Sentenza n /2014 pubbl. il 16/12/2014 RG n /2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sentenza n. 14976/2014 pubbl. il 16/12/2014 RG n. 14659/2012"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa nella persona del giudice Guido Vannicelli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile di I grado iscritta al n /2012 R.g. promossa da DONATELLA REGINA CARACCINI (c.f. CRCDTL57A53F205H), elettivamente domiciliata in Milano, viale Premuda 21, presso il procuratore e difensore avv. Amedeo ROVATTI, che la rappresenta unitamente all avv. Antonino BONGIORNO GALLEGRA attrice contro CANTIERI NAVALI CERRI S.p.A. (c.f ), elettivamente domiciliata in Milano, piazza Belgioioso 2, presso i procuratori e difensori avv. Alberto NANNI e Vincenzo d'ambra convenuta CONCLUSIONI All'udienza del 16/9/2014 le parti così hanno concluso: l'attrice Voglia il Tribunale Ill.mo preliminarmente ammettere tutti i mezzi istruttori dedotti da parte attrice e non ammessi e in particolare i capitoli di prova da 1) a 7), 9) e 10) e da 18) a 24) dedotti con memoria con tutti i testi indicati nella memoria stessa. 1

2 Nel merito, in accoglimento della domanda attrice, respinta ogni avversaria istanza ed eccezione, voglia il Tribunale adito condannare per le causali dedotte in narrativa la s.p.a. Cerri Cantieri Navali al pagamento in favore dell attrice della somma di ,00 oltre interessi di legge dal , data della messa in mora all effettivo saldo. Porre a carico di parte convenuta, ex art. 91 c.p.c., le spese, i diritti e gli onorari di rappresentanza e di difesa. la convenuta Voglia l Illustrissimo Tribunale adito, respinta ogni contraria istanza, eccezione e/o deduzione, così giudicare: - in via preliminare/pregiudiziale: dichiarare inammissibile la deposizione del sig. Massimo Sigala quale teste, avendo lo stesso sig. Massimo Sigala un interesse in proprio e, comunque, non avendo la capacità a testimoniare ex art. 246 c.p.c. nella presente controversia, quale committente o co-committente effettivo dell imbarcazione per cui è causa; - nel merito: rigettare integralmente le domande, anche istruttorie, svolte dalla Sig.ra Donatella Regina Caraccini nei confronti della convenuta Cerri Cantieri Navali S.p.A., in quanto infondate in fatto e in diritto per i motivi esposti in atti; - in ogni caso: con vittoria di spese, diritti e onorari del presente giudizio, oltre 12,5% per spese generali, IVA e CPA nelle aliquote pro tempore vigenti al momento dell emissione della sentenza, con condanna dell attrice anche al danno da lite temeraria ex art. 96 cod. proc. civ. da liquidarsi in via equitativa in una misura comunque non inferiore ad ,00. Cerri Cantieri Navali chiede inoltre l ammissione dei già dedotti capitoli di prova per testi: 1. Vero che il Sig. Carlo Cerri, nella sua qualità di legale rappresentante della Cerri Cantieri Navali S.p.A., ha avuto i primi contatti con il Sig. Massimo Sigala nel mese di maggio 2010 il quale gli aveva manifestato il proprio interesse all acquisto di un imbarcazione denominata Cerri 86 ; 2. Vero che il Sig. Massimo Sigala ha poi presentato al Sig. Carlo Cerri il dott. Paulo Aurino quale socio in affari ed entrambi tali soggetti hanno manifestato interesse ad acquistare il Cerri 86 ; 3. Vero che la trattativa tra il Sig. Carlo Cerri ed i Sigg.ri Massimo Sigala e Paulo Aurino relativamente alla caratteristiche dell imbarcazione ed al prezzo si è svolta sia presso il cantiere 2

3 della Cerri Cantieri Navali S.p.A. in Avenza (Carrara) sia in Lugano, presso l ufficio del dott. Paulo Aurino ; 4. Vero che ad alcuni degli incontri di cui al capitolo sub 3, era presente anche la Sig.ra Donatella Regina Caraccini che era stata presentata dal Sig. Massimo Sigala al Sig. Carlo Cerri quale propria compagna ; 5. Vero che nel corso di tale trattativa i Sigg.ri Massimo Sigala e Paulo Aurino indicavano la Greatesque Financial Trading Limited con sede in Londra quale soggetto acquirente dello yacht Cerri 86 ; 6. Vero che tutte le istruzioni relative alle caratteristiche del Cerri 86, ed in particolare agli interni, venivano effettuate dal Sig. Massimo Sigala e dalla Sig.ra Donatella Regina Caraccini i quali visitavano periodicamente il cantiere della Cerri Cantieri in Avenza (Carrara) ; 7. Vero che nel corso di tali visite i Sigg.ri Massimo Sigala e Donatella Regina Caraccini indicavano al personale della Cerri Cantieri le caratteristiche che doveva avere la loro cabina ; 8. Vero che i Sigg.ri Massimo Sigala e Donatella Regina Caraccini fornivano al personale della Cerri Cantieri indicazioni scritte su alcune caratteristiche estetiche dell imbarcazione nonché sugli arredi interni come, tra l altro, da del 24 settembre 2010, prodotta sub doc. n. [2] della Cerri Cantieri che mostrata al teste conferma e riconosce ; 9. Vero che in data 9 ottobre 2010 si teneva una riunione presso il cantiere della Cerri Cantieri in Avenza (Carrara) nel corso della quale veniva predisposto un report nel quale vengono indicati i dettagli di vari tipologie di interventi sia esterni che interni all imbarcazione ; 10. Vero che il report della riunione del 9 ottobre 2010 tenutasi presso i cantieri della Cerri Cantieri veniva inviato ai Sigg.ri Massimo Sigala e Donatella Regina Caraccini in allegato alla in data 11 ottobre 2010, prodotta sub doc. n. [3] della Cerri Cantieri che mostrata al teste conferma e riconosce ; 11. Vero che, successivamente alla sottoscrizione del contratto d acquisto da parte della Greatesque Financial Trading Limited di Londra in data 7 ottobre 2010 dell imbarcazione Cerri 86, il Sig. Massimo Sigala ed il dott. Paulo Aurino decidevano di sostituire il Cerri 86 con l imbarcazione 3

4 più grande, denominata Cerri 102 e quindi, veniva sottoscritto il contratto del 20 ottobre 2010 tra la Cerri Cantieri e la Greatesque Financial Trading Limited di Londra. 12. Vero che, a seguito del mancato pagamento di Euro ,00 quale saldo della caparra confirmatoria entro il termine del 5 novembre 2010 da parte della Greatesque Financial Trading Litmited, il Sig. Carlo Cerri ha comunicato al dott. Paulo Aurino che in mancanza di detto pagamento avrebbe incamerato la prima caparra di Euro già versata per l acquisto del Cerri 86 e commutata in acconto caparra parziale per il Cerri 102 e risolto il contratto ; 13. Vero che la Cerri Cantieri Navali S.p.A. ha emesso la ricevuta n. 3/2010 in favore della Greatesque Financial Trading Limited alla quale veniva spedita a mezzo raccomandata internazionale AR n. RA IT in data 10 dicembre 2010, prodotta sub doc. n. [4] e [9] della Cerri Cantieri che mostrata al teste conferma e riconosce ; 14. Vero che la Cerri Cantieri Navali S.p.A. ha registrato nelle proprie scritture contabili il pagamento di Euro ,00 ricevuto in data 16 novembre 2010 dalla Sig.ra Donatella Regina Caraccini quale integrazione della caparra dovuta dalla Greatesque Financial Trading Limited per l acquisto del Cerri 102 di cui al contratto del 20 ottobre 2010 relativo alla costruzione n. 812, come risulta dai bilanci della Cerri Cantieri Navali S.p.A. al 31/12/2010 ed al 31/12/2011, prodotti sub docc. n.ri [10] e [11] che si mostrano al teste. Si indicano quali testi su tutti i menzionati capitoli di prova i Sigg.ri MARCO PAGANI ed ADONE PUCCI, entrambi domiciliati presso Cerri Cantieri Navali S.p.A., Viale Isonzo, 14.1, 20135, Milano. RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO PREMESSO A. che il contenuto della presente sentenza si atterrà rigorosamente al canone normativo dettato dagli artt. 132 co. 2 n. 4 c.p.c. e 118 disp. att. c.p.c., i quali dispongono che la motivazione debba limitarsi ad una concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione, specificando che tale esposizione deve altresì essere succinta e possa fondarsi su precedenti conformi; 4

5 A).1 che l'architetto Donatella CARACCINI ha chiesto condannarsi la CANTIERI NAVALI CERRI S.p.A. 1 a restituirle la somma di ,00 2, asserendo di esser stata convinta dal legale rappresentante della società Carlo CERRI 5 -che le aveva rappresentato in cantiere le gravi difficoltà in cui si dibatteva la CNC anche a causa del ritardo nel versamento della caparra di ,00 pattuita- a mutuare alla società convenuta detto importo il 15/11/2010, nella speranza che l'allestimento della CERRI 102 Flying Sport 102, il cui arredo la designer CARACCINI stava curando per conto della committente (ed acquirente) GREATESQUE FINANCIAL TRADING Ltd 3 potesse andare a buon fine; che tuttavia tale somma non le era stata mai restituita "asseritamente a causa del mancato pagamento da parte della società inglese", il che però non autorizzava la CNC a sottrarsi all'immediato pagamento, essendo essa CARACCINI estranea al rapporto principale; A).2 che la CNC, ricostruito l'esatto ruolo nella vicenda di: - Massimo SIGALA (che nell'estate del 2010 aveva rappresentato a Carlo CERRI l'interesse di un suo conoscente all'acquisto di un'imbarcazione mod. Cerri Flying Sport 86 4, ma in corso d'opera apparso personalmente interessato all'acquisto), - Paulo AURINO (presentato appunto dal SIGALA, il quale aveva confermato l'interesse precisando che la barca sarebbe stata da lui acquistata attraverso la GFT che aveva poi in effetti versato il 21/9/2010 la caparra di ,00 e concluso in data 20/10/2010 il contratto di vendita 5 ) e - e l'attrice (all'epoca "compagna" di Massimo SIGALA e indicata dall'aurino quale consulente per l'arredamento dell'imbarcazione) 6, 1. ha protestato l'inverosimiglianza della prospettazione attorea, 1 D'ora in avanti, per brevità, CNC. 2 Oltre agli interessi al saggio di legge dalla costituzione in mora (22/12/2011). 3 D'innanzi, brevius, GFT. 4 Poi sostituita con una (più grande) Cerri Flying Sport 102 comm Cfr. doc. 1 att. 6 Le espressioni sono tratte pressoché letteralmente dalle pagg. 5-6 della comparsa di risposta.

6 2. e dedotto che, allorché si attendeva l'integrazione della caparra sino all'importo di ,00 7, le erano invece pervenuti dal conto della CARACCINI il 15/11/2010 i euro di causa, 3. di cui essa -ritenendo di averli ricevuti in nome e per conto della GFT- aveva poi accusato a mezzo posta ricevuta 8 imputandoli alla mai ricevuta caparra integrativa; che del resto: i. da un lato nello scambio di messaggi di posta elettronica del luglio - agosto 2011 l'aurino nulla aveva eccepito in ordine al fatto che i versati dalla CARACCINI fossero stati imputati a caparra confirmatoria in pro della GFT 9, ii. e dall'altro, allorché neppure entro il 9/9/2011 era intervenuto pagamento alcuno, il contratto si era risolto di diritto a seguito della diffida ad adempiere del 10/10/2011, con diritto della CNC a trattenere la caparra, onde sia la richiesta formulata stragiudizialmente della CARACCINI il 16/12/2011 e la successiva azione dovevano ritenersi temerarie; C. che la CARACCINI nella sua prima replica ha fra l'altro addebitato alla CNC di aver creato "ad arte" la ricevuta datata 16/11/2010 -spedita solo il 19/1/2011 allorquando ormai la GFT si era resa inadempiente all'obbligo di integrare la caparra entro il 31/12/2010- proprio al fine di evitare la restituzione dei euro ricevuti dall'attrice; D. che nella sua memoria del 14/1/2013 la CNC ha allora ridepositato 10 la ricevuta contestata, precisando che era stata spedita con racc. a/r il 10/12/2010 e che l'imputazione a caparra della GFT risultava anche dai propri bilanci; RILEVATO E. che con ordinanza del 23/4/2013 il giudice istruttore ha reso la motivata decisione istruttoria che segue: 7 Il cui termine di pagamento era scaduto il 5/11/ Cfr. la ricevuta del sub doc. 4 conv. 9 Cfr. docc. 5-6 conv. 10 Sub doc. 9. "(...) RITENUTO 6

7 che, pur comprendendosi l'impostazione generale della difesa della convenuta nel senso del ragionevole dubbio (i) che l'attrice abbia potuto realmente finanziare (e per importo pari ai due terzi del compenso sperato) la società costruttrice nonché (ii) circa la genuinità delle dichiarazioni che le persone fisiche a vario titolo 'retrostanti' all'affare sfumato (AURINO, SIGALA, ITEM) potrebbero rendere al giudice, non possa negarsi alla CARACCINI il diritto di sottoporre al Tribunale, che la ammetterà -anche per le ragioni testé evidenziate- col restrittivo criterio della stretta attinenza al thema decidendum, prova orale idonea a sostenere nel processo la propria pretesa restitutoria; che infatti da un lato le peculiarità dei rapporti contrattuali nel settore delle imbarcazioni di lusso (tale per cui il valore della domanda appare comunque non ingente se comparato con le possibilità economiche almeno potenziali delle parti in causa) e dall'altro il principio di prova scritta costituito dalla non contestata fuoriuscita della somma da conto bancario della CARACCINI con l'espressa -e mai contestata dalla percipiente- causale di 'prestito', inducono a ritenere superabile in punto ammissibilità la questione sollevata dalla convenuta in ordine alla prova testimoniale del mutuo (ex art cpv. cod. civ.), e dall'altro, in punto capacità a testimoniare dei testi indicati dalla CARACCINI, il loro difetto di un interesse giuridicamente qualificato che ne possa giustificare l'intervento volontario o coatto nel processo induce a disattendere l'eccezione in tal senso svolta dalla C.N.C., salvo a precisare sin d'ora che si porrà massima attenzione, anche ai sensi degli artt. 331 co. 4 c.p.p. e 372 c.p., nella valutazione dell'attendibilità dei testi stessi e della veridicità delle dichiarazioni da essi rese avanti al giudice; letto l'art. 183 co. 7 c.p.c., AMMETTE - l interrogatorio formale del legale rappresentante della C.N.C. S.p.A. e la prova testimoniale dedotti dalla CARACCINI limitatamente ai capitoli 8 e da 11 a 17 della memoria datata 12/12/2012, con due dei testi ivi indicati (uno dei quali dovrà essere Massimo SIGALA, e l'altro a scelta dell'attrice); - la prova testimoniale dedotta dalla C.N.C. S.p.A. ai capitoli 1-2 e 5 della memoria datata 14/1/2013 nonchè in prova contraria sui capitoli di cui al precedente alinea, con i due testimoni ivi indicati; 7

8 - la prova testimoniale contraria richiesta dall'attrice, anche per interrogatorio formale, sui capitoli di parte convenuta testé ammessi nonché su quelli articolati coi nn & 29 della memoria datata 1 /2/2013, con gli stessi due testi già ammessi (...)"; F. che alle successive udienza dell'11/2 e 11/3/2014, oltre all'interrogatorio formale del legale rappresentante della convenuta Carlo CERRI (il quale, salvo ammettere che effettivamente la CNC si era trovata nel 2010 in grave difficoltà per i pagamenti non effetuatile dalla GFT, ha negato ogni altra circostanza dedotta dalla CARACCINI), sono stati ascoltati Massimo SIGALA, Paulo AURINO, Marco Alessandro PAGANI (all'epoca dei fatti responsabile commerciale della CNC) e il comandante Adone PUCCI (direttore di produzione dei cantieri CERRI), i quali ultimi due tuttavia nulla di specifico e di direttamente appreso hanno potuto riferire in merito al versamento di ,00 oggetto di causa, precisando che ogni rapporto di tipo strettamente contrattuale era stato direttamente intrattenuto dal legale rappresentante Carlo CERRI; che sulle conclusioni definitivamente precisate il 16/9/2014 la causa è infine pervenuta il 10/12/2014 al Tribunale per la decisione; RITENUTO G. che in via istruttoria non può che ribadirsi -anche a fronte delle eccezioni di incapacità a testimoniare di (Paulo AURINO e) Massimo SIGALA lungamente riargomentate dalla convenuta in comparsa conclusionale 11 - quanto già statuito con l'ordinanza riportata al superiore paragrafo E., qui ulteriormente precisandosi che, in difetto di prova del disegno truffaldino (che vedrebbe consapevoli concorrenti l'attrice, il SIGALA e l'aurino) il cui sospetto è stato insufflato dalla convenuta, il primo non ha intrattenuto alcun rapporto contrattuale diretto con la CNC ed entrambi non hanno alcun titolo concreto per poter intervenire nel presente giudizio, oggetto del distinto rapporto di finanziamento (innestato sull'altrettanto distinto rapporto di consulenza di interior design) prospettato dalla CARACCINI; 11 Il che fra l'altro impedisce di accogliere l'interpretazione formalistica resa nelle proprie difese conclusionali della difesa attorea, che le vorrebbe implicitamente abbandonate quantomeno per il teste AURINO (cfr. pagg. 8 e seguenti della memoria conclusionale di CNC). 8

9 che pertanto non v'è motivo per ritenere Massimo SIGALA e Paulo AURINO incapaci di testimoniare ai sensi e per gli effetti dell'art. 246 c.p.c., risolvendosi ogni questione sull'attendibilità delle loro testimonianze ad una valutazione rimessa ex art. 116 c.p.c. al prudente apprezzamento del Tribunale; H. che sotto il profilo documentale, pacifico che il versamento alla CNC in data 15/11/2010 provenne da conto intestato all'arch. CARACCINI, vanno probatoriamente apprezzate in senso favorevole alla prospettazione attorea le circostanze: a) che l'espressa causale del bonifico fu di "prestito" e non di pagamento di un debito della committente / acquirente GFT 12, b) e che la CNC, che di tale causale non ha negato (né lo potrebbe) di aver avuto evidenza, nulla contestò sul punto alla CARACCINI, c) laddove altrettanta valenza probatoria non può invece attribuirsi né alla ricevuta 13 spedita dalla CNC alla committente / acquirente quasi un mese dopo né alle appostazioni contabili della convenuta, d) trattandosi di documenti di cui non v'è prova alcuna che la CARACCINI ebbe evidenza e comunque non a lei indirizzati (a differenza, all'inverso, della documentazione inerente il bonifico) né tantomeno a lei opponibili ex art c.c.; che della vicenda, a conforto degli elementi di prova documentale sopra esaminati, hanno poi dato concorde ricostruzione in udienze diverse Massimo SIGALA e Paulo AURINO, nel senso: - che il secondo era l'unico beneficiario economico della GREATESQUE FINANCIAL TRADING Ltd, laddove il SIGALA era un amico di vecchia data (anche di Carlo CERRI 14 ) da lui incaricato di assisterlo nell'affare e nell'allestimento 12 Cfr. doc. 4 att. 13 Resta fra l'altro incomprensibile come mai, mentre per la prima parte della caparra confirmatoria, la CNC emise alla GFT la fattura di cui al suo documento 1 e, per la stessa identica causale, fu invece rimessa alla committente una mera ricevuta. 14 Mentre CERRI e AURINO non si conoscevano (cfr. nella seguente pagina del testo l'affermazione testuale del SIGALA all'udienza dell'11/2/2014, letteralmente ambigua ma chiara nella sua semantica). 9

10 dell'imbarcazione mentre "la signora CARACCINI si doveva occupare di tutto quanto riguardava gli interni della barca"; - che nel clima confidenziale in essere fra CERRI e SIGALA (che aveva procurato al primo già diversi facoltosi clienti) era maturata la richiesta del primo di un temporaneo sostegno finanziario, effettuata prima al SIGALA stesso e quindi alla sua (allora) convivente qui attrice; - che il SIGALA, personalmente presente alla richiesta (nonché alla successiva comunicazione degli estremi per il bonifico), non aveva dissuaso la CARACCINI dal rispondervi affermativamente per il minor importo di ,00, "perché, fra due amici quali erano AURINO e CERRI, mi sentivo sicuro che i pagamenti sarebbero ripresi e che non appena effettuati quei euro sarebbero stati restituiti"; - che anche l'aurino aveva poi appreso della cosa, ricevendo dal CERRI rassicurazioni nel senso che "saputo di quei euro ricevuti dalla (...) CARACCINI, lui si impegnò con la rata che noi dovevamo ancora pagargli di a rimborsarli immediatamente alla signora"; - che l'affare principale non era poi andato a buon fine per la sopravvenuta impotenza finanziaria dell'aurino e della sua società veicolo a sostenerlo; I. che pertanto, richiamate le considerazioni (in punto spiegazione delle particolarità della vicenda) già spese nel secondo paragrafo dell'ordinanza ritrascritta supra al paragrafo E., deve ritenersi provata sia la conclusione del contratto reale de quo, sia l'inadempimento al proprio obbligo restitutorio da parte della CNC, che dovrà pertanto rendere a Donatella CARACCINI la somma di ,00 mutuata con gli interessi di mora al saggio di legge dalla data della intimazione scritta ad adempiere (22/12/ ); L. che la società convenuta dovrà altresì rifondere alla CARACCINI le spese del giudizio, congruamente liquidabili -giusta il d.m.g. n. 140 del 20/7/2012 e n. 55 del 10/3/2014 entrati medio tempore in vigore 16 e tenuto conto dell'istruttoria svolta ma anche della non particolare difficoltà delle questioni trattate- in complessivi ,18 15 Cfr. doc. 3 att. 16 Prestandosi adesione sul punto a Cass. SS.UU. sent. n del 12/10/

11 (di cui 698,18 per anticipazioni esenti), oltre su ,00 al rimborso forfettario delle spese generali nella misura del 15% nonché sull'imponibile complessivo di ,00 al rimborso del C.p.a. ed alla rivalsa dell'i.v.a. alle rispettive aliquote di legge; P. Q. M. Il Tribunale, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta da Donatella Regina CARACCINI nei confronti dei CANTIERI NAVALI CERRI S.p.A. con citazione notificata il 27/2/2012, ogni diversa istanza disattesa o assorbita, 1. condanna la CANTIERI NAVALI CERRI S.p.A. a restituire a Donatella Regina CARACCINI la somma di ,00, oltre agli interessi di mora al saggio di legge tempo per tempo vigente dal 22/12/2011 sino all'effettivo pagamento; 2. condanna altresì la CANTIERI NAVALI CERRI S.p.A. a rimborsare all'attrice le spese del processo, che liquida in complessivi ,18, oltre al rimborso forfettario in ragione del 15% nonché al rimborso del contributo previdenziale di categoria (C.p.A.) ed alla rivalsa dell'i.v.a. alle rispettive aliquote di legge. Così deciso in Milano, il 12 dicembre 2014 il Giudice Guido Vannicelli 11

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N.

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Versione 2015 Corso Re Umberto 77 10128 Torino Tel: 011 4546634 - Fax 011.19621008 segreteria@aequitasadr.it ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Alla sede AEQUITAS ADR di (Indirizzi e contatti delle sedi sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Tribunale Trieste, civile. Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082

Tribunale Trieste, civile. Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082 www.lex24.ilsole24ore.com Tribunale Trieste, civile Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082 Integrale - RESPONSABILITA' MEDICA - PAZIENTE - DOMANDA GIUDIZIALE - RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE DELLA STRUTTURA SANITARIA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni ISTRUZIONI PRATICHE relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni La presente edizione coordina le istruzioni pratiche relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni adottate il 15 ottobre 2004 (GU

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli