2013/ Direttive di costruzione e allestimento dello stand

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2013/ Direttive di costruzione e allestimento dello stand"

Transcript

1 2013/ Direttive di costruzione e allestimento dello stand

2

3 Introduzione Le presenti Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand stabiliscono le regole di base che devono essere rispettate nell ambito della progettazione e della realizzazione degli stand, e similari nei padiglioni e nelle aree di MCH Fiera Svizzera (Basilea) SA (di seguito denominata MCH). 01/ Disposizioni generali 1.1 Modifica delle Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand MCH si riserva di effettuare in qualsiasi momento modifiche alle Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand per motivi tecnici aziendali, se ciò è necessario per motivi legislativi o per migliorare la situazione complessiva. 1.2 Supervisione La Direzione del Salone rispettivo cura le strutture dello stand. 1.3 Tempistiche Le tempistiche relative all allestimento e al disallestimento sono riportate nel programma m-manager (Menu «Informazioni» / registro «sapere Informazioni utili» / «Organizzazione + Logistica»). Le tempistiche di allestimento e disallestimento pubblicate sono vincolanti. 1.4 Allestimento / Disallestimento Le disposizioni di legge a tutela dei lavoratori (Direttive EKAS / CFSL Comm. Fed. di coordinamento per la sicurezza sul lavoro) devono essere rispettate. Ad esempio gli operai che realizzano gli stand sono obbligati ad indossare in qualsiasi momento le protezioni personali necessarie alla propria sicurezza (PSA), come elmetti, scarpe di sicurezza, occhiali protettivi, protezioni alle orecchie, abiti riflettenti, etc. Gli operai e tutto il personale presente alla realizzazione degli stand devono essere protetti da cadute. Le postazioni a rischio devono essere dotate di protezione anticaduta (parapetti, recinzioni, etc.) o le persone devono essere imbragate. 1.5 Lavorazioni con abrasivi, fiamme libere o con produzione di polveri Lavorazioni quali saldatura, taglio, tranciatura e similari che producono fumo o polvere devono essere comunicati a MCH prima dell inizio dei lavori. I lavori possono essere eseguiti solo dopo l approvazione dell autorizzazione al lavoro e alla saldatura. Durante i lavori la zona circostante deve essere sufficientemente schermata contro i pericoli e / o le emissioni. I costi relativi al mancato allarme o falso allarme saranno addebitati da MCH ai responsabili. 1.6 Eventi allo stand Eventi allo stand (party e manifestazioni speciali) durante il salone o dopo la chiusura devono essere approvati. Le richieste devono essere presentate alla Direzione del Salone. 1.7 Struttura dei padiglioni L ingegnere strutturale di MCH controlla il carico degli stand e dei prodotti esposti sulla struttura del padiglione. Le indicazioni dell ingegnere strutturale vanno immediatamente e sempre rispettate. 02/ Principi basilari sull infrastruttura dei padiglioni Le indicazioni più importanti relative ai padiglioni sono rilevabili dalle planimetrie espositive e dai moduli ufficiali relativi agli allacciamenti tecnici. 03/ Autorizzazione 3.1 Obbligo richiesta di autorizzazione Devono essere presentati alla Direzione del Salone per l approvazione i progetti di: stand a più piani stand con soffitti chiusi > 30 m 2 stand con ambienti chiusi stand con elevata presenza di persone (a partire da 100 persone come disposto da VKF /AICAA Ass. Istituti Cantonali di Assicurazione Antincendio) veicoli e container utilizzati come stand espositivi impianti di allarme all interno degli stand reti wireless-lan realizzazione o installazione di impianti quali scale mobili, ascensori, apparecchiature, strumenti, macchine, etc. che si muovono o sono motorizzate e / o che emettono nello stand o nel padiglione luce, calore, freddo, aria, fumo, gas di scarico, suoni, etc. impianti telecomandati (ad es. porte di garage telecomandate) utilizzo di fiamme e luci libere, liquidi infiammabili, bombole di gas o di ossigeno negli stand elementi appesi al soffitto dei padiglioni 3.2 Documenti da presentare Stan ad un piano: planimetrie del progetto con le misure in scala 1:50 (proiezioni, viste, sezioni, prospettive integrate della struttura del padiglione) indicazione sui progetti relativa alla tipologia delle scritte e della pubblicità (pubblicità sulla facciata) indicazioni relative ai materiali utilizzati indicazioni relative ai sistemi di protezione e controllo indicazioni sugli impianti che necessitano approvazioni e similari

4 Per stand a più piani presentare inoltre: calcolo statico redatto da un ingegnere edile riportare sulle planimetrie la messa in opera delle misure antincendio Per stand con la presenza di oltre 200 persone presentare inoltre: indicazione della lunghezza e dell ampiezza delle vie di fuga previste dalle normative VKF / AICAA 3.3. Termine presentazione richieste Il termine di presentazione delle richieste è rilevabile dalle misure integrative alle Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand. 3.4 Indirizzo presentazione richieste L indirizzo per la presentazione delle richieste e ulteriori informazioni sull approvazione in merito alla realizzazione degli stand e i riferimenti sono rilevabili dalle misure integrative alle Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand. 3.5 Approvazione allestimenti L approvazione definitiva verrà concessa dalla Direzione del Salone dopo aver ricevuto i documenti sopra citati rispettando le scadenze previste. Con l approvazione dell allestimento stand possono essere disposti importanti rilievi per l allestimento. L approvazione dell allestimento è legata al corretto e tempestivo espletamento di questi rilievi. La Direzione del Salone si riserva di rifiutare progetti di allestimento che non rispettano le richieste, le direttive e i rilievi sopra citati o di chiederne la rielaborazione. 3.6 Modifica e rimozione di stand non rispondenti alle normative Gli stand non approvati o che non corrispondono all approvazione, ai rilievi, alle normative o alle tecnologie attuali, devono essere modificati in un periodo ragionevole o rimossi. Se queste operazioni non vengono eseguite nelle tempistiche richieste, MCH è autorizzata ad effettuare le modifiche addebitando le spese all espositore. Inoltre la Direzione del Salone è autorizzata ad addebitare all espositore una multa che per convenzione è pari a CHF La Direzione del Salone declina qualsiasi responsabilità per eventuali danni connessi alle modificazioni dello stand. 04/ Costruzione dello stand 4.1 Allestimento Ulteriori disposizioni e normative in merito alla costruzione degli stand sono rilevabili dalle misure integrative alle Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand. 4.2 Misure di sicurezza allo stand Gli stand, i loro arredi, gli oggetti esposti e gli oggetti pubblicitari devono essere realizzati in modo sicuro affinché la sicurezza e l ordine pubblico, in particolare la vita e la salute, non vengano messi in pericolo. Lo stand deve essere realizzato in modo autoportante e non può essere incorporato al padiglione. La portata massima consentita per la superficie e il carico della struttura dell edificio (vedere planimetrie del padiglione) non possono essere superati in nessuna parte. 4.3 Perimetro dello stand Gli stand, i loro arredi, gli oggetti esposti e gli oggetti pubblicitari non devono oltrepassare il perimetro dello stand. Le eccezioni devono essere approvate dalla Direzione del Salone. 4.4 Stand montati in fila Per gli stand montati in fila la larghezza libera dello stand fra le pareti laterali è inferiore di 30 mm rispetto alla parete frontale noleggiata (ad es m invece di 6.00 m). Inoltre all altezza dello zoccolo è ridotta di ulteriori 40 mm (fino a 50 mm di altezza dal suolo). La profondità dello stand può invece essere sfruttata completamente. 4.5 Altezza degli stand Le altezze massime degli stand sono rilevabili dalle misure integrative alle Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand. Ulteriori limitazioni in altezza sono riportate sulle planimetrie dei padiglioni. Per gli stand che sfruttano l altezza massima, i soffitti chiusi sono da realizzare in modo che sia possibile revisionare i trasmettitori posizionati nella parte superiore (mezzi di comunicazione satellitare). La portata del tetto deve rispettare esattamente i 200 kg / m Scale Tutte le scale devono rispettare: le disposizioni previste dalla normativa 4 dell ArG, Art. 9 «realizzazione di scale» (AWA) le norme e le direttive VKF / AICAA, e quanto previsto nella brochure bfu / upi (Ufficio prevenzione infortuni) «realizzazione di scale negli edifici abitativi e negli edifici pubblici»

5 Le normative tecniche sulle scale relative all evacuazione in caso sono riportate nel capitolo 5. Si prega di consultare: /00027/01625/index.html?lang=it 4.7 Pedane, scale, scale a pioli, passerelle, ringhiere Le pedane devono essere posate e realizzate in relazione all uso previsto. Generalmente le pedane praticabili che confinano con superfici poste ad un livello inferiore devono in base al grado di pericolo essere messe in sicurezza da un elemento di protezione. In caso di una differenza superiore a 1 m sono obbligatori gli elementi di protezione. Elementi di protezione quali recinzioni, ringhiere e balaustre, devono avere un altezza minima di 1 m e devono essere realizzati staticamente o dimensionati per l utilizzo previsto: pedane e gallerie devono essere dotati di un bordo antiscivolo di almeno 10 cm. In presenza di bambini piccoli le ringhiere devono essere realizzate in modo che sia difficoltoso arrampicarsi sulle strutture. Si prega di consultare: La realizzazione di pedane, scale, scale a pioli, passerelle e ringhiere deve seguire le relative disposizioni e normative quali: legge sul lavoro (ArG) ekas / CFSL BFU / UPI ulteriori normative CH (SIA, etc.) 4.8 Libero accesso agli impianti dell edificio espositivo Gli impianti tecnici e i punti di allacciamento alla corrente ad alta e bassa tensione, all impianto idrico di approvvigionamento e di scarico, all acqua di raffreddamento, all aria compressa, agli sprinkler, etc. sia a pavimento (mezzi di comunicazione satellitare) che alle pareti, ai pilastri e al soffitto del padiglione, devono sempre essere accessibili al personale tecnico di MCH. 4.9 Costruzione del padiglione E vietato forare le pareti, i pilastri, i pavimenti e i soffitti del padiglione così come ancorare pesi a questi componenti edili o a tubazione d aria, impianti antincendio, sprinkler, tracce di cavi elettrici e altri impianti dell edificio Ancoraggio e sospensione di elementi dello stand Per motivi di sicurezza tutti gli elementi sospesi collegati direttamente con il soffitto del padiglione (travi, ancoraggio delle travi, cavi d acciaio) devono essere eseguiti solo da MCH. L espositore può provvedere direttamente ad ancorare i componenti dello stand che sono collegati direttamente con il soffitto del padiglione. Deve comunque rispettare le disposizioni in materia di sicurezza, in particolare le direttive EKAS / CFSL e VPLT (ad es. cavi d acciaio, messa in sicurezza con tre morsetti per cavi d acciaio). L espositore è responsabile di tutti i danni dovuti alla non osservanza delle disposizioni di sicurezza o al mancato rispetto dei carichi dichiarati (SGRL SB 10, 2.7). MCH si riserva di far verificare da un ingegnere strutturale i carichi applicati e le relative costruzioni. Questa verifica è a pagamento e sarà addebitata all ordinante/espositore. 05/ Protezione antincendio e protezione delle persone Per tutti gli stand in relazione alla protezione antincendio e alla protezione delle persone, MCH in collaborazione con le autorità competenti per il settore edile ha disposto quanto segue. Queste disposizioni si basano sulle norme e direttive VKF / AICAA in vigore. Si prega di consultare: aspx 5.1 Schema protezione antincendio I vincoli tecnici più importanti per la protezione antincendio sono riassunti nello schema protezione antincendio. La conseguente esecuzione è parte integrante di questo schema di protezione antincendio. 5.2 Struttura portante / Protezione antincendio La statica della struttura portante dipende dal numero dei piani. I requisiti minimi per la protezione antincendio della struttura portante sono: rei 0 per stand a 1 o 2 piani rei30 (cb) per stand a 3 piani 5.3 Sezioni antincendio nell allestimento stand All interno dello stand è necessario una schema antincendio (icb) per: stand ad un piano con soffitto chiuso > 600 m 2 stand a più piani con soffitto chiuso > 600 m 2 Per stand posti uno accanto all altro (ad es. stand con un lato ) la Direzione del Salone può richiedere la realizzazione di vie di fuga tra stand contigui come disposto da (icb). Vedere lo schema alla fine del documento. 5.4 Superfici del soffitto / coperture dello stand Per un funzionamento ottimale del sistema di antincendio a sprinkler del padiglione gli stand dovrebbero essere completamente aperti. Ulteriori disposizioni sulla struttura dei soffitti sono disponibili nelle misure integrative alle Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand delle relative manifestazioni. I soffitti vengono considerati aperti se più del 70 % della superficie coperta è equamente aperta e permeabile all aria.

6 5.5 Infiammabilità dei materiali di allestimento stand, arredi interni / decorazioni I materiali impiegati per lo stand devono rispettare almeno i seguenti parametri di sicurezza: vkf BKZ 5.2 e / o EN B-s2, d0 (materiale ignifugo) Per tutti gli elementi edili con portata statica come pilastri, travi, pavimenti, pareti, soffitti, scale, parapetti, balaustre, etc. vkf BKZ 4.2 e / o EN D-s2, d0 (parzialmente ignifugo) Per tutti gli elementi edili senza portata statica, come rivestimenti a parete, a pavimento, a soffitto, mobili, etc. Per decorazioni autoportanti o appese all interno o all esterno degli stand devono essere utilizzati esclusivamente materiali ignifughi o trattati in modo ignifugo speciale. Non è consentito l impiego di fascette serracavi in plastica per l ancoraggio di componenti portanti sollecitati dal punto di vista della staticità. Piante latifoglie o conifere possono essere utilizzate solo con terriccio umido. Bambù, canne palustri, fieno, paglia, cortecce, torba o materiali simili non possono essere utilizzati. In caso d incendio tutti i materiali non devono sviluppare gocce incandescenti né liberare gas velenosi. In ogni momento possono essere richiesti certificati dei materiali relativi alla loro classe ignifuga e alle loro proprietà. L utilizzo di materiali che non corrispondono ai requisiti sopra descritti necessita obbligatoriamente di approvazione. 5.6 Impianto antincendio (BMA) I seguenti stand devono essere dotati automaticamente di un impianto automatico di incendio: tutti gli stand ad un piano con un soffitto chiuso superiore a > 30 m 2 tutti gli stand su più piani Negli stand sopra descritti tutti gli ambienti con soffitti chiusi devono essere dotati automaticamente di rilevatori di fumo. Lo stesso vale per pedane aperte, balconi, gallerie e passerelle che hanno una sporgenza o una larghezza superiore a 3 m (vedere lo schema alla fine del documento). Negli stand a più livelli l impianto antincendio interno deve essere corredato di un segnalatore d incendio posizionato sopra il tetto dello stand (almeno 1 ogni 200 m 2 ). Per tutti gli stand dotati di impianto di incendio deve essere prenotato un impianto telefonico presso MCH. L accesso a tutti gli ambienti controllati da segnalatori d incendio e alla centrale di dello stand è da garantire in qualsiasi momento. Per questo motivo per gli accessi si possono utilizzare solo serrature di MCH. I cilindretti relativi vanno ordinati presso MCH. Gli ambienti non accessibili verranno aperti con la forza. In questo caso l espositore non potrà chiedere il rimborso dei danni. Le centrali di incendio dello stand (BMA) con visualizzatore devono essere collegate con i mezzi di comunicazione satellitare della fiera o con altri punti predisposti dalla fiera. L allacciamento deve essere realizzato con due contatti potenzialmente liberi. La centrale di incendio dello stand deve essere realizzata da una società d installazione accre- ditata e la sua funzionalità deve essere verificata e collaudata da una società specializzata. Con un modulo viene collaudato l impianto e istruito il gestore. il personale dello stand deve essere istruito dal produttore o dall installatore della BMA. Per l utilizzo della BMA devono essere presenti le istruzioni. Inoltre devono essere disponibili tutti i ricambi della centrale dello stand e dei rilevatori di fumo. per evitare falsi allarmi durante l orario di attività si consiglia che la BMA sia dotata di un ritardatore automatico. I costi dovuti a falsi allarmi saranno addebitati all espositore che li ha provocati. e necessario installare in una posizione centrale (SKT) una acustica e, in caso di necessità, una visiva. l alimentazione elettrica della BMA deve essere alimentata da un gruppo elettrogeno non in funzione. Quindi deve essere garantito che una volta spento l interruttore principale, la BMA sia comunque alimentata dalla corrente elettrica. gli impianti installati devono essere pronti per l uso prima dell inizio del salone in base ad un termine ultimo definito dalla Direzione del Salone. Successivamente vengono collegati alla centrale di MCH. Qualora alcune realizzazioni non possano essere collegate a causa di un ritardo, l espositore dovrà predisporre a proprie spese un presidio antincendio. MCH è a disposizione per dare informazioni su impianti controllati e ammessi in Svizzera. Sono ammessi solo impianti con l omologazione VKF/AICAA e la certificazione SES. Il collegamento alla centrale di sicurezza dell edificio viene realizzato da MCH e viene fatturato ogni singolo collegamento. Collegamenti da parte della fiera: NC4MD-L-B-1 (Società Neutric) Spina consigliata: NC4MRC spina a gomito o NC4FX spina diritta 5.7 Segnalazione di allarme per persone in ambienti chiusi I padiglioni sono dotati di segnalazioni acustiche (LIAS). Le persone negli ambienti chiusi devono poter ricevere la di allarme. la di allarme per persone in ambienti o acusticamente chiusi avviene tramite l impianto telefonico di MCH. In caso di emergenza (evacuazione), ad esempio in caso d incendio o pericolo di bomba, il messaggio viene trasmesso tramite il telefono dello stand. Negli ambienti chiusi con la presenza di persone è quindi obbligatorio ordinare un collegamento telefonico fisso presso MCH e installare i relativi impianti. Vedere lo schema antincendio.

7 5.8 Vie di fuga degli stand Le vie di fuga e di salvataggio degli stand devono essere eseguite secondo le disposizioni VKF / AICAA BSR vie di fuga e di salvataggio / Si prega di consultare: e gli schemi alla fine del documento Lunghezza delle vie di fuga negli stand La lunghezza massima di una via di fuga tra l uscita dal padiglione (all esterno dello stand) ed il punto più lontano dallo stand non deve superare i seguenti valori: 20 m da una uscita o da una possibilità di fuga 35 m da due uscite o due vie di fuga poste una di fronte all altra Nel calcolare la lunghezza delle vie di fuga si deve considerare la lunghezza percorribile delle scale. La lunghezza massima della via di fuga può essere allungata di 15 m se l ulteriore corridoio di fuga è stato realizzato con una propria antincendio di qualità. Vedere gli schemi alla fine del documento Larghezza delle vie di fuga negli stand Le regole seguenti valgono considerando il piano dello stand come unità e / o come stand unitario. Tutte le dimensioni sotto riportate s intendono come luce. Fino a 50 persone per piano dello stand o ambiente: larghezza dell uscita minima 90 cm 1) larghezza della via di fuga minima 90 cm 1) larghezza scala minima 90 cm 1) Fino a 100 persone per piano dello stand o ambiente: larghezza dell uscita minima 2 x 90 cm 1) larghezza della via di fuga minima 120 cm 1) larghezza scala minima 120 cm 1) 5.9 Indicazione delle vie di fuga e di salvataggio Negli stand le vie di fuga e di salvataggio devono essere indicate chiaramente in base alle norme SN EN 1838 ed essere supportate da luci di emergenza. Le informazioni di base sono contenute nelle disposizioni VKF/AICAA BSR «Indicazione delle vie di fuga illuminazione luci di emergenza alimentazione elettrica di emergenza». Si prega di consultare: Allestimento con sedie in caso di presenza di più di 100 persone negli ambienti o negli stand La disposizione delle sedie a partire da 100 persone deve essere effettuata secondo le disposizioni VKF / AICAA d paragrafo Si devono considerare: passaggi liberi tra le file di sedie numero di posti a sedere per ogni fila le sedie devono essere bloccate tra di loro Si prega di consultare: Estintori Estintori manuali devono essere previsti per: stand a più piani Il loro numero e posizionamento deve essere concordato con MCH. Gli estintori manuali possono essere affittati presso MCH. Per stand ad un solo piano la Direzione del Salone può disporre in qualsiasi momento la presenza di estintori manuali in base alla dimensione dello stand o del suo layout. Gli estintori a schiuma di 9 litri devono essere posizionati in posti accessibili e ben visibili. Non sono ammessi estintori manuali il cui utilizzo può causare danni alla sicurezza (polvere). 1) Numero delle vie di fuga o uscite e scale in base alle lunghezze delle via di fuga secondo Fino a 200 persone per piano dello stand o ambiente: larghezza dell uscita minima 3 x 90 cm o 1 x 120 cm + 1 x 90 cm larghezza della via di fuga minima 2 x 120 cm larghezza scala minima 2 x 120 cm Se sono presenti più di 200 persone per ogni piano dello stand o ambiente dello stand, le dimensioni delle vie di fuga, delle uscite e delle scale e il loro numero deve essere previsto come da VKF/AICAA. La conformità deve essere allegata al procedimento di autorizzazione Realizzazione di porte negli stand Nelle vie di fuga è possibile utilizzare porte a battente, porte girevoli, porte codificate, porte scorrevoli, porte mobili e altre chiusure di accesso solo se dotate di sistemi approvati da VKF/AICAA.

8 Istruzioni richieste tecniche nr. 5.3 Schema sezioni nella costruzione dello stand All interno dello stand devono essere realizzate sezioni classe (icb) se la superficie chiusa del soffitto è > 600 m 2. Indicazioni per la come da schema allegato. soffitto chiuso > 600 mq soffitto chiuso 600 mq soffitto chiuso > 600 mq (icb) (icb) (icb) < 600 mq < 600 mq 600 mq 600 mq < 600 mq < 600 mq soffitto chiuso > 600 mq soffitto chiuso 600 mq soffitto chiuso > 600 mq (icb) (icb) (icb) (icb) (icb) (icb) < 600 mq < 600 mq 600 mq 600 mq < 600 mq < 600 mq soffitto chiuso soffitto chiuso soffitto piano intermedio chiuso chiuso piano intermedio chiuso piano intermedio chiuso < 600 mq 600 mq > < 600 mq 600 mq > 600 mq (icb) (icb) (icb) (icb) (icb) (icb) < 600 mq < 600 mq 600 mq 600 mq < 600 mq < 600 mq

9 Istruzioni richieste tecniche nr. 5.6 Schema impianto di incendio Gli stand con un soffito chiuso > 30 m 2 e gli stand a più livelli devono essere collegati all impianto di incendio dei padiglioni. Per gli ambienti chuisi seguire le indicazioni dello schema sotto riportato. soffitto chiuso soffitto < 30 mqchiuso soffitto < 30 mqchiuso < 30 mq soffitto soffitto soffitto soffitto chiuso soffitto > 30 mqchiuso > soffitto 30 mqchiuso > 30 mq soffitto chiuso soffitto > 30 mqchiuso soffitto > 30 mqchiuso > 30 mq soffitto chiuso soffitto > 30 mqchiuso soffitto > 30 mqchiuso > 30 mq fronte fronte fronte fronte fronte fronte sporgenza < 3.0m sporgenza < 3.0m sporgenza > 3.0m sporgenza > 3.0m sporgenza < 3.0m sporgenza > 3.0m soffitto chiuso soffitto = libera > 70% soffitto anche < chiuso 30 mq soffitto = libera > 70% anche soffitto < chiuso 30 mq soffitto 1 per = libera > 70% 1 anche < 30 mq 200mq superficie del tettoper 200mq superficie del tetto 1 per 200mq superficie del tetto fronte fronte fronte sporgenza < 3.0m sporgenza < 3.0m sporgenza < 3.0m

10 Istruzioni richieste tecniche nr. 5.7 Schema di allarme per evacuazione delle persone in ambienti chuisi In tutti gli ambienti chuisi le persone devono essere obbligatoriamente informate in caso di pericolo. Per questo motivo è necessario prenotare presso MCH un allacciamento telefonico fisso e provvedere all installazione. Seguire le indicazioni per gli ambienti chuisi riportate nello schema allegato. soffitto acusticamente soffitto acusticamente soffitto acusticamente ambiente chiuso sia ambiente chiuso che acusticamente sia ambiente chiuso che acusticamente sia che acusticamente ambiente chiuso ambiente acusticamente chiuso ambiente acusticamente chiuso acusticamente ambiente ambiente acusticamente ambiente acusticamente acusticamente ambiente chiuso ambiente acusticamente chiuso ambiente acusticamente chiuso acusticamente ambiente acusticamente ambiente acusticamente ambiente acusticamente ambiente chiuso acusticamente ambiente chiuso acusticamente ambiente chiuso acusticamente soffitto chiuso acusticamente soffitto chiuso acusticamente soffitto chiuso acusticamente fronte fronte fronte soffitto chiuso acusticamente soffitto chiuso acusticamente soffitto chiuso acusticamente sporgenza > 3.0m sporgenza > 3.0m sporgenza > 3.0m

11 ISTRUZIONI VIE DI FUGA DEGLI STANDN nr. 5.8/I Schema vie di fuga degli stand Le vie di fuga e di salvataggio degli stand devono essere eseguite secondo le disposizioni VKF / AICAA BSR vie di fuga e di salvataggio / La lunghezza massima di una via di fuga tra l uscita dal padiglione (all esterno dello stand) ed il punto più lontano dallo stand non deve superare i seguenti valori: 20 m da una uscita o da una possibilità di fuga 35 m da due uscite o due vie di fuga poste una di fronte all altra Lunghezza della via di fuga con una uscita 20 m Lunghezza della via di fuga con due o più uscite 35 m Korridor Korridor

12 ISTRUZIONI VIE DI FUGA DEGLI STAND nr. 5.8/II La lunghezza massima della via di fuga può essere allungata di 15 m se l ulteriore corridoio di fuga è stato realizzato con una propria antincendio di qualità. Korridor Corridoio Lunghezza della via di fuga con una uscita con relativo corridoio di sicurezza () Korridor 20 m + 15 m = 35 m Korridor Korridor Corridoio Korridor Corridoio Korridor Lunghezza della via di fuga con due o più uscite con relativi corridoi di sicurezza () 35 m + 15 m = 50 m

13 ISTRUZIONI VIE DI FUGA DEGLI STANDN nr. 5.8/III offenes Scale aperte Treppenhaus dell edificio offenes Treppenhaus Lunghezza della via di fuga con due o più scale aperte dell edificio 35 m incl. la lunghezza delle scale geschlossenes Treppenhaus geschlossenes Scale chiuse dell edificio Treppenhaus Lunghezza della via di fuga con due o più scale chiuse dell edificio () 35 m escl. la lunghezza delle scale

14 ISTRUZIONI VIE DI FUGA DEGLI STAND nr. 5.8/IV Corridoio Korridor A Lunghezza della via di fuga con due o più scale chiuse dell edificio () con relativi corridoi di sicurezza () B Lunghezza della via di fuga con una scala chiusa dell edificio () A B 35 m + 15 m = 50 m, escl. la lunghezza delle scale 20 m + 15 m = 35 m, escl. la lunghezza delle scale Scala offene aperta Aussentreppe esterna all edificio geschützte Scala esterna Aussentreppe protetta Facciata El30 Fassade A Lunghezza della via di fuga con due o più Brandabschnitt 1 scale aperte esterne all edificio con relativa facciata di sicurezza () B A 35 m incl. la lunghezza delle scale Brandabschnitt 2 B 35 m escl. la lunghezza delle scale

15 ISTRUZIONI VIE DI FUGA DEGLI STANDN nr. 5.8/V Brandabschnitt 1 1 Brandabschnitt 2 2 Corridoio Korridor Lunghezza della via di fuga con due o più scale chiuse dell edificio () con due o più sezioni 35 m + 15 m = 50 m

16 BASELWORLD MCH fiera svizzera (basilea) sa CH 4005 basilea / svizzera T F

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

Protezione antincendio nell edilizia in legno

Protezione antincendio nell edilizia in legno Protezione antincendio nell edilizia in legno Manuale per la progettazione Nozioni di base Soluzioni pratiche Catalogo degli elementi costruttivi La forza naturale della roccia Sommario Progettare una

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate e le rispettano sistematicamente.

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE

REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE INTRODUZIONE Il presente Regolamento Tecnico stabilisce - ad integrazione del Regolamento Generale dell Evento allegato alla domanda di partecipazione - quanto segue: le

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Laboratorio di sicurezza degli impianti industriali Docente: Prof. Ing. Lorenzo Fedele Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Andrea Spaziani 1318099 A. A.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Sistema con compluvio integrato

Sistema con compluvio integrato Sistema con compluvio integrato NUOVO! Compluvio standard 1.5 % Ancora più semplice. Ancora più conveniente. La forza naturale della roccia Isolamento termico e compluvio in un unico sistema 2 I sistemi

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli