Unione europea: come ottenere una sentenza in meno di 100 giorni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unione europea: come ottenere una sentenza in meno di 100 giorni"

Transcript

1 Luglio 2009 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - DCB Verona - Periodico di informazione di Tutela Legale - Luglio 2009 Unione europea: come ottenere una sentenza in meno di 100 giorni Il marketing firmato ARAG Le cose date in custodia vanno custodite Il governo prova a snellire il giudizio civile La paura di perdere la patente Assicurarsi on line: un nuovo servizio per gli utenti web

2 nasce UNA NUOVA Unità Il marketing f irmato ARAG di Francesco Ghizzi A febbraio ha iniziato a operare l Unità Marketing di ARAG, una nuova funzione, che incorpora la Sezione Comunicazione e la Sezione Marketing Information all interno della Divisione Commerciale. La nuova Unità si occuperà prevalentemente di una serie di attività orientate alla soddisfazione e alla creazione di valore economico per gli intermediari. Della nuova struttura fanno parte il sottoscritto, Giovanni Nenz e Elisa Perrotta della Sezione Comunicazione e Anna Ferrari e Barbara Tagliapietra della Sezione Marketing Information. Nuovi bisogni e nuovi comportamenti di acquisto, strumenti operativi e di interazione, fattori di vantaggio competitivi, assieme alla dimensione del valore e del tempo, portano ad affiancare alle leve tradizionali di Marketing del punto vendita (prodotto, prezzo, distribuzione promozione) nuove tecniche di vendita. La struttura concentrerà le proprie attività su alcuni punti focali quali: l analisi costante del mercato e della concorrenza con l obiettivo di intercettarne tempestivamente le novità, in modo da anticipare le evoluzioni; l analisi di aspettative, esigenze, percezioni e bisogni degli intermediari e dei loro clienti; l identificazione di nuove modalità distributive attraverso i canali tradizionali; il supporto agli intermediari nella proposta dei prodotti da offrire e dei servizi associati, in modo da riconquistare la fiducia del cliente acquisito e conquistare nuovi clienti e garantire un ritorno in termini di vendite e soprattutto di redditività; il supporto agli intermediari nella ricerca di nuove aree di business e nella ricerca di nuovi target e segmenti di clientela; il coordinamento del processo di comunicazione con gli intermediari e i relativi clienti, in modo da supportare attivamente il processo di trasmissione del valore dell offerta. Il Marketing è così teso a superare il semplice orientamento al cliente - che vede la singola transazione come dimensione di analisi e obiettivo ultimo - per arrivare a una gestione del cliente e della relazione con il cliente. Il cliente diventa soggetto interno, appartenente al punto vendita, e attivo in quanto in grado di attivare gli interlocutori necessari a soddisfare i propri bisogni analizzando i propri comportamenti d acquisto. L Unità Marketing opererà in sinergia con i processi distributivi attraverso una consistente attività di Marketing di Canale: saranno quindi presidiate tutte quelle iniziative tese a integrare le attività a valore aggiunto per l intermediario nella collocazione dei prodotti e nei processi della compagnia. ARAG incrementa il lavoro diretto in un mercato che rallenta di Giovanni Nenz All interno della raccolta premi complessiva di 70,485 milioni di euro spicca il risultato ottenuto dalla vendita dei prodotti ARAG a cura delle agenzie della compagnia e dei broker che hanno scelto di proporli: è questo, in particolare, il dato che emerge dal bilancio della compagnia al 31 dicembre Il Lavoro Diretto registra infatti una raccolta premi di 32,576 milioni di euro, con un incremento del 12,3% rispetto al 2007, una crescita quattro volte superiore all andamento del ramo nel complesso che, con 286 milioni di euro raccolti nel 2008, è stata del 2,9% (Fonte: ANIA). Il comparto Lavoro Indiretto al contrario, a fronte di una raccolta premi di 37,909 milioni di euro ha per la prima volta registrato una contrazione del 2,6%, a causa dello stretto legame con l andamento del ramo Rc Auto (che nel 2008 ha avuto un calo del 3,3%). ARAG è leader di mercato nel ramo Tutela Legale con una quota del 24%. ARAG Italia, raccolta premi 2008 (ramo 17 - Tutela Legale + ramo 16 - Perdite Pecuniarie) Totale: 70,5 milioni di euro LAVORO DIRETTO 32,6 LAVORO INDIRETTO 37,9 pag. 2 - ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio 2009

3 ATTUALITà il nuovo regolamento per le cause transfrontaliere Unione europea: come ottenere una sentenza in meno di 100 giorni di Giovanni Bernardi I tempi della Giustizia in Europa mettono il turbo: il Parlamento europeo ha approvato un nuovo Regolamento (861/2007) che garantisce tempi rapidi per tutte quelle cause a carattere transfrontaliero che riguardano i privati e che hanno un valore inferiore ai duemila euro. Vale la pena ricordare che per cause transfrontaliere s intendono quelle controversie in cui almeno una delle parti ha domicilio o residenza abituale in uno stato dell Unione europea diverso da quello in cui ha sede l organo giurisdizionale competente a decidere. Sono cause che vengono definite anche small claim ovverosia liti in materia civile o commerciale di natura bagatellare (di lieve valore) che richiedono tempi e costi minimi per la loro risoluzione. L intento del legislatore comunitario è quello di eliminare tutte le formalità e i tecnicismi che caratterizzano le diverse procedure nazionali per agevolare l accesso alla giustizia e garantire la tutela dei diritti a ogni cittadino. Il Regolamento riguarda la maggiore parte delle liti civili e commerciali fatta eccezione per alcune specifiche materie quali le questioni di diritto di famiglia, le successioni, il diritto fallimentare o le locazioni che richiedono riti specialistici particolari. La procedura segue in prevalenza la forma scritta basata sullo scambio di corrispondenza, la parte verbale è limitata alle prove testimoniali che possono tuttavia essere rilasciate per iscritto. La domanda non richiede formalità particolari, si tratta di un modulo che il richiedente può compilare direttamente e inviare (anche via ) al giudice nazionale competente a decidere. Entro i successivi quattordici giorni il modulo viene inviato (a cura della Cancelleria del giudice incaricato di analizzare il caso) alla controparte che potrà replicare sempre avvalendosi di un modulo standard. In assenza di domanda riconvenzionale (ovvero quando il convenuto non si limita a difendersi, ma chiede la condanna della parte avversa) il giudice decide nei successivi trenta giorni, in caso contrario deciderà nei trenta giorni successivi al ricevimento delle repliche della parte che ha iniziato la vertenza. Sono due le caratteristiche che rendono questa procedura quasi rivoluzionaria: i tempi di esecuzione (se tutto procede regolarmente, si può ottenere una sentenza in meno di cento giorni) e il fatto che il Regolamento non richiede la presenza di un legale per la redazione della richiesta. Per favorire in ogni modo il cittadino che vuole avvalersi di questa procedura, il legislatore comunitario ha previsto un assistenza pratica per la compilazione dei moduli. è invece assai probabile che i legali saranno comunque in qualche modo interessati a questa procedura se non altro per il fatto che essa richiede, per una sua corretta e completa applicazione, la conoscenza del rito processuale nazionale. Per quanto concerne i costi di giudizio il Regolamento richiama in tutto e per tutto il principio di soccombenza della lite ovvero la parte che perde deve pagare le spese. Infine sul fronte della validità del giudizio, ogni stato dell Unione europea deve procedere al riconoscimento immediato e incondizionato della sentenza emessa in quanto il procedimento così strutturato è alternativo a quelli previsti dai singoli sistemi nazionali. ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio pag. 3

4 NOI E LA LEGGE i diritti degli utenti nella custodia di beni in posteggi e hotel Le cose date in custodia vanno custodite di Marco Viscovi Capita spesso nella vita di ogni giorno di dover affidare cose di nostra proprietà a terze persone: i casi sono molti e diversi tra loro, si va dal parcheggio dell auto ai bagagli in albergo. Altrettanto spesso ci troviamo costretti a constatare che quanto lasciato in custodia è stato sottratto o danneggiato durante la nostra assenza. In questi e in altri casi la legge però può venire in nostro soccorso per far valere i nostri diritti con la dovuta determinazione. Come scritto, gli esempi possono essere molti ma in questo articolo ci occuperemo di quelli più frequenti come il parcheggio dell automobile, la custodia di beni in albergo e il furto all interno di una palestra. Chi parcheggia un autovettura in un area delimitata e dotata di protezioni, superando cioè una sbarra automatica, non acquisisce il solo diritto temporaneo a occupare un posto per l auto ma conclude un contratto atipico di parcheggio a cui si applica la disciplina del Deposito con l obbligo della custodia del mezzo. Il furto, totale o parziale, oppure il danneggiamento dell auto fanno sorgere in capo al proprietario il diritto al risarcimento per mancata custodia del bene, poiché la cosa data in custodia va restituita nelle condizioni in cui era stata consegnata. La giurisprudenza si è già espressa in tal senso varie volte e quì segnaliamo la sentenza della Corte di Cassazione numero 1957 del La Corte ribadisce che ogni limitazione di responsabilità, espressa spesso tramite generici avvisi, non produce effetti, a meno che tale circostanza non sia accettata per iscritto dal cliente cosa che di norma non avviene in presenza di sistemi di accesso e di pagamento automatici. Anche la custodia di beni in albergo è assoggettata ad analoga disciplina ma il legislatore ha voluto fornire alcune delimitazioni in presenza di particolari comportamenti. Al cliente andrà rimborsato l intero valore dei beni quando le cose sono state consegnate all albergatore con una precisa descrizione degli oggetti, ma anche nel caso in cui l esercente rifiuta di ricevere in custodia beni che aveva l obbligo di accettare, come carte di credito o denaro, e anche quando il bene viene deteriorato o distrutto per colpa dell albergatore o di persone di cui egli è responsabile. è stabilito un limite al risarcimento (fino a cento volte il costo giornaliero della camera) quando gli oggetti si trovano nell alloggio del cliente o all esterno dell edificio ma pur sempre in area facente parte del complesso alberghiero come, per esempio, un parcheggio riservato. Il titolare della struttura non risponde invece dei danni riconducibili alla responsabilità dello stesso cliente o a forza maggiore come, per esempio, un alluvione. Al termine di un percorso giurisprudenziale a volte incerto, è stata equiparata a quella dell albergatore anche la responsabilità del gestore di un impianto sportivo come, per esempio, una palestra. Quando il cliente introduce nell impianto beni che il gestore custodisce anche avvalendosi di armadi o appositi cassetti chiusi a chiave. In questi casi la responsabilità opererà senza limitazioni. In altri casi, come per esempio quando viene sottratto un indumento appeso a un attaccapanni dello spogliatoio, la responsabilità del gestore opererà con alcune limitazioni previste dalle legge. è opportuno infine segnalare che l iter necessario per giungere al risarcimento del danno prevede spesso una non sempre agevole intesa tra le parti in causa, tenendo conto che il cliente deve fornire la prova di aver subito effettivamente il danno, mentre la controparte farà di tutto per provare la mancanza di colpa nel suo comportamento. A tale scopo una polizza di Tutela Legale è uno strumento prezioso per far valere i propri diritti. pag. 4 - ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio 2009

5 Sentenze in BREVE Danni cagionati dalla puntura di insetto L Amministrazione provinciale deve rispondere per i danni arrecati a un visitatore in occasione di una visita a un oasi naturale dalla puntura di un insetto per omessa vigilanza dell oasi stessa e delle strutture ivi esistenti (Cassazione civile n /07). Contratto di viaggio, responsabilità del tour operator Il tour operator che faccia effettuare a terzi servizi relativi al viaggio da lui organizzato, è responsabile per il pregiudizio causato al viaggiatore nel corso dell esecuzione di tali prestazioni, se non fornisce la prova liberatoria di essersi comportato con diligenza nella scelta del soggetto che ha eseguito il servizio (Cassazione civile n /07). Liti condominiali Quando i vicini di casa sono particolarmente fastidiosi, una frase del tipo te la farò pagare non costituisce reato; non si può ravvisare un ipotesi di reato in una simile minaccia quando è rivolta a dei condomini che si sono resi molesti disturbando la quiete condominiale (Cassazione penale n. 3492/09). Danni da fumo passivo Se all esterno di un bar si fuma troppo, i vicini che subiscono le immissioni di fumo di sigaretta nel proprio appartamento hanno diritto al risarcimento del danno. Il titolare dell esercizio può essere chiamato a risarcire il danno non patrimoniale per non aver consentito ai vicini di godere appieno della propria casa, in quanto costretti a subire gli effetti molesti, fastidiosi e insalubri del fumo passivo e a tenere chiuse le finestre anche in piena estate per tutelare la propria salute (Cassazione civile n.7875/2009). Vietato lasciare cani in libertà nel cortile Non si può tenere il cane libero, senza guinzaglio, neppure nel cortile condominiale. Il cane va tenuto al guinzaglio e con la museruola anche nel giardino condominiale, altrimenti il padrone deve rispondere per le eventuali lesioni che il cane abbia procurato a terzi per aver lasciato libero l animale e aver omesso di custodirlo (Cassazione civile n. 4672/09). Circolazione stradale - responsabilità per cattiva manutenzione delle strade I Comuni sono responsabili degli incidenti provocati agli utenti a causa del cattivo stato delle strade e ciò anche se la manutenzione delle stesse è stata appaltata a una ditta esterna. La presunzione di responsabilità per il danno cagionato dalle cose che si hanno in custodia, stabilita dall art C.C., è applicabile nei confronti dei Comuni, quali proprietari delle strade del loro demanio, pur se tali beni siano oggetto di un uso generale e diretto da parte dei cittadini (Cassazione civile n. 1691/2009). Consumatori - azioni risarcitorie Il vettore che cancella il volo per motivi tecnici è tenuto a corrispondere un indennizzo ai passeggeri danneggiati. Per sottrarsi a tale obbligo, il vettore deve dimostrare che sussistevano circostanze eccezionali e imprevedibili, che non poteva controllare in modo effettivo, pur agendo con la dovuta diligenza e adottando tutte le misure del caso (Corte di Giustizia delle Comunità europee, ). ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio - pag. 5

6 Procedure più semplici e tempi abbreviati Il governo prova a snellire il giudizio civile di Pierachille Zinelli Porta la data del 27 maggio 2009 il Disegno di Legge approvato dal Senato in via definitiva che riporta le Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, nonché in materia di processo civile, collegato alla Finanziaria Un giro di parole un poco complesso che contiene in pratica un tentativo di snellire le procedure e i tempi del processo civile. Il provvedimento contiene disposizioni di diversa natura, comprese numerose deleghe al Governo che vanno dalla mediazione e conciliazione in ambito civile e commerciale, alla diffusione della banda larga, alla creazione di un piano industria per la pubblica amministrazione. In questa sede normativa (forse non la più adatta allo scopo ndr) è contenuto un incisivo intervento riformatore del processo civile, attuato attraverso la modifica di numerosi articoli del codice di rito: i criteri ispiratori della riforma (o, se vogliamo, della riforma della riforma, considerata la recente novella del codice, in vigore dal 2006) sono quelli della semplificazione in alcuni passaggi della procedura così da rendere più snelli i procedimenti. Vediamo di seguito alcune di queste novità: accanto alle spese di soccombenza, fanno il loro esordio le cosiddette spese di vittoria, che sono accollate a chi vince la causa qualora abbia precedentemente rifiutato un accordo ragionevole. Più precisamente, qualora il giudice accolga la domanda in misura non superiore rispetto alla proposta conciliativa eventualmente formulata dalla parte risultata poi soccombente, condanna la parte vittoriosa che abbia rifiutato la transazione senza giusto motivo al pagamento delle spese del processo maturate dopo la presentazione della proposta; viene inasprito il principio della soccombenza, in quanto il giudice può compensare le spese, in assenza di soccombenza reciproca, solo quando concorrono altre gravi ed eccezionali ragioni, esplicitamente indicate nella motivazione ; viene ampliato il concetto di lite temeraria, precedentemente legato ad un espressa domanda della parte che si riteneva lesa dalla mala fede o colpa grave della controparte; a seguito della riforma, il giudice può condannare, anche d ufficio, la parte soccombente a pagare una somma equitativamen- pag. 6 - ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio 2009

7 te determinata a beneficio della parte vittoriosa; anche la domanda di ricusazione del giudice può avere finalità meramente dilatorie; la novella ne disincentiva l utilizzo strumentale, aumentando la sanzione in caso di rigetto della relativa richiesta. Il giudice, con l ordinanza con cui dichiara inammissibile o rigetta la ricusazione, provvede alle spese e può condannare la parte che l ha proposta a una pena pecuniaria non superiore a 250 euro; viene introdotta la testimonianza scritta: su accordo delle parti e tenuto conto della natura della causa e di ogni altra circostanza, il giudice può autorizzare la parte a notificare un apposito modello di testimonianza al teste, il quale provvede alla compilazione, alla sottoscrizione autenticata e all invio in busta chiusa con plico raccomandato o alla consegna alla cancelleria; il giudice, esaminate le risposte o le dichiarazioni, può sempre disporre che il testimone sia chiamato a deporre di persona; viene introdotto il nuovo procedimento sommario di cognizione : si tratta di un rito speciale caratterizzato da brevità dei termini e riduzione delle formalità: il giudice, dopo aver verificato che la causa non richieda un istruzione non sommaria (nel qual caso si passa al rito ordinario) e sentite le parti, omessa ogni formalità non essenziale al contraddittorio, procede nel modo che ritiene più opportuno agli atti di istruzione rilevanti in relazione all oggetto del provvedimento richiesto e provvede con ordinanza all accoglimento o al rigetto delle domande. Il nuovo procedimento potrà essere utilizzato per tutte le cause di competenza del tribunale in composizione monocratica (ossia nella maggioranza dei casi), senza alcuna limitazione in ordine al valore o alla materia. Come si vede si tratta di una serie di norme che puntano a snellire in maniera considerevole le cause civili che spesso sono una vera trappola temporale per chi nutre il giusto desiderio di vedere riconosciute le proprie ragioni. ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio pag. 7

8 PARLIAMO DI NOI Patente Protetta: una ricerca di mercato sulle aspettative dei clienti La paura di perdere la patente di Lucio A. Casaroli * Nel mese di marzo 2009, ARAG ha svolto una indagine sulla conoscenza e l interesse del mercato nei confronti del prodotto Patente Protetta, con l obiettivo di verificare se e in quale misura alcune prestazioni potessero interessare oltre alle imprese, tradizionali utenti di questa polizza, anche altre categorie di soggetti quali artigiani, commercianti, lavoratori dipendenti, casalinghe, pensionati. La ricerca, che è stata condotta nelle tre città di Torino, Milano e Padova, è avvenuta col ricorso ad interviste personali somministrate ad un campione casuale di passanti. Uno dei temi più interessanti ha riguardato la misurazione del livello di preoccupazione che la consapevolezza di incorrere nel ritiro della patente genera nell automobilista. Più della metà degli intervistati ammette di nutrire molta paura di un provvedimento di sospensione, mentre un altro terzo conviene di aver paura, ma non molta. Poco più del 10%, infine, asserisce di non aver paura alcuna. Del perché si ha o non si ha paura della sospensione della patente rendono conto i grafici della pagina seguente, che confermano due fatti peraltro non inattesi: non poter usare l auto per un periodo di tempo più o meno lungo può danneggiare la sfera lavorativa, creando un danno economico. Per chi invece non usa l auto per motivi di lavoro è la sfera esistenziale, sociale ed edonistica a subire il danno più grave. Che si usi o meno l auto per lavoro, una preoccupazione comune resta quella di perdere del tempo (per spostarsi senza l auto, ma anche per riottenere la patente); l unico strumento per non perdere la patente è il rispetto rigoroso del Codice della strada, ma non mancano coloro che confidano soprattutto nella scarsità dei controlli. Analizzando i dati in dettaglio emerge un fatto meno ovvio: la percorrenza annua non è una determinante del rischio di perdere la patente, a differenza di quanto succede, ad esempio, per il rischio dell Rca. Infatti alcune categorie che potrebbero sembrare a priori più soggette ad incorrere nella sospensione perché trascorrono molte ore alla guida dell auto (come i rappresentanti e i trasportatori) a conti fatti risultano meno esposte al rischio di altre, di solito considerate tranquille, come le casalinghe e i soggetti caratterizzati da una percorrenza annua più limitata. La ricerca dimostra che la differente esposizione al rischio - pag. 8 - ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio 2009

9 che è legato al comportamento individuale - è essenzialmente determinata dalla consapevolezza del prezzo da pagare. E chi utilizza l auto per motivi di lavoro paga un prezzo nettamente più elevato di coloro per i quali la sospensione della patente resta un fatto certamente spiacevole ma non particolarmente lesivo della sfera economica. Per questo motivo figure come il rappresentante e il trasportatore tengono un comportamento di guida più attento e rigoroso di altre quali il negoziante e il professionista (che pure trarrebbero dalla sospensione un danno economico, ma più lieve), che a loro volta appaiono meno foriere di sinistri di coloro che usano ancor meno l auto per motivi di lavoro (chi lavora in una sede fissa, chi non usa affatto l auto per motivi di lavoro, i vituperati guidatori della domenica, e così via). La ricerca conferma quindi l utilità e l interesse verso un prodotto a tutela della patente, in grado di soddisfare un esigenza specifica e intensamente sentita da molte categorie professionali: quella di limitare il danno prodotto dall impossibilità di guidare un veicolo proprio quando questo è indispensabile per svolgere l attività lavorativa. * Consulente scientifico di ARAG Italia. Per quali di queste ragioni Lei ha paura della sospensione della patente? io con l'auto lavoro, non potrei più lavorare come adesso - 44,1 dovrei perdere molto più tempo per muovermi con i mezzi pubblici - 32,8 bisogna spendere molto tempo e molti soldi per riottenere la patente - 26,5 subirei un grave danno economico - 22,3 non ho nessuno che potrebbe guidare al posto mio - 16,7 non potrei più andare in vacanza, fare dei viaggi, andare a trovare amici e parenti, andare in discoteca - 12,5 succede spesso che la sospensione avvenga senza colpa del conducente - 2,8 Per quali di queste ragioni Lei NON ha paura della sospensione della patente? rispetto con attenzione le norme del codice della strada - 64,9 sono molto prudente, non corro - 42,7 i controlli della Polizia, dei Carabinieri, dei Vigili sono poco frequenti - 16,2 uso poco l auto, è difficile che mi fermino - 15,2 PUNTEGGIO PONDERATO se anche mi ritirassero la patente, avrei sempre qualcuno che mi accompagna dove voglio - 7,9 PUNTEGGIO PONDERATO ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio pag. 9

10 la polizza Circolazione protetta si acquista anche su Assicurarsi on line: un nuovo servizio per gli utenti web di Silvia Sassi Secondo l ultimo rapporto b2c Netcomm della School of Management del Politecnico di Milano, le polizze on line rappresentano un giro di affari superiore a 450 milioni di euro e nel 2008 hanno fatto registrare una crescita di oltre 17 punti percentuali. Anche ARAG ha scelto di proporre alla propria clientela la possibilità di acquistare prodotti online. Una modalità di vendita che permetterà alla nostra compagnia di aumentare la visibilità del marchio e la conoscenza delle polizze di Tutela Legale. All indirizzo il cliente avrà la possibilità di acquistare la polizza Circolazione Protetta, in modo semplice e veloce inserendo solamente i propri dati anagrafici e il tipo di mezzo che desidera assicurare. Il pagamento potrà avvenire utilizzando una carta di credito scelta tra i principali circuiti bancari. La copertura offerta on line sarà in forma ridotta rispetto a quanto possibile acquistare presso l intermediario, si tratterà infatti di una polizza (Linea Argento) con un massimale di soli euro. La motivazione di questa scelta è legata al fatto che solo rivolgendosi all intermediario di fiducia il cliente potrà ottenere una consulenza personalizzata e usufruire cosí di una scelta più ampia e personalizzata. La vendita a distanza permetterà alla nostra società di raggiungere nuovi utenti, in particolare in quelle zone come il sud Italia, dove ARAG è ancora poco presente. In pratica un modo per incuriosire il cliente introducendolo nel mondo della Tutela Legale. Il servizio sarà online entro la fine dell anno. Una nuova opportunità che conferma quanto la nostra compagnia mette in atto per diffondere i valori della Tutela Legale. pag ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio 2009

11 ARAG WORLD TEAM CUP Dal 17 al 23 maggio scorsi ha avuto luogo l ARAG WORLD TEAM CUP, il mondiale di tennis a squadre cui partecipano le 8 migliori nazionali di tennis al mondo, classificatesi secondo il ranking ATP di fine Giunto alla trentaduesima edizione, anche grazie alla partecipazione del Gruppo ARAG come sponsor principale, ospita a Düsseldorf circa visitatori ogni anno. Nella foto, il presidente del Gruppo ARAG Paul-Otto Faßbender premia la Serbia, squadra vincitrice del torneo. Direttore Editoriale Ole Neuhaus Direttore Responsabile Giovanni Nenz Segreteria di Redazione Elisa Perrotta Redazione Giovanni Bernardi Francesca Breda Elisa Drezza Monica Dal Zovo Olivia Flaim Francesco Ghizzi Rocco Luigi Matarazzo Giampietro Milani Caterina Perbellini Mirko Righetti Silvia Sassi Marco Viscovi Pierachille Zinelli Pubblicazione Periodica Aut. Trib. Verona n Grafica e impaginazione Stampa Copygraph srl via 1 Maggio, 20/c Mozzecane VR TUTELA LEGALE on-line Più forza alle vostre ragioni Editore ARAG Assicurazioni SpA viale delle Nazioni Verona Tel fax ARAG aderisce al Comitato Italiano dell Assicurazione di Tutela Legale ARAG Tutela Legale - Anno XI - n.39 - Luglio - pag. 11

12 Specializzati e indipendenti Il Gruppo ARAG è il partner indipendente per il diritto e la tutela riconosciuto a livello internazionale, la più grande azienda familiare nel settore assicurativo tedesco. Grazie alla sua specializzazione e alla sua indipendenza da qualsiasi altro Gruppo fornisce ai suoi assicurati la garanzia di essere assistiti al meglio e in assenza di conflitto di interessi. Anche per questo 26 compagnie del mercato italiano hanno scelto ARAG come partner nella Tutela Legale.

LE FASI DELLA MEDIAZIONE

LE FASI DELLA MEDIAZIONE LE FASI DELLA MEDIAZIONE Tesista: Rigon Mattia Guigno 2014 Ente Formatore: I.CO.TE.A.C.A.T. Srl 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..Pag. 3 2. MATERIE OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE..Pag. 3 3. AGEVOLAZIONI FISCALI. Pag.

Dettagli

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM?

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? LA MEDIAZIONE CIVILE COSTA DI PIU O DI MENO DI UNA CAUSA NORMALE? Costa molto di meno. Per una mediazione relativa ad una lite

Dettagli

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE Fonte Ania RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE COSA E IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

Mediazione civile e commerciale

Mediazione civile e commerciale Cosa è la mediazione per la conciliazione?...3 Come si può avviare una mediazione?...3 Come viene scelto il mediatore?...3 Può la parte scegliere il proprio mediatore di fiducia?...3 La mediazione è obbligatoria?...4

Dettagli

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE WWW.IOCONCILIO.COM RES AEQUAE ADR srl omnibus aequa CHE COSA E UN SISTEMA ADR? La nostra ragione sociale è RES AEQUAE ADR, dove ADR sta per ALTERNATIVE DISPUTE RESOLUTION,

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

CONTRATTI ASSICURATIVI E LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA

CONTRATTI ASSICURATIVI E LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA CONTRATTI ASSICURATIVI E LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA IL PARERE DEL NOSTRO LEGALE: UNA NUOVA NORMA INVESTE IL PROCESSO CIVILE E IL MONDO ASSICURATIVO Com è noto la Legge n. 10 del 26 febbraio 2011 ha introdotto

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE. A1 PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante )

ISTANZA DI MEDIAZIONE. A1 PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante ) ISTANZA DI MEDIAZIONE A1 PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante ) Nome e cognome, nato Il Codice Fiscale, residente Prov. Via e n. CAP Tel. Cell. fax PEC/email

Dettagli

MODULO CONFORME ALL ALLEGATO 7/A ai sensi dell art. 49 del Regolamento ISVAP n.5/2006 e succ.

MODULO CONFORME ALL ALLEGATO 7/A ai sensi dell art. 49 del Regolamento ISVAP n.5/2006 e succ. MODULO CONFORME ALL ALLEGATO 7/A ai sensi dell art. 49 del Regolamento ISVAP n.5/2006 e succ. COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI

Dettagli

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società)

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società) MODULO PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DEGLI ESBORSI CONSEGUENTI A RESPONSABILITÀ CIVILE PER L'ATTIVITA' DI ASSISTENZA FISCALE MEDIANTE APPOSIZIONE DEI VISTI DI CONFORMITA' SULLE DICHIARAZIONI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010 La mediazione per la conciliazione: una nuova opportunità per cittadini ed imprese Introduzione al Reggio Emilia, 19 ottobre 2010 Che cos è la mediazione? L attività, comunque denominata, svolta da un

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006 La mediazione in condominio La mediazione è l attività svolta da un terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012 CIRCOLARE 43/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia ALLEGATO n. 7A Regolamento ISVAP N. 5/2006 ISVAP Istituto di Diritto

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE ALLEGATO AL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 10 del

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE

ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE A1 - PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante ) Inserire numero totale parti istanti Nome e cognome, nato Il Codice Fiscale, residente

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 Circolazione stradale Incertezze del vigile nella descrizione dell automobile nel verbale di infrazione Multa

Dettagli

Questionario R.C. Merloni e Normativa

Questionario R.C. Merloni e Normativa Le informazioni trascritte nel presente modulo sono ad uso esclusivo di Euroconsul S.r.l. e verranno trattate con la massima riservatezza al solo fine di ottenere la quotazione del rischio dalle principali

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

G E N E R A L B R O K E R S S R L G E S T I O N I A S S I C U R A T I V E www.generalbrokers.it info@generalbrokers.it

G E N E R A L B R O K E R S S R L G E S T I O N I A S S I C U R A T I V E www.generalbrokers.it info@generalbrokers.it G E N E R A L B R O K E R S S R L G E S T I O N I A S S I C U R A T I V E www.generalbrokers.it info@generalbrokers.it Regolamento ISVAP n 5/2006 ALLEGATO 7B Ai sensi della vigente normativa, l intermediario

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

Convenzione a Titolo Gratuito per l inserimento e promozione di prodotti di natura finanziaria brand FinFranchising

Convenzione a Titolo Gratuito per l inserimento e promozione di prodotti di natura finanziaria brand FinFranchising Convenzione a Titolo Gratuito per l inserimento e promozione di prodotti di natura finanziaria brand FinFranchising Tra, corrente in Milano (MI) Via M. Macchi 8, Partita IVA nr. 01380570554, più avanti

Dettagli

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA 1 Settore - Segreteria ed Affari Generali Determina n. 10052 del 12.02.2009 Oggetto: Affidamento del servizio di BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Vista la deliberazione

Dettagli

Carta Servizi Inprogram Web

Carta Servizi Inprogram Web Carta Servizi Inprogram Web Carta Servizi Inprogram SICUREZZA E TRANQUILLITA La Carta Servizi Inprogram permette di svolgere in modo automatico, semplificato ed estremamente economico, tutti gli adempimenti

Dettagli

Mini Guida. Le assicurazioni online

Mini Guida. Le assicurazioni online Mini Guida Le assicurazioni online Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LE ASSICURAZIONI ONLINE In questa guida parleremo delle assicurazioni auto online, le più diffuse

Dettagli

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it

Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia. www.ifoap.it Marketing e comunicazione nel settore assicurativo: Come aumentare la redditività dell agenzia www.ifoap.it INDICE Il Marketing strategico e il marketing operativo La campagna di comunicazione L Analisi

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli

CONTRATTO TRA APARTMENTS-STAY CONSULTING E IL PROPRIETARIO DELLA STRUTTURA PUBBLICATA SUL SITO WEB APARTMENTS-STAY.COM

CONTRATTO TRA APARTMENTS-STAY CONSULTING E IL PROPRIETARIO DELLA STRUTTURA PUBBLICATA SUL SITO WEB APARTMENTS-STAY.COM 1 /5 CONTRATTO TRA APARTMENTS-STAY CONSULTING E IL PROPRIETARIO DELLA STRUTTURA PUBBLICATA SUL SITO WEB APARTMENTS-STAY.COM Questo è un contratto tra Voi proprietario e/o gestore della struttura o appartamento

Dettagli

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento INDICE 03 04 05 06 07 08 Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento Come e quando disdire la polizza rca Esempio di disdetta

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 10/07/2006 n. 15/41098 1 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 3 ART.

Dettagli

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLE SPESE DI TUTELA LEGALE CIRCOLAZIONE STRADALE E RITIRO PATENTE

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLE SPESE DI TUTELA LEGALE CIRCOLAZIONE STRADALE E RITIRO PATENTE Contraente/Ente POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLE SPESE DI TUTELA LEGALE CIRCOLAZIONE STRADALE E RITIRO PATENTE Partita I.V.A. CENTRO SERVIZI ALLA PERSONA MORELLI BUGNA 01557080239 sede legale c.a. p.

Dettagli

Condizioni Generali e di Partecipazione Safety Park

Condizioni Generali e di Partecipazione Safety Park Condizioni Generali e di Partecipazione Safety Park Sommario 1. Condizioni generali... 2 1.1 Validità delle condizioni generali... 2 1.2 Prestazioni contrattuali... 2 1.3 Organizzazione e svolgimento delle

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 SEZIONE A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI

Dettagli

La massima protezione possibile. Di sicuro.

La massima protezione possibile. Di sicuro. DAS. L unica assicurazione di protezione giuridica indipendente della Svizzera. Che ha obblighi esclusivamente verso di Lei ed i Suoi interessi. Venga a conoscerci, e scopra come La proteggiamo e come

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Ag g i o r na m e n t o n. 4 31 luglio 2012 L editore mette a disposizione sul sito nella sezione download i materiali e le schede di aggiornamento

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

RISOLUZIONE N. 190/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 190/E QUESITO RISOLUZIONE N. 190/E Roma, 08 maggio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 10, comma 1, nn. 2) e 9), D.P.R. n. 633 del 1972. Esenzioni IVA. Regime dell Intermediazione nell ambito

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del danno da sinistro stradale: criticità e dubbi interpretativi. Tra le materie per le quali è previsto il tentativo obbligatorio

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 Negli ultimi anni si è sempre più spesso sentito parlare di nuovi sistemi di distribuzione

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale. CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013

Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale. CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013 Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013 Le quattro edizioni del rapporto Consumers Forum 2 marzo 2010 2 marzo 2011 1 marzo 2012 12 aprile 2013 Normativa

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

MasterCard Business Card. La prima vera carta di credito per PMI

MasterCard Business Card. La prima vera carta di credito per PMI MasterCard Business Card La prima vera carta di credito per PMI Permetteteci Configurate voi di offrirvi stessi la qualcosa. vostra carta. Con la Business Card Argento potete farlo. Con una foto di vostra

Dettagli

USI IN MATERIA ALBERGHIERA

USI IN MATERIA ALBERGHIERA USI IN MATERIA ALBERGHIERA Sommario USI IN MATERIA DI ALBERGHI Ammissione agli alberghi..................................... Art. 1 Prenotazione di camere.......................................» 2 Condizioni

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

Il risarcimento diretto

Il risarcimento diretto 3 Il risarcimento diretto La legge n. 254/2006 dichiara che per alcuni tipi di sinistri, avvenuti dal 1 febbraio 2007, le assicurazioni sono obbligate ad applicare il risarcimento diretto. Il risarcimento

Dettagli

SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE

SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE 1_condizioni di accessibilità al noleggio di ciclomotori e motoveicoli Per il noleggio di ciclomotori di 50cc è richiesta un età minima di 14 anni, un documento d identità valido

Dettagli

CAP Assicurazione di protezione giuridica

CAP Assicurazione di protezione giuridica Privati e aziende CAP Assicurazione di protezione giuridica Tutela globale per tutte le esigenze: privalex, firmalex e contratti speciali. w.cap.ch A company of CAP: sicurezza, affidabilità e competenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE n. 32 REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Allegato sub-b alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30/6/2003 Art.1 Obblighi per il ritrovatore di cosa

Dettagli

Carta Servizi Inprogram. Imprese e Professionisti Convenzionati Casaprogram

Carta Servizi Inprogram. Imprese e Professionisti Convenzionati Casaprogram Carta Servizi Inprogram Imprese e Professionisti Convenzionati Casaprogram Carta Servizi Inprogram Opportunità, Pubblicità, Servizi La Carta Servizi Inprogram per Imprese e Professionisti Convenzionati

Dettagli

Condizioni generali (CGA) Helvetia Assicurazione della Cauzione d Affitto. Edizione aprile 2012

Condizioni generali (CGA) Helvetia Assicurazione della Cauzione d Affitto. Edizione aprile 2012 Condizioni generali (CGA) Helvetia Assicurazione della Cauzione d Affitto Edizione aprile 2012 Semplice. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.ch Sommario A Informazione al cliente 3 1 Partner

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO Il servizio ha per

Dettagli

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 01 agosto 2012 TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALI Art.1

Dettagli

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia

MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA. Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia MODULO DI PROPOSTA DI ASSICURAZIONE PER LA Responsabilità Civile del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Biologia 1 Proposal Form R.C. del Medico Laureato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria,

Dettagli

CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO SANITARIA ASSISTENZIALE FRA

CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO SANITARIA ASSISTENZIALE FRA CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO SANITARIA ASSISTENZIALE FRA la Fondazione Pasotti Cottinelli Onlus, ente gestore della Rsa Pasotti Cottinelli (di seguito per brevità denominata Fondazione) con sede in Brescia

Dettagli

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 1 T E M A S O R T E G G I A T O N E L L A S E C O N D A S E S S I O N E 2 0 1 1 P R E S S O L U N I V E R S I T À D I R O M A T

Dettagli

Genialloyd è la compagnia di Allianz per la vendita diretta di prodotti assicurativi.

Genialloyd è la compagnia di Allianz per la vendita diretta di prodotti assicurativi. Genialloyd è la compagnia di Allianz per la vendita diretta di prodotti assicurativi. L attività principale offre, attraverso il canale Internet e Call center, polizze per auto, moto, camper, veicoli commerciali,

Dettagli

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA PROPOSTA/QUESTIONARIO DI RESPONSABILITA CIVILE. contenente:

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA PROPOSTA/QUESTIONARIO DI RESPONSABILITA CIVILE. contenente: DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA PROPOSTA/QUESTIONARIO DI RESPONSABILITA CIVILE contenente: - ALLEGATO 7A al regolamento ISVAP n.5 del 16 ottobre 2006 - ALLEGATO 7B al regolamento ISVAP n.5 del 16 ottobre

Dettagli

Mediazione. Cos'è. Come fare

Mediazione. Cos'è. Come fare UFFICIO ARBITRATO E CONCILIAZIONE VADEMECUM STRUMENTI DI GIUSTIZIA ALTERNATIVA AMMINISTRATI DALLA C.C.I.A.A. DI BOLOGNA Mediazione Cos'è La Mediazione è il modo più semplice, rapido ed economico per risolvere

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SETTORE AVVOCATURA SERVIZIO APPALTI CONTRATTI E ASSICURAZIONI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA R.C.A. E INFORTUNIO DEL CONDUCENTE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

Prima Tutela AZIENDA EDIZIONE 1/2013

Prima Tutela AZIENDA EDIZIONE 1/2013 Prima Tutela AZIENDA EDIZIONE 1/2013 SCHEDA di PRODOTTO UCA ASSICURAZIONE SPESE LEGALI E PERITALI S.p.A www.uca-assicurazione.com UCA ha attraversato la storia della Tutela Legale in Italia con quattro

Dettagli

CONVENZIONE FP-CGIL POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PER COLPA GRAVE DEI DIPENDENTI DI ENTI PUBBLICI

CONVENZIONE FP-CGIL POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PER COLPA GRAVE DEI DIPENDENTI DI ENTI PUBBLICI CONVENZIONE FP-CGIL POLIZZA DI PER COLPA GRAVE DEI DIPENDENTI DI ENTI PUBBLICI LUGLIO 2012 Oggetto della Convenzione (1) La polizza tutela il pubblico dipendente, in forza della sua iscrizione alla FP

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) GRECO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) GRECO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

PRODOTTI ON-LINE POLIZZE AUTO: R.C.A.: Responsabilità civile auto A.R.D.: Incendio, furto e garanzie accessorie POLIZZE CAUZIONI/ CREDITO:

PRODOTTI ON-LINE POLIZZE AUTO: R.C.A.: Responsabilità civile auto A.R.D.: Incendio, furto e garanzie accessorie POLIZZE CAUZIONI/ CREDITO: CHI SIAMO La nostra società, operativa da oltre un decennio, svolge l'attività di consulenza ed intermediazione assicurativa riservando alla clientela particolare attenzione. La nostra struttura, composta

Dettagli

Convenzione Assicurativa riservata ai soci SIN. RC Professionale

Convenzione Assicurativa riservata ai soci SIN. RC Professionale Convenzione Assicurativa riservata ai soci SIN RC Professionale Nell anno 2013 la Sin in considerazione delle recenti modifiche legislative che introducono l obbligo della polizza di Responsabilità Civile

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari I gentili clienti sono tenuti a leggere e a impegnarsi al rispetto del presente regolamento per il buon funzionamento

Dettagli

VADEMECUM DELL ACQUISTO CASA

VADEMECUM DELL ACQUISTO CASA VADEMECUM DELL ACQUISTO CASA Chi si propone di acquistare un immobile, soprattutto se è prima casa, si trova ad affrontare mille dubbi e perplessità. Innanzitutto il primo passo è avere le idee chiare

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

Domanda di preiscrizione al Corso Biennale di Investigazioni Tecnico-Scientifiche Anno Accademico 2015/2016 Allegata al Bando Provvisorio del Corso

Domanda di preiscrizione al Corso Biennale di Investigazioni Tecnico-Scientifiche Anno Accademico 2015/2016 Allegata al Bando Provvisorio del Corso Domanda di preiscrizione al Corso Biennale di Investigazioni Tecnico-Scientifiche Anno Accademico 2015/2016 Allegata al Bando Provvisorio del Corso Per effettuare la preiscrizione al Corso in argomento,

Dettagli