oggetto: nota esplicativa O-M. I8 dicembre 2008 e successive modifiche e integrazioni recante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "oggetto: nota esplicativa O-M. I8 dicembre 2008 e successive modifiche e integrazioni recante"

Transcript

1 DIPARTIMCNTO DSLLA SANITA TUBBLICA VITf,RINARIA, Df,LLA SICURIZZA ALIMENTARE D DEGLI ORGANI COLLIIGIALI PII{ LA î'ij'i'tjla I'ELLA SALIJ]'È DIRTZIONE GENER{LE DELLA SANITÀ ANIMALE E DEI TARMACI VETERINARI oggetto: nota esplicativa O-M. I8 dicembre 2008 e successive modifiche e integrazioni recante "norme sul diviek, di utìlizzo e di deleeione.li eschc o di bocconi ar elenaîf'. PREMESSA L'ordinanza 18 dicenbre come modificata con l'ordl'ìaîz 19 maîzo 2009 e prurogata oon modifrche con I'Ordinanza 14 gennaio 20Ì0, e stata emanata con I'obiettivo di contmstarc il dilagante lènomeno della preparazione, utilizzo c rliffirsione rli csohe o bor:coni avvelenati la sui preser\zt! sul territorio mppresenta un rischio per la popolaz ione animale ma arrche per I'uomo c pcr I'arnbicntc. La suddetta normativa ha individuato precisi compiti e lesponsabilità nella geslion e controllo del fenomeno da parte di tutte le Autorita compctcnti; tuftavia ncl corso di quasi tîc anni di vìgcnza dell'ordinanza, è stala úscontrau una diftorme applicazione dcllc disposizioni previste o, in taluni casi, la completa disapplicazione delle stesse. Le píncipali inadempienze riguardano i compiîi che affeíscono ai Sindaci e ai Servizi Veterinari ufficiali che non sempre adoìtano tempestivamente e puntualmeùle le misure stabiìite dall'ordinanza. In particolare viene fiequentemente disatteso I'obbligo di bonifica dcll'arca interessata e di intensilìcazione delì'attivia di controllo. Inoltre si è regishata una scarsa applicazione delle prescritoni di cùi all'art. 4, comma 5, concemente I'istituzione di un tavolo di coordinahento presso le Prefefure; tavolo tecnico al quale è dcmandalo il compito di gestire e monitorare il fenomeno sul territorio di competenz attraverso il ooordinamento delle attività dei sindaci e degli altri soggetti coinvolti a vario titolo.

2 Un altro puto critico è rappresentato dai îenpi di risposta ììon adeguati da parte degli IstitÌrti Zooprofllattici Sperimentali (ll.zz.ss.) sia per quanio íguarda gli csiti delle necroscopiche per la rclertazione delle analisi di laboratorio eseguite sui campioni biologici. lnfine si registra ùna carente attività di inîormazionc rivoha atle Autorilà compelentj, aì veterinarì libcrc professionisti e ai cittirlini da cuj deriva nìolto spesso la disapplicazione dell'ordinanza; a tal pmposito si sottolinea che solo attraveno l'informazione capillare è possibile la creazione di un sistema di prevenzionc controllo. shumento indispensabile ai fini del contrasto e dclla rcprcssionc dei reati nonché per perscguirc i colpevoli di tali crimini. I-'individuazionc dei responsabili del reato in qucstion e la loro condanna, non solo è un dovcrc derivante dall'ordinamenlo giuridico e dalla coscicrza civile. ma rapdres ntanche un elììcace strumcnto deterrente. Pcrtanto. al fine di implementare c rcnduc cflicaci le misure previste dall'ordiranza in oggetto, sl ritierie opportuno lòmirc chiarimenti circa la sua corretta applicazione e sulle procedurc olrratrvc che tutte lc Autorità coinvolte devolo adottare. Le presenti Lincc Cuida sono state redatle in collaborationc con il Centro di Re:lèrenza NrEionale per la medicirmforewe veleriharia,isliruilo pîcsso I'lstituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio I della Toscana con I'obiettivo di standardizzare le suddette ptocedwe e unilomarlc sul lerriiorio nazionale. fomendo anche i lirc-sirnile delle schcdc pcr gli adempirnenti previstì dall'ordinan7n (segnalazioni c invio dei campioni). COMPITI tr RESPONSABILITA' Come prcvisto all'aît. 1 comma 3, ìl proprictario o il reponsabile dell'animale deceduto a causa di esche o bocconì awclcnati o chc prcsenta sintomi di avvelenamento deve segùalîre il caso alle Autorità competenti tramite il medico vet rinario ohe emettc Ia diagnosi di sospetto sulla base di una sinlomatologia conclamata (alicolo 2, comma I ). Trlc obbligo sussiste sia nel caso di alrr'elenamenfo di specic domc.îtich chc sclvatichc. Ncl caso di animali selvatici, o arinali domestici senza proprietario, per responsabile dell'animalc si intendono l'ente gestore terrilorialmente competcntc/o il Sindaco. In quesri casi Ia segnalazionc può essere fatta arche da privati cittadini athaverso Ie aùtorita di Polizia Ciudiziaria (carabinieri, polizia di stato, guardie l'orestali, polizje locali, guardie zoofile) che RNlh! Mata$a,! pússrdra'iu.r \ry Meri!r!l!qr4$0!u.rr ÉL11, '

3 pn)vv Llcranno a lichìcdcr,c I'intervento dei Servizi Vctcrinari ulìiciali c a comunicarlo al Sindaco per il seguito di competenzai scnsi dcll'o,m. in oggelto. Relativamenîe all'obbligo di segnalazionc si richiuma anche I'urlicolo 264 del Testo Unico Leggi Sanitarie (T.U.LL.SS.) chc prevede la segnùlazione alle Autorità Sanitarie:....li ogni ca\o.li mo e imprcvvisadixna imale non rífetibilc aduna mal.uuilt comuna 8ià accerlata". Si sottolinea chc il medico vetcrinario, dofo aver visilalo ì'animale o averne constatato il decesso. sulla base dell'anamnesi e/o della sintomatologia osservata, emette o meno la dìagnosi di sosftetto In caso di diagnosi di sospetto awelenamenlo il veterinario deve, ai sensi dell'art.2 coríma 1. dame comunicare immediatamentc al Sintlaco c aìla Scrvizio veterinario ufficiale foftendo tutte Ie informazioni D cessaíe riportate nel modulo di scgnllszione di sospetto avveleràmento (Allegato l). [n caso di decesso dcll'anirnale, inoltre, deve prowedere ad "im)iare le spoglie e ognì alrro ampione utilc utl'identifr&.ionc.lel rcleno o della sostanzt cht nc h4 ProvocatÒ k! norte all'istituto Zooprolìlittìco Spcritkchtalc conpetente per lerritori.,, uc.:omp.rynuti du relerk anahncstico, al liw di indirizzarc l<z ùcerca akúlitica" (drf.2. cofir.r.ta2 ().M.r. si evidenzia che tale invio ai sensi dcll'ordinanza dcvc awenire tramite i servizi vercrinari ufficiali che possono awàìeîsi di ditte convenzionatc. Ncl caso in cui il recupe.o e I'invio all'i.z-s. arrenga ad opcra di oltre Autodtà competenti (Corpo Forestalc dcllo Slato, Polizia mmicipale, Foze di polizia ecc.) il Scrvizio vclcrinarìo uîficiale deve esseme inforìnato. Ir ogni caso i campioni devono essere accompagnatì dalìa scheda di sctomprgnrmcnto (AllegÌto 2) chc coúiene îuîte le ìnfornrazioni utili a cìassificare correttamente il caso di avvelenamento e a fomirc i dati anamnestici necessari a indirizzare gli csami anatomo-patologici c/o di laboralorio. Nel caso in cui l'animale non sia deceduto il medico veterina o che lo ha in cura prowede ad inviare al laboratorio le matrici (vomiîo. contenuto gastrico ecc.) sùlle quali ritiene debbano essere cscguiti gli esami analitici. Si ritiene indispensahile precisare che la segnalazionc Sindaco e alle AutoritÀ competenti nonché gli opportuni accertamenti diagnostici devono essere tàtti anche neì caso in cui sul tciritorio si regislrano nìoíalita mfl-ssive di a.nimali (superiore a J copi) in un strotto penodo d1 tcmpo c nclla slesso locaì;ta non riferibili a cause gìà note; allaioga procedura dele essere adottata qualora si Rùalbr Ma4!s!. r DaLa$úi\{nk.ú oroura Misli.!!,riellú";na id, N^- J-,'

4 risconbino ùno o pii' îninral; con sintonlatologia clinìca riferibile ad ar.'velenamento anche irr assenza di dcccsso o siuno rinvenuti sul teffìtorio esche o boccolli sospettì. Per quanto riguarda gh ll,zz,ss. sl sottolinuu ehc qucsli. unu!olt0 penenuto ìl carnpione dn analizzare come previslo nell'afl. 3, dovono eseguire t mp stivamctrtc la nccroscopir sull'animale deceduto e tutte le oppofùne analisi. Si sottolìnea che le analisi di laboratorio dcvorro esser effettuate ntro 30 giomì e gli esili. sja deìla nccroscopia che degli esami eftìttuati, dcvono esserc trasmessi al medico vetednario che ha inviato i campioni. al Servizio veterinario ufficialo, al Sindaco e. in caso di confelma del sospetto- anche all'autorità giudiziaria (Procura della Rcpubblica). Si sotlolinea chc sulla base del quadro anatomo-patologico riscontrato. il rcsponsabilc dclla nccroscopia può conle.mare o m no il sospetto awclcnamento e decidere se è necessario proseguire o mcno con gli acccrtamcnti dì laboralono Il rapporto di ptova deì14 necroscopia. corrcdato dal Modulo di confcrmrcsclusione d l sospetlo àtîclcnamento (Allegato 3 Sez. A), deve ssere trasmesso in tcmpi rapidi aì medico vctcdnario ohe ha inviato i canìpioni, al S rvitio veterinario uilìcialc, al Sindaco c, in caso di codfcrma, all' Autorità giudiziaria. Sc il campione è costituilo solo da sche o boccodi sospctti presso I'l.Z S, prima degli csami di laborabri{r. deve csser esepitlito rm e.srme ispettivo aì fine di evidenziare. già in prima istanza, la prcsenza di materiali nocivi (ad esempio frammenti di vetro, chiodi, pezzi di Plastic4 etc.)- In caso dì riscontro positivo sui campioni, l'l.z.s. pmwede a dame immediala comunicazione utìlitzando il Modùlo di confermdcsclusioíe del sospetio ai'vel namento (Allcgato I Sez. B o C) ll Sindaco ai sensi dell'afl. 4. comma I dell'ordinajìza" iccvuta la s gnalazione dere.lqt e iwnediate diriposizìoni per l'apertuq di un indagine, dú..fettuare in coll.thorazione con le altrc autorità competenti. fine di prevenife ^l l'awelenamcnto di ultcriori animali c rischi pcr la sa,uîc pubblica e l'anbicntc. lnoltre. ai sensi dell'art. 4. commi 2 e 3. in caso di accerlata violazione dell'art.l deve prowedere ad altivare tutte le iùiziative necessarie alla bonifica dell'arca intclcssata; particolare, enuo le 48 ore successive, deve individuarc le modrlità di boniiìca, circosc.ivere I'area oon apposita calellonistica e intensificarc i contrclli da paíe delle Aulolità preposte Si cvidenzia che per acce ata riolazion dcll'ert. I si intcnd anche il risultslo della nccìoscopia quando I'an:rtomo-patologo dell'izs, sulla base del quadrc anatomo-patologico.a,!\ R.salba Marda: f iàtbsr/&nna f v\? or'tr7iell3 Midli o N'.rli.,jsanirn ilau../^

5 riscontrato, non erclude ls morte pcr swelenamentot anchc sc ancom in attcsa dcll'csito dcgli ulteriori accertamenti di laboratorio Si richioma l'attenzione sull'importanta di rispeitare ìe disposizioni di cui all'ait. 4, commi 4 c 5 dell'ordinanza, relative all'afivaziodr, presso tutte le Prcfctturc, di un "Tavolo di coordinamento" per la gestione degli inteflenti da elfettuare e per il monitoraggio del fenomeno. Tale "Tavolo di coordinamento", rappresenlato dalle Istituzioni, Organi di polizia e prcfessionalità coinvolte, ha il compito fondamentalc di monitorme il fenomeno sul tenitorìo al fine di analizzarne dati oggefivi e incidenza, valutamc il rischio e adotlare le oppolune misure di prcvenzione controllo. È oppomrno, inoltre, dbadire ch le ditte specializde di cui all'ar. I, comma 4 dclì'ordinanza, olfue a mettere in atto tulte le misure previste, al termine delle opcraziooi di demttizzazione/disinfestazione devono prowedere alla bonifica del sito mediante il ritiro delle esche non utilizzate e delle dei carcasse degli animali infestanti (topi, ratti ecc.). Si invitano tutte le Autorità compet nti a vigilarc afiinché Ie disposizioni previste dall'ordinanza e le procedwc ripofate dalle presenti linee guida siano rispcttale Si ritienc, altresì, indispensabile pore I'attcnzione sulla necessità di una magglore ìnformazione relativamente alle disposizioni vigenti e agli obblighi che competono ad ogni soggetto coinvolto. A tal fin si invitano le Autorità competenti, gli Ordinì professionali e ie Associazioni in indirizzo a darc ampia diíìrsione alla pres nte nota esplioativa. IL DIRETTORE GENERALE (Dr.ssa paetana Feni) U)a-{ -F '' w ot-"rr" v'*r,'.rc"r,,ia"n"'rr,.t Ùr,

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati. IL

Dettagli

Applicazione delle norme nazionali e regionali per la lotta agli avvelenamenti degli animali in Emilia- Romagna

Applicazione delle norme nazionali e regionali per la lotta agli avvelenamenti degli animali in Emilia- Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna La lotta agli avvelenamenti degli animali Applicazione delle norme nazionali e regionali per la lotta agli avvelenamenti degli

Dettagli

FAX. Data / /20. Timbro e firma leggibile del veterinario dichiarante. Modulo per la segnalazione di sospetto avvelenamento

FAX. Data / /20. Timbro e firma leggibile del veterinario dichiarante. Modulo per la segnalazione di sospetto avvelenamento ALLEGATI Allegato 1. Modulo per la segnalazione di sospetto avvelenamento FAX A: Sindaco del comune di Fax n : Servizio Veterinario Ufficiale ASL Fax n : Data / /20 Il/la sottoscritto/a, Veterinario: ASL

Dettagli

Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani:

Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani: Emanata in agosto un'ordinanza ( valida 12 mesi ) relativa alla tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione di cani: Di seguito pubblichiamo il testo integrale dell'ordinanza emanata dal Ministero

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Pagina 1 di 5 Stampa Chiudi questa finestra Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Estremi Min. Salute - Ord. 06/08/2013 MINISTERO DELLA

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2)

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) O.M. 3 marzo 2009 (1). Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 marzo 2009, n. 68. (2) Emanata

Dettagli

Ì tf $ht, m$" N' 2'il: ORDINANZA DEL SINDACO DATA IL DINFTTORE. Su proposta dell'assessore Carlo Senesi. Premesso:

Ì tf $ht, m$ N' 2'il: ORDINANZA DEL SINDACO DATA IL DINFTTORE. Su proposta dell'assessore Carlo Senesi. Premesso: iìo \{tr\ r': ut (;ti\(}v.l N' 2'il: DATA Ì tf $ht, m$" OGGETTO: DISPOSIZIONI URGENTI PER ll CONTENIMENTO DEI MURIDI SUL TERRITORIO CITTADINO. LA SINDACO Su proposta dell'assessore Carlo Senesi. Premesso:

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE.

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. Dr Mario Spinelli Direttore S.C. Medicina Legale ASL n. 15 Cuneo NORMATIVA T.U delle Leggi Sanitarie n. 1265 del 27 luglio 1934 ( Tit. VI) D.

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA)

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA) Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO Ufficio VI Benessere

Dettagli

Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 92/102/CEE relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2).

Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 92/102/CEE relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2). D.P.R. 30 aprile 1996, n. 317 ( 1). Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 92/102/CEE relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2). (1) Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Relazione annuale sullo stato del fenomeno degli avvelenamenti animali nel territorio della Provincia di Firenze. - Anno 2013 -

Relazione annuale sullo stato del fenomeno degli avvelenamenti animali nel territorio della Provincia di Firenze. - Anno 2013 - Relazione annuale sullo stato del fenomeno degli avvelenamenti animali nel territorio della Provincia di Firenze - Anno 2013 - L impiego delle esche avvelenate è un mezzo illecito e particolarmente odioso

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA ORDINANZA N. 35 DEL 15-07-2015 UFFICIO SINDACO ORIGINALE Oggetto: Attuazione della Delibera di G.R.T. 1 Dicembre 2014 n. 1095 - Disposizioni operative sull'interramento in loco di carcasse di animali morti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. territo rio di Gricignano di Aversa.

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. territo rio di Gricignano di Aversa. wh :u rv. y%k, ;: : 2%,. +? $q% PROVINCIA DI CASERTA 9 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 6 del Regisuo data 06.12.2012 h Oggettc.ovazio ne linee guida per incentivare

Dettagli

Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma

Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma G.Umani Ronchi G.Umani Ronchi 1 R.P.M. 1990. art 1 (denuncia causa di morte) 1. Ferme restando le disposizioni sulla dichiarazione e sull'avviso

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 270 del 03-11-2011 Oggetto: Tirocinio Formativo in Urbanistica nella Amministrazione Pubblica

Dettagli

SOMMA DISPONIBILE 24.590,16 OLTRE I.V.A. ART. 1) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

SOMMA DISPONIBILE 24.590,16 OLTRE I.V.A. ART. 1) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO COMUNE DI PALERMO Area AMMIN ISTRATIVA DELLA R IQUALIF ICAZIONE URBANA E DELLE INFRASTRUTTURE Ufficio Contratti ed Approvvigionamenti Via Roma, 209 90133 Palermo T e l. 0 9 1 7 4 0 3 5 9 2 - m a i l :

Dettagli

Il primo soccorso veterinario ed i nuovi obblighi derivanti dalle innovazioni al codice della strada introdotte con legge 120/2010

Il primo soccorso veterinario ed i nuovi obblighi derivanti dalle innovazioni al codice della strada introdotte con legge 120/2010 Il primo soccorso veterinario ed i nuovi obblighi derivanti dalle innovazioni al codice della strada introdotte con legge 120/2010 Aspetti legislativi ed organizzativi Dr. Marino Mario Le nuove disposizioni

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI PROCURA della REPUBBLICA Presso il TRIBUNALE per i minorenni di TORINO LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI Codice di procedura penale Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990

Dettagli

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania Reg. N. 20 del 05 Ottobre 2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE L'anno duemilaquindici, il giomo cinque, del Mascali, presso il Palazzo Municipale,

Dettagli

«Norme in materia di divieto di detenzione ed utilizzazione di esche avvelenate».

«Norme in materia di divieto di detenzione ed utilizzazione di esche avvelenate». LEGGE REGIONALE 22 OTTOBRE 2001, N. 27. «Norme in materia di divieto di detenzione ed utilizzazione di esche avvelenate». BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DELL UMBRIA N.53 DEL 26 OTTOBRE 2001. IL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI SCANSANO Prov. Di Grosseto Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri

COMUNE DI SCANSANO Prov. Di Grosseto Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri COMUNE DI SCANSANO Prov. Di Grosseto Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione

Dettagli

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria COMPITI GENERALI IL DOVERE DI INFORMARE L AUTORITA LE DENUNCE OBBLIGATORIE SANITARIE: comunicazione all Autorità competente (Sindaco, in

Dettagli

COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari

COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari COMUNE DI MONSERRATO Provincia di Cagliari COMANDO POLIZIA LOCALE Oggetto: Capitolato speciale d appalto per la gestione del servizio di ricovero, custodia e mantenimento dei cani randagi catturati nel

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA Regione Campania Assessorato alla Sanità Settore Veterinario Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno Facoltà di Medicina veterinaria di Napoli Servizi A.A.S.S.L.L. Regione Campania LINEE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE 1 Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Informativa

Dettagli

ATTIVITA DEL SERVIZIO ANNO 2010

ATTIVITA DEL SERVIZIO ANNO 2010 ATTIVITA DEL SERVIZIO ANNO 2010 Introduzione L attività medico-legale presenta alcune caratteristiche peculiari rispetto all attività assistenziale di regola erogata dal Servizio Sanitario Nazionale. Il

Dettagli

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 Gli autori di detto crimine e i proprietari degli immobili,

Dettagli

Adempimenti medico-legali negli infortuni e nelle malattie professionali

Adempimenti medico-legali negli infortuni e nelle malattie professionali SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE CORSO 2010/2013 SEDE DI REGGIO EMILIA Adempimenti medico-legali negli infortuni e nelle malattie professionali Dr. Gianni Gilioli Medico Competente

Dettagli

L argomento. Infestante. Vecchie leggi per le mosche DERATTIZZAZIONE BUONE NORME E LEGGI SPECIFICHE

L argomento. Infestante. Vecchie leggi per le mosche DERATTIZZAZIONE BUONE NORME E LEGGI SPECIFICHE L argomento DERATTIZZAZIONE BUONE NORME E LEGGI SPECIFICHE 1 Infestante. L argomento del corso: gli infestanti urbani d interesse sanitario. infestanti + interesse sanitario. Il termine infestante indica

Dettagli

COMUNE DI MONTAGNAREALE Prouincia di Messina

COMUNE DI MONTAGNAREALE Prouincia di Messina COMUNE DI MONTAGNAREALE Prouincia di Messina orrcrnale q copla fl DELIBERAZIONE DELI.A GIUNTA MUNICIPALE l)elibera n. 98 del 16/10/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PREVENTIVO OFFERTA TELECOM ITALIA NAVIGAZIONE

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ORDINANZA N. ^% del 29 -U,iL Oggetto: Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi depositati in modo incontrollato -

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTA di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI 3 SETTORE Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Ambiente, Territorio, Energia Repertorio generale n. 1493 ORDINANZA n. 165 del 15

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE La cremazione, l'affidamento, la conservazione e la dispersione delle

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 28/11/2008)

Dettagli

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO COMUNALE DI BAGNOLO SAN VITO Art. 1 La

Dettagli

COMUNE DI SINISCOLA. Provincia di Nuoro. ORDINANZA N. 56 del 26.07.2012

COMUNE DI SINISCOLA. Provincia di Nuoro. ORDINANZA N. 56 del 26.07.2012 COMUNE DI SINISCOLA Provincia di Nuoro ORDINANZA N. 56 del 26.07.2012 OGGETTO: ISTITUZIONE DI UN TRATTO DI SPIAGGIA RISERVATA ALL'ACCESSO DEI CANI E LORO CONDUTTORI. VISTO: IL SINDACO - il Decreto del

Dettagli

COMUNE, DI MONTAGNAREALE Prouincia di Messina

COMUNE, DI MONTAGNAREALE Prouincia di Messina COMUNE, DI MONTAGNAREALE Prouincia di Messina orrcrnale fuz COlrn tr DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE l)ehbera n. 53 der 13/07 /20t5 OGGETTO: INTERVENTI DI PULIZIA STRAORDINARIA DEL TERRITORIO COMUNAIE.

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI SCANZOROSCIATE

COMUNE DI SCANZOROSCIATE COMUNE DI SCANZOROSCIATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SCANZOROSCIATE (Approvato con deliberazione di C.C. N. del.) Regolamento videosorveglianza

Dettagli

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013 MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 Bologna, 17 maggio 2013 Chikungunya-Dengue Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli Servizio

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

La prevenzione, il controllo e l eradicazione della rabbia in Europa

La prevenzione, il controllo e l eradicazione della rabbia in Europa La prevenzione, il controllo e l eradicazione della rabbia in Europa Considerando che: (traduzione a cura della redazione di EpiCentro) le raccomandazioni dell Oms e gli standard dell Oie, strumenti importanti

Dettagli

Associazione Progetto Soccorso Animale

Associazione Progetto Soccorso Animale Associazione Progetto Soccorso Animale Abstract Le persone che commettono un singolo atto di violenza su animali sono più portate a commettere altri reati rispetto a coloro che non hanno abusato di animali.

Dettagli

5ffnr6;.* U 6 Q O ART. 1 - OGGETTO DELLA CONVENZIONE. o 1 1z oótr65 443 I. L'unione dei comuni Pratiarcati di Albignasego e casalserugo- c.

5ffnr6;.* U 6 Q O ART. 1 - OGGETTO DELLA CONVENZIONE. o 1 1z oótr65 443 I. L'unione dei comuni Pratiarcati di Albignasego e casalserugo- c. o 1 1z oótr65 443 I CO}N/ENZIONE DI TNCARICO PROFESSIONALE PER REDAZIONE l l til lt il llt I llilll ll l l I ll PROGETTO, PROGETTAZIONE COORDTNAMENTO DELLA SICUREZZA DIREZIONE LAVORI E COLLAUDO FINALE

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

118. 32. PS. 08 ATTIVAZIONE ENTI

118. 32. PS. 08 ATTIVAZIONE ENTI Pagina 1 di 6 Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 15/03/2012 Resp. Protocolli - S. Dami Coord. Inf. R. Montalbano UO Assicurazione Qualità Resp UO EST F. Palumbo Resp. DEU F. Palumbo Pagina 2 di

Dettagli

Ordinanza n. ------------------------------------------------------------

Ordinanza n. ------------------------------------------------------------ Il Presidente Ordinanza n. del Prot. n. ------------------------------------------------------------ - Vista la Costituzione della Repubblica Italiana, e in particolare, gli articoli 32 e 118; - Visto

Dettagli

COMUNE DI SESTU Provincia di Cagliari -------------------------------- COMANDO POLIZIA LOCALE

COMUNE DI SESTU Provincia di Cagliari -------------------------------- COMANDO POLIZIA LOCALE COMUNE DI SESTU Provincia di Cagliari -------------------------------- COMANDO POLIZIA LOCALE Via Verdi 4/6 Tel. 070/260123 - Fax 070/230021 e-mail polizia.municipale@comune.sestu.ca.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe canina informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti

Dettagli

Ordinanza d'esecuzione della legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d'uso (Ordinanza sulle derrate alimentari)

Ordinanza d'esecuzione della legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d'uso (Ordinanza sulle derrate alimentari) 507.00 Ordinanza d'esecuzione della legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d'uso (Ordinanza sulle derrate alimentari) del 8 febbraio 995 (stato gennaio 0) emanata dal Gran Consiglio il 8

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI. Capo I Soggetti assicurati IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITÀ SPORTIVE.

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI. Capo I Soggetti assicurati IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITÀ SPORTIVE. RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. IV, Fasc. 2, 2008 DECRETO 16 APRILE 2008, ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER GLI SPORTIVI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice CAPO I Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Informativa Art. 5 - Accertamenti di illeciti e indagini

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 18/9^ DI INIZIATIVA

PROPOSTA DI LEGGE N. 18/9^ DI INIZIATIVA Consiglio regionale r DI INIZIATIVA del Consigliere MORELLI RECANTE: disciplina in materia funeraria, di edilizia cimiteriale, polizia mortuaria e istituzione delle RELATORE: Francesco Morelli IL DIRIGENTE

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara DELIBERAZIONE N. 77 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AFFIDAMENTO DI URNA CINERARIA. MODALITÀ OPERATIVE L anno duemilasette addì diciassette

Dettagli

OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA AREA DI COMPETENZA DELLA POLIZIA MUNICIPALE.

OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA AREA DI COMPETENZA DELLA POLIZIA MUNICIPALE. OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA AREA DI COMPETENZA DELLA POLIZIA MUNICIPALE. APPROVAZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE Rilevato che l utilizzo di tali sistemi viene

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA I N D I C E

REGOLAMENTO DI GESTIONE E UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA I N D I C E I N D I C E CAPO I Articolo 01 Articolo 02 Articolo 03 PRINCIPI GENERALI Finalità e definizioni Ambito di applicazione Le finalità istituzionali dell impianto di telecontrollo e di videosorveglianza CAPO

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE PROVINCIA DI PAVIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE E TERRITORIO

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE PROVINCIA DI PAVIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE E TERRITORIO COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE PROVINCIA DI PAVIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE E TERRITORIO N. 179 del Reg. Gen.le OGGETTO: N. 52 AMBIENTE E ADESIONE AL MERCATO ELETTRONICO PER TERRITORIO

Dettagli

DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA

DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA CARTA DEI SERVIZI DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA Rev.2 del 03/01/08 Pagina 1 di 11 Indice 1. Presentazione della Carta dei Servizi 2. Principi della

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI 1. Condizioni L autorizzazione all affidamento personale delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n. 1 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: TUTELA DAI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

Oggetto del regolamento

Oggetto del regolamento Regolamento dei criteri procedurali e sanzionatori volti al rispetto dell obbligo di allacciamento fognario degli edifici insistenti nelle aree servite dalla pubblica fognatura generatori di scarichi di

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma IL REGISTRO TUMORI ANIMALI:

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ Tel.070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 Ordinanza n.18 del 27/08/2013 OGGETTO: ORDINANZA

Dettagli

DottssaYîUWry^',/ ùec rc lrc[tpts. u53. '.:-\.tl,', '

DottssaYîUWry^',/ ùec rc lrc[tpts. u53. '.:-\.tl,', ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N.2 "BORROTZU" di scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di 1" grado Via Tolmino,9-08100 NUORO (NU) NUIC87400P Tel. 0784 30230-0784231084 Prot. n" 40871A13 Circ. int.

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura.

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO COMPARTO IGIENE PUBBLICA VIA A. CANTORE N. 20 25128 BRESCIA Tel. 030/3838613 Fax 030/3838710 E-mail:igiene pubblica.comparto@aslbrescia.it Brescia, 06.10.2008 1. LA DIAGNOSI

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO BAILADOR

GRUPPO DI LAVORO BAILADOR GRUPPO DI LAVORO BAILADOR Il sondaggio è concluso, abbiamo superato le 1000 entrate. Ringraziamo tutti coloro che lo hanno compilato e aiutato a farlo. Ringraziamo chi l ha diffuso e l ha fatto conoscere.

Dettagli

Farmacovigilanza Veterinaria

Farmacovigilanza Veterinaria Farmacovigilanza Centro Regionale della Campania Dr.ssa Silvia Cappiello(Phd,DVM) 1. La Farmacovigilanza Che cosa è la farmacovigilanza La parola farmacovigilanza deriva dal greco Pharmakon (veleno-medicina)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 118 (1).

D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 118 (1). D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 118 (1). Attuazione delle direttive n. 81/602/CEE, n. 85/358/CEE, n. 86/469/CEE, n. 88/146/ CEE e n. 88/299/CEE relative al divieto di utilizzazione di talune sostanze ad azione

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

Comune di S auiano REGOLAME,NTO PARCHE,GGI. Proainria di Napoli

Comune di S auiano REGOLAME,NTO PARCHE,GGI. Proainria di Napoli Comune di S auiano Proainria di Napoli REGOLAME,NTO PARCHE,GGI Approvato dalla I^ commissione A ffari generali n data 24.08.2015 Approvato dal Consiglio comunale con delibeta n. 26 del25.08.201.5 Ripubblicato

Dettagli

Albo Nazionale Gestori Ambiertali SEZIONE PROVINCTALf, DI TRENTO istituita presso ìa Camera di Commercio lndustria Artigianato e Agricolrura di TRENTO Via Calepina, l3 Dìgs lj2106 --+ a9 Iscrizione N:

Dettagli

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali.

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. Dr Salvatore Iannuzzi Dirigente medico di I livello, Centro Medico legale INAIL Catania

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO - Art. 2 NORME DI RIFERIMENTO - Art.

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

persone mentre l art. 844 del codice civile regola, tra le altre, le immissioni rumorose nel fondo

persone mentre l art. 844 del codice civile regola, tra le altre, le immissioni rumorose nel fondo NORMATIVA IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO Introduzione La materia relativa all inquinamento acustico trova copertura normativa in diversi ambiti del diritto. L art. 659 del codice penale sanziona,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

DISCARICA ABUSIVA / RIFIUTI ABBANDONATI

DISCARICA ABUSIVA / RIFIUTI ABBANDONATI DISCARICA ABUSIVA / RIFIUTI ABBANDONATI Di seguito elencati i diversi facsimili di denuncia: Al Presidente della Provincia di Tanto si segnala, affinché la Provincia possa compiere gli accertamenti ad

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.. 348. del 04.07.2013.. OGGETTO: Pagamento accreditamento Corsi ECM La presente deliberazione

Dettagli

ORGANI DI CONTROLLO E DI VIGILANZA

ORGANI DI CONTROLLO E DI VIGILANZA ORGANI DI CONTROLLO E DI VIGILANZA Il rispetto della normativa in materia di igiene e sicurezza del lavoro è garantito: Dal controllo degli organismi interni preposti (primo livello di prevenzione). Dagli

Dettagli

All'Albo dell'istituto

All'Albo dell'istituto E ISTITUTO PROFESSIONALE PER L'INDUSTRIA E L'ARTIGIANATO " ARCHIMEDE " Via G. Bonfiglio,44-92022 Cammarata (AG.) Tel.0922-909401 Fa,x 0922-901268 - C.F. e P. M: 80006570842 Sito web: ipiaarchimede.it -

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli