EDITORIALE Per il bene comune a cura di Marco Collini pag. 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDITORIALE Per il bene comune a cura di Marco Collini pag. 3"

Transcript

1 SOMMARIO EDITORIALE Per il bene comune a cura di Marco Collini pag. 3 NOTIZIARIO DELL ORDINE Seduta di consiglio del 27 aprile 2006» 4 Seduta di consiglio del 25 maggio 2006» 6 Assemblea ordinaria» 8 Premio di laurea dott. Italo Longhini» 8 NOTIZIE E COMUNICATI Mozione del consiglio nazionale» 9 Comunicato unitario degli ordini e collegi professionali» 11 In breve a cura di Marco Perelli Ercolini» 12 ONAOSI: deducibilità dei contributi obbligatori versati all ONAOSI» 18 Elenco dei medici disponibili alle sostituzioni» 20 NOTIZIARIO DELLA FEDERAZIONE Trattamento delle cartelle cliniche in caso di cessazione di attività» 21 AZIENDA OSPEDALIERA C. POMA Cura innovativa per i tumori della prostata» 22 Progetto europeo HPH» 23 Studio di ricerca sul paziente afasico» 24 Conferenza stampa dell Unità Operativa di Chirurgia Toracica» 25 L azienda ospedaliera vincitrice del premio Giancarlo Scarda» 26 Attivazione Centro Antidoti» 26 Statua di San Giuseppe» 27 Una conferenza stampa con Abeo, il Piccolo Gruppo e Pediatria» 28 Nuovo numero verde della radiologia» 29 Il trasloco al Blocco D» 29 CORSI E CONVEGNI Osteonecrosi associata a bifosfonati» 31 Calendario» 32 DIREZIONE GENERALE SANITÀ - REGIONE LOMBARDIA Informazioni di sicurezza riguardanti lamotrigina» 33 Nuova disciplina per le sostanze stupefacenti» 34 Eparine a basso peso molecolare» 35 SPAZIO LIBERO Antichità e modernità nei codici segreti» 36 Legio III augusta» 39 1

2 INFORMAZIONI ORARIO UFFICIO: Lunedì, Mercoledì e Venerdì: mattino ore 08.00/12.30 Lunedì pomeriggio ore 15.00/17.30 Martedì e Giovedì ore 08.00/16.00 Sabato chiuso. ORARIO ESTIVO in vigore dal 12 Giugno al 22 Settembre 2006: Lunedì, Mercoledì e Venerdì: ore 08.00/12.30 Martedì e Giovedì ore 08.00/16.00 Sabato chiuso. APERTURA AL PUBBLICO DALLE ORE 9.00 MESE DI AGOSTO: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00/12.30 Gli uffici rimarranno chiusi dal 14 al 18 Agosto compresi. Via Pomponazzo n Mantova - tel.: 0376/ fax: 0376/ Bollettino Ufficiale dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Mantova Bimestrale d informazione medica, inviato gratuitamente agli iscritti all Ordine ed agli Ordini Nazionali. Autorizz. Trib. Mantova , n. 111 Ordine dei Medici della Provincia di Mantova Stampa: Tipografia Commerciale Coop. (MN) In copertina: foto di G. Bergomi Direttore Responsabile Dr. Stefano Bernardelli Consiglio Direttivo Presidente: Dr. Luciano Monesi Vice Presidente: Dr. Marco Collini Segretario: Dr. Adelmo Mambrini Tesoriere: Dr. Giampaolo Sabbioni Consiglieri: Dr.i Stefano Bernardelli, Fausto Bettini, Alfredo Bettoni, Pier Luigi Botti, Adriana Forapani, Maria Teresa Fusaro, Antonio Graziano, Antonio Parma, Giancarlo Pascal, Elena Politano, Rinaldo Rondelli Consiglio Odontoiatri Dr.i Massimo Nardini, Valentino Staffoli Revisori dei conti Dr.i Daniela Gialdi, Barbara Presciuttini, Raffaella Rabbi Revisore supplente Dr. Carlo Bonfanti Commissione Odontoiatri Presidente: Dr. Massimo Nardini Segretario: Dr. Valentino Staffoli Componenti: Dr.i Cesare Benatti, Patrizio Turina, Renato Vaglia DELEGHE Rapporti con l Azienda Ospedaliera e le Fondazioni: Dr. Giancarlo Pascal Rapporti con l ASL: Dr.ssa Elena Politano Rapporti con l Università e organi istituzionali: Dr. Marco Collini Rapporti con i Responsabili della Medicina del Territorio: Dr.i Fausto Bettini, Alfredo Bettoni Per l E.N.P.A.M.: Dr. Adelmo Mambrini Rapporti con il personale: Dr.i Adelmo Mambrini, Massimo Nardini Rapporto con l Alto Mantovano, Destra Secchia e Basso Mantovano: Dr.i Stefano Bernardelli, Maria Teresa Fusaro Giovani medici Dr.ssa Barbara Presciuttini Pubblicità sanitaria medici, leggi e regolamento, privacy: Dr. Adelmo Mambrini Rapporto con la B.A.M.C.O.: Dr. Antonio Parma Pubblicità sanitaria odontoiatri: Dr. Cesare Benatti Osservatorio anziani: Dott.ssa Raffaella Rabbi Rapporti con l I.N.P.S.: Dr. Adelmo Mambrini Rapporti interprofessionali: Dr.i Stefano Bernardelli, Fausto Bettini, Alfredo Bettoni, Pierluigi Botti, Adriana Forapani, Maria Teresa Fusaro, Daniela Gialdi, Antonio Graziano, Rinaldo Rondelli 2

3 E D I T O R I A L E PER IL BENE COMUNE L Azienda Poma è da tempo un cantiere permanente. All Ospedale cittadino ultimato il Blocco D, nei prossimi mesi vi si trasferiranno Neurologia e Dialisi, Oncologia, Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale; Medicina Generale e Geriatria, il Day Hospital polivalente. Si completa così la fisionomia del nuovo Ospedale, con tutte le Discipline Mediche nelle nuove sedi, più accoglienti e funzionali. Nel frattempo in Neurologia si è avviata la Stroke Unit, struttura che attende al trattamento dell ictus cerebrale con una terapia intensiva espletata in sinergia con il Dipartimento di Emergenza Urgenza e i Servizi di Diagnostica per immagini e Laboratorio analisi. Così l Emodinamica cardiologica si è attestata su standard di eccellenza in sintonia continua con la Cardiochirurgia. Nel Dipartimento di Chirurgia sono in fase di allestimento quattro nuove Sale Operatorie complanari alla Piastra Chirurgica: con una dotazione di 15 Sale Operatorie si potrà ora attivare la Day Surgery polispecialistica con spazi e personale dedicati; altrettanto la Laser Chirurgia potrà essere incrementata in sale adeguatamente schermate. Entro l anno sarà ultimata la realizzazione del nuovo Bunker in Radioterapia, per la collocazione del secondo acceleratore lineare, che consentirà una riduzione dei tempi di attesa per la terapia radiante, oggi elemento di criticità in seno all Azienda. L Ospedale di Bozzolo, riconosciuto come Presidio riabilitativo multifunzionale in ambito cardiologico e motorio, ha ottenuto una sua autonomia operativa nell ambito dell Azienda,con finanziamento Regionale mirato alla ristrutturazione del Presidio, con prevedibile ulteriore incremento della sfera di influenza sulle Province finitime Lombarde ed Emiliane. Ad Asola procede la ristrutturazione del Presidio, di pari passo con l acquisizione di nuove apparecchiature tecnologiche (Laser). Pieve di Coriano ha attivato una funzione di Day Surgery di Oculistica, al fine di meglio soddisfare l utenza locale. Accanto a questi interventi strutturali, in ambito Professionale Specialistico particolare attenzione si pone alla continuità delle cure, in stretta sinergia con i Colleghi di Medicina Generale, onde ridurre i disagi di dimissioni precoci. Il Paziente che, dimesso torna al suo Medico di Famiglia, trova un supporto a domicilio per trattamenti ad elevata complessità (terapie palliative, terapia del dolore, nutrizione artificiale parenterale ed enterale, assistenza respiratoria domiciliare). Questi gli obbiettivi ed in definitiva la sfida che ci vede impegnati tutti, dentro e fuori l Ospedale, al fine di assicurare la migliore assistenza ai nostri Pazienti. MARCO COLLINI 3

4 NOTIZIARIO DELL ORDINE VERBALE DELLA SEDUTA DI CONSIGLIO DEL 27 APRILE 2006 Sono presenti i Consiglieri Dr.i: Bettini, Parma, Staffoli, Nardini, Graziano, Fusaro, Forapani, Collini, Sabbioni, Monesi, Bettoni, Bernardelli, Presciuttini, Rabbi. Assenti giustificati Dr.i: Mambrini, Botti, Pascal, Gialdi. Il Consiglio viene aperto alle ore 21,15 con la richiesta, da parte del Presidente, di un minuto di raccoglimento in memoria dei Militari rimasti vittime dell attentato in Iraq. 1) Si approva il verbale della seduta precedente. 2) Variazioni all Albo: vengono approvate le seguenti variazioni all Albo ALBO MEDICI CHIRURGHI Nuove iscrizioni: DR.SSA MILEA ALEXANDRA LILIANA Iscrizioni per provenienza da altri Ordini: DR. DI MARCO ADRIANO, proveniente dall Ordine dei Medici di Verona, DR. CAPOFERRO DOMENICO, proveniente dall Ordine dei Medici di Reggio Calabria (Doppia Iscrizione), Cancellazioni per trasferimento ad altro Ordine: DR. INTERLANDI ALFREDO, trasferito all Ordine dei Medici di Brescia (Doppia Iscrizione). ALBO DEGLI ODONTOIATRI Iscrizioni per provenienza da altri Ordini: DR. CAPOFERRO DOMENICO, proveniente dall Ordine dei Medici di Reggio Calabria (Doppia Iscrizione). Cancellazione per trasferimento ad altro Ordine: Dr. INTERLANDI ALFREDO, trasferito all Ordine dei Medici di Brescia (Doppia Iscrizione). ALBO DEGLI PSICOTERAPEUTI Richiesta di iscrizione all Albo degli Psicoterapeuti del DR. RABALLO ANDREA 3) Consiglio Nazionale FNOMCeO del aprile Il Presidente anticipa gli argomenti all ordine del giorno del Consiglio Nazionale indetto nei giorni 28 e 29 aprile. 4) Contenzioso relativo alle iperprescrizioni: punto della situazione in ambito regionale. Viene letto il fax inviato dall Assessorato alla Sanità della Regione Lombardia, avente come oggetto l istituzione di un tavolo tecnico per la valutazione delle metodiche di verifica e controllo dell assistenza farmaceutica territoriale. 5) Visita dell Assessore Regionale alla Sanità alle Strutture Sanitarie Mantovane. (Rel. Dott. Collini). Il Dott. Collini riferisce gli aspetti più salienti della visita dell Assessore Regionale Dott. Alessandro Cè presso l Azien- 4

5 NOTIZIARIO DELL ORDINE da Ospedaliera Poma, avvenuta pochi giorni prima. Tra le altre cose, il Dott. Collini sottolinea che per la prima volta abbiamo un medico a sostenere l importante incarico. Inoltre, per la prima volta, è stato messo a disposizione in rete il piano sanitario con possibilità di esprimere critiche e/o proposte. 6) Positiva risoluzione relativa all esposto di specialisti SUMAI dell Az. Osped. di Suzzara. Il Presidente riferisce che la questione legata all esposto di 16 Colleghi Specialisti Ambulatoriali del Presidio di Suzzara sembra avviata a soluzione positiva, grazie anche all intervento dell Ordine e del Sindacato. Si è giunti ad un compromes- so per cui verranno presi in considerazione i casi in cui il cambio di medico curante potrebbe creare problemi di continuità alle cure. 7) Varie ed eventuali. Il Dott. Bettini solleva il problema legato alla richiesta che spesso viene avanzata ai medici di base,di certificare una inidoneità a presenziare a procedimenti giudiziari. Si decide di fare presente il problema, foriero di situazioni sgradevoli ed imbarazzanti per il medico stesso, al Presidente dell Ordine degli Avvocati. Letto, approvato e sottoscritto. Il Presidente Dott. Luciano Monesi Il Tesoriere Dr. Giampaolo Sabbioni DOMUS SALUTIS CITTA DI LEGNAGO srl AZIENDA SANITARIA PRIVATA CERTIFICATA A NORMA ISO 9001:2000 AUTORIZ. SAN. N DEL 16/08/2001 Direttore Sanitario DR. P. ADILARDI METTE A DISPOSIZIONE DEGLI SPECIALISTI CHE NE FANNO RICHIESTA: AMBULATORI SPECIALISTICI SALA OPERATORIA STANZE DEGENZA CON TV, ARIA CONDIZIONATA SERVIZIO DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE CENTRO DI ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO, ENDOSCOPIA DIGESTIVA, ISTEROSCOPIA Centro unico prenotazioni: Tel fax Viale dei Tigli, Legnago, Verona

6 NOTIZIARIO DELL ORDINE VERBALE DELLA SEDUTA DI CONSIGLIO DEL 25 MAGGIO 2006 Sono presenti i Colleghi: Dr.i Bettini, Parma, Mambrini, Sabbioni, Nardini, Graziano, Rondelli, Bettoni, Fusaro (Consiglieri); Assenti giustificati: Dr.i Collini, Botti, Staffoli, Politano, Forapani, Bernardelli, Pascal, (Consiglieri), Presciuttini, Gialdi, Rabbi (Revisori): Presiede il dr. Luciano Monesi. 1) Approvato il verbale della seduta precedente. 2) Variazioni all Albo: nessuna 3) Consiglio Nazionale FNOMCeO del 28/04/06. Il presidente riferisce delle difficoltà economiche nelle quali versa la federazione nazionale anche a causa dei rinnovi contrattuali del personale dipendente. Pur non essendo ancora stato deciso, questo potrebbe comportare un aumento del contributo che gli ordini periferici versano alla federazione. Si è parlato anche della riforma degli ordini e della contestuale riforma delle professioni che potrebbe essere nell agenda del nuovo governo. La federazione riterrebbe più utile anziché una riforma della legge istitutiva, una riforma del regolamento che risale al lontano La Federazione ha in programma l istituzione di una commissione per la riforma del Regolamento da presentare al nuovo governo e al Parlamento. Il nuovo consiglio nazionale manifesta inoltre il proprio impegno a far sì che la Federazione sia presente in vari organi istituzionali con rilevanza nel campo della sanità (es. Istituto Superiore di Sanità). Per quanto riguarda l ECM, sarà presentata una proposta alla Conferenza Stato regioni per un ruolo più organico da parte degli ordini non solo per la certificazione dei crediti acquisiti ma anche per la programmazione degli eventi. Viene riferito anche della costituzione di un gruppo di lavoro sugli errori in medicina e sul ruolo di arbitrato che potrebbe essere congiuntamente con altri svolto dagli Ordini. Infine un cenno è stato fatto alla pubblicità via internet al fine di sollecitare un intervento legislativo da parte del Governo su una materia che attualmente risulta priva di regolamentazione. 4) Il Presidente riferisce di un incontro avuto, su loro esplicita richiesta, con i due principali candidati alle elezioni provinciali. Si è parlato della situazione della sanità mantovana ed in particolare dell ospedale. Se da parte di alcuni consiglieri viene rammentata la possibilità di strumentalizzazioni in quanto i politici locali troppo spesso si ricordano dell Ordine solo in prossimità delle elezioni, il dr. Nardini si chiede che cosa abbia a che 6

7 NOTIZIARIO DELL ORDINE fare l amministrazione provinciale con la sanità visto che le sue competenze sono di altro genere. Il dr. Mambrini invece avrebbe preferito che l invito fosse esteso anche ai Consiglieri dell Ordine. 5) Sulla Federazione Regionale degli Ordini, il Presidente rileva che, pur accadendo che questo organismo manchi di una formalizzazione giuridica a livello nazionale, in Lombardia essa viene convocata dall Amministrazione Regionale. Se il progetto di devoluzione dovesse trovare applicazione, la Regione si è impegnata a riconoscerla formalmente. 6)L Assemblea generale annuale degli iscritti, con il giuramento dei neolaureati e la consegna delle medaglie ai colleghi con 50 anni di laurea, su proposta del presidente viene fissata per il giorno 16 giugno ) Per le varie viene riferito che è stato rinnovato il contratto collettivo di lavoro del nostro personale. Il consulente del lavoro sta provvedendo a calcolare quanto sarà l esborso in più per le nostre casse tenuto conto anche degli arretrati. Alle ore la seduta di consiglio viene dichiarata conclusa. medinfo+rmatica sistemi informatici per la sanità Bergamo - via Masone 5 - tel/fax MDB Software per il Medico di Base, Semplice, facile, intuitivo * Stampa ricette con controllo automatico su: esenzioni, concedibilità, classe dei farmaci, farmaci generici, numero di pezzi per ricetta, note cuf, normative regionali, uso di ricettario ssn o intestato * Controllo interazioni farmaci * Calcolo del rischio cardiovascolare * Collegamento con la regione (SISS) * Medicina di gruppo * Riepilogo automatico delle Prestazioni PIP e Visite domiciliari * Controllo del budget di spesa * Riepiloghi e statistiche. MDB2000, il software per il Medico di Base, accreditato dal SISS Regione Lombardia, viene fornito gratuitamente in prova, senza impegno. Richiedetelo per telefono o Medinformatica propone anche software per: Medicina in Rete Chirurgia Dietologia Divulgazione sanitaria Epatologia Gestione studio medico Ginecologia Infettivologia Medicina del lavoro Med. preventiva dei lavoratori ospedalieri Medicina naturale Oculistica Odontoiatria Pediatria Senologia Servizio dietetico ospedaliero Ufficio Ordine dei Medici e Odontoiatri Rendicontazione flussi Il Segretario Dott. Adelmo Mambrini Il Presidente Dott. Luciano Monesi Per la descrizione dei software, visitate il nostro sito: 7

8 NOTIZIARIO DELL ORDINE ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI Il giorno 16 giugno 2006 è stata convocata, alla sala Norlenghi della BAM, l Assemblea Ordinaria annuale degli iscritti. Davanti ad una sala gremita hanno tenuto la loro relazione il Presidente dell Ordine dr. Luciano Monesi e il Presidente della Commissione Odontoiatri dr. Massimo Nardini. Durante la serata hanno prestato giuramento i colleghi: Alessandrini Paola, Benazzi Cristina, Cerini Manuel, Di Raffaele Sara, Fontanesi Silvia, Ghiselli Alessia, Leoni Stefania, Mazzocchi Filippo, Milioli Giulia, Prati Maria Rita, Sartori Tiziana. Particolarmente toccante è stata la cerimonia di consegna della medaglia per il 50^ anno di laurea ai colleghi: Bedulli Bruno, Dall Aglio Franco, Inga Sicurtà Enzo Franco, Oliani Ugo, Rezzati Ivo, Saccani Felice, Tobaldin Giorgio. ORDINE DEI MEDICI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA BANDO DI CONCORSO PREMIO DI LAUREA DEL VALORE DI 2.000,00 Dott. ITALO LONGHINI In ricordo del Medico di indubbio talento che ha unito la passione per la professione alla profonda conoscenza scientifica, curando con umanità i malati, valorizzando le competenze di colleghi e collaboratori e dedicandosi proficuamente a studi e ricerche. REGOLAMENTO 1) Il premio, messo a disposizione dalla famiglia LONGHINI, è destinato a laureati in Medicina e Chirurgia residenti a Mantova e Provincia che abbiano conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia negli anni accademici 2003/ / /2006, riportando una votazione non inferiore a 100/110. 2) La domanda di partecipazione con indicazione del luogo e della data di nascita, della residenza e di un recapito telefonico, dovrà essere presentata entro il 30/09/2006 alla sede dell Ordine dei Medici di Mantova (Tel ). 3) La domanda dovrà essere corredata da copia integrale della tesi di laurea e certificato di laurea. 4) Sarà istituita una Commissione giudicatrice, composta da cinque membri e presieduta dal Presidente dell Ordine, che sceglierà ad insindacabile giudizio il vincitore del premio di laurea. 5) La presentazione della domanda implica accettazione del regolamento. 8

9 NOTIZIE E COMUNICATI MOZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE ROMA, 8 LUGLIO 2006 Il Consiglio Nazionale della FNOM- CeO, riunito a Roma il 6, 7 e 8 luglio 2006, ha preso in esame il Decreto Legge 4 luglio 2006 n. 223 Disposizioni per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonchè interventi in materia di entrate e di contrasto all evasione fiscale. Nell esercizio del proprio ruolo di rappresentanza istituzionale, facendo proprio il deliberato approvato dall assemblea dei Presidenti delle Commissioni Odontoiatriche e le forti preoccupazioni che denunciano l impossibilità di gestire gli Ordini provinciali, muove a tale decreto, nelle parti di specifico interesse, i seguenti rilievi: 1) È inaccettabile lo strumento della decretazione d urgenza che va a regolamentare questioni delicate (tariffe, pubblicità, caratteristiche delle società professionali etc.) da anni oggetto di una nostra richiesta di consultazione con il Governo per una loro incisiva revisione. In modo particolare, all art. 2 questo provvedimento affronta in modo parziale ed impositivo una questione ormai centrale per lo sviluppo economico e civile del nostro Paese e cioè quello di realizzare un moderno ordinamento delle professioni e dei servizi professionali che abbia il suo baricentro in Ordini professionali in grado, quali soggetti pubblici di pro- muovere, controllare e garantire ai cittadini la qualità dei servizi resi. 2) Il Decreto è dominato da una visione del cittadino inteso esclusivamente come consumatore, dimenticando che la forte asimmetria informativa che caratterizza il mercato della salute fa del nostro cittadino-utente un consumatore imperfetto e quindi più debole, in balìa di una sorta di nuovo consumismo sanitario. 3) Il valore sociale e civile dei nostri Ordini, la loro natura giuridica di enti pubblici con funzioni ausiliarie dello Stato a garanzia e tutela dei diritti dei cittadini viene fortemente messa in discussione da questo discutibile passaggio legislativo. L esercizio di tali funzioni richiede una forte e autonoma valorizzazione dello strumento deontologico e della connessa attività disciplinare, che non possono ne devono ridursi a mere espressioni derivate della legislazione o dei codici civili e penali. 4) La modernizzazione della normativa che regola i servizi professionali all interno della quale è da prevedere un forte rilancio delle istituzioni ordinistiche, impone l esigenza di avviare un percorso legislativo contestuale nel tempo e su corsie parlamentari preferenziali secondo i seguenti indirizzi: 9

10 NOTIZIE E COMUNICATI Dr. GIAN PAOLO GUERRA Specialista in Cardiologia Riceve AMBULATORIO Via B. Canal n Mantova Tel CASA DI CURA S. CLEMENTE Via Pompilio Mantova Tel L obbligatorietà dell iscrizione agli Albi di tutti gli esercenti le specifiche professioni; - Il riconoscimento e l affidamento di compiti e funzioni di promozione e sviluppo della qualità professionale (dalla formazione alla valutazione delle performances professionali) attraverso la previsione di misure da inserire nei Codici Deontologici; - La titolarità della potestà disciplinare erga omnes, indipendentemente cioè dalle forme e tipologie contrattuali con le quali viene svolta l attività professionale. Considerando alcuni altri aspetti del Decreto, non possiamo non sottolineare la discutibile normativa riguardante le modalità di pagamento dei servizi professionali, che diventano complesse ed onerose per tutti; in tal senso gravate dal forte rischio di favorire ciò che giustamente si vorrebbe colpire e cioè l evasione. (art. 35, comma 12). A tale proposito sorprende la mancanza di interventi nel campo dell abusivismo, grossa sacca di evasione fiscale oltre che di illegalità, a partire da una revisione dell art. 348 del Codice Penale che preveda sanzioni e pene più severe. Così come paradossalmente lo stesso fenomeno viene favorito laddove è prevista la possibilità di costituire società interprofessionali senza quelle regole che garantiscono la netta e trasparente distinzione delle competenze professionali specifiche. A tal fine, il Consiglio Nazionale dà mandato al Comitato Centrale e al Presidente - di aprire un confronto incisivo con tutte le istituzioni parlamentari e governative di riferimento affinchè, anche nelle strettoie temporali della decretazione, vengano apportati gli opportuni miglioramenti al testo finalizzati a conseguire il rispetto di tutti i legittimi interessi in campo. In modo particolare ritiene necessario che le previsioni di abrogazione contenute nell art. 2 abbiano efficacia solo nei termini e nelle scadenze previste nell ultimo capoverso dello stesso articolo evitando vuoti normativi e pericolose vacatio gestionali. Di chiedere con forza, d intesa con tutte le professioni, la ripresa dell iter parlamentare del progetto di riforma delle professioni e degli Ordini, salvaguardando le specificità delle professioni sanitarie. Il Consiglio Nazionale verrà convocato d urgenza in fase di conversione in legge del Decreto, qualora non si realizzino gli indirizzi fondamentali sovra espressi, al fine di definire tutte le azioni conseguenti. 10

11 NOTIZIE E COMUNICATI IL COMITATO UNITARIO DEGLI ORDINI E COLLEGI PROFESSIONALI (CUP) Il Cup, che discute da anni la necessità di riformare e modernizzare i1 sistema delle professioni in Italia affinché esse siano più competitive a livello europeo e internazionale: - Contesta le modalità di intervento del Governo che non ha mantenuto fede a contenuto e al metodo di concertazione indicato nel programma elettorale, che d altronde riconosce espressamente ruolo e funzioni degli Ordini professionali, peraltro garantito personalmente dal premier Prodi nell incontro del 30 marzo ribadisce i vizi di costituzionalità del decreto d urgenza - sollevati dall Avvocatura - e denuncia la grave incertezza giuridica che lo stesso ha determinato posto che il Governo ha annunciato l esigenza di rivedere le misure introdotte e già in vigore; non si può fare a meno di constatare che una preventiva consultazione con i professionisti - nel rispetto dei reciproci ruoli - avrebbe consentito al Governo una maggiore consapevolezza delle implicazioni delle misure adottate Il Cup sottolinea che: a) la concorrenza costituisce uno dei valori del nostro sistema, un valore primario che - secondo la stessa Corte di Giustizia europea - può e deve trovare completamento con gli altri valori e interessi generali tutelati dall ordinamento; b) la corte di giustizia europea ha spesso cassato le posizioni sulla concorrenza della Commissione e dell Antitrust che - in quanto oggetti deputati alla tutela del mercato - non sono necessariamente tenuti a prendere in considerazione gli altri valori coinvolti; pertanto non si comprende la ragione per cui il Governo abbia aprioristicamente fatte sue - senza l opportuno confronto con gli altri interlocutori istituzionali - tali posizioni, anche ribadite dal Parlamento Europeo; c) la professione e i valori che la fondano trovano riferimento nella Carta Repubblicana che all art. 33, comma 5, introduce a tutela della collettività l obbligo dell esame di Stato e il principio di professionalità specifica che, secondo la Corte costituzionale, giustifica il regime di controlli al cui presidio è posto il sistema ordinistico d) il rispetto dei principi fondamentali degli ordinamenti interni degli stati membri costituisce un valore fondante dell Unione Europea; e) lo scorso febbraio il Parlamento - all unanimità - ha approvato la legge delega per la riforma delle professioni sanitarie riconoscendo la validità e attualità del sistema. 11

12 NOTIZIE E COMUNICATI CHIEDE - un incontro immediato con il Presidente del Consiglio dei Ministri e l istituzione di un tavolo di confronto con il Governo sulle misure introdotte con il decreto-legge, anche per aprire il decreto stesso a misure che effettivamente possano rilanciare e sviluppare il mercato dei servizi professionali; - lo stralcio delle disposizioni prive dei requisiti di necessità ed urgenza da far confluire in un separato disegno di legge, al quale assicurare una corsia preferenziale in Parlamento e attraverso la consultazione delle categorie interessate; - al Governo di impegnarsi pubblicamente a procedere alla riforma mediante la presentazione di un disegno di legge che consenta di aprire il confronto in Parlamento tra tutte le forze politiche; - al Ministro Mastella l istituzione di una commissione che aggiorni il progetto Vietti, individuato dallo stesso Ministro Mastella come testo di riferimento, già condiviso anche da Casse di previdenza, Sindacati e dalla maggioranza delle associazioni di settore; Il Cup si riserva di adottare tutte le iniziative necessarie a difesa di ruolo e funzioni delle professioni intellettuali a tutela degli interessi del cittadino, anche a seguito della posizione che il Governo intenderà prendere. I Presidenti dei Consigli Nazionali convocheranno i rispettivi Organi per l assunzione delle iniziative ritenute opportune a tale fine, nel rispetto degli interessi coinvolti e della collettività. NOTIZIE IN BREVE a cura di Marco Perelli Ercolini MANCANO INFERMIERI, MANCHERANNO IN FUTURO ANCHE I MEDICI Da tempo in Italia mancano infermieri, carenza ora solo parzialmente colmata da infermieri extracomunitari. Nel 2004 sono state registrate oltre 13 mila assunzioni di infermieri stranieri, per il 2005 sono state a fronte di un fabbisogno di oltre 30mila. I punti deboli per l accesso alle scienze infermieristiche: la sostituzione delle scuole regionali gratuite con i corsi di laurea onerosi, l inadeguatezza delle retribuzioni (spesso con sfruttamento di cooperative) e uno scarso riconoscimento di prestigio professionale a fronte anche di forti sacrifici lavorativi. 12

13 NOTIZIE E COMUNICATI I medici italiani sono più numerosi (354mila) degli infermieri (342mila). Ma studi Ocse lanciano l allarme anche in campo medico: in molti Paesi la densità dei medici sarebbe inferiore ai parametri richiesti dall aumento della richiesta di cura, in parte dovuta a maggiori esigenze di richiesta -salute- (la domanda di salute galoppa e la spesa pure!), in parte ad una aumento dell età di sopravvivenza della popolazione con conseguente anche maggiore disabilità, in parte a una progressiva femminilizzazione dell attività che riduce il tempo di lavoro complessivo. Il pensionamento ormai prossimo del boom a medicina unito ad un più scarso turnover per disaffezione ad una professione ormai meno redditizia di altre, con maggiori esigenze e responsabilità, oltre che a certi blocchi di accesso e difficoltà di studio, porterà ad una diminuzione dei medici anche in Italia. Alcuni Paesi quali Gran Bretagna e Canadà sono già costretti all importazione. Altri, quali l USA, avendo fatte delle proiezioni nel futuro, stanno adottando provvedimenti per non trovarsi sguarniti di medici e, in particolare, di specialisti. L Italia è, ancora, in controtendenza e con Islanda, Svizzera, Belgio e Grecia ha più i 3,5 medici per mille abitanti (media internazionale 2,9 medici per mille abitanti). IN TEMA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Le pensioni nel futuro saranno sempre più povere. Dunque a fronte di pensioni sempre più scarne, si impone la necessità di trovare risorse accessorie per garantire nell età postlavorativa una certa tranquillità economica che possa permettere un tenore di vita non di ricchezza, ma almeno dignitoso. Ma quali scelte? E di fronte alla futura opzione Tfr o fondi pensione? Dopo anni negativi una ripresa dei mercati fa risalire le rendite. Ma quali prodotti scegliere? Fondi aperti o chiusi? Molta attenzione va posta ai caricamenti (costi che il gestore di un Fondo di investimento defalca anticipatamente dal capitale conferitogli per coprire le proprie spese di gestione) che potrebbero ridurre o azzerare i benefici prospettati con proiezioni ipotetiche. Circa i riscatti e le ricongiunzioni il vantaggio fiscale della loro completa deducibilità nella previdenza della dipendenza (INPS e INPDAP) è parzialmente annullato dall attuale sistema pensionistico. 13

14 NOTIZIE E COMUNICATI FONDI PENSIONE O TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO? PRO CONTRO 1. crearsi una pensione complementare senza sacrifici contributivi particolari 2. trattamenti più o meno validi secondo il tipo e la validità della gestione 3. più vantaggioso se con il concorso del datore di lavoro 4. rispetto ad altri prodotti finanziari, avere somme impegnate in enti sottoposti a controlli di gestione e vigilanza e non lasciate al datore di lavoro che potrebbe in un domani rivelarsi insolvente 5. una certa scelta del fondo da parte del lavoratore 1. il Tfr garantisce un rendimento certo, il fondo pensione no 2. prolungamento all età pensionabile della percezione delle somme 3. nessuna possibilità di anticipazione di somme (peraltro prevista solo nel regime privato) 4. solo una parte in capitale, l altro va in rendita periodica 5. in caso di decesso il Tfr spetta per intero agli eredi che in questo caso avrebbero solo per certi prodotti il trattamento indiretto INPDAP - I NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI L INPDAP con la nota operativa numero 7 del 2 maggio 2006 ha aggiornato i minimali e i massimali contributivi per il 2006 in base all indice prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati registrato per il 2005, pari a 1,7 per cento (articolo 7 comma 4 del DLgs numero 503 del 30 dicembre 1992): il minimale contributivo è pari a 8.893,21 euro (articolo 1 del de-creto legge 9 ottobre 1989 numero 338, convertito dalla legge 7 dicembre 1989 numero 389, e comma 8 dell articolo 6 del decreto legislativo 2 settembre 1997 numero 314 il massimale annuo della base contributiva e pensionabile, stabilito dall articolo 2, comma 18 della legge 8 agosto 1995 numero 335 per i nuovi iscritti dal 1 gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e per coloro che optano per la pensione con il sistema contributivo, è pari a ,37 euro il tetto retributivo oltre il quale è prevista, secondo l articolo 3 ter, comma 1, della legge 438/92 e l articolo 1, comma 241, della legge 23 dicembre 1996 numero 662, l aliquota aggiuntiva dell 1% a carico dell iscritto ammonta a ,58 euro l importo del massimale contributivo previsto dall articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 24 aprile 1997 numero 181, che vale per i direttori generali, amministrativi e sanitari delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere di cui all articolo 3 bis, comma 11, del decreto legislativo 19 giugno 1999 numero 229, è pari a ,63 euro. 14

15 NOTIZIE E COMUNICATI IN TEMA DI CERTIFICAZIONE Secondo il giudice Alfonso Marra costituiscono atto pubblico: il certificato di idoneità alla guida (ciclomotori); il certificato di malattia rilasciato dal medico convenzionato ai propri assistiti su loro richiesta; la richiesta di analisi compilata dal medico convenzionato; la dichiarazione attestante le condizioni igieniche di un abitazione quali risultano dall eseguito sopralluogo; il certificato di abitabilità rilasciato dal Funzionario Asl di cui è parte integrante il verbale di ispezione; il certificato redatto dal Funzionario Asl attestante la conformità di un fabbricato al progetto approvato con la concessione edilizia. SNELLIMENTO DELLE PROCEDURE PER L INVALIDITA Snellimento delle procedure amministrative per concedere le prestazioni di invalidità civile ai soggetti con patologie oncologiche. Col messaggio del 3 maggio 2006 l INPS dà le direttive, come previsto dall articolo 6, comma 3 bis della legge 80/06. ARTICOLO 6 COMMA 3BIS LEGGE 9 MARZO 2006 NUMERO 80 3-bis. L accertamento dell invalidità civile ovvero dell handicap, riguardante soggetti con patologie oncologiche, è effettuato dalle commissioni mediche di cui all articolo 1 della legge 15 ottobre 1990, n. 295, ovvero all articolo 4 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, entro quindici giorni dalla domanda dell interessato. Gli esiti dell accertamento hanno efficacia immediata per il godimento dei benefici da essi derivanti, fatta salva la facoltà della commissione medica periferica di cui all articolo 1, comma 7, della legge 15 ottobre 1990, n. 295, di sospenderne gli effetti fino all esito di ulteriori accertamenti. REGIONI E SANITA sentenza della Corte Costituzionale numero 181 del 5 maggio 2006 Le Regioni possono disciplinare l organizzazione in sanità dando criteri di scelta del personale dirigente medico chiedendo un rapporto esclusivo e privilegiando, a parità di condizioni, chi ha optato per le strutture pubbliche. In particolare, secondo i giudici delle Corte costituzionale (sentenza 181/2006) le Regioni «sono libere di disciplinare le modalità relative al conferimento degli incarichi di direzione delle strutture sanitarie ora privilegiando in senso assoluto il regime del rapporto esclusivo (è la scelta delle leggi regionali della Toscana e dell Umbria), ora facendo della scelta in suo favore un criterio preferenziale per il conferimento degli incarichi di direzione (è, invece, l opzione legislativa seguita dalla regione Emilia Romagna)». 15

16 NOTIZIE E COMUNICATI La Corte costituzionale, dunque, nella sentenza ha affermato la centralità del servizio sanitario pubblico, stabilendo al contempo che le Regioni sono libere di organizzare le aziende sanitarie, affidando la responsabilità delle strutture a chi offra le maggiori garanzie di dedizione e continuità. OSPEDALIERI E CARTELLINO MARCATEMPO La mancata timbratura del cartellino per brevi allontanamenti dal posto di lavoro del pubblico dipendente non è reato di falso ideologico, ma semplicemente un illecito sanzionabile dall amministrazione. Secondo la Cassazione sezioni unite (sentenza del 10 maggio 2006) i cartellini marcatempo e i fogli di presenza dei pubblici dipendenti non sono atti pubblici, essendo essi destinati ad attestare da parte dal pubblico dipendente solo una circostanza materiale che afferisce al rapporto di lavoro tra lui e la pubblica amministrazione (oggi soggetti a disciplina privatistica) e in ciò esauriscono in via immediata i loro effetti, non rivolgendo affatto manifestazioni dichiarative, attestative o di volontà riferibili alla pubblica amministrazione. Mancando un collegamento tra esercizio di funzioni pubbliche e attività falsificatoria, la mancata timbratura del cartellino in entrata e uscita facendo risultare orari non rispondenti a quelli effettivi, non verrebbe commesso reato di falso ideologico. Il dipendente dovrà rispondere solo alla propria amministrazione, magari rischiando il posto, ma non avrà la fedina penale sporca. Tale ineludibile collegamento tra esercizio di funzioni pubbliche e attività falsificatoria dei pubblici ufficiali (che non consente di ritenere automaticamente che tutti gli atti dagli stessi compiuti siano atti pubblici: Cassazione n /2003, citato), non può, quindi, condurre ad annoverare nella nozione di atto pubblico, rilevante ai fini penali, attività attestative che, invece, appaiono collegate direttamente e immediatamente a istituti sicuramente riconducibili alla disciplina privatistica (per mutuare altra espressione dottrinaria) e che, soprattutto, in tale ambito esauriscono la loro funzione di rilevanza attestativa. Va quindi, affermato il seguente principio di diritto: i cartellini marcatempo e i fogli di presenza dei pubblici dipendenti non sono atti pubblici, essendo essi destinati ad attestare da parte del pubblico dipendente solo una circostanza materiale che afferisce al rapporto di lavoro tra lui e la pubblica amministrazione (oggi soggetto a disciplina privatistica), e in ciò esauriscono in via immediata i loro effetti, non involgendo affatto manifestazioni dichiarative, attestative o di volontà riferibili alla pubblica amministrazione. Cassazione - Sezioni unite penaii - sentenza 10 maggio 2008 numero AMMISSIONE ALLE SCUOLE DI SPECIALITA È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 109 del 12 maggio 2006 il decreto 172/2006, firmato dal Ministro dell istruzione Letizia Moratti, che disciplina le modalità di ammissione dei laureati in medicina e chirurgia alle scuola di specializzazione. 16

17 NOTIZIE E COMUNICATI CORTE DEI CONTI e MEDICO DI MEDICINA GENERALE I medici di base convenzionati con il Servizio sanitario nazionale e i farmacisti che, disponendo con la loro attività di risorse pubbliche, altro non sono che professionisti che erogano un pubblico servizio, rispondono alla Corte dei Conti per i danni causati all erario nell esercizio delle loro attività. Lo ha affermato la Corte dei conti campana, colla ordinanza numero 131/2006, intervenendo su una vicenda di ricette false, sciogliendo così i dubbi e le perplessità che erano sorti in merito alla configurazione dei soggetti chiamati a rispondere dei danni subiti dal SSN. In particolare, il medico di base, giacché opera in regime di convenzione con il Servizio sanitario nazionale, svolge un attività di prestazione d opera professionale con i requisiti della parasubordinazione nei confronti dell Azienda sanitaria locale. Ne deriva che se provoca un danno erariale ne risponde innanzi alla Corte dei Conti. Anche il farmacista, professionista che per conto dell ASL eroga un servizio pubblico disponendo delle risorse pubbliche nell ambito dell organizzazione sanitaria, è soggetto a precisi obblighi e doveri che, se violati, ne causano il rinvio alla magistratura contabile per responsabilità amministrativa. REDDITI DA ATTIVITA INTRAMOENIA - FISCO E TASSA DI ISCRIZIONE ALL ORDINE da Sole 24 Ore del 4 giugno 2006 risposta numero 1976 La spesa sostenuta per la tassa di iscrizione all Ordine dal medico con attività libero professionale intramoenia non è deducibile in forma analitica in quanto i compensi percepiti per l attività intramuraria costituiscono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (articolo 50, comma 1, lettera e del Tuir) la cui determinazione avviene secondo le regole previste dal successivo articolo

18 NOTIZIE E COMUNICATI ONAOSI: Deducibilità dei contributi obbligatori versati all ONAOSI Ai Signori Presidenti degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri Ai Signori Presidenti degli Ordini dei Farmacisti Ai Signori Presidenti degli Ordini dei Medici Veterinari Ai Signori Presidenti delle Commissioni per gli iscritti all Albo degli Odontoiatri Caro Collega, da parte di alcuni Sanitari, in questo periodo in cui sono in scadenza i tempi per la Dichiarazione dei Redditi, sono stati posti quesiti ai C.A.F., Centri Assistenza Fiscale, finalizzati a STUDIO DI ECOGRAFIA ECO-COLOR DOPPLER AGO ASPIRATO DR. GIANANDREA BERTONI SPECIALISTA IN: Radiologia Diagnostica RICEVE PER APPUNTAMENTO Via Marangoni, 7 - Mantova cell. 348/ abit. 0376/ Via M. Azara, 6 - Tempio Pausania (SS) abit. 079/ chiarire il problema della Deducibilità dei Contributi obbligatori versati all ONAOSI. Dubbi e difficoltà interpretative sono state oggetto di apposito interpello da parte del Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale all Agenzia delle Entrate. Quest ultima per definire questi ed altri quesiti in via definitiva, posti dal predetto Coordinamento Nazionale ha emanato la Circolare n. 17 della quale mi permetto di sottolineare ed evidenziare il punto 5) ove, in via specifica, si tratta della Deducibilità dei Contributi obbligatori versati all ONAOSI, tema scontato per gli addetti ai lavori più vicini ai nostri ambienti ordinistici ma non per i Sanitari alle prese con le dichiarazioni IRPEF. Il quesito rivolto dai C.A.F. che ci riguarda direttamente è il seguente: L articolo 52, comma 23, della Legge 27 dicembre 2002, n. 289, ha reso obbligatorio il contributo versato dai Sanitari iscritti agli organi professionali dei Farmacisti, Medici Chirurghi, Odontoiatri e Veterinari all Opera Nazionale per l Assistenza degli Orfani di Sanitari Italiani (ONAOSI). Si chiede di conoscere se detto contributo è deducibile ai sensi dell articolo 10, comma 1, letto e), del Tuir. 18

19 NOTIZIE E COMUNICATI Di seguito riporto la risposta dell Agenzia delle Entrate: L articolo 10, comma 1, letto e), del Tuir, prevede tra gli oneri deducibili dal reddito complessivo i contributi previdenziali e assistenziali dovuti in ottemperanza a disposizioni di legge. L articolo 52, comma 23, della legge n. 289 del 2002 (Legge finanziaria 2003), ha modificato l articolo 2, letto e), della Legge n. 306 del 1901, estendendo l obbligo contributivo, a favore dell ONAOSI, a tutti i Sanitari iscritti agli Ordini Professionali italiani dei Farmacisti, Medici Chirurghi, Odontoiatri e Veterinari (tale obbligo, precedentemente, era previsto solo per i Sanitari dipendenti da enti pubblici). L obbligatorietà della contribuzione in esame è confermata dal disposto dell art. 10 del regolamento di riscossione dei contributi ONAOSI, approvato con atto interministeriale del 31 luglio 2003, secondo cui i contribuenti, nonchè le amministrazioni pubbliche che non provvedano al versamento dei contributi obbligatori entro i termini previsti, ovvero vi provvedano in misura inferiore al dovuto, sono tenuti a versare il contributo evaso, maggiorato di una somma aggiuntiva determinata applicando, in ragione d anno, il tasso d interesse di differimento e di dilazione in cui all art. 13 del D.L. 29 luglio 1981, n Alla luce della normativa sopra richiamata, considerata l obbligatorietà e la natura assistenziale dei contributi a favore della Fondazione ONAOSI, si ritiene che gli stessi siano deducibili dal reddito complessivo del contribuente ai sensi dell art. 10, comma 1, letto e), del Tuir. Tanto premesso affinchè il problema non sia destinato in futuro a creare dubbi e perplessità per i Sanitari. Ti prego di dare la massima diffusione agli Organi di Stampa ordinistici della risposta dell Agenzia che definitivamente scioglie ogni dubbio e difficoltà interpretativa e che conferma l interpretazione dei nostri Uffici. ARISTIDE PACI DR. MARCELLO SACCARDO SPECIALISTA IN: Neurologia - Psichiatria VISITA PER APPUNTAMENTO STUDIO MEDICO Via Chiassi, 24 - Mantova Tel CASA DI CURA SAN CLEMENTE Viale Pompilio, 65 - Mantova Tel

20 NOTIZIE E COMUNICATI ELENCO DEI MEDICI CHE HANNO DATO LA LORO DISPONIBILITÀ PER EFFETTUARE SOSTITUZIONI Dott.ssa ALESSANDRINI PAOLA CAMPITELLO(Mn) 333/ Dott.ssa ALFIERI VITTORIA GUASTALLA 347/ Dott. AMINALI HAMID REZA PADOVA 368/ Dott.ssa BANDIOLI CLAUDIA PIUBEGA 0376/ / Dott. BELLELLI ETTORE GOITO 0376/ o 340/ Dott. BELLETTI STEFANO RIVAROLO MANTOVANO 347/ Dott.ssa BELLINI CLAUDIA SOLFERINO 347/ Dott. BENNATI LUCIANO AREZZO 347/ (MED. GENERALE E PEDIATRIA) Dott.ssa BOLDINI ANNALISA ASOLA (Mn) Dott. BONANSINGA UMBERTO BOLOGNA 051/ Dott. BONETTI RICCARDO REVERE o Dott. BONOLIS ANDREA S. BENEDETTO DEL TRONTO (ODONTOIATRA) Dott. BORGHI GIULIO MANTOVA 347/ Dott.ssa BRIGNOLI BARBARA CASTIGLIONE D/STIVIERE / Dott. BRUNELLI ROBERTO RIVAROLO MANTOVANO 339/ Dott. BUSCEMI ANGELO REMEDELLO(Bs) 329/ Dott. CAPOFERRO DOMENICO MANTOVA 338/ Dott. CAPPELLARI MANUEL CASTELLUCCHIO (Mn) o Dott. CILLIS GABRIELE MANTOVA 0376/ Dott. CIMAROSTI STEFANO MANTOVA 0376/ (ODONTOIATRA) Dott.ssa COI PAOLA PORTO MANTOVANO 347/ Dott. COSTANTINI MATTEO RODIGO 0376/ o 347/ Dott.ssa DALL OGLIO DANIELA MANTOVA 0376/ Dott. DE BIASE RAFFAELE MANTOVA 0376/ / (ODONTOIATRA) Dott. EUTROPIO GIOVANNI GONZAGA 0376/54406 Dott.ssa FERRI BARBARA MONZAMBANO 0376/ / Dott. FILIPPINI ALBERTO CASTELGOFFREDO (Mn) 0376/ / Dott.ssa FIORAVANZI MARINA SERMIDE Dott.ssa FORESTIERI CARMEN SONA 045/ o 349/ (MED. GENERALE E PEDIATRIA) Dott. GALLI SIRO MANTOVA 338/ (ODONTOIATRA) Dott.ssa GANDOLFI NICOLETTA CURTATONE (Mn) 329/ Dott.ssa GENNARI ALESSANDRA S. GIOVANNI DEL DOSSO 0386/ Dott. GESMUNDO MICHELE VIRGILIO (Mn) 338/ Dott.ssa IELO DONATELLA MANTOVA 0376/ / Dott. LAGUARDIA ANGELO MANTOVA 368/ Dott.ssa GUALDI SIMONA GONZAGA (Mn) Dott.ssa GUERZONI DEBORA S. BENEDETTO PO 347/ (ODONTOIATRA) Dott.ssa LEONI FRANCESCA PARMA 0375/ / Dott.ssa MAGALINI FRANCESCA SOLFERINO 340/ Dott.ssa MASTROMARINO TIZIANA MANTOVA 0376/ (ODONTOIATRA) Dott.ssa MARASTONI CRISTINA MARCARIA 338/ Dott.ssa MORANDI ANNITA MANTOVA 0376/ Dott. MOSCONI MASSIMO RONCOFERRARO 0376/ (ODONTOIATRA) Dott. NICOLAI LAURA GUIDIZZOLO 0376/ o 338/ Dott. PALVARINI LOREDANA RIVALTA SUL MINCIO 339/ Dott.ssa PAVESI ALESSANDRA PEGOGNAGA (Mn) 349/ (ODONTOIATRA) Dott.ssa PENNA ANNAMARIA MANTOVA 338/ Dott.ssa PILLA SILVIA PARMA 0521/ Dott.ssa PORCARO VALERIA MODENA 333/ o 059/22213 Dott.ssa POVINO MARIA ROSARIA CASTIGLIONE D/STIVIERE (Mn) 0376/ / Dott.ssa RIVA GIOVANNA ROVERBELLA 347/ ODONTOIATRA Dott. RIMOLA PASQUALE MOTTEGGIANA (Mn) 338/ Dott.ssa ROSSI FEDERICA VERONA 045/ o 348/ (PEDIATRA) Dott.ssa SALVAGNINI MARIA ANGELA MANTOVA Dott.ssa SALVATO ROBERTA S. GIORGIO 349/ Dott. SCHENATO STEFANO PORTO MANTOVANO 349/ Dott. SERMIDI EMILIANO MANTOVA 0376/ o 339/ Dott.ssa STORTI ILARIA RIVAROLO MANT.NO(Mn) 338/ Dott. TOMASI LUCA MANTOVA 338/ Dott.ssa TROPLINI SONILA BRESCIA 320/ Dott. VESNAVER ALEX VOLTA MANTOVANA (Mn 347/ Dott. VIGANO PAOLO MANTOVA 338/ Dott.ssa ZIGGIOTTO FLORA MONTANARA (Mn) 347/ Dott.ssa ZAGHINI IRENE SERRAVALLE A PO (Mn) 0386/ / Dott. ZANINI GIANLUCA CASTIGLIONE D/STIVIERE 328/ Si informano i colleghi interessati a svolgere sostituzioni che dal prossimo numero di Mantova Medica saranno pubblicati nell elenco dei medici disponibili per le sostituzioni solo i nominativi di coloro che avranno dato la disponibilità entro il 30 giugno per i sei mesi successivi. Ciò in quanto in elenco risultano colleghi non più disponibili che hanno dimenticato di segnalarlo all Ordine. Si rammenta inoltre che la disponibilità va rinnovata ogni sei mesi per evitare il ripetersi di situazioni analoghe. 20

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B.

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B. CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B. Dr. ALESSI Giuseppe Medici Associati Medico di Medicina Generale (cod.reg.43999) Dr.ssa ZANELLA NUCERA Alessandra Medico di Medicina Generale

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

EDITORIALE l assalto alla diligenza a cura di L.Monesi pag. 3

EDITORIALE l assalto alla diligenza a cura di L.Monesi pag. 3 Mantova Medica anno XLIV - maggio-giugno 2007 - n. 3 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova SOMMARIO EDITORIALE

Dettagli

Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Messina Servizi informativi telematici

Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Messina Servizi informativi telematici La tutela previdenziale del libero professionista La copertura previdenziale dell attività a carattere libero professionale svolta dai medici e dagli odontoiatri è assicurata dall Ente Nazionale di Previdenza

Dettagli

Lista Decoro e dignità professionale

Lista Decoro e dignità professionale Lista Decoro e dignità professionale A) I NOSTRI OBIETTIVI B) COSA E STATO FATTO NEL TRIENNIO 2006/2008. FATTI: NON PAROLE C) LE PROPOSTE PER IL TRIENNIO 2009/2011 D) COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI (C.A.O.)

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Prot. 35081/2012 Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori Generali degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico LORO SEDI

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO

NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO IN BREVE n. 23 a cura di Marco Perelli Ercolini NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO Sulla Gazzetta Ufficiale del 12 luglio 2006 numero 160 è stato pubblicato il decreto milleproroghe

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI MEDICINA INTERNA Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI Capo Sala : Sig.ra Giulia PARETI DOVE SIAMO La struttura è situata al TERZO piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

STATUTO. Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001. Associazione senza fini di lucro e di attività sociale

STATUTO. Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001. Associazione senza fini di lucro e di attività sociale STATUTO Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001 Associazione senza fini di lucro e di attività sociale Sezione Provinciale di Milano - Via Venezian 1 20133 Milano 1 TITOLO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete MEDISETTE (accordi regionali 2009) Medici Associati LODI ASL 306 DOTT. ARAGIUSTO GIUSEPPE Specialista in Malattie dell Apparato Respiratorio Medico

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

INTERESSI LEGALI (art. 1284 codice civile e successive modificazioni) dal al Interesse legale disposizione normativa

INTERESSI LEGALI (art. 1284 codice civile e successive modificazioni) dal al Interesse legale disposizione normativa IN BREVE n. 48/2007 a cura di Marco Perelli Ercolini INTERESSI LEGALI A partire dal prossimo gennaio varia il saggio degli interessi legali di cui all'art. 1284 del codice civile in base Decreto del 12.12.2007

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

per aver subito pena, da sola o complessiva, superiore a due anni;

per aver subito pena, da sola o complessiva, superiore a due anni; AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI LIBERO PROFESSIONALI In esecuzione alla deliberazione n. 585 del 24.12.2009, qui integralmente richiamata, è indetto pubblico avviso per la

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FORMISANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FORMISANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2155 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FORMISANO Introduzione dell obbligo di contrarre a carico delle imprese di assicurazione

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Oneri informativi per i cittadini e per le imprese, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. 33/2013

Oneri informativi per i cittadini e per le imprese, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. 33/2013 Oneri informativi per i cittadini e per le imprese, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. 33/2013 Le politiche per l attuazione della trasparenza che si sono affiancate a quelle della semplificazione amministrativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5425 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

AVVISO RIASSEGNAZIONE DI PERSONALE APPARTENENTE ALLA FIGURA PROFESSIONALE DI INFERMIERE

AVVISO RIASSEGNAZIONE DI PERSONALE APPARTENENTE ALLA FIGURA PROFESSIONALE DI INFERMIERE AVVISO RIASSEGNAZIONE DI PERSONALE APPARTENENTE ALLA FIGURA PROFESSIONALE DI INFERMIERE SCADENZA 02.04.2014 * * * * * * * * * * * * In attuazione alla decisione del Servizio Gestione e sviluppo del personale

Dettagli

Gruppo di lavoro PREVIDENZA

Gruppo di lavoro PREVIDENZA Gruppo di lavoro PREVIDENZA OLTRE LA CLINICA. LA PROFESSIONE MEDICA OGGI Discussant: Dr. Giorgio Cavallero (Vice Segretario Nazionale ANAAO, Segretario generale CosMed) Dr.ssa Claudia Pozzi (Resp AG Regione

Dettagli

Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza

Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza Documento redatto nel mese di gennaio 2013, modificato nel mese di gennaio 2015. PREMESSA La riforma della sanità del 1999 ha modificato in maniera sostanziale

Dettagli

Tassazione delle prestazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Tassazione delle prestazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Tassazione delle prestazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna Il diritto alla prestazione pensionistica si acquisisce

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale La CARTA dei SERVIZI del Medico di Medicina Generale Caro Cittadino, questa breve Carta dei Servizi è stata preparata per fornirti tutte le informazioni utili a garantire, tra te assistito e il tuo medico,

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2526 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Disposizioni per la regolamentazione della professione veterinaria e la tutela

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 Verbale n 15 L anno 2015, addì ventitre del mese di settembre, in Campobasso alle ore 19,00, presso la sede dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI N. 3 INCARICHI LIBERO- PROFESSIONALI DI MEDICO GENERICO ADDETTO ALL EFFETTUAZIONE DI CONTROLLI

Dettagli

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro E.N.P.A.M. Indennita di maternita, adozione, affidamento e aborto per le iscritte agli albi dei medici chirughi e odontoiatri, libere professioniste o convenzionate La base del calcolo per l indennità

Dettagli

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI PRESIDENTI COMITATO ORGANIZZATORE Giovanni Battista D Errico COMITATO SCIENTIFICO Vincenzo Contursi Giovanni Battista D Errico SEGRETERIA SCIENTIFICA SIICP-Società Italiana Interdisciplinare per le Cure

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Comunicato n. 332 12 dicembre 2007 Ministero della Salute UFFICIO STAMPA Senato approva Ddl proposto dal Ministro Turco sulla semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

Al Presidente dell Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Modena. Il sottoscritto Dott.: cognome

Al Presidente dell Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Modena. Il sottoscritto Dott.: cognome MODULO di iscrizione con decreto ministeriale cittadini comunitari ed extracomunitari con titoli conseguiti in paesi comunitari e non comunitari (Fuori Italia) Al Presidente dell Ordine Provinciale dei

Dettagli

Mutua Sanitaria Integrativa. COPERTURE SANITARIE COLLETTIVE o AZIENDALI. Vantaggi Fiscali

Mutua Sanitaria Integrativa. COPERTURE SANITARIE COLLETTIVE o AZIENDALI. Vantaggi Fiscali Mutua Sanitaria Integrativa COPERTURE SANITARIE COLLETTIVE o AZIENDALI Vantaggi Fiscali Copertura Sanitaria Integrativa Aziendale Già la riforma sanitaria contenuta nei DD.LLggss. 502/92, 517/93 e 229/99

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Aggiornato alla legge n. 190 del 23 dicembre 2014 ( legge di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA E FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI) BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI I LIVELLO IN ECONOMIA

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino DISTRETTO SANITARIO 17 RIVIERA VAL DI VARA Per informazioni sui servizi 0187/533842 giorni feriali ore 08.00-12.00 Redatto dalla funzione Comunicazione S.C. Sistema

Dettagli

S. N. A. L. S. - Conf.S.A.L.

S. N. A. L. S. - Conf.S.A.L. S. N. A. L. S. - Conf.S.A.L. SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO LAVORATORI SCUOLA Segreteria Provinciale Siracusa Gli Orari Visite Fiscali 2015/16 INPS dipendenti pubblici, insegnanti, aziende private, militari,

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Medicina di Gruppo Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Dott. C. Campiglia (referente) Dott. M. Budelli Dott. M. Corio Dott. G. Gorletta Dott. C. Grassi Dott. R. Stella Indice Presentazione

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Approvato dall Assemblea Straordinaria del 29 maggio 2009 2 ORGANIGRAMMA (Rif.Statuto) ASSEMBLEA

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici. Ai Coordinatori delle consulenze professionali

Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici. Ai Coordinatori delle consulenze professionali Roma, 08.06.2000 DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFFICIO III - COORDINAMENTO Circolare n. 29 Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici Ai Coordinatori delle consulenze

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Il bilancio consuntivo 2014 è stato redatto in conformità ai criteri di competenza finanziaria adottati nella redazione dei bilanci consuntivi da noi

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo

Circolare N.69 del 10 Maggio 2012. Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Circolare N.69 del 10 Maggio 2012 Veterinari e medici. Trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Veterinari e medici: trattamento fiscale dei compensi da lavoro autonomo Gentile cliente, con

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5. Roma, 6 febbraio 2008. DIREZIONE CENTRALE Tfs, TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE. Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali

NOTA OPERATIVA N. 5. Roma, 6 febbraio 2008. DIREZIONE CENTRALE Tfs, TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE. Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali Roma, 6 febbraio 2008 DIREZIONE CENTRALE Tfs, TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE UFFICIO II PREVIDENZA COMPLEMENTARE Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali Ai Dirigenti degli Uffici Centrali, Autonomi,

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

POLIAMBULATORIO PRIVATO. CENTRO DI TERAPIA SAN BIAGIO S.r.l. CARTA DEI SERVIZI

POLIAMBULATORIO PRIVATO. CENTRO DI TERAPIA SAN BIAGIO S.r.l. CARTA DEI SERVIZI POLIAMBULATORIO PRIVATO CENTRO DI TERAPIA SAN BIAGIO S.r.l. CARTA DEI SERVIZI Via della Resistenza, 13 40033 S.Biagio Casalecchio di Reno Tel.: 0516130124 Fax 0516112434 1 Gentile Signore/ Signora, il

Dettagli

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 e p.c. Agli Iscritti Alle Casse Rurali/Banche di Credito Cooperativo Alle Federazioni locali ed Enti Collegati Agli Enti Centrali Ai Membri del Comitato Amministratore

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA Dott. Claudia Mognaschi Via S. Cristoforo, 44-21047 SARONNO Tel. 3663819473 / 0296702270 - Fax 0287153169 e-mail: cmognaschi@alice.it (Ultimo aggiornamento 18.03.2014,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA Obiettivo 2015 sulle liste di attesa in Sanità in Regione Emilia - Romagna: garantire almeno

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

VADEMECUM ODONTOIATRI

VADEMECUM ODONTOIATRI 1 VADEMECUM ODONTOIATRI INDICE 1) Introduzione 2) Normativa e Codice Deontologico 3) Come si diventa Odontoiatra 4) L iscrizione all Albo 5) I compiti e le funzioni dell Ordine professionale 6) La libera

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

TIPOLOGIE DI CONTRIBUENTI

TIPOLOGIE DI CONTRIBUENTI TIPOLOGIE DI CONTRIBUENTI REDDITI DA DICHIARARE ALLA QUOTA B DEL FONDO GENERALE Conformemente alle vigenti disposizioni del Regolamento del Fondo di previdenza generale, sono soggetti a prelievo contributivo

Dettagli

RIFLESSIONI PER COSTRUIRE UNA PENSIONE

RIFLESSIONI PER COSTRUIRE UNA PENSIONE SALA CONFERENZE ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI di BARI 24 MARZO 2012 FEDER.S.P.eV. Sezione di Bari - Bat COSCIENZA PREVIDENZIALE I nostri giovani verso il futuro a cura di Marco Perelli

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa di Stefano Stefani [*] Sommario La recente giurisprudenza si è espressa, in modo anche diversificato ma certamente negativo,

Dettagli

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Il 26 marzo 2014 con l approvazione della legge regionale : - Disposizioni in materia di esercizio di attività professionale da parte del personale di

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 Si rinnova anche per il 2014 il tradizionale appuntamento con le nuove tabelle per il calcolo dei trattamenti previdenziali

Dettagli

RIAPERTURA TERMINI E INTEGRAZIONE REQUISITI

RIAPERTURA TERMINI E INTEGRAZIONE REQUISITI Prot. n. 1485/P Caorle, li 11 dicembre 2012 CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 2 POSTI A TEMPO INDETERMINATO DI INFERMIERE CAT. D POS. EC. D1 E PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

XV Censimento generale della Popolazione e degli Edifici SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI RILEVATORI

XV Censimento generale della Popolazione e degli Edifici SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI RILEVATORI XV Censimento generale della Popolazione e degli Edifici SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI RILEVATORI IL DIRIGENTE DEL SETTORE INNOVAZIONE E SERVIZI AI CITTADINI

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

COMUNE di RUDIANO (Provincia di Brescia)

COMUNE di RUDIANO (Provincia di Brescia) COMUNE di RUDIANO (Provincia di Brescia) BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER SOLI ESAMI PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI COLLABORATORE AMMINISTRATIVO A TEMPO PARZIALE (23 ore settimanali) ED INDETERMINATO -

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

INFORMATIVA SANATORIA DEI CONTRIBUTI ENPAM DOVUTI PER LA LIBERA PROFESSIONE

INFORMATIVA SANATORIA DEI CONTRIBUTI ENPAM DOVUTI PER LA LIBERA PROFESSIONE INFORMATIVA SANATORIA DEI CONTRIBUTI ENPAM DOVUTI PER LA LIBERA PROFESSIONE Scadenza: 31 maggio 2008 Su richiesta dell Anaao Assomed dell ottobre del 2007, l ENPAM ha riaperto i termini per sanare i contributi

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASSANTE MARIA DOLORES Data di nascita 3/07/1957 Qualifica Dirigente medico Unità operativa/ ufficio Cure Primarie Distretto di Serra San Bruno Incarico attuale

Dettagli