Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche"

Transcript

1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso 2, 11 capoverso 2, 16 capoverso 2, 17 capoverso 2, 24 capoverso 3 e 33 dell ordinanza del 15 febbraio sugli strumenti di misurazione (ordinanza sugli strumenti di misurazione), 2 ordina: Sezione 1: Disposizioni generali Art. 1 Oggetto La presente ordinanza disciplina: a. i requisiti dei contatori d elettricità e dei trasformatori di misurazione elettrici; b. le procedure per l immissione di tali strumenti sul mercato; c. le procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione di tali strumenti. Art. 2 Campo d applicazione La presente ordinanza si applica: a. ai contatori di energia attiva che servono alla determinazione del consumo o dell erogazione di energia attiva nella rete di corrente alternata e sono impiegati nelle economie domestiche, nelle aziende commerciali e nell industria leggera; b. ai contatori di energia reattiva e ai contatori combinati che servono alla determinazione del consumo o dell erogazione di energia attiva e reattiva nella rete di corrente alternata; c. ai trasformatori di corrente e ai trasformatori di tensione con una tensione di servizio massima di 52 kv nonché ai trasformatori di corrente con un intensità di corrente massima di 5 ka, che nella rete di corrente alternata sono inseriti prima dei contatori d elettricità. RU RS Nuovo testo giusta il n. I 15 dell O del DFGP del 7 dic (nuove basi legali in materia di metrologia), in vigore dal 1 gen (RU ). 1

2 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Art. 3 Definizioni Ai sensi della presente ordinanza s intende per: a. contatore d elettricità: strumento per la misurazione continua dell energia elettrica consumata o erogata, mediante integrazione temporale della potenza elettrica, composto almeno di un convertitore di misurazione con moltiplicatore (elettromeccanico o elettronico) e di un dispositivo indicatore; b. contatore di energia attiva: contatore d elettricità che determina la frazione di energia attiva nella rete di corrente alternata; c. contatore di energia reattiva: contatore d elettricità che determina la frazione di energia reattiva nella rete di corrente alternata; d. contatore combinato: contatore d elettricità ibrido che determina le frazioni di energia attiva e reattiva nella rete di corrente alternata; e. trasformatore di misurazione: strumento di misurazione, inserito nella rete di corrente alternata, che riduce grandezze elevate di tensione e di corrente in misurandi che possono essere misurati direttamente dal contatore d elettricità; f. trasformatore di corrente: trasformatore di misurazione a rapporto di conversione fisso che trasforma l intensità della corrente in un misurando uniforme; g. trasformatore di tensione: trasformatore di misurazione a rapporto di conversione fisso che trasforma la tensione in un misurando uniforme. Sezione 2: Contatori di energia attiva Art. 4 Requisiti essenziali I contatori di energia attiva devono soddisfare i requisiti essenziali di cui all allegato 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 1 della presente ordinanza. Art. 5 Procedure per l immissione sul mercato La conformità dei contatori di energia attiva ai requisiti essenziali secondo l articolo 4 è valutata e attestata, a scelta del fabbricante, secondo una delle seguenti procedure che figurano nell allegato 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione: a. l esame del tipo (modulo B) seguito dalla dichiarazione di conformità al tipo basata sulla garanzia di qualità del processo di produzione (modulo D); b. l esame del tipo (modulo B) seguito dalla dichiarazione di conformità al tipo basata sulla verifica del prodotto (modulo F); c. la dichiarazione di conformità basata sulla garanzia di qualità totale e sull esame del progetto (modulo H1). 2

3 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Art. 6 Procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione 1 I contatori di energia attiva sottostanno alla verificazione successiva conformemente all allegato 7 numero 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, eseguita ogni dieci anni da un laboratorio di verificazione legittimato. Per i contatori con elemento di misurazione elettromeccanico, il termine per la verificazione successiva è di 15 anni. 2 I contatori che misurano direttamente l energia attiva (contatori non inseriti dopo un trasformatore di misurazione) possono essere sottoposti anche alla procedura di controllo statistico conformemente all allegato 7 numero 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 4 della presente ordinanza. Per i contatori sottoposti alla procedura di controllo statistico, la verificazione resta valida fino a quando i contatori appartenenti al campione rispettano i requisiti di cui all allegato 4 numero 8. Art. 7 Classi di accuratezza 1 Per la misurazione del consumo di energia attiva nelle economie domestiche possono essere impiegati contatori delle classi di accuratezza A, B o C. 2 Per la misurazione del consumo di energia attiva nelle aziende commerciali e nell industria leggera devono essere impiegati contatori delle classi di accuratezza B o C. Sezione 3: Contatori di energia reattiva e contatori combinati Art. 8 Requisiti essenziali I contatori di energia reattiva e i contatori combinati devono soddisfare i requisiti essenziali di cui all allegato 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 2 della presente ordinanza. Art. 9 Procedure per l immissione sul mercato Per i contatori di energia reattiva e i contatori combinati sono prescritte l ammissione ordinaria e la verificazione iniziale conformemente all allegato 5 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione. Art. 10 Procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione I contatori di energia reattiva e i contatori combinati sottostanno alla verificazione successiva conformemente all allegato 7 numero 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, eseguita ogni dieci anni da un laboratorio di verificazione legittimato. Per i contatori con elemento di misurazione elettromeccanico, il termine per la verificazione successiva è di 15 anni. 3

4 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Sezione 4: Trasformatori di misurazione Art. 11 Requisiti essenziali I trasformatori di misurazione devono soddisfare i requisiti essenziali di cui all allegato 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione e all allegato 3 della presente ordinanza. Art. 12 Procedure per l immissione sul mercato Per i trasformatori di misurazione sono prescritte l ammissione ordinaria e la verificazione iniziale conformemente all allegato 5 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione. Art. 13 Procedure per il mantenimento della stabilità di misurazione 1 Per i trasformatori di misurazione induttivi e capacitivi, la durata di validità della verificazione è illimitata. Per altri tipi di trasformatori di misurazione, al momento dell ammissione, l Istituto federale di metrologia (METAS) 3 può, in casi particolari, stabilire un termine per la verificazione successiva. 2 Dopo ogni intervento su componenti attivi, è necessaria una verificazione successiva da parte di un laboratorio di verificazione legittimato. Sezione 5: Obblighi dell utilizzatore Art. 14 Installazione, messa in servizio e manutenzione degli apparecchi di misurazione Oltre alla responsabilità di cui all articolo 21 capoverso 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, l utilizzatore è responsabile: a. dell osservanza delle istruzioni del fabbricante relative all installazione e alla messa in servizio degli apparecchi di misurazione e della competenza professionale del personale incaricato dell installazione degli apparecchi; b. della manutenzione degli apparecchi di misurazione e della revisione periodica delle loro parti sottoposte a usura, a invecchiamento e a insudiciamento. Art. 15 Gruppi di misurazione 1 I gruppi di misurazione comprendenti contatori e trasformatori devono essere connessi in modo che l energia necessaria al funzionamento dell impianto di misurazione non sia misurata. 3 La designazione dell unità amministrativa è stata adattata in applicazione dell art. 16 cpv. 3 dell O del 17 nov sulle pubblicazioni ufficiali (RS ). Di detta mod. è tenuto conto in tutto il presente testo. 4

5 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Se non è possibile connettere apparecchi di misurazione conformemente al capoverso 1, il solo consumo proprio dell impianto di misurazione non deve produrre un indicazione di consumo. 3 Nei gruppi di misurazione, l errore suppletivo globale causato da cavi di connessione e dai carichi dei trasformatori non deve superare il 20 % dell errore massimo tollerato del contatore. Art. 16 Trasmissione dei valori misurati, lettura a distanza 1 Nell impiego di dispositivi di lettura a distanza con trasmissione dei valori misurati via modem e rete di trasmissione in una appropriata banca di dati, l utilizzatore deve controllare a intervalli periodici i contatori trasmittenti e i contatori riceventi. Come valore indicativo vale un intervallo di uno a cinque anni, a seconda dell energia trasmessa. Nel caso di lettura a distanza di contatori per le economie domestiche, il controllo può essere eseguito su un campione a caso di un contatore dello stesso tipo. 2 In caso di differenze nella trasmissione, fa stato l indicazione del contatore trasmittente. Art. 17 Registro di controllo 1 L utilizzatore tiene un registro di controllo degli apparecchi di misurazione utilizzati nel suo settore di distribuzione. 2 Da tale registro deve risultare, per ogni apparecchio di misurazione: a. quando e secondo quale procedura è stato immesso sul mercato; b. la procedura prescritta per il mantenimento della stabilità di misurazione; c. l ultima volta in cui è stata applicata la procedura per il mantenimento della stabilità di misurazione; d. il luogo d impiego dell apparecchio di misurazione. 3 I consumatori d energia interessati e gli organi incaricati dell esecuzione della presente ordinanza possono consultare in ogni momento tali registri. 4 Dopo la scadenza della validità della verificazione, i registri devono essere conservati per altri cinque anni civili. 5 In caso di contestazione, il METAS decide se il registro soddisfa i requisiti. Sezione 6: Errori massimi tollerati in caso di controlli Art. 18 In caso di contestazione ai sensi dell articolo 29 capoverso 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione o in occasione dei controlli ufficiali fuori della verificazione, gli errori massimi tollerati corrispondono: 5

6 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi a. per i contatori di energia attiva, a quelli riportati nell allegato 1 tabella 2 della presente ordinanza; b. per i contatori di energia reattiva e i contatori combinati, a quelli riportati nell allegato 2 numero 3 della presente ordinanza; c. per i trasformatori di misurazione, a quelli riportati nell allegato 3 numero 4 della presente ordinanza. Sezione 7: Disposizioni finali Art. 19 Diritto previgente: abrogazione L ordinanza del 4 agosto sugli apparecchi misuratori per l energia e la potenza elettriche è abrogata. Art. 20 Disposizioni transitorie 1 I contatori d elettricità che sono stati sottoposti alla verificazione prima dell entrata in vigore della presente ordinanza possono essere sottoposti alla verificazione successiva. In occasione della verificazione successiva i contatori devono rispettare gli errori massimi tollerati secondo le disposizioni previgenti. 2 I contatori d elettricità e i trasformatori di misurazione che sono stati ammessi secondo il diritto previgente possono ancora essere immessi sul mercato e sottoposti alla verificazione iniziale conformemente all allegato 5 numero 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione per dieci anni a decorrere dall entrata in vigore della presente ordinanza. Possono essere sottoposti alla verificazione successiva anche dopo che sono trascorsi i dieci anni, ma secondo le disposizioni della presente ordinanza. 3 I contatori d elettricità elettronici che sono stati sottoposti alla verificazione più di dieci anni prima dell entrata in vigore della presente ordinanza devono, entro altri cinque anni, essere sottoposti alla verificazione successiva secondo la nuova durata di validità di dieci anni. Art. 21 Entrata in vigore La presente ordinanza entra in vigore il 30 ottobre [RU , n. II lett. f] 6

7 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Allegato 1 (art. 4) Requisiti specifici dei contatori di energia attiva A Definizioni I I n = la corrente elettrica che passa attraverso il contatore; = la corrente di riferimento specificata per la quale il contatore funzionante come trasformatore è stato concepito; I st = il valore minimo dichiarato di I in corrispondenza del quale il contatore misura energia elettrica attiva a fattore di potenza FP = 1 (contatori polifase a carico equilibrato); I min = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati (contatori polifase a carico equilibrato); I tr = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti più bassi degli errori massimi tollerati corrispondenti all indice di classe di accuratezza del contatore; I max = il valore massimo di I in corrispondenza del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati; U = la tensione dell elettricità fornita al contatore; U n f f n = la tensione di riferimento; = la frequenza della tensione fornita al contatore; = la frequenza di riferimento; FP = il fattore di potenza; cosφ = il coseno dello sfasamento φ fra I e U. B Requisiti metrologici 1 Classi di accuratezza Il fabbricante deve specificare la classe di accuratezza del contatore. Le classi sono definite come segue: A B C 7

8 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 2 Condizioni di funzionamento nominali Il fabbricante deve specificare le seguenti condizioni di funzionamento nominali del contatore: in particolare i valori di f n, U n, I n, I st, I min, I tr e I max. applicabili al contatore. Per i valori di corrente specificati, il contatore deve soddisfare le condizioni della tabella 1. Tabella 1 Classe A Classe B Classe C Contatori collegati direttamente I st 0,05 I tr 0,04 I tr 0,04 I tr I min 0,5 I tr 0,5 I tr 0,3 I tr I max 50 I tr 50 I tr 50 I tr Contatori funzionanti come trasformatore I st 0,06 I tr 0,04 I tr 0,02 I tr I min 0,4 I tr 0,2 I tr* 0,2 I tr I n = 20 I tr = 20 I tr = 20 I tr I max 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n * Per i contatori elettromeccanici della classe B: I min 0,4 I tr. Deve inoltre specificare i rispettivi campi di tensione, di frequenza e di fattore di potenza nei quali il contatore soddisfa i requisiti relativi agli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2. Tali campi devono tener conto delle caratteristiche tipiche della corrente elettrica erogata dai servizi pubblici di distribuzione. I campi di tensione e di frequenza devono soddisfare almeno le seguenti condizioni: 0,9 U n U 1,1 U n; 0,98 f n f 1,02 f n. Il fattore di potenza si situa in un campo compreso fra cosφ = 0,5 induttivo e cosφ = 0,8 capacitivo. 3 Errori massimi tollerati 3.1 Gli effetti dei vari misurandi e delle grandezze d influenza (a, b, c, ) sono valutati separatamente, mentre tutti gli altri misurandi e grandezze d influenza sono mantenuti relativamente costanti ai loro valori di riferimento. Lo scarto di misurazione, che non deve superare gli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2, è calcolato come segue: scarto di misurazione = a b c... 8

9 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Allorché il contatore funziona a corrente di carico variabile gli errori in percentuale non devono superare i limiti indicati nella tabella 2. Errori massimi tollerati in percentuale alle condizioni di funzionamento nominali, con carico di corrente definito e con temperatura di funzionamento definita Tabella 2 Temperature di funzionamento +5 C +30 C 10 C +5 C o +30 C +40 C 25 C +10 C o +40 C +55 C 40 C 25 C o +55 C +70 C Classe del contatore A B C A B C A B C A B C Contatore monofase; contatore polifase con carichi equilibrati I min I < I tr 3, ,5 1,3 7 3,5 1, I tr I < I max 3,5 2 0,7 4,5 2, ,5 1, ,5 Contatore polifase con carico monofase I tr I < I max* 4 2, , ,7 9 4,5 2 * Eccezione: per i contatori polifase con carico monofase, il campo d intensità di corrente è limitato a 5 I tr I I max. Se un contatore è impiegato in diversi campi di temperatura, si applicano i rispettivi valori degli errori massimi tollerati. 4 Effetto tollerato dei disturbi 4.1 In generale Per i contatori di energia attiva si applica un ambiente elettromagnetico speciale: Il contatore deve soddisfare l ambiente elettromagnetico E2 e i requisiti complementari di cui ai numeri 4.2 e 4.3 seguenti. I disturbi di lunga durata, così come i disturbi passeggeri che potrebbero causare un degrado temporaneo o una perdita temporanea della capacità di funzionamento o di rendimento, non devono influenzare l accuratezza del contatore oltre i valori di variazione critici indicati nella tabella 3. Dopo il disturbo, il contatore deve ricuperare la capacità di funzionamento e di rendimento, e l accuratezza non deve essere influenzata oltre i valori di variazione critici. Se è prevedibile un alto rischio di fulmini oppure se l erogazione ha prevalentemente luogo mediante linee aeree, le caratteristiche metrologiche del contatore devono essere protette. 9

10 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 4.2 Effetto dei disturbi di lunga durata Valori di variazione critici per disturbi di lunga durata Tabella 3 Disturbo Valore di variazione critico in % per contatori della classe A B C Sequenza di fase invertita 1,5 1,5 0,3 Squilibrio di tensione (vale soltanto per contatori polifase) Componenti di armoniche nei circuiti elettrici* 1 0,8 0,5 Corrente continua e armoniche nel circuito 6 3 1,5 elettrico* Raffiche (burst) Campi magnetici, campo elettromagnetico ad alta frequenza, disturbi indotti da campi di radiofrequenze nelle linee e immunità da onde oscillanti * Per i contatori d elettricità elettromeccanici non sono definiti valori di variazione critici per contenuti armonici nei circuiti elettrici. 4.3 Effetto tollerato di fenomeni elettromagnetici passeggeri Durante e subito dopo un disturbo elettromagnetico, nessuna uscita (output) destinata a esaminare l accuratezza del contatore d elettricità deve produrre impulsi o segnali corrispondenti a un energia oltre il valore di variazione critico. Entro un lasso di tempo ragionevole dall apparizione del disturbo, il contatore deve: riprendere il funzionamento entro i limiti degli errori massimi tollerati; conservare l integrità di tutte le funzioni di misurazione; consentire di ricuperare tutti i dati di misurazione presenti immediatamente prima del disturbo; e non deve indicare un cambiamento dell energia misurata superiore al valore di variazione critico. Il valore di variazione critico, espresso in kwh, corrisponde a m U n I max 10-6 dove m è il numero degli elementi di misurazione del contatore, U n è espresso in Volt e I max in ampere Il valore di variazione critico per la sovracorrente è di 1,5 %. 10

11 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Idoneità 5.1 Al di sotto della tensione di funzionamento nominale, lo scarto positivo del contatore non deve superare il 10 %. 5.2 Il dispositivo indicatore dell energia totale deve avere un numero di cifre sufficiente a garantire che l indicazione non ritorni al valore iniziale prima che il contatore abbia funzionato per 4000 ore a pieno carico (I = I max, U = U n e FP = 1); non deve essere possibile azzerare l indicazione durante il funzionamento. 5.3 Dopo un interruzione di corrente nel circuito, le quantità di energia elettrica misurate devono rimanere leggibili per almeno quattro mesi. 5.4 Funzionamento senza carico Se vi è tensione senza che nel circuito, che è aperto, circoli corrente, il contatore non deve misurare energia a tensioni comprese fra 0,8 e 1,1 U n. 5.5 Avvio Il contatore deve iniziare e continuare la registrazione a U n, FP = 1 (contatore polifase con carichi equilibrati) e a una corrente pari a I st. 6 Unità di misura L energia elettrica misurata deve essere indicata in kwh o in MWh. 11

12 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Allegato 2 (art. 8) Requisiti specifici dei contatori di energia reattiva e dei contatori combinati A Definizioni I I b I n = la corrente elettrica che passa attraverso il contatore; = la corrente di riferimento per la quale il contatore collegato direttamente è stato concepito; = la corrente di riferimento per la quale il contatore con trasformatore di misurazione è stato concepito; I st = il valore minimo dichiarato di I in corrispondenza del quale il contatore misura energia elettrica attiva o reattiva a fattore di potenza FP = 1 (contatori polifase a carico equilibrato); I min = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati (contatori polifase a carico equilibrato); I tr = il valore di I al di sopra del quale l errore rimane entro i limiti più bassi degli errori massimi tollerati corrispondenti all indice di classe di accuratezza del contatore; I max = il valore massimo di I in corrispondenza del quale l errore rimane entro i limiti degli errori massimi tollerati; U = la tensione dell elettricità fornita al contatore; U n f f n = la tensione di riferimento; = la frequenza della tensione fornita al contatore; = la frequenza di riferimento; FP = il fattore di potenza; sinφ il seno dello sfasamento φ fra I e U; cosφ = il coseno dello sfasamento φ fra I e U. B Requisiti metrologici 1 Classi di accuratezza 1.1 Per la parte dei contatori combinati che misura l energia attiva sono definite le seguenti classi di accuratezza: 2 1 0,5 0,5S 0,2S 12

13 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Per la parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva e per i contatori di energia reattiva sono definite le seguenti classi di accuratezza: Il fabbricante deve indicare sulla targhetta del tipo dei contatori di energia reattiva la classe di accuratezza secondo il numero 1.2. Sulla targhetta del tipo dei contatori combinati deve indicare le rispettive classi di accuratezza secondo i numeri 1.1 e 1.2 per ogni campo di funzione. 2 Condizioni di funzionamento nominali Il fabbricante deve specificare le seguenti condizioni di funzionamento nominali del contatore: in particolare i valori di f n, U n, I b, I n, I st, I min, I tr e I max applicabili al contatore. Per i valori di corrente specificati, il contatore deve soddisfare le condizioni della tabella 1. Tabella 1 Classi S 0.2S Contatori collegati direttamente I st 0,01 I b 0,005 I b 0,004 I b I min 0,1 I b 0,1 I b 0,1 I b I tr 0,2 I b 0,2 I b 0,2 I b I max 4 I b 4 I b 4 I b Contatori funzionanti come trasformatore I st 0,005 I n 0,003 I n 0,002 I n 0,001 I n 0,001 I n I min 0,05 I n 0,05 I n 0,05 I n 0,02 I n 0,02 I n I tr 0,1 I n 0,1 I n 0,1 I n 0,1 I n 0,1 I n I max 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n 1,2 I n Deve inoltre specificare i rispettivi campi di tensione, di frequenza e di fattore di potenza nei quali il contatore soddisfa i requisiti relativi agli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2. I campi di tensione e di frequenza devono soddisfare almeno le seguenti condizioni: 0,9 U n U 1,1 U n; 0,98 f n f 1,02 f n. Il fattore di potenza si situa in un campo compreso fra cosφ = 0,5 induttivo e cosφ = 0,8 capacitivo (energia attiva), rispettivamente fra sinφ = 1 e sinφ = 0,5 induttivo (energia reattiva). 13

14 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 3 Errori massimi tollerati 3.1 Gli effetti dei vari misurandi e delle grandezze d influenza (a, b, c, ) sono valutati separatamente, mentre tutti gli altri misurandi e grandezze d influenza sono mantenuti relativamente costanti ai loro valori di riferimento. Lo scarto di misurazione, che non deve superare gli errori massimi tollerati indicati nella tabella 2, è calcolato come segue: scarto di misurazione = a b c Allorché il contatore funziona a corrente di carico variabile gli errori in percentuale non devono superare i limiti indicati nella tabella 2. Errori massimi tollerati in percentuale alle condizioni di funzionamento nominali, con carico di corrente I definito e con temperatura di funzionamento T definita Tabella 2 Temperatura di funzionamento +5 C T < +30 C 10 C T < +5 C o +30 C T < +45 C Classi ,5S 0,2S ,5S 0,2S Contatore monofase; contatore polifase con carichi equilibrati I min I I tr 6 3,5 2 1,2 0, ,8 I tr I I max 5 3,5 2 0,8 0,4 9,5 5,5 3 1,8 0,7 Contatore polifase con carico monofase I tr I I max 6 4 2,5 1,2 0, ,5 2 0,8 Se un contatore è impiegato in diversi campi di temperatura, si applicano i rispettivi valori degli errori massimi tollerati. 4 Effetto tollerato dei disturbi 4.1 Il contatore deve soddisfare l ambiente elettromagnetico E2 e i requisiti complementari secondo i documenti normativi di cui al numero L effetto tollerato dei disturbi sui contatori di energia reattiva e sulla parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva, contatori appartenenti alla classe 1, è retto dalle norme applicabili alla parte dei contatori combinati della classe 1 che misura l energia attiva. 5 Unità di misura L energia elettrica misurata deve essere indicata in kwh o in MWh. Nei contatori di energia reattiva e nella parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva tale energia va indicata in kvarh o in MVarh. 14

15 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Documenti normativi 6.1 Le prescrizioni sulla costruzione e sulle caratteristiche metrologiche dei contatori di energia reattiva e dei contatori combinati sono considerate a- dempite, se i contatori soddisfano i requisiti delle seguenti norme internazionali e documenti normativi: 6.2 Parte dei contatori combinati che misura l energia attiva IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) General requirements, tests and test conditions. Part 11: Metering equipment; IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 11: Electromechanical meters for active energy (classes 0,5, 1, 2); IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 21: Static meters for active energy (classes 1 and 2); IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 22: Static meters for active energy (classes 0,2 S and 0,5 S). 6.3 Contatori di energia reattiva e parte dei contatori combinati che misura l energia reattiva IEC :2003 (E/F) Electricity metering equipment (AC) Particular requirements. Part 23: Static meters for reactive energy (classes 2 and 3). 15

16 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Allegato 3 (art. 11) Requisiti specifici dei trasformatori di misurazione A Definizioni Corrente nominale I n: valore della corrente (primaria e secondaria), che caratterizza il trasformatore di corrente e sul quale esso è impostato. Tensione nominale U n: valore della tensione (primaria e secondaria), che caratterizza il trasformatore di tensione e sul quale esso è impostato. Potenza nominale P n: valore della potenza secondaria, che caratterizza il trasformatore e sul quale esso è impostato. Frequenza nominale f n: valore della frequenza sul quale il trasformatore è impostato. B Requisiti metrologici 1 Classi di accuratezza 1.1 Per i trasformatori di corrente sono definite le seguenti classi di accuratezza: 0,5 0,5S 0,2 0,2S 0,1 1.2 Per i trasformatori di tensione sono definite le seguenti classi di accuratezza: 0,5 0,2 0,1 1.3 Il fabbricante deve indicare la classe di accuratezza corrispondente. Se nel trasformatore vi sono più avvolgimenti di misurazione soggetti all obbligo di verificazione, per ogni avvolgimento di misurazione vanno indicate la corrispondente classe di accuratezza e l esatta attribuzione agli avvolgimenti. 2 Grandezze d uscita standardizzate 2.1 Nella misura del possibile, si dovrebbero utilizzare come grandezze d uscita soltanto le grandezze nominali standardizzate nei documenti normativi di cui al numero 6. In particolare: 2.2 Per i trasformatori di corrente, le grandezze nominali standardizzate sono: corrente nominale I n: 1 A 5 A frequenza nominale f n: 50 Hz 2.3 Per i trasformatori di tensione, le grandezze nominali standardizzate sono: tensione nominale U n: 100/ 3 V 100 V 110/ 3 V 110 V 200 V frequenza nominale f n: 50 Hz 16

17 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Condizioni di funzionamento nominali Il fabbricante deve specificare le condizioni di funzionamento nominali alle quali i trasformatori di corrente e i trasformatori di tensione rispettano gli errori massimi tollerati secondo il numero 4. In particolare valgono le condizioni di funzionamento nominali che figurano nei pertinenti documenti normativi di cui al numero 6. 4 Errori massimi tollerati I trasformatori di misurazione devono rispettare, conformemente al loro tipo e alla loro classe di accuratezza, gli errori massimi tollerati secondo i documenti normativi di cui al numero 6. 5 Designazione e unità di misura 5.1 Sulla targhetta del tipo devono essere apposte in modo indelebile tutte le indicazioni necessarie all identificazione e alla caratterizzazione del trasformatore. In particolare vi devono figurare le grandezze di riferimento primarie e secondarie (I n, U n), la potenza di riferimento (P n), la frequenza di riferimento (f n) e la classe di accuratezza. 5.2 Le grandezze di riferimento vanno indicate in unità SI. 5.3 I morsetti del trasformatore vanno designati in maniera duratura e inconfondibile. 6 Documenti normativi Le prescrizioni sulla costruzione e sulle caratteristiche metrologiche dei trasformatori di corrente e dei trasformatori di tensione sono considerate a- dempite, se i trasformatori soddisfano i requisiti delle seguenti norme internazionali IEC: Trasformatori induttivi di corrente IEC :1996 +A1: A2:2002 (E/F) Instrument transformers. Part 1: Current transformers Trasformatori induttivi di tensione IEC :1997 +A1: A2:2002 (E/F) Instrument transformers. Part 2: Inductive voltage transformers Trasformatori capacitivi di tensione IEC :2004 (E/F) Instrument transformers. Part 5: Capacitive voltage transformers 17

18 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi Procedura di controllo statistico per i contatori che misurano direttamente l energia attiva 18 Allegato 4 (art. 6 cpv. 2) 1 Partecipanti La procedura di controllo statistico conformemente all allegato 7 numero 2 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione, che è oggetto del presente allegato, è aperta su richiesta a tutti i laboratori di verificazione. 2 Contatori ammessi 2.1 Sono ammessi al controllo statistico tutti i contatori che misurano direttamente l energia attiva, appartenenti alla classe A o alla classe 2, muniti a scelta o di un contatore semplice o doppio, o di un modulo elettronico di tariffazione multipla, oppure di una combinazione di tali dispositivi indicatori. 3 Lotti di contatori 3.1 Un lotto è composto di un numero di contatori d elettricità raggruppati per il controllo statistico. L insieme dei contatori di un lotto scelti a caso per il controllo è detto campione. 3.2 Un lotto può comprendere soltanto contatori dello stesso tipo e appartenenti al massimo a due anni di fabbricazione consecutivi. Nei contatori con dispositivo di misurazione elettromeccanico, le correnti di base possono essere differenti, ma non il fattore di sovraccarico. Nei contatori elettronici il rapporto fra I tr (il valore della corrente, oltre il quale lo scarto si situa entro i valori minimi degli errori massimi tollerati) e I max (il valore massimo della corrente, per il quale lo scarto si situa entro i valori degli errori massimi tollerati) deve essere uguale all interno di un lotto. 3.3 All interno del medesimo lotto non sono autorizzate combinazioni differenti di contatori e di moduli di tariffazione. In un lotto sono consentite unicamente lievi differenze di modello a condizione che non compromettano le proprietà metrologiche del campione. 3.4 Un lotto può comprendere 5000 contatori al massimo, ma ne deve comprendere almeno 500. In un lotto sono consentiti contatori appartenenti a due anni di fabbricazione soltanto se quelli di uno dei due anni di fabbricazione sono meno di Un lotto può comprendere contatori appartenenti a diversi proprietari (ditte erogatrici d elettricità). Tutti gli utilizzatori proprietari di contatori del lotto sono vincolati dal risultato del controllo e dagli eventuali provvedimenti. 4 Frequenza dei controlli statistici I controlli statistici sono eseguiti ogni cinque anni. Il primo controllo ha luogo nel quinto anno successivo a quello di fabbricazione.

19 Strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Procedura di campionatura 5.1 Nel secondo semestre dell anno d iscrizione, il laboratorio di verificazione procede al sorteggio dei campioni, sulla base delle liste di lotto sottoposte al METAS. Va applicata la procedura approvata dal METAS. 5.2 Prima di togliere dalla rete i contatori sorteggiati, le liste di tali contatori vanno comunicate per scritto al METAS. 5.3 La procedura di campionatura si svolge secondo un apposito piano «adempito non adempito» su due campioni comprendenti ciascuno 40 contatori d elettricità. 5.4 Il METAS può ordinare o autorizzare altre procedure purché, sotto il profilo statistico, siano almeno equivalenti. 6 Requisiti dei campioni 6.1 Dapprima sono controllati i 40 contatori del primo campione. I requisiti sono adempiti se un contatore al massimo non rispetta gli errori massimi tollerati di cui al numero Se più di quattro contatori del primo campione non rispettano gli errori massimi tollerati di cui al numero 8.3, tutti i contatori del lotto devono essere ritirati dalla circolazione conformemente al numero Se più di un contatore, ma quattro al massimo, del primo campione non adempiono i requisiti, anche il secondo campione di 40 contatori deve essere controllato. 6.4 I requisiti sono adempiti se, sui due campioni insieme, quattro contatori al massimo non rispettano gli errori massimi tollerati di cui al numero 8.3. In caso contrario, tutti i contatori del lotto in questione devono essere ritirati dalla circolazione conformemente al numero Il METAS può ordinare controlli supplementari e chiarimenti, se nella valutazione dei risultati si constatano scarti nel funzionamento normale dei contatori (p. es. in caso di sospetto di un difetto di fabbricazione). 7 Esecuzione del controllo statistico 7.1 Il controllo dei contatori del campione i contatori devono essere muniti dei piombi prescritti avviene presso un laboratorio di verificazione legittimato dal METAS. 7.2 I contatori palesemente danneggiati non vanno controllati; devono tuttavia essere annunciati, indicando il tipo di danno. Al loro posto vanno controllati e inseriti nella statistica contatori di riserva. 7.3 I laboratori di verificazione trasmettono al METAS i risultati subito dopo il controllo dei campioni, ma al più tardi entro la fine del mese di ottobre dell anno del controllo. I risultati vanno arrotondati a una cifra dopo la virgola. 19

20 Moneta. Pesi e misure. Metalli preziosi. Esplosivi 7.4 Il METAS decide, entro due mesi dal ricevimento dei protocolli di controllo, dell ulteriore procedura. Prima della liberazione scritta del lotto per altri cinque anni o fino alla disposizione di altri provvedimenti da parte del METAS, è vietato eseguire interventi sui contatori del lotto. Durante tale periodo, i contatori restano a disposizione del METAS che può ordinare ulteriori chiarimenti nel laboratorio di verificazione o eseguirli nei propri laboratori. 7.5 Dopo la liberazione del lotto, i contatori difettosi e quelli che non soddisfano i requisiti possono essere sottoposti a revisione e presentati per una nuova verificazione. Tali contatori rimangono nel lotto. 7.6 Altre revisioni e nuove verificazioni di contatori appartenenti a lotti che continuano a sussistere sono consentite soltanto secondo un programma approvato dal METAS. 8 Requisiti dei contatori del campione 8.1 Un contatore adempie i requisiti se, in condizioni di laboratorio, rispetta gli errori massimi tollerati di cui alla tabella seguente. 8.2 Le misurazioni sono eseguite con misurandi equilibrati e con un fattore di potenza cosφ = Errori massimi tollerati nella sorveglianza statistica Tabella Tensione Contatori elettromeccanici o elettronici della classe 2 Contatori elettronici della classe A Corrente Errore (%) Corrente Errore (%) 100 % (U n) 10 % (I b) 5,25 50 % (I tr) 2,5 100 % (U n) 50 % (I b) 2,5 100 % (I tr) 2,5 100 % (U n) 50 % (I max) 2,5 50 % (I max) 2,5 9 Validità della verificazione 9.1 Se il campione soddisfa i requisiti di cui ai numeri , i contatori appartenenti al lotto in questione sono considerati verificati per altri cinque anni. 9.2 Se il campione non soddisfa detti requisiti, tutti i contatori appartenenti al lotto in questione devono essere ritirati dalla circolazione prima della fine dell anno susseguente al controllo. 9.3 Per la nuova immissione di tali contatori sul mercato sono necessarie una revisione nonché una verificazione successiva giusta l allegato 7 numero 1 dell ordinanza sugli strumenti di misurazione. 20

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito Allegati Specifici - Allegato MI-003 CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA ATTIVA Ai contatori energia elettrica attiva destinati ad uso residenziale, commerciale, e industriale leggero si applicano i requisiti

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento degli emolumenti IUFFP) del 17 febbraio 2011 (Stato 1

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Catalogo 2013 Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Contatori di energia EQ Meters Raggiungere l equilibrio perfetto I consumi di energia sono in aumento a livello

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Campi Elettromagnetici e Circuiti I Circuiti con accoppiamento magnetico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I Circuiti con accoppiamento magnetico Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Pavia Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica e Informatica Campi Elettromagnetici e Circuiti I Circuiti con accoppiamento magnetico Campi Elettromagnetici

Dettagli

SMART Più MANUALE UTENTE

SMART Più MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE 01/2003 INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 2. ARCHITETTURA DELLO STRUMENTO... 3 2.1 Linea seriale RS485. Rete fino a 31 analizzatori... 4 2.2 Linea seriale RS485. Rete con più di 31 analizzatori...

Dettagli

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID)

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) HM 10 16 25 Hybrid Meter Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) SMART GAS METER HM series G10 G16 G25 HyMeter è un contatore per uso commerciale a tecnologia ibrida. Combina le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 47 emanati dalla: Conferenza delle presidenze delle commissioni e delegazioni

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Settembre 2007 1SDC007104G0901 Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Indice 1 Introduzione... 2 2 Generalità sulla corrente continua...

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Progettazione Robusta

Progettazione Robusta Progettazione Robusta Perdita Consumatore qualità = f 1 (perdita Perdite di reputazione e quote di mercato Costi di garanzia per il produttore La qualità di un prodotto è la (minima perdita impartita alla

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO SUNSAVER TM REGOLATORE FOTOVOLTAICO MANUALE DELL'OPERATORE e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com MANUALE DELL'OPERATORE RIEPILOGO SPECIFICHE Volt sistema Volt PV massimi Ingresso

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a.

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Guida tecnica N. 6 Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. 2 Guida tecnica N.6 - Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Indice 1. Introduzione... 5 2. Nozioni di base sul fenomeno delle

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA ELEMENTI DI ELETTROTECNICA 1. TENSIONE E CORRENTE La storia dell elettricità prende avvio dalla particolare proprietà di una sostanza, l ambra, che strofinata con altra sostanza in grado di riscaldarsi,

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio (Legge sul lavoro, LL 1 ) 822.11 del 13 marzo 1964 (Stato 1 dicembre 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli