MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999"

Transcript

1 MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO

2 LE OPERAZIONI DI MANUTENZIONE A SEGUITO RIPORTATE FANNO RIFERIMENTO A MATERIALI FORNITI DALLA Inserire logo e nome ditta fornitrice IL PRESENTE MANUALE E COMPOSTO DI N 50 PAGINE NUMERATE, AD UTILIZZO ESCLUSIVO DELLA GENTILE CLIENTELA Inserire logo e nome ditta fornitrice 2

3 Numero dell impianto Numero del progetto di disposizione disegno n Indirizzo di installazione Proprietario Installatore Inserire logo e nome ditta fornitrice Società di manutenzione N.B : QUESTO LIBRETTO DEVE ESSSERE CUSTODITO IN UN LUOGO SICURO UNITAMENTE AGLI ALTRI DOCUMENTI CHE ACCOMPAGNANO IL FASCICOLO TECNICO PER TUTTO IL CICLO DI VITA DELL IMPIANTO ELEVATORE. SI CONSIGLIA DI MANTENERNE UNA COPIA NEL LOCALE MACCHINA, INSIEME AL RESTO DELLA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALL ASCENSORE. Le informazioni contenute nel presente libretto sono di carattere generale; per elementi più specifici come per esempio pistone centralina, arcata, quadro di manovra, componenti di sicurezza, operatori, sospensioni e per altri dispositivi accessori fare riferimento anche ai singoli libretti di Istruzione per il montaggio, regolazione e manutenzione. Sulla base di questa serie di documenti, e in base all utilizzo (gravosità di carico o per il numero di corse effettuate nella media) la ditta manutentrice deve compilare una scheda di manutenzione programmata con cadenze periodiche. Prima della messa in servizio dell impianto ascensore la ditta installatrice deve eseguire le verifiche e le prove riportate sulle norme UNI EN 81 armonizzate, deve inoltre verbalizzare i risultati dei controlli effettuati (vedi appendice D controlli e prove prima della messa in servizio). 3

4 INDICE 1. SCOPO 2. DEFINIZIONI 3. DOVERI DEL PROPIETARIO 4. DOCUMENTAZIONE DI BASE 5. USO NORMALE DELL IMPIANTO 6. MANUALE DI MANUTENZIONE 7. INFORMAZIONI RIGUARDO GLI ESAMI E LE VERIFICHE DOPO UNA MODIFICA IMPORTANTE O DOPO UN INCIDENTE. 8. ISTRUZIONI PER LE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE E PER LA MANOVRA A MANO. 4

5 1. SCOPO DEL MANUALE Lo scopo di questo manuale è di fornire informazioni adeguate al proprietario, alla ditta che effettua la manutenzione e a qualsiasi altro personale qualificato ed autorizzato, riguardanti l uso e la manutenzione dell ascensore, richiamando l attenzione sui possibili rischi connessi alla loro inosservanza. Il presente manuale informa sull ordinario utilizzo dell ascensore e sulla sua manutenzione di base e fornisce indicazioni, in caso di guasti e situazioni d emergenza. Esso definisce le operazioni da eseguire per una corretta manutenzione degli ascensori nel rispetto di tutte le normative di sicurezza. Qualsiasi altra operazione (regolazioni, manutenzione, riparazioni) sull impianto deve essere effettuata da persona qualificata; al riguardo si riassumono alcune osservazioni relativamente alle attività di manutenzione ed alle verifiche necessarie. L ascensore è stato installato in conformità alle regole dell arte ed alle norme di buona tecnica vigenti al momento della sua messa a disposizione degli utenti. L installazione dell elevatore è avvenuta in conformità alle istruzioni di montaggio fornite dal costruttore e che al termine di tale installazione sono state effettuate con esito positivo tutte le verifiche prescritte dalle norme armonizzate EN81.2 e dalle istruzioni di controllo fornite dal/i costruttore /i degli elementi che costituiscono l impianto. L ascensore può essere messo in servizio ed utilizzato solo se è stata apposta la marcatura CE all interno della cabina e se è accompagnato da Dichiarazione CE di Conformità redatta e sottoscritta dall installatore. La mancata osservanza delle istruzioni contenute in questo libretto può comportare pericolo o funzionamento insoddisfacente. L ascensore è fornito alle condizioni di garanzia in vigore alla data dell acquisto. L ascensore non contiene parti su cui intervenire; intervento, modifica o manomissione dell ascensore renderà nulla la garanzia. Nel complesso, il costruttore delle parti dell ascensore e l installatore non sono responsabili per danni derivanti da eventuali difetti di funzionamento causati dal mancato rispetto di quanto indicato in questo libretto. L ascensore è stato progettato per trasportare passeggeri e cose all interno di un edificio, per portare carichi fino alla portata massima consentita, per viaggiare alla velocità specificata in condizioni di traffico nominale. In caso di sovraccarico 5

6 l ascensore rimarrà fuori servizio fino a che la condizione di carico normale non verrà ristabilita. Si declina e qualsiasi responsabilità, anche nei riguardi di terzi, per e qualsiasi evento o conseguenza dannosi provocati dall ascensore o dal suo uso, qualora siano conseguenti ad interventi o modifiche non effettuati dall installatore o da manutentore competente, ad un uso improprio, con conforme alle specifiche o per scopi diversi da quelli per cui è stato progettato, a manomissioni dell impianto da chiunque effettuate o a qualsiasi altra azione o fatto non attribuibili all installatore od al manutentore competente. La manutenzione deve essere effettuata da una ditta di manutenzione specializzata nel modo indicato dall installatore. Qualsiasi modifica e sostituzione di parti deve essere registrata nell opportuna sezione del presente manuale. Solo pezzi di ricambio originali possono garantire piena sicurezza e funzionalità. Prima di utilizzare l ascensore è necessario leggere con attenzione e comprendere le istruzioni contenute in questo libretto ed osservarle in circostanza. 6

7 2. DEFINIZIONI (ALLA LUCE DEL DPR 162 DEL 30 APRILE 1999) INSTALLATORE DELL ASCENSORE Persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione, dell installazione e della commercializzazione dell ascensore, che lo mette cioè per la prima volta a disposizione dell utente, che appone la marcatura CE e redige la dichiarazione CE di conformità. PROPRIETARIO DELL ASCENSORE Il proprietario o il legale rappresentante è la persona fisica o giuridica che detiene la piena proprietà dell ascensore e che è responsabile del suo uso secondo le modalità previste. VERIFICA ISPETTIVA Sorveglianza svolta periodicamente dall organismo notifica per assicurare che l installatore mantenga e utilizzi il sistema di qualità. DIRETTIVA ASCENSORI La direttiva ascensori (95/16/CE) è la legge europea, che gli Stati membri hanno recepito nel loro ordinamento legislativo, facendola così diventare legge nazionale e che: - fissa i requisiti essenziali di sicurezza e di salute relativi alla progettazione e alla costruzione degli ascensori e dei componenti di sicurezza degli ascensori; - determina le procedure da soddisfare per la messa in esercizio degli ascensori. MANUTENZIONE S intende per manutenzione il complesso delle operazioni (controlli, lubrificazione, pulizia, ecc.) tali da garantire il funzionamento corretto e sicuro dell ascensore e dei suoi componenti, una volta messo in servizio. La manutenzione include in particolare le operazioni di soccorso dei passeggeri, di messa a punto e regolazione, di riparazione o sostituzione, per usura o accidentale distruzione, di componenti che non interessano le caratteristiche fondamentali dell ascensore. Si ricorda che non sono invece intese come operazioni di manutenzione: - la sostituzione dei componenti principali dell ascensore (macchinario, cabina, quadro di manovra) anche se con componenti identici; - la sostituzione/modernizzazione dell ascensore. 7

8 SOCIETÀ DI MANUTENZIONE Ditta a cui è attribuita la responsabilità dell effettuazione delle operazioni di manutenzione e che ha a propria disposizione personale in possesso di certificato di abilitazione o una ditta specializzata ovvero un operatore comunitario dotato di specializzazione equivalente. La società di manutenzione: osserva regolamenti vigenti in materia di manutenzione ascensori; effettua un analisi dei rischi in base alle istruzioni fornite dal costruttore del materiale installato e dal proprietario dell ascensore; deve operare a mezzo di personale abilitato; deve fornire un servizio di assistenza 24 ore su 24 ed essere in grado di intervenire nel più breve tempo possibile, dando priorità assoluta al soccorso delle persone; deve redigere un piano di manutenzione periodica programmata, adeguato alle caratteristiche e utilizzo dell ascensore. PERSONALE DI MANUTENZIONE COMPETENTE Il personale di manutenzione s intende competente quando ha ricevuto un adeguata istruzione teorica e pratica, possiede esperienza in operazioni di manutenzione, è in grado di valutare le reali condizioni dell ascensore per un suo funzionamento corretto e sicuro. La società di manutenzione deve è responsabile di aggiornare con continuità la competenza del personale di manutenzione. EMERGENZA E una situazione anormale in cui le persone necessitano di assistenza dall esterno. GUASTO E una situazione in cui il sicuro utilizzo dell ascensore per l uso previsto è limitato o impossibile. RIPARAZIONE Sostituzione o riparazione di componenti difettosi e/o consumati. ORGANISMO NOTIFICATO Si tratta di un ente indipendente riconosciuto da uno degli Stati Membri, ai sensi di quanto previsto dalla Direttiva Ascensori. Gli organismi notificati in pratica sono organismi di controllo delle procedure previste dalla Direttiva Ascensori per la messa in servizio degli impianti. 8

9 NORME ARMONIZZATE Sono disposizioni di carattere tecnico adottate dagli organismi di normazione europea, che vengono poi trasposte in una norma nazionale. MANUTENZIONE PREVENTIVA Tutte le misure che si rendano necessarie per garantire un funzionamento sicuro e corretto dell ascensore. COMPONENTI DI SICUREZZA Componenti definiti tali nella Direttiva CE in materia di ascensori: 95/16/CE Appendice IV. 3. DOVERI DEL PROPRIETARIO 9

10 Nella trattazione che segue, si abbrevierà proprietario dell ascensore o suo legale rappresentante con il termine proprietario. Il proprietario ha l obbligo di conservare la documentazione dell ascensore in buono stato e aggiornata. La documentazione deve essere conservata in luogo sicuro dove possa essere consultata in qualsiasi momento. Il proprietario dell ascensore ha inoltre la responsabilità che: venga messo a disposizione dell utente e dunque in servizio l ascensore solo quando esso è munito della marcatura CE all interno della cabina e accompagnato dalla dichiarazione CE di conformità redatta e siglata dall installatore; venga firmato un contratto di manutenzione con una ditta specializzata prima che l ascensore entri in servizio ordinario; deve provvedere affinché le condizioni dell ascensore nel tempo si mantengano uguali a quelle della messa in servizio dell impianto; l impiego dell ascensore sia limitato alla funzione per cui è stato predisposto; deve garantire al personale di manutenzione le vie di accesso ai locali riservati all ascensore; che le vie per la ventilazione all interno del locale macchina o nella zona del macchinario non vengano ostruite in alcun modo; deve garantire che le chiavi per i locali di servizio (locale del macchinario, delle eventuali porte e botole di emergenza) siano a pronta disposizione della ditta manutentrice; deve assicurarsi che l impianto venga messo fuori servizio in caso di pericolo; deve controllare che la ditta manutentrice abbia redatto un piano di manutenzione periodica; deve assicurarsi che la ditta manutentrice rediga un registro dove vengano annotati i vari guasti e gli interventi; deve garantire l accesso da parte della ditta manutentrice all ascensore per il soccorso; deve verificare che in cabina sia presente e ben visibile il nome, l indirizzo e il numero telefonico del manutentore; che i locali collegati all ascensore, come il vano e i pianerottoli, non vengano utilizzati per altri scopi (deposito, ecc.); deve comunicare immediatamente anomalia o mal funzionamento dell ascensore al manutentore che provvederà a ripristinare il buon funzionamento dell impianto; 10

11 deve verificare e informare la ditta manutentrice di variazione alla configurazione del fabbricato e delle vie di accesso all ascensore e ai locali ad esso pertinenti; deve assicurarsi che avvenga la visita periodica con cadenza biennale da parte dell ASL o organismo notificato e che in cabina sia esposta la targa di tale ente, o organismo notificato; qualora la visita periodica dia esito sfavorevole è obbligato a comunicare all ufficio comunale tale evento e, dopo aver fatto rimuovere le cause che hanno determinato l esito negativo della verifica, a richiedere la verifica straordinaria alla A.S.L. o ad organismo notificato; deve richiedere la verifica straordinaria in caso di trasformazione e modifiche riguardanti, cambiamento di velocità, cambiamento della portata, cambiamento della corsa, cambiamento del tipo di azionamento quali quello idraulico o elettrico, sostituzione del macchinario, della cabina con la sua intelaiatura, del quadro elettrico, delle porte di piano, del gruppo cilindrico - pistone, delle difese del vano e di altri componenti principali; deve, in caso di incidenti di notevole importanza anche se non seguiti da infortunio, comunicare tempestivamente al competente ufficio comunale che dispone l immediato fermo dell impianto, il quale verrà rimesso in funzione solo dopo verifica straordinaria con esito positivo; può autorizzare personale non abilitato ma istruito dalla ditta manutentrice per quanto riguarda: pulizia di parti esterne dell ascensore, pulizia delle parti interne della cabina, messa in servizio o fuori servizio dell ascensore, operazioni di soccorso; 4. DOCUMENTAZIONE DI BASE 4.1 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO Le caratteristiche fondamentali dell impianto sono riportate in : 11

12 Allegato RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO Allegato DISEGNO PIANTA E VANO CORSA Gli elementi fondamentali che caratterizzano l ascensore sono i seguenti : Cabina costituta da fondo, pareti laterali, tetto, e porte, dotata di illuminazione interna e ventilazione naturale in conformità alle norme vigenti (EN81 armonizzate). Porte di piano e di cabina; Sistemi di comando dell ascensore in corrispondenza di accesso di piano; Sistema di comando dell ascensore collocato all interno della cabina; Azionamento oleodinamico tramite pistone comandato da centralina, o argano collocati in apposito locale. Quadro di manovra collocato nello stesso locale della centralina o argano, insieme anche al quadretto contenente gli interruttori di forza motrice e luce ( cabina, vano, locale ). 4.2 REGISTRO Il proprietario dell ascensore deve assicurare che il Registro sia al sicuro e tenuto a disposizione per tutta la durata dell ascensore. Il registro è in allegato al presente manuale. 4.3 DOCUMENTAZIONE TECNICA I disegni di lay-out, la relazione tecnica, gli schemi elettrici ed eventualmente quelli idraulici, vengono forniti con l ascensore per assicurare alle persone autorizzate informazioni sufficienti che permettano di intervenire sull impianto in modo sicuro. E ESTREMAMENTE PERICOLOSO PERMETTERE A PERSONE NON AUTORIZZATE DI ESEGUIRE QUALUNQUE TIPO DI INTERVENTO SULL ASCENSORE DISEGNI DI LAY-OUT DELL ASCENSORE Vedi allegato ATTESTATO DI CONFORMITA DELLE FUNI Vedi allegato SCHEMI ELETTRICI 12

13 Vedi allegati SCHEMI IDRAULICI Vedi allegati. 5. ISTRUZIONI PER IL FUNZIONAMENTO NORMALE La sezione fornisce istruzioni e suggerimenti sulle modalità di funzionamento dell ascensore, si consiglia di mettere a disposizione a tutti gli utilizzatori le informazioni relative a questa sezione. 5.1 DESCRIZIONE DELL INSTALLAZIONE DESCRIZIONE DELL INSTALLAZIONE L olio sotto pressione scorre all interno di una tubazione (tubo flessibile) fino al cilindro, nella corsa in salita il pistone è spinto dall olio sotto pressione, mentre nella corsa di discesa il carico sul pistone spinge l olio verso la centralina. Fino ad una determinata lunghezza il pistone viene consegnato in unico corpo e pronto per essere installato; al disopra di tale lunghezza, il pistone è consegnato in due pezzi o più pezzi che devono essere uniti fra loro all interno del vano. La spinta del pistone può essere trasferita alla cabina in due modi: DIRETTAMENTE o INDIRETTAMENTE (attraverso un sistema di funi) :nel primo caso la velocità della cabina è la stessa di quella del pistone, nel secondo caso la velocità della cabina e doppia rispetto a quella del pistone. Nel caso in cui la cabina non si fermi perfettamente livellata al piano, entra in funzione il dispositivo di livellamento per riportarla in posizione DISPOSITIVI DI SICUREZZA Il dispositivo di sicurezza a paracadute sulla cabina frena la cabina se questa scende a velocità eccessiva a causa di allentamento o rottura funi. Gli ammortizzatori frenano la cabina in caso questa finisca a fondo corsa nella parte inferiore del vano. L ascensore è dotato di porte di piano e di cabina automatiche. La serratura delle porte impedisce a queste di aprirsi durante la corsa fino a che l impianto non è fermo al piano. La valvola di blocco sul pistone impedisce la discesa incontrollata della cabina in caso di rottura delle tubazioni. 5.2 NORME PER L USO SICURO DELL ASCENSORE 13

14 L ascensore è fra i mezzi di trasporto più sicuri, ma come tutti gli altri richiede responsabilità e buon senso da parte di chi lo utilizza. Un suo uso intelligente migliorerà significativamente le prestazioni e la durata dell ascensore. Di seguito sono indicati alcuni punti chiave che devono essere tenuti in considerazione NORME GENERALI Non usare mai l ascensore in caso d incendio, di allagamento dell edificio o di terremoto. Non usare mai l ascensore per scopi diversi da quelli per i quali è stato predisposto. Non sovraccaricare la cabina, osservare scrupolosamente i limiti di carico indicati nella targa apposta all interno dell ascensore. La portata dell ascensore è chiaramente indicata nella cabina sia come numero massimo di passeggeri, sia come carico in chilogrammi che è in grado di trasportare. Non superare mai i limiti indicati. Non forzare le porte in caso di apertura dell ascensore. Non usare l ascensore se manca l illuminazione in cabina, in questo caso, mettere l impianto fuori servizio e chiamare la ditta di manutenzione. Se si nota qualcosa di insolito, come eccessivo rumore, vibrazioni, fumo durante l utilizzo dell ascensore, mettere l impianto fuori servizio e riferire immediatamente alla ditta di manutenzione. Se si nota un cattivo funzionamento in una parte qualsiasi dell ascensore (illuminazione, ventilazione, livellamento o controlli) riferire immediatamente alla ditta di manutenzione. Tenersi a distanza dalle porte di piano e di cabina per evitare che le dita o gli abiti rimangano imprigionati nel movimento delle porte. Non arrampicarsi mai sul tetto della cabina. Assicurare scrupolosamente i carichi per evitare che questi si muovano, blocchino o interferiscono con le porte. Si prega di posizionare gli oggetti piccoli in contenitori sicuri per il trasporto. Nel caso in cui una cabina sia rifinita con pannelli di vetro o a specchio, prestare attenzione qualora si utilizzano carrelli o si trasportino oggetti ingombranti nell ascensore. Le persone che non sono in grado di utilizzare da sole l ascensore ed i bambini di età inferiore ai 12 anni devono essere accompagnate da una persona che le assista. 14

15 Durante la corsa i passeggeri non devono effettuare movimenti eccessivi, salti, o dondolamenti, in quanto questi potrebbero interferire coi sistemi di sicurezza dell ascensore. Non lavare mai la cabina o altre parti dell ascensore a meno che la cabina e gli impianti elettrici non siano di tipo speciale resistente all acqua. Per pulire la cabina utilizzare un panno umido e asciugare completamente. Assicurarsi che l accesso al locale macchine o al macchinario sia mantenuto sempre libero. Istruzioni operative per mettere l impianto fuori servizio 1) Recuperare le chiavi di accesso al locale macchine o al macchinario. 2) Accertarsi che non ci siano passeggeri all interno della cabina. 3) Portare la cabina al piano più basso, se possibile. 4) Staccare l interruttore generale presente nel locale macchine. 5) Prelevare i cartelli di fuori servizio dal locale macchine e attaccarne uno ad piano servito dall ascensore. 6) Chiamare con urgenza la ditta di manutenzione ACCESSO AL LOCALE MACCHINE E AL QUADRO DI MANOVRA L accesso al locale macchiane ed al quadro di manovra deve essere permesso esclusivamente al personale autorizzato. L intrusione di persone non autorizzate deve essere evitata tenendo chiuse a chiave le zone a rischio. Le chiavi devono essere tenute in un posto sicuro dove siano facilmente reperibili in caso di emergenza o di interventi della ditta di manutenzione. L accesso, inoltre deve essere il più possibile sicuro qualsiasi modifica e situazione di pericolo deve essere riferita immediatamente alla ditta di manutenzione SURRISCALDAMENTO Nei casi in cui - la temperatura ambiente del locale macchinario supera i 40 - la temperatura di un apparecchio elettrico, munito di dispositivo di monitoraggio della temperatura, supera quella di progetto e l ascensore non dovrebbe continuare a funzionare; la temperatura del fluido idraulico supera il valore di scatto del termostato relativo, la cabina si ferma ad un piano in modo che i passeggeri possono uscire da essa. Il ritorno automatico in servizio normale dell ascensore avviene dopo un sufficiente raffreddamento CARICO E SCARICO SICURO DELLA CABINA 15

16 In rari casi la cabina può fermarsi leggermente al di sotto o al di sopra del livello del piano, fare attenzione al gradino che si può presentare. Se il gradino è eccessivo è necessario avvertire la ditta di manutenzione. Non usare carrelli con ruote toppo piccole, perché potrebbero rimanere incastrate nella fessura tra le soglie della cabina del piano o nelle guide della soglia. Particolare attenzione deve essere prestata alla fessura tra la soglia della cabina e del piano, affinché nessun oggetto (bastoni, tacchi, ecc.) rimangano incastrati o cadano nel vano. E proibito l utilizzo di carrelli a forche per caricare e scaricare merci nella cabina se non previsto dall uso specifico dell ascensore. I pianerottoli non devono essere mai ostruiti da ostacoli, per evitare pericoli in fase di entrata e di uscita dei passeggeri PRECAUZIONI DA PRENDERE NEL CASO DI VANO PARZIALMENTE RECINTATO. Dove sono presenti dei muri di recinzione parziale (costruiti secondo le norme EN81/97, par. 5,2,1.2) è vietato gettare o inserire oggetti che compromettano il funzionamento sicuro dell ascensore SITUAZIONI CHE RICHIEDONO L INTERVENTO DI UN MANUTENTORE COMPETENTE Oltre agli interventi di manutenzione periodica regolare (vedi allegato istruzioni di manutenzione), è necessario richiedere l intervento di manutentore competente nei casi seguenti: Blocco dell impianto; Guasto; Funzionamento non efficiente (es. salto di piani, fermate non precise ai piani, non intervento del sistema di ripescaggio, mancata risposta ad alcuni comandi, ecc.); Anomalie ritenute non normali (es. vibrazioni sensibili, rumore considerevole, ecc.); Usura o mancato funzionamento di alcuni dispositivi (es. illuminazione normale della cabina, illuminazione d emergenza, segnalazioni varie, sistema di ritorno al piano in emergenza, ecc.); Qualsiasi altra ragione per cui il proprietario dell ascensore (eventualmente su comunicazione degli altri utenti) lo ritenga necessario; 16

17 Avvisare la società di manutenzione anche in caso di fermo provvisorio dell impianto, a causa di surriscaldamento della temperatura ambiente del locale del macchinario ( o di un apparecchio elettrico) SITUAZIONI CHE RICHIEDONO L INTERVENTO DI UN MANUTENTORE COMPETENTE Deve essere sempre garantita la possibilità di accedere ai piani serviti dall ascensore, di fronte alle porte dello stesso. In caso, infatti, per quanto riguarda le operazioni di manutenzione dagli accessi di piano, le operazioni di soccorso dalle porte di piano e per quanto riguarda la possibilità che una persona resti intrappolata in un locale dopo aver raggiunto detto locale con l ascensore, è responsabilità del proprietario dell impianto, tramite anche l organizzazione dell edificio, assicurare l adozione ed il mantenimento delle misure necessarie, nel rispetto di altra legge e regolamento. La zona del piano antistante le porte di piano deve essere normalmente occupata solo dalle persone che intendono utilizzare l ascensore. Deve essere garantita una superficie libera almeno pari alla dimensioni della cabina. Nel caso di ascensori per disabili deve essere garantita una superficie superiore SISTEMA DI ALLARME In caso di assoluta necessità (normalmente per blocco della cabina dell ascensore tra due piani), premere il pulsante d allarme collocato sulla bottoniera di cabina; si tratta del pulsante giallo con il simbolo di una campana. Si attiverà la procedura di soccorso o telesoccorso (sistema bidirezionale) COMANDI, SEGNALAZIONI, DISPOSITIVI VARI AI PIANI Si presenta di seguito una serie di informazioni utili per un corretto utilizzo dell impianto e per la comprensione dei dispositivi e delle indicazioni messe a disposizione degli utenti. Si distinguono comandi e segnalazioni di serie, comunque presenti sull ascensore, per obbligo normativo e/o scelta di politica aziendale del costruttore, da comandi e segnalazioni opzionali, presenti su richiesta del cliente in fase di acquisizione dell ordine dell impianto. Il pannello presente ad piano servito dall ascensore è chiamato Bottoniera di Piano. Nella bottoniera sono presenti i seguenti componenti: PULSANTE DI CHIAMATA AL PIANO Pulsante premuto dal passeggero per richiedere il servizio dell ascensore. Una luce, solitamente interna al pulsante stesso, si illumina per segnalare al passeggero che la richiesta di servizio è stata registrata dall ascensore. Negli impianti più comuni è presente un solo pulsante di chiamata al piano, mentre negli impianti a prenotazione sono presenti 17

18 uno o due pulsanti di prenotazione, (in genere) quello con la freccia verso il basso serve per prenotare una corsa in discesa, quello con la freccia verso l alto per prenotare una corsa in salita. Ai piani possono anche essere presenti delle segnalazioni che indicano la direzione della corsa in atto di ascensore e il numero del piano in cui è posizionata la cabina. SEGNALAZIONE DI ALLARME Si accende per segnalare che il pulsante di allarme in cabina è stato premuto. SEGNALAZIONE CABINA IN ARRIVO (OPTIONAL) Se accesa indica che la cabina sta arrivando al piano. SEGNALAZIONE FUORI SERVIZIO (OPTIONAL) Se accesa indica che l impianto è stato messo fuori servizio. INTERRUTTORE A CHIAVE (OPTIONAL) Interruttore attivabile solo dal personale in possesso della chiave. SEGNALAZIONE NUMERO PIANO (OPTIONAL) Segnala il piano a cui è presente l ascensore COMANDI, SEGNALAZIONI, DISPOSITIVI VARI IN CABINA All interno di cabina sono presenti i pulsanti per effettuare una chiamata di cabina. Questo è il termine usato per descrivere l azione del passeggero che seleziona il piano di destinazione. Una luce, solitamente interna al pulsante stesso, si illumina per segnalare al passeggero che la richiesta di servizio è stata registrata dall ascensore. Il pannello dove sono montati i pulsanti è detto bottoniera di cabina questa può contenere anche altri componenti sotto descritti. In cabina sono inoltre presenti le segnalazioni di direzione della corsa e il numero del piano in cui è posizionata (Segnalazioni in cabina). E inoltre presente un segnale sonoro che avverte i passeggeri dell arrivo al piano. PULSANTE DI ALLARME Se premuto trasmette un segnale di allarme acustico per avvertire che i passeggeri all interno della cabina dell ascensore necessitano di assistenza e permette la comunicazione tra loro e i soccorritori attraverso l interfono. Se si tiene premuto ininterrottamente per 30 secondi viene attivata anche la comunicazione con un centro di soccorso esterno. Deve essere usato solo in casi o di emergenza. INTERFONO 18

19 Mette la cabina in comunicazione con il locale macchine ed eventualmente con un centro di soccorso esterno. SEGNALAZIONE DI ALLARME RICEVUTO Si accende quando chi sente l allarme suonato in cabina si porta sul logo dove sono posti i macchinari e solleva, il citofono o preme il pulsante di allarme ricevuto. PULSANTE APRE PORTE (OPTIONAL) Quando la cabina è ferma ad un piano a porte chiuse, il pulsante provoca l apertura delle porte, a patto che la corsa non sia già iniziata. INTERRUTTORE A CHIAVE (OPTIONAL) Interruttore attivabile solo dal personale in possesso della chiave. SEGNALAZIONE NUMERO PIANO (OPTIONAL) Segnala il piano a cui è presente l ascensore. SEGNALAZIONE DI SOVRACCARICO Si accende in caso di sovraccarico in cabina ed è spesso accompagnato da un segnale acustico. L ascensore rimane bloccato finché non vengono eliminate le condizioni di sovraccarico. 5.3 ASPETTI AMBIENTALI Il proprietario dell edificio è responsabile dello smaltimento a norma di Legge delle parti e dei materiali sostituiti durante riparazioni od ammodernamento dell impianto, con particolare riferimento a lubrificanti ed oli. Il proprietario può assolvere a tali compiti accordandosi con l organizzazione. 5.4 CONTRATTO CON UNA DITTA DI MANUTENZIONE La ditta a cui si affida la manutenzione dell ascensore deve garantire l assistenza, rispondere a chiamate in caso di guasto, effettuare riparazioni ed ammodernamenti utilizzando solo ricambi originali. La manutenzione dell ascensore deve prevedere, da parte della ditta di manutenzione, almeno le attività riportate nell Allegato Istruzioni per la Manutenzione Ascensore Idraulico. 5.5 CHIAMARE L ASSISTENZA Prima di chiamare la ditta di manutenzione è necessario: 1) Verificare in N Impianto dell ascensore riportato nella bottoniera all interno della cabina, sul cartello di manutenzione al piano terra e sulla porta del locale macchine o in prossimità del macchinario; 2) Controllare l eventuale presenza di passeggeri intrappolati in cabina; 19

20 3) Verificare che le porte di piano e di cabina non siano ostacolate e che le fotocellule sulle porte siano libere; 4) Essere a conoscenza del tipo di mal funzionamento. E inoltre necessario riferire il nome del chiamante all operatore della ditta di manutenzione, o suo delegato. AVVERTENZE In caso di intrappolamento all interno della cabina, rimanere tranquilli in attesa che venga data risposta all invio dell allarme. La cabina dell ascensore è dotata di ventilazione naturale, ed è quindi sempre garantita un adeguata aerazione al suo interno. I pulsanti devono essere premuti una sola volta ed istantaneamente per inviare il comando corrispondente non è assolutamente necessario mantenere premuto il pulsante in maniera continua o sottoporlo a più pressioni una dietro l altra. Quando gli utenti (e/o delle merci) entrano in cabina, può accadere che il fondo della stessa si abbassi rispetto al livello del piano; ciò è del tutto normale, essendo dovuto a ragioni intrinseche della fisica dell impianto; inoltre, se l abbassamento è considerevole, entra in azione un sistema di ripescaggio che riporta con precisione il fondo della cabina al livello del piano. Quando gli utenti (e/o delle merci) escono dalla cabina, può accadere che il fondo della stessa si alzi rispetto al livello del piano; ciò è del tutto normale, essendo dovuto a ragioni intrinseche della fisica dell impianto; inoltre, se l innalzamento è considerevole, entra i azione un sistema di ripescaggio, che riporta con precisione il fondo della cabina al livello del piano. Evitare di trasportare animali domestici, o comunque impedire loro movimenti incontrollati all interno della cabina. Se si trasportano liquidi, essi devono essere contenuti in recipienti ben chiusi. Se si trasportano oggetti voluminosi, appoggiarli possibilmente sul pavimento della cabina, in modo da permettere di mantenere una posizione stabile durante il funzionamento dell impianto. 20

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli ISTRUZIONI PER L USO F17PB07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli ISTRUZIONI PER L USO F17PB07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli F17PB07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto F17PA07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE

ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE QUESTO MANUALE DEVE ESSERE A DISPOSIZIONE DEGLI UTENTI DELL ASCENSORE E CONSERVATO IN LUOGO SICURO, NOTO AL RESPONSABILE DELL ELEVATORE, PER TUTTA LA VITA DELL IMPIANTO.

Dettagli

Istruzioni per l'uso dell'ascensore. DPR 30prile 1999, n. 162. Allegato I, comma 6.2. A) - Prescrizioni della direttiva

Istruzioni per l'uso dell'ascensore. DPR 30prile 1999, n. 162. Allegato I, comma 6.2. A) - Prescrizioni della direttiva Istruzioni per l'uso dell'ascensore DPR 30prile 1999, n. 162 Allegato I, comma 6.2 A) - Prescrizioni della direttiva Estratto delle prescrizioni del Decreto 162/99 Ogni ascensore deve essere accompagnato

Dettagli

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Edificio 03 Scuola elementare Barbusi Quadro sinottico delle attività Mese di Giugno Anno 2015

Dettagli

I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO

I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO Passo dopo passo, le fasi dell intervento d emergenza quando si verifica l arresto dell impianto di risalita. Dott. Ing. Maurizio Alivernini - Comandante provinciale

Dettagli

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Ascensoristi 1INDICE DELLE SCHEDE 1 2 3 4 5 6 7 8 Possibile apertura porta, con cabina non al piano Assenza del dispositivo contro la velocità

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.] Le check-list riportate di seguito riassumono,

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA REGISTRO D IMPIANTO Allegato 4 Gennaio 2014 SCHEDA TECNICA

Dettagli

Capitolo 10 VERIFICHE PERIODICHE

Capitolo 10 VERIFICHE PERIODICHE Capitolo 10 VERIFICHE PERIODICHE Moris Italia s.r.l. Via Per Cadrezzate, 21/C 21020 Brebbia (VA) Italy Tel. ++39 0332 984211 Fax ++39 0332 984280 e mail moris@moris.it www.moris.it MORIS ITALIA S.r.l.

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DENOMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL

LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DENOMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DEMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL ASCENSORI DA CANTIERE Ascensori installati temporaneamente, destinati all utilizzo da parte di persone a cui

Dettagli

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche N Opera oggetto di manutenzione Risorse necessarie per l intervento manutentivo Livello minimo delle prestazioni Anomalie riscontrabili personale comune

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14)

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) ON n. 1791 VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) 99999 precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli

Dettagli

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Installazione e messa in esercizio GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Un ascensore deve essere progettato ed installato conformemente alle disposizioni della Direttiva ascensori 95/16/CE e del DPR 162/99,

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale di lavoro autonomo per l espletamento promemoria VERBALE PROVE SCALE MOBILI IDENTIFICAZIONE Scala Mobile situata presso N matricola

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO

MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO Split 460 MINI FRANTUMATORE PER MATERIALI INERTI MANUALE D USO BMG sas - GAETANO GOBBI & C - Via Conche, 34 36026 Pojana Maggiore (VI) info@bmgmixer.it - Tel. 0444 896648 - Fax. 0444 797182 1 Sommario

Dettagli

Manuale Uso e Manutenzione

Manuale Uso e Manutenzione Manuale Uso e Manutenzione SOLLEVATORE BIBRACCIO BBI-BBO-BBV-BBC Brevettato Ed. 10.10.2013 1 MARIANI Srl Via Aldo Moro 25, 46020 PEGOGNAGA (MN) Copyright: MARIANI Srl Pubblicato in data: 10 Ottobre 2013

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DI ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Emanato con D.R. Rep. n. 16022/2010 prot. n. 7682 del 26/05/2010. Entrato in vigore l'11/06/2010. Regolamento

Dettagli

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA BWT SOLAR PUMPE Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI

Dettagli

GUIDA UNAC N. 11 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 11 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 11 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2* *

Dettagli

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013)

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla sicurezza degli ascensori (Ordinanza sugli ascensori) 819.13 del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 capoverso 1 della legge federale

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Gru Serie CT - CTT City - CTT Manutenzione Generale 1 MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DELLA MACCHINA 1.1 GENERALITA 1.2 REQUISITI PER LA MANUTENZIONE DELLA GRU 1.3 PRECAUZIONI DI SICUREZZA 1.4 GRUPPI SOGGETTI

Dettagli

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di Capoterrra Provincia di Cagliari FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Legge 81/2008 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: Fornitura e montaggio di ascensore interno alla casa padronale in località Su

Dettagli

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO A FUNE

ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO A FUNE ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO A FUNE QUESTO MANUALE DEE ESSERE A DISPOSIZIONE DEGLI ADDETTI ALLA MANUTENZIONE DELL ASCENSORE E CONSERATO IN LUOGO SICURO, NOTO AL RESPONSABILE DELL ELEATORE,

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE ITALIANO

ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE ITALIANO ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE ITALIANO 2 AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Attenzione! L apparecchio non puo essere utilizzato da bambini. L apparecchio puo essere utilizzato da persone adulte e solo dopo avere

Dettagli

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE 7 Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00 ~ ~ CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70 Cod. 252.117.00 INDICE Paragrafo ISTRUZIONI PER L'ISTALLATORE 1 Rispondenza alle direttive CEE 1.1 Schemi di installazione 1.2 Schemi

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 Cap. XII IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 12.2 OPERE COMPIUTE I prezzi comprendono fornitura dei materiali, trasporto in cantiere, prestazioni di tecnico specializzato montatore; gli accessori ed il fissaggio

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT

CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT N Reg 22334 RS 819.13 Allegato 9 CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT Con queste poche righe e con l aiuto di qualche illustrazione vogliamo attirare la sua attenzione nella complessa realtà del suo impianto

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO

FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO COMMESSA N.: AAAA IMPIANTO N.: AAAA N 2 Colonne guide tipo complete Fornitore Monteferro Tipo T 82/A (82,5 x 68,25 x 9mm) Lunghezza cad. colonna 25 m Composte complessivamente

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Spett.le Amministrazione... CONTRATTO DI MANUTENZIONE PREVENTIVA ASCENSORE

Spett.le Amministrazione... CONTRATTO DI MANUTENZIONE PREVENTIVA ASCENSORE NOVA EMILIA LIFT Parma, 07/03/11 Spett.le Amministrazione La presente per confermarvi, nei termini e alle condizioni sotto indicate, il Servizio di Manutenzione Preventiva del seguente impianto: Indirizzo:

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

QUADRI DI BASSA TENSIONE MANUALE PER LA MESSA IN OPERA, L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE

QUADRI DI BASSA TENSIONE MANUALE PER LA MESSA IN OPERA, L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE 1 Febbraio 2005 Rev. 2 QUADRI DI BASSA TENSIONE MANUALE PER LA MESSA IN OPERA, L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE 1 INDICE 1- Istruzione per la messa in opera 1.1 Ispezione al ricevimento.3 1.2 Immagazzinamento

Dettagli

Pala gommata : macchina dai molteplici usi

Pala gommata : macchina dai molteplici usi Pala gommata : macchina dai molteplici usi di Salvatore ESPOSITO e Giuseppe GRECO Esperti in materia di Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro. I molteplici usi della macchina Tipi di infortuni che possono

Dettagli

INDICE MANUALE ! ATTENZIONE

INDICE MANUALE ! ATTENZIONE PIATTAFORMA IDRAULICA UNIKA MANUALE DI USO E MANUTENZIONE INDICE MANUALE 1) dati di identificazione macchina e costruttore pag. 03 2) servizio assistenza pag. 03 3) descrizione della macchina pag. 04 4)

Dettagli

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Da consegnare ai collaboratori scolastici perché segnino l intervento delle ditte esterne che sarà poi riportato sul registro antincendio SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Scuola ESTINTORI PORTATILI ESTINTORI

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

BOX DOCCIA IDROMASSAGGIO

BOX DOCCIA IDROMASSAGGIO LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE BOX DOCCIA IDROMASSAGGIO Note importanti: L installazione deve eseguita da personale qualificato, la ditta importatrice declina ogni responsabilità in merito

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

S.p.A. VASCA AUTOMATICA. art. 165 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE MANUALE PEZZI DI RICAMBIO L1651IS001

S.p.A. VASCA AUTOMATICA. art. 165 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE MANUALE PEZZI DI RICAMBIO L1651IS001 S.p.A. VASCA AUTOMATICA I T A L I A N O art. 165 ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE MANUALE PEZZI DI RICAMBIO L1651IS001 I T A L I A N O Prima dell utilizzo applicare sulla macchina le targhette

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Espresso 3000 - Cod. M0S04159 - Edizione 1H10

Espresso 3000 - Cod. M0S04159 - Edizione 1H10 10 2 3 6 4 5 15 8 7 9 14 16 11 12 1 13 18 17 19 20 Espresso 3000 - Cod. M0S04159 - Edizione 1H10 ITALIANO Espresso 3000 1) Interruttore generale 2) Spia ON: macchina accesa 3) Spia mancanza acqua 4) Interruttore

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO GRUPPO IDRAULICO per SOLAR SYSTEM (COD. A00.650053)

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO GRUPPO IDRAULICO per SOLAR SYSTEM (COD. A00.650053) DATA: 07.11.08 PAG: 1 DI: 12 Il Gruppo idraulico racchiude tutti gli elementi idraulici necessari al funzionamento del circuito solare (circolatore, valvola di sicurezza a 6 bar, misuratore e regolatore

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

Istruzioni d uso Stazione di filtrazione

Istruzioni d uso Stazione di filtrazione Stazione di filtrazione Costruttore: deconta GmbH Im Geer 20, 46419 Isselburg N del tipo.: 406 N di serie.:... Indice 1 Indicazioni fondamentali per la sicurezza 3 pagina 2 Descrizione tecnica 4 2.1 Modo

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE 1 PIANO DI MANUTENZIONE rete fognaria Il presente Piano di Manutenzione della rete fognaria è stato redatto ai sensi dell art. 16, comma 5 (Attività di Progettazione) della Legge 109/94 e successive modifiche

Dettagli

ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE

ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE VIBRATORI PNEUMATICI VBD 35 VBD 45 VBD 55 VBD 75 09.06 INDICE 1. DESCRIZIONE pag. 3 2. INFORMAZIONI DI SICUREZZA pag. 4 2.1 Rischi dovuti al rumore pag. 4 2.2 Modalità operative

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 INTRODUZIONE Pagina 1 In applicazione del D.lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III, art. 69 che definisce le attrezzature di lavoro: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente titolo si intende per:

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

SEQUENZA PER LA DOCUMENTAZIONE DELLA CONFORMITÀ AI REQUISITI ESSENZIALI DELL'AUTOMAZIONE

SEQUENZA PER LA DOCUMENTAZIONE DELLA CONFORMITÀ AI REQUISITI ESSENZIALI DELL'AUTOMAZIONE N. Doc.: Timbro Installatore versione 2.0-01/08 Valutazione redatta in conformità alla vigente Direttiva Macchine 98/37/CE 2006/42/CE - 98/79/CE Punti/Azioni SEQUENZA PER LA DOCUMENTAZIONE DELLA CONFORMITÀ

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori FAQ Le domande più frequenti... sugli ascensori 1. Cosa devono appurare le verifiche periodiche? Le verifiche periodiche sono dirette ad accertare se le parti dalle quali dipende la sicurezza di esercizio

Dettagli

ITALIANO Espresso 2000

ITALIANO Espresso 2000 9 2 3 6 4 5 12 7 8 11 13 10 1 15 16 17 14 ITALIANO Espresso 2000 1) Interruttore generale 2) Spia ON: macchina accesa 3) Spia mancanza acqua 4) Interruttore erogazione caffè 5) Interruttore preparazione

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI Pagina 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 ITER DI CERTIFICAZIONE... 2 2.1 Richiesta di certificazione e presentazione della domanda... 2 2.2 Obblighi da parte del richiedente... 2 2.3 Documentazione

Dettagli

INDICE MANUALE ATTENZIONE

INDICE MANUALE ATTENZIONE INDICE MANUALE 1) Dati di identificazione macchina e costruttore pag. 2 2) Servizio assistenza pag. 2 3) Descrizione della macchina pag. 3 4) Caratteristiche tecniche pag. 5 5) Usi previsti e non previsti

Dettagli

CONTRATTO "A" - ABBONAMENTO ALLA MANUTENZIONE PREVENTIVA ORDINARIA

CONTRATTO A - ABBONAMENTO ALLA MANUTENZIONE PREVENTIVA ORDINARIA M 7.2.1.7.a "CONTRATTO DI MANUTENZIONE" - Ed. 4 del 25/08/08 pag. 1/4 GOODS & PASSENGER LIFTS Parma, 04/06/2010 Spett.le Amministrazione AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 29001 N. 1 SQ 0627-IT

Dettagli

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE GUIDA PRATICA DI SICUREZZA PER OPERATORI ADIBITI ALLA GUIDA DEI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI NORME PER LA GESTIONE DEI CARRELLI PREMESSA Il presente opuscolo ha lo scopo di indicare ai carrellisti

Dettagli

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17 PREMESSA MANUALE D USO QUADRO ELETTRICO E LINEE DI DISTRIBUZIONE TERMINALI : PRESE IMPIANTI RILEVAZIONE E ALLARME INCENDIO IMPIANTO TELEFONICO IMPIANTO DI MESSA A TERRA UPS GRUPPO DI CONTINUITA IMPIANTO

Dettagli

Manuale per l'utente

Manuale per l'utente per i gruppi industriali di apparecchi con molle di torsione Indice Manuale per l'utente 1 Generale 3 1.1 Simboli e/o segnali di avviso 3 1.2 Nozioni e pericoli 4 1.3 Obbligazioni dell'utente finale 5

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che

Dettagli

CAB 0029; 0030; 0031

CAB 0029; 0030; 0031 CAB 0029; 0030; 0031 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 3 II. III. IV. SCHEMI ELETTRICI........ 1. Schema elettrico AC 3-N-400 50/60 Hz.. 2. Schema elettrico AC 3-230 50/60 Hz.. 3. Schema elettrico

Dettagli

DE Bedienungsanleitung GB Instructions Booklet FR Mode d emploi IT Libretto Istruzioni NL Gebruiksaanwijzing ES Manual de instrucciones KD 9650.

DE Bedienungsanleitung GB Instructions Booklet FR Mode d emploi IT Libretto Istruzioni NL Gebruiksaanwijzing ES Manual de instrucciones KD 9650. DE Bedienungsanleitung GB Instructions Booklet FR Mode d emploi Libretto Istruzioni NL Gebruiksaanwijzing ES Manual de instrucciones KD 9650.0 E Gentile Signora, Caro Signore, Se seguirà con cura le raccomandazioni

Dettagli

CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC

CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI

Dettagli

"Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo."

Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo. Venerdì 02 ottobre 2015 - ore 14,00 GIS PIACENZA CONVEGNO La manutenzione e l aggiornamento dei requisiti di sicurezza: Indicazioni normative e obblighi giuridici. "Frequenze e modalità di esecuzione dei

Dettagli

Ascensore idraulico LA MYLIFT S.R.O. SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE LE PRESENTI SCHEDE SENZA DARE ALCUN PREAVVISO

Ascensore idraulico LA MYLIFT S.R.O. SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE LE PRESENTI SCHEDE SENZA DARE ALCUN PREAVVISO Ascensore idraulico ASCENSORE OLEODINAMICO INDIRETTO PORTATA - 4 PERSONE PORTE DA 0 CENTRALI VELOCITA MA 1 mt/s 4..2C.H FOSSA 1 mm TESTATA 3400 mm 1650 VANO MINIMO 1660 3400 1 0 325 0 1000 325 CARICHI

Dettagli

E-TECH W Mobile Caldaia elettrica 09 Mono 15 Tri 22 Tri. Istruzioni d installazione, uso e manutenzione

E-TECH W Mobile Caldaia elettrica 09 Mono 15 Tri 22 Tri. Istruzioni d installazione, uso e manutenzione E-TECH W Mobile Caldaia elettrica 09 Mono 15 Tri 22 Tri Istruzioni d installazione, uso e manutenzione ATTENZIONE! Eseguire accuratamente lo SFIATO DELL ARIA dell impianto secondo quanto riportato nel

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 AVVERTENZE GENERALI Il manuale d installazione, d uso e manutenzione costituisce parte integrante ed essenziale della centrale aspirante monofase e deve essere

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Istruzioni per l'uso dell'ascensore e libretto d'impianto. DPR 30prile 1999, n. 162. Allegato I, comma 6.2

Istruzioni per l'uso dell'ascensore e libretto d'impianto. DPR 30prile 1999, n. 162. Allegato I, comma 6.2 Istruzioni per l'uso dell'ascensore e libretto d'impianto DPR 30prile 1999, n. 162 Allegato I, comma 6.2 LIBRETTO DI IMPIANTO Redatto secondo la Direttiva 95/16/CE e il DPR 30 aprile 1999, n. 162 Contiene

Dettagli

PER L'USO E LA MANUTENZIONE

PER L'USO E LA MANUTENZIONE MANUALE PER L'USO E LA MANUTENZIONE DI QUADRI ELETTRICI SECONDARI DI DISTRIBUZIONE INDICE: 1) AVVERTENZE 2) CARATTERISTICHE TECNICHE 3) INSTALLAZIONE 4) ACCESSO AL QUADRO 5) MESSA IN SERVIZIO 6) OPERAZIONI

Dettagli

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE BOX DOCCIA IDROMASSAGGIO

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE BOX DOCCIA IDROMASSAGGIO LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE BOX DOCCIA IDROMASSAGGIO Note importanti: L installazione deve eseguita da personale qualificato, la ditta importatrice declina ogni responsabilità in merito

Dettagli

Renault Clio II 1.2 16V Motore benzina D4F 712 (00 06) Difetto: spia iniezione accesa e funzionamento al minimo irregolare, causa valvole bruciate.

Renault Clio II 1.2 16V Motore benzina D4F 712 (00 06) Difetto: spia iniezione accesa e funzionamento al minimo irregolare, causa valvole bruciate. Renault Clio II 1.2 16V Motore benzina D4F 712 (00 06) Difetto: spia iniezione accesa e funzionamento al minimo irregolare, causa valvole bruciate. Soluzione: sostituzione valvole. Note: La vettura di

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli