CAPITOLO 2. Appello SOMMARIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 2. Appello SOMMARIO"

Transcript

1 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre IMPUGNAZIONI: APPELLO 517 CAPITOLO 2 Appello SOMMARIO I. Presupposti A. Provvedimenti appellabili B. Termini II. Giudice competente III. Fase introduttiva A. Attività dell appellante B. Attività dell appellato C. Intervento del terzo IV. Svolgimento della causa A. Verifiche preliminari B. Eventuale fase istruttoria V. Decisione L appello è il mezzo d impugnazione che consente alla parte che è rimasta insoddisfatta dall esito della sentenza di primo grado di ottenere il riesame, anche integrale, del merito della controversia. La legge non indica tassativamente i vizi della sentenza che sono impugnabili, ma ne rimette la determinazione alla parte che impugna (c.d. mezzo a critica libera), la quale può lamentare l ingiustizia anche dell intero provvedimento. La sentenza emessa in sede di appello si va, quindi, a sostituire a quella di primo grado (c.d. effetto sostitutivo dell appello). Le parti nel giudizio d appello sono rispettivamente quella che propone l appello, c.d. appellante, e quella che lo subisce, c.d. appellato. Quest ultimo può a sua volta proporre appello contro la sentenza di primo grado, c.d. appello in via incidentale I. Presupposti Lo schema che segue elenca i presupposti per poter proporre il giudizio di appello. Se manca anche solo uno solo di essi, il giudice, anche d ufficio, dichiara inammissibile l appello. 3614

2 518 IMPUGNAZIONI: APPELLO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre 3614 (segue) A. Provvedimenti appellabili 3618 In generale, possono essere appellate tutte le sentenze, definitive e non, pronunciate nel giudizio di primo grado avanti il tribunale o il giudice di pace (purché queste ultime di valore superiore ai euro), salvo i casi in cui l appello sia escluso dalla legge o dall accordo delle parti (art. 339 c. 1 c.p.c.) o i casi in cui la sentenza di primo grado sia stata pronunciata secondo equità (art. 339 c. 2 c.p.c.). Le sentenze del giudice di pace pronunciate secondo equità in cause di valore inferiore ai euro sono tuttavia appellabili se emesse in violazione delle regole procedimentali, o in violazione di norme costituzionali, comunitarie o regolatrici della materia del contendere (art. 339 c. 3 c.p.c.). Sono inoltre appellabili le sentenze del giudice di pace: in materia di contratti di massa (Cass. 8 giugno 2007 n ); in cause di valore indeterminabile (Cass. 2 settembre 2004 n , Cass. 15 giugno 2004 n ); quando in forza del cumulo tra domande si superi il valore di euro (Cass. 24 luglio 2002 n ); rese in cause di valore superiore ai euro, anche se il giudice abbia erroneamente pronunziato secondo equità (Cass. SU 14 dicembre 1998 n , Cass. 15 ottobre 2009 n ); quando statuisce sulla propria competenza (Cass. 29 maggio 2008 n ). Se sono state proposte al giudice di pace una domanda principale da decidere secondo equità (valore inferiore ai euro) e una domanda riconvenzionale da decidere secondo diritto (di valore superiore) e il giudice di pace esclude la connessione tra le domande, le distinte ed autonome statuizioni su di esse sono soggette a diversi mezzi di impugnazione: la pronuncia sulla domanda principale (di equità) è soggetta a ricorso per cassazione e quella sulla domanda riconvenzionale (di diritto) ad appello (Cass. 26 gennaio 2010 n. 1463, Cass. 31 maggio 2005 n , Cass. 24 marzo 2005 n. 6376).

3 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre IMPUGNAZIONI: APPELLO 519 Sentenze definitive È impugnabile qualunque provvedimento emesso dal giudice di primo grado, il cui contenuto sia riconducibile a quello di una sentenza, indipendentemente dall eventuale errata denominazione data dal giudice. Sono di contro inappellabili i provvedimenti che il giudice di primo grado ha erroneamente emesso in forma di sentenza, quando sono invece ordinanze (ad esempio, un provvedimento ordinatorio con forma di sentenza). Ad esempio, sono state ritenute appellabili dalla giurisprudenza, in quanto aventi la natura sostanziale di sentenza, pur presentando una forma diversa: l ordinanza di convalida di licenza o di sfratto per finita locazione o per morosità, avente la sostanza della sentenza, che sia stata emessa al di fuori dei requisiti di legge e senza il rispetto dei presupposti per la sua emissione (v. n. 6797); la pronuncia di estinzione del processo, emessa in forma di ordinanza, se l organo investito della decisione della causa ha struttura monocratica. Se, invece, è emessa dal giudice istruttore nelle cause in cui il tribunale giudica in composizione collegiale, la pronuncia conserva la sua natura di ordinanza reclamabile avanti al collegio (Cass. 28 aprile 2004 n. 8092); l ordinanza del giudice che dichiara la cessazione della materia del contendere (Cass. 14 luglio 1989 n. 3314); in tema di esecuzione forzata degli obblighi di fare o di non fare, il provvedimento con cui il giudice risolve la controversia tra le parti in ordine alla portata sostanziale del titolo esecutivo ed all ammissione dell azione esecutiva intrapresa (Cass. 10 aprile 1992 n. 4407). Sentenze non definitive Nel corso del giudizio di primo grado il giudice può pronunciare una sentenza che non definisce l intero giudizio, come accade nei seguenti casi (approfonditi al n e s.); condanna generica alla prestazione o al pagamento di una provvisionale; decisione su una o più questioni e definizione parziale del giudizio; decisione su una questione di giurisdizione o competenza o su questioni pregiudiziali o preliminari. In queste ipotesi la parte interessata può scegliere se impugnare la sentenza non definitiva in un momento successivo unitamente a quella definitiva, facendone espressa riserva (appello differito, come analizziamo nel paragrafo successivo), o impugnare immediatamente, nei termini di legge. Impugnazione differita (o riserva facoltativa di appello) (art. 340 c. 1 c.p.c.) Se la parte interessata intende differire la proposizione dell appello in attesa della sentenza definitiva, deve formulare apposita riserva per evitare che sulla questione decisa con la sentenza non definitiva si formi il giudicato. La riserva d appello va fatta entro il termine di 30 giorni dalla notificazione della sentenza (termine breve) o comunque non oltre la prima udienza (se anteriore alla scadenza del termine) davanti al giudice istruttore successiva alla comunicazione della sentenza, a pena di decadenza. La riserva può essere presentata con le seguenti modalità (art. 129 c. 1 e 2 disp.att. c.p.c.): dichiarazione orale da inserirsi nel processo verbale; dichiarazione scritta su foglio a parte da allegare ad esso; atto notificato ai difensori delle parti costituite o, se queste non sono costituite, alla parte personalmente. In mancanza di una tempestiva dichiarazione di riserva, la parte decade solamente dalla facoltà di impugnazione differita, ma non anche dal potere di impugnazione immediato (Cass. 8 aprile 2004 n. 6951). Qualora invece la parte abbia optato per la riserva, non può più promuovere l appello immediato. Precisazioni 1) Il termine per la riserva non può essere prorogato o differito, per cui è irrilevante che la prima udienza sia stata di mero rinvio o di trattazione (Cass. 9 gennaio 2007 n. 212, Cass. 17 febbraio 2005 n. 3266). 2) La riserva può essere proposta nella prima udienza dinanzi al giudice istruttore successiva alla comunicazione della sentenza stessa solo se non è ancora scaduto il termine di 30 giorni (Cass. 14 luglio 2004 n ). 3) La riserva manifestata da una parte non giova anche alle altre (Cass. 31 luglio 2008 n ). Se la parte si avvale della riserva facoltativa di appello, questo deve essere proposto unitamente a quello proposto contro la sentenza che definisce il giudizio o contro una successiva ed ulteriore sentenza non definitiva (art. 340 c. 2 c.p.c.)

4 520 IMPUGNAZIONI: APPELLO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Se la parte che ha formulato la riserva risulta soccombente anche alla sentenza definitiva, le due impugnazioni vanno proposte con lo stesso atto. Se invece risulta vittoriosa alla fine del processo, l impugnazione alla sentenza non definitiva può essere promossa in via incidentale. La riserva non può, invece, essere fatta e, se venga già formulata, rimane priva di effetto, qualora contro la sentenza non definitiva sia proposto appello immediato da una delle parti (art. 340 u.c. c.p.c.). Se il processo si estingue in primo grado, la sentenza di merito contro cui la parte ha fatto riserva d appello acquista efficacia di sentenza definitiva dal giorno in cui diventa irrevocabile la sentenza o l ordinanza che pronuncia l estinzione del processo. Da questa data decorre il termine breve di 30 giorni dalla notificazione della sentenza o, in assenza di notifica, il termine di 1 anno dalla pubblicazione (art. 129 c. 3 disp.att. c.p.c.) per poter proporre appello. La riserva formulata fuori dall udienza, deve essere notificata al procuratore costituito delle altre parti; se invece è fatta in udienza, può essere espressa verbalmente, deve essere inserita nel verbale di udienza o con dichiarazione scritta su foglio a parte (Cass. 14 luglio 2004 n ) Impugnazione immediata Se la parte interessata sceglie di proporre immediatamente appello contro la sentenza non definitiva, deve farlo nei termini e con i modi ordinari. L impugnazione immediata non preclude ovviamente la possibilità di impugnare, una volta emessa, la sentenza definitiva né impedisce la prosecuzione del giudizio di primo grado. L appello immediato deve riguardare solo la questione affrontata dalla relativa sentenza non definitiva: il giudice di secondo grado investito dell appello ha, infatti, il potere di cognizione limitatamente alla questione decisa dalla sentenza appellata e non può procedere all esame di altre questioni, dato che la sentenza di riforma resa dallo stesso giudice si inserisce immediatamente nel processo eventualmente sospeso o ancora pendente davanti al giudice di primo grado (Cass. 8 aprile 2003 n. 5456) Sentenze non appellabili per accordo delle parti (art. 360 c. 2 c.p.c.) Le parti che hanno partecipato al giudizio di primo grado avanti il tribunale possono discrezionalmente ed espressamente decidere di omettere il giudizio di secondo grado, ammettendo solamente il ricorso immediato per cassazione. In tali casi, però, il ricorso per cassazione può proporsi soltanto per violazione o falsa applicazione delle norme di diritto e dei contratti o accordi collettivi nazionali di lavoro (v. n e s.) Sentenze non appellabili per legge La legge esclude espressamente l appellabilità delle seguenti sentenze, contro le quali è necessario ricorrere direttamente in cassazione: le sentenze che pronunciano solo sulla competenza, senza decidere anche il merito della causa. Esse sono impugnabili solo con regolamento necessario di competenza; le sentenze del giudice di pace nelle cause di valore inferiore a euro (v. n. 3120). Tali pronunce possono tuttavia essere appellate nei casi indicati al n. 3618; i provvedimenti resi nel corso del giudizio di opposizione agli atti esecutivi (art. 618 c. 1 e 2 c.p.c.); le sentenze del tribunale pronunciate secondo equità su richiesta delle parti (art. 114 c.p.c.); le sentenze che decidono controversie di lavoro di valore non superiore a 25,82 euro (art. 440 c.p.c.). B. Termini 3636 Per impugnare validamente la sentenza di primo grado, la parte interessata deve proporre l appello entro i termini perentori previsti dalla legge, che variano a seconda che la sentenza di primo grado sia stata o meno notificata; precisamente la parte può avere: a) un termine breve di 30 giorni decorrente dalla notifica della sentenza effettuata dalla parte

5 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre IMPUGNAZIONI: APPELLO 521 vittoriosa in primo grado che è interessata al passaggio in giudicato della sentenza (art. 325 c.p.c.); b) in mancanza di notificazione si applica invece il termine lungo per l impugnazione, termine che è stato modificato dalla recente riforma del processo. È quindi necessario distinguere due ipotesi: per i procedimenti instaurati fino al 3 luglio 2009 il termine è di un anno, decorrente dalla pubblicazione della sentenza (art. 327 c. 1 c.p.c. anteriore alle modifiche introdotte dalla Riforma 2009); per i procedimenti instaurati dal 4 luglio 2009 il termine è di 6 mesi, decorrente dalla pubblicazione della sentenza (art. 327 c. 1 c.p.c. come modif. dalla Riforma 2009). Per una trattazione più approfondita del termine per impugnare: v. n e s. II. Giudice competente L appello contro le sentenze di primo grado si propone al giudice di grado immediatamente superiore. Più precisamente (art. 341 c.p.c.): per la sentenza emessa dal giudice di pace (nei casi in cui è ammesso l appello) è competente il tribunale, in composizione monocratica per l intero giudizio; per la sentenza di primo grado pronunciata dal tribunale, è competente la corte d appello, in composizione collegiale per l intero giudizio. In entrambi i casi è competente per territorio il giudice nella cui circoscrizione ha sede il giudice di primo grado che ha pronunciato la sentenza appellata. La competenza così determinata è inderogabile dalla volontà delle parti (Cass. 13 maggio 1998 n. 4826). Quando viene accolta l eccezione di incompetenza del giudice adito, il processo deve essere riassunto avanti al giudice competente nel termine e secondo le regole esaminate al n Qualora sia in causa un amministrazione dello Stato, l appello contro la sentenza del tribunale deve essere proposto alla corte d appello dove ha sede l avvocatura dello Stato nel cui distretto la sentenza è stata pronunciata (art. 25 c.p.c.) III. Fase introduttiva Il procedimento di appello si apre per iniziativa della parte interessata (l appellante) che, per il tramite del proprio avvocato, predispone e notifica un atto di citazione in appello alla controparte e si costituisce in giudizio. La controparte convenuta in giudizio (l appellato) si può costituire in giudizio depositando comparsa di costituzione e risposta. Riassumiamo tale fase introduttiva nello schema che segue. Per la notifica dell atto di citazione in appello si rinvia alle regole generali di notifica dell atto di impugnazione: v. n e s. Per l intervento del terzo nel processo d appello: v. n e s. Quanto alla disciplina dell appello (davanti alla corte o al tribunale) si osservano in generale le norme dettate per il procedimento di primo grado davanti al tribunale, ed in particolare le regole dettate dal codice per il procedimento d appello (art. 359 c.p.c.). 3640

6 522 IMPUGNAZIONI: APPELLO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre 3640 (segue) A. Attività dell appellante 3642 La parte che intende impugnare la sentenza, deve, in primo luogo, individuare il giudice competente per il secondo grado di giudizio, quindi, notificare alla controparte (o alle controparti), entro i termini di legge, un atto avente la forma della citazione. Con tale atto l appellante sottopone all esame del nuovo giudice, che ne acquisisce la piena cognizione (effetto devolutivo), questioni già discusse e trattate in primo grado, non potendo in alcun modo ampliare l oggetto del giudizio, né introdurre nuove domande o eccezioni (questo vale anche per le controparti), salvi i casi esaminati al n L appellante può impugnare l intera sentenza o singoli capi della stessa purché siano autonomi e sorretti ciascuno da una propria motivazione (c.d. impugnazione parziale).

7 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre IMPUGNAZIONI: APPELLO 523 a. Atto di citazione in appello L appello si propone con atto di citazione, e deve contenere, oltre a tutti gli elementi dell atto di citazione di primo grado (art. 342 c.p.c.): l esposizione sommaria dei fatti; l indicazione dei motivi specifici dell impugnazione, a pena d inammissibilità. Non possono essere proposte domande nuove, in quanto ciò esula dal compito del giudice di secondo grado, costituendo il giudizio d appello una sorta di prosecuzione di quello di primo grado. La tabella che segue elenca le indicazioni richieste dalla legge per l atto di citazione in appello, richiamando il contenuto prescritto per l atto di citazione di primo grado a cui la legge rinvia espressamente (art. 342 c. 1 c.p.c. che richiama art. 163 c.p.c.). La mancanza, l irregolarità o gli altri vizi relativi ad uno dei requisiti di seguito elencati comporta le medesime conseguenze viste in relazione all atto di citazione di primo grado (in applicazione del rinvio generale fatto dall art. 359 c.p.c. alla disciplina del processo di primo grado avanti al tribunale) Contenuto dell atto di citazione Riferimenti v.n. Indicazione del giudice (corte d appello o tribunale) davanti alla quale la domanda è proposta art. 163 c. 3 n. 1 c.p.c Indicazione delle parti art. 163 c. 3 n. 2 c.p.c Determinazione della cosa oggetto della domanda art. 163 c. 3 n. 3 c.p.c Esposizione sommaria dei fatti di primo grado art. 342 c. 1 c.p.c Esposizione degli elementi di diritto costituenti le ragioni della domanda, con le relative conclusioni art. 163 c. 3 n. 4 c.p.c Esposizione dei motivi specifici dell impugnazione art. 342 c. 1 c.p.c Indicazione specifica dei mezzi di prova dei quali l attore intende avvalersi nei limiti entro cui sono ammessi in appello artt. 163 c. 3 n. 5 e 345 c. 3 c.p.c Nome e cognome del difensore e indicazione della procura art. 163 c. 3 n. 6 c.p.c Indicazione del giorno dell udienza di comparizione (1) art. 163 c. 3 n. 7 c.p.c Invito al convenuto a costituirsi nel termine di 20 giorni prima dell udienza di comparizione (10 giorni in caso di abbreviazione dei termini) e a comparire, nell udienza indicata nell atto, dinanzi al giudice designato, con l avvertimento che la costituzione oltre i suddetti termini implica le decadenze di legge, tra cui la decadenza dal proporre appello incidentale art. 163 c. 3 n. 7 c.p.c. art. 167 c.p.c Dichiarazione del valore della causa, ai fini del pagamento del contributo unificato Eventuale numero di fax o indirizzo per notificazioni o comunicazioni durante il processo art. 14 c. 2 DPR 115/ art. 170 c. 4 c.p.c. Sottoscrizione del difensore art. 163 c. 4 c.p.c Relata di notificazione art. 137 c. 1 c.p.c Nota: 1) Anche in secondo grado, per i procedimenti instaurati dal 1º marzo 2006, tra il giorno dell udienza di comparizione indicata dall appellante e quello della notifica dell atto al convenuto devono intercorrere almeno 90 giorni liberi se il luogo di notificazione si trova in Italia, e 150, se si trova all estero (art. 342 c. 2 c.p.c. che richiama i termini previsti dall art. 163 bis c.p.c.). Esposizione sommaria dei fatti L appellante deve fornire una sintetica narrazione dei fatti, con riferimento a quanto esposto nel primo grado di giudizio. La mancanza dà luogo a nullità sanabile con la costituzione dell appellato (Cass. 3 gennaio 2005 n. 21), purché in pendenza del termine per appellare (Cass. 1º settembre 1997 n. 8343). 3650

Schemi 14A 14B 14C 17A 17B

Schemi 14A 14B 14C 17A 17B INDICE Schemi 1 Le impugnazioni delle sentenze (artt. 323 e ss.)... 3 2 Cosa giudicata formale (art. 324)... 4 3 I termini delle impugnazioni (artt. 325 e ss.)... 5 4 Il termine breve (artt. 325 e ss.)...

Dettagli

Le variazioni ai giudizi di impugnazione

Le variazioni ai giudizi di impugnazione Le variazioni ai giudizi di impugnazione In nero sono evidenziate le modifiche apportate dal Dl 83/2012 convertito dalla legge 134/2012 Articolo 342 Forma dell appello L appello si propone con citazione

Dettagli

Sommario. 1. La natura e l oggetto del giudizio d appello pag Motivazione concorrente, coordinata, incidentale, dubbiosa pag.

Sommario. 1. La natura e l oggetto del giudizio d appello pag Motivazione concorrente, coordinata, incidentale, dubbiosa pag. 1. La natura e l oggetto del giudizio d appello pag. 9 2. L appello principale e l appello incidentale pag. 12 2.1. Tempestività e tardività dell appello incidentale pag. 12 2.1.1. Segue: alcune questioni

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LE CONTROVERSIE INDIVIDUALI DI LAVORO

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LE CONTROVERSIE INDIVIDUALI DI LAVORO INDICE SOMMARIO Capitolo 1 LE CONTROVERSIE INDIVIDUALI DI LAVORO 1 1. Rito del lavoro, controversie individuali di lavoro e processo del lavoro: alcuni indispensabili chiarimenti lessicali e concettuali

Dettagli

Il procedimento sommario di cognizione facoltativo ex artt. 702 bis ss. c.p.c.

Il procedimento sommario di cognizione facoltativo ex artt. 702 bis ss. c.p.c. INDICE SOMMARIO Premessa................................ pag. VII Abbreviazioni delle enciclopedie e delle riviste.................» XVII Parte Prima Il procedimento sommario di cognizione facoltativo

Dettagli

INDICE. Schemi GIURISDIZIONE E COMPETENZA. GLI ORGANI GIUDIZIARI E IL PUBBLICO MINISTERO Prefazione...

INDICE. Schemi GIURISDIZIONE E COMPETENZA. GLI ORGANI GIUDIZIARI E IL PUBBLICO MINISTERO Prefazione... INDICE Prefazione... p. XV Schemi I GIURISDIZIONE E COMPETENZA. GLI ORGANI GIUDIZIARI E IL PUBBLICO MINISTERO... 3 1 Giurisdizione (artt. 1 e 5 c.p.c.)... 7 2 Competenza: principi generali (artt. 5 e 6

Dettagli

Decreto legislativo 1 settembre 2011, n. 150

Decreto legislativo 1 settembre 2011, n. 150 Decreto legislativo 1 settembre 2011, n. 150 Disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione, ai sensi dell articolo

Dettagli

LA CHIUSURA DEL PROCESSO. Diversi modi in cui il processo si può chiudere senza una decisione di merito o di rito

LA CHIUSURA DEL PROCESSO. Diversi modi in cui il processo si può chiudere senza una decisione di merito o di rito LA CHIUSURA DEL PROCESSO Diversi modi in cui il processo si può chiudere senza una decisione di merito o di rito (-) Conciliazione giudiziale (art. 185, 185 bis; 320; 420 c.p.c.) (-) Cessazione della materia

Dettagli

IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO. Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011,

IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO. Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011, IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011, c.d. legge di stabilità, introdotto una pena pecuniaria in presenza di istanze di sospensione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA * *** * SCUOLA SUPERIORE DELL AVVOCATURA SEZIONE CASSAZIONISTI CORSO PROPEDEUTICO ALL'ISCRIZIONE NELL'ALBO SPECIALE PER IL PATROCINIO DINANZI

Dettagli

PROCESSO CIVILE A COGNIZIONE PIENA PROCESSO ORDINARIO TRIBUNALE

PROCESSO CIVILE A COGNIZIONE PIENA PROCESSO ORDINARIO TRIBUNALE PROCESSO CIVILE A COGNIZIONE PIENA 4 modelli ordinario tribunale Lavoro - locazione / tribunale Giudice di pace Procedimento sommario di cognizione 3 fasi introduttiva istruttoria decisoria Domanda giudiziale

Dettagli

99. L esecuzione dei provvedimenti di rilascio di immobili. adibiti ad uso abitativo per morosità o per altro inadempimento» 477

99. L esecuzione dei provvedimenti di rilascio di immobili. adibiti ad uso abitativo per morosità o per altro inadempimento» 477 INDICE-SOMMARIO Capitolo I DAL CODICE DI PROCEDURA CIVILE DEL 1940 ALLA RIFORMA DELLE LOCAZIONI DEL 1998 1. Il codice di procedura civile del 1940 pag. 1 2. La legislazione vincolistica» 2 3. La legge

Dettagli

Al comma 1, sostituire le parole le parti private con le parole nei quali siano interessate più parti private, queste

Al comma 1, sostituire le parole le parti private con le parole nei quali siano interessate più parti private, queste Al comma 1, sostituire le parole da le parti private fino a delle condizioni, con le seguenti: nei quali siano interessate più parti private, queste non possono stare in giudizio se non con il ministero

Dettagli

INDICE CAPITOLO I INTRODUZIONE. 1. Ratio normativa della fase introduttiva della causa civile... 1

INDICE CAPITOLO I INTRODUZIONE. 1. Ratio normativa della fase introduttiva della causa civile... 1 Presentazione... xi CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Ratio normativa della fase introduttiva della causa civile.... 1 2. Analogie e differenze nei vari riti.... 6 3. Il nuovo istituto della mediazione obbligatoria

Dettagli

INDICE. Premessa... XIII. Capitolo I Funzione e struttura del processo dichiarativo di primo grado di Bernadette Capizzi

INDICE. Premessa... XIII. Capitolo I Funzione e struttura del processo dichiarativo di primo grado di Bernadette Capizzi INDICE Premessa... XIII Capitolo I Funzione e struttura del processo dichiarativo di primo grado di Bernadette Capizzi 1. Il processo dichiarativo o di cognizione di primo grado.... 1 1.1. La funzione...

Dettagli

DECRETO-LEGGE 31 agosto 2016, n (GU n. 203 del ) convertito con modificazioni

DECRETO-LEGGE 31 agosto 2016, n (GU n. 203 del ) convertito con modificazioni DECRETO-LEGGE 31 agosto 2016, n. 168 - (GU n. 203 del 31-8-2016) convertito con modificazioni in Legge TAVOLE DI RAFFRONTO DELLE MODIFICHE IN TEMA DI PROCEDURA CIVILE Codice di procedura civile Testo attuale

Dettagli

Udienza di prima comparazione delle parti e trattazione (art. 183 c.p.c.)

Udienza di prima comparazione delle parti e trattazione (art. 183 c.p.c.) PROCESSO ORDINARIO DI COGNIZIONE DAL 1 MARZO 2006 IL RINVIO DELL UDIENZA in caso di mancata costituzione del convenuto,... per nullità della citazione per vizi inerenti la vocatio in jus (mancanza o incertezza

Dettagli

PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ARTT. 702-bis/quater c.p.c.

PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ARTT. 702-bis/quater c.p.c. PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ARTT. 702-bis/quater c.p.c. Legge 18 giugno 2009 n. 69 introduce un rito alternativo a quello ordinario di cognizione a scelta dell attore da utilizzare nelle cause

Dettagli

IL GIUDIZIO PENSIONISTICO DI APPELLO INNANZI ALLA CORTE DEI CONTI

IL GIUDIZIO PENSIONISTICO DI APPELLO INNANZI ALLA CORTE DEI CONTI DOMENICO CROCCO IL GIUDIZIO PENSIONISTICO DI APPELLO INNANZI ALLA CORTE DEI CONTI Lineamenti essenziali di diritto processuale contabile JOVENE EDITORE 2013 INDICE Prefazione di Mauro Orefice... p. IX

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE (profili pratici) Docente dott. Augusto Pace PROGRAMMA

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 12 giugno 2012

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 12 giugno 2012 CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 12 giugno 2012 Processo civile ordinario Valore Importo del Processi di valore fino a. 1.100,00. 37,00 Processi di valore superiore a. 1.100,00 e fino a. 5.200,00.

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO 1 IL RICORSO DAVANTI AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE

SOMMARIO CAPITOLO 1 IL RICORSO DAVANTI AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE SOMMARIO CAPITOLO 1 IL RICORSO DAVANTI AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE pag. 15 1. IL GIUDIZIO AMMINISTRATIVO pag. 15 F1. Ricorso per l annullamento di un provvedimento amministrativo pag. 19 2. FORMULE

Dettagli

INDICE GENERALE. Parte Prima PRINCIPI GENERALI. Capitolo I PRINCIPI GENERALI APPLICABILI AL PROCESSO AMMINISTRATIVO

INDICE GENERALE. Parte Prima PRINCIPI GENERALI. Capitolo I PRINCIPI GENERALI APPLICABILI AL PROCESSO AMMINISTRATIVO INDICE GENERALE Premessa.... xv Parte Prima PRINCIPI GENERALI Capitolo I PRINCIPI GENERALI APPLICABILI AL PROCESSO AMMINISTRATIVO 1. I concetti fondamentali di processo e di giurisdizione amministrativa.

