DELIBERAZIONE N IX / 1797 Seduta del 31/05/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N IX / 1797 Seduta del 31/05/2011"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N IX / 1797 Seduta del 31/05/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI MASSIMO BUSCEMI RAFFAELE CATTANEO ROMANO COLOZZI ALESSANDRO COLUCCI GIULIO DE CAPITANI ROMANO LA RUSSA CARLO MACCARI STEFANO MAULLU MARCELLO RAIMONDI MONICA RIZZI GIOVANNI ROSSONI DOMENICO ZAMBETTI Con l'assistenza del Segretario Marco Pilloni Su proposta del Presidente Roberto Formigoni di concerto con il Vice Presidente Andrea Gibelli e l'assessore Giovanni Rossoni Oggetto DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI INTERVENTO A RETE PER L AFFIANCAMENTO ALLE IMPRESE IN DIFFICOLTA (R.A.I.D.) - (DI CONCERTO CON IL VICE PRESIDENTE GIBELLI E L'ASSESSORE ROSSONI) I Dirigenti Francesco Maria Foti Giuseppe Di Raimondo Metallo I Direttori Generali Maria Pia Redaelli Francesco Baroni Il Segretario Generale Nicolamaria Sanese Il Direttore Centrale Giusy Panizzoli L'atto si compone di 28 pagine di cui 19 pagine di allegati parte integrante

2 VISTI gli orientamenti comunitari in materia di sostegno e rilancio dell economia che a partire dalla Strategia di Lisbona hanno individuato finalità, obiettivi e strumenti finalizzati a favorire l occupazione, lo sviluppo economico e la coesione sociale nel contesto di un'economia fondata sulla conoscenza, in grado di coniugare la crescita con nuovi e migliori posti di lavoro; RICHIAMATA, in particolare la comunicazione della Commissione europea del 25 giugno 2008 (COM(2008) 394 definitivo), recante Una corsia preferenziale per la piccola impresa alla ricerca di un nuovo quadro fondamentale per la Piccola Impresa con la quale la Commissione ha varato una nuova e ambiziosa iniziativa politica, lo Small Business Act per l'europa (SBA), nell'intento di porre le PMI al centro dei processi decisionali, rafforzare le loro potenzialità di creazione di posti di lavoro nell'ue e promuoverne la competitività nel mercato unico e sui mercati Mondiali e la successiva Comunicazione sul riesame dello Small Business Act per l Europa (COM(2011)0078) con la quale sono state rilanciate una serie di misure/azioni nuove e rinnovate per far fronte alle sfide inerenti all adeguata attuazione dei principi dello SBA; VISTA la L.R. 2 febbraio 2007, n.1 Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia che prevede tra i suoi obiettivi la gestione delle crisi aziendali e settoriali e, in particolare: l art. 1 comma 1 lett. e) ai sensi del quale Regione Lombardia, per la gestione delle crisi promuove e sostiene, anche attraverso l istituzione di un apposito nucleo operativo: a) il monitoraggio e la prevenzione delle crisi aziendali e di settore; b) il recupero dell attività imprenditoriale e la salvaguardia dell occupazione; c) la riconversione produttiva ed occupazionale; l art. 2 comma 1 lett. f) che prevede quale strumento per l attuazione degli obiettivi della legge regionale l informazione che consiste nel rendere disponibile a tutte le imprese la conoscenza delle migliori condizioni per lo sviluppo, le pari opportunità e la concorrenza leale; l art.3 comma 1 lett.a) che prevede la stipula di specifici accordi con soggetti istituzionali ed economico sociali quale modalità di attuazione della legge regionale; 1

3 VISTA la L.R. 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia con cui la Regione attua gli interventi finalizzati a promuovere lo sviluppo occupazionale e a favorire le condizioni che rendono effettivo il diritto al lavoro, ed in particolare: l art. 29 Azioni per fronteggiare situazioni di crisi occupazionali comma 1 ai sensi del quale la Regione, con il concorso delle province, delle C.C.I.A.A., degli altri enti locali interessati e delle parti sociali, realizza e sostiene azioni di sistema volte a: a) contrastare le situazioni di crisi aziendale e limitarne l'impatto sul territorio e sui livelli occupazionali; b) contribuire a difendere e promuovere il patrimonio produttivo regionale e le relative risorse umane, professionali e imprenditoriali; c) coordinare gli interventi di prevenzione e contrasto delle crisi; d) concorrere all'individuazione di soluzioni, anche imprenditoriali, per salvaguardare l'occupazione e il patrimonio produttivo di conoscenze e competenze; e) sostenere approcci innovativi nella gestione delle ristrutturazioni rafforzando la capacità di adattamento e di anticipazione di lavoratori e lavoratrici, imprese e istituzioni; RICHIAMATO l Accordo quadro sugli ammortizzatori sociali in deroga in Lombardia 2011 del 25 febbraio 2011 siglato tra Regione Lombardia e le parti sociali lombarde, in cui vengono definite le nuove regole che garantiranno, anche per il 2011, la protezione sociale dei lavoratori che sono colpiti da sospensioni e cessazioni dell'attività produttiva; DATO ATTO conseguentemente che attraverso l Agenzia regionale per l Istruzione, la Formazione ed il Lavoro (ARIFL), mediante le misure introdotte a sostegno dell occupazione, nel 2010 sono state supportate le aziende in situazione di crisi, svolgendo: pratiche per mobilità esami congiunti per mobilità esami congiunti per l accesso alla cassa integrazione straordinaria (CIGS) pratiche per l accesso alla cassa integrazione in deroga (CIGD) esami congiunti per l accesso alla cassa integrazione in deroga 2

4 - 79 approfondimenti su casi particolarmente critici; RICHIAMATI i decreti del Segretario Generale della Giunta Regionale: n del Nucleo Operativo per la gestione delle crisi aziendali e di settore ai sensi dell art.1, comma 1 lett.e) della l.r. 2 febbraio 2007, n.1 Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia ; n del Determinazioni in merito al Nucleo Operativo per la gestione delle crisi aziendali e di settore ai sensi dell art.1, comma 1 lett.e) della l.r. 2 febbraio 2007, n.1 Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia ; n del Determinazioni in merito al Nucleo Operativo per la gestione delle crisi aziendali e di settore ai sensi dell art.1, comma 1 lett.e) della l.r. 2 febbraio 2007, n.1 Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia costituito con decreto del S.G. n del e successivo decreto n del ; PRESO ATTO che il suddetto Nucleo Operativo: ha svolto da una parte attività di coordinamento delle funzioni regionali e del sistema regionale che contribuiscono al sostegno delle imprese in difficoltà e dall altra di supporto al confronto con le parti sociali e i soggetti istituzionali per l adozione di misure di politiche del lavoro; ha affrontato rilevanti crisi aziendali nel settore manifatturiero, dei trasporti e dei servizi contribuendo da una parte al confronto con le parti sociali e dall altra al supporto ai soggetti del sistema regionale nella sottoscrizione di accordi nella conseguente organizzazione di tavoli di monitoraggio. VISTO il Programma Regionale di Sviluppo della IX Legislatura, approvato con D.C.R. n. IX/56 el 28 settembre 2010 che, nell'ambito delle aree economica e sociale prevede la realizzazione di interventi finalizzati a valorizzare le potenzialità del territorio lombardo, in termini di miglioramento della competitività del sistema economico e produttivo (Programma Operativo n.1: Sostegno all'imprenditorialità, PMI e reti) e la costruzione di un modello di Governance istituzionale e sociale 3

5 innovativo e integrato nelle modalità e negli attori, improntato ai principi di partecipazione, corresponsabilità e trasparenza, quale elemento determinante per riavviare il sistema economico e produttivo lombardo (Programma Operativo n.14: La centralità del lavoro tutele, opportunità e responsabilità). RICHIAMATA la Dgr n.1379 del 25 febbraio 2011 avente ad oggetto: Presa d atto della comunicazione del Presidente Formigoni relativa alle politiche per la competitività e relazione con il sistema camerale che al fine di favorire il rilancio dell economia lombarda individua tra l altro la Costituzione di una rete per l accompagnamento delle aziende in difficoltà (RAID). DATO ATTO, inoltre che, al fine di attuare gli obiettivi sopra indicati, è stato avviato un percorso di approfondimento dedicato in particolare allo studio di interventi per una gestione efficace delle crisi aziendali a partire dall analisi delle attuali attività svolte dal Nucleo Operativo, del modello di gestione delle crisi aziendali utilizzato a livello nazionale e del sistema francese che si contraddistingue per tradizione, efficacia e approccio sussidiario. PRESO ATTO dello Studio di fattibilità di un modello operativo di supporto alle crisi aziendali in una logica di sviluppo di cui all allegato n.1 che costituisce parte integrante al presente provvedimento. RILEVATO, in particolare, che gli approfondimenti condotti in relazione alla tematica delle strategie di risanamento delle crisi aziendali hanno evidenziato la necessità di assicurare un approccio operativo che tenga conto dei seguenti requisiti: individuare tempestivamente i segnali di difficoltà aziendale creando le condizioni per poter intervenire prima che la crisi divenga irreversibile; sostenere e accompagnare gli imprenditori con un azione di informazione e formazione in merito alle modalità più opportune per la gestione delle situazioni di difficoltà; garantire la piena responsabilizzazione delle imprese che accedano ai servizi, operando con un ruolo di coordinamento e affiancamento istituzionale; analizzare le cause della crisi per poter identificare azioni adeguate e corrispondenti alle reali necessità delle imprese e per poter ricercare tempestivamente le vie di rilancio; 4

6 coinvolgere tutti gli attori implicati nella situazione di difficoltà per assicurare una corretta informazione e stimolare la corresponsabilità nelle azioni di rilancio nel pieno rispetto del ruolo di ciascuno. RITENUTO di sperimentare, in attuazione degli artt.1 co.1 lett.e), 2 co.1 lett.f) e 3 co.1 lett.a) della L.1/2007, un modello di intervento capace di soddisfare i requisiti sopra riportati ed in particolare: organizzato in forma di rete al fine di coinvolgere non solo le specifiche competenze regionali in grado di supportare le aziende con gli strumenti finanziari e con le politiche attive e passive del lavoro nei limiti delle disponibilità, delle condizioni di accesso e della normativa comunitaria in termini di aiuti di stato, ma anche i soggetti istituzionali ed economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà; orientato a svolgere un ruolo di informazione, formazione, analisi tecnica e promozione del confronto. Tale modello denominato RAID (Rete di affiancamento delle Imprese in Difficoltà) è più approfonditamente descritto nell allegato n.2 che costituisce parte integrante al presente provvedimento. RITENUTO che, in attuazione delle citate disposizione della l.r.1/2007, con tale modello di intervento la Giunta regionale: non intende istituire una nuova funzione, né disciplinare un procedimento amministrativo finalizzato all adozione di uno specifico provvedimento; garantisce l accesso al servizio a tutte le imprese che ne facciano richiesta, se comprese nelle tipologie indicate nell allegato 2; persegue l obiettivo di facilitare il confronto con soggetti istituzionali e economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà; promuove l adozione dei nuovi strumenti del diritto fallimentare nella piena autonomia e responsabilità dell impresa; assicura l affiancamento alle imprese in difficoltà nel progressivo confronto 5

7 con i citati soggetti istituzionali ed economici, in coerenza con i risultati delle analisi tecniche regionali e dei soggetti coinvolti. RITENUTO, opportuno, a tal fine di prevedere che RAID operi attraverso una struttura tecnica a due livelli come meglio descritto all allegato 2: Comitato Guida che è composto dai Direttori della Giunta e del Sistema e da opportuni rappresentanti degli enti pubblici che verranno successivamente coinvolti; Nucleo Operativo che è composto da figure con specifiche competenze di gestione d azienda, coadiuvato secondo necessità da rappresentanti del sistema regionale ed eventualmente integrato da professionalità esterne. DATO ATTO che: con successivo provvedimento dirigenziale verrà specificata la composizione del Comitato Guida e del Nucleo Operativo; al fine di garantire il coinvolgimento di tutti i soggetti competenti ad adottare i provvedimenti necessari al sostegno delle imprese in difficoltà la Giunta Regionale potrà sottoscrivere accordi con soggetti istituzionali e economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà. RITENUTO pertanto, opportuno, approvare il suddetto modello di intervento di sostegno al sistema economico e produttivo lombardo, attraverso l istituzione in via sperimentale di RAID. DATO ATTO CHE, con successivi provvedimenti si procederà all ulteriore definizione e sviluppo del suddetto modello, anche in considerazione del monitoraggio e delle risultanze del processo di accompagnamento aziendale individuato. VISTA la l.r. 7 luglio 2008 n. 20, Testo Unico in materia di organizzazione e personale, ed i Provvedimenti Organizzativi della IX Legislatura; 6

8 DELIBERA Per i motivi espressi in premessa: 1. di prendere atto dello Studio di fattibilità di un modello operativo di supporto alle crisi aziendali in una logica di sviluppo di cui all allegato n.1 che costituisce parte integrante del presente provvedimento; 2. di istituire, in attuazione degli artt.1 co.1 lett.e), 2 co.1 lett.f) e 3 co.1 lett.a) della L.r.1/2007, in via sperimentale, la Rete per l affiancamento alle imprese in difficoltà (R.A.I.D.) di cui all allegato n. 2 che costituisce parte integrante del presente provvedimento, con le seguenti caratteristiche: organizzato in forma di rete al fine di coinvolgere non solo le specifiche competenze regionali ma anche i soggetti istituzionali ed economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà; orientato a svolgere un ruolo di informazione, formazione, analisi tecnica e promozione del confronto. 3. di stabilire che, in attuazione delle citate disposizione della l.r.1/2007, con tale modello di intervento la Giunta Regionale: non intende istituire una nuova funzione, né disciplinare un procedimento amministrativo finalizzato all adozione di uno specifico provvedimento; garantisce l accesso al servizio a tutte le imprese che ne facciano richiesta, se comprese nelle tipologie indicate nell allegato 2; persegue l obiettivo di facilitare il confronto con soggetti istituzionali e economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà; promuove l adozione dei nuovi strumenti del diritto fallimentare nella piena autonomia e responsabilità dell impresa; assicura l affiancamento alle imprese in difficoltà nel progressivo 7

9 confronto con i citati soggetti istituzionali ed economici, in coerenza e nei limiti dei risultati delle analisi tecniche regionali e del confronto con i soggetti coinvolti; 4. di rinviare ai provvedimenti dirigenziali la specifica composizione del Comitato Guida e del Nucleo Operativo nei termini e limiti indicati dal presente provvedimento aggiornando le disposizioni di cui al citato decreto del Segretario generale n del Determinazioni in merito al Nucleo Operativo per la gestione delle crisi aziendali e di settore ; 5. di prevedere che al fine di garantire il coinvolgimento di tutti i soggetti competenti ad adottare i provvedimenti necessari al sostegno delle imprese in difficoltà, la Giunta Regionale potrà sottoscrivere accordi con soggetti istituzionali e economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà in coerenza con l art.3 co.1 lett.a) della l.r.1/07. IL SEGRETARIO MARCO PILLONI 8

10 Allegato 2 alla DGR. ALLEGATO 2 - RAID - Rete di Affiancamento alle Imprese in Difficoltà 1. Missione 2. Linee guida operative 3. Organizzazione 1. Missione La missione di RAID è quella di contribuire al rilancio e alla duratura operatività delle imprese lombarde in situazione di difficoltà. RAID, in attuazione della l.r. 1/2007 che prevede la costituzione di un nucleo operativo per monitorare e prevenire le crisi aziendali, recuperare l attività imprenditoriale, salvaguardare l occupazione e favorire la riconversione industriale, opera attraverso la mobilitazione e la responsabilizzazione degli organi di governo dell impresa e di tutti i soggetti pubblici e privati (istituti finanziari, clienti, fornitori e dipendenti) interessati a preservarne il valore economico e produttivo. RAID si configura come una modalità di intervento: organizzata in forma di rete al fine di coinvolgere non solo le specifiche competenze regionali in grado di supportare le aziende con gli strumenti finanziari e con le politiche attive e passive del lavoro nei limiti delle disponibilità, delle condizioni di accesso e della normativa comunitaria in termini di aiuti di stato, ma anche i soggetti istituzionali ed economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà; orientata a svolgere un ruolo di informazione, formazione, analisi tecnica e promozione del confronto. In particolare intende: aiutare l azienda e l imprenditore che chiedono assistenza ad individuare i segnali di difficoltà per poter intervenire prima che la crisi divenga irreversibile; sostenere e accompagnare gli imprenditori con un azione di informazione e formazione in merito alle modalità più opportune per la gestione delle situazioni di difficoltà; garantire la piena responsabilizzazione delle imprese che accedano ai servizi, operando con un ruolo di coordinamento e affiancamento istituzionale; 1

11 Allegato 2 alla DGR. analizzare le cause della crisi per poter identificare azioni adeguate e corrispondenti alle reali necessità delle imprese e per poter ricercare tempestivamente le vie di rilancio; coinvolgere tutti gli attori implicati nella situazione di difficoltà per assicurare una corretta informazione e stimolare la corresponsabilità nelle azioni di rilancio nel pieno rispetto del ruolo di ciascuno. Inoltre, RAID: non intende istituire una nuova funzione, né disciplinare un procedimento amministrativo finalizzato all adozione di uno specifico provvedimento; persegue l obiettivo di facilitare il confronto con soggetti istituzionali e economici titolari di atti o provvedimenti in grado di far fronte ai casi di difficoltà; promuove l adozione dei nuovi strumenti del diritto fallimentare nella piena autonomia e responsabilità dell impresa; assicura l affiancamento alle imprese in difficoltà nel progressivo confronto con i citati soggetti istituzionali ed economici, in coerenza con i risultati delle analisi tecniche regionali e dei soggetti coinvolti. RAID opera nel pieno rispetto dei seguenti principi fondamentali: - neutralità rispetto alla responsabilità di ciascun soggetto coinvolto: RAID è disponibile a lavorare con tutti i soggetti pubblici e privati che intendono contribuire al salvataggio dell impresa; - rispetto del principio di concorrenza; - corresponsabilità nell attuazione delle azioni di supporto: la responsabilità degli organi dell impresa e degli altri soggetti coinvolti è indispensabile per favorire il rilancio delle imprese: l intervento di RAID è sussidiario; - riservatezza in merito all azione di rilancio e di ristrutturazione: RAID assicura il pieno rispetto della riservatezza delle informazioni raccolte e dei soggetti coinvolti nel piano di rilancio; - trasparenza delle informazioni condivise: l azione di RAID si basa sulla fondatezza, sulla veridicità e sulla trasparenza delle informazioni fornite dalle imprese e dagli altri soggetti coinvolti. 2. Linee guida operative RAID interviene su specifica richiesta dell impresa; chiunque può segnalare al Nucleo Operativo situazioni di difficoltà ma il Nucleo Operativo si attiva solo su 2

12 Allegato 2 alla DGR. richiesta di supporto da parte degli organi di governo dell impresa rendendosi disponibile ad un primo incontro entro 48 ore. Dato il carattere sperimentale di RAID, al fine di garantire adeguati livelli di servizio, in relazione al numero di richieste di supporto ricevute dalle aziende, potranno essere definite specifiche priorità di intervento basate su specifici elementi tra i quali: numero di dipendenti, fatturato, ricadute sull indotto locale, strategicità del settore, stato della crisi, procedure concorsuali in essere. Il Nucleo Operativo, attraverso un analisi approfondita della situazione ed il colloquio con gli organi di governo dell impresa, verifica la possibilità di un efficace supporto. Nel caso in cui il Nucleo Operativo decida di proseguire nell azione di supporto, l impresa deve sottoscrivere un atto unilaterale con i seguenti elementi essenziali: - autorizzazione al trattamento dei dati come previsto dal Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali ; - trasparenza nella condivisione di tutte le informazioni funzionali all analisi della situazione di difficoltà e all identificazione delle opportunità di rilancio; - presa d atto del ruolo di RAID ed in particolare del fatto che l affiancamento di RAID non modifica in alcun modo le responsabilità dell impresa in merito alla gestione aziendale, alla gestione dei rapporti con i singoli soggetti che partecipano a RAID e all attuazione di nuove attività derivanti dall affiancamento di RAID; - autorizzazione al coinvolgimento anche di altri soggetti il cui contributo è ritenuto utile alla definizione e alla realizzazione del piano di rilancio o di ristrutturazione; - l affiancamento di RAID non costituisce titolo per il rimborso di spese o costi derivanti da dalle attività di tale affiancamento. RAID, quindi, non si sostituisce in alcun modo all impresa e ai vari soggetti coinvolti e non ha nessuna delega per poter operare e prendere decisioni specifiche in merito alla definizione e alla realizzazione del piano di rilancio o di ristrutturazione. Successivamente alla sottoscrizione dell atto, il Nucleo Operativo potrà avviare le attività di affiancamento. 3

13 Allegato 2 alla DGR. RAID può stipulare accordi con altri soggetti pubblici e privati per definire modalità di raccordo che facilitino l esecuzione delle attività. Attraverso il coinvolgimento di tali soggetti, RAID potrà, in particolare: 1. diventare, a tendere, il punto di interfaccia unico e privilegiato per l impresa in difficoltà, per tutti i contatti che questa deve avere con le amministrazioni pubbliche; 2. creare affidamento pubblico nella certificazione del valore di organizzazione e di avviamento dell impresa; 3. aiutare ad acquisire il consenso dei diversi soggetti coinvolti (proprietà, banche, dipendenti, fornitori) sulla diagnosi dei fattori di crisi e favorire la concertazione sul risanamento dell impresa attraverso misure di ristrutturazione; 4. favorire la ricerca di soluzioni per conservare il valore di avviamento dell impresa e tutelare i livelli occupazionali diretti e indiretti (indotto); 5. monitorare dall interno le situazioni di crisi per orientare le politiche di Regione Lombardia, individuare nuovi strumenti di supporto finanziario e introdurre nuove politiche attive che integrino le tradizionali misure di mitigazione dell impatto sociale, secondo il principio di responsabilizzazione dell azienda e dei lavoratori. Il Nucleo Operativo relaziona periodicamente al Comitato Guida. 3. Organizzazione RAID opera attraverso una struttura tecnica a due livelli: Comitato Guida che è composto dai Direttori della Giunta e del Sistema regionale e da opportuni rappresentanti degli enti pubblici che verranno successivamente coinvolti. Il Comitato Guida dovrà assicurare il corretto funzionamento di RAID attraverso: - L attuazione degli indirizzi della Giunta; - la disponibilità ed il tempestivo supporto delle competenze delle proprie strutture; - il coinvolgimento di altri soggetti utili all operatività di RAID; 4

14 Allegato 2 alla DGR. - il monitoraggio delle attività e dei risultati de Nucleo Operativo anche al fine dell aggiornamento periodico della Giunta. Nucleo Operativo che svolge un ruolo di attuazione dei servizi ed è composto da figure con specifiche competenze di gestione d azienda, coadiuvato secondo necessità da rappresentanti del sistema regionale. ed eventualmente integrato da professionalità esterne. Resta fermo che le professionalità esterne, cui possono riferirsi le competenze utili all'operatività di RAID di cui al punto precedente, dovranno essere reperite direttamente dagli enti SIREG componenti il Comitato Guida nel rispetto della normativa vigente, con particolare riferimento alla DGR 1151 del 29/12/2010 "Determinazioni per i soggetti del sistema regionale per l'anno 2011". Il Nucleo Operativo opera nell ambito della Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione ed e caratterizzato dalla seguente struttura organizzativa: Responsabile Nucleo Operativo Sistema Regionale Team Analisi e Supporto Professionalità esterne Il team di analisi e supporto sarà composto da figure con specifiche competenze di gestione aziendale e di gestione delle situazioni di crisi aziendali. Il team di analisi e supporto, coordinato dal responsabile del Nucleo Operativo avrà il compito di: - gestire la comunicazione dei servizi di supporto offerti da RAID; - gestire i rapporti con le imprese che chiedono il supporto di RAID ed in particolare incontrare le imprese, illustrare le modalità di supporto, valutare lo stato della situazione, pianificare le attività di analisi; - analizzare la situazione di difficoltà, anche attraverso interviste con i diversi soggetti coinvolti ; - contribuire alla definizione e alla negoziazione del piano di rilancio attraverso il coordinamento dei soggetti che compongono RAID; - monitorare gli sviluppi del piano di rilancio. 5

15 Allegato 1 alla DGR ALLEGATO 1 - Studio di fattibilità di un modello operativo di supporto alla gestione delle crisi aziendali in una logica di sviluppo 1. Introduzione 2. Le dimensioni della crisi in Lombardia 3. Il contesto di riferimento regionale e nazionale 3.1. Il Nucleo Operativo regionale per la gestione delle crisi aziendali e di settore 3.2. Collaborazioni con strutture ministeriali in relazione alle situazioni di crisi aziendale 3.3. L attività del Ministero dello Sviluppo Economico in materia di crisi aziendali 4. Il modello francese: CIRI 1. Introduzione Il sistema produttivo e industriale lombardo si è caratterizzato per l elevata resilienza dimostrata nell affrontare la violenta crisi che ha toccato l intera economia occidentale nell biennio ; ciò nonostante sono state registrate pesanti perdite in termini di numero e valore delle imprese che hanno cessato l attività. La crisi, inoltre, ha influito sul sistema produttivo regionale inducendo in esso profondi cambiamenti. In particolare un rilevante numero di aziende storiche (soprattutto nel settore manifatturiero) ha chiuso e, sebbene il bilancio della natimortalità delle imprese sia attivo, il valore della produzione e dell occupazione sono diminuiti significativamente; solo con il primo trimestre 2011 si sta assistendo ad una debole ripresa. In questo scenario, Regione Lombardia si è trovata ad affrontare significative sfide fra cui la revisione delle politiche di supporto alle imprese per poter contribuire al contenimento delle perdite e per promuovere e supportare il rilancio dell economia. Particolare attenzione è stata posta alle gestione delle crisi aziendali, focalizzando gli sforzi operativi ed economici sulle azioni di assistenza ai lavoratori quale modalità privilegiata per affrontare una vera e propria emergenza. Da tale esperienza è emersa l esigenza di poter integrare le politiche passive con nuove politiche attive capaci di coniugare il contenimento della crisi con azioni di supporto al rilancio e allo sviluppo delle imprese. 1

16 Allegato 1 alla DGR Si è infatti constatato che le tradizionali e molteplici misure per le imprese, rivolte principalmente a promuovere le eccellenze, poco consentivano in termini di supporto alle aziende in difficoltà. Tale constatazione ha creato le premesse per un rinnovato impegno nella progettazione di nuove modalità di supporto coerenti con il contesto. 2. Le dimensioni della crisi in Lombardia La crisi produttiva, determinata dalla riduzione della domanda internazionale e del fatturato estero delle imprese rischia di ridisegnare il panorama produttivo attuale espellendo dal mercato le imprese meno efficienti, ma anche di mettere in difficoltà quelle imprese che, avendo avviato negli anni scorsi profondi processi di ristrutturazione industriale, non riescono a far fronte agli impegni presi. La riduzione dei livelli di produzione (l indice di produzione industriale ha fatto registrare una contrazione di quasi 20 punti percentuali) ha determinato una drastica contrazione dei fatturati delle imprese che a sua volta si è tradotta in una riduzione generalizzata dell impiego di forza lavoro, con il ricorso alla cassa integrazione guadagni o con la messa in mobilità dei lavoratori. In effetti l avvio della crisi produttiva è coinciso con un ricorso generalizzato agli strumenti di sostegno al reddito e, in particolare, agli ammortizzatori sociali (CIG, CIGS e CIGO) che nel biennio hanno consentito di mitigare gli effetti sociali della crisi, evitando la fuoriuscita dal mercato del lavoro di lavoratori qualificati. In Lombardia, solo nel 2010, le ore di cassa integrazione guadagni autorizzate sono nel complesso più di 314 milioni, un valore sette volte superiore a quello del In termini di unità di lavoro a tempo pieno, il monte ore di CIG autorizzata nel 2010 corrisponde a circa unità. Facendo una proporzione con gli addetti presso le imprese (poco più di 4 milioni), si può stimare che le ore autorizzate di CIG abbiano interessato circa un addetto ogni venti. 2

17 Allegato 1 alla DGR Tabella 1. Totale ore di cassa integrazione autorizzate in Lombardia Ordinaria Straordin aria Deroga Totale ,325, ,475, 181 3,697, ,498, ,956, ,835, 066 3,491, ,282, ,558, ,478, 902 3,174, ,212, ,993, ,802, 607 4,492, ,289, ,803, ,237, ,858, ,899, ,101, ,454, ,720, ,277, 391 Aprile Lo stesso aumento della cassa integrazione straordinaria che nel 2010 ha superato per ammontare di ore autorizzate la Cassa ordinaria, evidenzia come lo stato di difficoltà in cui versano molte imprese non sia transitorio ma strutturale. La cassa integrazione straordinaria è lo strumento utilizzato per i casi di crisi non congiunturale (a cui è dedicata la cassa ordinaria) ma strutturale che possano essere ricondotte a crisi dell'azienda, del settore o a ristrutturazione e chiusura delle unità produttive. Sebbene nei primi mesi del 2011 le ore di cassa integrazione autorizzate mostrino segnali di flessione, la rilevanza della CIG straordinaria che ancora oggi costituisce circa il 57% delle ore autorizzate, segnala come la durata della crisi economica abbia fortemente inciso sulle posizioni produttive e finanziarie di molti settori industriali. La riduzione dell impiego di forza lavoro da parte delle imprese ha comportato un aumento del numero di disoccupati. Nel 2010 il numero di persone in cerca di occupazione in Lombardia è stato in media di 253 mila unità, in forte crescita rispetto al dato del 2008 (168 mila unità). Tale incremento si deve quasi interamente alla crescita della componente dei disoccupati con precedenti esperienze lavorative verosimilmente formata da lavoratori espulsi dal mercato del lavoro che necessitano di essere ricollocati. 3

18 Allegato 1 alla DGR Tabella 2. Occupati e disoccupati in Lombardia nel triennio (dati in migliaia) Occu pati Disoccupati con precedenti esperienze lavorative Disoccupati senza precedenti esperienze lavorative Totale disoccu pati Totale Forze lavoro I Trimestre 4, ,477 II Trimestre 4, ,538 III Trimestre 4, ,527 IV Trimestre 4, ,535 I Trimestre 4, ,515 II Trimestre 4, ,570 III Trimestre 4, ,515 IV Trimestre 4, ,573 I Trimestre 4, ,570 II Trimestre 4, ,545 III Trimestre 4, ,450 IV Trimestre 4, ,541 Gli effetti della crisi hanno interessato non solo il mercato del lavoro ma anche il sistema delle imprese. Infatti tende a calare il numero delle iscrizioni e cancellazioni al registro delle imprese nella fase più acuta della crisi. Le iscrizioni invertono il trend nel 2010, anno in cui il numero delle imprese attive aumenta arrivando a toccare le 823 mila unità. Tale incremento nasconde significative differenze tra settori e territori. Si rafforza la presenza delle società di capitale rispetto alle società di persone e alle ditte individuali 4

19 Allegato 1 alla DGR Tabella 3. Numero di imprese attive per forma giuridica Società di capitali Società di persone Ditte individuali Altre forme TOTALE La crescita delle società di capitale, favorita dal quadro legislativo attuale, risponde da una parte alla necessità degli imprenditori di riparare il patrimonio personale dal rischio imprenditoriale, dall altra rappresenta uno strumento più efficace e flessibile per gestire i passaggi di mano della società, o eventuali operazioni di acquisizione e fusione. Allo stesso tempo la diffusione di questa forma giuridica indica un irrobustimento patrimoniale e finanziario delle imprese, indispensabile per accedere al credito bancario. A livello territoriale si registrano saldi positivi e tassi di crescita significativi, superiori all 1%, nelle provincie di Milano (2,2%), Monza-Brianza (1,8%), Bergamo (1,3%), Como e Varese (1,2%) e Brescia (1,1%). A Milano, è il ridotto tasso di mortalità (4,6%) a determinare il risultato positivo, mentre nella provincia di Monza è l effetto di un tasso di natalità superiore alla media (7,3%) e fra i più alti dell anno. Tassi di crescita positivi si registrano anche nelle provincie di: Cremona e Pavia (+0,9%), Lecco (+0,8%) e Mantova (+0,6%). Sul versante negativo si segnalano Sondrio (-0,5%) e Lodi (-0,1%). Anche i dati forniti dall Agenzia Regionale per l Istruzione, la Formazione ed il Lavoro (ARIFL) sugli ammortizzatori sociali gestiti a livello locale evidenziano la recrudescenza della crisi economica. 5

20 Allegato 1 alla DGR Tabella 4. Attività su ammortizzatori ANNO PRATICHE MOBILITA ATTIVITA' SU AMMORTIZZATORI ESAMI CONGIUNTI MOBILITA ESAMI CONGIUNTI CIGS PRATICHE CIG DEROGA ESAMI CONGIUNTI CIG DEROGA Le vertenze svolte in Arifl per le aziende che hanno richiesto cassa integrazione straordinaria sono state nel corso del 2010, con il coinvolgimento di circa lavoratori. Si tratta solo di una parte dei lavoratori coinvolti dalla cassa, poiché, come noto, altri lavoratori sono stati coinvolti dalla cassa ordinaria oppure dalla deroga o da crisi multiregionali o di alcuni settori che vengono esaminate in sede ministeriale. Il raffronto tra le imprese attive per settore nel III trimestre 2010 rispetto all anno precedente, mostra come alcuni settori come agricoltura, attività manifatturiere, trasporto, abbiano assistito ad un calo mentre altri settori come l energia, agenzie viaggi, istruzione e attività artistiche siano cresciute. Tale dato va comunque visto alla luce del saldo occupazione e disoccupazione che nell ultimo triennio ha assistito ad un aumento generalizzato della disoccupazione (tabella 2). 6

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli