PROVINCIA DI CASERTA Settore Programmazione e Programmi Comunitari. L uropa finanzia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI CASERTA Settore Programmazione e Programmi Comunitari. L uropa finanzia"

Transcript

1 PROVINCIA DI CASERTA Settore Programmazione e Programmi Comunitari L uropa finanzia BOLLETTINO DI INFORMAZIONE SUI PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO COMUNITARI Luglio 2011

2 Programmi Comunitari a gestione diretta Nei fondi a gestione diretta, le risorse sono gestite ed erogate direttamente dalla Commissione e, conseguentemente, il rapporto contrattuale è tra la Commissione (o Agenzia dalla stessa direttamente delegata) e l'utilizzatore finale dei fondi. In sintesi: 1. la Commissione europea predispone dei Programmi di durata pluriennale; 2. la Commissione affida l'attuazione alle diverse Direzioni Generali (DG) sulla base delle rispettive competenze. L'assegnazione dei fondi avviene mediante bandi comunitari, i quali sono pubblicati periodicamente sulla Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea (GUUE) - serie C secondo due diverse procedure di aggiudicazione: call for proposals (sovvenzioni); Sovvenzioni = Partecipazione ad un progetto call for tenders (gare d'appalto). Appalti = Acquisti (Servizi - Forniture - Lavori) L Ufficio Europa e il centro d informazione Europe Direct Caserta hanno curato la stesura del bollettino L uropa finanzia analizzando esclusivamente le Call for proposals La Call for proposals è un Invito a presentare proposte e può considerarsi l atto finale di un processo normativo e di definizione politico programmatica svoltosi in seno agli organi comunitari iniziato molto tempo prima della sua pubblicazione. Si tratta di inviti che la Commissione pubblica sulla periodicamente GUUE (http://www.europa.eu.int/eur-lex/) al fine di dare esecuzione ad un Programma di finanziamento. Una call for proposals ha, generalmente, le seguenti caratteristiche: risponde alla finalità della Commissione di soddisfare l interesse diretto dei beneficiari (approccio dal basso); implica un co-finanziamento (i promotori del progetto proposto non ottengono un finanziamento al 100% delle spese eleggibili ma devono contribuire con fondi propri); prevede una procedura di aggiudicazione basata essenzialmente sulla qualità; implica per i partecipanti il perseguimento di una finalità istituzionale. I progetti sono selezionati sulla base dei criteri indicati esplicitamente nelle call. Alla pubblicazione del bando si accompagna, normalmente, la pubblicazione di una guida al proponente e di un formulario per la presentazione dei progetti nelle modalità e nei tempi richiesti. 2

3 BANDI APERTI Programmi Comunitari Call for proposals Categoria Educazione e Cultura Programma Invito a presentare proposte Descrizione Obiettivo generale Istruzione e Cultura - APPRENDIMENTO PERMANENTE- EAC/49/10 - (2010/ C 290/10) L invito a presentare proposte si fonda sulla decisione che istituisce il programma di apprendimento permanente per il periodo , adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio il 15 novembre 2006 (decisione n. 1720/2006/CE). Il suo obiettivo generale è contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le generazioni future (Strategia di Lisbona). In particolare si propone di promuovere, all'interno della Comunità, gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi d'istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale. Il Programma di apprendimento permanente rafforza e integra le azioni condotte dagli Stati membri, pur mantenendo inalterata la responsabilità affidata ad ognuno di essi riguardo al contenuto dei sistemi di istruzione e formazione e rispettando la loro diversità culturale e linguistica. La struttura si presenta come un insieme composto da: - 4 Programmi settoriali (o sotto-programmi) - un Programma Trasversale teso ad assicurare il coordinamento tra i diversi settori - il Programma Jean Monnet per sostenere l insegnamento, la ricerca e la riflessione nel campo dell integrazione europea e le istituzioni europee chiave. Struttura del programma 3

4 Il programma di apprendimento permanente si applica a tutti i tipi e livelli di istruzione, di insegnamento e di formazione professionali. I candidati devono essere stabiliti in uno dei seguenti paesi: - i 27 Stati membri dell'unione europea, Beneficiari Altre informazioni Importo disponibile Scadenza Link - i paesi SEE/EFTA: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera, - i paesi candidati: Croazia e Turchia. I progetti e le reti multilaterali istituiti nel quadro dei programmi Comenius, Erasmus, Leonardo da Vinci, Grundtvig e delle attività fondamentali del programma trasversale sono aperti anche a partner di paesi terzi che non partecipano già al programma di apprendimento permanente Si invita a consultare la guida LLP per i dettagli sulle azioni interessate e sulle modalità di partecipazione. Consultare il testo integrale «Invito generale a presentare proposte LLP Priorità strategiche» nonché la «guida del programma LLP 2011» milioni di EUR L'Invito generale a presentare proposte definisce nel concreto la partecipazione per il 2011 al Programma di apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), nei diversi Programmi settoriali: Comenius, Erasmus, Leonardo, Grundtvig, Trasversale e Jean Monnet. Formazione in servizio Comenius e Grundtvig 16 settembre 2011 Programma trasversale: Attività chiave 1 "Visite di studio" 14 ottobre

5 Programma Invito a presentare proposte Descrizione Obiettivo generale Istruzione e Cultura - GIOVENTU' IN AZIONE STRUTTURE DI SOSTEGNO PER LA GIOVENTÙ SOTTOAZIONE 4.3 (2011/C 165/09): -Migliorare la mobilità per la formazione degli operatori giovanili e il sostegno al lavoro nel settore giovanile per i giovani disoccupati- La call intende promuovere esperienze di apprendimento transnazionale a lungo termine per gli operatori giovanili, questa nuova azione sarà inoltre mirata a rafforzare le capacità delle strutture coinvolte nel progetto, che beneficeranno dell'esperienza e della nuova prospettiva apportata da un lavoratore giovanile proveniente da un ambiente diverso. Il presente invito agevolerà pertanto la creazione di reti tra le strutture giovanili in Europa e contribuirà a promuovere la priorità politica di sostenere, riconoscere e professionalizzare il lavoro nel settore giovanile quale strumento politico trasversale in Europa. Contribuirà,inoltre ad incoraggiare lo sviluppo di approcci o metodi innovativi con i quali gli operatori giovanili possono sostenere i giovani disoccupati nell'acquisire le conoscenze, le competenze e la fiducia necessarie per entrare nel mercato del lavoro. sostenere la mobilità e gli scambi tra gli operatori giovanili allo scopo di promuovere l'acquisizione di nuove capacità e competenze per arricchire il loro profilo professionale nel settore giovanile. - offrire agli operatori giovanili l'opportunità di sperimentare una diversa realtà lavorativa in un altro paese, - acquisire una migliore comprensione della dimensione europea del lavoro nel settore giovanile, - migliorare le competenze professionali, interculturali e linguistiche degli operatori giovanili, Obiettivi specifici - promuovere lo scambio di esperienze e di metodi per quanto riguarda il lavoro nel settore giovanile e l'istruzione non formale in Europa, - contribuire a creare partenariati più solidi e di migliore qualità tra le organizzazioni giovanili in tutta Europa, - rafforzare la qualità e il ruolo del lavoro nel settore giovanile in Europa. Attività Il progetto deve prevedere attività di natura non lucrativa correlate al settore della gioventù e dell'istruzione non formale. I progetti devono iniziare tra il 1 gennaio 2012 e il 1 giugno 2012,avranno una durata massima di 12 mesi. La mobilità avrà una durata minima di 2 mesi e una durata massima di 6 mesi Le proposte devono essere presentate da organizzazioni a scopo non lucrativo. Tali organizzazioni possono essere: Beneficiari - organizzazioni non governative (ONG), - organismi attivi a livello europeo (ENGO) nel settore della gioventù che abbiano organizzazioni affiliate in almeno otto (8) paesi aderenti al programma «Gioventù in azione», 5

6 - enti pubblici regionali o locali. I candidati devono essere legalmente residenti da almeno due (2) anni in uno dei paesi aderenti al Programma. I paesi del Programma sono i seguenti: - gli Stati membri dell'unione europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito; Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, - gli Stati dell'associazione europea di libero scambio (EFTA): Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera, - i paesi candidati che beneficiano di una strategia di preadesione conformemente ai principi generali, nonché alle condizioni e modalità generali stabilite negli accordi quadro conclusi con questi paesi, in vista della loro partecipazione ai programmi comunitari: Croazia e Turchia. La sovvenzione massima sarà pari a EUR. Modalità di partecipazione Le modalità di partecipazione sono reperibili all indirizzo: Scadenza 01/09/2011 Importo complessivo disponibile link 6

7 Programma Invito a presentare proposte Istruzione e Cultura - GIOVENTU' IN AZIONE EAC/57/10 - PROGRAMMA GIOVENTU' IN AZIONE (2010/C 333/09) Gli obiettivi generali definiti nella decisione che istituisce il Programma Gioventù in azione sono i seguenti: - promuovere la cittadinanza attiva dei giovani, in generale, e la loro cittadinanza europea in particolare, Obiettivo generale - sviluppare la solidarietà e promuovere la tolleranza tra i giovani, segnatamente per rafforzare la coesione sociale dell'unione europea, - favorire la comprensione reciproca tra giovani in paesi diversi, - contribuire a sviluppare le possibilità di sostenere le attività dei giovani e la capacità degli organismi della società civile in campo giovanile, - favorire la cooperazione europea nel settore della gioventù. Gli sopra elencati obiettivi generali verranno attuati a livello di progetto tenendo conto delle priorità permanenti di seguito illustrate: - cittadinanza europea, - partecipazione dei giovani, - diversità culturale, - inserimento di giovani svantaggiati. Oltre alle suddette priorità permanenti, per il programma Gioventù in azione si possono fissare una serie di priorità annuali e trasmetterle ai siti web della Commissione, dell'agenzia esecutiva e delle agenzie nazionali. Priorità Per il 2011, le priorità annuali sono le seguenti: - l'anno europeo del volontariato, questa priorità mira a incoraggiare i progetti che sensibilizzano ai valori e all'importanza del volontariato come forma d'impegno partecipe e come strumento che sviluppa o migliora una serie di competenze per lo sviluppo personale, sociale e professionale, - disoccupazione giovanile, questa priorità mira a incoraggiare progetti che promuovono l'accesso dei giovani disoccupati al programma Gioventù in azione. Sarà data precedenza anche a progetti che affrontano le questioni della disoccupazione giovanile e/o capaci di stimolare la mobilità dei giovani disoccupati e la partecipazione attiva alla società, - una crescita capace di integrare, questa priorità mira a sostenere progetti che affrontano le questioni della povertà e della 7

8 marginalizzazione e che additano nei giovani la necessità di impegnarsi per affrontarle per una società capace di integrare. In questo contesto, sarà data particolare importanza all'integrazione dei giovani migranti, invalidi ed, eventualmente, di etnia rom, - sfide globali dell'ambiente e mutamenti climatici, questa priorità sostiene progetti miranti a sensibilizzare e mobilitare la gioventù sulle sfide globali dell'ambiente e sui mutamenti climatici, con l'obiettivo di incoraggiare lo sviluppo di competenze e di comportamenti «verdi» fra giovani e lavoratori (giovani) affinché si impegnino per una crescita più sostenibile, - creatività e spirito imprenditoriale, questa priorità sostiene progetti - soprattutto iniziative giovanili - volte a stimolare lo spirito d'iniziativa dei giovani, la loro capacità di pensiero immaginifico e originale, la loro disponibilità ad assumersi responsabilità e la loro ingegnosità nel raggiungere obiettivi economici, politici, sociali o ambientali, - l'anno della gioventù EU-Cina (solo per l'azione 2), Inoltre, nell'ambito delle azioni aperte alla cooperazione con altri paesi partner del mondo, sarà dedicata particolare attenzione a progetti che promuovano il dialogo, la cooperazione e gli scambi giovanili tra Unione europea e Cina, come mezzo per contribuire all'anno della gioventù UE - Cina per il La call prevede il sostegno alle seguenti azioni e sottoazioni : Azione 1 - Gioventù per l'europa - Sottoazione Scambi di giovani (durata fino a 15 mesi); - Sottoazione Iniziative per la gioventù(durata da 3 a 18 mesi); - Sottoazione Progetti gioventù e democrazia (durata da 3 a 18 mesi) Azione 2 - Servizio europeo per il volontariato L'azione sostiene la partecipazione dei giovani a varie forme di attività di volontariato, sia all'interno che all'esterno dell'unione europea. Nell'ambito di questa azione, i giovani partecipano, individualmente o in gruppi, ad attività di volontariato non retribuite, all'estero (durata fino a 24 mesi). Attività Azione 3 - Gioventù nel mondo - Sottoazione Cooperazione con i paesi limitrofi dell'unione europea (durata fino a 15 mesi): questa azione sostiene progetti con paesi partner limitrofi, in particolare progetti per lo scambio di giovani, di formazione e di interconnessione nel campo della gioventù. Azione 4 - Strutture di sostegno per la gioventù - Sottoazione Formazione e collegamenti tra coloro che operano nel campo dell'animazione e delle organizzazioni giovanili (durata da 3 a 18 mesi): questa azione sostiene in particolare scambi di esperienze, di competenze e di pratiche esemplari nonché di attività che possano portare a progetti di lunga durata, cooperazioni e attività in rete. 8

9 Azione 5 - Sostegno alla cooperazione europea nel settore della gioventù - Sottoazione Incontri fra giovani e responsabili delle politiche giovanili (durata da 3 a 9 mesi): essi mirano a sostenere la cooperazione, i seminari e il dialogo strutturato tra i giovani, gli animatori giovanili e i responsabili della politica per la gioventù -Organizzazioni senza scopo di lucro o non governative, - organismi pubblici locali e/o regionali, - gruppi giovanili informali, - enti attivi a livello europeo nel campo della gioventù, - organizzazioni internazionali senza scopo di lucro, - organizzazioni commerciali che organizzano una manifestazione nel campo della gioventù, dello sport o della cultura. Beneficiari I candidati devono essere residenti in un paese che partecipa al programma o in un paese partner limitrofo nei Balcani occidentali: a) Stati membri della UE; b) Stati membri dell'efta che partecipino all'accordo sul SEE, in conformità alle disposizioni di tale accordo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia); c) paesi candidati per i quali sia in atto una strategia di preadesione, in conformità ai principi generali e alle condizioni e modalità generali stabiliti dagli accordi quadro conclusi con tali paesi ai fini della loro partecipazione ai programmi comunitari (Turchia e Croazia); d) Svizzera; e) paesi terzi che abbiano firmato accordi con la Comunità nel campo della gioventù Modalità di partecipazione Le candidature vanno presentate seguendo le modalità ed i termini indicati sulla Gazzetta Ufficiale reperibile al seguente indirizzo: Scadenza 01/11/2011 Importo complessivo disponibile link 9

10 Programma -Istruzione e Cultura - AZIONE PREPARATORIA Invito a presentare proposte Descrizione Obiettivo generale NEL SETTORE DELLO SPORT- EAC/18/11 - (2011/C 131/09)-DG Istruzione e della cultura «Unità sport» L invito sostiene l esecuzione dell'azione preparatoria nel settore dello sport decisione della Commissione, che adotta il programma di lavoro annuale 2011 in materia di sovvenzioni e appalti per l'azione preparatoria nel settore dello sport e per eventi speciali annuali. I progetti devono preparare future azioni dell'ue nel settore dello sport,in base alle indicazioni del Libro Bianco 2007 sullo sport e la comunicazione 2011 «Sviluppare la dimensione europea dello sport. Favorire progetti transnazionali proposti da organismi pubblici o da organizzazioni senza scopo di lucro al fine di individuare e testare adeguate reti e prassi ottimali nel settore dello sport riguardo ai seguenti aspetti: Obiettivo specifico prevenzione e lotta contro la violenza e l'intolleranza nello sport; promozione di approcci innovativi per rafforzare l'organizzazione dello sport in Europa; Il programma è aperto ai seguenti candidati: Beneficiari Modalità partecipazione Enti pubblici; oppure un'organizzazione non a scopo di lucro Il candidato deve avere uno statuto giuridico e la propria sede sociale in uno degli Stati membri dell'unione europea. Le persone fisiche non possono partecipare all invito. Il finanziamento dell'ue sarà previsto fino a un massimo dell'80 % dei costi ammissibili complessivi.costi relativi al personale non possono superare il 50 % dei costi ammissibili complessivi. Non sono accettati come cofinanziamento i contributi in natura.il periodo di ammissibilità dei costi corrisponde alla durata del progetto che devono iniziare tra il 1 o dicembre 2011 e il 31 marzo 2012 ed essere ultimati entro il 30 giugno Importo disponibile EUR Scadenza 29/07/2011 link 10

11 Programma Invito a presentare proposte Descrizione Obiettivo generale Beneficiari Attività Modalità partecipazione Importo disponibile Scadenza link Istruzione e Cultura - EUROPA PER I CITTADINI EUROPA PER I CITTADINI AZIONE 1 MISURA 1.2 COLLEGAMENTO IN RETE TELEMATICO TRA CITTA GEMELLATE L invito sostiene la formazione di reti istituite sulla base dei legami fra città gemellate. Il gemellaggio rappresenta un legame molto forte tra municipalità; pertanto, il potenziale delle reti creato dai vari collegamenti di gemellaggio dovrebbe essere usato per sviluppare cooperazioni tematiche e durature tra città. La Commissione sostiene lo sviluppo di tali reti per assicurare una cooperazione strutturata, intensa e variegata e contribuire a massimizzare l'impatto del programma. I progetti devono fungere da punto di partenza per iniziative e azioni future tra le città coinvolte, sulle questioni trattate o eventualmente altre questioni di interesse comune. Il programma è aperto a tutti i promotori che risiedano in uno dei paesi partecipanti al programma e siano: una municipalità; oppure un ente locale/regionale; oppure una federazione/associazione di enti locali; oppure un'organizzazione non a scopo di lucro o un comitato di gemellaggio con personalità giuridica che rappresenti gli enti locali. È necessario che il candidato sia stabilito in uno dei paesi partecipanti al programma:gli Stati membri dell'unione europea,la Croazia, l'albania, l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia. Le attività devono avere un gruppo di riferimento ben definito per il quale il tema scelto è particolarmente rilevante e devono coinvolgere i membri della comunità attivi nell'ambito selezionato (esperti, associazioni locali, cittadini e gruppi di cittadini, direttamente interessati al tema, ecc.). Si devono prevedere almeno 3 eventi per progetto e devono prendervi parte municipalità di almeno 4 (quattro) paesi partecipanti, di cui almeno uno sia uno Stato membro dell'unione europea. Del progetto devono far parte come minimo 30 partecipanti internazionali provenienti dalle municipalità invitate. La durata massima del progetto è di 24 mesi e la durata massima di ciascun evento è di 21 giorni. Verranno prese in considerazione soltanto le proposte presentate utilizzando il modulo di candidatura ufficiale (modulo elettronico) debitamente compilato e firmato dalla persona autorizzata ad assumersi impegni giuridicamente vincolanti a nome del candidato. Il modulo è disponibile in inglese, francese e tedesco, ma può essere completato in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell'unione europea EUR- importo massimo ammissibile EUR -importo minimo ammissibile. Il calcolo della sovvenzione è basato su tassi forfetari 01/09/2011 (per progetti con inizio tra il 1 gennaio al 30 maggio 2012) 11

12 Programma Invito a presentare proposte Descrizione Obiettivo generale Categoria Aiuto Umanitario Cooperazione allo sviluppo Cooperazione EuropeAid - DG Allargamento NSA/LA COOPERAZIONE, SINERGIE E DIALOGO STRUTTURATO NELL AMBITO DELLA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO TRA LE RETI DELLA SOCIETÀ CIVILE, LE LORO ORGANIZZAZIONI E LE ISTITUZIONI DELL UE EuropeAid/131142/C/ACT/Multi Il presente invito è lanciato, nel quadro del Programma " Attori non statali e autorità locali nello sviluppo " (NSA-LA), introdotto nel 2007 e nello specifico nell'ambito dell'obiettivo 3 : "sostegno alle azioni volte a facilitare una cooperazione più efficace, a stimolare sinergie e a facilitare un dialogo strutturato nel campo della cooperazione allo sviluppo tra le reti della società civile e le associazioni delle autorità locali dell'ue e dei Paesi aderenti con le istituzioni dell'unione europea" Sostenere le azioni volte a facilitare un dialogo strutturato tra le reti europee della società civile che operano nell'ambito della cooperazione allo sviluppo al di fuori dell'ue e le istituzioni dell'ue nonche' a rafforzare le piattaforme di rappresentanza. migliorare il coordinamento ed il dialogo tra le piattaforme europee degli Attori non statali e le Istituzioni europee Obiettivi specifici rafforzare tali piattaforme organizzate a livello europeo nella loro capacità di riunire le posizioni dei loro membri e agire come partner strategico per le istituzioni dell'ue I candidati devono essere: Beneficiari Modalità di partecipazione essere persone giuridiche e senza scopo di lucro essere attori non statali (NSA) o rappresentanti di una piattaforma NSA essere cittadini di uno Stato membro dell'unione europea o di un paese aderente essere direttamente responsabile della preparazione e gestione dell'azione con i propri partner e non limitarsi ad agire come intermediari Tutte le richieste di sovvenzione devono essere comprese tra un importo minimo di ed un importo massimo di La percentuale concessa per qualsiasi sovvenzione richiesta, non potrà superare il 75% dei costi totali ammissibili.la durata prevista totale di un'azione non può essere inferiore a 12 mesi né superiore a 36 mesi.essendo un invito "ristretto", inizialmente devono essere sottoposte a valutazione solo le concept notes e solo successivamente, i candidati le cui concept note sono state pre-selezionate, saranno invitati a presentare un modulo completo di domanda. La rilevanza costituirà il criterio principale per la valutazione delle proposte. La concept note deve essere presentata in una delle seguenti lingue dell'unione europea:inglese, francese, spagnolo o portoghese. 12

13 La concep note, la lista di controllo (Parte A sezione III), così come la dichiarazione del richiedente (Parte A sezione IV), devono essere inviate unicamente per all'indirizzo I richiedenti possono inviare le loro richieste di informazioni ulteriori all'indirizzo di seguito riportato, indicando il numero di riferimento dell'invito Costo ammissibile per il finanziamento Scadenza 15/9/2011 link N.B. il link indicato apre la pagina del programma Europe Aid funding. Per la ricerca specifica della call si deve accedere alla sezione call for proposals & Procurement notices e successivamente alla sezione search by reference in cui va inserito il numero di riferimento dell invito. 13

14 Programma Invito a presentare proposte Obiettivo generale Obiettivi specifico Cooperazione EuropeAid - DG Allargamento PROGRAMMA IPA AMPLIARE LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA COMUNITÀ PROGRAMMA OPERATIVO PER LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE - SECONDA VERSIONE (EuropeAid/131524/M/ACT/HR) Migliorare le opportunità occupazionali e sostenere l'ulteriore sviluppo dei servizi sociali Sostenere l'inclusione sociale delle persone svantaggiate attraverso lo sviluppo di comunità e servizi sociali Lotto 1. sviluppo di servizi che consentano l'autonomia delle persone in difficoltà e sviluppino le loro competenze indispensabili per il mercato del lavoro così come per altri settori della vita; Lotto 2. sviluppo di servizi che consentano un migliore equilibrio tra lavoro e famiglia, delle famiglie con persone non autosufficienti a carico Priorità I gruppi di riferimento sono: a) persone in situazione di svantaggio, che includono tra le altre: persone anziane e inferme, malati mentali, persone con disabilità, ex tossicodipendenti, senzatetto, vittime della violenza familiare, bambini con assistenza familiare inadeguata, i bambini con problemi comportamentali; b) famiglie con familiari a carico non autosufficienti. I candidati devono essere direttamente responsabili della preparazione e gestione dell'azione con i propri partner e non agire come intermediari: a) essere persone giuridiche. b) essere specifici tipi di organizzazioni: - organizzazioni non governative, organizzazioni non-profit, - enti pubblici (esclusi ministeri e uffici governativi), autorità locali e regionali, Beneficiari - enti privati, aziende private, cooperative, enti locali e agenzie di sviluppo regionale; - organizzazioni internazionali (inter-governative), come definiti dall'articolo 43 del regolamento finanziario CE ; - appartenere ad uno Stato membro dell'unione europea o all'albania, alla Bosnia- Erzegovina, alla Croazia, al FYROM, al Montenegro, alla Serbia, alla Turchia e al Kosovo ai sensi della risoluzione 1244/99 del Consiglio di sicurezza dell'onu, ai paesi che sono beneficiari della politica europea di vicinato e partenariato, ai paesi del SEE. 14

15 Modalità di partecipazione Le azioni devono aver luogo in Croazia. Ogni finanziamento richiesto deve essere compreso tra un importo minimo di ed un importo massimo La percentuale minima e massima finanziabile: 70% e 90% dei costi totali ammissibili. Un'azione/progetto è composta da un insieme di attività la cui durata prevista non può essere inferiore a 15 (quindici) mesi né superiore a 18 (diciotto) mesi.questa call è un invito a presentare proposte ristretto. Difatti in un primo momento andrà presentata, ai fini della valutazione, solo la concept note; successivamente, i candidati la cui concept note è stata stata pre-selezionata saranno invitati a presentare un modulo completo di domanda. A seguito della valutazione delle domande intera, sarà eseguito un controllo di ammissibilità per quelle che sono provvisoriamente selezionate Costo ammissibile per il finanziamento Per i progetti relativi al Lotto 1 : Euro Per i progetti relativi al Lotto 2: Euro Scadenza 29/8/2011 link N.B. il link indicato apre la pagina del programma Europe Aid funding. Per la ricerca specifica della call si deve accedere alla sezione call for proposals & Procurement notices e successivamente alla sezione search by reference in cui va inserito il numero di riferimento dell invito. 15

16 Programma Invito a presentare proposte Descrizione Obiettivo generale Cooperazione EuropeAid - DG Allargamento EURO-MED YOUTH PROGRAMME IV ENPI SOUTH REGION EuropeAid/131261/L/ACT/PS Il Programma Euro - Med Gioventu' é un programma regionale che promuove la mobilità dei giovani e la comprensione tra i popoli; si concentra sulle attività di promozione dell'istruzione non formale, dell'apprendimento interculturale e della cittadinanza attiva tra giovani, animatori e operatori giovanili che operano nel quadro delle organizzazioni giovanili e civili. Il programma è stato progettato per facilitare incontri, partenariati e reti nell'ambito della cooperazione euromediterranea Sostenere e rafforzare la partecipazione e il contributo delle organizzazioni giovanili e dei giovani della regione euro-mediterranea per lo sviluppo della società civile e della democrazia. Obiettivi specifici stimolare e incoraggiare la comprensione reciproca tra i giovani all'interno della regione euro mediterranea e lottare contro gli stereotipi e pregiudizi; promuovere la cittadinanza attiva tra i giovani e migliorare il loro senso di solidarietà contribuire allo sviluppo delle politiche giovanili nei diversi paesi partner 1. scambi di giovani, progetto basato su un partenariato transnazionale tra due o più organizzazioni di diversi paesi. Riunisce, per un determinato periodo di vita, gruppi di giovani, offrendo loro l'opportunità di: - partecipare alle attività in cui possono discutere e condividere temi di interesse comune; - scoprire ed essere a conoscenza di realtà sociali e culturali differenti; - imparare gli uni dagli altri, scoprire ed esplorare le similitudini e le differenze tra le culture. Azioni Uno scambio di giovani richiede l'attiva partecipazione di tutti i gruppi di giovani nella preparazione e nella realizzazione delle attività. La durata totale del progetto non può superare i 6 mesi dalla firma del contratto di sovvenzione; la durata totale dello scambio va da un minimo di 6 giorni ad un massimo di 21 giorni, esclusi i giorni di viaggio. I partecipanti devono avere un'età compresa tra i 15 anni ed i 25 anni 2. servizio volontario, progetto che offre ai giovani una possibilità di svolgere un'attività di volontariato a lungo o breve termine in uno degli 8 paesi/territori ENPI. Il volontario è ospitato in una particolare organizzazione del paese ENPI del mediterraneo, che ha precise missioni da realizzare. Il volontariato permette ai volontari di esprimere la loro solidarietà, di acquisire una preziosa esperienza interculturale, di sviluppare nuove competenze e promuovere la tolleranza tra i giovani e la cittadinanza attivala durata totale del progetto non può superare i 12 mesi dalla firma del contratto di sovvenzione; la durata totale del servizio volontario va da un minimo di 3 mesi ad un massimo 12 mesi. I 16

17 partecipanti devono avere un'età compresa tra i 18 ed i 30 anni 3. formazione dei giovani e networking, progetti che sostengono la formazione di coloro che sono attivi nelle organizzazioni del lavoro giovanile della regione euro-mediterranea (animatori, istruttori giovanili, giovani) In particolare, promuovono lo scambio di esperienze, competenze e buone pratiche nonché attività che portano a progetti di qualità sostenibile, partnership e reti. Il tipo di attività che rientrano sotto questa voce sono: visite di studio, attività di partenariato, seminari e corsi di formazione La durata totale del progetto non può superare i 6 mesi dalla firma del contratto di sovvenzione; la durata totale dell'attività di formazione e networking varia a seconda che sia: - visita di studio: da un minimo di 3 ad un massimo di 5 giorni, esclusi i giorni di viaggio - attività di partenariato: da un minimo di 3 ad un massimo di 5 giorni, esclusi i giorni di viaggio - seminari: da un minimo di 4 ad un massimo di 6 giorni, esclusi i giorni di viaggio - corsi di formazione: da un minimo di 5 ad un massimo di 8 giorni, esclusi i giorni di viaggio I candidati devono essere: Beneficiari specifiche organizzazioni quali: organizzazioni o istituzioni non governative, operatori del settore pubblico, enti locali, organizzazioni coinvolte nel settore giovanile e dell'istruzione non formale (come associazioni giovanili, autorità locali che lavorano con i giovani ecc), essere senza scopo di lucro essere direttamente responsabile della preparazione e gestione dell'azione e non agire in qualità di intermediario I paesi partecipanti: 8 Paesi/territori ENPI del mediterraneo: Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Autorità di Palestina, Tunisia 27 Stati membri dell'ue 17

18 Modalità di partecipazione La Commissione finanzierà un minimo del 50% ed un massimo dell'80% del totale stimato dei costi ammissibili dell'azione.qualsiasi sovvenzione concessa ai sensi del presente invito a presentare proposte deve essere compresa tra un importo minimo di ed un importo massimo di Ogni progetto finanziato deve essere coordinato da un candidato appartenente ad un Paese/territorio ENPI del mediterraneo (Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Autorità palestinese, Tunisia) e comprenderà almeno un partner europeo tra i 27 Stati membri dell'unione europea Importo disponibile ,00. Scadenza 01/01/2013 link * N.B. il link indicato apre la pagina del programma Europe Aid funding. Per la ricerca specifica della call si deve accedere alla sezione call for proposals & Procurement notices e successivamente alla sezione search by reference in cui va inserito il numero di riferimento dell invito. 18

19 Categoria Programma Invito a presentare proposte Descrizione Obiettivo generale Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità -DGEMPLOYMENT PROGRESS PARES-SERVIZI PUBBLICI PER L'OCCUPAZIONE E L'IMPIEGO - BUDGET LINE VP/2011/005 La Commissione ha deciso di istituire, nell'ambito dell' "Agenda per le nuove competenze e posti di lavoro ", un'iniziativa denominata PARES che prevede la realizzazione di partnership tra pubblico, privato e servizi per l'impiego per favorire un dialogo a livello UE Riunire tutti i servizi per l'impiego, al fine di migliorare la la cooperazione tra loro e per definire ulteriormente i campi in cui essi possono fornire servizi complementari. Obiettivi prioritari PARES non si prefigge di aumentare ulteriormente la pressione concorrenziale tra servizi per l'impiego bensì come la cooperazione può essere ulteriormente migliorata e come la complementarietà delle loro offerte di servizi può essere ulteriormente sviluppata. -Stati membri dell'ue, Beneficiari -paesi EFTA / SEE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein), -paesi candidati UE (Croazia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Turchia) - potenziali candidati (Serbia); Modalità di partecipazione Importo disponibile Scadenza La domanda deve essere presentata da un singolo richiedente. Il candidato firmerà la convenzione di sovvenzione con la Commissione, riceverà e gestirà la sovvenzione della Commissione e sarà responsabile dell'attuazione e riferirà alla Commissione sui progressi del progetto complessivo. Il co-finanziamento previsto è massimo l'80%del totale dei costi ammissibili del progetto,invece la durata di ogni progetto è al massimo di 18 mesi. Le proposte devono essere presentate, preferibilmente in inglese, francese o tedesco, per via elettronica on-line e inviate per posta in 3 copie (1 originale e 2 copie) /08/2011 link 19

20 Programma Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità -DGEMPLOYMENT Invito a presentare proposte Obiettivo generale INFORMAZIONE, CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DELLE IMPRESE LINEA DI BILANCIO VP/2011/003 - La finalità della linea di bilancio è di finanziare operazioni al fine di garantire le condizioni per promuovere lo sviluppo della partecipazione dei lavoratori nelle imprese, coinvolgendo i lavoratori nella società europea,rafforzare la cooperazione transnazionale tra i lavoratori riguardo all'informazione, consultazione e partecipazione nelle imprese operanti in più di uno Stato membro. Può essere finanziata anche la creazione di punti di informazione e di osservazione volti ad informare e assistere le parti sociali e le imprese ad istituire la consultazione transnazionale e a favorire i rapporti con le istituzioni comunitarie. Due categorie di progetti saranno finanziati nell'ambito di questa linea di bilancio: Tipo I: progetti di cooperazione transnazionale,con i seguenti obiettivi prioritari : Obiettivi prioritari promuovere azioni volte a preparare l'informazione, la consultazione e le strutture di partecipazione nel contesto della società europea, promuovere lo scambio di informazioni e buone prassi volte a creare favorevoli condizioni per la costituzione di informazione, consultazione e partecipazione all'interno delle imprese promuovere azioni transnazionali che coinvolgano i rappresentanti dei nuovi Stati membri ed i paesi candidati in materia di informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori; Tipo II: Informazioni e punti di osservazione,con i seguenti obiettivi prioritari: fornire sostegno alla preparazione, al lancio e al monitoraggio della cooperazione transnazionale, progetti nel campo dell'informazione, della consultazione e della partecipazione dei lavoratori; monitorare, analizzare e valutare l'esperienza per la definizione di organi rappresentativi transnazionali a livello di impresa e la misura in cui siano stati effettivamente rispettati gli obiettivi in materia di informazione, consultazione e partecipazione all'interno di tali organismi. Tipo I - progetti di cooperazione transnazionale : conferenze, seminari, brevi azioni di formazione e scambio di informazioni e di buone prassi che coinvolgano lavoratori 'e / o datori di lavoro documenti di analisi su temi legati alle strutture riguardanti i lavoratori 'e datori di lavoro, il dialogo sociale a livello di impresa in un contesto di cooperazione transnazionale; siti web, pubblicazioni, newsletter e altri mezzi per la diffusione di informazioni. Attività Tipo II - Informazioni e punti di osservazione Helpdesk e assistenza ai progetti di cooperazione transnazionali presentati da parte dei lavoratori e / o datori di lavoro rappresentanti, così come l'osservazione delle esperienze in materia di organi rappresentativi transnazionali. Le attività di tali strutture possono comprendere studi, rapporti e banche dati, relative all' informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori, così come siti web, pubblicazioni, newsletter e altri mezzi per la diffusione di informazioni.la durata massima di un'azione è di 12 mesi. La Commissione sosterrà il costo del progetto min.20%. Non saranno ammissibili le proposte che richiedono un finanziamento di oltre l''80% dei costi ammissibili. 20

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

Gioventù in Azione Guida al Programma

Gioventù in Azione Guida al Programma Gioventù in Azione Guida al Programma Valida dal 1 gennaio 2013 Sommario INTRODUZIONE... 1 SEZIONE A INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA GIOVENTÙ IN AZIONE... 3 1. Quali sono gli obiettivi, le priorità

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale

Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Guida ai finanziamenti europei per la progettazione sociale Schede dei principali Programmi co-finanziati dall UE per la realizzazione di progetti sociali A cura di Progetti Sociali s.r.l. Impresa Sociale

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n.

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 6.10.2011 COM(2011) 607 definitivo 2011/0268 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Erasmus+ Guida al Programma

Erasmus+ Guida al Programma Erasmus+ Guida al Programma In caso di conflitto di interpretazioni tra versioni in lingue diverse, fa fede il testo in lingua inglese Versione 1 (2015): 01/10/2014 INDICE INTRODUZIONE... 7 PARTE A -

Dettagli

ForAge Il primo Rapporto annuale

ForAge Il primo Rapporto annuale ForAge Il primo Rapporto annuale Cos'é ForAge E' una rete multilaterale europea che ha lo scopo, per contribuire ad alti livelli qualitativi nella ricerca e nella pratica, di informare su tutto quanto

Dettagli

Il contenuto di questa pubblicazione può essere riprodotto per fini non commerciali, citando chiaramente la fonte. Contatti: redazionellp@indire.

Il contenuto di questa pubblicazione può essere riprodotto per fini non commerciali, citando chiaramente la fonte. Contatti: redazionellp@indire. Elena Maddalena Agenzia nazionale LLP, Unità Comunicazione Coordinamento editoriale: Sara Pagliai, Coordinatrice Agenzia nazionale LLP Pubblicazione a cura di: Elena Maddalena Elaborazione dati: Paolo

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Il contenuto di questa pubblicazione non riflette l opinione ufficiale dell Unione europea. La responsabilità delle informazioni in

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

di dott.ssa Letizia Massa

di dott.ssa Letizia Massa 1 Il diritto alla cultura nel diritto comunitario di dott.ssa Letizia Massa SOMMARIO: -1. Premessa generale; -2. L'Unione Europea e l'istruzione; -3. Diritti umani nell'ue; diritto all'istruzione come

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA C 17/10 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 20.1.2015 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA INVITO A PRESENTARE PROPOSTE Linee guida EACEA 03/2015 Iniziativa Volontari dell Unione

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. che istituisce il programma Europa creativa. (Testo rilevante ai fini del SEE)

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. che istituisce il programma Europa creativa. (Testo rilevante ai fini del SEE) COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23.11.2011 COM(2011) 785 definitivo 2011/0370 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che istituisce il programma Europa creativa (Testo rilevante

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 Bruxelles, 8 gennaio 2014 0 INDICE PREMESSA... 2 I - I PRINCIPALI PROGRAMMI DELL UE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE... 3 1. I FINANZIAMENTI

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Febbraio 2011 Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Sintesi e Raccomandazioni Per il testo integrale del rapporto si rimanda a: www.epsu.org/a/7431 A cura di Jane Lethbridge, PSIRU

Dettagli

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione L Europa sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO 21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO Relativo alle condizioni e modalità d'ammissione della Repubblica di Bulgaria e della Romania all'unione europea LE ALTE PARTI CONTRAENTI,

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione VERSO UNA CULTURA DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO ORGANIZZZIONE PER LA COOPERAZIONE

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO 01

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli