C. in ambedue i casi, l amministrazione può essere condannata a risarcire il danno derivante dal suo inadempimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C. in ambedue i casi, l amministrazione può essere condannata a risarcire il danno derivante dal suo inadempimento"

Transcript

1 Comune di Casal di Principe Concorso per assunzione a tempo parziale e indeterminato di n.1 Assistente sociale, categoria D1 - quesiti per la prova preselettiva. Seconda parte - quesiti sulle seguenti materie previste dal bando di concorso: a) ordinamento degli enti locali, diritto amministrativo con riferimento al procedimento amministrativo e i reati contro la pubblica amministrazione b) disposizioni in materia di privacy ai sensi del d.lgs. n.196/2003 e ss.mm.ii. c) codice deontologico dell assistente sociale e dei dipendenti pubblici d) legge 190/2012 NB: nel corso della prova preselettiva, i candidati dovranno rispondere a 20 quesiti contenuti in questo elenco. Per facilitare la lettura, in questo testo la risposta esatta è sempre la A ; ovviamente, le risposte dei quesiti effettivamente sottoposti ai candidati saranno in ordine casuale. 1. Molte disposizioni delle legge n.241/1990 (ad esempio, quelle in materia di responsabile del procedimento, partecipazione al procedimento, durata massima dei procedimenti, accesso alla documentazione amministrativa): A. costituiscono livelli essenziali delle prestazioni, con la conseguenza che le amministrazioni territoriali non possono stabilire per i cittadini garanzie inferiori a quelle stabilite dalla legge B. costituiscono principi generali dell ordinamento, a cui le amministrazioni territoriali sono tenute ad adeguare i rispettivi ordinamenti secondo le rispettive peculiari esigenze C. costituiscono norme immediatamente precettive per tutte le amministrazioni, perché riferite, seppur indirettamente, alla materia della giustizia amministrativa 2. I principi generali dell attività amministrativa, richiamati dall articolo 1 della legge n.241/1990, devono essere rispettati da tutte le amministrazioni pubbliche e inoltre: A. dai soggetti privati preposti all esercizio di attività amministrative B. dalle società di capitali quotate in borsa C. dagli incaricati di pubblici servizi 3. Sono immediatamente precettive per tutte le amministrazioni pubbliche, comprese le amministrazioni regionali e locali, le disposizioni della legge n.241/1990: A. in materia di giustizia amministrativa B. in materia di accesso ai documenti amministrativi C. in materia di conferenze di servizi e accordi fra pubbliche amministrazioni 4. Non è necessaria la comunicazione di avvio del procedimento: A. quando vi sono particolari esigenze di celerità B. nei procedimenti a istanza di parte C. quando, per il numero dei destinatari, la comunicazione risulti particolarmente gravosa 5. Cosa hanno in comune le disposizioni della legge in materia di responsabile del procedimento e di durata massima dei procedimenti: A. in ambedue i casi, la legge prevede una soluzione di riserva qualora l amministrazione non adempia al proprio dovere (di nominare il responsabile o di fissare il termine) B. in ambedue i casi, il giudice amministrativo può nominare un commissario ad acta, qualora l amministrazione non provveda autonomamente 1

2 C. in ambedue i casi, l amministrazione può essere condannata a risarcire il danno derivante dal suo inadempimento 6. Rientra tra i compiti del responsabile del procedimento: A. proporre l indizione delle conferenze di servizi, e curarne l organizzazione B. decidere sui ricorsi in materia di accesso ai documenti amministrativi C. svolgere personalmente gli accertamenti tecnici 7. Il termine massimo di durata dei procedimenti è stabilito: A. dal regolamento adottato da ciascuna amministrazione, salvo i casi in cui è stabilito direttamente dalla legge B. dalla legge, salvo i casi in cui sia stabilito diversamente dal regolamento adottato da ciascuna amministrazione C. dal responsabile del procedimento, nel rispetto dei limiti previsti dalla legge o dal regolamento 8. La comunicazione di preavviso di rigetto è sempre dovuta: A. nei procedimenti a istanza di parte (salvo le procedure concorsuali e i procedimenti in materia previdenziale e assistenziale) B. nei procedimenti iniziati d ufficio (ove non sussistano ragioni di impedimento derivanti da particolari esigenze di celerità) C. nei procedimenti in cui siano intervenuti i portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o comitati, cui possa derivare un pregiudizio dal provvedimento 9. Quali sono i livelli minimi previsti dalla legge relativamente ai diritti dei partecipanti ad un procedimento amministrativo? A. il diritto di prendere visione degli atti e di presentare memorie scritte e documenti B. il diritto di essere ascoltati dal responsabile del procedimento e di presentare memorie scritte e documenti C. il diritto di prendere visione degli atti e di presentare un ricorso gerarchico ad un amministrazione o un organo sovraordinati 10. Sono elementi essenziali della motivazione di una deliberazione (della Giunta o del Consiglio provinciale): A. la causa, che ne indica i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche, i pareri obbligatori e i riferimenti normativi B. il richiamo alle linee programmatiche presentate dal Presidente, relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato, i pareri e i riferimenti normativi C. l analisi dell impatto della regolamentazione (AIR), il parere di regolarità tecnicoamministrativa e il parere di regolarità contabile 11. Il parere di regolarità contabile, obbligatorio nelle proposte di deliberazione, è necessario anche nelle determinazioni dirigenziali? A. è sostituito dal visto di regolarità contabile, che perfeziona il procedimento della determinazione B. solo per gli impegni di spesa pluriennali C. solo per gli impegni di spesa non espressamente previsti nel PEG 12. La mancata adozione del provvedimento entro i termini stabiliti (dalla legge o dal regolamento) espone l amministrazione: A. all obbligo di risarcire il danno ingiusto provocato dalla inosservanza dolosa o colposa del termine B. all obbligo di indennizzare gli interessati per il mero inadempimento di un dovere giuridico C. all'obbligo di avviare una indagine interna per accertarne le responsabilità 2

3 13. Qual è la differenza più evidente tra l istituto del silenzio assenso e la segnalazione certificata di inizio attività? A. il silenzio assenso è un rimedio a fronte dell inerzia della p.a., che avrebbe dovuto adottare un provvedimento espresso; la Scia non prevede invece la possibilità di provvedimenti favorevoli all interessato (la p.a. interverrà eventualmente solo con provvedimenti totalmente o parzialmente impeditivi) B. non c è nessuna differenza apprezzabile: in ambedue i casi l inerzia dell amministrazione legittima l interessato ad intraprendere l attività spirato il termine stabilito dalla legge o dal regolamento C. il silenzio assenso legittima l interessato ad adire il giudice amministrativo, con un azione volta ad ottenere la pronuncia dell amministrazione inadempiente; la Scia consente invece all interessato di intraprendere senz altro l attività 14. A seguito della formazione del c.d. silenzio rigetto, l interessato può chiedere al giudice amministrativo: A. di intimare all amministrazione di provvedere entro un nuovo termine breve, ed eventualmente di nominare un commissario ad acta che decida al posto dell amministrazione inadempiente B. di intimare all amministrazione di provvedere entro un nuovo termine breve, ed eventualmente di adottare il provvedimento al posto dell amministrazione inadempiente C. di accertare le responsabilità personali dei dirigenti e/o dei dipendenti che per dolo o colpa hanno concorso all inadempimento 15. E esclusa la possibilità di ricorrere alla Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), tra gli altri, nei casi: A. in cui sussistono vincoli ambientali, paesaggistici o culturali B. in cui si verte su materie di potestà legislativa esclusiva delle regioni C. degli atti rilasciati dalle amministrazioni preposte alla ricerca e alla istruzione universitaria 16. Con la Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), l interessato: A. può iniziare l attività segnalata dalla data della presentazione della segnalazione all amministrazione competente B. può iniziare l attività segnalata decorsi 30 giorni dalla presentazione della segnalazione all amministrazione competente C. può iniziare l attività segnalata decorsi 5 giorni dalla presentazione della segnalazione all amministrazione competente, se questa non ha stabilito un motivato rinvio 17. Decorsi 60 giorni dalla Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), l amministrazione può ancora intervenire: A. solo in presenza del pericolo di un danno per beni giuridici particolarmente rilevanti (salute, ambiente, sicurezza pubblica, ) B. solo a seguito di una motivata istanza dei contro interessati C. solo nel caso in cui l interessato non si sia conformato alle prescrizioni già richiamate dall amministrazione, entro il termine da questa indicato 18. L autocertificazione è: A. un diritto riconosciuto dalla legge B. una facoltà riconosciuta agli interessati secondo le disposizioni del regolamento adottato da ciascuna amministrazione C. una opportunità di cui gli interessati possono avvalersi, previo consenso dell amministrazione 19. Le dichiarazioni autocertificate dall interessato: 3

4 A. possono essere controllate dall amministrazione, eventualmente anche con procedure a campione B. debbono essere acquisite come veritiere fino all eventuale condanna definitiva per falso C. debbono essere controllate dall amministrazione 20. Quando l amministrazione accerti che una autocertificazione è falsa o inesatta, deve: A. escludere l interessato dal procedimento (dal beneficio) per cui è stata prodotta, e trasmettere gli atti alla Procura della Repubblica per l accertamento di eventuali reati B. limitarsi ad escludere l interessato dal procedimento (dal beneficio) per cui è stata prodotta (il giudice penale interverrà eventualmente senza la necessità di alcun atto di impulso) C. escludere l interessato dal procedimento (dal beneficio) per cui è stata prodotta, e proporre l azione risarcitoria del danno subito dinanzi al giudice civile 21. Perché si parla di esecutività del provvedimento amministrativo? A. perché l amministrazione può dare esecuzione alla propria decisione anche senza la collaborazione del destinatario e senza la mediazione del giudice B. perché i provvedimenti amministrazione sono espressione del potere esecutivo C. perché l amministrazione pubblica ha il dovere di dare esecuzione ai propri provvedimenti 22. Il ricorso per opposizione è: A. il ricorso amministrativo rivolto alla stessa amministrazione e allo stesso organo che ha adottato il provvedimento B. l azione con cui un privato si oppone, dinanzi al giudice ordinario, all esecuzione di un provvedimento lesivo di diritti soggettivi C. il ricorso amministrativo rivolto ad un organo sovraordinato a chi ha adottato il provvedimento, quando sia legittimato ad opporsi a tale provvedimento 23. L accordo sostitutivo del provvedimento consente: A. di individuare una soluzione concordata tra l amministrazione e gli interessati, superando l esigenza di un provvedimento unilaterale B. di individuare una soluzione concordata tra interessati e contro interessati in un procedimento amministrativo, superando le controversie tra i portatori di interessi coinvolti nel procedimento medesimo C. di individuare una soluzione concordata tra le diverse amministrazioni pubbliche coinvolte nel medesimo procedimento amministrativo, previo assenso dei soggetti privati interessati 24. Prima della sottoscrizione di un accordo sostitutivo del provvedimento, l amministrazione deve: A. adottare un provvedimento che espliciti le ragioni di interesse generale che la inducono a stipulare l accordo B. comunicare tempestivamente ad interessati e contro interessati le ragioni di tale opzione C. indire una conferenza di servizi con la partecipazione di tutti i soggetti, pubblici e privati, coinvolti nel procedimento 25. Per favorire la conclusione degli accordi, il responsabile del procedimento: A. può predisporre un calendario di incontri cui invita, separatamente o contestualmente, gli interessati e i contro interessati B. può stabilire un termine non superiore a 30 giorni entro il quale gli interessati e i contro interessati debbono dichiarare irrevocabilmente la loro adesione alla proposta di accordo C. può trasmettere agli interessati e ai contro interessati la bozza del provvedimento che sarà adottato qualora non giunga alla conclusione dell accordo 26. Le eventuali controversie sulla formazione, la conclusione o l esecuzione di un accordo sostitutivo del provvedimento sono di competenza A. del giudice amministrativo in sede di giurisdizione esclusiva 4

5 B. del giudice ordinario C. del giudice amministrativo, se la controversia verte su interessi legittimi, e del giudice ordinario, se verte su diritti soggettivi 27. La conferenza di servizi è sempre indetta: A. quando l amministrazione procedente debba acquisire intese o nulla osta da altre pp.aa. e non li ottenga entro 30 giorni B. quando nel medesimo procedimento sono coinvolte amministrazioni statali, regionali e locali C. quando nel procedimento siano necessari atti di assenso o consultivi comunque denominati di competenza del Ministero per i beni e le attività culturali 28. La conferenza di servizi preliminare, disciplinata dall art.14 bis della legge n.241/1990: A. è la conferenza convocata su richiesta dell interessato per progetti di particolare complessità, prima della presentazione di una istanza o di un progetto definitivi B. la conferenza interna, indetta nell ambito di una pubblica amministrazione, per definire la posizione univoca da esprimere in sede di conferenza di servizi C. è la conferenza di servizi in materia di finanza di progetto, ove sono coinvolti anche i soggetti aggiudicatari di concessione 29. La convocazione della prima riunione della conferenza di servizi: A. deve giungere alle amministrazioni interessate almeno 5 giorni prima della relativa data B. deve giungere alle amministrazioni interessate entro 15 giorni dalla data di indizione ovvero entro 30 giorni in caso di particolare complessità dell istruttoria C. deve giungere alle amministrazioni interessate entro il termine stabilito dal regolamento 30. La conferenza di servizi può essere convocata e può svolgersi con strumentazioni informatiche: A. previo accordo tra le amministrazioni coinvolte B. se così stabilito dall amministrazione procedente C. salvo motivato dissenso di una o più amministrazioni coinvolte 31. Ogni amministrazione convocata partecipa alla conferenza di servizi: A. con un unico rappresentante, legittimato dall organo competente ad esprimere in modo vincolante la volontà dell amministrazione stessa B. con uno o più rappresentanti in relazione ai diversi interessi pubblici la cui tutela sia rimessa dalla legge alla medesima amministrazione C. nei modi previsti dal rispettivo regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi 32. La conferenza di servizi è aperta alla partecipazione di soggetti privati: A. senza diritto di voto, in alcuni casi stabiliti dalla legge (finanza di progetto, conferenza preliminare su richiesta dell interessato, concessionari o gestori di servizi pubblici ) B. previo il consenso delle pubbliche amministrazioni coinvolte C. quando sia ritenuto opportuno dall amministrazione procedente 33. Le decisioni sull organizzazione dei lavori di una conferenza di servizi sono stabilite: A. a maggioranza dei presenti B. dall amministrazione procedente, sulla base della maggioranza delle posizioni espresse C. all unanimità dei partecipanti alla prima riunione 34. Il termine per la conclusione dei lavori di una conferenza di servizi: A. è stabilito nella prima riunione, e non può superare i 90 giorni, salvo particolari ipotesi espressamente previste dalla legge 5

6 B. è stabilito dal regolamento, in misura non superiore a 90 giorni, o comunque non superiore a 180 giorni tenendo conto dell organizzazione amministrativa, della natura degli interessi pubblici tutelati e dalla particolare complessità del procedimento C. è stabilito di comune intesa tra le amministrazioni coinvolte nel rispetto dei criteri di economicità e di efficacia dell azione amministrativa 35. A fronte di un motivato dissenso da parte di un amministrazione preposta alla tutela dell ambiente, del paesaggio, del patrimonio storico-artistico, della salute e della pubblica incolumità, la questione oggetto della conferenza di servizi è rimessa: A. al Consiglio dei ministri, che si pronuncia previa intesa con le Regioni e gli enti locali eventualmente interessati B. al Consiglio dei ministri, se il dissenso intercorra tra amministrazioni statali, ovvero alla Conferenza Stato-Regioni o alla Conferenza unificata quando il dissenso coinvolga rispettivamente amministrazioni regionali o locali C. all amministrazione procedente, che si pronuncia previo assenso del Prefetto del capoluogo di Regione competente per territorio 36. Il dissenso manifestato in conferenza di servizi: A. deve essere congruamente motivato, e deve indicare le modifiche progettuali necessarie per essere superato B. deve essere sottoscritto dal legale rappresentante dell amministrazione e notificato in forma scritta all amministrazione procedente C. deve essere manifestato almeno 5 giorni prima dal termine stabilito per la conclusione dei lavori 37. La legge 241/1990 precisa che le amministrazioni pubbliche possono concludere tra loro accordi per disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune: A. sempre B. nei casi previsti dalla legge C. quando l iniziativa della singola amministrazione non sia conveniente sotto i profili della efficacia, efficienza ed economicità dell azione amministrativa 38. L accordo di programma, puntualmente disciplinato dal Testo unico degli enti locali (d.lgs. n. 267/2000): A. presuppone il consenso unanime delle amministrazioni interessate B. presuppone il consenso maggioritario delle amministrazioni interessate, verificato in sede ci conferenza di servizi C. non presuppone il consenso unanime delle amministrazioni interessate, salvo quando vi sia un motivato dissenso da parte di un amministrazione preposta alla tutela dell ambiente, del paesaggio, del patrimonio storico-artistico, della salute e della pubblica incolumità 39. L approvazione di un accordo di programma da parte del Comune è di competenza: A. del Sindaco B. del responsabile del procedimento, se tale funzione sia assolta da un dirigente, ovvero dal dirigente competente per materia C. del Consiglio comunale 40. Se l accordo di programma comporta variazione degli strumenti urbanistici comunali: A. l adesione del Sindaco deve essere ratificata entro 30 giorni dal Consiglio comunale, pena la decadenza B. l adesione del Sindaco deve essere preceduta da una deliberazione di indirizzo del Consiglio comunale 6

7 C. l assenso del Consiglio comunale si intende acquisito se non si pronuncia entro 30 giorni dall adesione del Sindaco 41. Il diritto degli interessati a prendere visione degli atti del procedimento: A. rappresenta un livello essenziale delle prestazioni, che deve essere garantito anche dalle amministrazioni regionali e locali B. è assicurato dalla legge solo per le amministrazioni statali e gli enti pubblici nazionali C. è una facoltà che le amministrazioni concedono agli interessati quando non contrasti con le esigenze di buon andamento e imparzialità dell azione amministrativa 42. In che cosa consiste il c.d. diritto di accesso ai documenti amministrativi A. il diritto di prendere visione e di estrarre copia dei documenti relativi a un determinato procedimento B. il diritto di prendere visione (e di estrarre copia solo quando è espressamente previsto) dei documenti relativi a un determinato procedimento C. il diritto di prendere visione dei documenti relativi a un determinato procedimento, e di scaricarli dal sito istituzionale dell amministrazione 43. Quale, tra questi soggetti, può esercitare il diritto di accesso ai documenti relativi ad un determinato procedimento? A. i portatori di interessi diffusi costituiti in comitati o associazioni B. ciascun elettore iscritto nelle liste elettorali dei Comuni del territorio interessato al provvedimento C. le associazioni rappresentate nel Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti 44. Quale, tra questi atti, non è considerato un documento amministrativo ai fini del diritto di accesso? A. l appunto informale con cui il Sindaco suggerisce all Assessore di inviare i vigili urbani a verificare le notizie su un possibile abuso edilizio B. il rilievo fotografico dell abuso edilizio C. il rapporto di polizia giudiziaria redatto dai vigili urbani sull abuso edilizio 45. Per esercitare il diritto di accesso a un documento relativo a un procedimento amministrativo avviato dall Amministrazione comunale è necessario: A. presentare una istanza motivata, per esplicitare l interesse diretto, corrispondente a una situazione giuridicamente tutelata B. essere residenti (per le persone giuridiche: avere la sede legale) nel territorio provinciale C. aver ricevuto la comunicazione di avvio del procedimento 46. Un associazione di tutela dei consumatori può chiedere, nell esercizio del diritto di accesso, di prendere visione di tutte le determinazioni dirigenziali che comportino impegni di spesa adottate nell ultimo mese? A. no, perché non sono ammissibili istanze di accesso per un controllo generalizzato dell operato dell amministrazione B. sì, se è iscritta nel Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti C. sì, se l istanza è adeguatamente motivata 47. Il diritto di accesso esercitato da un consigliere comunale sui documenti relativi ad un procedimento amministrativo del Comune: A. non necessita di motivazione, ma si deve comunque esercitare nel rispetto delle cause di esclusione del diritto di accesso (ad esempio, per la tutela della riservatezza altrui) B. è subordinato alle stesse regole che riguardano il diritto di accesso degli interessati a quel procedimento amministrativo C. non può essere limitato se non per i documenti coperti dal segreto di Stato e per quelli individuati con apposito regolamento 7

8 48. Si può esercitare il diritto di accesso su un contratto stipulato dall amministrazione (ad esempio, per l acquisto di materiali di consumo)? A. sì B. no, perché non si tratta di un atto amministrativo, ma di un atto di diritto privato C. no, perché ne deriverebbe una lesione della riservatezza dell impresa 49. Quando una richiesta di accesso riguarda documenti che contengono dati personali, sensibili o giudiziari: A. l accesso è consentito solo nei limiti in cui sia strettamente indispensabile B. prevale il principio di trasparenza dell azione amministrativa (dunque, il diritto di accesso), ma chi esercita l accesso è tenuto al segreto sui dati personali così conosciuti C. prevale la tutela dei dati personali, sensibili o giudiziari, e l accesso può essere consentito solo se espressamente previsto e disciplinato dal regolamento 50. Quando una richiesta di accesso riguarda documenti che contengono dati relativi allo stato di salute o alla vita sessuale di altre persone: A. l accesso è ammesso se indispensabile per tutelare un diritto della personalità o altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile B. l accesso è senz altro escluso C. l accesso può essere consentito solo previa autorizzazione del Garante della privacy 51. Può essere consentito l accesso al curriculum vitae del vincitore di un concorso da parte di altri candidati al concorso medesimo? A. sì, ma oscurando i dati personali (es. indirizzo privato, numero di cellulare, notizie sulla famiglia, ecc.) B. l accesso è possibile solo se strettamente indispensabile, perché il curriculum vitae è considerato nel suo insieme un dato personale C. sì, perché il curriculum vitae, quando sia stato allegato alla domanda di partecipazione ad un concorso, diventa atto pubblico, liberamente accessibile da chiunque ne abbia interesse 52. Le graduatorie dei concorsi pubblici sono determinate, oltre che dai risultati delle prove concorsuali e dall eventuale valutazione di titoli di studio o professionali, da alcuni titoli di precedenza e/o di preferenza riferiti a condizioni personali o familiari. Quando si pubblica la graduatoria, devono essere esplicitati questi titoli? A. l accesso è ammesso se indispensabile per tutelare un diritto della personalità o altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile B. sì, per il principio di pubblicità dell azione amministrativa, particolarmente rilevante in materia di reclutamento del personale C. deve essere indicata la sussistenza di un titolo di precedenza o preferenza, rinviandone però la motivazione a documenti agli atti dell amministrazione, che non vengono pubblicati 53. Quale, tra questi uffici dell amministrazione provinciale (o comunale), ha il compito, per legge, di garantire l esercizio dei diritti di informazione e di accesso da parte dei cittadini? A. l URP B. l'ufficio del segretario comunale C. l'ufficio del segretariato sociale 54. A chi spetta, nell amministrazione comunale assumere la decisione di respingere o differire una istanza di accesso ai documenti amministrativi? A. al Sindaco, salvo delega ad altri soggetti qualificati (ad esempio, ai responsabili dei servizi) B. al Sindaco, che non può delegare ad altri (se non al Vice Sindaco) un compito così delicato ed importante C. ai responsabili dei servizi 8

9 55. Entro quanti giorni l amministrazione deve decidere sull istanza di accesso? A. entro 30 giorni (livello essenziale delle prestazioni) B. entro il termine stabilito dal regolamento C. di norma entro 90 giorni, ed entro 180 giorni nei casi di particolare complessità 56. Se una istanza di accesso non ottiene risposta entro il termine di 30 giorni: A. si intende respinta B. si intende accolta C. si intende sospesa, in attesa della decisione definitiva da parte del Presidente (o del Sindaco) entro i successivi 30 giorni 57. Quando sia stata respinta una istanza di accesso a un documento amministrativo del Comune, l interessato che ritenga tale decisione immotivata e illegittima può rivolgersi: A. al giudice amministrativo o al difensore civico provinciale B. al giudice ordinario (il diritto di accesso è, appunto, un diritto!) C. solo al giudice amministrativo, in sede di giurisdizione esclusiva 58. Se il difensore civico dichiara illegittimo il rifiuto opposto a una istanza di accesso: A. l amministrazione entro 30 gg. può confermare la propria decisione con un provvedimento motivato; se non provvede, l istanza si intende accolta B. l amministrazione entro 30 gg. può confermare la propria decisione con un provvedimento motivato; se non provvede, l istanza si intende definitivamente respinta C. il difensore civico ne riferisce al Consiglio provinciale e al presidente del TAR competente per territorio, che può ordinare l esibizione del documento amministrativo 59. Quale, tra queste informazioni che riguardano la retribuzione di un dipendente pubblico, è considerata un dato sensibile, protetto dalla legislazione in materia di tutela della privacy? A. la trattenuta sindacale B. l esito del procedimento di valutazione C. la retribuzione individuale di anzianità 60. Quale, tra questi compiti, rientra tra i doveri dei responsabili del trattamento dei dati personali? A. la cancellazione delle informazioni riguardanti dati personali o sensibili non più necessarie per le finalità per cui erano state raccolte B. la custodia personale delle chiavi di accesso alle banche dati informatizzate C. la verifica della veridicità delle informazioni riguardante dati personali o sensibili, per adottare i provvedimenti conseguenti in caso di dichiarazioni mendaci 61. Quali provvedimenti dell amministrazione comunale assumono la denominazione di deliberazioni? A. i provvedimenti degli organi collegiali di governo: Consiglio e Giunta B. i provvedimenti degli organi di governo: Sindaco, Consiglio e Giunta C. i provvedimenti del Consiglio e le decisioni adottate dalla Giunta come atto di iniziativa dei provvedimenti consiliari 62. Tra i seguenti atti in uso nell amministrazione locale, solo uno ha la natura di provvedimento amministrativo: quale? A. l ordinanza del Sindaco di nomina del Vice Sindaco B. la risoluzione approvata dal Consiglio comunale C. la circolare diramata dal Segretario comunale 9

10 63. Il Presidente della Provincia può adottare ordinanze come ufficiale del Governo, per prevenire o eliminare gravi pericoli che minacciano l incolumità pubblica o la sicurezza in tutto il territorio provinciale? A. no, il Presidente della Provincia, a differenza del Sindaco, non riveste la funzione di ufficiale del Governo (cioè rappresentante dello Stato nel territorio) B. sì, d intesa con il Prefetto, che rappresenta lo Stato nel territorio provinciale C. sì, se i gravi pericoli sono di dimensione sovra comunale 64. Il dirigente, quando assume una decisione circa l organizzazione del suo ufficio, adotta: A. una disposizione datoriale, di diritto privato B. una determinazione dirigenziale C. un provvedimento delegato 65. Di norma, le deliberazioni diventano esecutive: A. dopo dieci giorni dalla pubblicazione all albo pretorio B. dopo il quindici giorni dalla pubblicazione all albo pretorio C. con la promulgazione da parte del Sindaco, e l affissione all albo pretorio 66. Una deliberazione può essere immediatamente eseguibile : A. se sia così dichiarata dallo stesso organo che l ha adottata, con una votazione separata a maggioranza assoluta dei componenti B. se il Sindaco ne richiede l esecuzione, in casi straordinari di necessità e di urgenza C. se sia così dichiarata dallo stesso organo che l ha adottata, nei casi tassativamente previsti dalla legge 67. Quale, tra questi elementi, è essenziale sia in una deliberazione (del Consiglio o della Giunta) che in una ordinanza del Sindaco? A. la motivazione B. il parere di regolarità contabile C. il visto di legittimità del Segretario comunale 68. Quale, tra le seguenti deliberazioni, necessita del parere obbligatorio del collegio dei revisori: A. la deliberazione della Giunta di autorizzazione alla sottoscrizione di un contratto collettivo decentrato integrativo B. la deliberazione della Giunta di approvazione del PEG (piano esecutivo di gestione) C. la deliberazione del Consiglio per l emissione di prestiti obbligazionari 69. Quale, tra questi soggetti, può esercitare l iniziativa delle deliberazioni del Consiglio comunale? A. i cittadini, nelle forme stabilite dallo Statuto B. la rappresentanza sindacale unitaria dei dipendenti del Comune C. il Difensore civico 70. Quale, tra le seguenti proposte di deliberazione consiliare, può essere sottoposta al voto del Consiglio anche in assenza del parere di regolarità tecnica del dirigente del servizio interessato? A. nessuna (il parere è sempre indispensabile) B. le proposte di deliberazioni di iniziativa popolare C. le proposte di deliberazione di iniziativa di consiglieri, o gruppi consiliari, dell opposizione 71. Perché, nelle determinazioni dirigenziali che hanno rilevanza contabile, non si può parlare di parere di regolarità contabile (come nelle deliberazioni), ma di visto di regolarità contabile? 10

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

Capo I PRINCIPI. Capo I PRINCIPI. Art. 1. Art. 1 (Princìpi generali dell attività amministrativa)

Capo I PRINCIPI. Capo I PRINCIPI. Art. 1. Art. 1 (Princìpi generali dell attività amministrativa) Legge 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi. come modificata ed integrata dalla Legge 11 febbraio 2005 n. 15 (G.U.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli

C O M U N E DI S O L E S I N O UFFICIO DI SEGRETERIA

C O M U N E DI S O L E S I N O UFFICIO DI SEGRETERIA C O M U N E DI S O L E S I N O UFFICIO DI SEGRETERIA c.a.p. 35047 Tel. (0429) 771611 Codice fiscale: 82005010283 Fax (0429) 709564 e-mail: info@comunesolesino.it Indirizzo: Via 28 Aprile, 3 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n. 27 del 27/11/2010 COMUNE DI QUARGNENTO (Alessandria) REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato

Dettagli

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 C O M U N E DI A L I M E N A Provincia di Palermo * -------------------------------- -------------------------------- P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Adottato dalla Giunta

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. Statuto

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. Statuto CITTA METROPOLITANA DI GENOVA Statuto Approvato con la Deliberazione della Conferenza metropolitana di Genova n. 1 del 19 dicembre 2014 1 Sommario TITOLO I - Principi generali Articolo 1 La Città metropolitana

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA Il testo del presente Statuto è aggiornato a seguito della deliberazione del Consiglio camerale n. 7/07 del 26.3.2007 Lo Statuto

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI SU PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CONFLITTO DI INTERESSI Aggiornamento gennaio 2015

ELEMENTI DI SINTESI SU PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CONFLITTO DI INTERESSI Aggiornamento gennaio 2015 NORMA QUESITO OBBLIGO L. 190/2012 Qual è il ruolo dei dirigenti nell applicazione della normativa per la prevenzione della corruzione? I Dirigenti responsabili delle strutture aziendali concorrono con

Dettagli

SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI,

SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, PER L'ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 4 ISTRUTTORI DIRETTIVI AMMINISTRATIVI DA IMPIEGARE PRESSO IL SERVIZIO POLITICHE DEL LAVORO La risposta corretta è quella evidenziata

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace STATUTO AIAS (approvato nell Assemblea Straordinaria dell 11/12/12 presso Aula Morandi FAST Milano) Art. 1 Costituzione e denominazione 1. L Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza, denominata

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dei Consigli territoriali

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA E PER L'UTILIZZO DI GRADUATORIE DI CONCORSI PUBBLICI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA E PER L'UTILIZZO DI GRADUATORIE DI CONCORSI PUBBLICI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 34 DEL 20 febbraio 2014 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA E PER L'UTILIZZO DI GRADUATORIE DI CONCORSI PUBBLICI 1 Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Verona ai

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 136 del 22.11.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T.

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni

Dettagli

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Massa Carrara ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPAL BOZZA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPAL BOZZA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPAL BOZZA Approvato con Decreto del Direttore Generale n. del In vigore dal 1 Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO - LAMEZIA TERME - REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con atto del Comitato Direttivo

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008)

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMM.NE N. 19/08 DEL 07/05/2008 STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) dell Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario del Piemonte TITOLO I NATURA E

Dettagli

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO Articolo 43) - Modalità di assunzione all impiego Costituzione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato 1. Le procedure

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: COSTITUZIONE Ai sensi degli artt. 14 ss. del Codice Civile e della Legge 11 agosto 1991, n.266, è costituita, con sede legale a Trento, l Associazione

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA

PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n.233/45230 del 17.06.2010 con contestuale

Dettagli

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità e principi 1. II presente regolamento disciplina il diritto di accesso a documenti formati o stabilmente

Dettagli

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL Roma, 7 Novembre 2001 tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente per le imprese e per i

Dettagli

ROMA CAPITALE REGOLAMENTO PER LA MOBILITA VOLONTARIA PER IL PERSONALE DI QUALIFICA NON DIRIGENZIALE CAPO I PRINCIPI GENERALI ED AMBITO DI APPLICAZIONE

ROMA CAPITALE REGOLAMENTO PER LA MOBILITA VOLONTARIA PER IL PERSONALE DI QUALIFICA NON DIRIGENZIALE CAPO I PRINCIPI GENERALI ED AMBITO DI APPLICAZIONE 5 ALLEGATO 1 ROMA CAPITALE REGOLAMENTO PER LA MOBILITA VOLONTARIA PER IL PERSONALE DI QUALIFICA NON DIRIGENZIALE CAPO I PRINCIPI GENERALI ED AMBITO DI APPLICAZIONE ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il presente

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEL PERSONALE ARAN

CODICE DI COMPORTAMENTO DEL PERSONALE ARAN CODICE DI COMPORTAMENTO DEL PERSONALE ARAN Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera n. 12 del 26 febbraio 2014 ai sensi dell art. 54, comma 5 del d. lgs. n. 165/2001 INDICE Art. 1 Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 20/03/2013 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI SULL ESERCIZIO

Dettagli

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

COMUNE DI FABRO (Prov. di Terni)

COMUNE DI FABRO (Prov. di Terni) COMUNE DI FABRO (Prov. di Terni) Approvato con deliberazione di C.C. n. 29 del 05.07.2010 1 Art. 1: Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina lo svolgimento dei procedimenti amministrativi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E PER LA TUTELA DEI DATI SENSIBILI approvato con deliberazione C.P. n. 88 del 26.10.2001

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO N. 42 del 15/05/2013 Copia Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO. POTERI SOSTITUTIVI. L'anno duemilatredici il giorno

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 10.02.1999 INDICE

Dettagli

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione Testo integrato * * * * * STATUTO CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1 Denominazione 1.1 La CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI è Ente di diritto privato

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 4-5 luglio 2008 (modificato dal Consiglio nazionale del 19-20 giugno 2009) Regolamento

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI E CONFERIMENTO INCARICHI

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI E CONFERIMENTO INCARICHI REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI E CONFERIMENTO INCARICHI SOMMARIO Art. 1 Principi generali. Art 2 Requisiti generali. Art 3 Inammissibilità. Art 4 Norme generali di accesso. Art 5 Selezione Pubblica. Art

Dettagli

Testo aggiornato al 7 marzo 2006. Legge 7 agosto 1990, n. 241 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 1990, n. 192

Testo aggiornato al 7 marzo 2006. Legge 7 agosto 1990, n. 241 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 1990, n. 192 Testo aggiornato al 7 marzo 2006 Legge 7 agosto 1990, n. 241 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 1990, n. 192 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento Generale della Facoltà di Scienze Politiche art. 1 (Facoltà di Scienze Politiche). Alla Facoltà di Scienze Politiche di Messina afferiscono i corsi di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTAZIONE DEI CITTADINI ED I REFERENDUM

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTAZIONE DEI CITTADINI ED I REFERENDUM REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTAZIONE DEI CITTADINI ED I REFERENDUM Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 95 del 24.03.1994 Modificato con deliberazione di Consiglio comunale n. 9 del

Dettagli

STATUTO. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO

STATUTO. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO STATUTO Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO Art. 1 (Denominazione) E costituita una società per azioni denominata Veneto Sviluppo S.p.A.. Art. 2 (Sede) 1. La società ha sede legale in Venezia.

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA Approvato con Delibera del Direttore Generale n. 5 del 31/01/2014 In vigore dal 31/01/2014 Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente codice si

Dettagli

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 93 del 17.10.2012 PARTE PRIMA - Passaggio diretto di personale Art. 1

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 LANUSEI

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 LANUSEI SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 LANUSEI =========== AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER LA FORMULAZIONE DI UNAGRADUATORIA PER L ASSUNZIONE

Dettagli

PARTE II NORMATIVA RIGUARDANTE L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

PARTE II NORMATIVA RIGUARDANTE L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PARTE II NORMATIVA RIGUARDANTE L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI LEGGE 7 AGOSTO 1990, N. 241* NUOVE NORME IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DI DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Comune di Riccione Provincia di Rimini

Comune di Riccione Provincia di Rimini Comune di Riccione Provincia di Rimini B REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO E DI INFORMAZIONE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2.4.1993 con delibera n. 71; Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI OPERATORE DI AMMINISTRAZIONE AREA B / B1

CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI OPERATORE DI AMMINISTRAZIONE AREA B / B1 ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA Via P. Telesforo, 56-71100 Foggia - Telefono 0881.611472 - Fax 0881.614610 Email: info@ordinefarmacistifoggia.it ; Pec: ordinefarmacistifg@pec.fofi.it sito

Dettagli

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Consigli territoriali dell Ordine degli ingegneri ai sensi

Dettagli

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte

Dettagli

FONDAZIONE ENPAM. Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

FONDAZIONE ENPAM. Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi FONDAZIONE ENPAM Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi Capo I Art. 1 - Finalità Art. 2 - Principi ed ambito di applicazione Art. 3

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DI UNA TERNA DI CANDIDATI PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE DI CIVITAVECCHIA

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DI UNA TERNA DI CANDIDATI PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE DI CIVITAVECCHIA AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DI UNA TERNA DI CANDIDATI PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE DI CIVITAVECCHIA RIAPERTURA DEI TERMINI LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE VISTI -

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 23 dell 11.04.2013

Dettagli

C I T T À D I P O T E N Z A

C I T T À D I P O T E N Z A C I T T À D I P O T E N Z A Disciplina dell attività amministrativa, del procedimento e dell accesso agli atti, ai documenti ed alle informazioni del Comune (articoli 46, 47,48, 49, 50 dello Statuto del

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 13 settembre 2012 Regolamento delle Strutture provinciali Approvato dal Consiglio nazionale

Dettagli

UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COM UNI DEL CAM POSAMPI ERESE

UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COM UNI DEL CAM POSAMPI ERESE UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE STATUTO Delibera Giunta Unione n. del 21 settembre 2010 1 Titolo I Principi Fondamentali Art. 1 Oggetto Il presente Statuto disciplina, ai sensi

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI ART. 1 Disposizioni generali sul referendum 1. Il presente Regolamento, ai sensi dell art. 8 dello Statuto

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI TITOLO I STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1- Costituzione, Sede e Durata E costituito il Gruppo Aziendale Agenti

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

ART. 01 OGGETTO DEL PIANO

ART. 01 OGGETTO DEL PIANO COMUNE DI RIVA DI SOLTO PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015/2017 ART. 01 OGGETTO DEL PIANO 1. Il Piano Triennale della Prevenzione della Corruzione del Comune di Riva di Solto, definisce

Dettagli

STATUTO. FEDERALBERGHI GARDA VENETO 37016 Garda (VR) - Via San Bernardo 137 APPROVATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA 1 MARZO 1975

STATUTO. FEDERALBERGHI GARDA VENETO 37016 Garda (VR) - Via San Bernardo 137 APPROVATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA 1 MARZO 1975 STATUTO FEDERALBERGHI GARDA VENETO 37016 Garda (VR) - Via San Bernardo 137 APPROVATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA 1 MARZO 1975 18 OTTOBRE 1993 21 APRILE 1997 6 LUGLIO 1999 14 OTTOBRE 2009 2 DICEMBRE 2009

Dettagli

PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Approvato con delibera del C. P. n. 65 del 18 giugno 2007) INDICE 1. Fonti e finalità 2. Definizione di documento

Dettagli

Diritto Amministrativo E Vita Quotidiana d Impresa. Dal Nuovo Procedimento al Diritto di Accesso agli atti Nuova L. 241/90; L. 15/2005; L.

Diritto Amministrativo E Vita Quotidiana d Impresa. Dal Nuovo Procedimento al Diritto di Accesso agli atti Nuova L. 241/90; L. 15/2005; L. Diritto Amministrativo E Vita Quotidiana d Impresa Dal Nuovo Procedimento al Diritto di Accesso agli atti Nuova L. 241/90; L. 15/2005; L. 80/2005 quaderno di lavoro di CONFCOMMERCIO UNIONE VENEZIA 2006

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE Triennio 2014/2016 1 Art. 1 Finalità Il presente piano, nell ambito delle analoghe regolamentazioni poste in essere dal socio unico- Comune di Cerveteri,

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO Approvato con deliberazione G.C. n. 174 del 14/10/2010 Art. 1 Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: FINALITA E ATTIVITA Relativamente alla sua attività di ente gestore del Centro Servizi Volontariato della provincia di Trento, ex art. 15 legge 266/91

Dettagli

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART 1: Costituzione E costituita l Organizzazione di

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Capo I Definizioni e principi generali Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita un Associazione denominata Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia con sede in Milano. Essa può costituire uffici esterni con le modalità che verranno

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA DI POSTI DI: N. 1 POSTO DI DIRIGENTE ODONTOIATRA disciplina di ODONTOIATRIA

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA DI POSTI DI: N. 1 POSTO DI DIRIGENTE ODONTOIATRA disciplina di ODONTOIATRIA BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA DI POSTI DI: Ruolo: SANITARIO Profilo Professionale: ODONTOIATRI Posizione e Disciplina: N. 1 POSTO DI DIRIGENTE ODONTOIATRA disciplina di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati Ai Signori Consiglieri Nazionali Al Signor Presidente EPPI Alle Organizzazioni di Categoria LORO

Dettagli

Il Consorzio opera senza fini di lucro e svolge attività strumentale ai soci pubblici, ai sensi della normativa vigente

Il Consorzio opera senza fini di lucro e svolge attività strumentale ai soci pubblici, ai sensi della normativa vigente STATUTO DELL AGENZIA DI ACCOGLIENZA E PROMOZIONE TURISTICA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO Art. 1 - DENOMINAZIONE E costituito ai sensi dell art. 2602 Codice Civile il Consorzio con attività esterna

Dettagli

Statuto di Associazione di Promozione Sociale Design5punto0

Statuto di Associazione di Promozione Sociale Design5punto0 Statuto di Associazione di Promozione Sociale Design5punto0 Art.1 Costituzione a. A norma dell art.18 della Costituzione Italiana e degli artt.36-37-38 del Codice Civile e della legge 383\2000 è costituita

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI, AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Approvato con Delibera di C.C. n 72 del 01.07.

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI, AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Approvato con Delibera di C.C. n 72 del 01.07. MILANO REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI, AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con Delibera di C.C. n 72 del 007.2002 Pagina 1 Articolo 1 Fonti e finalità Il presente regolamento

Dettagli

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE 1 INDICE PREMESSA 3 1. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE 3 2. RISORSE UMANE E AMBIENTE DI LAVORO 4 3. INFORMATIVA

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli