- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea"

Transcript

1 Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno scambio di giovani attraverso l azione del Programma Gioventù in Azione Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea 1.1 PREMESSA l'associazione Interculturale "NUR", fondata nell'ottobre '99, opera come Agenzia Regionale di invio e accoglienza accreditata presso l Agenzia Nazionale Italiana nel quadro del programma della Commissione Europea Gioventù in Azione, programma volto alla promozione di occasioni di educazione non formale attraverso l interculturalità. In generale nel settore dei programmi europei per i giovani, che rappresentano il campo di intervento principale della nostra associazione, le competenze personali dei singoli soci ci hanno infatti già valso a livello individuale numerosi riconoscimenti (tra cui un premio europeo per il miglior progetto di volontariato giovanile in Europa) e la richiesta di informazioni e di veri e propri seminari brevi di divulgazione da parte di diversi Enti, seminari tenuti dai soci. In quest ottica vogliamo offrire ai ragazzi la possibilità di un accesso completo alle informazioni, un orientamento adeguato e la strumentazione necessaria per comprendere appieno e gestire autonomamente le possibili esperienze nel mondo dell educazione non formale in ambito interculturale. La nostra associazione offre agli enti locali un format di coinvolgimento e animazione giovanile volto a realizzare percorsi di educazione non formale, specialmente mirati allo sviluppo di una cittadinanza europea consapevole ed attiva. 1

2 1.2 OBIETTIVI GENERALI Favorire l apertura mentale dei giovani nei confronti delle differenze culturali e sociali Orientare i giovani agli sbocchi di formazione non formale Favorire la nascita del senso di appartenenza all Europa promuovendo la cittadinanza attiva dei partecipanti Favorire l accesso ai programmi giovanili europei e ai canali di mobilità giovanile in Europa Incrementare le capacità di progettazione di iniziative giovanili Favorire lo sviluppo dell associazionismo 1.3 METODOLOGIA Lezioni teoriche / Simulazioni / Didattica ludica e attiva Sono previste lezioni teoriche e simulazioni basate sulla tecnica del learning by playing. La metodologia didattica sarà principalmente volta a sviluppare le capacità di intervento dei partecipanti rispetto agli specifici temi di analisi e discussione e comprenderà in particolare lo studio di situazioni reali e simulazioni. Si tratterà non tanto di acquisire delle nozioni, quanto di sviluppare l apertura verso lo scambio e la comunicazione interculturale attraverso la massima partecipazione ed un coinvolgimento attivo nelle attività previste. 1.4 RISORSE E STRUMENTI L esperienza pluriennale dei nostri animatori nell ambito degli scambi e dei programmi giovanili europei maturata nella quotidiana attività presso l associazione sarà la risorsa principale a disposizione durante il progetto. Una serie di dispense sui vari argomenti verranno distribuite ai ragazzi e saranno proiettati alcuni video per i quali si richiede al Comune l uso di un televisore o di un videoproiettore e di un videoregistratore. Durante alcune attività di simulazione saranno necessari spazi adeguati e l uso di più ambienti contemporaneamente. Nella fase finale potrà essere necessario l utilizzo di strutture informatiche. 2

3 1.5 ATTIVITA Durata Modulo Contenuti (ore) 1 Introduzione Presentazione operatori e programma del corso. Formazione interculturale Attraverso una serie di discussioni guidate, analisi e simulazioni 12 verranno toccati gli aspetti principali della interculturalità 2 L Europa Esame delle strutture istituzionali e dei principi guida alla base delle politiche della cittadinanza europea 2 I programmi giovanili Esame dettagliato delle varie forme di impegno giovanile, 6 Gli strumenti della progettazione formazione informale e mobilità giovanile disponibili attraverso i programmi UE e le principali organizzazioni di volontariato Attraverso un percorso guidato nelle metodologie di progettazione si arriverà a realizzare una simulazione di progetto europeo eventualmente in seguito suscettibile di essere realmente presentato in maniera autonoma dagli stessi ragazzi al di fuori della loro attività scolastica istituzionale 2 Valutazione La valutazione verrà strutturata su due momenti differenti. La valutazione di metà percorso, attraverso una discussione aperta, per monitorare i problemi e i desideri dei ragazzi ed eventualmente per reimpostare il percorso di lavoro e, se possibile, ottimizzare la metodologia di lavoro. La valutazione finale, attraverso un questionario finale, per giudicare i risultati complessivi. 1.6 TEMPI DI REALIZZAZIONE E FINANZIAMENTO RICHIESTO Tempi di realizzazione: da definire, entro il 2007 fino al completamento delle 25 ore di attività previste. Finanziamento richiesto: Soggetto proponente: Associazione Culturale NUR 3

4 Progettazione e realizzazione di uno scambio di giovani attraverso l azione del Programma Gioventù in Azione 2.1 PREMESSA La Commissione Europea, il Parlamento Europeo e gli Stati membri dell'unione Europea hanno istituito congiuntamente il programma di azione comunitaria GIOVENTÙ IN AZIONE, che definisce il quadro normativo a sostegno delle attività educative non formali per i giovani. Il programma Gioventù in Azione, perseguendo gli scopi del programma Gioventù , si fonda sui pilastri della promozione dell educazione non formale ed informale, della promozione della cittadinanza attiva e della cittadinanza europea, della lotta ad ogni forma di razzismo e xenofobia. Il programma offre ai giovani occasioni di mobilità e di partecipazione attiva alla costruzione dell'europa. Esso mira a contribuire alla realizzazione di un'"europa della conoscenza", come prevista dalla Strategia di Lisbona e dal Libro Bianco sulla Gioventù, e a creare uno spazio europeo per la cooperazione nello sviluppo di politiche a favore dei giovani attraverso attività educative non formali. Il programma incoraggia il concetto di apprendimento lungo tutto l'arco della vita e lo sviluppo di abilità e competenze volte a promuovere la cittadinanza attiva. L azione 1 - Gioventù per l'europa - offre un'opportunità d'incontro a gruppi di giovani (dai 13 ai 25 anni) provenienti da diversi paesi. Questi scambi hanno una valenza pedagogica e sono finalizzati all'apprendimento in un contesto non formale, in quanto i gruppi hanno la possibilità di approfondire temi comuni e conoscere le rispettive culture. Offrono la possibilità ai giovani di venire a contatto con culture e realtà diverse, fornendo loro opportunità di discutere temi specifici. In tal modo i giovani possono imparare molto gli uni dagli altri e scoprire ed approfondire analogie e differenze tra le rispettive culture. Questo tipo di esperienza può servire a combattere pregiudizi e stereotipi negativi. Gli scambi di Giovani possono contribuire inoltre a sensibilizzare la popolazione locale in merito alle altre culture, esercitando un effetto positivo, oltre che sui giovani e sulle attività delle associazioni giovanili, anche sulla comunità locale. 4

5 2.2 OBIETTIVI favorire l'integrazione dei giovani nella società e incoraggiarne lo spirito di iniziativa in quanto cittadini attivi; aiutare i giovani ad acquisire conoscenze, capacità e competenze attraverso percorsi di educazione non formale e a riconoscere il valore educativo di tali esperienze; consentire ai giovani di esprimere liberamente il proprio senso di solidarietà in Europa e nel mondo e sostenere la lotta al razzismo e alla xenofobia; promuovere una migliore comprensione della diversità del nostro comune patrimonio culturale europeo e dei nostri comuni valori; contribuire all'eliminazione di ogni forma di discriminazione e alla promozione dell'uguaglianza a tutti i livelli della società; introdurre nei progetti una dimensione europea con ricadute positive sulle attività giovanili a livello locale. 2.3 METODOLOGIA Lezioni teoriche / Simulazioni / Didattica ludica e attiva Sono previste lezioni teoriche e simulazioni basate sulla tecnica del learning by playing. La metodologia didattica sarà principalmente volta a sviluppare le capacità di intervento dei partecipanti rispetto agli specifici temi di analisi e discussione e comprenderà in particolare lo studio di situazioni reali e simulazioni. Si tratterà non tanto di acquisire delle nozioni, quanto di sviluppare l apertura verso lo scambio e la comunicazione interculturale attraverso la massima partecipazione ed un coinvolgimento attivo nelle attività previste. 2.4 RISORSE E STRUMENTI L esperienza pluriennale dei nostri animatori nell ambito degli scambi e dei programmi giovanili europei maturata nella quotidiana attività presso l associazione sarà la risorsa principale a disposizione durante il progetto. Sarà necessario poter disporre di appositi locali (min. 2 stanze con capienza di una decina di 5

6 persone), una postazione informatica con accesso ad internet, una videocamera per la durata della preparazione e dello scambio e materiale informativo sul paese per la predisposizione di un momento di presentazione del territorio durante lo scambio. Eventuale altro materiale didattico sarà messo a disposizione dalla nostra associazione. 2.5 ATTIVITA ore Fasi Contenuti 1 Presentazione del programma I concetti di mobilità giovanile e di Gioventù in Azione e del progetto di scambio educazione non formale ed informale; i programmi giovanili europei; l azione Gioventù per l Europa; lo scambio 1 Definizione degli obiettivi Obiettivi educativi; obiettivi interculturali; 6 Creazione e preparazione del gruppo aspettative dei partecipanti Selezione (eventuale) dei partecipanti; attività di creazione del gruppo (team building); attività di preparazione allo scambio interculturale 2 Organizzazione logistica Preparazione alla partenza; preparazione del materiale per lo scambio 11 giorni Realizzazione dello scambio Secondo il programma dello scambio 2 Valutazione Valutazione finale per la verifica dei risultati raggiunti ed il confronto con le aspettative iniziali 2.6 TEMPI DI REALIZZAZIONE E FINANZIAMENTO RICHIESTO Tempi di realizzazione: da definire, entro il 2007 fino al completamento di tutte le attività attività previste. Finanziamento richiesto: Soggetto proponente: Associazione Culturale NUR 6

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari:

Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari: Settore: Giovani Nome bando: Programma gioventù in azione Destinatari: organizzazioni senza scopo di lucro o non governative. organismi pubblici locali e/o regionali. gruppi giovanili informali. enti attivi

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO CHE COS È È un programma di mobilità che permette ai giovani di impegnarsi nel volontariato in un paese diverso da quello di residenza per un periodo non superiore ai 12 mesi.

Dettagli

DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO. Gioventù Azione 2007-2013

DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO. Gioventù Azione 2007-2013 DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO Gioventù in Azione 2007-2013 GIOVENTU IN AZIONE 2007 2007-20132013 è un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 anni promuove la mobilità

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Glossario ANG. Apprendimento non formale: Youthpass:

Glossario ANG. Apprendimento non formale: Youthpass: Glossario ANG Apprendimento non formale: è l'apprendimento connesso ad attività pianificate ma non esplicitamente progettate come apprendimento (quello che non è erogato da una istituzione formativa e

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

http://www.erasmusplus.it/ A cura di Agenzia Locale Eurodesk per la Mobilità Educativa Transnazionale dei giovani - Ferrara

http://www.erasmusplus.it/ A cura di Agenzia Locale Eurodesk per la Mobilità Educativa Transnazionale dei giovani - Ferrara http://www.erasmusplus.it/ ERASMUS+ - capitolo GIOVENTU A CHI E RIVOLTO? tutti i giovani, tra i 13 ed i 30 anni, a prescindere dal loro grado e livello di scolarizzazione COSA SUPPORTA? esperienze di

Dettagli

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Lottare contro i pregiudizi, sguardi diversi sulla disabilità 2014: Rete Bianca e Bernie Assistenza; Salute Associazione

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore di intervento del progetto: n) educazione contro ogni forma di discriminazioni anche per orientamento sessuale Codice identificativo

Dettagli

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010

Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia Cesena, 2 e 3 settembre 2010 Corso di formazione Imparare ad imparare Potenziare l apprendimento a partire dalla scuola dell infanzia 2010 L AUSL di Cesena, in collaborazione con Giunti O.S., organizza un corso di formazione dedicato

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Erasmus+: obiettivi generali Il programma Erasmus+ contribuisce

Dettagli

1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3.

1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3. 1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 2. Tematica formativa del catalogo Abilità personali Contabilità finanza Gestione aziendale - amministrazione Impatto ambientale Informatica

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS Anno di costituzione: 1982 VIA FOLIGNO, 95-10149 TORINO TELEFONO 011.4533000 FAX 011.4530238 E-mail: andrea.torra@iol.it Persona da contattare: Andrea

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA Bologna, 30 gennaio 2014 Relatore: Laura Borlone ERASMUS! UN NUOVO PROGRAMMA EUROPEO NEL CAMPO DELL ISTRUZIONE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità Giunta Regione Toscana con il contributo della L.R. 16/2009 Cittadinanza di genere Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità (percorso per le scuole dell infanzia) Premessa

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Attività di recupero che si intendono attivare per colmare le lacune emerse dalle prove d ingresso:

Attività di recupero che si intendono attivare per colmare le lacune emerse dalle prove d ingresso: LIVELLI DI PARTENZA Strumenti utilizzati per rilevarli: Colloqui individuali e di gruppo sul curricolo formativo generale e specifico disciplinare e pregresso. Discussione di gruppo. Livelli di partenza

Dettagli

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+ ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ Erasmus+ KA1 Obiettivi Generali Migliorare le competenze chiave e le capacità dei giovani, inclusi quelli con minori

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Le radici e il futuro. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Anziani

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Le radici e il futuro. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Anziani ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

Il programma ERASMUS PLUS

Il programma ERASMUS PLUS Il programma ERASMUS PLUS Nel Gennaio 2014 avrà inizio Erasmus +, il nuovo programma europeo per l'educazione, la formazione, i giovani e lo sport per gli anni 2014-2020. Il programma è stato adottato

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario CORSO DI GUIDA SICURA AUTO E MOTO (BBCF_4_2012)... 1 29-10-2012 SCHEDA di presentazione progetti

Dettagli

INDICE. Prefazione Dr. Paolo Giuseppe Di Caro, Direttore Generale Agenzia Nazionale Giovani Pag. 3

INDICE. Prefazione Dr. Paolo Giuseppe Di Caro, Direttore Generale Agenzia Nazionale Giovani Pag. 3 INDICE Prefazione Dr. Paolo Giuseppe Di Caro, Direttore Generale Agenzia Nazionale Giovani Pag. 3 Presentazione Dr.ssa Serena Angioli, Direttore Area Programmi Agenzia Nazionale Giovani 5 Nota introduttiva

Dettagli

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro.

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Il nuovo programma dell'ue per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. 2014-2020 Obiettivi Azione chiave 1 dell'apprendimento: - mobilità

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA.

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. UN MODELLO UN MODELLO MARGHERITA LAI SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. Cosa è l Alternanza MODELLI: L alternanza scuola lavoro: UN NUOVO MODO DI FARE SCUOLA SEMINARIO PROVINCIALE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE

Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE DI COSA PARLEREMO? ERASMUS PLUS Il passaggio dalla vecchia programmazione ad Erasmus Plus I Paesi Eligibili Gli obiettivi generali del bando

Dettagli

Il secondo rapporto annuale ForAge

Il secondo rapporto annuale ForAge Il secondo rapporto annuale ForAge Cos'é ForAge? Il progetto é una rete multilaterale europea che ha lo scopo di comunicare le esperienze di apprendimento nella fase avanzata della vita per favorire alti

Dettagli

CORSI PER PERSONE CHE PRESENTANO UN PRO- GETTO E PER RESPONSABILI DI PROGETTO

CORSI PER PERSONE CHE PRESENTANO UN PRO- GETTO E PER RESPONSABILI DI PROGETTO GESTIONE DI PROGETTI CORSI PER PERSONE CHE PRESENTANO UN PRO- GETTO E PER RESPONSABILI DI PROGETTO I tre servizi federali UFFT, UFPD e SLR offrono una serie di corsi modulari per assistere nella realizzazione

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TAVIANO 2) Codice di accreditamento: NZ00428 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 DC.DP.00.33 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE aiutare i bambini ONLUS "aiutare i bambini" è una fondazione italiana, laica e indipendente, nata

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.7.2004 COM(2004) 471 definitivo 2004/0152 COD) Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che istituisce il programma GIOVENTÙ IN AZIONE

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO L'elefante Imprigionato

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO L'elefante Imprigionato ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Accademia europea di Firenze. Pro-Actors: attori nello sviluppo di comunità e politiche giovanili Progetto n. 2013-1-IT1-LEO02-03599

Accademia europea di Firenze. Pro-Actors: attori nello sviluppo di comunità e politiche giovanili Progetto n. 2013-1-IT1-LEO02-03599 Accademia europea di Firenze nell ambito del Lifelong Learning Programme - Leonardo da Vinci promuove Pro-Actors: attori nello sviluppo di comunità e politiche giovanili Progetto n. 2013-1-IT1-LEO02-03599

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013

Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione 2007-2013 Azione 5 Supporto alla cooperazione europea nel settore della gioventù Azione secondaria 5.1. Incontri tra giovani e responsabili delle politiche per la gioventù Giovanni Cioffi

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva DIPARTIMENTO RISORSE UMANE Percorsi di Cittadinanza Attiva INDICE 1. Premessa 2. Roma Capitale : volontariato e sussidiarietà orizzontale 3. La valorizzazione delle competenze acquisite : la sperimentazione

Dettagli

Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli

Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli Scambio Culturale Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli Un' esperienza di vita all'estero, che attraverso

Dettagli

Possibili iniziative di ricerca e formazione FISM-BOCCONI su

Possibili iniziative di ricerca e formazione FISM-BOCCONI su Possibili iniziative di ricerca e formazione FISM-BOCCONI su Linee guida, Criteri di accreditamento, Responsabilità professionali Elisabetta Trinchero 22.05.2014 TRA I RUOLI DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE:

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Prof.ssa Luias Marci Corona AEDE internazionale Traduzione lavori Cordoba 3 febbraio 2012 Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Questo Quadro di Riferimento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ05809 NAZIONALE

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ05809 NAZIONALE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: ACCADEMIA VESUVIANA DELLE TRADIZIONI ETNOSTORICHE Codice di accreditamento: NZ05809 Albo e classe

Dettagli

Educando tra Milano e Monza

Educando tra Milano e Monza Scheda progetto Educando tra Milano e Monza Il progetto si sviluppa in quattordici comuni delle provincie di Milano e Monza e in un Associazione di Milano. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

IL LUDOBUS ARCI ACLI

IL LUDOBUS ARCI ACLI Il Ludobus 1 IL LUDOBUS Il Progetto Ludobus, elaborato dalle Associazioni ARCI Pavia ed ACLI Pavia, è una proposta culturale di intrattenimento ludico itinerante, per offrire occasioni di gioco e di incontro

Dettagli

Il futuro parte da qui.

Il futuro parte da qui. Istituto Europeo di Studi Superiori S.c.s. - ONLUS Palazzo delle Notarie piazza Prampolini 2/a 42121 Reggio Emilia Tel. 0522 423155 segreteria@iess.it Il futuro parte da qui. Per informazioni e iscrizioni

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE Versione valida dal 1 gennaio 2005 europa.eu.int/comm/youth/

GUIDA DELL'UTENTE Versione valida dal 1 gennaio 2005 europa.eu.int/comm/youth/ PROGRAMMA GIOVENTÙ Istruzione e cultura COMMISSIONE EUROPEA GUIDA DELL'UTENTE Versione valida dal 1 gennaio 2005 europa.eu.int/comm/youth/ Indice INDICE...2 PREFAZIONE...4 GLOSSARIO...5 A. INTRODUZIONE...6

Dettagli

Il contesto territoriale è costituito dalle Province di: Bologna, Ravenna, Rimini e Parma

Il contesto territoriale è costituito dalle Province di: Bologna, Ravenna, Rimini e Parma SCHEDA-PROGETTO PER PROGETTI A VALENZA REGIONALE PER ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSI DA SOGGETTI PRIVATI SENZA FINI DI LUCRORIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI PUNTO 3.1, LETTERA A. DELL ALLEGATO A) SOGGETTO

Dettagli

Relazione finale. Coerentemente con le suddette priorità si colloca il modulo proposto la matematica al servizio delle scienze e della tecnologia

Relazione finale. Coerentemente con le suddette priorità si colloca il modulo proposto la matematica al servizio delle scienze e della tecnologia Relazione finale PON obiettivo C1- FSE La matematica al servizio delle scienze e della tecnologia DOCENTE ESPERTO: Prof. Roberto Capone DOCENTE TUTOR : Prof. Ssa TEMPI DI REALIZZAZIONE: Dal.al., per complessive..

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: Comune di Paglieta Albo e classe di iscrizione: Regionale - Abruzzo 4^ CARATTERISTICHE

Dettagli

2020 Energy: documento per insegnanti www.2020energy.eu

2020 Energy: documento per insegnanti www.2020energy.eu 2020 Energy: documento per insegnanti www.2020energy.eu I- PIÙ CHE UN GIOCO, UN VERO PROGRAMMA! Il programma ENERGY-BITS http://www.energybits.eu Il gioco educativo 2020 Energy è stato progettato nell'ambito

Dettagli

Europrogettazione e Project Management

Europrogettazione e Project Management Executive Master in Europrogettazione e Project Management Sida Group Alta Formazione dal 1985 Strategia Consulenza Formazione Sedi: Roma Napoli Bologna Parma Chieti Perugia Ancona www.mastersida.com OBIETTIVI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ 02818 REGIONE CAMPANIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ 02818 REGIONE CAMPANIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI CERRETO SANNITA Codice di accreditamento: NZ 02818 Albo e classe di iscrizione: REGIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

ICT per la didattica

ICT per la didattica ICT per la didattica S2 progettare elearning Rizomatica.net Progettare un percorso e-learning Teorie e tecniche di Instructional design Macro e micro progettazione didattica Obiettivi formativi Strategie

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 LA QUALITA DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALI DOCUMENTI EUROPEI Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 OGGETTO: istituzione di un Quadro Europeo di

Dettagli

ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI DIOMEDE

ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI DIOMEDE ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI DIOMEDE Corso di formazione Melting pot: didattica della lingua italiana per stranieri e legislazione dell immigrazione BANDO FORMAZIONE 2007 Ce.Se.Vo.Ca. Sede di Svolgimento:

Dettagli

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI Progetto realizzato con il contributo di Regione Liguria Assessorato alla formazione, istruzione, scuola e università La nostra scuola, inoltre, deve formare cittadini italiani

Dettagli

BACK TO SCHOOL CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA. scolastico 2014/2015. anno

BACK TO SCHOOL CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA. scolastico 2014/2015. anno anno scolastico 2014/2015 BACK TO SCHOOL CON EUROPE DIRECT EMILIA-ROMAGNA Il catalogo delle offerte formative per le scuole di Bologna, Ferrara e Piacenza Il rapporto costante con il mondo scolastico è

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Regione Campania

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Regione Campania SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: Comune di Melito di Napoli Codice di accreditamento: NZ05688 Albo e classe di iscrizione: Regione

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico.

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico. 1) Titolo del progetto: Baby Parking in Ospedale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Educazione e Promozione Culturale Area: E 01 Centri di aggregazione

Dettagli

LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE

LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE LE PROPOSTE DI IMPARADIGITALE Soggetto accreditato per la formazione del personale della scuola D M, protocollo AOODPIT 595 del 15/07/2014 MIUR ANNO SCOLASTICO 2014/15 www.imparadigitale.it segreteria@imparadigitale.it

Dettagli

CONTABILITÀ E FISCALITÀ NELLA P.A.

CONTABILITÀ E FISCALITÀ NELLA P.A. CONTABILITÀ E FISCALITÀ NELLA P.A. La contabilità pubblica è l insieme organico delle norme concernenti gli elementi e le forme dell attività finanziaria e patrimoniale il cui nucleo centrale è lo studio

Dettagli

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI 2 SCUOLA PRIMARIA «SANDRO PERTINI» CLASSE II SEZIONE B Gennaio/giugno 2014 Presentazione dell unità

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

La Presidenza belga dell Ue. Green job: nuovi posti di lavoro grazie alla rivoluzione verde

La Presidenza belga dell Ue. Green job: nuovi posti di lavoro grazie alla rivoluzione verde La newsletter europea Numero 6 ottobre 2010 I N Q U E S T O N U M E R O La Presidenza belga dell Ue Green job: nuovi posti di lavoro grazie alla rivoluzione verde Youth on the Move: l Unione europea dalla

Dettagli

Progetto ARTE: C ERA UNA VOLTA

Progetto ARTE: C ERA UNA VOLTA Progetto ARTE: C ERA UNA VOLTA Articolazione didattica Le azioni formative, che si svolgeranno nell ambito del percorso delineato all interno del progetto, si avvarranno dell applicazione di metodologie

Dettagli

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FATTI NON FOSTE 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il progetto nasce da un accordo di partnerariato

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur 1. Nella scuola: esercizi di mondo Una buona scuola è una scuola buona per tutti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATICO, FIRMA ELETTRONICA, PEC: GUIDA ALL USO PER LE P.A.

DOCUMENTO INFORMATICO, FIRMA ELETTRONICA, PEC: GUIDA ALL USO PER LE P.A. DOCUMENTO INFORMATICO, FIRMA ELETTRONICA, PEC: GUIDA ALL USO PER LE P.A. In occasione dell attuazione del DPCM 03/12/13 prima, e del DPCM 13/11/14 dopo poco, occorre rivedere all interno di ogni P.A. le

Dettagli