Dettagli

LA FASE CONTENZIOSA: IL GIUDIZIO DI APPELLO

LA FASE CONTENZIOSA: IL GIUDIZIO DI APPELLO LA FASE CONTENZIOSA: IL GIUDIZIO DI APPELLO A cura di Rosanna Acierno LA PROPOSIZIONE DELL APPELLO (1) L impugnazione della sentenza del giudice di prime cure è ammissibile in presenza dei seguenti requisiti:

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO PRIMO: LE NOVITA DELLA RIFORMA SUL PROCESSO CIVILE

SOMMARIO CAPITOLO PRIMO: LE NOVITA DELLA RIFORMA SUL PROCESSO CIVILE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO: LE NOVITA DELLA RIFORMA SUL PROCESSO CIVILE 1.1. Uno sguardo d insieme 1.2. Tabella di entrata in vigore degli articoli riformati e relativa applicabilità CAPITOLO SECONDO: LE

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. 78 Parte Seconda: Il processo ordinario di cognizione 1. GENERALITÀ Capitolo Settimo Le vicende anomale nello svolgimento del processo Il processo di cognizione può subire, nel corso del suo svolgimento,

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO. Processo civile ordinario

CONTRIBUTO UNIFICATO. Processo civile ordinario CONTRIBUTO UNIFICATO Processo civile ordinario Valore Processi di valore fino a. 1.100,00. 37,00 Processi di valore superiore a. 1.100,00 e fino a. 5.200,00. 85,00 Processi di valore superiore a. 5.200,00

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV Prefazione... Schemi p. XV 1 Il processo locatizio... 2 2 Ambito di applicazione del rito locatizio (art. 447-bis c.p.c.)... 3 3 Definizione di immobile urbano... 4 4 Controversie soggette a rito locatizio...

Dettagli

Termine per la decisione del procedimento arbitrale

Termine per la decisione del procedimento arbitrale Il lodo arbitrale lezione del 28 aprile 2016 nel corso di Diritto dell Arbitrato - Dipartimento di Giurisprudenza -Università degli Studi di Bari «Aldo Moro» Termine per la decisione del procedimento arbitrale

Dettagli

Indice sommario. Prefazione... pag. 5

Indice sommario. Prefazione... pag. 5 Prefazione... pag. 5 1. Primi adempimenti...» 15 1.1. Un nuovo incarico...» 15 1.2. Il primo incontro con il cliente...» 15 1.3. Valutazione del caso concreto, della capacità processuale della parte e

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013 CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013 Processo civile ordinario (1) Processi di valore fino a. 1.100,00. 37,00 Processi di valore superiore a. 1.100,00 e fino a. 5.200,00 Processi di

Dettagli

Il pubblico ministero deve intervenire a pena di nullità rilevabile d ufficio:

Il pubblico ministero deve intervenire a pena di nullità rilevabile d ufficio: Modifiche al Codice di Procedura Civile - DL 69/2013 Il D.L. 21 Giugno 2013 n. 69 ha apportato modifiche al Codice di Procedura Civile e alle Disposizioni di attuazione. Qui di seguito il testo normativo

Dettagli

Associazione Italiana Giovani Avvocati Sezione di Messina. L attività professionale dei praticanti abilitati

Associazione Italiana Giovani Avvocati Sezione di Messina. L attività professionale dei praticanti abilitati Associazione Italiana Giovani Avvocati Sezione di Messina L attività professionale dei praticanti abilitati 17.04.2014 Ricorso al Giudice del Lavoro Avv. Antonio Tesoro La Corte di Cassazione, con sentenza

Dettagli

Parte Nona Il giudizio innanzi al Giudice di pace

Parte Nona Il giudizio innanzi al Giudice di pace Parte Nona Il giudizio innanzi al Giudice di pace Sezione Prima - Domande a risposta sintetica pag. 153 1. Per quali controversie è competente il Giudice di pace? 2. Quali sono le peculiarità del procedimento

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO: UNA NUOVA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE (ANNA MARIA SOLDI)

INDICE CAPITOLO PRIMO: UNA NUOVA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE (ANNA MARIA SOLDI) CAPITOLO PRIMO: UNA NUOVA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE 1. Premessa... pag. 3 2. L impianto complessivo della riforma.... pag. 8 3. Le modifiche al codice di procedura civile: 3.1. Le modifiche agli articoli

Dettagli

IL PROCESSO TRIBUTARIO

IL PROCESSO TRIBUTARIO IL PROCESSO TRIBUTARIO Dott. Saverio Marasco Dott.ssa Renata Carrieri Cosenza 10 maggio 2012 NORMATIVA La disciplina del contenzioso tributario è contenuta nel Decreto Legislativo 31 dicembre 1992, n 546

Dettagli

Cass /2014. Iscrizione della causa a ruolo con la velina: mera irregolarità.

Cass /2014. Iscrizione della causa a ruolo con la velina: mera irregolarità. La costituzione in giudizio dell'appellante mediante deposito in cancelleria della nota d'iscrizione a ruolo e del proprio fascicolo, contenente, tuttavia, la copia, anzichè l'originale, dell'atto d'impugnazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. REGOLE GENERALI 1. Principi e distinzioni I criteri di computo e di scadenza. I termini liberi Termine a difesa...

INDICE SOMMARIO. REGOLE GENERALI 1. Principi e distinzioni I criteri di computo e di scadenza. I termini liberi Termine a difesa... SOMMARIO CAPITOLO 1 REGOLE GENERALI 1. Principi e distinzioni... 1 2. I criteri di computo e di scadenza. I termini liberi... 6 3. Termine a difesa... 16 CAPITOLO 2 LA DURATA DELLE INDAGINI PRELIMINARI:

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII INDICE Prefazione... XIII Schemi 1A Regole generali (art. 568): principio di tassatività e interesse ad impugnare... 3 1B Regole generali (art. 568): favor per le impugnazioni... 4 2A Soggetti legittimati

Dettagli

Diritto del contenzioso d impresa. Lezione del 19 novembre 2015 «l appello»

Diritto del contenzioso d impresa. Lezione del 19 novembre 2015 «l appello» Diritto del contenzioso d impresa Lezione del 19 novembre 2015 «l appello» Le impugnazioni in generale Gli articoli dal 49 al 51 del DPR 546/92 disciplinano: - le disposizioni generali applicabili alle

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI INDICE SOMMARIO Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI Capitolo I EXCURSUS STORICO E QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1. Breve excursus di ordine storico... Pag. 1 2. (Segue): la situazione

Dettagli

SOMMARIO PARTE I IL CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Sezione I Impugnazioni in generale

SOMMARIO PARTE I IL CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Sezione I Impugnazioni in generale SOMMARIO PARTE I IL CODICE DI PROCEDURA CIVILE Mezzi di impugnazione (art. 323) Cosa giudicata formale (art. 324) Sezione I Impugnazioni in generale Termini per le impugnazioni (art. 325) Decorrenza dei

Dettagli

SCHEMA. Elementi di diritto processuale civile (normativa principale di riferimento post

SCHEMA. Elementi di diritto processuale civile (normativa principale di riferimento post SCHEMA Fonti normative: Elementi di diritto processuale civile (normativa principale di riferimento post riforma del 2012). a) Art. 339 c.p.c.: appellabilità delle sentenze; b) Art. 341 c.p.c.: Giudice

Dettagli

SOMMARIO. # IPSOA - Wolters Kluwer Italia srl Processo amministrativo

SOMMARIO. # IPSOA - Wolters Kluwer Italia srl Processo amministrativo SOMMARIO CAPITOLO 1 Il processo amministrativo e il suo giudice 1. Evoluzione storica... 2 1.1. La disciplina sul processo amministrativo ante codificazione... 2 1.2. Il nuovo codice sul processo amministrativo...

Dettagli

INDICE GENERALE PREMESSA... XIII

INDICE GENERALE PREMESSA... XIII INDICE GENERALE PREMESSA... XIII Capitolo I TUTELA GIURISDIZIONALE CIVILE E PRINCIPI COSTITUZIONALI... 1 1. Premessa... 1 2. Le garanzie costituzionali. La magistratura... 2 3. Gli artt. 3 e 24 cost...

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI CONTENZIOSO TRIBUTARIO. dott. Giancarlo Grossi

NOVITA IN MATERIA DI CONTENZIOSO TRIBUTARIO. dott. Giancarlo Grossi NOVITA IN MATERIA DI CONTENZIOSO TRIBUTARIO dott. Giancarlo Grossi 1 D.L. 06/07/2011, n. 98, conv. in L. 15/07/2011, n. 111 ARTICOLO 39 Disposizioni in materia di riordino della giustizia tributaria Modifica

Dettagli

(tratto dal Compendio di diritto processuale civile) articolo c.p.c. 7 Competenza del Giudice di pace

(tratto dal Compendio di diritto processuale civile) articolo c.p.c. 7 Competenza del Giudice di pace 23 GLI ARTICOLI DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E DELLE DISPOSIZIONI DI AttuAZIONE TOCCATI DALLA RIFORMA (tratto dal Compendio di diritto processuale civile) 7 Competenza del Giudice di pace rubrica intervento

Dettagli

INDICE SOMMARIO. D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 DISPOSIZIONI GENERALI DEL GIUDICE TRIBUTARIO E SUOI AUSILIARI

INDICE SOMMARIO. D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 DISPOSIZIONI GENERALI DEL GIUDICE TRIBUTARIO E SUOI AUSILIARI INDICE SOMMARIO D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I DEL GIUDICE TRIBUTARIO E SUOI AUSILIARI Le commissioni tributarie (art. 1, D.Lgs. 31.12.1992, n. 546)... p. 5 La giurisdizione

Dettagli

SFRATTO PER MOROSITÀ E PER FINITA LOCAZIONE

SFRATTO PER MOROSITÀ E PER FINITA LOCAZIONE SFRATTO PER MOROSITÀ E PER FINITA LOCAZIONE Prefazione... XV 1 IL PROCEDIMENTO DI SFRATTO PER MOROSITÀ DI UN IMMOBILE LOCATO AD USO ABITATIVO La questione... 1 Analisi dello scenario... 1 Inquadramento

Dettagli

TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO 2013

TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO 2013 Processo Civile 1) Procedimenti ordinari per i quali il contributo è determinato sulla base del valore della contesa (art. 13 DPR 115/2002 aggiornato con le leggi di stabilità 2012 e 2013). Valore fino

Dettagli

IL SISTEMA DELLE OPPOSIZIONI NEL PROCESSO ESECUTIVO

IL SISTEMA DELLE OPPOSIZIONI NEL PROCESSO ESECUTIVO SOMMARIO CAPITOLO 1 IL SISTEMA DELLE OPPOSIZIONI NEL PROCESSO ESECUTIVO 1. Introduzione... 1 2. I tipi di opposizione... 2 2.1. Il contenuto della domanda giudiziale... 3 3. Le opposizioni atipiche...

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DEL PROCESSO DI COGNIZIONE

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DEL PROCESSO DI COGNIZIONE INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DEL PROCESSO DI COGNIZIONE TITOLO I. Del procedimento davanti al tribunale Capo I. Dell introduzione della causa Sezione I. Della citazione e della costituzione delle parti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... Nota del curatore...

INDICE SOMMARIO. Prefazione... Nota del curatore... INDICE SOMMARIO Prefazione... Nota del curatore... pag. VII XV CAPITOLO I NOZIONI GENERALI ED EFFICACIA DEL DECRETO D INGIUNZIONE 1. Precedenti legislativi, interventi di riforma e nozioni introduttive...

Dettagli

Art. 25. (Impiego della posta elettronica certificata nel processo civile) 1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni:

Art. 25. (Impiego della posta elettronica certificata nel processo civile) 1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni: Art. 25. (Impiego della posta elettronica certificata nel processo civile) 1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni: a) all articolo 125, primo comma, le parole: «il proprio

Dettagli

Diritto del contenzioso d impresa

Diritto del contenzioso d impresa Diritto del contenzioso d impresa Lezione del 16 novembre 2015 «la sospensione, l interruzione e la estinzione del processo Le impugnazioni in generale» La sospensione del processo Art. 295 del c.p.c.

Dettagli

COGNIZIONE PIENA E COGNIZIONE SOMMARIA

COGNIZIONE PIENA E COGNIZIONE SOMMARIA COGNIZIONE PIENA E COGNIZIONE SOMMARIA Cognizione piena cognizione piena ed esauriente Processo ordinario (art. 163 cpc), lavoro (art. 409 cpc), locazione (art. 447-bis cpc), giudice pace (art. 311 cpc),

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Premessa. La tutela giurisdizionale dei diritti e le ordinanze anticipatorie di condanna...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Premessa. La tutela giurisdizionale dei diritti e le ordinanze anticipatorie di condanna... INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Premessa. La tutela giurisdizionale dei diritti e le ordinanze anticipatorie di condanna... XV XVII Parte Prima LE ORDINANZE DI PAGAMENTO DI SOMME

Dettagli

I provvedimenti di istruzione preventiva: presupposti e procedimento

I provvedimenti di istruzione preventiva: presupposti e procedimento I provvedimenti di istruzione preventiva: presupposti e procedimento Autore: La Marchesina Dario In: Diritto processuale civile I provvedimenti di istruzione preventiva sono provvedimenti istruttori disciplinati

Dettagli

INDICE. Presentazione di Luigi Cavallaro... TRATTATELLO DI PROCEDURA CIVILE PARTE PRIMA LE DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO I IL GIUDICE

INDICE. Presentazione di Luigi Cavallaro... TRATTATELLO DI PROCEDURA CIVILE PARTE PRIMA LE DISPOSIZIONI GENERALI CAPITOLO I IL GIUDICE INDICE Presentazione di Luigi Cavallaro... V TRATTATELLO DI PROCEDURA CIVILE Prefazione alla prima edizione del Manuale di diritto processuale civile... 3 Prefazione alla quinta edizione... 11 Prefazione

Dettagli

DECRETO INGIUNTIVO. Diritto di credito (somma denaro / quantità cose fungibili) consegna bene mobile

DECRETO INGIUNTIVO. Diritto di credito (somma denaro / quantità cose fungibili) consegna bene mobile DECRETO INGIUNTIVO Sommario non cautelare Diritto di credito (somma denaro / quantità cose fungibili) consegna bene mobile Esigenza : economia dei giudizi: evitare il costo del processo a cognizione piena

Dettagli

Parte I. Capitolo 4 La competenza 1. Nozione...» La competenza per valore e per materia del giudice di pace.» 69

Parte I. Capitolo 4 La competenza 1. Nozione...» La competenza per valore e per materia del giudice di pace.» 69 Parte I Nozioni introduttive e disposizioni generali Capitolo 1 L attività giurisdizionale 1. La giurisdizione in generale...» 21 2. Giurisdizione civile e giudici ordinari. Tipologie di giurisdizione

Dettagli

La decadenza dall azione per rovina e difetti di cose immobili è materia di eccezione in senso stretto

La decadenza dall azione per rovina e difetti di cose immobili è materia di eccezione in senso stretto La decadenza dall azione per rovina e difetti di cose immobili è materia di eccezione in senso stretto Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto processuale civile Come tale, deve essere sollevata con la costituzione

Dettagli

INDICE PER ARTICOLI TITOLO II DEI PROCEDIMENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA E DI STATO CAPO I DELLA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI... pag.

INDICE PER ARTICOLI TITOLO II DEI PROCEDIMENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA E DI STATO CAPO I DELLA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI... pag. TITOLO II DEI PROCEDIMENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA E DI STATO DELLE PERSONE CAPO I DELLA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI... Art. 706. Forma della domanda... 1. La disciplina codicistica del processo di

Dettagli

SOMMARIO INTRODUZIONE... 1

SOMMARIO INTRODUZIONE... 1 INTRODUZIONE... 1 CAPITOLO I L I.C.I.... 7 1. Il quadro introduttivo dell imposta... 7 1.1 I soggetti passivi dell I.C.I....7 1.2 Come si determina il valore dell immobile la base imponibile...7 1.3 La

Dettagli

RIFORMA 2009 AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE Precisazioni

RIFORMA 2009 AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE Precisazioni RIFORMA 2009 AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE Precisazioni Il giorno 4 luglio 2009 è entrata in vigore la Legge 18 giugno 2009 n. 69 contenente anche alcune modifiche in materia di processo civile(pubblicata

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE CONTRIBUTO UNIFICATO

TRIBUNALE DI UDINE CONTRIBUTO UNIFICATO TRIBUNALE DI UDINE CONTRIBUTO UNIFICATO PROCEDIMENTI CIVILI CONTENZIOSI E FAMIGLIA i processi di valore fino a 1.100 euro; per i procedimenti di cui all articolo 711 del codice di procedura civile, e per

Dettagli

2. Competenza, tentativo obbligatorio di conciliazione, arbitrato Questioni di rito... 33

2. Competenza, tentativo obbligatorio di conciliazione, arbitrato Questioni di rito... 33 INDICE SOMMARIO Premessa................................................................... pag. 5 Presentazione................................................................... 7 Introduzione...................................................................

Dettagli

LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE

LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE MASTER IN DIFESA TRIBUTARIA E ASSISTENZA AL CONTRIBUENTE LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE (Corte Cost. n. 110/2010 e n. 109/2012; Cass. n. 2845/2012) ANTONIO SIMONE (già Presidente della

Dettagli

L APPELLO -Appello rescindente -Appello incidentale -Rimessione in CTR o CTP a seguito di giudizio di Cassazione

L APPELLO -Appello rescindente -Appello incidentale -Rimessione in CTR o CTP a seguito di giudizio di Cassazione L APPELLO -Appello rescindente -Appello incidentale -Rimessione in CTR o CTP a seguito di giudizio di Cassazione A cura della Dott.ssa Simona Baseggio STUDIO COMMERCIALISTA DE VITA BASEGGIO TERMINI PER

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della «Collana»... Pag. Parte Prima IL PROCESSO PREVIDENZIALE. Capitolo Primo GENERALITÀ

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della «Collana»... Pag. Parte Prima IL PROCESSO PREVIDENZIALE. Capitolo Primo GENERALITÀ INDICE-SOMMARIO Presentazione della «Collana»... Pag. VII Parte Prima IL PROCESSO PREVIDENZIALE Capitolo Primo GENERALITÀ 1. Le fonti... Pag. 3 2. L individuazione delle controversie previdenziali ed assistenziali...»

Dettagli

INDICE SOMMARIO DELLE FORMULE

INDICE SOMMARIO DELLE FORMULE INDICE SOMMARIO DELLE FORMULE Prefazione.................................... Introduzione................................... pag. XI XIII I - Difesa e rappresentanza 001. Procura al difensore...........................

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Avvertenze... Abbreviazioni... PARTE PRIMA PROFILI GENERALI CAPITOLO II

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Avvertenze... Abbreviazioni... PARTE PRIMA PROFILI GENERALI CAPITOLO II XI Presentazione... Avvertenze... Abbreviazioni... VII IX X PARTE PRIMA PROFILI GENERALI CAPITOLO I L ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE 1. Nozione e funzione... 3 1.1. Considerazioni generali... 3 1.2. Caratteristiche

Dettagli

Introduzione... Indice per Autore DEFINIZIONI 1. La legge delega I nuovi modelli processuali Le materie escluse...

Introduzione... Indice per Autore DEFINIZIONI 1. La legge delega I nuovi modelli processuali Le materie escluse... Indice generale Introduzione... Indice per Autore... XIII XV Parte Prima DISPOSIZIONI GENERALI 1. DEFINIZIONI 1. La legge delega... 3 2. I nuovi modelli processuali... 5 3. Le materie escluse... 10 2.

Dettagli

Contributo unificato: la tabella aggiornata

Contributo unificato: la tabella aggiornata Contributo unificato: la tabella aggiornata CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 13 marzo 2015 Processo civile ordinario (1) Valore Primo GRADO Impugnazione Cassazione Processi di valore fino a.

Dettagli

NUOVO CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO ALLEGATO 1 CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO. Capo I - Principi generali

NUOVO CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO ALLEGATO 1 CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO. Capo I - Principi generali NUOVO CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO ALLEGATO 1 CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO LIBRO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI PRINCIPI E ORGANI DELLA GIURISDIZIONE AMMINISTRATIVA Capo I - Principi generali

Dettagli

Tabella Contributo Unificato 2012. Indice Tabella

Tabella Contributo Unificato 2012. Indice Tabella Tabella Contributo Unificato 2012 Aggiornata al Decreto Sviluppo Processo Civile Ordinario Valore Indeterminabile Valore non dichiarato Giudice di Pace Contributo al 50% rispetto al processo civile ordinario

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO AMMINISTRATIVO Volume settimo II edizione Aggiornato a: - Ordine di trattazione dei ricorsi principali ed incidentali contenenti

Dettagli

INDICE SOMMARIO PREMESSA. ... Pag. 1

INDICE SOMMARIO PREMESSA. ... Pag. 1 INDICE SOMMARIO PREMESSA... Pag. 1 Parte Generale LA TUTELA GIUDIZIARIA AVVERSO IL PROVVEDIMENTO DI FERMO AMMINISTRATIVO DI CUI ALL ART. 86, D.P.R. 602/1973 1. Introduzione... Pag. 9 Capitolo I LA NATURA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Avvertenze... Abbreviazioni... PARTE PRIMA PROFILI GENERALI. 2. I principi costituzionali... 4

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Avvertenze... Abbreviazioni... PARTE PRIMA PROFILI GENERALI. 2. I principi costituzionali... 4 XI Presentazione... Avvertenze... Abbreviazioni... VII IX X PARTE PRIMA PROFILI GENERALI CAPITOLO I L ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE 1. Nozione e funzione... 3 1.1. Considerazioni generali... 3 1.2. Caratteristiche

Dettagli

LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE BREVI NOTE SINTETICHE

LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE BREVI NOTE SINTETICHE LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE BREVI NOTE SINTETICHE Introdotta dalla Legge n. 69 del 18.6.2009 di Franco Ballati Competenza del Giudice di Pace fino a 5.000,00 nelle cause relative a beni mobili; fino

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 16 settembre Processo civile ordinario (1)

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 16 settembre Processo civile ordinario (1) CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 16 settembre 2014 Processo civile ordinario (1) Primo GRADO Impugnazione Cassazione Processi di valore fino a 1.100,00 43,00 64,50 86,00 Processi di valore superiore

Dettagli

Gli aspetti essenziali e le novità nel processo tributario. Quarrata 23 ottobre 2013

Gli aspetti essenziali e le novità nel processo tributario. Quarrata 23 ottobre 2013 Gli aspetti essenziali e le novità nel processo tributario Quarrata 23 ottobre 2013 Il processo tributario: aspetti generali e ultime novità legislative Il processo tributario Aspetti generali del processo

Dettagli

9. La procedura di negoziazione assistita da uno o più avvocati (D.L. 132/2014, conv. in L. 162/2014)

9. La procedura di negoziazione assistita da uno o più avvocati (D.L. 132/2014, conv. in L. 162/2014) Parte I Principi generali Capitolo 1: Il diritto processuale civile 1. Nozione 2. Caratteri 3. Cenni storici 4. Le riforme del processo civile 5. L efficacia della legge processuale Capitolo 2: L attività

Dettagli

ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 7

ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 7 ABBREVIAZIONI.................................... XVII SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA.................... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 7 CAPITOLO PRIMO LE DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

INDICE GENERALE. Parte Prima GLI ATTI DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO DI PRIMO GRADO

INDICE GENERALE. Parte Prima GLI ATTI DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO DI PRIMO GRADO INDICE GENERALE Parte Prima GLI ATTI DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO DI PRIMO GRADO Capitolo I IL GIUDIZIO DI PRIMO GRADO 1. Il ricorso................................. 3 001 Ricorso con impugnazione di provvedimento...........

Dettagli

Parte Prima I ricorsi in materia di Patrocinio a spese dello Stato nell ambito del processo penale

Parte Prima I ricorsi in materia di Patrocinio a spese dello Stato nell ambito del processo penale ~ 1 ~ Parte Prima I ricorsi in materia di Patrocinio a spese dello Stato nell ambito del processo penale Sintesi semplificata dell iter procedurale tratta dal Testo Unico delle Spese di Giustizia - D.P.R.

Dettagli

Indice-sommario INDICE-SOMMARIO. pag. Premessa alla seconda edizione...

Indice-sommario INDICE-SOMMARIO. pag. Premessa alla seconda edizione... VII INDICE-SOMMARIO pag. Premessa alla seconda edizione... V D.LGS. 31 DICEMBRE 1992, N. 546 Disposizioni sul processo tributario in attuazione della delega al Governo contenuta nell art. 30 della legge

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE recante Disposizioni per la razionalizzazione e l accelerazione del processo civile

DISEGNO DI LEGGE recante Disposizioni per la razionalizzazione e l accelerazione del processo civile DISEGNO DI LEGGE recante Disposizioni per la razionalizzazione e l accelerazione del processo civile Art. 1. (Modifiche all articolo 7 del codice di procedura civile) 1. All articolo 7 del codice di procedura

Dettagli

Codice Penale Militare di Pace Titolo V DEL GIUDIZIO. Capo I DEGLI ATTI PRELIMINARI AL GIUDIZIO.

Codice Penale Militare di Pace Titolo V DEL GIUDIZIO. Capo I DEGLI ATTI PRELIMINARI AL GIUDIZIO. Codice Penale Militare di Pace Titolo V DEL GIUDIZIO. Capo I DEGLI ATTI PRELIMINARI AL GIUDIZIO. DEGLI ATTI PRELIMINARI AL GIUDIZIO NEI PROCEDIMENTI CON ISTRUZIONE FORMALE. Art. 354. Scelta del difensore:

Dettagli

Codice di procedura civile

Codice di procedura civile Presentazione............................................. pag. 5 Abbreviazioni.............................................» 6 Costituzione della Repubblica italiana 1. Delib.ne Assemblea Costituente

Dettagli

I Procedimenti nel Rito del Lavoro e gli Strumenti Alternativi

I Procedimenti nel Rito del Lavoro e gli Strumenti Alternativi Indice Presentazione Prefazione Parte I I Procedimenti nel Rito del Lavoro e gli Strumenti Alternativi Capitolo I Ambito di applicazione: controversie individuali di lavoro e soggetti coinvolti 1. Lavoro

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 30 maggio 2002, n. 115 Gazzetta Ufficiale del 15 giugno 2002, n. 139 S.O. n. 126

Decreto del Presidente della Repubblica del 30 maggio 2002, n. 115 Gazzetta Ufficiale del 15 giugno 2002, n. 139 S.O. n. 126 Decreto del Presidente della Repubblica del 30 maggio 2002, n. 115 Gazzetta Ufficiale del 15 giugno 2002, n. 139 S.O. n. 126 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese

Dettagli

ACCERTAMENTO, RISCOSSIONE, SANZIONI E CONTENZIOSO 3 MODULO - IL CONTENZIOSO TRIBUTARIO

ACCERTAMENTO, RISCOSSIONE, SANZIONI E CONTENZIOSO 3 MODULO - IL CONTENZIOSO TRIBUTARIO ACCERTAMENTO, RISCOSSIONE, SANZIONI E CONTENZIOSO 3 MODULO - IL CONTENZIOSO TRIBUTARIO SEDE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA 3, VIA SILVIO D'AMICO 77, 00145 ROMA, Venerdì: 14.00-19.00 Sabato: 9.00 14.00 1 1

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

INDICE. Prefazione...

INDICE. Prefazione... INDICE Prefazione... XVII 1 Le condizioni di ammissibilita... 1 1.1 Natura del procedimento e contenuto della prova... 1 1.2 Credito liquido... 2 1.3 Credito liquido: maggior danno, interessi legali, rivalutazione...

Dettagli

Indice analitico. Disposizioni Generali

Indice analitico. Disposizioni Generali 531 Elenco degli autori... p. 5 Presentazione...» 7 Disposizioni Generali 1. Comparsa di riassunzione (art. 50 c.p.c.)...» 11 Commento...» 13 1. Inquadramento delle problematiche...» 13 2. Funzione della

Dettagli

Indice sommario. Capitolo I (di ALBERTO TEDOLDI) 17 Funzione e struttura del procedimento per convalida di sfratto

Indice sommario. Capitolo I (di ALBERTO TEDOLDI) 17 Funzione e struttura del procedimento per convalida di sfratto Indice sommario Prefazione (di ALBERTO TEDOLDI) XII Introduzione (di ALBERTO TEDOLDI) 1 Breve storia e legittimità costituzionale del procedimento per convalida di sfratto 1. L ambiguità storico-sistematica

Dettagli

TRATTATO DEL NUOVO CONTENZIOSO TRIBUTARIO

TRATTATO DEL NUOVO CONTENZIOSO TRIBUTARIO TRATTATO DEL NUOVO CONTENZIOSO TRIBUTARIO Tomo III Formulario A cura di Nunzio Santi Di Paola Indice F001. Regolamento di giurisdizione (artt. 3 d.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 e 41 c.p.c.)... Pag. 15

Dettagli