Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche"

Transcript

1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso 2, 11 capoverso 2, 16 capoverso 2, 17 capoverso 2, 24 capoverso 3 e 33 dell ordinanza del 15 febbraio sugli strumenti di misurazione (ordinanza sugli strumenti di misurazione), 2 ordina: Sezione 1: Disposizioni generali Art. 1 Oggetto La presente ordinanza disciplina: a. i requisiti dei contatori d elettricità e dei trasformatori di misurazione elettrici; b. le procedure per l immissione di tali strumenti sul mercato; c. le procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione di tali strumenti. Art. 2 Campo d applicazione La presente ordinanza si applica: a. ai contatori di energia attiva che servono alla determinazione del consumo o dell erogazione di energia attiva nella rete di corrente alternata e sono impiegati nelle economie domestiche, nelle aziende commerciali e nell industria leggera; b. ai contatori di energia reattiva e ai contatori combinati che servono alla determinazione del consumo o dell erogazione di energia attiva e reattiva nella rete di corrente alternata; c. ai trasformatori di corrente e ai trasformatori di tensione con una tensione di servizio massima di 52 kv nonché ai trasformatori di corrente con un intensità di corrente massima di 5 ka, che nella rete di corrente alternata sono inseriti prima dei contatori d elettricità. RU RS Nuovo testo giusta il n. I 15 dell O del DFGP del 7 dic (nuove basi legali in materia di metrologia), in vigore dal 1 gen (RU ). 1

2 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Art. 3 Definizioni Ai sensi della presente ordinanza s intende per: a. contatore d elettricità: strumento per la misurazione continua dell energia elettrica consumata o erogata, mediante integrazione temporale della potenza elettrica, composto almeno di un convertitore di misurazione con moltiplicatore (elettromeccanico o elettronico) e di un dispositivo indicatore; b. contatore di energia attiva: contatore d elettricità che determina la frazione di energia attiva nella rete di corrente alternata; c. contatore di energia reattiva: contatore d elettricità che determina la frazione di energia reattiva nella rete di corrente alternata; d. contatore combinato: contatore d elettricità ibrido che determina le frazioni di energia attiva e reattiva nella rete di corrente alternata; e. trasformatore di misurazione: strumento di misurazione, inserito nella rete di corrente alternata, che riduce grandezze elevate di tensione e di corrente in misurandi che possono essere misurati direttamente dal contatore d elettricità; f. trasformatore di corrente: trasformatore di misurazione a rapporto di conversione fisso che trasforma l intensità della corrente in un misurando uniforme; g. trasformatore di tensione: trasformatore di misurazione a rapporto di conversione fisso che trasforma la tensione in un misurando uniforme. Sezione 2: Contatori di energia attiva Art. 4 Requisiti essenziali I contatori di energia attiva devono soddisfare i requisiti essenziali di cui all allegato 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 1 della presente ordinanza. Art. 5 Procedure per l immissione sul mercato La conformità dei contatori di energia attiva ai requisiti essenziali secondo l articolo 4 è valutata e attestata, a scelta del fabbricante, secondo una delle seguenti procedure che figurano nell allegato 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione: a. l esame del tipo (modulo B) seguito dalla dichiarazione di conformità al tipo basata sulla garanzia di qualità del processo di produzione (modulo D); b. l esame del tipo (modulo B) seguito dalla dichiarazione di conformità al tipo basata sulla verifica del prodotto (modulo F); c. la dichiarazione di conformità basata sulla garanzia di qualità totale e sull esame del progetto (modulo H1). 2

3 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Art. 6 Procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione 1 I contatori di energia attiva sottostanno alla verificazione successiva conformemente all allegato 7 numero 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, eseguita ogni dieci anni da un laboratorio di verificazione legittimato. Per i contatori con elemento di misurazione elettromeccanico, il termine per la verificazione successiva è di 15 anni. 2 I contatori che misurano direttamente l energia attiva (contatori non inseriti dopo un trasformatore di misurazione) possono essere sottoposti anche alla procedura di controllo statistico conformemente all allegato 7 numero 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 4 della presente ordinanza. Per i contatori sottoposti alla procedura di controllo statistico, la verificazione resta valida fino a quando i contatori appartenenti al campione rispettano i requisiti di cui all allegato 4 numero 8. Art. 7 Classi di accuratezza 1 Per la misurazione del consumo di energia attiva nelle economie domestiche possono essere impiegati contatori delle classi di accuratezza A, B o C. 2 Per la misurazione del consumo di energia attiva nelle aziende commerciali e nell industria leggera devono essere impiegati contatori delle classi di accuratezza B o C. Sezione 3: Contatori di energia reattiva e contatori combinati Art. 8 Requisiti essenziali I contatori di energia reattiva e i contatori combinati devono soddisfare i requisiti essenziali di cui all allegato 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 2 della presente ordinanza. Art. 9 Procedure per l immissione sul mercato Per i contatori di energia reattiva e i contatori combinati sono prescritte l ammissione ordinaria e la verificazione iniziale conformemente all allegato 5 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione. Art. 10 Procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione I contatori di energia reattiva e i contatori combinati sottostanno alla verificazione successiva conformemente all allegato 7 numero 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, eseguita ogni dieci anni da un laboratorio di verificazione legittimato. Per i contatori con elemento di misurazione elettromeccanico, il termine per la verificazione successiva è di 15 anni. 3

4 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Sezione 4: Trasformatori di misurazione Art. 11 Requisiti essenziali I trasformatori di misurazione devono soddisfare i requisiti essenziali di cui all allegato 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 3 della presente ordinanza. Art. 12 Procedure per l immissione sul mercato Per i trasformatori di misurazione sono prescritte l ammissione ordinaria e la verificazione iniziale conformemente all allegato 5 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione. Art. 13 Procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione 1 Per i trasformatori di misurazione induttivi e capacitivi, la durata di validità della verificazione è illimitata. Per altri tipi di trasformatori di misurazione, al momento dell ammissione, l Istituto federale di metrologia (METAS) 3 può, in casi particolari, stabilire un termine per la verificazione successiva. 2 Dopo ogni intervento su componenti attivi, è necessaria una verificazione successiva da parte di un laboratorio di verificazione legittimato. Sezione 5: Obblighi dell utilizzatore Art. 14 Installazione, messa in servizio e manutenzione degli apparecchi di misurazione Oltre alla responsabilità di cui all articolo 21 capoverso 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, l utilizzatore è responsabile: a. dell osservanza delle istruzioni del fabbricante relative all installazione e alla messa in servizio degli apparecchi di misurazione e della competenza professionale del personale incaricato dell installazione degli apparecchi; b. della manutenzione degli apparecchi di misurazione e della revisione periodica delle loro parti sottoposte a usura, a invecchiamento e a insudiciamento. Art. 15 Gruppi di misurazione 1 I gruppi di misurazione comprendenti contatori e trasformatori devono essere connessi in modo che l energia necessaria al funzionamento dell impianto di misurazione non sia misurata. 3 La designazione dell unità amministrativa è stata adattata in applicazione dell art. 16 cpv. 3 dell O del 17 nov sulle pubblicazioni ufficiali (RS ). Di detta mod. è tenuto conto in tutto il presente testo. 4

5 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Se non è possibile connettere apparecchi di misurazione conformemente al capoverso 1, il solo consumo proprio dell impianto di misurazione non deve produrre un indicazione di consumo. 3 Nei gruppi di misurazione, l errore suppletivo globale causato da cavi di connessione e dai carichi dei trasformatori non deve superare il 20 % dell errore massimo tollerato del contatore. Art. 16 Trasmissione dei valori misurati, lettura a distanza 1 Nell impiego di dispositivi di lettura a distanza con trasmissione dei valori misurati via modem e rete di trasmissione in una appropriata banca di dati, l utilizzatore deve controllare a intervalli periodici i contatori trasmittenti e i contatori riceventi. Come valore indicativo vale un intervallo di uno a cinque anni, a seconda dell energia trasmessa. Nel caso di lettura a distanza di contatori per le economie domestiche, il controllo può essere eseguito su un campione a caso di un contatore dello stesso tipo. 2 In caso di differenze nella trasmissione, fa stato l indicazione del contatore trasmittente. Art. 17 Registro di controllo 1 L utilizzatore tiene un registro di controllo degli apparecchi di misurazione utilizzati nel suo settore di distribuzione. 2 Da tale registro deve risultare, per ogni apparecchio di misurazione: a. quando e secondo quale procedura è stato immesso sul mercato; b. la procedura prescritta per il mantenimento della stabilità di misurazione; c. l ultima volta in cui è stata applicata la procedura per il mantenimento della stabilità di misurazione; d. il luogo d impiego dell apparecchio di misurazione. 3 I consumatori d energia interessati e gli organi incaricati dell esecuzione della presente ordinanza possono consultare in ogni momento tali registri. 4 Dopo la scadenza della validità della verificazione, i registri devono essere conservati per altri cinque anni civili. 5 In caso di contestazione, il METAS decide se il registro soddisfa i requisiti. Sezione 6: Errori massimi tollerati in caso di controlli Art. 18 In caso di contestazione ai sensi dell articolo 29 capoverso 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione o in occasione dei controlli ufficiali fuori della verificazione, gli errori massimi tollerati corrispondono: 5

6 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi a. per i contatori di energia attiva, a quelli riportati nell allegato 1 tabella 2 della presente ordinanza; b. per i contatori di energia reattiva e i contatori combinati, a quelli riportati nell allegato 2 numero 3 della presente ordinanza; c. per i trasformatori di misurazione, a quelli riportati nell allegato 3 numero 4 della presente ordinanza. Sezione 7: Disposizioni finali Art. 19 Diritto previgente: abrogazione L ordinanza del 4 agosto sugli apparecchi misuratori per l energia e la potenza elettriche è abrogata. Art. 20 Disposizioni transitorie 1 I contatori d elettricità che sono stati sottoposti alla verificazione prima dell entrata in vigore della presente ordinanza possono essere sottoposti alla verificazione successiva. In occasione della verificazione successiva i contatori devono rispettare gli errori massimi tollerati secondo le disposizioni previgenti. 2 I contatori d elettricità e i trasformatori di misurazione che sono stati ammessi secondo il diritto previgente possono ancora essere immessi sul mercato e sottoposti alla verificazione iniziale conformemente all allegato 5 numero 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione per dieci anni a decorrere dall entrata in vigore della presente ordinanza. Possono essere sottoposti alla verificazione successiva anche dopo che sono trascorsi i dieci anni, ma secondo le disposizioni della presente ordinanza. 3 I contatori d elettricità elettronici che sono stati sottoposti alla verificazione più di dieci anni prima dell entrata in vigore della presente ordinanza devono, entro altri cinque anni, essere sottoposti alla verificazione successiva secondo la nuova durata di validità di dieci anni. Art. 21 Entrata in vigore La presente ordinanza entra in vigore il 30 ottobre [RU , n. II lett. f] 6

7 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Allegato 1 (art. 4) Requisiti specifici dei contatori di energia attiva A Definizioni I I n = la corrente elettrica che passa attraverso il contatore; = la corrente di riferimento specificata per la quale il contatore funzionante come trasformatore è stato concepito; I st = il valore minimo dichiarato di I in corrispondenza del quale il contatore misura energia elettrica attiva a fattore di potenza FP = 1 (contatori polifase a carico equilibrato); I min = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati (contatori polifase a carico equilibrato); I tr = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti più bassi degli errori massimi tollerati corrispondenti all indice di classe di accuratezza del contatore; I max = il valore massimo di I in corrispondenza del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati; U = la tensione dell elettricità fornita al contatore; U n f f n = la tensione di riferimento; = la frequenza della tensione fornita al contatore; = la frequenza di riferimento; FP = il fattore di potenza; cosφ = il coseno dello sfasamento φ fra I e U. B Requisiti metrologici 1 Classi di accuratezza Il fabbricante deve specificare la classe di accuratezza del contatore. Le classi sono definite come segue: A B C 7

8 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 2 Condizioni di funzionamento nominali Il fabbricante deve specificare le seguenti condizioni di funzionamento nominali del contatore: in particolare i valori di f n, U n, I n, I st, I min, I tr e I max. applicabili al contatore. Per i valori di corrente specificati, il contatore deve soddisfare le condizioni della tabella 1. Tabella 1 Classe A Classe B Classe C Contatori collegati direttamente I st 0,05 I tr 0,04 I tr 0,04 I tr I min 0,5 I tr 0,5 I tr 0,3 I tr I max 50 I tr 50 I tr 50 I tr Contatori funzionanti come trasformatore I st 0,06 I tr 0,04 I tr 0,02 I tr I min 0,4 I tr 0,2 I tr* 0,2 I tr I n = 20 I tr = 20 I tr = 20 I tr I max 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n * Per i contatori elettromeccanici della classe B: I min 0,4 I tr. Deve inoltre specificare i rispettivi campi di tensione, di frequenza e di fattore di potenza nei quali il contatore soddisfa i requisiti relativi agli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2. Tali campi devono tener conto delle caratteristiche tipiche della corrente elettrica erogata dai servizi pubblici di distribuzione. I campi di tensione e di frequenza devono soddisfare almeno le seguenti condizioni: 0,9 U n U 1,1 U n; 0,98 f n f 1,02 f n. Il fattore di potenza si situa in un campo compreso fra cosφ = 0,5 induttivo e cosφ = 0,8 capacitivo. 3 Errori massimi tollerati 3.1 Gli effetti dei vari misurandi e delle grandezze d influenza (a, b, c, ) sono valutati separatamente, mentre tutti gli altri misurandi e grandezze d influenza sono mantenuti relativamente costanti ai loro valori di riferimento. Lo scarto di misurazione, che non deve superare gli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2, è calcolato come segue: scarto di misurazione = a b c... 8

9 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Allorché il contatore funziona a corrente di carico variabile gli errori in percentuale non devono superare i limiti indicati nella tabella 2. Errori massimi tollerati in percentuale alle condizioni di funzionamento nominali, con carico di corrente definito e con temperatura di funzionamento definita Tabella 2 Temperature di funzionamento +5 C +30 C 10 C +5 C o +30 C +40 C 25 C +10 C o +40 C +55 C 40 C 25 C o +55 C +70 C Classe del contatore A B C A B C A B C A B C Contatore monofase; contatore polifase con carichi equilibrati I min I < I tr 3, ,5 1,3 7 3,5 1, I tr I < I max 3,5 2 0,7 4,5 2, ,5 1, ,5 Contatore polifase con carico monofase I tr I < I max* 4 2, , ,7 9 4,5 2 * Eccezione: per i contatori polifase con carico monofase, il campo d intensità di corrente è limitato a 5 I tr I I max. Se un contatore è impiegato in diversi campi di temperatura, si applicano i rispettivi valori degli errori massimi tollerati. 4 Effetto tollerato dei disturbi 4.1 In generale Per i contatori di energia attiva si applica un ambiente elettromagnetico speciale: Il contatore deve soddisfare l ambiente elettromagnetico E2 e i requisiti complementari di cui ai numeri 4.2 e 4.3 seguenti. I disturbi di lunga durata, così come i disturbi passeggeri che potrebbero causare un degrado temporaneo o una perdita temporanea della capacità di funzionamento o di rendimento, non devono influenzare l accuratezza del contatore oltre i valori di variazione critici indicati nella tabella 3. Dopo il disturbo, il contatore deve ricuperare la capacità di funzionamento e di rendimento, e l accuratezza non deve essere influenzata oltre i valori di variazione critici. Se è prevedibile un alto rischio di fulmini oppure se l erogazione ha prevalentemente luogo mediante linee aeree, le caratteristiche metrologiche del contatore devono essere protette. 9

10 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 4.2 Effetto dei disturbi di lunga durata Valori di variazione critici per disturbi di lunga durata Tabella 3 Disturbo Valore di variazione critico in % per contatori della classe A B C Sequenza di fase invertita 1,5 1,5 0,3 Squilibrio di tensione (vale soltanto per contatori polifase) Componenti di armoniche nei circuiti elettrici* 1 0,8 0,5 Corrente continua e armoniche nel circuito 6 3 1,5 elettrico* Raffiche (burst) Campi magnetici, campo elettromagnetico ad alta frequenza, disturbi indotti da campi di radiofrequenze nelle linee e immunità da onde oscillanti * Per i contatori d elettricità elettromeccanici non sono definiti valori di variazione critici per contenuti armonici nei circuiti elettrici. 4.3 Effetto tollerato di fenomeni elettromagnetici passeggeri Durante e subito dopo un disturbo elettromagnetico, nessuna uscita (output) destinata a esaminare l accuratezza del contatore d elettricità deve produrre impulsi o segnali corrispondenti a un energia oltre il valore di variazione critico. Entro un lasso di tempo ragionevole dall apparizione del disturbo, il contatore deve: riprendere il funzionamento entro i limiti degli errori massimi tollerati; conservare l integrità di tutte le funzioni di misurazione; consentire di ricuperare tutti i dati di misurazione presenti immediatamente prima del disturbo; e non deve indicare un cambiamento dell energia misurata superiore al valore di variazione critico. Il valore di variazione critico, espresso in kwh, corrisponde a m U n I max 10-6 dove m è il numero degli elementi di misurazione del contatore, U n è espresso in Volt e I max in ampere Il valore di variazione critico per la sovracorrente è di 1,5 %. 10

11 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Idoneità 5.1 Al di sotto della tensione di funzionamento nominale, lo scarto positivo del contatore non deve superare il 10 %. 5.2 Il dispositivo indicatore dell energia totale deve avere un numero di cifre sufficiente a garantire che l indicazione non ritorni al valore iniziale prima che il contatore abbia funzionato per 4000 ore a pieno carico (I = I max, U = U n e FP = 1); non deve essere possibile azzerare l indicazione durante il funzionamento. 5.3 Dopo un interruzione di corrente nel circuito, le quantità di energia elettrica misurate devono rimanere leggibili per almeno quattro mesi. 5.4 Funzionamento senza carico Se vi è tensione senza che nel circuito, che è aperto, circoli corrente, il contatore non deve misurare energia a tensioni comprese fra 0,8 e 1,1 U n. 5.5 Avvio Il contatore deve iniziare e continuare la registrazione a U n, FP = 1 (contatore polifase con carichi equilibrati) e a una corrente pari a I st. 6 Unità di misura L energia elettrica misurata deve essere indicata in kwh o in MWh. 11

12 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Allegato 2 (art. 8) Requisiti specifici dei contatori di energia reattiva e dei contatori combinati A Definizioni I I b I n = la corrente elettrica che passa attraverso il contatore; = la corrente di riferimento per la quale il contatore collegato direttamente è stato concepito; = la corrente di riferimento per la quale il contatore con trasformatore di misurazione è stato concepito; I st = il valore minimo dichiarato di I in corrispondenza del quale il contatore misura energia elettrica attiva o reattiva a fattore di potenza FP = 1 (contatori polifase a carico equilibrato); I min = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati (contatori polifase a carico equilibrato); I tr = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti più bassi degli errori massimi tollerati corrispondenti all indice di classe di accuratezza del contatore; I max = il valore massimo di I in corrispondenza del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati; U = la tensione dell elettricità fornita al contatore; U n f f n = la tensione di riferimento; = la frequenza della tensione fornita al contatore; = la frequenza di riferimento; FP = il fattore di potenza; sinφ il seno dello sfasamento φ fra I e U; cosφ = il coseno dello sfasamento φ fra I e U. B Requisiti metrologici 1 Classi di accuratezza 1.1 Per la parte dei contatori combinati che misura l energia attiva sono definite le seguenti classi di accuratezza: 2 1 0,5 0,5S 0,2S 12

13 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Per la parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva e per i contatori di energia reattiva sono definite le seguenti classi di accuratezza: Il fabbricante deve indicare sulla targhetta del tipo dei contatori di energia reattiva la classe di accuratezza secondo il numero 1.2. Sulla targhetta del tipo dei contatori combinati deve indicare le rispettive classi di accuratezza secondo i numeri 1.1 e 1.2 per ogni campo di funzione. 2 Condizioni di funzionamento nominali Il fabbricante deve specificare le seguenti condizioni di funzionamento nominali del contatore: in particolare i valori di f n, U n, I b, I n, I st, I min, I tr e I max applicabili al contatore. Per i valori di corrente specificati, il contatore deve soddisfare le condizioni della tabella 1. Tabella 1 Classi S 0.2S Contatori collegati direttamente I st 0,01 I b 0,005 I b 0,004 I b I min 0,1 I b 0,1 I b 0,1 I b I tr 0,2 I b 0,2 I b 0,2 I b I max 4 I b 4 I b 4 I b Contatori funzionanti come trasformatore I st 0,005 I n 0,003 I n 0,002 I n 0,001 I n 0,001 I n I min 0,05 I n 0,05 I n 0,05 I n 0,02 I n 0,02 I n I tr 0,1 I n 0,1 I n 0,1 I n 0,1 I n 0,1 I n I max 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n Deve inoltre specificare i rispettivi campi di tensione, di frequenza e di fattore di potenza nei quali il contatore soddisfa i requisiti relativi agli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2. I campi di tensione e di frequenza devono soddisfare almeno le seguenti condizioni: 0,9 U n U 1,1 U n; 0,98 f n f 1,02 f n. Il fattore di potenza si situa in un campo compreso fra cosφ = 0,5 induttivo e cosφ = 0,8 capacitivo (energia attiva), rispettivamente fra sinφ = 1 e sinφ = 0,5 induttivo (energia reattiva). 13

14 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 3 Errori massimi tollerati 3.1 Gli effetti dei vari misurandi e delle grandezze d influenza (a, b, c, ) sono valutati separatamente, mentre tutti gli altri misurandi e grandezze d influenza sono mantenuti relativamente costanti ai loro valori di riferimento. Lo scarto di misurazione, che non deve superare gli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2, è calcolato come segue: scarto di misurazione = a b c Allorché il contatore funziona a corrente di carico variabile gli errori in percentuale non devono superare i limiti indicati nella tabella 2. Errori massimi tollerati in percentuale alle condizioni di funzionamento nominali, con carico di corrente I definito e con temperatura di funzionamento T definita Tabella 2 Temperatura di funzionamento +5 C T < +30 C 10 C T < +5 C o +30 C T < +45 C Classi ,5S 0,2S ,5S 0,2S Contatore monofase; contatore polifase con carichi equilibrati I min I I tr 6 3,5 2 1,2 0, ,8 I tr I I max 5 3,5 2 0,8 0,4 9,5 5,5 3 1,8 0,7 Contatore polifase con carico monofase I tr I I max 6 4 2,5 1,2 0, ,5 2 0,8 Se un contatore è impiegato in diversi campi di temperatura, si applicano i rispettivi valori degli errori massimi tollerati. 4 Effetto tollerato dei disturbi 4.1 Il contatore deve soddisfare l ambiente elettromagnetico E2 e i requisiti complementari secondo i documenti normativi di cui al numero L effetto tollerato dei disturbi sui contatori di energia reattiva e sulla parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva, contatori appartenenti alla classe 1, è retto dalle norme applicabili alla parte dei contatori combinati della classe 1 che misura l energia attiva. 5 Unità di misura L energia elettrica misurata deve essere indicata in kwh o in MWh. Nei contatori di energia reattiva e nella parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva tale energia va indicata in kvarh o in MVarh. 14

15 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Documenti normativi 6.1 Le prescrizioni sulla costruzione e sulle caratteristiche metrologiche dei contatori di energia reattiva e dei contatori combinati sono considerate a- dempite, se i contatori soddisfano i requisiti delle seguenti norme internazionali e documenti normativi: 6.2 Parte dei contatori combinati che misura l energia attiva IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) General requirements, tests and test conditions. Part 11: Metering equipment; IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 11: Electromechanical meters for active energy (classes 0,5, 1, 2); IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 21: Static meters for active energy (classes 1 and 2); IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 22: Static meters for active energy (classes 0,2 S and 0,5 S). 6.3 Contatori di energia reattiva e parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 23: Static meters for reactive energy (classes 2 and 3). 15

16 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Allegato 3 (art. 11) Requisiti specifici dei trasformatori di misurazione A Definizioni Corrente nominale I n: valore della corrente (primaria e secondaria), che caratterizza il trasformatore di corrente e sul quale esso è impostato. Tensione nominale U n: valore della tensione (primaria e secondaria), che caratterizza il trasformatore di tensione e sul quale esso è impostato. Potenza nominale P n: valore della potenza secondaria, che caratterizza il trasformatore e sul quale esso è impostato. Frequenza nominale f n: valore della frequenza sul quale il trasformatore è impostato. B Requisiti metrologici 1 Classi di accuratezza 1.1 Per i trasformatori di corrente sono definite le seguenti classi di accuratezza: 0,5 0,5S 0,2 0,2S 0,1 1.2 Per i trasformatori di tensione sono definite le seguenti classi di accuratezza: 0,5 0,2 0,1 1.3 Il fabbricante deve indicare la classe di accuratezza corrispondente. Se nel trasformatore vi sono più avvolgimenti di misurazione soggetti all obbligo di verificazione, per ogni avvolgimento di misurazione vanno indicate la corrispondente classe di accuratezza e l esatta attribuzione agli avvolgimenti. 2 Grandezze d uscita standardizzate 2.1 Nella misura del possibile, si dovrebbero utilizzare come grandezze d uscita soltanto le grandezze nominali standardizzate nei documenti normativi di cui al numero 6. In particolare: 2.2 Per i trasformatori di corrente, le grandezze nominali standardizzate sono: corrente nominale I n: 1 A 5 A frequenza nominale f n: 50 Hz 2.3 Per i trasformatori di tensione, le grandezze nominali standardizzate sono: tensione nominale U n: 100/ 3 V 100 V 110/ 3 V 110 V 200 V frequenza nominale f n: 50 Hz 16

17 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Condizioni di funzionamento nominali Il fabbricante deve specificare le condizioni di funzionamento nominali alle quali i trasformatori di corrente e i trasformatori di tensione rispettano gli errori massimi tollerati secondo il numero 4. In particolare valgono le condizioni di funzionamento nominali che figurano nei pertinenti documenti normativi di cui al numero 6. 4 Errori massimi tollerati I trasformatori di misurazione devono rispettare, conformemente al loro tipo e alla loro classe di accuratezza, gli errori massimi tollerati secondo i documenti normativi di cui al numero 6. 5 Designazione e unità di misura 5.1 Sulla targhetta del tipo devono essere apposte in modo indelebile tutte le indicazioni necessarie all identificazione e alla caratterizzazione del trasformatore. In particolare vi devono figurare le grandezze di riferimento primarie e secondarie (I n, U n), la potenza di riferimento (P n), la frequenza di riferimento (f n) e la classe di accuratezza. 5.2 Le grandezze di riferimento vanno indicate in unità SI. 5.3 I morsetti del trasformatore vanno designati in maniera duratura e inconfondibile. 6 Documenti normativi Le prescrizioni sulla costruzione e sulle caratteristiche metrologiche dei trasformatori di corrente e dei trasformatori di tensione sono considerate a- dempite, se i trasformatori soddisfano i requisiti delle seguenti norme internazionali IEC: Trasformatori induttivi di corrente IEC :1996 +A1: A2:2002 (E/F) Instrument transformers. Part 1: Current transformers Trasformatori induttivi di tensione IEC :1997 +A1: A2:2002 (E/F) Instrument transformers. Part 2: Inductive voltage transformers Trasformatori capacitivi di tensione IEC :2004 (E/F) Instrument transformers. Part 5: Capacitive voltage transformers 17

18 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Procedura di controllo statistico per i contatori che misurano direttamente l energia attiva 18 Allegato 4 (art. 6 cpv. 2) 1 Partecipanti La procedura di controllo statistico conformemente all allegato 7 numero 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, che è oggetto del presente allegato, è aperta su richiesta a tutti i laboratori di verificazione. 2 Contatori ammessi 2.1 Sono ammessi al controllo statistico tutti i contatori che misurano direttamente l energia attiva, appartenenti alla classe A o alla classe 2, muniti a scelta o di un contatore semplice o doppio, o di un modulo elettronico di tariffazione multipla, oppure di una combinazione di tali dispositivi indicatori. 3 Lotti di contatori 3.1 Un lotto è composto di un numero di contatori d elettricità raggruppati per il controllo statistico. L insieme dei contatori di un lotto scelti a caso per il controllo è detto campione. 3.2 Un lotto può comprendere soltanto contatori dello stesso tipo e appartenenti al massimo a due anni di fabbricazione consecutivi. Nei contatori con dispositivo di misurazione elettromeccanico, le correnti di base possono essere differenti, ma non il fattore di sovraccarico. Nei contatori elettronici il rapporto fra I tr (il valore della corrente, oltre il quale lo scarto si situa entro i valori minimi degli errori massimi tollerati) e I max (il valore massimo della corrente, per il quale lo scarto si situa entro i valori degli errori massimi tollerati) deve essere uguale all interno di un lotto. 3.3 All interno del medesimo lotto non sono autorizzate combinazioni differenti di contatori e di moduli di tariffazione. In un lotto sono consentite unicamente lievi differenze di modello a condizione che non compromettano le proprietà metrologiche del campione. 3.4 Un lotto può comprendere 5000 contatori al massimo, ma ne deve comprendere almeno 500. In un lotto sono consentiti contatori appartenenti a due anni di fabbricazione soltanto se quelli di uno dei due anni di fabbricazione sono meno di Un lotto può comprendere contatori appartenenti a diversi proprietari (ditte erogatrici d elettricità). Tutti gli utilizzatori proprietari di contatori del lotto sono vincolati dal risultato del controllo e dagli eventuali provvedimenti. 4 Frequenza dei controlli statistici I controlli statistici sono eseguiti ogni cinque anni. Il primo controllo ha luogo nel quinto anno successivo a quello di fabbricazione.

19 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Procedura di campionatura 5.1 Nel secondo semestre dell anno d iscrizione, il laboratorio di verificazione procede al sorteggio dei campioni, sulla base delle liste di lotto sottoposte al METAS. Va applicata la procedura approvata dal METAS. 5.2 Prima di togliere dalla rete i contatori sorteggiati, le liste di tali contatori vanno comunicate per scritto al METAS. 5.3 La procedura di campionatura si svolge secondo un apposito piano «adempito non adempito» su due campioni comprendenti ciascuno 40 contatori d elettricità. 5.4 Il METAS può ordinare o autorizzare altre procedure purché, sotto il profilo statistico, siano almeno equivalenti. 6 Requisiti dei campioni 6.1 Dapprima sono controllati i 40 contatori del primo campione. I requisiti sono adempiti se un contatore al massimo non rispetta gli errori massimi tollerati di cui al numero Se più di quattro contatori del primo campione non rispettano gli errori massimi tollerati di cui al numero 8.3, tutti i contatori del lotto devono essere ritirati dalla circolazione conformemente al numero Se più di un contatore, ma quattro al massimo, del primo campione non adempiono i requisiti, anche il secondo campione di 40 contatori deve essere controllato. 6.4 I requisiti sono adempiti se, sui due campioni insieme, quattro contatori al massimo non rispettano gli errori massimi tollerati di cui al numero 8.3. In caso contrario, tutti i contatori del lotto in questione devono essere ritirati dalla circolazione conformemente al numero Il METAS può ordinare controlli supplementari e chiarimenti, se nella valutazione dei risultati si constatano scarti nel funzionamento normale dei contatori (p. es. in caso di sospetto di un difetto di fabbricazione). 7 Esecuzione del controllo statistico 7.1 Il controllo dei contatori del campione i contatori devono essere muniti dei piombi prescritti avviene presso un laboratorio di verificazione legittimato dal METAS. 7.2 I contatori palesemente danneggiati non vanno controllati; devono tuttavia essere annunciati, indicando il tipo di danno. Al loro posto vanno controllati e inseriti nella statistica contatori di riserva. 7.3 I laboratori di verificazione trasmettono al METAS i risultati subito dopo il controllo dei campioni, ma al più tardi entro la fine del mese di ottobre dell anno del controllo. I risultati vanno arrotondati a una cifra dopo la virgola. 19

20 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 7.4 Il METAS decide, entro due mesi dal ricevimento dei protocolli di controllo, dell ulteriore procedura. Prima della liberazione scritta del lotto per altri cinque anni o fino alla disposizione di altri provvedimenti da parte del METAS, è vietato eseguire interventi sui contatori del lotto. Durante tale periodo, i contatori restano a disposizione del METAS che può ordinare ulteriori chiarimenti nel laboratorio di verificazione o eseguirli nei propri laboratori. 7.5 Dopo la liberazione del lotto, i contatori difettosi e quelli che non soddisfano i requisiti possono essere sottoposti a revisione e presentati per una nuova verificazione. Tali contatori rimangono nel lotto. 7.6 Altre revisioni e nuove verificazioni di contatori appartenenti a lotti che continuano a sussistere sono consentite soltanto secondo un programma approvato dal METAS. 8 Requisiti dei contatori del campione 8.1 Un contatore adempie i requisiti se, in condizioni di laboratorio, rispetta gli errori massimi tollerati di cui alla tabella seguente. 8.2 Le misurazioni sono eseguite con misurandi equilibrati e con un fattore di potenza cosφ = Errori massimi tollerati nella sorveglianza statistica Tabella Tensione Contatori elettromeccanici o elettronici della classe 2 Contatori elettronici della classe A Corrente Errore (%) Corrente Errore (%) 100 % (U n) 10 % (I b) 5,25 50 % (I tr) 2,5 100 % (U n) 50 % (I b) 2,5 100 % (I tr) 2,5 100 % (U n) 50 % (I max) 2,5 50 % (I max) 2,5 9 Validità della verificazione 9.1 Se il campione soddisfa i requisiti di cui ai numeri , i contatori appartenenti al lotto in questione sono considerati verificati per altri cinque anni. 9.2 Se il campione non soddisfa detti requisiti, tutti i contatori appartenenti al lotto in questione devono essere ritirati dalla circolazione prima della fine dell anno susseguente al controllo. 9.3 Per la nuova immissione di tali contatori sul mercato sono necessarie una revisione nonché una verificazione successiva giusta l allegato 7 numero 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione. 20

per la verificazione di strumenti di misurazione dell energia e della potenza

per la verificazione di strumenti di misurazione dell energia e della potenza Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di metrologia METAS Direttive per la verificazione di strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche del 1 settembre

Dettagli

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito Allegati Specifici - Allegato MI-003 CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA ATTIVA Ai contatori energia elettrica attiva destinati ad uso residenziale, commerciale, e industriale leggero si applicano i requisiti

Dettagli

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali (Ordinanza sulle dichiarazioni) dell 8 giugno 1998 (Stato 1 luglio 1998) Il Consiglio federale

Dettagli

Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti

Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI) 814.710 del 23 dicembre 1999 (Stato 1 luglio 2012) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 12 capoverso 2, 13 capoverso 1, 16

Dettagli

(Direttive sugli strumenti di misurazione della velocità)

(Direttive sugli strumenti di misurazione della velocità) Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di metrologia METS Direttive concernenti l ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione per i controlli della velocità e la sorveglianza

Dettagli

CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME

CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME Allegati Specifici - Allegato MI-002 CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME Ai contatori del gas e ai dispositivi di conversione del volume descritti qui di seguito, destinati ad essere

Dettagli

Legge 18 ottobre 1977, n. 791.

Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità europee (n 73/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2009) Il Consiglio

Dettagli

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility)

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Compatibilità Elettromagnetica sta ad indicare l idoneità di un apparecchio o di un sistema a funzionare nel proprio campo

Dettagli

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote (in virtù dell art. 9 cpv. 2 e 3 OCCS 1, d intesa con l Ufficio federale

Dettagli

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam)

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Rapporto esplicativo 28 marzo 2013 Indice 1 Situazione iniziale... 3 2 Obiettivo ed elementi

Dettagli

232.111. Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 23 dicembre 1992 (Stato 16 marzo 2009)

232.111. Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Capitolo 1: Disposizioni generali. del 23 dicembre 1992 (Stato 16 marzo 2009) Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) 232.111 del 23 dicembre 1992 (Stato 16 marzo 2009) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 38 capoversi 2 e 3, 39 capoverso 5, 51 e 73 della legge

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio

Dettagli

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE)

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE) Eidgenössisches Starkstrominspektorat Inspection fédérale des installations à courant fort Ispettorato federale degli impianti a corrente forte Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti

Dettagli

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013)

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla sicurezza degli ascensori (Ordinanza sugli ascensori) 819.13 del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 capoverso 1 della legge federale

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1136 22-11-2014 Data Pubblicazione 2014-10 Classificazione 0-21; V Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi

Dettagli

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE 2

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE 2 Ed. 5.0 - F1/8 SEZIONE F GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE 2 F.1 GENERALITA 2 F.2 REQUISITI GENERALI DELL IMPIANTO 2 F.3

Dettagli

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-72 e DUCA47-72-SP MANUALE UTENTE Introduzione Lo strumento DUCA47-72 è un multimetro digitale per il montaggio a pannello che consente la misura delle principali grandezze

Dettagli

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg 31976L0211 Direttiva 76/211/CEE del Consiglio, del 20 gennaio 1976, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative al precondizionamento in massa o in volume di alcuni prodotti in

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 96/357 DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

811.112.32 Ordinanza del DFI

811.112.32 Ordinanza del DFI Ordinanza del DFI concernente la sperimentazione di un modulo speciale d insegnamento e d esame per il terzo e il quarto anno di studio presso il Centro di odontoiatria, stomatologia e ortodonzia della

Dettagli

Ordinanza che disciplina l esercizio della professione di maestro conducente

Ordinanza che disciplina l esercizio della professione di maestro conducente Ordinanza che disciplina l esercizio della professione di maestro conducente (Ordinanza sui maestri conducenti, OMaeC) 741.522 del 28 settembre 2007 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003)

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003) Ordinanza dell Autorità di controllo per la lotta contro il riciclaggio di denaro relativa agli obblighi degli intermediari finanziari che le sono direttamente sottoposti (Ordinanza AdC sul riciclaggio

Dettagli

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione FONTI NORMATIVE: Legge N. 791/77 Direttiva del consiglio delle Comunità Europee N. 73/23/CEE (abrogata dalla Direttiva n. 2006/95/CEE) Prodotti inclusi:

Dettagli

Analizzatore di rete

Analizzatore di rete Analizzatore di rete Analizzatori di Rete 8 grandezze, IR laterale predisposto per la comunicazione Connessione diretta 80 A Connessione a mezzo TA.../5 A fino 10.000 A Applicazione Analizzatore multifunzione

Dettagli

Legge federale sull assicurazione per l invalidità (LAI) (6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure)

Legge federale sull assicurazione per l invalidità (LAI) (6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure) Decisioni del Consiglio degli Stati del 19.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale dell 11.10.2012 (minoranza: rinvio al Consiglio federale) Legge federale sull assicurazione per l invalidità

Dettagli

Ordinanza del PF di Zurigo sull ammissione agli studi del PF di Zurigo

Ordinanza del PF di Zurigo sull ammissione agli studi del PF di Zurigo Ordinanza del PF di Zurigo sull ammissione agli studi del PF di Zurigo (Ordinanza sull ammissione al PF di Zurigo) 414.131.52 del 30 novembre 2010 (Stato 1 gennaio 2011) La direzione del PF di Zurigo (direzione),

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico Ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Modifica del 23 giugno 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 dicembre 1985 1 contro l inquinamento atmosferico è modificata

Dettagli

Ordinanza sulla disinfezione e la disinfestazione

Ordinanza sulla disinfezione e la disinfestazione Ordinanza sulla disinfezione e la disinfestazione 818.138.2 del 4 novembre 1981 (Stato 30 aprile 2002) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 e 38 capoverso 1 della legge del 18 dicembre

Dettagli

Ordinanza del DDPS sull equipaggiamento personale dei militari

Ordinanza del DDPS sull equipaggiamento personale dei militari Ordinanza del DDPS sull equipaggiamento personale dei militari (OEPM-DDPS) 514.101 del 9 dicembre 2003 (Stato 1 gennaio 2010) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e

Dettagli

916.351.0 Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera

916.351.0 Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera (Ordinanza sulla qualità del latte, OQL) del 7 dicembre 1998 (Stato 15 maggio 2001) Il Consiglio federale

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione.

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione. Pagina1 I dispositivi progettati e costruiti dalla società Sun Power Energy D&R Institute Co. Ltd. sono in grado di aumentare il rendimento della distribuzione di energia in un impianto elettrico. Risparmia

Dettagli

Legge sull approvvigionamento elettrico

Legge sull approvvigionamento elettrico Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) 734.7 del 23 marzo 2007 (Stato 1 gennaio 2009) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 89, 91 capoverso 1, 96 e 97 capoverso

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA COMUNE DI MESOCCO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Regolamento AEC approvato da AC 21.11.2011 Pag. 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Scheda Tecnica REV 1.0

Scheda Tecnica REV 1.0 Scheda Tecnica REV 1.0 SENTRY Energy Profiler: IL SISTEMA UNIVERSALE PER IL MONITORAGGIO ENERGETICO SENTRY Energy Profiler è il primo sistema universale e modulare per il monitoraggio energetico. Si basa

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO COMPONENTI MONTRAC. Alimentazione elettrica

ISTRUZIONI PER L USO COMPONENTI MONTRAC. Alimentazione elettrica ISTRUZIONI PER L USO COMPONENTI MONTRAC Alimentazione elettrica BA-100066 italiano, edizione 03/2007 Indice 1. Informazioni importanti 3 1.1. Introduzione 3 1.2. Dichiarazione di conformità CE (secondo

Dettagli

811.112.243 Ordinanza del DFI

811.112.243 Ordinanza del DFI Ordinanza del DFI concernente la sperimentazione di un modulo speciale d insegnamento e d esame per i primi quattro anni di studio presso la facoltà di medicina dell Università di Zurigo del 17 ottobre

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza relativa alle macchine, OMacch) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 e 16 capoverso 2 della legge federale del 19 marzo

Dettagli

LABORATORIO PROVE. Descrizione del Servizio

LABORATORIO PROVE. Descrizione del Servizio LABORATORIO PROVE Descrizione del Servizio 1. PREMESSA... 3 2. LE DIRETTIVE COMUNITARIE... 4 3. IL LABORATORIO PROVE... 5 3.1. PROVE DI COMPATIBILITÀ E SUSCETTIBILITÀ ELETTROMAGNETICA... 5 3.2. PROVE DI

Dettagli

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente (Ordinanza sull agricoltura biologica) Modifica del 29 ottobre 2014 Il Consiglio federale

Dettagli

Direttive tecniche e amministrative per i fornitori di servizi di telecomunicazione

Direttive tecniche e amministrative per i fornitori di servizi di telecomunicazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Centro servizi informatici CSI-DFGP Servizio Sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (SCPT) Call Center Information

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza sulle macchine, OMacch) 819.14 del 2 aprile 2008 (Stato 15 dicembre 2011) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 della legge federale

Dettagli

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento degli emolumenti IUFFP) del 17 febbraio 2011 (Stato 1

Dettagli

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori in collaborazione con ANIMA/UCoMESA-AISEM Milano 22 Marzo 2012

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori in collaborazione con ANIMA/UCoMESA-AISEM Milano 22 Marzo 2012 Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori in collaborazione con ANIMA/UCoMESA-AISEM Milano 22 Marzo 2012 Sede ANIMA via Scarsellini 13 - Milano Classificazione degli

Dettagli

Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio

Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio ml cm kg cl m 5.90 CHF g cl Indice Sommario Pagina 2 Obiettivi 3 Termini / abbreviazioni 4 Obbligo d indicazione della quantità

Dettagli

Ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni

Ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni Ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni (OARE) 1 946.101 del 25 ottobre 2006 (Stato 1 maggio 2009) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 11 capoverso

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO INDICE Il sistema di monitoraggio energia da Fotovoltaico La ditta RASOTTO si propone al mercato con un nuovo prodotto per il monitoraggio dell energia prodotta da un

Dettagli

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo (Ordinanza di ammissione al PFZ) del 24 marzo 1998 (Stato 12 settembre 2000) La Direzione del Politecnico federale di Zurigo, visti

Dettagli

Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili

Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili del 16 dicembre 2011 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 11d capoversi 2 e 3, 11e capoversi 1 e 2, 11f capoversi 2 e 4,

Dettagli

642.113 Ordinanza concernente l apertura dell inventario della successione ai fini dell imposta federale diretta

642.113 Ordinanza concernente l apertura dell inventario della successione ai fini dell imposta federale diretta Ordinanza concernente l apertura dell inventario della successione ai fini dell imposta federale diretta (Oinv) 1 del 16 novembre 1994 (Stato 1 luglio 1995) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo

Dettagli

Problemi di disconnessione dell inverter dalla rete elettrica: cause e soluzioni

Problemi di disconnessione dell inverter dalla rete elettrica: cause e soluzioni Problemi di disconnessione dell inverter dalla rete elettrica: cause e soluzioni Indice 1 Introduzione...1 2 Considerazioni sull anomalia Tensione di rete alta...1 3 Origine del fenomeno...2 3.1 Problema

Dettagli

811.112.31 Ordinanza del DFI concernente la sperimentazione di un modulo speciale d insegnamento e d esame per la medicina dentaria

811.112.31 Ordinanza del DFI concernente la sperimentazione di un modulo speciale d insegnamento e d esame per la medicina dentaria Ordinanza del DFI concernente la sperimentazione di un modulo speciale d insegnamento e d esame per la medicina dentaria del 30 agosto 2007 (Stato 1 settembre 2007) Il Dipartimento federale dell interno,

Dettagli

Ordinanza sull esecuzione di procedure di sicurezza relative alle aziende nel quadro dei programmi europei di navigazione satellitare Galileo ed EGNOS

Ordinanza sull esecuzione di procedure di sicurezza relative alle aziende nel quadro dei programmi europei di navigazione satellitare Galileo ed EGNOS Ordinanza sull esecuzione di procedure di sicurezza relative alle aziende nel quadro dei programmi europei di navigazione satellitare Galileo ed EGNOS 510.661 del 6 giugno 2014 (Stato 1 luglio 2014) Il

Dettagli

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012 Incontro tecnico NORMA CEI 0-21 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Relatore Gastone Guizzo Padova,

Dettagli

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE 11.1 ATL 10 BSA 10 CARATTERISTICHE MOTORI CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE Motori asincroni trifase in esecuzione non ventilata, con rotore equilibrato dinamicamente. Per l attuatore ATL

Dettagli

Product note Migrazione da Emax ad Emax 2 mantenendo la certificazione in base alle norme serie IEC 61439 per i quadri di bassa tensione

Product note Migrazione da Emax ad Emax 2 mantenendo la certificazione in base alle norme serie IEC 61439 per i quadri di bassa tensione Product note Migrazione da Emax ad Emax 2 mantenendo la certificazione in base alle norme serie IEC 61439 per i quadri di bassa tensione Generalità SACE Emax 2 è il nuovo interruttore aperto di ABB SACE

Dettagli

Le misure metrologiche per la direttiva MID

Le misure metrologiche per la direttiva MID Piero G. Squizzato Le misure metrologiche per la direttiva MID La nascita del denaro ha generato, come conseguenza, la necessità di unità di misura quantificanti i beni da acquistare con l unità di moneta,

Dettagli

Ordinanza sul controllo della circolazione stradale

Ordinanza sul controllo della circolazione stradale Ordinanza sul controllo della circolazione stradale (OCCS) 741.013 del 28 marzo 2007 (Stato 1 gennaio 2012) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 30 capoverso 4, 55 capoverso 7, 56 capoverso

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21;V1 2014-12 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

Italian Technology VMR 300. Stazione Portatile STAZIONE PORTATILE MISURE

Italian Technology VMR 300. Stazione Portatile STAZIONE PORTATILE MISURE STAZIONE PORTATILE MISURE INDICE Par. Descrizione Indice 2 1 Descrizione 3 1.1 Modalità di Funzionamento 4 1.2 Programmazione e Gestione 5 2 Modalità Funzionamento 7 2.1 Accensione 7 2.2 Schermate Principali

Dettagli

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica ABB SACE Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica Tipi di carico Tre categorie di carichi Resistivi R Ohm Ω Induttivi L Henry H Capacitivi C Farad F Carichi industriali La maggior parte dei carichi

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica n 673 del 21/07/1982

Decreto del Presidente della Repubblica n 673 del 21/07/1982 Decreto del Presidente della Repubblica n 673 del 21/07/1982 Attuazione delle direttive (CEE) n. 73/ 361 relativa alla attestazione e al contrassegno di funi metalliche, catene e ganci e n. 76/434 per

Dettagli

Direttive d aggiudicazione (DAAP)

Direttive d aggiudicazione (DAAP) Organo intercantonale per gli appalti pubblici (OiAp) Direttive d aggiudicazione (DAAP) relative al Concordato intercantonale sugli appalti pubblici (CIAP) del 5 novembre 994/5 marzo 00 (visto l art del

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 10 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Apparati digitali Misura dei disturbi condotti ai morsetti di alimentazione (0,15-30 MHz) Misura dei disturbi irradiati (30-1000 MHz) Apparecchi elettrodomestici

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

Energia Centro Nord Soc. consortile

Energia Centro Nord Soc. consortile Energia Centro Nord Soc. consortile Quadri trifase per fornitura di energia elettrica in Media ed Alta tensione con contatore statico a 4 quadranti In collaborazione con Prodotto QME: giugno 2006 EMH Elektrizitätszähler

Dettagli

IL TACHIGRAFO DIGITALE

IL TACHIGRAFO DIGITALE IL TACHIGRAFO DIGITALE Treviso 13 aprile 2006 Normativa Regolamento (CEE) 3821/85 Regolamento (CE) 2135/98 Regolamento (CE) 1360/2002 Regolamento (CE) n.../2006 di modifica dei regolamenti 3821/85 e 2135/98

Dettagli

Legge federale sull assicurazione malattie

Legge federale sull assicurazione malattie Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) (Finanziamento ospedaliero) Modifica del 21 dicembre 2007 L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO

RIFASAMENTO ELETTRICO RIFASAMENTO ELETTRICO A cura del prof: Ing. Fusco Ferdinando Indice STUDIO TEORICO pag. 3 PROVA SIMULATA pag.18 PROVA PRATICA IN LABORATORIO pag.23 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag.26 2 STUDIO TEORICO Introduzione

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Elettronica multimediale / Elettronico multimediale con attestato federale di capacità (AFC) del 1 novembre 2013 47006 Elettronica multimediale

Dettagli

Calcolo del rifasamento

Calcolo del rifasamento Rifasamento Dato un sistema (mono/trifase) avente potenza attiva P, con un certo f.d.p. e alimentato con una tensione concatenata V, si può osservare che: fissata la potenza attiva P, la potenza apparente

Dettagli

In tal caso, ai sensi della delibera, ASS installa il sistema di misura dell energia prodotta e svolge il servizio di sigillatura.

In tal caso, ai sensi della delibera, ASS installa il sistema di misura dell energia prodotta e svolge il servizio di sigillatura. Pag. 1/10 1 MISURA DELL ENERGIA DEI CLIENTI PRODUTTORI L attuale quadro regolatorio di riferimento prevede che il sistema di misura, installato nel punto di connessione alla rete di un impianto di produzione,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Decreto Dirigenziale n. 460 del 17 ottobre 2005 Giunta Regionale della Campania Programma tetti fotovoltaici. Approvazione ed emanazione del secondo bando regionale. Affidamento dell'attuazione alle amministrazioni

Dettagli

10. ALIMENTI, BEVANDE, OGGETTI USO DOMESTICO E SOSTANZE AGRARIE (igiene e repressione delle frodi in materia di)

10. ALIMENTI, BEVANDE, OGGETTI USO DOMESTICO E SOSTANZE AGRARIE (igiene e repressione delle frodi in materia di) LEGGE 690 Aggiornamento alla GU 29/02/2000 10. ALIMENTI, BEVANDE, OGGETTI USO DOMESTICO E SOSTANZE AGRARIE (igiene e repressione delle frodi in materia di) A) Vigilanza igienica sugli alimenti, bevande,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA

RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA NORMATIVE DI RIFERIMENTO 1) Normativa fotovoltaica - CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di Media

Dettagli

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Ordinanza sulle borse, OBVM) 954.11 del 2 dicembre 1996 (Stato 1 gennaio 2009) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge federale del 24 marzo

Dettagli

Guida per il finanziamento dei costi supplementari

Guida per il finanziamento dei costi supplementari Guida per il finanziamento dei costi supplementari Strumento di esecuzione concernente le disposizioni in materia di finanziamento dei costi supplementari (FCS) (art. 7 cpv. 7 LEne e art. 5a-5c OEn) Versione

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLA RETE ELETTRICA DI AZIENDA ENERGETICA RETI S.P.A. ETSCHWERKE NETZ AG

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLA RETE ELETTRICA DI AZIENDA ENERGETICA RETI S.P.A. ETSCHWERKE NETZ AG Rev.02 _ 01.10.2012 C0201 ALLA RETE ELETTRICA DI AZIENDA ENERGETICA RETI S.P.A. ETSCHWERKE NETZ AG (ALLEGATO A - ALLEGATO AL CONTRATTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO) Società a Socio Unico/Gesellschaft mit

Dettagli

INVERTERS SERIE F4000

INVERTERS SERIE F4000 INVERTERS SERIE F4000 La serie F4000 è una linea di inverters statici con tensione di uscita sinusoidale, realizzati per coprire le più svariate esigenze di alimentazione in c.a. partendo da sorgenti in

Dettagli

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 3 novembre 2008 (Stato: ) 45906 Aiuto meccanica CFP/Aiuto meccanico CFP Mechanikpraktikerin

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

520.12 Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione

520.12 Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione Ordinanza concernente il preallarme, l allarme e la diffusione di istruzioni di comportamento presso la popolazione (Ordinanza sull allarme, OAll) del 5 dicembre 2003 (Stato 30 dicembre 2003) Il Consiglio

Dettagli

Ordinanza relativa alla legge federale concernente le lotterie e le scommesse professionalmente organizzate

Ordinanza relativa alla legge federale concernente le lotterie e le scommesse professionalmente organizzate Ordinanza relativa alla legge federale concernente le lotterie e le scommesse professionalmente organizzate (OLLS) 1 935.511 del 27 maggio 1924 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, in

Dettagli

Ordinanza sulla protezione dei marchi

Ordinanza sulla protezione dei marchi Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Modifica del xx Il Consiglio federale svizzero, ordina: I L'ordinanza del 3 dicembre 199 sulla protezione dei marchi 1 è modificata come segue: Titolo Ordinanza

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza

Dettagli

Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti radiali a bassa tensione

Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti radiali a bassa tensione N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 11-28 Data Pubblicazione Edizione 1998-04 Prima Classificazione Titolo Fascicolo 11-28 4142 R Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito

Dettagli

DIRETTIVA 2006/95/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 12 dicembre 2006

DIRETTIVA 2006/95/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 12 dicembre 2006 L 374/10 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.12.2006 DIRETTIVA 2006/95/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 dicembre 2006 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Elettronica multimediale / Elettronico multimediale con attestato federale di capacità (AFC) Avamprogetto del 10 febbraio 2012 47006 Elettronica

Dettagli

Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni

Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni (ORAT) Modifica del 9 marzo 2007 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 6 ottobre 1997 1 concernente

Dettagli

Serie MT Nuovi analizzatori di rete

Serie MT Nuovi analizzatori di rete GE Energy Industrial Solutions Serie MT Nuovi analizzatori di rete GE imagination at work Nuovi analizzatori di rete Analizzatori di rete Il continuo aumento dei costi di produzione di energia rende sempre

Dettagli

Strumenti di Misura. Modulari DIN e Moduli per la Comunicazione Catalogo 2011

Strumenti di Misura. Modulari DIN e Moduli per la Comunicazione Catalogo 2011 Strumenti di Misura Modulari DI e Moduli per la Comunicazione Catalogo 2011 indice 1 Strumenti di Misura Modulari DI Contatori di Energia Contatore di Energia Digitale Monofase 80 A connessione diretta

Dettagli

Catalogo. Contatori di Energia. e Comunicazione

Catalogo. Contatori di Energia. e Comunicazione Catalogo 2009 Contatori di Energia e Comunicazione indice 1 Misura Contatore di Energia Digitale Trifase 80 A connessione diretta 4 moduli DI pag. 10 o su TA.../5 A fino 10.000 A Contatore di Energia Digitale

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 29 novembre 1993 1 sull

Dettagli

Analizzatori di rete di ultima generazione

Analizzatori di rete di ultima generazione Analizzatori di rete di ultima generazione Analisi della qualità del servizio elettrico, analisi dei dati registrati, verifica e collaudo degli impianti fotovoltaici in termini di conformità ai dati nominali

Dettagli