-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.iussit.eu - www.iussit.eu"

Transcript

1 [ IUS SIT FORNITURA ENERGIA ELETTRICA PREAVVISO DISTACCO Art. 700 c.p.c., ante causam per ottenere un ordine di inibizione del depotenziamento o distacco della fornitura di energia elettrica Sussiste il fumus boni iuris per concedere la cautela nel caso di regolare pagamento delle fatture al creditore che appare legittimato a ricevere la prestazioni Sussiste il periculum in mora, in quanto il distacco o depotenziamento della fornitura di energia determinerebbe alla ricorrente (che svolge attività commerciale) un danno difficilmente colmabile con un risarcimento per equivalente [TRIBUNALE DI NOLA, Dott.ssa Caterina Costabile, ordinanza del 15 novembre 2010] Contratto fornitura energia elettrica regolari pagamenti a mezzo RID bancario - richiesta pagamento da altra società per la stessa utenza reclami - preavviso di distacco ricorso ex art.700 c.p.c. provvedimenti cautelari ante causam e novella del concessione della cautela con decreto inaudita altera parte comparizione delle parti - pagamento in favore di colui che appare legittimato a ricevere la prestazione (art c.c.) fumus boni iuris danno difficilmente colmabile con un risarcimento per equivalente - periculum in mora sussistenza - conferma provvedimento emesso inibizione di distacco di energia elettrica o depotenziamento liberalizzazione del mercato di energia cliente idoneo cliente vincolato diritto di recedere dal preesistente contratto di fornitura - passaggio graduale dal regime vincolato al mercato libero particolare regime di tutela servizio di maggior tutela servizio di salvaguardia TRIBUNALE DI NOLA II SEZIONE CIVILE Il G.D., dott.ssa Caterina Costabile, letti gli atti del proc. n.../2010 R.G., a scioglimento della riserva assunta all udienza dell 11/11/2010; OSSERVA QUANTO SEGUE. Meviax proponeva ricorso ex art. 700 c.p.c. ante causam volto ad ottenere nei confronti dell ENEL Servizio Elettrico s.p.a. un ordine di inibizione delle operazioni di riduzione della potenza e di distacco della fornitura di energia elettrica relativa al Bar, Ricevitoria, Ristorante e Rxxx... Meviax sito in Zzzz al C.so Xxx n. (numero cliente ) di cui è titolare. Con decreto emesso inaudita altera parte in data il G.D. concedeva la richiesta cautela fissando l udienza per la comparizione delle parti per il Si costituivano sia l ENEL Servizio Elettrico s.p.a. che l ENEL Energia s.p.a. che chiedevano la revoca della concessa cautela ed il rigetto del ricorso ex art. 700 c.p.c. proposto dalla Meviax. A) Va preliminarmente sottolineato che costituiva opinione consolidata il ritenere che, ove la domanda cautelare fosse proposta ante causam, il ricorso dovesse contenere anche la indicazione della domanda di merito, ossia, del diritto sostanziale a cautela del quale si chiedeva il rilascio della misura cautelare e del tipo e della specie di provvedimento che il ricorrente si apprestava a chiedere al giudice del merito. Ciò, si diceva, in ragione della intrinseca natura provvisoria e del nesso di strumentalità che necessariamente deve intercorrere tra il provvedimento cautelare ed il giudizio di merito, avvalorato dal previgente onere del ricorrente, che abbia ottenuto la cautela richiesta, di instaurare il successivo giudizio a cognizione piena nel perentorio termine di gg. 30 oppure in quello diverso, ma non superiore, fissato dal giudice cautelare, pena la sopravvenuta 1

2 inefficacia del provvedimento medesimo (artt. 669 octies commi 1 e 2, e 669 novies, comma 1, c.p.c.). Analogamente è a dirsi per la previsione ai sensi della quale l'estinzione del giudizio di merito successivamente al suo inizio comporta la sopravvenuta inefficacia del provvedimento cautelare (art. 669 novies comma 1 c.p.c.). Inoltre, sempre in virtù del rapporto di strumentalità che lega giudizio cautelare e fase di merito, si riteneva che l'individuazione del merito costituisse indicazione essenziale per permettere al giudice di valutare l'accoglibilità della domanda cautelare sia sotto il profilo del fumus boni iuris (e cioè della probabilità che proprio la domanda di merito trovi accoglimento) sia sotto il profilo del periculum in mora (e cioè della compromissione del diritto azionato nelle more del giudizio ordinario). Ancora, per ciò che riguarda i provvedimenti cautelari ante causam, si sottolineava come solo la determinazione della domanda di merito permettesse di individuare la competenza del giudice che deve essere adito nella fase cautelare ex art. 669 ter, comma 1, c.p.c. Sul punto va peraltro rimarcato che, se per un verso era pacifico che l'indicazione della domanda di merito fosse requisito indispensabile del ricorso cautelare, per altro verso mancava unità di vedute sul regime della invalidità conseguente all'omessa indicazione di tale domanda e sulla conseguente sanatoria. Le soluzioni prospettate in dottrina e giurisprudenza erano essenzialmente due: la giurisprudenza ed alcuni esponenti della dottrina erano dell'opinione che, una volta accertata l'omessa indicazione della domanda di merito, il giudice della cautela dovesse procedere alla immediata chiusura del procedimento, mediante dichiarazione di nullità del ricorso, mentre la dottrina assolutamente prevalente era invece propensa a ritenere la applicabilità in via analogica del meccanismo di sanatoria ex nunc delineato dal 5, 6 e 7 comma dell'art. 164 c.p.c. per vizi attinenti alla editio actionis dell'atto di citazione di guisa che in ipotesi di mancanza o assoluta incertezza della domanda di merito, il giudice dovesse ordinare alla parte ricorrente di rinnovare-integrare il ricorso con possibilità di chiudere in rito il procedimento solo in ipotesi di mancata rinnovazione integrazione entro il termine all'uopo stabilito. In questo contesto è intervenuto il legislatore della novella del 2005, da un lato, innalzando da 30 a 60 giorni il termine perentorio per l'instaurazione della causa di merito, e, dall'altro lato, restringendo l'ambito di applicazione di siffatta previsione. Difatti, il nuovo art. 669 novies comma 4 c.p.c. (in vigore dal 1 marzo 2006), sancisce l'inapplicabilità del meccanismo «perentorietà del termine/sopravvenuta inefficacia del provvedimento cautelare» ai provvedimenti di urgenza «emessi ai sensi dell'art. 700 e agli altri provvedimenti cautelari idonei ad anticipare gli effetti della sentenza di merito, previsti dal codice civile o da leggi speciali» (nonché ai provvedimenti emessi a seguito di denunzia di nuova opera o di danno temuto). Conseguentemente, e coerentemente con il nuovo impianto, l'eventuale estinzione del giudizio di merito instaurato successivamente all'ottenimento di tali provvedimenti, non spiega alcun effetto invalidante su di essi (e ciò anche quando la domanda di cautela è stata avanzata in corso di causa ex art. 669 octies, comma 7, c.p.c.). Tutto ciò induce ad un ripensamento dell opinione secondo cui il ricorrente che adisce l'autorità giudiziaria al fine di ottenere un provvedimento che, ai sensi dell'art. 700 c.p.c., assicuri idonea e provvisoria cautela nelle more della tutela ordinaria, debba fornire nel ricorso introduttivo, a pena di inammissibilità, l'indicazione delle conclusioni del giudizio di merito, con specificazione sia del petitum (mediato ed immediato), sia della causa petendi. Del resto, già nel periodo anteriore alla riforma, si riteneva che non fosse necessario che il ricorrente, nella domanda cautelare proposta ante causam, precisasse analiticamente le conclusioni di merito, ma semplicemente che emergesse con chiarezza il diritto tutelando (che deve essere lo stesso anche in fase di merito) e il tipo di tutela che, di quel diritto, sarebbe stata domandata nel giudizio di merito. In ogni caso, è da ritenere che la ricorrente abbia descritto appropriatamente la posizione di diritto sostanziale cautelando, ovvero le ragioni di fatto e gli elementi di diritto costitutivi dell assunto fumus boni iuris: la Meviax chiarisce difatti di voler iniziare un giudizio di merito onde ottenere l accertamento della inesistenza del debito per adempimento nei confronti del creditore apparente ex art c.c. salvo il risarcimento del danno e, in via subordinata, la condanna alle restituzioni da parte di Enel Energia (cfr. pag. 11 ricorso). B) Giova a questo punto inquadrare in punto di diritto la tematica della liberalizzazione del mercato dell energia elettrica. 2

3 La liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica si è realizzata in Rxxx... per effetto del decreto legislativo del 16 marzo 1999 n. 79 (cd. decreto Bersani), che ha recepito la Direttiva n. 96/92/CE del 19 dicembre 1996 concernente norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica. Tale decreto ha stabilito che sono completamente libere le attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica, mentre le attività di trasmissione e dispacciamento sono riservate allo Stato, che le attribuisce in concessione al Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN). L'attività di distribuzione viene svolta da imprese che operano sulla base di concessioni rilasciate dallo Stato. L'attività di vendita dell'energia elettrica è invece esercitata dai cosiddetti clienti grossisti, che acquistano e vendono energia elettrica senza esercitare attività di produzione, trasmissione e distribuzione. Il decreto Bersani individuava inoltre la figura del cliente idoneo definendolo come la persona fisica o giuridica che ha la capacità, di stipulare contratti di fornitura con qualsiasi produttore, distributore o grossista sia in Rxxx... sia all'estero, in riferimento a soglie di consumo, inizialmente fissate in 30 GWh/anno, poi ridotte a 20 (dal 1º gennaio 2000), e a 9 (dal 1º gennaio 2002). I clienti vincolati erano, viceversa, coloro che presentavano consumi di energia elettrica al di sotto delle predette soglie, in particolare, nella categoria venivano automaticamente ricompresi gli utenti domestici. Successivamente, con la Direttiva 2003/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2003 è stato previsto che, a partire dall'1 luglio 2007, dovevano essere considerati idonei al mercato libero tutti i clienti finali di energia elettrica, col conseguente venir meno, negli ordinamenti nazionali di ciascun Stato membro, della fattispecie "cliente vincolato". Il nostro legislatore, con l'art. 1 del decreto-legge 18 giugno 2007 n. 73, convertito con legge 3 agosto 2007 n. 125, ha così previsto che dal 1 luglio 2007 i clienti finali domestici hanno diritto di recedere dal preesistente contratto di fornitura di energia elettrica come clienti vincolati, secondo modalità stabilite dall'autorità per l'energia elettrica e il gas, e di scegliere un fornitore diverso dal proprio distributore, stabilendo altresì che, in mancanza di tale scelta, l'erogazione del servizio per i clienti finali domestici non riforniti di energia elettrica sul mercato libero deve essere garantita dall'impresa di distribuzione. Per facilitare un passaggio graduale dal regime vincolato al mercato libero, nonché per assicurare la continuità delle forniture ai clienti industriali, è stata previsto un particolare regime di tutela per i clienti che non abbiano scelto un fornitore sul mercato libero, articolato attraverso due servizi: - servizio di maggior tutela, destinato ai clienti domestici e alle imprese connesse in bassa tensione, aventi meno di 50 dipendenti e un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro; - servizio di salvaguardia, destinato ai clienti finali non domestici, che abbiano autocertificato di non essere piccole imprese sottoposte al medesimo regime dei clienti domestici, che siano senza fornitore di energia elettrica o che non abbiano scelto il proprio fornitore. In attuazione del decreto-legge 18 giugno 2007 n. 73, che ha altresì disposto la separazione societaria tra l attività di distribuzione e quella di vendita ai cd. clienti ex-vincolati, è stata creata la società Enel Servizio Elettrico s.p.a. operante nella vendita di energia elettrica al dettaglio ai clienti inseriti nel regime di maggior tutela. In materia è poi intervenuta l Autorità per l'energia elettrica e il gas disciplinando con la delibera n. 156/07 l'erogazione dei servizi di vendita dell'energia elettrica di maggior tutela e di salvaguardia ai clienti finali. In particolare, l allegato A di tale delibera si occupa di far fronte all'esigenza di evitare soluzioni di continuità delle forniture nei diversi segmenti di mercato al dettaglio nei casi di passaggio dal mercato di maggior tutela a quello libero o di rientro da quest ultimo verso il primo: trattandosi, infatti, di un servizio cd. essenziale si è resa necessaria la predisposizione di una disciplina volta ad evitare possibili interruzioni della fornitura causate dal cambio di gestore. Proprio in tale ottica, l art. 4 al punto 3 dispone che Nel caso in cui un cliente finale si trovi senza un venditore sul mercato libero e, di conseguenza, senza un contratto di trasporto e un contratto di dispacciamento in vigore con riferimento a uno o più punti di prelievo nella propria titolarità, l impresa distributrice provvede. a darne tempestiva comunicazione, attraverso un canale di posta elettronica certificata o attraverso un canale di comunicazione che fornisca alla medesima impresa distributrice idonea documentazione elettronica 3

4 attestante l invio e l avvenuta consegna, rispettivamente all esercente la maggior tutela o la salvaguardia. Ancora, il punto 6 della medesima disposizione stabilisce che L esercente la maggior tutela comunica al cliente finale l avvenuta attivazione del servizio entro 3 giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 4.3 indicando che il cliente è servito nel servizio di maggior tutela, definito all articolo 1, comma 2 del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73/07, a condizioni definite dall Autorità nel TIV. Al punto 7 si precisa altresì che L esercente la salvaguardia comunica al cliente finale l avvenuta attivazione del servizio entro 3 (tre) giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 4.3 indicando almeno: a) che il cliente è servito nel servizio di salvaguardia, alle condizioni definite nel contratto pubblicato sul sito internet del medesimo esercente, ai sensi dell articolo 5, comma 2 del decreto ministeriale 23 novembre 2007, specificando la data a partire dalla quale ha inizio la fornitura; b) che l esercente la salvaguardia, ai sensi dell articolo 1, comma 4, del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73/07 convertito con legge 3 agosto 2007, n. 125, è stato selezionato attraverso apposite procedure concorsuali; c) le condizioni economiche relative al servizio di salvaguardia e le modalità di aggiornamento; d) l indirizzo internet e i recapiti telefonici del medesimo esercente la salvaguardia cui il cliente può rivolgersi per ottenere le necessarie informazioni. C) Venendo al fattispecie in esame, per chiarezza vanno in primis ricostruiti i termini salienti della vicenda: in data la ricorrente ha stipulato un contratto di fornitura elettrica denominato Giorni leggeri con ENEL Energia s.p.a. divenuto operante dal 1 aprile 2007; tale contratto prevedeva il pagamento delle fatture a mezzo RID bancario sul conto corrente bancario della Meviax; emerge dagli estratti di c./c. versati in atti che dal maggio 2007 al luglio 2010 Enel Energia s.p.a. ha regolarmente prelevato le somme fatturate; a partire dal luglio 2010 venivano avanzate richieste di pagamento in riferimento alla stessa utenza anche dalla Enel Servizio Elettrico s.p.a. per oltre ,00 euro; la ricorrente aveva presentato inutilmente numerosi reclami alla Enel Servizio Elettrico s.p.a. onde chiarire la situazione; in data l Enel Servizio Elettrico s.p.a. inviava un preavviso di distacco della fornitura a seguito del quale la ricorrente instaurava il presente giudizio. L Enel Servizio elettrico s.p.a. costituendosi ha dedotto che la fornitura oggetto di causa, seppur cessata il per il passaggio ad altro operatore del mercato libero (ovvero Enel Energia s.p.a.) sarebbe rientrata sul mercato di maggior tutela in data con decorrenza dal a seguito di recesso dal contratto attivo sul mercato libero, così come comunicatogli dal Vettoriamento della Campania (deputato alla segnalazione dei rientri sulla base della normativa vigente). La Enel Energia costituendosi ha negato nella propria comparsa di costituzione di aver mai ricevuto dalla Meviax richiesta di recesso dalla fornitura nelle forme contrattualmente previste asserendo, peraltro, di aver regolarmente continuato a fornire sino ad oggi energia elettrica alla cliente (cfr. pag. 4 e 5). Tuttavia risulta versata in atti, sia nella produzione di parte ricorrente sia in quella dell Enel Servizio Elettrico, una lettera datata inviata dall Enel Energia alla cliente ove si legge le confermiamo che, a seguito della stipula del contratto numero per la fornitura di energia elettrica, riportante la data del 09/10/2006, lo stesso è stato attivo con la nostra società dal 01/04/2007 al 30/11/2007. A seguito di tale cessazione, a causa del passaggio ad altro fornitore, sono cessati anche il mandato di trasporto e di connessione per cui la nostra società non è più titolata ad emettere fatture. Appare, dunque, assolutamente verosimile che il rientro automatico nel mercato di maggior tutela della ricorrente sia stato generato dal recesso unilaterale del gestore del mercato libero (Enel Energia). Non vi è, difatti, alcuna prova in atti di una eventuale richiesta di recesso da parte della ricorrente che del resto, in tale ipotesi, non avrebbe di certo continuato regolarmente a pagare le fatture inviatele dal gestore del mercato libero negli ultimi tre anni. In pratica, comunicato via web il recesso da parte del libero gestore all impresa distributrice di energia (ovvero Enel Distribuzione s.p.a.) la stessa ha poi provveduto, sempre via web, a darne comunicazione all impresa esercente la maggior tutela (ovvero Enel Servizio Elettrico s.p.a.) indicandole anche i dati necessari per l emissione della fattura e cioè la data e lettura cd. di divisione, il tutto come previsto dal summenzionato art. 4 dell allegato alla delibera n. 156/07 dell Autorità per l'energia elettrica e il gas. 4

5 In effetti, che attualmente sia l Enel Servizio Elettrico il gestore che realmente fornisce l energia elettrica all utenza della ricorrente è provato dalla circostanza stessa del minacciato distacco o depotenziamento della fornitura, attività questa che solo il reale fornitore potrebbe porre in essere. D) Ciò chiarito da un punto di vista fattuale, va rimarcato in punto di fumus boni iuris che l art c.c. dispone la liberazione del debitore che adempie in favore di colui che appaia legittimato a ricevere la prestazione altrui. Perché trovi effetto questo fenomeno di apparenza giuridica è necessario che ricorrano due condizioni: uno stato di fatto che non corrisponda al dato giuridico, ed il convincimento del terzo, viziato da errore scusabile, che la situazione fattuale corrisponda a quella di diritto. Sul piano probatorio, al fine di verificare il soggetto su cui incombe l'assolvimento dell'onere di cui all'art c.c., il debitore è tenuto a provare non solo di aver confidato senza sua colpa nella situazione apparente, ma anche che la sua erronea opinione, è maturata a seguito di un comportamento colposo del creditore che abbia fatto sorgere nel "solvens" in buona fede una ragionevole presunzione sulla rispondenza alla realtà dei poteri rappresentativi dell'"accipiens" (cfr. Cass. civ., sez. III, 27 ottobre 2005, n ; Cass. civ., sez. III, 7 maggio 1992, n. 5436). Ciò provato, spetta poi a chi contesti l'efficacia a proprio danno della situazione di apparenza giuridica, adempiere all'onere della prova contraria, dovendo il creditore dimostrare che l'opinione della controparte sulla corrispondenza tra situazione apparente e situazione reale era determinata da colpevole negligenza o imprudenza e dunque, secondo la regola presuntiva del comma 3 dell'art. 1147, c.c., la mala fede del debitore (cfr. Cass. civ., sez. lav., 3 ottobre 2007, n ; Cass. civ., sez. II, 3 aprile 1999, n. 3287; Cass. civ., sez. III, 24 gennaio 1985, n. 484). Nella fattispecie in esame emerge chiaramente che la Meviax ha confidato senza sua colpa in una situazione apparente: da un lato, infatti, non è stata fornita prova da parte dell Enel Servizio Elettrico s.p.a. della intervenuta comunicazione al cliente finale dell avvenuto rientro nel servizio di maggior tutela prevista dall art. 4 punto 6 dell allegato A della delibera dell Autorità per l'energia elettrica e il gas n. 156/07; dall altro vi è stato il comportamento dell Enel Energia s.p.a. che ha continuato negli ultimi tre anni ad inviare fatture e a prelevare le somme in esse indicate dal c./c. della ricorrente, in virtù del R.I.D. contrattualmente previsto, pur essendo cessata da parte sua la fornitura di energia elettrica. E noto difatti che le circostanze dalle quali desumere la scusabilità dell'erroneo pagamento vanno desunte in particolar modo dal comportamento sia dell'accipiens sia del vero creditore (cfr. da ultimo Cass. civ., sez. III, 30 ottobre 2008, n ). Evidente è, altresì, che la scusabilità dell errore in cui è incorsa la Meviax riguardi solo il passato, essendosi a seguito del presente giudizio palesata inequivocabilmente l identità del vero creditore delle spettanze dovute per la fornitura di energia elettrica attualmente ricevuta dalla ricorrente. E) Ciò detto quanto alla sufficienza del fumus boni iuris della domanda cautelare, deve evidenziarsi come nella fattispecie in esame sussista anche il requisito del periculum in mora. Com è noto, la tutela cautelare in via d'urgenza può essere ammessa per un diritto di credito quando essa sia volta a salvaguardare non il diritto di credito in quanto tale, bensì situazioni giuridiche soggettive non patrimoniali - di cui il ricorrente deve fornire la prova - a tale diritto indissolubilmente ed immediatamente correlate (come il diritto all'integrità fisica, alla salute o ad un'esistenza libera e dignitosa), le quali potrebbero essere pregiudicate definitivamente dal ritardo nella soddisfazione del diritto di credito. Qualora, invece, il diritto che si assume violato è a contenuto e funzione esclusivamente patrimoniale il requisito dell'irreparabilità del pregiudizio ex art. 700 c.p.c. può essere ravvisato unicamente nell ipotesi in cui la durata del processo di merito lasci prevedere uno scarto eccessivo tra danno subito e danno risarcito, nonché una notevole complessità dell accertamento stesso del danno (cfr. in tal senso Trib. Bari, 30 giugno 2009, in Juris Data; Trib. Nocera Inferiore, 23 febbraio 2005, in Juris Data; Trib. Nocera Inferiore, 30 settembre 2004, in Juris Data; Trib. Firenze, 19 febbraio 2003, in Foro toscano 2003, 158; Trib. Torino, 22 dicembre 2000, in Gius 2002, 103). Orbene, nel caso de quo appare evidente che il distacco della energia elettrica (o i l suo depotenziamento) determinerebbe sicuramente per la ricorrente e per la sua attività commerciale (bar) un danno difficilmente poi colmabile con un risarcimento per equivalente. Dalle considerazioni fin qui esposte discende, in definitiva, la conferma del decreto reso inaudita altera parte in data e, per l effetto, l inibizione all Enel Servizio Elettrico s.p.a. del distacco o del depotenziamento della fornitura di energia elettrica relativa al Bar, 5

6 Ricevitoria, Ristorante e Rxxx... Meviax sito in Zzzz al C.so Xxx n. (numero cliente.) per il mancato pagamento delle somme fatturate dal mese di dicembre 2007 al mese di settembre In ultimo va evidenziato come tutte le altre richieste avanzate dalla difesa della ricorrente non possano essere vagliate in questa stante la natura cautelare e non di merito del presente giudizio. F) Le spese processuali vanno regolate secondo il principio di cui all art. 91 c.p.c. e sono liquidate come da dispositivo. P.Q.M. Visti gli artt. 669 sexies, 669 octies e 700 c.p.c.: - a conferma del provvedimento inaudita altera parte reso in data , INIBISCE all Enel Servizio Elettrico s.p.a. del distacco o del depotenziamento della fornitura di energia elettrica relativa al Bar, Ricevitoria, Ristorante e Rxxx... Meviax sito in Zzzz al C.so Xxx n. (numero cliente.) per il mancato pagamento delle somme fatturate dal mese di dicembre 2007 al mese di settembre 2010; - condanna l ENEL SERVIZIO ELETTRICO S.P.A., in persona del legale rappresentante p.t., a rimborsare a MEVIAX le spese del procedimento cautelare che liquida in complessivi euro 1.270,00, di cui euro 70,00 per spese, euro 450,00 per diritti ed euro 750,00 per onorari, oltre IVA,CPA, e rimborso spese generali; - condanna l ENEL ENERGIA S.P.A., in persona del legale rappresentante p.t., a rimborsare a MEVIAX le spese del procedimento cautelare che liquida in complessivi euro 1.270,00, di cui euro 70,00 per spese, euro 450,00 per diritti ed euro 750,00 per onorari, oltre IVA,CPA, e rimborso spese generali; Manda alla Cancelleria per la comunicazione alle parti. Nola, 15 novembre 2010 Il Giudice Dott.ssa Caterina Costabile 6

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Andrea Rosazza Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione Mercati UNAE Veneto - Padova 26 settembre

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX.

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. Determinazione dirigenziale n. 15 del 24 dicembre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Altalex.it (Pierluigi D'Urso) L'ordinanza in rassegna accorda

Dettagli

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI...

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI... REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO E DEL SERVIZIO DI TRASPORTO (TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA) DELL ENERGIA ELETTRICA NEI CASI DI MOROSITÀ DEI CLIENTI FINALI O DI INADEMPIMENTO DA PARTE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Delibera ARG/elt 37/08

Delibera ARG/elt 37/08 Delibera ARG/elt 37/08 Aggiornamento per il trimestre aprile - giugno 2008 delle condizioni economiche del servizio di vendita di energia elettrica di maggior tutela L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA DCO 19/10 ADOZIONE DI NUOVE PROCEDURE PER L IDENTIFICAZIONE DEI CLIENTI FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

Diritto Processuale Civile. Il procedimento Cautelare

Diritto Processuale Civile. Il procedimento Cautelare Diritto Processuale Civile Il procedimento Cautelare L attività cautelare ha una funzione non autonoma, ma strumentale rispetto alla cognizione e all esecuzione. Non ha caratteri strutturali specifici.

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali Codice di Condotta Commerciale per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali ( Delibera ARG/com 104/10 Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com 196/10 239/10 ) Titolo

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Il contratto di fornitura

Il contratto di fornitura Il contratto Il contratto di fornitura Per avere l'energia elettrica bisogna stipulare un contratto con un fornitore che si impegna a fornirla in cambio di denaro Una volta stipulato il contratto, le parti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA Gara per la fornitura di gas metano per il periodo 1 dicembre 2008 30 novembre 2009 ed energia elettrica per l anno solare 2009 all Università degli Studi di Perugia 1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD)

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD) DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM - DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA SANNA / H3G S.P.A. (GU14 n. 922/2013) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 7 maggio 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 21 novembre 2000

MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 21 novembre 2000 GU n. 280 del 30-11-2000 MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 21 novembre 2000 Cessione dei diritti e delle obbligazioni relativi all'acquisto di energia elettrica prodotta

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX Determinazione dirigenziale n. 6 del 19 marzo 2015 Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE Determinazione 15/2015 Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1 Documento di consultazione 02/2015 PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Documento di consultazione 02/2015 1 1. Introduzione Il meccanismo dei titoli di efficienza

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione n. 224 del 13/12/2000 Disciplina delle condizioni tecnico-economiche del servizio di scambio sul posto dell energia elettrica prodotta da impianti

Dettagli

ENTE AUTONOMO DEL FLUMENDOSA Servizio Gestione Opere e Sicurezza All. A)

ENTE AUTONOMO DEL FLUMENDOSA Servizio Gestione Opere e Sicurezza All. A) DISCIPLINARE TECNICO PREMESSA L Ente Autonomo del Flumendosa (nel seguito chiamato EAF), è produttore di energia elettrica da fonte rinnovabile non programmabile, essendo proprietario dell impianto idroelettrico

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 OTTOBRE 2014 526/2014/S/GAS AVVIO DI UN PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI CONDIZIONI CONTRATTUALI DI FORNITURA DI GAS AI CLIENTI FINALI DEL SERVIZIO DI TUTELA E CONTESTUALE

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

Il giorno 14/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente

Il giorno 14/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente DELIBERA N. 20/2015 TITOLO 2015.1.10.4.1 2012.1.10.21.755 LEGISLATURA X Il giorno 14/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO

DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO DELIBERA DL/025/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA V. M./ FASTWEB XXX (LAZIO/D/2/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 4 febbraio 2015; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 18 Giugno 2007, n. 73 Testo del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 139 del 18 giugno 2007), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.684 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E VODAFONE OMNITEL B.V. - TELETU

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.684 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E VODAFONE OMNITEL B.V. - TELETU Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2014 DEFC.2014.3 Tit. 2013.1.10.21.684 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E VODAFONE OMNITEL B.V. - TELETU

Dettagli

Determinazione dirigenziale n. 11 del 04 Dicembre 2014. Oggetto: definizione della controversia XXX / BIP MOBILE XXX

Determinazione dirigenziale n. 11 del 04 Dicembre 2014. Oggetto: definizione della controversia XXX / BIP MOBILE XXX Determinazione dirigenziale n. 11 del 04 Dicembre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / BIP MOBILE XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

in composizione monocratica, in persona del Giudice dr.ssa Vittoria Rubino, nel procedimento iscritto al n. 2078 CONTRO ORDINANZA

in composizione monocratica, in persona del Giudice dr.ssa Vittoria Rubino, nel procedimento iscritto al n. 2078 CONTRO ORDINANZA TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE in composizione monocratica, in persona del Giudice dr.ssa Vittoria Rubino, nel procedimento iscritto al n. 2078 dell anno 2014 del Ruolo Generale

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.692 del 5/09/2014

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.692 del 5/09/2014 Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 4/2014 DEFC.2014.4 Tit. 2013.1.10.21.692 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E FASTWEB X LA RESPONSABILE DEL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX

Delibera n. 3 2015. Oggetto: Definizione della controversia GU14 106/2014 XXX /BT ITALIA XXX Verbale n. 3 Adunanza del 3 febbraio 2015 L anno duemilaquindici il giorno tre del mese di febbraio alle ore 11,00 in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) MACCARONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) MACCARONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) GEMMA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / ITALIACOM.NET XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / ITALIACOM.NET XXX Determinazione dirigenziale n. 2 del 18 febbraio 2015 Oggetto: definizione della controversia XXX / ITALIACOM.NET XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

l Allegato I, recante Misure sulla tutela dei consumatori (di seguito: direttiva

l Allegato I, recante Misure sulla tutela dei consumatori (di seguito: direttiva DELIBERAZIONE 31 OTTOBRE 2013 477/2013/S/COM AVVIO DI UN PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI PRESCRITTIVI E SANZIONATORI PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI FATTURAZIONE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Profili contrattuali per l accesso ai servizi di trasporto, dispacciamento e vendita dell energia elettrica immessa e prelevata per un ASSPC

Profili contrattuali per l accesso ai servizi di trasporto, dispacciamento e vendita dell energia elettrica immessa e prelevata per un ASSPC Profili contrattuali per l accesso ai servizi di trasporto, dispacciamento e vendita dell energia elettrica immessa e prelevata per un ASSPC Nella tabella 1 sono elencate tutte le qualifiche rilevanti

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L.

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009) L art. 9, comma 1, lettera a), del D.L. 78/2009, convertito con

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive

Il Ministro delle Attività Produttive Il Ministro delle Attività Produttive VISTO l articolo 21, del Decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese di gas naturale che svolgono nel

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 10/2014 DEFC.2014.10 Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X / SKY ITALIA X La Responsabile del

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 7 MAGGIO 2015 207/2015/S/GAS CHIUSURA DI PROCEDIMENTO AVVIATO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI MISURA DEL GAS NATURALE PRESSO PUNTI DI RICONSEGNA DELLA RETE REGIONALE DI TRASPORTO L AUTORITÀ

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 33 del 22 luglio 2015 Sono presenti i componenti

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli Provvedimenti cautelari Sequestro conservativo Sequestro conservativo di quote sociali - Pendenza di azione revocatoria verso conferimento di ramo d azienda Decreto ingiuntivo nella disponibilità del creditore

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2014 2/2014/E/EEL DECISIONE DEL RECLAMO PRESENTATO DA DE STERN 11 S.R.L. NEI CONFRONTI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA

Dettagli

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

DELIBERA n. 16/14/CIR

DELIBERA n. 16/14/CIR DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA VITA / VODAFONE OMNITEL N.V. (ora VODAFONE OMNITEL B.V.) E TELECOM ITALIA S.P.A. (GU14 n. 991/13) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale di Fabio Petracci, Piergiuseppe Parisi Da Guida al Lavoro del 21.2.2014 - n. 8 Nel caso vagliato e deciso dal giudice pordenonese,

Dettagli

Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente

Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente DELIBERA N. 38/2015 TITOLO 2015.1.10.4 2013.1.10.21.1462 LEGISLATURA X Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Dettagli