VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14)"

Transcript

1 ON n VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt ) precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC. Costruttore e n. di fabbricazione Numero di matricola Proprietario Codice impianto Sono ammesse solo copie integrali per presente verbale. La descrizione delle prove effettuate è descritta nella procedura PC040. Indirizzo Località e Comune Prov. ascensore asc. inclinato montascale montacarichi piattaforma elevatrice DPR 268/94 DM 587/87 DPR 1497/63 + DM 1635/79 D.L. 600/45 Reg. 23/06/27 DPR 162/99 Certificato tipo/modello/sq Analisi dei rischi Volume di rifugio (RES 2.2) UNI EN 81-1/ 2/ 21/ Ed. 1999, 2005, 2008, 2010 Ditta incaricata della manutenzione Denominato Portata (kg) Fermate V o V m (m/s) V d (m/s) Corsa (m) D.Lgs 17/2010 DPR 459/96 pre DPR 459/96 elettrico ( 1:1; 2:1; :1) idraulico ( 1:1; 1:2; 1: ) pantografo - argano agganciato Le eventuali Non Conformità dovranno essere eliminate prontamente (DPR 162/99, art e 15.6). Il verbale di verifica deve essere conservato assieme al libretto a cura del proprietario (DPR 162/99, art. 16). Le Non Conformità contrassegnate con il testo NCC, ovvero Non Conformità critiche, comportano l esito negativo della verifica e dovranno essere rimosse tutte per ottenere un successivo verbale con esito positivo. G amm Dislivello mm al piano Le Non Conformità precedenti sono state ottemperate? Si - No - Si, parzialmente - Prima verifica - Precedente verbale non disponibile Il Verbale, comprensivo degli eventuali Rapporti di prova, può essere considerato definitivo solo a seguito del Riesame eseguito dalla Direzione Tecnica e verrà trasmesso direttamente al proprietario. Questa copia è un documento provvisorio. I riferimenti agli strumenti di misura sono riportati nel verbale definitivo. Eventuali Non Conformità e Note (vedere a tergo le Non Conformità codificate) L Ispettore (timbro e firma) CERTIFICAZIONI S.R.L. L impianto può essere mantenuto in esercizio? Via 1 Maggio, 86/C SI; NO, l esito verrà comunicato al Imola BO competente ufficio comunale Tel Fax MC108rev07 del 13/01/2014 Copia azzurra per CERTIFICAZIONI - copia rosa per il Proprietario - copia verde per il Manutentore segue Pag. 1 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

2 ON n VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt ) precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC. Costruttore e n. di fabbricazione Numero di matricola Proprietario Codice impianto Sono ammesse solo copie integrali per presente verbale. La descrizione delle prove effettuate è descritta nella procedura PC040. Indirizzo Località e Comune Prov. ascensore asc. inclinato montascale montacarichi piattaforma elevatrice DPR 268/94 DM 587/87 DPR 1497/63 + DM 1635/79 D.L. 600/45 Reg. 23/06/27 DPR 162/99 Certificato tipo/modello/sq Analisi dei rischi Volume di rifugio (RES 2.2) UNI EN 81-1/ 2/ 21/ Ed. 1999, 2005, 2008, 2010 Ditta incaricata della manutenzione Denominato Portata (kg) Fermate V o V m (m/s) V d (m/s) Corsa (m) D.Lgs 17/2010 DPR 459/96 pre DPR 459/96 elettrico ( 1:1; 2:1; :1) idraulico ( 1:1; 1:2; 1: ) pantografo - argano agganciato Le Non Conformità precedenti sono state ottemperate? Si - No - Si, parzialmente - Prima verifica - Precedente verbale non disponibile Logo ed identificativo dell Organismo notificato (il numero 1791 permette di controllare la validità della notifica sul sito dell EU: ON n VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt ) precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive Identificazione e data della verifica Tipo di verifica ispettiva e relativi estremi di legge Tipologia della verifica straordinaria effettuata (può essere effettuat auna scelta multipla) Logo dell Ente Unico nazionale di accreditamento; l accreditamento è indispensabile per ottenere la notifica da parte dell UE PRD n 0138B Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Estremi identificativi dell accreditamento conscesso a CERTIFICAZIONI (è possibile controllare validità ed estensione dell accreditamento sul sito Numero univoco identificativo del modulo di verbale Pag. 2 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

3 ON n VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt ) precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC. Costruttore e n. di fabbricazione Numero di matricola Proprietario Codice impianto Sono ammesse solo copie integrali per presente verbale. La descrizione delle prove effettuate è descritta nella procedura PC040. Indirizzo Località e Comune Prov. ascensore asc. inclinato montascale montacarichi piattaforma elevatrice DPR 268/94 DM 587/87 DPR 1497/63 + DM 1635/79 D.L. 600/45 Reg. 23/06/27 DPR 162/99 Certificato tipo/modello/sq Analisi dei rischi Volume di rifugio (RES 2.2) UNI EN 81-1/ 2/ 21/ Ed. 1999, 2005, 2008, 2010 Ditta incaricata della manutenzione Denominato Portata (kg) Fermate V o V m (m/s) V d (m/s) Corsa (m) D.Lgs 17/2010 DPR 459/96 pre DPR 459/96 elettrico ( 1:1; 2:1; :1) idraulico ( 1:1; 1:2; 1: ) pantografo - argano agganciato Le Non Conformità precedenti sono state ottemperate? Si - No - Si, parzialmente - Prima verifica - Precedente verbale non disponibile Numero di matricola Proprietario Codice impianto Indirizzo Località e Comune Ditta incaricata della manutenzione Denominato Portata (kg) Fermate V o Vm (m/s) Vd (m/s) Corsa (m) ascensore asc. inclinato montascale montacarichi piattaforma elevatrice DPR 268/94 DM 587/87 DPR 1497/63 + DM 1635/79 D.L. 600/45 Reg. 23/06/27 DPR 162/99 Certificato tipo/modello/sq Analisi dei rischi Volume di rifugio (RES 2.2) UNI EN 81-1/ 2/ 21/ Ed. 1999, 2005, 2008, 2010 D.Lgs 17/2010 DPR 459/96 pre DPR 459/96 Numero di matricola assegnato dal comune competente per territorio ad evasione della inviata dal proprietario al comune Proprietario dell impianto oggetto dell attività ispettiva Codice univoco identificativo dell impianto assegnato da CERTIFICAZIONI Indirizzo di installazione dell impianto Località e/o comune di installazione dell impianto Ditta responsabile della manutenzione dell impianto Identificativo dell impianto assegnato dal proprietario e/o dal manutentore Portata nominale dell impianto Numero di piani ai quali si ferma l ascensore (può essere differente dal numero di servizi ovvero del numero complessivo di porte) Velocità nominale dell impianto o velocità nominale in salita (solo per ascensore idraulico) Velocità nominale in discesa (solo per ascensore idraulico) Corsa dell impianto (in caso di ascensore inclinato e montascale non coincide con l altezza verticale fra le fermate estreme) Definizione della tipologia dell impianto Legislazione pregressa per l installazione degli ascensori Legislazione vigente per l installazione degli ascensori, completa di riferimenti normativi applicati per la precisa definizione della normativa applicabile Legislazione vigente e pregressa per l installazione di piattaforme elevatrici per disabili, montacarichi e montascale (completa di riferimenti normativi applicati) elettrico ( 1:1; 2:1; :1) Azionamento elettrico e relativo rapporto di taglia idraulico ( 1:1; 1:2; 1: ) Azionamento idraulico e relativo rapporto di taglia pantografo - argano agganciato Definizione di tipologie particolari di azionamento Pag. 3 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

4 Le eventuali Non Conformità dovranno essere eliminate prontamente (DPR 162/99, art e 15.6). Il verbale di verifica deve essere conservato assieme al libretto a cura del proprietario (DPR 162/99, art. 16). Le Non Conformità contrassegnate con il testo NCC, ovvero Non Conformità critiche, comportano l esito negativo della verifica e dovranno essere rimosse tutte per ottenere un successivo verbale con esito positivo. G amm Dislivello mm al piano G amm Registrazione dei Controlli effettuati sulla documentazione durante la verifica Registrazione dei controlli effettuati per l accesso al locale del macchinario ed all interno del locale del macchinario Registrazione dei controlli effettuati sui circuiti elettrici Misura del gioco dell argano; la registrazione di marca, modello, numero dei principi della vite senza fine e numero dei denti della corona permette di confrontare l usura misurata con il gioco ammesso dal costruttore dell argano. Registrazione dei controlli effettuati sul funzionamento dei dispositivi di Protezione contro l eccesso di velocità in salita e di Protezione contro il movimento incontrollato della cabina Pag. 4 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

5 Le eventuali Non Conformità dovranno essere eliminate prontamente (DPR 162/99, art e 15.6). Il verbale di verifica deve essere conservato assieme al libretto a cura del proprietario (DPR 162/99, art. 16). Le Non Conformità contrassegnate con il testo NCC, ovvero Non Conformità critiche, comportano l esito negativo della verifica e dovranno essere rimosse tutte per ottenere un successivo verbale con esito positivo. G amm Dislivello mm al piano Dislivello mm al piano Il confronto fra il diametro reale ed il diametro ammissibile delle funi di sospensione consente una valutazione dell usura complessiva delle funi. Registrazione dei controlli effettuati sulle apparecchiature idrauliche: presenza dello schema idraulico, pressione statica massima prevista dal progetto, presenza di manometro, saracinesca di mandata, valore di apertura della valvola di sovrappressione, anno di prova e stato della tubazione flessibile Il limitatore di velocità controlla la velocità della cabina e, in caso di necessità, aziona il paracadute che blocca la cabina prima che la velocità della cina diventi eccessiva. Registrazione dei controlli effettuati in cabina: Allarme e teleallarme (tipo e localizzazione del centro di soccorso),, registrazione della misura di Illuminamento in cabina, presenza e funzionamento della luce emergenza, misura e registrazione della precisione di arresto ad un piano ed identificazione del pino in cui la misura è stata effettuata, esecuzione di una Corsa completa per valutare il funzionamento delle varie apparecchiature), presenza e correttezza della Marcatura CE, della targa matricola e di Vetri e specchi I controlli effettuati sulla cabina sono finalizzati al controllo Pag. 5 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

6 Le eventuali Non Conformità dovranno essere eliminate prontamente (DPR 162/99, art e 15.6). Il verbale di verifica deve essere conservato assieme al libretto a cura del proprietario (DPR 162/99, art. 16). Le Non Conformità contrassegnate con il testo NCC, ovvero Non Conformità critiche, comportano l esito negativo della verifica e dovranno essere rimosse tutte per ottenere un successivo verbale con esito positivo. G amm Dislivello mm al piano Registrazione dei principali controlli effettuati all interno del vano di corsa: funzionamento dei dispositivi di blocco e delle guide inferiori delle porte di piano, funzionamento della bottoniera di manutenzione Registrazione dei controlli effettuati nella fossa: stato della fossa (asciutta od allagata), prova dei (stop, ammortizzatori, tenditore delle funi di compenso, Tenditore del limitatore, ecc.) Registrazione dei controlli effettuati all esterno del vano di corsa: Indicatori e Pulsanti di piano posti in aree accessibili, misura e registrazione della Forza delle porte automatiche e del piano presso il quale è stata misurata, stato dell interruttore di Sgancio di emergenza dell alimentazione del motore Registrazione dei controlli effettuati nel locale delle pulegge di rinvio Registrazione dei controlli specifici per le piattaforme elevatrici per disabili Registrazione dei controlli specifici per le montascale Pag. 6 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

7 TESTI VERTICALI Sono ammesse solo copie integrali per presente verbale. La descrizione delle prove effettuate è descritta nella procedura PC040. Le eventuali Non Conformità dovranno essere eliminate prontamente (DPR 162/99, art e 15.6). Il verbale di verifica deve essere conservato assieme al libretto a cura del proprietario (DPR 162/99, art. 16). Le Non Conformità contrassegnate con il testo NCC, ovvero Non Conformità critiche, comportano l esito negativo della verifica e dovranno essere rimosse tutte per ottenere un successivo verbale con esito positivo. Il Verbale, comprensivo degli eventuali Rapporti di prova, può essere considerato definitivo solo a seguito del Riesame eseguito dalla Direzione Tecnica e verrà trasmesso direttamente al proprietario. Questa copia è un documento provvisorio. I riferimenti agli strumenti di misura sono riportati nel verbale definitivo. Informazioni sulle modalità di realizzazione di copie ed riferimento alle procedure del Sistema di Qualità aziendale Indicazioni sulle modalità di rimozione delle Non Conformità, sulla conservazione del verbale di verifica periodica e/o straordinaria. Informazioni sulle modalità di trattamento delle Non conformità critiche Avviso sullo stato non definitivo del verbale consegnato al termine delle Verifica ed ancora privo del Riesame della Direzione Tecnica Pag. 7 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

8 Il Verbale, comprensivo degli eventuali Rapporti di prova, può essere considerato definitivo solo a seguito del Riesame eseguito dalla Direzione Tecnica e verrà trasmesso direttamente al proprietario. Questa copia è un documento provvisorio. I riferimenti agli strumenti di misura sono riportati nel verbale definitivo. Eventuali Non Conformità e Note (vedere a tergo le Non Conformità codificate) L Ispettore (timbro e firma) CERTIFICAZIONI S.R.L. L impianto può essere mantenuto in esercizio? Via 1 Maggio, 86/C SI; NO, l esito verrà comunicato al Imola BO competente ufficio comunale Tel Fax MC108rev07 del 13/01/2014 Copia azzurra per CERTIFICAZIONI - copia rosa per il Proprietario - copia verde per il Manutentore segue Eventuali Non Conformità e Note (vedere a tergo le Non Conformità codificate) CERTIFICAZIONI S.R.L. Via 1 Maggio, 86/C Imola BO Tel Fax MC108rev07 del 13/01/2014 L impianto può essere mantenuto in esercizio? SI; NO, l esito verrà comunicato al competente ufficio comunale L Ispettore (timbro e firma) segue Area riservata alla registrazione di Non Conformità e Note Identificazione dell Organismo notificato responsabile della verifica Riferimenti per Informazioni relative al verbale Identificazione del modello del documento Registrazione dell esito della verifica Identificazione dell Ingegnere che ha effettuato la verifica con timbro professionale e firma Indicatore che in verbale prosegue sul foglio successivo (identificato dal numero di verbale Pag. 8 (8) file 108MCrev07 verbale VP+VS p123 testi per sito p06.docx

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Installazione e messa in esercizio GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Un ascensore deve essere progettato ed installato conformemente alle disposizioni della Direttiva ascensori 95/16/CE e del DPR 162/99,

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Titolo: Elevatori per il superamento di barriere architettoniche Ing. David Rossi, Ceteco Elevatori per il superamento di barriere architettoniche Possibili soluzioni Ascensori Apparecchio che collega

Dettagli

Regolamento Generale RG 02 Regolamento per l esecuzione delle verifiche periodiche e straordinarie di ascensori e montacarichi

Regolamento Generale RG 02 Regolamento per l esecuzione delle verifiche periodiche e straordinarie di ascensori e montacarichi INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 RIFERIMENTI NORMATIVI 4 TERMINI E DEFINIZIONI 5 MODALITA OPERATIVE 5.1 Attivazione ed effettuazione del servizio 5.2 Gestione delle anagrafiche e delle commesse

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI Pagina 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 ITER DI CERTIFICAZIONE... 2 2.1 Richiesta di certificazione e presentazione della domanda... 2 2.2 Obblighi da parte del richiedente... 2 2.3 Documentazione

Dettagli

ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI

ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI Progettazione installazione, collaudo e manutenzione II edizione di GIACOMO GUERRIERO INDICE GENERALE Presentazione...11 CAPITOLO 1 PRINCIPALI

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT

CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT N Reg 22334 RS 819.13 Allegato 9 CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT Con queste poche righe e con l aiuto di qualche illustrazione vogliamo attirare la sua attenzione nella complessa realtà del suo impianto

Dettagli

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale.

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale. Riiepiillogo delllla normatiiva speciifiica per ii Montascalle e lle Piiattaforme ellevatriicii LEGGE 13/89 La prima legge italiana emessa riguardante specificatamente l abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Ascensoristi 1INDICE DELLE SCHEDE 1 2 3 4 5 6 7 8 Possibile apertura porta, con cabina non al piano Assenza del dispositivo contro la velocità

Dettagli

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale di lavoro autonomo per l espletamento promemoria VERBALE PROVE SCALE MOBILI IDENTIFICAZIONE Scala Mobile situata presso N matricola

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE

ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE QUESTO MANUALE DEVE ESSERE A DISPOSIZIONE DEGLI UTENTI DELL ASCENSORE E CONSERVATO IN LUOGO SICURO, NOTO AL RESPONSABILE DELL ELEVATORE, PER TUTTA LA VITA DELL IMPIANTO.

Dettagli

Istruzione Operativa

Istruzione Operativa Redazione Verifica Coordinatori del Gruppo di lavoro: Alessandro Negri Responsabile Unità Operativa Semplice Sollevamento, Gruppo di lavoro: Alberto Fava, Piergiorgio Paggi, Franco Zanardi Firma Alfonso

Dettagli

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli 2012 GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli ISBN: 978-88-7431-620-5 2012 a cura di Pasquale Petrella

Dettagli

Le Piattaforme elevatrici!

Le Piattaforme elevatrici! Le Piattaforme elevatrici Milo Patruno Ascensori www.miloascensori.it info@miloascensori.it INDICE Prefazione 4 La piattaforma elevatrice 4 Introduzione 4 La legislazione 4 Le caratteristiche del prodotto

Dettagli

Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070.

Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070. INTRODUZIONE Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070. Le installazioni di ascensori interessate e l'estensione con la quale sono trattati i pericoli, le situazioni

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

RG02 REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE

RG02 REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE redatto da Responsabile Assicurazione Qualità Scotellaro Patrizia verificato da Direttore Tecnico Dott. Ing. Andrea G. Lonati approvato da Amministratore Unico Peretti Tiziana REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE

Dettagli

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL REGOLAMENTO CERT.IM. SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 5.1 Controlli per marcature CE e certificazione

Dettagli

Regolamento per Valutazione Conformità Ascensori (secondo 95/16/CE modificata da 2006/42/CE nonché DPR 162/99 e s.m.i.)

Regolamento per Valutazione Conformità Ascensori (secondo 95/16/CE modificata da 2006/42/CE nonché DPR 162/99 e s.m.i.) Regolamento per Valutazione Conformità Ascensori (secondo 95/16/CE modificata da 2006/42/CE nonché DPR 162/99 e s.m.i.) In vigore dal 28/08/2015 RINA Services S.p.A. Società coordinata dal Socio unico

Dettagli

In vigore dal 28/02/2015

In vigore dal 28/02/2015 Regolamento per la Valutazione della Conformità di Ascensori secondo la Direttiva 95/16/CE (come modificata da Direttiva 2006/42/CE) e DPR 162/99 (e s. m. i.) In vigore dal 28/02/2015 RINA Services S.p.A.

Dettagli

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013)

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla sicurezza degli ascensori (Ordinanza sugli ascensori) 819.13 del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 capoverso 1 della legge federale

Dettagli

dislivelli Per superare

dislivelli Per superare Per superare dislivelli Soluzioni ad hoc per ogni necessità con costi, vincoli installativi e di portata diversi. Ideali per l eliminazione delle barriere architettoniche Antonella Pirovano Le diverse

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per lo sviluppo produttivo e per la competitivita'

IL DIRETTORE GENERALE per lo sviluppo produttivo e per la competitivita' Decreto Ministeriale del 16/01/2006 Regole per il miglioramento della sicurezza degli ascensori per passeggeri e degli ascensori per merci esistenti: UNI EN 81-80 Gazzetta Ufficiale 02/02/2006 n. 27 IL

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999

MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999 MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999 1 LE OPERAZIONI DI MANUTENZIONE A SEGUITO RIPORTATE FANNO RIFERIMENTO A MATERIALI

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009

Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009 Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009 Ing. Paolo Tattoli ISPESL Presidente della Commissione Ascensori del UNI Pubblicato sulla G.U. N 189

Dettagli

UFFICIO TECNICO OMOLOGAZIONI E VERIFICHE U.T.O.V.

UFFICIO TECNICO OMOLOGAZIONI E VERIFICHE U.T.O.V. Pagina 1 UFFICIO TECNICO OMOLOGAZIONI E VERIFICHE U.T.O.V. Oggetto: Disciplina tecnico amministrativa degli impianti di ascensore e montacarichi. A) IL CAPO I 1. AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 1) PARTE I

Dettagli

Regolamento esterno per la certificazione di prodotto di ascensori

Regolamento esterno per la certificazione di prodotto di ascensori Procedura CERTIFICAZIONI PC012rev03 CE - 03/09/2015 - Pagina 1 (11) Regolamento esterno per la certificazione di prodotto di ascensori Elenco delle principali modifiche rispetto alla precedente revisione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Regolamento esterno per le attività ispettive disciplinate dal DPR 162/99

Regolamento esterno per le attività ispettive disciplinate dal DPR 162/99 CE - 10/06/2014 - Pagina 1 (17) Regolamento esterno per le attività ispettive disciplinate dal DPR 162/99 Elenco delle principali modifiche rispetto alla precedente revisione Rev. Data Descrizione 02 10/06/2014

Dettagli

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 Cap. XII IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 12.2 OPERE COMPIUTE I prezzi comprendono fornitura dei materiali, trasporto in cantiere, prestazioni di tecnico specializzato montatore; gli accessori ed il fissaggio

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA REGISTRO D IMPIANTO Allegato 4 Gennaio 2014 SCHEDA TECNICA

Dettagli

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02 Pag. 1 di 8 REGOLAMENTO ESECUZIONE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE ASCENSORI Revisione N. Data MOTIVAZIONE 00 10/12/2012 Prima emissione 01 15/11/2013 Aggiornamenti in seguito ad esame documentale

Dettagli

RC 01. CERTAT s.r.l.

RC 01. CERTAT s.r.l. RC 01 Società CERTAT s.r.l. n identificazione n. 1752 TERNI Via Mentana, 50 Revisioni Data Emissione Approvazione 0 19 aprile 2012 RSQ AU 1 01 febbraio 2013 RSQ AU 2 28 novembre 2013 RSQ AU INDICE 1. Scopo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE TABELLA DELLE REVISIONI Rev. Par. Pag. Data Sintesi modifica 0 / / 2009-10-09 Prima emissione 1 1, 3, 5 3, 4, 5 2010-10-12 Eliminato

Dettagli

REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA RG-K

REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA RG-K REGOLAMENTO CERTIIFIICAZIIONE DIIRETTIIVA ASCENSORII Rev. Data Descrizione della Modifica Elaborato Verificato Approvato 00 14/10/13 Riedizione del Sistema 01 10/10/14 Aggiunto capitolo 16 Pagina 1 di

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni Pag 1di 11 Stato delle Revisioni Rev. N o par. N o Pag. N o Motivo Data 0 Prima emissione 10/03/2012 1 Adeguamenti richiesti da Accredia 09/11/2012 2 Ulteriori adeguamenti richiesti da Accredia 02/05/2013

Dettagli

SCHEMA CESI-ISPEZIONI

SCHEMA CESI-ISPEZIONI Pagina 1 di 6 SCHEMA CESI-ISPEZIONI ISPEZIONI DI TIPO A REGOLAMENTO Documento approvato dal Comitato Tecnico per la Certificazione del CESI (CTC) nella riunione del 23 Novembre 2006 [D042.02-CTC(Segr)]

Dettagli

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 06 09/12/2013 7 emissione Per. Ind. Mattia Ing. Alberto G. Lipani Miraglia 05 12/08/2013 6 emissione Per. Ind. Mattia Ing Giuseppe Morello Ing.

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto F17PA07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U85000451 Modifiche ad ascensori elettrici preesistenti Modification of existing electric lifts ORGANO COMPETENTE Impianti di ascensori, montacarichi, scale mobili

Dettagli

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587.

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. Attuazione delle direttive n. 84/529/CEE e n. 86/312/CEE relative agli ascensori elettrici. Pubblicato nella Gazz.Uff. 25 marzo 1988, n. 71, S.O. IL MINISTRO PER IL COORDINAMENTO

Dettagli

Ascensori, piattaforme e montacarichi

Ascensori, piattaforme e montacarichi Marco Benvenuti Ascensori, piattaforme e montacarichi PROGETTAZIONE, CONDUZIONE E SICUREZZA Ü LA SCELTA, LA CONDUZIONE E LE RESPONSABILITÀ Ü I PRINCIPALI INTERVENTI DI AMMODERNAMENTO Ü IL MIGLIORAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI ASCENSORE. Direttiva 95/16/CE DPR 30 aprile 1999 n. 162 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI ASCENSORE. Direttiva 95/16/CE DPR 30 aprile 1999 n. 162 e s.m.i. Pag. 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DEGLI Direttiva 95/16/CE DPR 30 aprile 1999 n. 162 e s.m.i. MATRICE DELLE REVISIONI Rev. Data DESCRIZIONE delle MODIFICHE Redatto da Approvato da 00 10/12/12 Nuova emissione

Dettagli

VERIFICHE INDUSTRIALI S.r.l. REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE ASCENSORI

VERIFICHE INDUSTRIALI S.r.l. REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE ASCENSORI VERIFICHE INDUSTRIALI S.r.l. REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE ASCENSORI Verifiche Industriali S.r.l. Via Pattaro Buzzaccarini, 35 35124 Padova info@verifiche-industriali.com N rev. Data Modifiche Verificato

Dettagli

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. )

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) MARCA DA BOLLO Spett.le I.S.P.E.S.L. DIPARTIMENTO DI. via via cap. città Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) Il sottoscritto

Dettagli

Regolamento Verifiche Periodiche e Straordinarie ASCENSORE

Regolamento Verifiche Periodiche e Straordinarie ASCENSORE Regolamento COPIA N. CONSEGNATA A DATA Revisione N. Data Descrizione Redazione Approvazione REV. 1 Adeguamento Reg.01 Accredia RDQ AMM. UNICO REV. 0 30/09/2014 Prima emissione RDQ AMM. UNICO 1. SCOPO E

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento Ing. Laura Tomassini ISPESL - Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBLICA REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL D.P.R. 30 APRILE 1999, N. 162, IN PARZIALE

Dettagli

PROVINCIA di MONZA e della BRIANZA

PROVINCIA di MONZA e della BRIANZA PROVINCIA di MONZA e della BRIANZA SETTORE DEMANIO, PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA E PROTEZIONE CIVILE Piazza Diaz n. 1 Monza RELAZIONE TECNICA Lavori di manutenzione ordinaria integrale e straordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5 REGOLAMENTO VIS SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 6. Attestato finale e verbale di verifica periodica

Dettagli

LINEA DOMUS. Liberi dalle scale. DomusLift DomuStair DomusPlat

LINEA DOMUS. Liberi dalle scale. DomusLift DomuStair DomusPlat LINEA DOMUS Liberi dalle scale DomusLift DomuStair DomusPlat DOMUSLIFT L elevatore personale DomusLift è l elevatore pensato per risolvere le esigenze di mobilità verticale negli edifici pubblici e privati.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Pagina 1 di 8 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione

Dettagli

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011 Maber Costruzioni srl Seminario Tecnico co Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera Sabato 7 Maggio 2011 Scuola Edile di Reggio Emilia Maber Costruzioni srl Azienda italiana specializzata nella progettazione

Dettagli

ASCENSORI MONTACARICHI per il trasporto di cose PIATTAFORME elevatrici per disabili

ASCENSORI MONTACARICHI per il trasporto di cose PIATTAFORME elevatrici per disabili Dicembre 2010 ASCENSORI MONTACARICHI per il trasporto di cose PIATTAFORME elevatrici per disabili Guida alla compilazione delle comunicazioni per l esercizio Il proprietario dello stabile o il suo legale

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra Utente ed indirizzo di fatturazione Spett.le e Ditta manutentrice Via F.lli Bandiera n 12 20016 Pero Tel. 02/3390.285-Fax.02/3390.651 E -mail:

Dettagli

Sistemi di controllo idraulici ed elettronici garantiscono un maggior comfort di marcia ed un preciso livellamento ai piani della cabina.

Sistemi di controllo idraulici ed elettronici garantiscono un maggior comfort di marcia ed un preciso livellamento ai piani della cabina. MINIASCENSORE DE 07 ACCESSIBILITÀ E SOLUZIONI Quando i vincoli di un edifi cio non consentono l installazione di un tradizionale ascensore e quando la necessità di abbattere le barriere architettoniche

Dettagli

CONTRATTO "A" - ABBONAMENTO ALLA MANUTENZIONE PREVENTIVA ORDINARIA

CONTRATTO A - ABBONAMENTO ALLA MANUTENZIONE PREVENTIVA ORDINARIA M 7.2.1.7.a "CONTRATTO DI MANUTENZIONE" - Ed. 4 del 25/08/08 pag. 1/4 GOODS & PASSENGER LIFTS Parma, 04/06/2010 Spett.le Amministrazione AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 29001 N. 1 SQ 0627-IT

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VALUTAZIONI DI CONFORMITÀ E LE ISPEZIONI DI VERIFICA

REGOLAMENTO PER LE VALUTAZIONI DI CONFORMITÀ E LE ISPEZIONI DI VERIFICA REGOLAMENTO PER LE VALUTAZIONI DI CONFORMITÀ E LE ISPEZIONI DI VERIFICA 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questa sezione definisce il regolamento adottato dalla O.M.N.I.A. S.r.l. per le valutazioni di conformità

Dettagli

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA NOTA INFORMATIVA Con l entrata in vigore del D.L.gs 81/08 e sue e SMI sono cambiate le norme di riferimento e l organo di vigilanza sulla sicurezza di diverse macchine agricole. In particolare i carri

Dettagli

Requisiti. per. la trasformazione e l'ammodernamento. degli impianti ascensori. secondo. l'ordinanza sulla sicurezza degli. ascensori RS 819.

Requisiti. per. la trasformazione e l'ammodernamento. degli impianti ascensori. secondo. l'ordinanza sulla sicurezza degli. ascensori RS 819. Requisiti per la trasformazione e l'ammodernamento degli impianti ascensori secondo l'ordinanza sulla sicurezza degli ascensori RS 819.13 e la SN EN 81-80 (SNEL) Nota: Il riferimento normativo del presente

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA IMPIANTO ASCENSORE

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA IMPIANTO ASCENSORE AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO COMMISSIONE PER LA REGOLAZIONE DEL MERCATO CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA IMPIANTO ASCENSORE Pagina 1 di 9 CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA IMPIANTO ASCENSORE TRA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16 ANA REPV BBLICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA ITALI CAPITOLO 16 IMPIANTI ASCENSORI MONTACARICHI MONTALETTIGHE

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

COMUNE DI VOLLA (Provincia di Napoli) Via Aldo Moro n 1 c.a.p. 80040

COMUNE DI VOLLA (Provincia di Napoli) Via Aldo Moro n 1 c.a.p. 80040 COMUNE DI VOLLA (Provincia di Napoli) Via Aldo Moro n 1 c.a.p. 80040 UFFICIO TECNICO LAVORI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ASCENSORE COMUNALI PER ANNI UNO (2015-2016) PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO

FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO COMMESSA N.: AAAA IMPIANTO N.: AAAA N 2 Colonne guide tipo complete Fornitore Monteferro Tipo T 82/A (82,5 x 68,25 x 9mm) Lunghezza cad. colonna 25 m Composte complessivamente

Dettagli

TABELLA. ANALISI DEL RISCHIO relativa agli argomenti trattati nel D.P.R. 547/55 TITOLO V CAPO III Ascensori e Montacarichi

TABELLA. ANALISI DEL RISCHIO relativa agli argomenti trattati nel D.P.R. 547/55 TITOLO V CAPO III Ascensori e Montacarichi DPR TABELLA ANALISI DEL RISCHIO relativa agli argomenti trattati nel D.P.R. TITOLO V CAPO III Ascensori e Montacarichi ATTREZZATURE AZIONATE MEDIANTE PIGNONE E CREMAGLIERA INSTALLATE TEMPORANEAMENTE NEI

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di Lavoro (DL) degli obblighi a suo carico, ai sensi del decreto legislativo

Dettagli

L ascensore innovativo, sicuro ed affidabile. Tanto risparmio di energia in poco spazio

L ascensore innovativo, sicuro ed affidabile. Tanto risparmio di energia in poco spazio L ascensore innovativo, sicuro ed affidabile Tanto risparmio di energia in poco spazio SICUREZZA CONFORTEVOLE Chiamata di soccorso In conformità alla Direttiva Ascensori 95/16 CE e alla norma EN 81-28,

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI. Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI. Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 SOMMARIO CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI Pag. 1 di 17 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 RIFERIMENTI... 2 2 PROCESSO DI EROGAZIONE... 3 2.1 PREMESSA... 3 2.1.1 Certificazione... 3 2.1.2 Ispezione...

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

ATTESTATO DI ESAME PER LA CERTIFICAZIONE CE (Allegato V Direttiva 95/16/CE) 001/14

ATTESTATO DI ESAME PER LA CERTIFICAZIONE CE (Allegato V Direttiva 95/16/CE) 001/14 ATTESTATO DI ESAME PER LA CERTIFICAZIONE CE (Allegato V Direttiva 95/16/CE) 001/14 La sottoscritta CERTAT s.r.l. con unico socio avente sede in Terni - Via Mentana, 50, Organismo notificato dal Ministero

Dettagli

Comune di Cammarata Provincia di Agrigento

Comune di Cammarata Provincia di Agrigento Comune di Cammarata Provincia di Agrigento UFFICIO TECNICO - Area Urbanistica REGOLAMENTO ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Adempimenti connessi all'applicazione del Decreto del Presidente

Dettagli

Regolamento Attività di Verifica Periodica e Straordinaria su Ascensori,Montacarichi e Piattaforme Elevatrici - DPR 162/99 DPR 214/10

Regolamento Attività di Verifica Periodica e Straordinaria su Ascensori,Montacarichi e Piattaforme Elevatrici - DPR 162/99 DPR 214/10 Regolamento Attività di Verifica Periodica e Straordinaria su Ascensori,Montacarichi e Piattaforme Elevatrici - DPR 162/99 DPR 214/10 COPIA CONTROLLATA N COPIA NON CONTROLLATA INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco Schede Tecniche...4 Sezione

Dettagli

Programma Save. Programma SAVE. Ascensori senza locale macchina

Programma Save. Programma SAVE. Ascensori senza locale macchina Programma Save Programma SAVE Ascensori senza locale macchina IGV progetta e produce ascensori e componenti dal 1966 mettendo il cliente al centro della propria missione. Passione e competenza degli uomini

Dettagli

Guida Alla Progettazione

Guida Alla Progettazione Guida Alla Progettazione GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Indice SCOPO DELLA GUIDA ALLA PROGETTAZIONE...2 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA...2 CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA GUIDA...3 RIFERIMENTI LEGISLATIVI...3 ELENCO

Dettagli

ALLEGATO III. Elenco prezzi. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria

ALLEGATO III. Elenco prezzi. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria S.C. Gestione Patrimonio Tecnologico ed Immobiliare Direttore : Arch. Claudio Pesce Tel. 0131 20 6749/ 6902 - Fax 0131 44 45 05 1 SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI ELEVATORI DELL AZIENDA

Dettagli

- APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s)

- APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s) Aggiornato: Settembre 2011 - ASCENSORI - APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s) - MONTACARICHI per il trasporto di sole

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 11 gennaio 2010 Norme relative all'esercizio degli ascensori in servizio pubblico destinati al trasporto di persone. (GU n. 21 del 27-1-2010 ) IL

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI Provincia di Genova ORDINE DEGLI ARCHITETTI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PREVENZIONE INCENDI Ai fini dell iscrizione dei Professionisti Negli elenchi del Ministero dell Interno Di cui all art. 1 della Legge

Dettagli

SCHEDA REQUISITI AUSILI

SCHEDA REQUISITI AUSILI ALLEGATO F4) SCHEDA REQUISITI AUSILI Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

Modernizzazioni & Componenti

Modernizzazioni & Componenti Modernizzazioni & Componenti IGV dal 1966 progetta e produce ascensori e componenti mettendo il cliente al centro della propria missione. La passione e la competenza degli uomini sono da sempre il principio

Dettagli

Come funziona un ascensore: guida pratica!

Come funziona un ascensore: guida pratica! Come funziona un ascensore: guida pratica Milo Patruno Ascensori www.miloascensori.it info@miloascensori.it INDICE Prefazione 3 L ascensore 3 Introduzione 3 Tipologie di ascensori 3 L ascensore elettrico

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2 Convegno: SEMINARIO AICQ SICEV SICEP 20 maggio 2011 Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto Autore: Flavio Banfi Direttore Tecnico ITALCERT S.r.l. ITALCERT : Certificazione sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO ASCENSORI

REGOLAMENTO ASCENSORI Deliberazione della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 67 del 20/10/2005 CITTA di CANICATTI (Provincia di Agrigento) *** UFFICIO TECNICO III Direzione Gestione del Territorio

Dettagli

CALCOLO DELLA POTENZA DEI MOTORI E SCELTA DELL INVERTER PER IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO

CALCOLO DELLA POTENZA DEI MOTORI E SCELTA DELL INVERTER PER IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO CALCOLO DELLA POTENZA DEI MOTORI E SCELTA DELL INVERTER PER IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO 1 FORMULA PER IL CALCOLO DELLA POTENZA DEL MOTORE La formula utilizzata è la seguente: P()= T *v 1 * 102 ηa * ηv * ηp*

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO

I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO Passo dopo passo, le fasi dell intervento d emergenza quando si verifica l arresto dell impianto di risalita. Dott. Ing. Maurizio Alivernini - Comandante provinciale

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli