ALLEGATO B NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO B NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI"

Transcript

1 ALLEGATO B NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 1 di 15

2 NORME DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E DI RACCOLTA, TRASPORTO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ANCHE ASSIMILATI... 1 ARTICOLO N 1 - RACCOLTE DOMICILIARI O PORTA A PORTA... 3 ARTICOLO N 2 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE VERDE PRIVATO... 4 ARTICOLO N 3 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE UMIDA... 4 ARTICOLO N 4 - COMPOSTAGGIO DOMESTICO... 4 ARTICOLO N 5 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE SECCA NON RICICLABILE... 5 ARTICOLO N 6 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE INGOMBRANTI... 5 ARTICOLO N 7 - RACCOLTA DEL SECCO RECUPERABILE... 5 ARTICOLO N 8 - VERDE PUBBLICO... 7 ARTICOLO N 9 - RIFIUTI URBANI PERICOLOSI... 7 ARTICOLO N 10 - FESTE POPOLARI E MERCATI... 7 ARTICOLO N 11 - SPAZZAMENTO STRADE, PIAZZE E MARCIAPIEDI, PULIZIA CESTINI PORTARIFIUTI E PULIZIA DELL AREA CIRCOSTANTE I CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA... 8 ARTICOLO N 12 - TRASPORTO DEI RIFIUTI... 8 ARTICOLO N 13 - SERVIZI VARI E URGENTI... 8 ARTICOLO N 14 - ATTIVAZIONE NUMERO VERDE... 8 ARTICOLO N 15 - DEFINIZIONI E CRITERI GENERALI DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI ASSIMILATI... 9 ARTICOLO N 16 - SERVIZIO PER I PICCOLI PRODUTTORI... 9 ARTICOLO N 17 - RIFIUTI ASSIMILATI NON RICICLABILI SECCHI... 9 ARTICOLO N 18 - FRAZIONE UMIDA DEI RIFIUTI ASSIMILATI ARTICOLO N 19 - VERDE DA UTENZE NON DOMESTICHE ARTICOLO N 20 - RACCOLTA CARTA E CARTONE DA UTENZE NON DOMESTICHE ARTICOLO N 21 - RACCOLTA DEL MULTIMATERIALE DA UTENZE NON DOMESTICHE ARTICOLO N 22 - RACCOLTA DI ALTRE FRAZIONI SECCHE RICICLABILI ARTICOLO N 23 - ATTIVAZIONE AREA ATTREZZATA E CUSTODITA ARTICOLO N 24 - PRESENZA A RICHIESTA DI UN ADDETTO A DISPOSIZIONE DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO N 25 - PULIZIA CADITOIE E POZZETTI ARTICOLO N 26 - FORNITURE E NOLEGGI DI MATERIALI E ATTREZZATURE ARTICOLO N 27 TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI ARTICOLO N 28 CENSIMENTO DITTE E RILEVAZIONE DATI UTILI PER TARIFFAZIONE RIFIUTI SUBALLEGATO A: PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE ATTUALI MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL COMUNE DI: SUBALLEGATO B: CARATTERISTICHE INDICATIVE DEI CONTENITORI USATI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SUBALLEGATO C : LISTA DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 2 di 15

3 ARTICOLO N 1 - RACCOLTE DOMICILIARI O PORTA A PORTA Il servizio di raccolta delle diverse frazioni di rifiuto urbano verrà attuato, di norma, con la separazione dei flussi mediante il sistema di raccolte domiciliari porta a porta, secondo quanto precisato nei successivi articoli. Il servizio verrà eseguito con idonea manodopera e adeguate attrezzature in tutto il territorio del Comune. Il Bacino, sentito il Comune, si riserva di chiedere adeguamenti o modifiche agli itinerari di raccolta previsti inizialmente, allo scopo di razionalizzare l intero sistema. Gli automezzi utilizzati dovranno avere dimensioni commisurate alle caratteristiche della rete viaria, essere dotati di appositi segnalatori luminosi e di scritte identificative ben visibili. La movimentazione dei rifiuti dovrà avvenire con mezzi provvisti di cassone stagno. Il servizio consiste nella raccolta porta a porta dei contenitori o dei sacchetti, che avverrà al piano terra di ogni stabile, nella parte esterna della recinzione lungo il marciapiede o la strada. La Ditta esecutrice passerà porta a porta provvedendo alla raccolta manuale dei contenitori o dei sacchetti (o del loro contenuto). Questi verranno collocati, nel giorno e nell ora prefissati, davanti all ingresso dell abitazione o negli spazi appositamente indicati dagli Uffici competenti. E fatto obbligo alla Ditta stessa di astenersi dal raccogliere i rifiuti, qualora gli stessi non siano conformi (per natura o confezionamento) a quanto previsto nel presente allegato od a quanto indicato dall Ufficio competente. In tali casi sarà cura degli addetti alla raccolta di posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti. La responsabilità sulla qualità dei materiali raccolti è della Ditta Esecutrice; a suo carico, quindi, sono da considerarsi le penali eventualmente applicate dagli impianti di smaltimento, trattamento o recupero, conseguenti alla non idoneità dei rifiuti ad essi conferiti. Sarà compito degli addetti al servizio provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento ed alla raccolta di tutti i rifiuti che per qualsiasi motivo si trovassero sparsi sul suolo pubblico. Il servizio verrà eseguito nelle prime ore del mattino secondo le disposizioni e gli orari che verranno stabiliti zona per zona dall Amministrazione. In particolare, il passaggio nelle zone centrali dovrà avvenire entro l orario specificato dall Amministrazione Comunale. Sia gli orari che i giorni e le frequenze di raccolta sono modificabili secondo necessità, previa richiesta dell Amministrazione e con preavviso di almeno quarantacinque giorni al Consorzio. In caso di festività infrasettimanali, la raccolta potrà essere anticipata o posticipata di un solo giorno. In caso di più giorni di festa consecutivi, dovrà comunque essere garantito il servizio entro il terzo giorno da quello normalmente stabilito. Lo spostamento del giorno di raccolta verrà comunicato, a cura e spese della Ditta Esecutrice, con almeno 10 (dieci) giorni di anticipo all Ufficio competente e, con volantini, agli utenti interessati, salvo che agli utenti non sia già stato distribuito un calendario delle raccolte concordato con l Amministrazione. Per tutti i servizi prestati, la ditta Esecutrice è tenuta a comunicare all Amministrazione l orario di inizio del servizio ed il percorso seguito dalle squadre. I rifiuti dovranno essere trasportati e conferiti agli impianti di stoccaggio e/o trattamento fissati dal Consorzio Bacino di Padova Uno, nel rispetto degli orari e delle disposizioni impartite dai gestori degli impianti stessi. Il servizio di trasporto deve avvenire con mezzi idonei e autorizzati. La movimentazione dei rifiuti, indipendentemente dalla loro natura, dovrà essere realizzata sempre nel rispetto della normativa nazionale e regionale vigente, e con modalità tali da non arrecare disturbo o fastidio alle persone, né danno all ambiente. Per favorirne la collaborazione, il Bacino ed il Comune promuoveranno opportune campagne per la conoscenza delle modalità di servizio e la sensibilizzazione della cittadinanza. Tali attività verranno realizzate nei modi e nelle forme ritenuti più opportuni, eventualmente con la collaborazione dei dipendenti della Ditta, a cui potrà essere richiesto di distribuire altro materiale informativo del peso massimo di 200 grammi, durante il normale svolgimento dei servizi stessi. Il Comune si riserva di richiedere la consegna al domicilio delle utenze che verranno specificate, di bidoni da 80 e 240 litri o di cassonetti da litri. Se non diversamente previsto dagli articoli successivi, o con- Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 3 di 15

4 cordato con il Comune richiedente, le consegne dovranno essere portate a termine il più celermente possibile, e comunque entro trenta giorni dalla richiesta (compresa l eventuale fornitura dei materiali da distribuire). Tale termine si riduce a quindici giorni per richieste fino a dieci contenitori, anche se di tipo diverso da quello sopra indicato. ARTICOLO N 2 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE VERDE PRIVATO Da marzo a novembre (inclusi), il servizio verrà effettuato con cadenza settimanale nel giorno indicato in allegato. Nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio, in tutto il territorio Comunale la raccolta verrà effettuata quindicinalmente. Relativamente alle frequenze di raccolta, l Amministrazione potrà eventualmente chiedere una modifica dei due periodi precisati sopra. I rifiuti verranno conferiti all interno di sacchi a rendere o, a perdere, di bidoni in plastica da 240 litri, di cassonetti, oppure come ramaglie legate in fasci. Per volumi di rifiuto superiori ai due metri cubi, il servizio dovrà essere richiesto alla ditta telefonicamente. L elenco di questi ultimi interventi dovrà essere fornito mensilmente all Amministrazione. Non dovranno essere raccolti i rifiuti inquinati da materiale estraneo. Sarà inoltre cura degli operatori posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti del Comune. Non saranno raccolti, in conformità con quanto previsri dalla L. 626/94, sacchi di peso superiore ai 20 kg, in caso di conferimento da parte dell utenza di sacchi pesanti, è fatto obbligo alla ditta Esecutrice di lasciare apposito avviso. L elenco degli utenti che tengono comportamenti scorretti dovrà essere inviato con cadenza quindicinale agli Uffici competenti dell Amministrazione Comunale per i provvedimenti del caso. Sarà comunque obbligo della Ditta Esecutrice di conferire all impianto di compostaggio il rifiuto verde privo di sacchi di plastica ed altre impurità non compostabili. Salvo diversa disposizione dell Amministrazione Comunale, nel servizio è compresa anche la raccolta del verde cimiteriale. Il Comune si riserva di rinunciare al servizio, o comunque di adottare modalità di raccolta del rifiuto verde diverse dall attuale sistema. ARTICOLO N 3 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE UMIDA Ad eccezione delle eventuali zone escluse dal servizio per l adesione al compostaggio domestico delle utenze ivi residenti, la raccolta della frazione umida dei RSU verrà eseguita su tutto il territorio due volte alla settimana, nei giorni indicati in allegato. Sarà compito degli addetti al servizio provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento ed alla raccolta di tutti i rifiuti che per qualsiasi motivo si trovassero sparsi sul suolo pubblico. Durante i mesi estivi (di norma dal 15 giugno al 15 settembre) potrà essere richiesto, da parte dell Amministrazione, un terzo passaggio settimanale. Non dovranno essere raccolti i rifiuti confezionati in sacchetti non approvati dall Amministrazione o inquinati da materiale estraneo. Sarà inoltre cura degli operatori posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti. L elenco degli utenti che tengono comportamenti scorretti dovrà essere inviato con cadenza quindicinale agli Uffici competenti dell Amministrazione per i provvedimenti del caso. ARTICOLO N 4 - COMPOSTAGGIO DOMESTICO Nel caso di promozione del compostaggio domestico da parte dell Amministrazione Comunale alla Ditta Esecutrice verranno comunicati i dati relativi agli utenti aderenti al compostaggio domestico, per i quali do- Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 4 di 15

5 vrà essere disattivato il servizio di raccolta della frazione umida e verde. E possibile che, in conseguenza delle adesioni dei cittadini a tale attività, si proceda all esclusione di intere vie o zone del Comune servito. ARTICOLO N 5 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE SECCA NON RICICLABILE La raccolta della frazione secca non riciclabile dei Rifiuti Urbani, compresi i piccoli ingombranti, verrà eseguita su tutto il territorio una volta alla settimana, nel giorno specificato in allegato. Sarà compito degli addetti al servizio provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento ed alla raccolta di tutti i rifiuti che per qualsiasi motivo si trovassero sparsi sul suolo pubblico. Potrà essere richiesto da parte dell Amministrazione Comunale, un secondo passaggio settimanale. ARTICOLO N 6 - RACCOLTA DELLA FRAZIONE INGOMBRANTI Il servizio verrà effettuato con cadenza mensile, nel giorno indicato in allegato, previa chiamata telefonica dell utente al numero verde comunicato dalla Ditta Esecutrice, con almeno 3 giorni di anticipo. Successivamente alla raccolta, la Ditta dovrà provvedere ad una cernita del materiale, secondo quanto stabilito dal Consorzio Bacino di Padova Uno. Tale separazione inizialmente riguarda: frigoriferi, congelatori, surgelatori e condizionatori d aria; televisori, computer, stampanti ed altri apparecchi elettronici; rifiuti costituiti da legno trattato; rifiuti ferrosi; rifiuti ferrosi smaltati. L Amministrazione si riserva di indicare ulteriori tipologie di rifiuto da cernire in relazione all effettiva possibilità di recupero. Il servizio effettuato dovrà essere documentato con modalità da concordare con il Comune. Verrà richiesto l elenco delle utenze servite ed una descrizione dei materiali raccolti. Il Comune si riserva di adottare modalità di raccolta dei rifiuti ingombranti diverse dall attuale sistema. ARTICOLO N 7 - RACCOLTA DEL SECCO RECUPERABILE L Amministrazione si riserva la facoltà di definire le modalità di raccolta (porta a porta, con contenitori stradali, ecc.) più idonee per le diverse frazioni di rifiuto secco recuperabile e di concederne la gestione anche a soggetti autorizzati diversi dalla Ditta Esecutrice. Qualora la raccolta di una o più frazioni di rifiuto secco riciclabile venga effettuata con il metodo porta a porta, il servizio dovrà essere svolto secondo quanto indicato di seguito. Una volta alla settimana, nel giorno stabilito, la Ditta Esecutrice provvederà alla raccolta porta a porta del solo materiale conforme alle prescrizioni sotto indicate. La raccolta riguarderà, a settimane alterne, la carta, ed il rimanente materiale (definito multimateriale e di norma costituito da contenitori per liquidi in plastica, vetro, lattine e barattoli). Frequenze diverse potranno essere stabilite dal Comune, anche per la sola carta od il solo multimateriale. La carta dovrà essere conferita all esterno delle abitazioni, od in altro luogo indicato dal Comune, legata in pacchi, o contenuta in scatole di cartone, o comunque confezionata in modo da limitare la dispersione ad opera del vento o di altra causa. La Ditta provvederà a raccogliere, comunque, anche i rifiuti cartacei che per qualsiasi ragione dovessero spargersi sulle aree attorno al punto di conferimento. Il multimateriale dovrà essere conferito all esterno delle abitazioni, od in altro luogo indicato dal Comune. Il rifiuto dovrà essere contenuto sfuso all interno degli appositi bidoni di norma di colore giallo forniti dal Comune stesso, o, nel caso in cui questo fosse insufficiente, all interno di altri contenitori svuotabili manualmente con facilità da un operatore. La Ditta provvederà a raccogliere, comunque, anche i medesimi rifiuti che per qualsiasi ragione dovessero spargersi sulle aree attorno al punto di conferimento. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 5 di 15

6 Qualora tale raccolta venga richiesta, dovrà essere attivata entro quindici giorni dalla richiesta stessa. In tal caso, in attesa dell eventuale completamento della distribuzione dei bidoni di cui sopra, le utenze potranno effettuare i conferimenti del multimateriale all interno di altri contenitori svuotabili (compresi sacchi trasparenti aperti) manualmente con facilità da un operatore. In ogni caso è fatto obbligo alla Ditta di non raccogliere rifiuti contenuti all interno di sacchi o scatole chiuse non ispezionabili. Non dovranno essere raccolti, inoltre, i rifiuti inquinati da materiale diverso da quello sopra specificato. Sarà cura degli operatori posizionare, in prossimità del rifiuto conferito irregolarmente, apposite indicazioni concordate preventivamente con gli Uffici competenti del Comune. La Ditta Esecutrice sarà comunque responsabile della corrispondenza qualitativa del materiale raccolto alle prescrizioni comunicate dal Bacino Padova Uno. A tale riguardo eventuali problemi relativi ad una diffusa mancanza di rispetto, da parte dei cittadini, delle istruzioni loro fornite, dovrà essere immediatamente segnalata al Bacino ed agli Uffici competenti del Comune, per gli opportuni provvedimenti del caso (comprese le istruzioni sull esecuzione della raccolta, sulla destinazione dei materiali, ecc.). Le penali eventualmente applicate dagli impianti di trattamento e recupero, conseguenti alla non idoneità dei rifiuti conferiti, sono da considerarsi a totale carico della Ditta Esecutrice. Gli automezzi utilizzati dovranno avere dimensioni commisurate alle caratteristiche della rete stradale, essere dotati di appositi segnalatori luminosi e di scritte identificative ben visibili. Il materiale raccolto dovrà essere trasportato ai siti indicati dal Consorzio Bacino di Padova Uno. In tutto o in parte il territorio considerato, le modalità di effettuazione del servizio e le frequenze di raccolta potranno essere modificate in qualsiasi momento, esclusivamente su richiesta del Bacino di Padova Uno o dell Amministrazione Comunale. Modifiche del servizio (n di mezzi, tipo di mezzi impiegati, ) potranno essere richiesti alla ditta Esecutrice in relazione alle esigenze degli impianti (es.grado di compattazione). Gli eventuali variazioni del prezzo dovranno essere conteggiate nel costo del servizio. Qualora la raccolta di una o più frazioni di rifiuto secco riciclabile venga effettuata mediante l impiego di contenitori stradali, il servizio dovrà essere svolto secondo quanto indicato di seguito. La ditta esecutrice si impegna, per tutta la durata del servizio, a mantenere i contenitori in condizione di funzionalità, con scritte sul materiale conferibile ben visibili ed in grado di ricevere il materiale conferito dai cittadini. Si impegna, inoltre, a realizzare, assieme ad ogni operazione di svuotamento, la raccolta del materiale riciclabile abbandonato attorno al contenitore (purché compatibile con quello del contenitore svuotato e ad eccezione di quello abbandonato nei fossati), nonché la pulizia dell area corrispondente (compatibilmente con quanto sopra specificato). Qualora i contenitori dovessero risultare vuoti, ed il materiale abbandonato a terra fosse in notevole quantità, la sua rimozione non rientrerà nei compiti della ditta esecutrice. Per consentire la verifica dello stato dei contenitori e delle zone circostanti all atto della raccolta, la ditta esecutrice si impegna a comunicare le date di esecuzione del servizio su semplice richiesta del Consorzio o del Comune. Nell ambito di questa convenzione si considerano recuperabili i seguenti materiali: relativamente ai contenitori della carta: carta (non plastificata) e cartone; relativamente ai contenitori del multimateriale: vetro, contenitori in alluminio e banda stagnata, contenitori per liquidi in plastica. La rimozione del rifiuto adiacente alle campane di natura diversa da quanto precedentemente indicato non è a carico della ditta esecutrice. Il posizionamento dei contenitori dovrà avvenire entro sessanta giorni dalla richiesta scritta del Consorzio. La richiesta di nuovi posizionamenti non potrà essere inoltrata oltre il 30/6/2000. La frequenza di svuotamento sarà indicativamente settimanale. Di norma colore e forma dei contenitori saranno quelli attualmente più diffusi (gialli per la carta e verdi per il multimateriale). Eventuali casi particolari dovranno essere valutati e concordati di volta in volta dall Amministrazione Comunale Consorziata e dall operatore del recupero, prima del posizionamento. La ditta esecutrice una volta raccolto il materiale, secondo le modalità previste, provvederà al conferimento presso il proprio centro di riciclaggio. Lo smaltimento degli scarti rimane a carico della ditta esecutrice. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 6 di 15

7 In considerazione del rilevante interesse pubblico del servizio e della necessità di evitare problemi igienico sanitari per la cittadinanza, la ditta esecutrice non potrà mai sospendere o ritardare l espletamento del servizio, dovendosi avvalere, in caso di necessità ed a sue spese, dell opera di terzi trasportatori. ARTICOLO N 8 - VERDE PUBBLICO E data facoltà al Comune di richiedere il servizio di raccolta di sfalci d erba, ramaglie e scarti verdi provenienti dalle aree pubbliche, mediante benne, cassoni scarrabili o simili. Il trasporto fino all impianto di stoccaggio e/o trattamento indicato dal Bacino verrà eseguito a seguito di chiamata da parte dell ufficio competente del Comune, entro il secondo giorno da quello di richiesta. ARTICOLO N 9 - RIFIUTI URBANI PERICOLOSI La raccolta dei rifiuti urbani pericolosi avverrà utilizzando i contenitori distribuiti sul territorio del Comune. Gli svuotamenti saranno effettuati con frequenza mensile, in un giorno da indicare al Comune, e comunque sarà tale da mantenere sempre efficienti e fruibili i punti di raccolta. Tanto la frequenza quanto la dislocazione dei contenitori potrà essere rivista dall Amministrazione Comunale secondo le necessità. I contenitori dovranno essere ben riconoscibili e riportare la scritta indicante la tipologia dei rifiuti raccolti seguita dalle eventuali immagini e descrizioni che facilitino l individuazione, da parte dell utenza, della tipologia dei rifiuti da introdurre nei contenitori. La Ditta esecutrice è responsabile della gestione dei punti di raccolta e potrà, previo accordo con l Amministrazione Comunale, modificare il numero, il tipo e la capienza dei contenitori per migliorare l efficacia e/o la praticità del servizio, mantenendo sempre e comunque almeno i punti sopraindicati. La Ditta Esecutrice si impegna, per tutta la durata del servizio, a mantenere i contenitori in condizione di funzionalità, puliti, con scritte sul materiale conferibile ben visibili ed in grado di ricevere il materiale conferito dai cittadini. La Ditta Esecutrice provvederà a raccogliere tutti i rifiuti abbandonati attorno ai contenitori ed a mantenere puliti e disinfettati sia i contenitori che le aree circostanti. La disinfezione e bonifica dei contenitori dovrà avvenire almeno semestralmente. La Ditta Esecutrice dovrà essere provvista di aree attrezzate ed autorizzate per lo stoccaggio dei rifiuti pericolosi, qualora gli stessi non vengano immediatamente avviati al trattamento finale. Il servizio comprende il trasporto fino all impianto di stoccaggio provvisorio e/o di trattamento finale che verrà concordato con il Bacino di Padova Uno. ARTICOLO N 10 - FESTE POPOLARI E MERCATI In caso di feste popolari organizzate da associazioni, partiti, centri culturali, ovvero in ogni altro caso comunicato ed autorizzato dall Amministrazione Comunale, l appaltatore dovrà provvedere, per la durata della manifestazione, alla raccolta dei rifiuti che verranno prodotti, concordando le modalità di espletamento del servizio con l Ufficio competente. Quest ultimo potrà richiedere il posizionamento e lo svuotamento di contenitori di varia volumetria in alcune zone del territorio comunale. La pulizia e disinfezione dei contenitori eventualmente utilizzati dovrà essere effettuata al termine della manifestazione. Quanto sopra indicato è da considerarsi valido anche per i mercati. In tali casi la pulizia e disinfezione dovranno avvenire al termine della giornata di mercato per i contenitori dei rifiuti organici ed ogni due mesi per i contenitori di rifiuti secchi. La fornitura ed il posizionamento dei contenitori dovrà avvenire entro cinque giorni dalla richiesta. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 7 di 15

8 ARTICOLO N 11 - SPAZZAMENTO STRADE, PIAZZE E MARCIAPIEDI, PULIZIA CESTINI PORTARIFIUTI E PULIZIA DELL AREA CIRCOSTANTE I CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Il servizio di spazzamento verrà eseguito su richiesta, con preavviso di almeno cinque giorni lavorativi, nelle zone specificate di volta in volta. Dovrà essere impiegata idonea manodopera, adeguate attrezzature (autospazzatrice stradale del tipo aspirante, con operatore) e quant altro necessario. Nel servizio sono compresi inoltre: a) lo svuotamento dei cestini portarifiuti installati presso le aree pubbliche o di uso pubblico, la sostituzione dei sacchi per la raccolta in essi contenuti e la loro periodica pulizia e disinfezione; b) il trasporto ed il conferimento del materiale raccolto; c) ogni altro onere per l esecuzione perfetta della prestazione. Con le stesse modalità potrà essere richiesta dall ufficio anche la pulizia delle aree in cui sono posizionati i contenitori per le raccolte differenziate, nonché la pulizia dei cigli stradali e delle aree mercatali. E facoltà del Consorzio affidare il servizio di cui al presente articolo ad altra Ditta, comprendendo con tale accezione anche le associazioni di cittadini, i gruppi di volontariato, le società cooperative, ecc. ARTICOLO N 12 - TRASPORTO DEI RIFIUTI I rifiuti dovranno essere trasportati e conferiti agli impianti di stoccaggio e/o trattamento fissati dal Consorzio Bacino di Padova Uno, nel rispetto degli orari e delle disposizioni impartite dai gestori degli impianti stessi. Il trasporto ed il conferimento agli impianti comprende l onere della pesatura ed ogni qualsivoglia onere e/o prestazione necessaria ad eseguire perfettamente il servizio. Il servizio di trasporto deve avvenire con mezzi idonei e autorizzati. La movimentazione dei rifiuti, indipendentemente dalla loro natura, dovrà essere realizzata sempre nel rispetto della normativa nazionale e regionale vigente, e con modalità tali da non arrecare disturbo o fastidio alle persone, né danno all ambiente. ARTICOLO N 13 - SERVIZI VARI E URGENTI Il servizio prevede: a) la raccolta ed il trasporto dei rifiuti abbandonati di qualsiasi natura; b) la rimozione di siringhe abbandonate sul suolo pubblico o di pubblico passaggio; le siringhe raccolte dovranno essere inserite in appositi contenitori e successivamente smaltite; c) la raccolta, il trasporto e lo smaltimento di resti di natura organica. Tali servizi vengono espletati su richiesta dell ufficio competente ed ogni qualvolta vengano rinvenuti, da parte del personale della Ditta Esecutrice, rifiuti abbandonati di natura non pericolosa. Per i rifiuti abbandonati per i quali si sospetta la pericolosità, è fatto obbligo alla Ditta di avvisare l ufficio competente prima della rimozione, al fine di consentirne l identificazione ed avvertire, se del caso, le autorità competenti. ARTICOLO N 14 - ATTIVAZIONE NUMERO VERDE La Ditta Esecutrice è tenuta all attivazione di un numero verde telefonico a disposizione delle utenze per tutti i casi previsti dal presente contratto di servizi. Il numero attivato non dovrà servire più di abitanti. Questo recapito dovrà essere attivo almeno dal lunedì al sabato, dalle ore 6.00 alle ore (anche con segreteria telefonica) Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 8 di 15

9 ARTICOLO N 15 - DEFINIZIONI E CRITERI GENERALI DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI ASSIMILATI Ai sensi dell articolo n 57 comma n 1 del Decreto Legislativo n 22 del , fino al momento in cui lo Stato non determinerà i criteri quali - quantitativi per l assimilazione dei rifiuti speciali ai Rifiuti Urbani si farà riferimento a quanto specificato nel Regolamento comunale del servizio di nettezza urbana. L elenco dei rifiuti assimilati viene riportato nel corrispondente allegato del presente Contratto di servizi. Per tali rifiuti saranno attivati appositi servizi tenendo conto delle effettive qualità e quantità prodotte; verrà attuata, inoltre, la differenziazione secco - umido e rifiuti secchi recuperabili non recuperabili. Ad eccezione che per i piccoli produttori definiti al successivo articolo 16, i rifiuti dovranno essere conferiti dall utente all interno di idonei contenitori (bidoni, cassonetti, benne, ecc.) di proprietà dell utente, oppure forniti dall Amministrazione o dalla Ditta di raccolta, su richiesta e secondo le modalità definite dalla stessa Amministrazione. La pulizia sarà a cura degli utenti. L Aggiudicatario è comunque tenuto, qualora venga richiesto a svolgere il servizio di lavaggio dei diversi tipi di contenitori, su chiamata, a giorno fisso settimanale per il rifiuto umido e quindicinale per i rifiuti secchi. I giorni di cui sopra verranno indicati dall Amministrazione. Salvo che per i contenitori di proprietà dell utente la manutenzione sarà a cura della Ditta Esecutrice. A tale riguardo i contenitori forniti dal Comune all inizio del servizio dovranno essere consegnati funzionanti. Sarà cura della Ditta di segnalare immediatamente all Ufficio competente, eventuali anomalie, difficoltà di servizio o comportamenti scorretti degli utenti. In particolare dovranno essere comunicati i nominativi dei piccoli produttori che risultano conferire quantità elevate di rifiuto secco non riciclabile, rispetto alle utenze domestiche. La Ditta Esecutrice sarà comunque responsabile della corrispondenza qualitativa dei rifiuti raccolti alle prescrizioni comunicate dal Bacino Padova Uno. Le penali eventualmente applicate dagli impianti di trattamento e recupero, conseguenti alla non idoneità dei rifiuti conferiti, saranno a totale carico della Ditta Esecutrice. Per i criteri generali di esecuzione del servizio, si richiama l art. 1 per quanto applicabile e non in contrasto con le disposizioni del presente allegato. ARTICOLO N 16 - SERVIZIO PER I PICCOLI PRODUTTORI Ai fini del servizio di asporto, i produttori di rifiuti assimilati in quantità paragonabili a quelle delle utenze civili, verranno considerati come utenze domestiche. I criteri indicativi per l individuazione dei piccoli produttori sono i seguenti: per il servizio riguardante il secco non riciclabile sono da considerarsi piccoli produttori gli utenti che producono mediamente fino a 300 litri alla settimana di tale rifiuto; per il servizio riguardante la carta sono da considerarsi piccoli produttori gli utenti che producono mediamente fino a 300 litri alla settimana di tale rifiuto. Il Consorzio Bacino di Padova Uno in accordo con il Comune può modificare i criteri di cui sopra. Per le rimanenti frazioni di rifiuto vale quanto definito nei successivi articoli. ARTICOLO N 17 - RIFIUTI ASSIMILATI NON RICICLABILI SECCHI Ad eccezione dei piccoli produttori definiti al precedente articolo 16, i rifiuti dovranno essere conferiti dagli utenti in appositi cassonetti (di volumetria di norma non inferiore ai 500 litri) predisposti con un sistema elettronico di identificazione dell utente stesso, e caricati su mezzi dotati di idoneo sistema di pesatura e registrazione della pesata a carico dell utente interessato. In concomitanza del servizio, all utente potrà essere rilasciata apposita ricevuta riportante il peso del materiale raccolto per ogni contenitore svuotato. Il sistema di raccolta di cui sopra dovrà essere attivato dalla Ditta Aggiudicataria entro e non oltre 90 giorni dalla data dell affidamento del servizio. Ad esclusione dei piccoli produttori definiti all art. 16, durante questo periodo la Ditta di raccolta dovrà fornire comunque l elenco delle utenze non domestiche servite e del Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 9 di 15

10 corrispondente numero di contenitori svuotati. Alle utenze servite dovrà essere rilasciata apposita ricevuta riportante il numero ed il tipo di contenitori svuotati. I cassonetti per la raccolta del rifiuto assimilato secco non riciclabile dovranno essere facilmente riconoscibili e distinguibili da quelli destinati ad altre raccolte. La manutenzione di tali cassonetti e del sistema di pesatura sarà a carico della Ditta di raccolta, che dovrà anche mantenere i contenitori ben riconoscibili per tutta la durata del servizio. Al termine del contratto il sistema elettronico fissato ai cassonetti resterà di proprietà del soggetto proprietario dei cassonetti stessi alla medesima scadenza. In alcuni casi concordati con il Comune, il servizio potrà essere svolto mediante svuotamento di benne o scarrabili. Lo svuotamento di tali contenitori dovrà avvenire su chiamata al numero verde di cui all art. 14 ( Attivazione numero verde ), entro i cinque giorni lavorativi successivi alla chiamata stessa (sabato escluso, salvo diversi accordi con l utenza). E fatto assoluto divieto alla Ditta Esecutrice di raccogliere rifiuti assimilati non riciclabili secchi con modalità diverse da quelle sopra specificate, o da altre concordate con il Consorzio Bacino di Padova Uno. L Amministrazione si riserva di richiedere la consegna dei cassonetti da e 1300 litri al domicilio delle utenze che verranno specificate. ARTICOLO N 18 - FRAZIONE UMIDA DEI RIFIUTI ASSIMILATI Il rifiuto umido proveniente da utenze non domestiche diverse da quelle di cui all art. 16 ( Servizio per i piccoli produttori ) dovrà essere conferito, sfuso od in sacchi approvati dall Amministrazione Comunale, all interno di contenitori di adeguata capacità. La raccolta avverrà con le medesime modalità e frequenza previste per le utenze domestiche. La pulizia dei contenitori dovrà avvenire secondo quanto indicato all art. 15 ( Definizioni e criteri generali di svolgimento del servizio ). ARTICOLO N 19 - VERDE DA UTENZE NON DOMESTICHE Per i grandi produttori il conferimento avverrà all interno di cassoni scarrabili o benna, e la raccolta sarà eseguita entro cinque giorni lavorativi dalla richiesta telefonica al numero verde comunicato dalla Ditta. Le rimanenti utenze non domestiche saranno considerate come piccoli produttori, ai sensi dell art. 16 ( Servizio per i piccoli produttori ). I rimanenti aspetti del conferimento e della raccolta di questa frazione di rifiuto vengono regolati in base a quanto previsto dall art. 2 ( Raccolta della frazione verde privato ). ARTICOLO N 20 - RACCOLTA CARTA E CARTONE DA UTENZE NON DOMESTICHE L Amministrazione si riserva di richiedere, anche singolarmente, l attivazione di un servizio integrativo riguardante le utenze con grande produzione di carta da macero. Il servizio sarà effettuato settimanalmente con le medesime modalità previste per le utenze domestiche, salvo che per il conferimento da parte delle Ditte, che potrà avvenire anche con cassonetti, benne o scarrabili. Per queste ultime due tipologie di contenitori il servizio verrà eseguito, nel giorno definito per il servizio, previa chiamata da parte dell utente. Alle utenze servite dovrà essere rilasciata apposita ricevuta riportante il numero ed il tipo di contenitori svuotati. E data facoltà all Amministrazione di richiedere che il giro di raccolta della carta e del cartone dei grandi produttori venga tenuto separato dalla raccolta dei medesimi rifiuti presso le rimanenti utenze. L Amministrazione Comunale si riserva comunque la facoltà di definire le modalità di raccolta più idonee (ad esempio conferimento diretto in aree apposite, ecc.) e di concederne la gestione anche a soggetti diversi dalla Ditta Esecutrice. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 10 di 15

11 ARTICOLO N 21 - RACCOLTA DEL MULTIMATERIALE DA UTENZE NON DOMESTICHE L Amministrazione si riserva di richiedere l attivazione di un servizio integrativo di raccolta del multimateriale riguardante le utenze con grande produzione di rifiuto. Il servizio sarà effettuato con le medesime modalità e frequenza previste per le utenze domestiche, salvo che per il conferimento da parte delle Ditte, che potrà avvenire anche con cassonetti od altro modo approvato preventivamente dall Amministrazione. Il Bacino di Padova Uno, sentito il Comune, si riserva comunque di rideterminare la frequenza di raccolta secondo le effettive necessità delle utenze non domestiche. ARTICOLO N 22 - RACCOLTA DI ALTRE FRAZIONI SECCHE RICICLABILI L Amministrazione si riserva di richiedere, anche singolarmente, l attivazione di un servizio integrativo di raccolta di particolari frazioni di rifiuto assimilato secco riciclabile. In alternativa il servizio potrà essere affidato ad altra Ditta, comprendendo con tale accezione anche le associazioni di cittadini, i gruppi di volontariato, le società cooperative, ecc.. ARTICOLO N 23 - ATTIVAZIONE AREA ATTREZZATA E CUSTODITA E facoltà del Comune attivare delle aree attrezzate e custodite per la raccolta dei rifiuti conferiti direttamente dai cittadini. A questo riguardo potrà essere richiesta alla Ditta Esecutrice la disponibilità di uno o più dei seguenti elementi: una persona addetta alla custodia, in orario da definire; contenitori scarrabili; contenitori multibenna altri contenitori. L addetto dovrà in particolare provvedere: ad istruire ed indirizzare opportunamente gli utenti conferenti, a vigilare, anche in base alle disposizioni via via impartite dal Comune o dal Bacino, sulla correttezza dei conferimenti, sia relativamente alla qualità dei materiali che ai soggetti conferenti, a mantenere l area ordinata ed efficiente, direttamente o segnalando alla Ditta gli interventi necessari, a tenere gli eventuali registri di carico e scarico previsti, ed a comunicare all Ufficio competente ogni condizione anomala che dovesse verificarsi. Potranno inoltre essere richieste prestazioni aggiuntive, quali l identificazione degli utenti, la pesatura in loco del materiale conferito, il rilascio di ricevute, ecc. I contenitori indicati dovranno sempre essere mantenuti in perfetta efficienza ed in grado di accogliere il materiale conferito. Giunto a riempimento, il contenitore dovrà essere trasportato al sito indicato dal Consorzio Bacino di Padova Uno per l opportuno trattamento o smaltimento del materiale, e sostituito con altro analogo. In alternativa alla movimentazione del contenitore lo svuotamento potrà avvenire anche nell area, mediante ragno meccanico od altro sistema idoneo. Il materiale, trasportato dovrà essere conforme alle prescrizioni comunicate per esso dal Consorzio Bacino di Padova Uno. In particolare qualora la gestione dell area sia affidata alla Ditta di raccolta, la stessa sarà responsabile dell adeguatezza qualitativa del rifiuto raccolto alle prescrizioni di cui sopra. In ogni caso, qualora la Ditta Esecutrice riscontri anomalie nel materiale da asportare (rifiuti estranei, sacchi neri chiusi in mezzo a rifiuto secco riciclabile, ecc.), dovrà avvisare immediatamente l Ufficio competente del Comune ed il Bacino di Padova Uno, affinché questi possano eventualmente ispezionare il rifiuto e prendere le necessarie decisioni. Ulteriori eventuali prestazioni dovranno essere concordate direttamente tra Comune e Ditta Esecutrice. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 11 di 15

12 Le modalità di gestione delle aree attrezzate saranno definite dal Comune e Consorzio Bacino di Padova Uno. Previo accordo con l Amministrazione, tali aree potranno essere utilizzate dalla Ditta in funzione di un migliore svolgimento del servizio di raccolta. E facoltà del Comune affidare la gestione dell intera area, od anche di singoli servizi o frazioni di rifiuto raccolte, ad altra Ditta, comprendendo con tale accezione anche le associazioni di cittadini, i gruppi di volontariato, le società cooperative, ecc. ARTICOLO N 24 - PRESENZA A RICHIESTA DI UN ADDETTO A DISPOSIZIONE DELL AMMINISTRAZIONE Presenza a richiesta di un addetto, eventualmente con automezzo adeguato (tipo motocarro), a disposizione dell Amministrazione per compiti vari quali ad esempio: a) raccolta dei rifiuti abbandonati sparsi su territorio comunale, compresa l area di intervento della spazzatrice; b) assistenza supplementare nello spazzamento, qualora richiesto; c) la pulizia di aiuole, marciapiedi ed ogni zona del territorio comunale che richiedesse un intervento di pulizia e sistemazione; d) la pulizia di griglie su fossi, rogge e canali. La disponibilità dell addetto all Amministrazione deve essere data entro giorni 3 dalla chiamata. Per la rimozione di grandi quantità di rifiuto, occasionalmente potrà essere richiesta la presenza di un addetto con camion dotato di ragno. ARTICOLO N 25 - PULIZIA CADITOIE E POZZETTI Potranno essere richiesti dall Amministrazione interventi per la pulizia di caditoie e pozzetti, da eseguirsi con personale e mezzi adeguati. ARTICOLO N 26 - FORNITURE E NOLEGGI DI MATERIALI E ATTREZZATURE I materiali (contenitori, cassonetti,...) forniti o noleggiati devono essere nuovi, perfettamente efficienti e completi di scritte sui rifiuti da inserire; a questi devono riferirsi le offerte indicate. Il Consorzio e l Amministrazione Comunale interessate si riservano di prendere in considerazione di volta in volta forniture o noleggi riguardanti materiali usati. Per le forniture ed i noleggi, il Consorzio e l Amministrazione Comunale avrà la facoltà di rivolgersi anche ad altre Ditte. ARTICOLO N 27 TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI Il servizio comprende il trattamento (recupero o smaltimento) dei rifiuti urbani raccolti nel territorio Comunale. Gli impianti di trattamento saranno individuati dal Consorzio bacino di Padova Uno secondo criteri di efficacia, efficienza ed economicità e nel rispetto delle disposizioni Statali, Regionali e Provinciali. Per l individuazione degli impianti verrà tenuto in debito conto la distanza tra l impianto e il Comune. Il Consorzio si riserva di allestire opportune stazioni di travaso per ridurre i costi relativi al trasporto nel caso la distanza tra Comune ed impianto comporti rilevanti oneri di trasporto. Dovranno essere osservate dalle Ditte appaltatrici e dal Comune le prescrizioni che i diversi impianti danno relativamente agli orari di conferimento, alle modalità di scarico e alle caratteristiche qualitative dei materiali conferiti, in caso di inadempienza è fatto salvo la possibilità di respingere il carico. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 12 di 15

13 In particolare per la frazione umida il materiale deve essere conferito in sacchi idonei, conferimenti diversi possono essere oggetto oneri aggiuntivi. ARTICOLO N 28 CENSIMENTO DITTE E RILEVAZIONE DATI UTILI PER TARIFFAZIONE RIFIUTI L attività è finalizzata alla determinazione della produzione quali-quantitativa dei rifiuti urbani e speciali prodotti dalle utenze non domestiche residenti nel Comune. I termini in cui si dovrà svolgere l attività verranno definiti congiuntamente dalle parti: Il censimento potrà riguardare anche alcuni dati concernenti le emissioni atmosferiche e la gestione delle acque e degli scarichi fognari oltre alla verifica dei numeri civici; informativa pubblica nel mese di settembre E fatto obbligo di agli uffici Comunali (anagrafe, commercio, tributi e tecnico) di collaborare con il Consorzio per la realizzazione del censimento fornendo tutte le informazioni e le banche dati in possesso che hanno attinenza con l attività. Gli incaricati all esecuzione del censimento si presenteranno alle ditte muniti di tesserino di riconoscimento opportunamente vidimato dal Comune e dal Consorzio; in caso di richiesta delle ditte l ufficio tecnico fornirà le informazioni necessarie all identificazione del incaricato. Preliminarmente alla verifica presso le aziende verranno acquisite le banche dati disponibili (CCIAA, Ruolo Rifiuti, Banca dati acquedotto e fognatura, MUD, Eventuali ricerche precedentemente svolte nel territorio utili allo scopo. ) I dati raccolti vengono informatizzati, e successivamente elaborati sia su database (Access e Excel) con opportune elaborazioni grafiche (istogrammi, torte, ecc.). I risultati saranno resi disponibili sia in forma dettagliata (per ogni singola utenza) che in forma aggregata. Comune di Piazzola Allegato B Contratto di Servizio Pagina 13 di 15

14 norme svolgimento.doc SUBALLEGATO A: PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE ATTUALI MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL COMUNE DI: Descrizione raccolta Piazzola sul Brenta (popolazione al 31/12/00: ) materiale metodo frequenza raccolta (alla settimana) secco porta a porta 1 umido porta a porta (Mater-B - 10 l.) 2 verde su sacchi 1 porta a porta carta sfusa 0.5 porta a porta vetro, lattine, contenitori per liquidi in su bidoni 1 plastica porta a porta rifiuti ingombranti porta porta su chiamata rifiuti urbani pericolosi contenitori stradali a riempimento SUBALLEGATO B: CARATTERISTICHE INDICATIVE DEI CONTENITORI USATI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI Tutti i contenitori dovranno essere idonei all uso a cui sono destinati e preventivamente approvati dal Comune e dal Consorzio Bacino di Padova Uno. TIPO bidoni da 80 litri bidoni da 120 litri bidoni da 240 litri cassonetti da litri cassonetti da 1300 litri benne cassoni scarrabili DESCRIZIONE INDICATIVA in materiale plastico, cilindrico, di colore giallo e dotato di coperchio in materiale plastico, carrellato e dotato di coperchio in materiale plastico, carrellato e dotato di coperchio normali cassonetti con ruote ordinario cassonetto per la raccolta RSU ordinarie benne almeno da 5 m3 ordinari scarrabili almeno da 20 m3 Per esigenze particolari potranno essere utilizzati contenitori aventi dimensioni e caratteristiche diverse da quelle sopra indicate.

15 norme svolgimento.doc SUBALLEGATO C : LISTA DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI - imballaggi in genere (di carta, cartone, plastica, legno, metalli e simili) - contenitori vuoti (fusti, vuoti di vetro, plastica, metallo, latte, lattine e simili) - sacchi e sacchetti di carta o plastica, fogli di carta, plastica, cellophane, cassette, pallets - accoppiati quali carta plastificata, carta metallizzata, carta adesiva, carta catramata, fogli di plastica metallizzati e simili - frammenti di manufatti di vimini e sughero - paglia e prodotti di paglia - scarti di legno derivanti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segatura - fibra di legno e pasta di legno, anche umida purché palpabile - ritagli e scarti di tessuto di fibra naturale e sintetica, stracci e juta - feltri e tessuti non tessuti - pelle e similpelle - gomma, caucciù (polvere e ritagli) e manufatti composti prevalentemente di tali materiali come camere d aria e copertoni - resine termoplastiche e termoindurenti in genere allo stadio solido e manufatti composti da tali materiali - rifiuti ingombranti analoghi a quelli di cui all'articolo 2, comma 3, punto 2), del DPR , N imbottiture, isolanti termici ed acustici costituiti da sostanze naturali e sintetiche, quali lane di vetro e di roccia, espansi plastici e minerali, e simili - moquette, linoleum, tappezzerie, pavimenti e rivestimenti in genere - materiali vari in pannelli (di legno, gesso, plastica e simili) - frammenti e manufatti di stucco e di gesso essiccati - manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili - nastri abrasivi - cavi e materiale elettrico in genere - pellicole e lastre fotografiche e radiografiche sviluppate - scarti in genere della produzione di alimentari, purché non allo stato liquido, quali ad esempio scarti di caffè, scarti dell'industria molitoria e della pastificazione, partite di alimenti deteriorati, anche inscatolati o comunque imballati, scarti derivanti dalla lavorazione di frutta e ortaggi, caseina, sanse esauste e simili - scarti vegetali in genere, erbe, fiori, piante, verdure, ecc., anche derivati da lavorazioni basate su processi meccanici (bucce, baccelli, pula, scarti di sgranatura e di trebbiatura e simili) - residui animali e vegetali derivanti dall'estrazione di principi attivi - accessori per I' informatica (articolo 39, comma 1, legge , N. 146) - mondiglia (ovvero rifiuto proveniente dalla sezione di grigliatura degli impianti di depurazione delle acque reflue purché opportunamente igienizzato)

CRITERI DI ASSIMILABILITÀ

CRITERI DI ASSIMILABILITÀ CRITERI DI ASSIMILABILITÀ Art. 1 Criteri e modalità di assimilazione dei rifiuti 1. In attesa della definizione dei criteri qualitativi e quantitativi e delle linee guida per l assimilazione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AI RIFIUTI URBANI APPROVATO con deliberazione del C.C. n.13 del 22/07/2013 IL SINDACO F.to Diego Navarria IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA

COMUNE DI MASCALUCIA COMUNE DI MASCALUCIA DISCIPLINARE D ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA, MODALITA DI CONFERIMENTO E CRITERI PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE. ART. 1 OGGETTO Con la presente si disciplina l accesso al Centro Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL COMUNE DI CENATE SOPRA (Redatto ai sensi del D.Lgs. 03.04.2006 e s.m.i., n. 152; della L.R. 12.12.2003, n. 26 e del D.M.

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo 1 Servizi in appalto I servizi oggetto dell appalto consistono nell espletamento, da parte dell appaltatore, secondo le modalità

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo Via Arnosto n. 25 24030 Fuipiano Valle Imagna Tel. 035856134 - Fax 035866402 C. Fisc. 00542030168 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Approvato dal C.C. con delib. n. 41 del 31.05.2007 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 69 del 30.12.1996) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI PREMESSA

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani assimilati - pericolosi

Regolamento comunale per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani assimilati - pericolosi COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale per

Dettagli

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Allegato B Modello Offerta economica Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Il/La sottoscritto/a Oggetto: Appalto dei servizi di igiene urbana per i Comuni di Vizzolo Predabissi

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI (D.LGS.N 22/97)

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI (D.LGS.N 22/97) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI (D.LGS.N 22/97) (ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 89 DEL 21.12.1999) (MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

di cui prezzo unitario al netto del personale soggetto a ribasso 30,34 /km 69,66 /km 4,00 /km 8,00 /km

di cui prezzo unitario al netto del personale soggetto a ribasso 30,34 /km 69,66 /km 4,00 /km 8,00 /km Affidamento del Servizio di Raccolta e Trasporto dei Rifiuti Solidi Urbani e Rifiuti Assimilati da avviare a smaltimento/recupero, Raccolta Differenziata, Nettezza urbana e di ulteriori Servizi Accessori

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi

REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi REGOLAMENTO per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani -assimilabili -pericolosi SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1- Oggetto del regolamento Art. 2 Principi generali e

Dettagli

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO ELENCO DEI SERVIZI 1. RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI 2. RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI RESIDUALI 3. RACCOLTA STRADALE E TRASPORTO VETRO 4. RACCOLTA

Dettagli

COMUNE DI MENFI. Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (interni e non)

COMUNE DI MENFI. Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (interni e non) COMUNE DI MENFI Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (interni e non) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 30/06/2004 Revisione 11 dicembre 2002

Dettagli

Regolamento dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, differenziata e igiene urbana.

Regolamento dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, differenziata e igiene urbana. Regolamento dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, differenziata e igiene urbana. INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi generali Articolo 3

Dettagli

COMUNE DI ROCCAFRANCA Provincia di Brescia

COMUNE DI ROCCAFRANCA Provincia di Brescia Regolamento comunale per la disciplina del servizio di smaltimento dei rifiuti urbani assimilabili e pericolosi - 1 - COMUNE DI ROCCAFRANCA Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Nome e logo azienda AUTORIZZAZIONE N.: PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PROCEDURE DI AMMISSIONE DEI RIFIUTI REVISIONE: DATA: 15.09.

Nome e logo azienda AUTORIZZAZIONE N.: PIANO DI GESTIONE OPERATIVA PROCEDURE DI AMMISSIONE DEI RIFIUTI REVISIONE: DATA: 15.09. 61100 Pesaro, Via Gramsci,7 tel. 0721 359.752 fax 0721 33781 e-mail: internet. www.provincia.ps.it Nome e logo azienda Sede legale: Sede Discarica: IMPIANTO: DISCARICA CATEGORIA: discarica per rifiuti

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Calendario Raccolta Rifiuti

Calendario Raccolta Rifiuti P Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona Calendario Raccolta Rifiuti Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta La nuova guida per la raccolta differenziata porta a porta. Più vicino a te,

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA N. D ORDINE REGISTRO DELLE ORDINANZE 125 DATA EMISSIONE 21/11/2014 SETTORE SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ECOLOGIA OGGETTO DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it

raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it L Amministrazione Comunale, in collaborazione con REA, avvierà, nel mese di novembre, nel quartiere di

Dettagli

Regolamento Comunale. per la disciplina dei Servizi di. Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani.

Regolamento Comunale. per la disciplina dei Servizi di. Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani. Regolamento Comunale per la disciplina dei Servizi di Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani. 1 TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento - Principi generali. 1 - Il presente Regolamento

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PARTE GENERALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PARTE GENERALE Comune di Buttrio Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PARTE GENERALE Indice TITOLO I - NORME GENERALI Art. 1 - Assunzione del servizio Art. 2 - Oggetto del servizio e definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI ATO 6 FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI

AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI ATO 6 FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI ATO 6 FERRARA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI 1 SOMMARIO TITOLO I...4 DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Comune di Biassono. Manuale. ecoambientale

La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Comune di Biassono. Manuale. ecoambientale Comune di Biassono La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. AGENDA 21 Agenda 21 significa, letteralmente, l insieme degli appuntamenti, delle cose da fare, nel corso del ventunesimo

Dettagli

Comune di Padova Assessorato all Ambiente. AcegasAps. Carta dei Servizi

Comune di Padova Assessorato all Ambiente. AcegasAps. Carta dei Servizi Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps 2013 Carta dei Servizi 2012 > carta dei servizi Alessandro Zan Assessore all Ambiente del Comune di Padova Cesare Pillon Amministratore delegato di

Dettagli

REGOLAMENTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

REGOLAMENTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 36 del 19 marzo 2001 e modificato con deliberazioni del Consiglio

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione dell assemblea comprensoriale n. 32 del 19.12.2002,modificato

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani.

Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. Criteri e Metodologie per la classificazione dei rifiuti e per l assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani. ART. 1 DEFINIZIONI GENERALI 1. Ai sensi dell art. 184, comma 2 del D.Lgs 152/06 sono

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma. Zona 2

Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma. Zona 2 Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma Zona 2 Organico: da oggi è condominiale Da un ambiente sano e pulito dipende direttamente la nostra qualità della vita e

Dettagli

C O M U N E D I V O L L A

C O M U N E D I V O L L A C O M U N E D I V O L L A P R O V I N C I A D I N A P O L I - IV SETTORE - Appalto: per il Servizio di spazzamento e raccolta differenziata integrata con il sistema porta a porta Piano industriale per

Dettagli

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2.464 Produzione RSU 2008 [t] 774 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 269 Numero famiglie porta a porta/organico 870 Produzione

Dettagli

COMUNE DI BORGHETTO LODIGIANO Provincia di LODI

COMUNE DI BORGHETTO LODIGIANO Provincia di LODI COMUNE DI BORGHETTO LODIGIANO Provincia di LODI SERVIZI DIVERSI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA E TRAPORTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI - PULIZIA POZZETTI STRADALI - TRATTAMENTO, CONFEZIONAMENTO,TRASPORTO,

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA

NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA NORME CIRCA L ABBANDONO DI RIFIUTI, CONTROLLO SUL LORO SMALTIMENTO, RACCOLTA DIFFERENZIATA Art. 1 - Organi preposti al controllo In attuazione di quanto disposto dal Decreto Legislativo 05/02/1997 n 22

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA DI COCCAU

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA DI COCCAU AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TARVISIO (UD) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA DI COCCAU Approvato con deliberazione di C.C.n.12 dd.09/02/2010. 1 di 11 Premessa - Definizioni - Articolo

Dettagli

COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Milano

COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Milano COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE L ACCESSO ED IL CONFERIMENTO DIFFERENZIATO DI RIFIUTI URBANI ALLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 Tabella B1/a Servizi a base di gara - Raccolte domiciliari e igiene urbana Costo unitario Unità di misura Quantità Unità di misura Costo totale annuo Costo

Dettagli

TITOLO III 5 APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI 5 Tale titolo è stato abrogato con delibera di C.C. n.151 del 29.12.

TITOLO III 5 APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI 5 Tale titolo è stato abrogato con delibera di C.C. n.151 del 29.12. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI3 TITOLO I 3 NORME GENERALI 3 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO PRINCIPI GENERALI 3 ART. 2 - ASSUNZIONE DEL SERVIZIO IN ECONOMIA 4 ART.

Dettagli

INIZIATIVA EVENTO ECOSOSTENIBILE. Guida per gli organizzatori

INIZIATIVA EVENTO ECOSOSTENIBILE. Guida per gli organizzatori INIZIATIVA EVENTO ECOSOSTENIBILE Guida per gli organizzatori aggiornata al 27/08/2015 OBIETTIVI Adottare sistemi per la prevenzione/riduzione dei rifiuti Ridurre la produzione di rifiuti durante le manifestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI Comune di Cicognolo Situazione attuale Nel Comune di Cicognolo è attiva la raccolta porta a porta monosettimanale del rifiuto indifferenziato. Sistema secco-umido Appare

Dettagli

COMUNE DI DECOLLATURA

COMUNE DI DECOLLATURA COMUNE DI DECOLLATURA ORDINANZA N.29 DELL 8.11.2010 ( PROVINCIA DI CATANZARO) Tel. 0968/61169 fax. 0968/61247 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO per le UTENZE DOMESTICHE RITENUTO necessario adottare apposito

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI)

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) Allegato A COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) A. Premessa A partire dal 1 gennaio 2014 è istituita, nell ambito dell Imposta Unica Comunale

Dettagli

INFORMAZIONE PER LA RACCOLTA

INFORMAZIONE PER LA RACCOLTA INFORMAZIONE PER LA RACCOLTA Per i rifiuti indifferenziati esponi il sacchetto nei pressi della tua abitazione nei giorni previsti (sono stati distribuiti dei casso netti a servizio delle famiglie del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NELL AMBITO TERRITORIALE DI SAN GIORGIO A CREMANO (NA)

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NELL AMBITO TERRITORIALE DI SAN GIORGIO A CREMANO (NA) CITTÀ DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NELL AMBITO TERRITORIALE DI SAN GIORGIO A CREMANO (NA) Approvato con delibera di Consiglio Comunale N. 75 dell

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI REGOLAMENTO SULLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI REGOLAMENTO SULLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SULLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 19/11/2001 IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

REGIONE PIEMONTE. CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE PIEMONTE CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI ************************************************************** Baveno, luglio 2010 I N D

Dettagli

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TITOLO I - NORME GENERALI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO - PRINCIPI GENERALI 1. presente regolamento ha per oggetto la

Dettagli

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti.

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE VIII Ambiente, Energia, Protezione Civile Via Mario Spadola, 56 Pal. Ex Consorzio Agrario - Tel. 0932 676436 Fax 0932 676438 - E-mail giulio.lettica@comune.ragusa.gov.it

Dettagli

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 INDICE ART. 1 FINALITÀ 3 ART. 2 DEFINIZIONI 3 ART. 3 ESCLUSIONI 4 ART. 4 RAPPORTI CON ALTRE NORME 5 ART. 5 NORME PER LA GESTIONE DEI

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, ASSIMILABILI E PERICOLOSI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, ASSIMILABILI E PERICOLOSI COMUNE DI GALBIATE Provincia di Lecco UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, ASSIMILABILI E PERICOLOSI (Approvato con la deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PARTE GENERALE 93 regolamento gestione rifiuti urbani pag. 1 Indice TITOLO I - NORME GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 1 COMUNE D'EUROPA CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ecologia e Ambiente REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

ASPEM Servizio di igiene urbana GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLO SMALTIMENTO RIFIUTI A VARESE

ASPEM Servizio di igiene urbana GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLO SMALTIMENTO RIFIUTI A VARESE ASPEM Servizio di igiene urbana GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLO SMALTIMENTO RIFIUTI A VARESE UMIDO SECCO ALTRI RIFIUTI PLASTICA TETRA PAK LATTINE VETRO CARTA LA RACCOLTA PORTA A PORTA I CONTENITORI

Dettagli

PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta. Febbraio 2015

PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta. Febbraio 2015 Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta PIANO FINANZIARIO Applicazione dell articolo 8 del DPR 27 aprile 1999, n. 158 Regolamento recante norme per l elaborazione del metodo normalizzato per definire

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI ATO 7 - RAVENNA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI ATO 7 - RAVENNA Piazza dei Caduti per la libertà, 2/4 48100 Ravenna Tel. 0544/215026 Fax 0544/211728 agenziaambito@mail.provincia.ra.it - www.racine.ra.it/agenziaambito Foglio 1/41 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI Del. ATO n. 3/2006 e n. 8/2011 INDICE ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE 2 ART. 2 - FINALITÀ 2 ART. 3 - DEFINIZIONI 2 ART. 4 - CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

differenza i colori fanno la RACCOLTA DIFFERENZIATA campagna per la promozione della

differenza i colori fanno la RACCOLTA DIFFERENZIATA campagna per la promozione della Comune di Spotorno i colori fanno la differenza campagna per la promozione della RACCOLTA DIFFERENZIATA per gli utenti di Via alla Rocca, Via alla Torre, Via Magiarda, Via Puccini, Via Coreallo Via Verdi

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

All. 1 al capitolato Speciale d Appalto

All. 1 al capitolato Speciale d Appalto All. 1 al capitolato Speciale d Appalto PROGRAMMA OPERATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI CALABRITTO ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA PREMESSA Il Comune di Calabritto, seguendo le esperienze

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSIMILAZIONE

REGOLAMENTO DI ASSIMILAZIONE A.R.O. LECCE 1 UFFICIO COMUNE Comuni rientranti nell Ambito di Raccolta Ottimale ARO 1/LE SURBO, CAMPI SALENTINA, GUAGNANO, NOVOLI, SALICE SALENTINO, SQUINZANO, TREPUZZI SERVIZI DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA

Dettagli

Come conferire i rifiuti

Come conferire i rifiuti GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DEL COMUNE DI PESCANTINA Come conferire i rifiuti I CONTENITORI ED I SACCHETTI VANNO ESPOSTI: DOVE: all esterno della proprietà, sul ciglio stradale. QUANDO:

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI DIPARTIMENTO AMBIENTE

COMUNE DI NAPOLI DIPARTIMENTO AMBIENTE COMUNE DI NAPOLI DIPARTIMENTO AMBIENTE Regolamento comunale per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti ai sensi dell art. 21 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA TESTO COORDINATO

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA TESTO COORDINATO COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA TESTO COORDINATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 25 Febbraio 2002 (esecutiva) Modificato

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale marca da bollo 16,00 Pagina 1 di 5 OFFERTA ECONOMICA Gara del / / LISTA A n prog. PRESTAZIONI d'appalto manodopera Importo totale compreso costi per la manodopera PRESTAZIONI E/O SERVIZI 1 3 4 5 Svuotamento

Dettagli

Ordinanza municipale Concernente la raccolta dei rifiuti e la gestione dell Ecocentro Stabio

Ordinanza municipale Concernente la raccolta dei rifiuti e la gestione dell Ecocentro Stabio 6855 Stabio, 6 novembre 04 Ordinanza municipale Concernente la raccolta dei rifiuti e la gestione dell Ecocentro Stabio Risoluzione no. 888 del 5 novembre 04 Il Municipio di Stabio richiamati: - l articolo

Dettagli

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico A Pisogne L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico Oltre alle raccolte differenziate avviate da tempo ora si possono recuperare anche: residui da sfalci e potature (erba, rami e foglie)

Dettagli