Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie"

Transcript

1 SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio 2012 Relatore: dott. ing. Sergio Festa (dirigente ingegnere dell A.S.L. VARESE) Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 2 PRINCIPALI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORMATIVE Leggi D.Lgs , n. 81 e s.m.i. (D.Lgs , n. 106) D.P.R , n. 462 D. M. 22 gennaio 2008, n. 37 Norme Tecniche Norme CEI EN e CEI - Norma CEI Norma CEI Norme CEI EN e Norme CEI di prodotto - Norme CEI EN (CEI 81-10/ ) - Norma CEI Norme CEI EN di prodotto Per gli impianti elettrici Per i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche 1

2 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 3 D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (S.O.G.U. del 30 aprile 2008, n.108) Integrato e modificato dal D.lgs. 9 agosto 2009, n. 106 (S.O.G.U. del 5 agosto 2009, n.142) Riordina e coordina in un unico testo normativo le norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 4 Gli Impianti Elettrici e i Dispositivi di Protezione contro le Scariche Atmosferiche nel D.Lgs , n. 81 e s.m.i. (D.Lgs , n. 106) TITOLO I PRINCIPI COMUNI - ART. 14. Sospensione di attività imprenditoriale Allegato I VIOLAZIONI TITOLO II LUOGHI DI LAVORO - ARTT. 63 e 64 Allegato IV REQUISITI DEI LUOGHI DI LAVORO TITOLO IV CANTIEREI TEMPORANEI E MOBILI ART. 117 Lavori in prossimità di parti attive TITOLO XI PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Articoli dal n 287 al n 297 TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Articoli dal n 80 al n 87 Allegato IX VALORI DELLE TENSIONI NOMINALI DI ESERCIZIO DELLE MACCHINE ED IMPIANTI ELETTRICI 2

3 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 5 D.Lgs , n. 81 e s.m.i. (D.Lgs , n. 106) CAPO III - IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE art. 80 Obblighi del datore di lavoro art. 81 Requisiti di sicurezza art. 82 Lavori sotto tensione art. 83 Lavori in prossimità di parti attive art. 84 Protezione dai fulmini art. 85 Protezione di edifici, impianti, strutture e attrezzature art. 86 Verifiche e controlli art. 87 Sanzioni a carico del datore di lavoro, del dirigente, del noleggiatore e del concedente in uso Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 6 D.P.R. 22 ottobre 2001, n. 462 Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi Disciplina i procedimenti di messa in esercizio e omologazione degli impianti nei luoghi di lavoro. Regolamenta le verifiche a campione, le verifiche straordinarie e le verifiche periodiche degli impianti. Individua i soggetti abilitati per l effettuazione delle verifiche. Decreto della Regione Lombardia n. H/14404 del 29 luglio 2002: Linee guida sull applicazione del D.P.R. 22 ottobre 2001, n. 462 in materia di impianti elettrici - (B.U.R.L. n. 34, S.O ). 3

4 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 7 Ai fini dell applicazione del D.P.R. 462/01 Per impianto elettrico di messa a terra si intende il sistema di protezione contro i contatti indiretti per interruzione automatica dell alimentazione. I dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche sono quelli installati a protezione di strutture per le quali è obbligatoria la realizzazione dell LPS (esterno ed interno), avendone valutata la necessità ai sensi delle norme CEI EN (CEI 81-10/ ). Per impianti elettrici pericolosi si intendono gli impianti elettrici realizzati secondo la norma CEI EN (CEI 31-33): - installati in zone classificate 0 e 1 per la presenza di gas (diversi dalle miniere) (art. 296 del D.Lgs 81/08 e s.m.i.); - installati in zone classificate 20 e 21 per la presenza di polvere combustibile (art. 296 del D.Lgs 81/08 e s.m.i.). Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 8 il D.P.R. 462/01 in sintesi CHI FA CHE COSA Impianti elettrici di messa a terra e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche INSTALLATORE 1) Esegue la prima verifica dell impianto (omologazione); 2) Rilascia la dichiarazione di conformità (ai sensi del D.M. 37/08) DATORE DI LAVORO 1) Presenta (entro 30 gg.) la dichiarazione di conformità allo sportello unico per le attività produttive, laddove attivato, o la invia all INAIL (I.S.P.E.S.L.) e all A.S.L. o A.R.P.A.; 2) Commissiona le verifiche periodiche e straordinarie all A.S.L. o ad altro soggetto abilitato; 3) Conserva i verbali con gli esiti delle verifiche e a richiesta li esibisce agli organi di vigilanza; 4) Comunica le eventuali variazioni agli impianti. A.S.L. o A.R.P.A 1) Riceve le dichiarazioni di conformità; 2) Riceve le risultanze delle prime verifiche dell INAIL (I.S.P.E.S.L.); 3) Effettua le verifiche periodiche e straordinarie su richiesta del datore di lavoro; 4) Rilascia i verbali delle verifiche. INAIL (I.S.P.E.S.L.) 1) Riceve le dichiarazioni di conformità; 2) Effettua a campione le prime verifiche degli impianti denunciati; 3) invia le risultanze delle verifiche all A.S.L. o A.R.P.A. ALTRO SOGGETTO ABILITATO 1) Effettua le verifiche periodiche e straordinarie su richiesta del datore di lavoro; 2) Rilascia i verbali delle verifiche. 4

5 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 9 il D.P.R. 462/01 in sintesi Impianti elettrici in luoghi con pericolo di esplosione CHI FA CHE COSA INSTALLATORE 1) Esegue la prima verifica dell impianto (omologazione); 2) Rilascia la dichiarazione di conformità (ai sensi del D.M. 37/08) DATORE DI LAVORO 1) Presenta (entro 30 gg.) la dichiarazione di conformità allo sportello unico per le attività produttive, laddove attivato, o la invia all INAIL (I.S.P.E.S.L.) e all A.S.L. o A.R.P.A.; 2) Commissiona le verifiche periodiche e straordinarie all A.S.L. o ad altro soggetto abilitato; 3) Conserva i verbali con gli esiti delle verifiche e a richiesta li esibisce agli organi di vigilanza; 4) Comunica le eventuali variazioni agli impianti. A.S.L. o A.R.P.A 1) Riceve le dichiarazioni di conformità; 2) Esegue l omologazione dell impianto; 3) Esegue le verifiche periodiche e straordinarie su richiesta del datore di lavoro; 4) Rilascia i verbali delle verifiche. ALTRO SOGGETTO ABILITATO 1) Effettua le verifiche periodiche e straordinarie su richiesta del datore di lavoro; 2) Rilascia i verbali delle verifiche. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 10 il D.P.R. 462/01 in sintesi PERIODICITA DELLE VERIFICHE Verifiche periodiche (art. 4 D.P.R. 462/01) Il datore di lavoro è tenuto a far sottoporre a verifiche periodiche gli impianti elettrici di messa a terra e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche ad intervalli: - di cinque anni per gli impianti installati in ambienti ordinari; - di due anni per impianti installati in cantieri, locali ad uso medico e in ambienti a maggior rischio in caso di incendio (luogo M.A.R.C.IO). Verifiche periodiche (art. 6 D.P.R. 462/01) Il datore di lavoro è tenuto a far sottoporre a verifiche periodiche gli impianti elettrici installati nei luoghi con pericolo di esplosione ad intervalli di due anni. 5

6 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 11 Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11- quaterdicies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti elettrici all interno degli edifici (G. U. n. 61 del ) Si applica a tutti gli impianti in tutti gli edifici o loro pertinenze, a partire dal punto di consegna della fornitura. Prevede la realizzazione degli impianti da parte di imprese installatrici abilitate che al termine dei lavori rilasciano la dichiarazione di conformità alla regola dell arte. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 12 Cosa attesta? La conformità dell impianto alle norme e ai requisiti essenziali di sicurezza Chi la rilascia? - Il titolare o il legale rappresentante di un impresa installatrice - Il responsabile dell ufficio tecnico interno di un impresa non installatrice Dichiarazione di conformità (DM Decreto 37/08 art. 7) Con quale modello? - Quello di cui all allegato I del DM (allegato I del Decreto 37/08 fino al ) per le imprese installatrici; - Quello di cui all allegato II del DM (allegato II del Decreto 37/08 fino al ) per le imprese non installatrici. Quali allegati? - Progetto; - Relazione con tipologia dei materiali utilizzati; - Schema di impianto realizzato; - Certificato requisiti tecnico professionali; - Attestazione di conformità per materiali o sistemi non normalizzati 6

7 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 13 Allegato I: Modello della Dichiarazione di Conformità (imprese installatrici) 1/a segue Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 14 1/b 7

8 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 15 Cosa è? È un documento che sostituisce la D. d. C., nel caso essa non sia stata prodotta o non sia più reperibile Per quali impianti? Per gli impianti che sono sprovvisti della D. d. C. realizzati fino al 27 marzo 2008 Dichiarazione di Rispondenza DM 37/08 art. 7, comma 6 Chi la rilascia? - Per gli impianti con obbligo di progetto: un professionista iscritto all albo professionale per le specifiche competenze, che ha esercitato per almeno 5 anni nel settore impiantistico cui si riferisce la dichiarazione, in esisto a sopralluoghi ed accertamenti; - Per gli impianti senza obbligo di progetto: un soggetto che ricopre, da almeno 5 anni, il ruolo di responsabile tecnico di una impresa installatrice abilitata, operante nel settore cui si riferisce la dichiarazione. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 16 Ascensori e montacarichi PRINCIPALI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORMATIVE Leggi D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 Regolamento recante norme per l attuazione della direttiva 95/16/CE sugli ascensori e di semplificazione dei procedimenti per la concessione del nulla osta per ascensori e montacarichi, nonché della relativa licenza di esercizio (Direttiva Ascensori) D.L. 27 gennaio 2010, n. 17 Attuazione della direttiva 2006/CE relativa alle macchine che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori (Direttiva Macchine) D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione della direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la Direttiva 96/16/CE relativa agli ascensori Norme Tecniche - Norma UNI EN Norma UNI EN Norma UNI EN Norma UNI Norma UNI Regole di sicurezza per la costruzione e l installazione Regole la modifica degli impianti esistenti per adeguarli al grado di di sicurezza di quelli recenti Norme per la modifica e la manutenzione 8

9 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 17 Ascensori e montacarichi ADEMPIMENTI: MESSA IN ESERCIZIO (art. 12 D.P.R. 162/99 e s.m.i. art. 5 D.P.R. 214/10) Il proprietario o il suo legale rappresentante comunica al comune competente per territorio la messa in esercizio dell impianto entro 10 gg. dalla data della dichiarazione di conformità (in tale comunicazione indica anche la ditta abilitata a cui affida la manutenzione e il soggetto incaricato per le verifiche periodiche). Il comune entro 30 gg. assegna all impianto un numero di matricola e lo comunica al proprietario e al soggetto competente per l effettuazione delle verifiche periodiche. Agli adempimenti descritti: - sono soggette anche le piattaforme elevatrici per disabili e i montascale (macchine che rientrano nella definizione di ascensore ma che non rientrano nella direttiva ascensori poiché hanno v 0,15 m/s) - non sono soggetti gli impianti con corsa < 2 m e i montacarichi con portata 25 kg. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 18 Ascensori e montacarichi ADEMPIMENTI: DOCUMENTAZIONE Ogni impianto deve essere corredato da: - Un libretto di istruzioni contenente una copia della D.d.C. (rilasciata da un organismo di certificazione notificato) e copie delle comunicazioni tra proprietario ed ufficio comunale relative al numero di matricola assegnato; - I disegni e gli schemi dell impianto necessari per la manutenzione, le ispezioni, le riparazioni, le verifiche periodiche e le manovre di soccorso; - Un registro per l annotazione delle riparazioni e degli esiti delle visite di manutenzione al quale saranno allegati i verbali delle verifiche periodiche e straordinarie; - Una targa sul supporto del carico (cabina) con le seguenti indicazioni: - soggetto incaricato per le verifiche periodiche - installatore e numero di fabbrica - numero di matricola - portata complessiva in chilogrammi - numero massimo di persone (se applicabile) 9

10 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 19 Ascensori e montacarichi ADEMPIMENTI: VERIFICHE PERIODICHE (art. 13 D.P.R. 162/99) Il proprietario è tenuto a far sottoporre a verifica periodica l impianto: - ogni due anni Le verifiche devono essere commissionate: - A.S.L. competente per territorio (se fornisce il servizio) [Ispettorato del Lavoro per gli impianti installati negli stabilimenti industriali o aziende agricole] - ad un organismo di certificazione notificato Le amministrazioni statali, per i propri impianti, si avvalgono degli ingegneri nei propri ruoli. Le verifiche periodiche e straordinarie possono essere eseguite solo da laureati in ingegneria; le operazioni di verifica sono svolte dal manutentore munito di certificato di abilitazione. In esito alla verifica viene rilasciato, al proprietario e alla ditta di manutenzione, il relativo verbale che dovrà essere allegato in copia al registro di impianto. In caso di verbale negativo il verificatore darà comunicazione al comune competente per i provvedimenti di competenza. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 20 Ascensori e montacarichi ADEMPIMENTI: VERIFICHE STRAORDINARIE (art. 14 D.P.R. 162/99) In caso di verbale negativo il proprietario, rimosse le cause che hanno determinato l esito, commissiona la verifica straordinaria ad uno dei soggetti previsti per la verifica periodica. In caso di incidenti di notevole entità, deve essere immediatamente sospeso l esercizio in attesa di disposizioni dell incaricato delle ispezioni al quale il proprietario deve dare immediata notizia dell incidente. Ogni volta che si apportano modifiche all impianto il proprietario deve darne comunicazione al comune competente e all organismo di verifica richiedendo l effettuazione di una verifica straordinaria. 10

11 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 21 Ascensori e montacarichi ADEMPIMENTI: MANUTENZIONE (art. 15 D.P.R. 162/99) Il proprietario è tenuto ad affidare la manutenzione di tutto il sistema dell ascensore o del montacarichi a persona o ditta abilitata. Il manutentore provvede periodicamente: - a verificare il regolare funzionamento dei dispositivi meccanici, idraulici ed elettrici, delle serrature e de porte ai piani: - a verificare lo stato di conservazione di funi e catene; - alle operazioni di pulizia e lubrificazione delle parti. Il manutentore provvede almeno ogni sei mesi, per gli ascensori e almeno ogni anno per i montacarichi: - a verificare l integrità e l efficienza del paracadute, del limitatore di velocità e degli altri dispositivi di sicurezza; - a verificare minutamente le funi, le catene ed i loro attacchi; - a verificare l isolamento dell impianto elettrico e l efficienza dei collegamenti a terra; ad annotare i risultati di queste verifiche sul libretto. Il manutentore promuove tempestivamente la riparazione e la sostituzione delle parti rotte o logorate e a verificarne l avvenuta corretta riparazione; il proprietario provvede prontamente alle riparazioni e alle sostituzioni. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 22 Impianti termici e attrezzature a pressione PRINCIPALI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORMATIVE Leggi Legge 6 dicembre 1971, n Norme per la sicurezza dell impiego del gas combustibile D.M. 1 dicembre 1975 Norme di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione. D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Regolamento recante norme per la progettazione, l installazione, l esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell art. 4, comma 4, della Legge 9 gennaio 1991, n. 10. D.M. 1 dicembre 2004, n. 329 Regolamento recante norme per la messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature a pressione e degli insiemi di cui all art. 19 del D.Lgs 25 febbraio 2000, n. 93 D.Lgs , n. 81 e s.m.i. (D.Lgs , n. 106) [art. 71 Allegato VII] Norme tecniche - Norma UNI-CIG (2008) - Norma UNI (1995) - Norma UNI (1996) - Norma UNI 8364 (1984) 11

12 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 23 Impianti termici e attrezzature a pressione ADEMPIMENTI: DENUNCIA (art. 4-6 D.M. 329/2004; art D.M ) L installatore prima della costruzione di un nuovo impianto o della modifica di un impianto esistente, presenta all INAIL (ex I.S.P.E.S.L.) il progetto: - per gli impianti con potenzialità > 35 kw di nuova costruzione; - per gli impianti con potenzialità > 35 kw sottopoti a modifiche che interessino: - i dispositivi di sicurezza e protezione del generatore; - la sostituzione o la modifica del generatore con aumento della potenzialità o della pressione di targa; - l installazione o modifica di circuiti con nuovi vasi di espansione. L INAIL esaminato il progetto comunica all installatore le determinazioni conseguenti (nulla osta alla costruzione, con assegnazione di una matricola di impianto o modifica al progetto). A conclusione della realizzazione dell impianto l installatore o il proprietario (o conduttore) chiede all INAIL il collaudo dell impianto [solo dopo il collaudo l impianto può essere messo in esercizio]. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 24 Impianti termici e attrezzature a pressione ADEMPIMENTI: VERIFICHE PERIODICHE Impianti per riscaldamento e produzione di H 2 O per usi igienico sanitari con potenzialità < 35 KW - Cosa: manutenzione - Quando: ogni anno - Chi: la ditta di manutenzione scelta dal proprietario -Cosa:analisi dei prodotti della combustione -Quando:ogni due anni -Chi:la ditta di manutenzione scelta dal proprietario 12

13 Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 25 Impianti termici e attrezzature a pressione ADEMPIMENTI: VERIFICHE PERIODICHE Impianti per riscaldamento e produzione di H 2 O per usi igienico sanitari con potenzialità > 116 kw o 35 kw 116 KW in stabili con più di quattro condomini - Cosa: verifica periodica - Quando: ogni 5 anni (prima verifica periodica a partire dalla data del verbale di prima verifica da parte di INAIL) - Chi: U. O. Impiantistica dell A.S.L. Controlli Impiantistici nelle Strutture Socio Sanitarie 26 Impianti termici e attrezzature a pressione Altre attrezzature a pressione potenzialmente presenti in una RSA Attrezzatura Chi denuncia a chi Chi verifica e quando Sterilizzatrici Utilizzatore Prima verifica: INAIL (se soggette a verifica ai Periodiche: A.S.L. sensi del D.M. 329/2004) [Periodicità: P. F. 3 o 4 anni (in a INAIL e A.S.L. relazione alla categoria); Prova Integrità 10 anni] Pentole cottura cibi (piccoli generatori di vapore) Utilizzatore (se soggette a verifica ai sensi del D.M. 329/2004) a INAIL e A.S.L. Prima verifica: INAIL Periodiche: A.S.L. [Periodicità: Pentole come Sterilizzatrici; Generatori P.F. e V.I. 2 anni Prova Integrità 10 anni] Bombole gas medicali No denuncia Costruttore Noleggiatore Serbatoi stoccaggio aria compressa Utilizzatore (se soggette a verifica ai sensi del D.M. 329/2004) a INAIL e A.S.L. Prima verifica: INAIL Periodiche: A.S.L. [Periodicità: come Sterilizzatrici] 13

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra Soggetti obbligati Proprietari o affittuari di immobili soggetti alla legge n. 46/90: edifici adibiti ad uso civile e limitatamente agli impianti elettrici anche

Dettagli

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Installazione e messa in esercizio GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Un ascensore deve essere progettato ed installato conformemente alle disposizioni della Direttiva ascensori 95/16/CE e del DPR 162/99,

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda D.M.1/12/1975 (Raccolta R ) CONTROLLO Attrezzature Impianti ATTIVITA TECNICA INAIL EX ISPESL Esame Documentazione Verifica Impianto (>35 kw) e Prima Periodica (>116

Dettagli

REGOLAMENTO ASCENSORI

REGOLAMENTO ASCENSORI Deliberazione della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 67 del 20/10/2005 CITTA di CANICATTI (Provincia di Agrigento) *** UFFICIO TECNICO III Direzione Gestione del Territorio

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA. Seminario Le verifiche periodiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro

DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA. Seminario Le verifiche periodiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA SETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E VERIFICA Dipartimento territoriale di Milano Seminario Le verifiche periodiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro Intervento:

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica (SSIA) Dipartimento di Sanità Pubblica Via Amendola, 2 42122 Reggio Emilia www.ausl.re.it Chi siamo Il SSIA (Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica)

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA Presentazione docente Dott. Ing. Michele Toni, amministratore unico di E.C.S. S.r.l. Europe Certification Service, via Solferino, 7 46100- Mantova www: ECS-CERTIFICATION.COM

Dettagli

U.O. Terr. ricerca cert. e verifica

U.O. Terr. ricerca cert. e verifica Direzioni Regionali Consulenza Tecnica Edilizia Sovrint Medica. Avvocatura CONTARP U.O. Terr. ricerca cert. e verifica Ufficio POC Ufficio Attività strumentali Ufficio Attività istituzionali Sedi Locali

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti Linee Guida per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti RICORDATI DI CHIEDERE AL TUO MANUTENTORE DI APPLICARE IL BOLLINO Provincia

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza

Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza Eurocert Chi Siamo Eurocert è un Organismo di certificazione notificato all Unione Europea (N. 0861). Dal 1999, Eurocert è attivo sui mercati

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi Art. 17 Obblighi del datore di lavoro non delegabili 1.

Dettagli

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Progetto assistenza alle imprese USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Pag. 1 di 12 Legislazione Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14)

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) ON n. 1791 VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) 99999 precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli

Dettagli

Negli ultimi 2 anni la legislazione che regolamenta la verifica di impianti sopraindicati ha subito rilevanti variazioni.

Negli ultimi 2 anni la legislazione che regolamenta la verifica di impianti sopraindicati ha subito rilevanti variazioni. Adempimenti a carico del datore di lavoro inerenti la denuncia e la verifica di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici, dispositivi contro le scariche atmosferiche, installazioni elettriche

Dettagli

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Giovanni Michele Sai La prevenzione delle esplosioni da polvere, La è uno strumento necessario

Dettagli

Impianti centralizzati con potenza superiore ai 35 kw obblighi legislativi

Impianti centralizzati con potenza superiore ai 35 kw obblighi legislativi Impianti centralizzati con potenza superiore ai 35 kw obblighi legislativi Testi a cura del Tecnico della Prevenzione Alberto Monzali dell AUSL di Bologna L Obbligo di Denuncia e omologazione da parte

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08.

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art.

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

Gru ed apparecchi di sollevamento

Gru ed apparecchi di sollevamento Il Decreto Ministeriale 12/09/1959 è attualmente in vigore e stabilisce che alcune macchine tra cui: -le scale aeree ad inclinazione variabile -i ponti mobili sviluppabili su carro -i ponti sospesi muniti

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di Lavoro (DL) degli obblighi a suo carico, ai sensi del decreto legislativo

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Il primo accenno agli impianti elettrici su una legge italiana fu negli anni trenta introducendo nel codice penale un articolo e negli anni quaranta,

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI

ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI Progettazione installazione, collaudo e manutenzione II edizione di GIACOMO GUERRIERO INDICE GENERALE Presentazione...11 CAPITOLO 1 PRINCIPALI

Dettagli

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 Il NUOVO libretto di centrale. Quali sono gli adempimenti a carico dell amministratore condominiale e quali a carico del manutentore della centrale termica. D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 D.M. 10 febbraio

Dettagli

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA Bologna, 12/05/2011 CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA VERIFICA ATTREZZATURE DI LAVORO La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del D.M. 11/04/2011 fornisce ai Datori di Lavoro alcuni chiarimenti su

Dettagli

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Indicazioni procedurali ed operative Settore Ricerca, Sviluppo e Tutela nel Lavoro 1 Esercizio delle attrezzature

Dettagli

Seminario tecnico. Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08. Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV

Seminario tecnico. Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08. Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV Seminario tecnico Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08 Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV Con il patrocinio di in collaborazione con: STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Negli

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del

Dettagli

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEL CON- TROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Verifiche Periodiche e Controlli di Impianti Termici. - Linee Guida per gli adempimenti di Legge -

Verifiche Periodiche e Controlli di Impianti Termici. - Linee Guida per gli adempimenti di Legge - SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche e Controlli di Impianti Termici - Linee Guida per gli adempimenti di Legge - a cura della Direzione Tecnico-Scientifica Direttore dott. Eduardo

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1 I S P E S L Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dott. Sergio Morelli 1 Chi è L I.S.P.E.S.L L'Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro ISPESL e' ente di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA NOTA INFORMATIVA Con l entrata in vigore del D.L.gs 81/08 e sue e SMI sono cambiate le norme di riferimento e l organo di vigilanza sulla sicurezza di diverse macchine agricole. In particolare i carri

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBLICA REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL D.P.R. 30 APRILE 1999, N. 162, IN PARZIALE

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE PER L EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art.29,comma 5 del D.Lgs.81/2008)

AUTOCERTIFICAZIONE PER L EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art.29,comma 5 del D.Lgs.81/2008) AUTOCERTIFICAZIONE PER L EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art.29,comma 5 del D.Lgs.81/2008) Il/La sottoscritto/a nato/a il residente a indirizzo tel. esercente la professione di

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Schiavoni Ugo Carlo Data di nascita 26/07/1959 Qualifica Dirigente Ingegnere Incarico attuale Responsabile Setting Zona di Arezzo -

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTROLLI SUGLI IMPIANTI TERMICI APPROVATO

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw PROVINCIA DI POTENZA Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw dd rf f rt t 54+ à+àddedefff àf N 1 DEFINIZIONI impianto termico: un impianto tecnologico

Dettagli

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione Impianti termici PREMESSA SUL TERZO RESPONSABILE L'articolo 11 del DPR 412/93 ha istituito la figura del "Terzo responsabile", introducendo la possibilità di delegare ad una società esterna (in possesso

Dettagli

LINEA GUIDA PROCEDURALE

LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA prevista dall articolo 7 comma 6 e dall articolo 8 comma 3 del D.M. n. 37/08 Delibera n. 353/12 Consiglio Direttivo

Dettagli

LA NORMATIVA PORTANTE

LA NORMATIVA PORTANTE INDICE SOMMARIO Prefazione... pag. V Parte Prima LA NORMATIVA PORTANTE 1. CODICE CIVILE. Libro III, Titolo VII, Capo II Del condominio negli edifici. art. 1117... 3 art. 1118... 42 art. 1119... 75 art.

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

L infortunio non è fatalità.. www.lavorareinsicurezza.com 01/02/2009

L infortunio non è fatalità.. www.lavorareinsicurezza.com 01/02/2009 www.lavorareinsicurezza.com Corso di formazione e Informazione nella scuola dell Infanzia e Primaria (artt.36, 37, D.Lgs.09.04.2008, n 81) ( artt.21 e 22, D.Lgs 626/94 e s.m.i.) 22-26 Gennaio 2009 -Direzione

Dettagli

I SOGGETTI COINVOLTI NELLE VERIFICHE ex Art.71 c.11 D.Lgs. 81/08 e Il DM 11/04/11

I SOGGETTI COINVOLTI NELLE VERIFICHE ex Art.71 c.11 D.Lgs. 81/08 e Il DM 11/04/11 I SOGGETTI COINVOLTI NELLE VERIFICHE ex Art.71 c.11 D.Lgs. 81/08 e Il DM 11/04/11 Ing. Alessio Toneguzzo VPC Valvole Pompe Componenti VeronaFiere 24.10.2012 Pag. 1 di 22 Quali sono le attrezzature sottoposte

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra Utente ed indirizzo di fatturazione Spett.le e Ditta manutentrice Via F.lli Bandiera n 12 20016 Pero Tel. 02/3390.285-Fax.02/3390.651 E -mail:

Dettagli

Il D.M. 11 APRILE 2011

Il D.M. 11 APRILE 2011 Il D.M. 11 APRILE 2011 VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO CIRCOLARE MLPS n 11 del 25/05/2012 CIRCOLARE MLPS n 23 del 13/08/2012 CIRCOLARE INAIL prot. n. 2484 del 22/05/2012 i Sommario Premessa...

Dettagli

Lecco CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E OCCASIONALE DEGLI IMPIANTI ASCENSORE IMPIANTI ASCENSORI INSTALLATI NEGLI EDIFICI

Lecco CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E OCCASIONALE DEGLI IMPIANTI ASCENSORE IMPIANTI ASCENSORI INSTALLATI NEGLI EDIFICI Fax 0341.295333 Telefono 0341.295111 C.so Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia ott Pietro Francesco Canali II dirigente Lecco, Condominio ELLE Sala Ticozzi - Lecco VILLA Monastero Varenna Lecco DI COMPETENZA

Dettagli

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE BOLLINO VERDE Che cosa è un sistema obbligatorio di autocertificazione di tutti gli impianti termici In vigore dal 15 ottobre 2009

Dettagli

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Manutenzione degli impianto di riscaldamento 19/06/2007 Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Legge 10/91 Oggetto: uso razionale dell energia Finalità: ridurre i consumi energetici e migliorare la compatibilità ambientale

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di Cuneo Medaglia d'oro al Merito Civile

COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di Cuneo Medaglia d'oro al Merito Civile COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di Cuneo Medaglia d'oro al Merito Civile Ufficio Tecnico Comunale Settore LL.PP. Servizio Gestione Immobili e Impianti Ambiente e Patrimonio bando per la concessione

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

Seminario La manipolazione dei dispositivi di sicurezza un rischio da non correre

Seminario La manipolazione dei dispositivi di sicurezza un rischio da non correre DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA SETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E VERIFICA DIPARTIMENTO TERRITORIALE MILANO Seminario La manipolazione dei dispositivi di sicurezza un rischio da non correre intervento

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO CON NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Pagina 1 di 8 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione

Dettagli

RG02 REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE

RG02 REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE redatto da Responsabile Assicurazione Qualità Scotellaro Patrizia verificato da Direttore Tecnico Dott. Ing. Andrea G. Lonati approvato da Amministratore Unico Peretti Tiziana REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE

Dettagli

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008 Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI Bologna, 26 marzo 2008 Decreto n. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l attuazione dell articolo

Dettagli

Gerarchia dei soggetti

Gerarchia dei soggetti Gerarchia dei soggetti Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Durata del servizio Il servizio avrà durata di tre anni con decorrenza della data dell invio ordine ASM.

Durata del servizio Il servizio avrà durata di tre anni con decorrenza della data dell invio ordine ASM. CAPITOLATO/DISCIPLINARE Oggetto: L'appalto ha per oggetto il servizio di manutenzione ordinaria di un impianto ascensore installato presso la sede di proprietà ASM spa in località Zona Industriale di Bazzano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DI ASCENSORI E MONTACARICHI. Stato delle Revisioni Pag 1di 11 Stato delle Revisioni Rev. N o par. N o Pag. N o Motivo Data 0 Prima emissione 10/03/2012 1 Adeguamenti richiesti da Accredia 09/11/2012 2 Ulteriori adeguamenti richiesti da Accredia 02/05/2013

Dettagli

Comune di Cammarata Provincia di Agrigento

Comune di Cammarata Provincia di Agrigento Comune di Cammarata Provincia di Agrigento UFFICIO TECNICO - Area Urbanistica REGOLAMENTO ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Adempimenti connessi all'applicazione del Decreto del Presidente

Dettagli

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. )

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) MARCA DA BOLLO Spett.le I.S.P.E.S.L. DIPARTIMENTO DI. via via cap. città Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) Il sottoscritto

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni Linee guida per il regolamento delle ispezioni degli impianti termici degli edifici ai sensi del D.P.R. n. 74/2013. Domenico Prisinzano Torino, 14 ottobre 2014 Esercizio e manutenzione

Dettagli

La normativa applicabile e l approccio di ASL Milano: una nuova modalità di vigilanza

La normativa applicabile e l approccio di ASL Milano: una nuova modalità di vigilanza La normativa applicabile e l approccio di ASL Milano: una nuova modalità di vigilanza Intervento a cura di: Susanna Cantoni, Marco Morone SICURAMENTE UNO SPETAACOLO Fare sicurezza nelle «manifestazioni

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 1 QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 Autore: Luigi p.i. Leccardi Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI PER RIDURRE IL RISCHIO D UTILIZZO DELLA ATREZZATURE DI LAVORO GRU A TORRE Premessa La parola

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI ALLEGATO 2 AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI Contenuto: 1. indicazioni generali, 2. elenco dei requisiti che prevedono

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure per l'effettuazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli

I controlli manutentivi degli impianti elettrici

I controlli manutentivi degli impianti elettrici I controlli manutentivi degli impianti elettrici Torino 1 dicembre 2010 Salvatore Campobello salvatore.campobello@fastwebnet.it Tipologie delle verifiche 1. Verifiche iniziali 1.1 Verifiche iniziali effettuate

Dettagli

LETTERA CIRCOLARE N. 4/05

LETTERA CIRCOLARE N. 4/05 ISPESL DOM / DIR Prot. N. 367/05 del 7/2/05 ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO DIPARTIMENTO OMOLOGAZIONE E CERTIFICAZIONE LETTERA CIRCOLARE N. 4/05 00184 Roma... Via Urbana

Dettagli

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009)

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI D ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Dott. Ing. Michele Baleani M. +39 349 2807769 0F. +39 071 7231280 We Plan Ingegneria è costituito da un gruppo di giovani

Dettagli

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011 Maber Costruzioni srl Seminario Tecnico co Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera Sabato 7 Maggio 2011 Scuola Edile di Reggio Emilia Maber Costruzioni srl Azienda italiana specializzata nella progettazione

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

COMUNE DI NOVARA SERVIZIO COMMERCIO TURISMO GEMELLAGGI UNITA COMMERCIO. Prot. n. 34466 Novara, lì 30.05.2013 RI 04/3044. Ordinanza Sindacale n.

COMUNE DI NOVARA SERVIZIO COMMERCIO TURISMO GEMELLAGGI UNITA COMMERCIO. Prot. n. 34466 Novara, lì 30.05.2013 RI 04/3044. Ordinanza Sindacale n. COMUNE DI NOVARA SERVIZIO COMMERCIO TURISMO GEMELLAGGI UNITA COMMERCIO Prot. n. 34466 Novara, lì 30.05.2013 RI 04/3044 Ordinanza Sindacale n. 478 Oggetto: Norme d esercizio e prescrizioni per l utilizzo

Dettagli

Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011

Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011 Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011 Milano, 22 Giugno 2011 SERVIZIO IMPIANTISTICO PER LA SICUREZZA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PREMESSA Nel panorama normativo italiano

Dettagli