RELATIVO AL PROGRAMMA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO IN QUALITÀ DI EMITTENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELATIVO AL PROGRAMMA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO IN QUALITÀ DI EMITTENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO"

Transcript

1 Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n Albo delle Banche n Società del Gruppo bancario Credito Valtellinese iscritto all Albo dei Gruppi bancari cod. n Soggetta all'attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese S.c. Indirizzo Internet: Capitale Sociale interamente versato Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE (AI SENSI DELL ART. 11 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999, COSÌ COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO) RELATIVO AL PROGRAMMA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO CREDITO SICILIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE DI CREDITO SICILIANO S.P.A. IN QUALITÀ DI EMITTENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO Il presente documento costituisce un supplemento (il Supplemento ) al prospetto di base (il Prospetto di Base ), ai sensi e per gli effetti della Direttiva 2003/71/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio (la Direttiva Prospetto ) ed è redatto ai sensi dell articolo 11 del Regolamento CONSOB adottato con propria delibera n del 14 maggio 1999, così come successivamente modificato ed integrato (il Regolamento Emittenti ). Il presente Supplemento, pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 16 giugno 2008 a seguito di approvazione comunicata con nota n del 4 giugno 2008, integra e modifica il Prospetto di Base di cui al programma di prestiti obbligazionari denominato Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Step-Up e Obbligazioni Step-Up Callable (il Programma ) è stato depositato presso la CONSOB in data 19 novembre 2007 a seguito di approvazione comunicata con nota n del 16 ottobre A seguito del rilascio dell approvazione alla pubblicazione del nuovo documento di registrazione del Credito Siciliano S.p.A. (il Documento di Registrazione ), così come depositato presso la CONSOB in data 16 giugno 2008 a seguito di approvazione comunicata con nota n del 4 giugno 2008, il Credito Siciliano S.p.A. (il Credito Siciliano o anche l Emittente ), in qualità di emittente e di responsabile del collocamento, intende, in ottemperanza al predetto art. 11 del Regolamento 11971, modificare ed integrare opportunamente, a mezzo del presente Supplemento, il Prospetto di Base relativo al Programma affinché i contenuti dello stesso risultino conformi con quanto contenuto nel Documento di Registrazione. Il Prospetto di Base, il Documento di Registrazione, le Condizioni Definitive ed ogni successivo eventuale supplemento (ivi incluso il presente Supplemento) sono a disposizione del pubblico gratuitamente presso la sede legale dell Emittente in Via Siracusa n. 1/E, Palermo, presso la Direzione Generale in Acireale, Via Sclafani n. 40/B, e sono consultabili sul sito internet dell Emittente (www.creval.it). L adempimento di pubblicazione del presente Supplemento non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi.

2 INDICE 1 - PREMESSA DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ AGGIORNAMENTO ALLA COPERTINA DEL PROSPETTO DI BASE OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE (*) AGGIORNAMENTO AL CONTENUTO DELLA NOTA DI SINTESI OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE (**) AGGIORNAMENTO ALLA COPERTINA DEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE INCORPORATO NEL PROSPETTO DI BASE MEDIANTE RIFERIMENTO (*) AGGIORNAMENTO AL CONTENUTO DELLA NOTA INFORMATIVA OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE (**) AGGIORNAMENTO AL MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE (*)...18 (*) Le modifiche apportate alle copertine dei documenti sono evidenziate tramite sottolineatura. (**) La dicitura...omissis indica che tutto ciò che precede o che segue le parti modificate/integrate, viene completamente confermato

3 1 - PREMESSA A seguito dell approvazione dei dati di bilancio relativi all esercizio 2007 da parte dell assemblea ordinaria del Credito Siciliano S.p.A. svoltasi in data 11 aprile 2008 e della successiva predisposizione di un nuovo Documento di Registrazione si procede alla redazione del presente Supplemento al Prospetto di Base. Il presente Supplemento al Prospetto di Base è predisposto dal Credito Siciliano S.p.A. ai sensi dell art. 11 del Regolamento adottato dalla CONSOB con delibera n del 14 maggio 1999 e successive modifiche (Regolamento Emittenti). 2 - DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ Il Credito Siciliano S.p.A., con sede legale in Palermo, Via Siracusa n. 1/E e Direzione Generale in Acireale, Via Sclafani n. 40/B, legalmente rappresentato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione, Rag. Carlo Negrini, munito dei necessari poteri, si assume la responsabilità della completezza e veridicità dei dati e delle notizie contenuti nel presente Supplemento ed attesta altresì che, avendo adottato tutta la ragionevole diligenza a tale scopo, le informazioni in esso contenute sono, per quanto a sua conoscenza, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. Il presente Supplemento, unitamente al Prospetto di Base, contiene tutte le informazioni necessarie a valutare con fondatezza la situazione patrimoniale e finanziaria, i risultati e le prospettive dell Emittente, nonché tutte le informazioni relative alle Obbligazioni Step-Up e Obbligazioni Step-Up Callable

4 3 AGGIORNAMENTO ALLA COPERTINA DEL PROSPETTO DI BASE OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n Albo delle Banche n Società del Gruppo bancario Credito Valtellinese iscritto all Albo dei Gruppi bancari cod. n Soggetta all'attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese S.c. Indirizzo Internet: Capitale Sociale interamente versato Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO CREDITO SICILIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE DEL CREDITO SICILIANO S.P.A. IN QUALITÀ DI EMITTENTE E DI RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO Il presente documento - composto dal documento di registrazione del Credito Siciliano S.p.A. (il "Documento di Registrazione"), che si incorpora mediante riferimento, così come pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 16 giugno 2008, a seguito di approvazione comunicata con nota n del 4 giugno 2008, e messo a disposizione del pubblico presso la sede legale dell'emittente, di seguito indicata, nonché consultabile sul sito internet del Gruppo bancario Credito Valtellinese (www.creval.it), dalla nota di sintesi (la "Nota di Sintesi") e dalla nota informativa sugli strumenti finanziari emessi a valere sul Programma (la "Nota Informativa") nonché da ogni successivo eventuale supplemento ai predetti documenti - costituisce un prospetto di base (il "Prospetto di Base") ai sensi e per gli effetti della Direttiva 2003/71/CE (la "Direttiva Prospetto"). Tale Prospetto di Base ha ad oggetto il programma di emissione di prestiti obbligazionari denominato Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Step-Up e Obbligazioni Step- Up Callable (il "Programma"). Esso è redatto in conformità all'articolo 26 del Regolamento 2004/809/CE (il Regolamento CE 809 ) e all'art. 6-bis Regolamento CONSOB adottato con propria delibera n del 14 maggio 1999, così come successivamente modificato ed integrato (il "Regolamento Emittenti") ed è stato pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 19 novembre 2007 a seguito di approvazione comunicata con nota n del 16 ottobre 2007 ed aggiornato con Supplemento depositato presso la CONSOB in data 16 giugno 2008, a seguito di approvazione comunicata con nota n del 4 giugno Nell'ambito dell'attività di raccolta del risparmio per l'esercizio del credito, l'emittente Credito Siciliano S.p.A. (in forma abbreviata il "Credito Siciliano" o anche l Emittente") potrà emettere a valere sul Programma, in una o più serie di emissioni (i "Prestiti" e, ciascuna, un "Prestito"), titoli di debito di valore nominale unitario inferiore a Euro (le "Obbligazioni" e ciascuna una "Obbligazione") aventi le caratteristiche generiche indicate nella Nota Informativa. In occasione di ciascun Prestito, l'emittente predisporrà le condizioni definitive della relativa offerta che descriveranno le caratteristiche specifiche delle Obbligazioni (le "Condizioni Definitive") e che saranno pubblicate in forma elettronica sul sito internet del Gruppo bancario Credito Valtellinese e, ove applicabile, sul sito internet del Responsabile del Collocamento e/o su quello del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento in prossimità dell'inizio del Periodo di Offerta di ciascun Prestito. Il Responsabile del Collocamento di ciascun Prestito e il/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento, di volta in volta incaricati dall'emittente, saranno indicati nelle relative Condizioni Definitive. Le Condizioni Definitive relative a ciascun Prestito saranno di volta in volta trasmesse alla CONSOB. L'informativa completa sul Credito Siciliano e sulle Obbligazioni può essere ottenuta solo sulla base della consultazione congiunta del Documento di Registrazione (contenente informazioni sull'emittente), incorporato nel Prospetto di Base mediante riferimento, della Nota Informativa sugli strumenti finanziari, della Nota di Sintesi (che riassume le caratteristiche dell'emittente e degli strumenti finanziari oggetto di emissione nell'ambito del Programma) e di ogni successivo eventuale supplemento nonché delle Condizioni Definitive dell'offerta di ciascun Prestito. Si fa rinvio inoltre al Capitolo "Fattori di Rischio" contenuto nel Documento di Registrazione, nella Nota Informativa e nelle Condizioni Definitive relative a ciascun Prestito per l'esame dei fattori di rischio relativi all'emittente ed agli strumenti finanziari offerti, che devono essere presi in considerazione prima di procedere all'acquisto delle Obbligazioni. Il Prospetto di Base (ivi incluse le Condizioni Definitive di ciascun Prestito emesso a valere sul Programma) nonché ogni successivo eventuale supplemento sono messi a disposizione del pubblico presso la sede legale dell'emittente in Via Siracusa n. 1/E, Palermo e, ove previsto, presso la sede del Responsabile del Collocamento e/o presso gli sportelli del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento. Tale documentazione è altresì consultabile sul sito internet del Gruppo bancario Credito Valtellinese (www.creval.it) e, ove previsto, sul sito internet del Responsabile del Collocamento e/o sul sito internet del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento. L'adempimento di pubblicazione del presente Prospetto di Base non comporta alcun giudizio della CONSOB sull'opportunità dell'investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi

5 4 AGGIORNAMENTO AL CONTENUTO DELLA NOTA DI SINTESI OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE La Nota di Sintesi si intende integralmente modificata come segue: Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n Albo delle Banche n Società del Gruppo bancario Credito Valtellinese iscritto all Albo dei Gruppi bancari cod. n Soggetta all'attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese S.c. Indirizzo Internet: Capitale Sociale interamente versato Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi NOTA DI SINTESI RELATIVA AL PROGRAMMA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO CREDITO SICILIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI STEP UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE DEL CREDITO SICILIANO S.P.A. IN QUALITÀ DI EMITTENTE La presente Nota di Sintesi è stata redatta ai sensi dell articolo 5, comma 2, della Direttiva Prospetto, nonché ai sensi dell articolo 5, comma 3, del Regolamento Emittenti e deve essere letta come introduzione al Documento di Registrazione ed alla Nota Informativa (unitamente alle Condizioni Definitive del Prestito e ad ogni eventuale successivo supplemento alla predetta documentazione) predisposti dall Emittente in relazione ai prestiti a valere sul programma di emissioni obbligazionarie denominato Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Step - Up. Qualsiasi decisione di investire nelle Obbligazioni deve essere presa tenendo in considerazione il Prospetto di Base nel suo complesso, del quale sono parte integrante anche i documenti inseriti mediante riferimento. A seguito dell attuazione delle relative disposizioni della Direttiva Prospetto in ciascuno degli Stati dell Area Economica Europea, nessuna responsabilità civile potrà essere attribuita all Emittente in uno qualsiasi di tali Stati in relazione alla presente Nota di Sintesi, ivi compresa qualsiasi traduzione, salvo che la stessa risulti fuorviante, imprecisa o contraddittoria rispetto ad altre parti del Prospetto di Base. Qualora venga intrapresa un azione legale in merito alle informazioni contenute nel Prospetto di Base di fronte alle Corti di Giustizia di uno degli Stati dell Area Economica Europea, il ricorrente, prima dell inizio del procedimento giudiziario, potrebbe dover sostenere i costi della traduzione del Prospetto di Base. Le espressioni definite nel Prospetto di Base, che compaiono con la lettera iniziale maiuscola, mantengono lo stesso significato nella Nota di Sintesi

6 A) CARATTERISTICHE ESSENZIALI DELL'EMITTENTE E RISCHI ASSOCIATI ALL'EMITTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE 1. STORIA ED EVOLUZIONE DEL CREDITO SICILIANO L Emittente è nato il 19 giugno 2002 dalla fusione per incorporazione della Banca Popolare Santa Venera S.p.A. e della Leasingroup Sicilia S.p.A. nella Banca Regionale Sant'Angelo S.p.A., la quale ha assunto contestualmente la nuova denominazione di Credito Siciliano S.p.A.. La Banca Regionale Sant Angelo, a sua volta, era nata il 5 dicembre 2000 da un operazione di scissione parziale effettuata della Banca Popolare Sant Angelo S.c. a r.l. a favore della Nuova Banca del Monte Sant Agata, la quale assumeva contestualmente la denominazione di Banca Regionale Sant Angelo: tale operazione si inquadrava nell ambito dell alleanza strategica tra il Gruppo Banca Popolare Sant Angelo e il Gruppo Credito Valtellinese, volta, per il primo, a realizzare un accordo con un partner di elevato profilo e, per il secondo, a consolidare la propria presenza sul territorio siciliano. Il 1 luglio 2002 il Credito Siciliano ha acquisito anche la rete di sportelli della Cassa San Giacomo ed è diventata una realtà bancaria nuova, presente su tutto il territorio della Regione Sicilia. La missione del Credito Siciliano è quella di partecipare attivamente allo sviluppo dell'economia e della collettività dell'isola. Tra i punti di forza dell Emittente si segnalano la rete distributiva capillare ed il consolidato rapporto con il territorio di riferimento, caratteristiche queste ultime che rafforzano la sua connotazione di Banca locale. Il Credito Siciliano è la Banca di riferimento del Gruppo Credito Valtellinese in Sicilia, grazie alla propria rete territoriale composta da 136 filiali. La nuova Banca è attiva nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. Il Credito Siciliano fonda le proprie radici nella storia bancaria dell'isola. Si sono infatti riunite sotto il nuovo nome tre realtà di antica tradizione: le origini della Banca Popolare Santa Venera risalgono al 1908 quanto venne costituita ad Acireale con il nome di Cassa Operaia Santa Venera, quelle della Cassa San Giacomo al 3 ottobre del 1896 quando don Luigi Sturzo fondò a Caltagirone la Cassa Rurale di Prestiti San Giacomo e quella della Banca Regionale Sant'Angelo al 1920, quando nacque a Licata come Banca Popolare Sant'Angelo, società cooperativa. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SULLA STORIA ED EVOLUZIONE DEL GRUPPO CREDITO VALTELLINESE CUI APPARTIENE L EMITTENTE SI RINVIA AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE DEL CREDITO SICILIANO. 2. PRINCIPALI ATTIVITÀ DELL EMITTENTE L attività del Credito Siciliano ha per oggetto la raccolta del risparmio e l esercizio del credito nelle sue varie forme ed è tradizionalmente incentrata su una clientela costituita da piccole e medie imprese, offrendo anche attraverso le società del Gruppo Credito Valtellinese specializzate quali Bancaperta S.p.A., Mediocreval S.p.A., Creset S.p.A., Aperta SGR S.p.A., Aperta Fiduciaria S.r.l. - un ampia gamma di servizi bancari e finanziari inerenti il corporate banking, il retail banking, il risparmio gestito, il private banking, i servizi di pagamento, il leasing, l investiment banking e i servizi di bancassicurazione. Il Credito Siciliano può compiere tutte le operazioni ed i servizi bancari e finanziari consentiti dalle disposizioni in vigore, compresi, nei limiti e con i presupposti di cui all art 48 del D.Lgs 1 settembre 1993 n 385, l attività di credito su pegno, nonché ogni altra attività ed operazione strumentale o comunque connessa al raggiungimento dello scopo sociale. 3. PRINCIPALI MERCATI NEI QUALI L EMITTENTE OPERA Il Credito Siciliano svolge l attività di intermediazione creditizia tradizionale esclusivamente in Sicilia attraverso n. 136 filiali (dato al 31 dicembre 2007). Nella tabella seguente si riepiloga l articolazione territoriale per provincia del Credito Siciliano al 31 dicembre

7 4. RATING PROVINCIA N. FILIALI Agrigento 3 Caltanisetta 8 Catania 53 Enna 2 Messina 19 Palermo 26 Ragusa 9 Siracusa 6 Trapani 10 Totale 136 Alla data della presente Nota di Sintesi l Emittente non ha intenzione di richiedere ad un agenzia specializzata l attribuzione di un rating. Si evidenzia, inoltre, che l Emittente, non ha richiesto l attribuzione di un rating alle Obbligazioni pur riservandosi la facoltà di farlo in un secondo tempo. In tal caso l informazione sarà di volta in volta specificata nelle Condizioni Definitive. 5. ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E SOCIETÀ DI REVISIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Tutti i membri del Consiglio di Amministrazione sono domiciliati per la carica presso la sede legale del Credito Siciliano in Palermo, Via Siracusa 1/E. Il Consiglio è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell Emittente con facoltà di compiere tutti gli atti che ritiene opportuni per il raggiungimento e l attuazione dello scopo sociale, esclusi soltanto quelli che la legge in modo tassativo riserva all assemblea. Alla data della presente Nota di Sintesi il Consiglio di Amministrazione si compone di 9 membri. Le tabelle che seguono elencano rispettivamente il nome, la posizione, la data di nascita e la scadenza del mandato dei componenti del Consiglio di Amministrazione nonché le principali cariche ricoperte dagli stessi in società facenti parte e non del Gruppo Credito Valtellinese e le principali attività svolte al di fuori dell Emittente e significative per il medesimo. data di scadenza Nome e cognome carica/funzione nascita mandato Rag. Carlo Negrini* Presidente 01/06/ Global Assicurazioni: Presidente Rag. Miro Fiordi* Vice Presidente 20/11/ Dott. Francesco Giacobbi* Amministratore Delegato 30/01/ principali attività esercitate al di fuori dell' Emittente - Credito Valtellinese Sc: Direttore Generale - Bancaperta SpA: Presidente - Fondazione gruppo Credito Valtellinese: Consigliere - Global Assicurazioni SpA:Vice Presidente Vicario - Banca di Cividale SpA: Consigliere - Bancaperta SpA: Consigliere - Mediocreval SpA: Vice Presidente - Deltas SpA: Consigliere - Credito Valtellinese Sc: Consigliere Dott. Mario Cotelli Consigliere 06/03/ Credito Piemontese SpA: Consigliere - Stelline S.I. SpA: Direttore Generale Arch. Fernando Grattirola Consigliere 26/12/ Deltas SpA: Consigliere - Politec Soc Coop.: Consigliere Avv. Antonio Leonardi Consigliere 02/08/ Attività di avvocato con studio legale in Catania - Attività di consulenza aziendale - IRFIS Mediocredito della Sicilia SpA: Sindaco Dott. Fabrizio Loiacono Consigliere 27/11/ effettivo - Sindaco di svariate società - Attività di consulenza aziendale Dott. Antonio Pogliese* Consigliere 14/06/ Sindaco di svariate società Dott. Carlo Saggio Consigliere 13/11/ Notaio in Catania * Membri del Comitato Esecutivo

8 COLLEGIO SINDACALE Tutti i membri del Collegio Sindacale sono domiciliati per la carica presso la sede legale del Credito Siciliano in Palermo via Siracusa 1/E. Alla data della presente Nota di Sintesi il Collegio Sindacale si compone di 5 membri. La tabella che segue elenca rispettivamente la posizione, il nome, la data di nascita, la scadenza del mandato e le principali attività esterne svolte dagli stessi e ritenute significative dall Emittente. Nome e cognome carica/funzione data di nascita scadenza mandato Dott. Angelo Garavaglia Presidente 24/03/ Dott. Edoardo Della Cagnoletta Sindaco effettivo 18/01/ Dott. Pierantonio Valsecchi Sindaco effettivo 27/01/ principali attività esercitate al di fuori dell' Emittente - Attività di commercialista - Credito Valtellinese Sc: Sindaco effettivo - Mediocreval SpA: Sindaco effettivo - Attività di commercialista - Bankadati S.I. SpA: Sindaco effettivo - Aperta SGR SpA: Sindaco effettivo - Creset Servizi territoriali SpA: Sindaco effettivo - Banca della Ciociaria SpA: Sindaco effettivo - Finanziaria San Giacomo SpA: Sindaco effettivo Dott.ssa Alessandra Foti Sindaco supplente 16/05/ Attività di commercialista Dott. Daniele Santoro Sindaco supplente 05/07/ Attività di commercialista presso lo Studio Santoro - Sindaco presso svariate società DIREZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 27 dello Statuto, la Direzione Generale provvede a dare esecuzione alle deliberazioni e alle direttive del Consiglio di Amministrazione. Ad essa è affidata l organizzazione, la conduzione e la gestione ordinaria della Banca. In caso di assenza o di impedimento del Direttore Generale o di chi ne svolge le funzioni, egli viene sostituito dal Condirettore Generale o dal Vice Direttore Generale, se nominati; nel caso di più Vice Direttori Generali, ha la precedenza quello a ciò designato dal Consiglio; in mancanza anche di questi, le funzioni del Direttore Generale sono svolte per gli affari urgenti dal Dirigente all uopo designato dal Consiglio. Alla data della presente Nota di Sintesi la Direzione Generale dell Emittente si compone di 2 membri. La tabella che segue elenca rispettivamente la posizione, il nome, la data di nascita di ciascun componente. Nome e cognome carica/funzione data di nascita Rag. Mauro Selvetti Vice Direttore Generale 31/07/1960 Dott. Saverio Francesco Continella Vice Direttore Generale 12/12/1967 Dott. Pietro Cirrito Vice Direttore Generale 15/10/1953 SOCIETÀ DI REVISIONE L'Assemblea dei soci del Credito Siciliano S.p.A. del 1 aprile 2005 ha rinnovato l'incarico di revisione contabile del bilancio di esercizio per il periodo alla Società Deloitte & Touche S.p.A. (la Società di Revisione ), con sede in Milano, Via Tortona n. 25, registrata all Albo Speciale delle società di revisione tenuto dalla CONSOB con il codice n numero d ordine 46 (Delibera n del 29 luglio 2003)

9 6. ASSETTI PROPRIETARI Ai sensi dell art. 1 dello Statuto del Credito Siciliano: la società fa parte del Gruppo Bancario Credito Valtellinese. In tale qualità, essa è tenuta all osservanza delle disposizioni che la capogruppo, nell esercizio dell attività di direzione e coordinamento, emana per l esecuzione delle istruzioni impartite dalla Banca d Italia nell interesse della stabilità del Gruppo. Gli amministratori della Società forniscono alla capogruppo ogni dato e informazione per l emanazione di dette disposizioni. L art. 10 dello Statuto, inoltre, prevede che ogni azione dà diritto ad un voto. Alla data della presente Nota di Sintesi, i nominativi dei soggetti che - secondo le risultanze del Libro dei Soci, integrate dalle comunicazioni ricevute ai sensi dell art. 120 D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998, nonché delle vigenti norme in materia di partecipazione al capitale di enti creditizi - partecipano direttamente o indirettamente in misura superiore al 2% al capitale sociale dell Emittente sono: - Credito Valtellinese S.c., con sede in Sondrio, con una quota azioni pari al 40,483% del capitale sociale; - Credito Artigiano S.p.A., con sede in Milano, con una quota di azioni pari al 35,792% del capitale sociale. 7. INFORMAZIONI FINANZIARIE PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI, ECONOMICI E FINANZIARI Nelle tabelle che seguono si espongono i principali indicatori finanziari ed i principali dati economici e patrimoniali dell Emittente con riferimento agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2007 e al 31 dicembre 2006, redatti secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS. Principali indicatori finanziari (dati dello stato patrimoniale) 31/12/ /12/2006 Patrimonio di Vigilanza (Total Capital in migliaia di euro) Total Capital Ratio** (Patrimonio di Vigilanza / Attività di rischio ponderate) 8,13% 9,23% Tier 1 Capital Ratio** (Patrimonio di base / Attività di rischio ponderate) 6,76% 7,65% Sofferenze lorde /Impieghi lordi 1,49% 2,54% Sofferenze nette /Impieghi netti 0,43% 0,89% Partite anomale lorde* / Impieghi lordi 3,65% 4,18% Partite anomale nette* / Impieghi netti 3,43 3,96% * Include le seguenti voci: sofferenze, incagli, esposizioni ristrutturate, esposizioni scadute, rischio paese. **Nell esercizio 2007 è stato registrato un incremento sia del Patrimonio di base ( mila euro contro mila euro del 2006) che del Patrimonio di Vigilanza ( mila euro contro mila euro del 2006). La variazione degli indicatori: Patrimonio di Vigilanza/Attività di rischio ponderate (Total capital ratio) che passa dal 9,23 al 8,13 e del Patrimonio di base/attività di rischio ponderate dal 7,65 al 6,76 si riferisce, pertanto, essenzialmente all incremento registrato nell anno nelle Attività di rischio ponderate ( mila euro contro mila euro del 2006) dovuto principalmente all aumento delle masse intermediate con particolare riguardo all aumento dei Crediti verso la clientela ( mila euro pari al 19,9% rispetto al 2006). In conclusione, l incremento delle attività di rischio ponderato è stato maggiore rispetto a quello del Patrimonio di Vigilanza determinando una flessione degli indicatori. Principali dati economici (dati in migliaia di euro) Variazione % Margine d interesse ,02% Margine d intermediazione ,69% Risultato netto della gestione finanziaria ,97% Risultato lordo dell attività operativa ,87% Utile del periodo ,55% - 9 -

10 Principali dati patrimoniali (dati in migliaia di euro) 31/12/ /12/2006 Variazione % Crediti verso clientela ,86% Partecipazioni ,10% Raccolta diretta da clientela* ,24% Raccolta indiretta da clientela ,36% Patrimonio netto ,31% Capitale Sociale % * Include le seguenti voci del passivo: 20 Debiti verso la clientela ; 30 Debiti rappresentati da titoli. CAMBIAMENTI SIGNIFICATIVI NELLA SITUAZIONE FINANZIARIA O COMMERCIALE DELL EMITTENTE Si attesta che non si sono verificati cambiamenti significativi della situazione finanziaria o commerciale dell Emittente dalla chiusura dell ultimo esercizio per il quale sono state pubblicate informazioni finanziarie sottoposte a revisione o informazioni finanziarie infrannuali. 8. RAGIONI DELL OFFERTA E IMPIEGO DEI PROVENTI Le Obbligazioni di cui alla presente Nota di Sintesi saranno emesse nell ambito dell ordinaria attività di raccolta dell Emittente. L ammontare ricavato dalla vendita di tali Obbligazioni sarà utilizzato per gli scopi commerciali e sociali dell Emittente e, pertanto, non per scopi specifici e predeterminati al momento dell'emissione. 9. RISULTATO OPERATIVO E SITUAZIONE FINANZIARIA: RESOCONTO E PROSPETTIVE 9.1 EVENTI RECENTI VERIFICATISI NELLA VITA DELL EMITTENTE RILEVANTI PER LA VALUTAZIONE DELLA SUA SOLVIBILITÀ Alla data del presente documento non si è verificato alcun fatto recente nella vita dell Emittente che sia sostanzialmente rilevante per la valutazione della sua solvibilità. 10. TENDENZE PREVISTE 10.1 Il Credito Siciliano attesta che, dalla data dell ultimo bilancio sottoposto a revisione e pubblicato non si sono verificati cambiamenti negativi sostanziali delle prospettive dell Emittente Il Credito Siciliano dichiara inoltre di non avere conoscenza di tendenze, incertezze, richieste, impegni o fatti noti che potrebbero ragionevolmente avere ripercussioni significative sulle prospettive dell Emittente almeno per l esercizio in corso. 11. RISCHI ASSOCIATI ALL'EMITTENTE Il rischio emittente è connesso all eventualità che il Credito Siciliano S.p.A., per effetto di un deterioramento della propria solidità patrimoniale, non sia in grado di pagare gli interessi e/o di rimborsare il capitale delle Obbligazioni oggetto del Prospetto di Base. Nel casi di presenza di clausola di subordinazione, in caso di liquidazione volontaria o coattiva dell Emittente, gli obbligazionisti saranno rimborsati solo dopo che siano stati soddisfatti tutti gli altri creditori dell Emittente non ugualmente subordinati. La posizione finanziaria dell'emittente è tale da garantire l'adempimento nei confronti degli investitori degli obblighi derivanti dall'emissione degli strumenti finanziari. In capo all Emittente non sussistono procedimenti giudiziari pendenti, né passività potenziali, che possano pregiudicare l'adempimento nei confronti degli investitori degli obblighi derivanti dall'emissione degli strumenti finanziari. Per maggiori dettagli si rimanda al Capitolo III Fattori di Rischio del Documento di Registrazione

11 12. INDICAZIONI COMPLEMENTARI CAPITALE SOCIALE Alla data della presente Nota di Sintesi il capitale sociale del Credito Siciliano è pari a , suddiviso in azioni ordinarie del valore nominale unitario di 10 euro. STATUTO E ATTO COSTITUTIVO La Nuova Banca del Monte Sant Agata S.p.A. è stata costituita in data 25 maggio 1994 con atto a rogito dott. Maria Caparotta, Notaio in Palermo, n di Rep., già facente parte del Gruppo Bancario Sant Angelo. In data 5 dicembre 2000 la Banca Popolare Sant Angelo S.c. a r.l., con atto di scissione parziale a rogito dott. Maria Caparotta n di Rep., ha conferito un ramo d azienda a favore della Nuova Banca del Monte Sant Agata S.p.A., la quale ha assunto contestualmente la denominazione di Banca Regionale Sant Angelo S.p.A. Il 19 giugno 2002, con atto a rogito dott. Enrico Rocca, Notaio in Palermo, n di Rep., la Banca Popolare Santa Venera S.p.A. e la Leasingroup Sicilia S.p.A. sono state fuse per incorporazione nella Banca Regionale Sant'Angelo S.p.A., la quale ha assunto contestualmente la nuova denominazione di Credito Siciliano S.p.A.. L Emittente è iscritto nel Registro delle Imprese di Palermo al numero , ha la sede legale in Palermo, Via Siracusa n. 1/E, e la Direzione Generale in Acireale, Via Sclafani n. 40/B. L Emittente è iscritto all Albo della Banche al numero (Cod. ABI 3019) ed è una società del Gruppo bancario Credito Valtellinese, iscritto all Albo dei Gruppi bancari con il codice numero Entrambi gli Albi sono tenuti dalla Banca d Italia. La durata dell Emittente è fissata, ai sensi dell art. 3 dello Statuto, sino al 31 dicembre 2100 e potrà essere prorogata con deliberazione dell Assemblea straordinaria dei soci. B) CARATTERISTICHE ESSENZIALI E RISCHI ASSOCIATI ALLE OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE 1. TIPO DI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELL OFFERTA Gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta sono rappresentati da Obbligazioni emesse di volta in volta dal Credito Siciliano S.p.A. nell ambito del programma di emissioni obbligazionarie denominato Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Step-Up e Obbligazioni Step-Up Callable. Le Obbligazioni garantiscono il rimborso integrale a scadenza del 100% del loro Valore Nominale, nei modi e nei tempi stabiliti nelle Condizioni Definitive, e senza alcuna deduzione di spesa. L ammontare massimo del Programma, valido per i 12 mesi successivi alla data di pubblicazione del presente Prospetto di Base, è pari a Euro (Euro Centocinquantamilioni). Le Obbligazioni inoltre danno diritto al pagamento periodico di cedole di interesse il cui ammontare è determinato in ragione di un tasso di interesse (il Tasso di Interesse ) prefissato alla data di emissione, ossia definito come percentuale del Valore Nominale delle Obbligazioni. Tale percentuale aumenterà, nella misura indicata nelle Condizioni Definitive per ciascun Prestito, nel corso della vita delle Obbligazioni (cd. Step-Up dell'interesse). In definitiva le Obbligazioni danno diritto al pagamento periodico di Cedole a tasso fisso ma crescente nel corso della vita del prestito. Si evidenzia inoltre che taluni Prestiti emessi a valere sul presente Programma potranno essere rimborsati prima della naturale scadenza delle Obbligazioni su iniziativa dell Emittente. 2. CONDIZIONI DEFINITIVE DELL'OFFERTA In occasione di ciascuna emissione di Obbligazioni (un Prestito Obbligazionario o un Prestito ) l'emittente provvederà inoltre ad indicare nelle Condizioni Definitive, che verranno rese pubbliche immediatamente prima dell'inizio del collocamento di ogni singolo Prestito, l'ammontare totale del Prestito, la valuta di denominazione, il Periodo di Offerta, il Prezzo di Emissione, il Ranking, la Data di Emissione e Godimento, la Data di Regolamento, la Data di Scadenza, la frequenza nel pagamento delle Cedole, le commissioni e spese eventualmente a carico del sottoscrittore. Il codice ISIN delle Obbligazioni facenti parte di ciascun Prestito sarà anch'esso indicato nelle Condizioni Definitive relative al Prestito

12 3. PERIODO D'OFFERTA La durata del Periodo d Offerta sarà indicata nelle Condizioni Definitive e potrà essere fissata dall'emittente in modo che tale periodo abbia termine ad una data successiva a quella a partire dalla quale le Obbligazioni incominciano a produrre interessi (la "Data di Emissione e la Data di Godimento"). Nell'ipotesi in cui la sottoscrizione delle Obbligazioni da parte degli investitori avvenisse ad una data successiva alla Data di Emissione e Godimento, il Prezzo di Emissione dovrà essere maggiorato del rateo interessi. È fatta salva la facoltà dell'emittente di estendere il Periodo dell Offerta, ovvero di procedere in qualsiasi momento alla chiusura anticipata dell Offerta (indipendentemente dal raggiungimento dell ammontare totale del Prestito) sospendendo immediatamente l accettazione di ulteriori richieste di adesione, con conseguente riduzione dell ammontare totale del Prestito, dandone comunicazione mediante apposito avviso da pubblicarsi sul sito internet e, contestualmente, trasmesso alla CONSOB. Qualora, durante il Periodo d Offerta, le richieste eccedessero l'importo totale massimo disponibile, l'emittente procederà alla chiusura anticipata dell'offerta e sospenderà immediatamente l'accettazione di ulteriori richieste. 4. COLLOCAMENTO Gli investitori potranno aderire al Prestito compilando l apposita modulistica a disposizione presso le sedi e le filiali dell Emittente, nonché presso gli eventuali altri soggetti incaricati del collocamento (i Soggetti Incaricati del Collocamento ) indicati nelle Condizioni Definitive. Non è prevista alcuna Offerta delle Obbligazioni fuori sede o comunque mediante tecniche di comunicazione a distanza. 5. MERCATI Le Obbligazioni saranno emesse e collocate interamente ed esclusivamente sul mercato italiano. L Offerta è rivolta al pubblico indistinto in Italia. 6. PIANO DI RIPARTIZIONE Non sono previsti criteri di riparto. Saranno assegnate tutte le Obbligazioni richieste dai sottoscrittori durante il Periodo di Offerta, fino al raggiungimento dell'importo totale massimo disponibile. Le richieste di sottoscrizione saranno soddisfatte secondo l'ordine cronologico di prenotazione ed entro i limiti dell'importo massimo disponibile che l'emittente assegnerà a ciascun soggetto eventualmente incaricato. 7. FORMA DI CIRCOLAZIONE Le Obbligazioni saranno accentrate presso Monte Titoli S.p.A. in regime di dematerializzazione ai sensi del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 (il TUF ) e successive modificazioni e integrazioni. Conseguentemente, sino a quando le Obbligazioni saranno gestite in regime di dematerializzazione presso Monte Titoli S.p.A., il trasferimento delle Obbligazioni e l'esercizio dei relativi diritti potrà avvenire esclusivamente per il tramite degli intermediari aderenti al sistema di gestione accentrata presso Monte Titoli S.p.A.. I titolari delle Obbligazioni non potranno chiedere la consegna materiale dei titoli rappresentativi delle Obbligazioni. E' fatto salvo il diritto di chiedere il rilascio della certificazione di cui all'art. 85 del TUF e all'art. 31, comma 1, lettera b) del Decreto Legislativo 24 giugno 1998, n RESTRIZIONI ALLA TRASFERIBILITÀ Non esistono restrizioni imposte dalle condizioni di emissione alla libera trasferibilità delle Obbligazioni. 9. REGIME FISCALE Sono a carico degli Obbligazionisti le imposte e tasse, presenti o future, alle quali dovessero comunque essere soggette le Obbligazioni. Attualmente è applicabile l imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura del 12,50%. 10. COMMISSIONI E ONERI L'ammontare delle eventuali commissioni e delle eventuali spese a carico degli aderenti sarà indicato nelle Condizioni Definitive

13 11. RISCHI ASSOCIATI ALLE OBBLIGAZIONI Le Obbligazioni che verranno emesse nell'ambito del presente Programma di emissioni sono titoli di debito che garantiscono il rimborso del 100% del Valore Nominale a scadenza. Le Obbligazioni sono denominate in Euro. Le Obbligazioni danno diritto al pagamento periodico di Cedole a tasso fisso ma crescente nel corso della vita del prestito. Conseguentemente, l investimento nelle Obbligazioni comporta i rischi propri di un investimento obbligazionario a tasso fisso. Ove previsto nelle Condizioni Definitive, le Obbligazioni potranno essere rimborsate anticipatamente, a decorrere da una certa data di Pagamento delle Cedole su iniziativa dell Emittente [previo nulla osta della Banca d Italia se trattasi di Obbligazioni Subordinate]. Il rimborso sarà effettuato in un unica soluzione, integralmente al 100% del Valore Nominale delle stesse, senza alcuna deduzione di spese. Il potenziale investitore dovrebbe considerare che l'investimento nelle Obbligazioni è soggetto ai rischi descritti in dettaglio nel Capitolo II della Nota Informativa, nell ordine di seguito indicato: - RISCHI CONNESSI ALL'EMITTENTE; - RISCHI RELATIVI AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DEL PROGRAMMA; - RISCHIO DI TASSO E DI MERCATO; - RISCHIO DI LIQUIDITÀ; - RISCHIO DI RIMBORSO ANTICIPATO; - RISCHI DI CONFLITTO DI INTERESSI - RISCHIO CORRELATO AL RATING DELLE OBBLIGAZIONI; - RISCHIO CORRELATO ALLA SUBORDINAZIONE DEI TITOLI. C) DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO Possono essere consultati presso la sede legale in Palermo, Via Siracusa n. 1/E, e presso la Direzione Generale in Acireale, Via Sclafani n. 40/B, i seguenti documenti: a) atto costitutivo dell Emittente; b) statuto dell Emittente; c) bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2007; d) bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2006; e) copia del Documento di Registrazione; f) copia del Prospetto di Base; g) dati infrannuali (trimestrali e/o semestrali). L Emittente dichiara altresì che la documentazione di cui alle precedenti lettere b), c), d), e), ed f) è disponibile in formato elettronico sul sito internet del Gruppo Credito Valtellinese I dati infrannuali (trimestrali e/o semestrali) di cui al punto g), redatti successivamente alla pubblicazione dell ultimo bilan- d esercizio, non appena disponibili, saranno messi a disposizione del pubblico sul sito web cio

14 5 AGGIORNAMENTO ALLA COPERTINA DEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE INCORPORATO NEL PROSPETTO DI BASE MEDIANTE RIFERIMENTO Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n Albo delle Banche n Società del Gruppo bancario Credito Valtellinese iscritto all Albo dei Gruppi bancari cod. n Soggetta all'attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese S.c. Indirizzo Internet: Capitale Sociale interamente versato Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE DEL CREDITO SICILIANO S.P.A. IN QUALITÀ DI EMITTENTE LA PRESENTE SEZIONE INCORPORA MEDIANTE RIFERIMENTO LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE SULL EMITTENTE, PUBBLICATO MEDIANTE DEPOSITO PRESSO LA CONSOB IN DATA 16 GIUGNO 2008 A SEGUITO DI APPROVAZIONE COMUNICATA CON NOTA N DEL 4 GIUGNO 2008, ED OGNI EVENTUALE SUPPLEMENTO ALLO STESSO

15 6 AGGIORNAMENTO AL CONTENUTO DELLA NOTA INFORMATIVA OBBLIGAZIONI STEP-UP E OBBLIGAZIONI STEP-UP CALLABLE In relazione alla Nota Informativa, si rende noto che: a pagina 20 il paragrafo Rischio di liquidità contenuto nel Capitolo II (Fattori di Rischio) e recante: IL CREDITO SICILIANO NON PREVEDE LA PRESENTAZIONE DI UNA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI PRESSO ALCUN MERCATO REGOLAMENTATO DI BORSA ITALIANA S.P.A. DELLE OBBLIGAZIONI DI CUI ALLA PRESENTE NOTA INFORMATIVA. L INVESTITORE POTREBBE ESSERE ESPOSTO AL RISCHIO RAPPRESENTATO DALLA DIFFICOLTÀ O IMPOSSIBILITÀ DI VENDERE LE OBBLIGAZIONI PRIMA DELLA SCADENZA A MENO DI DOVER ACCETTARE UNA RIDUZIONE DEL PREZZO PUR DI TROVARE UNA CONTROPARTE DISPOSTA AD ACQUISTARLE. IN TALE CASO POTREBBE SUBIRE DELLE PERDITE IN CONTO CAPITALE NEL DISINVESTIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI. L INVESTITORE NELL ELABORARE LA PROPRIA STRATEGIA FINANZIARIA DEVE AVERE BEN PRESENTE CHE L ORIZZONTE TEMPORALE DELL INVESTIMENTO NELLE OBBLIGAZIONI (DEFINITO DALLA DURATA DELLE STESSE ALL ATTO DELL EMISSIONE) DEVE ESSERE IN LINEA CON LE SUE FUTURE ESIGENZE DI LIQUIDITA. SI FA, INOLTRE, PRESENTE CHE L EMITTENTE SI RISERVA LA FACOLTA DI RICHIEDERE LA TRATTAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI RELATIVE AI SINGOLI PRESTITI SUL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI (SSO), ORGANIZZATO E GESTITO DA SOCIETA INTERNE AL GRUPPO CREDITO VALTELLINESE, LA CUI ATTIVITA E SOGGETTA AGLI ADEMPIMENTI DI CUI ALL ART.78 DEL D.LGS 14 FEBBRAIO 1998, N.58, OVVERO ALLA NORMATIVA DI VOLTA IN VOLTA VIGENTE IN MATERIA. IN CASO DI TRATTAZIONE SU UN SSO I PREZZI DI ACQUISTO E DI VENDITA DELLE OBBLIGAZIONI SARANNO CONOSCIBILI SECONDO LE REGOLE PROPRIE DI TALE SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI PRESSO CUI LE OBBLIGAZIONI RISULTANO ESSERE NEGOZIATE. si intende modificato e sostituito integralmente, pertanto il paragrafo reciterà come segue: IL CREDITO SICILIANO NON PREVEDE LA PRESENTAZIONE DI UNA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI PRESSO ALCUN MERCATO REGOLAMENTATO DI BORSA ITALIANA S.P.A. DELLE OBBLIGAZIONI NÉ LA NEGOZIAZIONE SU ALTRI MERCATI REGOLAMENTATI O SISTEMI MULTI- LATERALI DI NEGOZIAZIONE. L'EMITTENTE SI ASSUME L'IMPEGNO A NEGOZIARE PER CONTO PROPRIO LE OBBLIGAZIONI DI PROPRIA EMISSIONE, PRATICANDO UN PREZZO DETERMINATO PRENDENDO COME RIFERIMENTO IL RENDIMENTO DI TITOLI ANALOGHI QUOTATI E NON QUOTATI E SIMILARI PER DURATION E CARATTERISTICHE. L INVESTITORE POTREBBE ESSERE ESPOSTO AL RISCHIO RAPPRESENTATO DALLA DIFFICOLTÀ O IMPOSSIBILITÀ DI VENDERE LE OBBLIGAZIONI PRIMA DELLA SCADENZA A MENO DI DOVER ACCETTARE UNA RIDUZIONE DEL PREZZO PUR DI TROVARE UNA CONTROPARTE DISPOSTA AD ACQUI- STARLE. IN TALE CASO POTREBBE SUBIRE DELLE PERDITE IN CONTO CAPITALE NEL DISINVESTIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI. L INVESTITORE NELL ELABORARE LA PROPRIA STRATEGIA FINANZIARIA DEVE AVERE BEN PRESENTE CHE L ORIZZONTE TEMPORALE DELL INVESTIMENTO NELLE OBBLIGAZIONI (DEFINITO DALLA DURATA DELLE STESSE ALL ATTO DELL EMISSIONE) DEVE ESSERE IN LINEA CON LE SUE FUTURE ESIGENZE DI LIQUIDITÀ. **********

16 a pagina 21 il paragrafo Rischi di conflitto di interessi contenuto nel Capitolo II (Fattori di rischio) e recante: omissis. OVE LE OBBLIGAZIONI SIANO NEGOZIATE SU UN SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI (SSO) IL CUI GESTORE APPARTIENE AL MEDESIMO GRUPPO BANCARIO DI CUI L EMITTENTE FA PARTE, SI POTREBBE CONFIGURARE IN CAPO A TALI SOGGETTI UNA SITUAZIONE DI CONFLITTO D INTERESSE. I PREZZI DI ACQUISTO E /O VENDITA DELLE OBBLIGAZIONI SAREBBERO FORNITI DAL GESTORE DI TALE SSO SECONDO LE REGOLE DI FUNZIONAMENTO PROPRIE DELLO STESSO. si intende eliminato. ********** a pagina 25 il paragrafo 3.1. Interessi di persone fisiche o giuridiche partecipanti all Emissione/all Offerta contenuto nel Capitolo III (Informazioni fondamentali) e recante: omissis. Ove le Obbligazioni siano negoziate su un Sistema di Scambi Organizzati (SSO) il cui gestore appartiene al medesimo gruppo bancario di cui l emittente fa parte, si potrebbe configurare in capo a tali soggetti una situazione di conflitto d interesse. I prezzi di acquisto e /o vendita delle Obbligazioni sarebbero forniti dal gestore di tale SSO secondo le regole di funzionamento proprie dello stesso. omissis.. si intende eliminato. ********** a pagina 33 il Capitolo VI Ammissione alla negoziazione e recante: 6.1. MERCATI PRESSO I QUALI È STATA RICHIESTA L AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI Attualmente non è prevista la trattazione delle Obbligazioni oggetto del Programma su alcun mercato regolamentato, né la richiesta di ammissione a quotazione delle obbligazioni in mercati regolamentati. Ad ogni modo si fa presente che l'emittente si riserva la facoltà di inserire le Obbligazioni nel Sistema di Scambi Organizzati (SSO) di strumenti finanziari in essere presso le banche del Gruppo Credito Valtellinese ai sensi dell'articolo 78 del D.Lgs. 14 febbraio 1998, n. 58 ovvero alla normativa di volta in volta vigente in materia. In caso di trattazione i prezzi di acquisto e di vendita delle Obbligazioni saranno conoscibili secondo le regole proprie di tale Sistema di Scambi Organizzati presso cui le Obbligazioni risultano essere negoziate QUOTAZIONE SU ALTRI MERCATI NON REGOLAMENTATI Le Obbligazioni non saranno trattate su altri mercati non regolamentati diversi da quello indicato al precedente paragrafo 6.1. si intende modificato e sostituito integralmente, pertanto il paragrafo reciterà come segue: 6. MERCATI PRESSO I QUALI È STATA RICHIESTA L AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI Attualmente non è prevista la presentazione di una domanda di ammissione alle negoziazioni presso alcun mercato regolamentato di Borsa Italiana S.p.A. delle obbligazioni né la negoziazione su altri mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione. Si fa comunque presente l'impegno dell Emittente a negoziare per conto proprio le Obbligazioni di propria emissione. ************

17 a pagina 35 il Capitolo VIII Regolamento del Programma Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Step-Up e Obbligazioni Step-Up Callable recante: omissis. ARTICOLO 12 MERCATI E NEGOZIAZIONE Le Obbligazioni non saranno quotate in mercati regolamentati. Si fa presente che l'emittente si riserva la facoltà di inserire le Obbligazioni nel Sistema di Scambi Organizzati (SSO) degli strumenti finanziari in essere presso le banche del Gruppo Credito Valtellinese ai sensi dell'articolo 78 del d.lgs. 14 febbraio 1998, n. 58. omissis. si intende modificato e sostituito, pertanto il capitolo reciterà come segue: omissis. ARTICOLO 12 MERCATI E NEGOZIAZIONE Le Obbligazioni non saranno quotate in mercati regolamentati. L'Emittente si assume comunque l'impegno a negoziare per conto proprio le Obbligazioni di propria emissione. omissis. ************

18 7 - AGGIORNAMENTO AL MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE a pagina 36 la copertina alle Condizioni Definitive, contenuta nel capitolo IX (Modello di Condizioni Definitive) si intende modificata come segue: MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n Albo delle Banche n Società del Gruppo bancario Credito Valtellinese iscritto all Albo dei Gruppi bancari cod. n Soggetta all'attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese S.c. Indirizzo Internet: Capitale Sociale interamente versato Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi CONDIZIONI DEFINITIVE Relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Step-Up e Obbligazioni Step-Up Callable Prestito Obbligazionario [Denominazione del Prestito] ISIN [ ] Emittente Credito Siciliano S.p.A. Responsabile del Collocamento Credito Siciliano S.p.A. Il presente documento redatto in conformità al Regolamento CONSOB adottato con delibera n del 14 maggio 1999, così come successivamente modificato ed integrato (il Regolamento Emittenti ), nonché alla Direttiva 2003/71/CE (la Direttiva Prospetto ) e al Regolamento 2004/809/CE ( il Regolamento CE 809 ) ha ad oggetto le Condizioni Definitive relative all offerta del prestito obbligazionario denominato «[DENOMINAZIONE DEL PRESTITO]» (il Prestito ). Tali Condizioni Definitive costituiscono, unitamente al prospetto di base del Programma (il Prospetto di Base ) composto dal Documento di Registrazione pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 16 giugno 2008 a seguito di approvazione comunicata con nota n del 4 giugno 2008 relativo all emittente Credito Siciliano S.p.A. (l Emittente ), dalla Nota Informativa sugli strumenti finanziari e dalla Nota di Sintesi nonché da ogni eventuale successivo supplemento, il prospetto informativo relativo al Prestito emesso a valere sul programma denominato «Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Step-Up e Obbligazioni Step-Up Callable» (il Programma ), nell ambito del quale l Emittente potrà emettere titoli di debito di valore nominale unitario inferiore a Euro (le "Obbligazioni" e ciascuna una "Obbligazione") in una o più serie di emissioni (un Prestito Obbligazionario o un Prestito ). Il Prospetto di Base a cui le presenti Condizioni Definitive si riferiscono è stato pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 19 novembre 2007 a seguito di approvazione comunicata con nota del 16 ottobre 2007 e aggiornato con Supplemento al Prospetto di Base depositato presso la CONSOB in data 16 giugno 2008 a seguito di approvazione comunicata con nota n del 4 giugno L informativa completa sul Credito Siciliano S.p.A. e sull offerta dei titoli oggetto del Prestito può essere ottenuta solo sulla base della consultazione congiunta del Prospetto di Base e delle presenti Condizioni Definitive nonché di ogni eventuale successivo supplemento a tale documentazione. Si fa inoltre rinvio al Capitolo Fattori di Rischio del Documento di Registrazione, della Nota Informativa e delle presenti Condizioni Definitive per l esame dei fattori di rischio relativi all Emittente ed alle Obbligazioni offerte, che devono essere presi in considerazione prima di procedere all acquisto delle stesse. Le presenti Condizioni Definitive in data [ ] sono state trasmesse alla CONSOB e pubblicate in forma elettronica sul sito internet dell Emittente. Il Prospetto di Base e le Condizioni Definitive relative al Prestito nonché ogni eventuale successivo supplemento a tale documentazione sono messi a disposizione del pubblico presso la sede dell Emittente in Palermo, Via Siracusa n. 1/E, e presso la Direzione Generale in Acireale, Via Sclafani n 40/B, e sono consultabili sul sito internet L adempimento di pubblicazione delle presenti Condizioni Definitive non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi

19 a pagina 48, il paragrafo Rischio di liquidità, contenuta nel capitolo IX (Modello d Condizioni Definitive) e recante: RISCHIO DI LIQUIDITA - IL CREDITO SICILIANO NON PREVEDE LA PRESENTAZIONE DI UNA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI PRESSO ALCUN MERCATO REGOLAMENTATO DI BORSA ITALIANA S.P.A. DELLE OBBLIGAZIONI DI CUI ALLE PRESENTI CONDIZIONI DEFINITIVE. L INVESTITORE POTREBBE ESSERE ESPOSTO AL RISCHIO RAPPRESENTATO DALLA DIFFICOLTÀ O IMPOSSIBILITÀ DI VENDERE LE OBBLIGAZIONI PRIMA DELLA SCADENZA A MENO DI DOVER ACCETTARE UNA RIDUZIONE DEL PREZZO PUR DI TROVARE UNA CONTROPARTE DISPOSTA AD ACQUISTARLE. IN TALE CASO POTREBBE SUBIRE DELLE PERDITE IN CONTO CAPITALE NEL DISINVESTIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI. L INVESTITORE NELL ELABORARE LA PROPRIA STRATEGIA FINANZIARIA DEVE AVERE BEN PRESENTE CHE L ORIZZONTE TEMPORALE DELL INVESTIMENTO NELLE OBBLIGAZIONI (DEFINITO DALLA DURATA DELLE STESSE ALL ATTO DELL EMISSIONE) DEVE ESSERE IN LINEA CON LE SUE FUTURE ESIGENZE DI LIQUIDITA. SI FA, INOLTRE, PRESENTE CHE L EMITTENTE SI RISERVA LA FACOLTA DI RICHIEDERE LA TRATTAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI RELATIVE AI SINGOLI PRESTITI SUL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI (SSO), ORGANIZZATO E GESTITO DA SOCIETA INTERNE AL GRUPPO CREDITO VALTELLINESE, LA CUI ATTIVITA E SOGGETTA AGLI ADEMPIMENTI DI CUI ALL ART.78 DEL D.LGS 14 FEBBRAIO 1998, N.58, OVVERO ALLA NORMATIVA DI VOLTA IN VOLTA VIGENTE IN MATERIA. IN CASO DI TRATTAZIONE SU UN SSO I PREZZI DI ACQUISTO E DI VENDITA DELLE OBBLIGAZIONI SARANNO CONOSCIBILI SECONDO LE REGOLE PROPRIE DI TALE SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI PRESSO CUI LE OBBLIGAZIONI RISULTANO ESSERE NEGOZIATE. si intende modificato e sostituito integralmente, pertanto il rischio reciterà come segue: RISCHIO DI LIQUIDITA IL CREDITO SICILIANO NON PREVEDE LA PRESENTAZIONE DI UNA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI PRESSO ALCUN MERCATO REGOLAMENTATO DI BORSA ITALIANA S.P.A. DELLE OBBLIGAZIONI NÉ LA NEGOZIAZIONE SU ALTRI MERCATI REGOLAMENTATI O SISTEMI MULTILATERALI DI NEGOZIAZIONE. L'EMITTENTE SI ASSUME L'IMPEGNO A NEGOZIARE PER CONTO PROPRIO LE OBBLIGAZIONI DI PROPRIA EMISSIONE, PRATICANDO UN PREZZO DETERMINATO PRENDENDO COME RIFERIMENTO IL RENDIMENTO DI TITOLI ANALOGHI QUOTATI E NON QUOTATI E SIMILARI PER DURATION E CARATTERISTICHE. L INVESTITORE POTREBBE ESSERE ESPOSTO AL RISCHIO RAPPRESENTATO DALLA DIFFICOLTÀ O IMPOSSIBILITÀ DI VENDERE LE OBBLIGAZIONI PRIMA DELLA SCADENZA A MENO DI DOVER ACCETTARE UNA RIDUZIONE DEL PREZZO PUR DI TROVARE UNA CONTROPARTE DISPOSTA AD ACQUI- STARLE. IN TALE CASO POTREBBE SUBIRE DELLE PERDITE IN CONTO CAPITALE NEL DISINVESTIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI. L INVESTITORE NELL ELABORARE LA PROPRIA STRATEGIA FINANZIARIA DEVE AVERE BEN PRESENTE CHE L ORIZZONTE TEMPORALE DELL INVESTIMENTO NELLE OBBLIGAZIONI (DEFINITO DALLA DURATA DELLE STESSE ALL ATTO DELL EMISSIONE) DEVE ESSERE IN LINEA CON LE SUE FUTURE ESIGENZE DI LIQUIDITÀ. ********** a pagina 42, il paragrafo Rischi di conflitti di interessi, contenuto nel capitolo IX (Modello di Condizioni Definitive) e recante: omissis. [OVE LE OBBLIGAZIONI OGGETTO DELLE PRESENTI CONDIZIONI DEFINITIVE SIANO NEGOZIATE SU UN SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI (SSO), IL CUI GESTORE APPARTIENE AL MEDESIMO GRUPPO BANCARIO DI CUI L EMITTENTE FA PARTE, SI POTREBBE CONFIGURARE IN CAPO A TALI SOGGETTI UNA SITUAZIONE DI CONFLITTO DI INTERESSE. I PREZZI DI ACQUISTO E/O VENDITA DELLE OBBLIGAZIONI SAREBBERO FORNITI DAL GESTORE DI TALE SSO SECONDO LE REGOLE DI FUNZIONAMENTO PROPRIE DELLO STESSO.] si intende eliminato. **********

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli