ALLEGATO B NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO B NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI"

Transcript

1 ALLEGATO B NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 1 di 15

2 NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI... 1 ARTICOLO N 1 - RACCOLTE DOMICILIARI O PORTA A PORTA... 3 ARTICOLO N 2 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE VERDE PRIVATO... 4 ARTICOLO N 3 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE UMIDA... 4 ARTICOLO N 4 - COMPOSTAGGIO DOMESTICO... 4 ARTICOLO N 5 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE SECCA NON RICICLABILE... 5 ARTICOLO N 6 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE INGOMBRANTI... 5 ARTICOLO N 7 - RACCOLTA DEL SECCO RECUPERABILE... 5 ARTICOLO N 8 - VERDE PUBBLICO... 7 ARTICOLO N 9 - RIFIUTI URBANI PERICOLOSI... 7 ARTICOLO N 10 - FESTE POPOLARI E MERCATI... 7 ARTICOLO N 11 - SPAZZAMENTO STRADE, PIAZZE E MARCIAPIEDI, PULIZIA CESTINI PORTARIFIUTI E PULIZIA DELL AREA CIRCOSTANTE I CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA... 8 ARTICOLO N 12 - TRASPORTO DEI RIFIUTI... 8 ARTICOLO N 13 - SERVIZI VARI E URGENTI... 8 ARTICOLO N 14 - ATTIVAZIONE NUMERO VERDE... 8 ARTICOLO N 15 - DEFINIZIONI E CRITERI GENERALI DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI ASSIMILATI... 9 ARTICOLO N 16 - SERVIZIO PER I PICCOLI PRODUTTORI... 9 ARTICOLO N 17 - RIFIUTI ASSIMILATI NON RICICLABILI SECCHI... 9 ARTICOLO N 18 - FRAZIONE UMIDA DEI RIFIUTI ASSIMILATI ARTICOLO N 19 - VERDE DA UTENZE NON DOMESTICHE ARTICOLO N 20 - RACCOLTA CARTA E CARTONE DA UTENZE NON DOMESTICHE ARTICOLO N 21 - RACCOLTA DEL MULTIMATERIALE DA UTENZE NON DOMESTICHE ARTICOLO N 22 - RACCOLTA DI ALTRE FRAZIONI SECCHE RICICLABILI ARTICOLO N 23 - ATTIVAZIONE AREA ATTREZZATA E CUSTODITA ARTICOLO N 24 - PRESENZA A RICHIESTA DI UN ADDETTO A DISPOSIZIONE DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO N 25 - PULIZIA CADITOIE E POZZETTI ARTICOLO N 26 - FORNITURE E NOLEGGI DI MATERIALI E ATTREZZATURE ARTICOLO N 27 TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ARTICOLO N 28 CENSIMENTO DITTE E RILEVAZIONE DATI UTILI PER TARIFFAZIONE RIFIUTI SUBALLEGATO A: PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE ATTUALI MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL COMUNE DI: SUBALLEGATO B: CARATTERISTICHE INDICATIVE DEI CONTENITORI USATI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SUBALLEGATO C : LISTA DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 2 di 15

3 ARTICOLO N 1 - RACCOLTE DOMICILIARI O PORTA A PORTA Il servizio di raccolta delle diverse frazioni di rifiuto urbano verrà attuato, di norma, con la separazione dei flussi mediante il sistema di raccolte domiciliari porta a porta, secondo quanto precisato nei successivi articoli. Il servizio verrà eseguito con idonea manodopera e adeguate attrezzature in tutto il territorio del Comune. Il Bacino, sentito il Comune, si riserva di chiedere adeguamenti o modifiche agli itinerari di raccolta previsti inizialmente, allo scopo di razionalizzare l intero sistema. Gli automezzi utilizzati dovranno avere dimensioni commisurate alle caratteristiche della rete viaria, essere dotati di appositi segnalatori luminosi e di scritte identificative ben visibili. La movimentazione dei rifiuti dovrà avvenire con mezzi provvisti di cassone stagno. Il servizio consiste nella raccolta porta a porta dei contenitori o dei sacchetti, che avverrà al piano terra di ogni stabile, nella parte esterna della recinzione lungo il marciapiede o la strada. La Ditta esecutrice passerà porta a porta provvedendo alla raccolta manuale dei contenitori o dei sacchetti (o del loro contenuto). Questi verranno collocati, nel giorno e nell ora prefissati, davanti all ingresso dell abitazione o negli spazi appositamente indicati dagli Uffici competenti. E fatto obbligo alla Ditta stessa di astenersi dal raccogliere i rifiuti, qualora gli stessi non siano conformi (per natura o confezionamento) a quanto previsto nel presente allegato od a quanto indicato dall Ufficio competente. In tali casi sarà cura degli addetti alla raccolta di posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti. La responsabilità sulla qualità dei materiali raccolti è della Ditta Esecutrice; a suo carico, quindi, sono da considerarsi le penali eventualmente applicate dagli impianti di smaltimento, trattamento o recupero, conseguenti alla non idoneità dei rifiuti ad essi conferiti. Sarà compito degli addetti al servizio provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento ed alla raccolta di tutti i rifiuti che per qualsiasi motivo si trovassero sparsi sul suolo pubblico. Il servizio verrà eseguito nelle prime ore del mattino secondo le disposizioni e gli orari che verranno stabiliti zona per zona dall Amministrazione. In particolare, il passaggio nelle zone centrali dovrà avvenire entro l orario specificato dall Amministrazione Comunale. Sia gli orari che i giorni e le frequenze di raccolta sono modificabili secondo necessità, previa richiesta dell Amministrazione e con preavviso di almeno quarantacinque giorni al Consorzio. In caso di festività infrasettimanali, la raccolta potrà essere anticipata o posticipata di un solo giorno. In caso di più giorni di festa consecutivi, dovrà comunque essere garantito il servizio entro il terzo giorno da quello normalmente stabilito. Lo spostamento del giorno di raccolta verrà comunicato, a cura e spese della Ditta Esecutrice, con almeno 10 (dieci) giorni di anticipo all Ufficio competente e, con volantini, agli utenti interessati, salvo che agli utenti non sia già stato distribuito un calendario delle raccolte concordato con l Amministrazione. Per tutti i servizi prestati, la ditta Esecutrice è tenuta a comunicare all Amministrazione l orario di inizio del servizio ed il percorso seguito dalle squadre. I rifiuti dovranno essere trasportati e conferiti agli impianti di stoccaggio e/o trattamento fissati dal Consorzio Bacino di Padova Uno, nel rispetto degli orari e delle disposizioni impartite dai gestori degli impianti stessi. Il servizio di trasporto deve avvenire con mezzi idonei e autorizzati. La movimentazione dei rifiuti, indipendentemente dalla loro natura, dovrà essere realizzata sempre nel rispetto della normativa nazionale e regionale vigente, e con modalità tali da non arrecare disturbo o fastidio alle persone, né danno all ambiente. Per favorirne la collaborazione, il Bacino ed il Comune promuoveranno opportune campagne per la conoscenza delle modalità di servizio e la sensibilizzazione della cittadinanza. Tali attività verranno realizzate nei modi e nelle forme ritenuti più opportuni, eventualmente con la collaborazione dei dipendenti della Ditta, a cui potrà essere richiesto di distribuire altro materiale informativo del peso massimo di 200 grammi, durante il normale svolgimento dei servizi stessi. Il Comune si riserva di richiedere la consegna al domicilio delle utenze che verranno specificate, di bidoni da 80 e 240 litri o di cassonetti da litri. Se non diversamente previsto dagli articoli successivi, o con- Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 3 di 15

4 cordato con il Comune richiedente, le consegne dovranno essere portate a termine il più celermente possibile, e comunque entro trenta giorni dalla richiesta (compresa l eventuale fornitura dei materiali da distribuire). Tale termine si riduce a quindici giorni per richieste fino a dieci contenitori, anche se di tipo diverso da quello sopra indicato. ARTICOLO N 2 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE VERDE PRIVATO Da marzo a novembre (inclusi), il servizio verrà effettuato con cadenza settimanale nel giorno indicato in allegato. Nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio, in tutto il territorio Comunale la raccolta verrà effettuata quindicinalmente. Relativamente alle frequenze di raccolta, l Amministrazione potrà eventualmente chiedere una modifica dei due periodi precisati sopra. I rifiuti verranno conferiti all interno di sacchi a rendere o, a perdere, di bidoni in plastica da 240 litri, di cassonetti, oppure come ramaglie legate in fasci. Per volumi di rifiuto superiori ai due metri cubi, il servizio dovrà essere richiesto alla ditta telefonicamente. L elenco di questi ultimi interventi dovrà essere fornito mensilmente all Amministrazione. Non dovranno essere raccolti i rifiuti inquinati da materiale estraneo. Sarà inoltre cura degli operatori posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti del Comune. Non saranno raccolti, in conformità con quanto previsri dalla L. 626/94, sacchi di peso superiore ai 20 kg, in caso di conferimento da parte dell utenza di sacchi pesanti, è fatto obbligo alla ditta Esecutrice di lasciare apposito avviso. L elenco degli utenti che tengono comportamenti scorretti dovrà essere inviato con cadenza quindicinale agli Uffici competenti dell Amministrazione Comunale per i provvedimenti del caso. Sarà comunque obbligo della Ditta Esecutrice di conferire all impianto di compostaggio il rifiuto verde privo di sacchi di plastica ed altre impurità non compostabili. Salvo diversa disposizione dell Amministrazione Comunale, nel servizio è compresa anche la raccolta del verde cimiteriale. Il Comune si riserva di rinunciare al servizio, o comunque di adottare modalità di raccolta del rifiuto verde diverse dall attuale sistema. ARTICOLO N 3 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE UMIDA Ad eccezione delle eventuali zone escluse dal servizio per l adesione al compostaggio domestico delle utenze ivi residenti, la raccolta della frazione umida dei RSU verrà eseguita su tutto il territorio due volte alla settimana, nei giorni indicati in allegato. Sarà compito degli addetti al servizio provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento ed alla raccolta di tutti i rifiuti che per qualsiasi motivo si trovassero sparsi sul suolo pubblico. Durante i mesi estivi (di norma dal 15 giugno al 15 settembre) potrà essere richiesto, da parte dell Amministrazione, un terzo passaggio settimanale. Non dovranno essere raccolti i rifiuti confezionati in sacchetti non approvati dall Amministrazione o inquinati da materiale estraneo. Sarà inoltre cura degli operatori posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti. L elenco degli utenti che tengono comportamenti scorretti dovrà essere inviato con cadenza quindicinale agli Uffici competenti dell Amministrazione per i provvedimenti del caso. ARTICOLO N 4 - COMPOSTAGGIO DOMESTICO Nel caso di promozione del compostaggio domestico da parte dell Amministrazione Comunale alla Ditta Esecutrice verranno comunicati i dati relativi agli utenti aderenti al compostaggio domestico, per i quali do- Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 4 di 15

5 vrà essere disattivato il servizio di raccolta della frazione umida e verde. E possibile che, in conseguenza delle adesioni dei cittadini a tale attività, si proceda all esclusione di intere vie o zone del Comune servito. ARTICOLO N 5 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE SECCA NON RICICLABILE La raccolta della frazione secca non riciclabile dei Rifiuti Urbani, compresi i piccoli ingombranti, verrà eseguita su tutto il territorio una volta alla settimana, nel giorno specificato in allegato. Sarà compito degli addetti al servizio provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento ed alla raccolta di tutti i rifiuti che per qualsiasi motivo si trovassero sparsi sul suolo pubblico. Potrà essere richiesto da parte dell Amministrazione Comunale, un secondo passaggio settimanale. ARTICOLO N 6 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE INGOMBRANTI Il servizio verrà effettuato con cadenza mensile, nel giorno indicato in allegato, previa chiamata telefonica dell utente al numero verde comunicato dalla Ditta Esecutrice, con almeno 3 giorni di anticipo. Successivamente alla raccolta, la Ditta dovrà provvedere ad una cernita del materiale, secondo quanto stabilito dal Consorzio Bacino di Padova Uno. Tale separazione inizialmente riguarda: frigoriferi, congelatori, surgelatori e condizionatori d aria; televisori, computer, stampanti ed altri apparecchi elettronici; rifiuti costituiti da legno trattato; rifiuti ferrosi; rifiuti ferrosi smaltati. L Amministrazione si riserva di indicare ulteriori tipologie di rifiuto da cernire in relazione all effettiva possibilità di recupero. Il servizio effettuato dovrà essere documentato con modalità da concordare con il Comune. Verrà richiesto l elenco delle utenze servite ed una descrizione dei materiali raccolti. Il Comune si riserva di adottare modalità di raccolta dei rifiuti ingombranti diverse dall attuale sistema. ARTICOLO N 7 - RACCOLTA DEL SECCO RECUPERABILE L Amministrazione si riserva la facoltà di definire le modalità di raccolta (porta a porta, con contenitori stradali, ecc.) più idonee per le diverse frazioni di rifiuto secco recuperabile e di concederne la gestione anche a soggetti autorizzati diversi dalla Ditta Esecutrice. Qualora la raccolta di una o più frazioni di rifiuto secco riciclabile venga effettuata con il metodo porta a porta, il servizio dovrà essere svolto secondo quanto indicato di seguito. Una volta alla settimana, nel giorno stabilito, la Ditta Esecutrice provvederà alla raccolta porta a porta del solo materiale conforme alle prescrizioni sotto indicate. La raccolta riguarderà, a settimane alterne, la carta, ed il rimanente materiale (definito multimateriale e di norma costituito da contenitori per liquidi in plastica, vetro, lattine e barattoli). Frequenze diverse potranno essere stabilite dal Comune, anche per la sola carta od il solo multimateriale. La carta dovrà essere conferita all esterno delle abitazioni, od in altro luogo indicato dal Comune, legata in pacchi, o contenuta in scatole di cartone, o comunque confezionata in modo da limitare la dispersione ad opera del vento o di altra causa. La Ditta provvederà a raccogliere, comunque, anche i rifiuti cartacei che per qualsiasi ragione dovessero spargersi sulle aree attorno al punto di conferimento. Il multimateriale dovrà essere conferito all esterno delle abitazioni, od in altro luogo indicato dal Comune. Il rifiuto dovrà essere contenuto sfuso all interno degli appositi bidoni di norma di colore giallo forniti dal Comune stesso, o, nel caso in cui questo fosse insufficiente, all interno di altri contenitori svuotabili manualmente con facilità da un operatore. La Ditta provvederà a raccogliere, comunque, anche i medesimi rifiuti che per qualsiasi ragione dovessero spargersi sulle aree attorno al punto di conferimento. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 5 di 15

6 Qualora tale raccolta venga richiesta, dovrà essere attivata entro quindici giorni dalla richiesta stessa. In tal caso, in attesa dell eventuale completamento della distribuzione dei bidoni di cui sopra, le utenze potranno effettuare i conferimenti del multimateriale all interno di altri contenitori svuotabili (compresi sacchi trasparenti aperti) manualmente con facilità da un operatore. In ogni caso è fatto obbligo alla Ditta di non raccogliere rifiuti contenuti all interno di sacchi o scatole chiuse non ispezionabili. Non dovranno essere raccolti, inoltre, i rifiuti inquinati da materiale diverso da quello sopra specificato. Sarà cura degli operatori posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti del Comune. La Ditta Esecutrice sarà comunque responsabile della corrispondenza qualitativa del materiale raccolto alle prescrizioni comunicate dal Bacino Padova Uno. A tale riguardo eventuali problemi relativi ad una diffusa mancanza di rispetto, da parte dei cittadini, delle istruzioni loro fornite, dovrà essere immediatamente segnalata al Bacino ed agli Uffici competenti del Comune, per gli opportuni provvedimenti del caso (comprese le istruzioni sull esecuzione della raccolta, sulla destinazione dei materiali, ecc.). Le penali eventualmente applicate dagli impianti di trattamento e recupero, conseguenti alla non idoneità dei rifiuti conferiti, sono da considerarsi a totale carico della Ditta Esecutrice. Gli automezzi utilizzati dovranno avere dimensioni commisurate alle caratteristiche della rete stradale, essere dotati di appositi segnalatori luminosi e di scritte identificative ben visibili. Il materiale raccolto dovrà essere trasportato ai siti indicati dal Consorzio Bacino di Padova Uno. In tutto o in parte il territorio considerato, le modalità di effettuazione del servizio e le frequenze di raccolta potranno essere modificate in qualsiasi momento, esclusivamente su richiesta del Bacino di Padova Uno o dell Amministrazione Comunale. Modifiche del servizio (n di mezzi, tipo di mezzi impiegati, ) potranno essere richiesti alla ditta Esecutrice in relazione alle esigenze degli impianti (es.grado di compattazione). Gli eventuali variazioni del prezzo dovranno essere conteggiate nel costo del servizio. Qualora la raccolta di una o più frazioni di rifiuto secco riciclabile venga effettuata mediante l impiego di contenitori stradali, il servizio dovrà essere svolto secondo quanto indicato di seguito. La ditta esecutrice si impegna, per tutta la durata del servizio, a mantenere i contenitori in condizione di funzionalità, con scritte sul materiale conferibile ben visibili ed in grado di ricevere il materiale conferito dai cittadini. Si impegna, inoltre, a realizzare, assieme ad ogni operazione di svuotamento, la raccolta del materiale riciclabile abbandonato attorno al contenitore (purché compatibile con quello del contenitore svuotato e ad eccezione di quello abbandonato nei fossati), nonché la pulizia dell area corrispondente (compatibilmente con quanto sopra specificato). Qualora i contenitori dovessero risultare vuoti, ed il materiale abbandonato a terra fosse in notevole quantità, la sua rimozione non rientrerà nei compiti della ditta esecutrice. Per consentire la verifica dello stato dei contenitori e delle zone circostanti all atto della raccolta, la ditta esecutrice si impegna a comunicare le date di esecuzione del servizio su semplice richiesta del Consorzio o del Comune. Nell ambito di questa convenzione si considerano recuperabili i seguenti materiali: relativamente ai contenitori della carta: carta (non plastificata) e cartone; relativamente ai contenitori del multimateriale: vetro, contenitori in alluminio e banda stagnata, contenitori per liquidi in plastica. La rimozione del rifiuto adiacente alle campane di natura diversa da quanto precedentemente indicato non è a carico della ditta esecutrice. Il posizionamento dei contenitori dovrà avvenire entro sessanta giorni dalla richiesta scritta del Consorzio. La richiesta di nuovi posizionamenti non potrà essere inoltrata oltre il 30/6/2000. La frequenza di svuotamento sarà indicativamente settimanale. Di norma colore e forma dei contenitori saranno quelli attualmente più diffusi (gialli per la carta e verdi per il multimateriale). Eventuali casi particolari dovranno essere valutati e concordati di volta in volta dall Amministrazione Comunale Consorziata e dall operatore del recupero, prima del posizionamento. La ditta esecutrice una volta raccolto il materiale, secondo le modalità previste, provvederà al conferimento presso il proprio centro di riciclaggio. Lo smaltimento degli scarti rimane a carico della ditta esecutrice. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 6 di 15

7 In considerazione del rilevante interesse pubblico del servizio e della necessità di evitare problemi igienico sanitari per la cittadinanza, la ditta esecutrice non potrà mai sospendere o ritardare l espletamento del servizio, dovendosi avvalere, in caso di necessità ed a sue spese, dell opera di terzi trasportatori. ARTICOLO N 8 - VERDE PUBBLICO E data facoltà al Comune di richiedere il servizio di raccolta di sfalci d erba, ramaglie e scarti verdi provenienti dalle aree pubbliche, mediante benne, cassoni scarrabili o simili. Il trasporto fino all impianto di stoccaggio e/o trattamento indicato dal Bacino verrà eseguito a seguito di chiamata da parte dell ufficio competente del Comune, entro il secondo giorno da quello di richiesta. ARTICOLO N 9 - RIFIUTI URBANI PERICOLOSI La raccolta dei rifiuti urbani pericolosi avverrà utilizzando i contenitori distribuiti sul territorio del Comune. Gli svuotamenti saranno effettuati con frequenza mensile, in un giorno da indicare al Comune, e comunque sarà tale da mantenere sempre efficienti e fruibili i punti di raccolta. Tanto la frequenza quanto la dislocazione dei contenitori potrà essere rivista dall Amministrazione Comunale secondo le necessità. I contenitori dovranno essere ben riconoscibili e riportare la scritta indicante la tipologia dei rifiuti raccolti seguita dalle eventuali immagini e descrizioni che facilitino l individuazione, da parte dell utenza, della tipologia dei rifiuti da introdurre nei contenitori. La Ditta esecutrice è responsabile della gestione dei punti di raccolta e potrà, previo accordo con l Amministrazione Comunale, modificare il numero, il tipo e la capienza dei contenitori per migliorare l efficacia e/o la praticità del servizio, mantenendo sempre e comunque almeno i punti sopraindicati. La Ditta Esecutrice si impegna, per tutta la durata del servizio, a mantenere i contenitori in condizione di funzionalità, puliti, con scritte sul materiale conferibile ben visibili ed in grado di ricevere il materiale conferito dai cittadini. La Ditta Esecutrice provvederà a raccogliere tutti i rifiuti abbandonati attorno ai contenitori ed a mantenere puliti e disinfettati sia i contenitori che le aree circostanti. La disinfezione e bonifica dei contenitori dovrà avvenire almeno semestralmente. La Ditta Esecutrice dovrà essere provvista di aree attrezzate ed autorizzate per lo stoccaggio dei rifiuti pericolosi, qualora gli stessi non vengano immediatamente avviati al trattamento finale. Il servizio comprende il trasporto fino all impianto di stoccaggio provvisorio e/o di trattamento finale che verrà concordato con il Bacino di Padova Uno. ARTICOLO N 10 - FESTE POPOLARI E MERCATI In caso di feste popolari organizzate da associazioni, partiti, centri culturali, ovvero in ogni altro caso comunicato ed autorizzato dall Amministrazione Comunale, l appaltatore dovrà provvedere, per la durata della manifestazione, alla raccolta dei rifiuti che verranno prodotti, concordando le modalità di espletamento del servizio con l Ufficio competente. Quest ultimo potrà richiedere il posizionamento e lo svuotamento di contenitori di varia volumetria in alcune zone del territorio comunale. La pulizia e disinfezione dei contenitori eventualmente utilizzati dovrà essere effettuata al termine della manifestazione. Quanto sopra indicato è da considerarsi valido anche per i mercati. In tali casi la pulizia e disinfezione dovranno avvenire al termine della giornata di mercato per i contenitori dei rifiuti organici ed ogni due mesi per i contenitori di rifiuti secchi. La fornitura ed il posizionamento dei contenitori dovrà avvenire entro cinque giorni dalla richiesta. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 7 di 15

8 ARTICOLO N 11 - SPAZZAMENTO STRADE, PIAZZE E MARCIAPIEDI, PULIZIA CESTINI PORTARIFIUTI E PULIZIA DELL AREA CIRCOSTANTE I CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Il servizio di spazzamento verrà eseguito su richiesta, con preavviso di almeno cinque giorni lavorativi, nelle zone specificate di volta in volta. Dovrà essere impiegata idonea manodopera, adeguate attrezzature (autospazzatrice stradale del tipo aspirante, con operatore) e quant altro necessario. Nel servizio sono compresi inoltre: a) lo svuotamento dei cestini portarifiuti installati presso le aree pubbliche o di uso pubblico, la sostituzione dei sacchi per la raccolta in essi contenuti e la loro periodica pulizia e disinfezione; b) il trasporto ed il conferimento del materiale raccolto; c) ogni altro onere per l esecuzione perfetta della prestazione. Con le stesse modalità potrà essere richiesta dall ufficio anche la pulizia delle aree in cui sono posizionati i contenitori per le raccolte differenziate, nonché la pulizia dei cigli stradali e delle aree mercatali. E facoltà del Consorzio affidare il servizio di cui al presente articolo ad altra Ditta, comprendendo con tale accezione anche le associazioni di cittadini, i gruppi di volontariato, le società cooperative, ecc. ARTICOLO N 12 - TRASPORTO DEI RIFIUTI I rifiuti dovranno essere trasportati e conferiti agli impianti di stoccaggio e/o trattamento fissati dal Consorzio Bacino di Padova Uno, nel rispetto degli orari e delle disposizioni impartite dai gestori degli impianti stessi. Il trasporto ed il conferimento agli impianti comprende l onere della pesatura ed ogni qualsivoglia onere e/o prestazione necessaria ad eseguire perfettamente il servizio. Il servizio di trasporto deve avvenire con mezzi idonei e autorizzati. La movimentazione dei rifiuti, indipendentemente dalla loro natura, dovrà essere realizzata sempre nel rispetto della normativa nazionale e regionale vigente, e con modalità tali da non arrecare disturbo o fastidio alle persone, né danno all ambiente. ARTICOLO N 13 - SERVIZI VARI E URGENTI Il servizio prevede: a) la raccolta ed il trasporto dei rifiuti abbandonati di qualsiasi natura; b) la rimozione di siringhe abbandonate sul suolo pubblico o di pubblico passaggio; le siringhe raccolte dovranno essere inserite in appositi contenitori e successivamente smaltite; c) la raccolta, il trasporto e lo smaltimento di resti di natura organica. Tali servizi vengono espletati su richiesta dell ufficio competente ed ogni qualvolta vengano rinvenuti, da parte del personale della Ditta Esecutrice, rifiuti abbandonati di natura non pericolosa. Per i rifiuti abbandonati per i quali si sospetta la pericolosità, è fatto obbligo alla Ditta di avvisare l ufficio competente prima della rimozione, al fine di consentirne l identificazione ed avvertire, se del caso, le autorità competenti. ARTICOLO N 14 - ATTIVAZIONE NUMERO VERDE La Ditta Esecutrice è tenuta all attivazione di un numero verde telefonico a disposizione delle utenze per tutti i casi previsti dal presente contratto di servizi. Il numero attivato non dovrà servire più di abitanti. Questo recapito dovrà essere attivo almeno dal lunedì al sabato, dalle ore 6.00 alle ore (anche con segreteria telefonica) Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 8 di 15

9 ARTICOLO N 15 - DEFINIZIONI E CRITERI GENERALI DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI ASSIMILATI Ai sensi dell articolo n 57 comma n 1 del Decreto Legislativo n 22 del , fino al momento in cui lo Stato non determinerà i criteri quali - quantitativi per l assimilazione dei rifiuti speciali ai Rifiuti Urbani si farà riferimento a quanto specificato nel Regolamento comunale del servizio di nettezza urbana. L elenco dei rifiuti assimilati viene riportato nel corrispondente allegato del presente Contratto di servizi. Per tali rifiuti saranno attivati appositi servizi tenendo conto delle effettive qualità e quantità prodotte; verrà attuata, inoltre, la differenziazione secco - umido e rifiuti secchi recuperabili non recuperabili. Ad eccezione che per i piccoli produttori definiti al successivo articolo 16, i rifiuti dovranno essere conferiti dall utente all interno di idonei contenitori (bidoni, cassonetti, benne, ecc.) di proprietà dell utente, oppure forniti dall Amministrazione o dalla Ditta di raccolta, su richiesta e secondo le modalità definite dalla stessa Amministrazione. La pulizia sarà a cura degli utenti. L Aggiudicatario è comunque tenuto, qualora venga richiesto a svolgere il servizio di lavaggio dei diversi tipi di contenitori, su chiamata, a giorno fisso settimanale per il rifiuto umido e quindicinale per i rifiuti secchi. I giorni di cui sopra verranno indicati dall Amministrazione. Salvo che per i contenitori di proprietà dell utente la manutenzione sarà a cura della Ditta Esecutrice. A tale riguardo i contenitori forniti dal Comune all inizio del servizio dovranno essere consegnati funzionanti. Sarà cura della Ditta di segnalare immediatamente all Ufficio competente, eventuali anomalie, difficoltà di servizio o comportamenti scorretti degli utenti. In particolare dovranno essere comunicati i nominativi dei piccoli produttori che risultano conferire quantità elevate di rifiuto secco non riciclabile, rispetto alle utenze domestiche. La Ditta Esecutrice sarà comunque responsabile della corrispondenza qualitativa dei rifiuti raccolti alle prescrizioni comunicate dal Bacino Padova Uno. Le penali eventualmente applicate dagli impianti di trattamento e recupero, conseguenti alla non idoneità dei rifiuti conferiti, saranno a totale carico della Ditta Esecutrice. Per i criteri generali di esecuzione del servizio, si richiama l art. 1 per quanto applicabile e non in contrasto con le disposizioni del presente allegato. ARTICOLO N 16 - SERVIZIO PER I PICCOLI PRODUTTORI Ai fini del servizio di asporto, i produttori di rifiuti assimilati in quantità paragonabili a quelle delle utenze civili, verranno considerati come utenze domestiche. I criteri indicativi per l individuazione dei piccoli produttori sono i seguenti: per il servizio riguardante il secco non riciclabile sono da considerarsi piccoli produttori gli utenti che producono mediamente fino a 300 litri alla settimana di tale rifiuto; per il servizio riguardante la carta sono da considerarsi piccoli produttori gli utenti che producono mediamente fino a 300 litri alla settimana di tale rifiuto. Il Consorzio Bacino di Padova Uno in accordo con il Comune può modificare i criteri di cui sopra. Per le rimanenti frazioni di rifiuto vale quanto definito nei successivi articoli. ARTICOLO N 17 - RIFIUTI ASSIMILATI NON RICICLABILI SECCHI Ad eccezione dei piccoli produttori definiti al precedente articolo 16, i rifiuti dovranno essere conferiti dagli utenti in appositi cassonetti (di volumetria di norma non inferiore ai 500 litri) predisposti con un sistema elettronico di identificazione dell utente stesso, e caricati su mezzi dotati di idoneo sistema di pesatura e registrazione della pesata a carico dell utente interessato. In concomitanza del servizio, all utente potrà essere rilasciata apposita ricevuta riportante il peso del materiale raccolto per ogni contenitore svuotato. Il sistema di raccolta di cui sopra dovrà essere attivato dalla Ditta Aggiudicataria entro e non oltre 90 giorni dalla data dell affidamento del servizio. Ad esclusione dei piccoli produttori definiti all art. 16, durante questo periodo la Ditta di raccolta dovrà fornire comunque l elenco delle utenze non domestiche servite e del Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 9 di 15

10 corrispondente numero di contenitori svuotati. Alle utenze servite dovrà essere rilasciata apposita ricevuta riportante il numero ed il tipo di contenitori svuotati. I cassonetti per la raccolta del rifiuto assimilato secco non riciclabile dovranno essere facilmente riconoscibili e distinguibili da quelli destinati ad altre raccolte. La manutenzione di tali cassonetti e del sistema di pesatura sarà a carico della Ditta di raccolta, che dovrà anche mantenere i contenitori ben riconoscibili per tutta la durata del servizio. Al termine del contratto il sistema elettronico fissato ai cassonetti resterà di proprietà del soggetto proprietario dei cassonetti stessi alla medesima scadenza. In alcuni casi concordati con il Comune, il servizio potrà essere svolto mediante svuotamento di benne o scarrabili. Lo svuotamento di tali contenitori dovrà avvenire su chiamata al numero verde di cui all art. 14 ( Attivazione numero verde ), entro i cinque giorni lavorativi successivi alla chiamata stessa (sabato escluso, salvo diversi accordi con l utenza). E fatto assoluto divieto alla Ditta Esecutrice di raccogliere rifiuti assimilati non riciclabili secchi con modalità diverse da quelle sopra specificate, o da altre concordate con il Consorzio Bacino di Padova Uno. L Amministrazione si riserva di richiedere la consegna dei cassonetti da e 1300 litri al domicilio delle utenze che verranno specificate. ARTICOLO N 18 - FRAZIONE UMIDA DEI RIFIUTI ASSIMILATI Il rifiuto umido proveniente da utenze non domestiche diverse da quelle di cui all art. 16 ( Servizio per i piccoli produttori ) dovrà essere conferito, sfuso od in sacchi approvati dall Amministrazione Comunale, all interno di contenitori di adeguata capacità. La raccolta avverrà con le medesime modalità e frequenza previste per le utenze domestiche. La pulizia dei contenitori dovrà avvenire secondo quanto indicato all art. 15 ( Definizioni e criteri generali di svolgimento del servizio ). ARTICOLO N 19 - VERDE DA UTENZE NON DOMESTICHE Per i grandi produttori il conferimento avverrà all interno di cassoni scarrabili o benna, e la raccolta sarà eseguita entro cinque giorni lavorativi dalla richiesta telefonica al numero verde comunicato dalla Ditta. Le rimanenti utenze non domestiche saranno considerate come piccoli produttori, ai sensi dell art. 16 ( Servizio per i piccoli produttori ). I rimanenti aspetti del conferimento e della raccolta di questa frazione di rifiuto vengono regolati in base a quanto previsto dall art. 2 ( Raccolta della frazione verde privato ). ARTICOLO N 20 - RACCOLTA CARTA E CARTONE DA UTENZE NON DOMESTICHE L Amministrazione si riserva di richiedere, anche singolarmente, l attivazione di un servizio integrativo riguardante le utenze con grande produzione di carta da macero. Il servizio sarà effettuato settimanalmente con le medesime modalità previste per le utenze domestiche, salvo che per il conferimento da parte delle Ditte, che potrà avvenire anche con cassonetti, benne o scarrabili. Per queste ultime due tipologie di contenitori il servizio verrà eseguito, nel giorno definito per il servizio, previa chiamata da parte dell utente. Alle utenze servite dovrà essere rilasciata apposita ricevuta riportante il numero ed il tipo di contenitori svuotati. E data facoltà all Amministrazione di richiedere che il giro di raccolta della carta e del cartone dei grandi produttori venga tenuto separato dalla raccolta dei medesimi rifiuti presso le rimanenti utenze. L Amministrazione Comunale si riserva comunque la facoltà di definire le modalità di raccolta più idonee (ad esempio conferimento diretto in aree apposite, ecc.) e di concederne la gestione anche a soggetti diversi dalla Ditta Esecutrice. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 10 di 15

11 ARTICOLO N 21 - RACCOLTA DEL MULTIMATERIALE DA UTENZE NON DOMESTICHE L Amministrazione si riserva di richiedere l attivazione di un servizio integrativo di raccolta del multimateriale riguardante le utenze con grande produzione di rifiuto. Il servizio sarà effettuato con le medesime modalità e frequenza previste per le utenze domestiche, salvo che per il conferimento da parte delle Ditte, che potrà avvenire anche con cassonetti od altro modo approvato preventivamente dall Amministrazione. Il Bacino di Padova Uno, sentito il Comune, si riserva comunque di rideterminare la frequenza di raccolta secondo le effettive necessità delle utenze non domestiche. ARTICOLO N 22 - RACCOLTA DI ALTRE FRAZIONI SECCHE RICICLABILI L Amministrazione si riserva di richiedere, anche singolarmente, l attivazione di un servizio integrativo di raccolta di particolari frazioni di rifiuto assimilato secco riciclabile. In alternativa il servizio potrà essere affidato ad altra Ditta, comprendendo con tale accezione anche le associazioni di cittadini, i gruppi di volontariato, le società cooperative, ecc.. ARTICOLO N 23 - ATTIVAZIONE AREA ATTREZZATA E CUSTODITA E facoltà del Comune attivare delle aree attrezzate e custodite per la raccolta dei rifiuti conferiti direttamente dai cittadini. A questo riguardo potrà essere richiesta alla Ditta Esecutrice la disponibilità di uno o più dei seguenti elementi: una persona addetta alla custodia, in orario da definire; contenitori scarrabili; contenitori multibenna altri contenitori. L addetto dovrà in particolare provvedere: ad istruire ed indirizzare opportunamente gli utenti conferenti, a vigilare, anche in base alle disposizioni via via impartite dal Comune o dal Bacino, sulla correttezza dei conferimenti, sia relativamente alla qualità dei materiali che ai soggetti conferenti, a mantenere l area ordinata ed efficiente, direttamente o segnalando alla Ditta gli interventi necessari, a tenere gli eventuali registri di carico e scarico previsti, ed a comunicare all Ufficio competente ogni condizione anomala che dovesse verificarsi. Potranno inoltre essere richieste prestazioni aggiuntive, quali l identificazione degli utenti, la pesatura in loco del materiale conferito, il rilascio di ricevute, ecc. I contenitori indicati dovranno sempre essere mantenuti in perfetta efficienza ed in grado di accogliere il materiale conferito. Giunto a riempimento, il contenitore dovrà essere trasportato al sito indicato dal Consorzio Bacino di Padova Uno per l opportuno trattamento o smaltimento del materiale, e sostituito con altro analogo. In alternativa alla movimentazione del contenitore lo svuotamento potrà avvenire anche nell area, mediante ragno meccanico od altro sistema idoneo. Il materiale, trasportato dovrà essere conforme alle prescrizioni comunicate per esso dal Consorzio Bacino di Padova Uno. In particolare qualora la gestione dell area sia affidata alla Ditta di raccolta, la stessa sarà responsabile dell adeguatezza qualitativa del rifiuto raccolto alle prescrizioni di cui sopra. In ogni caso, qualora la Ditta Esecutrice riscontri anomalie nel materiale da asportare (rifiuti estranei, sacchi neri chiusi in mezzo a rifiuto secco riciclabile, ecc.), dovrà avvisare immediatamente l Ufficio competente del Comune ed il Bacino di Padova Uno, affinché questi possano eventualmente ispezionare il rifiuto e prendere le necessarie decisioni. Ulteriori eventuali prestazioni dovranno essere concordate direttamente tra Comune e Ditta Esecutrice. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 11 di 15

12 Le modalità di gestione delle aree attrezzate saranno definite dal Comune e Consorzio Bacino di Padova Uno. Previo accordo con l Amministrazione, tali aree potranno essere utilizzate dalla Ditta in funzione di un migliore svolgimento del servizio di raccolta. E facoltà del Comune affidare la gestione dell intera area, od anche di singoli servizi o frazioni di rifiuto raccolte, ad altra Ditta, comprendendo con tale accezione anche le associazioni di cittadini, i gruppi di volontariato, le società cooperative, ecc. ARTICOLO N 24 - PRESENZA A RICHIESTA DI UN ADDETTO A DISPOSIZIONE DELL AMMINISTRAZIONE Presenza a richiesta di un addetto, eventualmente con automezzo adeguato (tipo motocarro), a disposizione dell Amministrazione per compiti vari quali ad esempio: a) raccolta dei rifiuti abbandonati sparsi su territorio comunale, compresa l area di intervento della spazzatrice; b) assistenza supplementare nello spazzamento, qualora richiesto; c) la pulizia di aiuole, marciapiedi ed ogni zona del territorio comunale che richiedesse un intervento di pulizia e sistemazione; d) la pulizia di griglie su fossi, rogge e canali. La disponibilità dell addetto all Amministrazione deve essere data entro giorni 3 dalla chiamata. Per la rimozione di grandi quantità di rifiuto, occasionalmente potrà essere richiesta la presenza di un addetto con camion dotato di ragno. ARTICOLO N 25 - PULIZIA CADITOIE E POZZETTI Potranno essere richiesti dall Amministrazione interventi per la pulizia di caditoie e pozzetti, da eseguirsi con personale e mezzi adeguati. ARTICOLO N 26 - FORNITURE E NOLEGGI DI MATERIALI E ATTREZZATURE I materiali (contenitori, cassonetti,...) forniti o noleggiati devono essere nuovi, perfettamente efficienti e completi di scritte sui rifiuti da inserire; a questi devono riferirsi le offerte indicate. Il Consorzio e l Amministrazione Comunale interessate si riservano di prendere in considerazione di volta in volta forniture o noleggi riguardanti materiali usati. Per le forniture ed i noleggi, il Consorzio e l Amministrazione Comunale avrà la facoltà di rivolgersi anche ad altre Ditte. ARTICOLO N 27 TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI Il servizio comprende il trattamento (recupero o smaltimento) dei rifiuti urbani raccolti nel territorio Comunale. Gli impianti di trattamento saranno individuati dal Consorzio bacino di Padova Uno secondo criteri di efficacia, efficienza ed economicità e nel rispetto delle disposizioni Statali, Regionali e Provinciali. Per l individuazione degli impianti verrà tenuto in debito conto la distanza tra l impianto e il Comune. Il Consorzio si riserva di allestire opportune stazioni di travaso per ridurre i costi relativi al trasporto nel caso la distanza tra Comune ed impianto comporti rilevanti oneri di trasporto. Dovranno essere osservate dalle Ditte appaltatrici e dal Comune le prescrizioni che i diversi impianti danno relativamente agli orari di conferimento, alle modalità di scarico e alle caratteristiche qualitative dei materiali conferiti, in caso di inadempienza è fatto salvo la possibilità di respingere il carico. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 12 di 15

13 In particolare per la frazione umida il materiale deve essere conferito in sacchi idonei, conferimenti diversi possono essere oggetto oneri aggiuntivi. ARTICOLO N 28 CENSIMENTO DITTE E RILEVAZIONE DATI UTILI PER TARIFFAZIONE RIFIUTI L attività è finalizzata alla determinazione della produzione quali-quantitativa dei rifiuti urbani e speciali prodotti dalle utenze non domestiche residenti nel Comune. I termini in cui si dovrà svolgere l attività verranno definiti congiuntamente dalle parti: Il censimento potrà riguardare anche alcuni dati concernenti le emissioni atmosferiche e la gestione delle acque e degli scarichi fognari oltre alla verifica dei numeri civici; informativa pubblica nel mese di settembre E fatto obbligo di agli uffici Comunali (anagrafe, commercio, tributi e tecnico) di collaborare con il Consorzio per la realizzazione del censimento fornendo tutte le informazioni e le banche dati in possesso che hanno attinenza con l attività. Gli incaricati all esecuzione del censimento si presenteranno alle ditte muniti di tesserino di riconoscimento opportunamente vidimato dal Comune e dal Consorzio; in caso di richiesta delle ditte l ufficio tecnico fornirà le informazioni necessarie all identificazione del incaricato. Preliminarmente alla verifica presso le aziende verranno acquisite le banche dati disponibili (CCIAA, Ruolo Rifiuti, Banca dati acquedotto e fognatura, MUD, Eventuali ricerche precedentemente svolte nel territorio utili allo scopo. ) I dati raccolti vengono informatizzati, e successivamente elaborati sia su database (Access e Excel) con opportune elaborazioni grafiche (istogrammi, torte, ecc.). I risultati saranno resi disponibili sia in forma dettagliata (per ogni singola utenza) che in forma aggregata. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 13 di 15

14 norme svolgimento.doc SUBALLEGATO A: PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE ATTUALI MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL COMUNE DI: Descrizione raccolta Piazzola sul Brenta (popolazione al 31/12/00: ) materiale metodo frequenza raccolta (alla settimana) secco porta a porta 1 umido porta a porta (Mater-B - 10 l.) 2 verde su sacchi 1 porta a porta carta sfusa 0.5 porta a porta vetro, lattine, contenitori per liquidi in su bidoni 1 plastica porta a porta rifiuti ingombranti porta porta su chiamata rifiuti urbani pericolosi contenitori stradali a riempimento SUBALLEGATO B: CARATTERISTICHE INDICATIVE DEI CONTENITORI USATI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI Tutti i contenitori dovranno essere idonei all uso a cui sono destinati e preventivamente approvati dal Comune e dal Consorzio Bacino di Padova Uno. TIPO bidoni da 80 litri bidoni da 120 litri bidoni da 240 litri cassonetti da litri cassonetti da 1300 litri benne cassoni scarrabili DESCRIZIONE INDICATIVA in materiale plastico, cilindrico, di colore giallo e dotato di coperchio in materiale plastico, carrellato e dotato di coperchio in materiale plastico, carrellato e dotato di coperchio normali cassonetti con ruote ordinario cassonetto per la raccolta RSU ordinarie benne almeno da 5 m3 ordinari scarrabili almeno da 20 m3 Per esigenze particolari potranno essere utilizzati contenitori aventi dimensioni e caratteristiche diverse da quelle sopra indicate.

15 norme svolgimento.doc SUBALLEGATO C : LISTA DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI - imballaggi in genere (di carta, cartone, plastica, legno, metalli e simili) - contenitori vuoti (fusti, vuoti di vetro, plastica, metallo, latte, lattine e simili) - sacchi e sacchetti di carta o plastica, fogli di carta, plastica, cellophane, cassette, pallets - accoppiati quali carta plastificata, carta metallizzata, carta adesiva, carta catramata, fogli di plastica metallizzati e simili - frammenti di manufatti di vimini e sughero - paglia e prodotti di paglia - scarti di legno derivanti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segatura - fibra di legno e pasta di legno, anche umida purché palpabile - ritagli e scarti di tessuto di fibra naturale e sintetica, stracci e juta - feltri e tessuti non tessuti - pelle e similpelle - gomma, caucciù (polvere e ritagli) e manufatti composti prevalentemente di tali materiali come camere d aria e copertoni - resine termoplastiche e termoindurenti in genere allo stadio solido e manufatti composti da tali materiali - rifiuti ingombranti analoghi a quelli di cui all'articolo 2, comma 3, punto 2), del DPR , N imbottiture, isolanti termici ed acustici costituiti da sostanze naturali e sintetiche, quali lane di vetro e di roccia, espansi plastici e minerali, e simili - moquette, linoleum, tappezzerie, pavimenti e rivestimenti in genere - materiali vari in pannelli (di legno, gesso, plastica e simili) - frammenti e manufatti di stucco e di gesso essiccati - manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili - nastri abrasivi - cavi e materiale elettrico in genere - pellicole e lastre fotografiche e radiografiche sviluppate - scarti in genere della produzione di alimentari, purché non allo stato liquido, quali ad esempio scarti di caffè, scarti dell'industria molitoria e della pastificazione, partite di alimenti deteriorati, anche inscatolati o comunque imballati, scarti derivanti dalla lavorazione di frutta e ortaggi, caseina, sanse esauste e simili - scarti vegetali in genere, erbe, fiori, piante, verdure, ecc., anche derivati da lavorazioni basate su processi meccanici (bucce, baccelli, pula, scarti di sgranatura e di trebbiatura e simili) - residui animali e vegetali derivanti dall'estrazione di principi attivi - accessori per I' informatica (articolo 39, comma 1, legge , N. 146) - mondiglia (ovvero rifiuto proveniente dalla sezione di grigliatura degli impianti di depurazione delle acque reflue purché opportunamente igienizzato)

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Deliberazione n. 105

Deliberazione n. 105 Protocollo RC n. 856/03! Anno 2005 VERBALE N. 32 Deliberazione n. 105 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 maggio 2005 Presidenza: MANNINO - CIRINNA' L

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

CO M U N E D I AV E L L I N O

CO M U N E D I AV E L L I N O COMUNE DI AVELLINO R E G O L A M E N T O P E R L I S T I T U Z I O N E E L A P P L I C A Z I O N E D E L T R I B U T O C O M U N A L E S U I R I F I U T I E S U I S E R V I Z I ( T A R E S ) R I F E R

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Validità a partire dal: 05 agosto 2013 CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Le presenti Condizioni Generali, che si compongono di 13 articoli, disciplinano il Servizio Quick Pack Europe (di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli