President Adriano Pinelli. Vice President Nelson Persello. Director Gianni Perini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "President Adriano Pinelli. Vice President Nelson Persello. Director Gianni Perini"

Transcript

1 CARICHE SOCIETARIE Presidente Adriano Pinelli Vice Presidente Nelson Persello Direttore Gianni Perini Consiglio di Amministrazione Laura Cassì Luigi D Elia Giuseppe Molina Sauro Pasini Nelson Persello Adriano Pinelli Andrea Valcalda Collegio Sindacale Leonardo Quagliata Filippo Piazzon Paolo Zanatta Comitato Tecnico Coordinatore: Gianni Perini Raffaele Franco Gianluca Gigliucci Pasquale Relvini Stefano Tonini Comitato per la Comunicazione Coordinatore: Nicola Trevisan Laura Cassì Nelson Persello COMPANY OFFICERS President Adriano Pinelli Vice President Nelson Persello Director Gianni Perini Board of Directors Laura Cassì Luigi D Elia Giuseppe Molina Sauro Pasini Nelson Persello Adriano Pinelli Andrea Valcalda Board of Auditors Leonardo Quagliata Filippo Piazzon Paolo Zanatta Engineering Committee Coordinator: Gianni Perini Raffaele Franco Gianluca Gigliucci Pasquale Relvini Stefano Tonini Communication Committee Coordinator: Nicola Trevisan Laura Cassì Nelson Persello

2 PROGETTI REALIZZATI E RISULTATI OTTENUTI SISTEMI INNOVATIVI DI ACCUMULO DELL IDROGENO (ENEL) SVILUPPO DI TECNOLOGIE INNOVATIVE DI PRODU- ZIONE DI IDROGENO ED ELETTRICITÀ DA CARBONE E BIOMASSE (ENEL) SVILUPPO DI CICLI ZERO EMISSION A COMBUSTIONE DI IDROGENO (ENEL) ATTIVITÀ SPERIMENTALI PER L ALLESTIMENTO DI UN VA- PORETTO AD IDROGENO (VENEZIA TECNOLOGIE) SPERIMENTAZIONE ALL INTERNO DI STABILIMENTI PRO- DUTTIVI DI: TECNOLOGIE DI MICROCOGENERAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE CON CELLE A COMBU- STIBILE PEM DA 5KW E DI MINI IMPIANTI DI RIFORNIMEN- TO PER MEZZI ALIMENTATI AD IDROGENO (SAPIO) CENTRO IDROGENO (VENETO INNOVAZIONE) PROJECTS DEVELOPED AND RESULTS ACHIEVED INNOVATIVE SYSTEMS OF HYDROGEN ACCUMULATION (ENEL) DEVELOPMENT OF INNOVATIVE HYDROGEN PRODUCTION TECHNOLOGIES AND ELECTRICITY FROM COAL AND BIOMASS (ENEL) DEVELOPMENT OF ZERO EMISSIONS HYDROGEN COMBU- STION CYCLE (ENEL) EXPERIMENTAL ACTIVITY TO DEVELOP A FUEL CELL SYSTEM ON AN ELECTRIC BOAT FOR THE PUBLIC TRANSPORT IN VENICE (CALLED VAPORETTO ) (VENEZIA TECNOLOGIE) EXPERIMENTATION INTO OPERATION PLANTS OF: MICRO CO- GENERATION TECHNOLOGIES FOR BOTH POWER AND HEAT BY 5 KW FUEL CELL AND MINI REFUELLING STATIONS FOR HYDROGEN POWERED VEHICLES (SAPIO) HYDROGEN CENTRE (VENETO INNOVAZIONE) PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

3

4 PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

5 ATTIVITÀ di HP SISTEMI INNOVATIVI DI ACCUMULO DELL IDROGENO SOGGETTO ATTUATORE Enel s.p.a. IN COLLABORAZIONE CON SOL, SGS, Venezia Tecnologie, ERSE, Università di Padova e Genova Costo del Progetto: ,00 Finanziamento concesso: ,00 SVILUPPO DEL PROGETTO L obiettivo del progetto era di sviluppare tecnologie innovative di accumulo dell idrogeno che consentissero un elevata capacità specifica di immagazzinamento ed un ridotto consumo energetico, utilizzabili su scala industriale e per il trasporto fluviale e lagunare di persone nella zona di Mestre/Venezia. ATTIVITÀ SVOLTE 1 Studio di Fattibilità Sono state individuati i seguenti sistemi di stoccaggio dell idrogeno più promettenti da studiare e sviluppare: idruri a base di magnesio boroidruro di sodio gas in pressione. 2 Sviluppo di Modelli Termodinamici, Chimici e Fluidodinamici per l Analisi di Base del Processo e dei Componenti Sono stati studiati i fenomeni di adsorbimento/desorbimento dell idrogeno entro idruri di magnesio con catalizzatori a base di zirconio e nichel. Nel campo degli idruri chimici è stato sviluppato un modello matematico per lo studio della produzione di idrogeno in un reattore catalitico. Per gli idruri LaNi5 è stato sviluppato un modello matematico che descrive il processo di desorbimento dell idrogeno in un piccolo serbatoio per l alimentazione di una cella a combustibile. Con la metodologia della Life Cycle Analysis è stato condotto uno studio ambientale della filiera idrogeno per i trasporti. Lo studio ha considerato tre possibili mezzi di trasporto alimentati ad idrogeno: autovettura a 6 posti, autobus a 30 posti e battello per trasporto passeggeri. 3 Sviluppo di Sistemi Innovativi di Accumulo dell Idrogeno È stato realizzato un serbatoio tubolare di accumulo dell idrogeno con idruri di magnesio a geometria orizzontale. Nel campo degli idruri La/Ni5 è stato realizzato un prototipo di serbatoio che è stato testato in una specifica stazione di prova in cicli di carica/scarica in condizione operative controllate. Per l accumulo dell idrogeno ad alta pressione è stato realizzato un elettrolizzatore a media pressione (30 bar) e un compressore innovativo ad alta pressione (400 bar) e ridotti consumi energetici. 4 Sperimentazione delle Tecnologie Sviluppate All interno delle centrale ENEL di Fusina è stata realizzata una stazione sperimentale per la prova dei sistemi innovativi di accumulo dell idrogeno in due moduli attrezzati, tipo container. Il primo modulo contiene i sistemi di accumulo dell idrogeno a idruri di magnesio e idruri chimici, il secondo è corredato dell elettrolizzatore in pressione. 5 Fattibilità Esecutiva Al termine delle attività è stato redatto uno specifico documento che prende in esame la mobilità sostenibile su acque interne, la mobilità sostenibile su strada e l accumulo stazionario di idrogeno da fonte rinnovabile e sono stati calcolati i costi per l industrializzazione dei principali prototipi. RISULTATI OTTENUTI Realizzazione di una stazione di prova per lo sviluppo di sistemi innovativi di accumulo dell idrogeno entro idruri metallici e chimici. Realizzazione di un prototipo per lo stoccaggio dell idrogeno in idruri di magnesio. Realizzazione di un reattore a letto catalitico impaccato per la generazione di idrogeno con sodio boroidruro. Realizzazione di un elettrolizzatore alcalino in pressione e con ridotti consumi energetici. Realizzazione di un compressore innovativo per l idrogeno a ridotti consumi energetici.

6 HP ACTIVITY INNOVATIVE SYSTEMS OF HYDROGEN ACCUMULATION PROJECT COORDINATOR Enel s.p.a. OTHER PARTNERS SOL, SGS, Venezia Tecnologie, ERSE, Università di Padova e Genova. Total Investment: ,00 Financing granted: ,00 DEVELOPMENT OF THE PROJECT The goal of the project was to develop new hydrogen storing technologies that would allow a specific high capacity of storage and reduced energy consumption, utilisable at industrial scale and for the river and lagoon transportation of people in the Mestre/Venezia area. ACTIVITIES CONDUCTED 1 Feasibility Study The most promising systems for storing the hydrogen to be studied and develop have been the following: magnesium based hydrides sodium borohydride pressured gas. 2 Development of Thermodynamic, Chemical and Fluiddynamic Models for the Base Analyses of the Process and Components. The phenomenon of absorption/desorption of hydrogen within the magnesium hydrides through zirconium and nickel based catalysers have been studied. in the field of chemical hydrides a mathematic model has been developed for studying the production of hydrogen in a catalytic reactor. For the LaNi5 hydrides a mathematic model has been developed describing the process of hydrogen desorption in a small container for powering a fuel cell. Through the Life Cycle Analysis method, an environmental study on the hydrogen production-line for transportation has been conducted. The study has taken under consideration three possible means of transportation fuelled by hydrogen: 6 seats motor vehicle, 30 seats bus and a boat for transporting passengers. 3 Development of New Hydrogen Storing Systems A geometric horizontal tubular tank for storing hydrogen in magnesium hydrides has been developed. In the field of La/ Ni5 hydrides, a prototype of tank has been developed, which has been tested in a specific test station in load/ unload cycles under controlled operating conditions. For high pressurized storage of hydrogen, a medium pressure 21 (30 bar) electrolyser and a new high pressure (400 bar) and reduced energy consumption compressor have been developed 4 Testing the Technologies Developed Inside the ENEL plant of Fusina, a test station for testing the new hydrogen storing systems in two container type equipped modules has been built. The first module contains the storage systems for the hydrogen in magnesium hydrides and chemical hydrides, and the second is fitted with the pressurised electrolyser. 5 Executive Feasibility At the completion of the activities, a specific document has been drafted, which examines the sustainable mobility of internal waterways, sustainable mobility on the road and stationary storage of hydrogen from renewable sources and the costs for the industrialization of the major prototypes have been calculated. RESULTS ACHIEVED Construction of a test station for the development of new storage systems for hydrogen within metal and chemical hydrides. Construction of a prototype for the storage of hydrogen in magnesium hydrides. Construction of a packed catalytic bed reactor for generating hydrogen with borohydride hydrogen. Construction of a pressurised and with reduced energy consumption alkaline electrolyser. Construction of a new hydrogen compressor with reduced energy consumption. PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

7 ATTIVITÀ di HP SVILUPPO DI TECNOLOGIE INNOVATIVE DI PRODUZIONE DI IDROGENO ED ELETTRICITÀ DA CARBONE E BIOMASSA SOGGETTO ATTUATORE Enel s.p.a. IN COLLABORAZIONE CON Università di Napoli, RJCSoft, Struttura Informatica Costo del Progetto: ,00 Finanziamento concesso: ,00 SVILUPPO DEL PROGETTO Il progetto ha affrontato il tema della produzione di idrogeno per co-gassificazione di carbone, biomassa e CDR. L obiettivo era quello valutare tecnologie innovative di produzione di idrogeno a partire da carbone e da fonti rinnovabili o assimilate, realizzando: uno studio di prefattibilità; un simulatore dinamico per l impianto di cogassificazione in grado produrre il 50% dell idrogeno necessario per alimentare il ciclo ad idrogeno recentemente installato presso Hydrogen Park. ATTIVITÀ SVOLTE Il primo obiettivo è stato raggiunto realizzando la progettazione di massima e il calcolo dei costi di investimento e di produzione di idrogeno per due configurazioni CGCU (Cold Gas Clean Up) e HGCU (Hot Gas Clean Up). I risultati mostrano un costo di investimento equivalente, ma un costo specifico (rispetto al potere calorifico dell idrogeno prodotto) più basso per la configurazione a bassa temperatura. Il secondo obiettivo è stato raggiunto con lo sviluppo di un simulatore dinamico dell impianto CGCU in grado di riprodurre transitori (riduzioni e salite di carico) che potrà essere un valido ausilio in fase di progettazione definitiva. Il simulatore è costituito da un insieme di modelli di simulazione che replicano la dinamica delle principali unità di processo dell impianto. Tra i modelli sviluppati è senza dubbio da menzionare il modello del gassificatore a letto trascinato con quench di acqua in grado di stimare le grandezze fondamentali per la verifica progettuale e operativa. Tale strumento risulta altresì importante per simulare l avviamento e lo spegnimento del gassificatore. Lo sviluppo del gassificatore 3D è in accordo con i risultati dello studio dei fenomeni di interazione slag-particella di combustibile che sono stati simulati e verificati in un modello semplificato 1,5D (modello 3D semplificato). Tale studio ha consentito di comprendere efficacemente i parametri chiave per l ottimizzazione del funzionamento di sistemi di combustione/gassificazione in ossigeno, ampliando la conoscenza scientifica in questo ambito. Le attività relative al simulatore hanno consentito la realizzazione di modelli di simulazione di tecnologie avanzate impiegate nella configurazione HGCU che possono essere impiegati in un futuro simulatore. Le principali criticità del progetto, dal punto di vista tecnico, sono state lo sviluppo del modello di simulazione del gassificatore water quench e l integrazione dei modelli di simulazione nel simulatore. RISULTATI OTTENUTI Le attività sviluppate nell ambito del progetto, hanno consentito il raggiungimento degli obiettivi prefissati, ampliando la conoscenza nel campo della produzione di idrogeno da gassificazione.

8 HP ACTIVITY DEVELOPMENT OF INNOVATIVE HYDROGEN PRODUCTION TECHNOLOGIES AND ELECTRICITY FROM COAL AND BIOMASS PROJECT COORDINATOR Enel s.p.a. OTHER PARTNERS Università di Napoli, RJCSoft, Struttura Informatica Total Investment: ,00 Financing granted: ,00 DEVELOPMENT OF THE PROJECT The project has dealt with the subject of producing hydrogen by co-gasification of coal, bio-mass and CDR. The objective was to assess the new technologies for the production of hydrogen starting with coal and from renewable or assimilated sources by developing: a pre-feasibility study; a dynamic simulator for the co-gasification plant capable of producing 50% of hydrogen needed for fuelling the hydrogen cycle recently installed at the Hydrogen Park. ACTIVITIES CONDUCTED The first objective has been accomplished by developing a general plan, calculation of investments and hydrogen production costs for two types of configurations, CGCU (Cold Gas Clean Up) and HGCU (Hot Gas Clean Up). The results show an equal cost of investment, but a specific lower cost for the low temperature configuration (with respect to the hydrogen heating power produced) The second objective has been achieved through the development of a dynamic simulator of the CGCU plant capable of reproducing transients (reductions and load climbs), which may become a valid aid during the final planning phase. The simulator consists of a whole of simulating models replicating the dynamics of the major processing units of the plant. Worth mentioning amongst the models developed is undoubtedly the bed driven with water quench gasifier capable of estimating the fundamental sizes for the planning and operating verifications. Such instrument appears to be likewise important for simulating the start-up and shut-off of the gasifier. The development of the 3D gasifier matches the results from the study of the fuel slag-particles phenomena of interaction, which have been simulated and checked inside a simplified 1.5D model (simplified 3D model). Such study has allowed to understand efficiently the key parameters for optimising the combustion/gasification systems in oxygen operation, thus expanding the scientific knowledge in this field. The activities connected to the simulator have allowed to develop models of advanced simulation of technologies utilised in the HGCU configuration that can be utilised in a future simulator. The major criticalities of the project from the technical standpoint have been the development of water quenched gasifier model in the simulator and integration of the simulated models in the simulator. 23 RESULTS ACHIEVED The activities developed as part of the project, have allowed for the achievement of the pre-set objectives, thus expanding the knowledge in the field of hydrogen production from gasification. PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

9 ATTIVITÀ di HP SVILUPPO DI CICLI ZERO EMISSION A COMBUSTIONE DI IDROGENO SOGGETTO ATTUATORE Enel s.p.a. IN COLLABORAZIONE CON Nuovo Pignone, Università di Padova, Trento, Genova, Firenze e Pisa, Istituto di Ricerca sulla Combustione del CNR Costo del Progetto: ,00 Finanziamento concesso: ,00 SVILUPPO DEL PROGETTO Obiettivo del progetto era lo sviluppo di un sistema di combustione a ridotto impatto ambientale, alimentabile con idrogeno (H2), gas naturale (GN) o loro miscele, da applicare sul turbogas GE10 della Nuovo Pignone, che Enel stava installando nella centrale termoelettrica di Fusina (VE). ATTIVITÀ SVOLTE 1. SVILUPPO CONCETTUALE ED ATTIVITÀ REALIZ- ZATIVE PER LA SPERIMENTAZIONE DEL COMBU- STORE Simulazioni di fluidodinamica computazionale (CFD) e sperimentazione di diverse configurazioni di combustore, per ottimizzare l iniezione di vapore in camera di combustione, onde ridurre la temperatura di fiamma e quindi le emissioni di ossidi di azoto (NOx). Adeguamento del laboratorio ENEL di Sesta per lo svolgimento delle sperimentazioni in piena scala del combustore GE10. Sviluppo di un innovativo sistema di diagnostica della turbina. Sviluppo di una speciale sonda ottica UV per la ripresa della fiamma nell ultravioletto. 2. SIMULAZIONE FLUIDODINAMICA E SPERIMEN- TAZIONE A CALDO DI DIVERSE GEOMETRIE DEL BRUCIATORE Caratterizzazione CFD della combustione H2, per quanto riguarda la distribuzione della temperatura, il rilascio di calore e le concentrazioni delle specie chimiche fondamentali. Realizzazione di un banco di prova per lo studio aerodinamico in piena scala del combustore. Prima campagna di prove a Sesta per la caratterizzazione del funzionamento di varie configurazioni del combustore. Studio di diverse soluzioni di raffreddamento degli stadi di turbina. Studio teorico-sperimentale dell economizzatore per il recupero del calore dei fumi. Analisi delle instabilità di combustione e della loro prevedibilità. 3. STUDI DI INTEGRAZIONE DEL COMBUSTORE SUL TURBOGAS E REALIZZAZIONE DEL PROTO- TIPO Studio CFD dell impatto sugli NOx derivante da modifiche alla distribuzione di aria, combustibile e vapore. Modellizzazione dello scambio termico tra il flusso principale dei fumi e le pale di turbina e determinazione della portata necessaria alla loro refrigerazione. Definizione delle procedure e dei dispositivi di sicurezza in relazione all impiego di H2. 4. PROVE DIMOSTRATIVE SU IMPIANTO Realizzazione di un sistema diagnostico, compresa la visualizzazione della fiamma. Esercizio dimostrativo del turbogas, con verifica delle emissioni di NOx (<200 ppm ad H2). 5. SVILUPPO DI UNA VERSIONE MIGLIORATA DI COMBUSTORE H2 CON NOX < 100 PPM Studi CFD per valutare l effetto di modifiche della geometria e delle modalità di iniezione del combustibile sulle emissioni di NOx. Seconda campagna a Sesta delle versioni migliorate del GE STUDIO CONCETTUALE PER UN COMBUSTORE H2 CON NOX < 25 PPM Simulazioni CFD di bruciatori premiscelati, per ridurre fortemente gli NOx, preservando la stabilità di fiamma.. Campagna di prova del bruciatore premiscelato, alimentato a GN, H2 e loro miscele, sul banco prova TAO del laboratorio ENEL di Livorno. Sviluppo di un modello matematico di bruciatore catalitico (a bassissima emissione di NOx) e determinazione sperimentale su TAO dei campi operativi di vari catalizzatori per H2.

10 HP ACTIVITY DEVELOPMENT OF ZERO EMISSIONS HYDROGEN COMBUSTION CYCLE Adaptation of the Sesta ENEL laboratory for conducting full scale tests on the GE-10 combustor. Development of a new turbine diagnostic system. Development of a special UV optical probe for shooting the flame in the ultraviolet. 4. DEMO TESTS ON THE PLANT Development of a diagnostic system, including the visualization of the flame. Demo operating of the turbo gas, with verification of the NOx emissions (<200 ppm at H2). PROJECT COORDINATOR Enel s.p.a. OTHER PARTNERS Nuovo Pignone, Università di Padova, Trento, Genova, Firenze e Pisa, Istituto di Ricerca sulla Combustione del CNR Total Investment: ,00 Financing granted: ,00 DEVELOPMENT OF THE PROJECT The objective of the project was the development of a combustion system with reduced environmental impact that could be fuelled with hydrogen (H2), natural gas (GN) and their mixtures, to be applied on GE10 turbo-gas of the Nuovo Pignone, which Enel was installing in the thermoelectric plant of Fusina (VE). ACTIVITIES CONDUCTED 1. CONCEPTUAL DEVELOPMENT AND ACTIVITIES TO BE IMPLEMENTED FOR TESTING THE COMBUSTOR Computational fluid-dynamics simulation (CFD) and testing of the various configurations of combustor for optimising the injection of steam in the combustion chamber in order to reduce the flame temperature and thus emissions of nitrogen oxides (NOx). 2. FLUID-DYNAMIC SIMULATION AND HOT TESTING OF THE VARIOUS GEOMETRIES OF THE BURNER. CFD characterization of the H2 combustion regarding the temperature distribution, release of heat and concentration of fundamental chemical species. Development of a test bench for the full scale aerodynamic study of the combustor. First campaign of tests at Sesta for characterising the operating of the various combustor configurations. Study of the various cooling solution for the turbine stages. Theoretical-experimental study of the economiser for the recovery of fumes heat. Analysis of the combustion instability and their predictability. 3. STUDIES FOR THE INTEGRATION OF THE COMBU- STOR ON THE TURBO-GAS AND CONSTRUCTION OF THE PROTOTYPE CFD study of the impact on the NOx generated by the modifications to the air distribution, fuel and steam. Modelling the thermal exchange between the main flow of the fumes and the turbine blades and calculating the rate necessary to their refrigeration. Defining the procedures and safety devices for the use of H DEVELOPMENT OF AN IMPROVED VERSION OF THE H2 COMBUSTOR WITH NOX AT < 100 PPM CFD studies for assessing the effects on the NOx emissions brought about by the modifications of the geometry and methods of fuel injections. Second campaign of tests at Sesta of the GE 10 improved versions. 6. CONCEPTUAL STUDY FOR AN H2 COMBUSTOR WITH NOX AT < 25 PPM CFD simulations of pre-mixed burners in order to strongly reduce the NOx, preserving the flame stability. Test campaign of the pre-mixed burner, fuelled by GN, H2 and their mixtures on the TAO test bench of ENEL laboratory in Livorno. Development of a mathematic model of the catalytic burner (at very low NOx emission) and experiential calculation on the TAO of the operating range of the various catalysers for H2. PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

11 ATTIVITÀ di HP ATTIVITÀ SPERIMENTALI PER L ALLESTIMENTO DI UN VAPORETTO AD IDROGENO SOGGETTO ATTUATORE Venezia Tecnologie S.p.A. Costo del Progetto: ,00 Finanziamento concesso: ,00 SVILUPPO DEL PROGETTO Obiettivo: mettere a punto un sistema di generazione di energia da idrogeno HSES (Hydrogen Supply Energy System) per applicazioni marine ed acquisire conoscenze per una sua installazione su un imbarcazione elettrica destinata al trasporto pubblico a Venezia, con vantaggi d impatto ambientale. ATTIVITÀ SVOLTE 1. VALUTAZIONE SPERIMENTALE DELLE PRESTA- ZIONI DI SINGOLI COMPONENTI PER HSES a) reperimento sul mercato dei singoli componenti Sono stati selezionati sul mercato i seguenti componenti: tre moduli commerciali a Fuel Cell (FC) differenti accumulatori elettrici e supercapacitori due sistemi di stoccaggio dell idrogeno. b) approntamento di strumentazione da laboratorio in grado di testare i singoli componenti Sono stati allestiti due banchi di prova dotati di software di gestione e controllo: uno per le batterie e i sistemi a FC ed uno per i serbatoi di idrogeno a sorbenti solidi. c) valutazione comparativa a banco delle prestazioni dei singoli componenti La valutazione dei sistemi a FC ha permesso di determinare le curve caratteristiche, le massime potenze erogabili ed i consumi di idrogeno in differenti regimi di esercizio. Test di carica/scarica su accumulatori elettrici e supercapacitori hanno evidenziato che gli accumulatori Pb-acido presentano il miglior compromesso costo/prestazioni. I serbatoi con sorbenti solidi sono risultati potenzialmente applicabili. 2. OTTIMIZZAZIONE DI UN MODELLO DI HSES DA 5KW a) assemblaggio dei componenti e valutazione di HSES completi Sono stati approntati differenti HSES, sia a gestione passiva che a gestione attiva per potenze di picco fino a 24kW. b) valutazione del corretto funzionamento e dell efficienza dei sistemi mediante prove di simulazione di ciclo tipico d utilizzo Con l esecuzione di test a banco, simulando anche il ciclo di lavoro tipico di un vaporetto, è stato dimostrato che tali HSES sono in grado di soddisfare le esigenze di potenza stabilite nel progetto. c) valutazione del funzionamento e dell affidabilità dei sistemi HSES in ambiente marino Per poter valutare HSES in condizioni reali di esercizio, è stata allestita un imbarcazione laboratorio: Accadue. Essa è dotata di due motori elettrici DC 48V, di potenza di 12kW, due FC da 5kW, pacchi batterie Pb acido, un pacco bombole di idrogeno, sistemi di sicurezza. Un sistema di acquisizione dati ha consentito, durante la navigazione, di valutare in tempo reale tutti i parametri più significativi (tensioni, correnti, temperature, ecc.), e d immagazzinarli per successive elaborazioni. Accadue è stata collaudata con successo nella Laguna di Venezia e nel Canal Grande, simulando le fasi operative di un vaporetto tradizionale. d) problematiche relative alla sicurezza nella gestione di sistemi HSES. Criticità nell allestimento di Accadue hanno riguardato gli standard da adottare per assicurare adeguati livelli di sicurezza in presenza di idrogeno. Le soluzioni adottate, in base alle prescrizioni dell ente preposto RINA, hanno consentito una prima sperimentazione. L utilizzo regolare di tali sistemi di propulsione a idrogeno richiederà di colmare l attuale vuoto normativo. RISULTATI OTTENUTI Il progetto ha dimostrato la realizzabilità di un mezzo di trasporto acqueo ad emissioni zero alimentato a idrogeno, che risolve i problemi di ridotta autonomia e necessità di frequenti ricariche dei mezzi puramente elettrici.

12 ATTIVITÀ di HP EXPERIMENTAL ACTIVITY DEVELOP A FUEL CELL SYSTEM ON AN ELECTRIC BOAT FOR THE PUBLIC TRANSPORT IN VENICE (CALLED VAPORETTO ) PROJECT COORDINATOR Venezia Tecnologie S.p.A. Total Investment: ,00 Financing granted: ,00 DEVELOPMENT OF THE PROJECT Objective: fine tune a system for the generation of HSES hydrogen energy (Hydrogen Supply Energy System) for marine applications and acquire knowledge for its installation on electric boats assigned to public transportation in Venice, with advantages on the environmental impact. ACTIVITIES CONDUCTED 1. EXPERIMENTAL EVALUATION OF THE PERFORMAN- CES OF EACH HSES COMPONENT a) finding on the market each component The following components have been selected from the market: three commercial models of FUEL CELLS (FC) various electric batteries and super-capacitors two hydrogen storing systems. b) preparation of the laboratory instrumentation capable of testing each component Two test benches fitted with operating and controlling software have been set-up: one for the batteries and FC systems and one for the solid sorbents hydrogen. c) comparative evaluation on the test bench of the performances of each component. The evaluation of the FC systems has enabled to calculated the typical curves, maximum deliverable powers and hydrogen consumptions under various operating modes. Charge/discharge tests on electric batteries and supercapacitors have pointed out that the Pb-acid batteries show the best cost/performance trade-off. The solid sorbents tanks have proven to be potentially applicable. 2. OPTIMISATION OF A 5KW HSES MODEL a) assembling the components and assessing assembled HSES Various HSES were assembled, either as passive management as well as active management for peak powers of up to 24kW. b) assessment of the correct operating and efficiency of the systems through simulation tests of typical cycle of use. Through the conduction of bench tests, simulating also the typical work cycle of a water-bus, it has been proven that such HSES are capable of meeting the power needs established by the project. c) assessment of the operating performance and reliability of the HSES systems in marine environment. In order to assess HSES under actual operating conditions, a laboratory boat Accadue (H2) has been outfitted. The boat is fitted with two DC 48V motors with 12kW power, Pb-acid battery packs, a pack of hydrogen canisters, and safety systems. During navigation, a data acquisition system has allowed for the assessment in real time of the most significant parameters (tensions, currents, temperatures, etc.) and storing them for later processing. Accadue has been tested successfully in the Venice 27 Lagoon and Canal Grande, simulating the operating phases of a traditional water-bus. d) safety related problems in handling HSES systems. Criticalities in outfitting the Accadue pertained to the standards to be implemented in order to insure adequate levels of safety in the presence of hydrogen. Based on the requirements issued by the authorised agency RINA, the solution implemented have allowed for a first test. The regular use of such hydrogen propelling systems will require filling-in the gaps in the current legislation. RESULTS ACHIEVED The project ahs proven the feasibility of a zero emission hydrogen fuelled water-borne mean of transportation, which would solve the problems of reduced operating range and needs for frequent recharges of the purely electric devices. PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

13 ATTIVITÀ di HP SPERIMENTAZIONE, ALL INTERNO DI STABILIMENTI PRODUTTIVI, DI TECNOLOGIE DI MICRO GENERAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE CON CELLE A COMBUSTIBILE PEM DA 5KW E DI MINI IMPIANTI DI RIFORNIMENTO PER MEZZI ALIMENTATI AD IDROGENO SOGGETTO ATTUATORE SAPIO Produzione Idrogeno e Ossigeno s.r.l. IN COLLABORAZIONE CON Morphic Exergy s.r.l. Costo del Progetto: ,00 Finanziamento concesso: ,00 SVILUPPO DEL PROGETTO Obiettivo del progetto era quello di studiare le applicazioni sia stazionarie che automotive in ambito industriale, al fine di evidenziare i benefici e le problematiche connesse all utilizzo dell idrogeno come combustibile. ATTIVITÀ SVOLTE 1. REALIZZAZIONE DI UNA MINI STAZIONE DI RIFORNIMENTO, ALIMENTABILE CON IDROGENO PROVENIENTE DAL SITO DI MARGHERA. È stata progettata e realizzata una mini stazione di rifornimento di idrogeno per due mezzi di trasporto (un carrello elevatore a forche ed un furgone) Dopo aver ultimato l installazione del distributore, sono stati eseguiti test di rifornimento e funzionamento dei due mezzi. 2. INSTALLAZIONE DI UN MICRO CHP (COMBI- NED HEAT AND POWER) AD IDROGENO PER LA COGENERAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE È stato progettato un micro cogeneratore a cella a combustibile PEM da 5 kw, in grado di produrre ad alto rendimento energia elettrica e calore utilizzando l idrogeno. La macchina è stata assemblata presso Morphic Exergy e installata nell impianto SAPIO di Marghera. È stata realizzata anche una linea per il riutilizzo dell acqua calda in uscita dalla fuel cell. 3. REALIZZAZIONE FORK LIFT ELETTRICO CON CELLA A COMBUSTIONE È stato progettato e realizzato un fork lift a trazione elettrica con energia prodotta da una cella a combustione alimentata ad idrogeno, stoccato ad alta pressione in bombole da 2 litri. Inoltre, è stato realizzato e collaudato un software capace di controllare il funzionamento globale del veicolo, compresa la carica dinamica delle batterie, la gestione dell energia di frenatura e la strategia di intervento. Il fork lift è stato collaudato ed è ora in funzione. 4. FURGONE IBRIDO(FUEL CELL + BATTERIE) È stato progettato e realizzato un furgone per il trasporto di merci e persone con una trazione ibrida che avviene con delle batterie affiancate alla generazione di energia elettrica prodotta da una cella a combustibile. Il veicolo è stato realizzato dalle società Sapio ed Arcotronics Fuel Cell (oggi Morphic Exergy) ed ha le seguenti caratteristiche: Motore Elettrico/asincrono/trifase Potenza continua: 30 kw nominali, 60 kw di picco Energia a bordo Idrogeno gassoso 80 litri a 350 bar N 2 batterie da 34 KWh Velocità massima 70 km/h Pendenza massima superabile 25% Peso totale a terra 6.5 t Il furgone ibrido è stato collaudato ed è disponibile per le normali attività di stabilimento. 5. RACCOLTA ED ELABORAZIONE DATI; INDAGINE IMPATTO SULLE ATTIVITÀ Sono stati raccolti e analizzati i dati relativi alle operazioni di rifornimento, all energia prodotta e alla resa del CHP, al funzionamento del furgone e del fork lift. RISULTATI OTTENUTI Si sono potute verificare la buona sicurezza ed affidabilità dei prototipi realizzati.

14 HP ACTIVITY EXPERIMENTATION INTO OPERATION PLANTS OF: ENERGY MICRO COGENERATION TECHNOLOGIES FOR BOTH POWER AND HEAT BY 5 KW FUEL CELL AND MINI REFUELLING STATIONS FOR HYDROGEN POWERED VEICHLES PROJECT COORDINATOR SAPIO Produzione Idrogeno e Ossigeno s.r.l. OTHER PARTNERS Morphic Exergy s.r.l.. Total Investment: ,00 Financing granted: ,00 DEVELOPMENT OF THE PROJECT The objective of the project was to study the stationary as well as automotive applications in the industrial sector, in order to assess the benefits and problems connected to the use of hydrogen as fuel. ACTIVITIES CONDUCTED 1. CONSTRUCTION OF A MINIATURE REFUELLING STA- TION THAT CAN BE REPLENISHED WITH HYDROGEN FROM THE MARGHERA SITE. A miniature hydrogen refuelling station has been constructed for two means of transportation (a fork-lift and a van). After completing the installation of the distributor, tests for refuelling and operating of the two means have been conducted. 2. INSTALLATION OF A HYDROGEN MICRO-CHIP (COMBINED HEAT AND POWER) FOR THE CO-GENERATION OF ELECTRIC ENERGY AND HEAT A 5kW PEM fuel cell micro co-generator capable of producing high yield electric energy and heat by utilising hydrogen has been planned. The machine has been assembled at the Morphic Exergy and installed in the SAPIO plant of Marghera. A line for the reutilisation of hot water discharged by the fuel cell has been also constructed.. 3. CONSTRUCTION OF AN ELECTRIC FORK LIFT POWE- RED WITH FUEL CELL An electric fork-lift powered with energy produced by a fuel cell powered by hydrogen stored at high pressure in 2 litres canisters has been planned and constructed. In addition, a software capable of monitoring/controlling the overall operation of the vehicle, including the dynamic charge of the batteries, handling the energy from braking and strategy of intervention has been developed and tested. The fork lift has been tested and is currently operating. 4. HYBRID VAN (FUEL CELL + BATTERIES) A van for transporting goods and people with a hybrid 29 drive supplied by batteries coupled with the generation of electric energy from a fuel cell has been planned and constructed. The vehicle has been built by the Sapio and Arcotronics Fuel Cell (currently Morphic Exergy) Companies and has the following features: Engine Electric/Asynchronous/ three-phases Continuous power: 30kw nominal, 60 kw peak On board energy Gaseous hydrogen 80 litres at 350 bar Nr. 2 34KWh batteries Maximum speed 70 km/h Maximum climb angle 25% Total weight on the ground 6.5 t The hybrid van has been tested and available for the normal plant activities. 5. DATA COLLECTION AND PROCESSING; SURVEY OF IMPACT ON THE ACTIVITIES The data pertaining to the operation of refuelling, energy produced and CHP output, van and fork-lift operating have been collected and analysed. RESULTS ACHIEVED Good safety and reliability of the prototypes built have been verified. PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

15 ATTIVITÀ di HP CENTRO IDROGENO HYDROGENLAB SOGGETTO ATTUATORE Veneto Innovazione s.p.a. IN COLLABORAZIONE CON Venezia Tecnologie s.p.a. Costo del Progetto: ,00 Finanziamento concesso: ,00 SVILUPPO DEL PROGETTO Il progetto aveva per obiettivo la creazione di un laboratorio per rendere disponibili strutture ed apparecchiature al servizio di articolati progetti di ricerca industriale, condotti da aziende o consorzi pubblici/ privati, per provare componenti, ricercare soluzioni migliorative e materiali, training on the job. ATTIVITÀ SVOLTE Il laboratorio è stato attrezzato per condurre ricerche e sperimentazioni nei seguenti ambiti tecnologici relativi all impiego di idrogeno: Testing di sistemi a celle a combustibile ad idrogeno (principalmente di tipo PEM) con potenza fino a 12 kw DC o 3 kw AC, sia progettate per l ambito di una mobilità sostenibile sia per quello della produzione distribuita d energia, finalizzato alla valutazione dell affidabilità e dell efficienza energetica. Valutazione di sorbenti solidi di idrogeno, quali idruri metallici, e loro serbatoi, finalizzata alla misura delle prestazioni di accumulo, in termini di quantità assorbita e cinetica di assorbimento/desorbimento in relazione a differenti condizioni di temperatura e pressione di carico dell idrogeno. POTENZIALI AREE DI RICERCA Potenzialmente il centro potrà poi allocare ricerche condotte dai clienti in altri ambiti applicativi, disponendo di un supporto tecnico-scientifico ed integrando la strumentazione specialistica già presente con dispositivi ed apparecchiature mirate. A titolo d esempio: TECNOLOGIE DI PRODUZIONE DI IDROGENO Sistemi di produzione in abbinamento a fonti rinnovabili (elettrolisi sostenuta da eolico/fotovoltaico), o realizzati direttamente da fonti di energia rinnovabile (fotoproduzione, bioproduzione); Processi elettrolitici innovativi in termini di efficienza ed economicità. Ottimizzazione di processi di produzione da fonti fossili; TECNOLOGIE DI STOCCAGGIO Confronto di tecnologie di accumulo (gas com- presso, sorbenti solidi, idruri chimici) finalizzate a differenti contesti applicativi, quali, ad esempio lo stazionario e la mobilità, le mini-applicazioni. APPLICAZIONI Progettazione e realizzazione di power-system a celle a combustibile. Valutazione di Power System. Sviluppo di celle a combustibile innovative. Valutazione di celle a combustibile. Sviluppo di sistemi propulsivi basati sull impiego di celle a combustibile, mirati a differenti cicli di lavoro. Affidabilità ed efficienza dei sistemi. Valutazione e studio del degrado prestazionale della componentistica. Applicazioni dell idrogeno in processi chimici innovativi di interesse industriale. Il centro sarà inserito in un contesto di relazioni con soggetti pubblici e privati operanti nel settore dell idrogeno, al fine di permettere ai propri clienti di attivare tutte le possibili sinergie tecnico-progettuali. Per condurre la propria attività presso il Centro Idrogeno, sono disponibili: Postazioni attrezzate con utenze ed apparecchiature di impiego generale per lo svolgimento di attività di interesse dei singoli utenti, accessibili una volta definiti gli aspetti di sicurezza. Postazioni strumentate con apparecchiature specialistiche, focalizzate sulle aree tecnologiche indicate, che potranno essere impiegate una volta acquisita la necessaria capacità operativa. In un ambiente conforme ai più stringenti requisiti in tema di sicurezza, e potendo contare su una struttura tecnico scientifica di supporto, garantita da Venezia Tecnologie.

16 HP ACTIVITY HYDROGEN CENTER HYDROGENLAB PROJECT COORDINATOR Veneto Innovazione s.p.a. OTHER PARTNERS Venezia Tenologie s.p.a. Total Investment: ,00 Financing granted: ,00 DEVELOPMENT OF THE PROJECT The goal of the project was to create a laboratory for placing at disposal structures and equipments at the service of articulated industrial research projects, conducted by public/private companies or consortiums to test components, research improving solutions and materials, and training on the job. ACTIVITIES CONDUCTED The laboratory has been equipped for conducting researches and tests in the following technological fields connected to the use of hydrogen: Testing hydrogen fuel cells systems (mainly of the PEM type)with power up to 12 kw DC or 3 kw AC, either planned for the sector sustainable mobility as well as for the distributed production of energy, aimed at assessing energy reliability and efficiency. Assessment of the hydrogen solid sorbents, such as metal hydrides and their storages, aimed at measuring the storage performances in term of quantity absorbed and kinetics of absorption/desorption in relation to various conditions of temperatures and hydrogen loading pressures. POTENTIAL AREAS OF RESEARCH Potentially the centre may allow for researches conducted by clients in other fields of application, having at disposal a technical-scientific support, and integrating the already installed special instrumentation with targeted devices and equipments. A san example: HYDROGEN PRODUCTION TECHNOLOGIES Production systems combined with renewable sources (electrolysis supported by wind/photovoltaic), or developed directly from sources of renewable energy (photoproduction, bioproduction); New electrolytic processes in terms of efficiency and cost effectiveness. Optimisation of the production processes from fossil sources; STORING TECHNOLOGIES Comparing storing technologies (compressed gas, solid sorbents, and chemical hydrides) targeted for various applications contexts, such as, for example, the stationary and mobility, and mini-applications. APPLICATIONS Plan and develop fuel cells power-system. Assessment of the Power System. Development of new fuel cells. Assessing fuel cells. Development of propelling systems based on the use of fuel cells targeted for various work cycles. Reliability and efficiency of the systems. Evaluation and study of the components degrading performance. Applications of hydrogen in new industrial chemical processes. 31 The centre will become part of a context of relations with public and private subjects operating in the hydrogen sector, in order to allow its clients of activating all the possible technical-planning synergies To conduct one s own activity at the Hydrogen Centre, the fooling are available: Stations equipped with utilities and equipments for general use for conducting specific activities by each user, accessible after defining the safety aspects. Stations outfitted with special equipments focusing on the technological areas indicated that may be used after acquiring the necessary operating ability. In an environment complying with the strictest requirements of safety and being able to rely on a supporting technical-scientific organisation guaranteed by Venezia Tecnologie. PROGETTI REALIZZATI PROJECTS DEVELOPED

17

18

19 HYDROGEN PARK Società consortile a responsabilità limitata c/o Confindustria Venezia Via delle Industrie, Venezia Marghera Tel Fax

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno Venezia - VEGA Marco SCAPIN 15 marzo 2008 Venezia Tecnologie S.p.a. ha tra i propri azionisti ENI e VEGA ha la propria sede a Porto

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

The research activity lines devoted to the abatement of CO2 emissions in a large university department Ennio Macchi

The research activity lines devoted to the abatement of CO2 emissions in a large university department Ennio Macchi The research activity lines devoted to the abatement of CO2 emissions in a large university department Head of the Department of Energy - Politecnico di Milano The context - CO 2 emissions 1/2 The context

Dettagli

HY PARK la possibilità di vedere dal vivo le principali tecnologie ad idrogeno

HY PARK la possibilità di vedere dal vivo le principali tecnologie ad idrogeno HY PARK la possibilità di vedere dal vivo le principali tecnologie ad idrogeno Dal giorno 8 al giorno 19 febbraio, in largo Cairoli, a Torino, si presenta un occasione unica nel proprio genere: la possibilità,

Dettagli

Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina

Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina Direttore Gaetano Cacciola Per una mobilità a zero emissioni Biomasse Biofuel Energia elettrica Elettrolisi Energia elettrica H 2 H 2

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marco Cognome Gambini Indirizzo Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città Roma CAP 00133 Paese ITALIA Telefono (fisso) 06-72597214 Cellulare 339-4908297

Dettagli

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks HeatReCar Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks SST.2007.1.1.2 Vehicle/vessel and infrastructure technologies for optimal use of energy Daniela Magnetto,

Dettagli

IL BANDO 2014 IDROGENO E CELLE A COMBUSTIBILE LA SECONDA FASE DEL PROGRAMMA EUROPEO FCH 2 JU FAST E I PROGETTI UE NEL SETTORE DELL IDROGENO

IL BANDO 2014 IDROGENO E CELLE A COMBUSTIBILE LA SECONDA FASE DEL PROGRAMMA EUROPEO FCH 2 JU FAST E I PROGETTI UE NEL SETTORE DELL IDROGENO IL BANDO 2014 IDROGENO E CELLE A COMBUSTIBILE LA SECONDA FASE DEL PROGRAMMA EUROPEO FCH 2 JU FAST E I PROGETTI UE NEL SETTORE DELL IDROGENO Alberto Pieri Segretario Generale FAST Milano, 14 Luglio 2014

Dettagli

Environment Park e l esperienza piemontese sull idrogeno. Firenze 10 luglio 2013

Environment Park e l esperienza piemontese sull idrogeno. Firenze 10 luglio 2013 Environment Park e l esperienza piemontese sull idrogeno Firenze 10 luglio 2013 H2 MOBility : esperienze H2 GENeration and H2MARKet: esperienze Organizzazione delle attività Coordinamento Regione Piemonte

Dettagli

Università degli Studi di Pisa

Università degli Studi di Pisa Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi Anno accademico 2010/2011 Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica Tesi di Laurea; Analisi di fattibilità di piccola

Dettagli

di Franco Faldini Engineering Service for Energy S.r.l. Sede Legale MILANO (20156) Via Giovanni da Udine, 34

di Franco Faldini Engineering Service for Energy S.r.l. Sede Legale MILANO (20156) Via Giovanni da Udine, 34 IL CONTRIBUTO DELL ESE NELLO SVILUPPO DEGLI IMPIANTI SOLARI A CONCENTRAZONE CON SPECCHI PIANI O QUASI PIANI INVENTATO IN ITALIA di Franco Faldini Engineering Service for Energy S.r.l. Sede Legale MILANO

Dettagli

La via italiana all idrogeno c/o Fast - P.le Morandi 2 Milano Martedì, 14 giugno 2011

La via italiana all idrogeno c/o Fast - P.le Morandi 2 Milano Martedì, 14 giugno 2011 La via italiana all idrogeno c/o Fast - P.le Morandi 2 Milano Martedì, 14 giugno 2011 Stato attuale della normativa sull idrogeno per autotrazione Dr. Ing. Aldo Bassi S.IN.TE.S.I. AB S.r.l. Vice-Presidente

Dettagli

Energia pulita. da reflui zootecnici e biomasse Clean energy from zootechnical sewage and biomasses

Energia pulita. da reflui zootecnici e biomasse Clean energy from zootechnical sewage and biomasses Energia pulita da reflui zootecnici e biomasse Clean energy from zootechnical sewage and biomasses Biogengas si propone come società primaria nella progettazione e realizzazione di impianti per la produzione

Dettagli

2" GAS 2" GAS 2" GAS 2-1/2" GAS 2-1/2" GAS 85 (1P) 150 (1P) 150 (1P) 190 (1P) 250 (1P)

2 GAS 2 GAS 2 GAS 2-1/2 GAS 2-1/2 GAS 85 (1P) 150 (1P) 150 (1P) 190 (1P) 250 (1P) RACA PLUS ENERGY Le unità RACA PLUS ENERGY sono studiate per soddisfare in modo completo qualunque esigenza ed applicativa grazie ad una gamma completa di modelli e configurazioni. Sono disponibili con

Dettagli

WP 3.2.3 Compendio di progetti di casi studio. I passi verso il WP 4.1.3 Costituzione di uno Sportello energia provinciale

WP 3.2.3 Compendio di progetti di casi studio. I passi verso il WP 4.1.3 Costituzione di uno Sportello energia provinciale Paving the way for self sufficient regional Energy supply based on sustainable concepts and renewable energy sources WP 3.2.3 Compendio di progetti di casi studio I passi verso il WP 4.1.3 Costituzione

Dettagli

Sull utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione di energia e integrazione con impianti industriali

Sull utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione di energia e integrazione con impianti industriali Sull utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione di energia e integrazione con impianti industriali Marco Carati, Marco Pellegrini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di Ingegneria, Università di Bologna

Dettagli

Energy Conservation through Energy Storage

Energy Conservation through Energy Storage IEA Implementing Agreement Energy Conservation through Energy Storage Mario Conte, ENEA Giornata Nazionale IEA IA Ricerca Energetica e Innovazione in Edilizia ENEA, Roma, 27 febbraio 2015 Breve storia

Dettagli

Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR

Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR Vincenzo Antonucci Dipartimento ingegneria, Ict e tecnologie per l'energia e i trasporti Le motivazioni per

Dettagli

TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta

TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta Programma pilota per lo sviluppo sperimentale di tecnologie ad idrogeno per i primi mercati e la decarbonizzazione Laboratorio di Ricerca

Dettagli

Utilizzo del GNL per la propulsione navale: effetti sull ambiente ed analisi tecnica

Utilizzo del GNL per la propulsione navale: effetti sull ambiente ed analisi tecnica University of Trieste Mechanical Engineering and Naval Architecture Department Utilizzo del GNL per la propulsione navale: effetti sull ambiente ed analisi tecnica Rodolfo Taccani Università degli Studi

Dettagli

CTS basso consumo energetico basso impatto ambientale gas idrogeno come fonte pulita e sostenibile di energia riconvertito in energia

CTS basso consumo energetico basso impatto ambientale gas idrogeno come fonte pulita e sostenibile di energia riconvertito in energia PRODOTTI UPS CTS offre sistemi e prodotti a basso consumo energetico e a basso impatto ambientale, attraverso lo stoccaggio di energia da fonti rinnovabili utilizzando l idrogeno come veicolo energetico.

Dettagli

AIR CONDITIONING & HEATING FOR HEAVY-DUTY EQUIPMENT

AIR CONDITIONING & HEATING FOR HEAVY-DUTY EQUIPMENT AIR CONDITIONING & HEATING FOR HEAVY-DUTY EQUIPMENT Company Profile S.E.A. specializes in air conditioning for a wide range of applications, such as construction vehicles, agricultural vehicles, military

Dettagli

I RISULTATI DEL PROGETTO PROJECT FINDINGS

I RISULTATI DEL PROGETTO PROJECT FINDINGS HEAT4U PROJECT Pompa di calore ad assorbimento a metano ed energia rinnovabile aerotermica Absorption Heat Pump powered by natural gas and air-source renewable energy 7 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo

Dettagli

Prodotti Progetti Investimenti/innovazione Proposte

Prodotti Progetti Investimenti/innovazione Proposte Prodotti Progetti Investimenti/innovazione Proposte Sviluppo e realizzazione di sistemi di propulsione innovativi Dalle specifiche del cliente al prodotto Generatori ad alta efficienza di conversione 2

Dettagli

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services ECCELLENZA NEI RISULTATI. PROGETTUALITÀ E RICERCA CONTINUA DI TECNOLOGIE E MATERIALI INNOVATIVI. WE AIM FOR EXCELLENT RESULTS

Dettagli

Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni. Ancona, 27 settembre 2013

Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni. Ancona, 27 settembre 2013 Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni Ancona, 27 settembre 2013 GiacominiS.p.A. : La storia Giacomini S.p.A., fondata nel 1951, è leader nella produzione di componenti per riscaldamento

Dettagli

Verso una piattaforma italiana per l idrogeno e le celle a combustibile

Verso una piattaforma italiana per l idrogeno e le celle a combustibile Verso una piattaforma italiana per l idrogeno e le celle a combustibile 2 WORKSHOP TOSCANO SULL IDROGENO e TECNOLOGIE COLLEGATE OPPORTUNITA e FINANZIAMENTI Firenze, 25 Luglio 2014 Firenze 25 Luglio 2014

Dettagli

Diesel + Gas - Dynamic Injection

Diesel + Gas - Dynamic Injection What is D-GID d-gid is the Diesel Dual Fuel (DDF) electronic platform developed by Ecomotive Solutions to fuel a diesel engine with a homogeneous mixture of natural gas* and diesel oil simultaneously.

Dettagli

Propulsione elettrica con alimentazione a idrogeno e ibrida elettromeccanica

Propulsione elettrica con alimentazione a idrogeno e ibrida elettromeccanica Propulsione elettrica con alimentazione a idrogeno e ibrida elettromeccanica Giovanni Lutzemberger Università di Pisa Montecatini, 25-26 maggio 2012 1 Sommario Introduzione: i veicoli ibridi Progettazione

Dettagli

WORKSHOP, 25 GENNAIO 2012 Roncegno Terme(TN) April 21 st 23 rd New Delhi (India) Senior researcher

WORKSHOP, 25 GENNAIO 2012 Roncegno Terme(TN) April 21 st 23 rd New Delhi (India) Senior researcher April 21 st 23 rd New Delhi (India) WORKSHOP: La micro cogenerazione con celle a combustibile SOFC e i progetti in corso in Italia 25 gennaio 2012 - Roncegno, TN Storage ad alta densità di energia: idrogeno

Dettagli

INDUSTRIAL AUTOMATION

INDUSTRIAL AUTOMATION INDUSTRIAL AUTOMATION INDUSTRIAL AUTOMATION PRELIMINARY VERIFICATION DESIGN CONSTRUCTION INSTALLATIONS START SYSTEM INDUSTRIAL AUTOMATION Gli impianti industriali di produzione sono completati da apparecchiature

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

service Sistemi di teleriscaldamento Remote Heating Systems

service Sistemi di teleriscaldamento Remote Heating Systems service Sistemi di teleriscaldamento Remote Heating Systems CPL Concordia propone soluzioni impiantistiche integrate: progettazione e ingegnerizzazione, costruzione e collaudo, gestione tecnica e manutenzione,

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

SCATTER Caratteristiche generali General features

SCATTER Caratteristiche generali General features 141 Caratteristiche generali General features I destratificatori elicoidali serie scatter, sono adatti a distribuire, nella stagione invernale, volumi d aria in medi e grandi ambienti, come capannoni,

Dettagli

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI La nostra azienda opera da oltre 25 anni sul mercato della tranciatura lamierini magnetid e pressofusione rotori per motori elettrici: un lungo arco di tempo che ci ha visto

Dettagli

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer Inverter solare monofase con trasformatore ngle-phase solar inverter with transformer La soluzione migliore nel caso in cui esigenze normative o funzionali di modulo, d impianto o di rete, richiedano la

Dettagli

LA TOSCANA E LE INIZIATIVE SULL IDROGENO E LE TECNOLOGIE COLLEGATE

LA TOSCANA E LE INIZIATIVE SULL IDROGENO E LE TECNOLOGIE COLLEGATE LA TOSCANA E LE INIZIATIVE SULL IDROGENO E LE TECNOLOGIE COLLEGATE Giuseppe Pozzana, Direttore Pont-Tech scrl Il nuovo Programma Idrogeno e celle a combustibile nell ambito di Horizon 2020 Quali opportunità

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

Il Laboratorio di Microreti di Generazione ed Accumulo

Il Laboratorio di Microreti di Generazione ed Accumulo Il Laboratorio di Microreti di Generazione ed Accumulo Francesco Melino CIRI Energia ed Ambiente UO Bioenergie Alma Mater Studiorum università di Bologna Perché un laboratorio di microgenerazione e accumulo

Dettagli

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride.

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. 5 12 ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. UN BAMBINO/ONE CHILD Su questo gioco può salire al massimo un bambino.

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Aerospaziale Tesi di laurea Specialistica Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities. Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011

Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities. Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011 Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011 Uso: Riservato Outline Introduzione Le Smart Grids e Smart Cities Progetti Smart Grids di Enel

Dettagli

I plotter della serie COLORSCAN sono tra i più avanzati sistemi di decorazione digitale

I plotter della serie COLORSCAN sono tra i più avanzati sistemi di decorazione digitale INTESA S.p.A. è una società del GRUPPO SACMI specializzata nella produzione e fornitura di tecnologie per la smaltatura e la decorazione di piastrelle ceramiche. Nata dall esperienza di SACMI e INGEGNERIA

Dettagli

POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION

POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION VERSIONE MANUALE CON VOLANTINO MANUAL VERSION WITH HANDWHEEL VERSIONE CON COMANDO PNEUMATICO A

Dettagli

RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN

RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN Per affrontare al meglio le problematiche relative al settore delle costruzioni, abbiamo ritenuto più sicura e affidabile la soluzione di costituire un consorzio stabile

Dettagli

PRESENTAZIONE. Identificazione M_4.4.3-C. Rev. 02 Pagina 3 di 12. Data di emissione: 03.01.2014. Finality. Finalità

PRESENTAZIONE. Identificazione M_4.4.3-C. Rev. 02 Pagina 3 di 12. Data di emissione: 03.01.2014. Finality. Finalità Pagina 3 di 12 Finalità Ingegno P & C s.r.l. è una società di ingegneria composta da professionisti specializzati negli ambiti della progettazione impiantistica, strutturale, dell ambiente e della sicurezza,

Dettagli

TORCIA CHIUSA PER BIOGAS tipo TBE. ENCLOSED BIOGAS FLARE TBE Type DESCRIZIONE DESCRIPTION VANTAGGI

TORCIA CHIUSA PER BIOGAS tipo TBE. ENCLOSED BIOGAS FLARE TBE Type DESCRIZIONE DESCRIPTION VANTAGGI TORCIA CHIUSA PER BIOGAS tipo TBE ENCLOSED BIOGAS FLARE TBE Type DESCRIZIONE Le torce chiuse sono generalmente usate al posto delle torce aperte per motivi estetici o di sicurezza. Il processo di combustione

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION. Company Profi le

TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION. Company Profi le TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION Company Profi le DAL 1969 Since 1969 La Spaziale S.p.A. è stata fondata nel 1969 da persone con una esperienza realizzata sin dal 1947 nel settore

Dettagli

OSI I INDUSTR T IAL A E

OSI I INDUSTR T IAL A E OSMOSI INDUSTRIALE La linea Euroacque di dissalatori ad osmosi inversa attualmente in produzione è il naturale risultato di oltre trenta anni di esperienza maturata nel trattamento delle acque primarie.

Dettagli

L esperienza di ENEA nel campo dei carburanti alternativi

L esperienza di ENEA nel campo dei carburanti alternativi L esperienza di ENEA nel campo dei carburanti alternativi Ing. Nicola Contrisciani nicola.contrisciani@bologna.enea.it ENEA Dipartimento TER Laboratorio Energia ERG Bologna, 14 dicembre 2007 1 Miscele

Dettagli

OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva.

OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva. - laser solutions - OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva. L esperienza di OT-LAS nel settore della marcatura, decorazione e taglio

Dettagli

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE Certificate No. / Certificato No. CERT-052-2005-AHSO-TRI-RvA This is to certify that / Si attesta che Fenice S.p.A. Via Acqui, 86-10098 Cascine Vica - Rivoli (TO) - Italy (Refer to Supplements A, B / Riferimento

Dettagli

Environment Park Torino

Environment Park Torino Environment Park Hydrogen and FC Technologies Environment Park Torino Environment Park A joint initiative of the Piedmont Region, the Turin District, the City of Turin and the European Union The primary

Dettagli

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP and Labelling - quick guide on EU efficiency and product labelling Settembre 2015 September 2015 2015 ErP/EcoDesign

Dettagli

Progetto Filiera Idrogeno. WP5a: Realizzazione di un veicolo a celle a combustibile WP5b: Alimentazione di carichi ausiliari di imbarcazioni

Progetto Filiera Idrogeno. WP5a: Realizzazione di un veicolo a celle a combustibile WP5b: Alimentazione di carichi ausiliari di imbarcazioni Progetto Filiera Idrogeno WP5a: Realizzazione di un veicolo a celle a combustibile WP5b: Alimentazione di carichi ausiliari di imbarcazioni 1 Progetto Filiera Idrogeno WP5a: Realizzazione di un veicolo

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

textile laser solutions

textile laser solutions - textile laser solutions - OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva. L esperienza di OT-LAS nel settore della marcatura, decorazione

Dettagli

Soluzioni disponibili oggi e domani per l impiego dell idrogeno come vettore energetico. Bartolomeo Marcenaro Catania, 28/10/2009

Soluzioni disponibili oggi e domani per l impiego dell idrogeno come vettore energetico. Bartolomeo Marcenaro Catania, 28/10/2009 Soluzioni disponibili oggi e domani per l impiego dell idrogeno come vettore energetico Bartolomeo Marcenaro Catania, 28/10/2009 Un storia antica... Company Confidential 2 ...antiche promesse Company Confidential

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

Efficienza energetica e prospettive per l industria Lo scenario: i consumi energetici e le applicazioni

Efficienza energetica e prospettive per l industria Lo scenario: i consumi energetici e le applicazioni Efficienza energetica e prospettive per l industria Lo scenario: i consumi energetici e le applicazioni Prof. Stefano Campanari Dipartimento di Energia, Politecnico di Milano stefano.campanari@polimi.it

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

PROGRAMMA DOPPIO TITOLO. Università degli Studi di Ferrara (Italia) Cranfield University (United Kingdom)

PROGRAMMA DOPPIO TITOLO. Università degli Studi di Ferrara (Italia) Cranfield University (United Kingdom) PROGRAMMA DOPPIO TITOLO (Italia) Cranfield University (United Kingdom) Il Piano degli Studi del Dipartimento di Ingegneria dell Università degli Studi di Ferrara prevede un programma di doppio titolo con

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

Eagle & Wise Service (E&W) is an advising and real estate services company for banking and financial institutions.

Eagle & Wise Service (E&W) is an advising and real estate services company for banking and financial institutions. Eagle & Wise Service (E&W) is an advising and real estate company for banking and financial institutions. E&W offers advising related to the real estate sector and specialized related to non performing

Dettagli

ANSALDO ENERGIA EXPERIENCE ON FUEL FLEXIBILITY. "Shale Gas Revolution: opportunità e sfide per l'industria italiana nel mondo" Alessia Bulli

ANSALDO ENERGIA EXPERIENCE ON FUEL FLEXIBILITY. Shale Gas Revolution: opportunità e sfide per l'industria italiana nel mondo Alessia Bulli ANSALDO ENERGIA EXPERIENCE ON FUEL FLEXIBILITY "Shale Gas Revolution: opportunità e sfide per l'industria italiana nel mondo" Alessia Bulli Milano 01-07- 2014 Pag. SOMMARIO Introduzione: Ansaldo Energia

Dettagli

L'esigenza della gestione degli edifici dalla progettazione all'installazione ed al monitoraggio nel tempo

L'esigenza della gestione degli edifici dalla progettazione all'installazione ed al monitoraggio nel tempo L'esigenza della gestione degli edifici dalla progettazione all'installazione ed al monitoraggio nel tempo Federico Noris Istituto per le energie rinnovabili, EURAC Research, Bolzano Fasi monitoraggio

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

ROTARY SCREW COMPRESSORS INVERTER CONTROLLED PHV-I and PHK-I from 2,2 to 15 kw - from 3 to 20 Hp

ROTARY SCREW COMPRESSORS INVERTER CONTROLLED PHV-I and PHK-I from 2,2 to 15 kw - from 3 to 20 Hp COMPRESSORI ROTATIVI A VITE CON INVERTER SERIE PHV-I e PHK-I da 2,2 a 15 kw - da 3 a 20 Hp ROTARY SCREW COMPRESSORS INVERTER CONTROLLED PHV-I and PHK-I from 2,2 to 15 kw - from 3 to 20 Hp Modello Model

Dettagli

Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy

Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy Innovative Technological Systems S.r.l. IL PROGETTO AZIENDALE La società, evoluzione dalla precedente collaborazione tra gli attuali

Dettagli

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS Elevatore elettrico electric lifting trolley 175 kg Art. -CEAC041 Lifting trolley with rolls Il carrello elevatore elettrico viene utilizzato sia per il trasporto delle salme su barelle, sia in abbinamento

Dettagli

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 REA: 150762 81031 AVERSA (CE) ph. / fax: +39 081 19257920

Dettagli

TECNOROBOT. Official Integrator FANUC Robotics A NEW DIMENSION IN INDUSTRIAL ROBOTICS

TECNOROBOT. Official Integrator FANUC Robotics A NEW DIMENSION IN INDUSTRIAL ROBOTICS TECNOROBOT Official Integrator FANUC Robotics A NEW DIMENSION IN INDUSTRIAL ROBOTICS 2 la società / the company Tecnorobot è una moderna società attiva dal 1993, nella ricerca, sviluppo, produzione e vendita

Dettagli

GSM WATER CONTROL TELECONTROLLO REMOTO DI IMPIANTI, GESTIONE ACQUA SERBATOI, CONDUTTURE

GSM WATER CONTROL TELECONTROLLO REMOTO DI IMPIANTI, GESTIONE ACQUA SERBATOI, CONDUTTURE GSM WATER CONTROL TELECONTROLLO REMOTO DI IMPIANTI, GESTIONE ACQUA SERBATOI, CONDUTTURE REMOTE CONTROL SYSTEM, MANAGEMENT OF WATER, TANKS AND PIPELINE TELELETTURA REMOTA DI INVASI, ACQUEDOTTI, CONDUTTURE,CONTATORI

Dettagli

Capitolo 4 FUEL CELLS

Capitolo 4 FUEL CELLS Capitolo 4 FUEL CELLS 4.1 LA TECNOLOGIA Il funzionamento di una cella o pila a combustibile può essere così schematizzato: Il combustibile gassoso (ad esempio H2), è inviato all anodo (elettrodo negativo,

Dettagli

Idrogeno come vettore energetico: presentazione della logica energetica e stato dell'arte dello scenario italiano LO SCENARIO ITALIANO

Idrogeno come vettore energetico: presentazione della logica energetica e stato dell'arte dello scenario italiano LO SCENARIO ITALIANO Idrogeno come vettore energetico: presentazione della logica energetica e stato dell'arte dello scenario italiano LO SCENARIO ITALIANO I documenti ufficiali Lo sviluppo del vettore idrogeno in Italia.

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE

HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE OEM SALES AND HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE FOR SALE Monfalcone, September 15 th 2015 Page 1 of 7 OEM SALES AND MAIN TECHNICAL DATA OF UNIVERSAL HOLCROFT POWER GENERATOR FOR ATMOSPHERE

Dettagli

STATO DELL ARTE DELLA NORMATIVA TECNICA PER LA CLIMATIZZAZIONE

STATO DELL ARTE DELLA NORMATIVA TECNICA PER LA CLIMATIZZAZIONE STATO DELL ARTE DELLA NORMATIVA TECNICA PER LA CLIMATIZZAZIONE Arch. Anna Martino Comitato Termotecnico Italiano LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI EDIFICI: SOLUZIONI A CONFRONTO CONVEGNO FIRE Milano, 2 marzo 2006

Dettagli

Laboratorio di sistemi elettrici per le energie rinnovabili LASEER Prof. Ing. Daniele Menniti

Laboratorio di sistemi elettrici per le energie rinnovabili LASEER Prof. Ing. Daniele Menniti Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale DIMEG Laboratorio di sistemi elettrici per le energie rinnovabili LASEER Prof. Ing. Daniele Menniti and Nicola Sorrentino (RC), Anna Pinnarelli

Dettagli

bruciatori TECNOPRESS gas, gasolio, olio combustibile e misti TECNOPRESS SERIES natural gas burners, dual fuel burners, light and heavy oil burners

bruciatori TECNOPRESS gas, gasolio, olio combustibile e misti TECNOPRESS SERIES natural gas burners, dual fuel burners, light and heavy oil burners bruciatori TECRESS gas, gasolio, olio combustibile e misti TECRESS SERIES natural gas burners, dual fuel burners, light and heavy oil burners Caratteristiche Generali Bruciatori Tecnopress I bruciatori

Dettagli

Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili

Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili Giorgio Palazzi ENEA Seminario Le fonti di energia rinnovabili e le politiche di ricerca e sviluppo in Puglia Bari, 29 maggio 2007 Biblioteca

Dettagli

Auditenergetico e prime proposte di intervento per alcune scuole superiori della Provinciadi Ravenna

Auditenergetico e prime proposte di intervento per alcune scuole superiori della Provinciadi Ravenna Auditenergetico e prime proposte di intervento per alcune scuole superiori della Provinciadi Ravenna Work package 3: Policy concepts for the promotion of renewable energy in the cities COP 3.5.5 - Report

Dettagli

Ccoffeecolours. numero 49 marzo / aprile 2011. edizione italiano /english. t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e

Ccoffeecolours. numero 49 marzo / aprile 2011. edizione italiano /english. t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e Ccoffeecolours t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e numero 49 marzo / aprile 2011 edizione italiano /english P r o f e s s i o n i s t i d e l c a f f e Sirai e Fluid-o-Tech: l eccellenza italiana

Dettagli

La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica

La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica Paolo Savoldelli Milano, 17 ottobre 2012 - Auditorium di FEDERCHIMICA 1 Schema della presentazione

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Fuel Transmission Pipeline HEL.PE El Venizelos Airport YEAR: 2001-2006 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

Progetti ENEA nell ambito della FCH-JU

Progetti ENEA nell ambito della FCH-JU Energia e idrogeno: L esperienza italiana nel programma europeo Idrogeno e celle a combustibile Milano, Centro Congressi Fast, 13 Dicembre 2012 Progetti ENEA nell ambito della FCH-JU Alberto Giaconia,

Dettagli

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959 FINITE ELEMENT ANALYSIS (F.E.A.) IN THE DESIGN OF MAGNETIZING COILS How does it works? the Customer s samples are needed! (0 days time) FEA calculation the Customer s drawings are of great help! (3 days

Dettagli

Elettrico o. purché ant

Elettrico o. purché ant MOTORI Elettrico o Disegno di Francesco Tundo di Claudio Minero Targhe alterne, zone a traffico limitato, fasce orarie, restrizioni alla circolazione per veicoli inquinanti o che non rispondono ai nuovi

Dettagli

l idrogeno Il vettore energetico di transizione

l idrogeno Il vettore energetico di transizione l idrogeno Il vettore energetico di transizione L idrogeno (simbolo chimico H) è l elemento più leggero della tavola periodica ed il più abbondante sulla terra. Si presenta come gas incolore, inodore ed

Dettagli

Energia libera s.r.l via Sergente Luigi Cosentino,1 95049 Vizzini (CT) Italy Tel./Fax +39 0933067103 info@solargroupcostruzioni.it

Energia libera s.r.l via Sergente Luigi Cosentino,1 95049 Vizzini (CT) Italy Tel./Fax +39 0933067103 info@solargroupcostruzioni.it IL SOLE è IL NOSTRO FUTURO La passione per lo sviluppo e la diffusione delle energie rinnovabili, a favore di una migliore qualità della vita, ci guida nel nostro cammino. Il nostro desiderio è quello

Dettagli