IL GIORNO GIUSEPPE PARINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GIORNO GIUSEPPE PARINI"

Transcript

1 GIUSEPPE PARINI IL GIORNO Analisi, commento e versione in lingua corrente a cura della cl. III A magistrale A.S. 1999/2000 Prefazione e revisione del prof. Davide Grassi LICEO SCIENTIFICO L. DA VINCI - SEZIONE MAGISTRALE DI PONTREMOLI

2 PREFAZIONE DEL PROF. DAVIDE GRASSI Il Giorno di Giuseppe Parini è un testo molto noto, ma forse non sempre studiato e approfondito con i dovuti particolari e soprattutto con l attenzione che merita un Maestro del pensiero laico ed illuminista quale fu, a mio giudizio, l Abate milanese. Per questo motivo mi è parso utile fornire agli studenti un sussidio didattico costituito dall <<edizione>> integrale dell opera, commentata, parafrasata ed accompagnata dall analisi stilistica e retorica. Tale sussidio potrà, così, servire per strumento di studio e per la migliore conoscenza dell opera, che merita la lettura e l analisi integrale. Tuttavia non è questo l unico motivo per il quale questo lavoro è stato scritto e prodotto. Esso, infatti, si inserisce in un più ampio progetto didattico ed in una più vasta prospettiva metodologica, che è stata elaborata ed in parte già realizzata, almeno nella sua fase iniziale. Mi riferisco alla stampa della versione in lingua corrente del Principe di Niccolò Machiavelli, avvenuta nel novembre 1999 ad opera dell allieva Silvia Beccari, che con tanta encomiabile pazienza ha lavorato alla realizzazione del libro. Questa volta il lavoro si presenta più ambizioso, almeno nella sua fase realizzatoria. Infatti alla produzione dell opera hanno lavorato tutte le allieve della classe III A magistrale dell Istituto Malaspina di Pontremoli. In tal modo ciò che prima era stato il prodotto di un unica mente, si è trasformato in un lavoro risultante dalla collaborazione di un intera classe scolastica, che si è dedicata allo studio dell autore e all analisi dell opera. Non più quindi un unico soggetto attivo, ma una pluralità di soggetti, che hanno insieme realizzato e concretizzato un interessante materiale didattico prodotto per lo studio della Letteratura. Devo, inoltre, aggiungere che la versione in lingua corrente, che accompagna l analisi ed il commento dell opera, appare, anche in questo caso, un interessantissimo ed efficace strumento propedeutico, per poter avvicinare tutti gli studenti (e non solo quelli forniti di grandi capacità, di doti e di mezzi magari familiari-) allo studio ed alla conoscenza degli autori e delle opere. In tal modo la barriera che separa la 1

3 Nostra Letteratura dalla fruizione di un più ampio pubblico -barriera che ha origini antiche e che affonda le sue radici nella cultura umanistica e nell arcaismo cristallizzato della nostra lingua letteraria- potrà essere meglio superata ed avvicinare così i discenti alla diretta ed integrale conoscenza dei capolavori della nostra Letteratura. Senza contare che ciò che è stato fatto, e specificamente la resa della lingua del 1700 in Italiano moderno, è risultato poi un viaggio affascinante nelle strutture della nostra lingua. Ciò non può che fare piacere a chi della Storia della lingua italiana ha fatto argomento dei propri studi universitari, nella ferma convinzione che, a fronte della mutevolezza e della precarietà dell interpretazione contenutistica delle incertezze filosofiche che caratterizzano i singoli autori, l analisi linguistica rappresenta un baluardo di certezza e di scientificità per un analisi corretta del pensiero dell uomo, o quantomento ne potrà rappresentare il presupposto essenziale, presupposto che coniuga, in un sinolo interattivo, la cultura e l approccio storico-letterario con quello scientifico e filologico. Nel presentare il lavoro, voglio ringraziare con sincerità le mie allieve, che, con tanta buona volontà, hanno prodotto questo libro, dedicando parte del loro tempo alla cultura e non alla vuota ricerca di futili superficialità. In un epoca che ha fatto del <<tutto e subito>> il proprio credo e il proprio disvalore fondamentale, l impegno di chi sceglie di passare il proprio tempo per lo studio e per la cultura è veramente un fatto di rilievo e merita di essere premiato e sinceramente apprezzato e lodato. Un particolare ringraziamento va inoltre al mio amico e collega, prof. Antonio Bianchi, che si è rivelato un validissimo collaboratore nella redazione delle note al testo e nella revisione dell opera prima della sua definitiva stesura. Prof. Davide Grassi 2

4 AVVERTENZE Del Giorno di Parini esistono due redazioni distinte, (oltre che a varie lezioni e rielaborazioni successive). Una redazione corrisponde all originario progetto, di un opera che doveva essere divisa in tre parti. Di queste parti l autore realizzò la prima e la seconda, cioè il Mattino (1763) e il Mezzogiorno (1765) che possono essere considerati poemi a sé stanti. La terza parte, che doveva intitolarsi La Sera, non venne alla luce. In seguito Parini elaborò una seconda redazione, che però rimase autografa e non fu pubblicata. Essa corrisponde ad un progetto dell opera in quattro parti: Il Mattino, Il Meriggio, Il Vespro, La Notte. Queste ultime due parti furono, poi, messe insieme ai due poemi del 1763 e 1765 dall editore Reina (1801) e da altri successivi. Si è pertanto operata una contaminazione tra due versioni dell opera, che corrispondono a fasi differenti dell autore e a due diversi schemi di impostazione. Il nostro lavoro si basa, invece, su un unica versione e precisamente su quella che non è stata pubblicata ed è conservata autografa in quattro parti: Il Mattino, Il Meriggio, Il Vespro, La Notte. Tale versione ci è sembrata più rispondente al pensiero dello scrittore e comunque essa ha il pregio di non operare contaminazioni tra scritti di fasi diverse e concepiti per opere diversamente strutturate. Si è, in pratica, voluto evitare la confusione che come sottolinea Dante Isella- ha accompagnato a lungo questo testo, mentre è preferibile (secondo lo stesso Isella) <<tenere distinte le due redazioni>>, anche per un approccio più filologicamente corretto, a dispetto di tanta manualistica scolastica ancora dura a morire. 3

5 SCHEMA DEL LAVORO INTRODUZIONE: (Il Giorno, caratteristiche e struttura dell opera, temi centrali) Serena Fiori LA LINGUA DEL GIORNO: (Caratteristiche linguistiche dell opera) Eleonora Pinelli ANALISI DELL OPERA IL MATTINO: (Commento introduttivo) Barbara Pennucci Agostini Bazzigalupi Bellacci Cappè Cocchi Del Ponte Fiori IL VESPRO: (Commento introduttivo) Giulia Agostini Silvestri Tagliatti LA NOTTE: (Commento introduttivo) Sara Bazzigalupi Tedeschi Tomaselli Vasoli IL MERIGGIO: (Commento introduttivo) Barbara Ricci Franchini Lombardi Magnani Montali Pennucci Pinelli Ricci 4

6 INTRODUZIONE A CURA DI SERENA FIORI Il Giorno è il capolavoro di Parini: incompiuto poema in endecasillabi sciolti. L opera è divisa in quattro parti, e il poeta in vita ne pubblicò solo due: Il Mattino nel 1763 e Il Mezzogiorno nel Negli ultimi anni della sua vita si dedicò con grande impegno alla composizione delle due parti mancanti, Il Vespro e La Notte. L oggetto del poema è il racconto di una giornata esemplare della vita di un giovane nobile, scandita nei quattro momenti della giornata, corrispondenti alle quattro parti dell opera. Il racconto è svolto dal punto di vista del precettore, che intende guidare il Giovin signore attraverso le distinte tappe della sua giornata. Il precettore incarna una prospettiva decisamente critica e dissacratoria. In questo modo le meschinità, le vanità, i vizi e la corruzione del mondo aristocratico divengono oggetto di una caricatura feroce e di una denuncia antinobiliare. Prendendo quindi a enunciare i propri insegnamenti, il precettore mostra come la propria funzione sia piuttosto quella di scrivere la vita reale del suo rampollo che non quella di educarlo veramente a qualcosa. La descrizione si apre all alba che vede tutti i comuni mortali riprendere i propri lavori, mentre il Giovin signore va finalmente a dormire, stanco del teatro e del gioco. Parini utilizza il meccanismo antifrastico, per mezzo del quale il narratore giustifica questa diversità, affermando che tutti gli altri devono lavorare proprio perché il Giovin signore possa invece oziare e divertirsi. Dietro questa maschera ironica si nasconde la denuncia della assurdità e ingiustizia della classe nobiliare. MODELLI E FONTI Nel Settecento vi è un grande ricorso alla poesia per tematiche di carattere filoisofico, sociale, politico, perfino tecnico scientifico. L opera di Parini si colloca all interno di questa tendenza, non soltanto italiana, ma europea. È risaputo infatti che Parini prese come modelli opere a livello internazionale. Per citare un esempio possiamo ricordare The rape of the lock dell inglese Alexander Pope; l opera uscì in Italia tradotta dal padovano Antonio Conti nel 1756, proprio nel periodo in cui Parini stava componendo Il Giorno. Nella tradizione letteraria italiana, l uso del poemetto sopracitato conta numerosi esempi tra Seicento e Settecento, benchè nessuno di essi possa competere con il risultato artistico raggiunto da Parini. Insieme a questo modello dobbiamo considerare i classici, ai quali Parini guarda costantemente. È opportuno ricordare Le Georgiche di Virgilio e Le Satire di Orazio. Ma non va comunque dimenticata l ideologia fondamentale del Poema, rappresentata dalla cultura illuminista e specialmente da quella di Rousseau che Parini predilige. 5

7 LA METRICA E LO STILE Parini sceglie come metro della sua opera l endecasillabo sciolto, cioè privo di rime, il quale è proprio di una poesia didascalica, divulgativa, polemica, satirica, largamente diffusa nel Settecento. Poiché si riscontra sia in situazioni epiche che in contesti didascalici e il suo uso è già attestato nel Rinascimento, l endecasillabo sciolto risponde alla volontà classicistica di riprodurre l andamento narrativo didascalico dell esametro latino. È interessante, però, notare come Parini giustifichi questa scelta di metro non per questa tradizione illustre, ma per la consapevolezza di utilizzare uno stile alla moda cioè pienamente aggiornato e moderno. Sapientissima è la costruzione dell endecasillabo pariniano, piegato a tutte le sfumature espressive e narrative grazie ad un attenta dosatura di cesure, accenti, fonemi. L utilizzo dell enjambement dà solennità al costrutto sintattico. D altra parte lo scopo pariniano è quello di far cooperare organicamente la metrica e lo stile. In più la satira pariniana non agisce abbassando il registro eroico in modo da deformarlo e sconvolgerlo, ma piuttosto mantendo fermo il registro eroico sul piano formale, applicato però ad oggetti, personaggi e situazioni inadeguati ad esso, cioè niente affatto eroici. Insomma, Parini non trasporta nel fango gli eroi tradizionali, ma innalza il fango al livello degli eroi classici. Infine è da ricordare l incredibile raffinatezza dello stile pariniano, che riguarda ogni piano del discorso: la morfologia, il lessico, le costruzioni sintattiche e le figure retoriche. LO SPAZIO E IL TEMPO DEL RACCONTO Nel Giorno prevale il momento descrittivo su quello drammatico narrativo, così che assume una notevole importanza lo spazio della rappresentazione. Si possono distinguere due tipologie spaziali: gli interni e gli esterni. I primi sono assai più numerosi e qualificanti, ed è in essi che si svolge la vita fastosa e superficiale del Giovin signore. Gli interni rappresentati corrispondono ai vari luoghi del palazzo nobiliare, la camera da letto, la sala della toeletta, il salotto per il caffè, le varie sale del palazzo, tutte quante caratterizzate da una crescente severità nel diritto d accesso. Con questa chiusura degli interni si vuole delineare il privilegio sociale, ovvero isolandosi dalla popolazione, l interno del palazzo diventa uno stile di vita fondato sul sopruso e privo di giustificazioni e valori morali, retto soltanto dalla propria fastosità. Al contrario, gli esterni sono introdotti nel poema con l esplicito scopo di fare contrasto con la vita nobiliare e non per rappresentare la propria naturalità e la propria socialità. Non minore importanza ha il tempo, che costituisce, anzi, il criterio organizzativo della materia narrata. Infatti non è da dimenticare che il titolo stesso del poema, nonché i titoli delle quattro parti in cui esso è suddiviso: Mattino, Mezzogiorno e poi Mattino, Meriggio, Vespro, Notte, sono centrati sulla corrispondenza tra ore della giornata e capitoli del racconto. Infine 6

8 vi è la concentrazione di molti eventi, sia pure insignificanti, in un unica giornata, la quale è costretta, in termini realistici, a dilatarsi in modo artificiale per non far scorgere la vita superficiale e frivola del protagonista. I PROTAGONISTI: IL PRECETTORE E IL GIOVIN SIGNORE Il protagonista ufficiale del Giorno è il Giovin signore, a cui il narratore si rivolge attraverso la seconda persona singolare, ora descrivendo, per mezzo del modo indicativo, ora esortando, per mezzo dell imperativo. Il fatto è che di questo protagonista non viene detto neppure il nome ed egli non pronuncia nemmeno una battuta. È un personaggio per cui la personalità è l identità. Al contrario, una posizione più complessa è quella del narratore, il quale può essere interpretato come il vero protagonista dell opera. Il narratore presenta se stesso come precettore della vita e quindi dei piaceri del Giovin signore, quindi si mostra inserito in un meccanismo di complicità nei confronti del Giovine. Ma si tratta, anche qui, di una maschera: dietro la finzione del precettore si nasconde un dissimulato castigatore dei costumi corrotti. In qualunque modo vi è una complicità tra il Giovin signore ed il precettore. Il primo, vivendo senza senso critico una vita di apparenze, la crede eroica, così che il precettore ne offre la corrispondente definizione linguistica, proponendo un interpretazione appunto eroica dei miseri eventi, cui è ridotta la giornata tipo di un aristocratico. GLI ALTRI PERSONAGGI DEL POEMA: FIGURE SOCIALI E TIPI UMANI La maggior parte degli altri personaggi del poema, a partire dalla dama, manca come il Giovin signore di spessore psicologico e di personalità. Infatti sono anonimi anche gli altri personaggi dell opera, tanto che appartengono all ampio corteggio dei servitori e non al mondo dei pari. Il mondo dei nobili non presenta margini di libertà maggiori di quelli concessi ai servi. La debolezza caratteriale dei padroni risulta semmai aggravata dall invadenza di nevrosi e di ossessioni, scambiate, magari, per qualità e doti. LE FAVOLE MITOLOGICHE Alcune parti che formano il poema pariniano contengono favole mitologiche. Per esempio, Il Mattino e Il Mezzogiorno ospitano due favole ciascuno: Il Mattino quella di Amore e Imene e quella dell origine della cipria; Il Mezzogiorno quella del Piacere e quella del gioco del tric trac. Nella Notte si trova, infine, la favola dell origine e degli sviluppi del canapè. La funzione di tali inserti mitologici entro la trama del poema è molteplice. Da una parte servono per nobilitare la materia del racconto, poiché i miti costituiscono esemplificazioni dell origine e del significato storico di fenomeni sociali, e pertanto rispondono alla cultura dell Illuminismo; però d altra parte servono 7

9 anche a sottolineare la struttura raffinata del poema. Un importanza particolare riveste la favola del Piacere, poiché in essa viene affrontato il tema della diseguaglianza tra gli uomini e quindi la loro divisione in classi sociali. La favola narra che gli uomini erano originariamente uguali, legati a bisogni primari ed attenti solo a fuggire i dolori. Le diversità nacquero allorchè fu mandato sulla Terra dagli Dei il Piacere; nel tentativo di raggiungere questo gli uomini si divisero, con la conseguenza che quelli che seppero sviluppare una sensibilità più raffinata primeggiarono, mentre rimasero al rango di subalterni tutti gli altri. IL GIORNO NEL SISTEMA DEI GENERI LETTERARI Il Giorno si colloca all incrocio di di vari generi letterari. Da una parte si basa sul poema didascalico, anche per quanto riguarda la metrica. È però la costruzione antifrastica e ironica della struttura pariniana che crea una pregiudiziale satirica che non può essere ignorata. Infatti Il Giorno rientra in una tradizione satirico burlesca. La poetica pariniana gioca però anche su un doppio registro, cioè su una sproporzione tra altezza del registro stilistico e irrilevanza dei contenuti referenziali. LA RETORICA DELLO STRANIAMENTO Dal punto di vista narratologico, come si è visto, il poema presenta uno sfasamento ed una tensione tra punto di vista esibito dal narratore e punto di vista risultante dalla costruzione d'autore; dal punto di vista stilistico - retorico, una funzione portante è stata riconosciuta alla nobilitazione operata dalle perifrasi e dalle inversioni sintattiche. Un altro elemento importantissimo è anche l ironia, utilizzata dall autore in modo antifrastico, per fare dire al precettore il contrario di quello che pensa. In questo modo la denuncia nobiliare diventa sempre più consistente nell interpretazione dell opera; però è proprio per questo opportuno aggiungere che, mancando dentro l opera un punto di vista alternativo alla società nobiliare, vuota e corrotta, il lettore deve mettersi a fare i conti con una narrazione ostaggio di quella società che chiede l attribuzione di un significato dall esterno per essere liberata. In questo modo la scrittura letteraria è coinvolta in un processo ambivalente, poiché da un lato essa si configura in termini di inattendibilità, di inautenticità e di finzione, dall altro valorizza la possibilità di poter smascherare la parola posseduta e definita del potere. Questa ambivalenza costituisce un elemento interessantissimo nel capolavoro pariniano. LA RICEZIONE DEL GIORNO TRA I CONTEMPORANEI E NELL OTTOCENTO Durante il periodo in cui Parini scrisse la sua opera giovò all autore la presenza di un ambiente prestigioso a lui favorevole, come il Circolo dei Trasformati, che era in grado di apprezzare la raffinata fattura dei suoi versi. 8

10 GIUSEPPE BARETTI fu un importante critico legato all Accademia. Egli fece la prima recensione al Mattino appena stampato. Nel 1763 salutò il poema pariniano con adesione convinta al messaggio. PIETRO VERRI si contrappose al giudizio di Baretti non appena venne pubblicato Il Mezzogiorno. Verri aveva molte ragioni, anche personali, per non gradire il successo di Parini; ed oltre a ciò c era poi tra i due una diversità ideologica profonda, che collocava i due intellettuali ai poli opposti dello schieramento illuminista: Parini era su posizioni moderate, Verri su posizioni radicali. La generazione successiva propose, anche attraverso la mediazione di FOSCOLO e di LEOPARDI, una vera e propria mitizzazione dell uomo Parini: dignitoso, incorrotto e modello di virtù civili. In più la contrapposizione tra l uomo e il poeta avrebbe avuto larga fortuna tra gli intellettuali dell Ottocento, arrivando fino a DE SANCTIS. Intanto MANZONI aveva criticato la poetica aristocratica di Parini, inadatta a rivolgersi a una cerchia allargata di lettori. crociani è la rilettura positiva e allargata dell Arcadia, come fase durevole e dominante della cultura settecentesca. È questa la lettura di MARIO FUBINI. Tra i critici più recenti ricordiamo WALTER BINNI che distingue due fasi nell opera pariniana: una legata alla poetica del sensismo e alla cultura illuminista (a questa si rifarebbe la prima parte del Giorno) e un altra, invece, segnata da posizioni neoclassiche di minor impegno civile e di ripiegamento (a questa fase apparterebbe la seconda parte dell opera). Infine DANTE ISELLA ha fornito una pregevole edizione critica dell opera, interessante sotto l aspetto filologico e linguistico. Non particolarmente intenso, se non decisamente in ribasso, è lo studio del Giorno e di Parini negli ultimi anni. I GIUDIZI DELLA CRITICA ATTUALE La prima metà del Novecento è dominata da una prospettiva idealista; pertanto vengono valorizzati i momenti puri isolando gli episodi e gli elementi del poema meno direttamente collegati all intento polemico e ideologico. È questa la prospettiva di ATTILIO MOMIGLIANO e di DOMENICO PETRINI. Conseguenza della valorizzazione dell elemento letterario puro, operato dai critici 9

11 LA LINGUA DEL <<GIORNO>> A CURA DI ELEONORA PINELLI Parini ebbe della poesia una concezione assai vicina a quella dei classici, tendente insieme al piacere e all utile. Fu però uomo del suo tempo, appoggiò le riforme e lottò contro privilegi, ingiustizie e mentalità antiquate di certi ambienti. Il linguaggio del Giorno rispecchia le scelte del Parini, la sua adesione al rinnovamento culturale propugnato dall Illuminismo, l accettazione dell estetica del sensismo, l esigenza di conciliare le nuove ideologie con la migliore tradizione classica. Ecco, allora la sua attenzione alle cose ed alla natura, l aggettivazione precisa e concreta, che evidenzia la realtà in tutte le sue sfaccettature e, nel contempo, una poesia con una funzione di utilità morale e di tono altisonante. Caratteristica del Giorno è infatti l assenza di qualsiasi tono dimesso e colloquiale. Parini, in questa satira della nobiltà, usò un linguaggio sempre elevato per almeno due motivi. Il primo è legato alla struttura stessa dell opera. Il Giovin signore è presentato come un eroe, quasi un semidio, anche se con intenti ironici, dato che la sua giornata si rileva piena di occupazioni futili. Le espressioni solenni, dunque, si adattano al mondo esteriore del protagonista, ma contrastano con la materia realmente trattata, generando effetti ironici. Infatti tutto il discorso del <<precettore>> si fonda sulla figura dell antifrasi, secondo cui viene affermato il contrario di ciò che si vuol fare intendere. Alla base dell altro motivo c era la volontà del Parini di dimostrare, a gran parte del mondo culturale dell epoca, che la tradizione letteraria offriva ancora strumenti validissimi. È proprio la grazia del linguaggio classicheggiante che favorisce il riso sottile, l ironico giro di frase, il periodare armonioso e leggero, e che lascia trasparire più chiaramente il giudizio. Questo linguaggio classicheggiante, insomma, ingigantisce dall esterno la visibile figura del Giovin signore, mostrandone di riflesso l inconsistenza materiale e spirituale. Il tono descrittivo prevale su quello narrativo. D altra parte la rappresentazione di un eroe negativo, di una vita che non è azione, determina un ritmo narrativo lento, una mancanza di movimento; soprattutto due elementi concorrono ad ottenere questo ritmo: il tempo e lo spazio della vicenda. Quella descritta non è una giornata particolare, precisa, ma una giornata tipo : le ore in cui si collocano le vicende sono poche (perché il signorotto si alza a giorno fatto), ma la monotonia di gesti e parole le fa sembrare lunghissime. Anche lo spazio ristretto, limitato e quasi sempre chiuso, dà l impressione di un mondo morto e di un tempo infinito e vuoto. È proprio per interrompere questa lentezza e questo vuoto che Parini inserì le rappresentazioni della nobiltà guerriera di un tempo e delle classi popolari (soggetti contrapposti per sentimenti ed azioni alla nobiltà protagonista del poema) e le favole mitologiche (quella di Amore e Imene e del Piacere, ad esempio), al 10

12 contempo esemplificazioni dell origine e del significato storico di fenomeni sociali. La poesia, comunque, si concentra nella descrizione, nel particolare, nella sfumatura. Lo stile molto raffinato è fondato soprattutto sugli iperbati. Ad esempio: MT v. 498 <<Nembo dintorno a lui vola d'odori>>, MG v << I mille intorno / Dispersi arnesi>>, NT v. 198 << Pronta di servi mano a terra proni>>. La raffinatezza, però, riguarda ogni piano del discorso: la morfologia (la scelta di Parini premia sempre le forme letterarie più preziose), il lessico (sempre i termini più ricercati ed inusuali), le figure retoriche. Da ricordare metafore nobiliari, come MT v <<i ridenti avorj / Del bel collo>>, oppure similitudini esagerate, ad esempio MG v << Ma tu come sublime aquila vola / Dietro a i sofi novelli>>. Comunque, in questo studio, riguardo la lingua del Giorno, sono da evidenziare le correzioni fatte al Mattino e al Mezzogiorno, dopo le apparizioni del 1763 e Nel lavoro di revisione pariniana prevalgono intenti di tipo aulico e di recupero latineggiante; ad esempio: VENENOSO, ANTIQUI, FUORA, LUNGE, CONTRA. In campo morfologico si nota l introduzione di numerosi interventi sui verbi. Nelle correzioni linguistiche di Mattino e Mezzogiorno è importante evidenziare due aspetti particolari della strategia pariniana: da un lato l elaborazione peculiare, dall altro la dose costante di veste linguistica caratterizzata dalle scelte aulicizzanti arcaizzanti, dalla selezione lessicale e dalle alternative morfologiche e sintattiche. Per quanto concerne le altre due parti del Giorno, cioè Vespro e Notte resta irrisolto il problema se esista o meno successione costante con le revisioni del Mattino e del Mezzogiorno. Resta comunque da tener presente l incremento del lessico eroico con tendenza, sempre di tipo lessicale, al contrappunto comico. IL MATTINO A CURA DI BARBARA PENNUCCI Il Mattino esce, come primo poemetto anonimo, nel 1763 e rappresenta una prima parte del primitivo progetto pariniano non concluso. Nella seconda redazione Parini introduce, come apertura alla sua opera Il Mattino, un nobile di giovane età e fa emergere come, già dall alba, questo rappresentante di una nobiltà in disfacimento, presenti un comportamento di superiorità, di uomo simboleggiante una parte di classe nobiliare priva di ogni virtù, ma piena di vizi. L opera inizia con l alba, in cui Parini fa chiaramente notare come questo sia il momento in cui tutti i comuni mortali riprendono il proprio lavoro, mentre per il Giovin signore è il momento in cui finalmente arriva il riposo, dopo gli avvenimenti mondani, come il teatro ed il gioco. Proprio qui il narratore sottolinea come sia necessario il lavoro delle persone comuni, affinchè il nobile possa oziare e divertirsi. In chiave 11

13 antifrastica viene manifestata la denuncia di Parini dell assurdità e dell ingiustizia di questo comportamento. Arriva poi il momento del risveglio; in questo momento il giovane deve affrontare alcune preoccupazioni su come debbano essere i suoi movimenti, come ad esempio lo sbadigliare in modo aristocratico. Viene poi portata la colazione al Giovin signore e anche qui c è la necessità di scegliere tra vari cibi. In seguito arrivano le prime visite: il maestro di ballo, di canto, di violino, che esaltano, ancora in chiave antifrastica, le virtù del nobile. Una volta che il giovane si è levato da letto, avviene la vestizione, con abiti alla moda e tipici di una vanità aristocratica; si compie anche il rito dell incipriatura, che sottolinea la personalità del giovane. Il pensiero del nobile viene poi rivolto alla propria dama, di cui egli è cavalier servente; invia così un messaggero, per sapere se abbia o meno trascorso una piacevole notte. Nel frattempo il signore è impegnato a leggere libri illuministi, ancora in chiave ironica, in quanto Parini cerca di fare emergere l intelligenza di tale figura. Infine il Giovin signore, pronto per mostrarsi, sale sulla carrozza, e si dirige dalla propria dama per il pranzo. vv a cura di Giulia Agostini Nei primi versi del poema Parini descrive il risveglio del Giovin signore, mettendolo a confronto con quello di un villano e di un fabbro. Il risveglio del giovane appare sicuramente meno faticoso degli altri due personaggi, ed è descritto con minuzia. Parini racconta come il giovane, dopo aver festeggiato fino a tarda notte, al mattino venga svegliato dai servi con molta cautela; vari comportamenti sono descritti con similitudini e metafore. 1. Sorge il mattino 1 in compagnia dell'alba 2. Dinanzi al sol che di poi grande appare 3. Su l'estremo orizzonte a render lieti 4. Gli animali e le piante e i campi e l'onde Allora il buon villan sorge dal caro 6. Letto 3 cui la fedel moglie e i minori 7. Suoi 4 figlioletti intiepidir la notte: 8. Poi sul dorso portando i sacri arnesi 9. Che prima ritrovò Cerere o Pale Move seguendo i lenti bovi, e scote 11. Lungo il picciol sentier da i curvi rami 12. Fresca rugiada che di gemme al paro La nascente del sol luce rifrange. 14. Allora sorge il fabbro, e la sonante 15. Officina 7 riapre, e all'opre torna 16. L'altro di non perfette; o se di chiave 17. Ardua e ferrati ingegni all'inquieto 18. Ricco l'arche assecura; o se d'argento 19. E d'oro incider vuol gioielli e vasi 20. Per ornamento a nova sposa o a 8 mense. 21. Ma che? Tu inorridisci e mostri in capo 22. Qual istrice pungente 9 irti i capelli 1 il Mattino, l Alba = personificazioni 2 Gli animali e e e = enumerazione polisindetica e anafora di e 3 caro / letto = enjambement 4 minori / suoi = enjambement 5 Cerere e Pale = divinità agresti 6 di gemme al paro = similitudine 7 sonante / officina = enjambement 8 a nova sposa o a mense = anafora di a 9 qual istrice pungente = similitudine 12

14 23. Al suon di mie parole? Ah il tuo mattino 24. Signor questo non è. Tu col cadente 25. Sol 10 non sedesti a parca cena, e al lume 26. Dell'incerto crepuscolo non gisti 27. Ieri a posar qual nei tugurj suoi 28. Entro a rigide coltri il vulgo vile A voi celeste prole a voi 12 concilio 30. Almo di semidei altro concesse 31. Giove benigno: e con altr'arti e leggi 32. Per novo calle a me guidarvi è d'uopo. 33. Tu tra le veglie e le canore scene 34. E il patetico gioco oltre più assai 35. Producesti la notte: e stanco alfine 36. In aureo cocchio col fragor di calde 37. Precipitose rote e il calpestio 38. Di volanti corsier 13 lunge agitasti 39. Il queto aere notturno; e le tenèbre 40. Con fiaccole superbe intorno apristi Siccome allor che il Siculo terreno 42. Da l'uno a l'altro mar rimbombar fèo 43. Pluto 15 col carro a cui splendeano innanzi 44. Le tede de le Furie anguicrinite Tal ritornasti a i gran palagi 17 : e quivi 46. Cari conforti a te porgea la mensa 47. Cui ricoprien prurigginosi cibi 48. E licor lieti di Francesi colli 49. E d'ispani e di Toschi o l'ungarese 50. Bottiglia 18 a cui di 19 verdi ellere Bromio cadente / sol = enjambement 11 vulgo vile = allitterazione in v 12 A voi celeste prole a voi = anafora e metafora antifrastica 13 volanti corsier = metafora 14 le tenèbre apristi = metafora 15 Pluto = dio degli inferi 16 Furie anguicrinite = divinità infernali dai capelli serpentiformi 17 Siccome allor Tal palagi = similitudine 18 Ungarese / bottiglia = enjambement (si allude al Tokaj) 19 e licor lieti di e di Ispani e di di verdi = anafora di e e di allitterazione in l 20 Bromio = Bacco 51. Concedette corona, e disse: or siedi 52. De le mense reina. Alfine il Sonno 53. Ti sprimacciò di propria man le còltrici 54. Molle cedenti, ove te accolto il fido 55. Servo calò le ombrifere cortine: 56. E a te soavemente i lumi 21 chiuse 57. Il gallo che li suole aprire altrui Dritto è però che a te gli stanchi sensi 59. Da i tenaci papaveri Morfeo Prima non solva che già grande il giorno Fra gli spiragli penetrar contenda 62. De le dorate imposte; e la parete 63. Pingano a stento in alcun lato i rai 64. Del sol ch'eccelso a te pende sul capo Or qui principio le leggiadre cure 66. Denno aver del tuo giorno: e quindi io deggio 67. Sciorre il mio legno 26, e co' precetti miei 68. Te ad alte imprese ammaestrar cantando. 69. Già i valetti gentili udir lo squillo 70. De' penduli metalli 27 a cui da lunge 71. Moto improvviso la tua destra impresse; 72. E corser pronti a spalancar gli opposti 73. Schermi a la luce 28 ; e rigidi osservàro 74. Che con tua pena non osasse Febo Entrar diretto a saettarte i lumi Ergi dunque il bel fianco, e si ti appoggia 77. Alli origlier 31 che lenti degradando 78. All'omero ti fan molle sostegno; 21 lumi = metonimia per occhi 22 il gallo altrui = metafora 23 Morfeo = dio del sonno (personificazione) 24 grande il giorno = metonimia 25 Del sol capo = metafora 26 Sciorre il mio legno = metafora classica e metonimia (legno per barca) 27 lo squillo / De penduli metalli = perifrasi per indicare il campanello esempio di applicazione delle teorie sensistiche introdotte in Italia da Condillac 28 gli opposti / Schermi a la luce = enjambement e anastrofe 29 Febo = dio del sole (personificazione) 30 Entrar lumi = metafora 31 origlier = francesismo per cuscini 13

15 79. E coll'indice destro lieve lieve 80. Sovra gli occhi trascorri, e ne dilegua 81. Quel che riman de la Cimmeria nebbia 32 ; 82. Poi de' labbri formando un picciol arco 83. Dolce a vedersi 33 tacito sbadiglia. 84. Ahi se te in sì vezzoso atto mirasse Il duro capitan quando tra l'arme 86. Sgangherando la bocca un grido innalza 87. Lacerator di ben costrutti orecchi, 88. S'ei te mirasse allor, certo vergogna 89. Avria di sè più che Minerva 35 il giorno 90. Che di flauto sonando al fonte scorse 91. Il turpe aspetto de le guance enfiate. 92. Ma il damigel ben pettinato i crini 93. Ecco s'innoltra; e con sommessi accenti 94. Chiede qual più de le bevande usate 95. Sorbir tu goda in preziosa tazza. 96. Indiche merci son tazza e bevande: 97. Scegli qual più desii. S'oggi a te giova 98. Porger dolci a lo stomaco fomenti 99. Onde con legge il natural calore 100. V'arda temprato, e al digerir ti vaglia, 101. Tu il cioccolatte eleggi, onde tributo 102. Ti diè il Guatimalese e il Caribeo Che di barbare penne avvolto ha il crine: 104. Ma se noiosa ipocondria ti opprime, 105. O troppo intorno a le divine membra 106. Adipe cresce 37, de' tuoi labbri onora 107. La nettarea bevanda 38 ove abbronzato 108. Arde e fumica il grano a te d'aleppo 32 Quel nebbia = perifrasi per indicare il sonno (I Cimmeri abitavano, secondo Omero, nei pressi dell Ade, in una regione coperta dalla nebbia. Cfr. Odissea XI, 14) 33 Dolce a vedersi = espressione latineggiante modellata sul supino passivo in u. Cfr. dulce visu 34 se sì vezzoso mirasse = allitterazione in s 35 Minerva = dea della sapienza 36 Guatimalese e Caribeo = popolazioni amerinde 37 O troppo cresce = perifrasi per indicare che il Giovin signore tende ad ingrassare 38 nettarea bevanda = perifrasi per indicare il caffè, paragonato al nettare degli dei 109. Giunto e da Moca 39 che di mille navi Popolata mai sempre insuperbisce Certo fu d'uopo che da i prischi seggi 112. Uscisse un regno, e con audaci vele 113. Fra straniere procelle e novi mostri 114. E teme e rischi ed inumane fami Superasse i confin per tanta etade 116. Inviolati 42 ancora: e ben fu dritto 117. Se Pizzarro e Cortese 43 umano sangue 118. Più non stimàr quel ch'oltre l'oceàno 119. Scorrea le umane membra; e se tonando 120. E fulminando alfin spietatamente 121. Balzaron giù da i grandi aviti troni 122. Re Messicani e generosi Incassi, 123. Poi che nuove così venner delizie 124. O gemma degli eroi 44 al tuo palato 125. Cessi '1 cielo però che in quel momento 126. Che le scelte bevande a sorbir prendi, 127. Servo indiscreto a te improvviso annunci 128. O il villano sartor che non ben pago 129. D'aver teco diviso i ricchi drappi 130. Oso sia ancor con polizza infinita 131. Fastidirti la mente; o di lugubri 132. Panni 45 ravvolto il garrulo forense 133. Cui de' paterni tuoi campi e tesori 134. Il periglio s'affida; o il tuo castaldo 135. Che già con l'alba a la città discese 136. Bianco di gelo mattutin la chioma Aleppo e Moca = località del Medio oriente, Aleppo in Siria e Moca in Arabia 40 mille navi = iperbole 41 e con audaci e novi e teme e rischi ed inumane fami = anafora di e 42 confin inviolati = perifrasi per indicare le Colonne d Ercole 43 Pizzarro e Cortese = conquistatori spagnoli, famosi per le loro crudeltà il tono di questi versi è chiaramente sarcastico, in quanto si finge che la conquista delle Americhe sia avvenuta per garantire al Giovin signore il cioccolato e il caffè 44 O gemma degli eroi = metafora antifrastica riferita al Giovin signore 45 lugubri / Panni = enjambement 14

16 vv a cura di Sara Bazzigaluppi Continua la mattinata del Giovin signore con la visita del maestro di ballo, del maestro di canto, del maestro di violino e, infine, del precettore di Francese. Si procede poi alla vestizione e alla toeletta, descritte con eleganza di particolari. Ha inizio il tema della satira contro il cicisbeismo Così zotica pompa i tuoi maggiori 138. Al di nascente si vedean dintorno: 139. Ma tu gran prole 47 in cui si fèo scendendo 140. E più mobile il senso e più 48 gentile 141. Ah sul primo tornar de' lievi spirti 142. All'uficio diurno ah 49 non ferirli 143. D'imagini 50 si sconce. Or come i detti 144. Di costor soffrirai barbari e rudi; 145. Come il penoso articolar di voci 146. Smarrite titubanti al tuo cospetto; 147. E tra l'obliquo profondar d'inchini 148. Del calzar polveroso in su i tapeti 149. Le impresse orme indecenti? 51 Ahimè che fatto 150. Il salutar licore agro e indigesto 151. Ne le viscere tue te 52 allor faria 152. E in casa e fuori e nel teatro e al corso Servo indiscreto O il villano sartor o il garrulo forense o il tuo castaldo = i personaggi in rassegna costituiscono un elencazione di soggetti che potrebbero, in qualche modo, infastidire il Giovin signore 47 gran prole = iperbole ironica e metonimia per figlio 48 E più e più = iterazione e polisindeto 49 Ah ah = iterazione 50 ferirli / D'imagini = enjambement e metafora 51 Come il penoso orme indecenti? = interrogativa retorica 52 tue te = allitterazione 53 E in casa e fuori e nel teatro e al corso = enumerazione e polisindeto 153. Ruttar plebeiamente il giorno intero! Non fia che attenda già ch'altri lo annunci 155. Gradito ognor benchè improvviso il dolce 156. Mastro 55 che il tuo bel piè come a lui piace 157. Guida e corregge 56. Egli all'entrar s'arresti 158. Ritto sul limitare, indi elevando 159. Ambe le spalle qual testudo il collo Contragga alquanto, e ad un medesmo tempo 161. Il mento inchini, e con l'estrema falda 162. Del piumato cappello il labbro tocchi E non men di costui facile al letto Del mio signor t'innoltra o tu che addestri 165. A modular con la flessibil voce 166. Soavi canti 59 ; e tu che insegni altrui 167. Come vibrar con maestrevol arco Sul cavo legno armoniose fila Nè la squisita a terminar corona Che segga intorno a te manchi o signore 171. Il precettor del tenero idioma 172. Che da la Senna de le Grazie madre Pur ora a sparger di celeste ambrosia Venne all'italia nauseata 65 i labbri Ruttar plebeiamente il giorno intero! = abbassamento del registro linguistico 55 il dolce / Mastro = enjambement 56 Mastro che il tuo bel piè come a lui piace / Guida e corregge = perifrasi per indicare il maestro di ballo 57 qual testudo il collo = similitudine e latinismo (testudo) 58 E non men di costui facile al letto = litote 59 o tu che addestri / A modular con la flessibil voce / Soavi canti = perifrasi per indicare il maestro di canto 60 maestrevol arco = enallage 61 e tu che insegni altrui / Come vibrar con maestrevol arco / Sul cavo legno armoniose fila = perifrasi per indicare il maestro di violino 62 Nè la squisita a terminar corona = iperbato 63 da la Senna de le Grazie madre = metonimia per indicare Parigi 64 celeste ambrosia = metafora 65 nauseata = disgustata dalla propria lingua 66 Il precettor del tenero idioma / Che da la Senna de le Grazie madre / Pur ora a sparger di celeste ambrosia / Venne all'italia 15

17 175. All'apparir di lui l'itale voci 176. Tronche cedano il campo al lor tiranno 67 : 177. E a la nova inefabil melodia 178. De' sovrumani accenti 68 odio ti nasca 179. Più grande in sen contro a le bocche impure Ch'osan macchiarse ancor di quel sermone Onde in Valchiusa fu lodata e pianta Già la bella Francese 72 ; e i culti campi 183. All'orecchio de i re cantati furo 184. Lungo il fonte gentil da le bell'acque Or te questa o signor leggiadra schiera Al novo di trattenga: e di tue voglie 187. Irresolute 75 ancora or quegli or questi Con piacevol discorso il vano adempia, 189. Mentre tu chiedi lor tra i lenti sorsi 190. Dell'ardente bevanda 77 a qual cantore Nel vicin verno 79 si darà la palma Sovra le scene; e s'egli è il ver che rieda 193. L'astuta Frine 81 che ben cento folli nauseata i labbri = ampia perifrasi per indicare il maestro di Francese 67 al lor tiranno = la lingua francese 68 De' sovrumani accenti = iperbole e metonimia per indicare la lingua francese 69 le bocche impure = enallage 70 macchiarse ancor di quel sermone = metafora 71 lodata e pianta = allusione alle due sezioni dei Rerum vulgarium fragmenta in vita e in morte di Madonna Laura 72 la bella Francese = Laura, nata e vissuta in Provenza 73 quel sermone / Onde e i culti campi bell acque = ampia perifrasi per indicare la lingua italiana, con la quale in Valchiusa fu lodata e compianta Laura da Petrarca ( ), e con la quale Luigi Alamanni ( ) scrisse il suo poema La coltivazione dei campi, dedicato al re di Francia Francesco I ( ) 74 Or te questa o signor leggiadra schiera = iperbato 75 voglie / Irresolute = enjambement 76 or quegli or questi = iterazione 77 ardente bevanda = perifrasi per indicare il caffè 78 cantore = cantante lirico 79 vicin verno = allitterazione 80 la palma = metafora 194. Milordi 82 rimandò nudi al Tamigi 83 ; 195. O se il brillante danzator Narcisso Torni pur anco ad agghiacciare i petti De' palpitanti Italici mariti Così poi che gran pezzo a i novi albori 199. Del tuo mattin teco scherzato fia 200. Non senza aver da te rimosso 87 in prima 201. L'ipocrita pudore e quella schifa 202. Che le accigliate gelide matrone Chiaman modestia, alfine o a lor talento 204. O da te congedati escan costoro Doman quindi potrai o l'altro forse 206. Giorno a i precetti lor porgere orecchio Se a' bei momenti tuoi cure minori 208. Porranno assedio 90. A voi divina schiatta Più assai che a noi mortali il ciel concesse 210. Domabile midollo 92 entro al cerèbro 93, 211. Si che breve lavoro unir vi puote 212. Ampio tesor d'ogni scienza ed arte L'astuta Frine = antonomasia. Frine fu una celebre cortigiana dell antica Grecia; col suo nome il poeta intende indicare qualche astuta avventuriera di analoghi costumi 82 cento folli / Milordi = si notino: l iperbole cento, l enjambement e il calco semantico Milordi per indicare gli aristocratici inglesi 83 Tamigi = metonimia per Londra 84 Narcisso = antonomasia; Narciso nella mitologia era figlio del fiume Cefiso e della ninfa Liriope, morto annegato per essersi invaghito della propria immagine riflessa nell acqua. Col suo nome il poeta indica qualche vano ballerino infatuato della sua bellezza per il quale le dame spasimavano ingelosendo i mariti 85 agghiacciare i petti = metafora 86 palpitanti Italici mariti = enallage 87 Non senza aver da te rimosso = litote 88 matrone = latinismo 89 l'altro forse / Giorno a i precetti lor porgere orecchio = enjambement e iperbato 90 Porranno assedio = metafora di ambito militare 91 A voi divina schiatta = iperbole ironica 92 Domabile midollo = metonimia per mente duttile 93 cerèbro = latinismo per cervello 16

18 213. Il vulgo intanto a cui non lice 95 il velo 214. Aprir de' venerabili misterj Fie pago assai poi che vedrà sovente 216. Ire o tornar 97 dal tuo palagio i primi 217. D'arte maestri 98 ; e con aperte fauci 218. Stupefatto berà le tue sentenze Ma già vegg'io che le oziose lane Premer non sai più lungamente: e in vano 221. Te l'ignavo tepor lusinga e molce 101, 222. Però che te più gloriosi affanni 223. Aspettan l'ore ad illustrar del giorno O voi dunque del primo ordine 102 servi 225. Che di nobil signor ministri al fianco 226. Siete incontaminati 103, or dunque voi 227. Al mio divino Achille al mio Rinaldo L'armi apprestate 105. Ed ecco in un baleno 229. I damigelli a' cenni tuoi star pronti Già ferve il gran lavoro 106. Altri ti veste 231. La serica zimarra 107 ove bei fregi 232. Diramansi Chinesi; altri 108 se il chiede 233. Più la stagione a te le membra copre 234. Di stese infino al piè tiepide pelli 109 ; 94 Ampio tesor d'ogni scienza ed arte = iperbato e ironia 95 lice = latinismo 96 il velo / Aprir misterj = metafora 97 Ire o tornar = antitesi 98 i primi / D'arte maestri = enjambement e iperbato 99 berà le tue sentenze = metafora 100 le oziose lane = metonimia per letto ed enallage. Cfr. Petrarca Rerum vulgarium fragmenta VII, lusinga e molce = endiadi e latinismo 102 primo ordine = appartenenti alla prima schiera (con reminiscenza della terminologia militare latina primi ordinis). Sono i servi addetti alle mansioni più delicate e perciò scelti 103 incontaminati = ironia sarcastica 104 Al mio divino Achille al mio Rinaldo = iterazione. Achille è l eroe dell Iliade, Rinaldo è un personaggio della Gerusalemme liberata 105 L'armi apprestate = metafora 106 Già ferve il gran lavoro = ironia 107 serica zimarra = veste da camera di seta 108 Altri altri = iterazione 235. Questi al fianco ti cinge il bianco lino Che sciorinato poi cada e difenda 237. I calzonetti; e quei d'alto curvando 238. Il cristallino rostro 111 in su le mani 239. Ti versa onde odorate 112, e da le mani In limpido bacin sotto le accoglie; 241. Quale il sapon del redivivo muschio Olezzante all'intorno; e qual ti porge 243. Il macinato di quell'arbor frutto 244. Che a Rodope fu già vaga donzella, 245. E piagne in van sotto mutate spoglie 246. Demofoonte ancor Demofoonte 115 ; 247. Un di soavi essenze intrisa spugna 248. Onde tergere i denti; e l'altro appresta 249. Onde 116 imbiancar le guance util licore Assai Signore a te pensasti: or volgi 251. L'alta mente 118 per poco ad altri obbietti 252. Non men degni di te 119. Sai che compagna 253. Con cui partir 120 de la giornata illustre 109 Di stese infino al piè tiepide pelli = iperbato. Si tratta di una calda pelliccia che arriva fino ai piedi 110 bianco lino = metonimia per salvietta che protegge i calzoni 111 Il cristallino rostro = sineddoche per brocca di cristallo. Rostro è il becco 112 onde odorate = allitterazione e metafora 113 le mani le mani = epifora (vv ) 114 redivivo muschio = il muschio è un animale che secerne un umore con il quale si fabbricano i profumi, i quali impregnando il sapone, sembrano far rivivere la bestia 115 Il macinato di quell'arbor frutto / Che a Rodope fu già vaga donzella, / E piagne in van sotto mutate spoglie / Demofoonte ancor Demofoonte = ampia perifrasi per indicare la farina di mandorle. Il mito greco, svolto per altro anche nelle Heroides di Ovidio, narrava che Filli, credendosi abbandonata da Demofoonte, suo promesso sposo, si gettò in mare da un dirupo del monte Rodope in Tracia, e fu dagli dei trasformata in mandorlo 116 Onde Onde = anafora (vv ) 117 util licore = cosmetico preparato con la biacca 118 or volgi / L'alta mente = iperbole ironica 119 Non men degni di te = litote 17

19 254. I travagli e le glorie 121 il ciel destina 255. Al giovane signore. Impallidisci? 256. Ahi non parlo di nozze. Antiquo e vieto 257. Dottor 122 sarei se così folle io dessi 258. A te consiglio. Di tant'alte doti Già non orni così lo spirto e i membri 260. Perchè in mezzo a la fulgida carriera Tu il tuo corso interrompa, e fuora uscendo 262. Di cotesto a ragion detto bel mondo 125, 263. In tra i severi di famiglia padri Relegato ti giacci a nodi avvinto Di giorno in giorno più noiosi e fatto 266. Ignobil fabbro de la razza umana 128 vv a cura di Pamela Bellacci Tema centrale del passo è la favola di Amore e Imene sull origine dei cicisbei; si spiega come accade che donne sposate si leghino ai loro cavalier serventi D'altra parte il marito ahi quanto spiace, 268. E lo stomaco move a i delicati 269. Del vostr'orbe felice 129 abitatori 270. Qualor de' semplicetti avoli nostri 271. Portar osa in ridevole trionfo partir = dividere (latinismo) 121 I travagli e le glorie = antitesi ironica 122 Antiquo e vieto / Dottor = enjambement e latinismi (precettore arcaico e noioso) 123 Di tant'alte doti = allitterazione in dentale sorda e sonora 124 fulgida carriera = iperboloe ironica 125 bel mondo = calco semantico sul Francese per indicare la società aristocratica 126 In tra i severi di famiglia padri = iperbato 127 Relegato ti giacci a nodi avvinto = metafora 128 Ignobil fabbro de la razza umana = perifrasi per indicare la paternità, che è sentita dal nobile come degradante funzione riproduttiva 129 orbe felice = variazione iperbolica del bel mondo 272. La rimbambita fè 131 la pudicizia 273. Severi nomi. E qual non suole a forza 274. Entro a' melati petti 132 eccitar bile 275. Quando i computi vili del castaldo 276. Le vendemmie i ricolti i pedagoghi Di que' si dolci suoi bambini altrui 278. Gongolando ricorda 134 ; e non vergogna 279. Di mischiar cotai fole a peregrini 280. Subbietti 135 a nuove del dir forme 136 a sciolti 281. Da volgar fren concetti 137, onde s'avviva 282. De' begli spirti il conversar sublime Non però tu senza compagna 138 andrai; 284. Chè tra le fide altrui giovani spose 285. Una te n'offre inviolabil rito Del bel mondo onde sei parte si cara Tempo fu già che il pargoletto Amore Dato era in guardia al suo fratello Imene 141 ; 289. Tanto la madre lor temea che il cieco 290. Incauto nume 142 perigliando gisse 291. Misero e solo per oblique vie 143 ; 130 ridevole trionfo = allitterazione in r 131 rimbambita fè = enallage: la fede che si addice ai vecchi rimbambiti 132 melati petti = metafora (animi squisitamente sensibili) 133 Le vendemmie i ricolti i pedagoghi = enumerazione asindetica 134 altrui / Gongolando ricorda = enjambement 135 peregrini / Subbietti = enjambement 136 a nuove del dir forme = perifrasi per indicare i neologismi 137 a sciolti / Da volgar fren concetti = perifrasi per indicare discorsi liberi da inibizioni caratteristiche delle persone di condizione modesta 138 Non però tu senza compagna = litote 139 inviolabil rito = allude al costume del cicisbeismo. La parola cicisbeo sembra di origine onomatopeica, dal cicaleccio dei colloqui galanti 140 pargoletto Amore = personificazione. Si noti l aulicismo pargoletto 141 Imene = dio delle nozze 142 cieco / Incauto nume = enjambement e perifrasi per indicare l Amore, raffigurato spesso bendato 143 oblique vie = metafora 18

20 292. E che, bersaglio 144 a gl'indiscreti colpi 293. Di senza guida e senza freno arciere 145, 294. Immaturo al suo fin corresse il seme 295. Uman 146 che nato è a dominar la terra Quindi la prole mal secura 147 all'altra In cura dato avea sì lor dicendo: 298. Ite o figli del par; tu più possente 299. Il dardo scocca 149, e tu più 150 cauto il reggi 300. A certa meta 151. Così ognor congiunta 301. Iva la dolce coppia; e in un sol regno, 302. E d'un nodo comun l'alme strignea Allora fu che il sol mai sempre uniti 304. Vedea 153 un pastore ed una pastorella Starsi al prato a la selva al colle al fonte 155 : 306. E la suora di lui 156 vedeali poi 307. Uniti ancor nel talamo beato Ch'ambo gli amici numi a piene mani Gareggiando spargean di gigli e rose Ma che non puote anco in divini petti Se mai s'accende ambizion 160 d'impero? 312. Crebber l'ali ad Amor, crebbe l'ardire 161 ; 144 bersaglio = apposizione fortemente prolettica 145 Di senza guida e senza freno arciere = iterazione e metafora (arciere = amore) 146 seme / Uman = enjambement 147 prole mal secura = perifrasi per indicare Amore 148 altra = è Imene 149 Il dardo scocca = metafora 150 tu più tu più = iterazione 151 certa meta = perifrasi per indicare il matrimonio 152 l'alme strignea = metafora (alme è un latinismo) 153 il sol Vedea = umanizzazione 154 pastore pastorella = poliptoto 155 al prato a la selva al colle al fonte = enumerazione di ascendenza lirica e iterazione di al 156 la suora di lui = perifrasi per indicare la luna, in mitologia Diana, sorella del Sole Febo 157 talamo beato = enallage 158 a piene mani = catacresi 159 divini petti = metafora 160 Se mai s'accende ambizion = metafora 313. Onde a brev'aere prima indi securo 314. A vie maggior fidossi, e fiero alfine Entrò nell'alto, e il grande arco crollando 316. E il capo risonar fece a quel moto 317. Il duro acciar 163 che a tergo la faretra 318. Gli empie, e gridò: solo regnar vogl'io Disse, e volto a la madre: Amore adunque 320. Il più possente in fra gli dei, il primo 321. Di Citerea 164 figliuol ricever leggi, 322. E dal minor german ricever leggi Vile alunno 166 anzi servo? Or dunque Amore 324. Non oserà fuor ch'una unica volta 325. Fiedere 167 un'alma come questo schifo 326. Da me pur chiede? E non potrò giammai 327. Da poi ch'io strinsi un laccio 168 anco disciorlo 328. A mio talento, e se m'aggrada, un altro 329. Strignerne ancora? E lascerò pur ch'egli 330. Di suoi unguenti impece a me i miei 169 dardi 331. Perchè men velenosi e men 170 crudeli 332. Scendano a i petti? Or via perchè non togli 333. A me da le mie man 171 quest'arco e queste 334. Armi 172 da le mie spalle, e ignudo lasci 335. Quasi rifiuto de gli dei Cupido? 336. Oh il bel viver che fia quando tu solo 337. Regni in mio loco! Oh il bel 173 vederti, lasso! 338. Studiarti a torre da le languid'alme Crebber l'ali ad Amor, crebbe l'ardire = poliptoto e personificazione di Amore 162 fidossi, e fiero alfine = allitterazione della f 163 duro acciar = metonimia 164 Citerea = epiteto di Venere, regina di Citera 165 ricever leggi (vv ) = epifora 166 alunno = latinismo 167 Fiedere = latinismo 168 strinsi un laccio = espressione metaforica che si ripete nel trattare il legame dell amore 169 impece a me i miei = allitterazione in m impece: il verbo potenzia metaforicamente il sostantivo unguenti 170 men men = iterazione 171 A me da le mie man = allitterazione in m 172 queste / Armi = enjambement 173 Oh il bel Oh il bel = iterazione 19

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16 Giacomo Leopardi dedica i versi della poesia A Silvia ad una ragazza in cui si può riconoscere Teresa Fattorini, vicina di casa dello scrittore e morta giovanissima di tubercolosi. Questo poema, che si

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto.

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto. LICEO LINGUISTICO G. GUACCI DI BENEVENTO Programmazione di Italiano II sez. B Prof.ssa Paola INTORCIA A.S. 2015/2016 Presentazione della classe La classe II sez.b del Liceo Linguistico è composta da 29

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Dante nella selva oscura

Dante nella selva oscura Dante nella selva oscura Da La Divina Commedia Inferno, Canto 1 I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) classi 4 A-4 E a.s. 2012/2013 Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, 3 ché

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica Programma svolto di Italiano Classe IV liceo scientifico sez. A Prof. Paglione Patrizio L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e di diffusione della cultura

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in. analisi i seguenti capitoli:

Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in. analisi i seguenti capitoli: Programma di Italiano prof. Panico Agnese Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in analisi i seguenti capitoli: LE VICENDE BORGHIGIANE (capitoli 1-8) LA

Dettagli

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T. I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.GATTANELLA Libro di testo: AA.VV. Liberamente G.B.Palumbo Editore - volumi

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

LICEO LINGUISTICO STATALE

LICEO LINGUISTICO STATALE LICEO STATALE SCIENTIFICO - LINGUISTICO - CLASSICO GALILEO GALILEI - LEGNANO PdQ - 7.06 Ediz.: 1 Rev.: 0 Data 02/09/05 Alleg.: D01 PROG. M2 PROCEDURA della QUALITA' Programma Didattico Annuale Anno Scolastico

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Undicesima apparizione: 29 maggio 1944

Undicesima apparizione: 29 maggio 1944 Undicesima apparizione: 29 maggio 1944 Come appare oggi il luogo delle apparizioni Anche quel lunedì, una marea di gente è presente sul luogo delle apparizioni: si stimano più di 300 mila persone. L imponente

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione L Infinito di Leopardi Innovazione nella tradizione Tradizione - Innovazione Giacomo Leopardi (1798-1837) Un illuminista romantico Un classicista moderno Un conservatore progressista Un provinciale europeo

Dettagli

Anche quest anno sarà Natale

Anche quest anno sarà Natale Anche quest anno sarà Natale I valori del messaggio cristiano, in un mondo abitato dall odio e dalla violenza, sono più che mai attuali e rispondono alle aspirazioni dell uomo di tutti i tempi. Per questo

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat NOVENA DI NATALE I testi liturgici che preparano alla Solennità del Natale del Signore sono densi di una ricchezza notevole. La tradizionale Novena di Natale sorge proprio per colmare la difficoltà dei

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti Parlando dei principali tratti del neostardard, abbiamo menzionato

Dettagli

Le Tre Ave Maria. shalom

Le Tre Ave Maria. shalom Le Tre shalom Curatore: don Giuseppe Brioschi SdB Editrice Shalom 27.11.2009 Beata Vergine Maria della Medaglia Miracolosa 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco d Assisi e Caterina da Siena, per

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO STATALE "Ettore Majorana" CALTAGIRONE PROGRAMMA DI ITALIANO Anno scolastico 2013/2014 CLASSE II SEZIONE C IL TESTO POETICO La differenza tra poesia e prosa. Cos è la poesia; il poeta.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca 21 giugno 2008 Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Belotti Via Ginnasio 2 6710 Biasca PRIMA LETTURA Cantico dei Cantici 2, 8 10.14.16a;

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli