Giuseppe Angilella. all Olimpiade. Salvatore Cuffaro ci scrive. I programmi di Rothschild. Politica. Banche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giuseppe Angilella. all Olimpiade. Salvatore Cuffaro ci scrive. I programmi di Rothschild. Politica. Banche"

Transcript

1 Giuseppe Angilella all Olimpiade Politica Salvatore Cuffaro ci scrive Banche I programmi di Rothschild

2

3 L altra copertina Jessica Monachello modella palermitana ritratta da alessandro italia arieggia a santa Rosalia. Qui è sul carro del 2011

4 la sicilia che produce a castelbuono è il primo protagonista del MiRacolo economico ecco nicola FiasconaRo panettoni a go go L uomo che ha dimostrato come il panettone sia un prodotto mediterraneo si chiama Nicola Fiasconaro. In un paese di montagna, da cui si intravede però il mare delle Eolie, magari con un po d immaginazione, ha coniugato la soffice e profumata pasta che da sola fa Natale, con la dolce manna esclusiva della sua terra, i pistacchi e tanto altro ancora. Se la manna c è solo a Castelbuono, che è appunto il suo paese, mentre i pistacchi li compra a Bronte come le mandorle ad Avola (la pizzuta), la scorza d arancia siciliana invece nel panettun c era già. Assieme alla sultanina, che mediterranea lo è anch essa, di certo. Il panettone Fiasconaro è da anni una realtà, sinonimo di finezza e qualità. Perché Nicola, assieme ai suoi fratelli, è un perfezionista della gastronomia, lascia ben poco al caso e differenzia lo squisito prodotto attraverso un articolata tipologia, un vero e proprio assortimento, un campionario di gusti e di colori. Visitatori e turisti che passano dalla piazza di Castelbuono, che non manca certo di attrattive storiche, fra chiese, palazzi e il Castello, non possono evitare di gustare un assaggio di uno dei panettoni e, per pasqua, delle colombe. Ma vi sono anche liquori agli agrumi, alla cannella, al ficodindia Vi sono torroncini che i Fiasconaro fanno confezionare nella Sicilia Orientale controllando tipologie e qualità Tante cose le sapevamo, ma altre ne apprendiamo perché allo Slow sea land di Mazara del Vallo abbiamo la fortuna di cenare al tavolo con Nicola. Miracoli dei convegni: Lo avevamo visto arrivare e girare un po per il centro storico pedonalizzato, le stradine e le piazze barocche, intramezzate da piccoli bar e negozietti d artigianato, che ruotano attorno alla splendida piazza della Repubblica, inframezzate da qualche pagoda allestita per l occasione. C era sembrato un volto conosciuto. Non era la prima volta che lo vedevamo e ci incuriosiva, tanto che lui stes- 4

5 Fiasconaro è un autentico ambasciatore della cucina e dei dolci siciliani nel mondo. partecipa a concorsi ed esposizioni ovunque, vincendo molti premi. ama sempre portare un messaggio. ha avuto tante gioie e qualche rammarico: c è una forte sensibilità dei media per il mio lavoro e ciò dice mi fa molto piacere. Vorrei tanto però che il mio esempio facesse da stimolo alle nuove generazioni in sicilia. inoltre occorre difendere meglio i prodotti autentici da quelli contraffatti per più di un motivo Il taglio di un panettone artigianale di 65 chilogrammi, realizzato dall'azienda dolciaria Fiasconaro di Castelbuono, durante l inaugurazione a Milano del World Food Exhibition. A tagliare il maxi panettone è stato Luca Zaia. so, ad un certo punto, accennò a un saluto. Ma ci sembrava un cantante, un fantasista, forse francese, alla Henry Salvador, per chi lo ricorda Quando fu presentato al tavolo del galà allestito all aperto nel grande chiostro dell attuale palazzo comunale, lui non immaginava con quanta curiosità attendevamo di sapere chi fosse realmente questo iperattivo siciliano, cresciuto in controtendenza con chi parla di crisi fino alla monotonia, al punto da richiamare anche l attenzione degli economisti Fiasconaro ha scelto la versione piemontese del panettone, il cui nome più noto è Galup. Non ha copiato, ma non è un caso. Apprezza da sempre il Piemonte per la gastronomia, i famosi vini e il modo in cui tutto viene gestito (il nostro pensiero va ai tartufi e alla crescita esponenziale della Ferrero Alba ) A tavola colpisce presto un episodio. Con noi c è un giornalista giunto per ultimo che, tutto a un tratto, si alza e scusandosi molto sommariamente, si allontana in giro per la sala Mah chiede con aria preoccupata Fiasconaro ce l ha con lei? Rispondo di no: assolutamente, piuttosto è in crisi con se stesso, qualcosa non gli va per il giusto verso da qualche tempo. Si pensa che l amico non torni più ed, invece, rieccolo, riprende posto. Fiasconaro lo accoglie con un gran sorriso e un paio di battute con la chiara intenzione di rincuorarlo e metterlo a proprio agio. Questo è certamente Nicola Fiasconaro uomo. Non quello che ha fatto fortuna estendendo l attività paterna dalla piccola pasticceria d un tempo rimasta di per sé in piazza poco più che quella e non quello che adesso sta partendo per gli Usa ad incontrare un po di rappresentanti, che vende i suoi prodotti fin nell amato Piemonte e, ovviamente, oltralpe. Nicola è uno di quei fortunati cui serve poco per essere un uomo e la sola mente per essere un tecnico. La serata continua e l amico giornalista diventa addirittura allegro, sia perché la cena va avanti, ma perché lui è piemontese e Fiasconaro lo interpella come esperto (e lo è) del variegato mondo gastronomico di quella storica realtà Tornando al panettone, apprendiamo che il vero segreto una sorta di ponte dell asino è il lievito, che dev essere non già di birra e tantomeno (ma questo è evidente) di tipo chimico. Bensì, il vecchio e naturale crescente, il lievito di pane. Il nostro dice Nicola è datato di quasi settant anni fa. Lo rinnoviamo continuamente, ma l origine è sempre quella. In ogni fabbrica di panettone, fondamentale è l opera del lievitista, colui che si occupa di rinnovare il lievito, di accudirlo e far sì che venga utilizzato al meglio. Il perfezionismo porta i Fiasconaro ad inviare gli agrumi siciliani per essere canditi presso le migliori ditte nazionali. Purtroppo, in Sicilia come ci informa Nicola - non si raggiunge la qualità desiderata. Ma le sue nozioni, come si è capito, spaziano nell intero mondo gastronomico e la voglia di fare di più non cessa. Anzi si esprime in questa direzione nell attesa che anche l ultima generazione Fiasconaro, quella dei giovani, che frequentano accademie lontane dall Isola, mantenga le promesse, come sembra. Così, da quell aggettivo lontane, emerge il maggior sogno di Fiasconaro: perché, noi siciliani, custodi di tanta tradizione gastronomica, che rischia di disperdersi, non fondiamo una nostra accademia? Un accademia di arti culinarie in Sicilia sarebbe la prima, formerebbe cuochi per noi e per il resto del mondo, incaricandosi di eternare quella varietà di pietanze che rappresenta un patrimonio e che l Isola tuttora conserva nel ricordo del grande passato. 5

6 la sicilia che produce vini si sono più diffusi sul mercato locale ed a Palermo in particolare. Non dispiace trovare che in sede c è chi sa apprezzare il meglio della produzione siciliana e delle province di Palermo e viciniori. Vedi il bianco Per sempre Ma non dimentichiamo che la storia del vino siciliano passa anche molto dall Etna e dalle sue terre vulcaniche, oltre che dall abilità dei vinificatori di quelle parti. Dopo alcuni anni in cui i vini della doc Monreale protagonista assieme alle dolci malvasie la sicilia del vino affronta l estate Cresce la realtà del vino siciliano, che ha avuto di recente in marchi come Planeta e Donnafugata una crescita seguita a quella dei classici Duca di Salaparuta (già Corvo), Tasca d Almerita (nato come Regaleali) e Rapitalà. Ma l affermarsi nel mondo dell autoctono siciliano Nero d Avola purtroppo imitato fino all ossesso ha spianato la strada ad altri autoctoni (Grillo, Insolia, Catarratto, Nerello mascalese ) ed al successo degli allogeni (soprattutto Sirah, Chardonnay ). Una realtà di terroir (territorio) che si Alberto Tasca d Almerita è affermata sul terreno della qualità è la Doc Monreale con i suoi bianchi, fra cui andrebbe rilanciato lo storico Alcamo Bianco (perché non lo hanno ribattezzato dal suggestivo Bianco d Alcamo che si trova sui libri di cucina a partire dall Artusi?) ed i suoi rossi. Si afferma nella grande estensione del territorio comunale il taglio bordolese, composto da tre uve rosse. Ad esempio Nero d Avola, Sirah e Merlot. Ma la presenza del Nero d Avola conferisce a questi vini delle possibilità infinite, come la riserva di voce di Pavarotti o Frank Sinatra. Con il Nero d Avola ed anche le altre uve cresciute in Sicilia puoi giocare come vuoi. Ciò perché da un uva più ricca puoi ottenere musiche meno Wagneriane e più Mozartiane, come è il caso del delizioso Lamuri, ottenuto da Nero d Avola da Tasca d Almerita. La Doc Monreale, con il suo presidente Mario Di Lorenzo ed il presidente dell Irvos (Istituto siciliano del vino e dell olio) Dario Cartabellotta, ha fatto di recente il punto della situazione, quantificando la crescita e parlando di problemi e programmi. Alla presenza di Salvino Caputo. Di Lorenzo, in particolare, titolare della cantina Disisa, in pieno Alcamo bianco, porta l esperienza dell esportazione dei propri vini (ed oli) in nord Europa e nelle Americhe. Da qualche tempo i suoi 6

7 la sicilia che produce l Etna, almeno sul piano locale, sembravano soffrire del complesso d inferiorità per la crescita esponenziale degli ex parenti poveri della Sicilia occidentale, adesso si ripresentano a grande livello e non solo con i rossi, storico eccelso patrimonio, ma anche con vari bianchi dalla ricercatezza sorprendente. E tutte le province siciliane, vedi la fiorente realtà fra Ragusa, Pachino e Noto con i Frappati e i rossi fruttati, primo fra tutti l inarrivabile Rosso di Vittoria (se ne producono un decimo di quelli che meriterebbero d essere venduti nel mondo per mera mancanza d iniziativa imprenditoriale). Da Noto può partire un discorso sulle malvasie, un prodotto che fa pensare a Lipari e Salina, ma che troviamo ormai in tutta la Sicilia, nelle sue varianti. Passato, per fortuna, il tempo in cui i dolci erano banditi dalle teorie sul buongusto, la Sicilia dimostra di continuare a mietere premi e vittorie sempre e soprattutto in questo settore, dove la terra e il sole rendono i suoi prodotti inarrivabili: dal Passito di Pantelleria all esclusivo Vecchio Saperi del marsalese De Bartoli. Secondo noi, è il miglior Marsala Vergine Tenuta Monte Gorna che ci sia, ma il produttore appunto De Bartoli a quanto pare non ama lo si definisca un Marsala. Quel tanto di chapeau che tocca a questa discendenza, costringe tutti a perdonargli tale snobismo. Una chicca della zona del Marsala Doc (quando avrà il meritato rilancio?) è rappresentato dai prodotti della ditta di Ignazio Florio Pipitone, fra i maggiori produttori del vino da messa, che, come i Lacrima Christi toscani, è anche disponibile per il pubblico. Viene prodotto in una gamma di bianchi, rossi, secchi e dolci Ma il semplice Marsala Fine demisec (dal prezzo accessibile) e soprattutto il Very old sweet 1959 sono assolutamente da provare. Così come il liquoroso Safù, che sembra portarsi appresso un po del vento del deserto africano, corretto dalle spezie e dall odore di agave spezzata. Palermoparla sarà lieto di mettervi in contatto personalmente con il produttore, erede anche lui di una lunga stirpe. Ignazio Florio Pipitone L incontro dei responsabili della Doc Monreale e dei produttori delle aziende è stato fissato su iniziativa di Salvino Caputo deputato regionale Pdl e Presidente la Commissione Attività Produttive dell Ars. L agricoltura e tutto il comparto oggi vivono un momento di grande difficoltà - dichiara Caputo - ma è un settore grandemente attenzionato ed è per questo che bisogna valorizzare il nostro territorio e incentivare le nostre produzioni. Sono convinto - continua Caputo - che quest incontro di giorno 11 sarà un occasione propositiva per avviare le iniziative di rilancio della DOC Monreale che racchiude le aziende già conosciute in tutto il mondo. 7

8

9 editoriale di Germano Scargiali In copertina: 49er condotto dal palermitano Giuseppe Angilella (Lauria) con il prodiere Gianfranco Sibello Anno Xvi - n. 87 luglio-agosto 2012 Direttore responsabile: Germano Scargiali Redattore capo: Lydia Gaziano Redattori: Francesco Italia, Grazia Gulino, Aldo Librizzi, Chiara Scargiali, Vincenzo Scargiali, Andrea Uzzo, Riccardo Picone Da Roma: Nino Macaluso M. Antonietta Gaziano Sarao, Collaboratori: Giulio Ambrosetti, Vincenzo Baglione, Benito Bonsignore, Alessandro Bruno Giuseppe Lo Verso, Tina La Loggia, Guido Guida, Marcello Malta, Marco Vaccarella, Adriana Barbera, Roberto Gueli, Anna Maria Ingria, Rory Previti, Bartolo Scalici, Nino Martinez Corrispondenti: Agostina Altieri, M. C. Di Lunardo, Vincenzo Lombardo, M. Carola Tuzzolino Vincenzo Agozzino, Gaetano Messina, G. Di Quattro Fotografia: FrancescoItalia. it Progetto grafico: FrancescoItalia.it Impaginazione: Toneco Direzione e redazione: Tel Edizione e Stampa: Euroservice Puntografica Trib. Palermo n. 42/1997 Tutti i testi indistintamente giunti al nostro giornale possono essere riassunti e modificati in armonia con la linea formale e morale della nostra pubblicazione. Le collaborazioni sono tutte a titolo gratuite. Le edicole di PalermoParla Politeama (via Turati`), R. Settimo (Randazzo); Piazza Massimo. Via Libertà: Matteotti e Fiamma. Via Calvi. Edicole Mercurio: Roccaforte, Pacinotti. Via Pr. Villafranca: Kilt bar e Schillaci. Via Sicilia: Bar Sicilia, V.le Strasburgo: Belgio, Aldisio. P.zza Leoni. V.le del Fante: P.le del Fante, Villa Sofia, P.zza Niscemi. P.zza Acquasanta. Mondello: Paese, P.zza Castelforte. S. Erasmo. Cefalù: V. Roma, Bar Al solito posto. Trapani: Villa comunale. Edicole Roma: Caporali & Caporali edic. n. 4, Stazione Termini (fronte bin. 14); Magliano Fiammetta via S. Pincherle, Mun. XI; Viale Marconi (ang. piazza della Radio (Mun. XV); Mondini Luciano Edicola Giornali - Piazza Colonna (Portici Veio); Ascensi via Ponzio Cominio, 50 (Mun. X) Edicola-tabacchi Shangri-La Corsetti via Algeria, 141 (Mun. XII); Eur: 2G s.a.s. di Ciocari Giovanni, via Pietro Maffi, 72 (Mun. XIX). Nella cura dell economia si possono seguire 2 strade: la prima è di ricercare la stabilità, la seconda è quella di gestire l instabilità. La realtà bancaria preferisce la prima strada, mentre quella imprenditoriale sceglie la seconda. Gli imprenditori sono abituati a rischiare, fare fortuna o fallire. L Ue è nata per imporre la stabilità ad ogni costo, prima con i trattati di Maastricht, poi con il patto di stabilità. Ovviamente è nata con la logica delle banche. Il problema, però, non è nuovo. Nei decenni passati gli economisti si sono trovati divisi fra coloro che attribuivano a Keynes il sogno coerente di voler mettere l economia al riparo da ogni crisi e coloro che invece giudicavano tale sogno come erroneo. Nella realtà secondo una condivisibile visione Keynes non volle fornire la ricetta (impossibile) della sicurezza assoluta, ma solo indicare la strada per tendere ininterrottamente verso traguardi di maggiore stabilità e sicurezza. E per questo che i socialisti, dopo il crollo dell economia sovietica e di altri esempi di sommario 4 Ecco Nicola Fiasconaro panettoni a go go 6 La Sicilia del vino affronta l estate 10 Oltre le formule fra elezioni e governi 11 Orlando nuovo sindaco 12 Montezemolo Berlusconi Alfano Casini 14 Nasce l Europa monetaria? 15 Ci euroavamo tanto amati 16 Le promesse dimissioni di Lombardo 18 Cuffaro ci scrive 19 La beatificazione di Don Puglisi e il premio a Biagio Conte 20 Contro il governo Lombardo insorgono Cristaldi e Apprendi 21 Il terzo magnate cinese in Sicilia 22 Fra gli evasori pubblici c è di tutto 23 Cosa c è dietro l angolo di questa primavera 24 Ricomincia il Tormentone del Ponte 25 Gabriella Giammanco Young lady a Montecitorio 26 Turismo: siamo i primi e ci comportiamo da ultimi 28 Mondello sempre Mondello fra gioie e dolori 29 Tornerà la lunga estate fresca? 30 Augusta il porto Xifonio diventa realtà 31 Balestrate come Rashomon 32 Visita a Maredolce eden dell emiro Giafar 33 La Vucciria tanto amata e famosa nel mondo 34 Tutto Guaschino come in un museo 35 I fiori di carta di Anna Maria Ingria 36 Zamparini: per la gente mi metto in politica 38 Pronta al via una grande Montecarlo 39 Trofeo Challenge Ignazio Florio: e sette Liberismo ai ricchi socialismo ai poveri? w w w. p a l e r m o p a r l a. i t socialismo reale si sono auto definiti keynesiani. Ovvero sono stati tacciati di esserlo da quei liberisti che ritengono provvidenziale la continua lotta della concorrenza, assieme a quella che tende continuamente al salvataggio di una situazione instabile per natura. Ciò a garanzia del corretto funzionamento di tutta la realtà: sia economica che sociale e civile. Nella storia recentissima, infine, il sogno keynesiano quello di una vita sicura e al riparo da sorprese si vuole garantire e assicurare, sotto opportuni camuffamenti, solo ad una parte degli abitanti della terra o, perlomeno, dell Occidente: i bancari e i proprietari dei maggiori trust. Si vuole applicare un liberismo garantito dalle banche comunque ai più ricchi ed una nuova forma di socialismo, che sia tale da mantenere povere e rassegnate, le masse borghesi. Non resta che saperlo e trarne le dovute conclusioni: sul piano concettuale, capire ciò cui assistiamo, con questa chiave di lettura, non è difficile. Ma come reagire? 40 Pizzo l erede della squadra in cui entra Angilella 41 Annata ok per la pesistica palermitana 42 Morgana fra programmi problemi e soddisfazioni 43 Scienze Motorie verso l internazionalizzazione 43 Un tesoretto da scoprire e valorizzare 44 La vela a scuola A Balestrate regate e divertimento 45 Un libro commemora Norman Zarcone 46 I cattolici e la vita 47 Football non disfida di Barletta 48 Al Ranchibile è il tempo dell Oratorio estivo 49 Lagalla fra i premi ai giovani e le speranze dell Ateneo 50 I programmi di Mayer Rothschild 51 Da Monti a Brzezinski l equipe che tremare il mondo fa 52 Conferenza sullo scompenso cardiaco 53 Mani di fata per mal di schiena memorial Gianmaria Miciluzzo 55 Coniugare efficienza e democrazia 56 Parisi l aveva azzeccata Bonsignore conclude l attività alla Villa del Casale 57 Tutti innamorati di Franco e Ciccio 58 Vincenzo Ferrera quel palermitano che recita e canta 59 Tonino Guerra fu l Omero della civiltà contadina 60 Il gelato una cosa palermitana 61 Dove andiamo stasera? 9

10 editoriali Governo tecnico grave colpo alla democrazia oltre le formule fra elezioni e governi Non manca certo per coniare nuove parole, definizioni, aforismi... Se ne creano di continuo, tradotti in lingua o importati direttamente in edizione originale. Imparammo, così, all improvviso che un illustre sconosciuto, lo spread, rappresentava il tutto per farci capire se eravamo ricchi o poveri. Rapidamente è andato fuori moda parlarne. Rapidamente è entrata in uso la definizione patto di stabilità, che andava a sostituire il nome di una cittadina sperduta nei paesi bassi che non avevamo mai sentito nominare, ma impedisce anche ai meno poveri di comprare un nuovo paio di scarpe, almeno con la frequenza d un tempo: Maastricht. Adesso è legge di stabilità e poi non si sa cosa sarà, ma quel che è certo è che sarà sempre una fregatura. Si parla di mattarellum, sporcando il nome di chi è considerato un martire della mafia, sia pure tramite il fratello sopravvissuto e, addirittura, si associa al porcellum. Ma si tace che ambedue sono stati voluti dai partiti in modo abbastanza bipartizan e che la ratio del mattarellum è tutt altro che campato in aria, ma ha, invece, una logica che tende a colmare l errore di base della prima repubblica: la troppa facilità con cui si potesse tarpare le ali a un governo, operare ribaltoni e simili. Ma per questi ultimi l Italia politica ha un autentica passione. Non sa farne a meno e li ha perpetuati contro ogni logica, contro lo spirito della legge, contro il lato positivo del mattarellum e del porcellum. Tuttavia, parla con disprezzo del porcellum e, per estensione, del mattarellum. Ciò che vogliamo dire, a scanso di equivoci, è che ciò che avviene e che hanno fatto con quelle criticate leggi è peggiore delle leggi stesse che ora vogliono riformare. Quanto sopra rimane vero, pur considerando una degenerazione quella delle liste chiuse imposte dalla sommità dei partiti. Tutto ad ovvia salvaguardia della casta. Ma non ci si accorge che questo è stato un passo che ha assunto un peso mortale in direzione dei governi dei tecnici. La presenza di parlamentari e ministri che nessuno aveva scelto ci ha portati, con un lieve ed agile saltello, in mano a governi di persone che non avevamo mai neppure visto. Tutti dovrebbero avere chiaro che un governo come questo di Monti (non meno di quello di Lombardo) va smantellato al più presto perché costituisce un grave precedente formale, un bruttissimo break nella storia della democrazia italiana, prima ancora che in quella repubblicana. Si potrebbe ricordare, fra mille esempi storici, la morte di Cesare e il dissidio così ben rappresentato da Shakespeare che risulta dall orazione di Marc Antonio Ma la politica è necessaria Quanto detto circa la politica ricalca un concetto che emerge di prepotenza in questi giorni contro chi vorrebbe negare ad essa ogni valore. La politica e la democrazia sono si dirà purtroppo la sola arma tramite la quale i popoli possono rappresentare e difendere i propri interessi. In modo ancor meno vago, è chiarissimo come il maggior nemico oggi sia ben al di fuori della politica. Va ricercato, neanche a dirlo, nel sistema finanziario e bancario, nelle grandi multinazionali, fra quelli che con grandi attività, al di là di terre e mari cercano di fare denaro con altro denaro o senza neppure quello. Ovvero ricercano posizioni leonine di vario genere che prevaricano e prevalgono, manovrando le nazioni e i loro governi. Ma questi rimangono i veri scudi, assieme alle istituzioni, alla magistratura, agli organi di informazione. Purtroppo, rischia di essere insufficiente. Ma è ciò che di obiettivamente disponibile si possa trovare. Scagliarsi pedissequamente contro la politica come tale significa cadere in un banale errore. e da quella meno nota, ma oggi tanto incisiva, di Marco Giunio Bruto, il giovane cui si narra che il famoso esponente della Gens Julia disse, secondo la leggenda, l accorato tu quoque. E, sin dal 1800 tutto il mondo è con Bruto. Tutti hanno fatto le barricate o si sono limitati ad approvarle, a battere le mani. Nessuno si lascia dire in faccia di non essere democratico. Ma che cos è la democrazia? Rifacendoci al nostro appassionato editoriale di questo numero (pag 9) ricordiamolo bene nei suoi aspetti reali e concreti. Aggiungeremo che la democrazia è un percorso di cui non si intravede nella realtà il traguardo. Ma, se torniamo indietro, siamo belli e fritti. Andiamo contro Cesare, anche se dovesse essere nostro padre e vanamente egli dovesse dirci: anche tu, figlio mio. 10

11 editoriali Lui speriamo che - dopo aver fatto tanto per tornare se la cavi orlando nuovo sindaco L ottimismo della nostra rivista non può spingerci ad altro che a sperare che i prossimi cinque anni portino comunque qualcosa di positivo alla città. Al termine delle recenti elezioni, che hanno registrato la più bassa affluenza alle urne della storia repubblicana, Orlando torna ad essere il nuovo sindaco di Palermo. Ed è la quarta volta. Tanto ha insistito, dopo le pesanti sconfitte, subite prima alla regione da Cuffaro, poi a Palermo stessa da Cammarata che si è conquistato questa poltrona pur bollente che, a quanto sembra, desidera con forza. Orlando ha detto di se stesso che il sindaco lo sa fare. Quindi, adesso, saprà che cosa fare in concreto in questa Palermo che ha lasciato - a suo tempo - piena di debiti già contratti e in divenire. Debiti che, con le ristrettezze imposte dai governi succedutisi a Roma negli oltre 10 anni della sua assenza, gli è stata riconsegnata ricca solo di deficit e di impegni difficili da mantenere. Primi fra tutti, appunto, quelli da lui stesso innescati : Lsu, dipendenti Gesip, troppi autisti all Amat Ma occorre dire che vi sia chi già fa sapere come...il lupo perda solo il classico pelo, non altro. Pare che al Teatro Massimo il neo sindaco voglia già cambiare un paio di dirigenti per fare assunzioni, laddove il bilancio è stato risanato e regge, rinunziando spesso anche al necessario. Il capoluogo siculo, dove in quei 10 anni di gestione di centro destra, per chi ha occhi per vedere, tanto in realtà è stato fatto (aeroporto, porto, acqua potabile, circonvallazione, tappi stradali, percorribilità cittadina, zone periferiche, parchi cittadini, scuole, campi sportivi e palestre scolastiche ) presenterebbe ben altri problemi differenti dai periodici cumuli d immondizia ai crocicchi. Palermo dovrebbe essere sdoganata dal proprio isolamento o, peggio, dal proprio isolazionismo provinciale. Questo ne fa da troppo tempo un pianeta a sé. Né i contatti sporadici, il far notizia, di tanto in tanto, su qualche giornale straniero è quel che serve. I famosi viaggi, le reciproche visite (tante ne sono state fatte fra Regione, Provincia e Comune da sempre, con relative famiglie...) hanno stancato veramente tutti. Così come i consulenti ai rapporti con paesi lontani: rapporti, di fatto, mai instaurati. Occorrerebbe, invece, creare contatti e rapporti di durata anzitutto con l Italia stessa, con i paesi circonvicini del Mediterraneo ed oltre: contatti continui e ripetuti a sfondo culturale, sociale, civile e - diciamolo - economico. Di tutto questo nulla faceva Orlando, ben poco si è continuato a fare che non fosse, appunto, qualche viaggetto in terre lontane. Poco o niente se n è parlato, infine, nel corso della recente - pur ben accesa campagna elettorale. E allarmante. Silurato Massimo Costa, perchè poco conosciuto dai più, molti a parole hanno sperato in Ferrandelli, ma altri giurano che Orlando è il grande sindaco che ci si può attendere. Ripetiamo: lo speriamo per il bene della città. Ma, facendo un esempio, come si poteva sperare che un Ferrandelli, solerte frequentatore dei quartieri disagiati (e questo è un bene) potesse mai avere la caratura per navigare quel mare che nessuno da secoli in pratica naviga adeguatamente? Del nuovo sindaco, invece, in tutta Italia si dice che non è certamente un nuovo arrivato, ma non è neppure...il nuovo che arriva. Ciò che si sperava. I palermitani hanno applicato la massima meglio il tinto conosciuto che il buono a conoscere, tante volte ripetuta. Dato che Orlando è stato da sempre sostenuto in gran parte dai salotti buoni, al punto che a suo tempo si scagliava contro lo stesso giudice Falcone, accusato di essere un bolscevico, mentre giunse ad affermare pubblicamente che il primo attentato (Villa alle Rocce) fosse una simulazione. Il commento sul suo essere nuovo risulta arduo. Saremo degli illusi, ma le sole novità continuiamo ad aspettarcele non dal potere pubblico, in tutt altre faccende affaccendato perché inguaiato e senza fondi, ma, purché lo si permetta, dalla mano privata. Chi sa, prima o poi Forse il vero problema è sempre lo stesso ed è più grande e più grave di quanto abbiamo tante volte detto e ripetuto. Noi siamo malati di idealismo. Tutti. Siamo platonici, hegeliani e, in Italia quel che è peggio crociani, fino all ossessione. Affrontiamo qualunque tema, cioè l economia, la morale, il sesso e persino l omosessualità, alimentando ciascuno dentro di sé un idea propria di ogni singolo concetto. Nel costruire questa idea non ci accorgiamo di attingere prevalentemente ad altre idee tralasciando la realtà. Noi dimentichiamo come tutto ciò che vediamo e che ci accade intorno venga dopo la storia già vissuta, una serie di esperienze che abbiamo realmente compiuto, dati e nozioni che abbiamo già quasi sempre studiato. Dimentichiamo le giornate e i momenti della vita trascorsa, ma persino i concetti che ci provengono dalla scuola e dall università. Anche perché sempre, anche allora, ragionavamo in termini idealistici Sol per questo possiamo farci turlupinare da uno stato che ci è debitore e si comporta come fosse il creditore. Accettare governi nati da un golpe, ma che possono auto referenziarsi come tecnici. Oppure pensare che l economia sia basata sul diritto al lavoro e consista nella fruizione di un salario. E quasi come dire che basti solo faticare perché i problemi si risolvano Nella morale, contaminati prima dal bel sogno rinascimentale e poi dalla fantasmagorica illusione della rivoluzione francese, finzione o realtà molti pensano che si possa nel corso di mezza generazione modificare il risultato di migliaia di anni di riflessioni, operate nel parlare o meno con un Dio sul sommo dei monti Del sesso, che Socrate definì come un padrone arrabbiato e selvaggio, abbiamo creato mille versioni, immagini, vere eidola, vaghe, contorte, quasi sempre dannose, autentiche menzogne, lontane dall amore e dal rispetto per se stessi e per gli altri Sull omosessualità si dice di tutto e di più, se ne parla come se il suo comparire, con la tolleranza alla luce del sole, sia un invenzione moderna, una recente conquista civile. Eppure tutti sappiamo che il mondo classico accettava e tollerava, non contaminato dalla pruderie delle nostre sacre scritture, tutto ciò. Tuttavia basta dare un occhiata agli epigrammi di Marziale e Giovenale, per sapere quel che pensasse la gente dei trans. Come li prendesse in giro. Anche qui il problema, tanto per cambiare, non è quello descritto né dall una, né dall altra delle controparti. E il motivo è sempre lo stesso: il fascino pericoloso dell idealismo intellettuale, che ci inebria, ci priva del senso della realtà e ce la fa accantonare. Ma nessuna epidemia manca di risparmiare qualche individuo. Guardiamo persino le palme scampate al punteruolo rosso! I pochi individui esenti dalla malattia sono i soli geni fra noi, oppure se la spassano da grandissimi marpioni, destreggiandosi nel dualismo amato da Pirandello: finzione o realtà? 11

12 politica dalla dependance di Parigi. La copertina del Times, gli articoli usciti a Londra e in Francia, fattisi più fitti, più offensivi, più diretti non furono un caso fortuito. Il petrolio libico non solo era tanto, ma è anche vicino. Gli accordi per la costruzione di opere pubbliche, solo in parte gratuite, più lo scaturire di una messe di rapporti tra i due stati facevano dell Italia una potenza nell ambito di quel Mediterraneo che tanto attende di essere egemonizzato. Nella politica internazionale, esattamente come al livello di provincia vedi la realtà mafiosa in Sicilia ognuno deve saper muoversi nell ambito circoscritto che gli è consentito e non cresceun poker dietro L AnGoLo o L MontezeMoLo BerLu Rispunta Montezemolo e, finalmente, dalla parte giusta, cioè quella che gli si confà. Il general manager della Ferrari avrebbe il tratto per rappresentare degnamente l italian style in giro per quel mondo che giudica l Italia esempio di buon gusto, cultura, arte Per quanto lo si voglia negare, rispunta anche Silvio Berlusconi, pur seguito dal suo delfino Alfano. Il Pdl o come si chiamerà non può fare a meno del Cavaliere e le amministrative in cui lui è arretrato dietro le quinte, lo provano. Figuriamoci che dev essere ancora adesso lui stesso a smentire certe voci Non ho alcuna intenzione ha ripetuto di tentare la scalata al Quirinale e non intendo tornare più a palazzo Chigi. Nonostante le acerrime campagne diffamatorie, nonostante le accuse in tribunale, gli sberleffi più sguaiati in Italia e all estero, non si riesce ad escludere per Berlusconi la presidenza della Repubblica, una carica che resterà in ogni caso più rappresentativa che operativa anche nella prospettiva di elezione diretta. Per la presidenza il cavaliere non sarebbe certo tagliato. Quanto a palazzo Chigi, gliene hanno fatto passare ogni voglia. Aggredito dall interno, si è indotto alle dimissioni mettendo avanti il senso di responsabilità. Ma sapeva benissimo che in Italia questa dote non viene apprezzata, ma scambiata, invece, per vigliaccheria, rinunzia, accettazione della sconfitta Inoltre, è chiaro come il Pdl senza Berlusconi sembri un prete spogliato, come si dice volgarmente. E lui il Berlusca certamente capiva anche questo. Sul fronte interno le dimissioni di Berlusconi per il partito sono state un disastro. Ma la verità è quella che abbiamo o s s e r v a t o r i o Rajoy fuori dai denti Il nuovo premier spagnolo Rajoy ha parlato chiaro sui contorni della crisi europea nella proiezione mediterranea: Tagli alle spese, miei cari spagnoli, o crolla tutto. Ma l Europa (a propria volta ndr) deve parlar chiaro, per difendere ed affermare il valore dell Euro e chiarire che il processo della nuova moneta è ormai un fenomeno irreversibile, grazie ad una decisione univoca degli stati aderenti e del governo di Bruxelles. Fuori dai denti l uomo politico spagnolo chiama l Ue perché dimostri quanto valga la pena sopportare i sacrifici che essa impone agli stati membri che, al momento attuale si trovano peggio Silvio Berlusconi già detta nei numeri scorsi: a dare il colpo decisivo al capo del governo che gli italiani avevano eletto e confermato fino a farne il più durevole della storia repubblicana, a dispetto di tutto e di tutti gli accaniti oppositori palesi ed occulti, è stata la politica internazionale. E stata la troppa disinvoltura con cui il governo italiano, dopo gli accordi con Putin per la Gazprom e relativo gasdotto, aveva concluso accordi per il petrolio e non solo per quello con la Libia di Gheddafi. La guerra delle potenze atlantiche contro Gheddafi (una nota stonata e demodè, una decisione mai presa prima) assieme alla richiesta perentoria della testa di Berlusconi è venuta dagli Usa, da Londra e di quando erano soli. Proprio come abbiamo sempre detto sulle nostre sperdute pagine: bene all Europa e sì all Ue, ma passo dopo passo e guardando chiaro dove si poggia il piede. La Spagna di Zapatero era un colabrodo Luca di Montezemolo E sperabile che ci si renda conto almeno adesso di come Zapatero abbia lasciato la Spagna in pieno disastro economico e sociale, dopo essere andato al potere con tanta enfasi da parte delle sinistre. Al di là dei proclami, delle dichiarazioni d intenti, dei provvedimenti che non costano nulla, fra cui le demagogiche norme sugli omosex (che non risolvono nulla), Zapatero era ben poca cosa. La Spagna meritava ben altro e, al tempo di Aznar appariva in piena crescita economica, civile e morale. Comunque non è mai stata davanti all Italia, come altra demagogia, invece, annunziava. Riflettendo, infine, sulla figura di Zapatero, essa ricalca quella di Obama, che sulle nostre paginette abbiamo sempre indicato con tutti i suoi visibili limiti: uomo da proclami con poca sostanza. Un Usa la sua non meno bellicosa, infine, nella sostanza, di quella di sempre. Quei marò prigionieri in India Tutto inizia chiamandoli marò, con un 12

13 politica unica StrAdA percorribile? Sconi ALfAno casini Angelino Alfano re più del dovuto. Il difetto (e l errore) decisivo per Berlusconi è stato quello di credere di poter muoversi con la speditezza e la disinvoltura dell imprenditore lombardo, duttile e anche spregiudicato, in una realtà politica internazionale che, da una parte sta invecchiando (e lo teme), dall altra, si è mossa sempre con la prudenza dei rapporti diplomatici e con lentezza giurassica: l Europa è stata definita un nano politico e l America vede la spada di Damocle della crisi atlantica economica e civile. In ciò consiste anche per inciso la frattura fra la realtà politica e quella dell economia finanziaria e delle multinazionali. In tali settori la duttile spregiudicatezza trova certamente un proprio spazio. Ferdinando Casini Un accoppiata fra Luca di Montezemolo e Silvio Berlusconi, con Casini e Alfano a far da angeli custodi, è secondo noi non soltanto uno sbocco appetibile per l Italia che guarda dietro l angolo di questo increscioso momento, ma è l unica strada percorribile. Ovvero bisognerebbe orientarsi per un governo del modello Bersani, un premier che parla in dialetto bolognese, che non ha imparato a dire la ci dolce e la pronunzia quasi esse. Resteremmo il paese della pagnottella, del pane e mortadella, del sigaro toscano all osteria, del mezzo litro e una gazzosa L Italia non lo merita e tantomeno gli italiani. termine straniero al posto di quello che sono: i nostri Lagunari, noti per essere un corpo scelto assieme ai paracadutisti e ai bersaglieri... Ma tant è: Pur onorati per imprese e coraggio, sembrava troppo banale chiamarli così I media cedono al vezzo linguistico, oggi così di moda, dimostrando di pensare ancora la guerra come un gioco e non una inestirpabile iattura. Ma il peggio è che lagunari certo lo erano, in sottofondo, ma spunta anche una parola più consona di marò: fucilieri. La pruderie nasconde che vi sia ben altro vocabolo sul Melzi o lo Zingarelli: cecchini. Tali erano e sono per mestiere Girone e La Torre. Niente da eccepire (esistono), tranne sui vezzi e la sostanziale ipocrisia farisaica dei nostri media, dell Italia che compie tante brutture (pur fra le buone azioni, i saggi comportamenti e gli eroismi), ma poi si nasconde dietro un capello. Un ultimo dubbio sul comandante Umberto Vitelli. Se a Schettino abbiamo incollato l etichetta di vigliacco, incolleremo a Vitelli quella del cretino? Perché non ha dato prua verso acque amiche? Ma ad ordinargli di tornare a Kochi, in India, è stato l armatore Luigi D Amato. Cavaliere del lavoro, l Armatore riappare dopo i disastri compiuti con la Savina Caylyn (5 prigionieri italiani e milioni per il riscatto) Un cavaliere recidivo, insomma. che fa casini L auspicabile poker democratico di cui parliamo a sinistra, che, per largheggiare in ottimismo, concretizzerebbe il rivagheggiato sogno di Don Sturzo, perde una carta per le bizzarrie di chi dovrebbe più sostenerlo: Pierferdinando Casini. Su queste paginette fummo i primi, o fra i primissimi (ma giuro che non ci siamo ispirati a nessuno), a ripescare Sturzo, nella sua sorprendente attualità. Quanto al teorico erede delle sue idee, appunto Casini, abbiamo ben altra idea. Non meno di Fini e Lombardo, Casini viene lusingato da dietro le quinte e tende ad andare in brodo di giuggiole. Il personaggio è quello che è, come gli altri due, pur con evidenti differenze (com è normale che sia). Fatti analoghi avvengono nel microcosmo. Una volta che li avrà usati, chi li lusinga li colerà a picco come una nave che prenda uno scoglio di quarzo alle Eolie. Assistiamo più volte a tali scene. Tutti e tre credono all artiglieria che ne copre l avanzata e non pensano che i cannoni possano tacere all improvviso Quanto a Berlusconi, l Italia è divisa fra chi si scandalizza degli sprechi dei tanti processi cui è stato sottoposto e chi si scandalizza delle assoluzioni(?). E noto che rispettare le istituzioni significa ritenerlo innocente. Ma, se anche il parere dei giudici valesse una cicca al momento delle assoluzioni, non può dirsi che valesse un Perù al momento delle incriminazioni. E a chi dice che Berlusconi non togliesse le tasse, rispondiamo che non conosce il valore economico e storico giuridico di imposte come quella di successione: periodico e odioso prelievo sul patrimonio nazionale. o s s e r v a t o r i o L aereo di Schifani e i vela sportivi La regata velica Palermo Balestrate passa da Punta Raisi e la Capitaneria di porto ha imposto che una serie di boe delimitino verso terra il campo di regata, in pratica le rotte di bordeggio che le barche devono seguire o, più semplicemente la rotta. Perché sia abbastanza al largo. Gli organizzatori, con il costoso intervento di un gommone, provvedono alle boe Ma, in gara, mentre passano gli Yacht sotto vela, avviene il peggio. Virate e date prua fuori intima la capitaneria perché sta per atterrare l aereo presidenziale con il vice presidente della Repubblica Schifani. Ma il vento è poco e la velocità > 13

14 politica A Bruxelles fra eurobond tobin tax e scudo anti spread nasce l europa monetaria? > Sì allo scudo anti spread, sì alla ricapitalizzazione (possibilità) degli istituti bancari ricorrendo al Fondo salva stati. Da Bruxelles, dove si sono riuniti i grandi della politica Ue pare, si sia fatto avanti per i tre auspicati provvedimenti, rispetto ai quali la Merkel, in rappresentanza del piccolo gigante tedesco, aveva fatto la parte della cattiva. Lo spread, quella parola che imparammo quando era il metro degli insuccessi di Berlusconi, continua a non migliorare, anzi Ma non sembra che possa essere il metro dei successi di Monti al quale si continua ad attribuire il successo del decoro, della presentabilità, dell onorabilità. Un valore astratto che è l unico che viene da dire ad un economista bocconiano (come Monti), la sera da Gad Lerner. Il professorone, dopo aver giocato secondo lui come il gatto col topo con Alessandro Sallusti. Il direttore del Giornale finalmente è uno che non le manda a dire e sa rispondere per le rime con i concetti che sono lì sul tavolo da sempre, noti a tanti italiani, ma non a Feltri. Uno, insomma, come Ferrara e De Bartoli.... La soluzione dell unione bancaria E questo un altro punto che è stato discusso al summit, strettamente connesso con il resto. Tale prospettiva è anche contenuta nel rapporto di Van Rompuy. E uno dei cavalli di battaglia pure (e soprattutto) di Mario Draghi, alla guida della Banca centrale europea (Bce). Insomma, la possibilità di introdurre una supervisione del settore bancario a livello europeo (probabilmente sempre affidata proprio alla Bce) e la possibilità di ricapitalizzare gli istituti in difficoltà mediante il fondo salva stati e il futuro Meccanismo di stabilità europeo (Esm) Di tale provvedimento è stato detto che si tratta di introdurre uno Zar del settore bancario europeo, un personaggio, pur o s s e r v a t o r i o con cui le barche si allontanano sembra ai militi una presa in giro. Non possiamo andare più forte, gridano dalle barche. Allora accendete il motore. Ma la regata così salta I regalanti insistono: Lasciateci uscire a vela! Dalla motovedetta, chiariscono: Non vedete l elicottero? L ordine viene dall alto. Loro vi vedono troppo vicini I velisti sbottano: Ma pensano che abbiamo i bazooka? La verità è che ci vorrebbero i cannoni per colpire da un km da terra un aereo che atterra in pista. Ma la regata salta. Le Olimpiadi tormentone Ci siamo premurati a biasimare il gran Mario Draghi rinnovabile, che possa in qualche modo calmierare i comportamenti generali e particolari dei membri in materia di economia finanziaria. Da quanto abbiamo annotato sopra si deve desumere che le lodi a Monti sono azzardate. Il mondo va come deve andare, l Europa pure. Sembra che dall incontro di Bruxelles si sia usciti con tre sì: appunto agli eurobond, alla Tobin tax e allo scudo anti spread. E una speranza più che una certezza. Ma, se è così, non è poco. Si doveva, in ogni caso rimediare o bere o affogare ai traguardi troppo ardui imposti ai singoli stati sin dal tempo di Maastricht, del serpente monetario e poi del patto di stabilità. Per anni gli stati erano andati avanti con un deficit e debito pubblico a livello mastodontico. Chieder loro di risanare a breve termine è come per le banche chiedere ad un imprenditore di rientrare a vista nel debito: possono mandarlo fallito. Monti nuovo orgoglio? Ripetiamo che non è possibile parlare di un Super Mario nel suo caso. Ciò può rimanere vero, invece, per Draghi e, in seconda battuta scusate per Balotelli. Ma la politica è la vera assente di questo governo. rifiuto del governo Monti per Roma venti-venti, che era già un programma, ma anche un caro sogno per tanti sportivi italiani. La viltà, raffrontata al coraggio con cui l Italia degli anni 50 (udite, udite) accettò di metter su a soli 10 anni (1955 quando iniziò la trasformazione di Roma con la tangenziale, lo Stadio, il Palazzo e il palazzotto dello sport, il Flaminio, il villaggio olimpico ) affrontò lo sforzo dei giochi 1960 e la vigliaccheria di questa Italia commissariata e vile. Tuttavia, è vero che le Olimpiadi sono divenute una sorta di tormentone: malate di elefantiasi, con l aggiunta di sport sconosciuti, alcuni assurdi, altri migliori, che però escono dal programma, interessi che cosa avverrebbe Ma, se errare è umano mentre perseverare è diabolico, nell obbedire alla Germania, esaminiamo le conseguenza del battere più moneta. Si è detto in giro finalmente quel che su queste pagine già dicevamo. Gli Usa hanno ancora la fortuna di disporre della Federal Reserve e si aiutano stampando dollari. Sembra l errore di Pancho Villa: C è chi dice che, svalutando, potrebbero minacciare il mondo. Ma, come sempre, è solo questione di misura. Se lo Stato si aiutasse stampando più moneta e auto finanziandosi in questo modo, la prima conseguenza sarebbe di poter imporre meno tasse ai cittadini. La seconda conseguenza sarebbe una svalutazione della moneta. Ripetiamo: è questione di misura. La svalutazione è ciò che l Europa indica a dito come lo spauracchio per eccellenza sin da quando si fecero le riunioni preliminari dell unione monetaria. Perchè l euro non scordiamolo è stato preceduto dal serpente : con l accordo di Basilea, i paesi comunitari stabilirono parità centrali fra le rispettive divise (monete) facendole fluttuare congiuntamente entro dei margini del 2,5%. Il serpente monetario venne poi agganciato al dollaro (ormai liberamente fluttuante) e si e corruzione delle federazioni mondiali, dei vari CO nel terzo mondo, ma anche nel secondo e nel primo, vengono seguite per sommi capi, stancano il grande pubblico, anche se non mancano di tenere qualcuno attaccato ai nuovi schermi digitali, dai mega monitor ai touch screen degli ipad. Ma su tutto aleggia adesso anche la minaccia dei terroristi. Più un evento dovrebbe essere caro e sacro, più lo minacciano. Che schifo. L Italia della Grande Olimpiade La riprova della strana e irritante malafede con cui si difende il gran rifiuto di 14

15 politica fra un europa da affrontare a muso duro e il battere moneta come in usa ci euroavamo tanto amati attendo più moneta autorizzò uno scarto massimo rispetto ad esso del 4,5%. Fu con queste ristrettezze, tutte europee, che cominciarono i guai Maastricht non è stata che un estensione di quella logica. Si disse anche in giro: abbandonate il mattone e comprate titoli in banca. E chi lo fece venne truffato, derubato, rovinato. Ora lo stato aggredisce ogni singolo mattone con l Imu: Tirate una conclusione. Ma chi viene danneggiato in concreto da una garbata svalutazione? Essa danneggia chi tiene i soldi nel materasso o chi li investe in banca a tassi bassissimi. Ma le prime a tenere i soldi nel materasso sono le stesse banche e sono anche le prime a godersi le giacenze a tasso zero o quasi! In compenso c è, invece, chi è aiutato da una garbata svalutazione: coloro che investono in lavoro di impresa e creano valore aggiunto, versando allo Stato l Iva che è la maggior fonte di denaro per l erario e sviluppo per tutti. Vorremmo proprio sentire degli economisti, cattedratici e semplici esperti, che smentissero questi chiari concetti. Invece ascoltiamo formule e parola: Maastricht è demodè, si dice patto di stabilità. Chi sa quale imminente diavoleria lessicale c è in serbo. Germano Scargiali Nessuno dubita che l euro nel breve tempo cioè quello che è appena trascorso abbia danneggiato tutta l Europa tranne, forse, la Germania. Perché sarà tra breve la storia a dirlo. Ma in tanti si schierarono (ci schierammo) come euro prudenti e furono tacciati come euro scettici. Quanto sono dannose le ingiurie e le parole Ma forse giunge il momento di ascoltare finalmente un po tutti. Non c è dubbio, infatti, che si sarebbe potuta usare maggior prudenza: Potevamo per dir così andarci più piano, in un momento dicevamo noi in cui non era già prosperità, ma aria di crisi e ogni innovazione, ogni rischio, ogni investimento a lunga scadenza era sconsigliabile. Ma qualcuno aveva deciso. Così non ci restò che sperare che l Euro, per quanti sacrifici avesse comportato (ed era certo) avrebbe spianato la strada non tanto verso l Europa del vile denaro, quanto, come ammonì benevolmente lo stesso presidente Ciampi, a quella della politica. Ma, aggiungiamo noi, a quella dell unità sociocivile della comune cultura. Gettiamo, dunque, finalmente un ponte fra Dante e Shakeaspeare, fra Ibsen e Pirandello Di tutto questo diciamolo non si vede l ombra. L Europa continua ad essere un nano politico, come lo definì il belga Spaak e un condominio, più che un unione di stati, come ammettono dalla viva voce vari europeisti odierni. Si sarebbe potuto e dovuto essere più prudenti prima di affidare ad una banca privata tedesca la Bce la leonina facoltà di stampare la moneta per tutti i popoli europei. Non a caso più di uno stato con in testa l Inghilterra della Sterlina, se ne son tenuti fuori. Catastrofico è stato per l Italia: il nostro dollaro avrebbe dovuto essere la mille lire di carta e, invece, eccoti 2 mila lire che sembrano le 500 lire d un tempo Anche Mario Monti un bambino si sarebbe accorto che era una follia. E lo dicemmo, lo dicemmo, lo strillammo, come tante cose strilliamo da sempre. E sempre è inutile Frattanto la Germania detta legge e impone a tutti di rientrare in un debito pubblico con il quale di fatto si andava avanti da sempre. Potrebbe risanarsi il tutto lentamente, perché è ovvio sin dall inizio che, se è vero che ogni singolo stato ha tanti debiti da poter giungere presto all impossibilità di pagarli, è anche vero che un stato come l Italia ha debiti in massima parte verso i suoi stessi cittadini. Che cosa fa lo stato secondo il dictat della Germania, attraverso Maastricht? Li chiede pur sempre ai cittadini tramite il fisco. Frattanto è ovvio che, togliendo denaro a tutti strozza i consumi e togliendolo alle aziende, strozza la produzione e la somma totale sulla quale le imposte incidono diminuisce. Ma così diminuiscono le entrate stesse dello stato. La verità è forse che la più indebitata, la più vicina all orlo del baratro era proprio la Grande Germania e che solo imponendo sacrifici a tutti gli altri poteva salvare se stessa. E gli altri ci sono cascati. o s s e r v a t o r i o Roma venti venti è l insistenza con cui si dice che quella era l Italia del boom del Niente di più falso da rifilare a chi in quegli anni non c era. La Roma che organizzò quella splendida olimpiade (e un famoso film documentario girò nelle sale definendola La Grande ) era la Roma degli anni 50, degli stenti e dei mezzi stipendi. Anni nei quali si era mantenuta la vera dignità del proprio lavoro. Si lavorava sodo con meno assenteismo nel pubblico e tanta iniziativa nel privato. Guido Carli alla Banca d Italia, con la lira polverizzata che valeva la seicentesima parte di 1 dollaro, portò la moneta nazionale al primato della solidità mondiale. L Italia veniva dalla sconfitta della guerra, era ancora semi distrutta, non aveva strade e treni, ma dimenticò in fretta le ferite, riprendendo a cantare per anni il Piave mormorò come se niente fosse successo. In pieni anni 50 preparò la grande olimpiade, ricostruendo Roma. Un ministro già allora ne approfittò, comprando i terreni sui quali disegnò l indomani la via Olimpica. I furbetti ci furono sempre, ma costruirono di tutto e gli azzurri vinsero più medaglie che mai. Monti e Abete divisi sul calcio Gli scandali sul calcio hanno scandalizzato Mario Monti che sbotta in un esternazione che fa inorridire gli italiani (Scherzate quanto volete, ma nessuno tocchi il più grande giocattolo dello stivale): sospendiamo il calcio per tre anni. Poi si corregge: era un esternazione a titolo personale. Monti aveva espresso concetti d altri tempi: il calcio che dovrebbe essere faro di moralità sportiva Certamente poco pratico Monti ignora che persino sport dilettantistici suggeriscono da decenni il gioco di parole fra sport e sporco. Tutto lo sport professionistico è contaminato dalla prima metà del 900 da combine e da sostanze dopanti. Sappiamo ormai tutti che persino Dorando Latri venne accusato di doping. Ma Monti non guarda gli sceneggiati tv, neppure quelli buoni: cose per comuni > 15

16 politica il governatore si è detto anche deciso a non far più politica Le promesse dimissioni di Lombardo Forse, alla fine della propria avventura da governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo riuscirà a dimostrare di non essere un signor nonmidimetto. E già molto, visto che l Italia, in politica e fuori, ce ne ha fatti conoscere tanti, diremmo troppi Anzi, opinione corrente attribuisce alle dimissioni, lungo lo Stivale, un atto simile a quello affibbiato a torto da Dante a Celestino V: che fece per viltade il gran rifiuto. Lombardo, protagonista del più originale dei ribaltoni che la politica ricordi, non pecca certo di originalità e sfrontatezza. Viceversa non sarebbe riuscito a reggere tanto a lungo il timone dell Isola, che in tanti gli volevano strappare di mano. Lo psichiatra, di famiglia originaria di Grammichele dove possiede tante terre, ma nato a Catania, vide un giorno il natio borgo dei suoi antenati tappezzato di manifesti che gli chiedevano di non tornare più. Insomma, non lo volevano neanche lì. E dire che a Palermo gli rimproverano di far tutto per Catania e dintorni. In realtà, fra i suoi assessori più iperattivi (Armao, Russo ), alcuni realmente tecnici, altri neppure quello, ma messi lì solo per far leva su quella parte del Pd che lo ha appoggiato, altri non si sa presi dove e come, a Lombardo si rimprovera ben altro. Non solo di aver fatto figurare all opposizione chi aveva vinto le elezioni, non distinguendo, in ciò, il proprio ribaltone da tanti altri degli ultimi 20 anni, quanto di aver mandato alle ortiche i soldi più ghiotti che la Sicilia possa spendere: quelli europei. Contro di lui si sono scagliati in proposito gli strali dell Ars, scoccati soprattutto da parte di Salvino Caputo e Innocenzo Leontini, ma a volte dal debitamente misurato presidente Francesco Cascio. Infine, per quasi una settimana, l europarlamentare Salvatore Iacolino, specialista del settore, ha sciorinato i dati del Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale), da cui risulta speso solo il 12 per cento delle somme assegnate alla Sicilia. A fronte di una somma di 6 miliardi e 500 milioni di euro, tra fondi comunitari del Fesr e cofinanziamenti nazionali e regionali, sono stati assegnati solo 762 milioni. Stiamo perdendo risorse finanziarie importantissime per assicurare lo sviluppo della nostra Regione dichiara Salvino Caputo presidente della Commissione Attività Produttive. Un altra stroncatura per la Sicilia sulla spesa, mancata, dei fondi europei proviene da una fonte autorevole e qualificata: il commissario europeo per le Politiche regionali Johannes Hanh: Desta una certa preoccupazione ha dichiarato il commissario che la Regione Siciliana non abbia capito bene il rischio che corre se non spende entro il 2013 i 600 milioni Ue più un miliardo di cofinanziamento statale. Le regole dicono ha concluso o s s e r v a t o r i o > mortali. Gli risponde Giancarlo Abete comunque gran paragnosta d un ambiente di paragnosti dicendo seccamente: Il calcio non è peggiore del resto della nostra società. Nessuno, insomma, è in grado di scagliare la prima pietra. E non da oggi. Liberaci dal malus Non mi rovini implora l investitore accetti i miei soldi, le darò quanto vuole! L investito, pur intuendo, resta ancora interdetto: Ma lei non è assicurato? L investitore più confuso e contrito di prima, se è siciliano risponde: Ma cosa dice? Se mai sono assicurato. Ma sì, inseguito dalle assicurazioni. Non ne posso più, fra aumenti, malus e mancati rinnovi, rischio di perdere il senno e la ragione. Accetti i miei soldi, pagherò tutto. Sono a sua completa disposizione. Il danneggiato, ormai, comprende ed accetta la transazione. Quel bimbo bianco coi capelli rossi Dal cuore dell Africa nera due immigrati palermitani vedono nascere un figlio con pelle chiara e capelli rossi. Alta si leva la rabbia del marito, ma i medici intervengono tempestivamente per calmarlo: può succedere, può succedere. Non resta che indagare se trattasi di una variante genetica o di un raro caso di albinismo piuttosto inusuale in Africa. Ma, in passato, si era sempre verificato il contrario, cioè un bimbo nero da una donna bianca, come il Ciro della canzone napoletana: niru, niru C è sempre una prima volta. La Fornero e Linda Hunt Linda Hunt è finora la sola attrice che abbia vinto l oscar in panni maschili (Un anno vissuto pericolosamente 1984, non protagonista). E nota per le sue parti da cattiva cui la conduce un aspetto non rassicurante che le deriva da una rara affezione ereditaria che lei ha trasformato con spirito in un motivo in più per affrontare la vita con volontà e coraggio. Quan- 16

17 politica Stentorea, quanto le sue dichiarazioni, l apertura della voce a lui attualmente dedicata da Wikipedia: Raffaele Lombardo (Catania, 29 ottobre 1950) è un politico italiano, presidente della Regione Siciliana dal Fondatore e leader del Movimento per le Autonomie, è stato presidente della Provincia di Catania dal 2003 al 2008 e parlamentare europeo dal 1999 al È indagato per concorso esterno e per voto di scambio politico-mafioso presso la Procura della Repubblica di Catania per dei rapporti con alcuni esponenti di Cosa Nostra. do fa la cattiva recita e l Oscar, stranamente, le giunse per un film in cui faceva un ruolo normale: quello di un fotoreporter in estremo oriente L attrice trasmette, comunque, umanità e simpatia. Il fatto è che la Hunt nei panni della cattiva somiglia parecchio alla Fornero. Ma questa com è realmente: buona o cattiva? E simpatica? E le sarà mai concesso un, pur simbolico, Oscar? Anche la Germania si preoccupa dei governi non eletti Nazismo e Fascismo furono dittature o sistemi democratici di governo? Il dubbio è stato posto da un cittadino tedesco, Hanh che se non si spendono le risorse esse vanno perse. Il governo regionale si è difeso in vari modi, rispondendo anche ad Hanh, ma questi ha fatto notare come i cosiddetti tesoretti, assessorato per assessorato venissero, di fatto, sotto utilizzati. Le infrastrutture, da sempre tallone d Achille della Regione, avevano per l assessorato competente a disposizione 1,9 miliardi di euro ma hanno speso soltanto 370 milioni, così come l assessorato alle Attività Produttive che ha speso soltanto 3,6 milioni a fronte dei 535 previsti. Ma a reagire sono gli stessi parlamentari europei: a parte Iacolino, la stessa Rita Borsellino (Pd). Questa parte della sua dichiarazione: L allarme lanciato dal commissario europeo è un atto d accusa contro la scellerata gestione delle risorse europee da parte del governo Lombardo. Una gestione che ho più volte denunciato anche in Parlamento europeo e che è uno schiaffo alle imprese e ai cittadini che soffrono per la crisi. Altre regioni hanno provveduto Ma, frattanto, com è noto, al governo Lombardo è venuta a mancare la famosa maggioranza numerica che si era costituito, ricucendo in aula i voti di parlamentari della più disparata origine e s era detto subito che solo per questo, anche se di solito basta anche meno il suo governo dovesse cadere. Invece, cuci e ricuci, c è chi dice che, con la sua grande abilità e con il malcostume politico in atto diciamolo Lombardo potrebbe anche tirare fino all ultimo e persino riciclare in qualche modo il proprio potere, se non la persona, nella prossima legislatura. Il 23 giugno, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo d Orleans, Lombardo ha ribadito, però, che si dimetterà, confermando anche la data scelta per motivi tecnici e indicata in precedenza. Questo il tono secco dei comunicati: Il presidente della Regione Sicilia Lombardo ribadisce la volontà di dimettersi il 28 luglio e di ritirarsi dalla politica. In precedenza lo fa per spiegare che non vorrà far sì che una carica istituzionale, quella di presidente della Regione, sia giudicata in tribunale cascio riceve la collega cinese uyunqimg Il presidente dell Assemblea Regionale Francesco Cascio non ha mancato di dimostrare il proprio interesse altre volte manifestato per la politica che guarda il Far East e la Cina in particolare. Non può definirsi usuale un incontro fra i presidenti di due assemblee che hanno alle spalle due realtà di così disparata grandezza: il paese più vasto del mondo, la Repubblica Cinese e la Regione Siciliana, questa volta in veste di piccolo lembo di terra e non in posizione di primato come regione d Italia e isola del Mediterraneo. La cooperazione a fini culturali e il consolidamento delle relazioni di amicizia tra i popoli sono stati al centro di un recente incontro tra il presidente dell Assemblea Regionale Siciliana Francesco Cascio e il vicepresidente dell Assemblea Nazionale del Popolo Cinese Onorevole Uyunqimg, tenutosi a Palazzo dei Normanni. L Onorevole Uyunqimg ha espresso vivo apprezzamento per l assetto autonomistico della Sicilia e un particolare interesse per le testimonianze artistico - monumentali di cui la nostra terra è ricca. Il presidente Cascio ha affermato: Questa è un occasione utile per sviluppare un interlocuzione più fitta tra i parlamenti dei due Paesi a beneficio del dialogo e della collaborazione a fini culturali. La rappresentante cinese, che testimonia la presenza di!quote rosa anche nel paese dagli occhi a mandorla ha avuto modo di visitare alcuni dei più importanti monumenti, fra cui alcuni tesori del palazzo dei Normanni. o s s e r v a t o r i o Vito Parcher, che da Bolzano ha diffuso una lettera fra i media nazionali italiani, parlando di preoccupazioni fra i tedeschi. Dice Parcher che il dubbio si insinua in Germania negli universitari, che paragonano certi governi di oggi, fatti di tecnici e presidenti non eletti dal popolo, con quelli di Hitler e Mussolini, che, almeno, rispettarono certe forme. Sappiamo, allude Parker, a come sono stati spiegati gli eventi d allora entro e fuori le scuole. se s insinuasse l idea che (comunque) il regime fu democratico dice Parcher sarebbe un dramma per molti (tedeschi) che hanno basato i propri successi politici sul contrario. Né può dirsi che furono elezioni farsa ben 61 chiamate alle urne. Ma noi trasferiamo il tutto all Italia e a Mussolini, un dittatore, rispetto ad Hitler, lavato col sapone Palmolive. Venne incaricato personalmente dal Capo dello Stato (Re) a formare il governo (in un Italia che non ne era capace da anni). Tenne regolari elezioni, sia pure con il sì e il no, stravincendo. Creò un sistema con il quale il Gran Consiglio del partito, quando lo ritenne opportuno, poté destituirlo. Così andò la storia. Poi gli eventi drammatici della guerra finirono di sconvolgere quel che restava. Certo è che tante menzogne sono state narrate e che oggi si rischia di far peggio d allora.. 17

18 politica recluso a roma non ha perso la fiducia nella vita e nelle istituzioni cuffaro ci scrive Ci siamo scritti due volte con Salvatore Cuffaro e lui ci ha risposto velocemente da Rebibbia, dove purtroppo lo hanno recluso. Rarissimo caso in Italia di un processo ad un politico che si conclude in tal modo. Addirittura si dice sia l unico... E dire che Totò è nel nostro cuore, perché lo abbiamo visto e sentito tante volte dal vivo parlare della Sicilia, delle sue speranze (ad esempio nell ottica mediterranea), per l economia e i trasporti. Ne condividiamo, in pratica, tutte le idee. Dal sì al Ponte alla ferrovia veloce Palermo Catania, all hub airport in Sicilia. Ricordiamo il suo impegno per l apertura della Palermo Messina:...l importante è inaugurare, al perfezionamento potremo pensarci dopo. Superati gli ultradecennali ostacoli, tale slancio aveva un senso e una connotazione differenti da quello che risulta dalle semplici parole Ma ciò che ci ha colpito di più è l umanità di Totò: un giorno era felice perché Caracciolo era tornato al gol e potesse superare i suoi giustificati patemi... Due noti motivi di consolazione da lui espressi sono l amore per la famiglia e la fede. Nei primi righi della lettera Totò Cuffaro, come i personaggi che più ci piacciono, dichiara piena fiducia in chi scrive queste righe con le parole non ho bisogno di nessun controllo, so che farai bene e sono certo saprai farmi dire ed interpretare i miei sentimenti. Ma, a nostra volta, avendoci egli lasciato nei righi precedenti carta bianca, pensiamo che non ci sia niente di meglio se non pubblicare questa sua seconda missiva, che ci sembra più adatta ad apparire sul giornale, rispetto alla prima che aveva un tono più personale. Caro Germano,.Provo a darti qualche altro spunto. I primi tempi in carcere sono stati dolorosi ed i più difficili, ragionavo ancora come una persona libera. Ho dovuto faticare ed abituarmi a ragionare da detenuto, e più mi abituo e mi adatto più capisco ed apprezzo il valore della libertà, e più comprendo che nulla sarà per me più come prima, né per il tempo che rimarrò in carcere né quando ritornerò alla vita libera. La vita non si cambia. La vita cambia. La vita ti cambia. La pur cattiva e dolorosa zampata del carcere, nonostante sia dura e difficile, mi ha permesso pur tuttavia di conservare la serenità del mio animo, e la voglia di dare e ricevere umanità, ed è questa che ho capito è la strada per continuare a vivere come ho sempre fatto. Sto sempre nell attesa, so insensata, illusoria, ma aiuta, che succede qualcosa di nuovo, e non finisco mai di sperare che il tempo mi restituisca la mia vita e le cose in cui ho creduto, desiderio che come un ombra mi segue e non mi lascia mai. Aspetto l incontro con mia moglie ed i miei figli, e non c è nulla che possa darmi più coraggio e forza del loro sorriso, sono loro che alimentano il desiderio della mia speranza e la mia capacità di resistere ed affrontare questa avversità. Quando sono triste, ho paura, penso a loro e volgo lo sguardo verso il cielo, e so che non possono, lassù, non osservare le mie sofferenze. C è sempre nella mia anima un posto tutto per la preghiera e la fede, sempre tenuto vivo ed illuminato da una luce sempre accesa, la luce dell amore. Noi detenuti osserviamo e desideriamo il mondo nella speranza che il mondo possa ricordarsi, occuparsi ed osservare noi. Anche se mura di cemento fronteggiano la libertà, mi sforzo di essere libero almeno col pensiero, con la fantasia, con l aiuto dei ricordi, non è la realtà, non è la libertà vera, ma è bella lo stesso. Grazie, spero di esserti stato utile e buon lavoro. Totò Cuffaro Aggiungiamo uno stralcio della prima lettera So di non aver mai favorito la mafia, anzi di averla sempre combattuta ed osteggiata, politicamente, culturalmente. Ma oggi più che mai, da dentro questo luogo, mi sento ancora di rinnovare la mia fiducia nella giustizia, nelle istituzioni tutte,,magistratura compresa, e di riaffermare la mia fedeltà a quello che sono sempre stato, me stesso. Ho dedicato molta parte della mia vita agli altri, mi sono tanto speso per la mia Sicilia, per farla crescere, per creare occasioni di sviluppo, di lavoro, perché fosse una terra dove poter vivere, non da dove sfuggire. Ed oggi più che mai sono convinto che essa ha bisogno di essere amata e servita, anche perché la nostra vita ha veramente valore se si vive per qualcosa e per qualcuno. (S.Cuffaro) 18

19 politica due palermitani campioni di buon cuore La beatificazione di don puglisi e il premio a Biagio conte Colpisce favorevolmente lo sguardo benevolo che da altrove ricade sopra due personaggi palermitani, uno purtroppo defunto, l altro ancora attivo. Anzi attivissimo, tra noi. Il primo è Padre Pino Puglisi, la cui beaticaficazione si attende di momento in momento, l altro è Biagio Conte, la cui opera di benefattore ha ricevuto un riconoscimento di alto livello europeo. Il centro fondato da Don Puglisi è sempre aperto ed è attualmente presieduto da Maurizio Artale. Quanto a Padre Puglisi, uno dei motivi per cui è stato ucciso dalla mafia è stato il suo continuo, operoso e paterno impegno evangelico e sociale, che si è concretizzato nell apertura del Centro di accoglienza Padre Nostro, che ancora oggi continua ad essere un importante e significativo punto di riferimento per bambini, giovani, anziani e le famiglie del quartiere e della città. La beatificazione di Padre Puglisi sancisce, oltre che un riconoscimento alle sue virtù personali, la validità e l efficacia del suo metodo socio-pastorale. Il suo metodo attinge forza nel Vangelo, nella preghiera del Padre Nostro e nei documenti conciliari del Vaticano II, di cui egli era grande estimatore, studioso e attuatore. Uno degli elementi che caratterizzano il martirio è il dono della propria vita, segno di un amore che ha le sue radici nella fede in Cristo morto e risorto. L accettazione del martirio ci esprime quel grande dono d amore che per primo investe chi ha causato la morte del martire, lo investe del perdono del martire stesso, prima di quello della comunità intera. Biagio Conte ha vinto il Premio Cittadino Europeo A darcene notizia è stato l On.le Iacolino, rappresentante palermitano all Ue, che, con il Prefetto Postiglione ha visitato la Missione Speranza e Carità di via Decollati. Il frate missionario laico palermitano Biagio Conte, fondatore e animatore della Missione Speranza e Carità è tra i vincitori del Premio Cittadino Europeo 2012, assegnato ogni anno dal Parlamento Europeo a quei cittadini che hanno dimostrato un impegno eccezionale nel facilitare l integrazione tra i popoli e la pacifica convivenza tra persone di etnie, sesso, culture e religioni diverse. La cerimonia di consegna è in programma il 7 e 8 novembre a Bruxelles. Il prestigioso premio afferma l On Iacolino che ha sostenuto la candidatura rappresenta motivo di orgoglio, come giusto riconoscimento per l impegno costante e quotidiano di un uomo, di una struttura e di quanti tra operatori e volontari - nell ambito delle attività di assistenza e formazione - operano con passione, generosità e spirito di sacrificio in favore degli ultimi, dei migranti, dei poveri e degli sfollati. Un modello di accoglienza unico in Europa riconosciuto dalla giuria internazionale come esempio concreto di integrazione e solidarietà basato sul dialogo, sul confronto e sulla pacifica convivenza. un milione e mezzo di euro che la burocrazia tiene nel cassetto Monreale Montelepre torretta fondi bloccati alla regione Ecco una storia esemplare di normale burocrazia regionale. Di casi del genere ve ne sono a bizzeffe. Audizione in Commissione Legislativa Attività produttive dell ARS per la problematica legata alla chiusura della strada provinciale Monreale Montelepre Torretta determinata dal pericolo frana. L incontro verrà programmato per la prossima settimana in seduta congiunta con la Commissione Legislativa Ambiente e territorio dell ARS. All audizione, convocata su iniziativa del Presidente la Commissione Attività Produttive, Salvino Caputo erano presenti, Vincenzo Guastella Sindaco di Torretta, Maurizio Sgroi consigliere comunale di Montelepre, l Assessore Provinciale alle infrastrutture, Gigi Tommasino ed i tecnici di Genio Civile, Protezione Civile e della Provincia regionale di Palermo. Dall incontro è emerso che la Provincia regionale di Palermo ha stanziato la somma di 200 mila euro per i lavori di messa in sicurezza, ma il dato più emblematico è che la somma di un milione e 500 mila euro è bloccata alla Regione per problemi di natura burocratica. Bisogna sbloccare le somme dichiara Salvino Caputo per mettere in sicurezza l importante asse viario che coinvolge un vastissimo territorio e dove sono presenti numerose attività produttive. Vi sono caseifici ed aziende agricole che stanno subendo un danno dalla chiusura della strada per non parlare delle gravi difficoltà da parte della stessa protezione civile ad accedere nei luoghi in caso di emergenza incendi o di altri pericoli. È necessario avviare i lavori al più presto conclude Caputo e proprio per questi motivi la Commissione preparerà una risoluzione per impegnare il Governo a sbloccare le somme di denaro del piano nazionale della sicurezza stradale. Inutile notare come il migliorare di questa vecchia strada sia importante. Essa costituisce una rara alternativa che baipassa le gallerie autostradali e l intera strada per Punta Raisi. Sarebbero opportuni allacci sin da Palermo stessa ed un miglioramento generale, degli allargamenti ove possibile. Ma tenerla chiusa per caduta di massi è quasi incivile. Situazioni men che terzomondiste cui purtroppo dobbiamo assistere spesso. 19

20 AttuALitA A indignati i due uomini politici di differente colore contro il governo Lombardo insorgono cristaldi e Apprendi Mentre la politica regionale - certamente per colpa primaria di Palazzo d Orleans e di chi vi sta seduto - tocca il fondo del decoro e Raffaele Lombardo si vanta di essere pregato da tutti di non dimettersi (e il motivo è che non vogliono ancora perdere il posto, neppure per pochi mesi), anche all Assemblea avvengono cose...turche. Di riflesso, per l inattività del governo, si sono presentati - mesi or sono - i forconi, non certo a torto. Adesso i sindaci delle Isole Minori occupano una Commissione. Anche loro hanno buoni e ben noti motivi (trasporti). Tutto ciò ha suscitato lo sdegno di quegli uomini di destra e di sinistra, ancora legati ad un minimo di decoro ed onorabilità politica. Ecco Pino Apprendi (Pd): Sfiducia a Lombardo, a chi giovano questi giochini Ho appreso dalla stampa che ieri, nella riunione dei capigruppo all ARS, si è consumato l ennesimo atto rocambolesco, che ha creato le condizioni per non presentare alcuna mozione di sfiducia al Presidente della Regione Raffaele Lombardo. E un gioco per nulla serio, contrastante con il roboante annuncio con cui si dava per scontata la presentazione della sfiducia, che per quanto un atto politico dava il senso di una rottura di rapporti con chi, trasformando il governo tecnico in politico, cambiava le condizioni per cui il PD aveva garantito la maggioranza. Tutto questo potrà servire a fornire l alibi al Governatore di non Pino Apprendi dimettersi stante il fatto che si trova con un Parlamento in cui non si capisce più chi è maggioranza e chi è opposizione. Ormai è il caos e il mio partito non è indenne. Ci sono gravi responsabilità che non fanno bene alla vigilia di una campagna elettorale che si presenta già difficile per tutti. (5 luglio 2012). Nicola Cristaldi Ed ora Nicola Cristaldi più volte sindaco - ora a Mazara - e già presidente Ars I Sindaci delle isole minori occupano l aula della terza commissione legislativa. Mi chiedo se Palazzo dei Normanni sia ancora la sede di un Parlamento o è diventato un luogo dove ognuno può fare quello che vuole. Non entro nel merito della questione sollevata dai Sindaci che credo sia fondata su buone ragioni ma mi soffermo su questa continua mortificazione dell Istituzione parlamentare. Mi chiedo che cosa potrebbe accadere se si usasse lo stesso metodo di protesta alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica. La democrazia non può significare che la sede del Parlamento si può trasformare in una piazza dove organizzare manifestazioni come quella in questione. I Sindaci hanno l obbligo di rispettare la sede parlamentare e il Parlamento ha il dovere di ascoltare i Sindaci: tutto il resto è un doloroso contributo alla delegittimazione dell istituzione parlamentare regionale. La politica s incarta da sempre fra formulette e gratuite decisioni E da tempo che ci teniamo dentro come un rospo la voglia di un piccolo sfogo per quel che conta contro la politica e il gior nalismo e la politica quotidiana delle for mulette. Il più tipico e ripetuto esempio è Bersani che ogni sera appare in tv e ne ha pensata una, non dor mendoci, forse, il pomeriggio o la notte prima, per cambiare ogni 24 ore: piccoli assiomi, quasi proverbi, qualche tentativo di frase storica, ma sempre astratta, sostanzialmente priva di alcuna concretezza. Nessuna notizia, nessuna sostanza, qualche insulto alla controparte, qualche proposito assolutamente astratto Ha imparato la lezione da D Alema un maestro in proposito che continua ad applicarla e se l è scambiata anche con Fassino. Questo sono i recordman, un nuovo Trio Lescano delle solite canzonette. Si va dal colpo di reni al ritrito rimboccarsi le maniche, fino alla necessità della ripartenza Ci fa piacere che quest ultima parola, che ascoltammo per primo da Prodi (tanto nomini ) sia rifiutata dal vocabolario del nostro pc. La includiamo, perché è stata ripresa dai telecronisti del pallone, che corre dal contropiede al riprendere in mano le redini della partita. Ma sì, una parola in più, una in meno, se ne aggiungono tante Molte sono del tutto inutili, ma è come una gara. Se, infatti, è lecito ma a volte utile creare nuovi vocaboli, così come prendere in prestito termini e immagini figurate da una realtà per spiegarsi meglio in un altra realtà, i guai arrivano quando le formulette diventano un abitudine, un vezzo continuo, persino una malattia. Perché ciò può valere ed avviene a non affrontare in concreto i problemi. 20

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

food&wine EVENTI CULTURALI 46

food&wine EVENTI CULTURALI 46 EVENTI CULTURALI 46 Arturo Mazzeo e l idea vincente Difendere il made in Italy con l accademia A cura di Raffaele Zoppo Arturo Mazzeo, propone da anni un modo nuovo e vincente per valorizzare la gastronomia

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

stampa distribuita gratuitamente

stampa distribuita gratuitamente Unità 1 Stampa rivolta a cittadini stranieri CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla stampa e l informazione a conoscere alcune espressioni senza l articolo a leggere le sigle

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE.

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE. LINEE DELL INTERVENTO DI GRAZIANO MALPASSI AL FIRST INNOVATION FORUMED a Civitanova Marche progetto WIDE INNOVATION IN MED finanziato dall Unione europea HO FONDATO L AZIENDA NEL 1984 ALL ETA DI 24 ANNI,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli