LEZIONE N.4 IL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ED IL PERSONALE DIPENDENTE DEGLI ENTI LOCALI. D.LGS N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE N.4 IL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ED IL PERSONALE DIPENDENTE DEGLI ENTI LOCALI. D.LGS N."

Transcript

1 Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE N.4 IL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ED IL PERSONALE DIPENDENTE DEGLI ENTI LOCALI. D.LGS N.165/2001 DISPENSA di Ivan Bechini Giugno

2 INDICE CAPITOLO I - IL LAVORO PUBBLICO Caratteristiche originarie... 4 CAPITOLO 2 - EVOLUZIONE NORMATIVA L'ordinamento originario I primi interventi di riforma legislativa: la privatizzazione del pubblico impiego La seconda privatizzazione CAPITOLO 3 - LA DISCIPLINA ATTUALE: IL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N Caratteristiche, articolazione ed ambito di applicazione della norma L'accesso al lavoro pubblico L'accesso tramite procedure selettive L'accesso tramite procedure non selettive Le incompatibilità Il contratto individuale di lavoro Periodo di prova e formazione del personale Gli effetti della privatizzazione: dal pubblico impiego al lavoro pubblico. Il ruolo della contrattazione collettiva Il procedimento di contrattazione collettiva La normativa applicabile al lavoro pubblico Poteri del privato datore di lavoro Nuove forme di discriminazione: il fenomeno del mobbing La struttura del pubblico impiego Pianta organiche, dotazione e ruolo Qualifica funzionale I doveri dell'impiegato I diritti del dipendente pubblico Il diritto all'ufficio Il diritto alla funzione La disciplina delle mansioni Altri istituti modificativi del rapporto di impiego Il divieto di dequalificazione

3 Il diritto al trasferimento La responsabilità disciplinare Il procedimento disciplinare Principi generali Svolgimento del procedimento disciplinare La giurisdizione Rapporti tra procedimento penale e disciplinare...29 CAPITOLO 5 - LA MOBILITÀ La mobilità volontaria La mobilità collettiva CAPITOLO 6 - ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI IMPIEGO CAPITOLO 7 - IL RAPPORTO DI LAVORO FLESSIBILE

4 CAPITOLO I - IL LAVORO PUBBLICO 1.1. Caratteristiche originarie Il rapporto di lavoro pubblico trova la sua origine nel rapporto speciale che intercorre tra il soggetto privato e la pubblica amministrazione, riassumibile nella nozione di Stato apparato. Una simile specialità si fonda sulla peculiarità della prestazione lavorativa del dipendente pubblico, inestricabilmente connessa con la cura dell'interesse generale, tanto che da essa discendono una serie di obblighi e doveri che travalicano la sfera lavorativa e impongono un adeguato comportamento anche nella vita privata. La figura dell'impiegato pubblico si caratterizzava per una duplicità di profilo: 1. funzionario dello Stato, per cui l'impiegato immedesimava la Pubblica Amministrazione tanto che diveniva una parte legittimata ad esprimerne la volontà (cd. rapporto organico); 2. lavoratore subordinato, per cui in capo al lavoratore dipendente sorgevano una serie di diritti e di obblighi in tutto simili a quelli stabiliti per il lavoratore privato nell'ambito dell'ordinario rapporto di lavoro subordinato (cd. rapporto di servizio). Tra i due elementi costituenti il rapporto di lavoro pubblico, l'aspetto rappresentativo della funzione pubblica, ovvero il rapporto organico, finì per essere prevalente, con conseguenze importanti sulla disciplina legislativa della materia, quali: 1. la supremazia della Pubblica Amministrazione sui propri dipendenti; 2. la collocazione del pubblico impiego entro l'ambito del diritto amministrativo; 3. la qualificazione delle pretese dei lavoratori pubblici come interessi legittimi anziché diritti soggettivi; 4. l'attribuzione della giurisdizione esclusiva al giudice amministrativo sulle controversie di lavoro pubblico. Di tali origini troviamo traccia in una recente sentenza della Corte Costituzionale 1 nella quale la Corte stessa, a riconferma di una propria giurisprudenza, ammette al possibilità di una disciplina differenziata del rapporto di lavoro pubblico rispetto a 1 Sent. 16 maggio 2008, n V. anche C. Cost. 275/2001; 82/2003; 199/2003; 367/

5 quello privato, in quanto il processo di omogeneizzazione incontra il limite della specialità del rapporto e delle esigenze del perseguimento degli interessi generali. La pubblica amministrazione infatti conserva sempre una connotazione peculiare, essendo tenuta al rispetto dei principi costituzionali di legalità, imparzialità e buon andamento, che al contrario non si applicano al rapporto di lavoro privato. Per altro, argomenta sempre la Corte, la stessa disciplina contrattualistica presenta delle differenze di trattamento, tant'è vero che il contratto collettivo del pubblico impiego è efficace erga omnes, inderogabile sia in peius che in melius ed è oggetto di diretto sindacato da parte della Corte di Cassazione per violazione o falsa applicazione, con conseguente influenza sul piano processuale. Da tutto ciò si ricava che le differenze ancora esistenti tra il rapporto di lavoro pubblico e quello privato sono legittime e non consentono di invocare il principio di uguaglianza per estendere singole norme o disposizioni di favore previste per il rapporto di lavoro privato. Tali osservazioni preliminari devono essere tenute presenti poiché rivestono ancora un carattere di attualità. Le radici pubblicistiche della disciplina del rapporto di lavoro alle dipendenze della Pubblica Amministrazione influenzano ancora il legislatore ed il comportamento dei giudici del lavoro. CAPITOLO 2 - EVOLUZIONE NORMATIVA 2.1. L'ordinamento originario. La normativa speciale in materia di pubblico impiego risale al D.P.R. 30 giugno 1957, n. 3 Testo Unico degli impiegati civili dello Stato. La norma si caratterizza per la netta prevalenza data al rapporto organico, fino a rendere irrilevante la fonte contrattuale collettiva ed a prevedere che il rapporto si costituisse con un decreto di nomina, dunque con un atto unilaterale della Pubblica Amministrazione, al posto del contratto. Anche la Costituzione dedica numerose norma al pubblico impiego, a riprova della particolarità di questo rapporto. Si tratta in particolare dei seguenti articoli: - art. 51, il quale afferma che tutti i cittadini possono accedere ai pubblici uffici in condizioni di uguaglianza; 5

6 - art. 54; che stabilisce il dovere dei cittadini cui sono affidate pubbliche funzione di adempierle con disciplina e onore; - art. 97; che fissa la regola del concorso per l'accesso agli impieghi pubblici e sancisce il principio del buon andamento della Pubblica Amministrazione e stabilisce anche una riserva di legge in tema di organizzazione dei pubblici uffici; - art. 98; il quale proclama che i pubblici impiegati sono al servizio della nazione I primi interventi di riforma legislativa: la privatizzazione del pubblico impiego. Nel corso dei decenni si sono succeduti vari provvedimenti normativi di riforma del settore che hanno preparato il terreno giuridico e dottrinale che ha consentito di addivenire alla disciplina attuale. In particolare sono da segnalare due norme: 1. la L. 29 marzo 1983, n. 93 Legge quadro sul pubblico impiego ; 2. il D. Lgs. 3 febbraio 1993, n. 29. La legge del 1983 in particolare ha riconosciuto il ruolo della contrattazione collettiva nella disciplina degli aspetti del pubblico impiego non sottoposti a riserva di legge o ad atti unilaterali della Pubblica Amministrazione. Tuttavia la fonte negoziale, per dispiegare i propri effetti, deve essere oggetto di una complessa procedura che prevede il recepimento del contratto collettivo tramite un decreto del Presidente della Repubblica. Comunque sia la norma pone per la prima volta dei principi importanti: efficienza del settore pubblico; perequazione e trasparenza del trattamento economico; riassetto dei profili professionali. Tutti questi principi sono stati ripresi ed implementati dal D. Lgs. 29/ La norma ha senza dubbio una portata realmente riformatrice del settore poiché, insieme alla L. 23 ottobre 1992, n. 421, si realizza la privatizzazione o contrattualizzazione del pubblico impiego. La riforma poggia su tre pilastri: 2 La norma è stata integrata e parzialmente modificata dai decreti legislativi 247/1993; 470/1993; 546/1993 e dalla L. 273/1995. In seguito la norma è stata oggetto di profonde revisioni per effetto della L. 59/1997 (c.d. Legge Bassanini), in base alla quale sono stati emanati i decreti legislativi 396/1997 in materia di contrattazione collettiva; 80/1998 in materia di organizzazione, di rapporto di lavoro e di giurisdizione nelle controversie di lavoro; 387/1998 modificativo dei decreti legislativi 29/1993 e 80/

7 1. estensione delle norme del diritto privato al rapporto di pubblico impiego; 2. diretta applicabilità della disciplina della contrattazione collettiva; 3. attribuzione al datore di lavoro pubblico degli stessi poteri di gestione del rapporto propri del datore di lavoro privato La seconda privatizzazione. Una seconda fase di riforme risale alle c.d. Leggi Bassanini, in particolare: 1. la L. 59/1997; 2. la L. 127/1997; Entrambe le norme riaprono i termini della legge delega contenuta nella L. 421/1992 e pongono ulteriori principi direttivi: - estensione delle norme di diritto privato anche al rapporto di lavoro dei dirigenti; - creazione di un ruolo unico della dirigenza; - semplificazione e riordino della contrattazione collettiva; - definitiva devoluzione al giudice ordinario di tutte le controversie di lavoro; - previsione di procedure di consultazione delle organizzazioni sindacali firmatarie dei contratti collettivi prima dell'adozione di atti di organizzazione interna; - creazione di un codice di comportamento dei dipendenti ed adozione di codici analoghi da parte delle singole amministrazioni. Sulla base di questi criteri viene emanato il D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 80, che ha riscritto gran parte del D. Lgs. 29/1993 ed inserito le seguenti finalità: - separazione degli atti (di diritto pubblico) di organizzazione degli uffici e gli atti (di diritto privato) di regolazione del rapporto di lavoro; - valorizzazione del ruolo della contrattazione collettiva con devoluzione esclusiva della disciplina dei trattamenti retributivi; - netta separazione tra atti di indirizzo politico, spettante agli organi di governo, e potere gestionale, spettante alla dirigenza; - contrattualizzazione del rapporto di impiego dei dirigenti; - revisione delle regole organizzative dei pubblici uffici ed attribuzione dell'autonomia gestionale ai dirigenti; - revisione delle regole relative al reclutamento del personale; 7

8 - estensione della legislazione privatistica in tema di impiego flessibile; - estensione della disciplina privatistica in tema di mansioni, mobilità e trasferimento di attività; In seguito, con L. 16 giugno 1998, n. 191, c.d. Bassanini ter, è stato emanato il D. Lgs. 29 ottobre 1998, n. 387, che ha introdotto notevoli innovazioni, soprattutto in tema di: - accesso alla dirigenza, prevedendo l'obbligo dei concorsi per esami; - formazione dei dirigenti; - durata degli incarichi dirigenziali; - possibilità per i dipendenti pubblici di essere destinati temporaneamente presso pubbliche amministrazioni di Stati comunitari; - collocamento in disponibilità, con l'introduzione della previsione che la disciplina della mobilità collettiva si applica anche quando le dichiarazioni di eccedenze siano fatte in occasioni distinte durante l'anno; - nuovi requisiti per i concorsi pubblici; - revisione più puntuale della disciplina concernente l'esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione, con la previsione che il giudice, rilevato che la domanda giudiziale sia stata posta prima della scadenza del termine di 90 giorni dalla promozione del tentativo, deve sospendere il giudizio e fissare un termine perentorio di 60 giorni per la sua promozione ex art. 412 bis c.p.c. Infine il D. Lgs. 267/2000, Testo Unico degli Enti Locali (T.U.E.L.) ha raccolto, agli artt. 88 e seguenti, le norme specifiche applicabili al personale degli enti locali. CAPITOLO 3 - LA DISCIPLINA ATTUALE: IL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N Caratteristiche, articolazione ed ambito di applicazione della norma. Questo lungo percorso riformatore ha portato da ultimo alla emanazione del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, attuativo della delega contenuta nella L. 24 novembre 2000, n Il D. Lgs. 165/2001 ha una natura compilativa, nel senso che non innova rispetto al 8

9 D. Lgs. 29/1993, limitandosi ad inserire alcune norme di raccordo ed a colmare alcune lacune normative. Il nuovo assetto normativo scaturente dal D. Lgs. 165/2001 presenta alcune caratteristiche fondamentali: 1. separazione tra materie riservate alla legge e agli atti unilaterali della Pubblica Amministrazione e materie assoggettate alla disciplina privatistica; 2. separazione tra compiti di indirizzo politico-amministrativo e compiti di organizzazione gestionale degli uffici e dei rapporti di lavoro; 3. ampliamento della contrattazione collettiva; 4. riforma della disciplina della dirigenza pubblica; 5. allineamento della disciplina del rapporto di lavoro dei pubblici dipendenti a quella privatistica, con particolare riferimento al tema della mobilità individuale e collettiva; 6. devoluzione del contenzioso al giudice ordinario ed applicazione del tentativo obbligatorio di conciliazione. La struttura del D. Lgs. 165/2001 può essere così schematizzata: 1. Titolo I (art. 1-9): principi generali; 2. Titolo II (art ):organizzazione, suddiviso in più capi relativi alla trasparenza amministrativa (art ), disciplina dei dirigenti (artt ), mobilità del dipendente pubblico (artt bis) e reclutamento del personale (artt ) 3. Titolo III (artt ): contrattazione collettiva e rappresentatività sindacale; 4. Titolo IV (artt ): disciplina del rapporto di lavoro; 5. Titolo V (artt ): spesa del personale della Pubblica Amministrazione; 6. Titolo VI (artt ): devoluzione della giurisdizione al giudice ordinario; 7. Titolo VII (artt ): norme transitorie e finali. La disciplina del decreto legislativo si applica a tutte le pubbliche amministrazioni 3, 3 Art. 1, comma 2, D. Lgs. 165/2001: Per amministrazioni pubbliche si intendono tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montante, e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, l'agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al secreto legislativo 30 luglio 1999, n

10 con le sole eccezioni previste dal successivo art L'accesso al lavoro pubblico L'accesso tramite procedure selettive. Anche se il legislatore ha portato avanti un processo di privatizzazione del pubblico impiego, ciò non esclude che vi siano delle peculiarità dettate dalla natura pubblica del datore di lavoro. Il combinato disposto dell'art. 97 della Costituzione e delle norme speciali sopra richiamate stabilisce che l'assunzione nelle pubbliche amministrazioni avvenga: 1. tramite procedure selettive volte ad accertare la professionalità e che garantiscano imparzialità, oggettività, trasparenza e celerità; 2. mediante avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento, per le qualifiche per le quali è richiesto il solo requisito della scuola dell'obbligo; 3. attraverso l'assunzione obbligatoria dei soggetti appartenenti a categorie protette, secondo quanto stabilito dalla L. 68/1999. La norma ha lo scopo di assicurare imparzialità ed efficienza dell'azione amministrativa, poiché il meccanismo concorsuale dovrebbe garantire la selezione per personale qualificato. Sul punto è intervenuta la Corte Costituzionale con sentenza 5 luglio 2004, n. 205 che ha ribadito l'inderogabilità del principio del concorso pubblico e che tale regola può dirsi rispettata solo quando le selezioni non siano caratterizzate da arbitrarie ed irragionevoli prove di restrizione dell'ambito dei soggetti legittimati a partecipare. Pertanto il principio è incompatibile con la riserva integrale dei posti disponibili nel ruolo in favore di personale interno. L'art. 35 D. Lgs. 165/2001 prevede che la selezione debba avvenire nel rispetto di alcuni principi fondamentali: 1. adeguata pubblicità della selezione e delle modalità di svolgimento che garantiscano imparzialità ed economicità; 2. adozione di meccanismi oggettivi e trasparenti per la verifica dei requisiti attitudinali e professionali richiesti; 4 Eccezioni sono previste per i magistrati ordinari, amministrativi e contabili; per avvocati e procuratori dello Stato; per il personale militare, delle forze di polizia, della carriera diplomatica e prefettizia; per i dipendenti degli enti che svolgono la propria attività nelle materie del risparmio, credito e valuta, nonché tutela del risparmio, dei valori mobiliari della concorrenza e del mercato; dipendenti di organi costituzioni ed alcune autorità indipendenti; personale della carriera dirigenziale penitenziaria. 10

11 3. rispetto delle pari opportunità tra lavoratrici e lavoratori; 4. decentramento delle procedure; 5. composizione delle commissioni esclusivamente con esperti nelle materie del concorso e che non ricoprano incarichi politici o sindacali L'accesso tramite procedure non selettive. Per le qualifiche ed i profili per i quali è richiesto il solo requisito della scuola dell'obbligo, l'assunzione avviene mediante avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento. Infine la legge 68/1999 disciplina il tema del collocamento obbligatorio ai fini dell'inserimento lavorativo delle c.d. categorie protette, vale a dire le persone disabili. L'art. 35, comma 2, D. Lgs. 165/2001 fa esplicito richiamo alla normativa del 1999 ed impone l'obbligo di assunzione delle persone disabili, con precisi criteri di proporzione numerica e previa verifica della compatibilità della invalidità con le mansioni da svolgere. Da notare che sul tema è intervenuta la Cass. Sez. lav. con sent. 3120/1999 negando l'esistenza di un diritto soggettivo all'assunzione per gli appartenenti alle categorie protette, ma soltanto l'esistenza di un interesse legittimo, al quale si correla la discrezionalità amministrativa nella valutazione dei requisiti Le incompatibilità. Dall'art. 98 della Costituzione deriva un regime di incompatibilità tra rapporto di lavoro pubblico ed altre attività di lavoro (c.d. dovere di esclusività del dipendente pubblico). Il D. Lgs. 165/2001 stabilisce una rigida incompatibilità, che tuttavia non si applica ai dipendenti pubblici in regime di tempo parziale con prestazione lavorativa non superiore al 50% di quella a tempo pieno. Il D. Lgs. 165/2001 prevede inoltre un regime in materia di cumulo di incarichi, che ha come regola generale il divieto. L'art. 53, comma 2, afferma espressamente che Le pubbliche amministrazioni non possono conferire ai dipendenti incarichi, non compresi nei compiti e doveri di ufficio, che non siano espressamente previsti o disciplinati da legge o altre fonti normative, o che non siano espressamente autorizzati. 11

12 Dunque il divieto non è assoluto e dalla norma in esame si possono trarre le seguenti conclusioni: 1. le amministrazioni di appartenenza possono conferire incarichi aggiuntivi in presenza di una apposita previsione legislativa o con espressa autorizzazione che tenga conto delle specifiche competenze e professionalità del dipendente incaricato; 2. le pubbliche amministrazioni possono conferire incarichi retribuiti a dipendenti di altre amministrazioni solo con la preventiva autorizzazione dell'amministrazione di appartenenze; 3. i soggetti pubblici o privati che intendono conferire un incarico a un dipendente pubblico devono preventivamente richiedere, anche per mezzo del dipendente stesso, l'autorizzazione all'amministrazione di appartenenza. La violazione delle norme in questione è punita con l'acquisizione da parte dell'amministrazione di appartenenza del compenso ricevuto dal dipendente, fermo restando la responsabilità disciplinare Il contratto individuale di lavoro. Una volta espletata la procedura di selezione viene stipulato il contratti individuale di lavoro con i candidati che l'abbiano superata. Il rapporto di lavoro pubblico sorge da un contratto individuale di lavoro, ovvero dall'accordo mediante il quale una parte si obbliga, a fronte di una retribuzione, a prestare la propria attività intellettuale o manuale. Per la sua sussistenza è necessaria la presenza di alcuni elementi caratterizzanti, al di là delle denominazioni formali, quali ad esempio la subordinazione gerarchica del prestatore di lavoro ed il suo inserimento nell'organizzazione interna. La sottoscrizione di questo contratto ha sostituito il provvedimento di nomina, che prima della contrattualizzazione del pubblico impiego, rappresentava l'atto con il quale si determinava l'immissione in servizio del dipendente. È solo con la firma del contratto individuale che si formalizza il rapporto di lavoro 5. Da ciò consegue che la tutela giurisdizionale del dipendente deve ritenersi soggetta a prescrizione e non a 5 Cons. Stato, Sez. I, 1849/

13 termine di decadenza 6 e che il potere di autotutela dell'amministrazione non può estendersi al contratto di lavoro individuale 7. Quindi la fase di stipulazione del contratto individuale di lavoro è una fase ben distinta e successiva alla fase di espletamento delle procedure concorsuali che si conclude con l'approvazione delle graduatorie, restando quest'ultima sottoposta alla disciplina dei provvedimenti amministrativi. Va tenuto presente che i dipendenti pubblici, con la sottoscrizione del contratto individuale di lavoro, accettano che la fonte regolatrice del rapporto sia la disciplina contenuta nel contratto collettivo, al quale il contratto individuale rinvia Periodo di prova e formazione del personale. L'impiegato assunto in servizio non ottiene subito l'iscrizione in ruolo vale a dire la stabilità, ma deve soggiacere ad un periodo di prova di quattro mesi (o due mesi per le professionalità inferiori) ai fini del quale si computa soltanto il periodo di servizio effettivamente reso. Infine l'art. 7 bis, D. Lgs. 165/2001 prevede, al fine di mantenere ed accrescere la competenza del personale dipendente, che le pubbliche amministrazioni predispongano annualmente un piano di formazione del proprio personale Gli effetti della privatizzazione: dal pubblico impiego al lavoro pubblico. Il ruolo della contrattazione collettiva. Il processo di privatizzazione del pubblico impiego ha apportato profonde modifiche al procedimento di contrattazione. Innanzitutto il D. Lgs. 29/1993 ha abolito la previsione per la quale il contratto collettivo acquistava efficacia solo a seguito del recepimento di quest'ultimo ad opera di un D.P.R., rendendo così la contrattazione collettiva una fonte primaria di disciplina del rapporto di lavoro pubblico, analogamente a quanto avviene per il rapporto di lavoro privato. In base all'art. 40 D. Lgs. 165/2001, che ha sostituito l'art. 45 D. Lgs. 29/1993, La contrattazione collettiva si svolge su tutte le materie relative al rapporto di lavoro ed 6 Cfr. Tar Lombardia, Sez. II, n. 5944/ Cfr. Tar Toscana, Sez. I, n. 707/ Tar Lazio, Sez. I, sent. n. 1323/

14 alle relazioni sindacali e si sviluppa su due livelli: 1. contratti nazionali collettivi di comparto; 2. contratti collettivi decentrati integrativi 9. La contrattazione collettiva di comparto, ovvero per settori affini, rappresenta l'unità fondamentale della contrattazione collettiva 10 e si svolge tra l'aran e le confederazioni sindacali maggiormente rappresentative. La contrattazione collettiva disciplina la durata dei contratti collettivi nazionali ed integrativi, la struttura contrattuale ed i rapporti tra i diversi livelli. Nei limiti fissati dalla contrattazione nazionale, le pubbliche amministrazioni devono attivare autonomi livelli di contrattazione collettiva integrativa, nel rispetto dei vincoli di bilancio risultanti dalla programmazione annuale e pluriennale di ciascuna amministrazione. Ovviamente non è possibile sottoscrivere in sede decentrata contratti collettivi in contrasto con i vincoli e gli obblighi derivanti dalla contrattazione collettiva nazionale, pena la nullità di ogni clausola difforme 11. L'art. 41, secondo comma, D. Lgs. 165/2001 fa riferimento ad accordi che definiscono o modificano i comparti di contrattazione o che regolano istituti comuni a più pubbliche amministrazioni. Si tratta della contrattazione di livello intercompartimentale, che tuttavia, a seguito della valorizzazione della contrattazione collettiva nazionale ed integrativa ha visto di molto erodere il proprio ambito. Merita inoltre evidenziare la particolare attenzione che il legislatore della riforma ha posto sui c.d. vincoli di bilancio. In materia è prevista un'apposita procedura per l'accertamento della compatibilità economica e finanziaria ed un successivo sistema di verifica 12, del quale sono investiti i comitati di settore, il Governo e gli organi di controllo interno di ciascuna amministrazione. Al buon esito di queste procedure è subordinata la stipula del contratti collettivi integrativi. Per quanto attiene al trattamento economico del dipendenti pubblici, questa materia 9 Per la disciplina delle materie comuni a più comparti sono previsti i c.d. contratti o accordi quadro, che sostituiscono il livello intercompartimentale e sono validi per tutti i lavoratori e per tutte le amministrazioni. 10 I contratti collettivi di contrattazione sono stati definiti con appositi Contratti Collettivi Nazionali Quadro (CCNQ), l'ultimo dei quali, per il quadriennio , è stato sottoscritto con accordo de 18/12/2002. I comparti di contrattazione collettiva sono i seguenti: Ministeri; Enti pubblici non economici; Regioni ed autonomie locali; Sanità; Ricerca; Scuola; Università; Aziende; Presidenza del Consiglio; Agenzie fiscali; Accademie di belle arti, di danza ed arte drammatica; Enti ex. art. 70 D. Lgs. 165/2001). I dirigenti costituiscono infine un'ulteriore e distinta area contrattuale, così come i vicedirigenti. 11 V. art. 40, terzo comma, D. Lgs. 165/ V. artt. 39, comma 3 ter, L. 449/1997 e 40 bis, D. Lgs. 165/

15 è di esclusiva competenza della contrattazione collettiva nazionale 13. La riserva fa riferimento ai minimi tabellari che devono essere garantiti dalle pubbliche amministrazioni; mentre per quanto attiene ai trattamenti economici accessori, questi rientrano nel potere gestionale dei dirigenti, benché nel rispetto di quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, la quale deve indicare i criteri oggettivi per l'attribuzione di tali trattamenti, con particolare riferimento: 1. alla produttività individuale; 2. alla produttività collettiva tenendo conto dell'apporto di ciascun dipendente; 3. all'effettivo svolgimento di attività particolarmente disagiate obiettivamente pericolose o dannose per la salute. La contrattazione collettiva si svolge tra l'aran (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) ed i sindacati maggiormente rappresentativi. Nel settore pubblico la maggiore rappresentatività è sottoposta a criteri oggettivi di accertamento definiti dall'art. 43 D. Lgs. 165/ Il procedimento di contrattazione collettiva. L'art. 47 D. Lgs. 165/2001 disciplina il procedimento di contrattazione, riassumibile in quest'ordine: 1. i comitati di settore deliberano gli indirizzi cui deve attenersi l'aran, che poi darà avvio alle trattative; 2. una volta raggiunta l'ipotesi di accordo, l'aran invia il testo al comitato di settore per acquisirne il parere, che deve essere reso entro 5 giorni; 3. in caso di parere negativo si riaprono le trattative. In caso di parere favorevole l'aran trasmette la quantificazione dei costi contrattuali alla Corte dei Conti per la certificazione della compatibilità del contratto con i vincoli di bilancio. La Corte deve deliberare entro 15 giorni; 13 V. art. 45, D. Lgs. 165/ Art. 43, primo comma, D. Lgs. 165/2001: L'Aran ammette alla contrattazione collettiva nazionale le organizzazioni sindacali che abbiano nel comparto o nell'area una rappresentatività non inferiore al 5 per cento, considerando a tal fine la media tra il dato associativo e il dato elettorale. Il dato associativo è espresso dalla percentuale delle deleghe per il versamento dei contributi sindacali rispetto al totale delle deleghe rilasciate nell'ambito considerato. Il dato elettorale è espresso dalla percentuale dei voti ottenuti nelle elezioni delle rappresentanze unitarie del personale, rispetto al totale dei voti espressi nell'ambito considerato. 15

16 4. in caso di parere positivo (o decorsi inutilmente 15 giorni), l'aran sottoscrive l'accordo. In caso di parere negativo devono essere assunte le iniziative necessarie per riportare i costi contrattuali all'interno dei vincoli di bilancio oppure riavviate le procedure negoziali; La procedura di certificazione deve comunque concludersi entro 40 giorni, salvo una ulteriore sospensione per l'esame dell'ipotesi di accordo da parte del Consiglio dei Ministri. In ogni caso decorsi 55 giorni i contratti sono efficaci 15. Sempre in tema di efficacia del contratto, l'art. 40, quarto comma,. D. Lgs. 165/2001 dispone che Le pubbliche amministrazioni adempiono agli obblighi assunti con i contratti collettivi nazionali o integrativi dalla data della sottoscrizione definitiva e ne assicurano l'osservanza nelle forme previste dai rispettivi ordinamenti. Questa previsione elimina alla radice ogni problema circa la vincolatività dei contratti per la pubblica amministrazione, che è comunque rappresentata da un organismo unitario; eccezion fatta per l'importante deroga introdotta dall'art. 17, L. 448/2001 (Legge Finanziaria per il 2002) 16. Diverso è invece il discorso per il singolo dipendente. L'esclusione del recepimento del contratto con atto regolamentare da parte della pubblica amministrazione ha posto il problema della sua applicabilità erga omnes. Sul punto è intervenuta la Corte Costituzionale con sent. 30/09/1997 affermando che: il pubblico dipendente (...) rinviene nel contratto individuale di lavoro (...) la fonte regolatrice del proprio rapporto: l'obbligo di conformarsi, negozialmente assunto, nasce proprio dal rinvio alla disciplina collettiva contenuto [necessariamente, n.d.a.] in tale contratto La normativa applicabile al lavoro pubblico. Il rapporto di lavoro pubblico, per quanto attiene alla normativa civilistica, è oggi disciplinato dalle seguenti norme: 1. artt c.c. (sezioni II e III, capo I, titolo II del Libro V); 2. leggi sul rapporto di lavoro subordinato nell'impresa 17 ; 15 Previsione introdotta dall'art. 1, comma 548, L. 296/2006 (Legge finanziaria 2007). 16 La norma, modificando il D. Lgs. 165/2001, ha previsto che, qualora i comitati di settore, di cui ne è istituito uno per ciascun comparto di contrattazione, rilevino costi non compatibili con i vincoli di bilancio a norma dell'art. 40 D. Lgs. 165/2001, le relative clausole dell'accordo integrativo siano nulle di diritto e non possono essere applicate. 17 Tra le quali spicca, per importanza, il D. Lgs. 626/1994 in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro. 16

17 3. Statuto dei Lavoratori (L. 300/1970), applicabile a prescindere dal numero dei dipendenti. Oltre a quanto detto in tema di assunzione, le eccezioni più rilevanti che si riscontrano rispetto al modello normativo generale riguardano la disciplina delle mansioni e quella della mobilità Poteri del privato datore di lavoro. Tra i punti più qualificanti della riforma del lavoro pubblico vi è l'art. 5, D. Lgs. 165/2001, secondo il quale: le determinazioni per l'organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro sono assunte dagli organi preposti alla gestione con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro. Ciò implica che la pubblica amministrazione non si trova più nella posizione di supremazia speciale, bensì in una posizione paritaria rispetto al lavoratore. Inoltre la qualificazione come atti di diritto privato, anziché provvedimenti amministrativi, degli atti di gestione del rapporto di lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni, determina alcune conseguenze importanti, nel senso che tali atti: - non hanno più l'obbligo della motivazione, se non nei casi espressamente previsti dalla legge; - non perseguono direttamente un interesse pubblico, ma semplicemente l'ordinario interesse del dirigente che li pone in essere, identificabile con le esigenze organizzative. Non essendo atti amministrativi, gli atti di gestione non devono necessariamente essere assunti nella forma della delibera o del decreto o della determinazione dirigenziale; bensì mediante l'adozione di regolamenti interni, analogamente ai regolamenti aziendali; la stipula di contratti individuali e la sottoscrizione delle comunicazioni rivolte ai lavoratori. A ciò consegue la subordinazione del dipendente nei confronti del datore di lavoro, identificabile nell'assoggettamento del lavoratore al potere direttivo, organizzativo, disciplinare e di controllo del datore, il quale incontra il limite del principio di non discriminazione, ovvero nel divieto di condotta antisindacale, nel divieto di discriminazione politica, razziale, religiosa, di lingua o sesso, anche se si concretizza nella concessione di trattamenti economici di maggior favore, ma fondate su tali 17

18 motivi Nuove forme di discriminazione: il fenomeno del mobbing. Un fenomeno che da tempo ormai è venuto all'attenzione dell'opinione pubblica è quello del mobbing. Sul tema la giurisprudenza ha iniziato una propria elaborazione volta a positivizzare gli elementi costitutivi di questa forma di discriminazione. A tal proposito la configurazione più diffusa tra la giurisprudenza di merito consiste nell'attuazione di pratiche dirette ad isolare il lavoratore dall'ambiente lavorativo, marginalizzandone il ruolo nella comunità di lavoro e isolandolo, sia logisticamente che funzionalmente, dai colleghi. La Corte Costituzionale ha definito il mobbing come un complesso fenomeno consistente in una serie di atti o comportamenti vessatori, protratti nel tempo, posti in essere nei confronti di un lavoratore da parte dei componenti del gruppo di lavoro in cui è inserito o dal suo capo, caratterizzati da un intento di persecuzione ed emarginazione finalizzato (mobbing strategico) o no (mobbing persecutorio) all'obiettivo primario di escludere la vittima 18. Dunque non si deve credere che il mobbing sia un comportamento che soltanto il datore di lavoro possa mettere in atto, ben potendo, un simile atteggiamento, provenire dai colleghi, anche di grado inferiore. Nonostante il tema sia di stretta attualità, ancora non è semplice identificare i casi reali di mobbing e capire quando veramente si possa parlare di mobbing. L'INAIL, con circolare 71/2003 ha elencato le situazioni tipiche del mobbing: - marginalizzazione dell'attività lavorativa; - svuotamento di mansioni e mancata assegnazione dei compiti e degli strumenti lavorativi; - ripetuti trasferimenti ingiustificati; - prolungata attribuzione di compiti dequalificanti od esorbitanti rispetto al profilo professionale ed alle eventuali condizioni psichiche e fisiche; - impedimento sistematico e strutturale all'accesso alle notizie, anche in relazione all'ordinaria attività di lavoro; - esercizio esasperato ed eccessivo delle forme di controllo. 18 Corte Cost. 359/

19 Allo stato attuale tuttavia manca una normazione primaria che consenta di identificare chiaramente il mobbing; anche se la giurisprudenza di legittimità ha rinvenuto nel mobbing una violazione degli obblighi contrattuali derivanti dal rapporto di lavoro, indipendentemente dalla natura dei danni subiti 19. Anche in considerazione della natura della responsabilità, è di notevole importanza che il CCNL Regioni e Autonomie Locali punisca quei comportamenti che, alla luce di quanto detto sopra, possono essere identificati come mobbing. Il CCNL 11 aprile 2008, riprendendo una previsione già contenuta nel previgente CCNL, punisce con la sanzione della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino ad un massimo di 10 giorni in caso di sistematici e reiterai atti o comportamenti aggressivi, ostili e denigratori che assumano forme di violenza morale o di persecuzione psicologica nei confronti di un altro dipendente e con la più grave sanzione della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da un minimo di 11 giorni fino ad un massimo di 6 mesi per esercizio, attraverso sistematici e reiterati atti e comportamenti aggressivi, ostili e denigratori, di forme di violenza morale o di persecuzione psicologica nei confronti di un altro dipendente al fine di procurargli un danno in ambito lavorativo o addirittura di escluderlo dal contesto lavorativo La struttura del pubblico impiego Pianta organiche, dotazione e ruolo. La struttura del pubblico impiego si suddivide in: 1. Pianta organica, che individua il complesso delle posizioni lavorative previste dal disegno organizzativo dell'ente; 2. Dotazione organica, che indica il numero complessivo dei posti effettivamente assegnati a ciascuna amministrazione; 3. Ruoli, che rappresentano i posti stabili e permanenti nel tempo presenti in pianta organica. A sua volta i ruoli si possono distinguere in centrali o periferici; tecnici o amministrativi e ad esaurimento. In base all'art. 6, D. Lgs. 165/2001, l'organizzazione e la disciplina degli uffici, la loro 19 Cass. S.U., n. 8438/ Art. 3, comma 5, lett. l) e comma 6, lett. c), CCNL Regioni e Autonomie Locali

20 consistenza e la determinazione delle dotazioni organiche, sono stabilite in funzione dell'accrescimento dell'efficienza delle pubbliche amministrazioni, della razionalizzazione del costo del lavoro e della migliore utilizzazione delle risorse umane. Naturalmente non possono essere individuate posizioni in soprannumero Qualifica funzionale. La disciplina della qualifica funzionale e delle aree di classificazione è lasciata alla contrattazione collettiva, che ha sostituito la precedente disciplina, dettata dalla L. 312/1980. Attualmente il sistema della classificazione delle qualifiche prevede la suddivisione in aree, all'interno delle quali sono collocati i profili professionali, che descrivono i contenuti specifici relativi all'area di appartenenza. All'interno della singola area, ogni profilo si contraddistingue per differenti gradi di complessità e pertanto può essere collocato su posizioni economiche diverse, ciascuna contrassegnata da un numero. In particolare per quanto riguarda il personale inquadrato all'interno del CCNL Regioni ed Autonomie Locali sono previste quattro categorie così suddivise: - categoria A, nella quale sono state accorpate le precedenti qualifiche da I a III; - categoria B, nella quale sono state accorpate le precedenti qualifiche IV e V; - categoria C, che coincide con la precedente qualifica VI; - categoria D, nella quale sono state accorpate le precedenti qualifiche VII e VIII. L'art. 17 bis, D. Lgs. 165/2001 ha previsto la vice dirigenza, che ancora non è stata istituita e che dovrebbe andare a sostituire le posizioni organizzative. In tal modo i dirigenti degli uffici pubblici possono delegare funzioni proprie a personale con posizione a partire dalle categoriec2, C3 o equivalenti e la conseguente responsabilità della gestione della materia affidata I doveri dell'impiegato. La materia dei doveri dell'impiegato è disciplinata dagli artt. 54 e 55 D. Lgs. 165/2001, in base ai quali i doveri sono definiti dal codice di comportamento uniforme adottato dal Dipartimento della Funzione Pubblica, sentite le confederazioni sindacali maggiormente rappresentative e dai codici di comportamento adottati dalle singole pubbliche amministrazioni, i quali contengono eventuali integrazioni e specificazioni. 20

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla ART.95 CCNL SCUOLA -CODICE DISCIPLINARE (SOLO PERSONALE ATA) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla gravità della mancanza ed in conformità di quanto

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE NEGLI ENTI LOCALI

L ORGANIZZAZIONE NEGLI ENTI LOCALI L ORGANIZZAZIONE NEGLI ENTI LOCALI AUTONOMIA ORGANIZZATIVA POTERE DI ORGANIZZAZIONE ATTI DI ORGANIZZAZIONE EVOLUZIONE STORICA DELLA DISCIPLINA DEL PUBBLICO IMPIEGO ARCO TEMPORALE TRA IL 1957 E IL 1972

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA Il DIRETTORE Ai sensi e per gli effetti dell art.55, comma 2 del D.Lgs 165 del 2001 come sostituito dall art.68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre 2009 n.150 PUBBLICA Il testo del codice disciplinare di cui

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l.

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 Procedure di assunzione 1- Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

CAPO II NORME DISCIPLINARI RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE. Art. 4 Principi generali

CAPO II NORME DISCIPLINARI RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE. Art. 4 Principi generali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DIRIGENTE DEL comparto Regioni e autonomie locali (Area II) Quadriennio NORMATIVO 2006 2009 BIENNIO ECONOMICO 2006-2007 22 febbraio 2010 CAPO II NORME

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

Cons. Antonio Naddeo firmato

Cons. Antonio Naddeo firmato CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DELL AREA VII DELLA DIRIGENZA UNIVERSITÀ E ISTITUZIONI ED ENTI DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE PER ILQUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 E BIENNIO

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

Codice disciplinare dirigenti

Codice disciplinare dirigenti Codice disciplinare dirigenti A. Norme di carattere generale 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, sono fissati i seguenti

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) CODICE DISCIPLINARE PREMESSA Il D. Lgs 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124. Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124. Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015 LEGGE 7 agosto 2015, n. 124 Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015 Capo IV DELEGHE PER LA SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA Art. 17

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO DEL PERSONALE DFP-0027366-12/06/2008-1.2.3.3 Roma, 12 giugno 2008 Nota Circolare UPPA n. 41/08 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau

Ufficio Studi CODAU. Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Quesito sull applicabilità della normativa sui buoni pasto ai Direttori

Dettagli

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Bozza Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Art.1 (Delega al Governo in materia di riforma del lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO L) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Associazionismo e Impegno Sociale, C.F. 01386030488 Via di Novoli, 26 50127

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009 L art. 69 del D.Lgs. 150/09, modificativo del D.Lgs. 165/01, ha apportato ulteriori modifiche in materia disciplinare. Le norme del Codice disciplinare sotto riportato sono applicate solo se risultano

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008 PROVINCIA di ROVIGO NUOVO CODICE DISCIPLINARE del PERSONALE NON AVENTE QUALIFICA DIRIGENZIALE (art. 3 del e artt. 55 e da 55bis a 55 septies del D. Lgs. n. 165/2001, come modificati dagli artt. 68 e ss.

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE

SISTEMA DISCIPLINARE COZZI S.r.l. Sistema disciplinare ex D.lgs. 231/2001 COZZI S.r.l. SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi dell art. 6 D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ENTRATA IN VIGORE DATA (Deliberazione C.d.a. 15/12/2009) 15/12/2009

Dettagli

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 1 Valutazione Uno dei principali intenti del D.Lgs. n. 150/2009 è stato

Dettagli

DIRITTI E DOVERI DEI DIPENDENTI PUBBLICI

DIRITTI E DOVERI DEI DIPENDENTI PUBBLICI Provincia Regionale di Catania DIRITTI E DOVERI DEI DIPENDENTI PUBBLICI 13-14-15 Dicembre 2010 1 Diritti e doveri dei dipendenti pubblici DECRETO LEGISLATIVO N. 165/2001 ARTICOLO 54 c. 7 Le pubbliche amministrazioni

Dettagli

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Per comprendere al meglio il funzionamento del procedimento disciplinare è innanzitutto necessario

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 25.04.2011 LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO Il codice civile, con l art. 2106, attribuisce al datore di lavoro

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope PBX 081.5475111 (19 linee urb.) COD. FISC. 800 182 40 632 PART. IVA 018 773 20 638 T E L E F A X 0 8 1. 5 5 2 1 4 8 5 I N T E R N E T : w w w. u n i p a r t h e n o e p. i t 8 0 1 3 3 N A P O L I 1 4 D

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA Approvato con Deliberazione G. C. n. 219 del 16/12/2013 INDICE CAPO I Principi generali Art. 1 Principi generali...pag.

Dettagli

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare Articolo estratto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto regioni e autonomie locali quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 Titolo II

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 giugno 2015. Definizione delle tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO 1. Premessa 2. Violazioni 3. Soggetti destinatari 4. Misure disciplinari nei confronti dei lavoratori dipendenti 5. Misure disciplinari nei confronti

Dettagli

Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art. 2222 e seg. del Codice Civile;

Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art. 2222 e seg. del Codice Civile; Regolamento per l'assunzione di personale a tempo determinato e per l attivazione di collaborazioni coordinate e continuative e di prestazioni professionali nell ambito del Progetto coordinato Catania

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

RESPONSABILITA DISCIPLINARE

RESPONSABILITA DISCIPLINARE RESPONSABILITA DISCIPLINARE del dirigente medico. I Quadro normativo e principi generali Principali norme di legge Artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. D.lgs. n. 165/2001 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 Numero Approvazione Data EDIZIONE 01 Consiglio di Amministrazione 19/12/2013 EDIZIONE 02 Consiglio di Amministrazione 03/09/2015 Pag. 2/8 INDICE 1. Obiettivo

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE NORMATIVA DI ATTUAZIONE SPERIMENTALE DELL ART. 32 DEL CCI I N D I C E TITOLO I Mobilità interna Art. 1 - Finalità e tipologia

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale

AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27/02/2015 Introduzione Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare Seminario sul D.Lgs. 27 ottobre 2009 n. 150 1 Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare (artt. 55-55 novies D. lsg. 30 marzo 2001 n. 165) Avv. Mauro Montini Firenze, 23 novembre 2009 AMBITO DI

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale 13 febbraio 2014 Avv. Matteo Pollaroli Partner LABLAW Studio Legale SCALETTA DELL INTERVENTO 1. Ricostruzione della normativa in materia di assunzione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009

CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 Testo in vigore Art. 10 Principi generali RESPONSABILITA DISCIPLINARE

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

Regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 15/06/2009

Regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 15/06/2009 Regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 15/06/2009 MODALITÀ E CRITERI PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 18, COMMA 2, DELLA LEGGE 6. 8. 2008, n. 133

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022

Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA C O M U N E D I VA L D E N G O Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022 CODICE DISCIPLINARE ART. 3 DEL C.C.N.L. DEL PERSONALE DEL COMPARTO

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale Indice PAG. 1. Procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale 2 2. Principi generali 2 3. Avvio della procedura 3 4. Pubblicizzazione della procedura 3 5. Selezione del personale a mezzo di

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

Codice disciplinare Sanzioni riferibili al personale del Comparto Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche disposte dall art. 6 del CCNL 10 aprile 2008 1. Nel rispetto del principio

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150 TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 ARTICOLO 67 Oggetto e finalità Comma 1 Finalità: potenziare i livelli di efficienza negli

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA.

LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. LA MOBILITÀ DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - UNA PANORAMICA - 1. LA COMPETENZA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Per la maggioranza dei pubblici dipendenti, i cui rapporti di lavoro sono

Dettagli

Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125

Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125 Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125 OGGETTO: Richiesta di esame e di intervento sulla proposta di modifica del d.lgs 27 ottobre 2009, n. 150, ed in particolare

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

NORME DISCIPLINARI. c) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d ufficio;

NORME DISCIPLINARI. c) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d ufficio; CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DEL COMPARTO DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2002-2005 Testo in vigore Art. 62 Obblighi del dipendente NORME

Dettagli

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (art. 3 CCNL 11.04.2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e

Dettagli

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2).

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2). L. 15-7-2002 n. 145 Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 luglio 2002, n. 172.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA QUALIFICA DIRIGENZIALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari

CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 6 maggio 2010 (per la sequenza contrattuale dell art. 28 del CCNL del personale della dirigenza medico veterinaria

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012.

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. La monetizzazione delle ferie maturate e non fruite aveva trovato una prima regolamentazione, specifica ed espressa, nei CCNL dei

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI RIMPROVERO VERBALE RIMPROVERO SCRITTO CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI Art. 3, Comma 4 Inosservanza disposizioni di servizio, anche in tema di assenze per malattia, nonché dell'orario

Dettagli

DIRIGENZA AREA III (SPTA) E AREA IV ( MEDICO-VETERINARIA)

DIRIGENZA AREA III (SPTA) E AREA IV ( MEDICO-VETERINARIA) RACCOLTA DEGLI ORIENTAMENTI APPLICATIVI PRESENTATI IN OCCASIONE DEL SEMINARIO ARAN I CCNL DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ALLA LUCE DELLA RIFORMA INTRODOTTA DAL D.LGS. N. 150 DEL 2009 (ROMA-BOLOGNA 2

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010)

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010) NUOVO CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DIRIGENZA MEDICA - VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA COORDINATO CON IL D.LGS. 27/10/2009 N. 150

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Convegno Fondazione Giuseppe Pera Lucca, 26 giugno 2015 Associato di diritto del lavoro Università di Pisa IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Il campo di applicazione del nuovo diritto

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione:

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione: CODICE DISCIPLINARE 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del d.lgs. n.165

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Il Responsabile del Servizio Personale

CODICE DISCIPLINARE. Il Responsabile del Servizio Personale CODICE DISCIPLINARE Il Responsabile del Servizio Personale Ai sensi e per gli effetti dell'art. 55, comma 2, del D. Lgs. n.165 del 2001 come sostituito dall'articolo 68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Inserito il 23 dicembre 2009 Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Il Decreto Legislativo 150/2009, pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2009

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di riferimento normativo In questi ultimi anni gli acquisti

Dettagli

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008 Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore Nota Circolare UPPA n. 01/08, lì 8 Gennaio 2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG QUESITO (posto in data 9 luglio 2013) Sono medico ospedaliero, assunta a tempo indeterminato dal 2004 presso una ASL toscana.. Sarei interessata

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di responsabilità: RESPONSABILITÀ CIVILE regolata dall art. 2043

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131)

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131) Università degli studi di Napoli L Orientale Regolamento di Ateneo per l accesso all impiego del personale amministrativo, tecnico e dirigenziale a tempo indeterminato e determinato dell Università degli

Dettagli