INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012"

Transcript

1 Parco nazionale/cta N. di pratiche svolte Specie in % a cui è stato attribuito il danno Superficie interessata (ha) Ammontare complessivo del danno P.N. DELLA VAL GRANDE 1 1% cinghiale,56 257,7 P.N. DELLO STELVIO 115 Ungulati, soprattutto cervo (99%) 386, , P.N. DELLE DOLOMITI BELLUNESI,, P.N. DELLE CINQUE TERRE 2 95% cinghiale 2% capriolo, 3% tasso 2,17 dato non disponibile P.N. DELLE FORESTE CASENTINESI 19 88% cinghiale e cervidi, 8% cervo, 4% cinghiali 257, 4.72, P.N. APPENNINO TOSCO-EMILIANO,, P.N. DELL'ARCIPELAGO TOSCANO 5 6% cinghiale 2% muflone, 2% lepre dato non disponibile 2.541,5 P.N. DEI MONTI SIBILLINI % cinghiale 3% capriolo dato non disponibile ,46 P.N. DEL G. SASSO E M. DELLA LAGA ,1% cinghiale,9% non accertabile dato non disponibile ,37 P.N. DELLA MAIELLA % cinghiale 19% cervo, 6% altri 237, ,28 P.N. DELL'ABRUZZO, LAZIO E MOLISE % cinghiale 34% cervo, 12% ungulati, 4% orso dato non disponibile , P.N. DEL CIRCEO,, P.N. DEL VESUVIO,, P.N. DEL CILENTO E VALLO DI DIANO 577 P.N. DELL'APPENNINO LUCANO, VAL D'AGRI, LAGONEGRESE INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno % cinghiale, 5% volatili, 2% cervo, 4% non risarcite, 1% tasso e volpe 1157, , dato non disponibile dato non disponibile ,89 P.N. DEL GARGANO 27 66% cinghiale 34% storno 268, , P.N. DELL'ALTA MURGIA 62 1% cinghiale 21, 49., P.N. DEL POLLINO ,76% cinghiale,,24% cervo dato non disponibile ,9 P.N. DELLA SILA,, P.N. DELL'ASPROMONTE 7 1% cinghiale 11, 9.8,

2 TOTALE , ,36 Parco nazionale/cta N. di pratiche svolte Specie in % a cui è stato attribuito il danno N. di capi totali predati (bovini, ovini, caprini) Ammontare complessivo del danno P.N. DELLA VAL GRANDE, P.N. DELLO STELVIO, P.N. DELLE DOLOMITI BELLUNESI 1 1% orso , P.N. DELLE CINQUE TERRE, P.N. DELLE FORESTE CASENTINESI 2 5% lupo, 5% volpe 17 55, P.N. APPENNINO TOSCO-EMILIANO, P.N. DELL'ARCIPELAGO TOSCANO, P.N. DEI MONTI SIBILLINI 8 88% lupo, 12% volpe ,45 P.N. DEL G. SASSO E M. DELLA LAGA 416 8% lupo, 18% non accertabile, 1% volpe,,5% cinghiale,,5% faina ,47 P.N. DELLA MAIELLA 93 86% lupo, 9% orso, 5% altri (volpe, faina) ,1 P.N. DELL'ABRUZZO, LAZIO E MOLISE 88 5,1% lupo, 25,6% non accertabile, 2,5% orso, 1,6% volpe, 2% mustelide,,1% cinghiale,,1% ,37 P.N. DEL CIRCEO, P.N. DEL VESUVIO, P.N. DEL CILENTO E VALLO DI DIANO 72 P.N. DELL'APPENNINO LUCANO, VAL D'AGRI, LAGONEGRESE INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA AGLI ALLEVAMENTI ZOOTECNICI - Anno ,5% lupo, 59,72% non accert.le, 4,17% canide, 23,61% non risarcite ,12, P.N. DEL GARGANO 19 1% lupo , P.N. DELL'ALTA MURGIA 23 1% lupo , P.N. DEL POLLINO 15 1% lupo ,85 P.N. DELLA SILA 6 1% lupo 9 dato non disponibile

3 P.N. DEL'ASPROMONTE 1 1% lupo e cani selvatici , TOTALE ,27 INTERVENTI DI CONTROLLO NUMERICO DELLE SPECIE CHE PROVOCANO DANNI - Anno 212 Parco nazionale/cta P.N. DELLA VAL GRANDE P.N. DELLO STELVIO P.N. DELLE DOLOMITI BELLUNESI P.N. DELLE CINQUE TERRE P.N. DELLE FORESTE CASENTINESI P.N. APPENNINO TOSCO-EMILIANO P.N. DELL'ARCIPELAGO TOSCANO P.N. DEI MONTI SIBILLINI P.N. DEL G. SASSO E M. DELLA LAGA P.N. DELLA MAIELLA P.N. DELL'ABRUZZO, LAZIO E MOLISE P.N. DEL CIRCEO P.N. DEL VESUVIO P.N. DEL CILENTO E VALLO DI DIANO P.N. DELL'APPENNINO LUCANO, VAL D'AGRI, LAGONEGRESE P.N. DEL GARGANO P.N. DELL'ALTA MURGIA P.N. DEL POLLINO P.N. DELLA SILA P.N. DEL'ASPROMONTE TOTALE Abbattimenti selettivi n. capi abbattuti 6 cinghiali 98 cervi 128 cinghiali 46 cinghiali 199 cinghiali e 131 mufloni 319 cinghiali dato non disponibile 1352 cinghiali 25 cinghiali, 131 mufloni e 98 cervi Recinti di cattura n. di capi catturati 27 cinghiali 9 cervi e 4 stambecchi 5 cervi 993 cinghiali e 122 mufloni 426 cinghiali 1446 cinghiali, 122 mufloni, 14cervi e 4 stambecchi

4 Ministero delle politiche agricole Roma, h 14.3 alimentari e forestali CORPO FORESTALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE TESTO AUDIZIONE SIG. CAPO DEL CORPO 13^ COMMISSIONE (TERRITORIO, AMBIENTE, BENI AMBIENTALI) Oggetto: Aree protette problematiche e prospettive di riforma della legge 394/91 Audizione Commissione territorio, ambiente, beni ambientali del Senato della Repubblica: esame congiunto dei disegni di legge nn.119,14 e 134 in materia di aree protette. In riferimento al disegno di legge A.S. 119 recante Nuove disposizioni in materia di aree protette di iniziativa del Senatore D Alì, si riportano alcune considerazioni per gli aspetti di competenza del Corpo forestale dello Stato. 1. Sorveglianza nei Parchi con estensione a mare Concorso con la Capitaneria di Porto. Per quanto riguarda la sorveglianza dei Parchi nazionali con estensione a mare, si propongono le seguenti modifiche all articolo 9 del disegno di legge in esame che va a modificare l articolo 19 della legge quadro 394/91.

5 Al comma 12 va meglio specificata la competenza delle Capitanerie di porto per la sorveglianza delle estensioni a mare dei parchi nazionali e non, genericamente, sui parchi nazionali con estensione a mare il che potrebbe ingenerare confusioni di ruoli; si propone, pertanto, di inserire nel disegno di legge in esame una modifica normativa che faccia salvi i compiti di sorveglianza attribuiti al Corpo forestale dello Stato ai sensi dell articolo 21 della legge 394/91. Di conseguenza allo stesso comma 12 dovrebbe essere inserita la previsione che il decreto interministeriale ivi previsto (individuazione risorse Capitanerie di porto da destinare alla sorveglianza aree marine protette) dovrà tenere in conto delle squadre nautiche del Corpo forestale dello Stato già istituite ed operative, alla data di entrata in vigore della legge, presso il parchi nazionali con estensioni a mare (Arcipelago Toscano, Circeo, Cilento) che continueranno nello svolgimento della sorveglianza delle estensioni a mare dei suddetti parchi cui il Corpo delle Capitanerie di porto potrà essere chiamato a concorrere - nei casi ritenuti necessari - da parte dell ente parco. 2. Gestione dei Beni demaniali presenti nel territorio dell area protetta. Per quanto riguarda la gestione dei beni demaniali presenti nell area protetta si propone la seguente modifica normativa all articolo 6 del disegno di legge in esame che va a modificare l articolo 16 della legge quadro 394/91. Al comma 1 undecies ai fini della loro esclusione dalla previsione di passaggio in concessone gratuita all ente di gestione dell area protetta, oltre ai beni demaniali destinati alla difesa e alla sicurezza nazionale sarebbe necessario inserire anche quelli in uso governativo al Corpo forestale dello Stato stante la funzionalità di tali beni alle attività e ai compiti istituzionali attribuiti al CFS dalla normativa vigente (conservazione biodiversità, educazione ambientale, tutela ambientale, ecc.). 3. Sanzioni amministrative. Modifiche all articolo 1, comma 6 del disegno di legge in esame che modifica l articolo 3 della legge quadro 394/91. A tal riguardo è stata rilevata e già segnalata al Ministero dell ambiente, del territorio e del mare l esigenza di una uniforme interpretazione delle sanzioni amministrative previste all articolo 2

6 3, comma 2, per le violazioni delle disposizioni emanate dagli organismi di gestione delle aree protette. In merito è stato sottolineato che alcuni enti parco hanno adottato specifici regolamenti che rimandano a tabelle sanzionatorie i cui importi edittali non sono uniformi su tutto il territorio nazionale. A tal proposito si segnala che i limiti edittali (da lire 5. a due milioni), fissati nel 1991, non sono stati mai aumentati. Si ritiene, quindi, utile prospettare un loro aumento una tantum, per assicurarne un effettivo potere deterrente, nella misura di circa 4 volte (da euro 1, ad euro 4.,). Si potrebbe, poi, proporre una misura normativa - analoga a quella dell articolo 1, comma 6 del disegno di legge D ALI relativo alle aree marine protette - che preveda l aggiornamento degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie, di cui all articolo 3 della legge quadro 394/91, ogni cinque anni, con decreto del Ministero dell ambiente. Al fine di eliminare i dubbi interpretativi sulla portata applicativa del comma 2 dell articolo 3 della legge quadro nonchè la possibilità di adottare regolamenti con limiti edittali differenti sul territorio nazionale, si potrebbe, infine, meglio specificare il tenore della suddetta norma nei termini che seguono: La violazione ai divieti e alle disposizioni contenuti nei provvedimenti istitutivi delle aree protette e nei relativi regolamenti nonché nei provvedimenti adottati dall organismo di gestione dell area protetta, ai sensi degli articoli 9 e 21 della presente legge, è altresì punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1, a euro 4.,. 4. Composizione del Consiglio direttivo e nomina del Direttore Per quanto riguarda la composizione del Consiglio direttivo di cui all articolo 4 del disegno di legge in esame che modifica l articolo 9 della legge quadro 394/91 si evidenzia che: l unico rappresentate di organi istituzionali nazionali rimarrebbe quello dell ISPRA il quale, pur essendo titolare di aspetti conoscitivi e scientifici in materia di gestione di flora e fauna selvatiche, resterebbe una voce isolata in un organo composto essenzialmente da referenti di interessi di categoria o locali, e non di portata generale. Appare, pertanto, importante mantenere la presenza di un rappresentante del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, e del Ministero dell ambiente, del territorio e del mare 3

7 che contribuirebbero, ciascuno per le proprie competenze, in modo determinante, a fornire quegli elementi di conoscenza d ordine tecnico-giuridico sulle materie ambientali, del contesto socio-economico e delle sue dinamiche criminali, per svolgere efficacemente i delicati compiti deliberativi che la norma assegna al Consiglio direttivo. Per quanto riguarda la nomina di Direttore, si evidenzia la possibilità di individuare la figura del direttore attraverso apposita selezione per titoli, possedute in relazione alla specificità dell incarico in base a criteri definiti con Decreto del Ministero dell ambiente, del territorio e del mare. 5. Aree contigue e circoscrizione dei CTA Per quanto attiene al nuovo procedimento di individuazione delle aree contigue e al più incisivo potere regolamentare che attribuito in capo all ente parco, secondo le previsioni dall articolo 5 del disegno di legge A.S. 119 che modifica gli articoli 11 e 12 della legge quadro 394/91, si ritiene di dover accompagnare tali proposte normative con la consequenziale introduzione di un nuovo comma nello stesso articolo 5 che preveda la automatica estensione della circoscrizione di competenza dei Coordinamenti territoriali per l ambiente del Corpo forestale dello Stato, in modo da ricomprendere anche tali aree contigue nell ambito territoriale soggetto alla sorveglianza svolta alle dipendenze funzionali dell ente, al fine di assicurare l efficace e coordinato esercizio della sorveglianza dell area protetta. 6. Controllo della fauna selvatica In merito all articolo 7 del disegno di legge in esame che modifica l articolo 11 della legge quadro 394/91 per quanto concerne il controllo della fauna, si evidenzia che il testo di legge intende affrontare il problema della densità di alcune specie animali con particolare riferimento al cinghiale. E innegabilmente un problema molto sentito nel mondo rurale ma le proposte generalmente avanzate di soluzione sono certamente destinate a fallire o ad ottenere minimi successi limitati nel tempo. Per quanto riguarda il cinghiale in particolare il disegno di legge perseguirebbe nelle zone non vocate l obiettivo dell eradicazione. L operazione di eradicazione nelle suddette zone, pur sottoposta al parere obbligatorio e vincolante dell ISPRA verrebbe attuata, senza necessità di un piano di prelievo. 4

8 Si evidenzia che nel 21 il Ministero dell Ambiente e l ISPRA hanno pubblicato le linee guida per la gestione del Cinghiale nelle aree protette (Monaco A., Carnevali L. e S. Toso, 21 Linee guida per la gestione del Cinghiale Sus scrofa nelle aree protette. 2 edizione. Quad. Cons. Natura, 34, Min.Ambiente ISPRA). Questo documento tecnico basato su evidenze scientifiche e proveniente dai soggetti istituzionalmente preposti a formulare indicazioni in materia dovrebbe con ogni evidenza costituire la base per le decisioni di ordine normativo e poi gestionale. In tale documento non è contemplato né il concetto di area non vocata (termine di matrice venatoria inadeguato alla situazione trattata), né di eradicazione. Quest ultima è infatti un operazione verosimile unicamente qualora fosse impedito il successivo afflusso di individui dall esterno. Trattasi ovvero di interventi fattibili in ambienti a vario livello confinati come ad esempio le isole o i massicci montuosi isolati. E inverosimile l ipotesi di eradicare il cinghiale da determinate aree quando l intero territorio agro-silvo-pastorale è interessato dalla presenza dei cinghiali all interno e all esterno delle aree protette. Contrariamente a quanto formulato nel DDL in esame il documento dell ISPRA e del Ministero dell Ambiente sottolineano la necessità di una pianificazione scrupolosa e calibrata. Pertanto, visto il livello nazionale del problema si riterrebbe utile la creazione di un tavolo di coordinamento condiviso tra i soggetti istituzionali competenti in materia. Per quanto attiene gli aspetti sanzionatori a carico di coloro che esercitano il controllo con modalità non conformi a quelle predeterminate, il DDL in esame demanda alle sanzioni disciplinari dell ente parco o all esclusione dai successivi interventi. E necessario che tale disposizione faccia salve le sanzioni amministrative e penali vigenti poiché in caso contrario gli atti di bracconaggio compiuti all interno dell area protetta potrebbero venire puniti paradossalmente con pene più lievi di quelli compiuti nei Parchi.. 5

III Rapporto Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2013

III Rapporto Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2013 III Rapporto Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo Febbraio 2013 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E DEL MARE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E DEL MARE Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E DEL MARE ANALISI DEI SERVIZI SVOLTI A TUTELA DELL AMBIENTE: SORVEGLIANZA CTA- CFS CON

Dettagli

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali I servizi per la fruizione delle risorse ambientali Raffaello Cervigni Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul Sud che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 2004 Sommario La politica

Dettagli

Allegato A Documenti pervenuti alla Commissione Relazione annuale sull attività svolta anno 2012

Allegato A Documenti pervenuti alla Commissione Relazione annuale sull attività svolta anno 2012 annuale sull attività svolta anno Piano sulla MINISTERI Ministero degli Affari Esteri Sì 4 Sì Sì Sì Sì No Sì Sì Sì 3 Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare Ministero per i Beni e le

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Relazione al disegno di legge: ISTITUZIONE DEI PARCHI NATURALI REGIONALI DELL OASI DI TEPILORA, DELLEFORESTEDI GUTTURU MANNU E DEL MONTE ARCI presentato dall Assessore della Difesa dell Ambiente dr Antonio

Dettagli

CURRICULUM. Titoli di studio

CURRICULUM. Titoli di studio CURRICULUM ANDREA GENNAI Nato a Pisa il 12/07/1970 Codice Fiscale GNN NDR 70L12 G702K Residente a Pratovecchio (52015 AR) e-mail: andrea.gennai@parcoforestecasentinesi.it Titoli di studio - Maturità scientifica

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 803

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 803 20110 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 803 Indennizzi danni provocati da fauna selvatica protetta (Lupo Canis lupus). Indirizzi, criteri e autorizzazioni. L Assessore alle Risorse

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 6 DICEMBRE 1991, N. 394 "LEGGE QUADRO PER LE AREE PROTETTE"

STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 6 DICEMBRE 1991, N. 394 LEGGE QUADRO PER LE AREE PROTETTE Senato della Repubblica - 5 - Camera dei deputati STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 6 DICEMBRE 1991, N. 394 "LEGGE QUADRO PER LE AREE PROTETTE" Introduzione La legge quadro sulle aree protette 6 dicembre

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 21 aprile 2015 ore 17.00 Tab. 1.1 - Amministrazioni

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA Norme per l' attuazione del Fondo regionale per la prevenzione ed il risarcimento dei danni arrecati alla produzione agricola dalla fauna selvatica ed

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale)

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale) Direzione Ambiente Settore Sostenibilità, Salvaguardia ed Educazione Ambientale COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale

Dettagli

Art. 1 (Modifica all articolo 140 della L.R. 15/2004)

Art. 1 (Modifica all articolo 140 della L.R. 15/2004) Riserva naturale guidata "Sorgenti fiume Vera": attuazione dell articolo 140 della L.R. 26 aprile 2004, n. 15 "Legge finanziaria regionale 2004" e modifiche alle LL.RR. nn. 42/2011 e 25/2011 Art. 1 (Modifica

Dettagli

PROGRAMMA VENATORIO. Annata 2013/2014. Linee Generali

PROGRAMMA VENATORIO. Annata 2013/2014. Linee Generali PROGRAMMA VENATORIO Annata 2013/2014 Linee Generali L art.9 comma 15 della L.R n. 27 del 13.8.98 dispone che, in attuazione del Piano faunistico venatorio regionale, la Giunta Regionale approva il programma

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo INTRODUZIONE DI DISPOSIZIONI PER UNA RAZIONALIZZAZIONE DELLA TUTELA PENALE DELLA FAUNA SELVATICA PROTETTA ONOREVOLI SENATORI. Il presente disegno di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Approvato con delibera C.P. n. 51 del 07/05/1998 Art.1 Servizio di vigilanza volontaria La Provincia di Arezzo

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 1. INTRODUZIONE

RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 1. INTRODUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 1. INTRODUZIONE Il bilancio di previsione, che dovrebbe rappresentare il principale strumento di programmazione dell Ambito, risulta essere un semplice prospetto di

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici.

D.D.L. concernete Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. TESTO Articolo 1 Finalità 1. La presente legge disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Art.1 Oggetto del regolamento L Ente Parco nei limiti delle

Dettagli

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Art. 1 Finalità La Provincia di Como con le presenti disposizioni disciplina

Dettagli

A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2

A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2 A.T.C. RN2 Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2 Dicembre 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento recepisce

Dettagli

Relazione sullo stato di attuazione della legge n. 394 del 1991

Relazione sullo stato di attuazione della legge n. 394 del 1991 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E DEL MARE Relazione sullo stato di attuazione della legge n. 394 del 1991 Anni 2011 /2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011. ART. 1 Accesso per l esercizio venatorio nell area contigua (zona di pre-parco) L esercizio

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Inquadramento normativo e competenze: Oggetto della tutela Sono tutelate le popolazioni di

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE IL PERCORSO DI ADESIONE DEL PN GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE IL RAPPORTO DIAGNOSTICO Giuseppe

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 67 del 30 dicembre 2013 Pag. 1 di 11 ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

DISCIPLINA DELLE ZONE PER L'ALLENAMENTO E L'ADDESTRAMENTO DEI CANI DA CACCIA E PER LE GARE CINOFILE (art. 16 L.R. n. 29/94)

DISCIPLINA DELLE ZONE PER L'ALLENAMENTO E L'ADDESTRAMENTO DEI CANI DA CACCIA E PER LE GARE CINOFILE (art. 16 L.R. n. 29/94) DISCIPLINA DELLE ZONE PER L'ALLENAMENTO E L'ADDESTRAMENTO DEI CANI DA CACCIA E PER LE GARE CINOFILE (art. 16 L.R. n. 29/94) ART. 1 - FINALITA' Il presente regolamento disciplina le zone per l'addestra-mento

Dettagli

BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3

BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3 BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3 Art. 1 (Caratteri generali) 1. Il presente, disciplina la gestione faunistico-venatoria del cinghiale nella Provincia di Cosenza, nel rispetto della normativa

Dettagli

Amministrazione Provinciale dell Aquila

Amministrazione Provinciale dell Aquila Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore Politiche Ambientali Risorse Naturali ed Energetiche PROGRAMMA CORSO DI ABILITAZIONE PER SELECONTROLLORI PRINCIPI DI CONOSCENZA DELLA FAUNA SELVATICA a)

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA L attività di vigilanza ittico-venatoria e

Dettagli

ALLEGATO A. Proposta di legge

ALLEGATO A. Proposta di legge ALLEGATO A Proposta di legge Modifiche alla legge regionale 19 marzo 2015, n. 30 Norme per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico-ambientale regionale. Modifiche alla l.r. 24/1994,

Dettagli

b) le aree a rilevante compresenza di agricoltura ed ambienti naturali in cui è tollerata una bassa densità di cinghiali;

b) le aree a rilevante compresenza di agricoltura ed ambienti naturali in cui è tollerata una bassa densità di cinghiali; Atti Parlamentari 17 Camera dei Deputati Il protocollo d intesa consente anche di intervenire con i seguenti metodi: con l aspetto, anche in orario notturno (con eventuale ausilio di sorgente luminosa),

Dettagli

SAFE scuola di scienze agrarie, forestali, alimentari ed ambientali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA. Corso Percorsi Abilitanti Speciali (PAS)

SAFE scuola di scienze agrarie, forestali, alimentari ed ambientali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA. Corso Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) SAFE scuola di scienze agrarie, forestali, alimentari ed ambientali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Corso Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) ZOOTECNIA E PARCHI Relatore: Prof. Carlo Cosentino http://www.biodiversitazootecnica.it/

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 Consiglio Direttivo (Legge Regionale n.8/94 art.31 e n. 6/00) Via Balzella, 41/D Forlì tel 0543-777289 fax 0543-750517 e-mail atcfc@libero.it Approvate dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE (Delibera del CdG n. 176 del 11.04.2006, n. 67 del 06.03.2009, n. 78 del 20.03.2009, n. 267 del 14.03.2011, n.

Dettagli

Il/Ia sottoscritto/a nato/a. il, residente a. in via/loc. e/o allevamento zootecnico sito in agro del Comune di

Il/Ia sottoscritto/a nato/a. il, residente a. in via/loc. e/o allevamento zootecnico sito in agro del Comune di Allegato A Alla Provincia di Bari Servizio Agricoltura, Caccia, Pesca, Risorse Via Amendola 189/b 70100 Bari DOMANDA DI CONTRIBUTO PER DANNI ARRECATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE, ALLE

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

INDICE. 1. Elenco Ufficiale delle aree protette...» 5

INDICE. 1. Elenco Ufficiale delle aree protette...» 5 PAGINA BIANCA Camera dei Deputati 3 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXXXVIII N. 2 INDICE Introduzione... Pag. 5 1. Elenco Ufficiale delle aree protette...»

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N. 17-5754 DEL 06/05/2013

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N. 17-5754 DEL 06/05/2013 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C.VC1 VIA VERCELLI 44 13030 CARESANABLOT TEL./FAX 0161 58181 REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA

Dettagli

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE SPECIE (FAUNA) PROBLEMATICHE Popolazioni che esercitano un impatto significativo sull Ambiente

Dettagli

CONVEGNO INTERNAZIONALE "La Convenzione delle Alpi e la Convenzione dei Carpazi: esperienze a confronto. Gli Appennini, una catena montuosa europea"

CONVEGNO INTERNAZIONALE La Convenzione delle Alpi e la Convenzione dei Carpazi: esperienze a confronto. Gli Appennini, una catena montuosa europea CONVEGNO INTERNAZIONALE "La Convenzione delle Alpi e la Convenzione dei Carpazi: esperienze a confronto. Gli Appennini, una catena montuosa europea" Sarnano (MC) 23-24 aprile 2014 PIANI PER LA MONTAGNA

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA SV 2 - ZONA PONENTE REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI POLIGASTRICI - REV.

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA SV 2 - ZONA PONENTE REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI POLIGASTRICI - REV. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA SV 2 - ZONA PONENTE REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI POLIGASTRICI - REV. 15/05/2015 L A.T.C. SV2 si prefigge il conseguimento delle finalità

Dettagli

LIBRO BIANCO WWF SULLE AREE PROTETTE

LIBRO BIANCO WWF SULLE AREE PROTETTE LIBRO BIANCO WWF SULLE AREE PROTETTE maggio 2005 www.wwf.it QUALE MISSIONE PER LE AREE PROTETTE? Premessa Dal primo Parco nazionale istituito nel mondo, quello di Yellowstone nel 1872, il significato stesso

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. SOGGETTO APPALTANTE : Provincia di Pisa P.zza Vittorio Emanuele II, n. 14 56125 Pisa

PROVINCIA DI PISA. SOGGETTO APPALTANTE : Provincia di Pisa P.zza Vittorio Emanuele II, n. 14 56125 Pisa PROVINCIA DI PISA Avviso di selezione pubblica per il servizio di svolgimento dei Censimenti delle specie in indirizzo all interno delle Aziende Faunistico Venatorie e delle Zone di Ripopolamento e Cattura

Dettagli

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari Legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

AGENZIA DI STAMPA. WWW.GEAPRESS.ORG info@geapress.org

AGENZIA DI STAMPA. WWW.GEAPRESS.ORG info@geapress.org Emendamenti al Ddl 588 presentati in Commissione Politiche dell'unione Europea del Senato nel Giugno 2013. Sono riportati quelli relativi all'art. 19 bis della legge 157/92 (cosiddetta "legge caccia")

Dettagli

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana La carne degli ungulati selvatici: elementi per le buone metodologie di conservazione e lavorazione La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana A cura di: Sandro Nicoloso

Dettagli

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA SELVATICA: UN FENOMENO DA NON SOTTOVALUTARE Il Piemonte è una delle Regioni in cui le popolazioni di fauna selvatica di grossa taglia sono tra le più

Dettagli

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Dettagli

Comune di Falconara Marittima (Provincia di Ancona)

Comune di Falconara Marittima (Provincia di Ancona) CONSIGLIO COMUNALE Seduta del Comune di OGGETTO N 0: MODIFICA DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA RACCOLTA, DEL TRASPORTO E DELLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI AGLI URBANI:

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO DELLE UNITA DI GESTIONE PER LA CACCIA ALLA LEPRE NELLA PROVINCIA DI SAVONA

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO DELLE UNITA DI GESTIONE PER LA CACCIA ALLA LEPRE NELLA PROVINCIA DI SAVONA PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO DELLE UNITA DI GESTIONE PER LA CACCIA ALLA LEPRE NELLA PROVINCIA DI SAVONA (Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34 del 05/07/2012) TITOLO I Disposizioni generali

Dettagli

Curriculum aziendale

Curriculum aziendale s.n.c. Gestione Faunistica Ambientale Curriculum aziendale Curriculum professionale dello Studio G.F.A. Gestione Faunistica ed Ambientale s.n.c. Attività professionale 1997 Incarico dell Amministrazione

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole DICHIARA

Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole DICHIARA Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole IL SOTTOSCRITTO NATO A IL RESIDENTE A IN TELEFONO CELLULARE CODICE FISCALE PARTITA IVA

Dettagli

BANDO PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ai sensi della L.R. del 28 febbraio 2005 n.

BANDO PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ai sensi della L.R. del 28 febbraio 2005 n. BANDO PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ai sensi della L.R. del 28 febbraio 2005 n.9 modificata e integrata dalla L.R. n.14 del 06 maggio 2008

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1 REGOLAMENTO PER L'INTRODUZIONE E IL TRASPORTO DI ARMI E DI QUALSIASI MEZZO DISTRUTTIVO E/O DI CATTURA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Approvato con Delibera di Consiglio Direttivo

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 5 ALLEGATO A Criteri e modalità di istituzione, autorizzazione e gestione delle Zone per l allenamento e l addestramento dei cani e per le gare e le prove cinofile (ZAC) (art. 33, l.r. 7/1995) Principi

Dettagli

Regolamento provinciale per la costituzione e gestione delle zone addestramento cani e gare cinofile (Delibera di Consiglio n. 37 del 27 aprile 1999)

Regolamento provinciale per la costituzione e gestione delle zone addestramento cani e gare cinofile (Delibera di Consiglio n. 37 del 27 aprile 1999) Regolamento provinciale per la costituzione e gestione delle zone addestramento cani e gare cinofile (Delibera di Consiglio n. 37 del 27 aprile 1999) TITOLO I Disposizioni generali e di programmazione

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA Art.1 Principi generali 1. La Provincia di Ravenna, allo scopo di realizzare

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto-legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1986, n. 462, che all articolo 10 ha previsto l istituzione dell Ispettorato Centrale Repressione Frodi

Dettagli

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE Allegato alla deliberazione consigliare n.29 del 10.05.2001 PARTE PRIMA - NORME GENERALI

Dettagli

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Prot. n. (ABF/03/5863) ------------------------------------------------------------- Richiamate: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA la legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della

Dettagli

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Testo approvato con delibera Consiliare n. 81 del 12.5.03 Art. 1 SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA 1. L'Amministrazione Provinciale di Firenze

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

RESOCONTO MONITORAGGIO 2004 SULLA CHERATOCONGIUNTIVITE DEI BOVIDI SELVATICI ALPINI IN VALLE PO E IN VALLE VARAITA

RESOCONTO MONITORAGGIO 2004 SULLA CHERATOCONGIUNTIVITE DEI BOVIDI SELVATICI ALPINI IN VALLE PO E IN VALLE VARAITA RESOCONTO MONITORAGGIO 2004 SULLA CHERATOCONGIUNTIVITE DEI BOVIDI SELVATICI ALPINI IN VALLE E IN VALLE VARAITA 1 Introduzione Nell ambito della gestione e della conservazione del patrimonio faunistico

Dettagli

Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano REGOLAMENTO PEL IL PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE NEL PARCO NAZIONALE CILENTO E VALLO DI DIANO Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. 30 del

Dettagli

CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.)

CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.) CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.) Negli ultimi anni la presenza di cinghiali nel territorio regionale è notevolmente aumentata.

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO, GESTIONE, RACCOLTA

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca TITOLO 1. Norme per l'esercizio della pesca.

R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca TITOLO 1. Norme per l'esercizio della pesca. R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca (modificato con: L.16 marzo 1933 n. 260; R.D.L. 11 aprile 1938 n. 1183; L. 12 luglio 1938 n. 1487; L. 20 marzo 1940 n.

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

proposta di legge n. 376

proposta di legge n. 376 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 376 a iniziativa del Consigliere Solazzi presentata in data 25 novembre 2013 TUTELA DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO SOGGETTO A PREDAZIONE pdl 376 REGIONE

Dettagli

Incidenti stradali tra veicoli e fauna selvatica: il quadro normativo di riferimento per la Regione Umbria

Incidenti stradali tra veicoli e fauna selvatica: il quadro normativo di riferimento per la Regione Umbria Ancona 30 ottobre 2013 Workshop tecnico Progetto Life STRADE dimostrazione di un sistema per la gestione e riduzione delle collisioni veicolari con la fauna selvatica Incidenti stradali tra veicoli e fauna

Dettagli

Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere

Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere Ministero dell Ambiente e Unioncamere: una collaborazione che risponde ai mutamenti della società italiana RISPETTO: il trend del valore Fonte:

Dettagli

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore

Decreto n. 65468 (997) Anno 2011. Il Rettore Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Il Rettore Decreto n. 65468 (997) Anno 2011 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO AMBITI NATURALI, CACCIA E PESCA

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO AMBITI NATURALI, CACCIA E PESCA PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO AMBITI NATURALI, CACCIA E PESCA Prot. Generale N. 0057435 / 2014 Atto N. 2413 OGGETTO: Nulla osta

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo)

I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo) La Carta Europea per il Turismo Sostenibile I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo) Fabriano, 09 Ottobre 2014 Luca Dalla Libera - Federparchi La Carta Europea

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 750 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PANIZ Introduzione dell articolo 283-bis e modifica all articolo 286 del codice delle assicurazioni

Dettagli

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Area Servizi al Territorio Suzzara, 17/06/2014 Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Il Comune di Suzzara ha coordinato nei giorni scorsi le operazioni di accertamento

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 21 luglio 2015 ore 17.00 Tab. 1.1 - Amministrazioni

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 L esercizio venatorio nella stagione 2015/2016, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 13 maggio 2015 ore 17.00 Tab. 1.1 - Amministrazioni

Dettagli

PROFESSIONALITÀ PER L INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO PRESSO L AZIENDA SPECIALE UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI CREMONA.

PROFESSIONALITÀ PER L INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO PRESSO L AZIENDA SPECIALE UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI CREMONA. REGOLAMENTO DI SELEZIONE DI PROFESSIONALITÀ PER L INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO PRESSO L AZIENDA SPECIALE UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI CREMONA. (Approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 06 maggio 2015 ore 17.00 Tab. 1.1 - Amministrazioni

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI E NORME SULLA PROGRAMMAZIONE. Art. 01 - Oggetto e finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI E NORME SULLA PROGRAMMAZIONE. Art. 01 - Oggetto e finalità Legge Regionale 11 aprile 1995, n. 49 Norme sui parchi, le riserve naturali e le aree naturali protette di interesse locale. Bollettino Ufficiale n. 29, parte prima, del 18.04.1995 Titolo 1 - PRINCIPI

Dettagli