni svolte presso altri enti. A queste ipotesi di apertura di nuova discarica nella zona limitrofa a quella già esistente ho sempre ribadito con forza (anche in più sedute di giunta) la mia contrarietà nel rispetto del mandato affidatomi e del programma che, sull'argomento recita:"non prevediamo l'apertura di nuove discariche per nessun tipo di rifiuti" (a maggior ragione laddove si tratti di discarica di amianto o rifiuti tossico-nocivi). In relazione a ciò la mia proposta di escludere qualsiasi possibilità di insediamento di nuove discariche non è stata accolta, anzi, è stata ricompresa nel programma complesso n. 3 del PAT. Da un ultimo in relazione alle previsioni contenute nel PAT in loc. Fornello sui terreni di proprietà della mia famiglia inclusi in un più ampio sviluppo urbanistico dell'area, ribadisco, a salvaguardia della mia buona fede, la volontà di chiederne lo stralcio con le prossime osservazioni al PAT. La mia necessità di essere coerente al mandato affidatomi e nel rispetto del programma elettorale proposto agli elettori, è stata fatta passare come la volontà di non voler fare "gioco di squadra". Così non è stato e così non è. Bisognava "eliminare" l'assessore scomodo che, per difendere la sua libertà, ha dovuto subire, continuamente e sistematicamente, indebite ingerenze ben oltre la normale collaborazione nelle varie attività degli assessorati e degli incarichi individuali assegnati. La libertà e la voglia di fare hanno un loro costo. lo l'ho pagato. Entra Bonfaini. Consiglieri presenti n. 19. Entra Fornari. Consiglieri presenti n. 20. Pag 9

10 Il Sindaco risponde: Per correttezza nei confronti degli altri membri dell Amministrazione che, come il solito, dalla consigliera Martina Marconi, vengono sminuiti e considerati molto poco. A sentire Lei quello che ha fatto l Amministrazione finora l ha fatto tutto da sola quindi penso che abbia spiegato molto bene il perché di questa sofferta decisione. Quando io dico battitrice libera intendo che in un gioco di squadra ognuno espone le proprie idee e c è un Sindaco che deve trovare un equilibrio e una sintesi di queste idee che vengono esposte cercando di rispettare le sensibilità di ognuno. Battitrice libera nel senso che un gruppo non esiste, quelle sono le mie idee, tu mi obblighi a fare gioco di squadra, io fuori nel tessuto sociale nel mio elettorato vado a dire che gli altri sono meno bravi di me, se tutti fanno così la squadra non dura neanche due giorni. Non è vero, inoltre, che sia mai stato imposto qualcosa, è il funzionamento della democrazia. Nella democrazia ognuno espone la sua idea se ognuno di noi pretendesse di far sempre quello che ha in testo e che gli fa comodo anche qui non si potrebbe fare gioco di squadra ma sarebbe il caos assoluto. Inoltre non è che tu hai sottovalutato il potere non hai mai riconosciuto i ruoli, il ruolo di consigliere, il ruolo di assessore che fa parte di una Giunta, organo di fiducia del Sindaco, vuol dire che un assessore si confronta con il Sindaco, con la squadra per poi proseguire nella sua attività, il continuo portare avanti idee personali per poi dover essere sempre rincorse in fretta e furia quello non è gioco di squadra, quello è non riconoscere il ruolo del Sindaco, il ruolo della Giunta e, ripeto, tutto l elenco che hai fatto e che ti ringrazio perché ricordiamo alla cittadinanza quanto abbiamo lavorato come Amministrazione e lo ricorderemo spesso, secondo te l hai fatto tutto da sola quindi gli altri 13 componenti dell Amministrazione sono in più e questo è sempre stato il tuo modo di atteggiarti. Non ho capito quando dici vecchio modo di concepire la politica io non so cosa la nostra Amministrazione abbia fatto, secondo me abbiamo sempre concertato con le persone, con i cittadini, siamo sempre usciti nelle frazioni, nel capoluogo, concertato il PAT, abbiamo sempre concertato qualsiasi scelta perché tu parli delle deleghe di tua competenza, quelle che seguivi, io ho il quadro di quanto è stato fatto per il turismo, per il sociale, per la viabilità, per l ecologia, per la cultura, tutte le deleghe di ogni assessore, è sempre stato fatto concertando, coinvolgendo tutti e dando modo a tutti di dire la propria idea dopo di che si fa una sintesi e si agisce. Questo è il mio modo ed il nostro modo di agire, ascoltare tutti, farsi un idea e agire. Se con il PAT si voleva fare 5 anni di concertazione perché ti accordi dopo 2 anni che c è la sensibilità su Monte Vento e Monte Mamaor, mi parlavi di 2 che non sono state accolte, mi hai mandato 2 proponendo delle modifiche dopo che io e te eravamo andati in Regione a firmare le tavole, con il Consiglio e la riunione in Regione già fissati, dopo 2 anni di concertazione sul PAT perché sono stati fatti 2 incontri pubblici su Monte Vento e Monte Mamaor. La nostra Amministrazione ha sempre avuto molto chiara la sensibilità di quelle zone e quando abbiamo parlato con quelli dell esercito avevamo molto chiara la sensibilità di quelle aree e come bisognava tutelarle, il discorso del parco l avevamo già valutato 2 anni prima che non volevamo perseguire la strada del parco di interesse locale, avevamo individuato altre forme di tutela quindi anche in questo caso bisognava annullare il Consiglio Comunale per l adozione del PAT, rimesso in discussione tutto con la Regione per fare l adozione del parco per cosa? Per perdere altri 6 7 mesi sullo strumento quando erano 2 anni che se ne parlava e, sono tutti testimoni, non ti sei mai stracciata le vesti per fare un parco di interesse locale quindi questo continuo sistema con ogni persona con la quale si parla di rimettere tutto in discussione non può funzionare perché si concerta, si ascolta tutti poi si decise. Io con la squadra ho sempre avuto questa necessità di ascoltare tutti ma di decidere perché si voleva dare quel segno di cambiamento come dicevi tu e che io sono convinto di aver dato, come Amministrazione, e che continueremo a dare perché, purtroppo, quando parli del PAT sembra che l abbia fatto qualcun altro, l hai fatto tu, se c è da fare una modifica la facciamo. Io mi sono fidato ed evidentemente anche un po troppo, quindi io ti ho dato risposta perché mi sentivo in dovere di difendere non sono i leghisti ma anche i componenti di presenza civica che hanno sempre riconosciuto i ruoli, preso molto a cuore il loro ruolo e proprio perché il ruolo di membro di una squadra si sono sempre interpellati con quello che ha la responsabilità di assicurare la sintesi dei pensieri ed io ti ho sempre fatto presente che non venivi mai a parlarmi ed io non riesco a coordinarti insieme agli altri se non ti vieni a confrontare, purtroppo non è Pag 10

11 nella tua natura quando tu dici che difendi la tua libertà è un modo un po dittatoriale, dici che vuoi ascoltare la gente ma quando si è in una squadra tutti ascoltano le persone, si deve trovare una sintesi e poi si agisce, questo è quello che è abbiamo sempre fatto e lo dimostra l unità della squadra, non mi sembra che si possa dire e che nessuno abbia mai lamentato che non si può esprimere che non può portare avanti i propri obiettivi, siamo arrivati ad un punto in cui la squadra la dovevo tutelare in quanto c erano dei malumori proprio per questo atteggiamento per cui tutti gli obiettivi sono stati raggiunti da te, è sempre stato fatto gioco di squadra, sono state fatte le scelte insieme sotto questo punto di vista, qualcuno si è impegnato per racimolare i soldi che permettessero di fare le opere pubbliche e ti annoveri anche questa responsabilità di averli reperiti tu. Adesso ti concedo anche di poterti sfogare, c è una schiera di tuoi amici, io avrò modo di spiegare a tutti che delle opere che tu adesso hai elencato non ne avremmo fatta alcuna se non c era qualcuno che si faceva carico di andare a recuperare le risorse, quindi io credo di aver fatto cosa doverosa per tutelare la squadra, ringrazio presenza civica per il continuo apporto e supporto al lavoro di squadra oltre che ringraziare la Lega Nord, io credo che avremo modo di continuare a dimostrare la nostra unità e la nostra efficienza nell amministrare poi se, alla fine del nostro mandato, si dimostrerà che senza la tua presenza si ferma l Amministrazione per non parlare del mondo, perché sembra che si fermi il mondo, rivendicherai questo quando sarà il momento. Io sono convinto che dimostreremo di lavorare ancora più in sintonia visto che saremo tutti consapevoli del ruolo che abbiamo ed ognuno riconosce il ruolo di chi ha vicino a differenza di qualcun altro che evidentemente ha preso il proprio incarico, che voglio ricordare a tutti che, quando si diceva sono stati disattesi gli equilibri, sono stati dati tre assessorati importantissimi a presenza civica che ha sempre lavorato e portato avanti bene i propri assessorati, a Martina Marconi è stato dato un impegno importanti perché urbanistica, lavori pubblici, edilizia privata è avere un assessorato micidiale in un Amministrazione, quello che è mancato è stato un atteggiamento costruttivo di collaborazione, di confronto e non di chiusura e di fastidio ogni volta che qualche assessore voleva saperne di più su cosa stavamo pensando e portando avanti, questo, nel tempo, ha creato la necessità di mettere rimedio. Questo dovevo per lo spirito di squadra e dopo di che spero che si possa andare avanti con il Consiglio Comunale ; Il consigliere Marconi replica: Io penso che in quello che dici ci sia comunque un incongruenza. Tu parli, ed io penso di essere stata chiara nel mio documento, di gioco di squadra e del fatto che io sono stata una tiratrice libera e che quindi avoco a me tutta una serie di opere ; Il Sindaco: Io parlo di battitrice libera quando ti dissoci dalle scelte di squadra, che è troppo comodo, se ogni assessore fa così non si va da nessuna parte ; Il consigliere Marconi: Io non mi sono mai dissociata dalle scelte riconducibili al programma elettorale e a ciò che mi lega ai miei cittadini quindi il mio ruolo è stato rispettoso di questo incarico che penso sia superiore a qualsiasi cosa, per il resto le opere pubbliche erano contenute in programmi approvati non solo in Giunta ma anche in Consiglio per cui io non ho fatto niente di più di quello che era nell esercizio del mio mandato ; Intervengono i consiglieri: Vicentini: Anch io ho fatto l amministratore per 17 anni ed anch io sono stato eletto dai cittadini ed anche le passate amministrazioni hanno fatto opere molto importati: la piazza, il palazzetto, la ristrutturazione del Municipio, la nuova scuola materna, la circonvallazione, la zona artigianale senza finanziamenti, fatte tutte con la squadra e penso che un po di rispetto lo meritino. Credo che ognuno dà quello che può con le proprie capacità, con le proprie disponibilità e con i propri consensi. Detto questo voglio ringraziare anche l assessore perché, se non altro, in alcune opere, come la strada del Castello e come altri interventi che l amministrazione precedente aveva fatto, ci ha ringraziato. Qualche altro assessore non l ha fatto cito ad esempio il maggior contributo avuto dalla Regione per i servizi al Fontanello, a Santa Lucia ed al Fornello che adesso tutti se ne vantano sui giornali, ma in realtà era stata fatta e finanziata dall Amministrazione Pag 11

12 precedente e siccome il sottoscritto qualche giornata l ha persa credo giusto darne atto in quanto anche noi quando siamo stati eletti abbiamo trovato delle opere già approvate. Io non rivendico niente però un po più di collaborazione sarebbe da auspicare. Credo che ognuno dà per quello che può e tutti dovrebbero collaborare al di là di appartenere alla maggioranza od alla minoranza. Ho fatto questa precisazione anche a nome del mio gruppo e vi auguro di continuare il vostro lavoro ed un buon lavoro come opposizione diamo la nostra disponibilità a portare il nostro contributo perché alla fine sono i cittadini che hanno bisogno di quel poco che possiamo dare con il nostro impegno e la nostra determinazione ; Cordioli: Volevo esprimere solo un sentimento che è quello della preoccupazione. Vi spiego il perché. Se vi ricordate durante il primo Consiglio io non mi risparmiai di esternare un certo entusiasmo per questo nuovo tipo di fare politica che si stava aprendo e le motivazioni c erano tutte perché la componente giovanile, la componente civica, questa aria nuova si respirava e Martina, per me, rappresentava un fulcro imprescindibile di garanzia di un certo profilo etico perché, come sapete, è stata la mia capogruppo nella precedente amministrazione, adesso venendo a mancare questo elemento non vi nego che sono più preoccupato per questo tipo di vigilanza e di garanzia che viene a mancare. Sul discorso del Monte Mamaor voglio ritornare sull argomento perché mi trovo completamente d accordo sul fatto che non c è stata coerenza col programma di chi è stato eletto ; Sindaco: Questo dovresti ricordarlo a quella che ti garantiva la vigilanza ; Cordioli: Sull emendamento ha dimostrato di non avere tutte quelle certezze, che invece l Amministrazione ha, di ottemperare a quello che è stato il programma elettorale. Vi ricordo che stiamo ancora aspettando questo tavolo che avevate promesso durante l ultimo Consiglio ; Sindaco: Il tavolo si è ritrovato con chi mi ha dato fiducia e quindi non mi ha votato contro, chi ha votato contro al PAT farà le sue osservazioni. Io mi sono impegnato a coinvolgere chi mi avesse dato fiducia su possibili miglioramenti dello strumento, chi è intervenuto e ha detto di astenersi perché dava fiducia al Sindaco e all Amministrazione. Voi avete votato contro e quindi avete chiuso voi la porta, qualche giorno fa ho riunito i consiglieri che si erano astenuti, abbiamo ascoltato quelle che sono le sensibilità che ci sono state presentate, adesso ci lavoreremo su per migliorarlo, non mi sembra di aver disatteso la volontà di qualcuno, anzi ho messo in atto quello che era il mio impegno ; Cordioli: Se vi ricordate, in un passaggio, io ho detto: questo non toglie la possibilità di fare un tavolo ; Sindaco: Io ti ringrazio della disponibilità ; Al termine della discussione sull argomento in oggetto esce il consigliere Marconi. Consiglieri presenti n. 19. Pag 12

13 Letto, confermato e sottoscritto IL PRESIDENTE MENINI CESARE IL SEGRETARIO COMUNALE PERUZZI DR. GIOVANNI RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE Copia della presente deliberazione è stata affissa all albo pretorio e vi rimarrà per quindici giorni consecutivi. Addì IL SEGRETARIO COMUNALE PERUZZI DR. GIOVANNI Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d ufficio. A T T E S T A - che la presente deliberazione: [ ] è stata dichiarata immediatamente eseguibile (art comma 4 D.Lgs. n. 267/2000). - che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il [ X ] decorsi 10 giorni dalla pubblicazione. Addì IL SEGRETARIO COMUNALE PERUZZI DR. GIOVANNI Pag 13

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli