CAPITOLO VII LA PUBBLICITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO VII LA PUBBLICITA"

Transcript

1 CAPITOLO VII LA PUBBLICITA 1. La pubblicità in rete La comunicazione pubblicitaria è stata interessata da radicali innovazioni con l avvento della telematica e della rete di comunicazione globale c.d. Internet. Rispetto alla pubblicità tradizionale, quella on line è connotata da una maggiore immediatezza e flessibilità ma, nel contempo, presenta varie insidie, a fronte delle quali la tutela dell utente c consumatore diventa un obbiettivo primario. La prima questione che si pone è quella relativa alla legge applicabile, stante il carattere transnazionale del fenomeno in esame e l assenza di uniformità delle legislazioni nazionali in materia pubblicitaria, anche in ambito europeo. In particolare, occorre stabilire se sia applicabile la legge dei paesi in cui i messaggi vengono generati ovvero quella dei paesi in cui essi sono diffusi. La soluzione prevalentemente accolta è quella di ritenere applicabili i principi del diritto privato internazionale e, in primo luogo, la Convenzione di Roma del 19 giugno 1980, fondata sul principio della scelta della legge applicabile operata dalle parti. Quanto ai criteri suppletivi (legge dello Stato con cui il contratto presenta il collegamento più stretto o legge del Paese del contraente che deve fornire la prestazione caratteristica ) in caso di mancanza di tale scelta, essi creano non poche difficoltà, stante la globalità della Rete e la problematicità, se non, spesso, l impossibilità di individuare il luogo di elaborazione ed esecuzione della prestazione caratteristica, nonché la natura pubblicistica di molte norme regolanti la pubblicità. In caso di pubblicità ricevuta in Italia da imprese e providers stranieri, sorgono notevoli difficoltà, mancando norme specifiche al riguardo e risultando insufficienti le indicazioni date in ambito comunitario (si veda la direttiva n. 93/83 ed il Libro Verde della Commissione CE del 19/7/1995 sul diritto d autore, contenenti indicazioni sull applicazione del criterio della legge del Paese da cui proviene il messaggio quale applicabile alle trasmissioni on line) 1. In tale contesto, assume un ruolo fondamentale l autodisciplina, della quale sono espressione, a livello internazionale, le Guidelines on Interactive Marketing Communication, emanate dalla International Chamber of Commerci nel Trattasi di linee guida da adottare per le comunicazioni commerciali in Internet, World Wide Web, servizi on line e reti elettroniche, ispirate ai principi di liceità (e quindi di conformità alla legge dei Paesi d origine della comunicazione), onestà, trasparenza, veridicità. 1 In ambito nazionale non sorgono, invece, particolari problemi quando il messaggio pubblicitario è generato da impresa italiana e diffuso mediante un provider italiano. La fattispecie è, infatti disciplinata dal d.lgs n. 74/1992, oggi confluito nel Codice del Consumo. 103

2 In ambito nazionale, stante la mancanza di una disciplina normativa specifica, le norme di riferimento sono quelle sulla pubblicità, sul commercio elettronico, sui contratti a distanza e sulla privacy oltre, naturalmente, alle altre norme contenute nel Codice del Consumo e a quelle applicabili di diritto civile, amministrativo e penale. Il d.lgs. n. 74/1992 emanato in attuazione della direttiva n. 450/84 CE, successivamente modificato dal d.lgs n. 67/2000, attuativo della direttiva n. 97/55 CE, disciplina la materia della pubblicità, sotto il profilo della pubblicità ingannevole e comparativa. L art. 2, lett. a) del d.lgs. n. 74/1992 definisce come pubblicità qualsiasi forma di messaggio che sia diffuso, in qualsiasi modo, nell esercizio di un attività commerciale, industriale, artigianale o professionale allo scopo di promuovere la vendita di beni mobili o immobili, la costituzione o il trasferimento di diritti ed obblighi su di essi oppure la prestazione di servizi. La disciplina sopra richiamata rientra, oggi, nel Codice del Consumo, emanato con d.lgs. 6 settembre 2005 n. 206 (si veda il titolo III, Pubblicità e altre comunicazioni commerciali, artt. 18 e seguenti). La predetta definizione di pubblicità è riportata all art. 20 lettera a) del Codice del Consumo, che abroga le pre-esistenti norme in materia pubblicitaria e in di contratti a distanza. Il Codice del Consumo, invece, non abroga la disciplina del commercio elettronico di cui al d.lgs n. 70/2003, cui espressamente rinvia l art. 68 del Codice. Il d.lgs n. 70/2003, attua la direttiva 2000/31 CE sul commercio elettronico, e definisce, all art. 2, lett. f), le comunicazioni commerciali come tutte le forme di comunicazione destinate, in modo diretto o indiretto, a promuovere beni, servizi o l immagine di un impresa, di un organizzazione o di un soggetto che esercita un attività agricola, commerciale, industriale, artigianale o una libera professione. La normativa contenuta nel Codice del Consumo e nel citato d.lgs n. 70/2003, pur non costituendo riferimento specifico per la pubblicità in Rete, essendo, invece, riferibile alla pubblicità in genere, è, comunque, applicabile a quest ultima forma di pubblicità, stante il riferimento, ivi contenuto, alla pubblicità diffusa in qualsiasi modo. Va poi segnalato il provvedimento n del 22/05/1997 dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nel quale viene affermato che la natura di messaggio pubblicitario ai sensi dell art. 2, lett. a) del d.lgs. n. 74/92 non appare in contrasto con la sua diffusione attraverso la rete Internet. Per quanto riguarda la normativa contenuta nel Codice del Consumo, essa impone una pubblicità palese, veritiera e corretta (artt. 18 e segg.). Il messaggio viene definito ingannevole quando è tale da indurre in errore il destinatario pregiudicandone il comportamento economico e causando lesione ai concorrenti. Inoltre, il messaggio è ingannevole se è caratterizzato da reticenza e suggestività ed è tale da indurre a transazioni commerciali non volute. Ai sensi dell art. 23 del Codice la pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile come tale, concetto che, peraltro, trova difficoltà applicative se rapportato alla Rete: si pensi a fenomeni insidiosi come quello dei cookies, che consentono alle imprese di modellare la comunicazione sul singolo, 104

3 approfittando della sua precedente navigazione; si pensi, inoltre, ad alcuni motori di Rete che si presentano come strumenti per la localizzazione delle informazioni ma celano in realtà potenti mezzi di web marketing. Quanto al d.lgs. n. 70/2003, relativo al commercio elettronico, esso integrato il quadro normativo fornendo chiarimenti applicabili direttamente alla pubblicità on line. In particolare il d.lgs., all art. 7, indica una serie di informazioni minime che il prestatore di servizi della società dell informazione deve fornire e, all art. 8, elenca le condizioni minime da rispettare da parte degli operatori pubblicitari o comunque di chiunque effettui pubblicità in Rete. Un problema di particolare importanza è quello di distinguere la pubblicità dalle comunicazioni commerciali. Al riguardo va rilevato che le norme sulle comunicazioni commerciali inserite nella legge sul commercio elettronico sono destinate a definire la fase precontrattuale (disciplinando le informazioni obbligatorie che attengono a tale fase: artt. 7 e 8) e non quella generica della promozione pubblicitaria. Gli ambiti applicativi del Codice del Consumo e del d.lgs. 70/2003 sono, dunque, diversi: a) il Codice del Consumo, infatti, all art. 18 contempla ogni forma di comunicazione commerciale in qualsiasi modo effettuata, verso un concetto ampio di consumatore, intendendo anche chiunque ne subisca le conseguenze. L art. 19 ha finalità di tutela da pubblicità ingannevole che essa deve essere palese, veritiera, corretta ; b) il d.lgs 70/2003 ha la finalità di promuovere la libera circolazione dei servizi della società dell informazione ed il commercio elettronico e dunque attiene al momento contrattuale. Gli artt. 1, 4, 5, 11 prevedono una serie di esclusioni e deroghe all applicazione, determinate per lo più dai contratti aventi ad oggetto beni o prestazioni aventi una disciplina particolare o fuori dall ambito territoriale europeo (es. materie regolamentate e di tipo pubblico aventi proprie norme e/o deontologia, beni immobili, locazioni, successioni, fideiussioni, etc.) e salvo il fatto che le parti possono sempre pattuire l applicazione di una legge diversa. Per quanto riguarda la normativa contenuta nel Codice Penale si richiama: l art. 517 (Vendita di prodotti industriali con segni mendaci), l art. 528 (Pubblicazioni e spettacoli osceni), l art. 661 (Abuso della credulità popolare) e l art. 640 (Truffa); quanto al Codice Civile: l art (Atti di concorrenza sleale), l art (offerta al pubblico), l art (trattative e responsabilità precontrattuale) e l art (conoscenza delle cause d invalidità). Si segnala, inoltre, che proprio in relazione agli strumenti pubblicitari a grande diffusione la giurisprudenza ha dato un interpretazione dell art c.c. tendente ad allargarne il campo d azione, sulla base dell art. 41 Cost., qualificando la pubblicità commerciale quale attività di impresa, come tale assoggettabile a limitazioni per l utilità sociale (Corte Cost. N. 231/ 1985). Come detto, particolare rilievo assumono le norme di autoregolamentazione adottate dagli stessi operatori pubblicitari. Il Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, la cui prima versione risale al 1966, contiene norme che hanno trovato pieno riconoscimento nel d. lgs 74/1992 istitutivo, fra l altro, del sistema del doppio binario tra giudizio autodisciplinare e procedimento innanzi all Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per il controllo 105

4 sulla pubblicità illecita. Tale normativa è, oggi, stata recepita dagli artt. 26 e 27 del Codice del Consumo. Passando ad analizzare alcune specifiche problematiche riguardanti la pubblicità in Rete, un fenomeno di particolare rilievo è dato dal c.d. U.C.E. (Unsolicited Commercial ), consistente nell invio di comunicazioni elettroniche non richieste, in contesti a ciò non deputati, ad un lungo elenco di destinatari. Fenomeno che si trasforma nel c.d. spamming quando le comunicazioni vengono inoltrate, non soltanto a singole caselle di posta elettronica ma a un gran numero di utenti attraverso l utilizzo di newsgroup, chat, mailing list (i c.d. spammers, alla lettera innondatori, ottengono gli indirizzi a cui inviare le comunicazioni commerciali acquistando pacchetti di indirizzi, reperendo elenchi nei siti Web oppure individuando gruppi di discussione creati intorno ad un determinato interesse). Tali fenomeni rilevano non solo sotto il profilo della pubblicità ma anche sotto quello della c.d. privacy, essendo l indirizzo di posta elettronica un dato personale. Sul punto si rileva che varie direttive comunitarie hanno sancito il diritto alla riservatezza (95/46 CE; 97/66 CE; 97/7 CE). Fondamentale, al riguardo, è la dir. 2002/58 CE che prevede che l utilizzo della posta elettronica ai fini di commercializzazione diretta è consentito soltanto con il preventivo consenso del destinatario. Per quanto riguarda il nostro ordinamento, la legge n. 675/1996, attuativa della dir. 95/46 CE, come modificata dal d.lgs. 467/2001, ha introdotto il concetto di tutela della riservatezza del dato personale sia della persona fisica che giuridica e ha previsto in relazione all invio di comunicazioni commerciali e promozionali (artt. 11, 12, 13 come interpretati dal Garante per la Protezione dei dati Personali) i doveri fondamentali di chi voglia effettuare un trattamento di dato personale a tali fini; doveri che si concretano nell obbligo di informare in modo chiaro e sintetico l interessato della raccolta e dei suoi scopi, prima di effettuarla; di indicare il richiamo dei diritti spettanti all interessato e del modo del loro esercizio; (iii) conseguire il consenso dell interessato. Va poi richiamata la normativa in materia di contratti a distanza contenuta nel Codice del Consumo (artt. 50 e ss.) che, in particolare, all art. 58 (limiti all impiego di talune tecniche di comunicazione a distanza), in sintonia con l art. 130 del Codice Privacy, prevede, al comma 1, la necessità del consenso preventivo per i sistemi automatizzati di contatto senza l intervento di operatore. Diversamente, al comma 2, consente la comunicazione individuale, qualora effettuata con tecniche diverse da quelle di cui al comma 1, se non esplicitamente rifiutata dal consumatore 2. 2 In ordine alle principali modalità operative della pubblicità on-line si segnala: La pubblicità on line e le comunicazioni commerciali di Laura Furlanetto, sito L autrice individua le seguenti modalità: BANNER, ovvero bandiera, striscione, immagine pubblicitaria presente sulle pagine Web, spazio grafico fisso o a rotazione: cliccandovi sopra il navigatore attiva un link e accede ai contenuti dell annuncio. Trae il massimo vantaggio dal carattere interattivo di Internet e genera possibilità di pubblicità mirata. Appaiono applicabili tutte le disposizioni citate. INTERSTITIAL, ovvero, vero e proprio spot pubblicitario che appare automaticamente a seguito della richiesta della pagina Web, programmato per durare 106

5 2. La pubblicità del gioco on line La pubblicità nell ambito del gioco on line è certamente una componente essenziale per lo svolgimento di tale attività. Nel nostro ordinamento giuridico la pubblicità del gioco lecito è consentita - seppure con dei limiti volti a tutelare la posizione del consumatore - a differenza di altri ordinamenti, come ad esempio quello tedesco 3, che vietano tale forma di pubblicità. Al riguardo, AAMS ha evidenziato come trasparenza e comunicazione siano gli elementi indispensabili per sviluppare il colloquio con il cittadino e, nel caso di specie, con il consumatore-giocatore e come, pertanto, anche la il tempo necessario per scaricare la pagina. Messaggio di tipo intrusivo, rispetto al banner, di tipo push. SISTER WINDOW, ovvero via di mezzo tra banner e intersitial, ovvero finestrella del browser che viene lanciata automaticamente appena il banner è stato scaricato. Si può immediatamente chiudere cliccando col mouse. Usata per campagne di tipo teaser, ovvero basate sull effetto sorpresa del creare un annuncio e poi soddisfare la curiosità con una rivelazione. I due metodi hanno chiaro impatto sulla norma che vuole la pubblicità riconoscibile come tale e non occulta (23 Codice Consumo). ADVERTORIAL: Formula che sposa un contenuto editoriale ed uno sponsor, spesso presente proprio in pagine editoriali / giornalistiche e non immediatamente riconoscibile nella valenza pubblicitaria. Spesso è infatti celata l effettiva provenienza da chi ha interesse alla promozione. RICH MEDIA: Forme che ricorrono ad elementi multimediali con alto tasso di interattività, agli antipodi rispetto ai banner statici. La visualizzazione richiede che il browser sia dotato dei necessari plug-in (audio banner, video banner, tecnologia streaming). Usato in particolare dalle aziende dell intrattenimento. Incrementa fortemente l interattività e il tasso di click-through. MINISITI, SITI e PAGINE WEB: I minisiti sono costruiti per promuovere appositamente un prodotto o un evento. Siti e pagine Web sono forma di comunicazione ormai classica di imprese ed altri soggetti. Sono le modalità che comportano meno problemi dal punto di vista dell invasività. , NEWSGROUP MAILING LIST NEWSLETTER CHATLINE: Quando si comunicano pubblicità o informazioni commerciali tramite , si ha impatto su tutte le norme in precedenza viste ed in particolare su quelle relative a U.C.E., spamming, informative, consensi, facoltà OPT-IN e OPT-OUT. Newsgroup / Mailing List / Chatline sono vulnerabili alla pratica dello schmooze (attaccar bottone), tecnica ai limiti della legalità ed assai insidiosa attraverso la quale gli schmoozers si infiltrano nelle discussioni, dopo aver individuato i gruppi legati da interessi comuni, allo scopo di denigrare e/o promuovere determinati prodotti. Risolvibile con rigorosa regolamentazione e attenta moderazione dei gruppi. I profili di illegalità possono essere palesi (denigrazione o pubblicità occulta), ma spesso si confondono con la non censurabile espressione di opinioni personali. MOTORI DI RICERCA: Sono veicolo pubblicitario con varie modalità, la più nota delle quali è la possibilità di acquistare parole o frasi keyword del proprio business che rispondono alla la ricerca da parte degli utenti visualizzando prioritariamente i links interessati. Vi è poi la possibilità di posizionamento di messaggi in corrispondenza delle pagine di ricerca. 3 Recentemente, l Alta Corte di Oldenburg ha statuito che la Toto-Lotto Niedersachsen GmbH - concessionaria statale tedesca della Bassa Sassonia per i servizi della lotteria - non potrà più pubblicizzare la sua attività via Internet. La Corte ha ritenuto che il messaggio pubblicitario sul sito della Società concessionaria potesse essere un illegittimo invito a partecipare ad un gioco aleatorio, contravvenendo in tal modo all'articolo 5 del Trattato sul Gambling che proibisce il marketing di gioco d'azzardo via TV, Internet e cellulare. 107

6 pubblicità debba essere improntata alla massima trasparenza e alla volontà comunicativa. Sulla base di tali principi, nel 2006 AAMS ha dato il via alla nuova campagna di comunicazione istituzionale dal titolo: "Gioco sicuro", campagna volta, essenzialmente ad affermare il contrasto esercitato dall Amministrazione verso l'illegalità nel gioco nonchè verso i rischi cui i giocatori possono incorrere. In altri termini, AAMS ha così inteso diffondere la cultura del "gioco sicuro" come reale fonte di divertimento e di socialità: il gioco è una fonte di svago e resta tale se il giocatore sa di poter avere certezze, diritti e tutele. L'illegalità, viceversa, nega tutto questo e contrasta la legalità come simbolo di civiltà e progresso. Gioco sicuro caratterizzato, fra l altro, regole e processi di produzione e distribuzione di giochi affidati a gestori selezionati e controllati. La campagna di comunicazione intrapresa da AAMS evidenzia, in particolare, che per ogni gioco è possibile fare affidamento su un unico gestore istituzionale, in grado di garantire la trasparenza di ogni attività, fornire regole chiare tanto ai potenziali giocatori quanto agli operatori del settore. La campagna realizzata da AAMS coinvolge, ovviamente, anche la rete internet, trattandosi di media in grado di raggiungere un numero molto considerevole di utenti. Anche con tale strumento, l Amministrazione, veicola il proprio messaggio insistendo sulla contrapposizione tra oscurità e chiarezza, rimandando sempre al contrasto tra gioco sicuro e gioco illegale. 3. La pubblicità ed i giochi: la legge n. 401/89 e successive modifiche La pubblicità del gioco on line deve essere attuata nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale sopra richiamata e la liceità del messaggio pubblicitario deve essere valutata in relazione al suo contenuto. In altri termini, la pubblicità è lecita se è volta a promuovere il gioco lecito, consentito dalla normativa vigente. Diversamente devono essere poste delle restrizioni che consentono di far fronte, da un lato, agli escamotage di alcuni operatori non autorizzati e, dall altro di mettere in pratica una tutela effettiva del consumatore giocatore. Fare pubblicità ad operatori esteri, che raccolgono le scommesse o altre tipologie di giochi in Italia senza possedere la concessione costituisce reato. Ed infatti, a norma dell art. 4( Esercizio abusivo di attività di gioco e scommessa ), comma 2, della legge n.401/89, come modificato dalla legge 14 maggio 2005 n. 80, chiunque dà pubblicità in Italia a giochi, scommesse e lotterie, da chiunque accettate all estero, è punibile con l arresto fino a tre mesi e con ammenda 4. 4 Il secondo comma dell art. 4 della legge n. 401/98 sostituito con la novella del 2005 prevedeva che: Quando si tratta di concorsi, giuochi o scommesse gestiti con le modalità di cui al comma 1, e fuori dei casi di concorso in uno dei reati previsti dal medesimo, chiunque in qualsiasi modo dà pubblicità al loro esercizio è punito con l'arresto fino a tre mesi e con l'ammenda da lire centomila a lire un milione 108

7 Prima dell avvenuta modifica normativa il Tribunale penale di Milano, sez. VII, con sentenza n. 981 del 31 gennaio 2005 aveva assolto alcuni agenti pubblicitari, imputati ai sensi della legge n. 401/89 di aver organizzato campagne promozionali negli stadi per conto di Società estere di gambling on line. Nella fattispecie, esaminata dal Tribunale di Milano assume importanza determinante l elemento territoriale in relazione all attività di organizzazione e gestione delle scommesse, in carenza di adeguata licenza. L elemento della territorialità che appariva essere il principio portante della richiamata legge n. 401/89 era stato ben chiarito in passato dalla Suprema Corte (ex plurimis Cassazione penale, sez. III, 9 novembre 1995, n.322), dove statuiva che solo se sussistente e comprovato il delitto di organizzazione abusiva di scommesse e concorsi pronostici su gare sportive, ipotizzato dall art. 4 comma 1, legge 13 dicembre 1989 n.401, poteva essere integrata la contravvenzione di pubblicità a detta organizzazione, prevista e punita dal secondo comma del menzionato articolo. La ratio della citata massima della Suprema Corte sembrerebbe condivisibile laddove evidenzia che il prius logico della fattispecie criminosa è costituito dall analisi dell operato effettivo del bookmaker. Il testo emendato dell art.4 comma II, nella sua nuova sembra trascendere sia la territorialità che la consecutio. redazione invece, 4. Il caso Pokerstars Degna di nota in questa sede appare la recente pronuncia n. 75/2008 del Giurì dell'istituto dell'autodisciplina Pubblicitaria (IAP) che censura l attività di un operatore estero di poker on line privo di licenza nel nostro Paese, a seguito del decreto di AAMS sull oscuramento del 21 gennaio Secondo il Giurì, la denominazione Pokerstars vale ad identificare un gioco telematico al quale si può partecipare sia con soldi virtuali che con soldi veri mediante, in quest ultimo caso, il collegamento sul sito che in Italia è stato bandito con provvedimento 21/1/2007 dell AAMS perché gestito da un operatore non autorizzato alla raccolta di giochi on line. La pubblicità avrebbe omesso di evidenziare che in Italia è vietata la partecipazione al gioco telematico con soldi veri offerto da Pokerstars "inducendo così l'utente in errore circa la possibilità di fruire del gioco senza rischi di perdite (o vincite) di denaro", in contrasto con gli articoli 1 e 2 del Codice di Autodisciplina 6 del Giurì ( Lealtà della comunicazione 5 Diversamente da quanto accade in Germania, ove viene censura la pubblicità dei giochi on line in generale, senza operare distinzioni. 6 Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale - 45ª edizione, in vigore dal 21 aprile 2008, del quale si riportano le Norme preliminari e Generali e gli articoli richiamati: 109

8 commerciale e Comunicazione commerciale ingannevole ). Dichiarava così lo IAP che: la pubblicità contestata è in contrasto con gli artt. 1 e 2 del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, e ne ordina la cessazione". Norme Preliminari e Generali a) Finalità del Codice Il Codice di Autodisciplina ha lo scopo di assicurare che la comunicazione commerciale, nello svolgimento del suo ruolo particolarmente utile nel processo economico, venga realizzata come servizio per il pubblico, con speciale riguardo alla sua influenza sul consumatore. Il Codice definisce le attività in contrasto con le finalità suddette, ancorché conformi alle vigenti disposizioni legislative; l'insieme delle sue regole, esprimendo il costume cui deve uniformarsi l'attività di comunicazione, costituisce la base normativa per l'autodisciplina della comunicazione commerciale. b) Soggetti vincolati Il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale è vincolante per utenti, agenzie, consulenti di pubblicità e di marketing, gestori di veicoli pubblicitari di ogni tipo e per tutti coloro che lo abbiano accettato direttamente o tramite la propria associazione, ovvero mediante la sottoscrizione di un contratto di cui al punto d), finalizzato all'effettuazione di una comunicazione commerciale c) Obblighi degli enti firmatari Gli enti firmatari si impegnano ad osservare ed a far accettare dai loro associati le norme del Codice stesso e dei Regolamenti autodisciplinari, a dare opportuna diffusione alle decisioni dell'organo giudicante, nonché ad adottare adeguati provvedimenti nei confronti dei soci che non si attengano al giudizio dell'organo stesso o siano recidivi. d) Clausola di accettazioneper meglio assicurare l'osservanza delle decisioni dell'organo giudicante, gli organismi aderenti si impegnano a far sì che ciascun soggetto ad essi associato inserisca nei propri contratti una speciale clausola di accettazione del Codice, dei Regolamenti autodisciplinari e delle decisioni assunte dal Giurì, anche in ordine alla loro pubblicazione, nonché delle ingiunzioni del Comitato di Controllo divenute definitive.e) Definizioni Agli effetti del Codice il termine "comunicazione commerciale" comprende la pubblicità e ogni altra forma di comunicazione, anche istituzionale, diretta a promuovere la vendita di beni o servizi quali che siano le modalità utilizzate, nonché le forme di comunicazione disciplinate dal titolo VI. Non comprende le politiche commerciali e le tecniche di marketing in sé considerate. Il termine "prodotto" comprende qualsiasi oggetto della comunicazione commerciale e si intende perciò esteso anche al servizio, metodo, trattamento, diritti, obbligazioni e simili. La natura del prodotto o del servizio in sé considerata non forma oggetto del Codice di Autodisciplina Il termine "messaggio" comprende qualsiasi forma di presentazione al pubblico del prodotto e si intende perciò esteso anche all'imballaggio, alla confezione, all'etichetta e simili. Il termine "consumatore" comprende ogni soggetto persona fisica o giuridica come pure ente collettivo cui è indirizzata la comunicazione commerciale o che sia suscettibile di riceverla. Agli effetti del Codice di Autodisciplina non costituisce comunicazione commerciale la distribuzione a scopo didattico di materiale promozionale quando sia richiesto dagli Istituti scolastici pubblici o privati e l'uso avvenga sotto il controllo del personale docente. Titolo I Regole di comportamento Art. 1: Lealtà della comunicazione commerciale La comunicazione commerciale deve essere onesta, veritiera e corretta. Essa deve evitare tutto ciò che possa screditarla. Art. 2: Comunicazione commerciale ingannevole La comunicazione commerciale deve evitare ogni dichiarazione o rappresentazione che sia tale da indurre in errore i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità o esagerazioni non palesemente iperboliche, specie per quanto riguarda le caratteristiche e gli effetti del prodotto, il prezzo, la gratuità, le condizioni di vendita, la diffusione, l'identità delle persone rappresentate, i premi o riconoscimenti. Nel valutare l'ingannevolezza della comunicazione commerciale si assume come parametro il consumatore medio del gruppo di riferimento. 110

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro INTRODUZIONE Il presente documento detta le linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VI LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ COMMERCIALE ATTRAVERSO I MEZZI DI COMUNICAZIONE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Premessa ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico dott.ssa Paola D Alessandro 1 La Direzione generale sta procedendo alla modifica delle linee guida del 2010 riguardo all utilizzo

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N.

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N. PRIVACY POLICY Le presenti linee programmatiche di condotta relative alla disciplina della riservatezza e della privacy (la Privacy Policy ) si riferiscono al sito www.vision- group.it ed hanno ad oggetto

Dettagli

LO SPAMMING. Autore: Roberta Defenu

LO SPAMMING. Autore: Roberta Defenu LO SPAMMING UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI: PROF. BRUNO TROISI DOTT. MASSIMO FARINA Autore: Roberta Defenu Lo spamming

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Il presente regolamento disciplina la gestione, il funzionamento e l utilizzo del sito internet istituzionale del Comune di Trapani, nonché le modalità

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DEI DISPOSITIVI MEDICI, DEL SERVIZIO FARMACEUTICO E DELLA SICUREZZA DELLE

Dettagli

ANDREA STAZI LA PUBBLICITA COMMERCIALE ON LINE

ANDREA STAZI LA PUBBLICITA COMMERCIALE ON LINE ANDREA STAZI LA PUBBLICITA COMMERCIALE ON LINE MILANO - DOTT. A. GIUFFRE EDITORE - 2004 INDICE Presentazione xm INTRODUZIONE LA PUBBLICITA E LA TELEMATICA. LA RETE INTERNET COME NUOVO VEICOLO PUBBLICITARIO

Dettagli

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196)

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno

Dettagli

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Roma, 30 ottobre 2008

Roma, 30 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 405/E Roma, 30 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Immobili di tipo residenziale - Cessione

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

DOMANDA 1 Una società consortile a responsabilità limitata o una società consortile per azioni sono coerenti con la previsione del paragrafo 3.2.1 del Bando e il paragrafo 4.1 del Capitolato d'oneri? L

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI Premessa E possibile per l azienda controllare il corretto uso da parte dei propri dipendenti del personal

Dettagli

Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani.

Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani. Condizioni Generali Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani. L'accesso al Portale e le informazioni relative a tutti i servizi che

Dettagli

RISOLUZIONE N. 209/E

RISOLUZIONE N. 209/E RISOLUZIONE N. 209/E Roma, 18 novembre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Art. 25-bis DPR n. 600 del 1973 Attività di procacciatore d affari Società XY S.p.A.

Dettagli

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 dicembre 2004 Oggetto: IVA. Territorialità delle cessioni di gas e di energia elettrica. Direttiva 2003/92/CE del Consiglio del 7 ottobre

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con il decreto legislativo 196 del 30

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile cliente, le seguenti condizioni generali di vendita indicano, nel rispetto delle normative vigenti in materia a tutela del consumatore, condizioni e modalità

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Circolare AAMS 14 Luglio 2003

Circolare AAMS 14 Luglio 2003 Circolare AAMS 14 Luglio 2003 D.M. 15 febbraio 2001, n.156. D. D. 30 maggio 2002 concernenti la raccolta telefonica e telematica delle giocate relative a scommesse. Chiarimenti della relativa disciplina.

Dettagli

RCH SRL C.da Marignano snc 62018 Potenza Picena P.iva 01745060432 NOTE LEGALI. Copyright RCH srl

RCH SRL C.da Marignano snc 62018 Potenza Picena P.iva 01745060432 NOTE LEGALI. Copyright RCH srl NOTE LEGALI INTRODUZIONE Nella presente sessione la RCH srl intende comunicare a tutti gli utenti dei siti internet www.rchcases.it e www.roll-a-ramp.it le tutele legali relative ai contenuti, alle immagini,

Dettagli

L Email Marketing e la legge

L Email Marketing e la legge L Email Marketing e la legge Norme, orientamenti e prospettive Cosa è indispensabile sapere per gestire i rischi legali con consapevolezza 1 EmailPower 2011 6 ottobre 2011 Milano Marco Maglio avvocato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE 1 INDICE: Articolo 1. Finalità e Funzioni 3 Articolo 2. Riprese audio e video nonché diffusione 3

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con

Dettagli

La normativa italiana

La normativa italiana La normativa italiana Qual è la normativa italiana riguardo a questi fenomeni? D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 (Codice della privacy); D.Lgs 9 aprile 2003, n. 70 (Commercio elettronico); D.Lgs 6 settembre

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E. Roma, 13 marzo 2008

RISOLUZIONE N. 94/E. Roma, 13 marzo 2008 RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 marzo 2008 OGGETTO Istanza di interpello Articolo 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212. Servizi relativi ad attività di scommesse resi

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze

COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 69/CC in data 18.12.2014 Pagina 1 di 7

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CASATASSO.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI

POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI I Dati Personali sono informazioni che ti identificano, come per esempio il tuo nome, l'indirizzo di mail o di posta. Il sito non raccoglie

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

MAGGIO 82 cooperativa sociale

MAGGIO 82 cooperativa sociale Organizzazione MAGGIO 82 cooperativa sociale Largo Clinio Misserville, 4/7-00144 Roma (RM) Tel. 06.97746401 Fax: 06.97746399 Web : www.maggio82.it E-Mail : maggio82@maggio82.it Sede legale: Via Laurentina,

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA 1. Premessa Il Garante per la radiodiffusione e l editoria determina con propri provvedimenti

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Regolamento per le riprese audiovisive del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari

Regolamento per le riprese audiovisive del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari Regolamento per le riprese audiovisive del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari Titolo I - Disposizioni generali Art. 1 Finalità 1. Il Comune di Albino, perseguendo finalità di trasparenza

Dettagli

I dati personali che ORO 24K SRL tratta per fornire i propri servizi online attraverso i siti di ORO 24K SRL riguardano quanto segue:

I dati personali che ORO 24K SRL tratta per fornire i propri servizi online attraverso i siti di ORO 24K SRL riguardano quanto segue: ORO 24K SRL NORME DI TUTELA PER LA PRIVACY Informativa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 -CODICE PRIVACY ( per consultare il testo completo consultare www.garanteprivacy.it. ) E' disponibile per

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione.

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione. PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY GENERALE RIVOLTA AI NAVIGATORI DEL SITO WWW.ITALIANCONVERTER.IT RESA AI SENSI DELl ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 Il D. Lgs 196/2003, denominato Codice in materia di protezione

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1 FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI di Avv. Luca Giacopuzzi 1 I programmi di fidelizzazione a favore della clientela costituiscono, essenzialmente, un operazione

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti INDICE Art. 1 - Sito web istituzionale Art. 2 - Oggetto del Regolamento Art. 3 - Soggetti competenti e gestione sito web Art. 4 - Contenuti

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI Privacy INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. N.196 del 30 Giugno 2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Gentile Signora, Egregio Signore, La

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La privacy policy di questo sito INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Perché questo avviso? In questa pagina si descrivono le modalità

Dettagli

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili Privacy Policy Il presente documento ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione dei punti di accesso web relativamente al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che vi accedono previa

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Modifiche all art. 5 della L.R. 1/1998

Art. 1 Finalità. Art. 2 Modifiche all art. 5 della L.R. 1/1998 LEGGE REGIONALE 12 DICEMBRE 2003, n. 24 Modifiche ed integrazioni alla L.R. 12 gennaio 1998, n. 1 recante: Nuova normativa sulla disciplina delle agenzie di viaggi e turismo e della professione di direttore

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice. 1 Gli scopi della disciplina del c.d. commercio elettronico ----------------------------------------- 3

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice. 1 Gli scopi della disciplina del c.d. commercio elettronico ----------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VIII IL CONTRATTO TELEMATICO PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Gli scopi della disciplina del c.d. commercio elettronico -----------------------------------------

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

Informativa sulla tutela dei dati personali (Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003)

Informativa sulla tutela dei dati personali (Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003) Informativa sulla tutela dei dati personali (Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003) Privacy policy Reopla.it ritiene che la privacy dei propri utenti sia un elemento fondamentale all interno della

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI

CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI Premesso che: 1. gli operatori di comunicazioni mobili riconoscono l importanza di informare in maniera trasparente ed

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa

Dettagli