Resiste con controricorso l'apat e formula, altresì, ricorso incidentale. Il F. ha depositato memoria ex art. 378 cod. proc. civ. ed all'esito della

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Resiste con controricorso l'apat e formula, altresì, ricorso incidentale. Il F. ha depositato memoria ex art. 378 cod. proc. civ. ed all'esito della"

Transcript

1 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. STILE Paolo - Presidente - Dott. VENUTI Pietro - Consigliere - Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Consigliere - Dott. BRONZINI Giuseppe - Consigliere - Dott. MAROTTA Caterina - rel. Consigliere - ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 30082/2010 proposto da: F.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE G MAZZINI 6, presso lo studio dell'avvocato LOFOCO FABRIZIO, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti; - ricorrente - contro A.P.A.T. - AGENZIA PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE E PER I SERVIZI TECNICI, (già A.N.P.A. - AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE) (OMISSIS); - intimata - Nonchè da: A.P.A.T. - AGENZIA PER LA PROTEZIONE DELL1 AMBIENTE E PER I SERVIZI TECNICI, (già A.N.P.A. - AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE) (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore, rappresentata e difesa dall'avvocatura GENERALE DELLO STATO presso i cui Uffici domicilia in ROMA, ALLA VIA DEI PORTOGHESI, 12; - controricorrente e ricorrente incidentale - contro F.M. (OMISSIS); - intimato - avverso la sentenza n. 3605/2009 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 17/12/2009, r.g.n. 8035/05; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 28/11/2012 dal Consigliere Dott. CATERINA MAROTTA; udito l'avvocato LOFOCO FABRIZIO; udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. ROMANO Giulio, che ha concluso per il rigetto del ricorso principale e incidentale. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza 27/4-17/12/2009 la Corte di appello di Roma, in parziale accoglimento dell'appello interposto dall'agenzia per la Protezione dell'ambiente e per i servizi Tecnici (APAT) dichiarava ingiustificato il licenziamento di F.M., condannava l'apat al risarcimento del danno in favore dell'appellato, liquidato in Euro ,69 oltre interessi, rigettava le altre domande del F.. Riteneva la Corte territoriale che l'intervenuto annullamento da parte del Consiglio di Stato della sentenza del TAR Lazio che si era pronunciato, su ricorso di un gruppo di ricercatori dell'agenzia Nazionale per l'ambiente - ANPA - (poi APAT), sulla delibera di nomina dirigenziale del F., annullandola, aveva tolto ogni giustificazione al recesso anticipato del datore di lavoro dall'incarico dirigenziale. Aveva ritenuto spettante al F. solo il risarcimento pari alle mensilità perdute fino alla data di cessazione dell'incarico (6/10/2002), non anche l'indennità supplementare (pari a 22 mensilità) e quella di mancato preavviso, trattandosi, nella specie, di incarico a tempo determinato. Per la cassazione di tale sentenza ricorre F.M. affidandosi a sette motivi.

2 Resiste con controricorso l'apat e formula, altresì, ricorso incidentale. Il F. ha depositato memoria ex art. 378 cod. proc. civ. ed all'esito della discussione orale ha presentato alla Corte osservazioni scritte sulle conclusioni del pubblico ministero ai sensi dell'art. 379 c.p.c., u.c.. MOTIVI DELLA DECISIONE 1. I ricorsi hinc et inde proposti avverso la stessa sentenza sono stati riuniti ex art. 335 cod. proc. civ.. 2. Con il primo il ricorrente principale denuncia: "Ingiustizia della sentenza per contraddittoria ed insufficiente motivazione in violazione dell'art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 - erronea presupposizione di fatto e diritto - malgoverno del C.C.N.L. - art. 84 ter e 84 bis del contratto ENEA - violazione D.Lgs. n. 29 del 1993, artt. 19, 21 e segg.". 3. Con il secondo motivo il ricorrente principale denuncia: "Violazione e falsa applicazione - sotto diverso profilo - degli artt. 84 ter e 84 bis C.C.N.L. ENEA -violazione art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione art cod. civ.". 4. Con il terzo motivo il ricorrente principale denuncia: "Mancata delibazione su un punto essenziale della controversia ed in particolare sulla eccezione di inammissibilità ed improcedibilità dell'appello - violazione del principio di corrispondenza tra il chiesto ed il pronunciato - violazione art. 434 e 414 cod. proc. civ.". 5. Con il quarto motivo il ricorrente principale denuncia: "Violazione del C.C.N.L. con riferimento al mancato riconoscimento della indennità supplementare prevista per il licenziamento ingiustificato dei dirigenti - violazione art cod. civ.". 6. Con il quinto motivo il ricorrente principale denuncia: "Violazione dell'art cod. civ. e violazione dell'onere del risarcimento del danno per il recesso ante tempus del datore di lavoro". 7. Con sesto motivo il ricorrente principale denuncia: "Violazione dell'art cod. civ. con riferimento al trattamento di fine rapporto ed indennità per ferie non godute - erronea ed insussistente motivazione su un punto specifico della controversia - violazione art. 18 C.C.N.L. ENEA". 8. Con settimo motivo il ricorrente principale denuncia: "Violazione del principio di ragionevolezza, nonchè del giusto procedimento ex art. 97 Cost. - ingiustizia della sentenza per violazione - sotto altro profilo - del C.C.N.L.; violazione del principio tempus regit actum". 9. Con il primo motivo del ricorso incidentale l'apat denuncia: "Insufficiente ed illogica motivazione su punti controversi e decisivi della controversia con riferimento all'art. 360 c.p.c., n. 5". 10. Con il secondo motivo del ricorso incidentale l'apat denuncia: "Violazione e falsa applicazione degli artt e 2119 cod. civ. con riferimento all'art. 360 c.p.c., n. 3". 11. Va preliminarmente esaminata la questione, sollevata dall'apat, della inammissibilità del ricorso principale in quanto proposto nei confronti di un soggetto non più esistente ai sensi di quanto disposto dal D.L. n. 25 giugno 2008, n. 112, art. 28 convertito, con modificazioni, nella L. 6 agosto 2008 n Va, al riguardo, innanzitutto precisato che, stante la mancata previsione nella citata L. n. 133 del 2008 di una fase destinata alla definizione dei rapporti facenti capo allo stesso APAT, si configura, nell'ipotesi di controversie pendenti, un caso di successione universale nel processo ex art. 110 cod. proc. civ.. E' pur vero che quando un evento di tal genere si verifica nel corso del giudizio di primo ovvero di secondo grado, ancorchè in quel giudizio non sia stata dichiarata in udienza (o notificata) l'estinzione del soggetto rappresentato, il difensore di quest'ultimo non è legittimato a compiere attività processuali, successivamente alla pronuncia della sentenza, avvalendosi del mandato conferito dal soggetto soppresso. Non è, infatti, invocabile il principio di ultrattività del mandato che attribuendo al procuratore la possibilità di continuare a rappresentare in giudizio la parte che tale mandato gli abbia conferito e derogando in via eccezionale al contrapposto principio secondo il quale la morte del mandante estingue il mandato (in base alla normativa sulla rappresentanza e sul mandato di cui all'art c.c., n. 4) va contenuto nei limiti della fase del processo in cui si è verificato l'evento non dichiarato nè notificato (cfr. ex aliis Cass. 19 marzo 2009 n. 6701; id. 5 marzo 2009 n. 5387; si veda anche Cass. S.U. 10 maggio 2006 n nonchè Cass. 9 agosto 2010 n ). Tuttavia, nella fattispecie in esame, la questione non può essere posta nei medesimi termini in quanto sia l'apat che l'ispra sono comunque difesi ex lege dall'avvocatura dello Stato, sicchè tecnicamente non si può nemmeno parlare di mandato o di procura (l'avvocatura dello Stato ripete il proprio ius postulandi dalla legge e non da una volontà negoziale). Nè possono considerarsi nulli la notifica del ricorso per cassazione presso il difensore dell'ente cessato (APAT) e il ricorso medesimo - che indica il soggetto:

3 cessato - sia perchè non vi è alcuna incertezza assoluta sul destinatario del ricorso per cassazione sia perchè, come detto, si è verificata una successione a titolo universale fra i due enti ed i rapporti giuridici dell'apat sono passati ope legis all'ispra, di guisa che gli atti destinati all'apat devono considerarsi a tutti gli effetti come destinati all'ispra, al pari di quanto accade nell'ambito delle fusioni societarie. Poichè, dunque, con la L. 6 agosto 2008, n. 133, di conversione, con modificazioni, del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, i tre enti controllati dal Ministero dell'ambiente (APAT, INFS e ICRAM) sono stati accorpati nel nuovo ente denominato ISPRA, si è verificata una vicenda del tutto analoga a quella della fusione e, quindi, una vicenda meramente evolutivo-modificativa dello stesso soggetto giuridico, che conserva la propria identità, pur in un nuovo assetto organizzativo (sebbene resa in materia di società, si richiama, per evidente analogia di situazione, Cass. S.U. 17 settembre 2010, n secondo cui "In tema di fusione, l'art bis cod. civ. introdotto dalla riforma del diritto societario (D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6) ha natura innovativa e non interpretativa e, pertanto, il principio, da esso desumibile, per cui la fusione tra società si risolve in una vicenda meramente evolutivo-modificativa dello stesso soggetto giuridico, che conserva la propria identità, pur in un nuovo assetto organizzativo, non vale per le fusioni (per unione od incorporazione) anteriori all'entrata in vigore della nuova disciplina (1 gennaio 2004), le quali tuttavia pur dando luogo ad un fenomeno successorio, si diversificano dalla successione mortis causa perchè la modificazione dell'organizzazione societaria dipende esclusivamente dalla volontà delle società partecipanti, con la conseguenza che quella che viene meno non è pregiudicata dalla continuazione di un processo del quale era perfettamente a conoscenza, così come nessun pregiudizio subisce la incorporante (o risultante dalla fusione), che può intervenire nel processo ed impugnare la decisione sfavorevole. Ad esse, di conseguenza non si applica la disciplina dell'interruzione di cui agli artt. 299 e segg. c.p.c."). In conseguenza, non è ravvisabile alcuna nullità od inammissibilità del ricorso. 12. Tanto precisato, il ricorso principale è, nel merito, infondato. 13. Non si riscontrano nella sentenza impugnata i vizi di cui al primo, secondo e quarto motivo di ricorso risultando l'iter logico seguito dalla Corte territoriale, contrariamente a quanto lamentato dal ricorrente, ragionevole e coerente. Correttamente, poi, la Corte territoriale ha ritenuto che il recesso dal contratto di lavoro a tempo determinato sia consentito ante tempus solo in presenza di una giusta causa, ai sensi dell'art cod. civ. e del pari correttamente quantificato il risarcimento del danno in ragione della natura dell'incarico a tempo determinato. Si ricorda, infatti, che il datore di lavoro può recedere dal contratto di lavoro a termine, prima della scadenza, in due ipotesi: per giusta causa o per impossibilità sopravvenuta. Al di fuori di queste ipotesi il licenziamento è qualificabile come inadempimento contrattuale per mancato rispetto del termine pattuito. In caso di non giustificato recesso ante tempus del datore di lavoro da rapporto di lavoro a tempo determinato, il risarcimento del danno dovuto al lavoratore va commisurato all'entità dei compensi retributivi che lo stesso avrebbe maturato dalla data del recesso fino alla prevista scadenza del contratto, state l'inapplicabilità delle disposizioni concernenti il recesso dal rapporto di lavoro a tempo indeterminato (L. n. 604 del 1966, art. 18 L. n. 300 del 1970) - cfr. in tal senso Cass. 8 giugno 1995, n. 6439; id. 3 febbraio 1996 n 924; 28 dicembre 1999 n ; 26 marzo 2002 n. 4345; 1 luglio 2004 n ). Emerge, poi, chiaramente dal decisum della Corte capitolina il presupposto fondante il riconoscimento dell'indennizzo nella (minor) misura di Euro ,69. La Corte, infatti, ha spiegato le ragioni per le quali ha ritenuto che l'art. 84 ter del C.C.N.L. ENEA, dall'inequivoco carattere letterale e testuale, si riferisse solo all'incarico a tempo indeterminato e pur tuttavia ha utilizzato tale disposizione pattizia quale parametro indicativo per pervenire, anche in una fattispecie diversa rispetto a quella prevista dalle parti sociali, ad una congrua liquidazione del danno commisurandolo al residuo periodo di rapporto ritenuto illegittimamente risolto. Egualmente la Corte ha spiegato le ragioni per le quali anche l'indennità di mancato preavviso di cui all'art. 84 bis del C.C.N.L. ENEA si riferisse solo agli incarichi a tempo indeterminato risultando incompatibile il preavviso (quale meccanismo funzionale a far conoscere in anticipo la cessazione del rapporto) con un rapporto a tempo determinato. Ciò ha fatto principalmente privilegiando una interpretazione della norma contrattuale compatibile con la disciplina legislativa. Ed invero tale opzione interpretativa risulta conforme all'orientamento di questa Corte formatosi in materia di applicabilità ai rapporti di lavoro a termine della disciplina di cui all'art cod. civ.. Si ricorda, al

4 riguardo, che è stato affermato che in caso di dimissioni intervenute nel corso di un rapporto a termine sorrette da giusta causa (id est in caso di licenziamento ingiustificato) non è dovuta alcuna indennità sostitutiva del preavviso essendo questa legislativamente prevista solo per il rapporto a tempo indeterminato (cfr. Cass. 8 maggio 2007, n ). Si veda anche, sulla inapplicabilità dell'art cod. civ. al recesso dal contratto di formazione e lavoro - costituente una species del genus contratto di lavoro a tempo determinato - Cass. 23 dicembre 1992, n Del resto, il ricorrente ha richiamato le regole poste dagli artt e 1363 cod. civ. solo per prospettare una diversa (e più favorevole) interpretazione rispetto a quella adottata dal giudicante, il che non è ammissibile (cfr. anche Cass. 25 febbraio 2004, n. 3772). Come è noto, infatti, per sottrarsi al sindacato di legittimità, non è necessario che quella data dal giudice sia l'unica interpretazione possibile, o la migliore in astratto, sicchè, quando di una clausola siano possibili due o più interpretazioni, non è consentito alla parte, che aveva proposto l'interpretazione disattesa dal giudice, dolersi in sede di legittimità del fatto che ne sia stata privilegiata un'altra (si veda, tra le altre, Cass. 22 febbraio 2007, n. 4178). Non è, dunque, idonea ad integrare una violazione delle regole di interpretazione del contratto una critica del risultato raggiunto dallo stesso giudice mediante la contrapposizione di una diversa interpretazione: (Cass. 22 novembre 2010, n ; id. 31 maggio 2010, n ; 1 luglio 2004, n ; 20 agosto 1997, n. 7738; 30 gennaio 1995, n. 1092; 23 gennaio 1990, n. 381), essendo necessaria la specifica dimostrazione del modo in cui il ragionamento seguito dal giudice di merito abbia deviato dalle regole nei detti articoli stabilite (così Cass. 4 giugno 2007, n e n ). Orbene, nella fattispecie in esame non si ravvisa nel ragionamento della Corte capitolina nè violazione dei canoni legali di ermeneutica contrattuale (artt cod. civ. e segg.) nè un vizio di motivazione (art. 360 cod. proc. civ., n. 5) dovendosi anche rilevare che la Corte di merito ha tratto argomenti a sostegno dell'opzione interpretativa privilegiata anche la nota ANPA del 15/3/1999, diffusamente richiamata dal ricorrente a sostegno della propria lettura del citato art. 84 ter del C.C.N.L., evidenziando che in base a tale nota, era da escludersi ogni automatismo atteso che il richiamo alle previsioni di tale contratto collettivo era temperato dalla clausola "in quanto applicabili alla particolare natura dell'incarico a tempo determinato". Nè a diversa conclusione può giungersi invocando l'art. 19 del C.C.N.L. che pure prevede che al personale assunto a tempo determinato si applichi il trattamento economico e normativo previsto per il personale assunto a tempo indeterminato pur sempre "compatibilmente con la durata del contratto a termine". 14. Il terzo motivo del ricorso principale è inammissibile. Il ricorrente ha omesso di riportare nel loro impianto specifico i motivi di appello formulati dalla controparte affetti - a suo avviso - da genericità comportante "l'assoluta inammissibilità ed improcedibilità dell'appello, per carenza assoluta di petitum e causa petendi". Tale omissione integra violazione del principio di autosufficienza del ricorso per cassazione, il quale è frutto di elaborazione della giurisprudenza di questa Corte avvenuta in relazione a vizi di omesso esame/omessa motivazione relativi a prove testimoniali o documentali, violazione di canoni interpretativi di norme collettive, il cui contenuto non sia stato riportato dal ricorrente, il rispetto del canone di autosufficienza risulta fondato sull'esigenza, particolare del giudizio di legittimità, di consentire al giudice dello stesso di valutare la decisività della prova, testimoniale o documentale, di cui si lamenti l'omesso esame da parte del giudice di merito, la sussistenza della violazione del canone ermeneutico, di carenze dell'elaborato peritale su cui si fondi la decisione del giudice di merito, e, più in generale di un errar in procedendo, senza che egli debba procedere ad un esame dei fascicoli di ufficio o di parte ove tali atti siano contenuti (cfr. ex multis Cass. 23 gennaio 2004 n. 1170; id. 3 aprile 2003 n. 5148; 23 settembre 2002 n ). Siffatta esigenza di astensione del giudice di legittimità dalla ricerca del testo completo degli atti processuali attinenti al vizio denunciato, non è giustificata da finalità sanzionatorie nei confronti della parte che costringa il giudice a tale ulteriore attività d'esame degli atti processuali, oltre quella devolutagli dalla legge; ma risulta, piuttosto, ispirata al principio secondo cui la responsabilità della redazione dell'atto introduttivo del giudizio fa carico esclusivamente al ricorrente ed il difetto di ottemperanza alla stessa non deve essere supplito dal giudice per evitare il rischio di un soggettivismo interpretativo da parte dello stesso nell'individuazione di quali atti o parti di essi siano rilevanti in relazione alla formulazione della censura. Deve, pertanto, ribadirsi che la regola predetta vale, evidentemente, anche per i motivi di appello in relazione ai quali si denuncino errori da parte dei giudici di merito. Va, di conseguenza riaffermato che il canone di autosufficienza del ricorso per cassazione, fondato sul principio della responsabilità della redazione dell'atto, vale anche per i motivi di appello in relazione ai quali si denuncino errori da parte dei giudici di merito (cfr. Cass. 21 maggio 2004, n. 9734; id. 10 gennaio 2012, n. 86).

5 15. Il quinto motivo di ricorso principale non appare conferente rispetto al decisum considerato che la Corte territoriale ha ritenuto che, nella specie, l'incarico in questione avesse avuto una durata non rapportata a quella convenzionalmente stabilita ma fissata ope legis alla data del 6/10/2002 e rispetto a tale data finale ha commisurato le retribuzioni perdute. 16. Il sesto motivo di ricorso principale è inammissibile afferendo ad una questione (domanda relativa al trattamento di fine servizio) non esaminata; nel merito, dalla Corte territoriale per ritenuta mancanza di appello incidentale da parte del F. e conseguente passaggio in giudicato della decisione di primo grado di rigetto e non essendo censurato tale passaggio motivazionale. 17. Il settimo motivo di ricorso principale è infondato. Se pure è vero che la norma di cui al D.P.R. n. 207 del 2002, art. 19, comma 2, (prevedente la cessazione di efficacia, alla data di entrata in vigore dello statuto della Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i Servizi tecnici, dei contratti stipulati per il conferimento o lo svolgimento di funzioni dirigenziali presso le strutture, ove non già pervenuti alla loro naturale scadenza) era entrata in vigore dopo la anticipata cessazione del rapporto, il risarcimento del danno non poteva che essere commisurato con riferimento alla cessazione effettiva, come legislativamente determinata (il medesimo rapporto, laddove pure non anticipatamente interrotto, non sarebbe potuto proseguire oltre il 6/10/2002, integrando la previsione di legge un factum principis idoneo ad escludere ogni imputabilità dell'inadempimento successivo a tale data). Si richiama, sul punto, quanto affermato da questa Corte nella recentissima decisione del 9 gennaio 2013 n. 355 con la quale, con riferimento ad altra ipotesi di cessazione ex lege di incarico dirigenziale alla norma e cioè a quella di cui al D.L. 3 ottobre 2006, n. 262, art. 2, comma 161, che prevedeva che gli incarichi conferiti al personale non appartenente ai ruoli di cui al D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, art. 23 conferiti prima del 17 maggio 2006, dovessero cessare ove non confermati entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto stesso, norma dichiarata incostituzionale con sentenza n. 161 del 20/4/2008 della Corte Costituzionale, ha ritenuto che, anche in presenza di una pronuncia del giudice delle leggi, non è possibile ritenere illecito il comportamento posto in essere conformemente ad una norma, ancorchè successivamente dichiarata illegittima, non potendo detto comportamento ritenersi caratterizzato da dolo o colpa. 18. Del pari infondato è il ricorso incidentale, sotto entrambi i profili in cui è articolato, proposto dall'apat. Se è vero che la legittimità di un atto di recesso va valutata con riferimento alla situazione concretamente esistente al momento del recesso, laddove a base di tale ultimo atto sia stata posta, come nella fattispecie in esame, la decisione di annullamento dell'atto di assunzione da parte del Giudice amministrativo (e ciò prima ancora che questa divenisse definitiva), era inevitabile che le successive vicende giudiziarie e, dunque, il travolgimento della pronuncia di annullamento ad opera del Consiglio di Stato, sia pure per ragioni afferenti alla giurisdizione, non potessero che comportare un venir meno della causa giustificatrice senza che la sopravvenuta privatizzazione dei rapporti consentisse di invocare il potere di autotutela della pubblica amministrazione, come insopprimibile prerogativa dell'organo che aveva emanato l'atto poi annullato. Sul punto, del resto, la Corte territoriale ha correttamente considerato che, venuta meno la sentenza del TAR, sarebbe stato obbligo dell'ente ripristinare l'incarico dirigenziale oppure addurre ulteriori motivi a giustificazione del recesso e che, come evidenziato dal Tribunale, nessuna delle due evenienze era avvenuta essendo rimasto il recesso intimato con la giustificazione legata unicamente alla pronuncia del Tribunale amministrativo. 19. Da tanto consegue che entrambi i ricorsi devono essere rigettati. 20. L'esito del ricorso principale e di quello incidentale costituiscono giusto motivo per compensare tra le parti le spese del presente giudizio di legittimità. P.Q.M. La Corte riunisce i ricorsi e li rigetta; compensa tra le parti le spese processuali del presente giudizio di legittimità. Così deciso in Roma, il 28 novembre Depositato in Cancelleria il 25 febbraio 2013

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

presso lo studio dell'avvocato GRISANTI FRANCESCO, rappresentata e

presso lo studio dell'avvocato GRISANTI FRANCESCO, rappresentata e LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ROSELLI Federico - Presidente - Dott. STILE Paolo - Consigliere - Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Consigliere -

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza del 1 agosto 2014 n. 17538 Integrale LAVORO ED OCCUPAZIONE - LICENZIAMENTO - COMPORTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 Agevolazioni fiscali benefici per l acquisto della prima casa abitazione non di lusso secondo i parametri di cui al D.M. 2/8/1969 disposizione dell art. 10

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 6 giugno - 8 settembre 2014, n. 18873 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta

Dettagli

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE.

ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. ASSICURAZIONE (CONTRATTO DI) - ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE. CASS. CIV., SEZ. III, 6 DICEMBRE 2011, N. 26188. L'art. 2947 c.c. deve essere quindi interpretato nel senso che la prescrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Con il quinto motivo, la ricorrente lamenta violazione del principio di retroattività della legge, in relazione all'applicazione della disciplina

Con il quinto motivo, la ricorrente lamenta violazione del principio di retroattività della legge, in relazione all'applicazione della disciplina LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. BERRUTI Giuseppe M. - Consigliere - Dott. DI AMATO Sergio

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 15 settembre 2014 n. 19400 Integrale Lavoro e occupazione - Licenziamento individuale - Periodo di comporto - Superamento Tempestivita - Valutazione -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 18/10/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 14094/2008 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.

REPUBBLICA ITALIANA Ud. 18/10/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 14094/2008 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill. REPUBBLICA ITALIANA Ud. 18/10/12 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO R.G.N. 14094/2008 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DE RENZIS Alessandro - Presidente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17433 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 30301-2011 proposto da: VASQUEZ SANTOS DAYELIN C.F. VZQDLN75T70Z504W,

Dettagli

Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico. Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075

Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico. Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075 Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075 SE LA SERVITÙ NEL CASO DI SPECIE L USO DEL POSTO AUTO A ROTAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Pagina 1 di 6 Cassazione Civile CONTRATTI BANCARI - INGIUNZIONE (PROCEDIMENTO PER) Cass. civ. Sez. I, Sent., 11-01-2013, n. 603 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dettagli

LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI.

LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI. LAVORO SUBORDINATO - LAVORATRICI MADRI. CASS. CIV., SEZ. LAV., 29 SETTEMBRE 2011, N. 19912. Il divieto di licenziamento della lavoratrice madre è reso inoperante quando ricorre una colpa grave da parte

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO SENTENZA I.N.A.I.L - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO SENTENZA I.N.A.I.L - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE AULA 'A' F. d t C V. r 04354. _d MAR. 2015 c. 4.45 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Oggetto LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE R.G.N. 305742011 SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 22029 Anno 2015 Presidente: STILE PAOLO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 28/10/2015 SENTENZA sul ricorso 17310-2010 proposto da: CANDIDO GIORGIO C.F. CNDGRG62H01D969A,

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione

E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione Pagina 1 Dimensione dei caratteri:normal Large ExtraLarge E' legittimo il licenziamento dovuto a condanna per concussione Con sentenza n. 5581 del 6 marzo 2009, la Cassazione ha affermato che è legittimo

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIDIRI Guido - Presidente - Dott. VENUTI Pietro - rel. Consigliere - Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Consigliere

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 16757 Anno 2015 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: MAISANO GIULIO Data pubblicazione: 12/08/2015 SENTENZA sul ricorso 11235-2014 proposto da: CALVANI MARZIA C.F. CLVMRZ273D68H901V,

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 Cass. civ. Sez. III, Sent., 30-03-2011, n. 7222 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI NANNI

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi

Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi Il contratto di locazione avente ad oggetto un locale commerciale può prevedere aumenti del canone liberi da parametri legislativi, purché gli stessi risultino inequivocabilmente dal contratto. Corte di

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Cassazione civile, sezione lavoro, 2 luglio 2014, n. 15070. Presidente Lamorgese. Relatore Tria. Notificazioni e comunicazioni - Comunicazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

periodo a titolo di rimborso spese dell'albergo, dell'affitto dell'appartamento e di altre spese sostenute all'estero ai fini del calcolo del

periodo a titolo di rimborso spese dell'albergo, dell'affitto dell'appartamento e di altre spese sostenute all'estero ai fini del calcolo del LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO 11 maggio 2011 n. 10341 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FOGLIA Raffaele - Presidente - Dott. DE RENZIS Alessandro - Consigliere - Dott. FILABOZZI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE SENTENZA. SOCIETA' COOPERATIVA LATTERIE VICENTINE in persona

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE SENTENZA. SOCIETA' COOPERATIVA LATTERIE VICENTINE in persona 1 3 740 ih REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto *TRIBUTI R.G.N. 10645/2013 cron.,,(3.4

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO LAVORO (RAPPORTO DI) Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 11-09-2015, n. 17990 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

23710/15. c. r. x REPUBBLICA ITALIANA. LA COR'l'E SUPREMA DI CASSAZIONE R.G.N. 17572/2012. Dott. FEDERICO ROSELLI Rel. Presidente - - d.

23710/15. c. r. x REPUBBLICA ITALIANA. LA COR'l'E SUPREMA DI CASSAZIONE R.G.N. 17572/2012. Dott. FEDERICO ROSELLI Rel. Presidente - - d. ---- ----- KUI.A a 23710/15 REPUBBLICA ITALIANA - IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COR'l'E SUPREMA DI CASSAZIONE R.G.N. 17572/2012 SEZIONE LAVORO Composta dagli Il L mi Sigg. ri Magistrati: t:t p. Dott.

Dettagli

«La divulgazione di immagini in un processo, se irrilevante per il giudizio, comporta. Integra violazione della normativa sulla riservatezza

«La divulgazione di immagini in un processo, se irrilevante per il giudizio, comporta. Integra violazione della normativa sulla riservatezza «La divulgazione di immagini in un processo, se irrilevante per il giudizio, comporta una violazione delle norme sulla riservatezza» (Cassazione civile sez. III, 11 settembre 2014, n.19172) persona fisica

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 16472 Anno 2015 Presidente: STILE PAOLO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 05/08/2015 SENTENZA sul ricorso 1360-2013 proposto da: CATALDI IVAN C. F. CTLVNI73A21F205T,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 Immobili classa mento atto di classamento motivazione caratteristiche Immobili classa mento atto di classamento comproprietari litisconsorzio necessario

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011

CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE CORTE DI CASSAZIONE - Sezione Lavoro - sentenza n. 65 del 3 gennaio 2011 COLLEGATO LAVORO: LIMITI AGLI INDENNIZZI RETROATTIVI Limitata l applicazione retroattiva

Dettagli

137 10. 1 2 31 LUG:Til

137 10. 1 2 31 LUG:Til AULA 'H' 137 10. 1 2 31 LUG:Til LA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Oggetto R.G.N. 25662/2008 cron Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Rep.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI PALMA Salvatore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza Data 22/05/2013 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE LAVORO Numero 12583 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO ha pronunciato la seguente:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO. Dott. IRENE TRICOMI - Consigliere - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO. Dott. IRENE TRICOMI - Consigliere - SENTENZA 2 6 5 AULA 'B' F + c g5. _srg 7 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO 27 NOV 2013 Oggetto LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: R.G.N. 19455/2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SENTENZA AnniBtfro ut*flem 202,1/1 4. 3028/2007 Cron. 2o 2,9 Rep. 263-7 Ud. 12/6/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 19 marzo 2015, n. 5516

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 19 marzo 2015, n. 5516 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 19 marzo 2015, n. 5516 Svolgimento del processo 1. Con sentenza del 29.6.07, la Corte d'appello di Milano, confermando la sentenza del 23.11.04 del tribunale della stessa

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA -691 14 115 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto Opposizione a dichiarazione di fallimento.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE DANNO NON PATRIMONIALE A TITOLO EREDITARIO. CASS. CIV., SEZ. III, 14 DICEMBRE 2010, N. 25264. Non hanno diritto al risarcimento del danno non patrimoniale a titolo ereditario i parenti della vittima di

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile Sentenza n. 285 Del 27 settembre 2004 10 gennaio 2005 Svolgimento del processo M. M. convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Latina G. I., lo Scau e l

Dettagli

Un ragionevole termine per l irrogazione del licenziamento. (Cassazione civile, sez. lavoro, 9 febbraio 2012, n. 1884)

Un ragionevole termine per l irrogazione del licenziamento. (Cassazione civile, sez. lavoro, 9 febbraio 2012, n. 1884) Maria Luisa Pignatelli Dottoranda di ricerca Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Un ragionevole termine per l irrogazione del licenziamento. (Cassazione civile, sez. lavoro, 9 febbraio

Dettagli

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini)

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) http://www.altalex.com/index.php?idnot=50040 La mancata

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17434 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 4419-2014 proposto da: MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE - T. Dott. MARIO CICALA - Rel.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE - T. Dott. MARIO CICALA - Rel. 12682 2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE - T Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MARIO CICALA - Rel. Presidente - Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Cassazione civile, Sezione lavoro, Sentenza 7 giugno 2013, n. 14471 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIDIRI Guido - Presidente - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO. Dott. IRENE TRICOMI - Consigliere - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO. Dott. IRENE TRICOMI - Consigliere - SENTENZA AULA 'B' 1785 4 l e 1 I, 9 11A60. 2014 REPUBBLICA ITALIANA Oggetto IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: R.G.N. 19368/2008

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 16-03-2012, n. 4258 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 16-03-2012, n. 4258 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 16-03-2012, n. 4258 Fatto Diritto P.Q.M. LAVORO (RAPPORTO DI) Licenziamento disciplinare REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 12332 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 15/06/2015 SENTENZA sul ricorso 21120-2013 proposto da: - I.N.P.S. - ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 4574 Anno 2015 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 06/03/2015 SENTENZA sul ricorso iscritto proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. Paolo VITTORIA Dott. Francesco Maria FIORETTI Dott. Francesco FELICBTTI Dott. Renato RORDORF Dott. Stefano

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 3 Num. 2872 Anno 2015 Presidente: RUSSO LIBERTINO ALBERTO Relatore: SPIRITO ANGELO Data pubblicazione: 13/02/2015 SENTENZA sul ricorso 18409-2011 proposto da: PROVICIA RELIGIOSA S PIETRO

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. AMOROSO Giovanni - Presidente -

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. AMOROSO Giovanni - Presidente - LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. AMOROSO Giovanni - Presidente - Dott. D'ANTONIO Enrica - Consigliere - Dott. FILABOZZI Antonio - rel. Consigliere

Dettagli

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA SCRITTA. CASS. CIV., SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23972. Il piano di ammortamento di un contratto di mutuo ha natura di clausola negoziale,

Dettagli

Cassazione Civile, Sez. Lav., 17 agosto 2012, n. 14561 - Illegittimità del trasferimento e mobbing

Cassazione Civile, Sez. Lav., 17 agosto 2012, n. 14561 - Illegittimità del trasferimento e mobbing Cassazione Civile, Sez. Lav., 17 agosto 2012, n. 14561 - Illegittimità del trasferimento e mobbing - Mobbing REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

Roma, 26 novembre 2013 n. 31

Roma, 26 novembre 2013 n. 31 Roma, 26 novembre 2013 n. 31 Da: Il Quotidiano IPSOA News Area Lavoro & Previdenza 22.11.13 Licenziamento, obbligo di repechage e onere della prova La vicenda riguarda il licenziamento di un dipendente

Dettagli

NOTIFICAZIONI E COMUNICAZIONI IN MATERIA CIVILE.

NOTIFICAZIONI E COMUNICAZIONI IN MATERIA CIVILE. NOTIFICAZIONI E COMUNICAZIONI IN MATERIA CIVILE. CASS. CIV., SEZ. I, 19 MARZO 2012, N. 4305. In tema di notifica alle società di capitali o di persone, ai fini della notificazione al rappresentante dell'ente

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 Svolgimento del Processo La controversia concerne l impugnazione da parte del contribuente del silenzio rifiuto opposto dall amministrazione ad

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 05 02 2014 N 2597

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 05 02 2014 N 2597 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 05 02 2014 N 2597 Condono fiscale ex art. 9 legge 289/2002 condono tombale elisione dei debiti fiscali inoperatività sui crediti ha pronunciato la seguente: SENTENZA REPUBBLICA

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto Condominio: il condizionatore troppo rumoroso deve essere rimosso Cassazione civile, sez. II, sentenza 10.11.2009 n. 23807 (Giuseppe Mommo) Il condizionatore che è causa di immissioni intollerabili (superiori

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 18416 Anno 2013 Presidente: STILE PAOLO Relatore: VENUTI PIETRO Data pubblicazione: 01/08/2013 SENTENZA sul ricorso 19852-2011 proposto da: CASONI ALESSANDRO, GIANNETTI LUIGI,

Dettagli

13689/15. :':,,v.. ... - ;.. .- ::.. .-:. '._...::- RE P UBBLICA ITALIAN A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

13689/15. :':,,v.. ... - ;.. .- ::.. .-:. '._...::- RE P UBBLICA ITALIAN A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO AULA tb' 13689/15... - ;.. :':,,v...- ::...-:. '._....::- RE P UBBLICA ITALIAN A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO --- c9 (, Oggetto LA COR TE SUP REMA DI CAS SAZIONE R.G.N. 22818/2011 SEZIONE LAVORO Cron. )36

Dettagli

LAVORO ED OCCUPAZIONE - MOBBING

LAVORO ED OCCUPAZIONE - MOBBING Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 28 settembre 2011, n. 19823 Integrale LAVORO ED OCCUPAZIONE - MOBBING REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA 18277/ 15 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. SALVATORE DI PALMA - Presidente - Oggetto *FALLIMENTO E ISTITUTI AFFINI Dott. RENATO BERNABAI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso -6901/2015 1 ORIGINALE i REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE Oggetto Danno anibientale - Prescrizione R.G.N. 18598/2011 Composta dagli Ill.mi

Dettagli

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 04.10.2010 n 20566 http://www.altalex.com/index.php?idnot=50642 Le intimidazioni generiche

Dettagli

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M.

Sentenza. Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Sentenza Cass., 2 novembre 2001, n. 13558, Pres. Mileo; Rel. Mercurio; RAI c. A.M. Cass. civ., sez. Lavoro, 02-11-2001, n. 13558 - Pres. Mileo V - Rel. Mercurio E - P.M. Abbritti P (conf.) - RAI SpA c.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19150 Anno 2015 Presidente: COLETTI DE CESARE GABRIELLA Relatore: BALESTRIERI FEDERICO Data pubblicazione: 28/09/2015 SENTENZA sul ricorso 23633-2009 proposto da: - I.N.P.S. -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSA ZIONE R.G.N. 17267/2011

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSA ZIONE R.G.N. 17267/2011 AULA 'B ' REPUBBLICA ITALIANA Oggetto IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSA ZIONE R.G.N. 17267/2011 SEZIONE LAVORO Cron. 2.J_oSJJ Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Rep. Dott. l?aolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO SENTENZA AZIENDA SANITARIA LOCALE 5 "SPEZZINO" - LA SPEZIA P.I.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE LAVORO SENTENZA AZIENDA SANITARIA LOCALE 5 SPEZZINO - LA SPEZIA P.I. AUL) 'B' REPUBBLICA ITALIANA 24240.14 Oggetto 8 1111. 2014 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: R.G.N. 20266/2013 Cron. #2,4

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE 20393 /14 SESTA SEZIONE CIVILE -1 Composta dagli Ill.mi Siggii Magistrati: Dott. SALVATORE DI PALMA - Presidente - et) e e t Oggetto *FALLIMENTO E ISTITUTI AFFINI Dott. VITTORIO

Dettagli

RETRIBUZIONI MINIME INDIPENDENTI DA ISCRIZIONE DATORE AL SINDACATO

RETRIBUZIONI MINIME INDIPENDENTI DA ISCRIZIONE DATORE AL SINDACATO RETRIBUZIONI MINIME INDIPENDENTI DA ISCRIZIONE DATORE AL SINDACATO Ud. 07/04/10 R.G.N. 26789/2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Dott. Giuseppe Salmè - Presidente - Dott. Salvatore Salvago

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. CARNEVALE Corrado - Presidente - Dott.

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. CARNEVALE Corrado - Presidente - Dott. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. CARNEVALE Corrado - Presidente - Dott. BERRUTI Giuseppe Maria - Consigliere - Dott. DI AMATO Sergio -

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA

MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA P&D.IT Il fatto. Il lavoratore era stato licenziato per il superamento del periodo

Dettagli

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Cassazione Civile, sez. III, sentenza 30/07/2015 n 16181 di Carmine Lattarulo Pubblicato il 15/09/2015 Il nuovo Codice

Dettagli

ADOZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

ADOZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ADOZIONE CASS. CIV., SEZ. I, 12 GENNAIO 2010, N. 260 In materia di adozione del minore, non può ritenersi lesiva del diritto di difesa una dichiarazione di assenso del genitore biologico ad una forma di

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli