Quaderni del volontariato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderni del volontariato"

Transcript

1

2 Quaderni del volontariato 3 Edizione 2010

3

4 Centro Culturale Città Nuova Forum dei Giovani Spoletini Una finestra sul futuro Associazione culturale FareCultura a cura di Simone Fagioli Burattinai di Parole V Edizione del Concorso di Poesia non competitivo

5 Cesvol Centro Servizi Volontariato della Provicia di Perugia Via Sandro Penna 104/106 Sant Andrea delle Fratte Perugia tel fax Sito Internet: Visita anche la nostra pagina su Info e contatti: Con il Patrocinio della Regione Umbria Edizione: Settembre 2010 Progetto grafico e videoimpaginazione: Chiara Gagliano Immagine di copertina di: Cristina Marchionni, in arte Esmeralda Tutti i diritti sono riservati Ogni riproduzione, anche parziale è vietata ISBN:

6 I QUADERNI DEL VOLONTARIATO, UN VIAGGIO ATTRAVERSO UN LIBRO NEL MONDO DEL SOCIALE Il CESVOL, centro servizi volontariato per la Provincia di Perugia, nell ambito delle proprie attività istituzionali, ha definito un piano specifico nell area della pubblicistica del volontariato. L obiettivo è quello di fornire proposte ed idee coerenti rispetto ai temi di interesse e di competenza del settore, di valorizzare il patrimonio di esperienze e di contenuti già esistenti nell ambito del volontariato organizzato ed inoltre di favorire e promuovere la circolazione e diffusione di argomenti e questioni che possono ritenersi coerenti rispetto a quelli presenti al centro della riflessione regionale o nazionale sulle tematiche sociali. La collana I quaderni del volontariato presenta una serie di produzioni pubblicistiche selezionate attraverso un invito periodico rivolto alle associazioni, al fine di realizzare con il tempo una vera e propria collana editoriale dedicata alle tematiche sociali, ma anche ai contenuti ed alle azioni portate avanti dall associazionismo provinciale. I Quaderni del volontariato, inoltre, rappresentano un utile supporto per chiunque volesse approfondire i temi inerenti il sociale per motivi di studio ed approfondimento.

7 Introduzione di Simone Fagioli I POETI DISINCANTATI NEL TEMPO DELLA POVERTÀ I poeti sono burattinai, che, attraverso un filo emozionale, guidano più o meno sapientemente le parole, simboli linguistici dell anima. Le parole simboleggiano, invece, dei burattini che rispondono perfettamente ad ogni comando del loro creatore: le parole sono pezzi di vita, frammenti di anima, schegge d esistenza che si separano dal poeta per prendere forma in una nuova vita. Nella poesia, un poeta ritrova se stesso: in quei burattini, opere d arte create dalla sua intelligenza e dall attività della sua anima, egli si riconosce e in essi rivive. Un poeta è un burattinaio di parole. In tale contesto, il poeta ha il compito intellettuale e sociale di permettere all essere, al mondo nella sua totalità, di disvelarsi: attraverso il linguaggio poetico, infatti, l essere si disvela all uomo che lo interroga. Solo nel linguaggio autentico della poesia, si possono trovare le vere risposte che riguardano la nostra esistenza. L uomo è il pastore dell essere, è colui che fa da guardia, che preserva la verità dell essere: «il linguaggio è la casa dell essere, abitando la quale l uomo esiste, appartenendo alla verità dell essere e custodendola» 1. L uomo abita nel linguaggio, casa dell essere: «i pensatori e i poeti sono i custodi di questa dimora. Il loro vegliare è il portare a compimento la manifestatività dell essere; essi, infatti, mediante il loro dire, la conducono al linguaggio e nel linguaggio la custodiscono» 2. È questo il senso e il perché dei poeti nel tempo della povertà e del post-moderno 3 : nella notte del mondo, dove tutto appare povero, farmmentato, precario, infondato e relativo, il linguaggio poetico, unico mezzo linguistico nel quale l essere si disvela, è l unica fonte di salvezza umana. In questo frastagliato e sincretico orizzonte esistenziale, chi è il poeta? Il poeta è il custode, è colui che si prende cura della dimora dell essere. 1 M. Heidegger, Lettera sull umanismo, a cura di F. Volpi, Adelphi edizioni, Milano 1995, p Ibid., p Cfr., M. Heidegger, Perché i poeti?, in Sentieri interrotti, Firenze, La Nuova Italia, 1968, pp

8 Introduzione di Simone Fagioli Egli è nel mondo come custode della casa dell essere, del luogo, della radura dove la verità non si nasconde. In forza di ciò, l uomo, nella veste di poeta, è il legislatore, il sacerdote, il re del mondo, è il pastore dell essere. «Poeti sono i mortali che [...] seguono le tracce degli dei fuggiti, restano su queste tracce e così rintracciano la direzione della svolta per i loro fratelli mortali. L Etere, nel quale soltanto gli Dei sono Dei, è la loro divinità. L elemento di questo Etere, in cui la divinità stessa è presente, è il Sacro. L elemento dell Etere per il ritorno degli Dei, il Sacro, è la traccia degli Dei fuggiti» 4. Pertanto, i poeti disincantati 5 hanno il difficile compito di interpretare il post-moderno, momento storico dell umanità simboleggiato dall espressione il tempo della povertà, attraverso i differenti linguaggi poetici di cui sono artefici. Solo per mezzo della poesia essi potranno salvare sia il mondo sia loro stessi, a patto che ci sarà ancora un mondo da salvare. Simone Fagioli 4 Ibid., p Per una definizione di poeta disincantato, cfr. S. Fagioli Emozioni da Saltimbanco, Cesvol-Futura, Perugia 2009, pp

9

10 Gionada Battisti Gionada Battisti Tu metti in pratica quello che a me piacerebbe pensare. Questa è una breve poesia di Gionada Battisti. L ho conosciuto così. È succinto nel suo modo di esprimersi, ma comunica con gli occhi. Dal mio pianeta poetico sono entrato nel suo mondo, fatto di pensieri veloci e pungenti. Crescendo si è accorto che la vita cambia ed oggi alle volte trova rifugio nella carta e nella penna che gli permettono di fantasticare. Non accontentarti dell orizzonte, cerca l infinito recita un aforismo di Jim Morrison. Jonny vive a S. Anatolia di Narco, nel cuore della Valnerina, in provincia di Perugia. Vive e lavora gestendo il bar di famiglia. Dio ci ha dato due orecchie, ma soltanto una bocca, proprio per ascoltare il doppio e parlare la metà, così recita un epitteto anonimo che riflette perfettamente il modo di essere e scrivere di Gionada. A cura di Paolo Parigi 9

11 Gionada Battisti Volevo odiarti e dimenticarti, ma più ci speravo e meno ci riuscivo volevo non vederti più, ma speravo di incontrarti, volevo non amarti, invano Oh! mia dolce ti cerco e non ti trovo poi compari all'improvviso, passi come un leggero vento di ebbrezza accarezzando il mio cuore. Non riesco a guardarti negli occhi sei la mia tentazione sei il mio DESIDERIO Il coraggio è solo un sentimento che puoi provare... un attimo dopo... aver avuto paura Non basterebbe strizzare una nuvola per raggiungere le lacrime che ho versato per te Passero solitario che canta all alba, goccia di rugiada che scivola giù da una piccola foglia; 10

12 Gionada Battisti raggio di sole riflesso nel mare, parlo di te, mio dolce e tenero Amore Sei passata nella mia vita come una stella cadente un attimo e te ne sei andata. Quando hai attraversato il mio cielo ho espresso un desiderio... che rimanessi con me. NON TUTTI I DESIDERI SI AVVERANO! Sono matto, si...lo so! ma matto sul serio la mia mente mi inganna cose stupide è difficile così e mi fa stare male Non saprei dipingere il tuo volto, la mia mano è incapace di dare seguito alla gioia degli occhi! 11

13

14 Giuseppe Carracchia Giuseppe Carracchia Di Giuseppe Carracchia sono state pubblicate due sillogi poetiche: - Pensieri Notturni, Edessae edizioni - Anime Vagabonde, il Filo edizioni Qualche suo scritto è stato raccolto in antologie. 13

15 Giuseppe Carracchia POESIE COL NASTRO ROSSO Se chiedi a me perché amore, ti rispondo non so e se so non capisco. Ma c è un fiore sulla mia scrivania, un fiore di carta, amore mio. L hai portato stamattina in abbonato col caffè. C'è un fiore di carta solo per me, tutto rosso, e gli abbiamo dato da bere a più non posso perchè il nostro amore è più grande del sapere e cresce. I La poesia più bella non l ho mai scritta. Me la porto dentro, al centro. II Ho trangugiato l odore del bucato steso, ho lanciato gli occhi in alto e ho visto due rondini ricamare con ago e filo nero tutto il cielo. Piccioli amanti come aquiloni arrotolarsi in spazi imprendibili disegnando nella berceuse dello sfiorare figure incomprensibili, perché l amore pure quello per la vita non sempre è spiegabile. 14

16 Giuseppe Carracchia III La batimetria cardiologica è un aritmia illogica logicamente instabile tanto quanto amabile. IV L uno più completo è, dell amore amuleto, il doppio. Essenza principale della stella polare senza la quale l umanità non sarebbe qua. V Amare è amare se è carne da toccare ferita da rimarginare e sangue da benedire amare è credere che ci sia qualcosa da cui fuggire e qualcosa a cui tornare. VI Poggiata la tua veste ho per terra, tutta dal colletto in giù di spilli l ho seminata - cosicché tu non ti rivesta mai più. 15

17 Elisabetta Comastri Elisabetta Comastri Elisabetta Comastri è nata a Perugia 46 anni fa e da molti anni vive a Spoleto. Laureata in Lettere e docente di Italiano e Latino al Liceo scientifico della sua città, è madre di 4 figli e appassionata di lettura, scrittura e cucina. Nel 2005 ha pubblicato il suo primo libro di poesie Il volo, Ed. Morlacchi, Perugia. Il volume è uscito nel Febbraio 2006 in edizione bilingue italiano e tedesco, ed è stato presentato con cerimonia ufficiale a Schwetzingen, città gemellata con Spoleto. Il volo ha ricevuto il diploma di merito come finalista al premio Città di Arona Dal 2005 all anno in corso ha partecipato a molti concorsi letterari di poesia e prosa, riportando numerosi successi con componimenti in versi, racconti o fiabe. Ha per la precisione conquistato 9 primi posti, varie altre volte il 2 o il 3 posto e numerose segnalazioni di merito a premi nazionali e internazionali, per un totale, a tutt oggi, di oltre 50 concorsi premiati. Fra i premi si segnala il primo posto al concorso Tabarrini-Castel Ritaldi il paese delle fiabe edizione 2009, con la Fiaba Sofia e l anello mancante. Vari suoi scritti sono stati antologizzati da case editrici come Pagine, Montedit, Pragmata, Progetto cultura, Albus edizioni, Ibiskos Ulivieri, Artescrittura e altre. Amante del teatro, ha fatto parte delle compagnie teatrali dialettali La maschera di Spoleto e Diecca fo di Campello sul Clitunno partecipando a commedie in lingua locale spoletina in vari ruoli. Organizza e partecipa a reading di poesia. Nell agosto 2009, per la rassegna di arte contemporanea tenutasi a Spoleto presso L Hotel Albornoz Palace Hotel ha allestito con la direzione del regista Carlo del Giudice lo spettacolo...non avevano cravatte con testi delle sue poesie e con la partecipazione dei musicisti Marco di Battista, Cristian Panetto, Daniela Panetta e C. J. Everett. 16

18 Elisabetta Comastri Nel 2009 è stata insignita del premio Talegalli dalla Associazione Amici di Eggi Spoleto, quale riconoscimento per la sua attività di scrittura e per il contributo alla vita culturale della sua città. 17

19 Elisabetta Comastri RITORNO A SCUOLA C è ancora l odore del sole nella memoria dei gelati settembrini ma già la vacanza della sveglia s invola in nuovo odore di carta negli zaini arrampicati su spalle abbronzate e su volti spalancati a salutare il nuovo inizio della scuola. Girano i cardini e piangono d aule lasciate troppo vuote di vera nostalgia per improbe parabole, traslati, sezioni auree per scisti, buchi neri o brecce a Porta Pia. Cigolano carrucole in pozzanghere d indifferenza e il nuovo professore conta le ore di concesso sognarsi narratore d onniscienza. Sarà ritorno a scuola di Pitagora a quadrar rette sulle ipotenuse per mondi astratti e studenti già distratti dalle radici quadre di schermi e stelle ottuse. E la professoressa paludata sgrana rosari e sguardi insofferenti sulla platea d indegni se li chiami studenti che arrabbiano d errori che ammorbano di noia che perdi se ci provi senza arrenderti alla voglia. Risuona fra i banchi il sogno d una lezione per scrivere una lettera ad un destinatario entro il limiti della seconda ora del quadro orario a un amico del futuro, come se il cuore fosse finzione su carta profumata, come l inchiostro di una volta che ci travesti i tuoi mali mentre ti storcono gli occhi addosso gli allievi nati all ingrosso coi pollici digitali. E se volano è di dita su schermi al quarzo luminescenti 18

20 Elisabetta Comastri ché se sprechi la carta poi gli alberi piangono come ci insegnano ad altre messe e ti ci salvi con un tvb incastrato nei limiti di un sms. Bestemmiano la nozione coppie di orecchie sorde senza motivazione e arrampicano piani di un offerta formativa strateghi malpagati in una scuola di stato dal respiro contato ma è lotta già persa a giocarla come il grido di un senza fiato se sempre e solo male se ne parla. Ma l inerzia sostiene anche i tagli di spesa ed è certo anche il ritorno della rosa che già declina i suoi casi al passo incerto e corto di un asmatica come a sudare i suoi improbabili destini nascosti nel mistero magistrale della grammatica. Forse sarà soggetto o causa efficiente d allergia ignara nel suo semplice ablativo di come un pegno solo probabile d amore minacci spine ipotetiche d abulia all ombra di un verbo al congiuntivo. E via così, fino al Maggio venturo che aspetta ondivaghe conclusioni attraversando i giorni e il parolare di un altro anno passato ad attendere ritorno a scuola come ritorno a sognare. E un altra rosa sboccerà sul suo gambo ma coi suoi sogni fragili di petali inciderà su corolle mai colte da nessuno l introvabile legge che svela solo al vento il caso che si flette al suo profumo. 19

21 Elisabetta Comastri I PERCHÉ DEL MIO SCRIVERE Perché scrivere. È il mio chiedere di sempre insoddisfatto. È forse il mio azzittare la bocca che non sprechi ondivaghe cianfrusaglie di voce confuse nel chiasso che si fa scuraglia. È il mio illudere i tramonti con misture inchiostrate dietro lo spiraglio della porta per lacrimare fessure di luce sul bordo generoso della carta. È il mio chiudermi negli occhi a ritrovare memorie di sorrisi fingendomi il dissolversi delle brume negli oggi novembrini. È il mio sognare di aver pianto mai per l alchemico potere di parole scoperte dentro crisalidi di dolore dischiuse ad ali aperte a volarmi colori nelle disillusioni a farsi farfalle che al male donano ragioni. È il mio parlare da viva alla morte senza ingannarla senza aspettarla prima che mai giungesse per il mio fragile mancare di promesse per questo tremito d anima se tento il mantenere. Dubbio che mi precipita negli occhi dei figli da capire. 20

22 Elisabetta Comastri Così mi scampo da un adesso da spiegare io, fatta di carta e di parole, sbavate a una vita di righi, senza decidere. Saranno dei miei figli, nei venti che vorranno. E a loro sveleranno i perché del mio scrivere. 21

23 Elisabetta Comastri A MIA FIGLIA, CASTELLI Ho costruito su di te un castello in aria. Di nuvole variava, il panorama mai fisso mai uguale draghi, streghe o angeli di sogni. Ancora allora eri dentro di me, io che di mura ti proteggevo, tu che nel mare primordiale di vita nuotavi verso me. Ho vinto la battaglia più dura di tutta la guerra insieme a te, fra risa ed urla mescolate insieme. La roccaforte dalle mura verdoline con il suo odore di sangue il suo sapore ferrigno fu da noi espugnata. Il parto: ed un eroico grido ci ha viste vincitrici entrambe insieme unite da un abbraccio nel dolore che si mutava già in ricordo. 22

24 Elisabetta Comastri Ho architettato insieme a te castelli di carte, carponi sferrando attacchi alle guglie, alle torri, ai bastioni cintati di merli insidiosi di equilibri instabili. Crollavano i manieri, al suono delle risa di te, di bimba, di giochi e di colori. Hai scolpito poi per me castelli di sabbia, con decori di conchiglia, con desideri di meraviglia. Bastava un onda a portarli via, bastava un mio sorriso e ti sentivi di nuovo la Principessa mia. Hai smesso coi castelli hai smesso con le fiabe hai preso a camminare nel traffico mondano delle strade, troppe streghe, poche fate. Dicono che sei grande, che io C ero una volta... ma io cerco la pietra per base a quel castello, il più bello, per te, per sempre principessa per sempre figlia mia. Per te, che un dì nel mare dentro mi nuotavi, per me, 23

25 Elisabetta Comastri che forse poche fiabe t ho narrato lavoro ad un castello che ti desidera regina signora onnipotente di una fiaba. Serenità, ha nome quel castello. Vita, la fiaba che ti narrerei. Contenta, felice col tuo principe è come ti vorrei. LA PAROLA ALLA COLPA E cosa avete ancora da guardare? Nelle mie gambe di torri è stanco il passo del senso. Ponte che fui, do la parola alla colpa caduto per esilio del consenso se nato per unire non ho più fianchi da ricamare nell eco che mi addita monumento di vergogna per la storia che ho tradita sbavandole la gloria che ci insegna. E cosa avete allora da parlare? Se la mia bocca spavalda si spalanca è per un urlo muto gridato a un cielo di sotto che troppo ha ingoiato di sogni di gloria caduti come promesse di un era che ha dismesso la memoria. E cosa avete allora da pensare? 24

26 Elisabetta Comastri È lunga la sequela di angeli caduti a vivere dannati che per una catarsi incommutabile ho addosso la colpa di aver sacrificati. Caduti come gli espulsi da un vostro millantato Paradiso che dicono abbisogni di una porta da chiudervici dentro protetti nella boria che vi ammorba. E cosa avete allora da salvare? Forse soltanto la falsa coscienza dai fantasmi di chi del vostro Eden decise di far senza privato anche dell ultimo dei sogni da sognare caduto nella colpa di non avervi estorto il senso che significa volare. E cosa avete ancora da gridare? Chiudetevi pure dentro all Eden trionfante dei vivi privi di torti liberi ormai del debito coi cristi e coi risorti. Io sarò allora il ponte degli angeli nel cielo di sotto precipitati nel suicidio che li ha salvati dopo che erano già morti. Rimango ma non da solo io sto cogli angeli perduti ponte di torri erette 25

27 Elisabetta Comastri a monumento dei caduti. E sgranerò rosari di luce riflessa sulle mie pietre dalle stelle mentre voi, a tatuarvi di farfalle per riciclare posticcio dolore sulla pelle, mai saprete il colore che grida la voce della colpa nel volo caduto di ogni angelo ribelle. FABULA DI MILLE DONNE in memoria di Alda Merini Fabula delle donne che spesso voce non hanno ma non più mute nei tuoi versi ove gridasti in sussurri il coraggio di stracciarsi le gonne di strapparsi le penne pretese lucide, sempre pronte, ma per voli che ci impongono e che tu chiamasti oltraggio. In te fu il dolore delle ore e l imparare ad amarlo, benedicendo l odio senza rifiutarlo tu, che sapesti come non ha colpa la rosa non fiorita in alcun maggio. Ora è nei ventri avidi del sempre quel tuo sapere di resistenza cinica alla forma costretta alle gabbie fin troppo scomode di una maschera maledetta. Volubile dicesti la vita che non ha anime uguali per nessuno accoccolasti il vento 26

28 Elisabetta Comastri nel nero di catrami, in volute di fumo di sigarette che bruciano come spesso i ti amo e che tu lucida svelasti incapaci di dono. Ma tu pagasti coi tuoi denari perché di spendere si nutre l investire malgrado i conti, salati, fatti di giorni come le guerre, con meno albe che tramonti. L esistere non tolse mai forza alla tua lotta armata di parole, dure di senza suono perché solo la voce è antidoto ai silenzi e non è in clinica che si cura o che risarciscono l abbandono. Si spegne come di rosso vespertino la tua brace catartica per una vita di falso amore con cui avesti di un premio solo orfica illusione che del male t illuse poter tenere il timone. Vola nel nulla solo per chi è sordo la poesia che espirasti in libere volute ma viva si libra nella fabula di mille donne altrimenti senza te dannate e mute. Hai sfidato la quiete di spesso comodi silenzi col grido zitto che chiamano follia ma la tua anima fattasi parola con l urto dell urlo risarciva il silenzio da far sana la fuga nella malattia. E fu salute, senza bisogno di guarire, la voce di quel male nella tua poesia così risorgi, fabula delle donne, Saffo dei navigli, e dietro al goffo volo amaro della morte è solo vita, in fondo, quella che va via. 27

29 Sandro Costanzi Sandro Costanzi Nato a Spoleto il 4 maggio 1981, ha frequentato dal 1995 al 2000 il Liceo Pontano Sansi (indirizzo socio-psico-pedagogico). Dal 2000 al 2005 ha studiato presso l Istituto Teologico di Assisi, ove nel 2007 si è laureato con la tesi Tertulliano: l anima e la sua realtà (De anima 22). In passato ha collaborato con vari enti ed associazioni culturali nell organizzazione di mostre d arte ed eventi musicali. Dal 2007 collabora con AnnaMaria Polidori nella gestione e animazione del Centro Culturale Poli d Arte. Attualmente insegna religione cattolica in vari istituti didattici del circondario spoletino. È uno dei soci fondatori dell associazione culturale FareCultura. 28

30 Sandro Costanzi IL FUOCO, LA TERRA, L ARIA E L ACQUA Fiamma, alito di genio Regalità e sacralità sono in te Incise, scolpite e illuminate, Mentre la luce scaglia su scaglia Ascende verso gli occhi tuoi E danza trepidante sulle tue ali. Ci inginocchiamo innanzi a te, O Drago, re e sacerdote del fuoco: Spirito, forza e genio creativo Fluttuano in lingue eclettiche, Mentre il buio spira nella luce. Vieni, o Drago, vieni e alita: Fanciullo innocente e ludico, Saggio e barbuto filosofo, Purificazione che nelle ceneri Doni una culla ai semi nascituri. Venerdì, 28 novembre 2008 TERRA, A TE APPARTENGO La pioggia libera e diffonde Le tue fragranze e la tua storia, Mentre feconda e fertile Ti penetra nelle profondità Più inconsce e recondite. Esplodono e s innalzano profumi Fermentati e celati pazientemente Quale incenso al mistero della vita: Accogliente e profonda come nebbia Inebriata e pregna della tua essenza. 29

31 Sandro Costanzi O terra, mentre ti odoro e ti plasmo In te adoro la vita che si svela fluente. E mi ritrovo essere parte della sua storia In te, ove le ere non trasmutano senza Lasciare un seme e una testimonianza Su cui innestare e realizzare un era altra. Mercoledì, 5 marzo 2008 SOLCHI DI FUTURO Solcano decisi e graffianti I cieli plastici e malleabili E vi imprimono carnosi Candide scie nell azzurro Immenso come l orizzonte: Informe e metafisico limite. Mercoledì 12 marzo 2008 L ECO DI EA Sinuosa e recondita l eco Di Ea nelle profondità scolpite Della terra e delle acque. Acque che goccia su goccia Rendono solido e sacrale L inconscio criptico e cristallino In silenti e cadenzate cattedrali. Acque che donano fiori e licheni Ai relitti, oscuri e profondi santuari Di micro organismi: silenti sacerdoti Di ciclici corsi della vita corrente. 30

32 Sandro Costanzi Acque che annunciano storie e pensieri Riflessi e modulati su onde fluenti e miti Di un inconscio che pacificato emerge Con tutte le sue evoluzioni e stratificazioni. Plastica e duttile ondeggia La saggezza augure e vivida Di Ea, che permane diffusa Profonda-mente in-forme. Tu... I nostri silenzi i campi distesi Verso gli orizzonti tutti interiori Dell anima timorosa a schiudersi. Tu che bussi agli occhi miei, I portali della mia anima, E chiedi loro il permesso Di entrare in casa, tu ospite Mio consolatore nel donarti. Tu che taci e mi scruti Tu che mi illumini gli occhi Tu che mi consoli l anima Tu che mi scaldi il cuore Tu che mi carezzi le mani: Io che mi ristoro sulle tue spalle. Noi che abbracciamo questo segreto... Sabato, 6 dicembre

33 Simone Fagioli Simone Fagioli Laureato in Etica delle Relazioni umane (Laurea Magistrale) presso l Università degli Studi di Perugia con la votazione di 110/110 con lode, con una tesi dal titolo La Retorica di Aristotele: verso una logica argomentativa, sotto la guida del Prof. A. Pieretti. Laureato in Filosofia presso l Università degli Studi di Perugia con la votazione di 110/110 con lode, con una tesi dal titolo La struttura dell argomentazione nella Retorica di Aristotele, sotto la guida del Prof. A. Pieretti. Socio Corrispondente dell Accademia Internazionale d Arte Moderna (A.I.A.M.). Presidente dell Associazione Culturale Fare Cultura. Ha svolto l attività di tutorato per l insegnamento di Epistemologia per l A.A. 2007/2008 presso l Università degli Studi di Perugia. Ha collaborato in qualità di addetto stampa al Convegno Nazionale La cura filosofica presso la Sala dei Notari del Comune di Perugia Università degli Studi di Perugia (Perugia 2008). Ha svolto uno Stage/Tirocinio svolto nell anno 2006 presso il Servizio Attività Culturali e dello Spettacolo presso la Regione Umbria. Collabora con alcuni portali on-line. È ideatore del progetto Poetry and Jazz Music, recital poetico-musicale di chiara fama nazionale. Ha ricevuto importanti premi letterari. Ricordiamo alcuni tra i numerosi riconoscimenti: 1 Classificato Premio Nazionale di Poesia Versi Distillati (Brescia 2009); 1 Classificato Sezione Poesia del Concorso Giugno in Arte 2009 (Perugia 2009); 1 Classificato II Edizione Premio Nazionale di Poesia Igino Giordani (Caltanissetta, 2001); 1 Classificato XXIII Edizione Premio Nazionale di Poesia Primavera Strianese (Striano, 2003); 1 Classificato VI Concorso Nazionale di Poesia Poesia in notes, sul tema L'uomo e il mare Casa Editrice Ennepilibri (Imperia, 2006); 2 Premio Tro- 32

34 Simone Fagioli feo Internazionale Medusa Aurea XXVIII Edizione poesia edita (Roma, 2005); 2 Premio XI Edizione Concorso Nazionale di Poesia Madre Claudia Russo Centro Ester poesia inedita (Napoli, 2005); 2 Classificato I Edizione Premio Letterario Internazionale Treditre Editori Città di Avezzano (Avezzano, 2004); 3 Classificato Concorso Nazionale di Poesia Massimo D Azeglio (Barletta, 2000); Finalista XI Edizione Premio Letterario Nazionale di Poesia e Giornalismo La fonte Città di Caserta (Caserta, 2003); Finalista con Menzione di Merito X Edizione del Premio Letterario Internazionale di Poesia Poseidonia Paestum (Paestum, 2004); Finalista con Menzione di Merito III Edizione del Premio Letterario Internazionale Trofeo Giacomo Leopardi (Recanati, 2005); Finalista Premio Letterario Nazionale di Poesia Valle dell Aniene (Cineto Romano, 2007). Ha recentemente curato una antologia di giovani poeti umbri (Emozioni da Saltimbanco, a cura di S. Fagioli, edito da Cesvol Perugia 2008). Nel 2003 ha pubblicato la raccolta di poesie, Un poeta: l ombra della sua città, Casa Editrice Alberti & C. Editori. Il volume ha vinto il II Premio Trofeo Internazionale Medusa Aurea XXVIII Edizione dell Accademia Internazionale d Arte Moderna (Roma, 2005). Sue poesie figurano in prestigiose antologie e volumi collettivi. Del suo lavoro si sono occupati vari critici, tra cui Maurizio Cucchi, Sergio Mazzetelli, Maurizio Terzetti, Roberto Rizzoli, Marcello Tucci, Carmen Moscariello, Anna Maria Cioffi, Elio Picardi, Giuseppe Martella. Tra gli altri, hanno parlato di lui: La Stampa, La Nazione, Il Messaggero, Il Corriere dell Umbria, Il Giornale dell Umbria, Il Centro Quotidiano dell Abruzzo, Abruzzo Oggi, Il Quotidiano, La Voce La Riviera, Poesia Mensile Internazionale di cultura poetica, Poeti e Poesia Rivista Internazionale. 33

35 Simone Fagioli FRAMMENTO NEL TEMPO Una montagna di libri adagiati sopra la mia scrivania liberi viaggiano nei miei pensieri, partono e tornano liberi e verosimili dentro pagine lette e rilette o da studiare, da ripetere lentamente a voce bassa ma che ora vorrei tanto urlare e... In questi momenti incessanti di panico, perso in lunghe giornate passate a studiare, nei pane e nutella che non potevo mangiare... Sono ancora io a giocare con le parole, a creare versi e strofe e a rimare, a scrivere canzoni e poesie, mie storie che non sono solamente mie, semplicemente mie, semplicemente. Siamo architetti tra il detto ed il non-detto, burattinai di parole, di linguaggi e di vite che cadono, si perdono e si rialzano in altre vite. 34

36 Simone Fagioli FUMO E POESIA Una mezza minerale ferma lì a guardare il tempo intorno a me; una terza Marlboro di compagnia che il suo fumo allontana e porta via. Gli alberi intorno, un rumore in sottofondo, il via vai frenetico di una città che guardo da un piccolo squarcio in lontananza, da un punto indefinito. Il fumo vola sempre alto, silenzioso ed ancora scomoda trasgressione della mia morale che alterno tra gioia ed abitudine. Il fumo denso che ripetutamente respiro senza veramente fumare ha reso chiaro, sciolto dubbi antichi: il vivere è ovunque lo stesso vivere. Socrate avrebbe pronunciato il vivere ha definizione universale ma un misero poeta scrive in versi solo il mondo che gli vive accanto. La città, al contempo avara e triste rimane in attesa, tra inappagamento, tensione, angosce e misere felicità. 35

37 Simone Fagioli ALTRE FOGLIE Ho visto la mia città di notte addormentata sotto una stella infuocata, sotto la luce dei lampioni, sotto il rumore del gira e passa dell acqua che trascina secche foglie via da me e sotto il peso dei miei passi, che infrangono mantelli di aghi di pino, è il silenzio, un silenzio che non c è. RITORNANDO VERSO CASA Ruvido asfalto vedo sui marciapiedi, angusta e strana sensazione di smarrimento: è solo polvere che scorre sotto i miei piedi. È disincanto del mondo, è meraviglia della natura, è sbigottimento di essere piccoli punti neri. É il privilegio di guardare il mondo dal più basso dei punti di vista. È il mondo dall unica prospettiva della terra, è l essere senza cielo che contempla il cielo, è l essere senza il fuoco dove il fuoco può bruciare, e l essere privo del mare quando il mare smette di riposare. Nella nostra totale indifferenza di costanti viaggianti senza viaggio, noi vediamo lì solamente marciapiedi, 36

38 Simone Fagioli solo strisce continue del mondo dove posare le nostre ombre nell eterno rischio, sola certezza di perdere la vita per un niente. È LA VITA È un autobus che va di fretta in ritardo lungo il traffico della città; è un treno che non ti aspetta fino a quando un altro treno non arriverà; è un taxi che chiami per ore e speri di vedere sotto la pioggia che bagnerà la vita. È una perduta occasione, la vita; è un vecchio amore, la vita; è gioia, è pianto ed ancora dolore, la vita. È un vivere senza intuizione, non è la vita; è un vivere con rassegnazione, non è la vita, è perdere ogni volta, non è la vita. È vivere per una ragione, la mia vita; vivere dentro una canzone, la mia vita; vivere in sogni senza realtà, la mia vita. 37

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Francesca Gallus. Poesie in volo

Francesca Gallus. Poesie in volo Il sole sorge ed è già poesia e il profumo della vita io lo sento, quando l amore ti entra nelle vene, e un sorriso allevia le tue pene, il profumo della vita, io, lo sento! Francesca Gallus Prendi un

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia

FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia Sauropoesie.com Sauro Pappi Tutti i diritti di questo mini ebook sono riservati a Sauro Pappi Ma sei libero di

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Al mare. Al mare. Al mare

Al mare. Al mare. Al mare domani al mare andrò e tanti bagni io farò Poi la crema spalmerò così la pelle non brucerò e se il sole brucia un po' sotto l'ombrellone io starò Ludovica Belmonte 3^C Oggi ho deciso di viaggiare e andare

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Calogero Parlapiano. respirami l anima

Calogero Parlapiano. respirami l anima Poesia Aracne 38 Calogero Parlapiano respirami l anima Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 isbn 978

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i Chiam a ai num eri 066550684 e 0665499074 o invia una m ail a even t i@locan dadeim

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli