VOL.55. SUPPL.1. N.1. MARZO 2013 XXVIII RIUNIONE AISG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VOL.55. SUPPL.1. N.1. MARZO 2013 XXVIII RIUNIONE AISG"

Transcript

1 VOL.55. SUPPL.1. N.1. MARZO 2013 XXVIII RIUNIONE AISG

2 Presidente: Prof. Federico M. Grignolo XXVIII RIUNIONE TORINO, 8-9 MARZO 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA TORINO 2013

3 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA Sezione Italiana della EUROPEAN GLAUCOMA SOCIETY STATUTO 1) È costituita, ai sensi dell articolo 14 e seguenti del Codice Civile, una associazione denominata «Associazione Italiana per lo Studio del Glaucoma Sezione Italiana della European Glaucoma Society». Sede Durata - Oggetto 2) L associazione ha sede in Torino, presso la Clinica Oculistica dell Università. Il domicilio degli associati è ad ogni effetto presso la sede dell associazione. 3) La durata dell associazione è stabilita dalla data dell atto costitutivo fino al trentun dicembre duemilacinquanta (31 dicembre 2050) e potrà essere prorogata per deliberazione dell assemblea. 4) L associazione è apolitica, aconfessionale, senza scopo di lucro, ed ha per oggetto: a) facilitare lo scambio di idee fra gli oculisti italiani in materia di studio del glaucoma; b) promuovere e contribuire al progresso delle scienze oftalmologiche, favorendo ogni iniziativa che miri all incremento ed alla diffusione dello studio delle malattie glaucomatose, particolarmente mediante congressi e pubblicazioni scientifiche. Associati 5) Possono fare parte dell associazione coloro che dedichino abitualmente la loro attività, in oftalmologia, allo studio del glaucoma, o che comunque diano il loro contributo allo sviluppo dell associazione. 6) Gli associati si distinguono in associati fondatori, associati ordinari, associati onorari stranieri. a) Sono associati fondatori coloro che per particolari benemerenze nel campo dello studio e delle ricerche scientifiche sul glaucoma vengono chiamati a far parte dell associazione. Essi si impegnano a versare una quota annua superiore a quella degli associati ordinari. b) Sono associati ordinari tutti coloro che accettano gli scopi dell associazione attivamente operando nel campo della malattia glaucomatosa. Essi si impegna- no a versare una quota annua periodicamente determinata dal Consiglio Direttivo. c) Sono associati onorari stranieri quegli oculisti stranieri di chiara fama invitati a partecipare alle riunioni dell associazione, o che porteranno in esse particolari contributi scientifici. 7) Per assumere la qualità di associato è necessario presentare al Consiglio Direttivo una domanda controfirmata da due membri del Consiglio Direttivo, accompagnata dal deposito della eventuale quota di iscrizione che verrà rimborsata in caso di mancato accoglimento della domanda da parte del consiglio Direttivo. L impegno dell associazione è annuale e si intenderà successivamente rinnovato di anno in anno ove non venga data comunicazione contraria almeno tre mesi prima della scadenza del termine. Patrimonio 8) II patrimonio dell associazione è costi tuito da: a) quote di versamento effettuate dagli associati per iscrizioni e rinnovazioni deter minate annualmente dal Consiglio Direttivo; b) sovvenzioni e contributi di Enti Pub blici e Privati; c) lasciti, elargizioni, donazioni; d) fondo di riserva ordinaria ed eventuali eccedenze devolute ad aumento del patrimo nio. Organi dell Associazione 9) Gli organi dell associazione sono: a) l Assemblea; b) il Presidente del Consiglio Direttivo; c) il Consiglio Direttivo; d) il Collegio dei Revisori dei Conti con funzioni anche di probiviri. Assemblea 10) le assemblee saranno ordinarie e straordinarie. Ad esse potranno partecipare solo gli associati al corrente col pagamento dei contributi. IV MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

4 STATUTO 11) Le assemblee saranno convocate o vunque dal Consiglio Direttivo almeno quin dici giorni liberi prima di quello fissato per l adunanza, mediante affissione nei locali del la sede dell associazione dell avviso contenen te la data, l ora ed il luogo stabiliti, nonché l Ordine del Giorno con le materie da tratta re e ciò anche per la eventuale seconda con vocazione. 12) L assemblea ordinaria dovrà essere convocata almeno una volta all anno entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio an nuale, per l approvazione del bilancio e la nomina alle cariche associative. L assemblea in via straordinaria sarà in vece convocata ogni qualvolta sarà necessario o quando ne facciano richiesta il dieci per cento degli associati aventi diritto di voto. 13) Le assemblee ordinarie deliberano in prima adunanza con la presenza almeno della metà degli associati e con il voto favorevole di tanti associati che in proprio o per delega rappresentino la maggioranza dei votanti. In seconda convocazione deliberano qua lunque sia il numero degli intervenuti ed a maggioranza dei votanti. Per modificare l atto costitutivo e lo sta tuto occorrono la presenza di almeno tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Per deliberare lo scioglimento dell asso ciazione e la devoluzione del patrimonio oc corre il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati. 14) Le deliberazioni delle assemblee prese in conformità del presente statuto, della legge e dei regolamenti vincolano tutti gli associati anche se non intervenuti, astenuti o dissen zienti. 15) Gli associati aventi diritto ad interve nire alle assemblee potranno farsi rappresen tare da altro associato con delega scritta; ciascun associato non potrà rappresentare più di due altri associati. 16) Le nomine alle cariche associative, se non avvengono per acclamazione, si effettua no a votazione segreta. 17) Ogni associato ha diritto ad un voto. 18) Le assemblee saranno presiedute dal Presidente del Consiglio Direttivo o da per sona eletta in assemblea. Il Presidente nominerà un segretario, non necessario ove intervenga un notaio. I verbali relativi saranno firmati dal Presidente e dal Segretario. 19) Il Presidente dovrà constatare la va lidità delle deliberazioni e delle assemblee. Presidente 20) Il Presidente è nominato dal Consi glio Direttivo e ad esso spettano, oltre la firma sociale e la rappresentanza legale di fronte ai terzi ed in giudizio, tutti i poteri di ordinaria amministrazione. Consiglio Direttivo 21) L associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da sette membri di cui sei eletti tra gli associati ed il settimo nella persona del rappresentante italiano della European Glaucoma Society. Del Consiglio Direttivo fa parte, in sovranumero, un eventuale Presidente Onorario nominato dal Consiglio Direttivo scelto fra gli Associati e che abbia eccezionali meriti in confronto dell Associazione stessa. Il Presidente Onorario partecipa attivamente alle Riunione del Consiglio direttivo senza diritto di voto. Al Consiglio Direttivo sono conferiti tutti i poteri anche di straordinaria amministrazione. 22) II Consiglio sarà convocato dal Presidente, con lettera raccomandata spedita ai membri almeno cinque giorni liberi prima di quello fissato per l adunanza, tutte le volte che si renderà opportuno e quando ne facciano richiesta almeno tre Consiglieri o il Collegio dei Revisori dei Conti. Il Consiglio può validamente deliberare con la presenza ed il voto favorevole di almeno tre dei suoi membri. Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta dei presenti; in caso di parità prevale il voto del Presidente. I membri del Consiglio durano in carica tre esercizi annuali e sono rieleggibili. 23) Il Consiglio potrà nominare, anche tra estranei, un segretario e un segretario economo ai fini di coadiuvare il Presidente nei compiti affidati. Collegio dei Revisori dei Conti 24) Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri effettivi e da due supplenti eletti anche fra i non associati, per la prima volta nell atto costitutivo ed in seguito dall assemblea. Essi durano in carica tre esercizi e sono rieleggibili. 25) Il Collegio dei Revisori dei Conti ha il controllo amministrativo dell associazione ed ha pure il compito di effettuare periodici controlli di cassa e contabili ogni anno, nonché di verificare il saldo di cassa e bancario redigendone i relativi verbali. Ai revisori competono anche le funzioni di probiviri per la risoluzione delle eventuali controversie insorgibili tra gli associati e l associazione. Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA V

5 STATUTO Bilancio 26) Gli esercizi si chiuderanno al trentun dicembre di ogni anno. Entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio, il bilancio col conto profitti e perdite sarà presentato all approvazione della assemblea, corredato dalla relazione del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dei Conti. Competenza giudiziaria 28) Per tutte le controversie non composte dal Collegio dei Probiviri è competente il foro della sede dell associazione. Disposizioni generali 29) Per tutto quanto qui non espressamente contemplato si rinvia alle disposizioni di legge. Scioglimento e liquidazione 27) Sciogliendosi l associazione e per qualsiasi causa ed in qualunque tempo, l assemblea determinerà le modalità della liquidazione e nominerà uno o più liquidatori stabilendone i poteri e le retribuzioni. Gli eventuali utili risultanti saranno devoluti a giudizio dell associazione ad enti o associazioni della stessa categoria che perseguano scopi analoghi. Regolamento 30) Oltre che dalle norme contenute nel presente statuto l associazione sarà disciplinata nel suo funzionamento da un regolamento interno, da emanarsi dal Consiglio Direttivo e diretto a perfezionare l organizzazione ed a meglio realizzare gli scopi dell associazione. Torino, lì 14 aprile 1984 VI MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

6 AISG - TORINO 8-9 MARZO 2013 REGOLAMENTO INTERNO Emanato dal Consiglio Direttivo (C.D.) e diretto a perfezionare l organizzazione ed a meglio realizzare gli scopi dell Associazione, unita mente alla norme contenute nello Statuto del l Associazione stessa (Statuto A.I.S.G., Art.30). Art. 1 L Associazione Italiana per lo Studio del Glaucoma (A.I.S.G.), onde conseguire gli scopi enunciati dell Art. 4 dello Statuto, organizzerà una riunione annuale in località ed epoche che verranno designate volta per volta dal (C.D.), attenendosi, per quanto possibile, ai giorni coincidenti con la fine della seconda settimana di Marzo. La data e la sede di detta Riunione verranno comunque comunicate agli associati con almeno due mesi di anticipo. Art. 2 L ammissione degli Associati avviene su proposta di un Associato, da concretarsi in una lettera di presentazione controfirmata da due membri del C.D., e un curriculum Vitae del candidato medesimo, corredato da un elenco completo delle pubblicazioni. La richiesta verrà presentata al C.D. e da questo valutata per l ammissione. Il Giudizio del C.D. è insindacabile, non essendo tenuto a giustificare la sua decisione, né a rendere nota la motivazione del provvedimento. Art. 3 La tassa di ammissione all A.I.S.G. è pari alla quota associativa annuale fissata in Euro per gli Associati Fondatori ed in Euro per gli Associati Ordinari. La quota annuale potrà essere variata in ogni momento dal C.D, e questa deliberazione avrà valore dall anno successivo a quello in corso. L associato moroso per un anno e l associato che per tre anni consecutivi non abbia partecipato alla riunione annuale, verrà cancellato dall Albo degli iscritti. Art. 4 Tanto la tassa di ammissione che le quote associative annuali si pagano tramite versamento su di un c/c bancario, oppure direttamente alla Segreteria A.I.S.G. presso la Sede di Torino (c/o Clinica Oculistica dell Università, Via Juvarra, 19, Torino) oppure alla Segreteria A.I.S.G., in sede congressuale. Art. 5 Sono attribuzioni degli Associati, oltre a quelle enunciate nello Statuto, il presentare comunicazioni alle riunioni annuali, e, ove invitati dal C.D., l esposizione di relazioni con carattere monografico circa un particolare aspetto della fisiologia o patologia del Glaucoma. Art. 6 Viene istituita una lista di Corrispondenti allo scopo di accogliervi coloro che mostrino interesse agli scopi ed alle attività dell Associazione. (Art. V dello Statuto). I corrispondenti non sono Associati, non partecipano alle Assemblee e non hanno diritto al voto. I corrispondenti verranno informati delle attività dell Associazione e potranno partecipare ai lavori congressuali presentando anche contributi scientifici. Il C.D. si riserva di sospendere gli iscritti nella lista in ogni momento, senza alcuna giustificazione. Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA VII

7 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA ASSOCIATI FONDATORI Prof. AURICCHIO G. NAPOLI Prof. BAGOLINI B. ROMA (dec d) Prof. BOLES CARENINI B. TORINO Prof. BONAVOLONTA A. NAPOLI (dec d) Prof. BONOMI L. VERONA Prof. BUCCI M. ROMA Prof. CRISTINI G. BOLOGNA (dec d) Prof. D ERMO F. ROMA (dec d) Prof. ESENTE I. FIRENZE (dec d) Prof. FREZZOTTI R. SIENA (dec d) Prof. GASTALDI G.M. TORINO Prof. GRIGNOLO F.M. TORINO Prof. HEER G. TORINO Prof. MIGLIOR M. MILANO Prof. MORO F. PADOVA Prof. ORZALESI N. MILANO Prof. PANNARALE M.R. ROMA (dec d) Prof. PONTE F. PALERMO (dec d) Prof. QUARANTA C.A. BRESCIA (dec d) Prof. ROSSI A. FERRARA dec d) Prof. SCUDERI G. ROMA Prof. SCULLICA L. MESSINA Prof. TIERI O. CERVARO FR. (dec d) Prof. TITTARELLI R. ANCONA Prof. VANNINI A. TORINO (dec d) Prof. ZINGIRIAN M. GENOVA (dec d) Prof. WIRTH A. PISA (dec d) ASSOCIATI ORDINARI Dott. ALTAFINI R. VICENZA Prof. ARRICO L. ROMA Prof. BALACCO GABRIELI C. ROMA Prof. BALESTRAZZI E. ROMA Prof. BAUCHIERO L. IVREA Dott. BERNARDI P. BOLZANO Dott. BOLES CARENINI A. TORINO Prof. BRANCATO R. MILANO Prof. BROGLIATTI B. TORINO Dott. BRUSINI P. UDINE Prof. CALABRIA G. GENOVA Dott. CANTATORE F. BARI Dott. CAPRIS P. GENOVA Dott. CARAMELLO G. CUNEO Prof. CARASSA R. MILANO Prof. CARELLA G. PIACENZA Prof. CARTA F. SASSARI Dott. CELLINI M. BOLOGNA Dott.. CENTOFANTI M. ROMA Prof. CIANCAGLINI M. PESCARA Dott. CORALLO G. GENOVA Dott. DE NATALE R. PADOVA Dott. DI GIULIO S. ROMA Dott. DI STASO S. L AQUILA Dott. DORIGO M.T PADOVA Dott. FEA A. TORINO Prof. FERRERI G. MESSINA Prof. FOSSARELLO M. CAGLIARI Dott. FRANZONE M. TORINO Dott. FREZZOTTI P. SIENA Prof. GALASSI F. FIRENZE Prof.. GANDOLFI S. PARMA Prof. GIOVANNINI A. ANCONA Dott. GIUFFRE I. ROMA Prof. IESTER M. GENOVA Prof. LODATO G. PALERMO Prof. MANNI G.L. ROMA Prof. MARCHINI G. VERONA Dott. MARRAFFA M. VERONA Dott. MARTINI E. BOLOGNA Prof. MASTROPASQUA F. CHIETI Prof. MIGLIOR S. MILANO Dott. MONTANARI P. MILANO Prof MONTRONE F. BARI Prof. NUZZI R. TORINO Dott. ODDONE F. ROMA Dott. PAOLI D. MONFALCONE Dott. PARISI V. ROMA Prof. PECORI GIRALDI J. ROMA Dott. PERDICCHI A. TIVOLI Dott. PESCOSOLIDO N. ROMA Prof. QUARANTA L. BRESCIA Prof. RATIGLIA R. MILANO Prof. REIBALDI A. CATANIA Prof. ROLANDO M. GENOVA Dott. ROLLE T. TORINO Prof. ROSSETTI L. MILANO Dott. ROSSI G.C.M. CLUSONE BG. Prof. ROSSI P. GENOVA Dott. SALGARELLO T. ROMA Prof. SALVI G. FIRENZE Prof. SEBASTIANI A. FERRARA Dott. SEMERARO F. BRESCIA Dott. SIBOUR G. TORINO Prof. SPINELLI D. MILANO Dott. STECCHI G. MILANO Dott. TANGA L. ROMA Dott. TAVERNITI L. ROMA Dott. TOSONI C. UDINE Prof. TRAVERSO C.E. GENOVA Dott. TROIANO P. MILANO Prof. UVA M. CATANIA Prof. VETRUGNO M. BARI Prof. VIRNO M. ROMA Prof. VITALE BROVARONE F. TORINO VIII MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

8 AISG - BRESCIA MARZO 2011 ASSOCIATI CORRISPONDENTI Dott. ACTIS A. TORINO Dott. ADAMI M.C. ALESSANDRIA Dott. BAGNIS A. GENOVA Dott. BERARDI F. MACERATA Dott. BERTUZZI F. AS0LA Dott. CAMPANA F. CUNEO Dott. CARIGNOLA C. ROSSANO CS. Dott. CARLI M. SCHIO Dott. CASI G. AREZZO Prof. CENNAMO G. NAPOLI Dott. CILLINO S. PALERMO Dott. COLOTTO A. ROMA Dott. CROCIANI L, AREZZO Dott. DE GREGORIO F. ROMA Dott. DE PERON R. VARESE Dott. DORO D. PADOVA Dott. FARONI E. MILANO Dott. FERRERI F. REGGIO CALABRIA Dott. FERRERI P. BARI Prof. FIGUS M. PISA Dott. FONTANA L. BOLOGNA Dott. GALIMI P. CAGLIARI Dott. GAROFALO G. ROMA Dott. GASTALDI C. CUNEO Dott. GIAMBENE B. FIRENZE Dott. GLORIALANZA G. ROMA Dott. GULLACE R. REGGIO CALABRIA Dott. LAGANA E.M. REGGIO CALABRIA Dott. LANZA M. NAPOLI Dott. LAURIA G. LATINA Dott. MILANESE C. TORINO Dott. MILANO G. PAVIA Dott. MISEFARI W. REGGIO CALABRIA Dott MOSCA M. MILANO Dott. NERI P.G. ANCONA Dott. NUCCI C. ROMA Dott. PALMA E. FOGGIA Dott. PARRAVANO M.C. ROMA Dott. PROSDOCIMO G. CONEGLIANO Dott. RAIMONDI R. FROSINONE Dott. ROMANO S. TRAPANI Dott. ROSSI A. MILANO Dott. SACCA S. GENOVA Dott. SCRIMIERI F. GENOVA Prof. SCUDERI G.L. ROMA Dott. SIONI M. FERRARA Dott. TADDEI MASIERI L. FERRARA Dott. TALONI M. ROMA Dott. TEMPO E. TORINO Dott. TENERELLI F. BARI Dott. TISO C. PAVIA Dott. VALVO G. TORINO Dott. ZANINI M. BOLOGNA SOCI ONORARI Prof. ANDREANOS D. GRECIA 2000 Prof. DANNHEIM F. GERM,ANIA 1987 Prof. DAVID R. ISRAELE 1989 Prof. DRAEGER J. GERMANIA 1990 Prof. GRACIA SANCHEZ J. SPAGNA 1990 Prof. GREHN F. GERMANIA 2011 Prof. GREVE E. OLANDA 1989 Prof. GRUNWALD J. STATI UNITI 1992 Prof. HARRIS A. STATI UNITI 1999 Prof. HIGGINBOTHAM E.J. STATI UNITI 1993 Prof. HITCHINGS R.A. INGHILTERRA 1996 Prof. KANDARAKIS A. GRECIA 2000 Prof. KITAZAWA J. GIAPPONE 1995 Prof. KRUPIN T. STATI UNITI 1989 Prof. KUCHLE M. GERMANIA 2002 Prof. LANGHAM M. STATI UNITI 1992 Prof. MARRE E. GERMANIA 1989 Prof. MELAMED S. ISRAELE 1993 Prof. PILLUNAT L.E. GERMANIA 1992 Prof. RINGVOLD A. NORVEGIA 1988 Prof. RITCH R. STATI UNITI 1995 Prof. SAMPAOLESI R. ARGENTINA 2004 Prof. SCHUMANN J.S. STATI UNITI 1993 Prof. SPAETH G.L. STATI UNITI Prof. WILSON M.R. STATI UNITI 2000 Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA IX

9 MINERVA OFTALMOLOGICA Vol. 55 Marzo 2013 Suppl. 1 al N. 1 XXVIII RIUNIONE TORINO 8-9 MARZO 2013 PROGRAMMA Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA XI

10 AISG - FIRENZE 8-9 MARZO 2013 VENERDÌ 8 MARZO 2013 POSTER Moderatori: L. Bauchiero - B. Brogliatti - M. Fioretto P01 P02 P03 P04 P05 P06 P07 P08 P09 P10 P11 P12 Valutazione dell elettroretinogramma da Pattern (PERG) durante il test dell Ibopamina in pazienti ipertesi oculari I. Giuffrè - B. Falsini - M.A. Gari - E. Balestrazzi (Roma) Glaucoma acuto: analisi dei dati epidemiologici e clinici relativi ai casi osservati negli ultimi 5 anni F. Monteu - A.G. Actis - T. Rolle (Torino) Valutazione del danno strutturale in occhi con glaucoma ad angolo chiuso: studio mediante RTvue100 F. Monteu - A.G. Actis - T. Rolle (Torino) Le relazioni morfo-funzionali tra lo spessore delle fibre nervose peripapillari e della regione maculare misurati con lo Spectral Domain OCT ed i difetti campimetrici misurati con la perimetria automatica standard, in pazienti glaucomatosi M. Michelessi - G.L. Manni (Roma) Confronto tra l analisi della testa del nervo ottico effettuata con l oftalmoscopia laser confocale e con la tomografia a coerenza ottica spectral-domain nel glaucoma G. Roberti - F. Oddone - L. Tanga - M. Michelessi - P. Pasculli - M. Centofanti - G.L. Manni (Roma) GDx-VCC e SD-OCT nella diagnosi di neuropatia ottica glaucomatosa G. Milano - M. Raimondi - S. Lanteri - S. Lombardo A.C. Verticchio - C. Cutolo - L. Bossolesi - G.C.M. Rossi (Pavia) Confronto tra perimetria non convenzionale FDT-Matrix e HEP correlate al danno anatomico analizzato con GDx-VCC, OCT Sp e HRT 3 in pazienti glaucomatosi R. Morbio - S. Armando - M. Toscani - S. Quinternetto - F. Chemello - L.B. Della Porta - G. Marchini (Verona) Valutazione con PERG ad emicampi del danno glaucomatoso localizzato M. Gari - T. Salgarello - A. Giudiceandrea - S. Rossi - B. Falsini (Roma) Valutazione dell efficacia e della tollerabilità del PROLID OFTA in pazienti glaucomatosi in terapia con analoghi delle prostaglandine T. Rolle - R. Penna - L. Dallorto - A.G. Actis (Torino) La riabilitazione visiva biofeedback nel Glaucoma D. Domanico - M. Salomone - G. Lauria - E. M. Vingolo (Roma - Terracina - Latina) Fattori influenzanti la progressione del danno funzionale in un campione di 409 occhi glaucomatosi, calcolato con Glaucoma Damage Probability Trend D. Paoli (Gorizia) Precisione ed accuratezza di un nuovo tonometro-pachimetro non a contatto dotato di sistema Scheimpfung ad alta velocità M. L. Salvetat - L. Grasso - M. Felletti - C. Tosoni - M. Zeppieri - P. Brusini (Udine) XII MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

11 AISG - FIRENZE 8-9 MARZO 2013 COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: P. Montanari - C. Panico C01 C02 C03 C04 C05 C06 Glaucoma e cellule staminali: autoinnesto anteriore, posteriore o combinato? Aspetti sperimentali R. Nuzzi - E. Buschini - A. Actis (Torino) Analisi con la Next Generation Sequencing per identificare nuove mutazioni in pazienti con JOAG sporadico P. Frezzotti - B. Popp - A. Eckici - I. Motolese - P. Mittica - E. Motelese - A. Reis - F. Pasutto (Siena - Norimberga) Fattori vascolari di rischio nel Glaucoma primario ad angolo aperto G. Stecchi - D. Spinelli (Milano) Valore predittivo del test da carico idrico più buio nella diagnosi di glaucoma A. Boles Carenini - D. Rolle - G. Pognant - R. Nuzzi (Orbassano - Torino) Confronto tra tonometro ICARE e tonometro di Goldmann in pazienti con glaucoma primario ad angolo aperto e ipertensione oculare R. Morbio - E. Finardi - S. Armando - F. Chemello - S. Quinternetto - L.B. Della Porta - G. Marchini (Verona) Valutazione di una nuova metodica tonometrica A. Fea - T. Rolle - F. Gallozzi - E. Grosso - F. M. Grignolo (Torino) COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: A. Boles Carenini - D. Dolcino - F. Sebastiani C07 C08 C09 C10 C11 C12 Holter pressorio e monitoraggio continuo della IOP nelle 24 ore nel glaucoma a bassa pressione P. Brusini - C. Tosoni (Udine) Sviluppo di glaucoma in soggetti affetti da ipertensione oculare valutata sia con campo visivo sia con HRT G. Delledonne - F. Bertuzzi - G. Esempio - S. Miglior (Monza) Alterazioni del complesso delle cellule ganglionari e dello strato delle fibre nervose retiniche peripapillari valutate con SD-OCT in pazienti affetti da glaucoma ad angolo aperto con difetti localizzati del campo visivo A. Rossi - M. Mosca - R. Sala - R. Ratiglia (Milano) Studio mediante FD-OCT dello strato delle fibre nervose retiniche e dello spessore maculare in familiari di pazienti affetti da glaucoma primario ad angolo aperto L. Dallorto - C. Briamonte - R. Penna - T. Rolle (Torino) Valutazione della concordanza tra la Moorfield Regression Analysis (MRA), il Glaucoma Probability Score (GPS) dell HRT III e l ONH glaucoma analysis dell OCT i-vue M. G. Mutolo - A. Perdicchi - M.Iester - D.Iacovello - A. Cutini - M. Balestrieri - L. Scuderi - M. T Contestabile - S. M. Recupero (Roma - Genova) Ruolo del Bimatoprost 0.01% nella pratica clinica L. Tanga - G. L. Manni (Roma) Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA XIII

12 AISG - FIRENZE 8-9 MARZO 2013 C13 Ocular Surface Disease e glaucoma: come valutare l impatto sulla qualità della vita G. C. M. Rossi - S. Lanteri - S. Lombardo - M. Raimondi - G. Milano - G. M. Pasinetti (Pavia) Corso: Problemi non risolti nella diagnosi di glaucoma Presidente: C. Bianchi Coordinatori: P. Brusini - M. Iester Problemi relativi alla tonometria - G. L. Manni - L. Rossetti Problemi relativi all analisi della papilla e delle fibre nervose - E. Martini - S. Miglior Problemi relativi all esame del campo visivo - R. Altafini - A. Perdicchi Discussione Simposio: Glaucoom su neuroprotezione Direttore del corso - Moderatore: P. Frezzotti (Siena) Neurodegenerazione (meccanismi patogenetici della morte cellulare). Meccanismi d azione ed evidenze cliniche della Omotaurina sulla neurodegenerazione e neuroprotezione cerebrale - C. Blundo (Roma) Il glaucoma come malattia neurodegenerativa. Affinità con la malattia di Alzheimer? - T. Rolle (Torino) La neuroprotezione nel glaucoma. Update su Brimonidina - R. De Natale (Monselice, PD) Possibili attività neuroprotettive di nuove molecole naturali. - G. Scuderi (Roma) COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: G. Caramello - S. D Amelio - F. Galassi C14 C15 C16 C17 C18 C19 C20 Valutazione della variazione degli indici perimetrici nel follow-up di pazienti glaucomatosi sottoposti a terapia orale con l associazione di Forskolin, Rutina e Vitamine B1 e B2 I. Giuffrè (Roma) KRONEK in pazienti con POAC in massima terapia medica tollerata (MTMT) M. Iester (Bari) per gruppo di Studio Kronek Correlazione tra l uso di analoghi delle prostaglandine e lo sviluppo di edema maculare cistoide dopo intervento di cataratta M. Figus - C. Posarelli - S. Lazzeri - con il MEPPA Study Group (P. Frezzotti - M. Iester - P. Fogagnolo - F. Oddone - L. Marini M. Nardi) (Pisa - Siena - Genova - Milano - Roma) Variazioni nel numero delle cellule endotelio corneale dopo Faco-ExPress vs terapia con combinazione fissa R. Altafini S. Morselli (Bassano del Grappa) Efficacia e sicurezza della safe trabeculectomy a 6 anni S. Miglior - C. Riu - F. Mazzolani - E. Fumagalli - F. Bertuzzi (Monza) Fattori prognostici per l efficacia a lungo termine della sclerectomia profonda con T-FLUX NV O SKGel B. Giambene - F. Galassi (Firenze) Trabeculectomia e sclerectomia profonda: considerazioni sulle cause di insuccesso L. Bauchiero - E. Tempo - C. Zampaglione - U. Mignone - L. Belli (Ivrea) C21 Canaloplastia: follow up su 36 occhi operati nel periodo dicembre dicembre 2012 S. Gandolfi - N. Ungaro - F. Giacosa - M.G. Tardini - G. Bacchi (Parma) XIV MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

13 AISG - FIRENZE 8-9 MARZO 2013 C22 C23 C24 La canaloplastica con GlaucoLight Fiber (DORC) G. Marchini - P. Ceruti - M. Toscani - G. Vizzari - F. Bosello (Verona) Valutazione dell efficacia ipotonizzante del dispositivo endo-canalicolare Hydrus nel trattamento chirurgico del glaucoma ad angolo aperto S. Gandolfi - M. Giacomelli - M.G. TardinI - G. Bacchi - N. Ungaro (Parma) Effetto dell impianto dello shunt trabecolare Hydrus sulla conta delle cellule endoteliali: studio clinico doppio cieco randomizzato, controllato A. Fea - G. Consolandi - P. Cannizzo - G. Pignata - C. Lavia - F. Gallozzi - T. Rolle - F. M. Grignolo Corso sigla: La chirurgia del glaucoma attraverso i video Coordinatori: G. L. Laffi - M. Nardi Ex-press - R. Altafini Risoluzione di glaucoma refrattario secondario a neoformazioni cistiche iridociliari escissione in blocco - E. Balestrazzi - L. Mosca Chirurgia vitreo retinica e glaucoma - L. Zeppa Glaucoma e trapianto di cornea - M. Nardi Trabeculectomia con adiuvanti (MMC o matrice collagene-gag) in casi particolari - S. Cillino, F. Di Pace, G. Cillino Glaucoma congenito - G. Tassinari - G.L. Laffi Discussione Corso: Cosa c è di nuovo per la ricerca per la clinica e per i pazienti nella malattia glaucomatosa Presidente: M. Iester Coordinatori: M. Centofanti - G.L. Manni Proteomica dell umore acqueo nel glaucoma - S. Saccà Biomarkers sistemici nella storia naturale del glaucoma - S. Gandolfi Correlazioni morfo-funzionali in sede maculare nella malattia glaucomatosa - F. Oddone Una nuova visione della disabilità visiva dei pazienti glaucomatosi - M. Centofanti Discussione COMUNICAZIONI LIBERE Moderatori: G. Anselmetti - T. Rolle - R. Samuelly SABATO 9 MARZO 2013 C25 C26 C27 C28 Efficacia della canaloplastica nel glaucoma pseudoesfoliativo a pressione elevata P. Brusini - C. Tosoni (Udine) Impianto valvolare Ex-press nella gestione dell ipertono oculare da olio di silicone F. Cantatore - N. Cardascia - P. Ferreri - F. Boscia - L. Sborgia - G. Alessio (Bari) Risultati di una procedura sutureless con patch di pericardio per l impianto della valvola di Ahmed L. Quaranta - I. Riva (Brescia) Sclerectomia profonda. Vantaggi e limiti dopo 5 aa di follow-up G. Caramello - M. Leto - F. Campana (Cuneo) Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA XV

14 AISG - FIRENZE 8-9 MARZO 2013 Corso: Glaucoma. Trattamento medico: vecchi e nuovi approcci Presidente: F. M. Grignolo Moderatori: S. Miglior - L. Quaranta Quando iniziare il trattamento - M. Uva Come trattare il paziente glaucomatoso - M. Centofanti Terapia medica massimale - A. Fea Pressione oculare normalizzata e progressione del danno - I. Riva Nuove prospettive per il trattamento medico - P. Frezzotti Discussione Corso: Ma chi me lo ha fatto fare! Le complicanze che non avrei mai voluto avere dopo un intervento di glaucoma Presidente: A. Rapisarda Coordinatori: R. Carassa - G. Marchini Possibili complicanze da traberculectomia - S. Gandolfi Possibili complicanze da sclerectomia profonda - R. Carassa Possibili complicanze da canaloplastica - P. Brusini Possibili complicanze da impianto drenante - G. Marchini Discussione XVI MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

15 XXVIII RIUNIONE Torino 8-9 Marzo 2013 COMUNICAZIONI LIBERE

16

17 MINERVA OFTALMOL 2013;55(Suppl. 1 al N. 1):3-4 Glaucoma e cellule staminali: autoinnesto anteriore, posteriore o combinato? Aspetti sperimentali R. NUZZI 1, E. BUSCHINI 1, A. ACTIS 2 FINALITÀ DELLO STUDIO Negli ultimi anni alcuni Autori hanno esplorato il possibile ruolo delle cellule staminali nella terapia del glaucoma. Nella nostra esperienza abbiamo studiato gli effetti di neuro-protezione e neuro-rigenerazione in modelli murini utilizzando cellule staminali autologhe derivate da midollo osseo. Per ottenere un approccio terapeutico completo e agire sui danni che la malattia produce sia a livello della camera anteriore sia a livello retinico e/o della testa del nervo ottico, abbiamo testato due differenti vie di somministrazione, anteriore (mediante inoculo diretto in camera anteriore) e posteriore (intravitreale e trans/sub-sclerale iuxta papillare). MATERIALI E METODI Via anteriore Lo studio è stato condotto su 12 ratti adulti. L ipertensione oculare è stata indotta periodicamente nell occhio destro dei ratti tramite un ago-cannula collegata ad un manometro introdotta nella camera anteriore dell occhio. L occhio sinistro di ogni ratto è stato usato come controllo. Tre animali sono stati sacrificati dopo 1 giorno dall impianto, altri 3 a distanza di 7 giorni e gli ultimi 5 a 30 giorni dall im- pianto. Successivamente gli occhi sono stati sottoposti a un esame istologico e immunoistochimico. Via posteriore Cellule staminali mesenchimali sono state iniettate negli occhi di 4 ratti sani di 1 mese. Nell occhio destro di tutti gli animali è stato eseguito un impianto sotto sclerale iuxta papillare. Nell occhio sinistro si è proceduto a un impianto intravitreale con accesso posteriormente al limbus per evitare traumatismi corneali. I campioni sono stati successivamente sottoposti ad esame istologico e immunoistochimico. RISULTATI 1Divisione Universitaria di Oculistica A.O.U. S.Luigi Gonzaga di Orbassano Università degli Studi di Torino, Torino 2Clinica Oculistica, Ospedale Oftalmico Università degli Studi di Torino, Torino Via anteriore Dopo un giorno dall impianto in tutti gli occhi trattati le cellule erano presenti nel tessuto trabecolare. A 7 giorni le cellule era- Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA 3

18 NUZZI Glaucoma e cellule staminali no sopravvissute in due ratti su tre. A 30 giorni le cellule erano presenti in 4 ratti su 5. Un ratto è stato perso durante lo studio. Nessuna delle cellule ha presentato segni di differenziazione. Via posteriore Solo le cellule impiantate tramite iniezione intravitreale sono sopravvissute. La sopravvivenza cellulare si è dimostrata abbastanza elevata, calcolata tra 0,95-1,70% senza mostrare differenze a 14 e a 30 giorni dal trapianto. Le cellule si sono disposte nel corpo ciliare/processi ciliari e nell iride, intorno alla papilla ottica, lungo il cristallino e sulla superficie della retina e qualche cellula è rimasta in sospensione nel vitreo. Quelle sulla retina si sono posizionate lungo lo strato delle cellule gangliari, mai in strati più interni; nella maggior parte dei casi si sono presentate in gruppi da 4 o 5 cellule disposte in fila, oppure come cellule singole. Diverso invece l aspetto dei gruppi di cellule ritrovate sulla papilla ottica: più numerose e non ordinatamente allineate. CONCLUSIONI I risultati dimostrano la possibilità di eseguire i diversi tipi di impianto, ottenendo la sopravvivenza delle cellule e la chemiotassi a livello del trabecolato, del corpo ciliare / processi ciliari, delle cellule ganglionari e della testa del nervo ottico. In queste sedi le cellule staminali potrebbero coadiuvare la riattivazione/rigenerazione degli elementi danneggiati dal glaucoma, sfruttando gli effetti di protezione/rigenerazione, in particolare a livello retinicoganglionare.l approccio ottimale potrebbe avvalersi di entrambe le metodiche di impianto (anteriore e posteriore), così da massimizzare e complementare gli effetti. Inoltre una terza via- ulteriormente adiuvante- potrebbe essere considerata, ovvero la somministrazione endovena di cellule staminali, fattori di crescita o autoanticorpi per riattivare le cellule staminali intraretiniche quiescenti. In futuro, a completamento degli aspetti predittivi-eziopatogenetici-applicativi, andrà verificata sperimentalmente ed anatomicamente anche la plasticità cellulare, in particolare neuronale. 4 MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

19 MINERVA OFTALMOL 2013;55(Suppl. 1 al N. 1):5-6 Analisi con la Next Generation Sequencing per identificare nuove mutazioni in pazienti con JOAG sporadico P. FREZZOTTI 1, B. POPP 2, A. ECKICI 2, I. MOTOLESE 1 P. MITTICA 1, E. MOTELESE 1, A. REIS 2, F. PASUTTO 2 INTRODUZIONE L etiologia genetica della forma giovanile del glaucoma primario ad angolo aperto è stata più volte riportata come autosomica dominante anche se spesso queste forme appaiono sporadiche e quindi legate ad una etiologia multifattoriale. Scopo di questo studio è l identificazione di nuovi geni in casi sporadici di glaucoma giovanile attraverso la tecnologia Next Generation Sequencing (NGS) per meglio comprendere la patofisiologia della malattia glaucomatosa e poter sviluppare nuove strategie terapeutiche. MATERIALI E METODI Abbiamo coinvolto nello studio 30 pazienti affetti da glaucoma primario ad angolo aperto giovanile (insorgenza della malattia prima dei 40 anni, tipiche alterazioni glaucomatose a carico del nervo ottico e danni del campo visivo) con i rispettivi genitori sani. Tutti i candidati allo studio sono stati sottoposti ad esame biomicroscopico del segmento anteriore, misurazione della pressione intraoculare, con tonometro di Goldmann, analisi del nervo ottico con lente 90 D, valutazione del cup/disk ratio, e hanno effettuato esame del capo visivo (Humprhey 30-2, 24-2). L analisi genetica è 1Dipartimento di Chirurgia Sezione Oftalmologia Università degli Studi di Siena, Siena, Italia 2Istituto di Genetica Università degli Studi di Norimberga Norimberga, Germania stata eseguita utilizzando la tecnologia Next Generation Sequencing su 7 di questi pazienti e sui rispettivi genitori sani. RISULTATI I nostri risultati rilevano ad una prima analisi che ci sono più di 50 varianti per paziente che sono presenti in meno del 1% dei soggetti sani della poplazione e che sembrano non essere presenti nei genitori in base ad una prima analisi computerizzata. L analisi di ciascuna variante con PCR sia nei pazienti affetti che nei genitori,rileva che queste varianti sono eredite in realtà da uno dei genitori e questo per un errore logaritmico del computer. Quindi siamo ancora studiando e non sappiamo se questo risultato è indice del fatto che il glaucoma non è una malattia sporadica e oppure è di tipo eridatario con una penetranza diversa a seconda delle diverse varianti (riportiamo anche una esempio di una variante CYP1B1) sia nel paziente che nel parente affetto. Vol Suppl. 1 al N. 1 MINERVA OFTALMOLOGICA 5

20 FREZZOTTI Analisi con la Next Generation Sequencing CONCLUSIONI I risultati ottenuti, seppure iniziali, ci spingono ad allargare il campione esaminato in modo da poter meglio comprendere i geni coinvolti sia nell eliminazione dell umore acqueo che nel processo apoptotico a carico delle cellule ganglionari retiniche. In questo modo attraverso una migliore comprensione dell etiopatogenesi della patologia glaucomatosa si potrá offrire un diagnosi pre clinica piú specifica e migliorare l efficienza terapeutica. 6 MINERVA OFTALMOLOGICA Marzo 2013

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI Stefano Miglior Quando iniziare la terapia medica Tradizionalmente per tanti anni si e cominciato a trattare il glaucoma quando la pressione dell occhio (IOP) era =/> 21 mm Hg conseguenza 1: si sottovalutava

Dettagli

XXIX RIUNIONE XXIX RIUNIONE 28-29 MARZO 2014 CENTRO CONGRESSI HOTEL ROYAL CONTINENTAL NAPOLI ASSOCIAZIONE ITALIANA CREDITI ECM 7

XXIX RIUNIONE XXIX RIUNIONE 28-29 MARZO 2014 CENTRO CONGRESSI HOTEL ROYAL CONTINENTAL NAPOLI ASSOCIAZIONE ITALIANA CREDITI ECM 7 XXIX RIUNIONE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA XXIX RIUNIONE 28-29 MARZO 2014 CENTRO CONGRESSI HOTEL ROYAL CONTINENTAL NAPOLI CREDITI ECM 7 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA

Dettagli

XXVIII RIUNIONE 8-9 MARZO

XXVIII RIUNIONE 8-9 MARZO XXVIII RIUNIONE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA XXVIII RIUNIONE 8-9 MARZO 2013 Centro Congressi Unione Industriali TORINO ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA SEZIONE ITALIANA

Dettagli

XXVIII RIUNIONE 8-9 MARZO

XXVIII RIUNIONE 8-9 MARZO XXVIII RIUNIONE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA XXVIII RIUNIONE 8-9 MARZO 2013 Centro Congressi Unione Industriali TORINO ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA SEZIONE ITALIANA

Dettagli

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5

Dettagli

XXVII RIUNIONE 9-10 MARZO

XXVII RIUNIONE 9-10 MARZO XXVII RIUNIONE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA XXVII RIUNIONE 9-10 MARZO 2012 Centro Congressi Convitto della Calza FIRENZE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL GLAUCOMA SEZIONE ITALIANA

Dettagli

PROGRAMMA. Consulta il programma online: http://aisg-sigla-2015.jaka.it/ PRESIDENTE ONORARIO: Prof. Luciano Bonomi

PROGRAMMA. Consulta il programma online: http://aisg-sigla-2015.jaka.it/ PRESIDENTE ONORARIO: Prof. Luciano Bonomi CON IL PATRICINIO DI: PLATINUM SPONSOR: GOLD SPONSORS: SILVER SPONSORS: BRONZE SPONSORS: Redazione: Jaka Congressi - Art: Simona Pelosi SPONSORS: EMMECI 4 - FARMIGEA GROUP - GIANT MEDICAL - NEW TECH -

Dettagli

Federazione Sindacale Italiana Osteopati

Federazione Sindacale Italiana Osteopati Fe.S.I.Os. FEDERAZIONE SINDACALE ITALIANA OSTEOPATI Associazione no profit STATUTO ART.1- DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Federazione Sindacale - con la sigla Fe.S.I.Os.. Essa è

Dettagli

Stefano Miglior. Quando e e necessario richiedere accertamenti per il glaucoma

Stefano Miglior. Quando e e necessario richiedere accertamenti per il glaucoma Stefano Miglior Quando e e necessario richiedere accertamenti per il glaucoma la normale Visita Oculistica include la valutazione dell acuita acuita visiva, l esame biomicroscopico del segmento anteriore

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

la diagnosi e la terapia

la diagnosi e la terapia PROGRAMMA DI EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA - ECM La partecipazione al Congresso per l intera durata, dà diritto all acquisizione dei crediti formativi stabiliti dal Ministero della Salute per ciascuna

Dettagli

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo scopo di informarla

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PAOLO MARUTI ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE PAOLO MARUTI ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE PAOLO MARUTI ONLUS Verbale assemblea straordinaria del 27 marzo 2009 atto Dottor Alessio Michele Chiambretti Notaio n. 196753/43041 di repertorio Registrato a Saronno il 6 aprile 2009

Dettagli

Il glaucoma: la diagnosi. Dr.S. Santoro Dr.ssa C. Sannace

Il glaucoma: la diagnosi. Dr.S. Santoro Dr.ssa C. Sannace Il glaucoma: la diagnosi Dr.S. Santoro Dr.ssa C. Sannace Come l oculista riconosce il glaucoma? Quattro criteri sono usati per la diagnosi: Tonometria Gonioscopia e l esame della camera anteriore Oftalmoscopia

Dettagli

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO ARTICOLO 1 È costituita l Associazione Nazionale denominata LEGA DEL FILO D ORO - organizzazione non lucrativa di utilità sociale avente sede in Osimo (Ancona) in via Linguetta

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1

AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1 Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art. 8, c. 1 della L. 266/91 S T A T U T O AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1 Denominazione - Sede Col nome di AZZURRA Associazione

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Presidio Ospedaliero Mazzini - Unità Operativa di Oculistica Centro Glaucoma Responsabile: Dott. Antonello Troiano Come prevenire il glaucoma- il ladro silenzioso della vista : nostra esperienza. Il Glaucoma

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE Articolo 1 - E costituita l Associazione denominata State of the Net, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 E costituita L Associazione, senza fini di lucro, denominata:

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

Le eventuali sovvenzioni da Enti Pubblici saranno sottoposte alla regolamentazione dettata dagli

Le eventuali sovvenzioni da Enti Pubblici saranno sottoposte alla regolamentazione dettata dagli Statuto DENOMINAZIONE SEDE SCOPO Articolo 1 È costituita la Fondazione denominata CITTÀ DELLA SPERANZA ONLUS in forma di Fondazione riconosciuta. La Fondazione è apolitica, non ha fini di lucro ed ha durata

Dettagli

STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE

STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE 1.1 È costituita l Associazione senza fini di lucro, apolitica e aconfessionale, denominata: ALZHEIMER BERGAMO di Beppe Pirola. 1.2 L associazione ha sede in Bergamo,

Dettagli

Informazioni sul GLAUCOMA

Informazioni sul GLAUCOMA Informazioni sul GLAUCOMA CHE COSA E IL GLAUCOMA? Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico. Il nervo ottico è quella struttura che collega l occhio al cervello permettendoci di vedere (Vedi

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

Statuto. Denominazione - sede-durata-finalità

Statuto. Denominazione - sede-durata-finalità 1 di 7 Statuto Denominazione - sede-durata-finalità art. 1 In data 15/11/2004 è costituita, ai sensi della legge 266/91 e del D. lgs n. 460/1997, un associazione denominata: ABIO Grosseto - ASSOCIAZIONE

Dettagli

STATUTO COSTITUZIONE, DURATA, SCOPO, PATRIMONIO

STATUTO COSTITUZIONE, DURATA, SCOPO, PATRIMONIO STATUTO COSTITUZIONE, DURATA, SCOPO, PATRIMONIO Art.1) Si costituisce in Bardolino (VR), Via Alessandro VIII n. 6/2, con piena autonomia finanziaria e operativa, l Associazione per l assistenza domiciliare

Dettagli

STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA

STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ART. 1 Denominazione e sede E' costituita, ai sensi degli articoli 36 e seguenti dei Codice Civile, l'associazione culturale e sociale denominata "Training Management

Dettagli

STATUTO Art.1 E costituita l Associazione PALLAVOLO ANGELO COSTA RAVENNA - Associazione sportiva dilettantistica. L Associazione, in quanto non

STATUTO Art.1 E costituita l Associazione PALLAVOLO ANGELO COSTA RAVENNA - Associazione sportiva dilettantistica. L Associazione, in quanto non 1 STATUTO Art.1 E costituita l Associazione PALLAVOLO ANGELO COSTA RAVENNA - Associazione sportiva dilettantistica. L Associazione, in quanto non riconosciuta, è disciplinata dagli art. 36 e seguenti del

Dettagli

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo STATUTO TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo Articolo 1 - E costituita l associazione senza fini di lucro denominata Information Systems Audit and Control Association (ISACA) Capitolo di Roma, con sede

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CLUB UNESCO di ALBA, LANGHE E ROERO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CLUB UNESCO di ALBA, LANGHE E ROERO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CLUB UNESCO di ALBA, LANGHE E ROERO STATUTO Art.1 - Costituzione, denominazione, sede e durata a - E costituita in Alba l Associazione di volontariato denominata CLUB UNESCO

Dettagli

www.sigla.org SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Via della Balduina, 88-00136 Roma Tel. +39 (0)6 35497114 Fax +39 (0)6 35341535 info@jaka.it - www.jaka.

www.sigla.org SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Via della Balduina, 88-00136 Roma Tel. +39 (0)6 35497114 Fax +39 (0)6 35341535 info@jaka.it - www.jaka. www.sigla.org Redazione: Jaka Congressi - Art: Simona Pelosi SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Via della Balduina, 88-00136 Roma Tel. +39 (0)6 35497114 Fax +39 (0)6 35341535 info@jaka.it - www.jaka.it ORGANIZZATORE

Dettagli

Spetta al Consiglio di Amministrazione decidere sugli eventuali investimenti e sull utilizzo del patrimonio sociale.

Spetta al Consiglio di Amministrazione decidere sugli eventuali investimenti e sull utilizzo del patrimonio sociale. STATUTO SOCIALE della «ARCA - AMICI DELLA REPUBBLICA CECA ASSOCIATI ===================================================================== Articolo 1) - Denominazione E costituita un associazione denominata

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Statuto TEXCLUBTEC. Art. 1. E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC. Art. 2

Statuto TEXCLUBTEC. Art. 1. E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC. Art. 2 Statuto TEXCLUBTEC Art. 1 E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC Art. 2 L Associazione ha sede in Milano, in Viale Sarca n. 223. è dotata di adeguata struttura tecnica e amministrativa

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE CULTURALE NESSUNOPRESS. nato a Brescia il 5 febbraio 1969 e residente a Brescia via Panoramica 26

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE CULTURALE NESSUNOPRESS. nato a Brescia il 5 febbraio 1969 e residente a Brescia via Panoramica 26 1 ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE CULTURALE NESSUNOPRESS Tra i Signori: Broli Emanuele nato a Brescia il 5 febbraio 1969 e residente a Brescia via Panoramica 26 codice Fiscale: BRL MNL 69B05 B157U Ciccolella

Dettagli

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA

INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA DIPARTIMENTO - TESTA COLLO U.O. - Clinica Oculistica Direttore: Prof. Stefano Gandolfi INFORMAZIONI SUL GLAUCOMA (A cura della Dott.ssa Sally Louise Williams, Coordinatore Studi Clinici e del Dott. Nicola

Dettagli

Avv. NOTAIO ARMANDO SALATI Via Colombo 1/21 - Genova Tel. 010.5700453 Fax 010.5700454

Avv. NOTAIO ARMANDO SALATI Via Colombo 1/21 - Genova Tel. 010.5700453 Fax 010.5700454 Avv. NOTAIO ARMANDO SALATI Via Colombo 1/21 - Genova Tel. 010.5700453 Fax 010.5700454 STATUTO DI ASSOCIAZIONE ONLUS DENOMINAZIONE Art. 1 - E costituita una libera associazione, ai sensi degli articolo

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI DEL LATTE ART. 1 E' costituita, con sede in Parma, l'associazione Italiana dei Tecnici del Latte (A.I.Te.L.). SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE ART. 2 L'Associazione, che

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Articolo 1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata ASSOCIAZIONE ITALIANA BIOCHAR (ICHAR).

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Articolo 1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata ASSOCIAZIONE ITALIANA BIOCHAR (ICHAR). STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Articolo 1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata ASSOCIAZIONE ITALIANA BIOCHAR (ICHAR). Articolo 2 SEDE L'associazione ha sede in Firenze, all'indirizzo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1) - Costituzione E costituita una Associazione denominata Associazione Istruttori Forestali, in sigla AIFOR. L Associazione

Dettagli

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Art. 1 Costituzione, denominazione e sede E costituita l Associazione Culturale VIOLA VIVE con sede legale nel Comune di Viola in via Martini

Dettagli

La semeiotica strumentale

La semeiotica strumentale La semeiotica strumentale Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria - Pisa Pachimetria Misura spessore corneale con ultrasuoni Valori medi centrali: 520 micron FLAP = 160 180 micron ABLAZIONE CON

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

STATUTO. Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001. Associazione senza fini di lucro e di attività sociale

STATUTO. Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001. Associazione senza fini di lucro e di attività sociale STATUTO Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001 Associazione senza fini di lucro e di attività sociale Sezione Provinciale di Milano - Via Venezian 1 20133 Milano 1 TITOLO

Dettagli

Gli screening in oftalmologia: come, quando e perche. Prof.ssa Beatrice Brogliatti, Dr. Alessandro Actis

Gli screening in oftalmologia: come, quando e perche. Prof.ssa Beatrice Brogliatti, Dr. Alessandro Actis Gli screening in oftalmologia: come, quando e perche Prof.ssa Beatrice Brogliatti, Dr. Alessandro Actis Dipartimento di Fisiopatologia Clinica - Sezione di Oftalmologia Clinica Oculistica dell Università

Dettagli

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS Sede Legale e Operativa: Via Livigno, 2 20158 MILANO e-mail: info@anffaslombardia.it Codice

Dettagli

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Art. 1 Denominazione - Oggetto e scopi E costituita la associazione denominata Società Italiana di Diritto ed Economia - SIDE (Italian Society of Law and

Dettagli

OtticaFisiopatologica

OtticaFisiopatologica Anno quindicesimo dicembre 2010 Vincenzo Parisi Fondazione Bietti-IRCCS, Roma Relazione presentata al 2 nd Siena Glaucoma Summer School 201 È un grande piacere per me essere qui per parlarvi, prendendo

Dettagli

STATUTO. dell Associazione Società Italiana dei Docenti e Ricercatori di. Automatica (SIDRA) TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO. dell Associazione Società Italiana dei Docenti e Ricercatori di. Automatica (SIDRA) TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO dell Associazione Società Italiana dei Docenti e Ricercatori di Automatica (SIDRA) TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) E costituita, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile una

Dettagli

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia ART. 1 É costituita una Associazione denominata C.I.F.A. ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA, abbreviabile

Dettagli

STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012)

STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012) STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012) Art. 1 E costituita una associazione denominata La Piccola Famiglia Organizzazione non lucrativa di Utilità Sociale la cui denominazione

Dettagli

www.centrooculisticosanpaolo.org

www.centrooculisticosanpaolo.org Resp: Dott.ssa Silvia Babighian Il è una malattia grave ma spesso asintomatica e può portare alla cecità. Circa il 10% dei soggetti di età superiore a 70 anni, è affetto da glaucoma. Questa malattia può

Dettagli

ASSOCIAZIONE SIRO MAURO per le cure palliative in provincia di Sondrio STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE

ASSOCIAZIONE SIRO MAURO per le cure palliative in provincia di Sondrio STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE ASSOCIAZIONE SIRO MAURO per le cure palliative in provincia di Sondrio STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE Art. 1 È costituita un associazione avente le caratteristiche d organizzazione non lucrativa

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA Articolo 1 1.1 E costituita, con il vincolo della appartenenza della maggioranza del capitale ad enti pubblici una società consortile per azioni denominata: CONSORZIO

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA Art. 1 La SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA costituitasi in Milano nell anno 1953 è una Associazione scientifica. Art. 2 Scopi dell Associazione La Società

Dettagli

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO Amici dell Archivio Fotografico Lucchese 4 Maggio 2010 STATUTO Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese Art. 1 E costituita in

Dettagli

STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione)

STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione) STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione) E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa

Dettagli

Centro Associazioni Culturali Fiorentine

Centro Associazioni Culturali Fiorentine Centro Associazioni Culturali Fiorentine STATUTO Titolo I DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Art.1) E ' costituita con sede in Firenze la associazione "Centro Associazioni Culturali Fiorentine". Essa

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO Art. 1 E costituita, con sede in Imola, una Associazione non riconosciuta, senza scopo di lucro, e per fini esclusivi di solidarietà, denominata

Dettagli

INFLUENZA DELLO SPESSORE E CURVATURA CORNEALE NELLA DETERMINAZIONE DEL TONO OCULARE. Amedeo Lucente. Glaucoma Review -Vicenza 27/03/04

INFLUENZA DELLO SPESSORE E CURVATURA CORNEALE NELLA DETERMINAZIONE DEL TONO OCULARE. Amedeo Lucente. Glaucoma Review -Vicenza 27/03/04 INFLUENZA DELLO SPESSORE E CURVATURA CORNEALE NELLA DETERMINAZIONE DEL TONO OCULARE. Amedeo Lucente Il The Ocular Hypertension Treatment Study (OHTS) ha individuato come parametri predittivi dell insorgenza

Dettagli

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1) Denominazione È costituita l Associazione denominata Associazione Veneti a Milano O.N.L.U.S. Art. 2) Sede L Associazione

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: SGUARDI DI LUCE Associazione di genitori, familiari di bambini e ragazzi

Dettagli

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D.

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D. ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BUONI AMICI STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita l Associazione di Volontariato BUONI AMICI. L Associazione ha sede in Favria, Via

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

Per il perseguimento dei propri scopi potrà affiliarsi ad associazioni o federazioni nazionali ed internazionali.

Per il perseguimento dei propri scopi potrà affiliarsi ad associazioni o federazioni nazionali ed internazionali. El Fueye tango club Ass. Culturale Sportivo Dilettantistica Statuto Art. 1: Denominazione e Marchio E costituita l Associazione culturale sportivo dilettantistica denominata El Fueye tango club, qui di

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI

ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI STATUTO DENOMINAZIONE Articolo 1 E costituita l Associazione denominata ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI, in breve AMACI. L Associazione

Dettagli

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.).

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). Art. 2 Sede L Associazione ha sede legale, segreteria organizzativa

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA

STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA Articolo 1. Denominazione e sede. Su iniziativa dell Associazione R.E TE. Imprese Italia è costituita la Fondazione R.E TE. Imprese Italia, con sede in Roma.

Dettagli

ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO. Art. 1 Costituzione

ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO. Art. 1 Costituzione ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO Art. 1 Costituzione 1.1. E costituita, ai sensi degli art. 36 ss. del Codice Civile e del Decreto Legislativo 4 dicembre 1977, n. 460, l associazione

Dettagli

STATUTO dell Associazione Gruppo Immagini. TITOLO I (Denominazione, Sede, Oggetto e Durata)

STATUTO dell Associazione Gruppo Immagini. TITOLO I (Denominazione, Sede, Oggetto e Durata) STATUTO dell Associazione Gruppo Immagini TITOLO I (Denominazione, Sede, Oggetto e Durata) Art.1 E costituita un associazione senza scopo di lucro, denominata Gruppo Musicale Immagini. Art.2 L associazione

Dettagli

STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n.

STATUTO ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. 460, una Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. o in forma abbreviata

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ITALIANA DI CONIGLICOLTURA

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ITALIANA DI CONIGLICOLTURA ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA ITALIANA DI CONIGLICOLTURA STATUTO DENOMINAZIONE SEDE - SCOPO Art. 1 Denominazione È costituita, senza scopo di lucro o finalità politiche, l Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE

Dettagli

trieste 24-25-26 giugno 2010

trieste 24-25-26 giugno 2010 Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Trieste Università degli Studi di Trieste PATROCINI: Facoltà di Medicina e Chirurgia Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ROWING CLUB CUS BERGAMO STATUTO SOCIALE

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ROWING CLUB CUS BERGAMO STATUTO SOCIALE ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ROWING CLUB CUS BERGAMO STATUTO SOCIALE COSTITUZIONE - SEDE - SCOPI - DURATA Art. 1 E costituita, con sede in Bergamo, Via Loreto 2/D, un Associazione Sportiva Dilettantistica

Dettagli

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus STATUTO I.Ri.Fo.R. Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus Articolo 1 (Compiti istituzionali) 1) L Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.), organizzazione

Dettagli

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita un Associazione denominata Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia con sede in Milano. Essa può costituire uffici esterni con le modalità che verranno

Dettagli

Elenco cliniche universitarie

Elenco cliniche universitarie Elenco cliniche universitarie Università - Nuovo Ospedale Regionale - Torrette 60020 Ancona tel. 071/5964378 071/5964378 - fax 071/5964377 Direttore: Alfonso Giovannini Università - Piazza G.Cesare 70124

Dettagli

S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE. Articolo 1. Club GAMeC. Articolo 2 SCOPI DELL ASSOCIAZIONE. Articolo 3

S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE. Articolo 1. Club GAMeC. Articolo 2 SCOPI DELL ASSOCIAZIONE. Articolo 3 S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE Articolo 1 E costituita una associazione culturale denominata Club GAMeC Articolo 2 L associazione ha sede in Bergamo. SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Articolo 3 L associazione

Dettagli

Statuto dell Associazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULL IDENTITÁ DI GENERE O.N.I.G. Costituzione

Statuto dell Associazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULL IDENTITÁ DI GENERE O.N.I.G. Costituzione Statuto dell Associazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULL IDENTITÁ DI GENERE O.N.I.G. Costituzione Damina Massara Luca Quagliarella.1 É costituita l Associazione denominata Osservatorio Nazionale sull Identità

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it IL GLAUCOMA Prof. Bruno Lumbroso CHE COS'É IL GLAUCOMA? Il glaucoma é una malattia oculare causata dall'aumento

Dettagli

Ortottista ed assistente in oftalmologia

Ortottista ed assistente in oftalmologia INFORMAZIONI PERSONALI Cocchini Nicolò Via del Prione, 121, 19121 La Spezia (Italia) 3497532162 nicolo.cocchini@gmail.com POSIZIONE PER LA QUALE SI CONCORRE Ortottista ed assistente di oftalmologia ESPERIENZA

Dettagli

OCT nello studio della papilla ottica

OCT nello studio della papilla ottica Aggiornamenti in neuroftalmologia Varese, 20 maggio 2011 OCT nello studio della papilla ottica S. Donati Cos èla tomografia ottica e luce coerente (OCT) Meccanismo di Reflettività luminosa OCT e

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PROSPETTIVA GLOBALE

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PROSPETTIVA GLOBALE STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PROSPETTIVA GLOBALE Art. 1 Costituzione È costituita un Associazione Culturale sotto la denominazione Associazione Culturale Prospettiva Globale. Art. 2 Inquadramento L Associazione

Dettagli