FINANZIAMENTI AGEVOLATI E CONTRIBUTI PUBBLICI PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE PMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINANZIAMENTI AGEVOLATI E CONTRIBUTI PUBBLICI PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE PMI"

Transcript

1 FINANZIAMENTI AGEVOLATI E CONTRIBUTI PUBBLICI PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE PMI febbraio/2014 1

2 SERVIZIO CREDITO Agenda Argomen( Titolo I AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E BANDI PUBBLICI Titolo II ACCESSO AL CREDITO GARANTITO 2

3 AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E BANDI PUBBLICI BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI PRESTITI PARTECIPATIVI NUOVA LEGGE SABATINI 3

4 AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E BANDI PUBBLICI BANDO START UP CCIAA PACCHETTO ANTICRISI 2013 APP ON PROGETTO ZERO 4 4

5 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO FINALITA E OBIETTIVI IncenKvare le imprese a realizzare intervenk finalizzak al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Possono essere presentak progeu di inveskmento o per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità. 5

6 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO SOGGETTI BENEFICIARI TuXe le imprese anche individuali, appartenenk a qualsiasi sexore di auvità, iscrixe in CCIAA purchè in regola con gli obblighi contribukvi, che non abbiano oxenuto il contributo INAIL per il BANDO 2012 e che non si trovano in stato di liquidazione né soxoposta a procedura concorsuale. 6

7 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO SPESE AMMISSIBILI Sono agevolate le seguenk Kpologie di spesa: macchinari e impiank volk a migliorare la sicurezza sui luoghi di lavoro; spese di consulenza per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità sociale; progeu per la sosktuzione o l adeguamento di axrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21/09/1996. Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progeu non realizzak e non in corso di realizzazione alla data dell 8 aprile

8 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AMMONTARE DEL CONTRIBUTO Il contributo, in conto capitale, è pari al 65% delle spese ammesse. Il contributo è calcolato sulle spese sostenute al nexo dell IVA. In ogni caso, il contributo massimo erogabile è pari a Il contributo minimo ammissibile è pari a Per le imprese fino a 50 dipendenk che presentano progeu per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di contributo. 8

9 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Le domande devono essere presentate in modalità telemakca, secondo le seguenk 3 fasi successive: 1. accesso alla procedura on line e compilazione della domanda; 2. invio della domanda on line; 3. invio della documentazione a completamento della domanda 9

10 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Compilazione domande a parkre dal 21 Gennaio 2014 e fino alle ore 18:00 dell 8 Aprile 2014; A parkre dal 10 aprile 2014 le imprese che abbiano raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato la propria domanda, potranno accedere all interno della procedura informakca per effexuare il download del proprio codice idenkficakvo che le idenkficherà in maniera univoca. Invio domanda online - Le data e gli orari dell apertura e della chiusura dello sportello informakco per l invio delle domande, saranno pubblicate sul sito a parkre dal 30 aprile

11 BANDO INAIL INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO RISORSE FINANZIARIE DESTINATE AI CONTRIBUTI Lo stanziamento ai fini del presente Avviso relakvamente alla Regione Lazio è pari a complessivi di cui: per i progeu di inveskmento (di cui all allegato 1) ed i progeu per l adozione di modelli organizzakvi e di responsabilità sociale (di cui all allegato 2); per i progeu per la sosktuzione o adeguamento di axrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 sexembre

12 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI FINALITA E OBIETTIVI Far crescere il patrimonio delle piccole e medie imprese. AXraverso questo intervento si vuole promuovere il rafforzamento del patrimonio delle imprese del Lazio al fine di facilitarne l accesso al credito axraverso il conseguente miglioramento del loro livello di rakng. 12

13 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI SOGGETTI BENEFICIARI Sono soggeu beneficiari le micro, piccole e medie imprese industriali, arkgianali,commerciali e di servizi cosktuite in forma di società di capitali o che si trasformino in società di capitali in occasione di questo intervento, con sede legale e operakva nel territorio della Regione Lazio, già operank in regime di contabilità ordinaria 13

14 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI SOGGETTI BENEFICIARI I soggeu beneficiari devono essere in possesso dei seguenk requisik alla data di presentazione della domanda: a) essere già cosktuik ed iscriu nel registro delle imprese da almeno 2 anni solari ovvero essere in possesso di almeno 2 bilanci approvak e depositak b) non trovarsi in condizioni di fallimento c) possedere una situazione di regolarità contribukva axestata dal DURC 14

15 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO L agevolazione è concessa soxo forma di finanziamento a tasso agevolato di durata massima pari a 5 anni. Il finanziamento può essere concesso per un importo minimo di 50 mila euro e a fronte di una delibera di aumento di capitale sociale di importo minimo pari a 75 mila euro (e per un importo massimo pari a 400 mila euro, al quale deve corrispondere un aumento minimo di capitale sociale pari a 600 mila euro). 15

16 FONDO PATRIMONIALIZZAZIONE PMI CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO L erogazione viene effexuata in un unica soluzione alla firma del contraxo di finanziamento. Il finanziamento si arkcola in due componenk di pari durata: una quota a tasso agevolato (pari allo 0,50%), pari al 50% del finanziamento, messa a disposizione dalla regione a valere sulle risorse del Fondo; una quota a tasso ordinario, pari al restante 50% del finanziamento, messa a disposizione dalle banche convenzionate. 16

17 PRESTITI PARTECIPATIVI FINALITA E OBIETTIVI IncenKvare lo sviluppo delle giovani imprese formate da non più di 48 mesi creando le condizioni per agevolare gli inveskmenk innovakvi apertura bando 17 febbraio

18 PRESTITI PARTECIPATIVI SOGGETTI BENEFICIARI Possono partecipare: imprese cosktuite da non più di 48 mesi nella forma di società di capitali, con esclusione di quelle a socio unico; solo sexori ammessi dal de minimis e dall ingegneria finanziaria ad esclusione delle imprese in difficoltà; sede operakva nel Lazio. 18

19 PRESTITI PARTECIPATIVI CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO Finanziamento a medio termine, a tasso agevolato e della durata di cinque anni: Importo massimo ,00 euro in regime de minimis; finanziamento erogato in un unica soluzione alla firma del contraxo di finanziamento; interesse a tasso agevolato. 19

20 PRESTITI PARTECIPATIVI MODALITA DI RIMBORSO 2 anni di preammortamento; rimborso del 75% del capitale a parkre dall inizio del terzo anno, in quote trimestrali poskcipate; rimborso del restante 25% in un unica soluzione alla scadenza del preskto, unitamente alla somma da corrispondere a Ktolo di interessi. 20

21 PRESTITI PARTECIPATIVI CONDIZIONI PER L ACCESSO AL CREDITO aver deliberato un aumento del capitale sociale che sia almeno pari al finanziamento richiesto; soxoscrizione di tuu i soci dell aumento di capitale deliberato (o almeno la quota pari al finanziamento richiesto) e versato in misura almeno pari al 25%, con impegno dell organo amministrakvo a richiamare il versamento del 50% della quota rimanente nel corso del 3 esercizio dalla data di soxoscrizione del contraxo di finanziamento e l ulteriore 50 % comunque in data antecedente; 21

22 PRESTITI PARTECIPATIVI CONDIZIONI PER L ACCESSO AL CREDITO oppure impegnarsi affinché le condizioni di cui ai punk precedenk siano soddisfaxe al momento di soxoscrizione della domanda di finanziamento; nonché avere all interno della società un soggexo con adeguata esperienza e competenza nel business di riferimento, la cui partecipazione non sia inferiore al 25%. 22

23 NUOVA LEGGE SABATINI DM 27 NOVEMBRE 2013 La misura applica gli incenkvi previsk dall art. 2 del Dl Fare e punta a migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese axraverso la concessione di contribuk per l acquisto di macchinari. 23

24 Il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, emanato di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze, è stato di recente pubblicato in GazzeXa Ufficiale e ankcipa le modalità operakve del bando che sarà, però, ufficialmente aperto soltanto con la pubblicazione di una successiva circolare della Direzione generale per l incenkvazione delle auvità imprenditoriali, di prossima pubblicazione, in cui saranno stabilik i termini per la presentazione delle domande. 24

25 I des(natari del bando (micro, piccole e medie imprese auve in tuu i sexori produuvi) possono accedere ai benefici a paxo che realizzino inveskmenk, anche mediante operazioni di leasing finanziario, in: macchinari o impiank; hardware o sonware; tecnologie digitali; beni strumentali d impresa e nuove axrezzature a uso produuvo; 25

26 Non sono ammesse alle agevolazioni di cui al presente decreto le imprese operank nei sexori: a) dell industria carboniera; b) delle a2vità finanziarie e assicura7ve (sezione K della classificazione delle a2vità economiche ATECO 2007); c) della fabbricazione di prodo2 di imitazione o di sos7tuzione del la=e o dei prodo2 la2erocaseari. 26

27 Il plafond potrà essere uklizzato dalle banche e dagli intermediari finanziari per concedere finanziamenk tra e 2 milioni di euro alle micro e PMI che investano in macchinari, previa adesione a una o più apposite convenzioni tra il MiSE (senkto il MEF), l Associazione Bancaria Italiana (ABI) e Cdp. Il MiSE contribuirà inoltre a coprire parte degli interessi a carico delle imprese. L iniziakva prevede infine la possibilità di beneficiare del Fondo di Garanzia PMI fino a un massimo pari all 80% del finanziamento. 27

28 A fronte del finanziamento è concessa un agevolazione nella forma di un contributo pari all ammontare complessivo degli interessi calcolak in via convenzionale su un finanziamento al tasso d interesse del 2,75 per cento, della durata di cinque anni e d importo equivalente al predexo finanziamento. 28

29 Come si accede ai finanziamen(? Il bando prevede un accesso al finanziamento mediante un meccanismo automakco semplificato: l impresa presenta alla banca una dichiarazione- domanda per l accesso al contributo ministeriale, axestando il possesso dei requisik e l aderenza degli inveskmenk alle previsioni di legge; la banca adoxata la delibera di finanziamento; il MiSE procede alla concessione del contributo in tempi brevi, dandone comunicazione all impresa. Il bando chiuderà il 31 dicembre

30 BANDO START UP PACCHETTO ANTICRISI 2013 FINALITA E OBIETTIVI Sostenere lo start up aziendale, abbaxendo i cosk ed incenkvando la concrekzzazione di idee imprenditoriali e la nascita di nuove imprese, al fine di sostenere la ripresa della produuvità, la crescita e lo sviluppo economico del territorio 30

31 BANDO START UP PACCHETTO ANTICRISI 2013 SOGGETTI DESTINATARI Gli aspirank imprenditori. Chiunque intenda creare una nuova impresa a Roma e provincia e che non abbia proceduto all iscrizione presso il registro imprese. 31

32 BANDO START UP PACCHETTO ANTICRISI 2013 MISURA DELLE AGEVOLAZIONI La misura consiste nell abbaumento del costo del servizio di accompagnamento da erogarsi a favore dell aspirante imprenditore fino ad un massimo di oltre IVA. Il contributo viene erogato al soggexo axuatore che ha erogato il servizio il quale a sua volta lo sconta dalla faxura emessa a carico dell aspirante imprenditore. 32

33 APP ON FINALITA E OBIETTIVI Promuovere la progexazione e lo sviluppo di piaxaforme ed applicakvi per Smartphone e Tablet proposk da giovani programmatori, axraverso il finanziamento dei cosk di realizzazione di un protokpo di App in fase beta. 33

34 APP ON DESTINATARI giovani programmatori con 35 anni di età non ancora compiuk alla data di presentazione dell idea- progexo; piccole e medie imprese (PMI) auve nel sexore del digitale nella Regione Lazio; mentor affermak disponibili ad affiancare i giovani programmatori con la loro esperienza in ambito business coaching. 34

35 APP ON DESTINATARI giovani programmatori con 35 anni di età non ancora compiuk alla data di presentazione dell idea- progexo; piccole e medie imprese (PMI) auve nel sexore del digitale nella Regione Lazio; mentor affermak disponibili ad affiancare i giovani programmatori con la loro esperienza in ambito business coaching. 35

36 APP ON PROGETTI FINANZIABILI Realizzazione di App per Tablet o Smartphone dedicak a: fruizione del territorio del Lazio per fini turiskci e per la valorizzazione e lo sviluppo dell economia locale (context aware mobile commerce, ecc.); smart city e resilient city (civic App); energia ed efficienza energekca, uso intelligente di risorse; social business, social learning e humaniskc management; social media abilitank per smart communikes; game; 36

37 APP ON SPESE AMMISSIBILI consulenze specialiskche; cosk interni della società (personale, axrezzature, ecc.); compenso per il giovane programmatore nella misura massima del 20% del costo di produzione complessivo ammissibile; rimborso spese per il mentor entro il limite massimo di 4mila euro; spese generali nella misura del 5% del costo di produzione complessivo ammissibile. 37

38 APP ON TIPOLOGIA DELLE AGEVOLAZIONI il contributo massimo per ogni progexo è di 40mila euro. Le agevolazioni saranno erogate in un unica soluzione. Durata massima del progewo: 6 mesi 38

39 APP ON MODALITA DI PRESENTAZIONE Fase 1 (entro 60 giorni dalla pubblicazione del bando sul BURL): i giovani programmatori dovranno inviare le idee- progexo; le PMI dovranno inviare la manifestazione di interesse; i mentor dovranno inviare la manifestazione di interesse. Fase 2 le 70 idee- progexo selezionate verranno proposte alle PMI candidate ad ospitarle; l incontro tra giovane programmatore ed impresa verrà favorito dai mentor ; le PMI incubatrici, una volta individuate le idee- progexo di interesse, presenteranno la domanda di contributo per la realizzazione del protokpo. 39

40 PROGETTO ZERO FINALITA E OBIETTIVI Promuovere nuovi progeu audiovisivi proposk da giovani autori, finanziando i cosk di realizzazione di un numero zero o prodoxo pilota. 40

41 PROGETTO ZERO DESTINATARI giovani autori con 35 anni di età non ancora compiuk alla data di presentazione dell idea- progexo; piccole e medie imprese (PMI) del sexore audiovisivo all interno del Lazio; autori o regisk affermak disponibili ad affiancare i giovani autori con la loro esperienza nel ruolo di tutor. 41

42 PROGETTO ZERO PROGETTI FINANZIABILI I progeu desknak alla realizzazione del numero zero di: FicKon, Reality, Talent show, Talk show, Game show. 42

43 PROGETTO ZERO SPESE AMMISSIBILI cosk sopra la linea (regista, axori principali); cosk soxo la linea (produzione, regia, montaggio, personale tecnico e arkskco, ecc.); cosk interni della società (personale, axrezzature, ecc.); compenso per il giovane autore nella misura massima del 20% del costo di produzione complessivo ammissibile; rimborso spese per il tutor entro il limite massimo di 4mila euro; spese generali nella misura del 5% del costo di produzione complessivo ammissibile; cosk relakvi al materiale necessario ad individuare finanziatori e distributori per la produzione in serie del prodoxo. 43

44 PROGETTO ZERO TIPOLOGIA DELLE AGEVOLAZIONI il contributo massimo per ogni progexo è di 40mila euro. Le agevolazioni saranno erogate in un unica soluzione. Scadenza: 6 mesi. 44

45 PROGETTO ZERO MODALITA DI PRESENTAZIONE Fase 1 (dal 20 gennaio al 20 marzo 2014): i giovani autori dovranno inviare le idee- progexo; le PMI dovranno inviare la manifestazione di interesse; i tutor dovranno inviare la manifestazione di interesse. Fase 2: Le 10 idee- progexo selezionate saranno proposte alle PMI candidate ad ospitarle. L incontro tra giovane autore e impresa sarà favorito dai tutor. Le PMI incubatrici, una volta individuate le idee- progexo di interesse, presenteranno la domanda di contributo per la realizzazione del numero zero. 45

46 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO Prestazione di garanzia per accesso al credito PMI Consiste nel rilascio di garanzie mutualiskche a favore delle imprese associate, facilitandone così l accesso al credito alle PMI e garantendo all impresa le migliori condizioni di mercato. 46

47 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO CNA è promotrice di COOPFIDI. COOPFIDI è il più grande confidi di ROMA E DEL LAZIO, organizzato in forma di cooperakva consorkle, con 400 milioni di finanziamenk alle imprese garankk in essere e oltre aziende associate. 47

48 SoggeY beneficiari ACCESSO AL CREDITO GARANTITO Possono usufruire della garanzia della COOPFIDI: Imprese ArKgiane Imprese Commerciali Imprese dei Servizi Piccole e Medie Imprese (PMI) di tuu i sexori Imprese Industriali CooperaKve e Consorzi 48

49 Unicredit Banca ACCESSO AL CREDITO GARANTITO GLI ISTITUTI CONVENZIONATI Banca Marche ArKgiancassa Banca Nazionale del Lavoro Banca Di Credito Coop.Vo di Roma Banca Di Credito Coop.Vo Cast.Romani Banca Pop. Ancona Banca Pop. Bergamo Banca Pop. Commercio Industria Banca Pop. Del Lazio 49

50 Banca Pop. Sondrio Intesa Banco Di Brescia Cariri Carivit ACCESSO AL CREDITO GARANTITO GLI ISTITUTI CONVENZIONATI Cassa di Risparmio di Civitavecchia Monte Dei Paschi Siena Unipol 50

51 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO REQUISITI FORMALI ESSERE ISCRITTI IN CCIAA; AVER EFFETTUATO LA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA ESSERE IN REGOLA CON IL PAGAMENTO DEI DIRITTI CAMERALI 51

52 ACCESSO AL CREDITO GARANTITO REQUISITI SOSTANZIALI ASSENZA DI PREGIUDIZIEVOLI IN CENTRALE RISCHI CAPACITA REDDITUALI: I BILANCI/ DICHIARAZIONE DEI REDDITI NON DEVONO ESSERE IN PERDITA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI BANCARI La concessione dei finanziamenk è comunque subordinata alla valutazione della banca. I requisik indicak rappresentano quelli assolutamente indispensabili, senza i quali non si ha alcuna possibilità di richiedere finanziamenk 52

53 LE CONVENZIONI CONVENZIONE CCIAA 55% CONVENZIONE ORDINARIA 50% 53

54 CONVENZIONE CCIAA 55% Des(natari: Imprese iscrixe alla CCIAA di Roma con auvità dichiarata e regolarità nel pagamento del dirixo annuale. BREVE TERMINE: scoperk di conto corrente, ankcipo su faxure, ankcipo su contrau, castellexo sconto effeu importo concedibile da 10mila a 100mila euro 54

55 CONVENZIONE CCIAA 55% MEDIO TERMINE: finanziamento a scopo di inveskmento strumentale all auvità dell impresa della durata superiore ai 18mesi e fino ai 60mesi finanziamenk da desknare alla trasformazione di esposizioni da breve a medio termine della durata compresa tra i 18mesi e i 60mesi importo minimo 10mila euro importo massimo 500mila euro ammissibilità delle spese sostenute non antecedenk 6 mesi la data della richiesta 55

56 CONVENZIONE ORDINARIA Des(natari: Imprese con sede legale e/o operakva nella regione LAZIO. BREVE TERMINE: scoperk di conto corrente, ankcipo su faxure, ankcipo su contrau, castellexo sconto effeu MEDIO/LUNGO TERMINE: Mutui chirografari, ipotecari, leasing 56

57 CONVENZIONE ORDINARIA Tipologia delle operazioni A) Affidamen( a breve termine: Scoper7 di conto corrente: per fronteggiare saltuari fabbisogni di risorse originak da uscite di cassa immediate e contrapposte a entrate dilazionate nel tempo An7cipi su fa=ure, ordini o contra2: un Kpo di finanziamento usato solitamente da quelle imprese che concedono dilazioni di pagamenk 57

58 CONVENZIONE ORDINARIA Portafoglio commerciale: un servizio tramite il quale la banca incassa per conto del proprio cliente dei credik vantak verso terzi. An7cipazioni SBF: per ricevere l intero valore nominale dei Ktoli (in parkcolar modo Ri.Ba.), meno le commissioni d incasso,e trasferire alla banca il possesso dei Ktoli. Importo massimo concedibile: 1 milione di euro per impresa 58

59 CONVENZIONE ORDINARIA B) Finanziamen( direy alla copertura degli inves(men( materiali ed immateriali delle imprese: Mutui chirografari- durata massimo 7 anni Mutui ipotecari- durata fino a 20 anni Importo massimo concedibile: 1 milione di euro per impresa 59

60 CONVENZIONE ORDINARIA C) Finanziamen( des(na( ad acquisto scorte ed esigenze di liquidità: Mutuo chirografario durata: 18/36 mesi Importo massimo concedibile: euro per impresa D) Finanziamen( des(na( a prestare garanzie a terzi: Fideiussioni bancarie 12/24 mesi 60

61 CONVENZIONE ORDINARIA E) Finanziamen( in Leasing: Leasing Targato sugli automezzi Leasing strumentali- durata 5 anni- su strumenk e macchinari Leasing Immobiliare- durata 18 anni- per gli immobili Importo massimo concedibile: 1 milione di euro per impresa 61

62 GRAZIE PER L ATTENZIONE RIFERIMENTI CNA SERVIZI FINANZIARI- UFFICIO CREDITO Viale G. Massaia Roma Tel Mail: 62

Questi i bandi pubblicati: 1) PRESTITI PARTECIPATIVI:

Questi i bandi pubblicati: 1) PRESTITI PARTECIPATIVI: STARTUP LAZIO! punta a promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative, attraverso il finanziamento di 4 nuovi bandi: tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014 sono stati stanziati complessivamente

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini )

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) CONFIDUSTRIA VICENZA Le agevolazioni della nuova Sabatini Incontro informativo Intervento di A. Balboni Resp. Direzione Corporate di Banca Popolare di Vicenza

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Accesso al credito? Con CNA la soluzione

Accesso al credito? Con CNA la soluzione Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa CNA Roma Notizie n.1 del 5 Gennaio 2010 Anno 7 Mensile Poste Italiane Spa - Sped. in abb. postale D.L. 353 (convertito in Legge

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali

Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali Borgo S. Spirito, 78-00193 Roma - Tel. +39 06680001 - Fax +39 0668134236 DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Prot. n. 90/RC Roma, 15 gennaio 2014 Alle Confcooperative regionali, provinciali ed interprovinciali

Dettagli

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Ecosistema delle startup innovative Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro Alessandro Galli 17 Dicembre 2014 - Sala Convegni Corso Europa,

Dettagli

BANDO Welcome Business

BANDO Welcome Business Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano promuovono il presente BANDO Welcome Business Incentivi ai talenti all estero che rientrino in Italia per costituire la loro impresa a Milano Art.1

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati al sostegno

Dettagli

MARKETING INFORMATION

MARKETING INFORMATION Gentile Concessionario, Come sicuramente avrete visto negli ultimi giorni, con una circolare il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via alle agevolazioni della NUOVA LEGGE SABATINI per lo sviluppo

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START DOTAZIONE BANDO SOGGETTI BENEFICIARI La dotazione finanziaria iniziale è pari ad 30.000.000,00, così suddivisa:

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI ALLEGATO D Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati

Dettagli

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Accordo tra Intesa Sanpaolo e Confesercenti per il sostegno e lo sviluppo delle imprese di commercio, turismo e servizi. MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Sommario. 1. Rafforzamento patrimoniale Ricap Business

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/04/2014 Circolare informativa n. 7/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere

Dettagli

Come funziona il Fondo di garanzia?

Come funziona il Fondo di garanzia? Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare 1 Gli attori Le Banche olesocietà di leasing, erogano il finanziamento per acquisto o acquisizione in leasing di «beni strumentali» a condizioni di

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA NEWSLETTER n. 3 SETTEMBRE 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime informazioni relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. Evidenziamo, fra le opportunità nella sezione Regione Lombardia,

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS)

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS) Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 27 febbraio 2014

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati al sostegno

Dettagli

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis)

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) SABATINI BIS 1 SABATINI - BIS Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) Direzione Corporate e Reti Alleate Marzo 2014 2 SABATINI BIS FONTI NORMATIVE Il Plafond PMI - Beni Strumentali si fonda sui seguenti

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il sostegno di CDP: sviluppi

Il sostegno di CDP: sviluppi Il sostegno di CDP: sviluppi Roma, 28 novembre 2013 Il Contesto Nel biennio 2011 12, CDP ha mobilitato circa il 90% delle risorse previste dal Piano Industriale 2011 13,raggiungendo,difatto,gliobiettiviconunanno

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

BNL GRUPPO BNP PARIBAS

BNL GRUPPO BNP PARIBAS BNL GRUPPO BNP PARIBAS Condizioni valide fino al 31 dicembre 2014 SEGMENTO RETAIL (PMI con fatturato < 5 mln e/o aziende prospect di nuova acquisizione BNL fino a 7,5 mln) Linee di credito di breve termine

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

UNICREDIT SPA (*) CONVENZIONE CON GARANZIA CONFIDI LAZIO AREA RETAIL E CORPORATE (DECORRENZA 30/01/2012) Condizioni economiche Garanzia sussidiaria

UNICREDIT SPA (*) CONVENZIONE CON GARANZIA CONFIDI LAZIO AREA RETAIL E CORPORATE (DECORRENZA 30/01/2012) Condizioni economiche Garanzia sussidiaria UNICREDIT SPA (*) CONVENZIONE CON GARANZIA CONFIDI LAZIO AREA RETAIL E CORPORATE (DECORRENZA 30/01/2012) Condizioni economiche Garanzia sussidiaria Mutuo Chirografario a 5 anni Prestito Partecipativo,

Dettagli

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima.

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. C.R.I.A.S. Credito di esercizio Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. Finanziamento destinato a sopperire

Dettagli

Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U.

Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U. Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U. 24 gennaio 2014) Agevolazioni per l acquisto di nuovi macchinari, impianti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 18 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISI: fino al 7 maggio 2015 inserimento del progetto per ottenere gli incentivi Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Nel presente documento si riporta un riepilogo degli adempimenti richiesti dal Bando ISI-INAIL della Regione Lazio per poter accedere ai contributi

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO di Roberto De Luca 1. Finalità e ambito di applicazione Al fine di favorire l'accesso alle risorse finanziarie a supporto della microimprenditorialità, il Governo

Dettagli

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia CIRCOLARE A.F. N. 157 del 18 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Programmi di investimento per innovazione, miglioramento competitivo e tutela dell ambiente nelle regioni Calabria, Campania, Puglia

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (art. 21 L.R. 17 gennaio

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Finanza per la crescita: tre ingranaggi 1. Sostegno agli investimenti qualificati 2. Accesso ai finanziamenti 3. Azioni mirate per le imprese innovative

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 )

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12

Dettagli

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Ruolo dell INAIL ASSICURAZIONE RIABILITAZIONE PREVENZIONE DAL RUOLO ASSICURATIVO STORICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DI TUTELA Sulla base dell evoluzione normativa l

Dettagli

bis Guida ai finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese Gli investimenti agevolati La richiesta di finanziamento

bis Guida ai finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese Gli investimenti agevolati La richiesta di finanziamento Serie speciale numero 4 Anno 23 1 marzo 2014 A CURA DI Marino Longoni 6,00 euro* + IL PREZZO *Supplemento da vendersi esclusivamente in abbinamento a ItaliaOggi con sovrapprezzo di 6,00 sul prezzo del

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti NOVEMBRE 2015 NEWS - REGIONE PIEMONTE: ASSE I COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Misura 1.9 Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle grandi imprese presenti sul territorio piemontese Strumento Midcap

Dettagli

L innovazione e le start up

L innovazione e le start up L innovazione e le start up Il modello di valutazione di Invitalia Roma, 25 novembre 2015 SMART & START 2 Invitalia e il sostegno all imprenditorialità: gli incen2vi Smart&Start Smart&Start nasce con l

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Le Disposizioni Operative alla luce delle novità di recente adozione. Workshop in Assolombarda Fondo di Garanzia per le PMI: le nuove caratteristiche di intervento Guglielmo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) D.G. n. 154 del 4/12/2014 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 - Finalità La Camera

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Edizione

Dettagli

Con addebito su c/c acceso presso la BNL secondo il piano di ammortamento

Con addebito su c/c acceso presso la BNL secondo il piano di ammortamento Allegato d Patrimonializzazione - Corporate Banca Operatività Beneficiari Aziende appartenenti BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Intero territorio nazionale Piccole e medie imprese, associate a Cooperfidi Italia,

Dettagli

Opportunità Agevolate per le imprese. Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo

Opportunità Agevolate per le imprese. Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo Opportunità Agevolate per le imprese Simona Bianchini Resp.Marketing Operativo 2 Indice Situazione attuale Strumenti agevolativi Strumenti condivisione del rischio Offerta di Iccrea BancaImpresa Situazione

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 Pagina COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

Sarà data priorità alle imprese che rientrino in una delle seguenti definizioni e nel seguente ordine:

Sarà data priorità alle imprese che rientrino in una delle seguenti definizioni e nel seguente ordine: AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE A NUOVE IMPRESE E START UP DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO, FINALIZZATI ALLA COPERTURA PARZIALE DEGLI ONERI SOSTENUTI PER L AVVIO DELL ATTIVITA IMPRENDITORIALE. Premessa

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.81 del 29 Giugno 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Operativo l accesso al fondo di garanzia sui finanziamenti per il microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Sabatini bis: modalità di presentazione delle istanze e recenti Faq del Mise

Sabatini bis: modalità di presentazione delle istanze e recenti Faq del Mise Numero 48/2014 Pagina 1 di 13 Sabatini bis: modalità di presentazione delle istanze e recenti Faq del Mise Numero : 48/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : AGEVOLAZIONI SABATINI-BIS DM 27/11/2013 IN

Dettagli

Attività C2 Servizi finanziari alle PMI. POR 2007-2013 - Regione Umbria. cofinanziato dal FESR

Attività C2 Servizi finanziari alle PMI. POR 2007-2013 - Regione Umbria. cofinanziato dal FESR ATI Prisma 2 Brochure - Versione 4 ottobre 2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI POR 2007-2013 - Regione Umbria cofinanziato dal FESR Sito internet: www.atiprisma2.it La brochure ha esclusivamente

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania Circolare Informativa n 45/2012 Microcredito Regione Campania e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 7 INDICE Premessa pag.3 1) Soggetti beneficiari pag. 3 2) Linee di intervento

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 37 REGOLAMENTO per la creazione e lo sviluppo di attività imprenditoriali approvato con delibera C.P. n. 89 del 26 settembre 2012 esecutivo dal 26 settembre 2012 I REGOLAMENTI

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Servizio Assistenza alla Clientela MedioCredito Centrale

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERATIVITÀ A MEDIO/LUNGO TERMINE FINANZIAMENTI PER CONSOLIDAMENTO DI PASSIVITÀ A BREVE TERMINE Finalità: favorire il rafforzamento della struttura finanziaria aziendale attraverso la concessione di finanziamenti

Dettagli

Progetto Pilota Start Up House azione 1.2

Progetto Pilota Start Up House azione 1.2 LA REGIONE TOSCANA PER LE PMI Tour di presentazione delle prossime opportunità POR FESR 2014-2020 Intro Fondo rotativo Fondi di Garanzia Protocolli d insediamento Progetto Pilota Start Up House azione

Dettagli

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA Finanza Agevolata - Regione Lombardia Fondo di Rotazione per l imprenditorialità Linea di intervento n. 8 : Start up d impresa di giovani, donne e soggetti svantaggiati BENEFICIARI PMI che alla data di

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MODULO PER LA RICHIESTA DEL FINANZIAMENTO SU PROVVISTA CDP S.p.A. E DEL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli