Biblioteca Comunale di Cassano RICETTARIO DELLA MEMORIA INCONTRI DI SCRITTURA CREATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biblioteca Comunale di Cassano RICETTARIO DELLA MEMORIA INCONTRI DI SCRITTURA CREATIVA"

Transcript

1 Biblioteca Comunale di Cassano RICETTARIO DELLA MEMORIA INCONTRI DI SCRITTURA CREATIVA GENNAIO - FEBBRAIO

2 RACCOLTA ESERCITAZIONI CORSISTI 2012 Cassano d Adda Aprile 2013 Durante gli incontri che si sono svolti lo scorso gennaio alla biblioteca di Cassano d Adda abbiamo provato a riscoprire la bellezza creativa della parola quotidiana. Lo abbiamo fatto giocando con le parole, trovandone di nuove, restituendo vigore a quelle usate abitualmente, amandole per tutte le possibilità che ci consentono. Un percorso che ha accesso nuovo interesse e curiosità per la lingua e ci ha regalato immagini, emozioni e testimonianze. Ognuno ha fatto questo cammino in modo personale, meravigliosamente personale, come potrete leggere in questa raccolta in cui, per esempio, un afrodisiaca zuppa di pesce diventa un rito carico di passioni e di promesse che dureranno una vita intera, oppure le castagne - principale fonte di nutrimento per un bambino sfollato durante la seconda guerra mondiale si trasformano in proiettili di sanguinose battaglie, biglie, pupazzi, cinture, borsellini, corone, gonnelline. E magia? No, sono ricordi evocati con grande intensità, la stessa che potrete ritrovare nel racconto del pranzo di famiglia: un rituale di vita in cui la pancia ti tradisce ancor più del cervello, del naso, della bocca e degli occhi, grazie ai trucchi della fattucchiera dei fornelli. Potrete leggere di risotti preparati da funamboliche donne in biblico tra passione e rigore, che si tramutano in piatti dagli effetti prodigiosi. Assisterete a passioni nate durante corsi di cucina in cui donne con poteri straordinari sanno preparare biscotti afrodisiaci duri come la pietra, resistenti alle stagioni, all acqua e all umidità. Vi appassionerete anche ai colori, ai profumi e ai sapori magici suscitati da un altro amore: quello per il cous-cous, un attrazione istintiva e travolgente che durerà per sempre. Leggendo incontrerete il tempo capace di riacquistare una dimensione autentica quando viene evocato per segnare l ora bambina della merenda, tempo scandito dalla luminosa fiducia in un futuro di sconfinata immensità. Assisterete a pranzi di Natale che nutrono l anima e il cui amorevole ricordo ti avvolge per tutta la vita regalandoti àncore di serenità. Sarete spettatori di ricordi di profonda dolcezza frutto di un legame che unisce nipote e nonna in un abbraccio senza tempo. E per finire sbircerete nella cucina di un masseria pugliese in cui ogni giovedì si consumava un rituale familiare che vi lascerà inermi di fronte al potere del cibo e degli affetti. Questi sono solo assaggi di ciò che potrete gustare in questa raccolta in cui abbiamo provato a raccontarci grazie a un percorso di esplorazione e scoperta. In effetti lo scrivere è spesso un vagabondare dell anima e in questo perderci ci siamo aperti a nuove possibilità di ascolto, riflessione e coinvolgimento. 2 Paola Buonacasa

3 Sergio Banfi Incipit Succede ogni sera che entrando in cucina, qualcuno alzi il coperchio della pentola e per curiosità, per fame, per passione, chieda cosa si mangia stasera? vatti a lavare le mani che tra qualche minuto è pronto queste erano le parole che immancabilmente mia madre ci diceva allontanandoci in malo modo dalla cucina. In quei momenti d attesa non ci restava che fantasticare sui manicaretti che avremmo gustato, sognavamo piatti di lasagne, cotolette panate con montagne di patate fritte, ma purtroppo mamma non era una gran cuoca e le nostre fantasie di giovani affamati crollavano di fronte al solito piatto di minestra. MESOSTICO alzarsi subito dopo pranzo sparecchiare riordinare sedersi quindi ad aspettare che Il consorte finisca la penichella 3

4 ACROSTICO Z ite U nte P er P lacare A ppetito D egli I ntrepidi P escatori E sausti S udati C enciosi E maciati ABECEDARIO A GLIO B OGHE C APONE D ATTERI DI MARE E RBE AROMATICHE F ASOLARE G ALLETTE H ALIBUT I IMPERATORE (pesce) L UMACHINE DI MARE M ARMITTA N ASELLO O LIO P OMODORI Q UARESIMA R ANA PESCATRICE S ALE T RIGLIE U GIANCO V INO BIANCO AFFERANO 4

5 Z Zuppa di pesce Qualche tempo fa invitai a cena una ragazza, a cui tenevo molto,e per fare bella figura la portai in un ristorante sul lungo mare di Santa Margherita Ligure, la location era veramente notevole, il locale era sobrio ed elegante allo stesso tempo, l inappuntabilità del personale di servizio in attesa all ingresso incuteva un senso di soggezione. A tutto ciò non feci molto caso, affascinato come ero dalla mia compagna e dalla prospettiva di un dopo cena allettante. Fu solo quando ci portarono il menu e la lista dei vini che tornai con i piedi per terra e capii che in quella serata le mie finanze avrebbero subito un notevole salasso. La scelta dei piatti fu alquanto complicata, non riuscivamo infatti a decidere, affascinati come eravamo da quelle portate dai nomi complicati e probabilmente dai sapori altrettanto strani. Gli antipasti variavano da terrine di pesce e spinaci, carpacci di pesce spada al pepe verde e rosa, e schiacciatine con tonno in crosta, soprassedendo sulle solite,si fa per dire, impepate di cozze e vongole alla pescatora. Passando per i primi che spaziavano tra, fagottini di porro salmone e robbiola, crepes ai gamberetti, riso venere con code di mazzancolle. Per finire con dei secondi piatti da capogiro, come merluzzo gratinato con pure ai funghi, bocconcini di palamita al sesamo, e sogliole arrotolate alle erbe e olive. Dopo lunga consultazione decidemmo di comune accordo di scegliere un unico piatto che avrebbe soddisfatto la nostra voglia di pesce e nel contempo avrebbe contenuto, almeno questo speravo io, i costi. Fu così che ordinammo la zuppa di pesce. L attesa dell arrivo della portata fu alquanto lunga, cosa che non mi dispiacque, in quanto ebbi la possibilità di conoscere più a fondo la ragazza che mi stava di fronte. Quando finalmente ci portarono la nostra ordinazione rimasi stupito dal fatto che non ci venisse servito il solito piatto di zuppa. ma che la stessa ci fosse preparata in tavola. Arrivarono infatti i camerieri con vassoi contenenti rossi crostacei, molluschi dalle valve appena schiuse e diverse qualità di pesci lessati ancora fumanti. Spiccavano le rosse gallinelle gli spinosi scorfani, le tracine dagli aculei velenosi, e le saporite triglie. Solo a questo punto ebbe inizio lo spettacolo vero e proprio. Un signore elegantissimo, che troverei alquanto riduttivo chiamare cameriere, avviò la preparazione del piatto. Iniziò infatti col sistemare in capienti fondine delle fette di pane abbrustolite e profumate all aglio, sopra adagiò i filetti di pesce spinati di volta in volta con una maestria indescrivibile.passò quindi a completare il piatto con dei frutti di mare e crostacei, e per ultimo versò sul tutto dei caldissimi mestoli di brodo di pesce. Fu una serata memorabile. All uscita dal locale, mentre passeggiavamo sul lungo mare ci sentivamo ancora avvolti dai profumi di quella cena e non facevamo altro che raccontarci le sensazioni che 5

6 avevamo provato nell assaporare quella zuppa. Sarà forse perché fu la nostra prima cena, sarà forse perché le chiesi di venire a vivere con me, ma di una cosa sono certo, zuppe di pesce così non ne ho più mangiate. Bruno Bossi Incipit 6

7 Non avevo nessuna voglia di prendere il libro dalla valigia, mi godevo la dilatazione di tempo e spazio prodotto dal movimento del treno. Ma quando un profumo improvviso..accompagnato dal rumore tipico di stropiccìo di carta mi riportò alla realtà del momento, trascinandomi al tempo stesso con se. Mortadella! Uno dei passeggeri nello scompartimento si stava scartando il suo panino imbottito di bologna, come la chiamano qui, con un neologismo barbaro, al limite della comprensione. La mia merenda di scuola: pane e mortadella! Mi sono subito ritrovato in aula, con quei banchi, i miei compagni di allora. Il momento della campanella dell intervallo coincideva al secondo con sfoderamento delle merende. ( ) Fuori sulla strada il sole accecava, dentro nella penombra della cucina vedevo la nonna seduta al tavolo che cuciva, anzi rammendava. Poggiati sul tavolo i capi di biancheria appena lavati, e lei che li ripassava minuziosamente, ispezionando calzini, reggiseni, mutande, maglie e camicie, dividendo tutto in due mucchi: idonei e bisognosi di intervento. Mamma era stata confinata accanto al lavandino, e stata tritando con la mezzaluna le verdure per il ragù del giorno dopo. Era sabato, e il ragù della domenica era un rito irrinunciabile. ( ) Succede ogni sera che entrando in cucina, qualcuno alzi il coperchio della pentola e per curiosità, per fame, per passione chieda: cosa si mangia stasera? e la risposta sicura è sempre la stessa: fermo che ti picchio il mestolo sulle mani. Ma quando sento il profumo del sugo di pomodoro, divento un incursore perfetto! Prima della consueta domanda, mi sono procurato un pezzetto di pane e, mentre formulo la domanda di rito ho già infilato il pane nel sugo. La risposta-minaccia arriva che ho già la bocca in movimento, attento a non scottarmi per il boccone cocente, e ho guadagnato la porta per mettermi in salvo! ( ) Ogni cosa è un colore, è un sapore, è un emozione. Il bianco del latte, per esempio non ha confini, il colore del..miele, chiaro, ambrato, più scuro come quello del castagno, che non riesco a separare dal pecorino, quel formaggio delizioso a metà stagionatura, con quei granelli che in realtà non ci sono ma se mancano diventa tutto più scialbo, ordinario. Il pecorino con un filo di miele di castagno! Una delizia impareggiabile. Sul vino troppe cose sono già state dette perché se ne possa aggiungere qualcuna di originale. Tutte enfatiche, ma tute vere. ( ) 7

8 E per il profumo, è per il sapore, è perché mi ricorda. davvero mi ricorda la mia infanzia, in un luogo e in un tempo dove e quando era necessario usare le poche risorse disponibili per sopravvivere. Il castagnaccio: farina di castagne, acqua, un po si sale e nient altro. Oggi si possono aggiungere pinoli, uvetta, gherigli di noce, fiocchi di marmellata. Ma allora era così: farina e acqua. Ma era buonissimo, non me ne stancavo mai. Era buono caldo, era buono freddo; era buono per colazione al mattino, per merenda, come dolce alla fine dei pasti. Era buono sempre. ( ) Acrostico C aro A ndrea S crivi T autogrammi A crostici G ioiosi e N on A ndare C ome fa C arlo I ntorno O ndeggiando C aro A ndrea S crivi T autogrammi A crostici G ioiosi e N on A ndare C ome fa C arlo I ntorno O ndeggiando Mesostico l acqua minerale fa crescere soltanto guadagni 8

9 esagerati senza alcun reale tornaconto ma handicap per l improvvido consumatore Abbeccedario Ah, bella castagna, deliziosa, elegante, fantastica, gentile! Hai incantato la memoria. Nessuna opportunità poi, quando rarità selezionate troppo utilizzate vengono zavorrate. Tautogramma Cammino: campagna canicolare. Casolari, cimiteri, ciminiere. Confusa nella caligine crepuscolare la collina! Un crescendo di colore conduce sul colmo. Compare il castagno, corteccia come cuoio. Cresce e custodisce come cassaforte la castagna, cuore consapevole, non coltivabile di celestiali concerti di confetture, cucinabile in cento castagnacci, cenci, ciambelle e caldarroste. Cade con la corazza, canestro e custode contro la cupidità della capra e del cinghiale, caustico chiostro e cilicio, certezza di conservare un cuore, un capitale, una cena, una canzone. ( ) Cielo celeste chiaro. Caccia al cinghiale coi cani: cinegetica. Cade il crepuscolo, cala il cicaleccio delle cince, compete la civetta. Un cacciatore claudicante per una caduta da cavallo, si china. Coglie una castagna, la contempla, la considera, la conserva. Collega, curioso, il colore cioccolato col ceruleo del cielo, corroso dal cremisi crepuscolare. Capisce d un colpo la cattiveria della caccia: la catarsi si compie. Casca una castagna nel suo cesto e lo colpisce sul cranio. Ciao cinghiale. ( ) Mettere le castagne sul fuoco 9 Tra i tanti prodotti della guerra c erano gli sfollati. Involontari esuli dalle loro case di città, minacciate quotidianamente dalla distruzione. Noi, la mia famiglia, ne faceva parte. Ci

10 10 rifugiammo sulla collina pistoiese, dove gli accenti sono ancora emiliani, tra Pàvana e Ponte della Venturina. Dove la collina diventa montagna: forre, calanchi, sentieri da muli e foresta di castagni. Un villaggio di una decina di case fatte quasi interamente di sasso, una addosso all altra con piccole aie che separavano un gruppo di case dall altro, fatte di terra e sassi, che diventavano palude quando pioveva. Nonostante la privazione di tante, forse troppe cose utili e considerate fino ad allora indispensabili per vivere, come la luce elettrica e il cibo, quello fu uno dei periodi più belli della mia vita, sicuramente uno che ricordo con nostalgia: godevo di una libertà mai conosciuta prima e potevo giocare con altri bambini. La vita degli adulti era quasi interamente impegnata a soddisfare il bisogno primario di procurare il cibo. E non c era davvero di che scialare: qualche uovo, raro; rari i conigli e soprattutto le galline, che venivano sacrificate quando erano ormai vicine a morire di vecchiaia e dopo molto tempo che non producevano più uova. Anche il pane era poco e senza sale, e si faceva in casa come la pasta, quando si trovava un po di farina. Ma c erano i castagni: oltre ad essere la nostra principale fonte di nutrimento, erano anche essenziali per i nostri giochi. La base principale per l alimentazione erano le castagne. Si mangiavano in tutti i modi: la maggior parte si facevano seccare. Sopra ogni casa c era un piccolo fienile, che veniva utilizzato per le fascine di legna e per le castagne. Queste venivamo messe a seccare su graticci di legna. Una volta seccate, potevano essere sbucciate abbastanza facilmente e la maggior parte veniva utilizzata per farne farina. E questa aveva un largo impiego per l alimentazione, sopra tutto invernale. Castagnacci e necci. Il castagnaccio, che oggi si fa farcendolo con pinoli e uva passita, qualcuno dice anche noci, latte e zucchero, aveva una preparazione molto più spartana: farina e acqua. I necci, tipici di quella zona, sono una specie di piadine, che si ottengono con l impiego dei testi, una sorta di pale di ferro con un lungo manico, che vengono fatti ben scaldate sulla stufa: la classica stufa economica, dalla quale vengono tolti tanti cerchi di ferro quanti bastano per far aderire i testi che così vengono a contatto diretto con il calore della legna che brucia. Quando sono ben caldi, si ungono e vi si versa quanto basta di un impasto liquido di farina e acqua già preparato. Come le piadine, o le crèpes, andrebbero farciti: con la ricotta fresca e un pizzico di marmellata se li si vuole addolcire. Noi li farcivamo con la fantasia. Quando si preparavano era un po una festa, ma questo non avveniva molto spesso, perché si disperdeva il calore della stufa, e anche la legna poteva diventare preziosa d inverno. Il castagnaccio invece c era quasi sempre. Caldo o freddo è sempre buono, anche se la parte sotto veniva sempre un po sbrindellata, come diceva mamma. La teglia avrebbe dovuto essere unta, con olio o burro, per impedire che l impasto si attaccasse al metallo, ma di olio neppure a parlarne e il burro era merce rara. Quando c era, si usava il lardo, ma con parsimonia. Le castagne si conservano a lungo, e si usavano in diversi modi: bollite, con la buccia o senza: con la buccia, erano le ballotte, belle nere e lucide. Si sbucciavano abbastanza facilmente, da calde. Da fredde l operazione diventava problematica. Bisognava però togliere anche la pellicina chiara che è all interno della buccia, e questo non sempre era facile. Mamma o nonna erano costrette ad aiutarci, anche perché ci divertivamo a sbucciarle coi denti, e questo veniva considerato un comportamento sconveniente. Forse perché il nostro divertimento era di sputare le bucce nel piatto. C erano poi le caldarroste: normalmente questo era il trattamento riservato alle castagne più belle e grosse, che prima dovevano essere incise, una per una, con un taglio trasversale. Io aiutavo in quest operazione, ma anziché un coltello mi veniva affidato un apriscatole: una sorta

11 di punteruolo con una piccola lama non tagliente e il manico di legno. Venivano poi messe in una padella con il fondo bucherellato e sulla stufa alla quale venivano tolte i cerchi, come per i testi. La padella doveva essere mossa di frequente, perché le castagne non bruciassero e poi mangiate belle calde. Infine c erano le castagna secche. Potevano essere bollite, ma non erano così buone come le ballotte. Altrimenti, si mettevano in bocca così, e una castagna durava tanto, prima che diventasse morbida quanto bastava per essere pian piano masticata. C era tanta abbondanza di castagne che potevano essere impiegate anche nei nostri giochi. Allora diventavano proiettili che ci si lanciava, palline per le gare sulle piste che tracciavamo sul terreno, pupazzi da comporre con stecchi di legno infilati pazientemente nei gusci. Il gioco diventava pericoloso quando, in occasione di battaglie, qualcuno di noi le lanciava sul gruppo avversario ancora nei ricci. Prima o poi ci scappava il ferito e i pianti facevano uscire dalle case le mamme, e la battaglia finiva tra scappellotti e medicazioni. Ma le più abili erano le bambine: erano minoranza e non si mescolavano con noi maschi e i nostri giochi. Loro usavano le foglie dei castagni. E con queste inventavano cinture, borsellini, corone, gonnelline e ogni oggetto che la loro fantasia poteva suggerire, cucendo assieme una foglia con l altra, infilando in una il gambo dell altra come fosse un ago. Noi maschi provavamo a cimentarci in quelle creazioni, e qualche risultato riuscivamo ad ottenerlo ma durava poco. Ci si annoiava con un gioco così statico, ma soprattutto il confronto risultava per noi perdente. Tornavamo alle nostre battaglie e ognuno comunque tornava a casa la sera col proprio trofeo: bozzi in testa e sulle gambe, le castagne più belle, borsellini e cinture di foglie. Michela Bruno 11

12 Incipit Succede ogni sera che entrando in cucina, qualcuno alzi il coperchio della pentola e per curiosità, per fame, per passione chieda: cosa si mangia stasera. In effetti io avrei voluto sentire profumo di vaniglia provenire, non tanto da una pentola, quanto dal forno ancora tiepido. Quel profumo tanto familiare quanto nostalgico di torta appena sfornata e desiderosa di essere gustata con amore, come con amore era stata preparata. L accurata scelta degli ingredienti, le operazioni scientifiche di preparazione, si sa la pasticceria è una scienza esatta, ed infine la cottura controllata a vista d occhio per evitare disastri. Il profumo di un cibo ha un potere evocativo, riporta alla memoria sensazioni e ricordi che temevi di avere perduto ma che riaffiorano in un batter di ciglia quando meno te lo aspetti. ABBECEDARIO ACROSTICO E MESOSTICO PRANZO IN FAMIGLIA A BBUFFATA NON B ENEVOLA DI C ONTRADDIZIONI CON D OVIZIA DI EFFETTI O AFFETTI F ALLIMENTARI E NON G ARANTITI H O I LLUSIONE DI L EGGEREZZA M A N ON O SO P ENSARE A Q UANTO TEMPO R IMANGA PER S OGNARE T EMPI U NIVERSALEMTNE V INTI E Z UPPI DI POESIA P ICCANTE R IUNIONE A SSORDANTE, N OSTALGICA Z ONA O SCURA I NFINITE N ARRAZIONI 12

13 F ANTASIOSE A LTALENANTI M USICHE, I NCOERENTI G RAZIOSE L IBAGIONI I NSAZIABILI A PPETITI SEMPRE PROPENSI ALLA INSOFFERENZA DEL PRANZO NON OSIAMO DECLINARE L IN VITO AFF LITTI DALLA COMPAGNIA, SCONOSC I UTA COMPAGINE RIPIENA DI ALLEGRIA FINTA E ARTEFATTA A SSORDANTE B ALDORIA C ROGIOLO DI D ANNATE E MOZIONI F ESTAIOLE E G IOVIALI H A I LLUSORIE 13

14 L UCI E M USICHE N AUSEABONDE ED O PULENTE, P ULLULA DI Q UESTIONI IRRISOLTE E R AZIONALI S SOSTITUTE DI T EMPORANEE E U NICHE V ISIONI DI Z OMBI TAUTOGRAMMA Lettera F PRANZO IN FAMIGLIA La famiglia fa festa. Si fronteggiano frotte fragorose di facoceri e fatine. Frullio di fragili farfalle o folate di fangosi fiati. Fagocitano fontane fumanti di frittate, frittelle, frattaglie, formaggi filanti, frutti fragranti, frappè freschi e flûte furoreggianti. Fattucchiere del fornello frignano fingendo filiate fuoco fattosi in fine fatuo. Fannullone fuoriesce dal foro sulla faccia, mentre una felice fantasia si frappone fra il filo del fastidio e freddure fragorose. Fanfaroni, folletti, fanciulli, folla di forme fenomenali, di fatto la folle famiglia fa festa. Fallisce un finale felice e un filo di fiele fa filare. PRANZO IN FAMIGLIA Ecco ci risiamo, il rituale si ripete, ha cadenza periodica ma non regolare. A volte settimanale ma fortunatamente il più delle volte ha luogo molto di rado, una o due volte al mese. L attesa in sé può dare piacere o creare uno stato d ansia, dipende dal nostro ricordo di come è andata la volta precedente, dai partecipanti, dagli argomenti trattati e non ultimo dal nostro stato di salute psicofisico. Prepararsi psicologicamente non è mai facile, ci si può aspettare un percorso semplice, tutto in piano o addirittura in discesa ma questa è un eccezione. In più di un occasione è stato come affrontare la scalata del monte Everest in ciabattine da mare. Anche se si sa cosa aspettarsi non si è mai attrezzati a sufficienza o forse non si vuole esserlo. Certo si può anche restare stupiti perché quando si percorre il sentiero in salita ci possono essere anche postazioni di ristoro con volontari che ti sostengono, difendono e litigano per far valere le tue ragioni. Ti puoi commuovere allora e piangere calde lacrime sincere ed infine rientrare a casa con una leggerezza nel cuore che mai avresti sperato di avere. In questo caso non vedi l ora che il tutto 14

15 si ripeta e ingenuamente gioisci quando ti arriva la chiamata fatidica con l invito per la volta successiva. Da non sottovalutare è anche l aspetto fisico che a volte si contrappone a quello spirituale ma che spesso ne fa parte fondendosi in un unica sensazione assai complessa e indecifrabile. I sensi stanno all erta e sono tutti coinvolti, fortunatamente l attesa non viene quasi mai delusa, i profumi sono la prima cosa che ti colpisce. Ti penetrano nelle narici e seguono un percorso che va dalla tua mente, risvegliando ricordi che pensavi di aver perduto e poi giù in fondo nella tua pancia e allora tutte le difese che con tanta cura avevi schierato, si dissolvono in un solo soffio. Allora ti ritrovi debole, indifeso e come una piuma potresti essere sballottato dal vento ovunque voglia portarti. La pancia, dove risiedono quei sentimenti, quelle sensazioni ed emozioni che vorresti scardinare e inscatolare; lei ti tradisce ancor più del cervello, del naso della bocca e degli occhi. A questo proposito è bene chiarire che anche la vista ha la sua importanza, nel vedere cosa ti aspetta puoi gioire oppure fremere di paura ma non puoi sfuggire, quello non ti è permesso affatto. L intricata tela di regole che gestiscono il gioco non ti permette di scappare, anticipare l uscita di scena si, magari con una scusa banale come un mal di testa oppure un altro impegno improrogabile, non citare mai il mal di stomaco o problemi di digestione. Non vorrai offendere la fattucchiera dei fornelli che si è tanto prodigata per questo banchetto pantagruelico, vero? Ha, come sempre, schierato le sue armi migliori: prelibatezze di ogni tipo, manicaretti gustosi talvolta irriconoscibili, miscelando cibi agli antipodi, miele e fiele mi verrebbe da dire: antipasti di ogni tipo e origine, primi e secondi con verdure vestite a festa e dolci rigurgitanti calorie e zuccheri a più non posso. Il tutto affogato da siero della verità che devi mescere con cura e parsimonia altrimenti cadrà anche l ultima cortina protettiva della tua anima e sarai messo a nudo. Offendere la regina del rituale sarebbe come dire che le cascate del Niagara non sono altro che un rigagnolo o che le piramidi egizie sono un castello di sabbia, come quello che cercavo di fare da bambina quando era festa per una merenda fatta con pane e nutella oppure una fetta di torta della mamma, quando non ero ancora intrappolata in queste regole barbose e inossidabili che condizionano i rapporti tra esseri umani e che vorresti infrangere ma che non osi fare perché le conseguenze potrebbero essere peggiori delle sette piaghe d Egitto; per restare in tema con le piramidi non sarà che mi vedo già imbalsamata come una mummia e pronta per l ennesimo pranzo in famiglia? Incipit 15 Micaela Casati

16 Succede ogni sera che entrando in cucina, qualcuno alzi il coperchio della pentola e per curiosità, per fame, per passione chieda: cosa si mangia stasera? In 300/500 caratteri descrivi che cosa vorresti mangiare Io speravo sempre che ci fosse il risotto giallo, quello allo zafferano con le croste di grana padano. E' un piatto che adoro cucinare e impiattare, perchè mi permette di arrivare alla fine della ricetta e gustarlo nel suo momento migliore: direttamente dal cucchiaio di legno. Mi assicuro che ci sia molto amido e qualche chicco, appena un poco, rubato dalle porzioni già fatte. Do le spalle al resto della cucina e mi ritaglio un attimo solo mio di puro piacere. Provate a descrivere (minimo 300 caratteri, massimo 700 caratteri) il vostro piatto del cuore con un tautogramma. Un tautogramma è una frase o un testo più lungo in cui tutte le parole iniziano con la medesima lettera (gli articoli e le preposizioni si possono usare liberamente) Tautogramma Riprendo respiro, rispondo rapidamente, rivolgo i ragionamenti da ragioniera alla ricetta Raggruppamento di riso, resti di reggiano raffermo, rubini rossi radiosi. raddoppia e raddensa con rimescolamenti rotatori ripetitivi da ruvido ramo ricurvo Raccomandabile resistere al raduno per raggiungere risultato ricercato, raffinato di un ramato raggiante. Recentemente rappresenta un raro raccoglimento. Resto rapita dal rumoroso ribollio. Randagia raccolgo la recente realtà raschiando dal recipiente rapporti recitati, recisi, ridicoli rapidi rovesci ritmici rabboniscono rancore rabbia radicata riluttante rammendo ritagli di ricordi rotti rarefatti rinascono ramificando Esercizio finale Provate a dar vita al vostro piatto del cuore (che può essere un ricordo, un momento particolare che riaffiorando alla mente ci emoziona...) raccontandolo insieme alle persone, ai luoghi e agli avvenimenti che l'hanno accompagnato. Suoni festosi e confusi. l'abitudine si colora in modo variegato. Davanti ai miei occhi con il loro bagaglio di mestieri da circo si esibiscono in Piume e lustrini ballerine lunghissime, abbaglianti mangiafuoco, contorsioni aeree di oggetti psichedelici, e disarmonici equilibristi portati in giro dal loro monociclo. Corteo grottesco. Elefanti addobbati e ammaestrati, finte facce da clown con espressione comica. comicità calante. Ed io piccola funambola di porcellana, ho scelto ogni particolare della mia esibizione. Mesi di allenamento paziente e costante. Il vestito per l'occasione stirato con cura e poi sgualcito un po' nella frenesia dei preparativi. Sono all'ultimo passo prima del vuoto. Il rumore ritmico del cuore rallenta, non ho paura, sono finalmente calma. Avanzo con passo incerto, punta del naso che guarda il cielo, gli occhi sottili zampillano spavalderia. Ignara, si ero ignara. La giornata è stata frenetica come al solito, vuota e impegnata, scandita inesorabile da bisogni impellenti. Ma immaginarsela addirittura come un carrozzone! Comunque il peggio deve ancora venire, la sera è il mio momento peggiore. 16

17 Oggi voglio leccarmi un po' le ferite, ho bisogno di stare sola, preparare la cena è la scusa perfetta per avere una stanza tutta per se, il risotto mi offre il giusto tempo di preparazione e poi esige attenzione. Mando tutti a giocare in sala e raccolgo gli ingredienti accanto ai fuochi, mettendoli in ordine di utilizzo. Ordine, ordine e metodo. Il risotto non si improvvisa se lo si vuole buono. Quando il brodo bolle ho finalmente la giusta colonna sonora che mi rapisce definitivamente dal resto della giornata. Ora il mio unico pensiero può essere quello di mescolare. Un gesto semplice, ritmico, preciso, monotono quasi che devi sostenere mentre raggruppi tutta te stessa in quella pentola e ti innaffi con metodo nella giusta misura. Aggiungo le croste di grana e mi sento già meglio. E' quel ingrediente che altrimenti andrebbe buttato, che ha finito il suo ciclo e che invece qui viene riutilizzato ed è proprio quello darà il sapore speciale alla ricetta. Forse i fumenti del brodo danno alla testa. Avete presente cosa succede quando improvvisamente vi cade di mano un vaso? Mentre state facendo un lavoro che padroneggiate e mai vi aspettereste di sbagliare. Il tonfo improvviso è come se sbattesse sul pavimento del vostro stomaco. Con la coda dell'occhio siete in grado di vedere un oggetto solido che si comporta come acqua e l'impressione è che tutto il vostro sangue possa cadere a cascata verso terra e sparpagliarsi. Il rumore cristallino del materiale delicato che va in frantumi si allarga nella mente circondandovi di infiniti pezzi dello stesso oggetto. C'è un attimo in cui guardando a terra pensate forse è ancora vivo ma gli occhi vi rimandano un'immagine diversa che non volete accettare. Certo, la differenza la fa l'importanza del vaso! Facendo attenzione a non muovere i piedi mi sono ritrovata a raccogliere i vari pezzi per incollarli di nuovo insieme. I pezzi più grossi riportano subito in vita la forma del vaso, altri più piccoli sai che ti faranno impazzire a capire dove e come posizionarli. Alcuni sono lì vicino ai tuoi piedi, altri sono schizzati tanto lontano che non ti spieghi come abbiano fatto, dovrai cercarli, chinarti, allungarti, pestare la testa e impolverarti sotto un mobile, usare attrezzi vari per recuperarli e poi qualcuno salterà fuori solo al prossimo trasloco. Il problema non è il tempo ma quel piccolo gruzzoletto di scaglie che sai già di dover buttare. E se fossero proprio quelle scagliette ad aver dato sapore alla ricetta? Come sarà da qui in poi? Davide Cazzato Fuori, sulla strada il sole accecava, dentro nella penombra della cucina vedevo La luce attraversare le persiane e disegnare linee geometriche gonfie di polvere che, complice l afa, pareva impedire il respiro. Tentai di concentrarmi nel memorizzare date e nomi degli eroi greci intenti a solcare il mare per raggiungere la Sicilia e dominare le rotte commerciali. La pelle imbevuta di salsedine, il sudore di corpi intenti a caricare sacchi di iuta, a piedi nudi, su 17

18 imbarcazioni cariche di odori. Una tazza di ceramica custodiva il tepore del mio tè, ne assaporai il profumo. Caratteri spazi inclusi 496 Acrostico B I S C O T T I Breve Interludio Sussurrano Coccole Orchestrando Tanta Tenerezza Interiore Mesostico In cerca del Vello d oro le B Imbarcazioni greche solcavano i mari I intenti lungo le coste del Mar Nero a recuperare grano S scarso nell Ellade e preziosa risorsa C che attraverso magie culinarie fortunati cuochi trasformavano in O dolci resistenti al tempo e all umidità per ben due volte venivano cotti T e gustati intinti nel vino ma soltanto nei conventi del medioevo divennero T e orgoglio di panettieri e pasticcieri sino a che arte burro e zucchero in I Inghilterra li fecero innamorare del tè Abbecedario A B C D E F assaporo burroso cuore dentro elegante forma 18

19 G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z golosa ho intuito jazz karma liquefatto magicamente nel onirico pensiero qualitativo razionale sincero tenero umano viso wagneriano xenofilia yoga zuccherata Tautogramma D Da una decisione dipendono dibattiti dialettici che decretano, tra dubbi dualistici, il dolce definitore, disvelando dionisiaci dosaggi, desumibili da diagnosticate deduzioni. Dolciumi destreggiano democratiche degustazioni. In difficili disquisizioni si dirama il dover dipanare discorsi drammaticamente demenziali e dormicchio degustando delicati deliri densi di delizia, deflagrazioni di dolcezze che diabolicamente decorano dietetici destini di diabetici. Caratteri spazi inclusi 459 Racconto breve Mister Mind risalì assonnato lungo la colonna vertebrale. Da lì prese, attraverso il sistema nervoso principale per la via più breve verso la stazione di comando. Lampi di luce chimica creavano un paesaggio surreale che amava soffermarsi a guardare e che lo portavano ogni volta a riflettere sulla perfezione della macchina che gli era stata affidata. 19

20 Prese posizione nella ghiandola pineale e si abbandonò sulla poltrona di fronte ad una strumentazione complessa. Le luci intermittenti sul pannello di controllo, quella mattina, gli davano un fastidio enorme, colpa di quell attacco che la sera precedente aveva procurato non pochi problemi al normale svolgimento delle funzioni corporee ma che aveva lasciato una sensazione difficile da spiegare, psichedelica. Manovrare la macchina era stata un impresa, le sinapsi creavano sistemi d interconnessioni causali e quando la situazione si normalizzò rimase un senso di stordimento e torpore. In sala comando si poteva ancora percepire quella sensazione surreale che l aveva avvolta. Fece rapporto, aggiornò i dati, lanciò l allineamento dei programmi ed eseguì un controllo del sistema. Gli sembrò, comunque, tutto ok, quindi avviò la macchina - Ieri sera devo aver esagerato con il vino mormorai assonnato mentre ripensavo alla splendida cena milanese del giorno prima. Ne rivedevo i colori vivi. Il riso allo zafferano di quel giallo intenso, le orecchie d elefante ed il dorato delle patatine. Il profumo fruttato, corposo di vino rosso dai riflessi rubini, le risa dei commensali, l allegria spensierata e la ricerca della felicità. La luce della sveglia proiettava rimproveri sul soffitto e il dovere mi obbligò a affrontare la giornata. Il mio bilocale arredato stile single, con tocchi vintage di calzini dimenticati in angoli inesplorati si presentava in una semioscurità per non sconvolgere i miei occhi di animale notturno. Fuori, sulla strada il sole accecava, dentro nella penombra della cucina vedevo la luce attraversare le persiane e disegnare linee geometriche gonfie di polvere che pareva impedire il respiro. Tentai di concentrarmi nel memorizzare date e nomi degli eroi greci intenti a solcare il mare per raggiungere la Sicilia e dominare le rotte commerciali. Pensai che non sarei sopravvissuto a lungo nel V sec. a.c. se percepivo la stessa fatica fisica di un marinaio nel solo intento di studiare. Mi consolai sorseggiando un poco di tè, ma questa volta sprofondando il viso nella tazza di ceramica, così che il calore mi avvolse le guance e l aroma inebriò i sensi. Mi sentivo come protetto in una tana dove tutto mi vuole bene, dove i sogni sono reali, dove vivere è facile. Presi un galletta accanto me e non potetti non sorridere ripensando a quel corso di cucina fatto per amore più che per interesse. Lo sguardo sulle sue mani mentre impastava farina e zucchero e costantemente distratto dai suoi occhi, i miei dolciumi assumevano forme strane e arzigogolate. Era bellissima ma di certo non sapeva cucinare e quei biscotti duri come la pietra ne erano una cruda testimonianza. La mia fortunata cuoca creava dolci resistenti all acqua, al tempo e all umidità. L amavo e mentre scalfivo i suoi biscotti in quel breve interludio mi sussurravano coccole, orchestrando tanta tenerezza interiore. Emanuela Incipit Ogni cosa è un colore, è un sapore, è un emozione. Il bianco del latte, per esempio non ha confini, il colore del cous-cous invece ha confini delimitati del nord Africa, caldi come il mare che li bagna e la terra da dove ha origine. Il color ocra della farina adagiata su piatti dalle tinte sfavillanti ricorda la sabbia del deserto e fa da sfondo ai colori delle verdure. L arancio delle carote, il nocciola dei ceci, il bianco dei finocchi, il verde delle zucchine e per finire con il rosso vivo del peperoncino. 20

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva).

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). PREPARIAMO LA PIZZA Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). Acqua: liquido trasparente, incolore. Lievito: panetto morbido, di colore

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

spyros theodoridis Rizzoli

spyros theodoridis Rizzoli spyros theodoridis Rizzoli Introduzione Dopo l esperienza di MasterChef, durante le varie presentazioni del mio primo libro di ricette Cuoco per emozione, ho incontrato moltissimi ragazzi come voi con

Dettagli

BOX 21. Cucinare con il sole.

BOX 21. Cucinare con il sole. Cucinare con il sole. Senza presa elettrica e senza pericolo d incendio Anche nell Europa centrale il fornello solare offre la possibilità di cucinare o cuocere al forno in modo ecologico, da 100 fino

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 10 I RISTORANTI A BOLOGNA A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 I RISTORANTI A BOLOGNA 1 DIALOGO PRINCIPALE A- Buonasera. B- Buonasera, avete

Dettagli

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti Ricette 2015 Alcune idee per i vostri piatti Indice Indice generale Riso orientale alle verdure by DEB...3 Carciofini in agrodolce...4 Mezzemaniche cozze e fagioli...5 Pasta al ragù di melanzane...6 Spaghetti

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 Cognome e nome:. Data:.. TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 1. Scrivi i nomi sotto le immagini............. 1 2. Completa le frasi. Prendo due chili di Per fare la torta devo comprare anche le Per favore,

Dettagli

Catalogo corsi Gennaio - Marzo 2015

Catalogo corsi Gennaio - Marzo 2015 Catalogo corsi Gennaio - Marzo 2015 Corsi base Serate a tema Pasticceria e panificazione Alimentazione e benessere Eventi speciali La cucina per bambini e ragazzi Orario corsi: dalle 18.0 alle 21.0* *Eccetto

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO Il cibo ci viene in aiuto anche per conoscere e confrontare usi, abitudini e tradizioni di altri Paesi. Perciò ecco alcune ricette regionali italiane ed altre provenienti

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA di Francesca Tammaccaro, Paolo Torresan Sequenza di suoni 1 bollire 2 friggere 3 mescolare 4 accendere il gas 5 versare 6 tagliare 38 Livello principiante Obiettivi: comprendere

Dettagli

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk!

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! Videók forgatókönyve 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! 1. Videó: Eszem-iszom Videók forgatókönyve további információ a www.littlepim.hu oldalon Little Pim

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

natale Gnomi al lavoro!

natale Gnomi al lavoro! natale Gnomi al lavoro! La fabbrica di Babbo Natale è un posto davvero speciale, ci sono gnomi specializzati molto ben organizzati che preparano giochi e dolcetti per riempire tutti i pacchetti: dipingono

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli

CONTEST LENTICCHIA PEDINA

CONTEST LENTICCHIA PEDINA Gentile Cliente, ti ringraziamo per aver scelto Lenticchia Pedina e per il contributo che hai dato al progetto Casa del Sorriso del CESVI in aiuto ai bambini brasiliani di Rio de Janeiro. Guarda il video

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( )

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( ) INDOVINA COSA MANGIO Ciao! La Commissione Mensa, composta dai genitori di alcuni ragazzi che frequentano la tua stessa scuola, si occupa di ciò che mangi in mensa. Il suo obiettivo è quello di migliorare

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE A una persona speciale che mi ha dato lo sprint e la fantasia di scrivere. E a mia nonna che mi ha concesso di visionare le sue ricette. Prefazione Vita

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

PIATTI TIPICI DI FABRO

PIATTI TIPICI DI FABRO PIATTI TIPICI DI FABRO Vigilia di Natale Crostini di cavolo: pane abbrustolito con cavolo lessato e condito con olio, sale e aceto. Frittelle di cavolfiore: cavolfiore lessato e fritto in pastella Minestra

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO Pomodori Pelati I nostri pomodori pelati sono il risultato di una procedura di accurata selezione che parte dalla scelta dei semi ed arriva fino alla valutazione dei terreni adatti ad ospitare le coltivazioni.

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna Il mistero del Natale dimenticato Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna MILLE FIOCCHI BIANCHI Quell anno faceva tanto freddo e a Paesello ognuno se ne stava rintanato al calduccio nella sua casetta.

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati.

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati. IL MINIDIZIONARIO Tutti i diritti sono riservati. CIAO A TUTTI, IL MIO NOME È MARCO E PER LAVORO STO TUTTO IL GIORNO SU INTERNET. TEMPO FA HO AIUTATO MIA NONNA A CONNETTERSI CON SUO FIGLIO IN CANADA E

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA INTRODUZIONE Questo libro è stato realizzato dai bambini della Scuola dell Infanzia Chizzolini di Brescia con la collaborazione dell insegnante del laboratorio di cucina. A noi bambini piace giocare con

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI E MIE R IC E T T E ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI Ingredienti: Legumi secchi o freschi a scelta Cereali misti a scelta Carota, sedano, cipolla dorata, aglio Salvia, rosmarino Olio extravergine di oliva

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli