FINANZIAMENTI AGEVOLATI E CONTRIBUTI PUBBLICI PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE PMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINANZIAMENTI AGEVOLATI E CONTRIBUTI PUBBLICI PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE PMI"

Transcript

1 FINANZIAMENTI AGEVOLATI E CONTRIBUTI PUBBLICI PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE PMI febbraio/2014 1

2 SERVIZIO CREDITO Agenda Argomen( Titolo I AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E BANDI PUBBLICI Titolo II ACCESSO AL CREDITO GARANTITO 2

3 AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E BANDI PUBBLICI BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI PRESTITI PARTECIPATIVI NUOVA LEGGE SABATINI 3

4 AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E BANDI PUBBLICI BANDO START UP CCIAA PACCHETTO ANTICRISI 2013 APP ON PROGETTO ZERO 4 4

5 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO FINALITA E OBIETTIVI IncenKvare le imprese a realizzare intervenk finalizzak al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Possono essere presentak progeu di inveskmento o per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità. 5

6 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO SOGGETTI BENEFICIARI TuXe le imprese anche individuali, appartenenk a qualsiasi sexore di auvità, iscrixe in CCIAA purchè in regola con gli obblighi contribukvi, che non abbiano oxenuto il contributo INAIL per il BANDO 2012 e che non si trovano in stato di liquidazione né soxoposta a procedura concorsuale. 6

7 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO SPESE AMMISSIBILI Sono agevolate le seguenk Kpologie di spesa: macchinari e impiank volk a migliorare la sicurezza sui luoghi di lavoro; spese di consulenza per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità sociale; progeu per la sosktuzione o l adeguamento di axrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21/09/1996. Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progeu non realizzak e non in corso di realizzazione alla data dell 8 aprile

8 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AMMONTARE DEL CONTRIBUTO Il contributo, in conto capitale, è pari al 65% delle spese ammesse. Il contributo è calcolato sulle spese sostenute al nexo dell IVA. In ogni caso, il contributo massimo erogabile è pari a Il contributo minimo ammissibile è pari a Per le imprese fino a 50 dipendenk che presentano progeu per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di contributo. 8

9 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Le domande devono essere presentate in modalità telemakca, secondo le seguenk 3 fasi successive: 1. accesso alla procedura on line e compilazione della domanda; 2. invio della domanda on line; 3. invio della documentazione a completamento della domanda 9

10 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Compilazione domande a parkre dal 21 Gennaio 2014 e fino alle ore 18:00 dell 8 Aprile 2014; A parkre dal 10 aprile 2014 le imprese che abbiano raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato la propria domanda, potranno accedere all interno della procedura informakca per effexuare il download del proprio codice idenkficakvo che le idenkficherà in maniera univoca. Invio domanda online - Le data e gli orari dell apertura e della chiusura dello sportello informakco per l invio delle domande, saranno pubblicate sul sito a parkre dal 30 aprile

11 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO RISORSE FINANZIARIE DESTINATE AI CONTRIBUTI Lo stanziamento ai fini del presente Avviso relakvamente alla Regione Lazio è pari a complessivi di cui: per i progeu di inveskmento (di cui all allegato 1) ed i progeu per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità sociale (di cui all allegato 2); per i progeu per la sosktuzione o adeguamento di axrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 sexembre

12 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI FINALITA E OBIETTIVI Far crescere il patrimonio delle piccole e medie imprese. AXraverso questo intervento si vuole promuovere il rafforzamento del patrimonio delle imprese del Lazio al fine di facilitarne l accesso al credito axraverso il conseguente miglioramento del loro livello di rakng. 12

13 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI SOGGETTI BENEFICIARI Sono soggeu beneficiari le micro, piccole e medie imprese industriali, arkgianali,commerciali e di servizi cosktuite in forma di società di capitali o che si trasformino in società di capitali in occasione di questo intervento, con sede legale e operakva nel territorio della Regione Lazio, già operank in regime di contabilità ordinaria 13

14 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI SOGGETTI BENEFICIARI I soggeu beneficiari devono essere in possesso dei seguenk requisik alla data di presentazione della domanda: a) essere già cosktuik ed iscriu nel registro delle imprese da almeno 2 anni solari ovvero essere in possesso di almeno 2 bilanci approvak e depositak b) non trovarsi in condizioni di fallimento c) possedere una situazione di regolarità contribukva axestata dal DURC 14

15 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO L agevolazione è concessa soxo forma di finanziamento a tasso agevolato di durata massima pari a 5 anni. Il finanziamento può essere concesso per un importo minimo di 50 mila euro e a fronte di una delibera di aumento di capitale sociale di importo minimo pari a 75 mila euro (e per un importo massimo pari a 400 mila euro, al quale deve corrispondere un aumento minimo di capitale sociale pari a 600 mila euro). 15

16 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO L erogazione viene effexuata in un unica soluzione alla firma del contraxo di finanziamento. Il finanziamento si arkcola in due componenk di pari durata: una quota a tasso agevolato (pari allo 0,50%), pari al 50% del finanziamento, messa a disposizione dalla regione a valere sulle risorse del Fondo; una quota a tasso ordinario, pari al restante 50% del finanziamento, messa a disposizione dalle banche convenzionate. 16

17 PRESTITI PARTECIPATIVI FINALITA E OBIETTIVI IncenKvare lo sviluppo delle giovani imprese formate da non più di 48 mesi creando le condizioni per agevolare gli inveskmenk innovakvi apertura bando 17 febbraio

18 PRESTITI PARTECIPATIVI SOGGETTI BENEFICIARI Possono partecipare: imprese cosktuite da non più di 48 mesi nella forma di società di capitali, con esclusione di quelle a socio unico; solo sexori ammessi dal de minimis e dall ingegneria finanziaria ad esclusione delle imprese in difficoltà; sede operakva nel Lazio. 18

19 PRESTITI PARTECIPATIVI CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO Finanziamento a medio termine, a tasso agevolato e della durata di cinque anni: Importo massimo ,00 euro in regime de minimis; finanziamento erogato in un unica soluzione alla firma del contraxo di finanziamento; interesse a tasso agevolato. 19

20 PRESTITI PARTECIPATIVI MODALITA DI RIMBORSO 2 anni di preammortamento; rimborso del 75% del capitale a parkre dall inizio del terzo anno, in quote trimestrali poskcipate; rimborso del restante 25% in un unica soluzione alla scadenza del preskto, unitamente alla somma da corrispondere a Ktolo di interessi. 20

21 PRESTITI PARTECIPATIVI CONDIZIONI PER L ACCESSO AL CREDITO aver deliberato un aumento del capitale sociale che sia almeno pari al finanziamento richiesto; soxoscrizione di tuu i soci dell aumento di capitale deliberato (o almeno la quota pari al finanziamento richiesto) e versato in misura almeno pari al 25%, con impegno dell organo amministrakvo a richiamare il versamento del 50% della quota rimanente nel corso del 3 esercizio dalla data di soxoscrizione del contraxo di finanziamento e l ulteriore 50 % comunque in data antecedente; 21

22 PRESTITI PARTECIPATIVI CONDIZIONI PER L ACCESSO AL CREDITO oppure impegnarsi affinché le condizioni di cui ai punk precedenk siano soddisfaxe al momento di soxoscrizione della domanda di finanziamento; nonché avere all interno della società un soggexo con adeguata esperienza e competenza nel business di riferimento, la cui partecipazione non sia inferiore al 25%. 22

23 NUOVA LEGGE SABATINI DM 27 NOVEMBRE 2013 La misura applica gli incenkvi previsk dall art. 2 del Dl Fare e punta a migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese axraverso la concessione di contribuk per l acquisto di macchinari. 23

24 Il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, emanato di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze, è stato di recente pubblicato in GazzeXa Ufficiale e ankcipa le modalità operakve del bando che sarà, però, ufficialmente aperto soltanto con la pubblicazione di una successiva circolare della Direzione generale per l incenkvazione delle auvità imprenditoriali, di prossima pubblicazione, in cui saranno stabilik i termini per la presentazione delle domande. 24

25 I des(natari del bando (micro, piccole e medie imprese auve in tuu i sexori produuvi) possono accedere ai benefici a paxo che realizzino inveskmenk, anche mediante operazioni di leasing finanziario, in: macchinari o impiank; hardware o sonware; tecnologie digitali; beni strumentali d impresa e nuove axrezzature a uso produuvo; 25

26 Non sono ammesse alle agevolazioni di cui al presente decreto le imprese operank nei sexori: a) dell industria carboniera; b) delle a2vità finanziarie e assicura7ve (sezione K della classificazione delle a2vità economiche ATECO 2007); c) della fabbricazione di prodo2 di imitazione o di sos7tuzione del la=e o dei prodo2 la2erocaseari. 26

27 Il plafond potrà essere uklizzato dalle banche e dagli intermediari finanziari per concedere finanziamenk tra e 2 milioni di euro alle micro e PMI che investano in macchinari, previa adesione a una o più apposite convenzioni tra il MiSE (senkto il MEF), l Associazione Bancaria Italiana (ABI) e Cdp. Il MiSE contribuirà inoltre a coprire parte degli interessi a carico delle imprese. L iniziakva prevede infine la possibilità di beneficiare del Fondo di Garanzia PMI fino a un massimo pari all 80% del finanziamento. 27

28 A fronte del finanziamento è concessa un agevolazione nella forma di un contributo pari all ammontare complessivo degli interessi calcolak in via convenzionale su un finanziamento al tasso d interesse del 2,75 per cento, della durata di cinque anni e d importo equivalente al predexo finanziamento. 28

29 Come si accede ai finanziamen(? Il bando prevede un accesso al finanziamento mediante un meccanismo automakco semplificato: l impresa presenta alla banca una dichiarazione- domanda per l accesso al contributo ministeriale, axestando il possesso dei requisik e l aderenza degli inveskmenk alle previsioni di legge; la banca adoxata la delibera di finanziamento; il MiSE procede alla concessione del contributo in tempi brevi, dandone comunicazione all impresa. Il bando chiuderà il 31 dicembre

30 BANDO START UP PACCHETTO ANTICRISI 2013 FINALITA E OBIETTIVI Sostenere lo start up aziendale, abbaxendo i cosk ed incenkvando la concrekzzazione di idee imprenditoriali e la nascita di nuove imprese, al fine di sostenere la ripresa della produuvità, la crescita e lo sviluppo economico del territorio 30

31 BANDO START UP PACCHETTO ANTICRISI 2013 SOGGETTI DESTINATARI Gli aspirank imprenditori. Chiunque intenda creare una nuova impresa a Roma e provincia e che non abbia proceduto all iscrizione presso il registro imprese. 31

32 BANDO START UP PACCHETTO ANTICRISI 2013 MISURA DELLE AGEVOLAZIONI La misura consiste nell abbaumento del costo del servizio di accompagnamento da erogarsi a favore dell aspirante imprenditore fino ad un massimo di oltre IVA. Il contributo viene erogato al soggexo axuatore che ha erogato il servizio il quale a sua volta lo sconta dalla faxura emessa a carico dell aspirante imprenditore. 32

33 APP ON FINALITA E OBIETTIVI Promuovere la progexazione e lo sviluppo di piaxaforme ed applicakvi per Smartphone e Tablet proposk da giovani programmatori, axraverso il finanziamento dei cosk di realizzazione di un protokpo di App in fase beta. 33

34 APP ON DESTINATARI giovani programmatori con 35 anni di età non ancora compiuk alla data di presentazione dell idea- progexo; piccole e medie imprese (PMI) auve nel sexore del digitale nella Regione Lazio; mentor affermak disponibili ad affiancare i giovani programmatori con la loro esperienza in ambito business coaching. 34

35 APP ON DESTINATARI giovani programmatori con 35 anni di età non ancora compiuk alla data di presentazione dell idea- progexo; piccole e medie imprese (PMI) auve nel sexore del digitale nella Regione Lazio; mentor affermak disponibili ad affiancare i giovani programmatori con la loro esperienza in ambito business coaching. 35

36 APP ON PROGETTI FINANZIABILI Realizzazione di App per Tablet o Smartphone dedicak a: fruizione del territorio del Lazio per fini turiskci e per la valorizzazione e lo sviluppo dell economia locale (context aware mobile commerce, ecc.); smart city e resilient city (civic App); energia ed efficienza energekca, uso intelligente di risorse; social business, social learning e humaniskc management; social media abilitank per smart communikes; game; 36

37 APP ON SPESE AMMISSIBILI consulenze specialiskche; cosk interni della società (personale, axrezzature, ecc.); compenso per il giovane programmatore nella misura massima del 20% del costo di produzione complessivo ammissibile; rimborso spese per il mentor entro il limite massimo di 4mila euro; spese generali nella misura del 5% del costo di produzione complessivo ammissibile. 37

38 APP ON TIPOLOGIA DELLE AGEVOLAZIONI il contributo massimo per ogni progexo è di 40mila euro. Le agevolazioni saranno erogate in un unica soluzione. Durata massima del progewo: 6 mesi 38

39 APP ON MODALITA DI PRESENTAZIONE Fase 1 (entro 60 giorni dalla pubblicazione del bando sul BURL): i giovani programmatori dovranno inviare le idee- progexo; le PMI dovranno inviare la manifestazione di interesse; i mentor dovranno inviare la manifestazione di interesse. Fase 2 le 70 idee- progexo selezionate verranno proposte alle PMI candidate ad ospitarle; l incontro tra giovane programmatore ed impresa verrà favorito dai mentor ; le PMI incubatrici, una volta individuate le idee- progexo di interesse, presenteranno la domanda di contributo per la realizzazione del protokpo. 39

40 PROGETTO ZERO FINALITA E OBIETTIVI Promuovere nuovi progeu audiovisivi proposk da giovani autori, finanziando i cosk di realizzazione di un numero zero o prodoxo pilota. 40

41 PROGETTO ZERO DESTINATARI giovani autori con 35 anni di età non ancora compiuk alla data di presentazione dell idea- progexo; piccole e medie imprese (PMI) del sexore audiovisivo all interno del Lazio; autori o regisk affermak disponibili ad affiancare i giovani autori con la loro esperienza nel ruolo di tutor. 41

42 PROGETTO ZERO PROGETTI FINANZIABILI I progeu desknak alla realizzazione del numero zero di: FicKon, Reality, Talent show, Talk show, Game show. 42

43 PROGETTO ZERO SPESE AMMISSIBILI cosk sopra la linea (regista, axori principali); cosk soxo la linea (produzione, regia, montaggio, personale tecnico e arkskco, ecc.); cosk interni della società (personale, axrezzature, ecc.); compenso per il giovane autore nella misura massima del 20% del costo di produzione complessivo ammissibile; rimborso spese per il tutor entro il limite massimo di 4mila euro; spese generali nella misura del 5% del costo di produzione complessivo ammissibile; cosk relakvi al materiale necessario ad individuare finanziatori e distributori per la produzione in serie del prodoxo. 43

44 PROGETTO ZERO TIPOLOGIA DELLE AGEVOLAZIONI il contributo massimo per ogni progexo è di 40mila euro. Le agevolazioni saranno erogate in un unica soluzione. Scadenza: 6 mesi. 44

45 PROGETTO ZERO MODALITA DI PRESENTAZIONE Fase 1 (dal 20 gennaio al 20 marzo 2014): i giovani autori dovranno inviare le idee- progexo; le PMI dovranno inviare la manifestazione di interesse; i tutor dovranno inviare la manifestazione di interesse. Fase 2: Le 10 idee- progexo selezionate saranno proposte alle PMI candidate ad ospitarle. L incontro tra giovane autore e impresa sarà favorito dai tutor. Le PMI incubatrici, una volta individuate le idee- progexo di interesse, presenteranno la domanda di contributo per la realizzazione del numero zero. 45

46 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO Prestazione di garanzia per accesso al credito PMI Consiste nel rilascio di garanzie mutualiskche a favore delle imprese associate, facilitandone così l accesso al credito alle PMI e garantendo all impresa le migliori condizioni di mercato. 46

47 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO CNA è promotrice di COOPFIDI. COOPFIDI è il più grande confidi di ROMA E DEL LAZIO, organizzato in forma di cooperakva consorkle, con 400 milioni di finanziamenk alle imprese garankk in essere e oltre aziende associate. 47

48 SoggeY beneficiari ACCESSO AL CREDITO GARANTITO Possono usufruire della garanzia della COOPFIDI: Imprese ArKgiane Imprese Commerciali Imprese dei Servizi Piccole e Medie Imprese (PMI) di tuu i sexori Imprese Industriali CooperaKve e Consorzi 48

49 Unicredit Banca ACCESSO AL CREDITO GARANTITO GLI ISTITUTI CONVENZIONATI Banca Marche ArKgiancassa Banca Nazionale del Lavoro Banca Di Credito Coop.Vo di Roma Banca Di Credito Coop.Vo Cast.Romani Banca Pop. Ancona Banca Pop. Bergamo Banca Pop. Commercio Industria Banca Pop. Del Lazio 49

50 Banca Pop. Sondrio Intesa Banco Di Brescia Cariri Carivit ACCESSO AL CREDITO GARANTITO GLI ISTITUTI CONVENZIONATI Cassa di Risparmio di Civitavecchia Monte Dei Paschi Siena Unipol 50

51 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO REQUISITI FORMALI ESSERE ISCRITTI IN CCIAA; AVER EFFETTUATO LA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA ESSERE IN REGOLA CON IL PAGAMENTO DEI DIRITTI CAMERALI 51

52 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO REQUISITI SOSTANZIALI ASSENZA DI PREGIUDIZIEVOLI IN CENTRALE RISCHI CAPACITA REDDITUALI: I BILANCI/ DICHIARAZIONE DEI REDDITI NON DEVONO ESSERE IN PERDITA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI BANCARI La concessione dei finanziamenk è comunque subordinata alla valutazione della banca. I requisik indicak rappresentano quelli assolutamente indispensabili, senza i quali non si ha alcuna possibilità di richiedere finanziamenk 52

53 LE CONVENZIONI CONVENZIONE CCIAA 55% CONVENZIONE ORDINARIA 50% 53

54 CONVENZIONE CCIAA 55% Des(natari: Imprese iscrixe alla CCIAA di Roma con auvità dichiarata e regolarità nel pagamento del dirixo annuale. BREVE TERMINE: scoperk di conto corrente, ankcipo su faxure, ankcipo su contrau, castellexo sconto effeu importo concedibile da 10mila a 100mila euro 54

55 CONVENZIONE CCIAA 55% MEDIO TERMINE: finanziamento a scopo di inveskmento strumentale all auvità dell impresa della durata superiore ai 18mesi e fino ai 60mesi finanziamenk da desknare alla trasformazione di esposizioni da breve a medio termine della durata compresa tra i 18mesi e i 60mesi importo minimo 10mila euro importo massimo 500mila euro ammissibilità delle spese sostenute non antecedenk 6 mesi la data della richiesta 55

56 CONVENZIONE ORDINARIA Des(natari: Imprese con sede legale e/o operakva nella regione LAZIO. BREVE TERMINE: scoperk di conto corrente, ankcipo su faxure, ankcipo su contrau, castellexo sconto effeu MEDIO/LUNGO TERMINE: Mutui chirografari, ipotecari, leasing 56

57 CONVENZIONE ORDINARIA Tipologia delle operazioni A) Affidamen( a breve termine: Scoper7 di conto corrente: per fronteggiare saltuari fabbisogni di risorse originak da uscite di cassa immediate e contrapposte a entrate dilazionate nel tempo An7cipi su fa=ure, ordini o contra2: un Kpo di finanziamento usato solitamente da quelle imprese che concedono dilazioni di pagamenk 57

58 CONVENZIONE ORDINARIA Portafoglio commerciale: un servizio tramite il quale la banca incassa per conto del proprio cliente dei credik vantak verso terzi. An7cipazioni SBF: per ricevere l intero valore nominale dei Ktoli (in parkcolar modo Ri.Ba.), meno le commissioni d incasso,e trasferire alla banca il possesso dei Ktoli. Importo massimo concedibile: 1 milione di euro per impresa 58

59 CONVENZIONE ORDINARIA B) Finanziamen( direy alla copertura degli inves(men( materiali ed immateriali delle imprese: Mutui chirografari- durata massimo 7 anni Mutui ipotecari- durata fino a 20 anni Importo massimo concedibile: 1 milione di euro per impresa 59

60 CONVENZIONE ORDINARIA C) Finanziamen( des(na( ad acquisto scorte ed esigenze di liquidità: Mutuo chirografario durata: 18/36 mesi Importo massimo concedibile: euro per impresa D) Finanziamen( des(na( a prestare garanzie a terzi: Fideiussioni bancarie 12/24 mesi 60

61 CONVENZIONE ORDINARIA E) Finanziamen( in Leasing: Leasing Targato sugli automezzi Leasing strumentali- durata 5 anni- su strumenk e macchinari Leasing Immobiliare- durata 18 anni- per gli immobili Importo massimo concedibile: 1 milione di euro per impresa 61

62 GRAZIE PER L ATTENZIONE RIFERIMENTI CNA SERVIZI FINANZIARI- UFFICIO CREDITO Viale G. Massaia Roma Tel Mail: 62

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part.

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. IVA 04850790967 PROMOTORE: PRAgmaTICA con sede in Vigolo Vattaro (TN),

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

della domanda di agevolazione

della domanda di agevolazione Guida alla presentazione della domanda di agevolazione 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono essere

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46, che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli